1- Letteratura. 1 Calderone Cesira Il teatro di Pirandello- 2^ Parte 12

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1- Letteratura. 1 Calderone Cesira Il teatro di Pirandello- 2^ Parte 12"

Transcript

1 1

2 2

3 1- Letteratura 1 Calderone Cesira Il teatro di Pirandello- 2^ Parte 12 2 Di Bella Alessandro Gli Uzeda, "malarazza" 8 3 Gattaino Mimma Incontro con Dante Purgatorio 16 4 Muscianisi Chiara Tragedie greche a Siracusa 4 5 Muscianisi Chiara Il romanzo greco e latino 4 6 Russo Filippo In viaggio coi libri 4 7 Castello di carta Incontri letterari 8 8 Trapani - Russo Di Bella Cannistrà Gattaino - Calderone Romanzi italiani del x 6 9 Rena Giordano Gruppi di lettura 16 3

4 2- Lingue 10 Moutawakkil Mohamed Arabo Andaloro Silvana Francese Lumia Beatrice Francese Mastroeni Pina Inglese avanzato Sciotto Cettina Inglese avanzato Maio Francesca Tiziana Inglese di base Cassia Gomes Milani Portoghese Vertolet.ska Lyudmila Russo I basic Vertolet.ska Lyudmila Russo avanzato Salvucci Ivana Spagnolo base Salvucci Ivana Spagnolo avanzato Farina Nunzio Spagnolo di base Seestaller Hilde Tedesco Seestaller Hilde Tedesco 24 4

5 3- Arte Musica Spettacolo 24 Anastasi Maria Concetta Alfabetizzazione musicale Antonuccio Carmelo A. Lineamenti di architettura sacra dal Rinascimento ad oggi Cordova Luigi Corso di Musica classica e lirica 12 x 2 ogni 15 gg 27 Maneri Guglielmo Jazz Pantano Giovanni Tendenze dell arte contemporanea: gli artisti e le opere 29 Scolaro Francesco Caravaggio, Bernini e Borromini De Luca Giovanni Totò: Signori si nasce Antonio Amato Lineamenti di arte buddhista 4x2 10 5

6 4- Diritto Economia Società 32 Salvo Del Bono Il cittadino e la Finanza 8 33 Panella Carmela La difesa dei diritti umani nel mondo attuale 5 34 Daniela Rossi La riforma della filiazione e divorzio 4 6

7 5- Scienze umane e Storia 35 Cannistrà, Russo, Romeo 36 Cannistrà, Russo, Romeo L Italia nella Grande Guerra (storia letteratura cinema) 70 anniversario della Liberazione cinema) 37 Lombardo Psicologia della terza età Salvucci Ivana America latina Turina Catanese La personalità e le relazioni interpersonali 40 Giorgianni Graziella Tradizioni popolari siciliane 8 41 Pasquariello Emanuele Storia della Sicilia

8 6- Medicina 42 Anania Pasquale Elementi di medicina generale 4 43 Carretti Corrado Malattie del fegato e del pancreas 4 44 D Andrea Graziella Lezione di endocrinologia 4 45 Falliti Giuseppe Medicina di laboratorio 4 46 Fogliani Vincenzo Asma Polmoniti Tubercolosi Tumore del polmone 4 47 Italiano Claudio Il dolore toracico e entereologico 4 48 La Rosa Salvatore Cardiologia 4 49 Micari Daniele 50 Nastasi Gioacchino Presbiopia, occhio rosso, distacco della retina, cataratta Gestione chirurgica del paziente anziano Saporita Salvatore Le malattie dimenticate 4 52 Utano Giovanni Neurologia 4 53 Amato Salvatore Bioetica 4 8

9 7- Scienze 54 Cacciola Biagio Vino ed olio 8 x 2 55 Cucinotta Antonino Elementi di fisica classica e la struttura della materia 8 56 Faranda Paolo Astronomia 8 x 2 57 Italiano Salvatore Storia dell informatica 8 58 Macrì Edoardo I funghi dei nostri boschi 4 + escur. 59 Monticelli Luis Microbiologia - Un viaggio nel mondo dei microrganismi Ruggeri Giuseppe Aula della Natura: l'orto nella scuola 8 61 Ruggeri Giuseppe Cultura ecologica 8 9

10 8- Conoscenza del territorio 62 Cannistrà Bartolo Le strade di Milazzo 8 63 Celebre Luigi Ottanta memoria 8 64 Terranova Cono Etna 4 65 Studiosi locali I centri peloritani Cannistrà Terranova -Mistretta Le 7 chiese di Milazzo 12 10

11 9- Attività e benessere 67 Anastasi Maria Concetta Musicoterapia 8 68 Calamera Salvatore - Doronzo Savino Ballo di coppia Calamera Salvatore - Doronzo Savino Ballo di gruppo Di Bella Patrizia Yoga 8 71 Geraci Giuseppe Kinesiologia Geraci Giuseppe Back School 8 73 Luciana Di Geronimo Rita Mammone Giovanni Utano Ansia, attacchi di panico e depressione 24 x 2 74 Rosario Pizzurro Ginnastica Grillo Nancy Educazione alimentare 4 76 Minciullo Fabrizia Corretta e sana alimentazione 4 77 Trio Daniele Nutrizione a tavola 4 78 Maccora Giuseppa Pedagogia della salute 5 79 Tamara Kotliarewsky La bellezza è una conquista 24 11

12 10- Laboratori 80 Russo Nuccio Informatica : Access Trischitta Lilla Informatica base 24 x 2 x 2 volte sett. 82 Alioto Rosario Informatica corso avanzato 24 x 2 83 Alesci Francesco Laboratorio di Pittura 24 x2 base e avanzato 84 Venzo Paola Pasticciando con i colori 2 x Amato Salvatore Laboratorio teatrale 24 x 2 86 Del Bono Giuseppe Canto corale La Cara Francesco Fotografia + Photoshop 8 base 16 avanzato 88 Ragno Giovanni L arte dell intreccio 2 x Parisi Patrizia Decoupage 8 x 2 90 Parisi Patrizia Decoupage avanzato 8 x 2 91 Giorgianni Graziella Cucina mediterranea 8 92 Miroddi Rosa Chiacchierino Miroddi Rosa Pittura su stoffa Miroddi Rosa Ricamo Accetta Mariagrazia corso di maglia Accetta Mariagrazia corso di uncinetto Fobert - Michelini Scacchi Arrigo Grazia Patchwork e cucito creativo Bartuccio Antonino Restauro mobili antichi 2 x Ingegnere Maria Ausilia Le confezioni Pacchi, pacchetti e pacchettini 101 Picciolo Francesco Corso di chitarra

13 LETTERATURA 13

14 IL TEATRO DI PIRANDELLO Docente: Prof.ssa Cesira Calderone Trifiro PROGRAMMA: Sei personaggi in cerca d autore La tragedia del personaggio Enrico IV La teatralità di Enrico IV Follia come metafora in Enrico IV Il teatro dei miti - La nuova colonia Lazzaro I giganti della montagna La villa della Scalogna come simbolo e rappresentazione dell inconscio nei Giganti della montagna 14

15 FEDERICO DE ROBERTO Gli Uzeda, malarazza Docente: Prof. Alessandro Di Bella La personalità di Federico De Roberto meriterebbe attenzione per molti motivi: 1) ha interpretato in modo personale il Verismo, accogliendo alcune suggestioni della letteratura europea; 2) con il suo capolavoro, I Vicerè, è stato un fondamentale punto di riferimento per Luigi Pirandello e per Giuseppe Tomasi di Lampedusa; 3) è un autore legato a Milazzo, dove sicuramente ha trascorso lunghi soggiorni e dove ha ambientato il suo romanzo l Illusione. Nel percorso su De Roberto saranno analizzati i tre romanzi le cui vicende ruotano intorno alla famiglia degli Uzeda, dal Risorgimento al periodo postunitario: L illusione, I Vicerè e L imperio. LEZIONE 1: La personalità di Federico De Roberto. LEZIONE 2: L illusione, ambienti e luoghi di Milazzo. LEZIONE 3: L illusione e l aristocrazia milazzese. LEZIONE 4: L illusione e Teresa Uzeda, tra bovarismo e inganno romantico. LEZIONE 5: I Vicerè, un romanzo familiare. LEZIONE 6: I Vicerè e il Risorgimento tradito. LEZIONE 7: I Vicerè e la carriera politica di Consalvo, Principe di Francalanza. LEZIONE 8: L imperio, Consalvo e la palude della politica romana. 15

16 In compagnia di Dante: Purgatorio Docente: Prof.ssa Mimma Gattaino 1. Canto Primo Catone - Libertà va cercando 2. Canto II - L Angelo Nocchiero. Casella 3. Canto III - Manfredi Biondo bello e di gentile aspetto 4. Canto V Pia de Tolomei 5. Canto VI -Sordello. Ahi, serva Italia nave senza nocchiero in gran tempesta 6. Canto VIII - La valletta fiorita. I politici che non compiono il loro dovere. 7. Canto XI - I Superbi. Oderisi da Gubbio. Non è il mondanromore altro ch un fiato Il Pater Noster. 8. Canto XIII - Gli Invidiosi. Sapia, la donna che parteggiò per i nemici della sua città. 9. Canto XVI - Gli Iracondi. Marco Lombardo. La teoria del libero arbitrio. 10. Canto XVII - L ordinamento morale del Purgatorio: dimmi come ami e ti dirò 11. Canto XIX - Avari e prodighi, Adriano V. 12. Canto XXIII - I Golosi. Forese Donati e le sfacciate donne fiorentine che van mostrando con le poppe il petto. 13. Canto XXVI - I Lussuriosi. Guido Guinizzelli. 14. Canto XXVII - Lia. 15. Canto XXVIII - IlLetè e Matelda. La natura intatta. 16. Canti XXX e XXXI - Apparizione di Beatrice e scomparsa di Virgilio. Confessione di Dante. 16

17 Corso di cultura classica Alle origini del romanzo: dal romanzo greco e latino al moderno romanzo europeo Docente : Prof.ssa Chiara Muscianisi PRIMO CICLO: quattro o cinque incontri I) Le origini del romanzo di fantascienza: "La storia vera" di Luciano II) I romanzi greci d'amore e d'avventura III) Il Satyricon di Petronio IV) Dal Satyricon di Petronio al Satyricon di Fellini V) Il romanzo mistico-simbolico: Le Metamorfosi di Apuleio SECONDO CICLO : quattro o cinque incontri Gli spettacoli al Teatro di Siracusa Docente : Prof.ssa Chiara Muscianisi Saranno dedicati alle tragedie e alla commedia che verranno rappresentati nel 2015 nel teatro greco di Siracusa. Il programma sarà indicato in modo dettagliato quando verranno comunicati i titoli delle opere prescelte. 17

18 IN VIAGGIO CON I LIBRI Romanzi africani e asiatici Docente : Prof. Filippo Russo Le linee invisibili ma tenaci dei confini. Otto appuntamenti con autori stranieri: storie di uomini e popoli del nostro tempo, storie di diversità e di sentimenti comuni. 1. Scolastique Mukasonga, Nostra Signora del Nilo, Ed. 66THAND2ND, euro 16,00 (Ruanda) 2. Minh Tran Huy, La principessa e il pescatore, 66THAND2ND, euro 15,00 (Vietnam) 3. Binyavanga Wainaina, Un giorno scriverò di questo posto, 66THAND2ND, euro 18,00 (Kenya) 4. Madeleine Thien, L eco delle città vuote, 66THAND2ND, euro16,00 (Cambogia) 18

19 INCONTRI LETTERARI A cura dell Associazione Castello di Carta Castello di carta propone, per il I trimestre, n. 6 incontri di lettura dedicati alle percezioni sensoriali, interpretate nella letteratura e attraverso altri codici comunicativi (arti figurative, musica, etc.). Inoltre sono previsti n. 2 incontri per ricordare due anniversari: il 100º anno dell ingresso dell Italia nella I guerra mondiale e il 70º anno dalla Liberazione del nostro Paese dal fascismo e dal nazismo. La vista. L udito. Il tatto. L olfatto. Il gusto. Il sesto senso. La I guerra mondiale. La Resistenza e la Liberazione. 19

20 ROMANZI ITALIANI DEL NOVECENTO (24 incontri -4x6- da ottobre ad aprile) 20

21 Horcynus Orca di Stefano D Arrigo Docente: Prof. Gino Trapani Ottobre Novembre 1 LEZIONE La fabula e l intreccio. Il sistema dei personaggi Rapporto tra tempo narrativo e tempo di svolgimento dei fatti. Lo spazio e il tempo. Natura, mito e storia. Lo Stretto, le femminote, le sirene e le fere - I pellisquadra La pesca del pescespada 2 LEZIONE Ndrja e l amore Granvisire e Masignora - La felicità dei poveri La fame - fera. Il corpo e il cibo 3 LEZIONE Il caso letterario La ricezione Il laboratorio: la gestazione e l elaborazione Il mutamento di prospettiva (da delfino a fera) La lingua e lo stile - Plurilinguismo. Lo spiaggiatore nell interpretazione di Walter Pedullà. 4 LEZIONE L Orcaferone - La mutilazione del cetaceo e l allegoria del romanzo. Il finimondorioles- La metamorfosi che ha stravolto il mondo dello Scilla e Cariddi. Lettura della pagina conclusiva - Interpretazione di sapore cristologico. 21

22 La luna e i falò di Cesare Pavese Docente: Prof. FILIPPO RUSSO Novembre Struttura, temi e personaggi del romanzo Le Langhe, la geografia poetica di Cesare Pavese Le donne del romanzo, la donna per Pavese Il suicidio di Valino; il vizio assurdo di Pavese 22

23 IL DESERTO DEI TARTARI di DINO BUZZATI Docente: Prof. Alessandro Di Bella gennaio Dino Buzzati è una delle figure più poliedriche e più interessanti della letteratura italiana del 900. Ci si accosterà alla scoperta del romanzo Il deserto dei Tartari, al confine tra diversi generi letterari (realistico, fantastico, surreale), opera in cui fondamentale è il tema della ricerca di significato dell esistenza. ARGOMENTI DELLE LEZIONI 1. L universo narrativo di Buzzati 2. Giovanni Drogo e gli altri personaggi 3. La Fortezza Bastiani e la geografia surreale del romanzo 4. L attesa e la ricerca di senso della vita 23

24 CONVERSAZIONE IN SICILIA dielio VITTORINI Docente :Prof.ssa Cesira Calderone Trifirò Prima parte Astratti Furori Piccoli siciliani da terza classe La quiete nella non speranza Il Gran Lombardo Coi baffi senza baffi Seconda parte L incontro con la madre Signora Concezione Recupero dell infanzia Terza parte L arrotino Il male del mondo Il mondo offeso Quarta parte Il commiato L epilogo 24

25 Il Gattopardo digiuseppe Tomasi di Lampedusa Docente : Prof. BARTOLO CANNISTRA Marzo I quattro Gattopardi : un opera in progress L ispirazione: i personaggi e i luoghi del romanzo Il romanzo della memoria e della morte L equivoco del gattopardismo 25

26 Fontamara di Ignazio Silone Docente : Prof.ssa MIMMA GATTAINO Aprile Le menzogne dei politici Il clero e i l potere (Cristiano senza chiesa e socialista senza partito) La pietà per gli umili I sogni di giustizia dei giovani 26

27 Gruppi di Lettura Docente : Rena Giordano La docente organizzerà la lettura di un libro di autore contemporaneo e preparerà, assieme ai partecipanti, le domande da porre all autore in un successivo incontro. 27

28 LINGUE 28

29 CORSO DI LINGUA ARABA Livello base Docente : Dott. Mohamed Moutawakkil Alfabeto vocali brevi, vocali lunghi, shaddah, sukun, hamza. La scrittura: regole per la scrittura, scrivere le lettere La lettura: vocalizziamo, harakat I numeri Grammatica: L'articolo, pronomi, il possesso Esercitazioni 29

30 30

31 2 CORSO DI FRANCESE AVANZATO Docente: Prof.ssa Beatrice Lumia Descrizione degli argomenti trattati Raconter un événement: UneJournée Un voyage Écrire une letter/ un billetpour: Inviter Remercier S excuser Demander Informer 31

32 Corso di Inglese Docenti : Prof.ssa Pina Mastroieni e Prof.ssa Cettina Sciotto Listen and talk Comprensione e uso di espressioni di base, tali da soddisfare bisogni di tipo concreto, relativi alla vita di ogni giorno, gli amici, l ambiente immediatamente circostante Capacità di descrivere luoghi, con particolare riferimento alla propria abitazione e città di residenza Capacità di parlare delle attività che si stanno svolgendo, di cibo e bevande, del tempo atmosferico, di eventi trascorsi Capacità di chiedere/ rispondere a domande sul costo degli oggetti, sugli articoli nei negozi, sui servizi in centro città Capacità di interagire in modo semplice, a condizione che l interlocutore parli lentamente e chiaramente e sia disponibile ad aiutare. AREE DI CONVERSAZIONE La routine quotidiana Preferenze, hobbies, passatempi Tempo atmosferico, stagioni ed effetti sull umore Abitudini alimentari: cibo e stile di vita Ciò che sta accadendo intorno a noi Eventi trascorsi Travel English Comprensione ed uso di espressioni base per poter interagire in modo funzionale trovandosi a viaggiare in un paese straniero che utilizzi l inglese come lingua passpartout Capacità di porre domande e dare informazioni necessarie per soddisfare bisogni di tipo concreto. Capacità di interagire in modo semplice, a condizione che l interlocutore parli lentamente e chiaramente e sia disponibile ad aiutare. SITUAZIONI At the airport On the plane Customs/immigration At the hotel At he restaurant Shopping Transportation 32

33 Corso di Inglese Docente : Prof.ssa Maio Francesca Tiziana PROGRAMMA DEL CORSO DI INGLESE BASE Obiettivi del Programma: Area funzionale Il corso si propone l obiettivo di fornire ai corsisti la possibilità di apprendere gli elementi basilari per la comunicazione in lingua inglese. Al termine del Numero Lezioni:20 Numero Ore di Lezione:20 corso, pertanto, i corsisti saranno in grado di comprendere, leggere, scrivere ed usare espressioni quotidiane e frasi semplici orientate al soddisfacimento di bisogni concreti e immediati. Area grammaticale: pronuncia, simplepresent, verb to be, modal can, verblike+nouns, verblike+.ing, presentcontinuous, verb to have e possesso, questionwordswhat, when, where, preposizioni di tempo e spazio, simplepast, aggettivi possessivi, qualificativi, dimostrativi. Area lessicale: forme di saluto, numeri, colori, famiglia, cibo, Natale e festività, abbigliamento, orologio e tempo atmosferico, paesi e nazionalità, hobbies, parti del corpo, la casa, descrivere caratteristiche fisiche e emozioni. Metodologia: Le lezioni, dopo un primo approccio conoscitivo, saranno di tipo frontale basate su attività di ascolto, lettura e comprensione di semplici testi, spiegazioni grammaticali e lessicali relative agli argomenti trattati, brevi conversazioni in lingua, role-play per consentire ai corsisti di sperimentare l uso della lingua inglese. *Il docente si riserva la facoltà di effettuare, in itinere, variazioni parziali al programma in base alle competenze ed esigenze dei corsisti. 33

34 Corso di lingua portoghese Docente : Cassia Gomes Milani L'alfabeto portoghese La pronuncia del portoghese : /Ç/ /C/ /O/DE/ /DI/ /TE/ /TI/GU/ /QU/ / La pronuncia del portoghese brasiliano: /NH/ /LH/ /CH/ XG - J - L - ÃO I segni e gli accenti della lingua portoghese Gli articoli determinativi e indeterminativi Esercizi - articoli determinativi - I Nomi -Flessioni dei nomi Pronomi personali Salutare (saluti formali)- (saluti informali) Salutare, rispondere e ringraziare-congedarsi - Presentarsi I Numeri Cardinali (1-10)I Numeri Ordinali (1-5 ) I nomi dei colori in portoghese Esercizio - articoli, numeri e colori Frasi utili portoghese 1 - Chiedere informazioni - Chiedere aiuto Verbi SER e ESTAR (essere e stare) - coniugazione presente e passato Verbi SER e ESTAR (essere e stare) - coniugazione passato e futuro Coniugazione dei verbi regolari portoghesi della 1a. 2a. e 3a. coniugazione Esercizi - Verbi regolari Vocabolario - I vani della casa- I mobili della casa- La casa- Alimenti - Le frutte- Le verdure Frasi utili portoghese Chiedere informazioni: Dov'è? Avvisi, cartelli, annunci, iscrizioni

35 Corso di Lingua Russa Docenti : Vertolet.ska Lyudmila I Azbuca Alfabeto e storia di lingua russa II Un mare di parole Sostantivo Aggettivo Verbo Pronomi personali Numerali Preposizioni III Palestra russa Esercizi di grammatica livello elementare IV Passeggiate piacevoli Un giorno a Mosca La notte bianca a Pietroburgo V Lettura in corso Aleksandr S. Puškin EugenioOnegin LevTolstoj Anna Karenina VI Pro e contro Parlare e argomentare in Russo 35

36 Conversazione e dialoghi in Spagnolo Docente : Lic.Ivana Salvucci I Corso 1.Obiettivo generale: capacitare agli allievi a comunicarsi in forma orale e scritta adoperando i contenuti minimi ed essenziali della lingua spagnola. 2. Programma: Presentazioni L aeroporto. Viaggio in aereo. I numeri I colori Abbigliamento. Il corpo umano. I giorni della settimana e mesi dell anno. Alcune parole molto adoperate. Frasi utili I Frasi utili in : treno, taxi, metro, autobus. Frasi utili : prodotti alimentari Approccio alla conoscenza di alcuni autori in lingua spagnola 3. Temporizzazione: 24 ore II Corso 1.Obiettivo generale: capacitare agli allievi a comunicarsi in forma orale e scritta adoperando i contenuti minimi ed essenziali della lingua spagnola. Il corso di Conversazione e dialoghi in Spagnolo si concentra nello sviluppo armonico,sistematico e gradualmente approfondito delle abilità intellettuali e pratiche che presentano gli allievi 2. Programma: Saluto e risposta al saluto. Iniziare una conversazione Presentarsi Presentare ad altra persona Verbo essere (presente dell indicativo, affermativo e negativo) Le nazionalità Aggettivi qualificativi Pronomi personali Memorizzazione di poesie e canti popolari Approccio alla conoscenza di libri famosi in lingua spagnola. 3. Temporizzazione: 24 ore 36

37 Corso di Spagnolo Docente Nunzio Farina PRESENTAZIONI Formule di saluto e di commiato. Verbi ser, estar, tener, llamarse, hablar, vivir Maschile/femminile; singulare/plurale Articoli Numeri da 1 a 10 Introduzione al presente regolare del modo indicativo Fonetica base. IL MIO MONDO DESCRIZIONE di persone (aggettivo comparativo) LE MIE ABITUDINI (presente irregolare del modo indicativo; ore, avverbio di frequenza, soler+infinito) La FAMIGLIA (aggettivi e pronomi possessivi) LA VITA QUOTIDIANA I LAVORI DI CASA (imperativo positivo/negativo, Complemento Diretto/Complementi Indiretti, espressioni idiomatiche) FARE LA SPESA/ ANDARE A FAR SPESE (espressioni per acquistare, ordinare e dare un parere, condizionale) VIAGGIANDO PRENOTARE il treno e l'albergo (espressioni legate al tema, futuro nel presente.) MUOVERSI per la città (espressioni relative al movimento) IL TEMPO (strutture relative). Passato perfetto (passato prossimo) USCIRE Bar /Ristorante (strutture relative) Darsi appuntamento con qualcuno (strutture relative) Fare i complimenti a qualcuno (presente congiuntivo) Chiedere permesso 37

38 CORSO DI TEDESCO Docente : Hilde Seestaller Obiettivi - comprensione e uso di espressioni di base - brevi dialoghi - informazioni personali - famiglia - indirizzo, città, nazione, lingua - oggetti e prezzi - orario - alimenti - ambiente domestico - informazioni stradali Grammatica - pronuncia - verbi - alfabeto - numeri - articoli determinativi e indeterminativi - sostantivi e articoli - negazione - i casi principali Supporti linguistici - ascolto e comprensione di CD - brevi letture - libro BERLINER PLATZ 38

39 Arte musica e spettacolo 39

40 ALFABETIZZAZIONE MUSICALE Docente: Prof.ssa Maria Concetta Anastasi La musica è un mezzo imprescindibile di aggregazione dell'essere umano. L'uomo da sempre ha cercato di fare musica, prima per imitazione poi ha iniziato a scrivere le notazioni in modo approssimativo. Con l'evolversi dei tempi, la scrittura è diventata più completa. L'obbiettivo è di far conoscere in modo semplice i segni grafici con cenni storici. Programma: origini della musica, nascita ed evoluzione della scrittura note, pentagramma, valori etc. dettato, solfeggio tempi semplici, alterazioni, tonalità maggiori e minori classificazione delle voci e degli strumenti analisi di un brano a più voci scale maggiori e minori accordi maggiori e minori abbellimenti (appoggiatura, acciaccatura, trillo, etc.) misure composte e solfeggio segni di prolungamento (punto, legatura, etc.) sincope e contrattempo duine, quartine, terzine e sestine abbreviazioni e segni di richiamo (ritornello, D.C. alla fine, etc.) segni di espressione o d'interpretazione (p., mf., f., ff., etc.) ascolto di brani classici (commento tema, espressività, trilli, ed altro) 40

41 Lineamenti di Architettura Sacra Docente: Dott. Arch. Carmelo Antonino Antonuccio L arte è saper trasfondere in un dipinto, in una scultura, in una architettura, in una musica, in una danza qualcosa di quel che nell anima non muore. Un opera d arte è resa così eterna da questo qualcosa, per cui, pur passando gli anni, le mode, i metodi, pur moltiplicandosi le scoperte, quell opera resta, perché ha un impronta immortale divina. (tratto da Chiara Lubich L attrattiva del tempo moderno, Roma, Città Nuova, 1978). Finalità Formative In questo corso ci si propone di offrire agli studenti la conoscenza dei momenti più significativi della storia dell architettura Sacra Italiana seguendo l itinerario dello scorso anno continuando dal seicento, fino al periodo contemporaneo (attraverso un analisi dei principi espressi in linea teorica, alla luce del Concilio Vaticano II), volti a diffondere una maggiore conoscenza da parte dei credenti dei linguaggi figurativi e dei simboli dell architettura religiosa cristiana. Contenuti Disciplinari Saranno oggetto di trattazione alcuni fondamenti del vasto programma di iniziative che la Conferenza Episcopale Italiana (CEI) ha promosso con la pubblicazione della nota pastorale del 1996 L adeguamento delle chiese secondo la riforma liturgica, che segue quella de I beni culturali della Chiesa in Italia (1992) e de La progettazione di nuove chiese (1993). Verranno analizzate alcune architetture ecclesiali in un percorso storico, che attraversa l arte italiana, attenzionando alcune Architetture Siciliane come le Chiese di Milazzo (Me) 41

42 Programma: 1. Il significato liturgico dell edificio chiesa 2. Il significato dei simboli cristiani 3. Il Sagrato 4. Il Duomo Antico di Milazzo (Me) 5. La Chiesa della Madonna del Rosario in Milazzo (Me) 6. La Basilica di S. Pietro in Vaticano 7. I Chiostri nella Provincia di Messina 8. La Chiesa di S. Francesco di Paola in Milazzo (Me) 9. La Chiesa rupestre di S.Antonio da Padova a Capo Milazzo(Me) 10. La Chiesa dell Immacolata in Milazzo (Me) 11. Il Duomo di Noto 12. La Chiesa dell immacolata in Milazzo (Me) 13. Il Duomo di Siracusa 14. La Basilica nuova di S. Francesco di Paola 15. La Casa della Sacra Famiglia nel Duomo di Loreto 16. La ristrutturazione borrominiana di San Giovanni in Laterano 17. La Chiesa della Madonna del Carmine in Milazzo (Me) 18. Il Duomo di S.Stefano protomartire in Milazzo (Me) 19. La Chiesa del Sacro Cuore in Milazzo (Me) 20. La Chiesa a Riola di Vergato di AlvarAalto 21. La Chiesa dell Autostrada del Sole di Giovanni Michelucci 22. La chiesa del Giubileo a Roma di Richard Meier 23. Renzo Piano: Padre Pio e il tempio di San Giovanni Rotondo 24. Chiesa di Maria TeoKòtos Articolazione didattica Il Corso si compone di lezioni teoriche, della durata di un ora, per un totale di ventiquattro incontri. Alla fine del corso potrà essere svolta una breve gita in una Cattedrale Siciliana. 42

43 Corso di musica classica e lirica Docente: Maestro Luigi Cordova (I corsi si terranno ogni quindici giorni, il mercoledì alle ultime due ore, alternando la musica classica alla lirica,a scelta del docente) P R O G R A M M A: M U S I C A C L A S S I C A Saranno svolte otto lezioni sulle forme principali compositive: 1) LA SINFONIA (Haydn, Mozart, Beethoven fino a Dvorak) 2) LA SONATA (Dalla forma bipartita alla forma tripartita) 3) IL CONCERTO (Barocco, classico, romantico, moderno ) 4) LA SUITE (Da Bach ai nostri giorni) 5) LA FANTASIA (Mozart, Chopin, Schumann, Martucci...) 6) TEMA E VARIAZIONI ( Dal '600 al '900 ) 7) IL NOTTURNO (Field, Chopin, Listz, Faurè...Calafato) 8) LA FUGA (da Bach ai nostri giorni) 43

44 M U S I C A L I R I C A (Saranno scelti melodrammi in programma nei teatri di Palermo e Catania e qualche opera a scelta del docente) 1)TOSCA (opera in tre atti di G.Puccini,libretto di G. Giacosa e L. Illica) 2) ORFEO ED EURIDICE (opera di Gluck su libretto di Calzabigi) 3) UN BALLO IN MASCHERA (opera di G. Verdi su libretto di A.Somma) 4) ROMEO E GIULIETTA (balletto su musiche di S.Prokofiev) 5) GISELLE (considerato il simbolo del balletto classico-romantico) 6) OPERA A SCELTA DEL DOCENTE 44

45 Jazz: GUIDA ALL ASCOLTO 45

46 TENDENZE DELL ARTE CONTEMPORANEA: GLI ARTISTI E LE OPERE Docente: Prof. Pantano Giovanni PROGRAMMA La rivoluzione del gesto e la poetica della materia La società di massa diventa arte Il realismo esistenziale e la figura umana La ricerca della semplicità e l estetica dell ordinario Nuovi segni e riscoperta della tradizione Il mondo come spazio dell opera d arte Il corpo e l azione diventano arte La realtà alla fine dell umanesimo Il disordine creativo del contemporaneo Paradigmi e contraddizioni dell arte contemporanea 46

47 STORIA DELL ARTE Docente: Prof. Francesco Scolaro PROGRAMMA CARAVAGGIO Conclusione programma BERNINI Gli Inizi Della Carriera Del Bernini, Con Le Prime Opere A Quattro Mani Con Il Padre (Pietro Bernini). L esordio Nel Mondo Artistico E Culturale Di Roma Con I Primi Capolavori: Enea, Anchise E Ascanio In Fuga Da Troia, Il Ratto Di Proserpina, Il David, Apollo E Dafne, Etc. Le Prime Committenze Per Papi E Cardinali: N 2 Busti Di Scipione Borghese, Busto Del Card. Richelieu, Busto Di Papa Innocenzo X Le Principali Opere In San Pietro: Il Baldacchino, Il Monumento Sepolcrale A Papa Alessandro VII, Il Colonnato Di Piazza S. Pietro. L esperienza Francese Alla Corte Di Luigi XIV E Il Monumento Equestre Al Re Sole BORROMINI La Vita E Le Opere di Borromini: Galleria Di Palazzo Spada, Chiesa di S. Ivo Della Sapienza, Chiesa Di S. Agnese A Piazza Navona I Contrasti Con Bernini. 47

48 Lineamenti di arte buddhista: la vita del Buddha nell arte del Gandhāra Docente : Antonio Amato Quattro incontri per scoprire la vita del Buddha raccontata attraverso i rilievi provenienti dal subcontinente indiano e conservati presso i musei più prestigiosi del mondo. Prima lezione Inquadramento storico - geografico Lineamenti di dottrina buddhista Il monumento principale dell architettura buddhista: lo stūpa Seconda lezione I Jātaka: le vite anteriori del Buddha La Nascita di Siddhartha La fuga da Kapilavastu Terza lezione L Illuminazione La Prima Predicazione Le conversioni Quarta lezione Il Parinirvana: la morte del Buddha Lineamenti di iconografia buddhista Confronti con il mondo greco-romano e con l area iranica 48

49 INCONTRO CON TOTO DOCENTE: Giovanni De Luca PROGRAMMA Il Principe De Curtis La maschera Totò Le spalle di Totò L arte della sopravvivenza Totò e le donne Amicizia e complicità Il concetto di morte La nobiltà La mosica, la politica, il Duce Totò e la televisione 49

50 Economia Diritto Società 50

51 IL CITTADINO E LA FINANZA Docente: Dott. Salvo Del Bono ARGOMENTI Quale ruolo delle Banche nella crisi attuale? Perché non danno credito alle imprese? Bankitalia: ripresa economica, a tratti difficile, causa crisi politica? Quali sono i problemi che affliggono società e giovani di oggi? Priorità in Europa: quali manovre per migliorare crescita ed occupazione? L uscita dalla Recessione è travagliata. L incertezza della precarietà dei redditi intaccherà maggiormente i consumi? Aumenta il Debito Pubblico: come ridurlo? Tasse sulla casa: come districarsi fra IMU, TASI, TARI etc. Senza l intervento del Governo i Comuni applicheranno aliquote massime? Crolla l inflazione: gli italiani costretti a tagliare sui consumi? Riforme strutturali per migliorare la crescita. Spending Review, Taglio del Cuneo Fiscale, Jobs Act, Ammortizzatori Sociali. 51

52 La difesa dei diritti umani nel mondo attuale Docente : Prof.ssa Carmela Panella 1) I diritti umani: valore indivisibile e universale 2) Nazioni unite e diritti umani 3) Unione europea e diritti umani 4) Il semestre europeo di presidenza italiana 5) La politica europea in materia di immigrazione 52

53 I DIRITTI DEL CITTADINO Docente: Avv. Daniela Rossi PROGRAMMA Cartelle Esattoriali: come difendersi Risarcimento diretto e assicurazione auto: cos è e come funziona La mediazione come condizione di procedibilità dell azione civile: guida pratica ad una giustizia alternativa Il consumatore e il credito al consumo: Aiazzone e casi simili 53

54 scienze umane e storia 54

55 Celebrazioni del Centenario L ITALIA NELLA GRANDE GUERRA Gli eventi e i problemi storici, le rappresentazioni letterarie e cinematografiche (12 incontri da marzo a maggio) Bartolo Cannistrà 1. L entrata in guerra dell Italia 2. La guerra in trincea e la società italiana 3. Dalle battaglie dell Isonzo a Caporetto 4. Dal Piave alla pace Filippo Russo 1. Scipio Slataper, Il mio Carso 2. Emilio Lussu, Un anno sull altipiano 3. Mario Rigoni Stern, Storia di Tonle - L anno della vittoria 4. Giuseppe Ungaretti, L allegria Miriam Romeo 1- "Le scarpe al sole" e "Cavalleria" 2- "La grande guerra" 3- "Uomini contro" e "La sciantosa" Sabato 23 maggio Parole e note Pagine letterarie e canti italiani della prima guerra mondiale (Castelli di carta, Gruppo Laboratorio teatrale, Corale Note d argento) 55

56 Bartolo Cannistrà: LA RESISTENZA E LA LIBERAZIONE NEL 70 ANNIVERSARIO Gli eventi, i problemi, i valori, l eredità della Resistenza nell analisi storica e nelle rappresentazioni letterarie e cinematografiche (11 incontri da gennaio ad aprile) 1. Dall opposizione al fascismo all 8 settembre 2. Il movimento partigiano 3. La guerra di Liberazione 4. I valori e l eredità della Resistenza Filippo Russo 1. Elio Vittorini, Uomini e no 2. Mario Tobino, Il clandestino 3. Renata Viganò, L Agnese va a morire 4. Beppe Fenoglio, Una questione privata Miriam Romeo 1. "Paisà" e "Roma città aperta" 2. "Le quattro giornate di Napoli" 3. "Il generale Della Rovere" 4. "Una vita difficile" 56

57 LE MILLE SFACCETTATURE DELL AMERICA LATINA Docente: Prof.ssaIvana Salvucci Obiettivo generale: avvicinare l America Latina al nostro paese promovendo la sua geografia, storia, arte e cultura.. Obiettivi specifici: mostrare e comunicare diversi aspetti dei paesi che la compongono. Presentazioni delle generalità storiche, geografiche, culturali, letterarie, musicali, ecc. Avvicinarsi allo sviluppo culturale dei paesi risaltando loro creazioni artistiche e intellettuali di qualità Promuovere gli stimoli individuali ed /o collettivi mirati allo sviluppo di nuove proposte tematiche Linee di lavoro Presentazione del responsabile del programma al gruppo di soci, e presentazione dei soci. Metodologia: proiezione di filmati e diapositive, commento di essi e dei testi letterari e Brani musicali che li accompagnano. Esperienze personali I Corso L Argentina: il suo posto nel continente, paesi limitrofi, regioni che la conformano, caratteristiche più rilevanti dalla A alla Z. Questo corso è stato strutturato in base al corso dettato nel precedente anno accademico ed aggiunto, a richiesta dei partecipanti, degli aspetti letterari più rilevanti dei principali autori argentini II Corso Cile, Uruguay e Paraguay: caratteristiche geografiche, struttura politica e socio-economica del territorio, cenni storici, aspetti culturali e letterari III Corso Brasile, Bolivia, Peru, Ecuador, Colombia: caratteristiche geografiche, struttura politica e socio-economica del territorio, cenni storici, aspetti culturali e letterari Alla fine dei corsi, gli alunni faranno una valutazione generale 57

58 LA PERSONALITA E LE RELAZIONI INTERPERSONALI ( da un punto di vista grafologico) DOCENTE:Prof.ssa Turina Catanese Compatibilità - incompatibilità Segni grafologici fautori, contrari, indifferenti Analisi della personalità del singolo Tratti intellettivi Tratti temperamentali Caratteristiche di tratti della personalità Introversione, estroversione Sensibilità, emotività Intelligenza analitica, sintetica, intuitiva, razionale. Relazioni interpersonali all interno della coppia Relazioni interpersonali all interno della famiglia Compatibilità, incompatibilità, risorse, tensioni, difficoltà e possibilità. 58

59 TRADIZIONI POPOLARI SICILIANE Docente: Prof.ssa Graziella Giorgianni Il corso offre un percorso nelle tradizioni siciliane, tracciando un profilo della nostra cultura popolare attraverso i luoghi, il folklore, le curiosità e le leggende, famosi personaggi e miti che insieme caratterizzano il ricco patrimonio culturale della nostra regione. Si offre un quadro culturale ricco di atmosfere e riti che evidenziano la storia antica e travagliata dell isola e del suo variegato patrimonio umano. Le feste Feste patronali Spettacoli e feste popolari La tradizione orale Fiabe e leggende popolari Proverbi siciliani Fiabe, novelle e racconti popolari Usi, costumi, credenze e pregiudizi Canti popolari Approfondimenti I Pupi e il carretto Antichi mestieri I dolci tipici legati alle feste Durante gli incontri gli stessi partecipanti al corso saranno invitati a riscoprire e a condividere il patrimonio della propria memoria orale. 59

60 STORIA DELLA SICILIA LA SICILIA GRECA L affascinante avventura degli uomini che hanno fondato la nostra civiltà. Docente: dott. Emanuele Pasquariello 1 LA SICILIA PREISTORICA: breve excursus sui principali siti archeologici. 2 - SICULI, SICANI, ELIMI: gli antichi abitanti della Sicilia. 3 - LA SICILIA FENICIO PUNICA: l epicrateia cartaginese. 4 - LA COLONIZZAZIONE GRECA: la diaspora greca e le colonie siciliane. 5 - LA COLONIZZAZIONE GRECA: natura e modalità di svolgimento dell impresa coloniale. 6 - LA SPEDIZIONE COLONIALE: il viaggio, la scelta del sito, rapporti con gli Indigeni e la madre patria. 7 - IL PROCESSO DI URBANIZZAZIONE DELLA POLIS COLONIALE: la spartizione della terra. 8 - I PRIMI TIRANNI (VI-V sec. a.c. ): Falaride, Ippocrate, Gelone, Terone. 9 - INTERLUDIO DEMOCRATICO ( a.c.): Ducezio, il capo siculo che sfidò Siracusa ed Agrigento. La spedizione ateniese DIONISIO, IL TIRANNO DI SIRACUSA DIONISIO II, DIONE, PLATONE: l utopia dello Stato ideale platonico TIMOLEONTE E AGATOCLE: il normalizzatore venuto dalla Grecia e il radicale che si fece re LA SICILIA DAL 289 AL 210 a.c.: Pirro ed Ierone; le guerre puniche e la fine dell ellenismo LE STRUTTURE URBANE DELLE POLEIS SICELIOTE: l architettura monumentale religiosa; l architettura civile, militare, domestica; le necropoli LA CIVILTA LETTERARIA E ARTISTICA: poesia, commedia, storiografia, filosofia; l arte figurativa LA CULTURA MATERIALE, OVVERO COME VIVEVANO I NOSTRI PROGENITORI: la casa; gli arnesi di lavoro; l agricoltura; città e mare; le feste religiose; la condizione umana. 60

61 Corsi di Medicina 61

62 Medicina Generale Dott. Pasquale Anania Argomenti di Medicina Generale: 62

63 Malattie del fegato e del pancreas Docente: Dott. Carretti Corrado Medico chirurgo - Primario Emerito Medicina interna Ospedale Papardo Messina PROGRAMMA Cenni di anatomia e fisiologia Fegato e Pancreas Malattie del fegato Stile di vita e sindrome metabolica con fattori di rischio Stress e malattie psicosomatiche (colon irritabile cibo e psiche) 63

64 ENDOCRINOLOGIA Docente : Dott.ssa Graziella D Andrea PROGRAMMA L ipofisi La sindrome metabolica 64

65 LA MEDICINA DI LABORATORIO Docente: Dr. Giuseppe Falliti Direttore Servizio di Patologia Clinica A.O.O.R. Papardo - Piemonte - Messina PROGRAMMA Definizione e finalità della Medicina di Laboratorio La Variabilità analitica e la Gender Medicine (Medicina di Genere) Settori della Medicina di Laboratorio Finalità diagnostiche per organo: Rene, Fegato e Sangue Il Laboratorio e l alimentazione Finalità diagnostiche per organo: Osso, Pancreas e Apparato gastro-intestinale Il Laboratorio e l attività fisica Scelta delle analisi nelle malattie più note e diffuse: Diabete, Malattie reumatiche, Anemie, Tumori Le Urgenze in Medicina di Laboratorio Le innovazioni tecnologiche in Medicina di Laboratorio 65

66 LA PATOLOGIA DELL APPARATO RESPIRATORIO Docente: Dott. Vincenzo Fogliani PROGRAMMA ASMA BRONCHITI-BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA POLMONITI TUBERCOLOSI TUMORE DEL POLMONE 66

67 ARGOMENTI DI ANATOMIA GENERALE Docente: Dr. Claudio Italiano PROGRAMMA Dolore toracico Dolore entereologico 67

68 CARDIOLOGIA Docente: Dott. La Rosa Salvatore 68

69 OCULISTICA Docente: Dott. Daniele Micari PROGRAMMA Presbiopia Occhio rosso Distacco di retina Cataratta 69

70 GESTIONE CHIRURGICA DEL PAZIENTE ANZIANO Docente: Dott. Gioacchino Nastasi 70

71 MALATTIE VECCHIE, NUOVE, DIMENTICATE Docente: Dott. Salvatore Saporita MALARIA VACCINI VIRUS EBOLA TUBERCOLOSI 71

72 NEUROLOGIA Docente: Dott. Giovanni Utano 72

73 CORSO DI BIOETICA Docente: Dott. Amato Salvatore PROGRAMMA La prima idea di bioetica L idea attuale di bioetica Modelli di bioetica Bioetica e coscienza Principi della bioetica Bioetica e principi del personalismo La riflessione bioetica sulla qualità della vita Il fondamento biologico della bioetica L accettazione delle biotecnologie Tecnologie e accertamento della morte cerebrale Il concetto di legge naturale in bioetica I fondamenti giuridici della paternità e della maternità Diritti dell embrione Bioetica nella pratica clinica 73

74 scienze 74

75 VINO ED OLIO Docente: Biagio Cacciola Perito Agrario PROGRAMMA Il vino e l'olio La vigna e l'uliveto Tecnica di produzione del vino e dell'olio La classificazione dei vini e degli oli Tecnica di degustazione del vino e dell'olio Ogni lezione è prevista una prova pratica 75

76 ELEMENTI DI FISICA CLASSICAEDISTRUTTURADELLAMATERIA Docente: Prof. Antonino Cucinotta PERCORSO DI DIVULGAZIONESCIENTIFICA CONCEPITO PER SPIEGARE IN MODO ELEMENTARE ED ACCESSIBILE A TUTTI COM' E' FATTO E COME FUNZIONA IL MONDO FISICO MECCANICA Lo studio dei fenomeni fisici nel mondo antico nell'ambito della speculazione filosofica: da Talete ad Aristotele. ARCHIMEDE Massimo scienziato pregalileiano Enuncia la teoria,scopre il principio fondamentale dell' idrostatica, della leva e delle macchine semplici. GALILEO GALILEI Fonda la scienza moderna basata sul metodo sperimentale,studia il moto dei proiettili, il moto dei gravi in caduta libera e lungo il piano inclinato. Le leggi del pendolo Formula il principio d' inerzia ed il principio di relatività; pone le basi per lo sviluppo della meccanica newtoniana. MECCANICA NEWTON Inventa il calcolo infinitesimale ed enuncia le leggi fondamentali della meccanica. Concetti di base: accelerazione, massa, forza, quantità di moto, momento di una forza, momento di una coppia di forze, momento d' inerzia, momento angolare (momento della quantità di moto). Scopre la legge di gravitazione universaleformulando una teoria unitaria dei fenomeni meccanici e del moto dei corpi celesti (meccanica celeste). Concetti di base: lavoro, potenza, energia cinetica ed energia potenziale. TERMODINAMICA Concetti di base: temperatura, calore e capacità termica. Relazione tra temperatura ed energia cinetica molecolare. Scambi termici e trasformazioni termodinamiche. Lo sviluppo delle macchine termiche e la scoperta dei principi della termodinamica. La misura dell' equivalente meccanico del calore. Il concetto di entropia. 76

77 ELETTROMAGNETISMO ELETTROSTATICA FORZE ATTRATTIVE E REPULSIVE TRA CARICHEELETTRICHE, LEGGE DI COULOMB.,CONCETTI Di BASE: CAMPO ELETTRICO,POTENZIALE ELETTRICO, TENSIONE,CAPACITA' ELETTRICA. MACCHINE ELETTROSTATICHE, CONDENSATORI. LA CORRENTE ELETTRICA CONCETTI DI BASE: CORRENTE ELETTRICA, INTENSITA' DI CORRENTE, DENSITA' DI CORRENTE,RESISTENZA, CONDUTTANZA.PILA DI VOLTA (1800), ELETTROLISI DELL' ACQUA,ACCUMULATORI. LEGGE DI OHM, POTENZA IN CORRENTE CONTINUA,EFFETTO TERMICO DELLA CORRENTE ELETTRICA(EFFETTO JOULE). ELETTROMAGNETISMO /CAMPI MAGNETICI CAMPO MAGNETICO GENERATO DA UNA CORRENTE CONTINUA (ESPERIENZA DI OERSTED, 1820). CAMPO MAGNETICO GENERATO DA UNA SPIRA E DA UN SOLENOIDE (ELETTROMAGNETE). PRINCIPIO DI EQUIVALENZA DI AMPERE TRA UNA SPIRA PERCORSA DA CORRENTE ED UN AGOMAGNETICO E TRA UN SOLENOIDE ED UN MAGNETE PERMANENTE. FORZE ESERCITATE DA UN CAMPO MAGNETICO SU UNA CARICA ELETTRICA IN MOVIMENTO E SU UN CONDUTTORE PERCORSO DA CORRENTE (PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO DEI MOTORI ELETTRICI ). INDUZIONEELETTROMAGNETICA TENSIONE INDOTTA IN UN CIRCUITO ELETTRICO IN PRESENZA DI UN CAMPO MAGNETICO VARIABILE(LEGGE D' INDUZIONE ELETTROMAGNETICA DI FARADAY NEUMANN-LENZ). PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO DEI GENERATORI ELETTRICI (DINAMO ED ALTERNATORI). ELETTROMAGNETISMO ONDE ELETTROMAGNETICH.CONCETTO DI CAMPO ELETTROMAGNETICO.PROPAGAZIONE DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE NEL VUOTO E NELLA MATERIA.EMISSIONE ED ASSORBIMENTO DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE.SPETTRO DELLE RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE(ONDE RADIO, RAGGIINFRAROSSI,RADIAZIONI LUMINOSE, RAGGI ULTRAVIOLETTI, RAGGI X, RAGGI GAMMA).RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE IONIZZANTI. STRUTTURA DELLA MATERIA LA MATERIA E' FATTA DI VUOTO, MASSA E CARICHE ELETTRICHE.DAGLI ATOMI DI DEMOCRITO ALLA TEORIA ATOMICA DI DALTON, AVOGADRO E CANNIZZARO, CHE DIEDE ORIGINE ALLA CHIMICA MODERNA. LA SCOPERTA DELL' ELETTRONE (J.J. THOMSON 1897).MAX PLANCK (1900) ED ALBERT EINSTEIN (1905) PONGONO LE BASI DELLA FISICA QUANTISTICA,L' IPOTESI DEI FOTONI DI EINSTEIN CONSENTE DI SPIEGARE L' EFFETTO FOTOELETTRICO. ERNEST RUTHERFORD SCOPRE IL NUCLEO ATOMICOBOMBARDANDO FOGLIE D' ORO CON PARTICELLE ALFA (1911) NIELS BOHR ENUNCIA LA TEORIA QUANTISTICA ELEMENTARE DELL' ATOMO DI IDROGENO (1913). STRUTTURA DELLA MATERIA CENNI DI FISICA SUBNUCLEARE LE QUATTRO FORZE FONDAMENTALI DELL' UNIVERSO: FORTE, ELETTROMAGNETICA, DEBOLE,GRAVITAZIONALE. LE FORZE ELETTROMAGNETICHE GOVERNANO LA VITA E LE INTERAZIONI DI TUTTI GLI ESSERI VIVENTI CON IL MONDO FISICO: PROCESSI BIOCHIMICI EBIOFISICI, VISTA, GUSTO, OLFATTO, UDITO, TATTO. MATERIA ED ANTIMATERIA. IL MISTERO COSMICO DELL' ASIMMETRIA TRA MATERIA ED ANTIMATERIA DOPO IL BIG BANG. LA SCOPERTA DELLE TRE FAMIGLIE DI PARTICELLEELEMENTARI E DEI BOSONI DEL MODELLO STANDARD: DALLE PRIME RICERCHE SUI RAGGI COSMICI (1912) ALLA RIVELAZIONE DEL BOSONE DI HIGGS CON LHC (CERN di Ginevra ). 77

78 Astronomia Ing. Paolo Faranda Premessa L astronomia è la scienza più antica che ha impegnato l uomo alla ricerca della comprensione dei principali fenomeni naturali. Astronomia significa: scienza, fisica, matematica, storia, filosofia, chimica, geologia, statistica, studio dei miti e delle leggende. Astronomia vuol dire osservazione del cielo, delle luci e delle ombre, misura e calcoli, disegni, riflessione e ricerca di spiegazione dei fenomeni osservati, ipotesi e verifiche: in altre parole scienza come ci ha insegnato Galileo. L astronomia esercita un fascino particolare su tutti, giovani e meno giovani, e può quindi diventare un ottimo mezzo attraverso il quale veicolare l interesse per la cultura e lo studio delle scienze. Il corso si propone di incuriosire i presenti e far comprendere loro tutto ciò che ha a che fare con l universo oggi conosciuto, in particolare con il Sistema Solare e i corpi che lo compongono. Gli argomenti che saranno proposti e sviluppati, permetteranno ai partecipanti al corso di ottenere una conoscenza corretta degli aspetti fondamentali di tutto ciò che riguarda l intera volta celeste. Con molta attenzione, dovizia di particolari e soprattutto con un linguaggio accessibile a tutti, si proporrà una sorta di viaggio immaginario volto alla scoperta della stella Sole, dei corpi che ruotano intorno ad essa, del pianeta in cui viviamo, la Terra, con tutti i suoi fenomeni evolutivi in cui s inserisce l origine della vita. Infine si passerà alla scoperta degli altri pianeti, della Luna e delle stelle, delle Galassie ecc.. In altri termini si propone un approccio culturale diverso, un approccio unitario, dove arte scienza, storia, musica, tradizioni popolari, miti e leggende si intrecciano all interno di un bacino dal quale emerge l unicità dell uomo. Durata della lezione: 2 ore circa. Programma 1^ LezioneNascita, vita e morte di una stella. Luce e calore: energia in perenne trasformazione. Le più grandi esplosioni nell universo. Proiezione di video clip. 2^ LezioneLa fine del Pianeta Terra:asteroidi, comete, esplosioni a raggi gamma e il Sole, continue minacce per la Terra. Quali strumenti per difendere il Pianeta? Proiezione di video clip. 3^ LezioneSiamo soli nell Universo? Alla ricerca di Extra Terrestri. Stato attuale delle ricerche del SETI Istituto di ricerca di forme di vita intelligente extraterrestre. Radiotelescopi per la ricerca. Un altra fisica, un altra chimica? Proiezione di video clip. 4^ Lezione Misura del Tempo. Orologi solari e Meridiane con particolare riferimento alla Meridiana a Camera oscura di Castroreale e a quelle esistenti in Sicilia. Proiezione di video clip. Obiettivi specifici o Offrire la possibilità di acquisire o anche approfondire tematiche un po complesse quali possono essere quelle astronomiche; o Promuovere percorsi teorico-pratici intorno alle tematiche scientifiche; o Incoraggiare l uso di un linguaggio scientifico; o Favorire lo sviluppo del senso critico; o Promuovere, anche attraverso discipline scientifiche, lo sviluppo di nuove esperienze educative e di coinvolgimento sociale; o Incrementare le abilità cognitive, intellettive, culturali e creative del singolo e del gruppo. Principali software che saranno utilizzati: Power Point.Virtual Moon. Atlas Stellarium Docenti Paolo Faranda, oltre al supporto tecnico scientifico dei soci dell Associazione ANDROMEDA in occasione della visita al Planetario e dello Star Party. Al termine del corso In date da definire, Star Party, visita a Castroreale e alla sua Meridiana, visita al Planetario digitale dell associazione ANDROMEDA. Interventi esterni Potranno essere programmati incontri con Astronomi dell INAF di Catania per conferenze su argomenti da concordare con gli allievi e con la Direzione della LUTE. E possibile visitare gratuitamente l Osservatorio Astrofisico dell Università di Catania 78

79 STORIA DELL'INFORMATICA Docente: Ing. Salvatore Italiano Il corso vuole dare un idea dell enorme sviluppo che ha avuto questo settore negli ultimi sessanta anni. Gli strumenti che agli inizi erano riservati solo ad utenti specializzati man mano sono entrati in casa ed alla portata di tutti. In particolare parleremo con un occhio al passato della: Struttura di un computer Hardware Di come è costituito il cervello di un calcolatore e della sua evoluzione nel tempo Le memorie interne RAM Rom Come e dove vengono registrati i dati Bit byte Sistema binario Sistema esadecimale I vari supporti magnetici e non Software Bios Sistema operativo Programmi applicativi Linguaggi L. Macchina Assembler BASIC Cobol FORTRAN Pl1 Pascal Evoluzione tecnologica Il calcolo Dai pannelli elettromeccanici alle valvole ai semiconduttori Le memorie Dai nuclei di Ferrite ai circuiti integrati I vari tipi di computer nel tempo Host Mini Micro Le periferiche Schede e nastri di carta, Dischi e Nastri magnetici Le Stampanti a catena di stampa, laser, a getto d inchiostro 79

80 80

81 Un viaggio nel mondo dei microrganismi Docente: Dr. Luis S. Monticelli *** 1.1 Obiettivo generale: Tutto ciò che dobbiamo conoscere sulla vita e attività degli organismi microscopici. 1.2 Obiettivi specifici: Descrizione dei principali tipi di microorganismi. Metodi di studio.. Ruolo in natura e rapporto con altri esseri viventi. Microrganismi patogeni. Inquinamento ambientale. Microbiologia degli alimenti. Microrganismi e biotecnologie. 2 Didattica: presentazioni orali con supporto della lavagna e proiezione di diapositive e filmati. Utilizzo di domande di autovalutazione per ogni argomento basilare. Visita ai laboratori di microbiologia dell Istituto per l Ambiente Marino Costiero del Consiglio Nazionale delle Ricerche 3 Partecipanti: soci della LUTE scritti al corso 4 Contenuti: Prima parte (aspetti generali) Unità di misura nello studio del mondo microbico. Cenni storici sulla scoperta dei microrganismi (m.o.) Il microcopio. Caratteristiche delle cellule procariotica ed eucariotica. Classificazione dei m.o. Principali caratteristiche morfologiche e fisiologiche dei protozoi, batteri, alghe unicellulari, funghi e lieviti. Autotrofia ed eterotrofia. Metodi di studio. La sterilizzazione. Vita negli ambienti estremi: effetto della salinità, temperatura, ph ( acidità), pressione,acqua, radiazione, assenza di ossigeno. I virus. Seconda parte (aspetti applicativi) Microbiologia del suolo. Rapporti m.o. pianta. Microbiologia degli ambienti acquatici. Cicli biogeochimici degli elementi: carbonio, azoto, fosforo, ecc. I m.o. produttori di alimenti ed altri processi biotecnologici. Processi microbiologici nella nutrizione degli animali Ecologia microbica del corpo umano. Microrganismi: patogeni, patogeni opportunisti e commensali. L infezione e gli antibiotici. Inquinamento ambientale. Malattie trasmesse dalle acque ed alimenti inquinati. Guida alla corretta manipolazione e conservazione degli alimenti. 5 Temporizzazione: 2 trimestri (16 ore) 81

82 L aula della natura: l orto nella scuola Docente : Dott. Pippo Ruggeri Il corso propone la realizzazione di un orto didattico, con il fine di trasmettere ai partecipanti gli elementi base per conoscere ed interpretare correttamente l ambiente che li circonda, nonché sensibilizzarli nei confronti della tutela della natura e alla pratica dell orto famigliare. Lo studio dell orto consente di acquisire una metodologia semplice per un approccio alle tematiche naturalistiche. Questo corso pratico porterà alla partecipazione dei corsisti in un orto ricavato all interno della scuola. Si apprenderanno così i rudimenti di una agricoltura familiare che rispetta la natura e gli esseri viventi, riscoprendo il recupero di tradizioni, un tempo molto diffuse e attuando, nel contempo, un attivismo che stimola la manualità. Esplorando e vivendo con occhi attenti l orto, si entrerà in contatto con un aula della natura, nella quale sarà possibile seguire la crescita e la maturazione dei prodotti piantumati; riconoscere e catalogare le piante, apprezzare i colori e i profumi nel ritmo delle stagioni per poi realizzare, a conclusione dell anno accademico, una cartellonistica illustrativa. Percorso proposto: 1) Incontro preliminare per la presentazione del progetto; 2) breve introduzione teorica sull orticoltura e organizzazione del lavoro pratico. Uscita per la conoscenza diretta del terreno; 3) strutturazione delle aiuole e semina di prodotti orticoli; 4) Uscite con i partecipanti nell orto per la cura delle colture ; 5) catalogazione delle piante e progettazione di cartelloni e pannelli illustrativi. 82

83 Percorsi di cultura ecologica Docente : Dott. Pippo Ruggeri Oggi i concetti di appartenenza al territorio sono mutati: i nostri territori subiscono trasformazioni sotto i nostri occhi e la dimensione locale e globale coesistono e si influenzano. Nella complessità si presentano molte opportunità da saper cogliere, ma anche molti rischi da scongiurare: tra questi il degrado o la scomparsa del nostro patrimonio composto da paesaggi, natura, biodiversità, arte, testimonianze storiche, tradizioni popolari ed enogastronomiche, produzioni, artigianato e mestieri. Il corso propone percorsi di approfondimento ambientale che propongono di ripensare e approfondire il dialogo con il territorio, stimolando la capacità di osservarlo con consapevolezza, di ascoltare le sue storie, di essere disponibili a fare esperienze di cittadinanza attiva, coniugando pratiche teoriche con l impegno concreto verso la propria comunità e il proprio territorio. I sezione Cultura ecologica generale Il percorso Bioalimenta con riflessioni sull alimentazione sana, riscoprendo la memoria delle proprie storie locali e famigliari La funzione degli alberi e del verde nelle città Riflessioni sullo stile di vita sostenibile Sviluppo sostenibile nel rapporto tra uomo e territorio a livello locale e globale II sezione Cultura ecologica nel territorio Conoscenza del territorio milazzese Relazioni tra ambiente ed attività economiche La duna costiera : il Boschetto dell Ancora e le piante pioniere Il torrente Mela tra Milazzo e Barcellona e tra natura e degrado 83

84 Conoscenza del territorio 84

85 LE STRADE DI MILAZZO Docente: Prof. Bartolo Cannistrà Come si sono formate, che nomi hanno avuto, a quali eventi sono legate, che cosa conservano del passato LA CITTA TRIPARTITA LA PIAZZA LA MARINA IL CORSO L INGRESSO ALLA CITTA LA SALITA AL CASTELLO LE STRADE DI PONENTE L ANGOLO DEL LIBERTY 85

86 Ottanta memoria Docente: Dott. Luigi Celebre Ho tanta memoria LE PRIME LOTTE POLITICHE Amministrative Repubblica e Monarchia Regionali 1947 e Nazionali 1948 LE PRIME LOTTESINDACALI L INDUSTRIALIZZAZIONE OTTANTAMEMORIA TESTIMONIANZE DI VITA DEGLI 80enni - Gli anziani raccontano Coordinate dal Prof. Bartolo Cannistrà e dal Dott. Luigi Celebre 86

87 Città terre e castelli intorno ai vulcano Docente : Prof. Arch. Cono Pietro Terranova 1. L Etna città terre e castelli intorno al vulcano 2. Sul versante sud del Simeto : Motta, S. Anastasia, Paternò, Adrano 3. Nella Valle dell Alcantara : Castiglione, Randazzo, Maniace 4. Sulla Costa Ionica: Calatabiano, Aci, Catania 87

88 I CENTRI PELORITANI Storia e patrimonio culturale dei centri dell area tirrenico-peloritana S LUCIA S LUCIA LIBERO RAPPAZZO ANGELO MANCUSO S.LUCIA DEL MELA CITTA' D'ARTE L'ANTICO QUARTIERE EBRAICO DI S.LUCIA DEL MELA S LUCIA KATIA TRIFIRO' IL NOVECENTO LETTERARIO A S.LUCIA DEL MELA S LUCIA NICOLA AMICO TREKKING A PIEDI E A CAVALLO NELLE MONTAGNE PELORITANE DI S.LUCIA ROMETTA PIERO GAZZARA ROMETTA E TAORMINA. L'ULTIMA RESISTENZA BIZANTINA ALLA CONQUISTA MUSULMANA ROMETTA PIERO GAZZARA I NORMANNI ALLA CONQUISTA DELLA SICILIA ROMETTA ROMETTA PIERO GAZZARA PIERO GAZZARA L'ETA' DI FEDERICO III. LA GUERRA ANGIOINO- ARAGONESE E IL POTERE FEUDALE ROMETTA E LE FORTEZZE PELORITANE NELLA RIVOLTA ANTISPAGNOLA DI MESSINA CASTROREALE CASTROREALE CASTROREALE MARIELLA SCLAFANI MELINA TROVATO PAOLO FARANDA CASTROREALE. UN BORGO, LA SUA STORIA CASTROREALE, SCRIGNO D'ARTE LA MERIDIANA A CAMERA OSCURA DEL DUOMO DI CASTROREALE CASTROREALE MARIA MIANO LINGUA, MESTIERI, SAPORI DI CASTROREALE SPADAFORA VENETICO VALDINA ROCCAVALDINA GIUSEPPE PANDOLFO GIUSEPPE PANDOLFO GIUSEPPE PANDOLFO GIUSEPPE PANDOLFO DAL CASALE DI S. MARTINO AL FONDACO, POI CASTELLO DI SPADAFORA DAL CASALE ALLA TERRA DI VENETICO ROCCAVALDINA, VALDINA, TORREGROTTA FRA FEUDALITA' LAICA E RELIGIOSA LA FARMACIA CINQUECENTESCA DI ROCCAVALDINA MONTALBANO TANO PANTANO I MEGALITI DELL'ARGIMUSCO MONTALBANO NICOLA D'AMICO IL CASTELLO DI MONTALBANO MONTALBANO NICOLA D'AMICO IL CENTRO STORICO DI MONTALBANO MONTALBANO TANO PANTANO ACQUE E MULINI A MONTALBANO TRIPI DONATA AVENI MI MANCA IL NOME DEL DOCENTE TRIPI DONATA AVENI MI MANCA IL NOME DEL DOCENTE MONFORTE GUGLIELMO SCOGLIO IL CASTELLO DI MONFORTE 88

89 LE SETTE CHIESE Docenti : Bartolo Cannistrà, Cono Terranova, Maria Pia Mistretta Guida alla conoscenza del patrimonio storico-artistico delle chiese milazzesi Duomo, Carmine, S. Giacomo, S. Maria M., S. Papino, S. Francesco, S. Domenico (12 incontri da gennaio ad aprile) Bartolo Cannistra ` Chiese e conventi nella storia di Milazzo (2 incontri) Cono Terranova L architettura delle chiese (2 incontri) Maria Pia Mistretta Il patrimonio artistico delle chiese (8 incontri) 89

90 attività e benessere 90

91 MUSICOTERAPIA Docente: Prof.ssa Maria Concetta Anastasi La musica fonte inesauribile di emozioni profonde, possiede un grande potereterapeutico (anche emotivo) riconosciuto fin da tempi antichi. Tra la fine dell 800 e i primi del 900 in Europa e negli Stati Uniti ha preso forma una disciplina chiamata musicoterapia, che si occupa non soltanto dicurare i disturbi fisici e psichici dei giovani e degli anziani, ma è anche un mezzo terapeutico per stare bene insieme, creando atmosfere positive. il gioco dei nomi produrre suoni con il corpo ascolto disegno musica insieme ritmo personale ritmo-suono-movimento di gruppo mimo con rappresentazione finale Programma: 91

92 Ballo di coppia e di gruppo Docenti: Salvatore Calamera - Savino Doronzo 92

93 CORSO DI YOGA Docente : Patrizia Di Bella Lo Yoga non è una religione, non è una filosofia ma è semplicemente una Pratica che si adatta ad ogni individuo La parola Yoga ha un grande significato: Unione. Lo Yoga è, quindi, una pratica attraverso la quale possiamo mettere in ordine la nostra esistenza. In una società che ci opprime con ritmi disumani lo Yoga ci permette di vivere secondo le nostre necessità reali e personali Lo Yoga parte dal corpo fisico per arrivare all'aspetto mentale attraverso : la rigenerazione respiratoria: abbiamo dimenticato come di respira e come utilizzare la nostra energia vitale la rigenerazione posturale: spesso ci dimentichiamo del nostro corpo fisico che è uno strumento importante per vivere pienamente la Vita attenzione e concentrazione : spesso pensiamo solo al passato ed a un ipotetico futuro e il presente quando lo viviamo? Silenzio e meditazione: possiamo liberare la mente dai pensieri negativi, inutili e fastidiosi. Rilassamento: la capacita di eliminare le tensioni, le somatizzazioni e quindi sentirsi in pace con se stessi Lo yoga è l'arte di riunire in un'unica armonia le varie parti della nostra esistenza attraverso un metodo che calma l'attività dispersiva della nostra mente. Lo yoga è un cammino, un metodo, una disciplina che ci permette, attraverso l'acquisizione di tecniche, di migliorare il livello di benessere della nostra Vita Programma : il respiro: la meccanica della respirazione - il respiro spontaneo - respiro diaframmatico, costale, toracico, clavicolare e dorsale le quattro tappe del respiro movimenti per rigenerare i muscoli predisposti alla respirazione - tecniche di respirazione e percorsi respiratori Il corpo fisico: movimenti di allungamento dei muscoli, rigenerazione posturale,equilibrio attenzione e concentrazione tecniche meditazione: tecniche rilassamento: tecniche condivisioni. La Vita è caratterizzata da cicli che permettono la costante trasformazione ed evoluzione. Ogni ciclo, ogni età ha i suoi personali ritmi, emozioni, gusti, capacità di amare e di incontrare persone... Lo Yoga permette di vivere pienamente e consapevolmente ogni nostro periodo vitale. Lo Yoga fa bene al mal di schiena, alle giunture, al mal di testa, ma anche ai nostri organi vitali e inevitabilmente l'armonia ritrovata i ripercuote sul mentale. Lo Yoga è facile... bisogna solo provare! Si invitano gli allievi a partecipare in abbigliamento comodo toglieremo le scarpe - e portando un telo o materassino, un plaid e un Cuscino, 93

94 Programma Kinesiologico Docente Prof. Giuseppe Geraci Tecniche di rilassamento; ginnastica respiratoria (torace e diaframmatica), ginnastica di coordinazione ed equilibrio, esercizi di rinforzo muscolare, controllo posturale, esercizi di stretching 94

95 CORSO BS - Back School (scuola della schiena) Docente: Prof. GIUSEPPE GERACI La causa principale del mal di schiena sia da imputare all utilizzo di posture scorrette; tutto ciò accade quotidianamente, ad esempio mentre si sollevano dei pesi o mentre si svolge un semplice gesto come quello di stare seduti. Lo stress psicologico, la scarsa forma fisica e movimenti quotidiani scorretti o posizioni viziate possono contribuire allo sviluppo e all evoluzione della lombalgia. SCUOLA DELLA SCHIENA o Back School. La Back School, ossia la scuola della schiena, nasce con lo scopo di insegnare ed educare ad uso sano della schiena attraverso esercizi e posture, secondo quelli che sono i principi Kinesiologici che la governano. E una ginnastica che unisce i contributi della medicina, della fisiochinesiterapia, l ergonomia, della psicologia, e dell educazione alla salute. La BS si è dimostrata la metodica più efficace e duratura nel trattamento della propria colonna vertebrale. E una scuola della schiena che sceglie, integra e utilizza metodi diversi di trattamento in base agli obiettivi da raggiungere. - Il corso di BS è organizzato: n. 8 sedute di 60 alla settimana, con gruppi di 20 corsisti. La 1 lezione è teorica: Conoscenze di base della colona vertebrale e del meccanismo che produce il dolore per evitare di azionarlo. La 2 lezione : Uso corretto della colonna vertebrale vengono analizzati e provati le posizioni e i movimenti quotidiani e vengono proposti i sussidi ergonomici per agevolare l uso corretto del rachide nell attività lavorativa, nel tempo libero e nel riposo. Tecniche di rilassamento e esercizi di autocoscienza corporea. Dalla 3 lezione : Inizia un programma di esercizi mirati a : prendere coscienza della propria colonna vertebrale e imparare a controllarla nelle posizioni e nei movimenti quotidiani (ridurre il dolore, riequilibrare le strutture del rachide quando l attività lavorativa o sportiva costringe a posizioni o movimenti che alterano le curve fisiologiche). Agire su fattori di rischio legati alla vita sedentaria, riduzione della mobilità, dell elasticità e del trofismo muscolare e riduzione delle altre capacità fisiche di base. L' 8 lezione è dedicata al Cambio di stile di vita attraverso una sana alimentazione e un giusto movimento quotidiano. Programma Kinesiologico: Tecniche di rilassamento; ginnastica respiratoria (torace e diaframmatica), ginnastica di coordinazione ed equilibrio, esercizi di rinforzo muscolare, controllo posturale, esercizi di stretching 95

96 GRUPPI DI INCONTRO TRAINER Dott.ssa Luciana Di Geronimo, Medico, specialista in Psichiatria, Psicoterapeuta, Medico di Medicina Generale Asp 5 di Messina Distretto di Milazzo Dott.ssa Graziella D Andrea (per i gruppi sui disturbi alimentari e diabete) Dott.ssa Rita Mammone Dott. Giovanni Utano, Medico, specialista in Neurofisiopatologia, Psicoterapeuta, Formatore Metodo Gordon. Dirigente medico presso il Ser.T. di Milazzo dell ASP 5 di Messina Si vuol fornire ai partecipanti, una serie di opportunità per lo sviluppo dell autoconsapevolezza e del proprio potenziale espressivo, comunicativo e relazionale, presupposti fondanti per un efficace modo di essere nella vita di relazione con gli altri. Il percorso dell iniziativa prevede: una prima parte informativa in cui si faciliterà l acquisizione di una serie di notizie utili alla eventuale partecipazione alla seconda parte del progetto, pratica, chiamata I Gruppi d Incontro. I Gruppi d incontro o di Auto Aiuto si propongono come modello alternativo di cura e riabilitazione sociale, essi rappresentano una risorsa per il territorio anche in tema di sensibilizzazione sui problemi trattati, contribuendo così, attraverso una maggiore conoscenza, a togliere lo stigma sul disagio ad infrangere il silenzio che spesso circonda situazioni sentite come fonte di vergogna. Hanno come obiettivo quello di: - incitamento a non delegare il proprio problema o il proprio disagio ( è noto che in uno stato di "malattia" si tende a regredire e diventare dipendenti); mentre chi partecipa ad un gruppo di auto aiuto acquisisce competenze per la gestione della propria sofferenza o del proprio disagio sapendo di non potersi aspettare dai suoi pari una soluzione: su di loro non può avere le stesse aspettative che si ripongono in un terapeuta cui troppo spesso di delega il trovare la soluzione in modo passivo (io non lo so fare, non ne esco, dammi una soluzione, un farmaco per non pensare e dimenticare quanto prima). - motivazione a riscoprire dentro sé le risorse che servono per suscitare il cambiamento necessario alla risoluzione del proprio disagio - capacità di ridurre il senso d isolamento, la solitudine e l abbandono, che le persone che attraversano momenti difficili si trovano spesso ad affrontare non sentendosi più gli unici a provare quei sentimenti o a vivere quelle stesse paure ed emozioni. - sviluppare la responsabilità personale, imparando gli effetti positivi della competenza apprendendo a cavarsela con chi ha in mano il potere evitando comportamenti autolesionistici (autodistruttivi); 96

97 - pianificare i propri obiettivi, mettendosi in contatto con i propri bisogni e desideri conoscendo i propri punti di forza facendo realistici piani di azione; - farsi e mantenere amici, parlando in modo diretto e genuino ascoltando quando è importante risolvendo i conflitti senza che ci siano perdenti; - comunicare in famiglia esprimendo i propri bisogni in modo costruttivo, consolidandone i rapporti, e gestendo i conflitti in modo responsabile. Aiutare i partecipanti ed esprimere i propri sentimenti. - Aumentare la capacità di riflettere sulle proprie modalità di comportamento. - Aumentare le capacità individuali nell affrontare i problemi. - Aumentare la stima di sé, delle proprie abilità e risorse, lavorando su una maggiore consapevolezza personale. In una, si cerca di implementare quelle risorse e competenze al fine di costruire un quadro di valori e comportamenti positivi e far rendere loro possibile una interazione collaborativa, creativa e sinergica con gli altri. La modalità dei gruppi costituisce una pratica ampiamente collaudata nell ambito delle relazioni di aiuto. Dal punto di vista teorico essi sono uno dei capisaldi della Client-Centered-Therapy, ampiamente trattati in letteratura. Si consigliano a questo proposito: Carl Rogers I gruppi di incontro Astrolabio 1976; Ronald F. Levant, John M. Shien Client Centered-Therapy and the Person Centered Approach Praeger Dal punto di vista pratico si propongono gruppi di incontro a frequenza settimanale, per il periodo novembre-maggio della durata di 90 minuti ciascuno. Il numero massimo di partecipanti è di 12. La struttura è di tipo semi-aperto. Il gruppo è condotto ogni volta da un facilitatore. OBIETTIVI: Istituire uno o più gruppi su tematiche di rilevanza prestabiliti o su altre che potrebbero emergere nel corso degli incontri preliminari di presentazione del progetto (Alimentazione e obesità; tabagismo; ansia-attacchi di panico-depressione; lutto e abbandono) che possono essere di utilità ai partecipanti ad elaborare i problemi personali e relazionali. Quindi beneficiari diretti sono i partecipanti stessi, indiretti i loro familiari e/o amici. ORGANIZZAZIONE: La selezione dei partecipanti avverrà tramite due incontri preliminari nei quali si prospetterà in cosa consiste l iniziativa che si intende offrire loro e si valuteranno le loro reali motivazioni a partecipare a questo progetto dei Gruppi d incontro. 97

98 GINNASTICA DOLCE Docente : Dott. Rosario Pizzurro E un attività che valuta in una fase iniziale le condizioni fisiche di ogni componente del gruppo,per poi partire da queste e lavorare per migliorarle. I ritmi sono lenti e ciascuno ha la possibilità di seguirli secondo leproprie esigenze per meglio concentrarsi sulla cura del movimento e del corpo stesso. Si uniscono lavoro muscolare e rilassamento in modo daaffrontare tutto il resto della giornata conla forza e l energia necessarie. Adatta a chi vuole mantenere il proprio corpo in movimentoe prevenire così tutti i problemi che potrebbero derivare da una scarsa attività fisica. La ginnastica dolce è caratterizzata da movimenti molto fluidi, naturali e graduali. Nonostante non comporti sforzi eccessivi, tale disciplina ha però la capacità di tonificare i muscoli, di rilassare sia a livello fisico che psicologico,favorisce il dimagrimentoe miglioraequilibrio e postura. E un attività molto importante non solo dal punto di vista fisico-motorio, ma anche da quello psicologico-sociale, poiché permette di ottenere una maggiore consapevolezza del proprio corpo e delle sue potenzialità 98

99 EDUCAZIONE ALIMENTARE Docente: Dott.ssa Nancy Grillo PROGRAMMA Alimenti e nutrizione. Nutrizione e digestione. Macronutrienti (glucidi - proteine - lipidi), micronutrienti (vitamine - minerali). Gruppi di alimenti. Linee guida per una corretta alimentazione. Diete a confronto. Carboidrati e grassi: quali e quanti. Classificazione carboidrati. Differenza tra indice glicemico e carico glicemico. Diabete e terapia nutrizionale. Classificazione grassi. Trigliceridi. Colesterolo. Obesità. Sindrome metabolica e consigli nutrizionali. A tavola non si invecchia: longevità e stili di vita. Come tutelare l apparato osteoarticolare e prevenire l osteoporosi. Come tutelare le funzioni cognitive. Nutrizione e menopausa Definizione di menopausa e climaterio. Caratteristiche principali (assetto ormonale, sintomatologia) Fabbisogni nutrizionali in menopausa Consigli nutrizionali. 99

100 L importanza di una Sana e Corretta Alimentazione Docente:Dott.ssa Fabrizia Minciullo Docente: Dietista Biologa Nutrizionista PROGRAMMA Principi generali sulla nutrizione Nutrienti energetici Nutrienti non energetici Bilancio energetico e peso corporeo Piramide alimentare I sette gruppi di alimenti Esempio di dieta equilibrata Linee guida per una sana e corretta alimentazione Gli alimenti della salute L alimentazione in alcune fasi della vita L alimentazione in alcune particolari condizioni patologiche 100

101 NUTRIZIONE CLINICA APPLICATA Docente: Dott. Davide Trio Aspetti nutrizionali nelle patologie cardiovascolari Alimentazione nella gastrite, ernia iatale e steatosi epatica Corretta alimentazione nel paziente diabetico 101

102 LA PEDAGOGIA DELLA SALUTE ATTRAVERSO IL SENTIERO DELLA NATURA PERCORSO DI CONOSCENZA DI METODI E TECNICHE DI BEN-ESSERE IN 5 MODULI Docente : NATUROPATA PROF.SSA GIUSEPPA MACCORA 1-LA NATURA AL SERVIZIO DELL UOMO: I RIMEDI DELLA NONNA: Trattamenti e rimedi antichi per il benessere del corpo e non solo 2- PRESENTAZIONE DI ALCUNE PIANTE ED ERBE OFFICINALI: Schede informative su tarassaco,basilico,peperoncino, tiglio,melissa,rosmarino 3- ALIMENTAZIONE E NUTRIZIONE NATURALE: Cereali e proteine vegetali 4-DEPURAZIONE E DSINTOSSICAZIONE: Come ripulire gli organi per riattivare il metabolismo 5- VITAMINE DELL ANIMA: I FIORI DI BACH : Riequilibrio di particolari stati d animo che provocano disagi o limitazioni come la disistima di sé, preoccupazione, deconcentrazione, senso di solitudine, impulsività, impazienza, ansia. 102

103 LA BELLEZZA COME PATRIMONIO PERSONALE LA BELLEZZA E UNA CONQUISTA! - CENNI SULLA FISIOLOGIA DELLA PELLE - TIPOLOGIA E STRUTTURA DELLA PELLE - LE CINQUE FUNZIONI DELLA PELLE: PROTEZIONE DIFESA MECCANICA, TERMICA E FISICA RESPIRATORIA SENSORIALE DIFENSIVA - ANTIMICROBICA BASILARE - SECRETIVA - CURE FONDAMENTALI: DETERSIONE TONIFICAZIONE NUTRIZIONE E NORMALIZZAZIONE PROTEZIONE E IDRATAZIONE - TRATTAMENTI PERIODICI: MASCHERE - PEELING MOVIMENTI DI BELLEZZA BORSE SOTTO GLI OCCHI - L IMPORTANZA DEI TRATTAMENTI - IL TRUCCO NON E SOLO DECORAZIONE: CENNI DI STORIA DEL TRUCCO SCEGLIERE IL PROPRIO VISO TECNICA E PAZIENZA - CORREZIONI, POCHE E CURATE - CREME BASE E FONDOTINTA: SCELTA E APPLICAZIONE NELLE DONNE OVER 55 - LA FRONTE E LE SOPRACIGLIA: RINFOLTIMENTO -IL TRUCCO OCCHI BOCCA: CORREGGERE I DIFETTI IL TRUCCO NELLE DONNE OVER 50 - SALA TRUCCO Docente Tamara Kotliarewsky 103

104 LABORATORI 104

105 CORSO DI MICROSOFT ACCESS Docente : NUCCIO RUSSO Il corso, articolato in 12 lezione di 2 ore, si prefigge di fornire ai partecipanti gli strumenti necessari per la realizzazione di un progetto per la gestione di alcune problematiche di un associazione no profit Il corso è indirizzato a tutti coloro vogliono avvicinarsi all affascinante mondo della programmazione ad oggetti. Saranno trattati in particolare i seguenti argomenti: Oggetti: DBMS Database Microsoft Access Tabelle: per la generazione della struttura, la registrazione dei dati, la loro visualizzazione e correzione Query : per l estrazione ed eventuale modifica di informazioni con interrogazioni di tipo condizionato. Maschere: per la realizzazione di interfacce a tutto schermo, per la visualizzazione o l introduzione dei dati Report; per la produzione di tabulati a stampa Macro: per la generazione di semplici procedure automatizzate in gwbasic per access Moduli: per programmare e aggiungere funzionalità personalizzate o avanzate mediante l utilizzo del linguaggio GWBASIC per access Sql: Linguaggio di programmazione per access. nozioni fondamentali, terminologia e sintassi Il partecipante ideale deve avere delle buone conoscenze di informatica, essere fortemente motivato. Egli sarà chiamato a svolgere un ruolo attivo nella realizzazione del progetto, mediante l apporto di idee e conoscenze derivanti dalle sue pregresse esperienze in informatica. 105

106 Informatica che passione corso di informatica Docente: Prof.ssa Trischitta Letteria Obiettivi e finalità L'obiettivo del corso è quello di fornire gli strumenti necessari per gestire in modo autonomo i programmi più comuni e di uso quotidiano. in Particolare, il corso, dopo una introduzione volta a spiegare le applicazioni ed i dispositivi hardware che facilitano e rendono possibile l'utilizzo del pc, sarà finalizzato alla specificazione delle principali applicazioni software che consentono di scrivere, comunicare od informarsi attraverso il pc. Soffermandosi in particolare, sul ruolo e sull'utilità del web quale strumento di comunicazione e via di sviluppo anche per il mondo reale. Programma I Unità Il computer...questo sconosciuto Le componenti del pc Hardware e software: tutto quello che bisogna sapere Dal computer al mondo: la storia dei calcolatori e delle loro applicazioni II unità Un computer per amico...l'uso del pc attraverso le sue molteplici applicazioni Windows: chiarimenti preliminari windows: word, excel e tutto ciò che serve per una comunicazione basica Windows: gestione e archiviazione dei documenti elaborati Windows: La stampa Windows: Foto e video III Unità Il mondo a portata di click Internet: cos'è, come funziona e struttura generale Utilizzo di internet: Le principali applicazioni delle reti di calcolatori - www, chat, social network, posta elettronica, messaging, streaming) Sviluppi e scenari futuri 106

107 CORSO HTML E CMS WORDPRESS DOCENTE: Prof. Saro Alioto Questo corso, grazie ad un approccio molto concreto e pratico, offre solide basi per la costruzione in autonomia di siti web e blog in conformità ai più recenti standard validi nel mondo del web. Questo corso, ha l obiettivo di fornire tutte le competenze per lo sviluppo e la gestione di siti web basati su WordPress, siano essi dei blog o dei siti aziendali, attraverso strumenti avanzati, widget, plugin e temi personalizzati. Il corso prevede 24 ore di lezione in aula dove si alternano formazione teorica, laboratori ed esercitazioni pratiche PROGRAMMA DEL CORSO Introduzione all html Cosa significa HTML e cosa si intende per TAG I TAG dell HTML: come scriverli Le estensioni dei file Definire e comprendere i fondamenti del linguaggio HTML Impaginare con HTML Costruire una semplice pagina HTML Creare, duplicare, salvare file Inserire del testo, formattato in modo opportuno Applicare le regole di formattazione di paragrafi e pagine I colori in HTML Aggiungere titoli, definire stili di Font e colori di testo I collegamenti e i percorsi (URL) I link interni ed esterni I link ad un indirizzo di posta elettronica Inserire e dimensionare tabelle, liste, form, immagini e sfondi in una pagina Web Includere elementi multimediali e script I frames CMS (Content Management System) Word Press Panoramica sui CMS Installazione di WordPress L interfaccia back-end (dashboard) di WordPress Gli articoli e le pagine La testata o header La sidecar o barra dei menù laterali Il footer o piè di pagina La lista dei link I widget I menù I template Iplugin Gestione e organizzazione del contenuto 107

108 CORSO DI PITTURA APPROCCIO CON LA PITTURA AD OLIO DOCENTE: Prof. FRANCESCO ALESCI Il Principio dell Arte Figurativa si basa sulla percezione della visibilità con i suoi simboli che sono i CODICI VISUALI ANALISI DEI CODICI VISUALI a. COLORI b. LUCE c. SPAZIO COLORE COLORI PRIMA COLORI COMPLEMENTARI COLORI CALDI, COLORI FREDDI LUCE LA LUCE E IL VOLUME CHIARO SCURO OMBRE PROPRIE, OMBRE PORTATE GRADO DI LUMINOSITA, CONTRASTO DI LUMINOSITA 108

109 SPAZIO LE TRE DIMENSIONI: ALTEZZA, LARGHEZZA, PROFONDITA RECUPERO DELLA TERZA DIMENSIONE IN UN SUPPORTO A DUE APPROCCIO CON LA PITTURA AD OLIO COME NASCE UN DIPINTO: SCELTA DELLA TEMATICA a. ANALISI b. ELABORAZIONE MENTALE c. SINTESI OBIETTIVI FORMATIVI APPRENDERE LA TECNICA DELLA PITTURA AD OLIO NELLE SUE GRANDI LINEE SVILUPPARE LA POTENZIALITA CREATIVA SIA A LIVELLO INDIVIDUALE SIA A LIVELLO COLLETTIVO SAPER INTERPRETARE E COGLIERE L ESSENZIALITA DEL MESSAGGIO ARTISTICO CONSAPEVOLEZZA DELLE SPECIFICITA DEL FENOMENO ARTISTICO INTESO COME ESPRESSIONE DI CIVILTA E COME FORMA DI CONOSCENZA REALE CAPACITA DI COGLIERE VALORI IDEALI E TRASMETTERLI ATTRAVERSO IL MESSAGGIO SEMANTICO RISULTATI ATTESI ACQUISIZIONE DI UN CORRETTO USO DEGLI STRUMENTRI TECNICI E METODOLIGICI SVILUPPO DELLA CREATIVITA E DELLA CAPACITA DI GIUDIZIO CRITICO 109

110 docente: paolavenzo Tempere - Aquarello Acrilico scoprire la natura attraverso i colori titolo l'albero rosso.acquerello L 'acquerello è una tecnica di pittura che si ottiene diluendo con acqua, colori in tubetto (vegetali o minerali). Si può utilizzare la pittura ad acquerello dipingendo su carta, cartone, pergamena, legno, vetro o altri supporti, purché le superfici siano opportunamente trattate e preparate. ACRILICO E' una tecnica di pittura moderna. Ha caratteristiche spesso inverse rispetto all'olio. L'acrilico é di rapida essiccazione e di resa brillante. La sua formula permette pitture rapide, sovrapponibili, adattabili su quasi tutte le superfici. Il mondo dell'acrilico offre tutte le possibilità di utilizzo e con i suoi ausiliari, é possibile il suo uso in qualsiasi campo, dalla grafica alla decorazione, dal restauro, alla pittura artistica. TEMPERA La pittura a tempera. A livello didattico conserva una grande importanza, per la sua praticità e semplicità d uso, per il forte potere coprente e la rapidità di essiccazione. I colori a tempera sono apprezzati perché si ottengono superfici uniformi e coprenti, si stendono e si lavorano con facilità ed asciugano in pochi minuti. Aderiscono a qualsiasi supporto sgrassato e poroso, come carta, cartone, legno, gesso e terracotta. Si possono creare strati uniformi di colore senza segni di pennellate. schizzo bozza di colore lavoro finito 110

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Disciplina: SPAGNOLO TRAGUARDI COMPETENZE FINE SCUOLA DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO COMPETENZE SPECIFICHE ABILITA'/CAPACITA CONOSCENZE L alunno comprende oralmente e per

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

FRANCESE. Ricezione orale (ascolto) Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano. Comprendere il senso generale di un una storia.

FRANCESE. Ricezione orale (ascolto) Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano. Comprendere il senso generale di un una storia. FRANCESE FINE CLASSE TERZA PRIMARIA L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Descrive oralmente e per iscritto, in modo semplice, aspetti del proprio vissuto e del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ARBE-ZARA

ISTITUTO COMPRENSIVO ARBE-ZARA ISTITUTO COMPRENSIVO ARBE-ZARA SCUOLA PRIMARIA C. POERIO A.S. 2015-2016 PROGETTAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUA INGLESE LINGUA INGLESE CLASSE PRIMA ASCOLTARE E PARLARE Competenze Ascoltare attivamente. Comprendere

Dettagli

Scuola paritaria dell Infanzia Don Carlo San Martino - Villa Olginati del Pio Istituto pei Figli della Provvidenza. ATTIVITÀ a.s.

Scuola paritaria dell Infanzia Don Carlo San Martino - Villa Olginati del Pio Istituto pei Figli della Provvidenza. ATTIVITÀ a.s. Scuola paritaria dell Infanzia Don Carlo San Martino - Villa Olginati del Pio Istituto pei Figli della Provvidenza ATTIVITÀ a.s. 2013 2014 SPICCHIAMO NEL TEMPO Nel corso dell anno scolastico 2013-2014

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE

COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE La comunicazione nelle lingue straniere condivide essenzialmente le principali abilità richieste per la comunicazione nella madrelingua:

Dettagli

(ANNO SCOLASTICO 2015/18)

(ANNO SCOLASTICO 2015/18) (ANNO SCOLASTICO 2015/18) dal Rapporto La Buona Scuola. Facciamo crescere il Paese, frutto del lavoro portato avanti congiuntamente dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi e dal Ministro Stefania Giannini

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

Proposta operativa: Osservare per conoscere, comunicare per crescere: il bosco. Un possibile itinerario

Proposta operativa: Osservare per conoscere, comunicare per crescere: il bosco. Un possibile itinerario Proposta operativa: Osservare per conoscere, comunicare per crescere: il bosco. Un possibile itinerario Per infinite e complicate che possano essere le mosse di una partita di scacchi, persino il gioco

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione IL SE e L ALTRO Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. Sviluppa il senso dell identità personale,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE LINGUA INGLESE

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE LINGUA INGLESE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE LINGUA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE AL TERMINE DELLA

Dettagli

I.C. ARBE -ZARA. Scuola Secondaria di Primo Grado Falcone - Borsellino Viale Sarca 24 Milano. a.s. 2015/2016

I.C. ARBE -ZARA. Scuola Secondaria di Primo Grado Falcone - Borsellino Viale Sarca 24 Milano. a.s. 2015/2016 I.C. ARBE -ZARA Scuola Secondaria di Primo Grado Falcone - Borsellino Viale Sarca 24 Milano a.s. 2015/2016 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI INGLESE CLASSI 1A - 1B Docente: DANIELA BAIO 1 1. COMPETENZE Tenendo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE LETTERE SULLA BASE DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICULO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Arci Corsi 2011/2012 (1^ parte) Lingue >< Fotografia >< Teatro >< Enigmistica

Arci Corsi 2011/2012 (1^ parte) Lingue >< Fotografia >< Teatro >< Enigmistica Arci Corsi 2011/2012 (1^ parte) Lingue >< Fotografia >< Teatro >< Enigmistica LINGUE La proposta formativa si articola in corsi suddivisi in vari livelli. Le lezioni sono di 1h 30 e si tengono con frequenza

Dettagli

Descrizione del profilo professionale dell Operatore dei Servizi Sociali.

Descrizione del profilo professionale dell Operatore dei Servizi Sociali. Descrizione del profilo professionale dell Operatore dei Servizi Sociali. L Operatore dei Servizi Sociali, con una specifica formazione professionale di carattere teorico e tecnico-pratico e nell ambito

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Di Bella Carmela Disciplina Italiano Classe I Sezione F n. alunni 25 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE

COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE PROGETTO ANNUALE COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE ISTITUTO COMPRENSIVO SCIALOIA SCUOLE DELL INFANZIA SCIALOIA P. ROSSI ANNO SCOLASTICO 20115/2016 IL CURRICOLO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Il curricolo

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE a.s. 2015/2016 ARESTI VALERIA SPAGNOLO. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s.

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE a.s. 2015/2016 ARESTI VALERIA SPAGNOLO. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO LUCCA 3 Via Don Minzoni, 244 S.Anna - 55100 LUCCA 0583/584388-0583/581457 mail: luic84600n@istruzione.it pec: luic84600n@pec.istruzione.it sito web: www.lucca3.gov.it PROGETTAZIONE

Dettagli

PERCORSI FORMATIVI TEMPO NORMALE corsi A-B-C( Villa S. Giuseppe) corsi E--G SEDE CENTRALE

PERCORSI FORMATIVI TEMPO NORMALE corsi A-B-C( Villa S. Giuseppe) corsi E--G SEDE CENTRALE PERCORSI FORMATIVI TEMPO NORMALE corsi A-B-C( Villa S. Giuseppe) corsi E--G SEDE CENTRALE Discipline o gruppi di discipline I classe II classe III classe Italiano 5 5 5 Storia + laboratorio di Cittadinanza

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE di FRANCESE. (QUADRO COMUNE EUROPEO di RIFERIMENTO) I.P.S.S.

CURRICOLO VERTICALE di FRANCESE. (QUADRO COMUNE EUROPEO di RIFERIMENTO) I.P.S.S. I.I.S. Luca Signorelli CORTONA CURRICOLO VERTICALE di FRANCESE (QUADRO COMUNE EUROPEO di RIFERIMENTO) I.P.S.S. PRIMO BIENNIO PRIMO ANNO COMPETENZE GENERALI ATTESE A2 (PRIMO BIENNIO e PRIMO ANNO DEL SECONDO

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE INGLESE Scuola primaria

CURRICOLO VERTICALE INGLESE Scuola primaria CURRICOLO VERTICALE INGLESE Scuola primaria Istituto Comprensivo Novellara NUCLEI TEMATICI orale (ascolto) CLASSE 1^ ABILITA CONOSCENZE METODOLOGIE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Comprendere

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE (DALLE INDICAZIONI NAZIONALI) TERMINE SCUOLA INFANZIA Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando

Dettagli

PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO DAL DOCENTE

PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO DAL DOCENTE Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto d Istruzione Superiore Severi-Correnti IIS Severi-Correnti 02-318112/1 via Alcuino 4-20149 Milano 02-33100578 codice fiscale 97504620150

Dettagli

ISITUTO COMPRENSIVO DEL MARE. SCUOLA DELL INFANZIA STATALE Imparo giocando. Lido Adriano PROGRAMMAZIONE TRIENNALE

ISITUTO COMPRENSIVO DEL MARE. SCUOLA DELL INFANZIA STATALE Imparo giocando. Lido Adriano PROGRAMMAZIONE TRIENNALE ISITUTO COMPRENSIVO DEL MARE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE Imparo giocando Lido Adriano PROGRAMMAZIONE TRIENNALE A.S. 2013/14 - A.S.2014/15 - A.S.2015/16 Anno scolastico 2013/14 La fiaba è il luogo di tutte

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO Premessa NOI SIAMO PARTE DELLA TERRA ED ESSA È PARTE DI NOI INSEGNATE AI VOSTRI BAMBINI CHE LA TERRA È NOSTRA

Dettagli

LINGUA SPAGNOLA. Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo grado:

LINGUA SPAGNOLA. Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo grado: LINGUA SPAGNOLA Le indicazioni nazionali per il curricolo del primo grado di istruzione hanno individuato nuovi traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado

Dettagli

SCANSIONE TEMPORALE (annuale) DEL CURRICOLO DISCIPLINA: SEZIONE POTENZIAMENTO INGLESE

SCANSIONE TEMPORALE (annuale) DEL CURRICOLO DISCIPLINA: SEZIONE POTENZIAMENTO INGLESE SCANSIONE TEMPORALE (annuale) DEL CURRICOLO DISCIPLINA: SEZIONE POTENZIAMENTO INGLESE CLASSE SECONDARIA: classe prima Periodo Contenuti Attività I BIMESTRE Da settembre a metà novembre II BIMESTRE Da metà

Dettagli

COMPETENZE IN USCITA PREVISTE AL TERMINE DEL MONOENNIO ( CLASSE 1 )

COMPETENZE IN USCITA PREVISTE AL TERMINE DEL MONOENNIO ( CLASSE 1 ) COMPETENZE IN USCITA PREVISTE AL TERMINE DEL MONOENNIO ( CLASSE 1 ) Funzioni comunicative previste. Per il lessico si fa riferimento alla metodologia del docente Funzioni comunicative per: salutare, congedarsi,

Dettagli

Punti essenziali del Piano Triennale di Circolo 2013-2016

Punti essenziali del Piano Triennale di Circolo 2013-2016 Direzione Didattica 2 Circolo San Giuseppe Via Enrico Costa, 63 - telefax 079/233275 - Sassari e-mail ssee00200p@istruzione.it - sito web www.secondocircolosassari.gov.it Cod. Fiscale. 80002320903 Cod.

Dettagli

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 e-mail: info@istitutocalvino.gov.it Codice Fiscale: 97270410158 internet: www.istitutocalvino.gov.it

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore, Padre e che fin dalle origini ha stabilito un'alleanza con l'uomo. Affinare capacità di osservazione dell ambiente circostante

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE)

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative corrispondenti

Dettagli

Sviluppare la capacità di utilizzare varie modalità espressive: disegno,manipolazione, scrittura creativa, poesia.

Sviluppare la capacità di utilizzare varie modalità espressive: disegno,manipolazione, scrittura creativa, poesia. 1. Macroarea progettuale 4 CREATIVITA ED ESPRESSIVITA 2. Coordinatore progetto DE MARCHI ANTONIETTA. 3. Obiettivi Sviluppare la creatività e la manualità. Potenziare lo sviluppo della motricità fine e

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA 1 ANNO SCOLASTICO 2009/2010 L educazione religiosa nella scuola dell infanzia concorre alla formazione integrale del bambino, promovendo la maturazione

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico.

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico. ASSOCIAZIONE GENITORE AMICO ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRIVERO COMUNE DI TRIVERO COMUNE DI SOPRANA TITOLO DEL PROGETTO Piatto sano, mi ci ficco. SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA Associazione Genitore Amico.

Dettagli

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (1) ITALIANO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

Ricezione scritta (lettura)

Ricezione scritta (lettura) LINGUA INGLESE - CLASSE PRIMA L alunno riconosce e comprende alcune parole e frasi standard, espressioni di uso quotidiano e semplici frasi. Comprende ed esegue semplici istruzioni correlate alla vita

Dettagli

CORSI DI MUSICA PER ADULTI E RAGAZZI CORSI DI LINGUE SERALI PER ADULTI

CORSI DI MUSICA PER ADULTI E RAGAZZI CORSI DI LINGUE SERALI PER ADULTI Via Cairoli 25 Contatti: 0382/815020 biblioteca@comune.gropellocairoli.pv.it ANNO 2011-2012 CORSI DI MUSICA PER ADULTI E RAGAZZI CORSI DI LINGUE SERALI PER ADULTI LE ISCRIZIONI AI CORSI DI MUSICA E DI

Dettagli

MUSICA RACCORDO TRA LE COMPETENZE

MUSICA RACCORDO TRA LE COMPETENZE MUSICA RACCORDO TRA LE COMPETENZE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO COMPETENZA NELL ASCOLTO E NELLA COMPRENSIONE DI MESSAGGI MUSICALI Ascoltare e confrontare messaggio musicali, al fine di diventare

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE

COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA INGLESE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO 2012 I

Dettagli

per la classe/le classi

per la classe/le classi DIREZIONE DIDATTICA V CIRCOLO CHIOGGIA SCUOLA PRIMARIA B. CACCIN-DON MILANI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 CURRICOLO per la classe/le classi Docenti: Isabella Biasiato Elisabetta Boscolo Renato Oselladore 1^

Dettagli

INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO classe prima

INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO classe prima INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO classe prima Ascoltare e comprendere lessico e semplici espressioni, istruzioni, indicazioni, filastrocche, canzoni relativamente ai seguenti ambiti: *colori, oggetti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISCIPLINA: LINGUA INGLESE - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISCIPLINA: LINGUA INGLESE - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PRIMA DELLA SCUOLA SECONDARIA DISCIPLINA: LINGUA INGLESE - CLASSE PRIMA L alunno comprende oralmente e per iscritto i punti essenziali di testi in lingua standard su argomenti familiari o di studio che

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Il mondo intorno a noi

Il mondo intorno a noi Il mondo intorno a noi SCUOLA INFANZIA CASOLA - BERZANTINA ANNO SCOLASTICO 2014/15 Le insegnanti, Germana Liani Giovanna d Isanti 1 Loredana Camiscia Angela Tomasi SCUOLA DELL INFANZIA DI CASOLABERZANTINA

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Curricolo di lingua inglese

Curricolo di lingua inglese Curricolo di lingua inglese Classe 1 media PREREQUISITI: Riconoscere parole inglesi usate quotidianamente nella lingua italiana. Numeri fino a 20. Colori. Saluti. Giorni, settimane e mesi. OBIETTIVO COMUNICATIVO

Dettagli

Collegio Arcivescovile A. Castelli Saronno Scuola primaria Anno scolastico 2011/12

Collegio Arcivescovile A. Castelli Saronno Scuola primaria Anno scolastico 2011/12 Collegio Arcivescovile A. Castelli Saronno Scuola primaria Anno scolastico 2011/12 Modulo per la progettazione e la programmazione didattica iniziale Classi : 2 A Insegnante Banfi Gabriella (Discipline:

Dettagli

IN COLLABORAZIONE CON:

IN COLLABORAZIONE CON: CON IL PATROCINIO DI COMUNE DI OSSONA ORGANIZZA IN COLLABORAZIONE CON: DEGUSTIAMO LA BIRRA Docente: Corrado Vita Periodo: tutti i venerdì dall' 11 al 25 settembre - dalle 20.30 alle 22.30 Il contributo

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta

Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta Area dei linguaggi: ITALIANO o L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione, discussione), attraverso

Dettagli

Istituto Comprensivo N. D Apolito Anno scolastico 2012/2013. PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO LINGUA STRANIERA INGLESE

Istituto Comprensivo N. D Apolito Anno scolastico 2012/2013. PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO LINGUA STRANIERA INGLESE Istituto Comprensivo N. D Apolito Anno scolastico 2012/2013. 1.FINALITÀ DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO LINGUA STRANIERA INGLESE 1) Comprendere l importanza della lingua straniera come strumento

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Progetto di avviamento all apprendimento della lingua inglese per bambini di 3-6 anni

Progetto di avviamento all apprendimento della lingua inglese per bambini di 3-6 anni Let s play English! Progetto di avviamento all apprendimento della lingua inglese per bambini di 3-6 anni Lisa Tognon Scuola dell Infanzia Sacro Cuore, Carpanedo di Albignasego, PADOVA Lisa Tognon Email:

Dettagli

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA COMPETENZE EDUCATIVE AMBITO INDICATORI COMPETENZE IDENTITÀ Conoscenza di sé Relazione con gli altri Rispetta il proprio ruolo. Esprime

Dettagli

Competenza chiave europea di riferimento Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18/12/2006 Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012

Competenza chiave europea di riferimento Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18/12/2006 Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012 Ordine di scuola Campo di esperienza-disciplina Scuola Primaria Lingua inglese Competenza chiave europea di riferimento Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18/12/2006 Indicazioni Nazionali

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

OBIETTIVI di APPRENDIMENTO

OBIETTIVI di APPRENDIMENTO CURRICOLO della LINGUA INGLESE Asse dei linguaggi: utilizzare la lingua straniera per i principali scopi comunicativi ed operativi COMPETENZA CHIAVE EUROPEA -Comunicazione nelle lingue europee: comprendere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI EDOLO CURRICOLO DI LINGUA INGLESE - SCUOLA PRIMARIA - CLASSE PRIMA. Conoscere alcuni vocaboli in inglese di uso comune.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI EDOLO CURRICOLO DI LINGUA INGLESE - SCUOLA PRIMARIA - CLASSE PRIMA. Conoscere alcuni vocaboli in inglese di uso comune. ISTITUTO COMPRENSIVO DI EDOLO CURRICOLO DI LINGUA INGLESE - SCUOLA PRIMARIA - CLASSE PRIMA NUCLEO FONDANTE COMPETENZE ATTESE CONOSCENZE E ABILITA' AMBIENTE DI APPRENDIMENTO (Quadro Comune Riferimento Europeo)

Dettagli

Indirizzo: TURISMO. Classe: QUARTA AT BT. Disciplina: ARTE E TERRITORIO TRIENNIO. Competenze disciplinari:

Indirizzo: TURISMO. Classe: QUARTA AT BT. Disciplina: ARTE E TERRITORIO TRIENNIO. Competenze disciplinari: Indirizzo: TURISMO Classe: QUARTA AT BT Disciplina: ARTE E TERRITORIO prof. ssa DANIELA GERONI Competenze disciplinari: COMPETENZE 1. Individuare i rapporti intercorrenti tra uomo, ambiente, economia nazionale

Dettagli

Collegio Arcivescovile A. Castelli Saronno

Collegio Arcivescovile A. Castelli Saronno Collegio Arcivescovile A. Castelli Saronno Scuola primaria Anno scolastico 2015/ 2016 Modulo per la progettazione e la programmazione didattica iniziale Classi : 2 A Insegnante Bressani Cristina (Discipline:

Dettagli

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE La Macchina del Tempo Il progetto ideato e realizzato da L Asino d Oro Associazione Culturale per le scuole primarie, dal titolo La Macchina del Tempo, si propone come uno strumento

Dettagli

PROGETTO (triennale)

PROGETTO (triennale) PROGETTO (triennale) Istituto Comprensivo di San Stino di Livenza Anno scolastico 2015/2016 Scuola dell Infanzia: J.Piaget 1 Titolo del progetto Felicità a colori Un Bambino creativo è un bambino felice.

Dettagli

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta L. P a s t e u r L I C E O S C I E N T I F I C O TA L I S I O T I R I N N A N Z I O r i g i n e Il liceo scientifico è nato nell

Dettagli

INGLESE SCUOLA PRIMARIA. INGLESE - CLASSI PRIME, SECONDE e TERZE Scuola Primaria

INGLESE SCUOLA PRIMARIA. INGLESE - CLASSI PRIME, SECONDE e TERZE Scuola Primaria INGLESE SCUOLA PRIMARIA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria per la lingua inglese (I traguardi sono riconducibili al Livello A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE QUARTA AREA LINGUISTICO ARTISTICO - ESPRESSIVA a. Ascoltare e parlare 1. Cogliere l argomento principale dei discorsi altrui 2. Prestare attenzione a situazioni comunicative

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

PIANO DI LAVORO LINGUA STRANIERA: INGLESE SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA MANASSEI - ROMA

PIANO DI LAVORO LINGUA STRANIERA: INGLESE SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA MANASSEI - ROMA PIANO DI LAVORO LINGUA STRANIERA: INGLESE SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA MANASSEI - ROMA A.S. 2012-2013 CLASSE PRIMA Obiettivo generale: Ascoltare e comprendere semplici messaggi Distinguere

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA. Campi di esperienza IL SE E L ALTRO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA Traguardi per lo sviluppo delle Obiettivi

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PREMESSA FONDAMENTALE Tra gli obiettivi fondamentali della Scuola Secondaria di primo grado c è stata l introduzione dello studio di una seconda

Dettagli

Curricolo Inglese 6 + 9 Circolo Didattico Sassari

Curricolo Inglese 6 + 9 Circolo Didattico Sassari Curricolo Inglese 6 + 9 Circolo Didattico Sassari C L A S S E P R I M A OBIETTIVI FORMATIVI CONOSCENZE ABILITA Ascoltare e comprendere semplici messaggi Conoscere e utilizzare parole e frasi per comunicare

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA L alunno esplora i fenomeni con un approccio scientifico: con l aiuto dell insegnante, dei compagni, in modo autonomo, osserva e descrive

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: LINGUE STRANIERE DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA FORMATIVA CAPITALIZZABILE LINGUA SPAGNOLA (SECONDA LINGUA) PRIMO BIENNIO

UNITÀ DIDATTICA FORMATIVA CAPITALIZZABILE LINGUA SPAGNOLA (SECONDA LINGUA) PRIMO BIENNIO - 1 -Progetto 274006 Realizzazione di percorsi innovativi per riqualificazione dell offerta didattica attraverso l integrazione tra diversi sistemi di istruzione, formazione tecnica, professionale, universitaria

Dettagli

CURRICOLO LINGUA INGLESE

CURRICOLO LINGUA INGLESE CURRICOLO LINGUA INGLESE COMPETENZE 1) Ascoltare e comprendere frasi ed espressioni di uso frequente relative ad ambiti di immediata rilevanza (ad esempio informazioni di base sulla persona e sulla famiglia,

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO dalla prima alla quinta classe Scuole Primarie del Circolo Didattico di Corciano Anno scolastico 2010-2011 ARTE E IMMAGINE: CINQUE PISTE DI LETTURA * ARTE E IMMAGINE Walter

Dettagli

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Liceo Artistico Statale Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Via della Rocca,7-10123 Torino - Tel.: 011.8177377 - Fax: 011.8127290 Mail: istpassoni@tin.it - sito web: http://www.lapassoni.it 1 2 Liceo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO DI FRANCESE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO DI FRANCESE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO DI FRANCESE FINALITA L insegnamento della lingua straniera deve tendere, in armonia con le altre discipline, ad una formazione

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA V CIRCOLO CHIOGGIA. Anno Scolastico 2010-2011 CURRICOLO. per la classe/le classi. 2 A-B-C-D ( B. Caccin ) 2^ tp ( D.

DIREZIONE DIDATTICA V CIRCOLO CHIOGGIA. Anno Scolastico 2010-2011 CURRICOLO. per la classe/le classi. 2 A-B-C-D ( B. Caccin ) 2^ tp ( D. DIREZIONE DIDATTICA V CIRCOLO CHIOGGIA SCUOLA PRIMARIA_ B. CACCIN - DON MILANI Anno Scolastico 2010-2011 CURRICOLO per la classe/le classi 2 A-B-C-D ( B. Caccin ) 2^ tp ( D.Milani ) Docenti: Biasiato Isabella,

Dettagli

I. I. S. S. POLO PROFESSIONALE Don Tonino Bello Tricase /Alessano

I. I. S. S. POLO PROFESSIONALE Don Tonino Bello Tricase /Alessano I. I. S. S. POLO PROFESSIONALE Don Tonino Bello Tricase /Alessano SETTORE SERVIZI SOCIO/SANITARI - INDIRIZZO: 1 1 ANNO DELL OBBLIGO SETTORE - Indirizzo: Articolazione: Arti ausiliarie delle professioni

Dettagli

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI Nel laboratorio vengono presentati e analizzati, attraverso la sperimentazione di materiali e tecniche

Dettagli

Piano dell Offerta Formativa

Piano dell Offerta Formativa Direzione Didattica del 1 Circolo di San Giorgio a Cremano (Na) Scuola dei bambini che sorridono nella pace Piano dell Offerta Formativa classi Seconde plesso Gianni Rodari Anno scolastico 2012/13 Piano

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli