Didattica della Ragioneria I modulo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Didattica della Ragioneria I modulo"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRENTO FACOLTA DI ECONOMIA Scuola di Specializzazione all Insegnamento secondario Didattica della Ragioneria I modulo Percorso formativo nel triennio degli istituti tecnici commerciali Ericka Costa 1

2 Programma data ven. 4 mar gio. 10 mar ven. 11 mar gio. 17 mar ven. 18 mar ven. 8 apr Le classi seconde: percorsi formativi, obiettivi minimi ed applicazioni pratiche Le classi terze: percorsi formativi, obiettivi minimi ed applicazioni pratiche. La gestione del patrimonio e del reddito Le classi terze: le scritture di assestamento con riferimento alla natura dei conti Le classi terze: dalla situazione economica e patrimoniale al bilancio d esercizio nella IV direttiva CEE Esame finale programma Presentazione del corso e programmazione didattica delle classi prime docente Bettega/Costa Costa Bettega Costa Bettega Bettega/Costa 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 2 2

3 L impostazione generale 1. Tavola di programmazione della classe 2. Definizione traguardi formativi 3. Problematiche 4. Sviluppo unità didattica Prerequisiti di base Richiami/collegamenti con argomenti svolti Impostazione lezione Applicazioni 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 3 3

4 Tavola di programmazione della classe seconda Obiettivi disciplinari Contenuti o abilità Attività didattica Strumenti Tipologia di verifica Tempo Prerequisiti Parte prima: Il credito e i calcoli finanziari a) Il finanziamento dell attività economica b) L interesse come remunerazione del credito c) Lo sconto come compenso per l anticipato pagamento d) L unificazione e la suddivisione dei rapporti di debitocredito Parte seconda: I mezzi di pagamento e i rapporti con le banche a) Le cambiali b) Gli assegni c) I rapporti con le banche 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 4 4

5 segue (1) Obiettivi disciplinari Consolidamento delle conoscenze acquisite nell anno precedente, con particolare riguardo agli aspetti tecnico, giuridico e fiscale degli scambi commerciali. Contenuti o abilità Ripasso d argomenti svolti in prima: calcoli proporzionali e percentuali, contratto di compravendita, IVA, fatturazione. Conoscenza adeguata degli argomenti sopraindicati. Attività didattica prerequisiti Lezione frontale Lavoro individuale Lavoro di gruppo Strumenti Libro di testo Appunti Lavagna Tipologia di verifica Svolgiment o esercizi Interrogazi oni brevi 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 5 Tempo 8 ore (4sett) 5

6 segue (2) Obiettivi Ravvisare il fabbisogno finanziario dei soggetti economici Individuare l effetto del credito sullo sviluppo economico Acquisire i concetti di mercato dei capitali e di borsa valori Distinguere tra mercato delle merci e dei capitali Contenuti Il fabbisogno finanziario Il sistema finanziario Il credito Il mercato dei capitali Il mercato aperto dei capitali Il mercato secondario dei titoli Attività Lezione frontale Analisi dei casi Schemi dimostrativi Strumenti PARTE Ia: Il finanziamento dell attività economica Libri di testo Appunti Schede riepilogative Verifica prove semistrutturate Interrogazio ni lunghe 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 6 Tempo 6 ore (3sett) 1. FABBISOGNO FINANZIARIO (FF) = insieme dei mezzi finanziari che occorrono a un soggetto economico per svolgere la propria attività. Esso si concretizza nella richiesta di finanziamenti. 1. Famiglia FF che dipende da i suoi componenti e dalle loro esigenze e che viene soddisfatto prevalentemente attraverso il reddito da lavoro. 2. Pubblica amministrazione FF deriva dallo svolgimento delle diverse attività rivolte al soddisfacimento dei bisogni collettivi (rif.) 3. Impresa ha un fabbisogno finanziario sia al momento della costituzione, sia durante lo svolgimento della propria attività. 2. SISTEMA FINANZIARIO = complesso di rapporti e di operazioni per la raccolta di risorse finanziarie e per il loro trasferimento, diretto o indiretto, a coloro che ne hanno bisogno 1. Soggetti in avanzo finanziario (prestatori di famiglie 2. Soggetti in disavanzo finanziario imprese e pubblica amministrazione SOGGETTI IN AVANZO FINANZIARIO Finanziamento diretto SOGGETTI IN DISAVANZO FINANZIARIO INTERMEDIARI FINANZIARI 3. Finanziamento indiretto IL CREDITO = è il diritto del creditore di ottenere una controprestazione futura. Si parla di operazioni di credito quando gli scambi nei quali una prestazione attuale viene fornita da un soggetto contro la promessa fatta da un altro soggetto di effettuare una controprestazione in un tempo successivo 1. Alla produzione concesso alle imprese 2. Al consumo concesso alle famiglie, e aziende non profit 4. IL MERCATO DEI CAPITALI 1. Mercati diretti gli scambi di capitali avvengono direttamente tra la parti contraenti che si accordano personalmente con contratti e clausole ad personam (rapporti con le banche) 2. Mercati aperti gli scambi di capitali avvengono in modo impersonale e a condizioni standardizzate contrattazione di strumenti finanziari definiti valori mobiliari 1. Mercato primario collocamento iniziale dei titoli 2. Mercato secondario scambi di titoli emessi in precedenza e quindi già esistenti. 6

7 segue (3) Obiettivi Contenuti Attività Strumenti Verifica PARTE Ib: l interesse come remunerazione del credito Tempo Apprendere i concetti di interesse e montante Applicare le formule dirette e inverse concetto di interesse formule dell interesse semplice Formule dell interesse quando il tempo è espresso in anni/mesi/giorni Formule inverse: ricerca del capitale, tasso, tempo Determinazione del montante lezione frontale Lavoro individuale Lavoro di gruppo Libro di testo Appunti Lavagna prove strutturate svolgimento di tracce interrogazi oni lunghe 13 ore (7sett) 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 7 1. INTERESSE = compenso che spetta a chi presta temporaneamente ad altri l utilizzo di una somma di denaro. C 0 C 1 I = C 1 - C 0 C 1 = C 0 + I t 0 t 1 1. Formula interesse tempo in anni I = [ C x r x t ] / Formula interesse tempo in mesi I = [ C x r x t ] / Formula interesse tempo in giorni 1. Civili I = [ C x r x t ] / Commerciali I = [ C x r x t ] / Standard I = [ C x r x t ] / normativa europea 2. SUGGERIMENTO = la formula dell interesse ricalca la parola Carota senza le vocali 3. UTILIZZO DELLA CRONOTAVOLA 4. INTERESSE SEMPLICE E COMPOSTO 1. semplice è proporzionale al capitale, tasso e tempo di cessione (espresso in gg, mesi, anni) si applica per operazioni entro l anno 2. composto è l interesse che si calcola non solo sul capitale investito, ma anche sugli interessi che ha prodotto nel tempo. Gli interessi vengono periodicamente capitalizzati e su di essi si calcolano nuovi interessi si applica oltre l anno 5. FORMULE INVERSE 1. Ricerca capitale C = [ 100 x I ] / [ r x t ] 2. Ricerca tasso r = [ 100 x I ] / [ C x t ] 3. Ricerca tempo t = [100 x I ] / [ C x r ] 6. IL MONTANTE = la somma del capitale iniziale e dell interesse maturato 1. M = C + I 2. M = [ C (100 + rt) ] / 100 7

8 segue (4) Obiettivi Contenuti Attività Strumenti Verifica PARTE Ic: lo sconto come compenso per l anticipato pagamento Tempo Apprendere i concetti di sconto e valore attuale Sapere in quali occasioni si applica lo sconto e perché Applicare le formule dirette e inverse il concetto di sconto lo sconto mercantile e lo sconto commerciale le formule dello sconto commerciale con le formule espresse in anni/mesi/gg le formule inverse il valore attuale Lezione frontale Lavoro di gruppo Libro di testo Appunti Lavagna Interrogazi oni brevi prove semistrutturate 8 ore (4sett) 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 8 1. SCONTO = compenso che spetta a chi paga un debito prima della scadenza. C 0 C 1 S= C 1 - C 0 C o = C 1 - S t 0 t 1 1. Sconto mercantile riduzione calcolata sul capitale senza tener conto del tempo; è quindi di tipo percentuale (es. il 5% per pagamenti pronta cassa) 2. Sconto commerciale calcolato tenendo conto anche del tempo di anticipo con cui viene pagato il capitale; è quindi finanziario 1. S = [ C x r x t ] / 100 dove C NON E IL CAPITALE INIZIALE MA QUELLO FINALE (altrimenti la formula è quella dell interesse) 2. S = [ C x r x t ] / 1200 se mesi 3. S = [ C x r x t ] / se gg anno civile 4. S = [ C x r x t ] / se gg anno commerciale 2. FORMULE INVERSE 1. Ricerca capitale C = [ 100 x S ] / [ r x t ] 2. Ricerca tasso r = [ 100 x S ] / [ C x t ] 3. Ricerca tempo t = [100 x S ] / [ C x r ] 3. IL VALORE ATTUALE = la differenza tra l importo del capitale a scadenza e lo sconto commerciale 1. VA = C - S 2. VA = [ C (100 - rt) ] / 100 8

9 segue (5) Obiettivi Contenuti Attività Strumenti Verifica Tempo PARTE Id: L unificazione e la suddivisione dei rapporti di debito-credito Conoscere i calcoli e il significato dell unificazione di capitali aventi scadenza differente Capire gli effetti del trasferimento di capitali nel tempo Acquisire il concetto di conto corrente Scadenza adeguata Scadenza comune stabilita I conti correnti (cenni) La vendita a rate e la loro evoluzione nel commercio attuale Lezione frontale Lavoro individuale Lavoro di gruppo Libro di testo Appunti Lavagna Svolgimento di tracce 4 ore (2sett) 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 9 1. UNIFICAZIIONE DI PIU DEBITI a più capitali si sostituisce un unico capitale 1. Scadenza adeguata = scadenza incognita 2. Scadenza comune stabilita 2. SUDDIVISIONE DI UN DEBITO si sostituiscono a un unico capitale più capitali versati a scadenze diverse, come avviene nelle vendite rateali. 3. SCADENZA ADEGUATA 1. Condizione: il capitale unico da restituire deve essere pari alla somma dei vari capitali C= C 1 +C 2 +C 3 +C Procedimento: media aritmetica ponderata dei giorni di scadenza di ciascun pagamento con riferimento ad una certa data che prende il nome di epoca 4. SCADENZA COMUNE STABILITA Si fissa una data 1. Prima della scadenza di tutti i capitali si tolgono gli sconti 2. In un giorno intermedio tra le scadenze dei capitali si compensano interessi e sconti 3. Dopo la scadenza di tutti i capitali si aggiungono gli interessi 5. I CONTI CORRENTI 6. LA VENDITA A RATE 1. Interesse complessivo = [ C x r x (g 1 +g 2 )/2 ] / g1= prima scadenza (in giorni) g2= ultima scadenza (in giorni) 9

10 segue (6) Obiettivi Contenuti Attività Strumenti Verifica Tempo PARTE IIa: Le cambiali Riconoscere gli strumenti di pagamento cambiari previsti dalla nostra legislazione Interpretare e compilare le cambiali Farsi un idea delle procedure che si attuano in caso di mancato pagamento delle cambiali gli strumenti di pagamento i titoli di credito la cambiale il pagherò cambiario la cambiale tratta la scadenza delle cambiali la girata l avallo della cambiale il pagamento e mancato pagamento della cambiali lezione frontale compilazione di moduli lavoro di gruppo analisi di documenti moduli di documenti libro di testo lavagna interrogazio ni brevi prove semistrutturate svolgimento esercizi 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo ore (6 sett) 10

11 segue (7) Obiettivi Contenuti Attività Strumenti Verifica Tempo PARTE IIb: Gli assegni Riconoscere gli strumenti di pagamento bancari in uso Interpretare e compilare assegni bancari e circolari farsi un idea delle conseguenze del mancato pagamento di un assegno bancario i titoli di credito bancari l assegno bancario e la sua struttura norme particolari per gli assegni il mancato pagamento di un assegno bancario l assegno circolare confronti tra i vari titoli di credito uno sguardo alla realtà lezione frontale lavoro individuale lavoro di gruppo compilazione di moduli analisi documenti moduli di documenti libro di testo lavagna interrogazio ni brevi prove semistrutturate svolgimento esercizi 10 ore (5sett) 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo NORME PARTICOLARI PER GLI ASSEGNI 1. Non trasferibile si impedisce il suo trasferimento mediante girata e il titolo sarà pagato solo al beneficiario 2. Sbarratura si appone mediante due linee trasversali sulla facciata anteriore dell assegno. Non ostacola la circolazione del titolo, ma pone delle cautele per il suo pagamento. Si potrà infatti pagare solo a un proprio cliente o a un altra banca. 2. MANCATO PAGAMENTO DEGLI ASSEGNI 1. È un titolo secutivo 2. Se è scoperto in tutto o in parte si leva protesto e di esercita azione di regresso nei confronti del traente o degli eventuali giranti 11

12 segue (8) Obiettivi Contenuti Attività Strumenti Verifica Tempo PARTE IIc: I rapporti con le banche Rendersi conto delle principali operazioni effettuate dalla banche Compilare i moduli che le banche mettono a disposizione della clientela leggere e interpretare alcuni tra i principali documenti bancari la banca e le sue attività i conti correnti bancari i giroconti e i bonifici le disposizioni elettroniche d incasso le carte di credito lezione frontale lavoro individuale lavoro di gruppo libro di testo appunti interrogazio ni brevi prove semistrutturate Svolgiment o di esercizi 7 ore (3sett) 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo BANCA = impresa, appartenente al settore terziario, che pera nel campo del credito e dei regolamenti monetari, svolgendo attività di intermediazione tra i soggetti in avanzo e i soggetti in disavanzo finanziario e prestando numerosi servizi. 2. OPERAZIONI BANCARIE 1. DI INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA 1. Operazioni di raccolta di fondi 2. Operazioni di impiego di fondi 2. DI INVESTIMENTO FINANZIARIO (investimenti in strumenti finanziari che fruttano alla banca interessi e dividendi) 3. SERVIZI DI INTERMEDIAZIONE IN VALORI MOBILIARI E VALUTE (acquista e vende per conto dei suoi clienti titoli) 4. SERVIZI COMPLEMENTARI (incasso cambiali, locazione cassette di sicurezza, amministrazione titoli...) 5. SERVIZI COLLATERALI (emissione di carte di credito, gestione operazioni leasing...) 3. I CONTI CORRENTI BANCARI 1. c/c di corrispondenza accredito, addebito, contratto di apertura, consenso al trattamento dei dati personali, lettere di addebito/accredito, estratto conto, distinta di versamento 2. la valuta giorno a decorrere dal quale la banca conteggia gli interessi a favore o a carico del cliente 4. I GIROCONTI E I BONIFICI 1. Giroconto = trasferimento contabile di una somma da un c/c all altro 2. Bonifico = ordine di pagamento che il debitore dispone invitando una banca a mettere a disposizione di un beneficiario una somma di denaro in contanti. 5. DISPOSIZIONI ELETTRONICHE D INCASSO 1. Ri.Ba ricevuta bancaria automatizzata 2. M.AV le banche effettuano la riscossione di importi periodici (es. vendita a rate automobili, tasse universitarie ). L impresa venditrice consegna alla propria banca un dischetto con nome e indirizzo dei debitori 3. R.I.D. le banche effettuano per i loro clienti pagamenti ricorrenti a scadenza prestabilita (bollette luce, acqua, gas) 12

13 L impostazione generale 1. Tavola di programmazione della classe 2. Definizione obiettivi minimi 3. Problematiche 4. Sviluppo unità didattica Prerequisiti di base Richiami/collegamenti con argomenti svolti Impostazione lezione Applicazioni 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 13 13

14 Standard minimi Conoscere i documenti della compravendita; Saper compilare i documenti del punto precedente utilizzano le cognizioni acquisite fino a questo momento; Saper usare la logica nelle procedure di calcolo relativamente alle varie operazioni e in particolare per quanto concerne quelle finanziarie; Conoscere gli strumenti da adoperare come mezzi di pagamento ed essere in grado di compilarli. 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 14 14

15 Obiettivi trasversali L economia aziendale svolge un importante ruolo per lo sviluppo delle capacità logiche degli alunni e offre loro l opportunità di acquisire una terminologia tecnica specifica. A tale scopo gli alunni dovranno: saper leggere e comprendere un testo, individuandone i nessi essenziali; essere in grado di studiare in modo ragionato tralasciando l uso esclusivo del metodo mnemonico; migliorare le capacità espositive e acquisire un linguaggio specifico; saper relazionare, non solo se guidati, su tematiche già svolte. 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 15 15

16 L impostazione generale 1. Tavola di programmazione della classe 2. Definizione obiettivi minimi 3. Problematiche 4. Sviluppo unità didattica Prerequisiti di base Richiami/collegamenti con argomenti svolti Impostazione lezione Applicazioni 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 16 16

17 Problematiche della II Non ci sono particolari problematiche soprattutto se è garantita una continuità del docente Particolare attenzione a livellare la classe in merito alle conoscenze di contenuto e di linguaggio dell anno precedente Abituare gli studenti ad uno studio autonomo e profittevole 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 17 17

18 Unità didattica classe II 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 18 18

19 Richiamo di concetti Nozioni giuridiche sui titoli di credito coordinamento con docente di Diritto ed Economia Contratto di vendita Fatturazione Modalità e tempi di pagamento 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 19 19

20 Gli strumenti di pagamento Inquadrare il problema generale ricordando che: 1. Obbligo del compratore è pagare il prezzo pattuito nel luogo e nei tempi stabiliti 2. La scelta dello strumento con cui pagare dipende da molteplici fattori (disponibilità di risorse da parte del compratore, possibilità del venditore di concedere dilazioni di pagamento, forza contrattuale delle parti, fiducia nella correttezza contrattuale, grado di rischio...) 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 20 20

21 Strumenti di regolamento A INIZIATIVA DEL COMPRATORE: versamento di denaro rilascio di assegni emissioni di pagherò girata di effetti versamento in c/c bancario versamento in c/c postale A INIZIATIVA DEL VENDITORE: procedure di incasso elettroniche; emissione di tratte spedizione in contrassegno 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 21 21

22 I titoli di credito 1. Differenze con i titoli di prova Titoli di prova attestano un operazione commerciale (fattura, documento di consegna della merce, contratti...) Titoli di credito oltre a provare l esistenza di un diritto assicurano la possibilità di farlo valere direttamente e ne consentono il trasferimento ad altre persone 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 22 22

23 I titoli di credito 2. Classificazione in base al contenuto Propriamente detti conferiscono al possessore il diritto di esigere una somma di denaro oppure di trasferirla ad altri (cambiali e assegni) Di massa attribuiscono ai loro possessori la qualità di socio in società commerciali o di creditori di enti pubblici e società private (azioni, titoli di stato, obbligazioni) Rappresentativi delle merci conferiscono ai possessori il diritto di ritirare o di trasferire ad altri le merci che sono in viaggio o che si trovano depositate in pubblici magazzini (polizze carico e fedi di deposito) 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 23 23

24 I titoli di credito 3. Classificazione in base alle modalità di trasferimento Al portatore il trasferimento dei diritti da una persona a un altra avviene con la semplice consegna del titolo All ordine il titolo risulta intestato ad una persona che lo può trasferire mediante girata Nominativi il titolo risulta intestato ad una persona la quale può trasferirlo ad un altra annotando il trasferimento non solo sul titolo, ma anche sul registro dell ente emittente 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 24 24

25 La cambiale DEFINIZIONE E un titolo di credito all ordine, formale ed esecutivo dal quale risulta l obbligazione incondizionata assunta da una certa persona di pagare o di fare pagare una determinata somma ALL ORDINE Sono trasferibili mediante ordine scritto GIRATA INOLTRE: letterale astratto autonomo FORMALE La legge richiede il rispetto di alcuni requisiti formali ESECUTIVO In caso di mancato pagamento alla scadenza il possessore può farla valere in giudizio 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo letterale vale ciò che è scritto. Ciò che è scritto sulla cambiale determina le caratteristiche del diritto 2. Astratto da essi non risulta la natura del rapporto sottostante 3. Autonomo ha vita indipendente rispetto alle circostanze che l hanno fatto nascere 25

26 Funzioni della cambiale Permettono al compratore di posticipare il pagamento delle merci o dei servizi acquistati fino alla scadenza indicata sulle cambiali stesse Consentono al venditore di disporre di un titolo esecutivo e all ordine per la riscossione del credito o lo smobilizzo anticipato trasferendolo mediante girata 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 26 26

27 Il pagherò cambiario DEFINIZIONE E un titolo di credito all ordine che contiene la promessa incondizionata, fatta da una persona chiamata emittente, di pagare un determinata somma, nel luogo e nella scadenza indicati, a favore di un altra persona chiamata beneficiario. EMITTENTE Promette di pagare BENEFICIARIO Emette e firma la cambiale Riceve la cambiale 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 27 27

28 Esempio il 21 gennaio il commerciante al dettaglio Mauro Panteri di Brescia ha acquistato una partita di merce per IVA 20% dalla Fruit & Veg srl di Milano che ha emesso una fattura immediata con regolamento a tre mesi. Poiché in passato il cliente Panteri non è stato puntuale nei pagamenti, la società venditrice ha preteso il rilascio di una cambiale che el darà modo, in caso di mancato pagamento, di esercitare una rapida azione esecutiva per il recupero del credito. Presentiamo il calcolo dell importo della fattura e il pagherò emesso in giornata dal compratore per il regolamento della fornitura. FATTURA descrizione Prezzo delle merci IVA 20% Totale Fattura importo marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 28 28

29 Esempio 1.800,00 PAGABILE PRESSO BANCA COMMERCIALE ITALIANA Filiale di Brescia BRESCIA (BS) Brescia, 21 gennaio ,00 Al 21 aprile 2005 pag_herò _per questa cambiale al Fruit & Veg srl la somma di Euro centocinquantamila/00 NOME E INDIRIZZO DEL DEBITORE Mauro Panteri Via A. Diaz n Brescia (BS) 1. Luogo e data emissione titolo 2. Importo in cifre e lettere 3. Indicazione della scadenza 4. Promessa incondizionata Denominazione del titolo 6. Luogo di pagamento 7. Nome del beneficiario 8. Nome del debitore 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo Firma emittente 29

30 La cambiale tratta DEFINIZIONE E un titolo di credito che contiene l ordine incondizionato, impartito da una persona detta traente ad un altra detta trattario, di pagare alla scadenza indicata una determinata somma a favore di una terza persona detta beneficiario. TRAENTE ordina di pagare TRATTARIO Consegna la cambiale al BENEFICIARIO Accetta di pagare al 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 30 30

31 Esempio il 29 agosto l artigiano Franco Legno di Piacenza ha acquistato attrezzature e programi informatici dalla Computer System spa di Milano che ha emesso fattura per con regolamento a fine ottobre. Poiché la Computer System spa è in debito nei confronti della Catena srl di Torino, spicca, sempre in data 29 agosto una tratta a favore di quest ultima e a carico di Franco Legno Presentiamo la cambiale accettata dal trattario. 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 31 31

32 Esempio 660,00 PAGABILE PRESSO UNICREDIT BANCA Filiale di Piacenza PIACENZA (PC) Milano, 29 agosto ,00 Al _31 ottobre 2004 pag_herete _per questa cambiale al Catena srl la somma di Euro cinquantacinquemila/00 NOME E INDIRIZZO DEL DEBITORE Franco Legnai Via del Bosco n Piacenza (PC) 1. Luogo e data emissione titolo 2. Importo in cifre e lettere 3. Indicazione della scadenza 4. Ordine incondizionato 12 Computer System 5. Denominazione del titolo 6. Luogo di pagamento 7. Nome del beneficiario 8. Nome del trattario 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo Firma traente 32

33 La cambiale tratta a due persone ordina di pagare TRAENTE TRATTARIO accetta di pagare al TRAENTE = BENEFICIARIO 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 33 33

34 Le scadenze delle cambiali A VISTA nel momento in cui viene presentata per il pagamento A CERTO TEMPO VISTA si determina dalla data di accettazione della tratta [es. a trenta giorni (dall accettazione) vista pagherete... ] A CERTO TEMPO DATA si determina dalla data di emissione [es. a trenta giorni (dall emissione) vista pagherete... ] A GIORNO FISSO indicata con precisione sulla cambiale N.B. SE LA SCADENZA NON E INDICATA LA CAMBIALE SI CONSIDERA A VISTA 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 34 34

35 La girata DEFINIZIONE E l atto con cui una cambiale e tutti i diritti ad essa associati vengono trasferiti da una persona ad un altra. La persona che esegue la girata è detta girante, mentre la persona che riceve la cambiale per effetto della girata è detta giratario. PROPRIE PIENA E per noi pagate al sig. Pino Rossi Roma, 15 aprile 2004 GIRATE IN BIANCO IMPROPRIE ALL INCASSO E per noi pagate alla Unicredit Banca Roma, 15 maggio marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 35 GIRATE PROPRIE = hanno l effetto d trasferire da una persona all altra la proprietà della cambiale GIRATE IMPROPRIE = hanno l effetto di trasferire il possesso della cambiale conservandone la proprietà 35

36 L avallo DEFINIZIONE E una garanzia di pagamento che viene scritta sulla cambiale da parte di una persona detta avallante 660,00 PAGABILE PRESSO UNICREDIT BANCA Filiale di Piacenza PIACENZA (PC) Milano, 29 agosto ,00 Al _31 ottobre 2004 pag_herete _per questa cambiale al Catena srl la somma di Euro cinquantacinquemila/00 per avallo NOME E INDIRIZZO DEL DEBITORE Franco Legnai Via del Bosco n Piacenza (PC) Computer System N.B. Se l avallante non indica il nome della persona per cui ha dato l avallo si intende per l emittente (se pagherò) e per il traente (se tratta) 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 36 36

37 Il pagamento delle cambiali Se la scadenza è a vista presentazione della cambiale al debitore entro un anno dall emissione Se è indicata una scadenza deve essere presentata all EMITTENTE (se pagherò) o al TRATTARIO (se tratta) nel luogo indicato La riscossione tramite banche 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 37 37

38 Il mancato pagamento IN ASSENZA DI CAMBIALE solleciti amichevoli Avvocato per agire in via legale emissione sentenza da parte di un tribunale solo quando la sentenza è definitiva il creditore avrà la possibilità di esercitare un azione esecutiva sui beni del debitore costoso in termini di tempo e denaro IN PRESENZA DI CAMBIALE è un titolo esecutivo quindi vale come sentenza già passata in giudicato (definitiva) protesto solenne constatazione effettuata da un pubblico ufficiale del mancato pagamento della cambiale 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 38 38

39 Le azioni cambiarie Azioni cambiarie DIRETTA DI REGRESSO Viene esercitata contro i beni degli obbligati principali (emittente o trattario/accettante) Viene esercitata contro i beni degli obbligati di regresso (giranti e traente/giranti) 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 39 39

40 Le fasi dell azione esecutiva 1. Intimidazione di pagamento o PRECETTO 2. PIGNORAMENTO sui beni del debitore che si reputano sufficienti a coprire il debito 3. VENDITA FORZATA all asta dei beni pignorati 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 40 40

41 Applicazioni pratiche Esercizi sui pagherò cambiari Esercizi sulla cambiale tratta Esercizi sull intreccio tra pagherò e tratta Le cambiali con girate Gli effetti avallati e/o insoluti Intreccio tra fatture e cambiali 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 41 41

42 Grazie per l attenzione 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 42 42

43 Test d ingresso alla classe II Indicare la risposta corretta (sono ammesse più risposte) 1. Il pane: È un bene economico; È un bene libero; Soddisfa un bisogno primario; Soddisfa un bisogno collettivo. 2. La vendita di un elettrodomestico da parte di un impresa commerciale al dettaglio è un atto di: Produzione diretta; Produzione indiretta; Investimento; Consumo durevole. 3. L accensione di un mutuo presso una banca da parte di un impresa rappresenta un: Debito di regolamento; Debito di finanziamento; Credito di finanziamento; Finanziamento a titolo di capitale proprio. 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 43 43

44 Test d ingresso alla classe II Dopo aver letto attentamente la situazione che ti viene presentata rispondi alle domande che seguono Andrea Salvan ha costituito l azienda individuale Prisma Sistemi per la vendita al dettaglio di hardware e software applicativi. Egli è titolare dell azienda ed è l unico a svolgere attività lavorativa al suo interno. 1. Chi è il soggetto giuridico della Prisma Sistemi? 2. Cosa si intende per soggetto giuridico di un azienda? 3. Chi è il soggetto economico della Prisma Sistemi? 4. Cosa si intende per soggetto economico di un azienda? 5. Qual è il documento certificativo delle vendite di computer e software al consumatore finale? 6. Qual è il documento certificativo delle vendite a un altra impresa di computer? 7. Il corrispettivo della vendita di un computer a un consumatore finale è comprensivo di IVA? E ad un altra azienda? 8. Il prezzo al pubblico di una stampante è di comprensivo di IVA al 20%. A quanto ammonta il prezzo della sola stampante? 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo Soggetto giuridico = persona fisica (imprenditore) o giuridica (società) 2. Soggetto giuridico = colui che si accolla gli obblighi contrattuali della società 3. Soggetto economico = imprenditore (perché non ci sono lavoratori) 4. Soggetto economico = insieme di persone che esprimono gli interessi interni 5. Fattura 6. Fattura 7. Si, Si =120% /120*100=

45 Test d ingresso alla classe II Ricostruisci la parte tabellare di una fattura. Importo della merce Totale fattura Importo delle merci al netto dello sconto incondizionato Cauzione per imballaggi a rendere Spese di collaudo non documentate Interessi per dilazione di pagamento Base imponibile Spese documentate anticipate dall impresa venditrice IVA 20% Trasporto con automezzo dell impresa venditrice Sconto incondizionato 6.852, , ,07 50,00 300,00 20, ,32 182, ,86 422,25 685,23 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 45 SOLUZIONE Importo della merce Sconto incondizionato Importo delle merci al netto dello sconto incondizionato Spese di collaudo non documentate Trasporto con automezzo dell impresa venditrice Base imponibile IVA 20% Spese documentate anticipate dall impresa venditrice Cauzione per imballaggi a rendere Interessi per dilazione di pagamento Totale fattura 6.852,30-685, , , , ,86 182,4 50,00 20, ,58 45

46 Test d ingresso alla classe II Completa le seguenti frasi utilizzando le parole sotto elencate, tenendo conto che alcune di esse hanno la funzione di distrattori 1. L introduzione in Italia del lavoro è stata realizzata per dare flessibilità al settore del lavoro. 2. In una il risparmio si ottiene evitando di spendere nell acquisto di beni o servizi parte del denaro guadagnato con il lavoro dei propri membri. 3. Lo è dotato di cioè del potere di emanare leggi, di imporre l applicazione e di giudicare i trasgressori. 4. Le imposte colpiscono le manifestazioni evidenti della capacità contributiva individuate nel reddito conseguito o nel posseduto. 5. Si considera sia l acquisto di fattori produttivi, sia la concessione di finanziamenti. 6. Quando in un contratto di vendita viene inserita la clausola l imballaggio viene addebitato al compratore a un che è distinto e separato da quello della merce. WORDS: capacità contributiva, dirette, famiglia, finanziamento, imballaggio a rendere, imballaggio fatturato, imprese, indirette, interinale, investimento, monetario, patrimonio, personali, prezzo, produzione, reali, reddito, sovranità, subordinato, Stato) 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 46 Soluzione L introduzione in Italia del lavoro INTERINALE è stata realizzata per dare flessibilità al settore del lavoro SUBORDINATO. In una FAMIGLIA il risparmio MONETARIO si ottiene evitando di spendere nell acquisto di beni o servizi parte del denaro guadagnato con il lavoro dei propri membri. Lo STATO è dotato di SOVRANITÀ cioè del potere di emanare leggi, di imporre l applicazione e di giudicare i trasgressori. Le imposte DIRETTE colpiscono le manifestazioni evidenti della capacità contributiva individuate nel reddito conseguito o nel PATRIMONIO posseduto. Si considera INVESTIMENTO sia l acquisto di fattori produttivi, sia la concessione di finanziamenti. Quando in un contratto di vendita viene inserita la clausola IMBALLAGGIO FATTURATO l imballaggio viene addebitato al compratore a un PREZZO che è distinto e separato da quello della merce. 46

47 Test d ingresso alla classe II Indicare se le seguenti affermazioni sono Vere o False V F a. b. c. d. e. f. g. h. Il tesoreggiamento delle risorse monetarie fa aumentare gli investimenti produttivi e migliorare la situazione economica del Paese I sistema economico italiano è di tipo collettivista Il processo di commercializzazione dei beni e dei servizi prodotti consente alle imprese di conseguire ricavi La capacità contributiva è la capacità economica dei cittadini di concorrere ad accrescere il patrimonio dello Stato e degli enti locali dopo aver soddisfatto le fondamentali esigenze della vita. L IVA è un imposta diretta regionale che colpisce le attività produttive La vendita di merci con regolamento dilazionato origina un credito di finanziamento L utile conseguito da un impresa è la differenza tra il totale degli impieghi e il totale dei finanziamenti E obbligatorio procedere alla fatturazione immediata quando l operazione consiste in una prestazione di servizi 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 47 47

48 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 48 48

49 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 49 49

50 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 50 50

51 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 51 51

52 Sintesi (Ia) 1. il fabbisogno finanziario può riguardare Famiglia Pubblica Amministrazione Impresa alla costituzione durante il funzionamento 2. gli scambi di risorse finanziarie possono avvenire direttamente tra soggetti in avanzo e in disavanzo finanziario tramite intermediari (in particolare le banche) 3. a seconda del soggetto beneficiario il credito si divide in credito alla produzione (beneficiarie le imprese) credito al consumo (beneficiarie le famiglie) 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 52 52

53 Sintesi (Ia) 4. il mercato dei capitali comprende mercati diretti mercati aperti primari secondari 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 53 53

54 Scadenza adeguata L industria del Giocattolo Spa ha emesso nei confronti del commerciante Carlo Ambretta queste tre fatture: Fattura n. 132 di ,00 da pagare il 10/3 Fattura n. 195 di ,00 da pagare il 12/4 Fattura n. 210 di ,00 da pagare il 09/5 A saldo di tali fatture il commerciante Ambretta effettua alla Giocattolo Spa un unico pagamento di importo pari alla somma dei suoi tre debiti. Determiniamo la data in cui il commerciante al dettaglio esegue il pagamento. 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 54 54

55 Scadenza adeguata Capitali Scadenze Giorni Numeri ,00 10 marzo Epoca ,00 12 aprile ,00 9 maggio , , , , ,00 = 29 giorni Scadenza adeguata = 29 giorni + epoca = 8 aprile 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 55 55

56 Scadenza comune stabilita Un commerciante ha acquistato 4 partite di merci da una stessa impresa fornitrice che gli ha inviato le seguenti fatture: Fattura di ,00 da pagare il 12/10 Fattura di ,00 da pagare il 17/11 Fattura di ,00 da pagare il 20/12 Fattura di ,00 da pagare il 9/1 In seguito il commerciante si è accordato con l impresa fornitrice per estinguere i quattro debiti con un unico versamento, applicando il tasso del 6%. Determiniamo l importo pagato sotto le seguenti ipotesi: 1. La scadenza comune è stabilita al 4/10 2. La scadenza comune è stabilita al 20/1 3. La scadenza comune è stabilita al 30/11 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 56 56

57 Scadenza stabilita al 4/10 4/10 12/10 17/11 20/12 9/1 Capitali Scadenze Giorni Numeri ,00 12/ , ,00 17/ , ,00 20/ , ,00 9/ , , ,80,00 Sconto = x , ,20 Somma pagata il 4/10 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 57 57

58 Scadenza stabilita al 21/1 12/10 17/11 20/12 9/1 20/1 Capitali Scadenze Giorni Numeri ,00 12/ , ,00 17/ , ,00 20/ , ,00 9/ , , ,92 Interesse = x , ,92 Somma pagata il 20/1 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 58 58

59 Scadenza stabilita al 30/11 12/10 17/11 30/11 20/12 9/1 Capitali Scadenze Giorni Numeri ,00 12/ , ,00 17/ , ,00 20/ , ,00 9/ , ,00-73,92 Sconto = x , ,08 Somma pagata il 30/11 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 59 59

60 La vendita a rate Un cliente ha acquistato nel negozio al dettaglio TV e Stereo 4ever un Tv color LCD 42 al prezzo di listino di 3.285,00 (IVA inclusa). Il pagamento è convenuto in 6 rate costanti, scadenti ciascuna ogni 30gg, interessi al tasso del 7% Ultima scadenza (6 rate x 30 gg) 3.285,00 x 7 x 2 = 66,15 Interesse complessivo Prezzo TV LCD 42 + interesse complessivo Totale da pagare ,00 66, ,15 Prima scadenza Numero rate 6 Importo rata 558,53 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 60 60

61 L assegno bancario TRAENTE ordina di pagare alla BANCA TRASSATA consegna l assegno al BENEFICIARIO paga l assegno a vista al Rapporto di c/c con la banca PRESUPPOSTI Convenzione di assegno Esistenza della provvista 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 61 61

62 Compilazione 1. Il luogo di emissione. 2. Data di emissione 3. L importo in cifre 4.L importo in lettere: 5. Il beneficiario 6. La sottoscrizione dell emittente ( firma autografata) 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 62 62

63 L assegno circolare RICHIEDENTE versa il denaro consegna l assegno BANCA EMITTENTE invia l assegno al BENEFICIARIO promette di pagare presenta l assegno per il pagamento 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 63 63

64 I c/c bancari Carlo Rossi di Roma in data 20/11 ha aperto un c/c presso la BNL, agenzia n. 3. La prima operazione è stata un versamento di denaro contante di Successivamente il c/c è stato movimentato con le seguenti operazioni. 23/11 addebito della bolletta Enel di 42,80, commissione bancaria 1,00 27/11 accredito dello stipendio di 1.241,00 30/11 addebito per acconto imposte sul reddito 730,00 20/12 accredito dello stipendio e della tredicesima per 1.825,00 27/12 addebito della rata del mutuo in scadenza 1.095,00 Presentiamo i conteggi e la documentazione al 31/12 del c/c sapendo che il tasso creditore per la banca ammonta è del 2,50% lordo, spese e 0,40 per movimento, 9,20 per la liquidazione periodica e per il recupero dell imposta di bollo sull estratto conto trimestrale. RICORDA: METODO AMBURGHESE 2 PROSPETTI ESTRATTO CONTO CONTO SCALARE 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 64 64

65 L estratto conto Date Operazioni Movimenti Saldi Valute n. S Importi S Importi 20/11 Versamento contanti , ,00 20/ /11 Bolletta - 43, ,20 23/ /11 Stipendio , ,20 27/ /11 Pagamento imposte - 730, ,20 30/ /12 Stipendio e tredicesima , ,00 20/ /12 Rata mutuo , ,20 27/12 6 N.B. è solo un caso che le valute coincidono con le date delle operazioni N.B. utilizzo di segni + e invece che A e D 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 65 65

66 Lo scalare interessi N. S Importi S Saldi per valuta Valute gg Numeri Dare Avere , ,00 20/ , ,20 23/ , ,20 27/ , ,20 30/ , ,00 20/ , ,20 27/ I giorni si calcolano da una valuta all altra. L ultima operazione prende come valuta successiva il 31/ marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 66 66

67 Il calcolo delle competenze Interessi creditori lordi I = [ x 2.50] ,70 - Ritenuta fiscale 18,70 x 27% 5,05 Interessi creditori netti 13,65 - Spese per movimento 0,40 x 6 2,40 - Spese liquidazione periodica 9,20 Totale spese di tenuta conto Competenze nette trimestrali a favore del cliente 11,60 2,05 10 marzo 2005 Didattica della Ragioneria - I modulo 67 67

Economia Aziendale II

Economia Aziendale II Albez edutainment production Economia Aziendale II Le cambiali 1 Sommario L epoca di pagamento Gli strumenti di pagamento I titoli di credito La cambiale Cosa vuol dire Tipologia di cambiali Il pagherò

Dettagli

Economia Aziendale II

Economia Aziendale II Albez edutainment production Economia Aziendale II Le cambiali Sommario L epoca di pagamento Gli strumenti di pagamento I titoli di credito La cambiale Cosa vuol dire Tipologia di cambiali Il pagherò Contenuto

Dettagli

SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2

SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2 Vivere l azienda 2 - Modulo 2 Unità 2 verifiche Soluzioni pag. 1 di 5 SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2 Gli strumenti cartacei di regolamento VERIFICA VELOCE 1 1. V; 2. F; (denaro contante), 3. V; 4.

Dettagli

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI Economia aziendale è una disciplina che studia l azienda; è un insieme di persone e di beni con un organizzazione e uno scopo: SODDISFARE I BISOGNI. Le aziende si

Dettagli

I TITOLI DI CREDITO. Nel pagherò concorrono: a) il trattario e il traente. b) il traente e il beneficiario. c) l emittente e il beneficiario.

I TITOLI DI CREDITO. Nel pagherò concorrono: a) il trattario e il traente. b) il traente e il beneficiario. c) l emittente e il beneficiario. I TITOLI DI CREDITO Il titolo di credito: a) conferisce un diritto di credito. b) incorpora un diritto di credito. c) vale quale prova di un contratto stipulato fra le parti. L esecutività è: a) caratteristica

Dettagli

VERIFICA DI FINE MODULO 2

VERIFICA DI FINE MODULO 2 erifica di fine modulo 2 pag. 1 di 6 ERIICA DI INE MODULO 2 Strumenti di regolamento degli scambi commerciali 1. Segna con una crocetta la risposta esatta. 1. Il bonifico bancario viene effettuato per

Dettagli

PRESTA DENARO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO

PRESTA DENARO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO PRESTA DENARO MUTUANTE MUTUATARIO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO 1 LA SUA MISURA, RAPPORTATA A 100

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. I servizi di investimento e di pagamento

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. I servizi di investimento e di pagamento Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di investimento e di pagamento I servizi di investimento Prodotti che soddisfano le esigenze di investimento della clientela Raccolta diretta (raccolta

Dettagli

Verifica di fine modulo. Il credito e i calcoli finanziari

Verifica di fine modulo. Il credito e i calcoli finanziari ... Nome... Classe... Data... Verifica di fine modulo. Il credito e i calcoli finanziari Scelta multipla Indicare con una crocetta la risposta esatta. 1. Concorre al soddisfacimento del fabbisogno finanziario

Dettagli

ESERCIZI SU FATTURAZIONE, ASSEGNI E CAMBIALI

ESERCIZI SU FATTURAZIONE, ASSEGNI E CAMBIALI ESERCIZI SU FATTURAZIONE, ASSEGNI E CAMBIALI 1 Scelta multipla Indica con una crocetta la risposta esatta. a) È u strumento di pagamento a iniziativa del venditore: 1. il rilascio di un asseg bancario

Dettagli

verifiche di ingresso

verifiche di ingresso 114 PARTE TERZA erifiche di ingresso ed esercizi riepilogativi ERIICHE DI INGRESSO NOTA BENE: 1 2 3 Il diverso grado di difficoltà degli esercizi è così contrassegnato: livello di difficoltà basso livello

Dettagli

ANALISI QUALITATIVA DEL CAPITALE I FINANZIAMENTI

ANALISI QUALITATIVA DEL CAPITALE I FINANZIAMENTI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO ECONOMIA AZIENDALE e RAGIONERIA APPLICATA ALLE IMPRESE TURISTICHE Anno Accademico 2011 2012 Lezione 6 ANALISI QUALITATIVA DEL CAPITALE I FINANZIAMENTI

Dettagli

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 INSEGNANTE: FRECCERO Bruna CLASSE: II B SETTORE: servizi commerciali INDIRIZZO: servizi commerciali PROGRAMMAZIONE INIZIALE FINALITA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSI SECONDE SEZIONE TECNICO indirizzo AFM

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSI SECONDE SEZIONE TECNICO indirizzo AFM PROGRAMMAZIONE MODULARE DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSI SECONDE SEZIONE TECNICO indirizzo AFM Obiettivi di apprendimento ( come da linee guida) Al termine del biennio lo studente deve possedere: 1. Conoscenze

Dettagli

RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING

RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING L operazione di sconto cambiario Lo sconto cambiario rappresenta un operazione di smobilizzo dei crediti commerciali mediante

Dettagli

Programma di Economia Aziendale. Classe 2^A

Programma di Economia Aziendale. Classe 2^A Programma di Economia Aziendale Classe 2^A Anno scolastico 2014/2015 Docente COIS ANNA Libro di testo: Telepass + Blu Economia aziendale per il primo biennio Istituti tecnici del settore economico P.Costa

Dettagli

Intermediari finanziari

Intermediari finanziari il LEGALE Intermediari finanziari È diventato praticamente obbligatorio per tutte le imprese, siano esse piccole, medie o grandi, dovere intrattenere rapporti con Istituti bancari. Vediamo il perché dell

Dettagli

Inserire nella tabella i dati mancanti. Capitale Tasso Tempo di anticipo Sconto commerciale

Inserire nella tabella i dati mancanti. Capitale Tasso Tempo di anticipo Sconto commerciale Inserire nella tabella i dati mancanti. Capitale Tasso Tempo di dilazione Interesse Montante 21.900,00 4,25% 18 giorni (anno civile) 5% 8 mesi 6.250,00. 4,20% 3 anni e 1/2. 66.984,80 292.000,00 dal 4/05

Dettagli

7. CONTABILITA GENERALE

7. CONTABILITA GENERALE 7. CONTABILITA GENERALE II) SCRITTURE DI GESTIONE OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI 1 Definizione Per poter acquisire i fattori produttivi da impiegare nel processo produttivo l impresa necessita del fattore

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Attività e passività finanziarie I prestiti bancari e altre operazioni di finanziamento I prestiti bancari - aspetti generali I prestiti bancari: sono eterogenei

Dettagli

COSTITUZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI

COSTITUZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI COSTITUZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI Esempio di costituzione di una S.r.l. Si costituisce il 31 ottobre la S.r.l. Beta, con un capitale sociale di 300.000 sottoscritto dai soci seguenti: - socio A: quota

Dettagli

LE OPERAZIONI DI SMOBILIZZO E GLI ANTICIPI SU FATTURE. Prof. Pietro Samarelli

LE OPERAZIONI DI SMOBILIZZO E GLI ANTICIPI SU FATTURE. Prof. Pietro Samarelli LE OPERAZIONI DI SMOBILIZZO E GLI ANTICIPI SU FATTURE Prof. Pietro Samarelli La cessione di credito E l istituto giuridico mediante il quale il creditore originario viene sostituito da un altro soggetto,

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità

Dettagli

UTILIZZO DELLO SCADENZARIO OPERAZIONI PRELIMINARI

UTILIZZO DELLO SCADENZARIO OPERAZIONI PRELIMINARI Pagina 1 di 29 UTILIZZO DELLO SCADENZARIO Di seguito vengono indicate le operazioni preliminari necessarie per poter gestire lo Scadenzario, e alcuni esempi di utilizzo. OPERAZIONI PRELIMINARI impostare

Dettagli

18 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI

18 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI CONTABILITA GENERALE 18 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 7 II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI 20 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 F. Scritture relative all

Dettagli

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 5. Emanuela Giachin INDIVIDUAZIONE

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 5. Emanuela Giachin INDIVIDUAZIONE Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 5 Strumenti di pagamento a confronto Risultati attesi Sapere: gli aspetti giuridici e formali dei principali strumenti. Emanuela Giachin Contenuti

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 3 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità

Dettagli

Presentare il prospetto dello Stato Patrimoniale che evidenzia gli impieghi e le fonti di finanziamento

Presentare il prospetto dello Stato Patrimoniale che evidenzia gli impieghi e le fonti di finanziamento Svolgere il seguente esercizio. Al termine di un certo anno gli impieghi e i finanziamenti di capitale di debito di un impresa commerciale sono i seguenti: merci 106.000 euro, automezzi 18.000 euro, debiti

Dettagli

* Il sistema finanziario

* Il sistema finanziario * Il sistema finanziario e le banche Prof.ssa Valeria Roncone 1 *Argomenti chiave: L attività della banca e sue specificità Le funzioni della banca Il Sistema Europeo di Banche Centrali e la Banca Centrale

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELL AZIENDA

IL FINANZIAMENTO DELL AZIENDA IL FINANZIAMENTO DELL AZIENDA L azienda può finanziare lo svolgimento della propria attività produttiva mediante: a) CAPITALE PROPRIO: si tratta di mezzi finanziari apportati dal proprietario o dai soci;

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 4 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e B) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3)

Dettagli

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO Es. n. 1 Presentare le parti tabellari delle seguenti fatture: lo/lo ricevuta fattura della ditta Romano

Dettagli

TITOLI DI CREDITO CAMBIALE ASSEGNO MONETA ELETTRONICA

TITOLI DI CREDITO CAMBIALE ASSEGNO MONETA ELETTRONICA TITOLI DI CREDITO CAMBIALE ASSEGNO MONETA ELETTRONICA 1 CAMBIALE Contenuto Pagherò cambiario Cambiale tratta Scadenza Garanzie e pagamento Contenuto ASSEGNO Assegno bancario Assegno circolare Garanzie

Dettagli

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 2 B SIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 2 B SIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCENTE: Prof. Agnese Maria Pancino RIPASSO FATTURA I CALCOLI FINANZIARI L interesse e i problemi diretti L interesse e i problemi inversi Il montante e i problemi diretti Il montante e i problemi inversi

Dettagli

PROF. ALBANO SALVATORE

PROF. ALBANO SALVATORE Istituto Statale di Istruzione Superiore Zenale e Butinone Economia aziendale KIT ESTIVO CLASSE 2^BTT PROF. ALBANO SALVATORE Fascicolo A Esercitazioni obbligatorie per tutti gli studenti da consegnare

Dettagli

http://127.0.0.1:51235/temp_print_dirs/exetempprintdir_4a8dzj/prog...

http://127.0.0.1:51235/temp_print_dirs/exetempprintdir_4a8dzj/prog... 1 of 15 06/03/2012 18.47 Le vendite e il loro regolamento In questo modulo analizzeremo i principali aspetti giuridici, tecnici e fiscali relativi alla vendita di beni e servizi. Esamineremo le scritture

Dettagli

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO:

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometri Liceo Linguistico/Linguistico

Dettagli

4. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI E SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI

4. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI E SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 4. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI E SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 1 3) Rettifiche su acquisti Le rettifiche su acquisti (o scritture di rettifica dei costi) si riferiscono

Dettagli

DOTT. TOMASELLO GIUSEPPE DOTTORE COMMERCIALISTA CONSULENTE DEL LAVORO REVISORE LEGALE

DOTT. TOMASELLO GIUSEPPE DOTTORE COMMERCIALISTA CONSULENTE DEL LAVORO REVISORE LEGALE 1 CORSO BASE DI CONTABILITA' BILANCIO e DIRITTO TRIBUTARIO 2011 1 MODULO REGOLE BASE DI CONTABILITA DOTT. TOMASELLO GIUSEPPE DOTTORE COMMERCIALISTA CONSULENTE DEL LAVORO REVISORE LEGALE PROGRAMMA La rilevazione

Dettagli

PEGNO SU STRUMENTI FINANZIARI TITOLI CARTACEI BENI O CREDITI VALORE DELL INSIEME

PEGNO SU STRUMENTI FINANZIARI TITOLI CARTACEI BENI O CREDITI VALORE DELL INSIEME Il presente foglio informativo non costituisce offerta al pubblico ai sensi dell art. 1336 Cod.Civ. PEGNO SU STRUMENTI FINANZIARI TITOLI CARTACEI BENI O CREDITI VALORE DELL INSIEME Sezione I - Informazioni

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento e di hedging I prestiti sono concessi nell ambito di un predefinito rapporto di fido o di affidamento

Dettagli

ECONOMIA DEGLI STRUMENTI FINANZIARI E ASSICURATIVI/ TECNICA BANCARIA

ECONOMIA DEGLI STRUMENTI FINANZIARI E ASSICURATIVI/ TECNICA BANCARIA ECONOMIA DEGLI STRUMENTI FINANZIARI E ASSICURATIVI/ TECNICA BANCARIA V.O. N.O. Tutti gli studenti devono rispondere alle domande: 1-9. Gli studenti del vecchio ordinamento devono rispondere anche alle

Dettagli

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994 I TITOLI DI CREDITO La cessione ordinaria del credito è poco efficiente a causa delle eccezioni che il debitore ceduto può eccepire al creditore cessionario relativamente alle eccezioni che avrebbe potuto

Dettagli

ESERCIZI DI RIPASSO PER IL TRIENNIO

ESERCIZI DI RIPASSO PER IL TRIENNIO Istituto Tecnico Commerciale e Geometri A. Bassi Via di Porta Regale, 2 26900 LODI C.F. 84504980156 Corsi Diurni: IGEA Mercurio Geometri Progetto Cinque ERICA Tecnico Turistico ITER Corsi Post Diploma

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " - Teano. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  - Teano. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " - Teano Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe seconda/sez. AT Prof. Basilone Alfonso COMPOSIZIONE DELLA CLASSE

Dettagli

IIS D ORIA - UFC PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO TURISTICO MATERIA ECONOMIA AZIENDALE ANNO DI CORSO SECONDO INDICE DELLE UFC

IIS D ORIA - UFC PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO TURISTICO MATERIA ECONOMIA AZIENDALE ANNO DI CORSO SECONDO INDICE DELLE UFC INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 LA GESTIONE 2 LA RAPPRESENTAZIONE DEI RISULTATI DI GESTIONE 3 LA REMUNERAZIONE DEL CREDITO : L INTERESSE 4 IL PAGAMENTO ANTICIPATO DI UN DEBITO : LO SCONTO 5 L UNIFICAZIONE

Dettagli

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a UNITÀ B La gestione e i suoi risultati: il patrimonio e il reddito Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a La gestione delle aziende di produzione: settori e profili di analisi Documento Esercizi Operazioni

Dettagli

COMPITI per le VACANZE

COMPITI per le VACANZE AREA TECNICO PROFESSIONALE TECNICA ED ECONOMIA AZIENDALE 1 OAS COMPITI per le VACANZE Rispondi alle seguenti domande: 1. Che tipo di attività svolgono le aziende commerciali? Quali aziende commerciali

Dettagli

LE FORME TECNICHE DI RACCOLTA DELLE RISORSE FINANZIARIE. Appunti sul libro Economia della Banca

LE FORME TECNICHE DI RACCOLTA DELLE RISORSE FINANZIARIE. Appunti sul libro Economia della Banca LE FORME TECNICHE DI RACCOLTA DELLE RISORSE FINANZIARIE Appunti sul libro Economia della Banca DEFINIZIONI Le forme tecniche di raccolta comprendono il complesso degli strumenti che consentono alla banca

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 4 M LLT

COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 4 M LLT Completa, con l inserimento dei dati mancanti, l analisi dei seguenti fatti di gestione effettuati dalla ditta Mario Rossi & c. (titolare di conto corrente bancario presso la BANCA DI ROMA) 1) la ditta

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Attività e passività finanziarie Depositi e Titoli di Stato Le attività finanziarie Il primo degli elementi che compongono il sistema finanziario è rappresentato

Dettagli

PARTE SECONDA La gestione aziendale

PARTE SECONDA La gestione aziendale PARTE SECONDA La gestione aziendale Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo le diverse operazioni della gestione, che si distinguono in fatti esterni o di scambio e fatti interni o di produzione

Dettagli

F O G L I O I N F O R M A T I V O SERVIZIO INCASSO EFFETTI, DISPOSIZIONI ELETTRONICHE E DOCUMENTI I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

F O G L I O I N F O R M A T I V O SERVIZIO INCASSO EFFETTI, DISPOSIZIONI ELETTRONICHE E DOCUMENTI I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Tel +390647021 http://www.bnl.it - Codice ABI

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

Capitolo XV. La gestione della finanza: investimenti e finanziamenti

Capitolo XV. La gestione della finanza: investimenti e finanziamenti Capitolo XV La gestione della finanza: investimenti e finanziamenti La funzione finanziaria Nella funzione finanziaria si comprende il complesso di decisioni e di operazioni volte a reperire e ad impiegare

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

Libera Università Maria SS. Assunta

Libera Università Maria SS. Assunta Libera Università Maria SS. Assunta Corso di Economia e Gestione delle Imprese La gestione finanziaria 1 Definizione Alla funzione finanziaria è affidato il complesso di decisioni ed operazioni volte a

Dettagli

FINANZIAMENTI A BREVE

FINANZIAMENTI A BREVE FINANZIAMENTI A BREVE Il presupposto per accedere a finanziamenti da parte delle banche è la concessione del fido. Un soggetto affidato può accedere ad operazioni di finanziamento di diverso genere, tra

Dettagli

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO: 2015-2016 INSEGNANTE: ASCHERI Maria Rosa CLASSE: I A c SETTORE: servizi INDIRIZZO: servizi commerciali PROGRAMMAZIONE INIZIALE FINALITA DELLA

Dettagli

Il sistema creditizio e le banche. Classe V A

Il sistema creditizio e le banche. Classe V A Il sistema creditizio e le banche Classe V A Il credito è il diritto del creditore, che ha effettuato una prestazione attuale, di ottenere una controprestazione futura. CREDITO INDIRETTO: Trasferimento

Dettagli

Modulo 1: Introduzione alla Banca

Modulo 1: Introduzione alla Banca Modulo 1: Introduzione alla Banca dott. Claudio Rossi L attività bancaria La legge 12 marzo 1936 n. 375 (Legge Bancaria) detta disposizioni su la raccolta del risparmio fra il pubblico sotto ogni forma

Dettagli

Regime Iva per cassa: opportunità a criticità operative

Regime Iva per cassa: opportunità a criticità operative ART. 32-BIS 1. per le cessioni di beni e per le prestazioni di servizi effettuate da soggetti passivi con volume d'affari non superiore a 2 milioni di euro, nei confronti di cessionari o di committenti

Dettagli

Biennio: AFM, TURISTICO.

Biennio: AFM, TURISTICO. ANNO SCOLASTICO 0/06 Programmazione del dipartimento di ECONOMIA AZIENDALE Biennio: AFM, TURISTICO. FINALITÀ L'insegnamento dell'economia aziendale nella prima classe è teso a fornire una visione organica

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 2^ A AMF INTERESSE, MONTANTE, SCONTO COMMERCIALE, VALORE ATTUALE COMMERCIALE

COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 2^ A AMF INTERESSE, MONTANTE, SCONTO COMMERCIALE, VALORE ATTUALE COMMERCIALE INTERESSE, MONTANTE, SCONTO COMMERCIALE, VALORE ATTUALE COMMERCIALE Risolvi i seguenti problemi: Un impresa commerciale acquista merci per 18.360 ottenendo una dilazione di pagamento di due mesi al tasso

Dettagli

7. La costituzione d impresa e le principali operazioni di gestione

7. La costituzione d impresa e le principali operazioni di gestione 102 C) Il Piano dei conti Capitolo 3 Il Piano dei conti è un elenco ragionato di tutti gli oggetti di conto che il contabile prevede di attivare per le proprie registrazioni e contiene le note illustrative

Dettagli

Gli acquisti e il loro regolamento. Classe III ITC

Gli acquisti e il loro regolamento. Classe III ITC Gli acquisti e il loro regolamento Classe III ITC L acquisto dei fattori produttivi Rappresenta un operazione di investimento che genera costi Classificazione dei fattori produttivi pluriennali = beni

Dettagli

I. T. C. " S. BANDINI " - SIENA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE 1^ Sez. A AFM PROGRAMMA di ECONOMIA D AZIENDA

I. T. C.  S. BANDINI  - SIENA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE 1^ Sez. A AFM PROGRAMMA di ECONOMIA D AZIENDA I. T. C. " S. BANDINI " - SIENA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE 1^ Sez. A AFM PROGRAMMA di ECONOMIA D AZIENDA I SISTEMI DI MISURA E GLI ARROTONDAMENTI. I sistemi di misurazione. Il sistema metrico decimale.

Dettagli

Gli strumenti di raccolta di tipo personalizzato

Gli strumenti di raccolta di tipo personalizzato Gli strumenti di raccolta di tipo personalizzato Economia delle aziende di credito.. 2008/2009 Università degli studi Roma Tre - Economia delle aziende di credito,.. 2008/2009 1 Indice degli argomenti

Dettagli

Capitale di credito PRESENTAZIONE DI EFFETTI SALVO BUON FINE

Capitale di credito PRESENTAZIONE DI EFFETTI SALVO BUON FINE PRESENTAZIONE DI EFFETTI SALVO BUON FINE Definizione È una forma di finanziamento basata sulla presentazione all incasso, da parte dell impresa, di crediti in scadenza aventi o meno natura cambiaria e

Dettagli

GARA NAZIONALE IGEA 2011 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

GARA NAZIONALE IGEA 2011 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE GARA NAZIONALE IGEA 2011 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE Si richiede lo svolgimento della parte A e di uno dei punti a scelta della parte B E consentito l uso del Codice Civile non commentato e della calcolatrice

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

Esame di Stato - Lo smobilizzo dei crediti. Svolgimento

Esame di Stato - Lo smobilizzo dei crediti. Svolgimento Esame di Stato - Lo smobilizzo dei crediti di Maurizio Belli Proposta di esercitazione di Economia aziendale Il candidato, dopo aver illustrato le operazioni bancarie di impiego a breve termine ed evidenziato

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

LEZIONE: TESORERIA 1/2

LEZIONE: TESORERIA 1/2 Corso Responsabile Amministrativo E. Marcelli C. Marcelli LEZIONE: TESORERIA 1/2 Tesoreria 1/2 AGENDA 1. Tenuta cassa 1.1 Prima nota cassa 1.2 Prima nota cassa esempio 1.3 Controllo cassa 2. Banca: Tipologie

Dettagli

ESERCIZI CALCOLO DELL INTERESSE. 1. Un commerciante ha avuto in prestito per un anno 25.840,00 al tasso del 6,50%. Si calcoli l interesse pagato.

ESERCIZI CALCOLO DELL INTERESSE. 1. Un commerciante ha avuto in prestito per un anno 25.840,00 al tasso del 6,50%. Si calcoli l interesse pagato. ESERCIZI CALCOLO DELL INTERESSE 1. Un commerciante ha avuto in prestito per un anno 25.840,00 al tasso del 6,50%. Si calcoli l interesse pagato. 2. Un fornitore ha concesso alla nostra impresa una dilazione

Dettagli

GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 -

GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 - GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 40 ) Operazioni relative alla S.p.A.:

Dettagli

Foglio Informativo AFFIDAMENTI IN CONTO CORRENTE

Foglio Informativo AFFIDAMENTI IN CONTO CORRENTE Informazioni sulla banca Denominazione e forma giuridica: BANCA DEL SUD S.p.A. Sede legale e amministrativa: VIA CALABRITTO, 20 80121 NAPOLI Indirizzo telematico: info@bancadelsud.com Codice ABI: 03353

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE OPERAZIONI DI VENDITA 1 LE OPERAZIONI DI VENDITA DI BENI DI SERVIZI DI IMMOBILIZZAZIONI SUI MERCATI ESTERI 2 Pag. 1 DI BENI Il giorno 27 luglio viene emessa una fattura

Dettagli

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO GLOSSARIO AFFIDATI (NUMERO) Soggetti (persone fisiche, persone giuridiche, cointestazioni) al nome dei quali siano pervenute, alla data di riferimento, una o più segnalazioni alla Centrale dei rischi a

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE DELLA BANCA CENTRALE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO

IL DIRETTORE GENERALE DELLA BANCA CENTRALE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO IL DIRETTORE GENERALE DELLA BANCA CENTRALE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO VISTO l articolo 39, commi 1 e 2 della Legge 17 novembre 2005, n. 165 che attribuisce, tra l altro, all Autorità di Vigilanza il

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE Qualora il titolare sia un consumatore, si avverte che questo conto è particolarmente adatto a chi al momento dell apertura del conto pensa di svolgere un numero bassissimo

Dettagli

TRACCIA A ESERCIZIO 1

TRACCIA A ESERCIZIO 1 TRACCIA A ESERCIZIO 1 Nel corso del 2009 la ditta individuale Verdi ha effettuato, tra le altre, le operazioni di gestione di seguito riportate. Presentare le scritture a libro giornale (gestione e assestamenti;

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di ANTICIPO RIBA AL SALVO BUON FINE (SBF) E/O IMMEDIATA DISPONIBILITA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di ANTICIPO RIBA AL SALVO BUON FINE (SBF) E/O IMMEDIATA DISPONIBILITA FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di ANTICIPO RIBA AL SALVO BUON FINE (SBF) E/O IMMEDIATA DISPONIBILITA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Maierato (Provincia di Vibo Valentia)

Dettagli

Sommario. Conto corrente. Conto corrente CORSI DI RIALLINEAMENTO 26/10/2011 ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2011-2012

Sommario. Conto corrente. Conto corrente CORSI DI RIALLINEAMENTO 26/10/2011 ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2011-2012 CORSI DI RIALLINEAMENTO ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2011-2012 Sommario Compilazione estratto conto e staffa Sbilancio delle competenze Tutor: Dott.ssa Lixi Marta 1 2 Conto corrente Il conto corrente è il contratto

Dettagli

Contratto di capitalizzazione a premio unico con rivalutazione annua del capitale

Contratto di capitalizzazione a premio unico con rivalutazione annua del capitale Alleanza Assicurazioni S.p.A. appartenente al Gruppo Generali Contratto di capitalizzazione a premio unico con rivalutazione annua del capitale Condizioni Contrattuali Regolamento Gestione interna separata

Dettagli

OIC 15: novità sulla valutazione dei crediti

OIC 15: novità sulla valutazione dei crediti S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I nuovi principi contabili nazionali OIC 15: novità sulla valutazione dei crediti CLAUDIA MEZZABOTTA 1 dicembre 2014 Sala Conferenze Biblioteca Comunale Cernusco

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

PATTICHIARI - CONTI CORRENTI A CONFRONTO

PATTICHIARI - CONTI CORRENTI A CONFRONTO Versione n. 2 di Giugno 2005 TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA SCHEDA STANDARD PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA Versione n. 2 di Giugno 2005 PATTICHIARI - CONTI CORRENTI A CONFRONTO 2 1 Descrizione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: TECNICO_ AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: TECNICO_ AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Indirizzo: TECNICO_ AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Anno scolastico Materia Classi 2013 / 14 Economia Aziendale 3^- 4^ Lo studio dell'economia Aziendale per il

Dettagli

CONTO CORRENTE DEPOSITO TITOLI

CONTO CORRENTE DEPOSITO TITOLI FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE DEPOSITO TITOLI OFFERTO AI CONSUMATORI Il conto Titoli è destinato ai seguenti profili: - Giovani - Famiglie con operatività bassa - Famiglie con operatività media - Famiglie

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Tel +390647021 http://www.bnl.it - Codice ABI 1005

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Economia e Management Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 3 settembre 2014 COGNOME:

Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Economia e Management Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 3 settembre 2014 COGNOME: Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Economia e Management Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 3 settembre 2014 COGNOME: NOME: MATRICOLA: PRIMA PARTE ooooooooo Con riferimento

Dettagli

"CONTI CORRENTI A CONFRONTO" TABELLA DI RACCORDO

CONTI CORRENTI A CONFRONTO TABELLA DI RACCORDO "CONTI CORRENTI A CONFRONTO" TABELLA DI RACCORDO tra le voci della "scheda standard" del c/c a pacchetto presente su www.comparaconti.it e le voci adottate dalla banca www.comparaconti.it Descrizione del

Dettagli

Dinamico Educational. Obiettivi ed esercitazioni da svolgere. vers. 02 2012 a cura del prof. Salvatore Nucci

Dinamico Educational. Obiettivi ed esercitazioni da svolgere. vers. 02 2012 a cura del prof. Salvatore Nucci Dinamico Educational Obiettivi ed esercitazioni da svolgere vers. 02 2012 a cura del prof. Salvatore Nucci Dinamico educational vers. 02-2012 Obiettivi Lavorare con il software Dinamico Educational ci

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE Edmondo De Amicis Via C. Parenzo 16 ROVIGO Tel. 0425-21240 Fax 0425-422820 E-mail segreteria@itcrovigo.it Web www.itcrovigo.it C.F. 93028770290 C.M. ROIS008009

Dettagli

La fatturazione e L IVA. Prof. Pietro Samarelli

La fatturazione e L IVA. Prof. Pietro Samarelli La fatturazione e L IVA Prof. Pietro Samarelli La fattura 2 La fattura è il documento più importante della vendita; E obbligatoria per legge; ha una funzione fiscale (contiene il calcolo dell IVA); ha

Dettagli

I processi di finanziamento

I processi di finanziamento I processi di finanziamento 1. pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziamento 2. acquisizione del finanziamento tutte quelle attività volte a reperire, gestire e rimborsare i finanziamenti

Dettagli