Pubblicazione dell organo responsabile degli esami professionali superiori per capi di marketing con diploma federale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pubblicazione dell organo responsabile degli esami professionali superiori per capi di marketing con diploma federale"

Transcript

1 DIRETTIVE inerenti al regolamento d esame dell esame professionale superiore per Capi di marketing con diploma federale Pubblicazione dell organo responsabile degli esami professionali superiori per capi di marketing con diploma federale - Swissmarketing (GfM) - Swiss Marketing (CMS) - Pubblicità Svizzera (PS) - SIC Svizzera (KVS) Edizione: (restano riservati cambiamenti sostituisce le edizioni precedenti). Valevole per gli esami a partire dal 2012.

2 Contenuto Direttive 1 1 OSSERVAZIONI INTRODUTTIVE Scopo delle direttive 3 2 ESAME Parti d esame, modalità e durata dell esame Illustrazione generale della tassonomia applicata 6 3 DESCRIZIONE DELLE MATERIE Marketing: principi e strategia Conduzione e organizzazione Conduzione dei collaboratori Organizzazione e gestione di progetti Contabilità aziendale Diritto e economia politica Diritto Economia politica Management strategico Marketing strategico Marketing operativo Ricerca di mercato e gestione dell'informazione Ricerca di mercato Gestione dell informazione 30 4 VALUTAZIONE 33 5 RECAPITI 33 pagina 2 di 34

3 1 OSSERVAZIONI INTRODUTTIVE Nell interesse della leggibilità si rinuncia alla dicitura femminile nel caso di indicazioni di persone. Il testo si rivolge naturalmente a signore e signori in ugual misura. 1.1 SCOPO DELLE DIRETTIVE Le direttive contengono informazioni supplementari al regolamento d esame, in particolare le descrizioni delle materie, la tassonomia, le valutazioni, e hanno lo scopo di illustrare in modo trasparente lo svolgimento e i contenuti dell esame. Le direttive si rivolgono agli istituti di formazione e alle persone candidate agli esami. Le direttive fanno riferimento al regolamento d esame, datato agosto La validità si estende fino alla pubblicazione di un edizione rielaborata. Profilo professionale Il profilo professionale del capo di marketing è archiviato sotto Organizzazione commissione d esame La composizione e i compiti della commissione d esame sono descritti al punto 2 del regolamento d esame, e le informazioni riguardanti la sorveglianza degli esami, le perite e i periti sono indicate al punto 4.4 dello stesso documento. Il recapito del segretariato d esame è indicato alla fine di questo documento. Pubblicazione, iscrizione, ammissione e spese Informazioni dettagliate sono contenute nei punti 3.1, 3.2, 3.3 e 3.4 del regolamento d esame. La partecipazione a un corso di formazione per capi di marketing non è una condizione obbligatoria per l accettazione all esame per capi di marketing. Tuttavia la preparazione agli esami presso un istituto di formazione è consigliata poiché le pretese sono molto elevate. Informazioni complementari al regolamento d esame 1. Ritiro Se il ritiro avviene per un motivo valido secondo il punto 4.2. del regolamento d esame, viene restituito il 90% della tassa d esame. Se il ritiro avviene per motivi diversi da quelli elencati al punto 4.2. del regolamento d esame, e se la commissione d esame non ne è responsabile, vengono restituiti i seguenti importi: - da 56 giorni a 29 giorni prima del primo giorno d esame: 90% della tassa d esame - da 28 giorni a 1 giorno prima del primo giorno d esame: 50% della tassa d esame - il primo giorno d esame o più tardi: 0% della tassa d esame pagina 3 di 34

4 2. Riconoscimento delle materie di base I regolamenti d esame per capi di marketing con diploma federale e per capi di vendita con diploma federale, in vigore a partire dall esame 2009, prevedono che le materie delle conoscenze di base, elencate nei regolamenti d esame siano identiche per entrambi i percorsi formativi e che siano anche esaminate in maniera identica. Per le persone che hanno svolto l esame secondo i regolamenti d esame in vigore dal 2009 e che desiderano svolgere l esame di capo di marketing successivamente a quello di capo di vendita, vi è la possibilità del riconoscimento delle materie di base già esaminate e che quindi non devono più essere sottoposte a esame, a condizione che siano adempiute le seguenti premesse: Le persone candidate hanno superato l esame di capo di vendita L esame di capo di vendita non deve aver avuto luogo più di 5 anni prima (data determinante = data dell esame) Sono riconosciute soltanto le note 4.0 o superiori. Gli esami delle materie di base conclusi con note insufficienti devono essere ripetuti. Questa regola si applica anche nel caso di un capo di marketing diplomato che desidera svolgere l esame di capo di vendita diplomato. 3. Materiali di supporto 3.1 Esame scritto Durante gli esami sono ammessi materiali di supporto per le materie scritte in base alla seguente lista: a) Occorrente per scrivere (biro, matite colorate, evidenziatori e pennarelli di tutti i colori). Non è ammesso l'uso della matita. b) Materiale di supporto per disegno (righello oppure scala e modelli da disegno) c) Calcolatrice alimentata a batterie e orologi, a condizione che non siano programmabili e che non contengano funzioni supplementari. Per le materie di approfondimento è ammesso anche un raccoglitore federale con delle informazioni. Questa lista è definitiva e non sono ammessi altri materiali di supporto. Fatta eccezione per i punti summenzionati da a) a c), per le materie di base scritte non sono ammessi materiali di supporto. Per la materia «Calcolo aziendale» verranno fornite le formule necessarie Esame orale Per tutte le materie orali non sono ammessi materiali di supporto Materiali di supporto vietati Sono espressamente vietati i seguenti materiali di supporto: Fogli personali per le prove d'esame scritte Apparecchi elettronici di ogni tipo, ad eccezione delle calcolatrici e degli orologi ammessi Materiali di supporto o apparecchi con i quali possa essere stabilita una connessione a internet o a un'altra rete di comunicazione o con i quali sia possibile salvare, inviare o ricevere dati pagina 4 di 34

5 Istituti di formazione Sul sito gli interessati possono ricevere informazioni sugli istituti di formazione per capi di marketing con diploma federale. pagina 5 di 34

6 2. ESAME 2.1 PARTI D ESAME, MODALITÀ E DURATA DELL ESAME In base al punto del regolamento, l esame è costituito dalle seguenti materie: Parti d esame Tipo d esame Durata dell esame Conoscenze di base Marketing: principi e strategia Conduzione e organizzazione Contabilità aziendale Diritto Economia politica orale scritto/caso pratico scritto/caso pratico orale orale 30* minuti 4 ore 2 ore 30* minuti 30* minuti Conoscenze d approfondimento Management strategico Marketing strategico Marketing operativo Ricerca di mercato e gestione dell informazione. orale scritto/caso pratico scritto/caso pratico scritto/caso pratico 30* minuti 4 ore 4 ore 4 ore * Per la durata dell esame orale è ammessa una differenza di tempo di +/- 3 minuti. Le direttive descrivono i contenuti di studio di tutte le parti d esame elencate nel regolamento d esame. pagina 6 di 34

7 2.1.1 ILLUSTRAZIONE GENERALE DELLA TASSONOMIA APPLICATA Agli esami per capi di marketing vengono applicati i seguenti livelli di tassonomia da 1 a 6, secondo Bloom. Livello di tassonomia Contenuto Descrizione K1 Conoscenza Conoscenza dei fatti Conoscenze Comprensione Comprendere, motivare con parole proprie Applicazione Applicazione di contenuti di studio unidimensionali Esempi dall esperienza personale K4 Analisi Scomporre in singole parti Frammenti di casi pratici K5 Sintesi Interconnettere; illustrare in modo interdisciplinare Ottimizzare, risolvere compiti progettuali K6 Valutazione Corrisponde al livello K4 con una valutazione aggiuntiva da parte della persona candidata Illustrare risposte parziali, riprodurre e riconoscere Tradurre, interpretare e registrare progressivamente Applicazione in situazioni nuove, inusuali o che rappresentano un nuovo punto di vista per le persone candidate Scomporre in parti, scomporre in forme Combinare elementi per ottenere un modello precedentemente non chiaro Riferito ad un e- lenco di criteri e con motivazione La persona candidata riferisce ciò che ha imparato precedentemente: per esempio denominazioni, relazioni, dati, fasi di soluzione, sequenze. I problemi vengono risolti attraverso l associazione oppure automaticamente di routine. I contenuti d esame devono essere studiati a memoria o esercitati. La persona candidata spiega per esempio una definizione, una formula, un dato di fatto o uno strumento. Comprensione significa essere in grado di spiegare ciò che si ha studiato anche in un contesto diverso rispetto a quello dell apprendimento. Si è p.es. capaci di illustrare un dato di fatto anche con parole colloquiali o di rappresentare il contesto graficamente. La persona candidata applica in una nuova situazione ciò che ha appreso. Questa situazione applicativa non è stata presentata durante lo studio precedente. La persona candidata scompone problemi, situazioni, premesse, soluzioni o altro nelle loro parti. In quest ambito deve scoprire, in contesti complessi, i principi di costruzione o le strutture interne. Riconosce le connessioni. Il soggetto è nuovo. La persona candidata effettua una prestazione costruttiva. Deve connettere diverse parti che non ha ancora visto o praticato insieme. Dal suo punto di vista, dev essere fornita una prestazione creativa. Il nuovo può già esistere nella nostra attuale civiltà, cultura o scienza. Tuttavia non è ancora presente nell esperienza, nelle lezioni o in altri ambiti di conoscenza della persona candidata. La persona candidata valuta problemi, situazioni, premesse, soluzioni, approcci, una procedura o qualcosa di simile nel complesso e in relazione alla sua funzionalità o struttura interna. L oggetto della valutazione è complesso e comprende diversi elementi. La persona candidata conosce per esempio il modello, le sue componenti e inoltre l adeguatezza qualitativa, la congruenza interna o l idoneità funzionale. Riguardo a ciò deve formulare un opinione per poter risolvere in modo corretto il proprio compito. La valutazione riguarda l intero oggetto. Anche la motivazione fa parte della valutazione. Dev essere in grado di motivare questa valutazione. pagina 7 di 34

8 3. DESCRIZIONE DELLE MATERIE Di seguito viene descritto il contenuto di ogni parte d esame sotto forma di obiettivi di studio con indicazioni relative alla tassonomia. Per una maggiore comprensibilità e in sintonia con altri esami di diploma viene utilizzata la dicitura azienda per tutti i tipi di organizzazione, indipendentemente dal fatto che perseguano obiettivi commerciali o non commerciali. Esame 30 minuti orale 3.1 MARKETING: PRINCIPI E STRATEGIA I contenuti di studio della materia di base orale marketing: principi e strategia coincidono parzialmente con i contenuti di studio delle materie d approfondimento scritte. Questa sovrapposizione ha lo scopo di esaminare le conoscenze di base del marketing, che costituiscono il fondamento per le soluzioni di problemi delle materie d approfondimento. (1) Estratto delle competenze dal profilo professionale Competenze tecniche e metodologiche: Quale specialista responsabile del settore marketing, il capo di marketing deve possedere ampie conoscenze specialistiche in tutti gli ambiti del marketing che gli permettono di discutere e di risolvere, ad un elevato livello professionale, insieme ai responsabili del marketing, e soprattutto con gli specialisti dei vari ambiti del marketing, i problemi che si presentano. In particolare deve essere capace di valutare professionalmente e in modo critico soluzioni e misure proposte e di riconoscere tempestivamente i problemi legati al marketing in generale, ma anche a livello di offerte specifiche o dell impiego di determinati strumenti, e di lanciare efficaci misure atte a risolvere i problemi. Dev essere capace di valutare professionalmente e in modo critico soluzioni e misure proposte. È la persona responsabile principale per l elaborazione e la realizzazione della strategia di marketing dell azienda o del settore aziendale affidatole. Di conseguenza dev essere capace di analizzare in modo sistematico e completo opportunità e rischi strategici del marketing e di sviluppare ed applicare su questa base strategie di marketing efficaci. Si pretendono elevate capacità analitiche e concettuali nonché l impiego efficace di metodi per risolvere problemi e di tecniche decisionali. pagina 8 di 34

9 (2) Funzione della materia nell ambito della formazione complessiva Concetto principale: I capi di marketing devono essere capaci di una comunicazione comprensibile e chiara per quanto concerne tutte le questioni specifiche del marketing, nei confronti sia di esperti di altri settori dell azienda, sia di specialisti, interni ed esterni all azienda, per gli ambiti settoriali del marketing, e devono saper discutere e risolvere insieme i vari problemi. In particolare, i capi di marketing devono essere in grado di analizzare tutti i problemi di marketing strategici rilevanti in maniera approfondita e sistematica, di elaborare o di lasciar elaborare le necessarie basi decisionali, di valutare varianti strategiche in funzione della situazione, di motivare con chiarezza le decisioni che ne derivano e di applicare coerentemente queste decisioni. Obiettivi di disposizione: La persona candidata possiede solide conoscenze attuali in tutti gli ambiti e problemi parziali del marketing, sia a livello teorico che pratico. La persona candidata conosce i principali elementi e modelli concettuali per la spiegazione del comportamento degli acquirenti. La persona candidata conosce le definizioni, i concetti ed i modelli fondamentali per la descrizione e l analisi dell ambiente di mercato nel suo insieme nonché di ambiti parziali rilevanti (richiedenti, concorrenti, commercio, ambiente ecc.). La persona candidata conosce i principali modelli e metodi della segmentazione di mercato e del posizionamento dell offerta. La persona candidata è in grado di analizzare mercati specifici di beni di consumo, di beni industriali e di prestazioni di servizio e di sviluppare strategie di marketing adatte alla situazione ed efficaci. La persona candidata conosce i problemi specifici del marketing internazionale ed è capace di sviluppare, valutare e realizzare le relative strategie e misure. La persona candidata conosce i principi teorici e pratici della politica e della gestione delle marche. È in grado di utilizzarli per risolvere problemi pratici della politica e della gestione delle marche. Riassunto delle tematiche: Principi di marketing Strategia di marketing Politica e gestione delle marche pagina 9 di 34

10 (3) Descrizione dei contenuti di studio per ogni tema Principi di marketing descrivere e spiegare i campi d applicazione nonché il significato ed i compiti del marketing. descrivere e spiegare i compiti parziali della gestione di marketing, in modo particolare i compiti dell analisi e della pianificazione strategica e operativa di marketing, dell implementazione di decisioni strategiche e operative, del controllo di risultati e costi (p.es. descrivere e spiegare le forme del controllo e dell audit di marketing) nonché della diagnosi di problemi (p.es. con l ausilio dei relativi sistemi di pianificazione e controllo o tramite audit di marketing). commentare le definizioni di base per lo studio della situazione e dello sviluppo del mercato, ed applicarle in funzione della situazione. In particolare è in grado di spiegare le possibilità d impiego, gli scopi e le diverse forme degli strumenti di marketing classici e nuovi e di presentare proposte per il loro impiego in determinate situazioni. spiegare i principi, le possibilità, i limiti ed i problemi della ricerca di mercato (ricerca primaria e secondaria). descrivere i principali metodi di rilevamento di dati (inchiesta, osservazione, test/sperimentazione) e descrivere i tipi specifici di rilevamento della ricerca primaria (inchiesta qualitativa/quantitativa, tipi d inchiesta, pre- e post-test, test in laboratorio e di mercato) e spiegare i più importanti vantaggi e svantaggi nonché i loro campi d impiego. descrivere le forme particolari di strumenti di ricerca di mercato più usuali come panel, inchieste omnibus, mystery shopping e forme speciali della ricerca online e spiegare i più importanti vantaggi e svantaggi nonché i loro campi d impiego. commentare le particolarità del marketing di beni di consumo, di beni industriali e di prestazioni di servizio nonché il loro significato per lo sviluppo delle relative strategie e misure ed applicarle nell ambito di casi specifici. commentare le particolarità del marketing internazionale nonché il loro significato per lo sviluppo delle relative strategie e misure. descrivere il tipo di orientamento al mercato (rispetto al cliente e rispetto alla concorrenza) di un azienda, darne una valutazione specifica in situazioni concrete e formulare di conseguenza proposte di misure. Strategia di marketing commentare la procedura per lo svolgimento di analisi della situazione di marketing (analisi di mercato e analisi di marketing dell azienda e dell offerta), effettuare una valutazione attenta di situazioni specifiche e presentare proposte per una procedura sistematica (riferita all intero processo o a determinate fasi d analisi). effettuare, per situazioni specifiche, analisi della situazione di mercato e aziendale, presentare e motivare valutazioni SWOT e dedurne conclusioni e proposte d azione. commentare ed applicare gli strumenti della pianificazione strategica, utilizzabili anche a livello del marketing, come l analisi del portafoglio, il modello delle cinque forze e l analisi delle risorse. preparare e prendere decisioni inerenti alla strategia di marketing o a settori parziali del marketing strategico per casi specifici; si tratta in particolare di descrivere obiettivi strategici, mercati obiettivo, segmenti di mercato, strategie di competizione, posizionamenti dell offerta, strategie di commercializzazione, strategie per la conquista e la fidelizzazione di clienti ecc. / / / K4 /K4 K5 pagina 10 di 34

11 Politica e gestione delle marche commentare i principi della teoria, della gestione e della politica delle marche ed applicarli in situazioni concrete. commentare le principali teorie e i più importanti modelli che spiegano la creazione e lo sviluppo delle marche. commentare i più importanti modelli e metodi per la determinazione del valore di una marca ed interpretare i risultati del loro impiego in situazioni specifiche. commentare gli obiettivi e le decisioni della gestione delle marche ed applicarli in situazioni specifiche; concretamente si tratta tra l altro del campo d applicazione della marca o dell ampiezza di competenza della marca, del suo posizionamento, dei valori e della performance di base della marca, del nome e del design della marca, nonché delle misure per lo sviluppo e per assicurare il valore della marca a lungo termine. valutare in situazioni specifiche la gestione della marca ed elaborare proposte per l ottimizzazione o il riorientamento della stessa. commentare le varianti dell orientamento della politica e dell architettura delle marche ed illustrarle con esempi. valutare la politica e l architettura delle marche in situazioni specifiche ed elaborare e motivare proposte per la loro ottimizzazione o reimpostazione. / / / / (4) Numero approssimativo di lezioni Tema/contenuto Principi di marketing (senza temi del marketing internazionale; questi sono integrati nella materia d approfondimento marketing strategico ) Strategia di marketing (il numero approssimativo di lezioni necessarie è specificato nella materia marketing strategico ) Numero di lezioni 16 Politica e gestione delle marche 16 Totale 32 pagina 11 di 34

12 Esame 4 ore scritto 3.2 CONDUZIONE E ORGANIZZAZIONE Conduzione dei collaboratori (1) Estratto delle competenze dal profilo professionale Competenze tecniche e metodologiche: Il capo di marketing dev essere capace di gestire, coordinare e controllare i settori aziendali esecutivi come p.es. la vendita, la comunicazione di marketing, la logistica e lo sviluppo di prodotti al fine dell applicazione della strategia di marketing. Dev essere in grado di reclutare, condurre, valutare e promuovere i collaboratori del proprio settore (p.es. tramite la formazione continua). (2) Funzione della materia nell ambito della formazione complessiva Concetto principale: Il capo di marketing deve focalizzare la sua attività dirigenziale sul raggiungimento degli obiettivi aziendali, tenendo conto nel contempo anche delle capacità individuali dei collaboratori. Ciò richiede un elevata competenza professionale, metodologica e sociale. La persona candidata è consapevole dell importanza della conduzione dei collaboratori per il raggiungimento degli obiettivi aziendali e della sua posizione d esempio quale dirigente. È capace di applicare le conoscenze di base rilevanti nonché i metodi e gli strumenti adatti allo svolgimento sistematico ed efficace dei propri compiti di conduzione. Obiettivi di disposizione: La persona candidata conosce l importanza fondamentale della conduzione dei collaboratori per il raggiungimento degli obiettivi aziendali. È consapevole dell effetto decisivo del proprio comportamento in qualità di dirigente ed è disposto ad esaminare attentamente ed a sviluppare ulteriormente il proprio comportamento dirigenziale. La persona candidata conosce perfettamente il processo di conduzione nonché le premesse e gli strumenti connessi (hard fact e soft fact). Nell ambito di questo processo assume la sua funzione quale manager, leader e coach. È capace di gestire efficacemente situazioni di conduzione difficili. La persona candidata conosce i principi e gli strumenti più importanti della gestione del personale ed è capace di assumere e di coordinare i compiti rilevanti nell ambito della sua funzione. Temi: Principi della conduzione del personale Gestione del personale Temi speciali della conduzione del personale pagina 12 di 34

13 (3) Descrizione dei contenuti di studio per ogni tema Principi della conduzione del personale commentare i compiti della conduzione del personale ed i principali stili di conduzione nella sfera di tensione tra la strategia, la struttura e la cultura di un azienda ed applicarli in situazioni specifiche. descrivere le principali tecniche (p.es. management by objectives, by exception) ed i strumenti di conduzione primari, valutarne l idoneità in relazione a situazioni concrete di conduzione nonché presentare e motivare proposte di applicazione. analizzare la motivazione dei collaboratori e proporre misure appropriate atte ad incrementare la motivazione sulla base di una situazione pratica concreta. spiegare le caratteristiche rilevanti della conduzione di un team, applicarle nell ambito di analisi di situazioni concrete e proporre misure adatte al miglioramento della conduzione del team. spiegare le caratteristiche tipiche del mobbing e delle molestie a sfondo sessuale, riconoscerle in situazioni concrete ed applicare misure. / / K4/K5 K4/ Gestione del personale analizzare e valutare in situazioni specifiche l impostazione dei sistemi retributivi e K4/K6 motivazionali, in particolare per collaboratori del marketing e della vendita, e presentare proposte fondate per miglioramenti. elaborare profili delle esigenze e descrizioni delle mansioni per posti concreti, soprattutto nell ambito del marketing e della vendita. commentare le diverse possibilità del reclutamento di personale e presentare proposte / per il loro impiego in situazioni specifiche. commentare gli strumenti della valutazione di sé stessi e di quella effettuata da terzi ed elaborare proposte fondate per il loro impiego in situazioni specifiche. analizzare e valutare concetti e piani di formazione per situazioni specifiche. K4 formulare proposte motivate di concetti e piani di formazione per collaboratori del settore marketing, soprattutto per collaboratori attivi nella vendita e nel servizio alla clientela. K6 Temi speciali della conduzione dei collaboratori descrivere ed elencare i criteri più importanti per l impiego di relatori e consulenti interni o esterni, applicarli in situazioni concrete e presentare un briefing per la scelta e l impiego di questi specialisti. elaborare per situazioni specifiche concetti di misure per la comunicazione aziendale interna e per l orientamento di mercato auspicato, nonché di altri obiettivi del settore marketing (nel senso di un marketing orientato verso l interno ). K6 (4) Numero approssimativo di lezioni Tema/contenuto Numero di lezioni Principi della conduzione del personale 8 Gestione del personale 16 Temi speciali della conduzione dei collaboratori 6 Totale 30 pagina 13 di 34

14 3.2.2 Organizzazione e gestione di progetti (1) Estratto delle competenze dal profilo professionale Competenze tecniche e metodologiche: Al fine di applicare la strategia di marketing, il capo di marketing deve poter gestire, coordinare e controllare i settori aziendali esecutivi, come p.es. la vendita, la comunicazione di marketing, la logistica e lo sviluppo di prodotti. Dev essere in grado di dirigere il reparto marketing e di assumere la responsabilità per la gestione e la realizzazione di progetti. (2) Funzione della materia nell ambito della formazione complessiva Concetto principale: Il capo di marketing è in grado di analizzare, ottimizzare o reimpostare organizzazioni esistenti nonché di assicurare il processo d implementazione. Ciò richiede tra l altro la capacità di ragionare in modo logico e concettuale. La persona candidata possiede le conoscenze fondamentali rilevanti per occuparsi in modo sistematico ed efficace dei propri compiti nell ambito dell organizzazione. Deve capire l importanza dell organizzazione per il raggiungimento degli obiettivi aziendali, conoscere dettagliatamente i principali strumenti dell organizzazione con le loro caratteristiche e possibilità d impiego e saperne gestire l applicazione in base alla situazione concreta. Obiettivi di disposizione: La persona candidata è in grado di comprendere, in base all organizzazione aziendale, le relazioni tra il proprio reparto e gli altri settori dell organizzazione e di trarre le conseguenze che ne risultano nella situazione concreta. organizzare il proprio reparto sulla base della strategia adottata con l ausilio di strumenti adeguati. La persona candidata possiede le conoscenze professionali e metodologiche necessarie per assumere efficacemente il suo ruolo quale responsabile del progetto o membro di comitato nell ambito di un progetto concreto. Temi: - Organizzazione strutturale - Organizzazione basata su processi - Gestione di progetti (3) Descrizione dei contenuti di studio per ogni tema Organizzazione strutturale commentare le diverse forme d organizzazione (organizzazioni di linea, di stato maggiore / linea, funzionali, divisionali, di matrici e basate sui processi) nonché i relativi vantaggi e svantaggi, e presentare proposte fondate per il loro impiego al fine di impostare un organizzazione strutturale per una situazione specifica. / commentare gli strumenti centrali dell organizzazione strutturale (organigramma, descrizione delle mansioni, profilo delle esigenze, diagramma delle funzioni), ed applicarli in situazioni specifiche. pagina 14 di 34

15 analizzare e valutare un organizzazione strutturale specifica per quanto concerne la sua adeguatezza per l implementazione di una strategia già adottata. commentare le forme d organizzazione specifiche del settore marketing, soprattutto il product management, il key account management, il category management e presentare proposte fondate per il loro impiego in una situazione specifica. K4/K5 Organizzazione basata su processi valutare strumenti pratici esistenti dell organizzazione basata su processi in relazione a obiettivi prefissati ed elaborare e motivare proposte per il loro impiego in una situazione specifica. K6 commentare i principali mezzi ausiliari e strumenti dell organizzazione basata su processi (manuale d organizzazione, diagramma dei flussi, diagramma a barre, matrice decisionale, piano reticolare) ed applicarli in situazioni specifiche. analizzare processi aziendali esistenti, riconoscerne i punti deboli ed elaborare proposte di ottimizzazione. K4 Gestione di progetti spiegare le caratteristiche ed i fattori di successo specifici di progetti nonché della gestione di progetti, soprattutto i ruoli, le funzioni e le aspettative reciproche delle persone coinvolte nella gestione del progetto ed applicarli in situazioni specifiche. / spiegare le diverse forme d organizzazione di progetti nonché i relativi vantaggi e svantaggi, e presentare proposte fondate per l impostazione dell organizzazione di progetti nonché per la composizione del team di progetto per situazioni specifiche. presentare gli incarichi per un progetto specifico ed elaborare un piano di progetto dettagliato, dallo studio preliminare fino alla realizzazione ed al controllo. proporre ed applicare, nell ambito di un progetto, metodi e strumenti adatti alla raccolta e all analisi d informazioni, alla ricerca di soluzioni nonché alla valutazione ed alla presa di decisione. elaborare misure appropriate di reporting (sia all interno che all esterno del team di progetto) e di controlling del progetto. valutare le potenziali difficoltà legate all implementazione di un progetto ed elaborare provvedimenti e misure d introduzione appropriate. K6 (4) Numero approssimativo di lezioni Tema/contenuto Numero di lezioni Organizzazione strutturale 12 Organizzazione basata su processi 6 Gestione di progetti 12 Totale 30 pagina 15 di 34

16 Esame 2 ore scritto 3.3 CONTABILITÀ AZIENDALE (1) Estratto delle competenze dal profilo professionale Competenze tecniche e metodologiche: Quale membro di gruppi direttivi, il capo di marketing deve saper comprendere ed interpretare i risultati della contabilità finanziaria ed analitica rilevanti per la direzione aziendale, per poter contribuire, nell ambito della direzione aziendale, con gli input richiesti al marketing, e per sostenere adeguatamente le proposte del marketing. Quale premessa per la realizzazione dei compiti specifici della pianificazione e della stesura di budget di marketing (strategici ed operativi) nonché del controlling di marketing, deve possedere conoscenze approfondite del calcolo dei costi e saperle utilizzare. (2) Funzione della materia nell ambito della formazione complessiva Concetto principale: La persona candidata dispone di conoscenze nell ambito della contabilità finanziaria che gli permettono di comprendere i relativi conti e di darne un interpretazione generale. La persona candidata possiede conoscenze sufficienti della contabilità analitica per comprendere ed applicare le correlazioni ed il funzionamento di tali sistemi e per poter collaborare nella loro impostazione. In particolare dev essere in grado di svolgere i compiti di pianificazione e di stesura di budget del marketing, e di contribuire sostanzialmente all impostazione del controlling di marketing. Inoltre dev essere riconosciuto quale interlocutore competente, anche nell ambito della contabilità, da parte di dirigenti di altri settori funzionali, e in particolare dalla direzione finanziaria e dal controlling. Obiettivi di disposizione: La persona candidata comprende gli strumenti della contabilità e li utilizza in modo sensato, unitamente alle informazioni che ne deduce, nella sua attività quotidiana. La persona candidata è in grado di definire i requisiti richiesti alla contabilità in modo tale che ciò le dia un sostegno efficace nella determinazione di obiettivi, nella pianificazione, nella gestione e nella presa di decisione nel settore di sua responsabilità. La persona candidata interpreta numeri e rapporti contabili e ne deduce decisioni e misure atte al raggiungimento degli obiettivi. quantificare e valutare sistematicamente strategie alternative di marketing e di vendita. Temi: Principi generali e contabilità finanziaria Contabilità analitica Calcolo degli investimenti pagina 16 di 34

17 (3) Descrizione dei contenuti di studio per ogni tema Principi generali e contabilità finanziaria descrivere gli scopi, gli obiettivi, i compiti e le definizioni principali della contabilità finanziaria e della contabilità analitica, e commentare le differenze più importanti. spiegare i compiti, le definizioni e i tipi di calcolo (bilancio, conto economico e conto del flusso monetario) della contabilità finanziaria. interpretare le disposizioni del Codice svizzero delle obbligazioni sulla contabilità, CO art , e sul rapporto aziendale, CO art descrivere l orientamento generale e gli obiettivi degli standard contabili Swiss GAAP K1 RPC, IFRS e US-GAAP. strutturare correttamente un bilancio semplice e un conto profitti e perdite sulla / base di informazioni (corrette) ed interpretarli. descrivere gli obiettivi e i principi fondamentali dei conti del gruppo (conti consolidati). K1 spiegare le differenze di significato tra gli indicatori di profitto usuali EBITDA, EBIT, EBT, utile netto e indici di cash flow, nonché calcolarli ed interpretarli sulla base di dati numerici. spiegare la differenza tra il calcolo dei costi di vendita e quello dei costi totali. analizzare e quantificare sistematicamente un bilancio e un conto profitti e perdite K4 nonché un conto del flusso monetario, in base ai criteri liquidità, stabilità, redditività, provenienza e impiego dei fondi, ed interpretare correttamente le conclusioni tratte. spiegare il significato operativo degli indici usuali (indici di finanziamento, d investimento, di liquidità e di copertura) ed utilizzarli. Contabilità analitica descrivere e spiegare i calcoli principali dei costi e dei ricavi (calcolo delle tipologie di costo, dei centri di costo, delle unità di costo e delle unità di ricavi). spiegare i principali sistemi di calcolo dei costi, in particolare le differenze tra il calcolo dei costi totali ed il calcolo dei costi parziali, nonché tra il calcolo dei costi effet- tivi e dei costi preventivati. interpretare i risultati di calcoli dei costi effettivi, impiegarli nell ambito di situazioni K4 decisionali concrete e dedurne le conclusioni corrette. spiegare le diverse procedure di calcolo nonché i loro campi d impiego e gli scopi, ed applicarle in situazioni concrete. calcolare i margini addizionali per un sistema di distribuzione di diversi livelli. Calcolo degli investimenti spiegare i calcoli d investimento statici e dinamici, commentare i loro vantaggi e svantaggi ed utilizzarli in situazioni concrete. commentare i criteri per la valutazione d investimenti che non vengono considerati nell ambito dei calcoli d investimento ed utilizzarli nell ambito di un analisi dei valori ponderati. (4) Numero approssimativo di lezioni Tema/contenuto Numero di lezioni Principi generali e contabilità finanziaria 12 Contabilità analitica 16 Calcolo degli investimenti 4 Totale 32 pagina 17 di 34

18 Esame orale 30 minuti per ciascuna materia 3.4 DIRITTO ED ECONOMIA POLITICA Diritto (1) Estratto delle competenze dal profilo professionale Competenze tecniche: Il capo di marketing deve possedere le conoscenze di base del diritto rilevante nell ambito del marketing. Dev essere in grado di capire quando occorre usufruire di una consultazione legale. Inoltre, deve poter discutere questioni legali con giuristi, dare incarichi concreti per un mandato legale specifico nonché interpretare gli aspetti più importanti dei contratti rilevanti nell ambito del marketing. (2) Funzione della materia nell ambito della formazione complessiva Concetto principale: Lo svolgimento di funzioni dirigenziali in ambito economico diventa sempre più complesso e quindi impegnativo, anche per quanto riguarda gli aspetti legali. Bisogna tenere conto di prescrizioni legali che non riguardano soltanto l attività del proprio settore ma l azienda nel suo insieme. La materia del diritto rafforza la consapevolezza di questo fatto e stimola la disponibilità e la capacità dei capi di marketing di non soltanto formulare le questioni legali più importanti in modo autonomo, ma di applicare anche in modo mirato le prescrizioni legali per loro rilevanti. Obiettivi di disposizione: Il capo di marketing è consapevole delle prescrizioni legali rilevanti e conosce le più importanti norme legali. Il capo di marketing assimila conoscenze di base negli ambiti legali importanti per la sua attività quotidiana. Il capo di marketing gestisce situazioni critiche dal punto di vista giuridico ed è in grado di riconoscere problemi legali e di attivare le prime misure. Il capo di marketing è in grado di risolvere autonomamente semplici questioni legali nel proprio ambito professionale o di formulare le relative domande nei confronti di specialisti giuridici. (3) Descrizione dei contenuti di studio commentare le idee di base degli articoli preliminari del CC (fonti del diritto, regole di buona fede, buona fede, prudente criterio del giudice, onere della prova) nonché le espressioni diritto imperativo e diritto suppletivo e diritto pubblico e diritto privato. applicare le disposizioni legali concernenti la capacità giuridica e la capacità di agire di persone fisiche e di persone giuridiche. commentare le premesse essenziali alla nascita, all adempimento e all estinzione di un obbligazione (contratto, atto illecito, arricchimento illegittimo). applicare le principali disposizioni generali del diritto contrattuale (conclusione e vizi relativi, forma, contenuto, adempimento, conseguenze in caso di inadempimento). valutare garanzie legali nonché garanzie reali e personali contrattuali. applicare le principali disposizioni del diritto delle obbligazioni concernenti il contratto di compra-vendita, il contratto di locazione, il contratto individuale di lavoro, il contratto d appalto e il mandato propriamente detto. commentare il contenuto e l importanza di determinati contratti innominati (leasing, franchising e licenza). illustrare le principali caratteristiche delle professioni commerciali sussidiarie: pagina 18 di 34

19 supplenza (procura e altri mandati commerciali). mediatore, agente, commissionario, spedizioniere/vettore di trasporto di merce, rivenditore, agente esclusivo. K1 descrivere i tratti fondamentali del diritto societario (compr. registro di commercio e ditte) e le caratteristiche e differenze tipiche di una società semplice, di una società individuale, di società di persone (società collettiva e società in accomandita) nonché di persone giuridiche (società per azioni, società a garanzia limitata, cooperativa, associazione e fondazione). applicare le definizioni fondamentali della Legge federale sulla esecuzione e sul fallimento (LEF) e le disposizioni legali della procedura di notifica per l esecuzione forzata di diritti pecuniari. commentare il contenuto e l importanza delle principali disposizioni sulle procedure fondamentali dell esecuzione (pignoramento, realizzazione del pegno, fallimento) nonché le garanzie previste dal diritto esecutorio (contestazione, sequestro). descrivere i principi del diritto della proprietà intellettuale, in particolare del diritto d autore e del diritto dei segni distintivi (nomi, protezione della dotazione, nome di dominio). applicare i tratti fondamentali del diritto della comunicazione commerciale, nonché le relative disposizioni legali inerenti alle sue limitazioni poste dal diritto privato (concorrenza sleale, protezione della personalità, protezione dei dati, protezione dei diritti d autore, protezione dei marchi), e alle sue limitazioni poste dal diritto pubblico (giochi concorso pubblicitari, indicazione di prezzi, media elettronici [disposizioni sulla pubblicità e sullo sponsoring della Legge federale sulla radiotelevisione (LRTV)], alcol, tabacco, medicamenti, derrate alimentari, stemmi, pubblicità esterna ecc.). descrivere le principali disposizioni della Legge sul credito di consumo (OLCC) descrivere i tratti fondamentali della Legge sui cartelli (LCart), applicare le più importanti prescrizioni della Legge sulla responsabilità per danno da prodotti (LRDP). K1 K1 K1 (4) Numero approssimativo di lezioni Tema/contenuto Numero di lezioni Totale 20 pagina 19 di 34

20 3.4.2 Economia politica (1) Estratto delle competenze dal profilo professionale Competenze tecniche: Il capo di marketing deve saper valutare le conseguenze di tendenze nell economia politica e di decisioni della politica economica, e poterle includere nelle considerazioni concettuali. (2) Funzione della materia nell ambito della formazione complessiva Concetto principale: I capi di marketing raccolgono e strutturano informazioni su relazioni e sviluppi economici e della politica economica rilevanti per la propria attività, e le integrano nelle analisi di marketing, nelle strategie di marketing e di vendita, e nei piani operativi delle misure. Obiettivi di disposizione: La persona candidata è in grado di analizzare la situazione competitiva con l ausilio degli strumenti della microeconomia e di dedurne le conclusioni per la scelta dei mercati obiettivo e dei segmenti di mercato, per il posizionamento dell offerta e per la definizione del prezzo. È in grado di valutare le correlazioni economiche nell insieme e di integrarle nelle analisi di mercato nonché nella pianificazione di strategie di marketing e di misure operative di marketing. La persona candidata conosce le istituzioni e le condizioni quadro politico-economiche nazionali ed internazionali, e sa giudicare la loro influenza su analisi di mercato, strategie e piani operativi di misure. giudicare cambiamenti della situazione competitiva e delle condizioni quadro economiche in genere e/o politico-economiche e di dedurne gli adeguamenti necessari a livello strategico ed operativo che ne derivano. Temi: Microeconomia Macroeconomia Politica economica (3) Descrizione dei contenuti di studio per ogni tema Microeconomia commentare i fattori determinanti l offerta e la domanda. rappresentare le funzioni dell offerta e della domanda, spiegare ed interpretare la / posizione e l inclinazione delle curve nonché il concetto dell elasticità del prezzo e del reddito. descrivere e spiegare le diverse forme di mercato. K1/ spiegare il funzionamento di un economia di mercato e descrivere i motivi dell inefficienza del mercato. K1 descrivere le conseguenze dell inefficienza del mercato ed il ruolo dello stato in K1 un economia di mercato. analizzare, con l ausilio degli strumenti della microeconomia, la situazione competitiva di aziende e discutere proposte per la scelta di mercati obiettivo, di segmenti di mercato e per la politica del prezzo. K4 pagina 20 di 34

Pubblicazione dell organo responsabile degli esami professionali superiori per capi di marketing con diploma federale

Pubblicazione dell organo responsabile degli esami professionali superiori per capi di marketing con diploma federale DIRETTIVE inerenti al regolamento d esame dell esame professionale superiore per Capi di marketing con diploma federale Pubblicazione dell organo responsabile degli esami professionali superiori per capi

Dettagli

inerenti al regolamento d esame dell esame professionale superiore per Capi di vendita

inerenti al regolamento d esame dell esame professionale superiore per Capi di vendita DIRETTIVE inerenti al regolamento d esame dell esame professionale superiore per Capi di vendita Pubblicazione dell organo responsabile degli esami professionali superiori per capi di vendita diplomati

Dettagli

DIRETTIVE. inerenti al regolamento d esame dell esame professionale per Specialisti in marketing

DIRETTIVE. inerenti al regolamento d esame dell esame professionale per Specialisti in marketing DIRETTIVE inerenti al regolamento d esame dell esame professionale per Specialisti in marketing Pubblicate dall organo responsabile degli esami professionali per specialisti in marketing: SWISS MARKETING

Dettagli

Direttive Esame professionale per Specialista del personale

Direttive Esame professionale per Specialista del personale Direttive Esame professionale per Specialista del personale Opzioni A Gestione del personale B Consulente del personale secondo il Regolamento 2000, versione 2.0 Organo svizzero responsabile degli esami

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

REGOLAMENTO dell esame professionale per Specialisti in Vendita con attestato federale specializzazione servizio interno e servizio esterno

REGOLAMENTO dell esame professionale per Specialisti in Vendita con attestato federale specializzazione servizio interno e servizio esterno REGOLAMENTO dell esame professionale per Specialisti in Vendita con attestato federale specializzazione servizio interno e servizio esterno Visto l articolo 28 capoverso 2 della legge federale del 13 dicembre

Dettagli

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 6 Una cooperativa, come ogni impresa, per stare sul mercato deve remunerare i fattori produttivi in modo da avere un saldo positivo e dunque redigere un bilancio in utile.

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA Il Catalogo Formativo 2015 di Knowità è composto da incontri pensati per soddisfare le esigenze di figure di responsabilità che necessitano di risposte concrete alle principali e più attuali priorità aziendali.

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

Direttive concernente l esame federale di professione di. Creatrice d abbigliamento Creatore d abbigliamento. Versione del 29 maggio 2015

Direttive concernente l esame federale di professione di. Creatrice d abbigliamento Creatore d abbigliamento. Versione del 29 maggio 2015 .. Direttive concernente l esame federale di professione di Creatrice d abbigliamento Creatore d abbigliamento Versione del 9 maggio 015 Organo responsabile Unione svizzera dei mestieri della moda (USMM)

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE E IL CONTROLLO DI GESTIONE DELL IMPRESA

LA PIANIFICAZIONE E IL CONTROLLO DI GESTIONE DELL IMPRESA Percorso di Formazione Manageriale per le PMI 2015 LA PIANIFICAZIONE E IL CONTROLLO DI GESTIONE DELL IMPRESA Presentazione del percorso formativo Nell ambito delle attività necessarie alla buona conduzione

Dettagli

Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri

Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri AREA FUNZIONALE PRIMA ( ex A1 e A1S ) Appartengono a questa Area funzionale i lavoratori che svolgono attività ausiliarie, ovvero lavoratori che svolgono

Dettagli

Business School since 1967

Business School since 1967 Business School since 1967 Molte aziende importanti partecipano e contribuiscono allo sviluppo professionale delle figure che escono da questo Master. Il loro impegno accompagna gli allievi dall inizio

Dettagli

Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING. Profilo di uscita

Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING. Profilo di uscita Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Profilo di uscita Il Perito in Amministrazione, finanza e marketing ha competenze specifiche nel campo dei macrofenomeni economico aziendali nazionali

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

NSM Nexus Scuola di Management

NSM Nexus Scuola di Management NSM Nexus Scuola di Management NSM è la Scuola di Management della Nexus Srl, agenzia di formazione accreditata presso la Regione Abruzzo per la Formazione continua e superiore, che opera dal 1991 fornendo

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

Materia: CONTABILITÀ. E&S Criteri di valutazione.xls PROFILO B stampa del 24/10/2014-1/12. No Obiettivo operativo No Obiettivi di valutazione

Materia: CONTABILITÀ. E&S Criteri di valutazione.xls PROFILO B stampa del 24/10/2014-1/12. No Obiettivo operativo No Obiettivi di valutazione Materia: CONTABILITÀ Semestre No Obiettivo operativo No Obiettivi di valutazione Tassonomia Ore lezioni Suggerimenti, osservazioni, precisazioni, competenze metodologiche, sociali e personali Possibilità

Dettagli

L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche

L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche Facoltà ECONOMIA (Sede di Rimini) Corso ECONOMIA DELL IMPRESA Classe L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

Elenco di obiettivi di valutazione, ramo Assicurazione privata

Elenco di obiettivi di valutazione, ramo Assicurazione privata Elenco di obiettivi di valutazione, ramo Assicurazione privata Avvertenze: - Per facilitarne la leggibilità il presente documento è stato redatto utilizzando la forma maschile. - Per cliente si intendono

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Ricerca di mercato

Ciclo di formazione per PMI Ricerca di mercato Ciclo di formazione per PMI Ricerca di mercato Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business- Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN COS È IL BUSINESS PLAN E QUAL È LA SUA UTILITÀ? Il business plan è un documento scritto che descrive la vostra azienda, i suoi obiettivi e le sue strategie, i

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO IL BUSINESS PLAN CHE SEGUE PRESENTE IN INTERNET E STATO ELABORATO DA FINANCIAL ADVISOR BUSINESS APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE IL BUSINESS PLAN: Come sintetizzare in un documento

Dettagli

Esistono differenti tipologie di report aziendali, a seconda della funzione per cui sono redatti e dei soggetti a cui si rivolgono

Esistono differenti tipologie di report aziendali, a seconda della funzione per cui sono redatti e dei soggetti a cui si rivolgono REPORTING INTERNO: PREMESSE Esistono differenti tipologie di report aziendali, a seconda della funzione per cui sono redatti e dei soggetti a cui si rivolgono REPORT ISTITUZIONALI REPORT OPERATIVI REPORT

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE COMUNE DI OFFIDA

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE COMUNE DI OFFIDA NOR DI RIFERIMENTO UNI EN ISO 14001:2004 Pagina 1 di 14 NUALE DI GESTIONE COMUNE DI OFFIDA COPIA CONTROLLATA N 01 COPIA NON CONTROLLATA Rev Data Descrizione Rif. Paragr. Rif. pagina Note 0 Mag.2005 Prima

Dettagli

Il Piano di Marketing

Il Piano di Marketing Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso Strategico OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE IL CONTENUTO E LE FASI PER LA REDAZIONE DI UN PIANO DI MARKETING ACQUISIRE LE INFORMAZIONI

Dettagli

Direttive inerenti al regolamento d esame. per l esame professionale federale di. mentore aziendale. Versione del 14 luglio 2014.

Direttive inerenti al regolamento d esame. per l esame professionale federale di. mentore aziendale. Versione del 14 luglio 2014. Direttive inerenti al regolamento d esame per l esame professionale federale di mentore aziendale Versione del 14 luglio 2014 Indice Indice 1 1. Introduzione 2 1.1 Scopo delle direttive 2 1.2 Profilo professionale

Dettagli

POLITICA SICUREZZA CODICE ETICO

POLITICA SICUREZZA CODICE ETICO La presente Politica rappresenta l impegno della Termisol Termica verso la salute e la sicurezza dei propri lavoratori e di tutte le persone che si trovino ad operare all interno della propria sede e dei

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Creatrice d abbigliamento Creatore d abbigliamento

Creatrice d abbigliamento Creatore d abbigliamento Direttive concernenti l esame professionale superiore Creatrice d abbigliamento Creatore d abbigliamento Versione del 29 maggio 2015 Organo responsabile Unione svizzera dei mestieri della moda (USMM) Segreteria

Dettagli

Come fare un piano di marketing

Come fare un piano di marketing Come fare un piano di marketing Marketing strategico e operativo Definizione Un Un piano di di marketing è un un piano finanziario arricchito di di informazioni su su origini e destinazioni dei dei flussi

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER ESPERTI IN MARKETING & COMUNICAZIONE

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER ESPERTI IN MARKETING & COMUNICAZIONE Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL 1 22.03.2002 Rev. Generale

Dettagli

FUNDING MANAGER- esperto nel reperire, gestire e promuovere i finanziamenti

FUNDING MANAGER- esperto nel reperire, gestire e promuovere i finanziamenti Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: Caratteristiche del percorso formativo FUNDING MANAGER- esperto nel reperire, gestire

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE DIDATTICA E SERVIZI AGLI STUDENTI, U.O. PROCESSI E STANDARD CARRIERE STUDENTI SERVIZIO POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE DIDATTICA E SERVIZI AGLI STUDENTI, U.O. PROCESSI E STANDARD CARRIERE STUDENTI SERVIZIO POST-LAUREAM CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN MIDDLE MANAGER COMMERCIALE. GUIDARE I COLLABORATORI ALL INTERNO DELL AZIENDA E NELLA STRUTTURA DI VENDITA - A.A. 2014/15 CFU 27 ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua: Italiano Percentuale

Dettagli

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: CLASSE: DISCIPLINA: COMUNE 5 AFM ECONOMIA AZIENDALE COMPETENZE: Riconoscere e interpretare i macrofenomeni economici che influenzano

Dettagli

Obiettivi strategici 2013-2016

Obiettivi strategici 2013-2016 Obiettivi strategici 2013-2016 Colophon Editore: Grafica: Stampa: Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari FINMA Einsteinstrasse 2 CH-3003 Berna Tel. +41 (0)31 327 91 00 Fax +41 (0)31 327

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE

CODICE ETICO. Sommario MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE CODICE ETICO MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE Sommario Premessa 2 0.1 Obiettivi 2 0.2 Adozione 2 0.3 Diffusione 2 0.4 Aggiornamento 2 Rapporti con l esterno 3 1.1 Competizione 3 1.2 Relazioni 3 1.3

Dettagli

Requisiti posti a organi di certificazione e auditor 24 giugno 2014

Requisiti posti a organi di certificazione e auditor 24 giugno 2014 Requisiti posti a organi di certificazione e auditor 24 giugno 2014 Pagina 1/6 Sommario 1 Requisiti posti agli auditor...3 1.1 Competenze...3 1.2 Limitazioni vincolanti relative all attività di audit...3

Dettagli

Sviluppare il mercato, promuovere il dialogo e gestire i processi di comunicazione

Sviluppare il mercato, promuovere il dialogo e gestire i processi di comunicazione Specialisti in marketing, specia - listi in vendita, pianificatori (ici) di comunicazione, redattori (ici) di testi pubblicitari, specialisti in relazioni pubbliche: tutti occupano posizioni importanti

Dettagli

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo...

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... Esame e analisi critica di un business plan Premessa... 1 Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3 Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... 3 Analisi di

Dettagli

IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo

IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo di Riccardo Barni PARTE I SCOPO DEL BUSINESS PLAN 1. A COSA SERVE IL B. P. A determinare i progetti futuri A verificare il raggiungimento degli obiettivi A reperire

Dettagli

CONTROLLO DI GESTIONE E PIANIFICAZIONE STRATEGICA

CONTROLLO DI GESTIONE E PIANIFICAZIONE STRATEGICA Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: Caratteristiche del percorso formativo CONTROLLO DI GESTIONE E PIANIFICAZIONE STRATEGICA

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Fidelizzazione della clientela e customer care

Fidelizzazione della clientela e customer care Fidelizzazione della clientela e customer care La fidelizzazione è costituita da un insieme di operazioni ritenute utili per conservare a lungo la clientela. La fidelizzazione si attua impiegando tecniche

Dettagli

Approccio alla logica della finanza aziendale

Approccio alla logica della finanza aziendale Corso Formazione Approccio alla logica della finanza aziendale OBIETTIVI Capire il contenuto del bilancio per creare valore. A CHI SI RIVOLGE Tutti i manager. IMPARERETE A Capire il contenuto del bilancio

Dettagli

Programma quadro d insegnamento per la disciplina Contabilità analitica e finanziaria MP1

Programma quadro d insegnamento per la disciplina Contabilità analitica e finanziaria MP1 Via Vergiò 18 6932 Breganzona telefono 091 815 31 00 fax 091 815 31 09 e-mail url decs-dfp@ti.ch www.ti.ch/maturitaprofessionale Divisione della formazione professionale Maturità professionale Programma

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

Documentazione dell apprendimento e delle prestazioni*

Documentazione dell apprendimento e delle prestazioni* Documentazione dell apprendimento e delle prestazioni* Impiegato di commercio SMC 3i Servizi & Amministrazione La documentazione dell apprendimento e delle prestazioni che ti viene fornita dalla Comunità

Dettagli

relativa al Regolamento d esame per l esame professionale per specialista della previdenza in favore del personale

relativa al Regolamento d esame per l esame professionale per specialista della previdenza in favore del personale Associazione svizzera delle istituzioni di previdenza ASIP Associazione degli specialisti in gestione della previdenza in favore del personale VVP Direttiva relativa al Regolamento d esame per l esame

Dettagli

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo HumanWare Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Aree di Intervento Sistemi di Analisi e Valutazione delle Posizioni Sistemi di Valutazione delle Prestazioni

Dettagli

Indice. Parte 1 Le basi per il marketing dei servizi 1

Indice. Parte 1 Le basi per il marketing dei servizi 1 Prefazione Presentazione della terza edizione italiana Autori Ringraziamenti dell Editore Guida alla lettura XVII XX XXIII XXIV XXV Parte 1 Le basi per il marketing dei servizi 1 Capitolo 1 Introduzione

Dettagli

Economia e società - E&S (profilo B e E) 1.5 Obiettivo fondamentale Economia e società

Economia e società - E&S (profilo B e E) 1.5 Obiettivo fondamentale Economia e società Economia e società - E&S (profilo B e E) 1.5 Obiettivo fondamentale Economia e società Per comprendere i rapporti fondamentali, i problemi e le sfide nelle aziende, nell economia e nella società, gli impiegati

Dettagli

MODULO DI MARKETING. Università di Ferrara

MODULO DI MARKETING. Università di Ferrara MODULO DI MARKETING Università di Ferrara 1 Lezione 2 DALLA STRATEGIA AL BUSINESS PLAN Università di Ferrara 2 Sommario Comprendere il ruolo e la funzione del BP Analizzare la struttura-tipo di un BP Analizzare

Dettagli

GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI

GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI a.a. 2009-10 Prof. Corrado lo Storto DIEG, Dipartimento di Ingegneria Economico-gestionale Facoltà di Ingegneria, Università di Napoli Federico

Dettagli

AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE

AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE CONSIGLI PRATICI E TAPPE FONDAMENTALI L imprenditrice è colei che ha una visione che riesce a trasformare in realtà. L attività imprenditoriale è: 1) un sogno che mira a valorizzare

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION. Project Management Base. Project Management Avanzato

PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION. Project Management Base. Project Management Avanzato PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE A.A. 2013-2014 MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION Project Management Base Project Management Avanzato PROJECT MANAGEMENT PREMESSA Il Project Management

Dettagli

III.A.1. CODICE ETICO

III.A.1. CODICE ETICO III.A.1. CODICE ETICO 1. FINALITA' La Casa di Cura Villa Aurora S.p.a., al fine di definire con chiarezza e trasparenza l insieme dei valori ai quali l'ente si ispira per raggiungere i propri obiettivi,

Dettagli

Programma di Export Temporary Management

Programma di Export Temporary Management Programma di Export Temporary Management Aree di intervento Business Strategies, grazie ad una solida esperienza acquisita negli anni, eroga servizi nell ambito dell Export Temporary Management finalizzati

Dettagli

FONDIMPRESA- P.I.S.T.E. CATALOGO DEI CORSI DI FORMAZIONE GRATUITA. Area tematica: INNOVAZIONE NEL RAPPORTO CON IL MERCATO (*) INDICE DEI CORSI

FONDIMPRESA- P.I.S.T.E. CATALOGO DEI CORSI DI FORMAZIONE GRATUITA. Area tematica: INNOVAZIONE NEL RAPPORTO CON IL MERCATO (*) INDICE DEI CORSI FONDIMPRESA- P.I.S.T.E. CATALOGO DEI CORSI DI FORMAZIONE GRATUITA Area tematica: INNOVAZIONE NEL RAPPORTO CON IL MERCATO (*) INDICE DEI CORSI Analisi di settore e internazionalizzazione (Mip) 2 Formazione

Dettagli

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende QUALITA UNINDUSTRIA INNOVAZIONE METODO UMIQ Il metodo UMIQ Unindustria Bologna Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende Obiettivi del corso Fornire

Dettagli

Commercio con l estero: cosa fare e cosa non fare

Commercio con l estero: cosa fare e cosa non fare Commercio con l estero: cosa fare e cosa non fare Avv. Gianni Cattaneo, Lugano www.infodiritto.net contatto@infodiritto.net Indice tematico A) Introduzione al tema B) La prospettiva svizzera competenza

Dettagli

Fondamenti di strategia competitiva ed analisi dei settori industriali

Fondamenti di strategia competitiva ed analisi dei settori industriali Fondamenti di strategia competitiva ed analisi dei settori industriali 1) Illustrare le variabili che descrivono i caratteri dell ambiente in cui operano le imprese industriali 2) Con riferimento alla

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE Bibliografia: Capitolo 6 di Pianificazione Finanziaria Guida al Piano Industriale di Borsa Italiana S.p.a. Piano finanziario e Piano industriale Cap. 4 Obiettivi Piano

Dettagli

Profilo di qualificazione per impiegata/impiegato di commercio AFC

Profilo di qualificazione per impiegata/impiegato di commercio AFC Profilo di qualificazione per impiegata/impiegato di commercio AFC 68500 Impiegata/impiegato di commercio AFC formazione base 68600 Impiegata/impiegato di commercio AFC formazione estesa Ordinanza dell

Dettagli

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP.

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2013/2014 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. 1, 2, 3) Unit 5 Slide 5.2.1 Lezioni del 29/30/31 ottobre 2013 IL

Dettagli

Organizzazione aziendale e controllo di gestione

Organizzazione aziendale e controllo di gestione Organizzazione aziendale e controllo di gestione I nostri servizi: Definizione procedure di pianificazione e controllo Studio e miglioramento lay-out Studio tempi e metodi di lavorazione Ottimizzazione

Dettagli

La visione e il controllo d impresa alla luce di Basilea 2

La visione e il controllo d impresa alla luce di Basilea 2 In collaborazione con consulenti di formazione integrati in rete Organizza la IV Edizione di Corso di Alta Formazione Imprenditoriale e Manageriale La visione e il controllo d impresa alla luce di Basilea

Dettagli

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE un team di professionisti al servizio della tua banca La definizione degli obiettivi strategici e di sviluppo è da sempre un esigenza connaturata nella realtà di Cassa

Dettagli

Elenco dei criteri per la procedura di qualificazione scritta

Elenco dei criteri per la procedura di qualificazione scritta Elenco dei criteri per la procedura di qualificazione scritta Competenze professionali: 1.1.2.1 Trattare le richieste dei clienti 1.1.2.2 Condurre e concludere colloqui di consulenza e/o di vendita 1.1.2.3

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI TORINO

CAMERA DI COMMERCIO DI TORINO Definizioni e concetti generali 1.1 Che cos'è il business plan? Il business plan è un documento che riassume ed espone la rappresentazione dinamica e prevista dello sviluppo di un piano d impresa. Il business

Dettagli

SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Dott. Ing. Matteo Moi Dott. Ing. Matteo Moi 1 ARGOMENTI CONTENUTI Introduzione ai sistemi di controllo di gestione La Pianificazione strategica Il Bilancio

Dettagli

Consulenza per ditte italiane nella: fase d ingresso sul mercato e l acquisto di ditte in Germania la ricerca di investitori per la vendite di aziende

Consulenza per ditte italiane nella: fase d ingresso sul mercato e l acquisto di ditte in Germania la ricerca di investitori per la vendite di aziende http://www.dreamstime.com/photos-images/germany-italy.html Consulenza per ditte italiane nella: fase d ingresso sul mercato e l acquisto di ditte in Germania la ricerca di investitori per la vendite di

Dettagli

Il sistema di pianificazione strategica

Il sistema di pianificazione strategica Il sistema di pianificazione strategica di Massimo Ciambotti 1 Il processo di Pianificazione Strategica Sono coinvolti tre tipi di attività: - Previsione ed analisi: indagine sui fenomeni futuri (interni

Dettagli

MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI ECONOMIA DELLE RETI

MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI ECONOMIA DELLE RETI MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI ECONOMIA DELLE RETI MICHELE GRIMALDI A.A. 2010/2011 Analisi Strategica Analisi SWOT OBIETTIVI DELL ANALISI INDUSTRIALE TIPOLOGIE DI ANALISI INDUSTRIALE: IL MODELLO

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE. ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE. ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 Contenuti: - Capitolo 8 - Capitolo 9 - Capitolo 10 - Capitolo 11 - Capitolo 12 IL CICLO DI DIREZIONE AZIENDALE PROGRAMMAZIONE (atti di

Dettagli

Strategie di produzione

Strategie di produzione Strategie di produzione Strategie di produzione 1 Aspetti generali Nel contesto industriale una strategia è in estrema sintesi un piano finalizzato al raggiungimento di un obiettivo. Il piano deve esplicitare

Dettagli

AFM AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING

AFM AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING AFM AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING CLASSE TERZA AFM Correlazioni, calcolo e analisi del fabbisogno Fonti di finanziamento nelle diverse forme giuridiche d impresa Teoria e principi di organizzazione

Dettagli

CODICE ETICO E DI LEGALITA

CODICE ETICO E DI LEGALITA CODICE ETICO E DI LEGALITA INTRODUZIONE Carbotrade Gas S.p.A. è una società commerciale con esperienza pluridecennale nel settore dell energia, il cui fine è la commercializzazione e la vendita di G.P.L.

Dettagli

La formazione dei formatori di adulti Documentazione di presentazione del corso

La formazione dei formatori di adulti Documentazione di presentazione del corso ANIMARE CORSI PER ADULTI (Livello 1 FSEA/SVEB) Sommario 1. Introduzione 2 2. Metodi d insegnamento 2 3. Destinatari, obiettivi e contenuti della formazione 3 Destinatari: 3 Finalità: 3 Obiettivi: 3 Contenuti:

Dettagli

Direttive 2014. dell esame professionale di. Specialista in HR

Direttive 2014. dell esame professionale di. Specialista in HR Direttive 2014 dell esame professionale di Specialista in HR Organizzatori dell esame HR Swiss SIC Svizzera Unione padronale svizzera Swissstaffing Associazione professionale per la gestione del personale

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Sistema informativo. Prima definizione Un sistema

Dettagli

LA FORMAZIONE DEI FORMATORI DI ADULTI. LABOR TRANSFER SA Laboratorio per la formazione, l orientamento e lo sviluppo della persona

LA FORMAZIONE DEI FORMATORI DI ADULTI. LABOR TRANSFER SA Laboratorio per la formazione, l orientamento e lo sviluppo della persona L A B O R T R A N S F E R LA FORMAZIONE DEI FORMATORI DI ADULTI LABOR TRANSFER SA Laboratorio per la formazione, l orientamento e lo sviluppo della persona DOCUMENTAZIONE DI PRESENTAZIONE DEL CORSO ANIMARE

Dettagli

ORIENTA ONLINE AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE* UNA PANORAMICA DELL'AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

ORIENTA ONLINE AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE* UNA PANORAMICA DELL'AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE ORIENTA ONLINE AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE* Indice UNA PANORAMICA DELL'AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE 1. Le caratteristiche generali e strutturali 2 2. L analisi del processo di lavoro e le figure

Dettagli

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,(

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,( 3,1,),=,21((21752//2, *(67,21(,0377,25*1,==7,9,( 68//(5,6256(801( 7HVWLPRQLDQ]DGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGD *=DQRQL 0LODQRJLXJQR Struttura del Gruppo Banca Lombarda 6WUXWWXUDGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGDH3LHPRQWHVH

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

Gestione del personale

Gestione del personale Esami modulari SVF-ASFC Serie pilota 2013 Serie pilota (Descrizione del modulo 2013) Gestione del personale Domande d esame Durata dell esame: 90 Minuti Mezzi ausiliari ammessi: Testi di legge (CC e CO)

Dettagli

Questionario per l Innovazione

Questionario per l Innovazione Questionario per l Innovazione Confindustria, con il progetto IxI - Imprese per l Innovazione - intende offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura dell innovazione e dell

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO DELL ATTIVITA ESTRATTIVA 4.1 Introduzione Il business plan è lo strumento alla base di ogni processo di pianificazione sistematico ed efficace.

Dettagli