Pubblicazione dell organo responsabile degli esami professionali superiori per capi di marketing con diploma federale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pubblicazione dell organo responsabile degli esami professionali superiori per capi di marketing con diploma federale"

Transcript

1 DIRETTIVE inerenti al regolamento d esame dell esame professionale superiore per Capi di marketing con diploma federale Pubblicazione dell organo responsabile degli esami professionali superiori per capi di marketing con diploma federale - Swissmarketing (GfM) - Swiss Marketing (CMS) - Pubblicità Svizzera (PS) - SIC Svizzera (KVS) Edizione: (restano riservati cambiamenti sostituisce le edizioni precedenti). Valevole per gli esami a partire dal 2012.

2 Contenuto Direttive 1 1 OSSERVAZIONI INTRODUTTIVE Scopo delle direttive 3 2 ESAME Parti d esame, modalità e durata dell esame Illustrazione generale della tassonomia applicata 6 3 DESCRIZIONE DELLE MATERIE Marketing: principi e strategia Conduzione e organizzazione Conduzione dei collaboratori Organizzazione e gestione di progetti Contabilità aziendale Diritto e economia politica Diritto Economia politica Management strategico Marketing strategico Marketing operativo Ricerca di mercato e gestione dell'informazione Ricerca di mercato Gestione dell informazione 30 4 VALUTAZIONE 33 5 RECAPITI 33 pagina 2 di 34

3 1 OSSERVAZIONI INTRODUTTIVE Nell interesse della leggibilità si rinuncia alla dicitura femminile nel caso di indicazioni di persone. Il testo si rivolge naturalmente a signore e signori in ugual misura. 1.1 SCOPO DELLE DIRETTIVE Le direttive contengono informazioni supplementari al regolamento d esame, in particolare le descrizioni delle materie, la tassonomia, le valutazioni, e hanno lo scopo di illustrare in modo trasparente lo svolgimento e i contenuti dell esame. Le direttive si rivolgono agli istituti di formazione e alle persone candidate agli esami. Le direttive fanno riferimento al regolamento d esame, datato agosto La validità si estende fino alla pubblicazione di un edizione rielaborata. Profilo professionale Il profilo professionale del capo di marketing è archiviato sotto Organizzazione commissione d esame La composizione e i compiti della commissione d esame sono descritti al punto 2 del regolamento d esame, e le informazioni riguardanti la sorveglianza degli esami, le perite e i periti sono indicate al punto 4.4 dello stesso documento. Il recapito del segretariato d esame è indicato alla fine di questo documento. Pubblicazione, iscrizione, ammissione e spese Informazioni dettagliate sono contenute nei punti 3.1, 3.2, 3.3 e 3.4 del regolamento d esame. La partecipazione a un corso di formazione per capi di marketing non è una condizione obbligatoria per l accettazione all esame per capi di marketing. Tuttavia la preparazione agli esami presso un istituto di formazione è consigliata poiché le pretese sono molto elevate. Informazioni complementari al regolamento d esame 1. Ritiro Se il ritiro avviene per un motivo valido secondo il punto 4.2. del regolamento d esame, viene restituito il 90% della tassa d esame. Se il ritiro avviene per motivi diversi da quelli elencati al punto 4.2. del regolamento d esame, e se la commissione d esame non ne è responsabile, vengono restituiti i seguenti importi: - da 56 giorni a 29 giorni prima del primo giorno d esame: 90% della tassa d esame - da 28 giorni a 1 giorno prima del primo giorno d esame: 50% della tassa d esame - il primo giorno d esame o più tardi: 0% della tassa d esame pagina 3 di 34

4 2. Riconoscimento delle materie di base I regolamenti d esame per capi di marketing con diploma federale e per capi di vendita con diploma federale, in vigore a partire dall esame 2009, prevedono che le materie delle conoscenze di base, elencate nei regolamenti d esame siano identiche per entrambi i percorsi formativi e che siano anche esaminate in maniera identica. Per le persone che hanno svolto l esame secondo i regolamenti d esame in vigore dal 2009 e che desiderano svolgere l esame di capo di marketing successivamente a quello di capo di vendita, vi è la possibilità del riconoscimento delle materie di base già esaminate e che quindi non devono più essere sottoposte a esame, a condizione che siano adempiute le seguenti premesse: Le persone candidate hanno superato l esame di capo di vendita L esame di capo di vendita non deve aver avuto luogo più di 5 anni prima (data determinante = data dell esame) Sono riconosciute soltanto le note 4.0 o superiori. Gli esami delle materie di base conclusi con note insufficienti devono essere ripetuti. Questa regola si applica anche nel caso di un capo di marketing diplomato che desidera svolgere l esame di capo di vendita diplomato. 3. Materiali di supporto 3.1 Esame scritto Durante gli esami sono ammessi materiali di supporto per le materie scritte in base alla seguente lista: a) Occorrente per scrivere (biro, matite colorate, evidenziatori e pennarelli di tutti i colori). Non è ammesso l'uso della matita. b) Materiale di supporto per disegno (righello oppure scala e modelli da disegno) c) Calcolatrice alimentata a batterie e orologi, a condizione che non siano programmabili e che non contengano funzioni supplementari. Per le materie di approfondimento è ammesso anche un raccoglitore federale con delle informazioni. Questa lista è definitiva e non sono ammessi altri materiali di supporto. Fatta eccezione per i punti summenzionati da a) a c), per le materie di base scritte non sono ammessi materiali di supporto. Per la materia «Calcolo aziendale» verranno fornite le formule necessarie Esame orale Per tutte le materie orali non sono ammessi materiali di supporto Materiali di supporto vietati Sono espressamente vietati i seguenti materiali di supporto: Fogli personali per le prove d'esame scritte Apparecchi elettronici di ogni tipo, ad eccezione delle calcolatrici e degli orologi ammessi Materiali di supporto o apparecchi con i quali possa essere stabilita una connessione a internet o a un'altra rete di comunicazione o con i quali sia possibile salvare, inviare o ricevere dati pagina 4 di 34

5 Istituti di formazione Sul sito gli interessati possono ricevere informazioni sugli istituti di formazione per capi di marketing con diploma federale. pagina 5 di 34

6 2. ESAME 2.1 PARTI D ESAME, MODALITÀ E DURATA DELL ESAME In base al punto del regolamento, l esame è costituito dalle seguenti materie: Parti d esame Tipo d esame Durata dell esame Conoscenze di base Marketing: principi e strategia Conduzione e organizzazione Contabilità aziendale Diritto Economia politica orale scritto/caso pratico scritto/caso pratico orale orale 30* minuti 4 ore 2 ore 30* minuti 30* minuti Conoscenze d approfondimento Management strategico Marketing strategico Marketing operativo Ricerca di mercato e gestione dell informazione. orale scritto/caso pratico scritto/caso pratico scritto/caso pratico 30* minuti 4 ore 4 ore 4 ore * Per la durata dell esame orale è ammessa una differenza di tempo di +/- 3 minuti. Le direttive descrivono i contenuti di studio di tutte le parti d esame elencate nel regolamento d esame. pagina 6 di 34

7 2.1.1 ILLUSTRAZIONE GENERALE DELLA TASSONOMIA APPLICATA Agli esami per capi di marketing vengono applicati i seguenti livelli di tassonomia da 1 a 6, secondo Bloom. Livello di tassonomia Contenuto Descrizione K1 Conoscenza Conoscenza dei fatti Conoscenze Comprensione Comprendere, motivare con parole proprie Applicazione Applicazione di contenuti di studio unidimensionali Esempi dall esperienza personale K4 Analisi Scomporre in singole parti Frammenti di casi pratici K5 Sintesi Interconnettere; illustrare in modo interdisciplinare Ottimizzare, risolvere compiti progettuali K6 Valutazione Corrisponde al livello K4 con una valutazione aggiuntiva da parte della persona candidata Illustrare risposte parziali, riprodurre e riconoscere Tradurre, interpretare e registrare progressivamente Applicazione in situazioni nuove, inusuali o che rappresentano un nuovo punto di vista per le persone candidate Scomporre in parti, scomporre in forme Combinare elementi per ottenere un modello precedentemente non chiaro Riferito ad un e- lenco di criteri e con motivazione La persona candidata riferisce ciò che ha imparato precedentemente: per esempio denominazioni, relazioni, dati, fasi di soluzione, sequenze. I problemi vengono risolti attraverso l associazione oppure automaticamente di routine. I contenuti d esame devono essere studiati a memoria o esercitati. La persona candidata spiega per esempio una definizione, una formula, un dato di fatto o uno strumento. Comprensione significa essere in grado di spiegare ciò che si ha studiato anche in un contesto diverso rispetto a quello dell apprendimento. Si è p.es. capaci di illustrare un dato di fatto anche con parole colloquiali o di rappresentare il contesto graficamente. La persona candidata applica in una nuova situazione ciò che ha appreso. Questa situazione applicativa non è stata presentata durante lo studio precedente. La persona candidata scompone problemi, situazioni, premesse, soluzioni o altro nelle loro parti. In quest ambito deve scoprire, in contesti complessi, i principi di costruzione o le strutture interne. Riconosce le connessioni. Il soggetto è nuovo. La persona candidata effettua una prestazione costruttiva. Deve connettere diverse parti che non ha ancora visto o praticato insieme. Dal suo punto di vista, dev essere fornita una prestazione creativa. Il nuovo può già esistere nella nostra attuale civiltà, cultura o scienza. Tuttavia non è ancora presente nell esperienza, nelle lezioni o in altri ambiti di conoscenza della persona candidata. La persona candidata valuta problemi, situazioni, premesse, soluzioni, approcci, una procedura o qualcosa di simile nel complesso e in relazione alla sua funzionalità o struttura interna. L oggetto della valutazione è complesso e comprende diversi elementi. La persona candidata conosce per esempio il modello, le sue componenti e inoltre l adeguatezza qualitativa, la congruenza interna o l idoneità funzionale. Riguardo a ciò deve formulare un opinione per poter risolvere in modo corretto il proprio compito. La valutazione riguarda l intero oggetto. Anche la motivazione fa parte della valutazione. Dev essere in grado di motivare questa valutazione. pagina 7 di 34

8 3. DESCRIZIONE DELLE MATERIE Di seguito viene descritto il contenuto di ogni parte d esame sotto forma di obiettivi di studio con indicazioni relative alla tassonomia. Per una maggiore comprensibilità e in sintonia con altri esami di diploma viene utilizzata la dicitura azienda per tutti i tipi di organizzazione, indipendentemente dal fatto che perseguano obiettivi commerciali o non commerciali. Esame 30 minuti orale 3.1 MARKETING: PRINCIPI E STRATEGIA I contenuti di studio della materia di base orale marketing: principi e strategia coincidono parzialmente con i contenuti di studio delle materie d approfondimento scritte. Questa sovrapposizione ha lo scopo di esaminare le conoscenze di base del marketing, che costituiscono il fondamento per le soluzioni di problemi delle materie d approfondimento. (1) Estratto delle competenze dal profilo professionale Competenze tecniche e metodologiche: Quale specialista responsabile del settore marketing, il capo di marketing deve possedere ampie conoscenze specialistiche in tutti gli ambiti del marketing che gli permettono di discutere e di risolvere, ad un elevato livello professionale, insieme ai responsabili del marketing, e soprattutto con gli specialisti dei vari ambiti del marketing, i problemi che si presentano. In particolare deve essere capace di valutare professionalmente e in modo critico soluzioni e misure proposte e di riconoscere tempestivamente i problemi legati al marketing in generale, ma anche a livello di offerte specifiche o dell impiego di determinati strumenti, e di lanciare efficaci misure atte a risolvere i problemi. Dev essere capace di valutare professionalmente e in modo critico soluzioni e misure proposte. È la persona responsabile principale per l elaborazione e la realizzazione della strategia di marketing dell azienda o del settore aziendale affidatole. Di conseguenza dev essere capace di analizzare in modo sistematico e completo opportunità e rischi strategici del marketing e di sviluppare ed applicare su questa base strategie di marketing efficaci. Si pretendono elevate capacità analitiche e concettuali nonché l impiego efficace di metodi per risolvere problemi e di tecniche decisionali. pagina 8 di 34

9 (2) Funzione della materia nell ambito della formazione complessiva Concetto principale: I capi di marketing devono essere capaci di una comunicazione comprensibile e chiara per quanto concerne tutte le questioni specifiche del marketing, nei confronti sia di esperti di altri settori dell azienda, sia di specialisti, interni ed esterni all azienda, per gli ambiti settoriali del marketing, e devono saper discutere e risolvere insieme i vari problemi. In particolare, i capi di marketing devono essere in grado di analizzare tutti i problemi di marketing strategici rilevanti in maniera approfondita e sistematica, di elaborare o di lasciar elaborare le necessarie basi decisionali, di valutare varianti strategiche in funzione della situazione, di motivare con chiarezza le decisioni che ne derivano e di applicare coerentemente queste decisioni. Obiettivi di disposizione: La persona candidata possiede solide conoscenze attuali in tutti gli ambiti e problemi parziali del marketing, sia a livello teorico che pratico. La persona candidata conosce i principali elementi e modelli concettuali per la spiegazione del comportamento degli acquirenti. La persona candidata conosce le definizioni, i concetti ed i modelli fondamentali per la descrizione e l analisi dell ambiente di mercato nel suo insieme nonché di ambiti parziali rilevanti (richiedenti, concorrenti, commercio, ambiente ecc.). La persona candidata conosce i principali modelli e metodi della segmentazione di mercato e del posizionamento dell offerta. La persona candidata è in grado di analizzare mercati specifici di beni di consumo, di beni industriali e di prestazioni di servizio e di sviluppare strategie di marketing adatte alla situazione ed efficaci. La persona candidata conosce i problemi specifici del marketing internazionale ed è capace di sviluppare, valutare e realizzare le relative strategie e misure. La persona candidata conosce i principi teorici e pratici della politica e della gestione delle marche. È in grado di utilizzarli per risolvere problemi pratici della politica e della gestione delle marche. Riassunto delle tematiche: Principi di marketing Strategia di marketing Politica e gestione delle marche pagina 9 di 34

10 (3) Descrizione dei contenuti di studio per ogni tema Principi di marketing descrivere e spiegare i campi d applicazione nonché il significato ed i compiti del marketing. descrivere e spiegare i compiti parziali della gestione di marketing, in modo particolare i compiti dell analisi e della pianificazione strategica e operativa di marketing, dell implementazione di decisioni strategiche e operative, del controllo di risultati e costi (p.es. descrivere e spiegare le forme del controllo e dell audit di marketing) nonché della diagnosi di problemi (p.es. con l ausilio dei relativi sistemi di pianificazione e controllo o tramite audit di marketing). commentare le definizioni di base per lo studio della situazione e dello sviluppo del mercato, ed applicarle in funzione della situazione. In particolare è in grado di spiegare le possibilità d impiego, gli scopi e le diverse forme degli strumenti di marketing classici e nuovi e di presentare proposte per il loro impiego in determinate situazioni. spiegare i principi, le possibilità, i limiti ed i problemi della ricerca di mercato (ricerca primaria e secondaria). descrivere i principali metodi di rilevamento di dati (inchiesta, osservazione, test/sperimentazione) e descrivere i tipi specifici di rilevamento della ricerca primaria (inchiesta qualitativa/quantitativa, tipi d inchiesta, pre- e post-test, test in laboratorio e di mercato) e spiegare i più importanti vantaggi e svantaggi nonché i loro campi d impiego. descrivere le forme particolari di strumenti di ricerca di mercato più usuali come panel, inchieste omnibus, mystery shopping e forme speciali della ricerca online e spiegare i più importanti vantaggi e svantaggi nonché i loro campi d impiego. commentare le particolarità del marketing di beni di consumo, di beni industriali e di prestazioni di servizio nonché il loro significato per lo sviluppo delle relative strategie e misure ed applicarle nell ambito di casi specifici. commentare le particolarità del marketing internazionale nonché il loro significato per lo sviluppo delle relative strategie e misure. descrivere il tipo di orientamento al mercato (rispetto al cliente e rispetto alla concorrenza) di un azienda, darne una valutazione specifica in situazioni concrete e formulare di conseguenza proposte di misure. Strategia di marketing commentare la procedura per lo svolgimento di analisi della situazione di marketing (analisi di mercato e analisi di marketing dell azienda e dell offerta), effettuare una valutazione attenta di situazioni specifiche e presentare proposte per una procedura sistematica (riferita all intero processo o a determinate fasi d analisi). effettuare, per situazioni specifiche, analisi della situazione di mercato e aziendale, presentare e motivare valutazioni SWOT e dedurne conclusioni e proposte d azione. commentare ed applicare gli strumenti della pianificazione strategica, utilizzabili anche a livello del marketing, come l analisi del portafoglio, il modello delle cinque forze e l analisi delle risorse. preparare e prendere decisioni inerenti alla strategia di marketing o a settori parziali del marketing strategico per casi specifici; si tratta in particolare di descrivere obiettivi strategici, mercati obiettivo, segmenti di mercato, strategie di competizione, posizionamenti dell offerta, strategie di commercializzazione, strategie per la conquista e la fidelizzazione di clienti ecc. / / / K4 /K4 K5 pagina 10 di 34

11 Politica e gestione delle marche commentare i principi della teoria, della gestione e della politica delle marche ed applicarli in situazioni concrete. commentare le principali teorie e i più importanti modelli che spiegano la creazione e lo sviluppo delle marche. commentare i più importanti modelli e metodi per la determinazione del valore di una marca ed interpretare i risultati del loro impiego in situazioni specifiche. commentare gli obiettivi e le decisioni della gestione delle marche ed applicarli in situazioni specifiche; concretamente si tratta tra l altro del campo d applicazione della marca o dell ampiezza di competenza della marca, del suo posizionamento, dei valori e della performance di base della marca, del nome e del design della marca, nonché delle misure per lo sviluppo e per assicurare il valore della marca a lungo termine. valutare in situazioni specifiche la gestione della marca ed elaborare proposte per l ottimizzazione o il riorientamento della stessa. commentare le varianti dell orientamento della politica e dell architettura delle marche ed illustrarle con esempi. valutare la politica e l architettura delle marche in situazioni specifiche ed elaborare e motivare proposte per la loro ottimizzazione o reimpostazione. / / / / (4) Numero approssimativo di lezioni Tema/contenuto Principi di marketing (senza temi del marketing internazionale; questi sono integrati nella materia d approfondimento marketing strategico ) Strategia di marketing (il numero approssimativo di lezioni necessarie è specificato nella materia marketing strategico ) Numero di lezioni 16 Politica e gestione delle marche 16 Totale 32 pagina 11 di 34

12 Esame 4 ore scritto 3.2 CONDUZIONE E ORGANIZZAZIONE Conduzione dei collaboratori (1) Estratto delle competenze dal profilo professionale Competenze tecniche e metodologiche: Il capo di marketing dev essere capace di gestire, coordinare e controllare i settori aziendali esecutivi come p.es. la vendita, la comunicazione di marketing, la logistica e lo sviluppo di prodotti al fine dell applicazione della strategia di marketing. Dev essere in grado di reclutare, condurre, valutare e promuovere i collaboratori del proprio settore (p.es. tramite la formazione continua). (2) Funzione della materia nell ambito della formazione complessiva Concetto principale: Il capo di marketing deve focalizzare la sua attività dirigenziale sul raggiungimento degli obiettivi aziendali, tenendo conto nel contempo anche delle capacità individuali dei collaboratori. Ciò richiede un elevata competenza professionale, metodologica e sociale. La persona candidata è consapevole dell importanza della conduzione dei collaboratori per il raggiungimento degli obiettivi aziendali e della sua posizione d esempio quale dirigente. È capace di applicare le conoscenze di base rilevanti nonché i metodi e gli strumenti adatti allo svolgimento sistematico ed efficace dei propri compiti di conduzione. Obiettivi di disposizione: La persona candidata conosce l importanza fondamentale della conduzione dei collaboratori per il raggiungimento degli obiettivi aziendali. È consapevole dell effetto decisivo del proprio comportamento in qualità di dirigente ed è disposto ad esaminare attentamente ed a sviluppare ulteriormente il proprio comportamento dirigenziale. La persona candidata conosce perfettamente il processo di conduzione nonché le premesse e gli strumenti connessi (hard fact e soft fact). Nell ambito di questo processo assume la sua funzione quale manager, leader e coach. È capace di gestire efficacemente situazioni di conduzione difficili. La persona candidata conosce i principi e gli strumenti più importanti della gestione del personale ed è capace di assumere e di coordinare i compiti rilevanti nell ambito della sua funzione. Temi: Principi della conduzione del personale Gestione del personale Temi speciali della conduzione del personale pagina 12 di 34

13 (3) Descrizione dei contenuti di studio per ogni tema Principi della conduzione del personale commentare i compiti della conduzione del personale ed i principali stili di conduzione nella sfera di tensione tra la strategia, la struttura e la cultura di un azienda ed applicarli in situazioni specifiche. descrivere le principali tecniche (p.es. management by objectives, by exception) ed i strumenti di conduzione primari, valutarne l idoneità in relazione a situazioni concrete di conduzione nonché presentare e motivare proposte di applicazione. analizzare la motivazione dei collaboratori e proporre misure appropriate atte ad incrementare la motivazione sulla base di una situazione pratica concreta. spiegare le caratteristiche rilevanti della conduzione di un team, applicarle nell ambito di analisi di situazioni concrete e proporre misure adatte al miglioramento della conduzione del team. spiegare le caratteristiche tipiche del mobbing e delle molestie a sfondo sessuale, riconoscerle in situazioni concrete ed applicare misure. / / K4/K5 K4/ Gestione del personale analizzare e valutare in situazioni specifiche l impostazione dei sistemi retributivi e K4/K6 motivazionali, in particolare per collaboratori del marketing e della vendita, e presentare proposte fondate per miglioramenti. elaborare profili delle esigenze e descrizioni delle mansioni per posti concreti, soprattutto nell ambito del marketing e della vendita. commentare le diverse possibilità del reclutamento di personale e presentare proposte / per il loro impiego in situazioni specifiche. commentare gli strumenti della valutazione di sé stessi e di quella effettuata da terzi ed elaborare proposte fondate per il loro impiego in situazioni specifiche. analizzare e valutare concetti e piani di formazione per situazioni specifiche. K4 formulare proposte motivate di concetti e piani di formazione per collaboratori del settore marketing, soprattutto per collaboratori attivi nella vendita e nel servizio alla clientela. K6 Temi speciali della conduzione dei collaboratori descrivere ed elencare i criteri più importanti per l impiego di relatori e consulenti interni o esterni, applicarli in situazioni concrete e presentare un briefing per la scelta e l impiego di questi specialisti. elaborare per situazioni specifiche concetti di misure per la comunicazione aziendale interna e per l orientamento di mercato auspicato, nonché di altri obiettivi del settore marketing (nel senso di un marketing orientato verso l interno ). K6 (4) Numero approssimativo di lezioni Tema/contenuto Numero di lezioni Principi della conduzione del personale 8 Gestione del personale 16 Temi speciali della conduzione dei collaboratori 6 Totale 30 pagina 13 di 34

14 3.2.2 Organizzazione e gestione di progetti (1) Estratto delle competenze dal profilo professionale Competenze tecniche e metodologiche: Al fine di applicare la strategia di marketing, il capo di marketing deve poter gestire, coordinare e controllare i settori aziendali esecutivi, come p.es. la vendita, la comunicazione di marketing, la logistica e lo sviluppo di prodotti. Dev essere in grado di dirigere il reparto marketing e di assumere la responsabilità per la gestione e la realizzazione di progetti. (2) Funzione della materia nell ambito della formazione complessiva Concetto principale: Il capo di marketing è in grado di analizzare, ottimizzare o reimpostare organizzazioni esistenti nonché di assicurare il processo d implementazione. Ciò richiede tra l altro la capacità di ragionare in modo logico e concettuale. La persona candidata possiede le conoscenze fondamentali rilevanti per occuparsi in modo sistematico ed efficace dei propri compiti nell ambito dell organizzazione. Deve capire l importanza dell organizzazione per il raggiungimento degli obiettivi aziendali, conoscere dettagliatamente i principali strumenti dell organizzazione con le loro caratteristiche e possibilità d impiego e saperne gestire l applicazione in base alla situazione concreta. Obiettivi di disposizione: La persona candidata è in grado di comprendere, in base all organizzazione aziendale, le relazioni tra il proprio reparto e gli altri settori dell organizzazione e di trarre le conseguenze che ne risultano nella situazione concreta. organizzare il proprio reparto sulla base della strategia adottata con l ausilio di strumenti adeguati. La persona candidata possiede le conoscenze professionali e metodologiche necessarie per assumere efficacemente il suo ruolo quale responsabile del progetto o membro di comitato nell ambito di un progetto concreto. Temi: - Organizzazione strutturale - Organizzazione basata su processi - Gestione di progetti (3) Descrizione dei contenuti di studio per ogni tema Organizzazione strutturale commentare le diverse forme d organizzazione (organizzazioni di linea, di stato maggiore / linea, funzionali, divisionali, di matrici e basate sui processi) nonché i relativi vantaggi e svantaggi, e presentare proposte fondate per il loro impiego al fine di impostare un organizzazione strutturale per una situazione specifica. / commentare gli strumenti centrali dell organizzazione strutturale (organigramma, descrizione delle mansioni, profilo delle esigenze, diagramma delle funzioni), ed applicarli in situazioni specifiche. pagina 14 di 34

15 analizzare e valutare un organizzazione strutturale specifica per quanto concerne la sua adeguatezza per l implementazione di una strategia già adottata. commentare le forme d organizzazione specifiche del settore marketing, soprattutto il product management, il key account management, il category management e presentare proposte fondate per il loro impiego in una situazione specifica. K4/K5 Organizzazione basata su processi valutare strumenti pratici esistenti dell organizzazione basata su processi in relazione a obiettivi prefissati ed elaborare e motivare proposte per il loro impiego in una situazione specifica. K6 commentare i principali mezzi ausiliari e strumenti dell organizzazione basata su processi (manuale d organizzazione, diagramma dei flussi, diagramma a barre, matrice decisionale, piano reticolare) ed applicarli in situazioni specifiche. analizzare processi aziendali esistenti, riconoscerne i punti deboli ed elaborare proposte di ottimizzazione. K4 Gestione di progetti spiegare le caratteristiche ed i fattori di successo specifici di progetti nonché della gestione di progetti, soprattutto i ruoli, le funzioni e le aspettative reciproche delle persone coinvolte nella gestione del progetto ed applicarli in situazioni specifiche. / spiegare le diverse forme d organizzazione di progetti nonché i relativi vantaggi e svantaggi, e presentare proposte fondate per l impostazione dell organizzazione di progetti nonché per la composizione del team di progetto per situazioni specifiche. presentare gli incarichi per un progetto specifico ed elaborare un piano di progetto dettagliato, dallo studio preliminare fino alla realizzazione ed al controllo. proporre ed applicare, nell ambito di un progetto, metodi e strumenti adatti alla raccolta e all analisi d informazioni, alla ricerca di soluzioni nonché alla valutazione ed alla presa di decisione. elaborare misure appropriate di reporting (sia all interno che all esterno del team di progetto) e di controlling del progetto. valutare le potenziali difficoltà legate all implementazione di un progetto ed elaborare provvedimenti e misure d introduzione appropriate. K6 (4) Numero approssimativo di lezioni Tema/contenuto Numero di lezioni Organizzazione strutturale 12 Organizzazione basata su processi 6 Gestione di progetti 12 Totale 30 pagina 15 di 34

16 Esame 2 ore scritto 3.3 CONTABILITÀ AZIENDALE (1) Estratto delle competenze dal profilo professionale Competenze tecniche e metodologiche: Quale membro di gruppi direttivi, il capo di marketing deve saper comprendere ed interpretare i risultati della contabilità finanziaria ed analitica rilevanti per la direzione aziendale, per poter contribuire, nell ambito della direzione aziendale, con gli input richiesti al marketing, e per sostenere adeguatamente le proposte del marketing. Quale premessa per la realizzazione dei compiti specifici della pianificazione e della stesura di budget di marketing (strategici ed operativi) nonché del controlling di marketing, deve possedere conoscenze approfondite del calcolo dei costi e saperle utilizzare. (2) Funzione della materia nell ambito della formazione complessiva Concetto principale: La persona candidata dispone di conoscenze nell ambito della contabilità finanziaria che gli permettono di comprendere i relativi conti e di darne un interpretazione generale. La persona candidata possiede conoscenze sufficienti della contabilità analitica per comprendere ed applicare le correlazioni ed il funzionamento di tali sistemi e per poter collaborare nella loro impostazione. In particolare dev essere in grado di svolgere i compiti di pianificazione e di stesura di budget del marketing, e di contribuire sostanzialmente all impostazione del controlling di marketing. Inoltre dev essere riconosciuto quale interlocutore competente, anche nell ambito della contabilità, da parte di dirigenti di altri settori funzionali, e in particolare dalla direzione finanziaria e dal controlling. Obiettivi di disposizione: La persona candidata comprende gli strumenti della contabilità e li utilizza in modo sensato, unitamente alle informazioni che ne deduce, nella sua attività quotidiana. La persona candidata è in grado di definire i requisiti richiesti alla contabilità in modo tale che ciò le dia un sostegno efficace nella determinazione di obiettivi, nella pianificazione, nella gestione e nella presa di decisione nel settore di sua responsabilità. La persona candidata interpreta numeri e rapporti contabili e ne deduce decisioni e misure atte al raggiungimento degli obiettivi. quantificare e valutare sistematicamente strategie alternative di marketing e di vendita. Temi: Principi generali e contabilità finanziaria Contabilità analitica Calcolo degli investimenti pagina 16 di 34

17 (3) Descrizione dei contenuti di studio per ogni tema Principi generali e contabilità finanziaria descrivere gli scopi, gli obiettivi, i compiti e le definizioni principali della contabilità finanziaria e della contabilità analitica, e commentare le differenze più importanti. spiegare i compiti, le definizioni e i tipi di calcolo (bilancio, conto economico e conto del flusso monetario) della contabilità finanziaria. interpretare le disposizioni del Codice svizzero delle obbligazioni sulla contabilità, CO art , e sul rapporto aziendale, CO art descrivere l orientamento generale e gli obiettivi degli standard contabili Swiss GAAP K1 RPC, IFRS e US-GAAP. strutturare correttamente un bilancio semplice e un conto profitti e perdite sulla / base di informazioni (corrette) ed interpretarli. descrivere gli obiettivi e i principi fondamentali dei conti del gruppo (conti consolidati). K1 spiegare le differenze di significato tra gli indicatori di profitto usuali EBITDA, EBIT, EBT, utile netto e indici di cash flow, nonché calcolarli ed interpretarli sulla base di dati numerici. spiegare la differenza tra il calcolo dei costi di vendita e quello dei costi totali. analizzare e quantificare sistematicamente un bilancio e un conto profitti e perdite K4 nonché un conto del flusso monetario, in base ai criteri liquidità, stabilità, redditività, provenienza e impiego dei fondi, ed interpretare correttamente le conclusioni tratte. spiegare il significato operativo degli indici usuali (indici di finanziamento, d investimento, di liquidità e di copertura) ed utilizzarli. Contabilità analitica descrivere e spiegare i calcoli principali dei costi e dei ricavi (calcolo delle tipologie di costo, dei centri di costo, delle unità di costo e delle unità di ricavi). spiegare i principali sistemi di calcolo dei costi, in particolare le differenze tra il calcolo dei costi totali ed il calcolo dei costi parziali, nonché tra il calcolo dei costi effet- tivi e dei costi preventivati. interpretare i risultati di calcoli dei costi effettivi, impiegarli nell ambito di situazioni K4 decisionali concrete e dedurne le conclusioni corrette. spiegare le diverse procedure di calcolo nonché i loro campi d impiego e gli scopi, ed applicarle in situazioni concrete. calcolare i margini addizionali per un sistema di distribuzione di diversi livelli. Calcolo degli investimenti spiegare i calcoli d investimento statici e dinamici, commentare i loro vantaggi e svantaggi ed utilizzarli in situazioni concrete. commentare i criteri per la valutazione d investimenti che non vengono considerati nell ambito dei calcoli d investimento ed utilizzarli nell ambito di un analisi dei valori ponderati. (4) Numero approssimativo di lezioni Tema/contenuto Numero di lezioni Principi generali e contabilità finanziaria 12 Contabilità analitica 16 Calcolo degli investimenti 4 Totale 32 pagina 17 di 34

18 Esame orale 30 minuti per ciascuna materia 3.4 DIRITTO ED ECONOMIA POLITICA Diritto (1) Estratto delle competenze dal profilo professionale Competenze tecniche: Il capo di marketing deve possedere le conoscenze di base del diritto rilevante nell ambito del marketing. Dev essere in grado di capire quando occorre usufruire di una consultazione legale. Inoltre, deve poter discutere questioni legali con giuristi, dare incarichi concreti per un mandato legale specifico nonché interpretare gli aspetti più importanti dei contratti rilevanti nell ambito del marketing. (2) Funzione della materia nell ambito della formazione complessiva Concetto principale: Lo svolgimento di funzioni dirigenziali in ambito economico diventa sempre più complesso e quindi impegnativo, anche per quanto riguarda gli aspetti legali. Bisogna tenere conto di prescrizioni legali che non riguardano soltanto l attività del proprio settore ma l azienda nel suo insieme. La materia del diritto rafforza la consapevolezza di questo fatto e stimola la disponibilità e la capacità dei capi di marketing di non soltanto formulare le questioni legali più importanti in modo autonomo, ma di applicare anche in modo mirato le prescrizioni legali per loro rilevanti. Obiettivi di disposizione: Il capo di marketing è consapevole delle prescrizioni legali rilevanti e conosce le più importanti norme legali. Il capo di marketing assimila conoscenze di base negli ambiti legali importanti per la sua attività quotidiana. Il capo di marketing gestisce situazioni critiche dal punto di vista giuridico ed è in grado di riconoscere problemi legali e di attivare le prime misure. Il capo di marketing è in grado di risolvere autonomamente semplici questioni legali nel proprio ambito professionale o di formulare le relative domande nei confronti di specialisti giuridici. (3) Descrizione dei contenuti di studio commentare le idee di base degli articoli preliminari del CC (fonti del diritto, regole di buona fede, buona fede, prudente criterio del giudice, onere della prova) nonché le espressioni diritto imperativo e diritto suppletivo e diritto pubblico e diritto privato. applicare le disposizioni legali concernenti la capacità giuridica e la capacità di agire di persone fisiche e di persone giuridiche. commentare le premesse essenziali alla nascita, all adempimento e all estinzione di un obbligazione (contratto, atto illecito, arricchimento illegittimo). applicare le principali disposizioni generali del diritto contrattuale (conclusione e vizi relativi, forma, contenuto, adempimento, conseguenze in caso di inadempimento). valutare garanzie legali nonché garanzie reali e personali contrattuali. applicare le principali disposizioni del diritto delle obbligazioni concernenti il contratto di compra-vendita, il contratto di locazione, il contratto individuale di lavoro, il contratto d appalto e il mandato propriamente detto. commentare il contenuto e l importanza di determinati contratti innominati (leasing, franchising e licenza). illustrare le principali caratteristiche delle professioni commerciali sussidiarie: pagina 18 di 34

19 supplenza (procura e altri mandati commerciali). mediatore, agente, commissionario, spedizioniere/vettore di trasporto di merce, rivenditore, agente esclusivo. K1 descrivere i tratti fondamentali del diritto societario (compr. registro di commercio e ditte) e le caratteristiche e differenze tipiche di una società semplice, di una società individuale, di società di persone (società collettiva e società in accomandita) nonché di persone giuridiche (società per azioni, società a garanzia limitata, cooperativa, associazione e fondazione). applicare le definizioni fondamentali della Legge federale sulla esecuzione e sul fallimento (LEF) e le disposizioni legali della procedura di notifica per l esecuzione forzata di diritti pecuniari. commentare il contenuto e l importanza delle principali disposizioni sulle procedure fondamentali dell esecuzione (pignoramento, realizzazione del pegno, fallimento) nonché le garanzie previste dal diritto esecutorio (contestazione, sequestro). descrivere i principi del diritto della proprietà intellettuale, in particolare del diritto d autore e del diritto dei segni distintivi (nomi, protezione della dotazione, nome di dominio). applicare i tratti fondamentali del diritto della comunicazione commerciale, nonché le relative disposizioni legali inerenti alle sue limitazioni poste dal diritto privato (concorrenza sleale, protezione della personalità, protezione dei dati, protezione dei diritti d autore, protezione dei marchi), e alle sue limitazioni poste dal diritto pubblico (giochi concorso pubblicitari, indicazione di prezzi, media elettronici [disposizioni sulla pubblicità e sullo sponsoring della Legge federale sulla radiotelevisione (LRTV)], alcol, tabacco, medicamenti, derrate alimentari, stemmi, pubblicità esterna ecc.). descrivere le principali disposizioni della Legge sul credito di consumo (OLCC) descrivere i tratti fondamentali della Legge sui cartelli (LCart), applicare le più importanti prescrizioni della Legge sulla responsabilità per danno da prodotti (LRDP). K1 K1 K1 (4) Numero approssimativo di lezioni Tema/contenuto Numero di lezioni Totale 20 pagina 19 di 34

20 3.4.2 Economia politica (1) Estratto delle competenze dal profilo professionale Competenze tecniche: Il capo di marketing deve saper valutare le conseguenze di tendenze nell economia politica e di decisioni della politica economica, e poterle includere nelle considerazioni concettuali. (2) Funzione della materia nell ambito della formazione complessiva Concetto principale: I capi di marketing raccolgono e strutturano informazioni su relazioni e sviluppi economici e della politica economica rilevanti per la propria attività, e le integrano nelle analisi di marketing, nelle strategie di marketing e di vendita, e nei piani operativi delle misure. Obiettivi di disposizione: La persona candidata è in grado di analizzare la situazione competitiva con l ausilio degli strumenti della microeconomia e di dedurne le conclusioni per la scelta dei mercati obiettivo e dei segmenti di mercato, per il posizionamento dell offerta e per la definizione del prezzo. È in grado di valutare le correlazioni economiche nell insieme e di integrarle nelle analisi di mercato nonché nella pianificazione di strategie di marketing e di misure operative di marketing. La persona candidata conosce le istituzioni e le condizioni quadro politico-economiche nazionali ed internazionali, e sa giudicare la loro influenza su analisi di mercato, strategie e piani operativi di misure. giudicare cambiamenti della situazione competitiva e delle condizioni quadro economiche in genere e/o politico-economiche e di dedurne gli adeguamenti necessari a livello strategico ed operativo che ne derivano. Temi: Microeconomia Macroeconomia Politica economica (3) Descrizione dei contenuti di studio per ogni tema Microeconomia commentare i fattori determinanti l offerta e la domanda. rappresentare le funzioni dell offerta e della domanda, spiegare ed interpretare la / posizione e l inclinazione delle curve nonché il concetto dell elasticità del prezzo e del reddito. descrivere e spiegare le diverse forme di mercato. K1/ spiegare il funzionamento di un economia di mercato e descrivere i motivi dell inefficienza del mercato. K1 descrivere le conseguenze dell inefficienza del mercato ed il ruolo dello stato in K1 un economia di mercato. analizzare, con l ausilio degli strumenti della microeconomia, la situazione competitiva di aziende e discutere proposte per la scelta di mercati obiettivo, di segmenti di mercato e per la politica del prezzo. K4 pagina 20 di 34

Pubblicazione dell organo responsabile degli esami professionali superiori per capi di marketing con diploma federale

Pubblicazione dell organo responsabile degli esami professionali superiori per capi di marketing con diploma federale DIRETTIVE inerenti al regolamento d esame dell esame professionale superiore per Capi di marketing con diploma federale Pubblicazione dell organo responsabile degli esami professionali superiori per capi

Dettagli

inerenti al regolamento d esame dell esame professionale superiore per Capi di vendita

inerenti al regolamento d esame dell esame professionale superiore per Capi di vendita DIRETTIVE inerenti al regolamento d esame dell esame professionale superiore per Capi di vendita Pubblicazione dell organo responsabile degli esami professionali superiori per capi di vendita diplomati

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

Creatrice d abbigliamento Creatore d abbigliamento

Creatrice d abbigliamento Creatore d abbigliamento Direttive concernenti l esame professionale superiore Creatrice d abbigliamento Creatore d abbigliamento Versione del 29 maggio 2015 Organo responsabile Unione svizzera dei mestieri della moda (USMM) Segreteria

Dettagli

Sviluppare il mercato, promuovere il dialogo e gestire i processi di comunicazione

Sviluppare il mercato, promuovere il dialogo e gestire i processi di comunicazione Specialisti in marketing, specia - listi in vendita, pianificatori (ici) di comunicazione, redattori (ici) di testi pubblicitari, specialisti in relazioni pubbliche: tutti occupano posizioni importanti

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

Allegato 1 delle DIRETTIVE

Allegato 1 delle DIRETTIVE Unione Professionale Svizzera della carne Allegato 1 delle DIRETTIVE Per l esame professionale superiore per Mastro macellaio/mastra macellaia Edizione gennaio 2007 Materie d esame Contenuto 1. Competenze

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO Pagina 1 di 9 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE GAROFOLI M. GIUSEPPINA ECONOMIA AZIENDALE V B MERCURIO OBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

Ciclo di studio con diploma per docenti di scuola specializzata superiore a titolo principale (DSS)

Ciclo di studio con diploma per docenti di scuola specializzata superiore a titolo principale (DSS) Ciclo di studio con diploma per docenti di scuola specializzata superiore a titolo principale (DSS) Descrizione dei moduli Moduli Modulo 1 Progettare, realizzare e valutare un unità di formazione Modulo

Dettagli

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: CLASSE: DISCIPLINA: COMUNE 5 AFM ECONOMIA AZIENDALE COMPETENZE: Riconoscere e interpretare i macrofenomeni economici che influenzano

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Sistemi Informativi aziendali e Scienze bancarie Finanziarie e Assicurative Nodi concettuali

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DEL DIPARTIMENTO ECONOMICO AZIENDALE Anno Scolastico: 2014-2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

S P K C S E. Periodo CP CM CS Aree di apprendimento Competenze

S P K C S E. Periodo CP CM CS Aree di apprendimento Competenze S P K C S E im Detailhandel dans le Commerce de Détail nel Commercio al Dettaglio Procedura di qualificazione per le formazioni professionali di base nel commercio al dettaglio Impiegata del commercio

Dettagli

CARTA D IDENTITÀ... 2 CHE COSA FA... 4 DOVE LAVORA... 5 CONDIZIONI DI LAVORO... 6 COMPETENZE...

CARTA D IDENTITÀ... 2 CHE COSA FA... 4 DOVE LAVORA... 5 CONDIZIONI DI LAVORO... 6 COMPETENZE... GIURISTA D IMPRESA 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 7 Che cosa deve essere in grado di fare... 7 Conoscenze... 8 Abilità...

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MATERIA DIRITTO CLASSE 3 INDIRIZZO RIM DESCRIZIONE Unità di Apprendimento UdA n. 1 Titolo: STATO E ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI VALUTARE FATTI E ORIENTARE I PROPRI COMPORTAMENTI IN BASE AD UN SISTEMA

Dettagli

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE OFFERTA FORMATIVA Titolo: MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Padova, Roma e Bologna. Destinatari: Il Master si rivolge a laureati, preferibilmente in discipline economiche,

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri

Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri AREA FUNZIONALE PRIMA ( ex A1 e A1S ) Appartengono a questa Area funzionale i lavoratori che svolgono attività ausiliarie, ovvero lavoratori che svolgono

Dettagli

NSM Nexus Scuola di Management

NSM Nexus Scuola di Management NSM Nexus Scuola di Management NSM è la Scuola di Management della Nexus Srl, agenzia di formazione accreditata presso la Regione Abruzzo per la Formazione continua e superiore, che opera dal 1991 fornendo

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING -SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Nodi concettuali essenziali

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Ragnoli Raffaella MATERIA Economia Aziendale e geopolitica classe e indirizzo : 5 A RIM n. ore settimanali: 6 monte orario annuale: 198 CONOSCENZE

Dettagli

ARPAT. Politica per la Qualità

ARPAT. Politica per la Qualità ARPAT Politica per la Qualità POLITICA PER LA QUALITÀ La missione di ARPAT L Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana (ARPAT) concorre alla promozione dello sviluppo sostenibile e contribuisce

Dettagli

Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale

Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale il corso di studi mira a formare diplomati in grado di ricoprire figure professionali polivalenti in cui si possano coniugare in modo equilibrato una

Dettagli

Unità procedurali (UP)

Unità procedurali (UP) Elemento 4 Indice: 1. Base concettuale Pagina 1 2. Processi / unità procedurali 2.1 Definizione / esempio Pagina 2 2.2 Obiettivo delle unità procedurali Pagina 2 2.3 Numero di unità procedurali Pagina

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

FORMAZIONE COME VENDERE E COMUNICARE UN SERVIZIO TECNOLOGICAMENTE INNOVATIVO TORINO IVREA. Corso di alta formazione CORSO GRATUITO

FORMAZIONE COME VENDERE E COMUNICARE UN SERVIZIO TECNOLOGICAMENTE INNOVATIVO TORINO IVREA. Corso di alta formazione CORSO GRATUITO COME VENDERE E COMUNICARE UN SERVIZIO TECNOLOGICAMENTE INNOVATIVO Corso di alta formazione FORMULA INTENSIVA 7 venerdì non consecutivi di lezione in aula DOPPIA EDIZIONE: TORINO 1 EDIZIONE DAL 31 GENNAIO

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

SCHEDA PROGETTAZIONE UDA

SCHEDA PROGETTAZIONE UDA SCHEDA PROGETTAZIONE UDA UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Descrizione sintetica del progetto Prodotti Competenze mirate Comuni/cittadinanza professionali BISOGNI, BENI, CONSUMI DEGLI ADOLESCENTI Il

Dettagli

MATERIA: ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CLASSI: PRIME TERZE QUINTE INDIRIZZI : SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE ED ASSICURATIVE

MATERIA: ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CLASSI: PRIME TERZE QUINTE INDIRIZZI : SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE ED ASSICURATIVE MATERIA: ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE ED ASSICURATIVE Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE PER IMPRENDITORI EDILI

CORSO DI ALTA FORMAZIONE PER IMPRENDITORI EDILI CORSO DI ALTA FORMAZIONE PER IMPRENDITORI EDILI SETTEMBRE 2013 GENNAIO 2014 Fondazione CUOA Da oltre 50 anni Fondazione CUOA forma la nuova classe manageriale e imprenditoriale.è la prima business school

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN COS È IL BUSINESS PLAN E QUAL È LA SUA UTILITÀ? Il business plan è un documento scritto che descrive la vostra azienda, i suoi obiettivi e le sue strategie, i

Dettagli

MODULO DI MARKETING. Università di Ferrara

MODULO DI MARKETING. Università di Ferrara MODULO DI MARKETING Università di Ferrara 1 Lezione 2 DALLA STRATEGIA AL BUSINESS PLAN Università di Ferrara 2 Sommario Comprendere il ruolo e la funzione del BP Analizzare la struttura-tipo di un BP Analizzare

Dettagli

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s.

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s. Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale a.s. 2015-2016 Premessa La seguente programmazione è stata sviluppata a partire

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

Programma di Export Temporary Management

Programma di Export Temporary Management Programma di Export Temporary Management Aree di intervento Business Strategies, grazie ad una solida esperienza acquisita negli anni, eroga servizi nell ambito dell Export Temporary Management finalizzati

Dettagli

Massimizzazione del profitto

Massimizzazione del profitto Massimizzazione del profitto Diversi tipi di impresa Obiettivo dell impresa: massimo profitto Profitto Economico e Profitto Contabile Costo Economico (Costo Opportunità) Profitto Normale e Extra-Profitto

Dettagli

Direttive Esame professionale per Specialista del personale

Direttive Esame professionale per Specialista del personale Direttive Esame professionale per Specialista del personale Opzioni A Gestione del personale B Consulente del personale secondo il Regolamento 2000, versione 2.0 Organo svizzero responsabile degli esami

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE BIENNIO BIENNIO 5 ANNO Competenza storico-sociale n. Comprendere il cambiamento e la diversita dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica

Dettagli

Modulo di domanda d ammissione come membro collettivo della SGfB con certificazione di formazioni in materia di consulenza

Modulo di domanda d ammissione come membro collettivo della SGfB con certificazione di formazioni in materia di consulenza Modulo di domanda d ammissione come membro collettivo della SGfB con certificazione di formazioni in materia di consulenza Osservazioni preliminari La varietà delle formazioni certificate dalla SGfB dimostra

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

Novità. Documentazione dell apprendimento e delle prestazioni Impiegata/impiegato di commercio AFC S&A. Servizi e. amministrazione

Novità. Documentazione dell apprendimento e delle prestazioni Impiegata/impiegato di commercio AFC S&A. Servizi e. amministrazione Documentazione dell apprendimento e delle prestazioni Impiegata/impiegato di commercio AFC Novità S&A Servizi e amministrazione Sommario Panoramica In breve 1 Introduzione 2 Impiegata/impiegato di commercio

Dettagli

Formarsi oggi per costruire le imprese di domani

Formarsi oggi per costruire le imprese di domani Formarsi oggi per costruire le imprese di domani Impresario costruttore diplomato Formazione a moduli in preparazione all Esame superiore di Impresario costruttore diplomato Centro di formazione professione

Dettagli

I vantaggi dell internazionalizzazione delle imprese

I vantaggi dell internazionalizzazione delle imprese delle imprese presentazione Le imprese che avviano un attività di esportazione hanno la possibilità di cogliere una serie importante di opportunità di sviluppo e prosperità quali ad esempio: aumento del

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

Riforma "Specialista del commercio al dettaglio" Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al

Riforma Specialista del commercio al dettaglio Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al Specialista del commercio al Riforma "Specialista del commercio al " Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al (La designazione di persone o gruppi

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE PROF. VALTER CANTINO 1 L AZIENDA Soggetto unitario composto di più elementi diversi

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO Istituto superiore per la Ricerca e la Protezione Ambientale Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali In collaborazione con: Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero

Dettagli

UN CASO AZIENDALE CASI AZIENDALI: N 00103/2008. Value Management System Un caso aziendale. Pagina n 1 Pagine totali 7

UN CASO AZIENDALE CASI AZIENDALI: N 00103/2008. Value Management System Un caso aziendale. Pagina n 1 Pagine totali 7 Pagina n 1 CASI AZIENDALI: N 00103/2008 UN CASO AZIENDALE SETTORE: COMMERCIO FORMA GIURIDICA: SNC PROBLEMA: SITUAZIONE DI INDEBITAMENTO FINANZIARIO OBIETTIVO: RIORGANIZZAZIONE SISTEMA DI GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

Affianchiamo l imprenditore ed i suoi collaboratori nella gestione della complessità nella quale l azienda quotidianamente si muove

Affianchiamo l imprenditore ed i suoi collaboratori nella gestione della complessità nella quale l azienda quotidianamente si muove Dr. Mario Venturini Professionista operante in conformità alla Legge n. 4 del 14 /01/2013 Certified Management Consultant - Socio qualificato APCO-CMC n 2003/0042 Affianchiamo l imprenditore ed i suoi

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE COMPETENZE CHIAVE EUROPEE e COMPETENZE SPECIFICHE 1 PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE PROFILO Il Diplomato

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

TECNICO COMMERCIALE DELLE VENDITE

TECNICO COMMERCIALE DELLE VENDITE PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO COMMERCIALE DELLE VENDITE 1 COMUNICAZIONE E PARTECIPAZIONE SOCIALE L ambito Comunicazione e partecipazione sociale concorre a mettere lo studente

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE

CODICE ETICO. Sommario MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE CODICE ETICO MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE Sommario Premessa 2 0.1 Obiettivi 2 0.2 Adozione 2 0.3 Diffusione 2 0.4 Aggiornamento 2 Rapporti con l esterno 3 1.1 Competizione 3 1.2 Relazioni 3 1.3

Dettagli

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento Giugno 2005 Cari docenti, Vi ringraziamo per aver aderito al progetto ECHO mirante a fornire ai partecipanti al corso di orientamento

Dettagli

Materia: Economia Aziendale Classi: Turismo / Relazioni Internazionali e Marketing /Amministrazione e Finanza PRIMO BIENNIO

Materia: Economia Aziendale Classi: Turismo / Relazioni Internazionali e Marketing /Amministrazione e Finanza PRIMO BIENNIO IIS Algarotti Venezia Anno Scolastico 2014/2015 Risultati di Apprendimento Materia: Economia Aziendale Classi: Turismo / Relazioni Internazionali e Marketing /Amministrazione e Finanza Strumenti di lavoro

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale Domestic Svizzera. La sua soluzione individuale incentrata sulla Svizzera

Il mandato di gestione patrimoniale Domestic Svizzera. La sua soluzione individuale incentrata sulla Svizzera Il mandato di gestione patrimoniale Domestic Svizzera La sua soluzione individuale incentrata sulla Svizzera Il mandato LGT Domestic Svizzera una soluzione di investimento semplice e comprensibile L universo

Dettagli

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,(

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,( 3,1,),=,21((21752//2, *(67,21(,0377,25*1,==7,9,( 68//(5,6256(801( 7HVWLPRQLDQ]DGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGD *=DQRQL 0LODQRJLXJQR Struttura del Gruppo Banca Lombarda 6WUXWWXUDGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGDH3LHPRQWHVH

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico

Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico Sommario Premessa 0.1 Obiettivi 0.2 Adozione 0.3 Diffusione 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento Sezione I Rapporti con l esterno 1.1 Competizione

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

MARKETING MANAGEMENT. Master serale. Anno Accademico 2010-2011. Master universitario di primo livello Facoltà di Economia

MARKETING MANAGEMENT. Master serale. Anno Accademico 2010-2011. Master universitario di primo livello Facoltà di Economia MARKETING MANAGEMENT Master serale Anno Accademico 2010-2011 Master universitario di primo livello Facoltà di Economia Presentazione La gestione delle relazioni con i mercati è elemento fondamentale del

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Simona Migliavacca MATERIA Economia Aziendale classe e indirizzo : 4 B AFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 231 CONOSCENZE 1 Strumenti

Dettagli

Il piano di marketing capitolo 13

Il piano di marketing capitolo 13 Il piano di marketing capitolo 13 Il piano di marketing Il piano di marketing è un documento che formalizza la strategia da seguire, ne spiega i presupposti, la traduce in programmi operativi*. Risponde

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE

ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE INDICE Direttore di Filiale... 3 Modulo Famiglie... 4 Coordinatore Famiglie... 4 Assistente alla Clientela... 5 Gestore Famiglie... 6 Ausiliario... 7 Modulo Personal

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI (FAMIGLIE, FATTORI, LIVELLI)

COMUNE DI RAVENNA GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI (FAMIGLIE, FATTORI, LIVELLI) COMUNE DI RAVENNA Il sistema di valutazione delle posizioni del personale dirigente GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI (FAMIGLIE, FATTORI, LIVELLI) Ravenna, Settembre 2004 SCHEMA DI SINTESI PER LA

Dettagli

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013)

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA POR OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) Comitato di Sorveglianza 13 maggio 2011 REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno CODICE ETICO AZIENDALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 dicembre 2009 1 Sommario Premessa 1. 0.1 Obiettivi 2. 0.2 Adozione 3. 0.3 Diffusione 4. 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA INDIRIZZO TECNICO SCIENTIFICO NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA INDIRIZZO TECNICO SCIENTIFICO NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE Pag. 1 di 3 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DIPARTIMENTO DI INFORMATICA INDIRIZZO TECNICO SCIENTIFICO CLASSI CORSI AFM, RIM, SIA BIENNIO TRIENNIO DOCENTI: PAGETTI, GOI NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE I QUADRIMESTRE

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 5. STRATEGIA, PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Pianificazione d azienda Pianificazione strategica Pianificazione

Dettagli

Controllo di gestione con Mago.NET

Controllo di gestione con Mago.NET logikasoftware.it Controllo di gestione con Mago.NET Una mattinata di formazione per scoprire come monitorare perfettamente la tua azienda attraverso i nuovi moduli di Mago.NET. Imparerai quali sono i

Dettagli

TECNICO DELL ABBIGLIAMENTO

TECNICO DELL ABBIGLIAMENTO PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO DELL ABBIGLIAMENTO COMUNICAZIONE E PARTECIPAZIONE SOCIALE L ambito Comunicazione e partecipazione sociale concorre a mettere lo studente in

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE 1 a) L organizzazione: concetti generali b) La struttura organizzativa c) I principali modelli di struttura organizzativa a) La struttura plurifunzionale b) La struttura

Dettagli

Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011

Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011 Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011 Docente: Pasquale L. De Angelis deangelis@uniparthenope.it tel. 081 5474557 http://www.economia.uniparthenope.it/siti_docenti P.L.DeAngelis Modelli

Dettagli

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli)

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) IL BUSINESS PLAN Piano di marketing del prodotto x per Una sintesi finale! STRATEGIA AZIENDALE - MKG ANALITICO anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) Esterna: clienti, bisogni e desideri ambiente competitivo

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/ http://www.intraprendereamodena.it/ Modena, febbraio 2014 Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Premessa introduttiva: la Pianificazione Strategica (4) 2. Il Business

Dettagli

PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO

PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO PIANO DI LAVORO PIANIFICAZIONE, FINANZA E CONTROLLO 5 AL PROF.SSA MARILINA SABA a.s 2010/2011 Moduli UNITA ORARIE 1. Il controllo della gestione

Dettagli

PROPOSTA FORMATIVA FQR

PROPOSTA FORMATIVA FQR PROPOSTA FORMATIVA FQR 1. Modulo: Contabilità Generale COGE 1: La contabilità generale COGE 2: Analisi di bilancio COGE 3: I principi contabili internazionali CONSO 1: Il bilancio consolidato (corso base)

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli