POLYMNIA Studi di Storia romana 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POLYMNIA Studi di Storia romana 2"

Transcript

1 POLYMNIA Studi di Storia romana 2

2 Polymnia Collana di Scienze dell antichità fondata e diretta da Lucio Cristante Studi di Storia romana a cura di Gino Bandelli e Giovannella Cresci Marrone COMITATO SCIENTIFICO INTERNAZIONALE Élizabeth Deniaux (Paris), Hartmut Galsterer (Köln), Andrea Giardina (Roma), Juan Santos Yanguas (Vitoria), Claudio Zaccaria (Trieste), Giuseppe Zecchini (Milano) RESPONSABILE DI REDAZIONE Simona Ravalico I testi pubblicati sono liberamente disponibili su: Mangiameli, Rita Tra duces e milites : forme di comunicazione politica al tramonto della Repubblica / Rita Mangiameli. - Trieste : Edizioni Università di Trieste, XX, 412 p. : ill. ; 24 cm. (Polymnia : studi di storia romana ; 2) ISBN Propaganda politica Roma antica a.c (ed.22) Questo volume è stato finanziato dai Fondi di Ricerca di Ateneo 2009/2010 di Giovannella Cresci Marrone sul tema: cerimonie alla romana in età triumvirale ed augustea Copyright EUT EDIZIONI UNIVERSITÀ DI TRIESTE Proprietà letteraria riservata I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento totale o parziale di questa pubblicazione, con qualsiasi mezzo (compresi i microfilm, le fotocopie o altro), sono riservati per tutti i Paesi Autore e editore hanno operato per identificare tutti i titolari dei diritti delle illustrazioni riprodotte nel presente volume e ottenerne l autorizzazione alla pubblicazione; restano tuttavia a disposizione per assolvere gli adempimenti nei confronti degli eventuali aventi diritto non rintracciati

3 Rita Mangiameli Tra dvces e milites Forme di comunicazione politica al tramonto della Repubblica

4 Ai miei genitori

5 indice Prefazione Introduzione I. Grammatica di un antagonismo politico 1. Il post-cesaricidio 1.1 Le Idi di marzo: «erano rimasti grandi eserciti devoti a Cesare» 1.2 Il diciottenne Gaio Ottavio: «cambiò totalmente il proprio nome» 1.3 L erede a Roma: «mi basterà la fama di mio padre» 1.4 La conciliazione: «una moltitudine di soldati era giunta sulle porte» 1.5 I centurioni nella domus di Antonio: «riponevamo la sicurezza del futuro in te» 1.6 La risposta del comandante: «lo vendicheremo» 2. L autunno del 44 a.c. 2.1 L erede e i veterani in Campania: «li fece venire in casa sua» 2.2 Il console e i legionari a Brindisi: «imparerete a ubbidire» 2.3 Gli evocati giunti a Roma: «si risentirono per quella dichiarazione contro Antonio» 2.4 Ottaviano e le truppe ad Alba: «non sveliamo noi per primi la finzione» 3. Da Modena a Bologna (43 a.c.) 3.1 I milites a Modena: «nessuno, né vinto, né vincitore, pronunciò una parola durante lo scontro» 3.2. La fusione degli eserciti: i soldati di Lepido «aprirono le porte ad Antonio» 3.3 L arringa di Ottaviano: «tutto ciò che vi fu dato dal padre mio sarà saldamente vostro» 3.4 La parola delle truppe per il consolato ottavianeo: «glielo darà questa spada!» 3.5 I duces a Bologna: «A coronamento degli accordi conclusi, i soldati li circondarono» IX XI V

6 II. Parole e segni negli anni del secondo Triumvirato 1. Da Filippi a Perugia (42-40 a.c.) 1.1 I cesaricidi a Filippi: «noi, discendenti da coloro che lo avevano giurato» 1.2 I triumviri contro Bruto: «gettarono sulle sue trincee dei libelli» 1.3 Le assegnazioni terriere in Italia: «ai capi giovava l aiuto dell esercito» 1.4 Le mediazioni: «allora i veterani marciarono su Roma in gran numero» 1.5 Dopo la resa: «né vi era più distinzione o divisione» 1.6 Le ghiande missili a Perugia: Caesar imperator, Antonius imperator 2. Gli accordi triumvirali, l Occidente e l Oriente (40-36 a.c.) 2.1 A Brindisi: «le acclamazioni ad entrambi furono incessanti» 2.2 A Miseno: «un forte e lunghissimo grido di gioia si alzò» 2.3 A Taranto: «i presenti ammirarono un bellissimo spettacolo» 2.4 A Nauloco: «La flotta cesariana alzò dal mare un grido di vittoria» 2.5 Ottaviano a Messina: «portando con sé nient altro che il proprio nome» 2.6 L ammutinamento: «corone e porpora erano divertimenti per bambini» 2.7 Antonio sconfitto dai Parti: «volendo parlare ai soldati, chiese un mantello scuro» 3. Dallo scadere del Triumvirato ad Azio (32-30 a.c.) 3.1 La guerra propagandistica: «si accusavano e si giustificavano» 3.2 L adlocutio di Antonio: «dirò solo quanto hanno osato fare contro di me» 3.3 L adlocutio di Ottaviano: «non chiamatelo Antonio, ma Serapione» 3.4 L ultima vittoria dell erede: «lesse di sua volontà i fogli ai soldati» III. Una lettura semiotica 1. Luoghi e canali della comunicazione 1.1 Uno sguardo d insieme 1.2 Il contesto comunicativo Il campo militare La città 1.3 I canali della comunicazione Il canale orale Il canale visivo-gestuale Il canale scritto 2. La voce del dux 2.1 La parola come azione politica 2.2 Il discorso politico Ottaviano VI

7 Lucio Antonio Marco Antonio I cesaricidi 3. La parola del dux e il discorso visivo: un rapporto simbiotico 3.1 La multimedialità dell azione politica 3.2 La moneta castrensis Il nuovo Cesare e la pietas verso il padre Marco Antonio e l ultio del dittatore La libertas e le Idi di marzo Tra Antonio augure e Ottaviano Divi filius La pietas erga parentem di Sesto Pompeo 3.3 La narrazione visiva 4. La voce dei milites 4.1 L azione di un gruppo sociale 4.2 La massa militare e le delegazioni di ufficiali Il confronto orizzontale Il consenso Il dissenso La richiesta dell accordo 4.3 Interesse economico e consapevolezza politica 5. Il codice clientelare 5.1 L esercito volontario e professionale 5.2 Tra duces-patroni e milites-clienti Il modello comunicativo: salutatio, deductio, adsectatio La scorta difensiva del patrono, in formam iusti exercitus La rete dei clientes cesariani Tra fides e pietas Riflessioni conclusive Categorie, dinamiche, complessità dei segni Successi e insuccessi comunicativi Demokratie in Rom? Bibliografia Indice analitico VII

8

9 prefazione Il volume che esce per secondo nella serie storica della collana Polymnia delle Edizioni dell Università di Trieste (EUT) sviluppa un tema, quello delle forme assunte dalla comunicazione politica nel corso della cosiddetta rivoluzione romana, che da tempo viene coltivato, sotto diverse prospettive, dai ricercatori di Storia romana dell Università di Venezia. Il progetto prevede che si esplorino le modalità e le occasioni in cui i vertici al potere dialogarono al loro interno e quelle in cui si rapportarono con i ceti subalterni seguendo profili innovativi rispetto alla prassi consuetudinaria, in un periodo storico connotato da profonde lacerazioni e da incisivi mutamenti istituzionali, che non solo favorirono l affermazione di nuovi soggetti politici ma anche la sperimentazione di strumenti di comunicazione alternativi. Consapevole della vivacità dell odierno dibattito sulla cosiddetta «Demokratie in Rom», il contributo di Rita Mangiameli pone al centro dell indagine il rapporto instauratosi fra duces e milites nelle fasi conclusive della repubblica. Applicati gli opportuni filtri interpretativi alle fonti storiografiche e coniugandone le risultanze con gli apporti della numismatica e dell epigrafia emergono dall analisi i soggetti implicati nel dialogo sia diretto che a distanza, i vettori assunti dallo scambio informativo, gli slogans elaborati, i mezzi adottati per la loro divulgazione, la progettualità politica formulata dai leaders e le istanze avanzate dalle basi, ovvero dai cosiddetti senatori caligati, il modello relazionale alle base dei rispettivi processi comportamentali. Il lavoro, iniziato nel corso del dottorato di ricerca in Storia antica e archeologia, Storia dell Arte dell Università Cà Foscari di Venezia, e progressivamente cresciuto giovandosi del contributo di discussione, del vaglio critico e del confronto dialettico con Elvira Migliario, Elizabeth Deniaux, Gino Bandelli e Francesca Rohr, vede ora la luce in una collana dell Università di Trieste; ciò deve leggersi come un tributo al passato e insieme come una scommessa per il futuro. Un tributo al passato, in quanto la fervida esperienza scientifica maturata nel contesto del dottorato di Storia antica dell Università di Roma La Sapienza, IX

10 unita in consorzio negli anni Novanta con le Università di Padova, Venezia e Trieste, ha contribuito a rinsaldare nel tempo le sinergie di ricerca, le collaborazioni didattiche, le consonanze tematiche e metodologiche tra i ricercatori delle due sedi, nel comune ricordo dei Maestri oggi scomparsi, Filippo Càssola, Ruggero Fauro Rossi, Augusto Fraschetti e Domenico Musti. Una scommessa per il futuro in quanto, insieme con Gino Bandelli, si intende mantenere vivo e incrementare, anche attraverso questo impegno editoriale, lo spazio della ricerca e la passione per l antico, attraverso il filo rosso di un confronto plurigenerazionale. Giovannella Cresci Marrone X

11 introduzione «Si narra che la famosa Medea della tragedia seminasse un giorno i denti di un serpente ucciso, dai quali, come messe dal seme, emersero dalla terra guerrieri armati che in breve, combattendo tra loro, si annientarono. Certo è una finzione escogitata dai poeti; ma la nostra Roma, ucciso Cesare, quanti eserciti armati partorì dalle sue ceneri!» 1 Il suggestivo accostamento d immagini attraverso cui Orosio definisce gli ultimi anni della Repubblica romana illustra, con pregnante efficacia, il ruolo di primo piano assunto dagli eserciti dopo la scomparsa del dittatore, nel 44 a.c., e delinea il quadro in cui si inserisce l oggetto specifico di questa indagine, ovvero la comunicazione tra i duces e i milites protagonisti della vicenda politica conseguente al cesaricidio. La comunicazione, sia essa affidata al canale verbale, gestuale, scritto o iconico, denota l intenzione del soggetto mittente, include il punto di vista del destinatario, genera un messaggio che si giova di significati e pratiche condivise dagli interlocutori, nel segno della reciprocità. Assumendo tali requisiti ed instaurando la dinamica di un dialogo verticale, la comunicazione politica di ogni epoca e contesto coincide con il multiforme riprodursi di un medesimo modello di interazione, che consegna il ruolo di protagonisti ai vertici di potere e alle basi delle quali essi si rendono partners comunicativi. Analogamente, sia le strategie persuasive poste in essere dai leaders sia i linguaggi e i codici adottati dalle loro basi di consenso sono soggetti alla teorizzazione e all analisi tipologica, così come i tanti e diversificati contenuti del dialogo politico si possono ricondurre, complessivamente, a più ampie categorie concettuali, quali la consensualità, il conflitto, la negoziazione. 1 Oros. hist. VI 17, 7-8: Medeam illam fabulae ferunt dentes quondam occisi sevisse serpentis, e quibus quasi conpetens semini seges armati homines terra emerserint seseque mox invicem pugnando prostraverint. Equidem hoc poetarum commenta finxerunt; nostra autem Roma Caesare occiso quanta de cineribus eius agmina armata parturiit! Si segue la traduzione di G.Chiarini in Lippold 1976.

12 introduzione Dunque, l individuazione dei tratti caratterizzanti il processo comunicativo sembra costituire la necessaria premessa dello studio di una sua qualsivoglia manifestazione specifica e storicizzata: ciò vale particolarmente per il mondo antico e soprattutto per la storia antica narrata, in ragione dei limiti che la trasmissione della memoria, ad opera degli autori coevi o posteriori ai fatti indagati, impone ai moderni intenti ricostruttivi. Pertanto, sulla base della narrazione storiografica antica, coniugata a strumenti teorici di analisi applicabili ad essa, il lavoro si propone di esplorare i contenuti e le forme della comunicazione stabilitasi tra i vertici e le basi dell esercito romano nel periodo compreso tra il 44 e il 30 a.c., ovvero durante l ultima guerra civile di età repubblicana: una comunicazione che, a seguito del declino delle istituzioni centrali, soccombenti dinnanzi all agire dei viri militares, assume una connotazione prettamente politica. Il fenomeno che si intende indagare rientra, infatti, in un più ampio scenario di trasformazioni politiche, sociali e culturali nell ambito del quale la pratica politica dei leaders, determinati ad imporsi sugli avversari secondo antagonismi individuali e nella complessiva latitanza della legalità, si avvale di modalità inusuali e sedi alternative; pertanto, la ricerca nasce dall intento di riscontrare elementi di rilievo anche in tale specifico livello della comunicazione politica, quale è il dialogo tra generali e truppe al tramonto della Repubblica. Il resoconto storiografico dell età del secondo Triumvirato, per lo più tardo rispetto agli eventi, conferisce un ruolo significativo ai soldati cesariani che, alle Idi di marzo del 44 a.c., rimasero privi del dictator. Che i milites rappresentino la primaria risorsa dei duces in conflitto vale globalmente per le guerre civili della fine della Repubblica, quando l acquisizione di una cospicua forza militare personale si rivela decisiva nel determinare l affermazione dei soggetti politici a confronto 2 ; ma in particolare nel periodo compreso tra la morte di Cesare e la battaglia di Azio, si delinea uno scenario inedito, che sembra incidere propriamente sull interazione tra i leaders e le truppe 3. Infatti, la contrapposizione 2 Sulla fine della Repubblica vd. Syme 1962 e, per le più rilevanti trattazioni del periodo sotto il profilo sia socio-economico che politico, si vedano Gabba 1954; Polverini 1964; Brunt 1971; Brunt 1972; Gruen 1974; sul Triumvirato, vd. in particolare Gara, Foraboschi 1993; sulla lettura politologica del sistema politico romano, cf. i contributi che valorizzano l elemento politico-ideologico popolare nella tarda Repubblica, tra questi Perelli 1982; Mackie 1992; Millar 1995, ; Mouritsen Sulla situazione politica successiva al cesaricidio, si vedano in particolare Grattarola 1990; Gotter 1996; Cristofoli XII

13 introduzione politica tra duces cesariani e repubblicani, destinata ad estinguersi nelle vittorie triumvirali di Filippi e Nauloco, si inscrive nel più duraturo antagonismo personale, interno alla factio sopravvissuta al dittatore 4, al quale si deve l incessante scontro politico, propagandistico e militare tra Ottaviano e Marco Antonio. Tale contrasto, non fondandosi su antitesi ideologiche ma al contrario traendo origine dalla comune identità cesariana, presenta tra le sue più rilevanti manifestazioni l inevitabile contesa della vastissima clientela militare costituita dai legionari e dai veterani di Cesare. Pertanto, l attenzione delle fonti antiche 5 si focalizza necessariamente sulle modalità di acquisizione dell ambita base di consenso, rappresentata dai milites cesariani, messe in atto dall erede di Cesare e dall ex legatus del dittatore, Marco Antonio. A ciò si aggiunge la considerazione, già chiara agli antichi, delle peculiarità dei soldati che avevano militato al servizio del grande generale, quali la devozione alla memoria del dux assassinato e l aspettativa di rassicurazioni economiche da parte di coloro che si proponevano come continuatori della politica di Cesare. È obiettivo del lavoro, dunque, rivolgere particolare attenzione ai principali protagonisti della scena politica e alle clientele militari cesariane da essi contese, data la rilevanza e la valenza ideologica 6 del processo comunicativo che, in tal senso, duces e milites sembrano aver reciprocamente attivato. Poiché l evoluzione della vicenda politica è non solo sfondo, ma soprattut- 4 È soprattutto a partire dalla fase cesariana che i gruppi protagonisti della dialettica politica sono riconosciuti dalle stesse fonti antiche come factiones o partes; sul tema, vd. Zecchini 2009, Il dibattito critico moderno relativo alla concezione politologica di tali schieramenti ha visto emergere due tendenze dominanti: l una ha guardato alla lotta politica tardorepubblicana come allo scontro tra nobili e alle reciproche rivalità personali, l altra ha utilizzato quale unico criterio interpretativo un rigido dualismo Senato-popolo (donde quello tra optimates e populares), che il lavoro di Càssola 1962 ha avuto il merito di far evolvere nella considerazione di una pluralità di gruppi su base socio-economica; sull argomento, si rimanda a Bandelli 2009, e Zecchini 2009, part Il più ampio studio sulle guerre civili come soggetto dell opera storiografica antica è ravvisabile in Jal 1963, il quale precisa la nozione antica del bellum civile, ne affronta le ripercussioni sul piano etico e letterario e, soprattutto alle pp , prende in esame il rapporto tra l opera storiografica, l attualizzazione e la propaganda politica. Per i più significativi contributi sulla lettura critica delle fonti antiche e della loro attendibilità, si rimanda all analisi dei capitoli successivi. 6 Sul fatto che gli interessi, economici e politici, dell enorme clientela di Cesare contribuiscano a far emergere più distintamente un ideologia, se non un partito, vd. Zecchini 2009, ; sul tema, cf. Mackie 1992, part XIII

14 introduzione to argomento dello stesso scambio comunicativo che si intende approfondire, è parso opportuno presentare tutti gli episodi comunicativi attestati dal resoconto storiografico antico per il periodo considerato, dei quali si possa cogliere il preciso contesto e il significato contingente, evidenziandone al tempo stesso gli elementi di continuità e sviluppo nell arco cronologico preso in esame. A tale ricostruzione segue una complessiva analisi semiotica dei dati emersi, finalizzata a mettere in luce gli aspetti più significativi della comunicazione politica, a valorizzarne le modalità espressive, i luoghi e le finalità, nel tentativo di rintracciare i modelli di una sintassi comunicativa ricorrente. Nel panorama del dibattito critico moderno, lo studio degli eserciti triumvirali ha prevalentemente indagato l evoluzione economica e sociale delle masse militari, rilevandone le complessive trasformazioni di status 7 : tanto il costituirsi di eserciti personali quanto la generale fisionomia dei legionari e dei veterani, particolarmente di quelli legati all età cesariana, sono stati pertanto valutati come il frutto di nuovi assetti politico-economici; sulla base di tali premesse, si intende, invece, condurre un analisi circostanziata del fenomeno di relazione e dialogo politico tra generali e truppe nelle sue modalità di estrinsecazione e nei contenuti che esso veicola, ritenendo che, nel quadro di un interdipendenza reciproca, gli obiettivi dei vertici e le istanze delle basi si precisino propriamente nelle forme della comunicazione politica. Quest ultima, peraltro, è oggetto di attenzione da parte della critica sotto un duplice versante: da una parte, gli studi sulla propaganda, soprattutto in merito alla decisiva fase di transizione politico-istituzionale, quale è il passaggio dalla Repubblica al Principato, hanno enucleato le coordinate propagandistiche scelte dai leaders nell ambito della propria affermazione politica 8 ; dall altra, i lavori 7 Sull esercito romano vd. Brunt 1950, 50-71; Parker 1958; Keppie 1984; Breeze, Dobson 1993; Milan 1993; Brizzi 2002; Gabba 2002; con particolare riferimento alle conseguenze della riforma di Mario del 107 a.c., si vedano Brunt 1962, 69-86; Jal 1962, 7-27; Harmand 1967; Harmand 1969, 61-73; Brunt 1971, soprattutto ; Gabba 1973; Sordi 2002b; sui veterani allocati in colonie in questo periodo, in part. Keppie Tra gli studi che fanno riferimento agli eserciti della fine della Repubblica in rapporto al potere politico, vd. Schmitthenner 1960; Botermann 1968; Cresci Marrone 2005, Sulle rivolte militari, in part. Messer 1920; Gabba Si vedano, ad esempio, Scott 1929; Scott 1933; Charlesworth 1933; Levi 1952; Yavetz 1969; Nicolet 1989; Pollini 1990; De Rose Evans 1992; Guilhembet 1992; Marasco 1992; Cresci Marrone 1998b; Simpson 1998; Vanotti 1999; Cresci Marrone 2002; particolarmente per la fase augustea, cf. Zanker 1989 e Cresci Marrone XIV

15 introduzione che indagano in chiave storico-antiquaria le modalità, le sedi e le valenze della comunicazione in Roma, intesa come momento di interazione tra i magistrati e il popolo secondo prassi codificate, hanno recentemente approfondito il significato e la rilevanza delle contiones, circostanze comunicative nelle quali l oratoria e il potere politico sembrano stringersi in un legame significativo ed efficace 9. Entrambi i percorsi di studio, tuttavia, non considerano specificamente le truppe né come destinatari della comunicazione né come eventuali mittenti di messaggi politici. Dunque, poiché si ritiene, per le ragioni poc anzi esposte, che i milites costituiscano la componente privilegiata delle clientele che i vertici si propongono di acquisire in tale segmento cronologico, è parso opportuno, in primis, far emergere dal tessuto evenemenziale del periodo la comunicazione pubblica e la propaganda politica dei leaders esplicitamente diretta alle basi militari, nonché, in secundis, restituire al processo comunicativo la reciprocità che gli compete, enucleando come le basi militari, recepiti i messaggi dall alto, si rendano a loro volta interlocutori e, dunque, coprotagonisti della comunicazione. L indagine si avvale delle opere degli autori antichi che riferiscono gli eventi del periodo considerato; al materiale storiografico preso in esame vanno attribuiti dei limiti intrinseci, che sistematicamente inducono a problematizzare la restituzione dei fatti. In primo luogo, le fonti sono di gran lunga posteriori agli eventi. Infatti, ad eccezione di Nicolao di Damasco biografo del princeps che ci informa sul solo anno 44 a.c. 10, 9 Sul tema, si veda soprattutto Morstein Marx 2004 e la produzione di F.Pina Polo: tra i suoi contributi più significativi, Pina Polo 1989b, che affronta in un ampia trattazione le contiones civili e militari nel mondo romano; per un analisi più sintetica, vd. Pina Polo 1995 e infine Pina Polo Per l estensione dell argomento, con il supporto dello studio epigrafico vd. Pina Polo 1995 e, in riferimento alla rappresentazione dell oratoria su monumenti e monete, cf. Pina Polo Il recente dibattito critico che considera le forme di interazione tra i leaders politici e le basi di consenso valorizza anch esso la contio come momento emblematico della vita civica romana; sul tema, vd. Hölkeskamp 1995, 234ss. e Hölkeskamp 2006, Sulla biografia di Nicolao di Damasco e la sua dipendenza dall autobiografia augustea, vd. Scardigli 1983, part Sull argomento, si veda inoltre Blumenthal Essendo certo l utilizzo dell autobiografia di Augusto da parte di Nicolao, se ne deduce che il favore dei soldati cesariani rappresentasse un tema autocelebrativo molto caro al princeps, che per primo ebbe l interesse a trattare diffusamente di tutte le manifestazioni di consenso ricevute, poi confluite nell opera del biografo. È evidente che nel grande numero di fonti vagliate, più tardi, da Appiano e da Cassio Dione avranno trovato posto anche l autobiografia augustea, l opera di XV

16 introduzione delle notizie che si ritrovano nell epistolario ciceroniano sul medesimo periodo 11 e di sporadici riferimenti rintracciabili nel panegirico tiberiano di Velleio 12, il corpus di testimonianze su cui si basa l analisi è costituito dalle opere, di gran lunga posteriori, di Appiano 13 e Cassio Dione 14 alle quali si aggiungono talora, su altro registro, le biografie di Svetonio 15 e Plutarco 16. Da ciò deriva la necessità di tener conto sia dell esistenza di tradizioni sedimentatesi nel tempo e variamente recepite dagli storici di II e III sec. d.c. sia del sovrapporsi, nel resoconto antico, di molteplici filtri che creano di per sé una distanza tra i fatti e la pagina che ne conserva la memoria: non solo la genealogia delle fonti intermedie, per noi perdute, ma anche l attualità politica si pensi al tema del potere degli eserciti in età severiana, le influenze della retorica, le ambizioni letterarie e l orientamento ideologico degli autori stessi costituiscono fattori destinati a condizionare l angolo visuale, per giunta prevalentemente greco, sul mondo romano della fine della Repubblica. Nicolao di Damasco e presumibilmente altre opere del medesimo orientamento, per noi perdute; sull argomento vd. in particolare Magnino 1984, e Norcio 1996, Per il rapporto tra potere, clientela e l epistolario ciceroniano, vd. in part. Deniaux Su Velleio Patercolo vd. Jodry 1951, ; Lana 1952, passim; Syme 1984a, ; Nuti 1997, Sull ideologia filoaugustea delle Historiae velleiane, alla quale va addebitato il penalizzante ritratto di Lepido nell opera, vd. Rohr Vio 2004, e Rohr Vio 2009a, Sull opera di Appiano si vedano in particolare: Gabba 1956, passim; per il libro III delle Guerre Civili, Magnino 1984, passim; per il libro IV, Magnino 1996, part ; per il libro V, Gabba 1971, ; inoltre Gabba, Magnino 2001, Sul metodo compositivo di Cassio Dione, vd. soprattutto: Cresci Marrone 1998a, 5-36 e Cresci Marrone 1999, ; sul lessico dell autore, vd. Freyburger Galland 1997, passim. Per l esame comparativo tra Appiano e Cassio Dione vd. in particolare Liberanome 1971, e Gowing 1992, passim. 15 Per gli aspetti dell opera di Svetonio più significativi ai fini della ricerca, vd. Lana 1975, ; Carter 1982, passim; Giua 1990, Sulle diverse categorie documentarie (dagli archivi imperiali alle opere di autori di ogni orientamento politico) alle quali il biografo attinge per la stesura della Vita di Augusto, vd. Carter 1982, 6. Complessivamente, l azione del princeps legata alla fase della guerra civile è confinata in una succinta sezione cronologica che tralascia in toto la comunicazione con le basi; viceversa, i pochi dati sul rapporto con le truppe si ricavano dalla successiva sezione tematica dedicata alla vita privata e al carattere del personaggio. 16 Per la vita plutarchea di Antonio, vd. Scuderi 1984, ; per quella di Bruto, vd. Scardigli 2000, ; cf. anche Swain 1990, XVI

17 introduzione Tuttavia, tra le risposte che la critica moderna ha già tentato di fornire ai molti interrogativi che la storiografia antica pone inevitabilmente, si tiene conto di alcune convincenti considerazioni che, chiarendo i tratti costitutivi e il significato culturale del genere storiografico, permettono di valutare e comparare i dati giunti a noi mediante adeguate risorse interpretative 17. Un elemento essenziale consiste nell individuazione del modello tucidideo che, prevedendo la combinazione del materiale storico a disposizione dell autore con l espediente formale del discorso diretto, si colloca ad un livello intermedio tra la restituzione del vero che lo sguardo dei moderni tende a reclamare e la produzione letteraria 18 ; la metodologia utilizzata dagli storici tucididei si avvale di un costante processo di rielaborazione che, se da una parte può essere inteso come limite oggettivo in quanto produce discorsi fittizi, dall altra consente di enucleare dal testo la mappa concettuale delle intenzioni comunicative del personaggio cui il discorso è attribuito, poiché l autore ha lo scopo di esprimersi «nell adesione alla sostanza delle cose dette» 19. È in tal senso che i discorsi diretti riportati da Appiano e Cassio Dione sono analizzati, ovvero ritenendo che il criterio tucidideo, secondo il quale la ricerca dell utile e del vero ammette l uso dell inventio retorica al fine di integrare le lacune della ricostruzione storica, spieghi la natura delle orationes rectae e le renda fruibili, pur riconoscendovi la soggettività degli storici antichi 20, 17 Per il dibattito critico moderno sulla storiografia antica e sul rapporto tra il vero storico e la retorica, si vedano in particolare Momigliano 1984 (che si contrappone ai precedenti lavori di White 1973, al quale si può far risalire la nascita delle teorie narrativiste, e White 1978) e la più recente discussione dell argomento in Pani Per un efficace ricapitolazione dei significati e dei criteri metodologici della storiografia greca e romana, si veda anche Sordi 1993b, Una suggestiva riflessione in merito alla percezione stessa dell antico e, dunque, all anello di congiunzione esistente tra i fatti indagati, gli autori antichi che li tramandano e la loro moderna interpretazione, si deve a Canfora 1989, VI. 18 In proposito, sulla nascita della storia critica ed euristica con Tucidide e sulla scientificità della storiografia antica, vd. Sordi 1993b, 178ss. 19 Così Sordi 2002c, 399. Su tale principio compositivo, applicato - ed esplicitato - da Tucidide e seguito dagli storiografi successivi, cf. Gabba 1956, 158 nt. 3; Ferrero 1962, 27; Moles 1993, 105; Hansen 1995, part ; Pani 2001, In merito al discorso diretto come elemento strutturale in Tucidide, vd. anche Syme 1991b, 74-75; sul tema, cf. Canfora 1981, e Gabba 1996, 68ss. 20 Quanto ad Appiano e Cassio Dione, si veda la considerazione di Gabba 1956, 145: «I discorsi in Appiano non sono affatto vuoti tentativi retorici, come si suole ritenere, né, come ad esempio in Cassio Dione, intinti di un significato attuale per lo storico stesso, ma sono XVII

18 introduzione poiché ad esse corrisponde «non una qualsiasi invenzione o anche la ricerca del verosimile, ma qualcosa che evidentemente è più vicino ancora alla verità fattuale: le cose che in quelle circostanze avrebbero dovuto dirsi» 21. Inoltre, in senso più generale, va riconosciuta alla storiografia di matrice annalistica una valenza sostanzialmente esemplare: storia, politica e oratoria sono legate da un interdipendenza che pone al centro l exemplum e tale tratto, che prevede un travaso di tecniche a scopo didascalico o propagandistico fra le tre pratiche considerate, consente di individuare la presenza dei moventi ideologici degli autori antichi, delle loro fonti e dei personaggi ai quali essi affidano la propria meditazione sul passato 22. Se l intento di rintracciare, in una sistematica successione cronologica, gli episodi che danno voce ai vertici e alle basi militari si avvale dell esame comparativo delle fonti storiografiche, l approfondimento delle modalità espressive così rilevate e il tentativo di comporne un quadro d insieme si affida al supporto delle moderne scienze del linguaggio e della comunicazione 23 : quest ultime forniscopropriamente ancorati ai problemi politici del momento». Sull attualizzazione dionea, vd. invece Cresci Marrone 2005, 160: «[ ] le orationes rectae sono, come è noto, lo spazio privilegiato per le attualizzazioni di Cassio Dione al quale molto stava a cuore il contenimento dello strapotere delle milizie ai suoi giorni». Su questi temi, cf. Sordi 2001, 3-8; Sordi 2002a, ; Sordi 2002c, ; in relazione al modello tucidideo dell adlocutio del generale alle truppe, vd. Hansen 1993, ; Clark 1995, ; Ehrhardt 1995, Pani 2001, Sull argomento, vd. Sordi 2002a, 306. Sulla permeabiltà tra storiografia e pratica declamatoria romana, particolarmente in merito all uso degli exempla del passato, vd. Migliario 2007, e 62. Sul tema vd. anche Jal 1963, 60-63, il quale considera il codificarsi della guerra civile come tema letterario con una propria tradizione e dotato di un repertorio di luoghi comuni, sfruttati, pertanto, dalle scuole di retorica. Per i fatti degni di storia nella storiografia antica, vd. anche Sordi 1993b, 181ss. 23 Per il modello teorico di riferimento, imprescindibile nell ambito dello studio sulla comunicazione, vd. Jakobson Sebbene nel panorama degli studi linguistici moderni non manchino i riferimenti al mondo antico, poiché è nell universo politico greco e romano che sofisticate e attuali strategie di comunicazione sono state teorizzate e praticate, le ricerche fiorite in anni recenti sono orientate all analisi della testualità e della comunicazione politica contemporanea (per una valida ricostruzione della quantità di studi e dei recenti indirizzi di ricerca sulla comunicazione politica, si veda Mazzoleni 1998, 39-45, part ). Pertanto, si fa particolare riferimento agli studi che sembrano offrire efficaci strumenti di analisi teorica, applicabili alla presente ricerca; tra questi, per le più significative monografie sulla comunicazione politica, vd. Tinacci Mannelli, Cheli 1986 e Mazzoleni 1998, alle quali si aggiun- XVIII

19 introduzione no, infatti, categorie d analisi e strumenti interpretativi che sembrano consentire la corretta lettura del fenomeno comunicativo indagato, nelle sue dinamiche strutturali e nell interazione di codici semiotici della quale esso sembra valersi. Ciò interessa, pertanto, sia il proposito di esaminare e confrontare l utilizzo di strategie discorsive e risorse retoriche da parte dei leaders nella loro interazione politico-propagandistica con i soldati, sia il progetto di analizzare e comprendere i vettori comunicativi e i linguaggi adottati dalle truppe. Lo studio della comunicazione politica tra duces e milites, in ultima analisi, intende interrogarsi sul ruolo delle basi militari nell ultima fase della Repubblica e tenta di verificare in che misura i soldati protagonisti del post-cesaricidio, resisi interlocutori dei vertici di potere, assumano una rilevanza politica. In tal senso, il lavoro si inserisce in un recente indirizzo di ricerca che si propone di aggiornare la definizione politologica della Repubblica romana: contrapponendo ad una lettura rigidamente oligarchica della res publica una rinnovata e più complessa interpretazione del sistema politico romano, ad esso è riconosciuta, nell ambito di un vivo dibattito critico, la significativa interazione tra l aristocrazia governante e il popolo, che sembra avvalersi di tutte le pratiche istituzionali e rituali di tipo cerimoniale e performativo 24 e che, secondo le posizioni più gono i contributi di Desideri 2004, e Piemontese 2004, ; con particolare attenzione agli aspetti simbolici del rapporto tra potere e comunicazione, Edelman 1987, Kertzer 1989, Edelman Su alcuni aspetti teorici della comunicazione, vd. Paltrinieri Quanto alle evoluzioni dello studio linguistico che trova in R.Jakobson il suo iniziatore, vd. in part. Hunston, Thompson 2000; Gensini 2004, 21-51; Cicalese 2004, e, per la più interessante posizione sull efficacia performativa della parola, teorizzata nell ambito della filosofia del linguaggio, vd. Austin Sull argomentazione e gli aspetti retorici della comunicazione, si considerino Perelman, Olbrechts-Tyteca 1966; Lo Cascio 1991; Reboul 1996; Van Eemeren, Grootendorst, Snoek Henkemans 2002 e soprattutto Santulli 2005, part Infine, per l approfondimento della comunicazione visiva, in relazione ai suoi elementi strutturali e alle modalità di decodifica, vd. Colombo, Eugeni 1996, Caprettini 1997, part e Appiano 2004, Tra i contributi più significativi che hanno valorizzato le forme espressive spettacolari, i rituali della collettività nella dialettica tra basi e vertici, quindi la rilevanza dell interazione comunicativa, si vedano tra i primi lavori Nicolet 1980, Veyne 1984, vanderbroeck Per il rapporto tra il consenso politico e la cultura dello spettacolo, vd. Noè 1988, Benoist 1999 e i più recenti Flower 2004, Bell 2004, Sumi Sulla relazione tra pratiche comunicative che presiedono alla formazione del consenso e i codici comportamentali della clientela, vd. Deniaux 1997; per l analisi del rapporto tra oralità e gestualità, nell ambito di codificate e riconoscibili prassi comunicative nel mondo romano, vd. Aldrete XIX

20 introduzione radicali, conferisce alla Repubblica significativi tratti di democrazia 25. Pertanto, alla volontà di mettere in luce le dinamiche comunicative attivatesi nei due sensi della relazione verticale tra generali e truppe, si accompagna l obiettivo di ricavarne una lettura politica finalizzata a chiarire il grado di partecipazione dei milites alle vicende che determinano la fine della Repubblica romana. Desidero ringraziare Gino Bandelli per la scrupolosa lettura del testo e per aver accolto il volume nella Collana da Lui diretta; la mia riconoscenza va, inoltre, a Elisabeth Deniaux per le lezioni parigine che hanno arricchito di significative sollecitazioni il mio percorso di Dottorato e ad Elvira Migliario, che mi ha fornito preziosi suggerimenti e spunti di riflessione discutendo con me il lavoro. Per le occasioni di confronto e gli utilissimi consigli rivolgo un grazie sincero anche all amica Francesca Rohr, così come all amico Tomaso Maria Lucchelli, cui devo competenti indicazioni in ambito numismatico. Tutta la mia gratitudine, per la costante dedizione e gli importanti stimoli di ricerca che hanno accompagnato il divenire di queste pagine, a Giovannella Cresci Marrone, mio Maestro, che mi ha trasmesso la passione per l antico e il desiderio di indagarlo. 25 Il dibattito critico nasce sostanzialmente dalle argomentazioni dell inglese F.Millar (esposte in Millar 1998, poi precisatesi in una successiva pubblicazione, Millar 2002), che, riconoscendo forme di effettivo esercizio democratico nella Roma repubblicana, si ponevano in chiave polemica rispetto alle tesi presentate, restando a lungo prive di replica, dal tedesco C.Meier (vd. Meier 1966), al quale va attribuita la concezione di un sistema politico rigidamente bloccato nell esclusivo esercizio del potere da parte dell aristocrazia oligarchica. La contrapposizione tra la scuola anglosassone e quella tedesca si è in seguito arricchita di significativi contributi, vd. Jehne 1995 e Hölkeskamp 2004b, i quali, sebbene mantengano un interpretazione prettamente oligarchica della gestione politica romana, hanno arricchito l analisi di nuovi elementi interpretativi. In particolare, la lettura di K.-J.Hölkeskamp, della quale si ha un aggiornata sintesi in Hölkeskamp 2006, , prende in considerazione tutte le pratiche performative, spettacolari e cerimoniali proprie della vita civica romana, alle quali l autore riconosce una vitale interazione comunicativa tra aristocrazia e basi popolari; tale nuovo apporto alla ricerca trova il consenso della critica, che peraltro discute la troppo rigida interpretazione del ceto dirigente e suggerisce nuovi spunti di riflessione: si vedano in proposito David 2006, ; Jakobson 2006, ; Zecchini 2006, Per ulteriori contributi sul tema, vd. North 1990, Gabba 1997 e Polverini 2005: la tesi di quest ultimo, che ricerca nel modello teorizzato da Polibio il tratto democratico della costituzione romana, trova più scettico E.Gabba ed è superata da Zecchini 2006, in favore di un ulteriore analisi basata su fonti documentarie. XX

ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI STORIA Competenze 1 e 2 al termine del 3 biennio (classe quinta

Dettagli

DIRITTO DELL IMMIGRAZIONE / 1 A12 339

DIRITTO DELL IMMIGRAZIONE / 1 A12 339 DIRITTO DELL IMMIGRAZIONE / 1 A12 339 Direttore Raffaele Chiarelli Università Telematica Guglielmo Marconi Comitato Scientifico Eugenio De Marco Università degli Studi di Milano Claudio Rossano Sapienza

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011 PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011 FINALITA' E OBIETTIVI GENERALI 1) Favorire la formazione di una cultura storica tesa a recuperare la memoria del passato più lontano, in cui il nostro

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

Benvenuti a Sezze Rumeno

Benvenuti a Sezze Rumeno Facoltà di Scienze Politiche Sociologia Comunicazione Corso di Laurea Magistrale Scienze Sociali Applicate Sociologia e management della sicurezza Tesi di Laurea Anno accademico 2011/2012 Benvenuti a Sezze

Dettagli

PREFAZIONE. Fogli di Filosofia, 2015, Fasc. 7, pp. 1-4

PREFAZIONE. Fogli di Filosofia, 2015, Fasc. 7, pp. 1-4 PREFAZIONE Si propongono qui di seguito i testi delle relazioni presentate nel corso della giornata di studi Fichte 1814-2014. La filosofia teoretica tenutasi il 18 marzo 2014 presso l Istituto di Studi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio.

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio. ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio Obiettivi specifici ITALIANO Attività ASCOLTO - Applicare le strategie dell ascolto

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. Giovanni

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE manageriali f o r m a z i o n e IL CONTESTO Le trasformazioni organizzative e culturali che stanno avvenendo nelle amministrazioni comunali,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 Inaugurazione dell anno scolastico 2015-2016 a Napoli Qualche attento lettore di ANPInews (in particolare del n. 174 della scorsa

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

ELABORATO DAI DOCENTI ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj ISTITUTO COMPRENSIVO CALVISANO. klzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer

ELABORATO DAI DOCENTI ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj ISTITUTO COMPRENSIVO CALVISANO. klzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI STORIA hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ELABORATO DAI DOCENTI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE N. 1 INDICAZIONI PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEI LICEI (in riferimento

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

Studio dei casi Scuole medie superiori

Studio dei casi Scuole medie superiori Valutazione dei progetti: Valutazione formativa Studio dei casi Scuole medie superiori Allegorie in una classe di quinto superiore Gli studenti del quinto superiore nella classe della professoressa Marta

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che L alunno/a è stato/a ammesso/a alla classe successiva/all Esame di Stato al termine del 1 ciclo

Dettagli

IL FILM DELLA VOSTRA VITA

IL FILM DELLA VOSTRA VITA IL FILM DELLA VOSTRA VITA Possibili sviluppi Istruzioni Obiettivo L esercizio fornisce una visione d insieme della vita del partecipante. La foto diventa viva Versione 1 (Esercizio di gruppo) Immaginate

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE Significa riconoscere che la società e il sociale possono diventare oggetto di ricerca empirica. Si può realizzare essenzialmente attraverso due operazioni: quella concettuale e quella osservativa. È importante

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Settore Sviluppo economico

COMUNE DI FAENZA Settore Sviluppo economico COMUNE DI FAENZA Settore Sviluppo economico Analisi del procedimento di variante urbanistica accelerata di Claudio Facchini, dirigente del Settore Sviluppo economico del Comune di Faenza Edizione 1/CF/cf/11.04.2011

Dettagli

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Titolo: Confronto tra fiabe: Pinocchio e le fiabe di paesi lontani Possibili discipline coinvolte - Italiano, Lingua2 (inglese,

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

Il Dirigente scolastico e il Presidente della Commissione d esame CERTIFICANO

Il Dirigente scolastico e il Presidente della Commissione d esame CERTIFICANO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Raffaello Giovagnoli Via Ticino 72 00015 Monterotondo (RM) Tel. 069068053 Fax 0690629007

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 PROFILO GENERALE L insegnamento della religione cattolica (IRC)

Dettagli

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA 1 RICEZIONE ORALE 1. Familiarizzare coi primi suoni della lingua inglese 2. Comprendere semplici espressioni di uso quotidiano, pronunciate chiaramente. 3. Comprendere,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO FINALITA GENERALI L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

Testi sull uso delle tecnologie digitali a scuola disponibili nella Biblioteca Regionale di Aosta

Testi sull uso delle tecnologie digitali a scuola disponibili nella Biblioteca Regionale di Aosta Testi sull uso delle tecnologie digitali a scuola disponibili nella Biblioteca Regionale di Aosta Scheda a cura di Tiziana Ferrini Tirocinante presso L Università della Valle d Aosta 1) Codonesu, F. L.

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO

AMBITO ANTROPOLOGICO ISTITUTO COMPRENSIVO AVIO - SCUOLA PRIMARIA DI AVIO - AMBITO ANTROPOLOGICO classe 5^ Insegnante: Paola Martinelli Anno scolastico 2013/2014 STORIA Competenze 1 e 2 al termine del 3 biennio (classe 5^ scuola

Dettagli

L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti

L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti Agnese Vardanega L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti Fare ricerca sociale con i dati testuali ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

DIPARTIMENTO ITALIANO E STORIA. Introduzione

DIPARTIMENTO ITALIANO E STORIA. Introduzione SETTORE TECNOLOGICO CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE ARTICOLAZIONI BIOTECNOLOGIE AMBIENTALI, BIOTECNOLOGIE SANITARIE SETTORE ECONOMICO DIRIGENTI DI COMUNITÀ SEDE CENTRALE: Via Cantù 39-41-43-34134 Trieste

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

Relazione finale del progetto

Relazione finale del progetto Relazione finale del progetto Un percorso nella Cappella Palatina DOL 2009 classe E_13 tutor Domenico Franzetti Corsista: Vincenza Saia Il progetto Un percorso nella cappella Palatina nasce dall esperienza

Dettagli

Una struttura sostenibile per il Piano dell Offerta Formativa.

Una struttura sostenibile per il Piano dell Offerta Formativa. Una struttura sostenibile per il Piano dell Offerta Formativa. Un ipotesi progettuale tra scuola e comunità locale Rovato,, 16 ottobre 2008 Secondo incontro Luisa Bartoli I contenuti della comunicazione

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE RELAZIONE DI ADRIANA BOVE INTRODUZIONE Il sistema brevettuale europeo appare fondato su vari principi. Alla previsione, contenuta nell art. 52, I comma CBE, secondo cui un invenzione per essere brevettabile

Dettagli

ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25

ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25 ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25 Il volume è pubblicato con i contributi erogati dal Ministero dell Istruzione, dell Università

Dettagli

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa Il processo di comunicazione Generalmente si ritiene che nel processo di comunicazione avvenga il semplice trasferimento di un messaggio già dotato di determinati significati. Comunicare Informare Il termine

Dettagli

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese 3.1 La comunicazione istituzionale Il Dipartimento della Funzione Pubblica si propone

Dettagli

Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo

Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo Un modello per l analisi delle interazioni in rete Prefazione di Guglielmo Trentin Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Profilo dello studente della formazione professionale in esito al biennio dell obbligo di istruzione ed al terzo anno

Profilo dello studente della formazione professionale in esito al biennio dell obbligo di istruzione ed al terzo anno Profilo dello studente della formazione professionale in esito al biennio dell obbligo di istruzione ed al terzo anno Competenze storiche economiche e sociali 1 Le competenze storico-economiche e sociali:

Dettagli

Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale. Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16

Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale. Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16 Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16 Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale COMPETENZE Riconoscere i linguaggi

Dettagli

STORIA COMPETENZE CHIAVE:

STORIA COMPETENZE CHIAVE: STORIA COMPETENZE CHIAVE: consapevolezza ed espressione culturale, le competenze sociali e civiche, imparare ad imparare Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno: Riconosce e usa le tracce storiche

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno: Ascolta e comprende parole e semplici espressioni, istruzioni,

Dettagli

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Valentina Calcaterra Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto Indice Introduzione 9 1. Cos è un gruppo di auto/mutuo aiuto 11 I fondamenti

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI RELIGIONE hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw CATTOLICA ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Un complotto in Julia Augusta Taurinorum

Un complotto in Julia Augusta Taurinorum Giulia Piovano Un complotto in Julia Augusta Taurinorum I diritti di traduzione, memorizzazione elettronica, riproduzione e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo (compresi i microfilm e

Dettagli

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s.

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s. Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale a.s. 2015-2016 Premessa La seguente programmazione è stata sviluppata a partire

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 4Asa Indirizzo di studio Scienze applicate - Nuovo ordinamento Docente Disciplina

Dettagli

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Una delle questioni che la lettura e l interpretazione delle regole contenute nel nuovo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA ALLEGATO N 2 AL VERBALE N. 1 PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO TURISMO ANNO SCOLASTICO 2015-2016 IN STAMPATELLO BONALUMI ANTONELLA FIRMA Presezzo, 28 settembre 2015 Programmazione

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

Programmazione pedagogico-didattica per. l insegnamento della Religione Cattolica. Secondo Biennio e Quinto Anno

Programmazione pedagogico-didattica per. l insegnamento della Religione Cattolica. Secondo Biennio e Quinto Anno Programmazione pedagogico-didattica per l insegnamento della Religione Cattolica Secondo Biennio e Quinto Anno Anno scolastico 2012/2013 Docente referente: Prof.ssa A. Graziella Lobina PROGRAMMAZIONE DI

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Standard minimi formativi nazionali delle competenze di base del terzo e quarto anno della Istruzione e Formazione Professionale

Standard minimi formativi nazionali delle competenze di base del terzo e quarto anno della Istruzione e Formazione Professionale Allegato 4 Standard minimi formativi nazionali delle competenze di base del terzo e quarto anno della Istruzione e Formazione Professionale L articolo 18, comma 2 del D.lgs. n. 226/2005 prevede, quale

Dettagli

FOTO. Facoltà di Scienze XXXXX linguistiche e Letterature straniere. Laurea magistrale. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt.

FOTO. Facoltà di Scienze XXXXX linguistiche e Letterature straniere. Laurea magistrale. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt. Percorsi Formativi Facoltà di Scienze XXXXX linguistiche e Letterature straniere Servizio orientamento FOTO Brescia - Via Trieste, 17 Scrivi a orientamento-bs@unicatt.it Telefona al numero 030 2406 246

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 5 SANTA LUCIA

ISTITUTO COMPRENSIVO N 5 SANTA LUCIA Denominazione Compito-prodotto Competenze mirate Comuni/cittadinanza I ROMANI Mappa concettuale del percorso sviluppato. PowerPoint Verona romana. Cartellone Il Vangelo secondo Giotto Competenze chiave

Dettagli

L Archivio operaio Augusto Finzi L Archivio operaio Augusto Finzi vede la luce in primis per la volontà espressa da Augusto Finzi alla biblioteca

L Archivio operaio Augusto Finzi L Archivio operaio Augusto Finzi vede la luce in primis per la volontà espressa da Augusto Finzi alla biblioteca L Archivio operaio Augusto Finzi L Archivio operaio Augusto Finzi vede la luce in primis per la volontà espressa da Augusto Finzi alla biblioteca della Municipalità di Marghera, affinché le sue carte fossero

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandria d Egitto, dove i suoi genitori, che erano originari di Lucca, si erano trasferiti in quanto il padre lavorava alla realizzazione del

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Abilità dello studente

Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Abilità dello studente Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Competenze Abilità dello studente A Padroneggiare gli strumenti espressivi

Dettagli

Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità

Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Facoltà di Psicologia Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità VOCI DI COPPIE MIGRANTI DAL

Dettagli

Master in Ergonomia con la formazione intervento. Renato Di Gregorio

Master in Ergonomia con la formazione intervento. Renato Di Gregorio Master in Ergonomia con la formazione intervento Renato Di Gregorio Via Bellincioni 2/A, 20097 San Donato Milanese (Mi) tel: 02-5231451- 3355464451 renatodigregorio@impresainsieme.com 1. Premessa Il Master

Dettagli

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità Auser: Sistemi di Welfare e Comunità 1. Ricomporre i Bisogni della Persona Provando a declinare alcune problematiche dall'agenda sociale, sembra che il tema degli anziani, dei mutamenti demografici, delle

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

L'Economia della Buona Vita

L'Economia della Buona Vita L'Economia della Buona Vita Un'intervista con il filosofo brasiliano Euclides André Mance di Anna Chiesura Dalla filosofia della liberazione all'elaborazione di un progetto alternativo alla società capitalistica

Dettagli

A N N A G R I M A L D I

A N N A G R I M A L D I ACCOGLIENZA, ANALISI DELLA DOMANDA E CONSULENZA NEL S ERVIZIO DI ORIENTAMENTO A N N A G R I M A L D I Lo scenario di riferimento I cambiamenti strutturali degli ultimi due ultimi decenni nell ambito dell

Dettagli

APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA

APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA Tiziana Monticone 1 Tiziana Monticone l emergere di un sé e di un identità professionale è il risultato di un rapporto complesso tra: la formazione la

Dettagli

All. 1 Indirizzi regionali per l elaborazione dei Regolamenti dei Comitati di Partecipazione aziendali Introduzione

All. 1 Indirizzi regionali per l elaborazione dei Regolamenti dei Comitati di Partecipazione aziendali Introduzione All. 1 Indirizzi regionali per l elaborazione dei Regolamenti dei Comitati di Partecipazione aziendali Introduzione La Regione Toscana riconosce nel contributo delle Associazioni di volontariato e tutela

Dettagli

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione)

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO DI Utilizzare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE 1 CURRICOLO INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO IMPARARE A IMPARARE Dal Curricolo Scuola Primaria e Secondaria di I

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

L indicizzazione per soggetto

L indicizzazione per soggetto PROVINCIA DI PADOVA Assessorato alla cultura L indicizzazione per soggetto Biblioteca di Abano Terme 2009 Presentazione di Antonio Zanon, Cristiana Lighezzolo, Chiara Masut (Consorzio Biblioteche Padovane

Dettagli

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale)

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) CAMERA DEI DEPUTATI XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) 27 novembre 2013 AUDIZIONI ABI 2013 AUDIZIONI ABI - 2013 Le proposte

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

Asse Culturale STORICO - SOCIALE PROGETTAZIONE PER OBIETTIVI E COMPETENZE COMUNI

Asse Culturale STORICO - SOCIALE PROGETTAZIONE PER OBIETTIVI E COMPETENZE COMUNI Asse Culturale STORICO - SOCIALE PROGETTAZIONE PER OBIETTIVI E COMPETENZE COMUNI Tenuto conto delle indicazioni nazionali, delle disposizioni comunicate dalla direzione generale per gli ordinamenti, dagli

Dettagli

ASSI CULTURALI: (testo ministeriale): competenze specifiche di base

ASSI CULTURALI: (testo ministeriale): competenze specifiche di base 1.1. COMPETENZE GENERALI in ITALIANO ( BIENNIO) COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA (provenienti dalle indicazioni europee) COMPETENZE GENERALI APPLICATE ALLE CONOSCENZE DISCIPLINARI ASSI CULTURALI: (testo

Dettagli