sistemapiemonte Osservatorio ICT-Piemonte Baseline 2009 sistemapiemonte.it

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "sistemapiemonte Osservatorio ICT-Piemonte Baseline 2009 sistemapiemonte.it"

Transcript

1 sistemapiemonte Osservatorio ICT-Piemonte Baseline 2009 sistemapiemonte.it

2 HTU HTU HTU INDICE 1. PREMESSA... 3UTH 2. PARTE PRIMA: I BENEFICI DI WI-PIE E GLI INDICATORI DI MISURA... 4UTH 2.1 I benefici del programma WI-PIE nel quadro della costruzione della Società dell Informazione del Piemonte Le famiglie di indicatori di misura Le misure dei benefici di Wi-Pie PARTE SECONDA: LA MISURA DEI BENEFICI DI WI-PIE... 13UTH 3.1Creazione di nuovi spazi per applicazioni innovative e per lo sviluppo di servizi di nuova generazione Rafforzamento della posizione internazionale in ambito ICT del Piemonte Aumento della competitività del sistema produttivo anche con la nascita di nuovi insediamenti produttivi Miglioramento dell azione della PA Riduzione del divario digitale Comunicazione più efficace tra PA, cittadini, imprese e mondo della ricerca Adeguamento ai paradigmi di Internet Aumento del livello di conoscenza ICT (confidence) TU1. APPENDICE : lista degli indicatori... 61UT TU2. ALLEGATO: traffico dei principali NAP... 63UT

3 TP TP PT RUPAR2 PT Osservatorio FPT 1. PREMESSA L Osservatorio ICT (Information and Communication Technologies) del Piemonte, è stato costituito dalla Regione nel dicembre Le sue attività si collocano nella Linea Strategica 1 - Conoscere il Territorio/Osservatorio ICT- del Programma WI-PIE. L Osservatorio è finalizzato a: 1. documentare il processo di penetrazione delle ICT nel sistema socio-economico piemontese, 2. mettere a disposizione della collettività regionale, degli operatori economici e della Pubblica Amministrazione le informazioni raccolte, 3. contribuire alla creazione di condizioni per valutare criticamente le iniziative ICT realizzate o in progetto, 4. favorire la formazione di un sentire comune che faciliti la realizzazione di azioni e di iniziative sinergiche nell uso delle ICT e, infine, 5. promuovere occasioni di dibattito e di confronto delle esperienze realizzate, in ambito regionale ed internazionale. Oggetto prioritario di attenzione sono le INNOVAZIONI del / nel sistema piemontese che possono essere realizzate tramite le ICT a livello di tessuto economico e sociale, che riguardino non soltanto la sfera individuale ma anche quella della collettività, senza che si verifichino fenomeni di divide. In questa direzione, le attività dell Osservatorio si preoccupano di rilevare la penetrazione e l impatto sulle attività quotidiane, delle infrastrutture tecnologiche ICT e delle relative infrastrutture culturali. Il rapporto contiene gli aggiornamenti al 2008 del quadro descrittivo della diffusione della Società dell Informazione in Piemonte. Indicato sinteticamente con il nome di Baseline tale quadro aveva lo scopo di accompagnare lo sviluppo del Programma cercando di monitorarne 1 l avanzamento dal punto di vista del conseguimento dei benefici previstitpf FPT. Con la conclusione del Programma, si esaurisce anche la funzione analitica di questo rapporto di Baseline. Se la predisposizione di un quadro di lettura del percorso di costruzione della Società dell Informazione rimane un impegno prioritario dell Osservatorio ICT, le chiavi di lettura usate nel presente rapporto richiederanno di essere aggiornate, in relazione anche alle nuove azioni di piano che la Regione intende realizzare. Si tratta, pertanto, dell ultimo rapporto di Baseline associato al Programma Wi-PIE. Come nei rapporti precedenti, il testo è organizzato in due parti principali. La prima richiama i benefici del Programma WI-PIE, lo schema metodologico degli indicatori utilizzati per la 2 loro misuratpf e l applicazione alla situazione regionale. Attenzione particolare è rivolta alla formulazione di una misurazione dei benefici relativamente a tutto l arco temporale interessato dal programma. La seconda parte del rapporto, illustra, per ciascun beneficio, le misure ottenute. 1 Descrizione del Programma, Gruppo di Lavoro Rupar2, Torino, 10/1/ ICT del Piemonte (2005) Indicatori di Misura del Programma Wi-Pie (IMB 1), nota 2, dicembre 2005, Linea Strategica 1- Conoscere il Territorio. 3

4 TP TP PT Gli PT I FPT 2. PARTE PRIMA: I BENEFICI DI WI-PIE E GLI INDICATORI DI MISURA 2.1 I benefici del programma WI-PIE nel quadro della costruzione della Società dell Informazione del Piemonte Avviato dalla Regione alla fine del 2004, WI-PIE è un Programma cardine per la costruzione della Società dell Informazione piemontese. La prima fase, conclusasi alla fine del 2008, è stata impegnata a realizzare una rete di connettività digitale che serve capillarmente tutto il territorio regionale, promuovendo una serie di iniziative rivolte all uso stesso della rete, quali,in particolare, lo sviluppo dei servizi avanzati, la sperimentazione di sistemi di cooperazione per il trasferimento delle conoscenze, l interconnessione delle reti regionali con i backbone nazionali ed internazionali (HTUwww.wi-pie.orgUTH). 3 La realizzazione del Programma persegue diversi obiettivi TPF ai quali sono associati una serie di 4 beneficitpf FPT. Essi sono richiamati in XFigura 2.1.1X, dove sono indicate le Linee Strategiche alle quali i benefici sono prioritariamente associati ed alcune delle principali relazioni che intercorrono tra gli stessi benefici. In particolare tali relazioni sono di tre tipi: il sistema di relazioni relativo alla base economica del Piemonte (le relazioni di natura strutturale). Si tratta dell insieme delle connessioni che possono essere stabilite tra i primi quattro benefici di WI-PIE; il sistema di relazioni prioritariamente interessato dallo sviluppo delle ICT (le relazioni ICTsensitive). A questo sistema appartengono l insieme di relazioni individuabili tra i rimanenti quattro benefici di WI-PIE; il sistema di relazioni che permette di articolare vicendevolmente i precedenti due sistemi relazionali (le relazioni di accoppiamento). Tale sistema relazionale, peraltro, null altro esprime che la convinzione, ormai diffusamente accreditata, che esistano delle relazioni tra innovazione (in particolare il ruolo delle ICT) e sviluppo locale. Lo schema esemplifica alcune di tali relazioni, ad esempio quella tra l aumento della competitività del sistema regionale e la riduzione del digital divide o tra l adeguamento dei paradigmi di Internet2 e la creazione di nuovi spazi di mercato per applicazioni innovative. Azioni e benefici attesi del Programma sono fattori essenziali nella costruzione della Società dell Informazione piemontese e concorrono alla creazione di ciò che più in generale potremmo indicare come condizioni generative per lo sviluppo futuro del sistema regionale 3 obiettivi del Programma sono volti a: accelerare il processo di interconnessione permanente alla rete Internet del maggior numero di potenziali utilizzatori; delocalizzare le opportunità di accesso al sistema di interscambio Internet del Top-IX; realizzare un ambiente operativo ove i fornitori di servizi, indipendentemente dalla loro posizione sul territorio, possano facilmente raggiungere ed essere raggiunti dai fruitori dei servizi stessi; creare nuovi spazi di mercato per gli operatori locali; rendere stabile, permanente ed economicamente sostenibile l'interconnessione con le regioni europee confinanti con il Piemonte; migliorare la comunicazione tra i soggetti che compongono il sistema piemontese (Pubblica Amministrazione, cittadini, imprese, mondo accademico e ricerca); implementare e rendere disponibili al sistema scolastico regionale le nuove tecnologie che costituiranno l'internet del domani; favorire nuovi insediamenti produttivi in zone Obiettivo 2; aumentare la competitività del sistema produttivo; sviluppare servizi e modelli di business innovativi. 4 benefici sono identificati nel Documento Integrato di Programmazione, RUPAR2 Descrizione del Programma, Gruppo di Lavoro Rupar2, Torino, 10/1/

5 TP TP PT Tre PT WI-PIE-LINEA FPT 5) Internazionalizzazione e integrazione nel sistema nazionale 3) Aumento della competitività del sistema produttivo anche con la nascita di nuovi insediamenti produttivi in particolare nelle zone obiettivo 2 4) Miglioramento dell'azione della PA 2) Rafforzamento della posizione internazionale in ambito ICT del piemonte 2) Infrastruttura di backbone 1) Conoscere il territorio 4) Territorio senza fili 6) Ricerca,accademia e scuola 6) Comunicazione più efficace tra PA, cittadini, imprese e mondo della ricerca 3) Favorire l'accesso 1) Creazione di nuovi spazi di mercato per applicazioni innovative e per lo sviluppo di servizi di nuova generazione 8) Aumento del livello di conoscenza delle ICT 5) Riduzione del divario digitale 6) Svliluppo di servizi banda larga 7) Adeguamento ai paradigmi di Internet2 Relazioni di natura strutturale (A Relazioni ICT- sensitive (B) Relazioni di accoppiamento tra le relazioni di tipo A e di tipo B Beneficio di Wie-Pie Progetto strategico Figura Uno schema delle relazioni tra i benefici del programma WI-PIE ed indicazione della collocazione delle Linee Strategiche 2.2 Le famiglie di indicatori di misura Le osservazioni sopra richiamate, più ampiamente sviluppate in altri lavori dell Osservatorio, sono 5 state alla base della predisposizione degli indicatori di misura dei benefici di Wie-PieTPF FPT. La Tab riporta il core set di famiglie di indicatori elaborati, già applicati nei precedenti rapporti di Baseline e lo schema di Fig ne evidenzia, sottoforma di grafo concettuale, le relazioni che intercorrono con i diversi benefici di WI-PIE. 6 Va osservato che, come argomentato nella discussione delle metodologia adottatatpf le relazioni indicatori-benefici sono, in realtà, più complesse di quanto riportato in Tab dove si assume che certi benefici siano rappresentati solo da certe famiglie di indicatori. In realtà, un indicatore può contribuire alla misura di più di un beneficio ed in questa direzione, la metodologia predisposta cerca di tener conto di questo aspetto. 5 principali criteri hanno guidato la predisposizione degli indicatori: la pertinenza rappresentativa della misura proposta relativamente al beneficio; il grado di avvicinamento (coerenza) rispetto alle linee guida indicate da i2010; il grado di riproducibilità relativamente alle fonti informative esistenti o attivabili. La metodologia seguita per la predisposizione degli indicatori è illustrata in Osservatorio ICT del Piemonte- Indicatori di misura dei benefici di Wi-Pie (IMB1), Nota 2, dicembre, STRATEGICA 1- CONOSCERE IL TERRITORIO-OSSERVATORIO ICT DEL PIEMONTE (2006) Un esercizio di misura dei benefici di Wi-Pie, Integrazione del rapporto di BASELINE 2006, Nota 3-Giugno 20 5

6 BENEFICIO LEGAME BENEFICIO/INDICATORI Famiglia di INDICATORI B1)Creazione di nuovi spazi per applicazioni innovative e per lo sviluppo di servizi di nuova generazione Lo sviluppo di servizi di nuova generazione con contenuti altamente innovativi e la nascita di nuove applicazioni dipendono in modo cruciale dalla presenza sia di soggetti capaci di creare le necessarie condizioni socio-tecnologiche, sia dalle capacità abilitative offerte da un'adeguata diffusione della banda larga presso gli agenti economici insediati nel territorio regionale. Potenziale innovativo della Regione B2) Rafforzamento della posizione internazionale in ambito ICT del Piemonte B3) Aumento della competitività del sistema produttivo anche con la nascita di nuovi insediamenti produttivi (in particolare nelle zone obiettivo 2) B4) Miglioramento dell azione della PA B5)Riduzione del divario digitale B6) Comunicazione più efficace tra PA, cittadini, imprese e mondo della ricerca Le ICT determinano un contesto di competizione globale in cui le Regioni (tanto come sistema economico- produttivo quanto come istituzioni) sono chiamate ad aprirsi verso l'esterno. Il posizionamento internazionale del Piemonte in ambito ICT pertanto richiede di essere valutato dal duplice punto di vista del settore privato e di quello istituzionale: imprese dinamiche che comunicano con il mercato estero ma anche una PA aperta a collaborazioni internazionali sono sintomi della costruzione di una posizione forte. L'esistenza di un'adeguata infrastrutturazione tecnologica è una condizione abilitante per la competitività di un territorio e del suo sistema produttivo. La crescita di quest'ultimo in termini di aumento delle unità produttive, ne costituisce uno dei segnali più evidenti. La presenza di imprese a maggiore propensione innovativa, grazie all'utilizzo delle ICT, rappresenta un ulteriore fattore che può influire positivamente su tale competitività. La messa a disposizione di servizi on line è indicativo del miglioramento dell'azione della PA. Ampiezza della gamma dei servizi offerti, accessibilità ed efficacia del loro rappresentano attributi essenziali nel definire e qualificare il livello di miglioramento dell azione della PA. La selettività (sociale, economica, culturale e territoriale) della diffusione delle ICT determina fenomeni di digital divide. Al contenimento/superamento di quest ultimo concorrono diversi fattori: l'aumento della copertura di banda larga e le modalità di offerta, l'estensione dell'utilizzo delle ICT presso fasce di popolazione più svantaggiate, l'aumento della capacità/disponibilità all'uso delle applicazioni ICT-supported. Oltrechè strumenti di scambio informativo, le ICT sono strumenti di comunicazione. Fermo restando l importanza degli aspetti tecnici della connettività, pare opportuno prendere in esame la disponibilità di servizi in grado di favorire la comunicazione tra i diversi soggetti che compongono il tessuto socioeconomico regionale, dal punto di vista, soprattutto, della qualità e capacità innovativa delle esperienze realizzate. Internazionalizzazione del territorio Dinamicità imprenditoriale del territorio Adozione delle ICT nelle imprese Sensibilità delle imprese verso le ICT Offerta di servizi on line da parte della PA locale e centrale Utilizzo di servizi on line della PA da parte di cittadini ed imprese Presenza di infrastruttura a banda larga Adozione della banda larga Utilizzo delle ICT da parte di diverse categorie di soggetti Iniziative volte a diffondere l'uso delle ICT nella vita quotidiana Esperienze di servizi avanzati ICT supported B7) Adeguamento ai paradigmi di Internet2 L'aumento del traffico Internet, nel nodo di interscambio internazionale Top-IX è indicativo di una propensione del sistema degli operatori piemontesi alla sperimentazione di nuovi paradigmi tecnologici. Traffico generato da TOP-IX B8)Aumento del livello di conoscenza ICT (confidence) Sul livello di conoscenza delle ICT di una popolazione influiscono percorsi formativi istituzionali e processi di apprendimento personali, che possono essere stimolati da contesti socio-economici favorevoli. Formazione degli attori nella Società dell'informazione Diffusione dei servizi ICT 6

7 TP TP PT PT Legenda Indicatori relativi alla dotazione Indicatori relativi all'adozione Indicatori relativi all'utilizzo Tabella 2.1 Famiglie degli indicatori per la misura dei benefici del Programma WI-PIE(*) (*) L elenco dettagliato degli indicatori è riportato in Appendice Potenziale innovativo della Regione Traffico generato da TOP-IX B2 Rafforzamento PI Utilizzo servizi ICT Internaz del territorio Formazione degli attori nella Società dell'informazione B8 Aumento ICT confidence Dinamicità imprenditoriale del territorio B1 Applicazioni Innovative Copertura BL Utilizzo delle ICT da parte di diverse categorie di soggetti Adozione della banda larga B5 Riduzione DD B7 Adeguamento PI2 Utilizzo di servizi on line della PA da parte B4 M iglioramento azione PA Iniziative volte a diffondere l'uso delle ICT nella vita quotidiana B3 Aumento competitività sistema Offerta di servizi on line da parte della PA locale e centrale B6 Comunicazione più efficace Sensibilità delle imprese verso le ICT Servizi avanzati ICT supported Adozione delle ICT nelle imprese Figura Schema delle relazioni tra benefici e famiglie di indicatori 2.3 Le misure dei benefici di Wi-Pie Gli indicatori di misura dei benefici di misura di Wi-Pie sono calcolati come somma ponderata degli indicatori elementari (normalizzati, vedi l appendice per l elenco degli indicatori elementari), 7 in cui sono utilizzati due tipi di pesitpf FPT: un peso che esprime la rilevanza dell indicatore elementare i nel valutare il beneficio j; ciò consente di tener conto del fatto che un indicatore elementare possa essere riferito a benefici diversi; un peso che esprime l importanza relativa dell indicatore elementare i nella famiglia di indicatori k; ciò consente di tener conto della diversa capacità descrittiva delle misure disponibili. Nel valutare i benefici di Wi-Pie al 2008, sono stati utilizzati gli stessi indicatori elementari e gli 8 stessi pesi considerati nelle misurazioni effettuate negli anni scorsi.tpf FPT. 7 La metodologia è illustrata in dettaglio in WI-PIE-LINEA STRATEGICA 1- CONOSCERE IL TERRITORIO-OSSERVATORIO ICT DEL PIEMONTE (2006) Un esercizio di misura dei benefici di Wi-Pie, Integrazione del rapporto di BASELINE 2006, Nota 3-Giugno Si ricorda che per il beneficio B3) Aumento della competitività del sistema produttivo anche con la nascita di nuovi insediamenti produttivi (in particolare nelle zone obiettivo 2), nella famiglia di indicatori relativi alla dinamicità 7

8 TP PT Si FPT Al fine dell esame delle misure dei benefici di Wi-Pie vale la pena soffermarsi brevemente sui 9 cambiamenti prodottisi nelle diverse famiglie di indicatori. In questa direzione, la Fig TPF riporta i valori medi delle misure (intensità) e delle variazioni rilevate nel periodo Intensità 0,8 0,7 0,6 0,5 0,4 0,3 0,2 0,1 variazione 1,6 1,4 1,2 1,0 0,8 0,6 0,4 0,2 0 Presenza di infrastruttura a banda larga Dinamicità imprenditoriale del territorio Traffico generato da TOP-IX Esperienze di servizi avanzati ICT supported Potenziale innovativo della Regione Adozione della banda larga Adozione delle ICT nelle imprese Utilizzo delle ICT da parte di diversi soggetti Utilizzo di servizi OL della PA da parte di cittadini ed Diffusione dei servizi ICT Iniziative per la diffusione dell'uso delle ICT nella vita Formazione degli attori nella Società dell'informazione Internazionalizzazione del territorio Sensibilità delle imprese verso le ICT Offerta di servizi OL da parte della PA locale e centrale TOTALE 0,0 Intensità varazione Figura Misure delle famiglie di indicatori, valori medi nel periodo (Misure ordinate secondo valori decrescenti dell intensità) Essa evidenzia come, dal punto di vista dell intensità, le famiglie di indicatori Presenza di infrastruttura a banda larga, Dinamicità imprenditoriale del territorio e Traffico generato da TOP- IX abbiano fatto registrare valori mediamente più apprezzabili. del tessuto imprenditoriale, al posto dell indicatore relativo alle relazioni esterne dell impresa, a partire dal 2007 è stata presa in esame la dinamica dell incubatore del Politecnico di Torino. Il confronto presentato nel seguito tiene conto di questo aggiustamento L introduzione del nuovo indicatore ha comportato anche una modifica dei pesi dell indicatore sui benefici. Data la sua natura, rispetto all indicatore precedente, si è ritenuto rafforzare lievemente e le relazioni con i benefici B1,B2 e B3) e ridurre quelle con gli altri benefici. 9 precisa che i valori degli indicatori, così come quelli dei benefici sono normalizzati rispetto al valore massimo che l indicatore potrebbe assumere, dato il sistema di pesi considerati. 8

9 Dal punto di vista della variazione delle misure tra il 2005 ed il 2008, le famiglie di indicatori più vivaci sono state quelle relative a le Iniziative di diffusione delle ICT nella vita quotidiana, alll Internazionalizzazione del territorio e alla Sensibilizzazione delle imprese alle ICT. Da segnalare come la famiglia di indicatori relativa alla Formazione degli attori nella Società dell informazione sia quella che è si ampliata di meno. La Fig mostra l andamento delle misure delle singole famiglie di indicatori negli anni. Presenza di infrastruttura a banda larga Dinamicità imprenditoriale del territorio Potenziale innovativo della Regione Traffico generato da TOP-IX Adozione della banda larga Utilizzo delle ICT da parte di diverse categorie di soggetti Diffusione dei servizi ICT Esperienze di servizi avanzati ICT supported Iniziative volte a diffondere l'uso delle ICT nella vita Adozione delle ICT nelle imprese Utilizzo di servizi on line della PA da parte di cittadini Sensibilità delle imprese verso le ICT Internazionalizzazione del territorio Formazione degli attori nella Società dell'informazione Offerta di servizi on line da parte della PA locale e ,00 0,20 0,40 0,60 0,80 1,00 Figura Misure delle famiglie di indicatori, (misure ordinate secondo valori decrescenti al 2008) Se poi si esamina la misura totale ottenuta dal complesso degli indicatori considerati, e la si considera come proxy dell avanzamento nel percorso di costruzione della Società dell Informazione, Fig 2.3.3, si nota che dopo l accelerazione significativa tra il 2006 ed il 2007, nell ultimo anno la velocità di avanzamento subisce un rallentamento. 0,55 0,50 Intensità totale di conseguimento dei benefici 0,50 0,51 0,45 0,40 0,35 0,36 0,39 0, Figura Andamento della misura totale dell intensità di conseguimento dei benefici di Wi-Pie,

10 Tale rallentamento complessivo, però, si accompagna, diversamente che nel periodo precedente quando si era rilevata un accentuazione delle differenze nelle dinamiche di crescita, ad un omogeneizzazione relativa dei valori per le diverse famiglie di indicatori. Le dinamiche appena descritte si riflettono sui valori dell intensità di conseguimento dei benefici di WI-PIE, che tra il 2007-ed il 2008 crescono in misura relativamente più contenuta che nel periodo precedente. Come mostrato in Fig , al 2008 l ordinamento dei benefici rimane sostanzialmente inalterato rispetto ad un anno prima, con i benefici relativi all Adeguamento ai paradigmi di Internet2, all Aumento di competitività del sistema produttivo ed alle Applicazioni innovative che rimangono in testa, e quelli relativi all Aumento del livello di conoscenza delle ICT ed al Miglioramento della PA che rimangono in coda. Come evidenziato in tale figura, peraltro, la distanza relativa tra l intensità di conseguimento dei diversi benefici tende ad attenuarsi. 0,60 0,55 Intensità di conseguimento dei benefici 0,50 0,45 0,40 0,35 0,30 B7) Adeguamento ai paradigmi di Internet2 B3) Aumento competitività del sistema produttivo B1) Applicazioni innovative B2) Raff or zament o della posizione internazionale del Piemonte in ambito ICT B5) Riduzione Digital Divide B6) Comunicazion e più efficace tra PA cittadini ed imprese B4) Migliorament o azione PA B8) Aumento del livello di conoscenza delle ICT ,42 0,36 0,39 0,37 0,36 0,35 0,32 0,35 0, ,48 0,39 0,42 0,39 0,38 0,38 0,36 0,37 0, ,58 0,54 0,50 0,51 0,49 0,49 0,49 0,47 0, ,57 0,54 0,52 0,52 0,51 0,50 0,50 0,49 0,51 Totale Figura Misure dei benefici di Wi-Pie, (benefici ordinati secondo valori decrescenti al 2008) Soffermando l attenzione sulla variazione media delle misure dei singoli benefici nel periodo , emerge che i miglioramenti più significativi si manifestano per i benefici Miglioramento dell azione della PA, (che peraltro appartiene alla retroguardia nell ordinamento dei benefici per intensità di conseguimento) e Riduzione del digital divide (la cui collocazione si trova in posizione quasi centrale nell ordinamento dei benefici),fig In sintesi, sulla base delle osservazioni precedentemente formulate e ricordando che le misure fatte sono, di fatto, solo dei precursori delle ricadute che il Programma potrà avere in futuro, si possono avanzare le seguenti considerazioni generali: a) dati gli obbiettivi prioritari del programma Wi-Pie, fornire al territorio regionale una rete in banda larga capillarmente diffusa, non stupisce (ma non era per nulla scontato!!) che i livelli più elevati di conseguimento dei benefici del programma si producano, soprattutto, per quelle componenti del sistema regionale maggiormente sensibili alla presenza di 10

11 TP PT un infrastruttura in banda larga, in particolare quelle appartenenti alla sfera economicoproduttiva e o comunque più direttamente sensibili alla presenza di dotazioni tecnologiche innovative (vedi i primi quattro benefici di testa dell ordinamento mostrato in Fig.2.3.5); b) con riferimento al beneficio relativo al digital divide, la collocazione, in posizione intermedia nell ordinamento generale, ed immediatamente a ridosso dei benefici più sensibili all ammodernamento infrastrutturale, ben riflette la portata dell impatto di Wi-Pie. Essa segnala infatti che se, da un lato, il programma ha colmato i gap infrastrutturali esistenti nel territorio regionale, dall altro, permangono altri fattori di divide, di natura 10 culturale ed organizzativa, che dovranno essere affrontatitpf FPT. Il fatto, poi, che proprio per questo beneficio, la variazione nell intensità di conseguimento sia la più elevata fra tutti i benefici, ben testimonia dell impegno che il Programma ha profuso nell affrontare questo problema. Da questo punto di vista, considerazioni analoghe valgono con riferimento al beneficio Miglioramento dell azione della PA, per il quale, la posizione di retroguardia si accompagna ad un livello significativo della variazione nell intensità di conseguimento; intensità 0,52 0,50 0,48 0,46 0,44 0,42 0,40 variazione 1,18 1,16 1,14 1,12 1,10 1,08 1,06 B7) Adeguamento ai paradigmi di Internet2 B3) Aumento competitività del sistema produttivo B1) Applicazioni innovative B2) Rafforzamento della posizione internazionale del Piemonte in ambito ICT B5) Riduzione Digital Divide B6) Comunicazione più efficace tra PA cittadini ed imprese B4) Miglioramento azione PA B8) Aumento del livello di conoscenza delle ICT Totale Intensità varazione Figura Misure dei benefici di Wi-Pie, media dei valori (benefici ordinati per valore decrescente dell intensità) c) il rallentamento nella crescita dei livelli di conseguimento dei benefici del Programma, osservato tra il 2007 ed il 2008, si accompagna, come già emerso con riferimento alle famiglie di indicatori, ad una riduzione della variabilità fra i diversi benefici (Fig.2.3.4). Due ipotesi possono ragionevolmente essere avanzate a giustificazione di tale rallentamento. L incombenza della crisi economica manifestatasi nei primi mesi del 2009, le cui avvisaglie sarebbero già riflesse nei rilevamenti condotti nella seconda parte del L ipotesi, più ottimistica ma da non trascurare, che nell ultimo periodo, gli effetti prodotti dalle azioni infrastrutturali del progetto, - ormai concluse avrebbero però creato condizioni più favorevoli per il conseguimento dei benefici, non direttamente associati a tali azioni (nell ultimo periodo, infatti, i benefici che crescono relativamente di più sono l Aumento della conoscenza delle ICT, la Riduzione del digital divide e la Comunicazione più efficace tra PA cittadini ed imprese); 10 Quanto riportato nel testo trova ampio supporto anche nelle considerazioni avanzate nel Rapporto annuale dell Osservatorio ICT del

12 d) infine, una situazione di criticità va segnalata con riferimento all intensità di conseguimento del beneficio Aumento del livello di conoscenza ICT, la cui posizione di retroguardia nell ordinamento complessivo (Fig.2.3.5), si accompagna ad una variazione fra le più modeste registrate nel periodo dai diversi benefici. A questo proposito va ricordato che delle due famiglie di indicatori che concorrono a misurare tale beneficio, Formazione degli attori nella Società dell Informazione e Diffusione dei servizi ICT, la prima ha fatto segnare un andamento negativo in tutto il periodo e la seconda ha mostrato una variazione positiva apprezzabile soprattutto nell ultimo anno (Fig.2.3.2). 12

13 TP PT FPT 3. PARTE SECONDA: LA MISURA DEI BENEFICI DI WI-PIE 3.1 Creazione di nuovi spazi per applicazioni innovative e per lo sviluppo di servizi di nuova generazione Numerosi fattori concorrono alla creazione di contesti favorevoli allo sviluppo di applicazioni innovative e di servizi di nuova generazione. Fra questi, importanza fondamentale rivestono la presenza di un infrastruttura a banda larga, convenientemente estesa in tutto il territorio regionale e l esistenza di soggetti particolarmente dinamici che agiscano da facilitatori dei servizi di nuova generazione legati alla banda larga, nonché da promotori dello sviluppo di questi ultimi. 11 Il consorzio Top-IXTPF coniuga tutti gli aspetti sopra citati. Caratterizzato da un architettura distribuita, esso ha due principali obiettivi: a) collegare il Piemonte alle grandi dorsali Europee, mettendo a disposizione un certo numero di siti, dove gli operatori possono scambiare traffico seguendo regole di peering b) promuovere la diffusione dei servizi Internet a banda larga. In questa direzione TOP IX ha avviato un development program (DP), che consente di sperimentare progetti di nuovi servizi utilizzando le infrastrutture messe a disposizione dal consorzio. TOP-IX Maggio 2006 Maggio 2007 Luglio 2008 Settembre 2009 Consorziati Progetti DP Fonte: TOP-IX Tabella Profilo descrittivo di TOP-IX, Il successo di questa iniziativa, partita nel 2002, può essere apprezzato esaminando la numerosità dei soci e la varietà dei settori di appartenenza. Attualmente, i soci che hanno aderito a Top-IX sono 65, un numero limitato rispetto a quello dei grandi nodi di Internet Exchange europei, ma quasi raddoppiato rispetto al Alla creazione di contesti favorevoli per lo sviluppo di applicazioni innovative contribuisce anche la presenza di livelli adeguati di domanda. Con riferimento all utilizzo della banda larga e dei relativi servizi, in particolare, indicatori utili sono rappresentati dall aliquota di soggetti (imprese, scuole e PA) che accedono a connessioni con elevate velocità (superiori a 2 Mbps) e che, pertanto, hanno la possibilità di utilizzare servizi tecnologicamente avanzati.. Per quanto riguarda le imprese, al 2008 il 69,9% delle aziende con più di 10 addetti dispone di connessioni con velocità superiori ai 2 Mbps. Come nel 2007, anche nel 2008 si è assistito ad una crescita, seppur più contenuta di quella dello scorso anno, nell adozione di tale tipo di connessione da parte delle imprese, favorita da un miglioramento della copertura territoriale della rete con tale velocità di connessione

14 BASE: tutte le imprese piemontesi 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 47,2% 52,5% 65,3% 69,9% FONTE: Osservatorio ICT del Piemonte, Figura Percentuale di imprese con più di 10 addetti connesse ad Internet con velocità superiori ai 2 Mbps in Piemonte, Considerando le dimensioni aziendali, emerge una differenza apprezzabile tra le piccole e medie imprese (il cui tasso di adozione di banda larga non si discosta molto dalla media) e le aziende con più di 250 dipendenti, per le quali la percentuale raggiunge quasi il 90%. La penetrazione della banda larga pressoché su tutto il territorio piemontese giustifica la diminuzione, rispetto allo scorso anno, del gap in termini di adozione di connessioni a banda larga, tra le imprese localizzate nella provincia del capoluogo e le altre. prov TO Resto del Piemonte >=250dip dip 10-49dip Informatica Trasporti Alberghi Commercio Alberghi 2007: ND Manufatturiero PIEMONTE 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% BASE: tutte le imprese piemontesi Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte, Figura Percentuale di imprese con più di 10 addetti connesse ad Internet con velocità superiori ai 2 Mbps in Piemonte, per settore, dimensione e localizzazione,

15 Non inaspettatamente, con riferimento alle scuole, la dotazione di connessioni con velocità superiore ai 2 Mbps aumenta con il crescere del grado scolastico: è del 16% nella scuola elementare, sale al 29% in quella media e raggiunge il 41% nelle superiori, XFigura 3.1.X. Da segnalare come nell ultimo anno il tasso di crescita sia stato relativamente più elevato soprattutto nelle scuole elementari e nelle medie inferiori. Mentre per queste ultime il livello di penetrazione non è così tanto diverso nelle province, per le scuole elementari si osservano differenze apprezzabili, con Torino che raggiunge un valore (massimo) del 20% e Cuneo che si attesta appena all 8% (valore pari alla metà della media regionale!). Per le scuole medie superiori, le percentuali di dotazioni più elevate si riscontrano nelle province di Torino, Cuneo e di Novara. 60% BASE: tutte le scuole del Piemonte 50% 40% 30% 20% 10% 0% AL AT BI CN NO TO VB VC PIEMONTE elementari 19,2% 12,4% 19,5% 8,0% 18,8% 19,7% 11,1% 15,9% 16,3% medie inferiori 26,5% 27,3% 33,3% 18,3% 21,2% 34,2% 30,0% 25,0% 28,6% medie superiori 28,3% 22,2% 37,9% 44,9% 50,9% 45,1% 35,3% 29,3% 41,5% Elaborazioni CSI Piemonte su dati Regione Piemonte, rilevazione scuole Figura Percentuale di scuole connesse ad Internet con velocità superiori ai 2Mbps, AS 2008/2009 (dati provvisori) 15

16 BASE: tutte le scuole piemontesi 45% 40% 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% materne elementari medie inferiori medie superiori Elaborazioni CSI Piemonte su dati Regione Piemonte, rilevazione scuole Figura Percentuale di scuole connesse ad Internet con velocità superiori ai 2Mbps, confronto AS 2005/2006, AS 2006/2007, AS 2008/2009 (dati provvisori) 16

17 Un dispositivo di comunicazione facilmente fruibile dalla collettività è rappresentato dagli hotspot. Un hotspot è uno spazio pubblico equipaggiato di una rete locale wireless con tecnologia Wi-Fi, che consente l accesso ad Internet a banda larga. L unico requisito di accesso richiesto agli utenti è di possedere un PC portatile dotato di scheda di rete AL AT BI CN NO TO VB VC Piemonte FONTE: Osservatorio ICT del Piemonte Figura Numero di hotspot nelle province piemontesi al 2009 Nel 2009 gli hotspot rilevati in Piemonte sono 255, un anno fa erano 200 (e nel ). Da segnalare che tra il 2008 e il 2009 il loro numero è aumentato del 27% a fronte del 6% rilevato a livello italiano (da 3962 nel 2008 a 4207 nel 2009). Più della metà degli hotspot si trova nella provincia di Torino (il 54%), ma la loro presenza si va diffondendo anche nelle altre province. Un confronto della presenza di hotspot nelle regioni italiane, mostra come il Piemonte pur essendo fra le regioni più dotate, sia molto lontana dal numero di hotspot rilevato in Lombardia. Lombardia Lazio Emilia Romagna Toscana Veneto Sicilia Campania Piemonte Trentino - Alto Adige Liguria Friuli - Venezia Giulia Puglia Calabria Mar che Abruzzo Sardegna Umbria Valle d'aosta Basilic ata Molise Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte Figura Numero di hotspot nelle regioni italiane al

18 TP PT 3.2 Rafforzamento della posizione internazionale in ambito ICT del Piemonte L'ampia disponibilità di banda larga sul Backbone regionale e sulle dorsali provinciali in fibra ottica, l'efficacia delle soluzioni tecniche adottate e l'elevato livello di know-how raggiunto in ambito ICT dal Piemonte grazie al programma Wi-PIE costituiscono preziosi strumenti grazie ai quali superare la congiuntura negativa dell economia mondiale migliorando o quantomeno mantenendo il posizionamento regionale in ambito internazionale. Di seguito si presenta un aggiornamento degli indicatori relativi a esportazioni di prodotti ICT e partecipazione del Piemonte a progetti e reti di ricerca europee. a) Le esportazioni ICT 12 Figura Valore delle esportazioni di prodotti ICT per Provincia, anni , 2008TPF FPT [Elaborazione CSI Piemonte su dati Istat, Coeweb Statistiche del commercio estero, 2008] Gli effetti della crisi mondiale coinvolgono anche il mercato delle ICT. La Provincia di Torino resta l area più attiva nelle esportazioni di prodotti ICT, pur con un inflessione negativa più marcata rispetto al resto della regione: nel 2008 le esportazioni scendono a 1,3 miliardi di euro. Confrontando le serie storiche dei dati, il 2008 segna in ogni caso un miglioramento nelle esportazioni per le province di Vercelli, Verbania e Biella. L area di mercato più importante delle esportazioni di prodotti ICT resta quella europea con un fatturato di 1,5 miliardi di euro. I prodotti esportati che hanno contribuito maggiormente al fatturato nell anno 2008 continuano ad essere le Apparecchiature per la distribuzione e il controllo dell elettricità. 12 I dati relativi all anno 2008 sono provvisori. 18

19 TP PT Confrontando il fatturato delle esportazioni per area geografica relativo agli anni si evidenzia un generico calo in tutti i mercati di riferimento. SETTORI ICT EUROPA AFRICA AMERICA ASIA DE221-Libri, giornali ed altri stampati; supporti sonori registrati OCEANIA E ALTRI TERRITORI MONDO DE222-Altri articoli di stampa DL300-Macchine per ufficio, elaboratori ed apparecchiature per sistemi informatici DL311-Motori, generatori e trasformatori elettrici DL312-Apparecchiature per la distribuzione e il controllo dell'elettricità DL313-Fili e cavi isolati DL32-Apparecchi radiotelevisivi e apparecchiature per le comunicazioni DL332-Strumenti ed apparecchi di misurazione, di controllo, di prova, di navigazione e simili (escluse le apparecchiature di controllo dei processi industriali) KK72-Prodotti informatici OO921-Prodotti cinematografici e di video TOTALE ANNO TOTALE ANNO Tabella Fatturato piemontese delle esportazioni di beni ICT nell anno 2008TPF FPT per area geografica di destinazione [Elaborazione CSI-Piemonte su dati Istat, Coeweb Statistiche del commercio estero, 2008] 13 I dati relativi al 2008 sono provvisori. 19

20 Figura Andamento del fatturato piemontese per le esportazioni di prodotti ICT negli anni 2007 e 2008 per area geografica di destinazione [Elaborazione CSI-Piemonte su dati Istat, Coeweb Statistiche del commercio estero, ] b) Iniziative progettuali del Piemonte in ambito europeo Gli elementi chiave della strategia regionale in ambito europeo sono le piattaforme tecnologiche, ovvero raggruppamenti di imprese e soggetti di ricerca intorno a progetti di esplorazione delle potenziali applicazioni competitive delle nuove tecnologie, così come i poli innovativi connessi alle specializzazioni distintive dei territori. La ricerca viene portata avanti da Politecnico e Università e dai centri di ricerca della grande impresa, mentre l ente regione (e i suoi enti strumentali) investono in particolare sui temi dell interoperabilità e della creatività. Rilevanza particolare riveste proprio il tema della creatività, settore chiave in rapida crescita che vede nelle ICT uno strumento cruciale di sviluppo: nell Anno Europeo della Creatività e dell Innovazione il Piemonte mette in campo le proprie eccellenze in campo di ICT applicate all industria creativa, binomio chiave per lo sviluppo economico e la coesione sociale. Tra i progetti approvati, avviati o in corso nel corso del 2008, che vedono la partecipazione di Regione Piemonte o di suoi enti strumentali, si annoverano: B3 REGIONS: (INTERREG IVC, Priority: Innovation and the knowledge economy, Subtheme: Information Society. Intervention type: Capitalisation with Fast Track option): punta al trasferimento delle buone pratiche nella redazione dei Piani d azione strategici (documenti ufficiali che definiscono come le pratiche saranno attuate nell ambito dei Programmi Operativi di ciascuna Regione) che costituiscono l output finale del progetto. Regione Piemonte, capofila di progetto, sta diffondendo a livello europeo le esperienze di WIPIE e dell Osservatorio ICT del Piemonte. Dopo un anno di attività, B3 ha realizzato diverse attività, che includono la raccolta di conoscenza ed esperienza dei partner tramite thematic forum, study visit, partner meeting, twinning; l armonizzazione delle conoscenze in un knowledge repository, oltre ad azioni di disseminazione dei risultati. esdi-net+ (European Network for promotion of cross border dialogue and exchange of best practices on Spatial Data Infrastructures throughout Europe econtentplus): rete tematica di attori internazionali impegnati nel campo delle Spatial Data Infrastructure (SDI), che mira ad aumentare la consapevolezza sull importanza delle SDI per l acquisizione, l arricchimento ed il riuso di Geo Information (GI). Le principali azioni della rete, che lavora da 2 anni circa, sono la raccolta e diffusione di buone pratiche e la creazione di occasioni di dialogo internazionale fra gli stakeholder europei sul tema e di confronto fra esperienze diverse, con particolare riferimento al livello locale e subnazionale. 20

Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS

Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS Il Costo dell Impreparazione Informatica nella Pubblica Amministrazione Locale e le sfide dell Agenda Digitale Milano, 17 Maggio 2011 Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS La governance interregionale Le

Dettagli

sistemapiemonte Osservatorio ICT-Piemonte Baseline 2008 sistemapiemonte.it

sistemapiemonte Osservatorio ICT-Piemonte Baseline 2008 sistemapiemonte.it sistemapiemonte Osservatorio ICT-Piemonte Baseline 2008 sistemapiemonte.it INDICE 1. PREMESSA... 3 2. PARTE PRIMA: I BENEFICI DI WI-PIE E GLI INDICATORI DI MISURA... 4 2.1 I benefici del programma WI-PIE

Dettagli

Il Piemonte di fronte alle sfide dell'agenda Digitale

Il Piemonte di fronte alle sfide dell'agenda Digitale Il Piemonte di fronte alle sfide dell'agenda Digitale Diffusione e appropriazione delle ICT da parte degli attori del sistema regionale Linux Day 2012 Free Software, Free Business Torino, 26 ottobre 2012

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

Le attività sviluppate nell ambito dell attuazione del programma WI-PIE sono:

Le attività sviluppate nell ambito dell attuazione del programma WI-PIE sono: REGIONE PIEMONTE BU36 05/09/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2013, n. 41-6244 Indirizzi per la realizzazione di attivita' ad elevato contenuto innovativo in materia di sviluppo sperimentale

Dettagli

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE IL CONTRIBUTO DEL FEASR

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE IL CONTRIBUTO DEL FEASR BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE IL CONTRIBUTO DEL FEASR PROGRAMMAZIONE SVILUPPO RURALE 2007-2013 Risorse per la banda larga con il Piano europeo di ripresa economica Banda larga nel PSN e nei PSR

Dettagli

I risultati del Progetto Mattone Internazionale - PMI Pasqualino Rossi, Ministero della salute

I risultati del Progetto Mattone Internazionale - PMI Pasqualino Rossi, Ministero della salute I risultati del Progetto Mattone Internazionale - PMI Pasqualino Rossi, Ministero della salute 02 LUGLIO 2015 Roma Il contesto di riferimento sul quale, nei suoi 5 anni di attività, il PMI ha costruito

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

Programmi europei: opportunità per Regioni ed Enti Locali

Programmi europei: opportunità per Regioni ed Enti Locali Programmi europei: opportunità per Regioni ed Enti Locali ForumPA - Roma, 22 Maggio 2007 Flavia Marzano flavia.marzano2@unibo.it Roma, 22 Maggio 2007 Flavia Marzano 1 Ricerca europea? Arrivare al 3% del

Dettagli

Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia

Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia Qual è la percentuale di popolazione in Italia raggiunta da servizi di accesso a Internet a banda larga e a banda ultralarga? Quanto

Dettagli

Europa 2020 Obiettivi:

Europa 2020 Obiettivi: Europa 2020 Obiettivi: 1. Occupazione 2. R&S innalzamento al 75% del tasso di occupazione (per la fascia di età compresa tra i 20 e i 64 anni) dell'ue aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo al

Dettagli

Bando StartUp. Tempi A partire dal 13 marzo 2013, le imprese possono inviare le loro proposte per 60 giorni.

Bando StartUp. Tempi A partire dal 13 marzo 2013, le imprese possono inviare le loro proposte per 60 giorni. Bando StartUp Risorse investite 30 milioni - Linea 1 Big data: 8 milioni - Linea 2 Cultura ad impatto aumentato: 14 milioni - Linea 3 Social Innovation Cluster: 7 milioni - Linea 4 Contamination Labs:

Dettagli

Startup innovative: una su otto è donna. Boom delle neoimprese smart femminili, +50,6% in un anno

Startup innovative: una su otto è donna. Boom delle neoimprese smart femminili, +50,6% in un anno Comunicato stampa Startup : una su otto è donna Boom delle neoimprese smart, +50,6% in un anno Roma, 06 marzo 2015 Pesano ancora poco sul tessuto imprenditoriale ma sono in crescita e davanti hanno un

Dettagli

CLUSTER ALISEI, SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE E INTEGRAZIONE DELLE RISORSE

CLUSTER ALISEI, SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE E INTEGRAZIONE DELLE RISORSE CLUSTER ALISEI, SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE E INTEGRAZIONE DELLE RISORSE Anna Allodi Rappresentante pro tempore del Cluster Alisei e Direttore Generale CIRM Le Scienze della vita (1/2) Il settore "Scienze

Dettagli

Tavola rotonda eprocurement e Centrali di Committenza. Dott. Giovanni Mariani PricewaterhouseCoopers Advisory S.p.A.

Tavola rotonda eprocurement e Centrali di Committenza. Dott. Giovanni Mariani PricewaterhouseCoopers Advisory S.p.A. Tavola rotonda eprocurement e Centrali di Committenza Dott. Giovanni Mariani PricewaterhouseCoopers Advisory S.p.A. Premessa La spesa per consumi intermedi costituisce una parte rilevante delle uscite

Dettagli

Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia

Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia http://poloinnovazione.cc-ict-sud.it Luciano Mallamaci, ICT-SUD Direttore Tecnico ICT Sud Program Manager Polo

Dettagli

Rapporto Innovazione nell Italia delle Regioni 2012 LUCAI. Lucia Pasetti - Milano, 21 gennaio 2013

Rapporto Innovazione nell Italia delle Regioni 2012 LUCAI. Lucia Pasetti - Milano, 21 gennaio 2013 LUCAI 2012 Il CISIS CPSI Comitato Permanente Sistemi Informatici CPSS Comitato Permanente Sistemi Statistici CPSG Comitato Permanente Sistemi Geografici La cooperazione interregionale Il CISIS opera come

Dettagli

www.wi wi-pie.org Biella 16 marzo 2007

www.wi wi-pie.org Biella 16 marzo 2007 Il Programma WI-PIE www.wi wi-pie.org Biella 16 marzo 2007 Laura Milone Regione Piemonte GdL WI-PIE Il Programma WI-PIE Programma regionale per offrire connettività in banda larga su tutto il territorio

Dettagli

totale Dal punto di vista settoriale sono particolarmente vivaci le imprese appartenenti al comparto editoria, telecomunica-

totale Dal punto di vista settoriale sono particolarmente vivaci le imprese appartenenti al comparto editoria, telecomunica- Introduzione LE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE UN INDICATORE SINTETICO FRANCESCO SOLARO 1 - - ad esempio alla crescita del fenomeno e-commerce che ha fatto registrare un aumento sia degli ordini che degli

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI Maggio 211 Pubblicazione realizzata con il contributo FEASR (Fondo europeo per l'agricoltura e lo sviluppo rurale) nell'ambito delle attività

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa Dott.ssa Elisabetta Grigoletto Sezione Formazione Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Berlino 2014 1 Il progetto interregionale Creazione

Dettagli

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni Istituto per la Ricerca Sociale Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni La ricerca presentata oggi è stata realizzata dall Istituto per la Ricerca Sociale per conto del Summit della Solidarietà, nell

Dettagli

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Programma Strategico Regionale per la Ricerca, l Innovazione ed il Trasferimento Tecnologico per la IX legislatura 2011-2013 L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Cinzia Felci Direttore Programmazione Economica Ricerca

Dettagli

Innovazione della PA locale e innovazione del contesto territoriale. Stefano Kluzer,, Coord. scientifico rete CRC

Innovazione della PA locale e innovazione del contesto territoriale. Stefano Kluzer,, Coord. scientifico rete CRC Innovazione della PA locale e innovazione del contesto territoriale Stefano Kluzer,, Coord. scientifico rete CRC Il Rapporto sull innovazione nelle regioni d Italia Ad oggi, citate, ma mai approfondite

Dettagli

LA PUBBLICITA IN SICILIA

LA PUBBLICITA IN SICILIA LA PUBBLICITA IN SICILIA Quadro produttivo, articolazione della spesa e strategie di sviluppo Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici Istituto G. Tagliacarne Settembr e 2014 Gli obiettivi del

Dettagli

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura @bollettinoadapt, 2 maggio 2016 Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura di Chiara Mancini Tag: #ricerca #PNR #PianoNazionaleRicerca #innovazione #Horizon2020 #MIUR Lo scorso Primo

Dettagli

Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali

Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali A cosa servono queste linee guida? Queste linee guida identificano gli elementi la cui presenza è ritenuta necessaria per i progetti della Coalizione Nazionale

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA Roma, 11 Settembre 2015 I giovani presi in carico sono 441.589. A quasi 159 mila è stata proposta almeno una misura. Il Ministro Poletti ha dato il via al progetto Crescere in Digitale durante la conferenza

Dettagli

GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE

GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE 118 GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE IL PROGETTO DIADI La diffusione dell innovazione presso le piccole e medie imprese è una costante delle politiche dei Fondi Strutturali

Dettagli

Roma, 20 dicembre 2010. Principali evidenze

Roma, 20 dicembre 2010. Principali evidenze Roma, 20 dicembre 2010 Principali evidenze Indice 2 Capitolo 1: Rapporto cittadino-pa: principali evidenze Capitolo 2: Sanità digitale: principali evidenze e Capitolo 3: Scuola e Università digitale: principali

Dettagli

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 51 Associazioni di Categoria (fra soci effettivi e soci aggregati) 62 Sezioni Territoriali (presso le Unioni Provinciali di Confindustria) Oltre 1 milione

Dettagli

sistemapiemonte Piemonte in Focus - giugno 2009 sistemapiemonte.it

sistemapiemonte Piemonte in Focus - giugno 2009 sistemapiemonte.it sistemapiemonte Piemonte in Focus - giugno 2009 sistemapiemonte.it OSSERVATORIO ICT DEL PIEMONTE DINAMICHE DI PENETRAZIONE DELLA BANDA LARGA IN PIEMONTE: 1) LO STATO DELLA COPERTURA ED UN CONFRONTO CON

Dettagli

ELITE. Thinking long term

ELITE. Thinking long term ELITE Thinking long term ELITE Thinking long term ELITE valorizza il presente e prepara al futuro. Per aiutare le imprese a realizzare i loro progetti abbiamo creato ELITE, una piattaforma unica di servizi

Dettagli

sistemapiemonte.it sistemapiemonte Piemonte in focus 2006:

sistemapiemonte.it sistemapiemonte Piemonte in focus 2006: sistemapiemonte Piemonte in focus 2006: accesso e utilizzo di Internet da parte delle famiglie, delle imprese e della Pubblica Amministrazione sistemapiemonte.it OSSERVATORIO ICT DEL PIEMONTE Un focus

Dettagli

L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI

L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI ll database degli indicatori territoriali della Rete Rurale Nazionale come strumento per lo sviluppo, il monitoraggio e la valutazione PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO

Dettagli

Lepida@Unife: Rete e Servizi

Lepida@Unife: Rete e Servizi Direzione Generale Centrale Organizzazione, Personale,Sistemi Informativi e Telematica Lepida@Unife: Rete e Servizi Polo Scientifico e Tecnologico, Università di Ferrara 22 gennaio 2007 Regione Emilia-Romagna/

Dettagli

La programmazione e l utilizzo delle risorse FAS l APQ-SI della Regione Basilicata

La programmazione e l utilizzo delle risorse FAS l APQ-SI della Regione Basilicata Programmazione, attuazione e monitoraggio degli investimenti pubblici finanziati con le risorse del fondo per le aree sottoutilizzate La programmazione e l utilizzo delle risorse FAS l -SI della Regione

Dettagli

IL DEFICIT ITALIANO NELLA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE EUROPEE DI SUCCESSO: ANALISI DEI MOTIVI

IL DEFICIT ITALIANO NELLA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE EUROPEE DI SUCCESSO: ANALISI DEI MOTIVI IL DEFICIT ITALIANO NELLA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE EUROPEE DI SUCCESSO: ANALISI DEI MOTIVI DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei I 3 PILASTRI DELLE PROPOSTE EUROPEE

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

Punto 10 all Ordine del Giorno

Punto 10 all Ordine del Giorno QUADRO STRATEGICO NAZIONALE 2007-2013 PER LE REGIONI DELLA CONVERGENZA PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE RICERCA E COMPETITIVITA (CCI: 2007IT161PO006) Punto 10 all Ordine del Giorno INFORMATIVA SULLE MODALITÀ

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEL PORE ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA AI PROGRAMMI COMUNITARI A GESTIONE DIRETTA

IL CONTRIBUTO DEL PORE ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA AI PROGRAMMI COMUNITARI A GESTIONE DIRETTA IL CONTRIBUTO DEL PORE ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA AI PROGRAMMI COMUNITARI A GESTIONE DIRETTA Ernesto Somma Coordinatore Struttura di missione P.O.R.E., Presidenza del Consiglio dei Ministri Venezia,

Dettagli

STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE. Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014

STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE. Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014 Al servizio di gente unica STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014 Trieste 11 febbraio 2015 La crescita digitale in

Dettagli

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che:

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU26 28/06/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 11 giugno 2012, n. 18-3996 Approvazione dello schema di Protocollo d'intesa tra la Citta' di Torino, la Fondazione Torino Smart City,

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 870 MILA UNITÀ, OLTRE 9 MILA IN PIÙ NELL ULTIMA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 870 MILA UNITÀ, OLTRE 9 MILA IN PIÙ NELL ULTIMA SETTIMANA Roma, 20 Novembre 2015 I giovani presi in carico sono 537.671. A più di 228 mila è stata proposta almeno una misura. Crescere in Digitale: oltre 35.100 gli iscritti a dieci settimane dal lancio I GIOVANI

Dettagli

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC INCONTRO 31 GENNAIO 2012 TRA ASSTEL E SLC-CGIL, FISTEL-CISL E UILCOM-UIL SUL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO Sviluppo e

Dettagli

Piano Nazionale per la Larga Banda

Piano Nazionale per la Larga Banda Piano Nazionale per la Larga Banda Paolo Corda Infratel Italia spa Piano Nazionale per la Larga Banda Dipartimento per le Comunicazioni Obiettivo principale del Piano Nazionale è raggiungere il 95,6% della

Dettagli

L attuazione delle politiche di coesione 2007-2013 al 30 giugno 2015: un focus sul turismo nelle politiche comunitarie in Italia

L attuazione delle politiche di coesione 2007-2013 al 30 giugno 2015: un focus sul turismo nelle politiche comunitarie in Italia L attuazione delle politiche di coesione 2007-2013 al 30 giugno 2015: un focus sul turismo nelle politiche comunitarie in Italia Al 30 giugno 2015, i progetti finanziati dagli strumenti programmatici delle

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Evoluzione del CST 1. Introduzione Il prossimo 30 settembre 2008 termina il progetto di esercizio sperimentale dei servizi e, quindi, il Centro Servizi

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

Il REPORT. I giovani Neet registrati

Il REPORT. I giovani Neet registrati Roma, 7 Novembre 2014 L adesione al programma da parte dei giovani continua. Al 6 novembre 2014 1 si sono registrati a Garanzia Giovani 283.317 giovani, di questi il 52% (146.983 giovani) lo ha fatto attraverso

Dettagli

Economia e impresa digitale Lelio Iapadre (Università dell Aquila e UNU-CRIS, Bruges) Intervento al convegno dell Intergruppo sull innovazione «L

Economia e impresa digitale Lelio Iapadre (Università dell Aquila e UNU-CRIS, Bruges) Intervento al convegno dell Intergruppo sull innovazione «L Economia e impresa digitale Lelio Iapadre (Università dell Aquila e UNU-CRIS, Bruges) Intervento al convegno dell Intergruppo sull innovazione «L Italia digitale: dall Abruzzo tre progetti innovativi tra

Dettagli

Gli incentivi alle imprese per l innovazione

Gli incentivi alle imprese per l innovazione BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A Gli incentivi alle imprese per l innovazione Raffaello Bronzini Banca d Italia DPS Invitalia - Incontro su: Il ruolo degli strumenti nelle smart specializzation strategy

Dettagli

Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità. Ferrara - Novembre 2015

Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità. Ferrara - Novembre 2015 Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità Ferrara - Novembre 2015 1 Invitalia per la crescita e la competitività del sistema produttivo Sosteniamo la nascita di nuove imprese la realizzazione

Dettagli

Infrastrutture digitali per lo sviluppo del territorio Giuseppe Tilia - Palermo, 01 Aprile 2014. Business

Infrastrutture digitali per lo sviluppo del territorio Giuseppe Tilia - Palermo, 01 Aprile 2014. Business Infrastrutture digitali per lo sviluppo del territorio Giuseppe Tilia - Palermo, 01 Aprile 2014 La Digital Agenda for Europe (DAE) 1. Mercato digitale unico e dinamico 2. Interoperabilità e standard 3.

Dettagli

Dall agenda digitale locale alle Smart Communities: il percorso in atto in regione Emilia Romagna. Dimitri Tartari, Regione Emilia-Romagna

Dall agenda digitale locale alle Smart Communities: il percorso in atto in regione Emilia Romagna. Dimitri Tartari, Regione Emilia-Romagna L Agenda Digitale Locale: il piano strategico condiviso per le politiche di innovazione e di progettazione di comunità locali intelligenti e sostenibili: il caso dell Emilia-Romagna Dall agenda digitale

Dettagli

ICT NELLE STRATEGIE A LIVELLO. all applicazione. Susanna LONGO Regione Piemonte Assessorato Innovazione, Ricerca, Industria e Energia

ICT NELLE STRATEGIE A LIVELLO. all applicazione. Susanna LONGO Regione Piemonte Assessorato Innovazione, Ricerca, Industria e Energia ICT NELLE STRATEGIE A LIVELLO EUROPEO, NAZIONALE E REGIONALE Dalla ricerca, all innovazione, all applicazione Susanna LONGO Regione Piemonte Assessorato Innovazione, Ricerca, Industria e Energia Bruxelles

Dettagli

Scuola Digitale Distretto scolastico 2.0

Scuola Digitale Distretto scolastico 2.0 N.1 Scuola Digitale Distretto scolastico 2.0 Potenza, 11th March 2015 Salvatore Panzanaro Regione Basilicata -Ufficio Società dell informazione N.2 L Agenda Digitale della Regione Basilicata superamento

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITA

MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITA MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITA Attuazione finanziaria, situazione al 31 dicembre 2013 Sistema Nazionale di Monitoraggio del Quadro Strategico Nazionale

Dettagli

LE DOTAZIONI MULTIMEDIALI PER LA DIDATTICA NELLE SCUOLE A.S. 2013/14

LE DOTAZIONI MULTIMEDIALI PER LA DIDATTICA NELLE SCUOLE A.S. 2013/14 LE DOTAZIONI MULTIMEDIALI PER LA DIDATTICA NELLE SCUOLE A.S. 2013/14 (Gennaio 2014) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati al 20 dicembre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati sono

Dettagli

sistemapiemonte Mappa ragionata dei fabbisogni di banda nelle province piemontesi 2008 sistemapiemonte.it

sistemapiemonte Mappa ragionata dei fabbisogni di banda nelle province piemontesi 2008 sistemapiemonte.it sistemapiemonte Mappa ragionata dei fabbisogni di banda nelle province piemontesi 2008 sistemapiemonte.it WI-PIE LINEA STRATEGICA 1- CONOSCERE IL TERRITORIO OSSERVATORIO ICT DEL PIEMONTE MAPPA RAGIONATA

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Dott.ssa Giuseppina Galluzzo Roma, 14 Dicembre 2012

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Dott.ssa Giuseppina Galluzzo Roma, 14 Dicembre 2012 Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Dott.ssa Giuseppina Galluzzo Roma, 14 Dicembre 2012 il mercato elettronico della p.a. cosa è Il Mercato Elettronico della P.A. è un mercato

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE DEI POLI FORMATIVI Annualità 2006/2007

MODALITA DI ATTUAZIONE DEI POLI FORMATIVI Annualità 2006/2007 ALLEGATO A MODALITA DI ATTUAZIONE DEI POLI FORMATIVI Annualità 2006/2007 a-premessa Le presenti modalità di attuazione riprendono le linee fondamentali espresse nell Avviso pubblico, omogenee per ogni

Dettagli

Vulnerabilità dei sistemi informatici Modelli e tecniche per l'assessment e il management del rischio

Vulnerabilità dei sistemi informatici Modelli e tecniche per l'assessment e il management del rischio Tecnologie ICT per le Piccole e Medie Imprese Ciclo di Seminari sulle Tecnologie ICT per le Piccole e Medie Imprese Vulnerabilità dei sistemi informatici Modelli e tecniche per l'assessment e il management

Dettagli

IL TALENTO DELLE IDEE, edizione 2011-2012

IL TALENTO DELLE IDEE, edizione 2011-2012 I&C Italy - Territorial Relations Territorial Development Programs Giovani Imprenditori di Confindustria Santa Margherita Ligure, 10 Giugno PROPOSTA PROGETTUALE TIMELINE 2 OBIETTIVO Far emergere o sostenere

Dettagli

Newsletter SITAD. Aprile 2005 num. 3. Sommario. No Risk. SITAD su SistemaPiemonte pag. 4. La nuova interfaccia di SITAD in Ruparpiemonte pag.

Newsletter SITAD. Aprile 2005 num. 3. Sommario. No Risk. SITAD su SistemaPiemonte pag. 4. La nuova interfaccia di SITAD in Ruparpiemonte pag. Newsletter SITAD Aprile 2005 num. 3 Sommario No Risk Il progetto pag. 2 I servizi sviluppati pag. 2 SITAD su SistemaPiemonte pag. 4 La nuova interfaccia di SITAD in Ruparpiemonte pag. 5 SITAD si candida

Dettagli

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la REGIONE PIEMONTE BOLLETTINO UFFICALE N. 40 DEL 8/10/2009 Finpiemonte S.p.A. - Torino Avviso ad evidenza pubblica - Progetto Sovvenzione Globale "Percorsi integrati per la creazione di imprese innovative

Dettagli

Scheda tecnica Progetto infrastrutturale

Scheda tecnica Progetto infrastrutturale Scheda tecnica Progetto infrastrutturale ALLEGATO I SEZIONE I: identificazione dell intervento Patto Territoriale: DELLA CORSETTERIA Responsabile Unico/Soggetto Responsabile: PROVINCIA DI POTENZA 1. Nome

Dettagli

Rete a Larga Banda GRANDE MANTOVA Il progetto GRANDE MANTOVA Obbiettivi : affrontare insieme problematiche comuni per il bene del territorio e dei cittadini Temi : viabilità e mobilità, sicurezza, piani

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

ticino transfer Rete per il trasferimento di tecnologia e del sapere della Svizzera italiana

ticino transfer Rete per il trasferimento di tecnologia e del sapere della Svizzera italiana Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 ID 7600741 RIPPI Rete Insubrica Promozione Proprietà Industriale Rete di competenza per la Promozione ed il supporto alla

Dettagli

La copertura delle reti a Banda Larga dal Digital Divide alle reti NGAN Salvatore Lombardo. Novembre 2012

La copertura delle reti a Banda Larga dal Digital Divide alle reti NGAN Salvatore Lombardo. Novembre 2012 La copertura delle reti a Banda Larga dal Digital Divide alle reti NGAN Salvatore Lombardo Novembre 2012 Agenda Digitale Europea 2 La missione Estendere le opportunità di accesso alla banda larga, in tutte

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 13 marzo 2014) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008 Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Marzo 2008 Il Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi Terzi (2007 2013) 11/04/2011 Flussi migratori ed il contesto

Dettagli

Health4Growth: Piano di implementazione territoriale e Raccomandazioni di politiche a livello europeo e territoriale

Health4Growth: Piano di implementazione territoriale e Raccomandazioni di politiche a livello europeo e territoriale Health4Growth: Piano di implementazione territoriale e Raccomandazioni di politiche a livello europeo e territoriale 1 Dati Tecnici TITOLO: Health4Growth: Piano di implementazione territoriale e Raccomandazioni

Dettagli

La Liguria all interno del contesto nazionale

La Liguria all interno del contesto nazionale La Liguria all interno del contesto nazionale François de Brabant Between 24 Novembre 2009 La banda: tra l uovo e la gallina sistema paese infrastrutture servizi mercato 2 Il cruscotto regionale della

Dettagli

L attrazione di investimenti nei servizi di CRM: l assistenza di Sviluppo Italia nel caso Transcom

L attrazione di investimenti nei servizi di CRM: l assistenza di Sviluppo Italia nel caso Transcom L attrazione di investimenti nei servizi di CRM: l assistenza di Sviluppo Italia nel caso Transcom Roma, 23 aprile 2004 Michele Resta Area Attrazione Investimenti Sviluppo Italia: una mission, tre linee

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 43/7 DEL 1.9.2015

DELIBERAZIONE N. 43/7 DEL 1.9.2015 Oggetto: Strategia per l internazionalizzazione del sistema produttivo regionale. Programma regionale triennale per l internazionalizzazione 2015-2018. L Assessore dell industria evidenzia alla Giunta

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1053 Seduta del 05/12/2013

DELIBERAZIONE N X / 1053 Seduta del 05/12/2013 DELIBERAZIONE N X / 1053 Seduta del 05/12/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 24 novembre 2008 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 L Istat diffonde i risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros (R&S) in Italia, riferiti alle imprese, alle istituzioni pubbliche

Dettagli

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020.

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020. Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020 Roma, 27 V 2011 Europa 2020 Nuovo contesto ed orientamenti sull innovazione

Dettagli

Il Progetto di Confindustria per competere in rete. Milano - FederlegnoArredo, 13 giugno 2013

Il Progetto di Confindustria per competere in rete. Milano - FederlegnoArredo, 13 giugno 2013 Il Progetto di Confindustria per competere in rete Milano - FederlegnoArredo, 13 giugno 2013 Esigenze espresse dalle Imprese Volontà di: Aggregazione su programmi/progetti Superamento del localismo distrettuale

Dettagli

LO SVILUPPO DELL ECONOMIA DIGITALE: ALCUNE CONSIDERAZIONI PER OPPORTUNITA DI SVILUPPO

LO SVILUPPO DELL ECONOMIA DIGITALE: ALCUNE CONSIDERAZIONI PER OPPORTUNITA DI SVILUPPO LO SVILUPPO DELL ECONOMIA DIGITALE: ALCUNE CONSIDERAZIONI PER OPPORTUNITA DI SVILUPPO 1 Applicando questa metodologia, nel 2009 il valore a livello mondiale dell internet economy poteva essere stimato,

Dettagli

Regione Piemonte: prospettive per lo sviluppo di ecosistemi digitali di business

Regione Piemonte: prospettive per lo sviluppo di ecosistemi digitali di business Regione Piemonte: prospettive per lo sviluppo Abstract Il presente documento intende illustrare la strategia e l approccio adottati da CSP nell ambito del progetto DIADI 2000 (progetto 2003-2006), iniziativa

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

Perché il rapporto RIIR (1/2)

Perché il rapporto RIIR (1/2) Perché il rapporto RIIR (1/2) Ministero dell Economia Informazioni sull innovazione Ministero dell Industria Ministero per la P. A. e l Innovazione Ministero dell Interno Ministero.. Imprese (Assinform)

Dettagli

Imprese partecipate dalle Università per settore (tot. 150) Fonte: Banca dati Dip. Funzione Pubblica

Imprese partecipate dalle Università per settore (tot. 150) Fonte: Banca dati Dip. Funzione Pubblica Osservazioni sul documento base Problematiche relative alla partecipazione alle gare di cui al decreto legislativo n. 163 del 2006 delle Università e degli Istituti similari Audizione presso l Autorità

Dettagli

SOMMARIO. TITOLO TESI: e- GOVERNMENT E SOCIETA DELL INFORMAZIONE

SOMMARIO. TITOLO TESI: e- GOVERNMENT E SOCIETA DELL INFORMAZIONE SOMMARIO TITOLO TESI: e- GOVERNMENT E SOCIETA DELL INFORMAZIONE CAPITOLO PRIMO LE ORIGINI DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE 1. Introduzione 1.1 La definizione di società dell informazione 1.2 La Società

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

Programma Formativo HSH@Teacher

Programma Formativo HSH@Teacher Direzione Generale per i Sistemi Informativi Ufficio V Innovazione Tecnologica nella Scuola Allegato 1 Progetto HSH@Network Programma Formativo HSH@Teacher Il percorso formativo HSH@Teacher...2 Scopo del

Dettagli

Cura del Documento: Giuseppe Gargano. Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia

Cura del Documento: Giuseppe Gargano. Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia Cura del Documento: Giuseppe Gargano Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia Tipologia di cooperazione Area eleggibile Transfrontaliera Ai sensi dell art. 7(1) del reg. 1083/2006,

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2001 NUMERO UNDICI CON DATI AGGIORNATI AL 30 GIUGNO 2001 5 Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA

Dettagli

PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium. TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI

PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium. TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI TEMI DI DISCUSSIONE Questa nota è destinata a fornire una base

Dettagli