Il Processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle Assicurazioni Italiane. Gruppo di Lavoro Risk Appetite

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle Assicurazioni Italiane. Gruppo di Lavoro Risk Appetite"

Transcript

1 Il Processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle Assicurazioni Italiane Gruppo di Lavoro Risk Appetite

2 Indice Premessa... 3 A. Quadro normativo di riferimento... 5 B. La definizione del Risk Appetite... 8 B.1. Definizioni con KPI quantitativi e qualitativi B.2. Tipologie di definizione del Risk Appetite B.2.1. Definizione in termini di rischio-rendimento C. La quantificazione del Risk Appetite C.1. Processo di approvazione ed attori coinvolti D. Il processo di declinazione del Risk Appetite in limiti operativi D.1. Conversione del Risk Appetite in limiti operativi di Underwriting Risk: un esempio per una compagnia internazionale danni D.2. Conversione del Risk Appetite in limiti operativi di Rischi Finanziari: un esempio di applicazione metodologica E. Il pricing Risk Adjusted F. Processo di monitoraggio del Risk Appetite F.1. Sistema di reporting, metriche e strumenti per il monitoraggio F.2. Sistema di early warning G. Processo decisionale e principali criticità G.1. Blocchi decisionali per la definizione di un sistema di Risk Appetite G.2. Roadmap implementativa Contatti

3 Premessa Il presente documento ha lo scopo di proporre a livello di sistema assicurativo italiano una definizione di Risk Appetite e dei relativi processi aziendali condivisa dal gruppo di lavoro che, oltre a essere coerente con i requirements normativi: possa essere adattata e implementata nelle diverse realtà assicurative; permetta il soddisfacimento delle aspettative rischio/rendimento di tutti gli stakeholders della Compagnia e la loro integrazione con i processi di pianificazione, risk management e di gestione operativa quotidiana del business; consenta l orientamento della gestione della Compagnia alla massimizzazione del valore nel tempo in coerenza con l appetito per il rischio definito. Il documento si pone l obiettivo di definire una opinion del mondo assicurativo sul Risk Appetite che sia la base di partenza per giungere, in coerenza con quanto fatto nel mondo bancario, ad un eventuale sviluppo di una opinion a livello di complessivo sistema finanziario italiano. In ambito bancario, un primo approccio al tema del Risk Appetite risale al Libro Bianco Pillar II 1 in cui si sottolinea che al fine di poter impostare una corretta definizione del proprio ICAAP e valutarne la ragionevolezza dei risultati in rapporto alle proprie strategie e contesto operativo è necessario che la banca stabilisca in modo preciso: la propria definizione interna di capitale complessivo, ovvero la somma degli elementi patrimoniali che la banca ritiene utilizzabili per fronteggiare i rischi a cui è esposta; la propria propensione al rischio, ovvero l ammontare complessivo di capitale che la banca è disposta a destinare alla copertura dei rischi. Il concetto di propensione al rischio è ripreso dal concetto anglosassone di Risk Appetite e può essere espresso in vari modi. Pertanto, la propensione al rischio definisce il capitale interno complessivo target (o massimo). Nella lettura del documento che segue vanno tenuti in considerazione i seguenti aspetti: Si tratta di spunti di riflessione su come definire il processo del Risk Appetite: quindi ogni singola realtà assicurativa dovrà inevitabilmente effettuare un processo di adattamento alle proprie caratteristiche peculiari. L eterogeneità delle soluzioni organizzative, della dimensione e della complessità di ciascuna Compagnia implicano, inoltre, che la concreta definizione del Risk Appetite debba sempre avvenire secondo il principio di proporzionalità; Il presente documento avrà un approccio soprattutto gestionale con un focus specifico sul processo di definizione della propensione al rischio e su come renderlo efficace ed operativo attraverso la declinazione in limiti di dettaglio ed il relativo monitoraggio; È opportuno specificare che nel testo quando si elencano gli attori coinvolti nella definizione del Risk Appetite lo si fa considerando la funzione svolta all interno del processo di definizione del Risk Appetite e non facendo riferimento a chi detiene la titolarità del compito. 1 Bancaria Editrice

4 A tal fine si possono individuare alcune domande chiave alle quali ogni compagnia assicurativa deve dare una risposta per affrontare in maniera strutturata la tematica del Risk Appetite: Quali KPI quantitativi e qualitativi per definire il Risk Appetite? Come quantificarne il valore? Quali attori sono coinvolti nel processo di definizione ed approvazione? Come declinare il Risk Appetite in limiti operativi? Come monitorare gli obiettivi ed i limiti del Risk Appetite? 4

5 A. Quadro normativo di riferimento Il concetto di Risk Appetite, a livello normativo, anche prima dell introduzione di Solvency II era già in parte presente nella normativa vigente italiana, attraverso la definizione di: modalità operative per la gestione del rischio di credito all interno delle più ampie disposizioni in materia di riassicurazione passiva (ISVAP: circolare n 574/D del 23 dicembre 2005): [ ] la strategia di contenimento dei rischi e di equilibrio del portafoglio, attuata mediante l acquisizione di coperture riassicurative, è oggetto di una specifica delibera quadro adottata dal Consiglio di amministrazione dell impresa, che impartisce le linee guida per la riassicurazione e ne verifica l applicazione da parte dell alta direzione [ ] [ ] la delibera quadro fornisce, in particolare, indicazione del livello netto di ritenzione dei rischi ricercato, le caratteristiche delle coperture riassicurative che l impresa intende stipulare, gli obiettivi e la congruenza delle stesse ai fini della copertura dei rischi assunti [ ] [ ] il Consiglio di amministrazione fornisce chiara indicazione del livello di rating e dell impegno complessivo su base individuale e di gruppo richiesto - anche in relazione alla durata dei rischi ceduti (affari long-tail) - e conseguentemente del rischio di controparte che intende accettare, utilizzando i parametri adottati dalle più importanti agenzie di rating [ ] ruoli e responsabilità nella definizione e presidio della tolleranza per il rischio (ISVAP: Regolamento n 20 del 26 marzo 2008): [ ] l organo amministrativo nell ambito dei compiti di indirizzo strategico e organizzativo di cui all articolo 2381 del codice civile: [ ] definisce e, almeno una volta l anno, valuta ai fini dell eventuale revisione le strategie e le politiche di assunzione, valutazione e gestione dei rischi maggiormente significativi, in coerenza con il livello di adeguatezza patrimoniale dell impresa; sulla base dei risultati dei processi di individuazione e valutazione dei rischi, fissa i livelli di tolleranza al rischio e li rivede almeno una volta l anno [ ] [ ] l Alta Direzione: [ ] attua le politiche di assunzione, valutazione e gestione dei rischi fissate dall organo amministrativo, assicurando la definizione di limiti operativi e la tempestiva verifica dei limiti medesimi, nonché il monitoraggio delle esposizioni ai rischi e il rispetto dei livelli di tolleranza [ ] [ ] le imprese definiscono procedure in grado di evidenziare con tempestività l insorgere di rischi che possono danneggiare la situazione patrimoniale ed economica o il superamento delle soglie di tolleranza fissate [ ] nuovi principi normativi per le compagnie assicurative con la pubblicazione, a fine 2009, della direttiva europea 2009/138/CE (comunemente conosciuta come Solvency 2) che: stabilisce che le Compagnie assicurative devono condurre, nell'ambito del proprio sistema di gestione dei rischi, la valutazione interna del rischio e della solvibilità (processo ORSA Own Risk and Solvency Assessment) (art. 45: Nell ambito del proprio sistema di gestione dei rischi ogni impresa di assicurazione e impresa di riassicurazione procede alla valutazione interna del rischio e della solvibilità ). Tale valutazione deve riguardare il fabbisogno di solvibilità globale tenuto conto del profilo 5

6 di rischio specifico, dei limiti di tolleranza del rischio approvati dal consiglio di amministrazione e della strategia operativa dell'impresa; la filosofia dell accordo e di avvicinare, sia con modello interno sia con standard, i requisiti patrimoniali all effettiva rischiosita delle aree di business della compagnia; introduce un nuovo requisito patrimoniale di solvibilità (SCR Solvency Capital Requirement) corrispondente al capitale economico che un'impresa deve detenere per limitare la probabilità di rovina allo 0,5%, vale a dire una volta ogni 200 anni (artt : Gli Stati membri prescrivono che le imprese di assicurazione e di riassicurazione detengano fondi propri ammissibili tali da coprire il requisito patrimoniale di solvibilità. [ ]Il requisito patrimoniale di solvibilità è calibrato in modo da garantire che siano presi in considerazione tutti i rischi quantificabili cui è esposta un impresa di assicurazione o di riassicurazione ); permette alle Compagnie di utilizzare un modello interno per il calcolo del requisito patrimoniale di solvibilità (art. 100: Il requisito patrimoniale di solvibilità è calcolato utilizzando la formula standard [ ] o un modello interno [ ] ). L'uso dei modelli interni è soggetto all'approvazione delle autorità di vigilanza, previa presentazione di apposita richiesta da parte della Compagnia che dimostri che sono rispettati i requisiti previsti in direttiva, vale a dire la prova dell'utilizzo (use test) e gli standard di qualità statistica, di calibrazione, di convalida e di documentazione; allarga il perimetro di informazioni che devono essere rese pubbliche agli stakeholders. In particolare si riferisce ai nuovi criteri di valutazione di attività e riserve tecniche, agli aspetti di governance dai requisiti patrimoniali al risk management per coprire, in sostanza, tutte le aree della gestione assicurativa (art. 51: Gli Stati membri, [ ] prescrivono alle imprese di assicurazione e di riassicurazione di pubblicare una relazione annuale sulla loro solvibilità e condizione finanziaria. [ ] Tale relazione contiene le seguenti informazioni [ ]: una descrizione dell attività; una descrizione del sistema di governance [ ]; una descrizione, effettuata separatamente per ciascuna categoria di rischio, dell esposizione al rischio, delle concentrazioni di rischio, dell attenuazione del rischio e della sensibilità al rischio; una descrizione, effettuata separatamente per le attività, le riserve tecniche e le altre passività, delle basi e dei metodi utilizzati per la loro valutazione [ ]; una descrizione della gestione del capitale [ ]. ). ruoli e responsabilità nella definizione e presidio della tolleranza per il rischio con specifico focus in materia di investimenti a copertura delle riserve tecniche (ISVAP: Regolamento n 36 del 31 gennaio 2011): [ ] nell ambito dei compiti di indirizzo strategico ed organizzativo di cui all articolo 2381 del codice civile l organo amministrativo definisce, con la delibera di cui all articolo 8, la politica degli investimenti prevista dall articolo 4 e ne valuta, con cadenza almeno annuale, l adeguatezza in relazione alla complessiva attività svolta dall impresa, alla tolleranza al rischio ed al livello di patrimonializzazione posseduto [ ] [ ] l alta direzione è responsabile, sulla base delle direttive impartite dall organo amministrativo, dell attuazione, del mantenimento e del monitoraggio della politica degli investimenti. In particolare, l alta direzione, nel rispetto della delibera di cui all articolo 8 e dei criteri dettati dal Regolamento ISVAP n. 20 del 26 marzo 2008 [ ] specifica e formalizza, anche con il contributo della funzione di risk management, ogni altra restrizione da assegnare alle strutture operative, quali i limiti di diversificazione, 6

7 quelli di tolleranza al rischio e quelli che attengono alla delimitazione delle controparti utilizzabili per la negoziazione. In tale ambito, separata e specifica evidenza è fornita con riguardo ai limiti di operatività sugli strumenti finanziari derivati [ ] [ ] la politica degli investimenti è oggetto di una specifica delibera quadro adottata dall organo amministrativo e rivista almeno una volta l anno che impartisce, in funzione della dimensione, della natura e complessità dell attività svolta, le linee guida in materia di investimenti, tenendo conto dei requisiti e dei limiti fissati dal decreto e dal presente Regolamento. Tale delibera, che tiene conto del profilo di rischio delle passività detenute per assicurare la gestione integrata di attivo e passivo, contiene almeno i seguenti elementi: [ ] politiche generali di impiego degli strumenti finanziari derivati, ivi compresi i prodotti strutturati, che tengano conto della complessiva situazione economica, patrimoniale e finanziaria, attuale e prospettica, dell impresa. In particolare sono specificate le finalità, le modalità operative e i limiti di utilizzazione, ivi incluso il livello di tolleranza ai rischi sulle posizioni assunte e sul complessivo portafoglio gestito, tenendo conto delle correlazioni esistenti tra gli strumenti medesimi e le attività/passività detenute [ ] In tale nuovo contesto normativo, sempre più concentrato sui temi della qualità nella gestione dei rischi e della solidità dei controlli interni e degli Organi di Vigilanza, i processi di definizione, condivisione e declinazione in limiti operativi del Risk Appetite e di integrazione nei processi decisionali (strategici e gestionali), e le attività di monitoraggio dei rischi assumono un ruolo centrale nella gestione delle Compagnie assicurative. 7

8 B. La definizione del Risk Appetite La prima domanda che ogni istituzione finanziaria si deve porre è Perché definire il Risk Appetite?. La risposta a tale domanda non può non essere strettamente connessa all altra domanda che l istituzione finanziaria deve porsi: Quali obiettivi si vogliono raggiungere con la definizione del Risk Appetite? La corretta formalizzazione del Risk Appetite ha innumerevoli impatti sulla gestione della Compagnia: è funzionale alla soddisfazione dei bisogni degli stakeholders ed alla comunicazione nei loro confronti. Permette di fornire una risposta concreta a diversi bisogni; solo per citarne alcuni: dall obiettivo di massimizzazione dei profitti con un basso livello di volatilità richiesto dagli azionisti, all ottenimento di un ritorno minimo per gli assicurati nel caso di una Compagnia Vita, fino alla garanzia di sufficiente liquidità per poter far fronte all eventuale insorgere ed al pagamento dei sinistri per gli assicurati di una Compagnia Danni; assicura un corretto allineamento dei driver e dell operatività della Compagnia per il raggiungimento degli obiettivi strategici prefissati; indirizza il processo decisionale strategico e di allocazione del capitale; è funzionale alla definizione di un sistema di limiti operativi (in particolare ma non solo sui rischi tecnici e sui rischi finanziari), coerente a tutti i livelli della Compagnia e funzionale al rispetto degli obiettivi di Risk Appetite definiti, al fine di garantire che su una determinata fattispecie di rischio non sia superata una perdita massima definita; aiuta a guidare la declinazione degli obiettivi strategici tra le diverse aree di business durante il processo decisionale e di budget; garantisce un adeguata solvibilità, capitalizzazione ed un sufficiente livello di liquidità; permette di ragionare sui rischi reputazionali che la Compagnia vuole affrontare. In considerazione dell ampio numero di stakeholder interessati è evidente che il processo di definizione del Risk Appetite è molto complesso e necessita di analisi e strumenti sofisticati. Tuttavia, in accordo con il principio di proporzionalità definito nella normativa, la fase di definizione del Risk Appetite può assumere diversi livelli di complessità in funzione della dimensione della Compagnia e del suo business mi. Per entrare realmente nei processi, nella gestione e nell organizzazione di una Compagnia, il Risk Appetite deve potersi integrare effettivamente con il processo di allocazione del capitale e di budget fino alla definizione di specifici limiti operativi e all indirizzo delle singole decisioni operative e deve essere monitorabile in maniera efficace (Figura 1). E necessario pertanto individuare attentamente quali siano gli attori che devono essere coinvolti nella definizione del Risk Appetite ed evidenziare i benefici derivanti da una sua corretta definizione. 8

9 Risk Appetite Capitale economico/ regolamentare Definire e modellizzare il Risk Appetite significa da una parte internalizzare il rischio nel processo decisionale Limiti operativi... dall altra, sviluppare il modello e stilare la reportistica a vari livelli Figura 1 Struttura logica per la declinazione del Risk Appetite in limiti operativi Con l introduzione di Solvency II, il processo di definizione ed implementazione del Risk Appetite assume un ruolo fondamentale; oltre ad attribuire la responsabilità dell approvazione del Risk Appetite all Organo Amministrativo (così come chiaramente definito già dal Regolamento ISVAP n 20), la normativa, tramite la richiesta di attivazione del processo ORSA ( Own Risk and Solvency Assessment ), richiede alle Compagnie di dare la giusta rilevanza alla definizione del Risk Appetite, sia in termini di tempo che di qualità delle risorse. Figura 2 Definizione Risk Appetite 9

10 Figura 2 mostra un framework logico applicabile al progetto ORSA. Come si evince, la fase di definizione del Risk Appetite è centrale nel processo: solamente dopo aver identificato i principali rischi che si ritiene opportuno considerare ed aver stimato i requisiti interni di capitale per ciascuna tipologia di rischio, è possibile avviare la fase di definizione del Risk Appetite con, tra gli altri, l obiettivo di definire quali debbano essere i principi di gestione dei rischi all interno della Compagnia. Al termine di tale fase si può procedere con la fase di capital planning, budgeting ed allocation, e con le successive fasi di monitoraggio e reporting. Una oculata e strutturata fase di definizione del Risk appetite è, quindi, conditio sine qua non per un efficiente implementazione del processo ORSA. B.1. Definizioni con KPI quantitativi e qualitativi Nell ambito del Gruppo di Lavoro sono stati identificati i principali KPI 2 ritenuti utili per la definizione del Risk Appetite. Sebbene nell individuare gli indicatori di riferimento per ciascuna compagnia si sia manifestata una forte eterogeneità nell esplicitazione della propensione al rischio (ogni realtà ha delle caratteristiche peculiari), i principali indicatori emersi si possono riassumere nelle seguenti tipologie: Indicatori quantitativi, suddivisibili in tre macro categorie: Indicatori di capitale: finalizzati al rispetto dei vincoli regolamentari di solvibilità e di copertura delle riserve tecniche; Indicatori di rischio-rendimento: focalizzati ad assicurare il rispetto delle aspettative di mercato e delle previsioni aziendali strategiche in termini di performance; Indicatori di liquidità: finalizzati al mantenimento di opportuni livelli di asset facilmente liquidabili; Indicatori qualitativi: focalizzati a garantire la reputazione del brand e ad evitare l esposizione della Compagnia a rischi reputazionali (es. garanzia della continuità aziendale, garanzia della copertura verso i clienti, forza del brand, ). Si noti come gli indicatori individuati siano prevalentemente di tipo quantitativo rispetto a quelli di tipo qualitativo (Figura 3). Nonostante ciò, se i criteri di definizione del Risk Appetite devono essere molto chiari, capaci di implementare nel concreto gli obiettivi strategici di rischio/rendimento prefissati, l esplicitazione di tali obiettivi deve avvenire tramite precise indicazioni sia quantitative (con lo scopo di poter misurare e verificare, nel continuo, il loro conseguimento) che qualitative (con lo scopo di integrare le pure misure di rischio con considerazioni, che pur non misurabili, sono di completo rilievo). 2 KPI: Key Performance Indicators 10

11 Indicatori Quantitativi Indicatori Qualitativi Indicatori di Capitale Solvency I Ratio Solvency II Ratio Capitale Economico e Probabilità di Default... Indicatori di Rendimento Utili Attesi Rendimento Atteso su Capitale Economico Volatilità dei Profitti... Indicatori Reputazionali Garanzia copertura verso clienti Garanzia della continuità aziendale Protezione del brand... Indicatori di Liquidità Rapporto Assets liquidi su Asset totali Riserve Cash Contributi dagli azionisti... Figura 3 Indicatori quantitativi e qualitativi per la definizione del Risk Appetite (industry practice) B.2. Tipologie di definizione del Risk Appetite In primissima approssimazione possiamo definire il Risk Appetite come l ammontare massimo di capitale che una Compagnia è disposta a mettere a disposizione per la copertura dei rischi a fronte di un determinato rendimento atteso. Si tenta talora di definire il Risk Appetite in funzione del capitale complessivo e/o del capitale interno complessivo: il capitale complessivo fa riferimento al concetto di capitale disponibile e descrive sostanzialmente la tolleranza al rischio o la capacità di sopportare rischio; il capitale interno complessivo (nella vecchia accezione si sarebbe detto capitale assorbito) può essere sia effettivo sia target; in entrambi i casi la definizione deve includere un buffer di capitale in modo da far fronte ad eventuali eventi non previsti; In questo senso il Risk Appetite è più vicino al capitale interno complessivo target o massimo che a sua volta è funzione del business della Compagnia e del profilo di rischio da questa assunto. Si ritiene però importante sottolineare che il Risk Appetite pur concernendo i livelli di assunzione di rischio desiderati dalla Compagnia, dovrebbe riflettere una posizione efficiente di rischio-rendimento. Il Risk Appetite deve rappresentare quindi il massimo livello di rischio tollerabile per il raggiungimento degli obiettivi di ritorno pianificati. La definizione del Risk Appetite può assumere varie forme e diversi livelli di complessità in funzione della cultura aziendale, della filosofia della Compagnia, delle sue dimensioni, della tipologia di Business, degli obiettivi del suo azionariato e del suo management. 11

12 Le Compagnie di più piccola dimensione (es. riserve tecniche vita < 1bn / premi danni < 100m) sono prevalentemente orientate ad una definizione di Risk Appetite che si muova nel perimetro di adeguatezza regolamentare. Tale approccio, adeguato in un ottica di compliance con le richieste dell Autorità di Vigilanza, potrebbe non rappresentare, tuttavia, una soluzione ottimale in ottica di efficacia gestionale per rendere i rischi parte della gestione operativa. La definizione della propensione al rischio di un istituto assicurativo deve costituire, a prescindere dalla dimensione e complessità della compagnia, un processo, che partendo da obiettivi strategici di sintesi consenta un supporto effettivo agli organi di governo, nella pianificazione e nel controllo dell attività. Le grandezze individuate devono garantire, inoltre, un impatto pragmatico sulla struttura, sull organizzazione e la gestione della compagnia assicurativa. Una componente di innovazione sulle metriche e di solidità di processo di definizione permette l introduzione di metriche di Risk Appetite sempre più complesse e evolute sino a una definizione di Risk Appetite che tenga conto del trend atteso dal profilo di rischio-rendimento della Compagnia. Nella Figura 4, che segue, viene illustrata la possibile evoluzione di tali metriche in relazione ad una crescente complessità delle stesse e della loro completezza in termini metodologici. Livello di complessità Basso Esempi di definizione di Risk Appetite Definizione Base Solvency I ratio Solvency II ratio Definizione con KPI quantitativi Capitale economico e probabilità di default Mi per tipologia di rischio Volatilità dei profitti Capitale a rischio. Integrazione con KPI qualitativi Target Rating per la Compagnia Rating della controparte Black list di paesi in cui investire Garanzia copertura verso i clienti Brand protection Rapporto asset liquidi su asset totali Riserve cash Definizione Rischio -Rendimento Rendimento atteso a fronte del capitale allocato Alto Definizione Pluriennale Definizione di Risk Appetite che incorpori l evoluzione attesa del profilo di rischio-rendimento e di business della Compagnia Embedded value actual e target Figura 4 Definizione Risk Appetite 12

13 A fronte di una complessità crescente, l utilizzo di KPI quantitativi e qualitativi, l approccio rischio-rendimento e la pianificazione pluriennale, garantiscono una stima della solvibilità della Compagnia più precisa e maggiormente adeguata alle peculiarità della Compagnia stessa. Inoltre, nei Gruppi di particolare complessità e dimensione, risulta necessario fissare il risk appetite (e a seguire limiti di rischio) a livello consolidato per poi declinarlo e articolarlo sulle principali Legal Entities / Business Unit in funzione del modello di business e del presidio geografico. B.2.1. Definizione in termini di rischio-rendimento In una definizione avanzata e completa di Risk Appetite il profilo di rischio deve essere sempre associato al concetto di rendimento. Esplicitare un certo livello di Risk Appetite, significa dover scegliere quale posizionamento si vuole raggiungere all interno della frontiera efficiente rispetto alle possibili configurazioni esistenti di rischio/rendimento. In ambito assicurativo, rispetto a quello bancario, risulta maggiormente complesso individuare la frontiera efficiente. Infatti i metodi tradizionali di valutazione (es. utile di bilancio, EBITDA, ) non sono adatti a misurare l effettivo valore creato dalla Compagnia a causa delle specificità del business: Ciclo economico invertito (cash in - raccolta premi - antecedente al cash out - pagamento sinistri - che riduce il rischio di shock di liquidità). Per tale motivo Solvency 2 introduce misure anticicliche come, ad esempio, il liquidity premium da aggiungere al tasso risk free con cui si scontano le riserve tecniche; Incertezza sui cash flow futuri dovuta anche a fattori esogeni alla Compagnia (es. variazioni nel timing, nella frequenza e nella severity dei sinistri, variazioni nella tempistica di liquidazione dei sinistri e delle spese, variazioni regolamentari, ); Presenza di rischi asimmetrici puri non hedgeable: come ad esempio i rischi tecnici di tariffazione e riservazione; Forte correlazione tra i rischi: si pensi ad esempio alle correlazioni tra rami all interno dello stesso rischio (costi medi, frequenze, ); Metriche peculiari per il calcolo del rendimento: necessità di presidiare (e conciliare) nell ambito del processo di ottimizzazione rischio/rendimento, il calcolo dei rendimenti finalizzati a diversi obiettivi (Bilancio S2, IFRS/IAS, Civilistico, rendimenti delle Gestioni Separate, Bilancio Fiscale, ); Valore multi periodale: quale ulteriore elemento di differenziazione (nonché di complessità). Dunque, al fine di individuare la frontiera efficiente con la migliore approssimazione possibile, risulta necessario fare delle assunzioni sulla base dei dati storici aziendali e dell esperienza del management. La definizione del Risk Appetite in funzione del posizionamento in termini di Rischio - Rendimento permette di integrare maggiormente e rendere maggiormente dialettici e parlanti il processo di definizione del Risk Appetite e quello di Capital Allocation in quanto viene garantita una maggiore disponibilità di capitale alle unità di business/ai fattori di rischio con obiettivi di rendimento (e/o 13

14 rendimenti storici) più alti e quindi più profittevoli. Con tale processo si massimizza la redditività della Compagnia a fronte di una risorsa scarsa come il Capitale. A titolo di esempio in Figura 5 si riporta una proposta di cruscotto quantitativo per la definizione del Risk Appetite in termini di Rischio-Rendimento. Per ciascuna tipologia di rischio si identifica il capitale economico allocato ed i limiti a questo associati. Tale cruscotto assume una particolare importanza durante la fase di monitoraggio. Risk appetite aggregato LaBanca cercherà di mantenereun Capitale economico(ec) sufficiente ad assicurare al 99.50% % chel istituzionerimangasolvibile - Il capitale economico è definito come l ammontare di capitale che un istituzione deve avere per mantenere una certa probabilità di essere solvibile - Il capitale economico incorpora tutti gli ampi rischi delle banche, con l eccezione del rischio di liquidità (con affiancati degli indicatori di liquidità) - Il capitale economico reale viene misurato rispetto al capitale economico richiesto per determinarne l intervallo di confidenza Livello di confidenza target EC su un anno Range 99.50% % Rischio di credito Rischio di mercato Rischio liquidità EC* Limiti di investimento (limiti % EC) EC* Linee guida portafoglio Stress tests ~70% Rendimento Corporates % SMEs % Real Estate % Limiti qualitativi :... Retail Finanza strutturata % % Sovereign % ~10% Rendimento VAR Asset Classes: Asset Rating: Derivati credito yz Liquidità in eccesso sotto stress Stress scenarios (giorni) rating Rischio assicurativo Rischio operativo EC* Limititolleranza assicurazione EC* Soglie espozione per escalation e revisione ~5% Rendimento Limite depositi annuity Target pricing ROI $ % Limite EC $ Limite valore nominale polizze vita $ ~10% Rendimento Riferito al CdA Azione di rimedio aggiuntiva (TBD) $ $ Azione di rimedio aggiuntiva (TBD) $ * Sanitizzato per rappresentare % di allocazione del capitale economico totale non diversificato Figura 5 Cruscotto di monitoraggio del Risk Appetite 14

15 Historical return (μ) Total assets Client Which is the right risk / return profile and positioning? Which are the necessary actions to improve positioning? Performance mapping on: Timeframe Historical (i.e. Company reports) Prospective (i.e. Analyst reports) Drivers Economic capital Regulatory capital Market Capitalisation evolution Economic capital Total Assets Commercial Banks Investment Banking Asset Mgmt Others X X X X BU1 Capital Allocated + BU2 Capital Allocated + BU3 Capital Allocated + BU... Capital Allocated X X X X BU 1 Epected Return BU 2 Epected Return BU 3 Epected Return BU... Epected Return Total epected return C. La quantificazione del Risk Appetite La metodologia di definizione del Risk Appetite prevede un processo prevalentemente topdown che, attraverso analisi interne ed esterne, definisca il posizionamento obiettivo della Compagnia. La metodologia di definizione deve essere completa e proporzionale alle dimensioni e alla complessità della Compagnia al fine di definire puntualmente le metriche e l approccio del framework di Risk Appetite e di agevolare la declinazione delle stesse in strumenti gestionali (limiti operativi, meccanismi decisionali, strumenti di monitoraggio, sistemi di early warning, etc.). La metodologia di definizione del Risk Appetite prevede cinque fasi principali (riassunte in Figura 6): A. Assessment interno: storico ed as-is B. Benchmarking C. Analisi business mi e compatibilità con Risk Appetite D. Analisi capitale in eccesso E. Definizione del posizionamento in termini di Risk Appetite A B C D E Assessment interno Analisi business storico ed As-Is mi e Analisi capitale in Benchmarking (proy implicita del Risk compatibilità con eccesso Appetite) risk appetite Definizione del posizionamento in termini di Risk Appetite BU 3 Quali & Quanti limits Diversif. effect Allocated Capital BU 3 BU 2 BU 1 Quali & Quali & Quali & Quanti Quanti Quanti limits limits limits Diversif. Diversif. Diversif. effect effect effect Introduzione di un frame di Risk Appetite alla base di un esercizio di benchmarking interno di dettaglio sia storico che as-is Quantificazione del profilo dettagliato di rischio/rendimento del Gruppo per linea di attività e BU Comprensione di dettaglio di: - Tipologia di rischi gestiti dalla BU - Ammontare di rischio da gestire - Limiti in utilizzo - Correlazioni su rischi e performance BU -... Conduzione di un benchmarking esterno con le principali isitituzioni finanziarie sul profilo rischio/rendimento valutando: - Business mi e posizionamento dei princiapli players - Rendimenti storici e attesi - Rischi gestiti / percepiti dal mercato Valutazione del posizionamento vs. competitors in termini di profilo rischio rendimento e identificazione di eventuali aree di intervento Definizione di una frontiera efficiente teorica per il business mi tra BUs utilizzando: - Assessment interno - Evidenze del benchmarking Verifica e integrazione dei limits da considerare Definizione possibili business mi e combinazioni di allocazione del capitale fra le BUs sulla base di: - Dati quantitativi a supporto - Avversione al rischio degli azionisti e del top management Identificazione di livelli di capitale adeguati da impiegare nel business (e capitale in eccesso da accumulare ) considerando: - Trade-off analisi esterna sul capitale in eccesso e targets di rating - Definizione implicazioni capitale in eccesso richiesto, rating, e costo del debito - Verifiche di coerenza con ritorni attesi dagli azionisti Figura 6 Definizione Top Down del Risk Appetite Definizione Risk Appetite considerando: - Filosofia di rischio - Combinazioni di rischio rendimento definite (incluse considerazioni sul livello di EaR) - Limiti considerati - Ammontare di capitale da impiegare (incluse considerazioni su CaR) e capitale in eccesso da accumulare - Rendimento atteso dagli azionisti 15

16 A. Assessment interno: storico ed as-is Il primo passo per l assessment interno è la definizione del framework di Risk Appetite (in termini di metriche e dimensioni rilevanti di analisi) secondo quanto descritto nel capitolo B. Sulla base dei Key Performance Driver e degli aspetti qualitativi definiti, l assessment prevede un esercizio di benchmarking interno del profilo di rischio-rendimento per singola linea di attività e Business Unit e/o fattore di rischio. In funzione dei dati storici disponibili tale benchmark può venire esteso agli anni precedenti. Tale analisi permette di capire dove poter intervenire in caso di squilibrio generale o opportunità di ottimizzazione. Il benchmarking interno può essere svolto attraverso un percorso progressivo di articolazione di dettaglio, partendo da un livello consolidato ed articolando le analisi nei dettagli necessari in release successive. In particolare l esercizio prevede il mapping delle principali metriche (rendimento assoluto e peso sul rendimento totale, capitale economico allocato ed assorbito, limiti quantitativi, etc.) e la definizione del livello di rilevanza per la singola Business Unit della Compagnia. Infine per una valutazione complessiva del profilo di Risk Appetite è necessario valutare i benefici derivanti dalla diversificazione del portafoglio tra rischi e business. L effetto di diversificazione sul totale della Compagnia dipende dagli asset/liability posseduti e dalla loro correlazione, che rappresenta una componente fondamentale nell allocazione del capitale in quanto di particolare rilevanza nella misurazione del capitale complessivo (a differenze del mondo Bancario in cui l effetto diversificazione è più contenuto). L allocazione di tale effetto tra le Business Unit può seguire logiche diverse: può essere allocato alle singole Business Unit in funzione di parametri prestabiliti (totale rischio contenuto, dell effetto diversificazione all interno della singola Business Unit, etc.); può essere mantenuto e conseguentemente gestito a livello di capogruppo / direzione centrale, rappresentando di fatto un buffer di capitale; può essere allocato come premio alle sole Business Unit che hanno conseguito un importante effetto di diversificazione dei rischi (soluzione intermedia) può essere gestito con un processo dinamico allocando parte dell effetto diversificazione (o concentrazione) alle business unit e parte alla funzione di active balance-sheet management che gestisce gli scostamenti dagli obiettivi. L analisi di rischio-rendimento per singola Business Unit deve essere ripetuto annualmente analizzando anche gli scostamenti rispetto all esercizio, e permette di comprendere il profilo di rischio-rendimento attuale e storico della Compagnia e di confrontarlo con gli altri operatori in ottica di benchmarking. 16

17 Attività da svolgere annualmente Anno0 Anno 1 Anno 2 Rendimento Rendimento assoluto % rendimento su rendimento totale Ratio RORAC Capitale allocato ed assorbito Capitale assoluto % capitale Limiti Quantitativi Rilevanza del rischio Alta Media Bassa Non presente Qualitativi Figura 7 Assessment Interno Storico ed As- Is B. Benchmarking La scelta del posizionamento di Risk Appetite della Compagnia non può prescindere dalla valutazione del posizionamento degli altri players di mercato, ponendo particolare attenzione ai competitor diretti per tipologia di business mi, dimensione e canali distributivi. Al fine di effettuare un esercizio di benchmark esterno è utile identificare: il profilo di rischio-rendimento degli altri player ; il business mi del campione utilizzato per l analisi. Il mapping del profilo di rischio-rendimento sarà effettuato sia a livello storico, per analizzare i trend evolutivi della Compagnia rispetto agli altri player, sia a livello prospettico per verificare come il mercato sta influenzando il posizionamento degli altri player e come questi stanno rispondendo ai trend prospettici. Differenze sostanziali tra il profilo di rischio-rendimento della Compagnia rispetto agli altri player possono essere riconducibili a: differenti business mi; differente copertura geografica / mercato di riferimento; differenti politiche di aggressione di alcuni mercati in termini di pricing o rischi assunti; differenti canali di vendita; capacità e performance gestionali sulle diverse aree di business; altri fattori endogeni o esogeni al mercato. 17

18 Una completa e puntuale analisi di benchmark storico e prospettico del profilo di rischiorendimento è un elemento importante per una definizione consapevole degli obiettivi e dei limiti di Risk Appetite. Il monitoraggio continuo del posizionamento rispetto ai competitor e delle motivazioni di eventuali differenze (attraverso funzioni dedicate al benchmarking interno ed esterno) permette, inoltre, di identificare le aree di ottimizzazione della Compagnia costruendo strategie di intervento specifiche. Serie storica dei rendimenti (μ) Totale attivo Mappatura performance su: Tempistica Storico (i.e. Report delle aziende) Prospettico (i.e. Report degli analisti) Drivers Capitale economico Capitale regolamentare Evoluzione capitalizzazione di mercato Cliente Qual è il giusto profilo e posizionamento rischio / rendimento? Quali sono le azioni necessarie per migliorare il posizionamento? Banche commerciali Investment Banking Asset Mgmt... Capitale Economico Totale Attivo Principali ragioni per un diverso posizionamento: - Differente mi di business - Rendimento più basso in alcuni business -... Possibilità di usare metriche differenti come Capitale regolamentare e β di mercato Figura 8 Benchmarking C. Analisi business mi e compatibilità con Risk Appetite Sulla base delle evidenze dell assessment interno e delle evidenze dell analisi di benchmark è possibile analizzare in senso critico il business mi e definire gli obiettivi di allocazione del capitale e del rischio. Tale attività presuppone il disegno di una frontiera efficiente teorica in termini di rischiorendimento. La frontiera efficiente fornirà, sulla base dei diversi business mi possibili e dei rating obiettivo scelti, indicazioni sulla miglior allocazione del capitale (economico o regolamentare) e sulla scelta del livello di performance obiettivo. I valori da considerare per la definizione della frontiera efficiente saranno desunti dalle analisi di assessment interno e di benchmarking, come i valori dei business o dei player che presentano il miglior rapporto di rischio-rendimento per ogni rating considerato e per ogni business mi. 18

19 BU 1 Limiti quantiqualitativi X Effetto diversif. Capitale Allocato BU1 + X Rendimento atteso BU1 Capitale allocato BU 2 BU 3 Limiti quantiqualitativi Limiti quantiqualitativi X X Effetto Effetto diversif. diversif. Capitale Allocato BU2 + Capitale Allocato BU3 + X X Rendimento atteso BU2 Rendimento atteso BU3 Rendimento atteso totale Focus equity stakeholders (rendimenti maggiori) Capitale totale BU 3 Limiti quantiqualitativi X Effetto diversif. Capitale Allocato BU... X Rendimento atteso BU... Capitale in eccesso Livello di Gruppo Limiti quantiqualitativi X Effetto diversif. Capitale Allocato Totale + Capitale in eccesso Focus debt stakeholders (rating maggiore) Figura 9 Analisi business mi e compatibilità con Risk Appetite D. Misurazione degli effetti di diversificazione Nel settore assicurativo l effetto di diversificazione ha un peso rilevante per la presenza di tipologie di rischi molto diversi tra loro (rischi tecnici vs. rischi finanziari e di credito); La misurazione della diversificazione parte dall aggregazione degli stessi rischi attraverso tecniche di varianza-covarianza (stima dei parametri di aggregazione tipicamente effettuata su base storica); E fondamentale tenere conto dell effetto diversificazione atteso nella definizione del profilo di rischio-rendimento obiettivo per sfruttare al meglio le opportunità derivanti dalla peculiarità del business assicurativo; Definito il capitale economico complessivo diversificato è quindi possibile procedere con l identificazione della contribuzione marginale per singola tipologia di rischio ed alla riallocazione a livello di singola entità / business unit. 19

20 Figura 10 Analisi capitale in eccesso E. Definizione del capitale in eccesso L identificazione della frontiera efficiente permette alla Compagnia di identificare i livelli di capitale da impiegare nei singoli business e verificare eventuali situazioni di eccesso di capitale. L identificazione del capitale in eccesso non può, però, essere solo un esercizio e-post risultante dal confronto tra capitale disponibile e capitale assorbito, ma Il posizionamento prospettico e gli obiettivi che portano alla definizione del capitale necessario, devono tenere conto delle necessità di avere un buffer di capitale che la Compagnia definisce e-ante per tutelarsi controo eventi estremi e per eventuali obiettivi di rating. Per ogni tipologia di Compagnia (in termini di business mi) e per ogni livello di rating, è possibile identificare i valori massimi, medi e minimi sia del capitale, economico o regolamentare, allocato ed assorbito dai diversi player, sia dei diversi livelli di rendimento atteso. Tale mapping deve essere effettuato attraverso un analisi dei valori storici dei player considerati e delle relative evoluzioni prospettiche, in modo da poter disegnare una strategia di intervento compatibile con i trend di mercato futuri. Sulla base del mapping di rischio-rendimento, rendimento, la Compagnia deve definire quale è il posizionamento prospettico ed obiettivo in termini di rischio-rendimentorendimento che vuole raggiungere. Tale obiettivo deve essere definito sulla base della propensione / avversione al rischio degli azionisti e del top management, oltre che sulla base della reale compatibilità rispetto all attuale business mi della Compagnia. 20

21 Altri Investment banking Asset Mgmt Banche Commerciali Player: 2 AV BC: 9 Ma BC: 12 AV ER: % Player: 3 AV BC: 10 Ma BC: 14 AV ER: % Player: 1 AV BC: 10 Ma BC: 15 AV ER: yy% Player: 2 AV BC: 10 Ma BC: 13 AV ER: % Player: 2 AV BC: 12 Ma BC: 18 AV ER: yy% Player: 1 AV BC: 12 Ma BC: 12 AV ER: % Player: 6 AV BC: 14 Player: 2 AV BC: 11 Ma BC: 13 AV ER: zz% Player: 2 AV BC: 16 Ma BC: 20 Ma BC: 22 AV ER: zz% AV ER: aa% Player: 3 AV BC: 14 Ma BC: 18 AV ER: zz% Player: 1 AV BC: 19 Ma BC: 19 AV ER: yy% Player: 1 AV BC: 15 Ma BC: 20 AV ER: aa% Player: 1 AV BC: 16 Ma BC: 25 AV ER: bb% Metriche mappate Buffer Capital (BC) - Media - Massimo - Minimo Rendimento atteso (ER) storico e prospettico (sia dal top managemen t che dal mercato) - Media - Massimo - Minimo BBB- BBB BBB+ A- A A+ AA- AA AA+ AAA MIN Investment grade Rating MAX i.e. Rating paese Figura 11 Definizione capitale in eccesso F. Definizione del posizionamento di Risk Appetite La definizione del posizionamento di Risk Appetite prevede la declinazione di valori obiettivo per i Key Performance Driver (in termini di variabili di rendimento, capitale regolamentare ed economico, ratio patrimoniali, ratio di redditività, rating, etc.) e per gli aspetti qualitativi (target rating, paesi su cui non investire, asset classes, etc.) scelti come rilevanti al fine della definizione del posizionamento di Risk Appetite. La definizione di tali obiettivi dovrà essere effettuata delineando: a livello complessivo, un business mi prospettico compatibile con gli obiettivi aggregati a livello Gruppo; per ogni Business Unit, un percorso di avvicinamento al business mi definito. Tali fasi di analisi sono implementate attraverso esercizi di simulazione prospettica (sulla base dei trend di rischio e rendimento del mercato e sulla base delle azioni di business azionabili) sui Key Performance Driver delle singole Business Unit e di successiva aggregazione nel portafoglio complessivo della Compagnia. In particolare sarà necessario, partendo dal profilo di rischio-rendimento as-is di ogni Business Unit, stimare quale sarebbe il rischio-rendimento secondo un profilo inerziale di mercato. Su questo portafoglio sarà necessario simulare interventi correttivi (disinvestimento su alcuni prodotti / classi di rating, sovra posizionamento su alcuni settori / aree geografiche, etc.) che possano facilitare l avvicinamento al business e risk mi complessivo. Infine l aggregazione dei valori di singola Business Unit e la stima del nuovo beneficio di diversificazione permette una stima bottom-up del profilo di rischio - rendimento. 21

22 Da tali esercizi sarà possibile disegnare molteplici soluzioni di business e risk mi compatibili con gli obiettivi aggregati a livello Compagnia, ma solo alcune di esse saranno compatibili anche con gli obiettivi di tipo qualitativo e saranno realisticamente perseguibili alla luce dell attuale composizione di portafoglio della Compagnia (c.d. percorso ottimale ). L identificazione del percorso ottimale permette di declinare il posizionamento di Risk Appetite in indirizzi gestionali ed operativi. Nel caso in cui nessun esercizio di simulazione porti alla definizione di un percorso ottimale, sarà necessario prendere in considerazione eventuali azioni straordinarie di de-risking o rivedere gli obiettivi complessivi. Successivamente alla definizione di tutte le metriche obiettivo, è possibile aggiornare il framework di Risk Appetite con i valori stimati a livello di singolo rischio e di singola Business Unit. Tale framework rappresenta il punto di partenza per la definizione dei processi operativi della Compagnia e lo strumento di confronto per le attività di monitoraggio e di early warning. Prima della definzione del Risk appetite Dopo la definzione del Risk appetite Domani Oggi Rilevanza del rischio Alta Media Bassa Non presente Figura 12 Definizione del posizionamento in termini di risk appetite C.1. Processo di approvazione ed attori coinvolti La definizione del Risk Appetite deve coinvolgere tutte le funzioni della Compagnia in modo da garantire la coerenza e la compatibilità degli obiettivi definiti con la complessiva struttura di business. 22

23 L approvazione del framework di Risk Appetite, in quanto processo di valenza strategica della Compagnia, deve essere effettuata dal Consiglio di Amministrazione, che ne garantisce la coerenza con la propensione al rischio e con gli obiettivi di rendimento degli azionisti. A titolo esemplificativo è possibile suddividere il processo di approvazione del Risk Appetite in tre macro fasi con differenti attori coinvolti: A. Definizione e quantificazione del Risk Appetite; B. Declinazione/conversione del Risk Appetite in limiti operativi; C. Approvazione finale. Sono stati identificati sei attori principali coinvolti nel processo di approvazione del framework di Risk Appetite: Consiglio di Amministrazione; Risk Management; Comitati; Finanza; Pianificazione; Business Unit: strutture di business (comprensive del Commerciale); Attuariato. Come già detto in precedenza, il coinvolgimento dei vari attori è necessario al fine di garantire il raggiungimento, in modo organico all interno della Compagnia, degli obiettivi definiti. Tuttavia, un ruolo chiave e guida nel processo di approvazione del Risk Appetite, spetta al Risk Management, sia per le tipologie di competenze necessarie, sia per il livello di indipendenza rispetto alle altre funzioni coinvolte che tale unit può assicurare. La definizione puntuale degli organi interessati deve essere fatta da ogni Compagnia in funzione della propria organizzazione di governance ed in proporzione alla complessità della propria realtà. A. Definizione e quantificazione del Risk Appetite Il processo di definizione e quantificazione del Risk Appetite (per i dettagli del quale si rimanda ai paragrafi precedenti), è coordinato dal Risk Management e prevede la partecipazione di Pianificazione/Finanza, con il supporto dell attuariato. In particolare il Risk Management con il supporto della funzione Pianificazione/Finanza integrerà i dati relativi al profilo di rendimento attuale e prospettico per ciascuna Business Unit, sia in ottica Solvency I che in ottica Solvency II. Il Risk Management procederà alla definizione e calcolo delle metriche del framework di Risk Appetite, oltre che a sviluppare una analisi di dettaglio del profilo di rischio / rendimento della compagnia assicurativa. Inoltre, il Risk Management, predisporrà una prima ipotesi di allocazione del capitale e definirà preliminarmente gli obiettivi qualitativi e quantitativi. Tale prima ipotesi di allocazione del capitale e di obiettivi, dovrà essere effettuata anche considerando simulazioni di stress test in modo da verificare la solidità della Compagnia in caso di eventi macroeconomici avversi. La proposta di allocazione del Risk Appetite sarà sottoposta ai Comitati ed al Consiglio di Amministrazione (o altro organo collegiale deputato all approvazione dei Piani Strategici) per la validazione. 23

24 Il Consiglio di Amministrazione, con il supporto delle funzioni di Risk Management e, ove necessario, della funzione Pianificazione/Finanza, analizza e valida le proposte di allocazione del Risk Appetite sottoponendole alle diverse Business Unit. Il Risk Management procederà alla definizione e calcolo delle metriche relative al framework di Risk Appetite, oltre che alla declinazione di raccomandazioni qualitative ed alla stima degli obiettivi quantitativi. B. Declinazione/conversione del Risk Appetite in limiti operativi Successivamente alla prima allocazione del Risk Appetite, le Business Unit ricoprono un ruolo chiave nel: analizzare ed eventualmente proporre modifiche, interfacciandosi con le funzioni centrali (in primis Risk Management), all allocazione effettuata; stimare i limiti di capitale per ogni rischio con un approccio bottom up. In tale attività le Business Unit dovranno garantire la compatibilità degli obiettivi definiti rispetto all effettivo profilo di rischio-rendimento dei differenti business, anche considerando la reale applicazione degli interventi definiti dal Risk Management e dalla Pianificazione/Finanza. Il capitale allocato rivisto ed i relativi limiti calcolati sono sottoposti al Risk Management che ne verifica la coerenza rispetto agli obiettivi aggregati ed al framework di Risk Appetite definito, ed infine lo sottopone all approvazione dei Comitati. C. Approvazione finale Il nuovo framework di Risk Appetite, condiviso con le Business Unit ed integrato con i limiti di capitale, viene sottoposto al Consiglio di Amministrazione (o altro organo collegiale deputato all approvazione dei Piani Strategici). La complessità del processo di approvazione e la numerosità degli attori coinvolti è giustificata dall importanza del framework di Risk Appetite: da una parte, infatti, la valenza strategica delle scelte prese rende necessario il coinvolgimento del Top Management della Compagnia, dall altra la diffusione della cultura del rischio è possibile solo attraverso il coinvolgimento delle strutture di Business. Si vuole sottolineare, al fine di garantire la massima efficacia del processo di definizione del Risk Appetite, la centralità che deve avere la funzione Risk Management su tutto il processo, dalle fasi più strategiche a quelle più operative, così da garantire il giusto legame tra approccio bottom-up ed approccio top-down. In alcune realtà, specialmente per quanto riguarda le Compagnie controllate da Capogruppo estere, il ruolo del Risk Management è percepito come quello di mero traduttore delle linee guida high level del Risk Appetite in linee guida operative. È evidente che con tale approccio le linee guida strategiche vengono definite senza considerare le peculiarità delle varie business unit, rendendo difficile, se non impossibile, la definizione di limiti operativi coerenti. 24

25 D. Il processo di declinazione del Risk Appetite in limiti operativi La declinazione del Risk Appetite nella gestione quotidiana del rischio avviene attraverso la definizione dei limiti operativi e gli indirizzi di pricing risk adjusted. I limiti e le indicazioni di pricing risk adjusted, vengono definiti ed aggiornati annualmente (fatto salvo revisioni straordinarie a fronte di eventi particolari). Nella Figura 13 si riporta lo schema logico di definizione dei limiti operativi declinato dal Risk Appetite con relative responsabilità e tempistiche. Da notare come, mentre il Risk Appetite è definito dal CdA; l allocazione del capitale economico viene approvata dal CdA su proposta di CRO e di CFO (inteso in senso lato comprendente anche la Pianificazione Strategica). La definizione della struttura dei limiti, invece, è di responsabilità del CRO con il supporto delle linee di business per la declinazione dei singoli limiti operativi. Framework Descrizione Risk Appetite Capitale Economico/ regolamentare Limiti Operativi Responsabilità Definito dagli shareholders Definito da CFO / CRO e approvato dal CdA Struttura generale definita dal CRO (inclusi stop loss e sistemi di warning) Risk Appetite Capitale economico/ regolamentare Singoli limiti operativi definiti dalle strutture operative con la supervisione del Risk Management Definire e modellizzare il Risk Appetite significa da una parte internalizzare il rischio nel processo decisionale Limiti operativi... dall altra, sviluppare il modello e stilare la reportistica a vari livelli Tempistica Descrizione Definizione ogni 3 anni Revisione Annuale Il Risk Appetite definisce la posizione / tolleranza al rischio generale di un istituto per il raggiungimento di determinati livelli di profitto Definizione annuale Capitale utilizzato per la gestione del business, tenuto conto delle perdite attese derivanti dalle attività intraprese Dovrebbe essere minore della massima perdita consentita dal Risk Appetite Dovrebbe essere quantificato come massima perdita sostenibile dalla compagnia nel raggiungimento degli obiettivi Figura 13 Struttura logica per la declinazione del Risk Appetite in limiti operativi Definizione annuale in funzione del capitale allocato Limiti operativi definiti per i vari business e ruolo dei decisionmaker La somma di tutte le perdite massime dovrebbe essere minore della somma del capitale economico allocato ai relativi business Al fine di definire e declinare i limiti operativi, è fondamentale in primis identificare le macro-famiglie di rischi e definire come queste possano essere declinate nei rispettivi limiti; in particolare si sono identificati i: Rischi tecnici / Underwriting risk: Vita Danni Salute 25

26 Rischi finanziari: Mercato Credito Liquidità Altri rischi: Operativo Reputazionale La definizione delle categorie omogenee di limiti tiene conto delle tipologie di rischi e delle aree di attività con l obiettivo di governare attraverso una visione di sintesi le famiglie di rischio e di avere a disposizione leve gestionali di intervento per le differenti business unit. La definizione dei limiti operativi, per le macro famiglie di rischi tecnici / underwriting e finanziari, avviene tramite predisposizione ed emanazione di specifiche policy, che, oltre a guidare la strutturazione ed il pricing dei prodotti (definizione delle caratteristiche tecniche) ispirandosi / derivando dal Risk Appetite definito dal CdA, traducono in norme e limiti operativi le attività delle relative business unit. Per quanto riguarda invece la gestione degli altri rischi (non direttamente riferibili a singole business unit), tipicamente la definizione di limiti operativi viene sostituita da un monitoraggio e quantificazione continuativa da parte del Risk Management degli eventi di rischio e dalla attivazione di azioni correttive al manifestarsi / ripetersi di eventi anomali. D.1. Conversione del Risk Appetite in limiti operativi di Underwriting Risk: un esempio per una compagnia internazionale danni La definizione dei limiti operativi, come espresso in precedenza, è l ultimo anello di una catena di trasmissione che partendo dalla definizione e quantificazione del Risk Appetite, porta all allocazione del capitale; i limiti sono la leva operativa per l attuazione dell allocazione del capitale. La definizione dei limiti operativi e la loro attuazione, per quanto riguarda i rischi di underwriting, avviene attraverso la declinazione di una serie di documenti / normative interne (nella Figura 14 l illustrazione del loro utilizzo), che possono essere classificati in: Underwriting philosophy, che tipicamente: definiscono la macro linee guida in materia assuntiva non contengono dati / variabili quantitativi descrivono le modalità comportamentali in riferimento a macro tematiche (quale pricing utilizzare, come utilizzare i livelli di authorities, etc.) Underwriting policy, che tipicamente: definiscono le regole in materia assuntiva sono dettagliate per gruppi di prodotto e canale includono tabelle quantitative con la definizione dei limiti di rischio Underwriting authorities, che tipicamente: 26

27 definiscono le deleghe operative in materia di assunzione dei rischi, riferite non solo alle risorse appartenenti alla funzione assuntiva ma a tutte le risorse aziendali (ed esterne, quali gli intermediari) aventi poteri assuntivi; le deleghe sono tradotte in termini di: tipologia / dimensione del cliente massimale rischi coperti sono dettagliate per gruppi di prodotto Portfolio strategies, che tipicamente: definiscono le modalità e le logiche di monitoraggio del portafoglio, e le regole di attivazione delle azioni correttive vengono realizzate / aggiornate in sede di Comitato Prodotti, su cadenza trimestrale / semestrale sono dettagliate per gruppi di prodotto underwriting procedures, che tipicamente: contengono la mappa dei processi con la definizione delle attività, delle risorse coinvolte, dei sistemi utilizzati / a supporto, etc. Relativamente alle underwriting policy nelle quali sono definiti i limiti di rischio, in particolare sono dettagliati i: criteri assuntivi per gruppo di prodotti: rischi assumibili e non (risk appetite) limiti assumibili (e refferral) modelli di Pricing per gruppo di prodotto sconti sistema di Referral e authorities per gruppo di prodotto processi di Revisione e controllo del Portafoglio identificazione polizze multi sinistrate riforma processo di reporting ed analisi redditività (controlling attuariale) processo (fasi) di UW processi di approvazione, revisione e controllo del portafogloi KPIs riassicurazione processo controllo cumulo processo sconti (autorizzazione) 27

28 Figura 14 Utilizzo dei documenti / normative interne L utilizzo di policy che riguardino anche le caratteristiche dei prodotti permette di gestire operativamente l assunzione di rischio da parte della compagnia in termini di ammontare e di tipologia. Il grado di enforcement di tali policy rende tale processo di gestione più o meno stringente. Infine, tema chiave per la gestione operativa dei rischi è rappresentato dalla riassicurazione, quale strumento di copertura delle concentrazioni dei rischi: da attivarsi con logica centralizzata per massimizzarne l efficacia ed incorporare tutti i benefici / vincoli di capitale; quindi accentrando con logica di transfer pricing tutti i rischi assicurativi ad una business unit dedicata in grado di attivare la ri-allocazione dei rischi (sia internamente sia esternamente al Gruppo) attraverso la riassicurazione sull intero portafoglio massimizzandone i benefici in termini di capitale ed in linea con gli obiettivi di risk appetite. 28

29 Figura 15 Gestione dei rischi in ottica di portafoglio D.2. Conversione del Risk Appetite in limiti operativi di Rischi Finanziari: un esempio di applicazione metodologica Con il Regolamento ISVAP N.36, approvato il 31 Gennaio 2011, il Regolatore definisce un insieme coerente e coordinato di linee guida in materia di governo dei rischi finanziari. Il contenuto normativo del de Regolamento si concentra su due elementi chiave della gestione dei rischi finanziari delle Compagnie, prevedendo: - l adozione di una policy formale degli investimenti - la messa a punto e l attivazione di un sistema di controlli interni sulla gestione dei rischi sugli investimenti, atto a garantire il continuo rispetto della policy nello svolgimento delle attività operative. operative Con questi contenuti il Regolamento 36 ha dato un forte impulso per il passaggio a logiche evolute di gestione dei rischi in ottica Solvency II che passino attraverso u una consapevole definizione del proprio appetito per il rischio, l allocazione del capitale ai rischi finanziari in funzione del ritorno atteso e la conseguente articolazione in limiti operativi da monitorare in maniera attiva. In particolare la declinazione declinazion in limiti operativi avviene attraverso la definizione, in coerenza con la tolleranza per il rischio definita dalla Compagnia, di: - Limiti di VaR (di mercato e di credito): in % sul valore complessivo del portafoglio e calcolato secondo un predefinito holding period ed intervallo di confidenza 29

30 riconciliati con il requisito di capitale - Limiti di asset allocation - Limiti di concentrazione: ammontare complessivo delle emissioni - Limiti di concentrazione: ammontare massimo singolo emittente - Limiti di concentrazione rischio paese - Limiti di concentrazione settore industriale - Limiti di stop loss, definibili come sommatoria del saldo di plusvalenze e minusvalenze latenti, generato dalla data di presa in carico di ogni singola posizione: in % sul Patrimonio di Vigilanza in % sul controvalore di carico del portafoglio in % sul controvalore di carico della singola esposizione - Limiti di rischio di tasso: shift sensitivity pari a milioni di Euro (applicazione di un movimento parallelo dei tassi pari a + y bps). l utilizzo del limite è generato dalle posizioni di investimento, tesoreria e raccolta premi. E. Il pricing Risk Adjusted Con Solvency II e con la definizione del Risk Appetite, anche il processo e le tecniche di definizione del prezzo, vengono influenzate e devono essere riviste. È necessario rivedere la struttura di pricing, solo parzialmente collegata su componenti non legate alla performance aggiustata per il rischio atteso ed inatteso, per includere la valutazione del costo del rischio in coerenza con le definizioni, o quantomeno le classificazioni di Solvency II. In particolare, il prezzo di equilibrio di ogni prodotto, è funzione di: - costo dei rischi assicurativi - costo dei rischi finanziari e di credito - costo dei rischi operativi - spese amministrative - fiscalità La definizione del Risk Appetite, in quest ottica, assume un ruolo chiave in fase di profit testing durante lo sviluppo di nuovi prodotti, nella quantificazione dei parametri di prezzo, affinché sia garantita la coerenza con la funzione obiettivo di profilo rischio-rendimento complessivo e target. 30

31 F. Processo di monitoraggio del Risk Appetite L attività di monitoraggio del framework di Risk Appetite deve essere finalizzata all analisi dei trend di rischio-rendimento della Compagnia ed all individuazione delle eventuali criticità, al fine di mettere in atto le opportune azioni correttive. Pertanto il processo di monitoraggio deve essere strutturato sviluppando: - un sistema di reporting con metriche coerenti con il framework di Risk Appetite; - un sistema di early warning efficace. F.1. Sistema di reporting, metriche e strumenti per il monitoraggio Il sistema di reporting deve essere disegnato ed implementato con l obiettivo di fornire strumenti utili all identificazione di eventuali azioni correttive nei trend di rischio-rendimento. Per questo motivo risulta particolarmente rilevante l efficacia comunicativa e la facilità di utilizzo degli strumenti definiti. Approfondimento metodologico monitoraggio dinamiche di rischio e capitale L attività di Reporting non è un semplice esercizio operativo, ma deve essere vista come un elemento chiave nel processo di decision making strategico circa Rischio e Capitale Di particolare importanza è la semplificazione e l efficacia comunicativa del sistema di Reporting, individuando le informazioni più appropriate per ciascun destinatario Idealmente nei report devono essere usate metriche diverse, graduabili ed integrate, che coprono il capitale sia economico che regolamentare Deve inoltre esservi la possibilità di effettuare drilldown per tipo di rischio/ area di business......al fine di produrre un Report per il top management il più completo e dettagliato possibile Tipologia di report View aggregata / strategica Strategico Destinatari CEO, CDA Comitati Principali contenuti Assorbimenti di capitale e requirements a livello consolidato e per macro-strutture (business units / società) Frequenza Dimensione Trimestrale / Mensile ma 10 pagine Trimestrale / Mensile pagine Mensile / Settimanale / Giornaliero (in funzione della tipologia di rischio) pagine Per ogni tipologia di rischio, dettagli sui principali KPI e sulla loro evoluzione Sintesi dei limiti Gestionale Resp Business Assorbimenti di capitale e requirements Units / Società a livello consolidato e per macrostrutture (business units / società) con dettagli specifici per: tipologia di rischio tipologia di business strutture (divisioni, business area, etc.) Operativo CROs CFOs CLOs Dettagli sui rischi e relativi drivers con drill down per: singola struttura tipologia di rischio dettalglio di sotto-rischi (es. counterparty risk) Monitoraggio dei limiti View di dettaglio / operativa AUM evolution Definizione di azioni operative (es. in termini di azioni correttive per ri-entrare da sforamenti dei limiti) Asset allocation benchmark Linee guida manageriali IAS Benchmarking Asset allocation inizio periodo 100% = ca. 21 Mni 4% Linee guida gestione 2006 Mantenimento profilo a bassa duration con: 21% Asset allocation fine periodo Leggero incremento pes o equity s empre nell ambito di titoli ad elevata liquidità bassa conc entraz ione su singola azione peso rilevante di titoli strutturati con rendimento cedolare elevato nel breve 26% leggero incremento del tass o fiss o 21% peso elevato tas so variabile 100% = ca. 23 Mni 6% Azionario 22% Ob b lig azionario: Strutturati 29% Tass o fiss o 28% 22% Riduzione peso componente monetaria a fronte di minore liquidità necess aria per operazioni straordinarie Tass o variabile Pesi al 31/12/2006 Previsioni di mercato Risultati economici 20% Monetario Pesi al 31/12/2006 Posizionamento su tasso variabile e monetario per attese rialzo tassi Mantenimento quota rilevante titoli strutturati per garantire nel breve un elevato rendimento cedolare Linee guida sugli investimeni Scenario Scenario Macroeconomico Macroeconomico Probabile consolidamento del trend di crescita dell economia europea e stabilizzazione di quella statunitense Tassi di inflazione previsti stabili Prevista diminuzione generalizzata dei tassi di disoccupazione Asset allocation target Prospettive Prospettive per il 2007 Per l Area Euro previsti tassi a breve in crescita verso il 4%, con curva sostanzialmente piatta (rendimenti a lungo lievemente superiori a quelli a breve) In riferimento al Dollaro USA, possibile un lieve ridimensionamento dei tassi, in particolare per la parte a lungo della curva Possibile proseguimento dell andamento positivo dei mercati azionari che ha caratterizzato il 2006; migliori performance possibili su Area Euro Linee guida guida di investimento investimento Riduzione a fronte di opportunità di mercato del peso delle obbligazioni strutturate per acquisire maggiore flessibilità gestionale Maggiore attenzione verso una gestione che allinei la struttura temporale degli attivi con quella dei passivi Incremento della componente a tasso fisso, successivamente all aumento dei tassi di interesse Graduale incremento della componente azionaria 31

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Milano, 10 07 2013 1. Che cosa è il Risk Appetite? 2. Il processo di Risk Appetite

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

Relazioni ed interdipendenze tra RAF, ICAAP e Pianificazione Strategica. Rossano Giuppa

Relazioni ed interdipendenze tra RAF, ICAAP e Pianificazione Strategica. Rossano Giuppa Relazioni ed interdipendenze tra RAF, ICAAP e Pianificazione Strategica Rossano Giuppa 9 aprile 2015 Giornata di Alto Aggiornamento UNIONE EUROPEA E BASILEA 3 Nuova Vigilanza Europea Le lezioni gestionali

Dettagli

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale : il processo di controllo prudenziale! Il processo di controllo prudenziale (Supervisory Review Process SRP) si articola in due fasi integrate! La prima è rappresentata dal processo interno di determinazione

Dettagli

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA 1 IL PIANO INDUSTRIALE STRUMENTO DI GOVERNO DELLA STRATEGIA AZIENDALE ORIZZONTE PLURIENNALE OBIETTIVI STRUTTURA E CONTENUTI MODALITA DI COSTRUZIONE E DI LETTURA 2 1 PIANO

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE Bibliografia: Capitolo 6 di Pianificazione Finanziaria Guida al Piano Industriale di Borsa Italiana S.p.a. Piano finanziario e Piano industriale Cap. 4 Obiettivi Piano

Dettagli

Comitato Solvency II Stato dell arte del progetto Solvency II per le assicurazioni vita e danni

Comitato Solvency II Stato dell arte del progetto Solvency II per le assicurazioni vita e danni Comitato Solvency II Stato dell arte del progetto Solvency II per le assicurazioni vita e danni Francesco Cuzzucrea Salvatore Forte Roma, 6 giugno 2013 Agenda Il Comitato Solvency II dell ONA La Funzione

Dettagli

NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013

NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013 NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013 E stato introdotto nell ordinamento di vigilanza italiano il concetto di risk appetite framework (RAF). E contenuto nella

Dettagli

Solvency II The implementation phase:

Solvency II The implementation phase: Analisi L informativa dei risultati verso della l esterno survey Rapporto di Ricerca Solvency II The implementation phase: Analisi dei risultati della survey AUTORI: Chiara Frigerio Federico Rajola Francesca

Dettagli

Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza

Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza Milano, 24 Maggio 2012 Stefano Pasqualini DAL REGOLAMENTO 20 DELL ISVAP A SOLVENCY II SOLVENCY II: PILLAR 2 LA VIGILANZA IN SOLVENCY II CONCLUSIONI

Dettagli

Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE

Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE MILANO 28/03 / 2015 Indice 1. Solvency 2 2. Data quality 3. Riassicurazione 4. Modello interno

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso EurizonVita, EurizonLife,

Dettagli

Osservatorio Solvency II

Osservatorio Solvency II Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio Solvency II Operational Transformation Risk & capital management Prof.ssa Simona Cosma 02.02.201 Agenda Il Framework di riferimento Obiettivi dell indagine

Dettagli

ORDINE DEGLI ATTUARI

ORDINE DEGLI ATTUARI La principali attività della Funzione Attuariale: la contribuzione all applicazione del sistema di gestione dei rischi ed al calcolo dei requisiti patrimoniali Salvatore Forte Roma, 1 luglio 2014 Agenda

Dettagli

Orientare una compagnia di assicurazioni alla creazione di valore economico

Orientare una compagnia di assicurazioni alla creazione di valore economico Orientare una compagnia di assicurazioni alla creazione di valore economico This report is solely for the use of client personnel. No part of it may be circulated, quoted, or reproduced for distribution

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

REG. IVASS 39 Le politiche di remunerazione delle imprese di assicurazione. Modello operativo di verifica

REG. IVASS 39 Le politiche di remunerazione delle imprese di assicurazione. Modello operativo di verifica 14 ottobre 2013 REG. IVASS 39 Le politiche di remunerazione delle imprese di assicurazione Modello operativo di verifica MARCO CHIESA 1 GLI OBIETTIVI DEL MODELLO PREMESSA Negli ultimi anni i più eclatanti

Dettagli

IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO

IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura Economica IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO ALESSANDRO BIANCHI 20 Novembre 2014 Indice Introduzione: cosa intendiamo

Dettagli

Milliman ALM Per Fondi Pensione

Milliman ALM Per Fondi Pensione Entro il prossimo 31 dicembre 2013, anche le forme pensionistiche iscritte all Albo COVIP aventi numero di iscritti compreso tra le 100 e 1000 unità saranno obbligate ad adeguarsi a quanto disposto da

Dettagli

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso EurizonVita, EurizonLife, SudPoloVita e CentroVita)

Dettagli

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Paolo Palliola Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.a. Roma, 28 giugno 2013 Agenda Cosa ci ha portato di nuovo Basilea

Dettagli

Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP)

Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP) Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP) Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 06/12/2013 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

RISK MANAGEMENT ALCUNE CONSIDERAZIONI. Piatti --- Corso Rischi Bancari: risk management 1

RISK MANAGEMENT ALCUNE CONSIDERAZIONI. Piatti --- Corso Rischi Bancari: risk management 1 RISK MANAGEMENT ALCUNE CONSIDERAZIONI Piatti --- Corso Rischi Bancari: risk management 1 RISK MANAGEMENT Metodologie, processi per: a) misurare e controllare i rischi b) gestire il modo efficiente il capitale

Dettagli

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012 ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo Via del Quirinale, 21 00187 Roma Roma, 15 giugno 2012 Commenti dell associazione Chief Risk Officer Forum Italia (CROFI)

Dettagli

Basilea 3 2012 Rischio operativo Convegno annuale DIPO

Basilea 3 2012 Rischio operativo Convegno annuale DIPO Basilea 3 2012 Rischio operativo Convegno annuale DIPO Solvency II: le nuove regole sul rischio operativo per le imprese di assicurazione Roma, 27 giugno 2012 Lucilla Caterini Grossi Indice v Solvency

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI VALUTAZIONE AZIENDALE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE PER I GRUPPI DI SIM

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI VALUTAZIONE AZIENDALE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE PER I GRUPPI DI SIM INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI VALUTAZIONE AZIENDALE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE PER I GRUPPI DI SIM (Circolare Banca d Italia n.285 del 17 dicembre 2013, Titolo

Dettagli

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche ROBERTO RIZZO 21 NOVEMBRE 2014 MILANO Agenda Premessa

Dettagli

Osservatorio Solvency II Operational Transformation

Osservatorio Solvency II Operational Transformation Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio Solvency II Operational Transformation Comply or Explain La Road Map verso Solvency II in Italia Maria Alejandra Guglielmetti 30.01.2014 Comply or Explain?

Dettagli

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo...

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... Esame e analisi critica di un business plan Premessa... 1 Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3 Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... 3 Analisi di

Dettagli

Osservatorio Solvency II Operational Transformation

Osservatorio Solvency II Operational Transformation Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio Solvency II Operational Transformation Risultati Tavolo Pianificazione Strategica e Risk Reporting Andrea Scribano 02.02.2015 Il contesto di riferimento

Dettagli

L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione

L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione Contenuti 1. Asset liability management: il contesto e le evoluzioni 2. L approccio di Generali

Dettagli

Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena

Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena Le imprese europee risulteranno più colpite delle imprese statunitensi? Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena Da Basilea II a Basilea III Basilea II

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Il modello di business divisionalizzato delle banche e la contestuale

Dettagli

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,(

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,( 3,1,),=,21((21752//2, *(67,21(,0377,25*1,==7,9,( 68//(5,6256(801( 7HVWLPRQLDQ]DGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGD *=DQRQL 0LODQRJLXJQR Struttura del Gruppo Banca Lombarda 6WUXWWXUDGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGDH3LHPRQWHVH

Dettagli

ASSICURAZIONI GENERALI. Il sistema della gestione dei rischi. Conferenza Governare i rischi per crescere nell economia globale

ASSICURAZIONI GENERALI. Il sistema della gestione dei rischi. Conferenza Governare i rischi per crescere nell economia globale ASSICURAZIONI GENERALI Il sistema della gestione dei rischi Conferenza Governare i rischi per crescere nell economia globale - ROMA, 10 giugno 2008 - INDICE Il modello ERM di Generali e punti di interazione

Dettagli

Portfolio Lab Investments. Company Presentation. Sintesi dell attività e dei servizi erogati

Portfolio Lab Investments. Company Presentation. Sintesi dell attività e dei servizi erogati Portfolio Lab Investments Company Presentation Sintesi dell attività e dei servizi erogati 25/06/2012 La società Portfolio Lab Investments è un advisor indipendente nel settore dell asset management, specializzato

Dettagli

Solvency II Operational Trasformation. Evidenze sull area Commerciale e Comunicazione 19 Gennaio 2012 1

Solvency II Operational Trasformation. Evidenze sull area Commerciale e Comunicazione 19 Gennaio 2012 1 Solvency II Operational Trasformation Evidenze sull area 19 Gennaio 2012 1 Agenda Modello di analisi adottato Modello dei processi standard area Impatti Solvency II sull area Modello di riferimento a tendere

Dettagli

Il risk management quale strumento di controllo interno

Il risk management quale strumento di controllo interno Il risk management quale strumento di controllo interno Corso Modelli d'impresa e corporate governance Università degli Studi di Verona, Facoltà di Economia Verona, 1 Agenda Corporate governance nelle

Dettagli

CRIF RATING METHODOLOGY. Emittenti Corporate. Febbraio 2014. Emittenti Corporate. È vietata la riproduzione. Pag. 1 di 11 CRIF Rating Methodology

CRIF RATING METHODOLOGY. Emittenti Corporate. Febbraio 2014. Emittenti Corporate. È vietata la riproduzione. Pag. 1 di 11 CRIF Rating Methodology CRIF RATING METHODOLOGY Febbraio 2014 È vietata la riproduzione. Pag. 1 di 11 Sommario 1 IL RATING CRIF: DEFINIZIONI... 3 2 SCALA DI RATING... 6 3 IL PROCESSO DI ATTRIBUZIONE DEL RATING... 7 4 METODOLOGIA

Dettagli

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 Informativa al pubblico sui requisiti patrimoniali individuali al 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 INFORMATIVA

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive

Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive Il modello di sistema dei controlli interni per il Credito Cooperativo Giuseppe Zaghini, Rischi e Controlli - Ufficio

Dettagli

Assicura: Convegno Solvency II Enterprise Risk Management, il caso UGF. Milano, 29 aprile 2009

Assicura: Convegno Solvency II Enterprise Risk Management, il caso UGF. Milano, 29 aprile 2009 Assicura: Convegno Solvency II Enterprise, il caso UGF Milano, 29 aprile 2009 Tassonomia e perimetro dei rischi nel Gruppo UGF Tipologia RISCHIO UGF Compagnie Banca SGR 1.3x 1.7x 580 1.300 26.2% UGF BANCA

Dettagli

Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it

Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it Risk management, gestione del capitale e controlli interni Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it Agenda 1. INTRODUZIONE 2. PRINCIPALI TIPOLOGIE DI RISCHIO 2.1 Il Rischio di Credito

Dettagli

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager Chief Risk Officer La nuova agenda degli impegni per il risk manager Corrado Meglio Vice Presidente AIFIRM Responsabile Risk Management Banca di Credito Popolare Steering Committee PRMIA Italy 1 Le banche

Dettagli

Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo

Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo Roma, 27 giugno 2012 Tullio Lucca Head of Risk Integration & Capital Adequacy Agenda Pillar II

Dettagli

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa Piano Industriale Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti Guida Operativa Indice 1. Premessa 2. Le componenti del Piano Industriale 3. La strategia realizzata 4. Le intenzioni strategiche

Dettagli

IL RISCHIO DI RISERVAZIONE IN OTTICA SOLVENCY II: MODELLI E STRATEGIE

IL RISCHIO DI RISERVAZIONE IN OTTICA SOLVENCY II: MODELLI E STRATEGIE Crenca & Associati IL RISCHIO DI RISERVAZIONE IN OTTICA SOLVENCY II: MODELLI E STRATEGIE Ufficio Studi Aprile 2008 SISTEMA INTEGRATO DI VALUTAZIONE DELLA COMPAGNIA AL FAIR VALUE Tecniche VaR Analisi della

Dettagli

RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA

RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA ALLEGATO RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA Premessa. Le risposte alle domande

Dettagli

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni. Iris Pennisi Federcasse

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni. Iris Pennisi Federcasse Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni Roma, 9 aprile 205 Iris Pennisi Federcasse Una premessa di metodo: «trasformare un vincolo

Dettagli

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management. Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management. Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide 9 Aprile 2015 Agenda 1. Premessa: Il ruolo della Corporate Governance

Dettagli

Risk Management. Il nuovo paradigma per fare banca. Direzione Risk Management. Direzione Risk Management. Francesco Mazza.

Risk Management. Il nuovo paradigma per fare banca. Direzione Risk Management. Direzione Risk Management. Francesco Mazza. Risk Management Il nuovo paradigma per fare banca Direzione Risk Management Direzione Risk Management 1 AGENDA I Rischi: cosa sono, quali sono, come si gestiscono La misurazione dei rischi: dall aritmetica

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

CONSULENZA AVANZATA Obiettivi e evoluzione del modello organizzativo. Convegno Sec - 22 ottobre 2010

CONSULENZA AVANZATA Obiettivi e evoluzione del modello organizzativo. Convegno Sec - 22 ottobre 2010 CONSULENZA AVANZATA Convegno Sec - 22 ottobre 2010 - Indice - - Premessa e benchmark di mercato - Come cambia il modello di relazione con il cliente - Come cambia il raccordo tra direzioni centrali e rete

Dettagli

POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI PARTECIPAZIONI IN IMPRESE NON FINANZIARIE E DI CLASSIFICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI INDIRETTI IN EQUITY

POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI PARTECIPAZIONI IN IMPRESE NON FINANZIARIE E DI CLASSIFICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI INDIRETTI IN EQUITY POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI PARTECIPAZIONI IN IMPRESE NON FINANZIARIE E DI CLASSIFICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI INDIRETTI IN EQUITY Delibera C.d.A. n. 26 del 28 giugno 2012 1 Sommario 1. Premessa...

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL GOVERNO DEL CREDITO DI GRUPPO

LINEE GUIDA PER IL GOVERNO DEL CREDITO DI GRUPPO LINEE GUIDA PER IL GOVERNO DEL CREDITO DI GRUPPO Normativa attinente ad aree sensibili relative al D.Lgs. 231/01 Area di Rischio: Reati contro la Pubblica Amministrazione Protocolli: Stipula dei rapporti

Dettagli

Private Wealth Management

Private Wealth Management Private Wealth Management 1 I team Gruppo Fideuram dedicati alla clientela Private 2 Risk Management Key Clients Gestioni Private Private Banker Le migliori professionalità del Gruppo Fideuram si uniscono

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE Docente: Prof. Massimo Mariani SOMMARIO La creazione del valore Che cos è la finanza aziendale Obiettivi degli stakeholders Massimizzazione del valore Massimizzazione

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Relatori. Dott.ssa Donatella Cajano. Dott. Paolo Pepe. Dott. Enrico Ales. Tel 06.45.48.10.63

Relatori. Dott.ssa Donatella Cajano. Dott. Paolo Pepe. Dott. Enrico Ales. Tel 06.45.48.10.63 Relatori Dott.ssa Donatella Cajano Dott. Paolo Pepe Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only S.r.l. Tel 06.45.48.10.63 1 Analisi & Mercati Fee Only s.r.l. è una società di consulenza finanziaria indipendente

Dettagli

REGOLAMENTO per la gestione del Patrimonio dell ENPAP

REGOLAMENTO per la gestione del Patrimonio dell ENPAP REGOLAMENTO per la gestione del Patrimonio dell ENPAP INDICE 1. Premesse e riferimenti normativi 2. Contenuti generali 3. Obiettivi della gestione del patrimonio 4. Criteri di attuazione del processo di

Dettagli

Comitato Tecnico Assofondipensione. 4 giugno 2012

Comitato Tecnico Assofondipensione. 4 giugno 2012 Comitato Tecnico Assofondipensione «Disposizioni sulla politica di investimento» 4 giugno 2012 1 Gestione finanziaria nei fondi pensione Normativa e modello operativo ante Deliberazione Covip 16/03/2012;

Dettagli

L auto-valutazione dell ICAAP alla prova dei fatti: dalla teoria alla pratica

L auto-valutazione dell ICAAP alla prova dei fatti: dalla teoria alla pratica L auto-valutazione dell ICAAP alla prova dei fatti: dalla teoria alla pratica Fabio Salis Roma, 4 Giugno 2009 Agenda Cosa vi avevamo raccontato... Le funzioni aziendali coinvolte nel processo ICAAP Il

Dettagli

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 Agenda Il contesto di mercato La centralità del Pricing Come sfruttare le potenzialità

Dettagli

Risk Governance e Obiettivi Strategici d Impresa: Punti di attenzione per il Comitato Controllo e Rischi a supporto del CdA

Risk Governance e Obiettivi Strategici d Impresa: Punti di attenzione per il Comitato Controllo e Rischi a supporto del CdA Risk Governance e Obiettivi Strategici d Impresa: Punti di attenzione per il Comitato Controllo e Rischi a supporto del CdA (Con riferimenti ai business case di Autogrill, Barilla, Eni, Luxottica, Pirelli)

Dettagli

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Indice Prefazione Autori XI XV Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Capitolo 1 Compiti ed evoluzione della funzione finanziaria 3 1.1 Compiti e finalità della funzione finanziaria

Dettagli

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 114 2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 2.2.7.1 Gerarchia del fair value 2. Bilancio consolidato Le tabelle di seguito forniscono una ripartizione delle attività e passività per

Dettagli

Il Regolamento si compone di 41 articoli, suddivisi in nove capi.

Il Regolamento si compone di 41 articoli, suddivisi in nove capi. RELAZIONE REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE, AI

Dettagli

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

HYPO ALPE-ADRIA-BANK

HYPO ALPE-ADRIA-BANK HYPO ALPE-ADRIA-BANK INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo pilastro di Basilea 3 Al 31 dicembre 2014 (Circ. n. 285 del 17 dicembre 2013) 1 Informativa al pubblico Dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A.

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. (APPROVATE DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA SOCIETÀ NELLA RIUNIONE DEL 10 MAGGIO 2012) TOD S S.P.A.

Dettagli

BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO

BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO 2009 Sommario 3 PREMESSA 4 INTRODUZIONE 4 1. Obiettivi 4 2. Articolazione del documento 6 1. REQUISITO INFORMATIVO GENERALE 6 1.1. Il sistema dei controlli

Dettagli

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012 ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012 Punto 5) Politiche di remunerazione e di incentivazione. All art. 18 4 comma, lo Statuto prevede che l Assemblea Ordinaria approvi, secondo i criteri previsti dalle

Dettagli

TAVOLE PER L INFORMATIVA AL PUBBLICO DEL PROCESSO ICAAP

TAVOLE PER L INFORMATIVA AL PUBBLICO DEL PROCESSO ICAAP TAVOLE PER L INFORMATIVA AL PUBBLICO DEL PROCESSO ICAAP Ai sensi del Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM del 24 ottobre 2007, Giotto SIM ha prodotto apposito

Dettagli

120 UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO

120 UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO 120 UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO 5.11 Risk Report Il Risk Report intende fornire le informazioni integrative e di supporto per permettere agli stakeholders di effettuare una valutazione della situazione patrimoniale

Dettagli

In momenti di incertezza e di instabilità

In momenti di incertezza e di instabilità LA GESTIONE DELLA TESORERIA ALLA LUCE DELLA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI In momenti di incertezza e di instabilità finanziaria il governo dei flussi di tesoreria assume una notevole importanza all interno

Dettagli

L asset più importante, l investimento più remunerativo? La governance, è tempo di investire nel «governance budget»

L asset più importante, l investimento più remunerativo? La governance, è tempo di investire nel «governance budget» Authorized and regulated by the Financial Services Authority L asset più importante, l investimento più remunerativo? La governance, è tempo di investire nel «governance budget» Il processo di investimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT http://www.sinedi.com ARTICOLO 8 GENNAIO 2007 I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT In uno scenario caratterizzato da una crescente competitività internazionale si avverte sempre di più la necessità di una

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

Uno sguardo al mondo esterno

Uno sguardo al mondo esterno Uno sguardo al mondo esterno Gerardo Rescigno 2009 2 In quale contesto ci stiamo muovendo Riduzione della redditività delle Banche e forte orientamento alla selettività Debolezza dell economia domestica

Dettagli

Documento sulla politica di investimento

Documento sulla politica di investimento CBA PREVIDENZA PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 5001 Documento sulla politica di investimento (approvato dal Consiglio

Dettagli

RECEPIRE LE INTERIM MEASURES SOLVENCY 2

RECEPIRE LE INTERIM MEASURES SOLVENCY 2 Change management dei sistemi di corporate e risk governance e degli assetti organizzativi e di controllo White Paper 2014 INDICE PREMESSA... 3 UN NUOVO FRAMEWORK DI RISK & CORPORATE GOVERNANCE... 4 IL

Dettagli

GLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE

GLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE GLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE Roma, 18 ottobre 2013 Prof. Claudio Cacciamani Università degli Studi di Parma claudio.cacciamani@unipr.it Un inquadramento delle compagnie

Dettagli

COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE

COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE Roma, 1 febbraio 2008 COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE Con riferimento al Documento in oggetto, posto in

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

Corso Specialistico. Come comunicare i dati economici/finanziari in compliance a SOLVENCY 2

Corso Specialistico. Come comunicare i dati economici/finanziari in compliance a SOLVENCY 2 B Corso Specialistico Come comunicare i dati economici/finanziari in compliance a SOLVENCY 2 approccio secondo la valutazione prospettiva dei rischi (FLAOR) Milano, 28-29 Ottobre 2014 Obiettivi Le recenti

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

Investire in periodi di Financial Repression

Investire in periodi di Financial Repression 6 Smart Risk Update III/2013 Investire in periodi di Financial Repression L attuale contesto di bassi tassi d interesse spinge gli investitori ad intraprendere soluzioni di investimento innovative. Con

Dettagli

ADEGUATEZZA PATRIMONIALE Informativa al pubblico Maggio 2015

ADEGUATEZZA PATRIMONIALE Informativa al pubblico Maggio 2015 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE Informativa al pubblico Maggio 2015 1/75 SOMMARIO 1 - OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO (ART. 435 CRR)... 4 1.1 INTRODUZIONE... 4 1.2 RISCHIO DI CREDITO E CONTROPARTE...

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle famiglie 2007 Sessione Parallela A2 L efficienza nel credito

Dettagli

Le implicazioni strategiche, gestionali e organizzative degli IFRS

Le implicazioni strategiche, gestionali e organizzative degli IFRS Fondo Interbancario di tutela dei depositi L introduzione degli International Financial Reporting Standards Le implicazioni strategiche, gestionali e organizzative degli IFRS claudio patalano Milano, 27

Dettagli

Fattori di rischio e incertezza

Fattori di rischio e incertezza Fattori di rischio e incertezza 39 PREMESSA Nel 2014 la controllante Snam S.p.A. ha istituito, alle dirette dipendenze dell Amministratore Delegato, l unità Enterprise Risk Management (ERM), al fine di

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

Regolamento degli Organi Aziendali, delle Funzioni di Controllo e Dei Flussi Informativi. Data approvazione CDA 23 gennaio 2015

Regolamento degli Organi Aziendali, delle Funzioni di Controllo e Dei Flussi Informativi. Data approvazione CDA 23 gennaio 2015 degli Organi Aziendali, delle Funzioni di Controllo e Dei Flussi Informativi Data approvazione CDA 23 gennaio 2015 SOMMARIO ART. 1 - DISPOSIZIONI PRELIMINARI... 4 ART. 2 - DEFINIZIONI... 5 ART. 3 PREMESSA...

Dettagli