Gli animali quali indicatori biologici dell inquinamento ambientale, strategie di monitoraggio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli animali quali indicatori biologici dell inquinamento ambientale, strategie di monitoraggio"

Transcript

1 S.I.Ve.M.P. Comune Calvello Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva Gli animali quali indicatori biologici dell inquinamento ambientale, strategie di monitoraggio Monitoraggio della contaminazione da cianotossine nei laghi di Occhito e Pertusillo: valutazione del rischio sulla fauna ittica degli invasi delle zone limitrofe Dott.ssa De Pace Rita IZS Foggia - Struttura Semplice Micotossine e Tecniche Immunoenzimatiche Calvello (Pz),06/06/2015

2 Introduzione La contaminazione di inquinanti organici ed inorganici (apporto eccessivo di nutrienti) in corpi idrici a basso idrodinamismo determina il fenomeno dell eutrofizzazione, la cui risposta biologica è l incremento della biomassa algale e di specie tossiche di cianobatteri e conseguentemente contaminazione ed accumulo di tossine algali (cianotossine) nella fauna ittica presente al momento della fioritura algale. Un problema ambientale diventa un problema di sicurezza alimentare, sia per la presenza delle cianotossine nelle acque, sia perla loro biomagnificazione negli alimenti.

3 Introduzione Planktothrix rubescens I cianobatteri tossici possono essere responsabili della produzione di diversi tipi di tossine e diversi varianti della stessa (Mbedi et al. 2005) Planktothrix rubescens

4 Generi di cianobatteri che producono tossine CianobatteriC Peptidi ciclici Cianobatteri Microcistine Anabaena Aphanizomenon Alcaloidi Nodularine Cylindrospermopsis Microcystis Cylindro-spermopsine Aminoacidi Anatossine Sassitossine (PSP) BMAA LPS Nodularia Planktothrix Nostoc Pseudoanabaena

5 Le cianotossine Neurotossine Epatotossine Sassitossine Anatossine Cilindrospermopsina Alcaloidi Vie di esposizione Orale Polmonare Cutanea Emodialisi Microcistine Nodularine Peptidi ciclici Mezzo Acqua potabile Acque ad uso ricreazionale Acque di irrigazione Cibo (prodotti ittici) Aerosol, spray in attività di ricreazione, lavoro, doccia Attività di ricreazione, lavoro, doccia Acqua usata per emodialisi

6 Le microcistine Le microcistine sono cianotossine prodotte dalla maggior parte delle specie di Microcystis e da alcune specie di Anabaena, da Planktothrix agardhii e rubescens. Eptapeptidi epatotossici non ribosomiali inibitori delle proteinfosfatasi 1, 2A, 3C. Si conoscono più di novanta isomeri, in maggioranza idrofili, anche se i più diffusi sono sei: MC-LR, la MC-RR con i diversi epimeri, la MC-YR, la MC-LA, MC-LF e la MC-LW. Struttura ciclica determina stabilità e persistenza nell ambiente anche per periodi relativamente lunghi soprattutto in assenza di luce. Genotossici, Inducono danni ossidativi al DNA, attivano dei proto-oncogeni c-jun, c-fos, c-myc. Nel 2006 l Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) ha classificato la microcistina LR come possibile cancerogeno per l uomo, gruppo 2B. Studi recenti hanno evidenziato che il consumo di prodotti ittici e di vegetali contaminati potrebbero costituire una minaccia per la salute umana. La contaminazione da microcistine in tessuti ittici è un esempiodi recente rilevazione in laghi italiani e finora solo tre studi hanno rivelato contaminazioni da cianotossine in pesce d acqua dolce italiano (Bogialli et al., 2005; Messineo et al., 2008; Bruno et al., 2008), con livelli di concentrazione a volte medio-alti.

7 Le cilindrospermopsine Le cilindrospermopsine sono le seconde cianotossine per frequenza di rilevazione in Italia. Esistono due tossine: Cilindrospermopsina e 7-epiCilindrospermopsina. Alcaloidi guanidinici ciclici. Oltre che sul fegato sono stati descritti anche effetti tossici su reni, polmoni, cuore e timo. Il primo episodio di avvelenamento umano da acqua potabile contaminata venne registrato a Palm Island (Australia) nel novembre 1979, ma la presenza in Italia è stata per la prima volta descritta nel 2004 (Manti, 2005). Ci sono a tutt oggi pochi studi sull accumulo di cilindrospermopsina nella fauna ittica.

8 Nei mesi marzo-aprile dell anno 2009, forti precipitazioni atmosferiche hanno provocato episodi di esondazione del fiume Fortore, emissario ed immissario del bacino Occhito con apertura delle paratie della diga e sversamento a mare delle acque contenenti l alga tossica della specie Planktothrix rubescens. Conseguentemente a questa emergenza, la S.S. Micotossine e Tecniche immunoenzimatiche dell IZS di Foggia ha espletato un progettato di ricerca, approvato dal Ministero della Salute, iniziato nel 2011 e concluso nel 2013.

9 Obbiettivi Obbiettivi Nel corso del presente progetto di ricerca si sono raggiunti i seguenti obbiettivi: Caratterizzazione delle principali cianoficee; Sviluppo e validazione dei metodi di prova di screening ELISA e di conferma per la determinazione delle microcistine e cilindrospermopsine in campioni di acqua e prodotti ittici; Monitoraggio della contaminazione di cianotossine (microcistina e cilindrospermopsine) nei bacini di Occhito e Pertusillo al fine di migliorare le condizione igienico-sanitarie mediante l intervento delle amministrazioni pubbliche e degli organi competenti per poter continuare nel tempo a mantenere la salvaguardia dei luoghi interessati al fenomeno dell eutrofizzazione; Monitoraggio di metalli pesanti, policlorobifenili, idrocarburi policicliciaromatici nei pesci del bacino del Pertusillo; Raccolta ed elaborazione dei dati per la valutazione statistica ed analisi del rischio da biotossine algali in collaborazione con ISS Dip. Ambiente e Connessa Prevenzione al fine di salvaguardare l ecosistema del territorio e la salute umana. Stesura di un rapporto scritto per la divulgazione agli Organi Sanitari Competenti.

10 Estrazione delle tossine algali, microcistina e cilindrospermopsina, nell acqua e nei tessuti ittici. Estrazione delle tossine algali (microcistina e cilindrospermopsina) da pellet ed acqua Estrazione di microcistina da fegato e muscolo di pesce Estrazione della cilindrospermopsina da tessuti ittici

11 Materiali e metodi

12 I kit ELISA Per l analisi delle microcistine e cilindrospermopsine dai mitili, muscolo di pesce, acque abbiamo Materialiestratte e metodi utilizzato kit Elisa a competizione diretta. Validati ai sensi della Decisione 2002/657/CE. MALDI-TOF/MS e LC-HRMS Per le conferme strumentali

13 Validati ai sensi della Decisione 2002/657/CE. Materiali e metodi Cilindrospermopsina in campioni di pesci: Limiti di rivelazione del kit: 0,05 µg/kg Specificità: - ANALISI DEI BIANCHI/CAMPIONI: VALORE MEDIO B/Bo: 100,59% prima seduta analitica, 100,35% seconda seduta analitica. - SCARTO TIPO: 3,87% prima seduta analitica, 3,63% seconda seduta analitica. - ANALISI CAMPIONI FORTIFICATI: - LIVELLO DI FORTIFICAZIONE: 0,6 µg/kg - VALORE MEDIO B/Bo: 34,33% prima seduta analitica, 34,05% seconda seduta analitica. - SCARTO TIPO: 1,22% prima seduta, 1,50% seconda seduta. Precisione: - 1 LIVELLO DI FORTIFICAZIONE: 0,6 µg/kg - VALORE MEDIO: 0,49 µg/kg ( R = 83% ) - CV% : 6% - 2 LIVELLO DI FORTIFICAZIONE: 1,2 µg/kg - VALORE MEDIO: 1,25 µg/kg ( R = 104% ) - CV% : 9% Robustezza: VARIABILI TESTATE: tempo necessario per portare il kit a temperatura ambiente, apertura kit, preparato fresco o frigo, centrifugazione, diluizione tampone di lavaggio, lettura colorimetro, lotto diverso. Il metodo risulta robusto per tutte le variabili esaminate.

14 Cilindrospermopsina in campioni di acqua:materiali e metodi Limiti di rivelazione del kit: 0,05 µg/l Specificità: - ANALISI DEI BIANCHI/CAMPIONI: - VALORE MEDIO B/Bo: 94,33% prima seduta analitica, 94,78% seconda seduta analitica. - SCARTO TIPO: 5,02% prima seduta analitica, 4,62% seconda seduta analitica. -ANALISI CAMPIONI FORTIFICATI: - LIVELLO DI FORTIFICAZIONE: 0,6 µg/l - VALORE MEDIO B/Bo: 35,26% prima seduta analitica, 34,87% seconda seduta analitica. -SCARTO TIPO: 1,74% prima seduta, 1,91% seconda seduta. Precisione: - 1o LIVELLO DI FORTIFICAZIONE: 0,6 µg/l - VALORE MEDIO: 0,501 µg/l ( R = 84% ) - CV% : 9% - 2 o LIVELLO DI FORTIFICAZIONE: 1,2 µg/l - VALORE MEDIO: 1,17 µg/l ( R = 98% ) - CV% : 15% Robustezza: VARIABILI TESTATE: tempo necessario per portare il kit a temperatura ambiente, apertura kit, preparato fresco o frigo, centrifugazione, diluizione tampone di lavaggio, lettura colorimetro, lotto diverso. Il metodo risulta robusto per tutte le variabili esaminate.

15 Microcistina in campioni di acqua: Materiali e metodi Limiti di rivelazione del kit: 0,1 µg/l Specificità: -ANALISI DEI BIANCHI/CAMPIONI: - VALORE MEDIO B/Bo: 98,83% prima seduta analitica, 100,37% seconda seduta analitica. - SCARTO TIPO: 7,84% prima seduta analitica, 8,03% seconda seduta analitica. -ANALISI CAMPIONI FORTIFICATI: -ANALITA -LIVELLO DI FORTIFICAZIONE: 0,6 µg/l - VALORE MEDIO B/Bo: 27,53% prima seduta analitica, 28,81% seconda seduta analitica. - SCARTO TIPO: 1,57% prima seduta, 1,16% seconda seduta. Precisione: - 1o LIVELLO DI FORTIFICAZIONE: 0,6 µg/l -VALORE MEDIO: 0,47 µg/l ( R = 79% ) -CV% : 4% - 2 o LIVELLO DI FORTIFICAZIONE: 1,2 µg/l -VALORE MEDIO: 1,14 µg/l ( R = 95% ) - CV% : 14% Robustezza VARIABILI TESTATE: Tempo necessario per portare il kit a temperatura ambiente, apertura kit, preparato fresco o frigo, centrifugazione, preparato fresco o congelato, lettura colorimetro, variazioni ph. Il metodo risulta robusto per tutte le variabili esaminate.

16 Microcistina in campioni di cozze, vongole e pesci: Materiali e metodi Limiti di rivelazione del kit: 0,1 ng/ml Specificità: - SPECIE TESTATE: 12 campioni di cozze, 4 di vongole e 4 di pesce - ANALISI DEI BIANCHI/CAMPIONI: - VALORE MEDIO B/Bo: 97,3% prima seduta analitica, 96,8% seconda seduta analitica. - SCARTO TIPO: 4,37% prima seduta analitica, 4,15% seconda seduta analitica. - ANALISI CAMPIONI FORTIFICATI: - ANALITA - LIVELLO DI FORTIFICAZIONE: 10 ppb - VALORE MEDIO B/Bo: 51,7% prima seduta analitica, 52% seconda seduta analitica - SCARTO TIPO: 1,82% prima seduta, 1,19% seconda seduta. Precisione: - 1o LIVELLO DI FORTIFICAZIONE: 5 ppb -VALORE MEDIO: 4,53 ppb ( R = 90% ); CV% : 6% - 2 o LIVELLO DI FORTIFICAZIONE: 10 ppb - VALORE MEDIO: 8,6 ppb ( R = 86% ); CV% : 10% -3 LIVELLO DI FORTIFICAZIONE: 15 ppb -VALORE MEDIO: 11,58 ppb (R = 77%); CV% : 14% Robustezza VARIABILI TESTATE: Estrazione,centrifugazione, preparato fresco o giorno prima, lavaggi, tem di agitazione, volume finale, filtro. Il metodo risulta robusto per tutte le variabili esaminate.

17 caratterizzazione e screening elisa Campionamento dei Risultati pesci, acqua, mitili, daglicianoficeae invasi di Occhito, Pertusillo, Fortore, zone costiere prospicienti il fiume Fortore e i laghi di Lesina e Varano Occhito - prelievi eseguiti da Tecnici della Provincia Ufficio Caccia e Pesca di Foggia Pertusillo - Veterinario dell IZS Sez.di Potenza Il lago è stato diviso in quattro settori corrispondenti alle quattro settimane del mese, al fine di monitorarlo tutto. L acqua prelevata ad una distanza dalla riva di 1-7 metri in quantità di 1,5 l in bottiglie scure di vetro ed inviata entro 48 ore all ISS per la caratterizzazione delle cianoficee. Il pesce è stato congelato in attesa delle analisi. Dal 26 Marzo 2012 al 6 Febbraio 2013, abbiamo inviato all ISS per l identificazione tassonomica delle specie algali 27 campioni d acqua di lago, di fiume e di mare prelevata dal Pertusillo, dall Occhito, dal fiume Fortore, e dagli allevamenti di mitili. I valori delle concentrazioni delle microcistine e cilindrospermopsine riscontrati nelle acque indicate sono sovrapponibili ai dati del Dipartimento Ambiente e Connessa Prevenzione dell ISS che ha eseguito la caratterizzazione delle principali cianoficee.

18 Nel periodo Aprile inizio Maggio 2012 in campioni di acqua dell Occhito sono state rilevate cellule/litro di Planktothrix rubescens, specie di cianoficea tossica responsabile nel recente passato di estese fioriture nel lago, con contaminazione delle acque costiere foggiane raggiunte dal tributario fiume Fortore. Nei restanti campioni di lago sono state rilevate un numero esiguo di specie algali unicellulari non tossiche appartenenti alle Diatomee e alle Coniugatoficee. Nei campioni di acqua di mare sono state rilevate specie algali appartenenti alle Diatomee ed ai Dinoflagellati. La dinamica di popolazione di P.rubescens in genere mostra un andamento ciclico ed una correlazione tra la presenza del cianobatterio e la temperatura dell acqua che è ideale per la fioritura del cianobatterio sotto i 18 C. La popolazione cellulare diminuisce fino a sparire del periodo estivo-autunnale. Successivamente nel periodo autunno-inverno fino a gennaio la popolazione cellulare aumenta ed il fenomeno eutrofico interessa tutta la colonna d acqua. Quanto descritto è stato riscontrato durante il periodo del monitoraggio. Nel mese di Aprile inizio Maggio 2012 quando, appunto, la temperatura esterna è diminuita fino ad 1 C con neve sulle montagne circostanti, abbiamo riscontrato il cianobatterio P.rubescens (vedi foto3-4).

19 Foto 1 Occhito Closterium Kutzingii Foto 2 Occhito Fragilaria crotonensis Foto 3 Occhito Panktothrix rubescens Foto 4 Occhito Panktothrix rubescens

20 E le Cianotossine???????? Considerazioni Solo per l acqua potabile OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha proposto un limite di concentrazione nelle acque potabili pari a 1 µg/l. Le linee guida per il rischio acuto e cronico proposte dall EPA (Environmental Protection Agency) (USA 2006) per le microcistine, indicano il limite TDI rispettivamente di 0,006 µg/kg di peso corporeo/giorno per il danno acuto e 0,003 µg/kg di peso corporeo/giorno per il danno cronico. Considerando, infatti, che un essere umano adulto di circa 60 kg ingerisce generalmente porzioni di pesce da 100 a 300 g (Magalhaes et al., 2003; Mohamed et al., 2003) si può risalire alla concentrazione di tossina per peso corporeo/giorno e confrontarla con il TDI dell EPA per verificare se si tratta di un rischio cronico o acuto. Gli intervalli di concentrazione dei successivi grafici, in cui sono state inserite le concentrazioni medie delle microcistine e delle cilindrospermopsine riscontrate nel muscolo dei pesci e nell acqua, sono stati calcolati in base alle recenti linee guida Epa per il rischio acuto e cronico.

21 Nell acqua dell invaso di Occhito-Fortore abbiamo riscontrato concentrazioni medie di microcistina di 0,28-0,24ng/ml nei mesi di Marzo-Aprile. Grafico 1 - Fortore

22 Nei tessuti muscolari di 37 pesci campionati nel lago di Occhito sono state rilevate concentrazioni medie di microcistina in un intervallo di 0,10-0,70 ng/g con valore di concentrazione massima nel mese di maggio in cui abbiamo verificato l evento di una fioritura di planktothirix rubescens. I campioni di pesce nei mesi di Marzo-Aprile-Giugno-Luglio- Novembre hanno concentrazioni di microcistine comprese nell intervallo di 0,1-0,6 ng/g.

23 La presenza di cilindrospermopsina nei tessuti ittici dei 37 pesci provenienti Risultati caratterizzazione cianoficeae e screening elisa dall invaso di Occhito depone a favore di una contaminazione da presenza fitoplanctonica primaverile-autunnale, con concentrazione medie da 0,20-0,23 ng/g nei mesi di marzo-aprile 2012 a concentrazioni medie di 0,16 ng/g nel mese di Novembre. A tutt oggi ci sono pochi studi sull accumulo di cilindrospermopsina nella fauna ittica. Attualmente, nel contesto del processo di revisione delle linee guida della WHO (World Health Organization) è anche in fase di definizione per l acqua un valore guida per la cilindrospermopsina. Grafico 3. Concentrazioni medie di cilindrospermopsine in 37 campioni di pesce prelevali nell Occhito ,25 0,2 marzo aprile 0,15 maggio giugno 0,1 luglio novembre 0,05 0 0,05-0,6ng/g 0,6-1,2ng/g 1,2-100ng/g >100ng/g

24 32 campioni di cozze comuni, Mytilus galloprovincialis, anno Zone costiere prospicienti il fiume Fortore e i laghi di Lesina e Varano. Intervalli di concentrazioni medie di microcistine: 0,67ng/g a Maggio e 0,73ng/g a giugno. 0,17ng/g Luglio con concentrazioni più basse da agosto ad ottobre. 1,8 ng/g a Novembre. Grafico 4

25 Intervalli di concentrazioni medie di cilindrospermopsine: 1,26-0,57 ng/g Gennaio-Luglio Risultati caratterizzazione cianoficeae e screening elisa Grafico 5

26 I valori di concentrazione di microcistine degli anni sono risultati minori rispetto a quelli Risultati caratterizzazione cianoficeae e screening elisa riscontrati durante l emergenza del marzo-aprile 2009 e dell anno Campioni di mitili prelevati nell anno 2009 si evidenzia una concentrazione media più alta di microcistine con un picco di 38,96 ng/g a maggio in concomitanza di cattive condizioni metereologiche con un progressivo abbassamento fino a 3,03 ng/g a luglio s.a. Nell anno 2010 la concentrazione di tossina media trovata è stata pari a 12,02 ng/g nel primo trimestre, con valore più alto registrato nel mese di gennaio di 27,75 ng/g. In seguito, anche grazie alle migliori condizioni climatiche registrate, la concentrazione si è notevolmente abbassata e dal mese di aprile al luglio si è registrato un valore medio pari a 1,99 ng/g. (Grafico ) Grafico 6. Indicazione percentuale delle matrici annuale di microcistine in campioni analizzati nel biennio Grafico 7.Confronto territoriale della distribuzione media annuale di microcistine in campioni analizzati nel biennio

27 De Pace R., Vita V., Franchino C., Floridi F., Bruno M. Alga Planktothrix rubescens nell invaso di Occhito: analisi del livello di contaminazione da microcistine in campioni di molluschi bivalvi di specie allevate VIII Congresso Nazionale di Chimica degli Alimenti Settembre 2010 Marsala (TP). Atti pg Grafico 8.confronto della distribuzione media annuale Risultati caratterizzazione cianoficeae e screening elisa

28 Nei 22 pesci prelevati dal lago del Pertusillo Risultati caratterizzazione cianoficeae e screening elisa Intervallo di concentrazioni medie di microcistine di 1,58-0,21 ng/g Settembre-Aprile Intervallo di concentrazioni medie di cilindrospermopsine di 0,65-0,10 ng/g Luglio-Marzo 9 campioni di acqua sono risultati < di 0,1ng/ml, concentrazione minore delle linee guida raccomandate dal OMS. Il Pertusillo, soggetto a periodiche morìe ittiche e privo di fioriture tossiche ma non di cianotossine, analizzato anche per la presenza di metalli pesanti ha dato invece concentrazioni di piombo fino a 30 ng/g, policlorobifenili fino a 1,38 ng/g di sommatoria degli stessi, e presenza di 16 idrocarburi policiclici aromatici fino a 2,4 ng/g. grafico 9

29 Risultati caratterizzazione cianoficeae e screening elisa Grafico 10

30 Heavy metal in fish Reg.(UE) 1881/2006 e s.m.i. ( tenori massimi in mg/kg di peso fresco) Muscolo di pesce = 0,30 ( cioè 300 ng/g ); Muscoli bivalvi = 1,5 ng/g 3,5 3 Carp March Carp Apr 2,5 Carp May, 4 Black Bass May, 23 2 Carassius May, 30 Carp May,30 1,5 Perch Sept 1 Perch Oct, 6 Perch Oct, 13 0,5 0 As Cd Cu Cr Fe Hg Ni Pb Se Zn

31 PCBs in fish Reg.(UE) 1881/2006 e s.m.i. tenori massimi in ng/g peso fresco Muscolo di pesce = 75 a 125 seconda del tipo di pesce di acqua dolce

32 PAHs ( IPA) in fish Reg.(UE) 1881/2006 e s.m.i. tenori massimi in ug/kg di benzo (a) pirene Muscoli bivalvi = 10; Muscolo di pesce = 2,0

33 RISULTATI DELLA STRUMENTALE Risultati strumentali Per le analisi di conferma abbiamo scelto campioni di pesce e mitili con concentrazioni di microcistina alte, medie e basse pari a 0,56ng/g, 1,02ng/g e 0,09ng/g, riscontrate con l analisi di screening Elisa. I valori di concentrazione con la strumentale MALDI-TOF/MS e LC-HRMS sono paragonabili a quelli dell Elisa.

34 Discussioni e conclusioni Nello studio effettuato sono stati sviluppati e validati metodi di estrazione di cianotossine, microcistine e cilindrospermopsine, da tessuto ittico ed acqua per le analisi di screening elisa ed analisi di conferma quantitative mediante spettrometri di massa ibridi. Le analisi effettuate con un metodo ELISA sui pesci provenienti dal lago Occhito hanno rivelato l accumulare delle tossine microcistine e cilindrospermopsine. I valori delle concentrazioni delle microcistine e cilindrospermopsine riscontrati nei pesci e nelle acque dei due invasi, Occhito e Pertusillo, e negli allevamenti delle cozze in stabulazione presso le zone costiere prospicienti l invaso di Occhito, sono inferiori a quelle rilevate negli anni I valori delle concentrazioni delle microcistine e cilindrospermopsine sono sovrapponibili ai risultati forniti dal Dipartimento Ambiente e Connessa Prevenzione dell ISS che ha eseguito la caratterizzazione delle principali cianoficee presenti nel fitoplancton.

35 Nell acqua dell invaso di Occhito solo nei mesi Marzo Aprile abbiamo riscontrato un picco di concentrazioni medie di microcistina pari a 0,28-0,24ng/ml inferiore a 1 ug/l limite del OMS per l acqua potabile Nei 37 campioni di pesce del bacino dell Occhito: il 87% ha una concentrazione media di microcistine inferiore al TDI per il rischio cronico ed acuto; 11% ha una concentrazione compresa tra il TDI relativo al danno acuto-cronico; 2% ha una concentrazione maggiore del TDI relativo al danno acuto. Nei 32 campioni di cozze comuni, Mytilus galloprovincialis, delle zone costiere prospicienti Fortore, Lesina e Varano: il 56% ha una concentrazione media di microcistine inferiore al TDI Epa rischio cronico-acuto; il 31% ha una concentrazione uguale al TDI relativo al rischio cronico; il 3% ha una concentrazione maggiore del TDI relativo al danno cronico ed acuto; il 10% ha una concentrazione compresa tra il TDI relativo al danno acuto-cronico.

36 Nei 22 campioni ittici prelevati dal lago Pertusillo: il 66,7% ha una concentrazione media di microcistine inferiore al TDI proposto dall Epa per il rischio cronico ed acuto; il 20% ha una concentrazione media compresa tra il TDI relativo al danno acuto-cronico; il 13,3% ha una concentrazione media di microcistine maggiore del danno acuto. In conclusione, il Pertusillo, soggetto a periodiche morìe ittiche e privo di fioriture tossiche ma non di cianotossine, analizzato anche per la presenza di metalli pesanti ha dato invece concentrazioni di piombo fino a 30 ng/g, policlorobifenili (PCB indicatori) fino a 1,38 ng/g di sommatoria degli stessi, e per la presenza di 16 idrocarburi policiclici aromatici (IPA) fino a 2,4 ng/g.

37 La determinazione dei livelli di contaminazione rappresenta il presupposto fondamentale per adottare le misure di prevenzione necessarie a ridurre i rischi per la sicurezza alimentare del consumatore, in funzione della durata della fioritura cianobatterica e della scomparsa delle tossine dall acqua e dai prodotti ittici presenti nel corpo idrico. Il monitoraggio periodico dei mitili delle zone a rischio potrebbe essere utilizzato per misurare il grado di inquinamento da tossine cianoficee, come è stato già dimostrato negli esperimenti in laboratorio, in cui si sono simulate situazioni ambientali simili a quelle degli estuari dei fiumi eutrofici (Vasconceles 1995, Amorine e Vasconceles 1999). Grazie a questa ricerca abbiamo evidenziato i siti acquatici compromessi dal processo dell eutrofizzazione ed adibiti ad uso potabile, con la contemporanea creazione di capacità tecniche locali per la rilevazione, la verifica e la gestione di situazioni di potenziale rischio per la salute umana. Pubblicazioni: De Pace R., Vita V., Franchino C., Floridi F., Bruno M. Alga Planktothrix rubescens nell invaso di Occhito: analisi del livello di contaminazione da microcistine in campioni di molluschi bivalvi di specie allevate VIII Congresso Nazionale di Chimica degli Alimenti Settembre 2010 Marsala (TP). Atti pg De Pace R., Vita V., Bucci M.S.,Gallo P., and Bruno Milena Microcystin Contamination in Sea Mussel Farms from the Italian Southern Adriatic Coast following Cyanobacterial Blooms in an Artificial Reservoir Journal of Ecosystems, vol. 2014, Article ID

38 Abbiamo proseguito lo studio delle cianoficee del bacino di Occhito con due R.C.: Anno 2012 Studio del bioaccumulo di ß-N-metilammino-L-alanina (BMAA) nelle catene alimentari acquatiche nel lago di Occhito: relazione con incidenza di sclerosi laterale amiotrofica/complesso parkinsonismo- demenza. Anno 2013 Studio del bioaccumulo di tossine algali nei prodotti vegetali irrigati con acque di provenienza dal lago di Occhito: valutazioni del rischio per la salute umana In studi futuri si potrebbero monitorare gli ecosistemi acquatici dei principali bacini Lucani, per meglio definire lo stato trofico delle acque dolci e della fauna ittica, nonché dei possibili contaminanti biologici (cianotossine) e contaminanti ambientali di interesse per le reti trofiche, anche ai fini dell utilizzo alimentare (es legate alle attività di caccia, pesca, o di allevamento) quali ad es. metalli pesanti, idrocarburi policiclici aromatici, contaminanti tossico-persistenti, pesticidi organo-clorurati, ecc. Tali indagini approfondite sulla gestione antropica di questi territori sarà utile ed indispensabile per tutelare e salvaguardare la salute degli stessi abitanti. In conclusione, gli studi effettuati hanno dimostrato la presenza di contaminanti pericolosi in varie matrici ambientali di questi territori, mostrando la necessità di una indagine approfondita sulla gestione antropica degli stessi a tutela della salute dei loro abitanti.

39 Pertusillo Grazie per l attenzione Occhito

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile Abteilung 29 Landesagentur für Umwelt Amt 29.8 Labor für physikalische Chemie Ripartizione 29 Agenzia provinciale per l ambiente Ufficio 29.8 Laboratorio di chimica fisica La nuova direttiva UE sulle sostanze

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

A seguito di specifica richiesta questo Istituto ha emanato il seguente parere in merito alla classificazione dei rifiuti contenenti idrocarburi:

A seguito di specifica richiesta questo Istituto ha emanato il seguente parere in merito alla classificazione dei rifiuti contenenti idrocarburi: A seguito di specifica richiesta questo Istituto ha emanato il seguente parere in merito alla classificazione dei rifiuti contenenti idrocarburi: Riferimenti ISS: Protocollo N. 32074-23/06/2009 Criteri

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

FUMONISINE NEL MAIS E NEI PRODOTTI DELLA MACINAZIONE

FUMONISINE NEL MAIS E NEI PRODOTTI DELLA MACINAZIONE FUMONISINE NEL MAIS E NEI PRODOTTI DELLA MACINAZIONE OGGETTO 1. Contaminazione da Fumonisine nel mais italiano allo scopo di individuare la quota di mais che rimane al di sotto dei limiti massimi proposti;

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Allegati alla Parte III (All.ti I-XI) Monitoraggio e classificazione delle acque in funzione degli obiettivi di qualità ambientale

Allegati alla Parte III (All.ti I-XI) Monitoraggio e classificazione delle acque in funzione degli obiettivi di qualità ambientale Allegato 1 (1276) Monitoraggio e classificazione delle acque in funzione degli obiettivi di qualità ambientale Il presente allegato stabilisce i criteri per il monitoraggio e la classificazione dei corpi

Dettagli

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO

SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SIN LAGUNA DI MARANO E GRADO 175 SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO La presenza di sostanze potenzialmente pericolose

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte 69^ FIERA INTERNAZIONALE DEL BOVINO D LATTE Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte Dott.ssa Paola Amodeo Specialista SATA Sistemi Alimentari e Qualità degli Alimenti ARAL - Ass Reg

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

Bollettino BOE DELTA DEL PO 161 del 10 giugno 2015

Bollettino BOE DELTA DEL PO 161 del 10 giugno 2015 SERVIZIO DELL'AMIENTE ollettino OE DELTA DEL PO 161 del 10 giugno 15 SITUAZIONE METEOROLOGICA GENERALE dal 18/05/15 al 24/05/15 Porto Tolle TEMPERATURE - PORTO TOLLE TEMPERATURA LUN. MAR. MER. GIOV. VEN.

Dettagli

Bollettino BOE DELTA DEL PO 166 del 15 giugno 2015

Bollettino BOE DELTA DEL PO 166 del 15 giugno 2015 SERVIZIO DELL'AMIENTE ollettino OE DELTA DEL PO 166 del 15 giugno 15 SITUAZIONE METEOROLOGICA GENERALE dal 01/06/15 al 07/06/15 Porto Tolle TEMPERATURE - PORTO TOLLE TEMPERATURA LUN. MAR. MER. GIOV. VEN.

Dettagli

Bollettino BOE DELTA DEL PO 163 del 12 giugno 2015

Bollettino BOE DELTA DEL PO 163 del 12 giugno 2015 SERVIZIO DELL'AMIENTE ollettino OE DELTA DEL PO 163 del 12 giugno 15 SITUAZIONE METEOROLOGICA GENERALE dal 25/05/15 al 31/05/15 Porto Tolle TEMPERATURE - PORTO TOLLE TEMPERATURA LUN. MAR. MER. GIOV. VEN.

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018

ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018 Piano Nazionale riguardante il Controllo Ufficiale DeGLI ADDITIVI ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018 Paolo Stacchini Dipartimento di Sanità Pubblica veterinaria e Sicurezza Alimentare

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia

Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia (affiliata all International Society of Doctors for the Environment, in rapporto consultivo con l'organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

Rosario Napoli Centro di Ricerca per lo Studio delle relazioni tra pianta e suolo, CRA, Roma

Rosario Napoli Centro di Ricerca per lo Studio delle relazioni tra pianta e suolo, CRA, Roma Presenza dell arsenico nei suoli agricoli e nelle acque sotterranee in Italia: importanza dei determinanti geogenici e antropici per la gestione del rischio per la salute umana Rosario Napoli Centro di

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

Earth Council Italia. 2 Conferenza Internazionale sull Ambiente

Earth Council Italia. 2 Conferenza Internazionale sull Ambiente Earth Council Italia Italia Accredited Organizations to the United Nations Environment Programme Governing Council-Global Ministerial Environment Forum GC-GMEF n. 47 update 29 august 2007 2 Conferenza

Dettagli

: Basfoliar 20+20+20 SP

: Basfoliar 20+20+20 SP 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome commerciale : 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api Dott Andrea Maroni Ponti Ufficio II Ministero della salute DGASAFV Malattie denunciabili

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA DEL PRODOTTO COSMETICO FINITO Andrea Tarozzi Dipartimento di Farmacologia - Facoltà di Farmacia Seminario PER FARE DELLA BELLEZZA

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto AMBIENTE Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto Paolo Giandon, Adriano Garlato, Francesca Ragazzi ARPAV, Servizio Suoli, Dipartimento Provinciale di Treviso, via S. Barbara 5/A, 31100

Dettagli

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione 1 Sintesi Una nuova strategia per l ambiente Introduzione Nel corso di questi ultimi anni, l ambiente ha subito forti pressioni nei Paesi dell OCSE e nel mondo. Alcune pressioni tenderanno sicuramente

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare. Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare

Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare. Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare Cosa sono i frutti di mare? I molluschi costituiscono un ampio raggruppamento del Regno Animale,

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

: perma High temp. / Extreme pressure grease SF05

: perma High temp. / Extreme pressure grease SF05 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome del prodotto : 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE L art. 186 del d.lgs.152/06 indica le condizioni alle quali è consentito

Dettagli

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura.

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. DELIBERAZIONE N. 32/71 DEL 15.9.2010 Oggetto: Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. L Assessore della Difesa dell Ambiente riferisce

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 12 febbraio 2015, n. 31. Regolamento recante criteri sempli cati per la caratterizzazione, messa in

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PROPOSTA TECNICA Genova, Giugno 2009 SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 2 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO...4 2.1 LE NORME CONTRATTUALI... 4 2.2 LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

CONOSCI, RIDUCI, PREVIENI GLI INTERFERENTI ENDOCRINI

CONOSCI, RIDUCI, PREVIENI GLI INTERFERENTI ENDOCRINI CONOSCI, RIDUCI, PREVIENI GLI INTERFERENTI ENDOCRINI UN DECALOGO PER IL CITTADINO Presentazione del Ministro dell ambiente L interesse della comunità scientifica riguardo ai possibili effetti sulla salute

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

Introduzione alla Relazione del convegno

Introduzione alla Relazione del convegno PIANO D AZIONE NAZIONALE PER L USO SOSTENIBIL E DEI PRODOTTI FITOSANIT ARI E PROPOSTE DI STRUMENT I APPLICAT IV I 19 novembre 2012 Environmental Park Centro Congressi Sala Kyoto Via Livorno, 60 Torino

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Flosina B(C.I. 45410) 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA,

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

SEZIONE II - TUTELA DELLE ACQUE DALL'INQUINAMENTO TITOLO I - PRINCIPI GENERALI E COMPETENZE

SEZIONE II - TUTELA DELLE ACQUE DALL'INQUINAMENTO TITOLO I - PRINCIPI GENERALI E COMPETENZE SEZIONE II - TUTELA DELLE ACQUE DALL'INQUINAMENTO TITOLO I - PRINCIPI GENERALI E COMPETENZE Art. 73 Finalità 1. Le disposizioni di cui alla presente sezione definiscono la disciplina generale per la tutela

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA DETERMINAZIONE DEI VALORI DEL FONDO NATURALE NELL AMBITO DELLA BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI

LINEE GUIDA PER LA DETERMINAZIONE DEI VALORI DEL FONDO NATURALE NELL AMBITO DELLA BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI Università degli Studi di Milano Dipartimento di Scienze della Terra A. Desio LINEE GUIDA PER LA DETERMINAZIONE DEI VALORI DEL FONDO NATURALE NELL AMBITO DELLA BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI Direzione centrale

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

Istruzioni di base per il campionamento di alimenti da sottoporre ad analisi chimica

Istruzioni di base per il campionamento di alimenti da sottoporre ad analisi chimica Istruzioni di base per il campionamento di alimenti da sottoporre ad analisi chimica Autore: Felice Sansonetti Reperibile presso: Azienda Sanitaria dell Alto Adige Comprensorio Sanitario di Bolzano Servizio

Dettagli

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Questo documento è stato redatto in collaborazione con la Commissione per gli Affari Ambientali di EUROBAT (maggio 2003) ed esaminato dai membri

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008)

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Disposizioni atte a regolamentare l'emissione di aldeide formica da pannelli a base di legno e manufatti con essi realizzati in

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Annuario dei dati ambientali

Annuario dei dati ambientali Annuario dei dati ambientali CAPITOLO IV RADIAZIONI NON IONIZZANTI Autori: Giovanni FINOCCHIARO Coordinatore: ha fornito contributi: Patrizia VALENTINI ISPRA 2 IV. LA PERCEZIONE DEI CITTADINI EUROPEI E

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli