L active management - spinte regolamentari e opportunità di business. ABI -24 giugno 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L active management - spinte regolamentari e opportunità di business. ABI -24 giugno 2015"

Transcript

1 L active management - spinte regolamentari e opportunità di business ABI -24 giugno 2015

2 Agenda Introduzione Active management I principali Impatti Active management Le innovazioni Active management Un caso reale Conclusioni 2

3 Impatti sul capitale Introduzione Contesto di riferimento La crisi dei mutui subprime (2007), il fallimento di Lehman Brothers (settembre 2008), e la crisi dei debiti sovrani ( ) hanno determinato importanti modifiche al mercato degli strumenti finanziari e dei derivati; in particolare, negli ultimi anni sono state emanate normative tese a rafforzare la posizione patrimoniale delle istituzioni finanziare Definisce una separazione più rigida tra trading book e banking book Introduce un nuovo approccio per il metodo standard Rivede le modalità di calcolo del modello interno FRTB CRD IV, CRR, EMIR E stato introdotto Il requisito patrimoniale per il rischio di controparte ( CVA Capital Charge ) sia per i derivati non collateralizzati che per quelli collateralizzati Vige l obbligo di: effettuare il clearing di tutti i derivati standardizzati, mediante Cassa di Compensazione e Garanzia ( CCP ) fornire ad un Trade Repository dell ESMA (European Securities and Markets Authority) almeno 85 campi di informazioni anagrafiche di tutti i derivati stipulati (anche OTC); tali informazioni dovranno essere fornite entro il giorno successivo alla loro stipula, modifica o cancellazione PRUDENT VALUATION SIMM i derivati dovranno essere valutati includendo tutti i diversi aggiustamenti al fair value Introduce l obbligo, per tutte le controparti che abbiano concluso derivati OTC non compensati mediante CCP, di scambiarsi margini iniziali e di variazione 3 Impatti di business

4 Agenda Introduzione Active management I principali Impatti Active management Le innovazioni Active management Un caso reale Conclusioni 4

5 Fair Value del derivato Active Management I principali impatti Focus sulle misure di aggiustamento al fair value Un istituto bancario, per essere allineato con le best practice di mercato e non incorrere nel rischio di stipulare derivati in perdita, dovrebbe intraprendere un processo di pre-deal analysis, ovvero calcolare, già prima della conclusione di un deal, le misure di fair value adjustment Misure di aggiustamento al fair value Impatti della pre-deal analysis KVA Il Capital Value Adjustment ( KVA ) rappresenta il costo connesso all assorbimento di capitale per effetto dell operatività in strumenti finanziari Fair value risk free CVA/ DVA FVA LVA MVA Il Liquidity Value Adjustment ( LVA ) rappresenta il costo / beneficio, atteso dovuto dal differenziale tra il tasso d interesse privo di rischio ed il tasso di interesse pagato / ricevuto sul collateral Il Margin Value Adjustment ( MVA ) rappresenta il costo atteso per finanziare la richiesta di initial margin e di variation margin per derivati sia bilaterali sia negoziati con CCPs Fair value risk adjusted, ovvero inclusivo delle misure di adjustment 5

6 Assorbimento di capitale Active Management I principali impatti Focus sulle misure di Capitale Un istituto bancario, per essere allineato con le best practice di mercato e non incorrere nel rischio di stipulare derivati che porteranno ad un eccessivo assorbimento di capitale e, quindi ad un costo, dovrebbe intraprendere un processo di pre-deal analysis, ovvero calcolare, già prima della conclusione di un deal, gli impatti a livello di requisiti di capitale KVA - Capital Value Adjustment CCR Impatti della pre-deal analysis CCR La Counterparty Capital Charge rappresenta il requisito di capitale connesso alla possibile variazione negativa del rischio di controparte WWR Lo Specific Wrong Way Risk ( WWR ) rappresenta il rischio che l esposizione verso una controparte sia negativamente correlata con il merito creditizio della stessa LCR Il Liquidity Coverage Ratio ( LCR ) è un indicatore rappresentativo della capacità della banca di superare uno stress acuto di liquidità della durata di 30 giorni NSFR Il Net Stable Funding Ratio ( NSFR ) è un indicatore rappresentativo della proporzione di attività a lungo termine che sono finanziate da stabili passività a lungo termine Calcolo ex-ante ES L Expected Shortfall ( ES ) è una misura di rischio più prudenziale del Value-at-Risk, in quanto è in grado di catturare il cosiddetto rischio di coda Sofisticazione del modello 6

7 Active Management I principali impatti Focus on FRTB La proposta di riforma Fundamental Review of the Trading Book ( FRTB ), ha l obbiettivo di ridisegnare l attuale framework normativo rispetto alle regole patrimoniali di vigilanza sui rischi di mercato esistenti (Basilea II / II.5 / III) al fine di garantire un livello adeguato di capitalizzazione delle banche europee Utilizzo delle sensitivity ; tale metrica consente di aumentare il carattere risk sensitive dell approccio standard Passaggio da Value at Risk ad Expected Shortfall Approvazione del modello interno effettuata per desk e risk factor Obbligatorietà del calcolo del requisito anche con il modello standard Orizzonti di liquidità differenziati per tipologia di prodotto Definizione netta del confine tra trading book e banking book e limiti al trasferimento delle posizioni in essere tra i due book Nuovo Metodo standard (SBA) Nuovo Modello Interno Trading / Banking Book Aumento capitale assorbito Aumento Costi Computazionali: SBA Passaggio da VaR a Expected Shortfall Definizione limiti tra trading book e banking book 7

8 Active Management I principali impatti Focus on SIMM La nuova normativa sullo Standard Initial Margin Model ( SIMM ) introduce le seguenti novità, relativamente ai derivati Over The Counter ( OTC ): Obbligo di Clearing con controparti centrali ( CCP ) Derivati OTC Derivati Standard Derivati Non Standard Obbligo non previsto per i derivati su tasso di cambio con settlement fisico I titoli accettati come collateral dalle CCP devono essere prontamente liquidabili e stabili Obbligo di scambio dei margini (sia iniziali che di variazione) Aumento impiego di liquidità Obbligo non previsto per i derivati su tasso di cambio con settlement fisico Aumento costi di funding 8 I titoli postati come collateral devono essere prontamente liquidabili e stabili Aumento Costi Computazionali : SBA

9 Agenda Introduzione Active management I principali Impatti Active management Le innovazioni Active management Un caso reale Conclusioni 9

10 Active Management Punto di Partenza I principali operatori di mercato stanno operando una trasformazione dall attuale gestione definita passiva delle metriche di rischio, degli indicatori contabili e delle misure di capitale verso un integrazione delle esigenze di business con quelle regolamentari Questo percorso è finalizzato all Active Management: Avantage Reply ritiene che esso debba essere adottato da tutte le istituzioni finanziarie 10

11 Active Management Le innovazioni Innovazioni organizzative: il sistema distribuito L evoluzione dei mercati finanziari e l introduzione di normative sempre più stringenti, che definiscono approcci avanzati per il calcolo dei rischi operativi, creditizi e di mercato, ha condotto le istituzioni bancarie ad una necessaria riorganizzazione del sistema organizzativo bancario. Desk specializzati Gestione distribuita dell organizzazione KVA desk MVA desk Collateral desk Sales-force Clienti CVA desk Risk Adjusted Price LVA desk FVA Desk Initial Margin desk 11

12 Active Management Le innovazioni Innovazioni organizzative: il sistema accentrato Una delle soluzioni adottate dagli istituti bancari per far fronte ai continui cambiamenti richiesti si concretizza nella volontà di evolvere il sistema organizzativo distribuito verso un sistema di gestione centralizzato con l ausilio di soluzioni tecnologicamente avanzate xva Desk Gestione accentrata dell organizzazione Risk Adjusted Price Sales-force Clienti LVA MVA FVA CVA/ DVA KVA 12

13 Ratio CPU Time Active Management Le innovazioni Innovazioni modellistiche: Adjoint Algorithmic Differentiation In un mercato costituito da elevati volumi e margini molto ridotti la capacità di produrre misure di rischio (sensitivity) in real time è diventata rapidamente una dei fattori chiave di successo nella gestione efficiente del trading book Il metodo degli aggiunti, Adjoint Algorithmic Differentiation, rappresenta una nuova tecnica sviluppata dall industria finanziaria per incrementare l efficienza del calcolo delle sensitivity Aspetti Principali Impatti del metodo degli aggiunti Maggiore accuratezza e robustezza rispetto alle differenze finite AAD (Calibration) AAD (Total) Elevata rapidità nel calcolo 20 Full Revaluation Calcolo sensitivity più rapido del calcolo di pricing Non richiede investimenti (i.e., GPUs e FGPAs) # Sensitivity 13

14 Active Management Le innovazioni Innovazioni modellistiche: Risk-adjusted World vs. Real World Per la compliance a Basilea III, per ogni deal incluso nel trading book è necessario stimare il capital charge per coprire le perdite inattese, stimate sulla base della misura di probabilità physical. È oggi molto pressante la necessità di sviluppare ed integrare nuovi modelli, che si basano su ipotesi differenti rispetto a quelli usati dal front-office. Risk-adjusted Measure Real Word Measure Stima del Risk-adjusted price Stima del capitale regolamentare Calcolo dell NPV arbitrage-free Gestione del rischio ed in particolare per la stima delle perdite attese e della probabilità di default Modelli risk-adjusted consistenti con le aspettative del mercato Calibrazione del modello su strumenti derivati quotati dal mercato Modelli realistici consistenti con la distribuzione storica dei dati di mercato Calibrazione del modello su dati storici Coerenza con le scelte di business della banca Coerenza con le indicazioni fornite dal regolatore 14

15 Active Management Le innovazioni Innovazioni tecnologiche: Big Data Oggigiorno le istituzioni finanziare e gli operatori di mercato hanno la necessità di gestire un Volume di dati elevato, con una maggiore Velocità computazionale senza, tuttavia, poter tralasciare la Veridicità dei risultati ottenuti FVA KVA 15

16 Active Management Le innovazioni Innovazioni tecnologiche: Block chain & Smart contract Per mitigare i costi legati alle sempre più stringenti richieste del Regulator alcuni player finanziari stanno cercando di riconsiderare il processo di gestione dei prodotti collaterallizzati adottando tecnologie innovative e di frontiera come la Block Chain e gli Smart Contract BLOCK CHAIN: consente lo scambio di informazioni in tempo reale garantendo a tutti gli owner del processo di validazione di un operazione, di avere le informazioni in sequenza successiva, una volta validate dal precedente owner. WALLET Input manuale De-centralizzato Self-financing Sicuro MINERS Validazione automatica Disponibile 24h/7g Pubblico Anonimo Open source 16 SMART CONTRACT: possono essere considerati come una block chain, il cui Wallet viene attivato automaticamente all avverarsi di un predefinito evento e non manualmente

17 Agenda Introduzione Active management I principali Impatti Active management Le innovazioni Active management Un caso reale Conclusioni 17

18 Active Management Un caso reale Una piattaforma integrata: il calcolo delle metriche Avantage Reply sta affiancando un importante banca di investimento nell implementazione di un applicativo completamente integrato con gli altri sistemi della Banca e che consente di calcolare tutte le misure di aggiustamento al fair value e di assorbimento di Capitale. Il modello adottato è semi-accentrato; ossia la piattaforma è unica, ma vi sono diversi desk che rispondono ad un unico responsabile Utenti 4 GPU Trader Sales 1 6 xva Desk Piattaforma- Output 5 Piattaforma Database 2 Librerie finanziarie 3 Strutturatori Risk Adjusted Price LVA MVA FVA misure di aggiustamento al fair value sensitivity misure di capitale 3 GRID CVA/ DVA KVA 4 Legenda 1 Gli utenti inseriscono il deal nei sistemi di front- office; il deal viene inviato alla piattaforma 2 La piattaforma invia il deal o il portafoglio di deal alle librerie finanziarie 3 Le libreria utilizzano la GRID per effettuare i calcoli delle misure di rischio Una volta calcolate le misure di rischio, queste vengono inviate alla piattaforma tramite le GPU 5 I desk visualizzano gli output in piattaforma e, ognuno per la sua misura di competenza, li approvano 6 Gli utenti possono concludere il deal, includendo tutte le misure di aggiustamento al fair value e di rischio

19 Agenda Introduzione Active management I principali Impatti Active management Le innovazioni Active management Un caso reale Conclusioni 19

20 Costi Risparmi Conclusioni Il futuro è l Active Management La risposta alle nuove spinte regolamentari non è il semplice Reporting Regolamentare ma l Active Management: Avantage Reply ritiene che l elaborazione in real-time di un numero elevato di dati possa consentire al front-office di stipulare deal più redditizi per la Banca. Modello di business attuale Modello di business futuro Active Active Management Prospettive future nel modello di business A Modifiche nella modalità di Reporting Regolamentare da integrare obbligatoriamente Bassa integrazione Risk Front office A C B Alta integrazione Risk Front office B Inclusione di alcuni Indicatori regolamentari in pre-deal analysis Legenda Livello di complessità integrazione Reporting Regolamentare C Utilizzo mix di indicatori gestionali e regolamentari nelle scelte gestionali 20

21 Grazie per l attenzione Giorgio Pavia Senior Manager Via Castellanza, Milano- ITALY phone: mobile: ly/

Basilea 3, CRD4 e Banking Union

Basilea 3, CRD4 e Banking Union Basilea 3, CRD4 e Banking Union Dove siamo oggi, dove saremo domani? Rischio di Mercato: quali novità sul Trading Book I cambiamenti per le banche a Modello Interno Roma 4 Dicembre 2012 Rita Gnutti Head

Dettagli

Percorso formativo blended BASILEA 3: IL NUOVO FRAMEWORK DI VIGILANZA PRUDENZIALE E GLI IMPATTI PER LE BANCHE

Percorso formativo blended BASILEA 3: IL NUOVO FRAMEWORK DI VIGILANZA PRUDENZIALE E GLI IMPATTI PER LE BANCHE Percorso formativo blended BASILEA 3: IL NUOVO FRAMEWORK DI VIGILANZA PRUDENZIALE E GLI IMPATTI PER LE BANCHE Fase a distanza DA BASILEA 2 A BASILEA 3: COSA CAMBIA Fase in aula a Milano dal 29 al 31 ottobre

Dettagli

Convegno ABI Basilea 3 2013 Sessione parallela Rischio di Mercato e IRC. Rischio di mercato: la revisione del framework prudenziale

Convegno ABI Basilea 3 2013 Sessione parallela Rischio di Mercato e IRC. Rischio di mercato: la revisione del framework prudenziale Convegno ABI Basilea 3 2013 Sessione parallela Rischio di Mercato e IRC Rischio di mercato: la revisione del framework prudenziale Christian Mahlknecht Servizio Normativa e politiche di vigilanza Roma,

Dettagli

REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS

REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS Mariakatia Di Staso Banca d Italia Regolamentazione e Analisi Macroprudenziale Unione Bancaria e Basilea 3 Risk and Supervision 2015 Roma, 23 giugno 2015 1 Agenda

Dettagli

La trasversalità della funzione di convalida interna, applicata al framework complessivo del Credit e del Counterparty Risk

La trasversalità della funzione di convalida interna, applicata al framework complessivo del Credit e del Counterparty Risk La trasversalità della funzione di convalida interna, applicata al framework complessivo del Credit e del Counterparty Risk Milano, 14 febbraio 2012 Group Internal Validation UniCredit CRO AGENDA Overview

Dettagli

26 e 27 giugno. Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti

26 e 27 giugno. Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti 26 e 27 giugno Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti 1 SCHEMA DI SINTESI MARTEDÌ 23 MATTINA (9.15 13.00) SESSIONE PLENARIA DI APERTURA SUPERVISIONE E RISCHI: DENTRO LA VIGILANZA UNICA Giovanni Sabatini,

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 3 al 31 marzo 2014 Introduzione A partire dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova disciplina per le banche e le imprese di investimento che ha

Dettagli

Il rischio nei finanziamenti collateralizzati. Convegno ABI BASILEA 3-2013

Il rischio nei finanziamenti collateralizzati. Convegno ABI BASILEA 3-2013 Il rischio nei finanziamenti collateralizzati Convegno ABI BASILEA 3-2013 28 giugno 2013 Agenda 1. Il contesto 2. 3. Limiti e linee di sviluppo 2 Il contesto Cresce l utilizzo del collateral Il contesto

Dettagli

26 e 27 giugno. Convegno Annuale

26 e 27 giugno. Convegno Annuale e 26 e 27 giugno Convegno Annuale 1 SCHEMA DI SINTESI MARTEDÌ 26 MATTINA SESSIONE PLENARIA DI APERTURA CAPITALE E REDDITIVITA : PROSPETTIVE PER IL SISTEMA BANCARIO Giovanni Sabatini, ABI MARTEDÌ 26 POMERIGGIO

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 3 al 30 settembre 2014 Introduzione A partire dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova disciplina per le banche e le imprese di investimento che

Dettagli

Relazioni ed interdipendenze tra RAF, ICAAP e Pianificazione Strategica. Rossano Giuppa

Relazioni ed interdipendenze tra RAF, ICAAP e Pianificazione Strategica. Rossano Giuppa Relazioni ed interdipendenze tra RAF, ICAAP e Pianificazione Strategica Rossano Giuppa 9 aprile 2015 Giornata di Alto Aggiornamento UNIONE EUROPEA E BASILEA 3 Nuova Vigilanza Europea Le lezioni gestionali

Dettagli

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2012-2013 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2012-2013 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI SSD: SECSP/011 CORSO DI LAUREA: INTERMEDIARI FINANZA INTERNAZIONALE E RISK MANAGEMENT CFU: 9 cfu ANNO

Dettagli

Basilea III. Aprile 2013

Basilea III. Aprile 2013 Basilea III Aprile 2013 Basiela I, II, III,. 2 Basilea I 1988 Basilea II 2006 Basilea III 2013 Risposta del Comitato di Basilea alla crisi finanziaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria 3 Il

Dettagli

Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo

Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo Roma, 27 giugno 2012 Tullio Lucca Head of Risk Integration & Capital Adequacy Agenda Pillar II

Dettagli

DOCENTE: Prof.ssa Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI CFU: 9 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE

DOCENTE: Prof.ssa Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI CFU: 9 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE DOCENTE: Prof.ssa Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI SSD: SECSP/011 CORSO DI LAUREA: INTERMEDIARI FINANZA INTERNAZIONALE E RISK MANAGEMENT CFU: 9

Dettagli

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche ROBERTO RIZZO 21 NOVEMBRE 2014 MILANO Agenda Premessa

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014 Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale La nuova normativa di vigilanza prudenziale si basa, in linea con

Dettagli

Gli impatti pratici della normativa Basilea III, CRD IV e altre modifiche regolamentari sul Rischio di Controparte

Gli impatti pratici della normativa Basilea III, CRD IV e altre modifiche regolamentari sul Rischio di Controparte Gli impatti pratici della normativa Basilea III, CRD IV e altre modifiche regolamentari sul Rischio di Controparte QFIN LAB 14 Febbraio2012 Rita Gnutti Direzione Risk Management Responsabile Modello Interno

Dettagli

Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it

Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it Risk management, gestione del capitale e controlli interni Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it Agenda 1. INTRODUZIONE 2. PRINCIPALI TIPOLOGIE DI RISCHIO 2.1 Il Rischio di Credito

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

Orientamenti. sull elenco minimo degli indicatori qualitativi e quantitativi dei piani di risanamento EBA/GL/2015/02 23.07.2015

Orientamenti. sull elenco minimo degli indicatori qualitativi e quantitativi dei piani di risanamento EBA/GL/2015/02 23.07.2015 EBA/GL/2015/02 23.07.2015 Orientamenti sull elenco minimo degli indicatori qualitativi e quantitativi dei piani di risanamento 1 Indice 1. Orientamenti ABE sull elenco minimo degli indicatori qualitativi

Dettagli

Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena

Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena Le imprese europee risulteranno più colpite delle imprese statunitensi? Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena Da Basilea II a Basilea III Basilea II

Dettagli

Marzo 2015. Fundamental Review of the Trading Book. Analisi d impatto sul nuovo metodo standard.

Marzo 2015. Fundamental Review of the Trading Book. Analisi d impatto sul nuovo metodo standard. Marzo 2015 Fundamental Review of the Trading Book. Analisi d impatto sul nuovo metodo standard. Alberto Capizzano, Senior Manager, Massimiliano Toto, Manager, Nicola Boscolo Berto, Senior Consultant, Valentina

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

COME CAMBIA LA VALUTAZIONE DEL CREDITO IN OTTICA BASILEA IN UN CONTESTO DI CRISI

COME CAMBIA LA VALUTAZIONE DEL CREDITO IN OTTICA BASILEA IN UN CONTESTO DI CRISI COME CAMBIA LA VALUTAZIONE DEL CREDITO IN OTTICA BASILEA IN UN CONTESTO DI CRISI Mauro Senati Chief Risk Officer Gruppo UBI IX Convention AIFIRM, Milano 19 Novembre 2013 1 Agenda Il contesto Gli effetti

Dettagli

Classificazione tipologie di rischio

Classificazione tipologie di rischio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Classificazione tipologie di rischio Corso di Risk Management Milano, 27 Febbraio 2008 1 Rischi impliciti nell attività bancaria RISCHIO DI CREDITO

Dettagli

Crediti in sofferenza e crisi bancarie

Crediti in sofferenza e crisi bancarie Crediti in sofferenza e crisi bancarie ISTITUTO PER L ALTA FORMAZIONE E LE ATTIVITA EDUCATIVE (I.P.E.) Napoli, 11 dicembre 2015 Giuseppe Boccuzzi Agenda 1. Crisi bancarie e business model delle banche

Dettagli

Regole sulla liquidità. I recenti aggiornamenti su LCR e NSFR e le prospettive future

Regole sulla liquidità. I recenti aggiornamenti su LCR e NSFR e le prospettive future Regole sulla liquidità. I recenti aggiornamenti su LCR e NSFR e le prospettive future Gianluca Trevisan Banca d Italia Supervisione Gruppi Bancari I Roma, 28 febbraio 2014 1 Perché una regolamentazione

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

HYPO ALPE-ADRIA-BANK

HYPO ALPE-ADRIA-BANK HYPO ALPE-ADRIA-BANK INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo pilastro di Basilea 3 Al 31 dicembre 2014 (Circ. n. 285 del 17 dicembre 2013) 1 Informativa al pubblico Dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

Rischio & Rendimento Italia 2010 25 Novembre 2010, Milano

Rischio & Rendimento Italia 2010 25 Novembre 2010, Milano 08:20 Registrazione e rinfresco di benvenuto Rischio & Rendimento Italia 2010 25 Novembre 2010, Milano 08.50 Saluto del Presidente e considerazioni di apertura 09:00 Keynote: La crisi del debito nell Eurozona:

Dettagli

GRUPPO BANCA LEONARDO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31.12.2014

GRUPPO BANCA LEONARDO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31.12.2014 GRUPPO BANCA LEONARDO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31.12.2014 pag. 1 di 81 INDICE 1. PREMESSA... 4 2. DEFINIZIONI... 4 3. ARTICOLO 435: OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO... 5 3.1 Rischio di mercato...

Dettagli

L auto-valutazione dell ICAAP alla prova dei fatti: dalla teoria alla pratica

L auto-valutazione dell ICAAP alla prova dei fatti: dalla teoria alla pratica L auto-valutazione dell ICAAP alla prova dei fatti: dalla teoria alla pratica Fabio Salis Roma, 4 Giugno 2009 Agenda Cosa vi avevamo raccontato... Le funzioni aziendali coinvolte nel processo ICAAP Il

Dettagli

DA BASILEA 2 A BASILEA 3:

DA BASILEA 2 A BASILEA 3: DA BASILEA 2 A BASILEA 3: GLI EFFETTI SULLE BANCHE E SUL CREDITO MARCO GIORGINO ORDINARIO DI FINANZA, POLITECNICO DI MILANO MARCO.GIORGINO@POLIMI.IT Milano, 8 ottobre 2010 AGENDA Da Basilea 2 a Basilea

Dettagli

Programma Rating e Credit Risk Management

Programma Rating e Credit Risk Management Programma Rating e Credit Risk Management 20-24 maggio 2013 PROGRAMMA Copyright 2012 SDA Bocconi, Milano Lunedì, 20 maggio 2013 Il quadro regolamentare e le metodologie di rating 09.30 10.45 Andrea Sironi

Dettagli

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Modena, 4 ottobre 2008 Michele Campanardi Vice Direttore Divisione Corporate michele.campanardi@bper.it

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 3 Informativa al pubblico

Terzo Pilastro di Basilea 3 Informativa al pubblico Terzo Pilastro di Basilea 3 Informativa al pubblico al 31 dicembre 2014 Patrimonio BancoPosta Terzo Pilastro di Basilea 3 - Informativa al pubblico 1 2 INDICE INTRODUZIONE... 5 Note esplicative sull informativa

Dettagli

Paragrafo 1 Requisito informativo generale

Paragrafo 1 Requisito informativo generale Paragrafo 1 Requisito informativo generale Informativa qualitativa Premessa Il Gruppo si è dotato di un sistema di governo e controllo dei rischi articolato nelle diverse funzioni organizzative coinvolte,

Dettagli

Fattori di rischio e incertezza

Fattori di rischio e incertezza Fattori di rischio e incertezza 39 PREMESSA Nel 2014 la controllante Snam S.p.A. ha istituito, alle dirette dipendenze dell Amministratore Delegato, l unità Enterprise Risk Management (ERM), al fine di

Dettagli

TECNICHE DI RISK MITIGATION SOTTO L EMIR, IRISVOLTILEGALI: FRAMEWORK GENERALE E CONSIGLI PRATICI

TECNICHE DI RISK MITIGATION SOTTO L EMIR, IRISVOLTILEGALI: FRAMEWORK GENERALE E CONSIGLI PRATICI 15 Settembre 2014 TECNICHE DI RISK MITIGATION SOTTO L EMIR, IRISVOLTILEGALI: FRAMEWORK GENERALE E CONSIGLI PRATICI Avv. CARMINE ONCIA Milano Roma Bruxelles SOMMARIO EMIR AMBITO APPLICATIVO TECNICHE DI

Dettagli

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Milano, 10 07 2013 1. Che cosa è il Risk Appetite? 2. Il processo di Risk Appetite

Dettagli

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2013-2014 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2013-2014 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI SSD: SECSP/011 CORSO DI LAUREA: INTERMEDIARI FINANZA INTERNAZIONALE E RISK MANAGEMENT CFU: 9 cfu ANNO

Dettagli

Il patrimonio netto contabile e i Fondi propri (patrimonio di vigilanza)

Il patrimonio netto contabile e i Fondi propri (patrimonio di vigilanza) Il patrimonio netto contabile e i Fondi propri (patrimonio di vigilanza) 1 Agenda Il patrimonio netto contabile Elementi che compongono il patrimonio netto contabile Principali novità introdotte dagli

Dettagli

Introduzione alla gestione del rischio di controparte e liquidità. Aldo Nassigh 27 Settembre 2010

Introduzione alla gestione del rischio di controparte e liquidità. Aldo Nassigh 27 Settembre 2010 Introduzione alla gestione del rischio e liquità Aldo Nassigh 27 Settembre 2010 Il rischio : definizione Rischio Controparte Rischio creto dovuto alle alle operazioni in in derivati con con controparti

Dettagli

Sviluppi normativi e rischi di mercato: da Basilea 2.5 alla Fundamental Review Of Trading Book

Sviluppi normativi e rischi di mercato: da Basilea 2.5 alla Fundamental Review Of Trading Book Sviluppi normativi e rischi di mercato: da Basilea 2.5 alla Fundamental Review Of Trading Book Roma 27 giugno 2013 Demetrio Maffei Direzione Risk Management Modello Interno Rischi di Mercato Agenda 1.

Dettagli

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

DEFINIO REPLY BACKTESTING

DEFINIO REPLY BACKTESTING DEFINIO REPLY BACKTESTING La piattaforma Definio Reply può essere utilizzata come strumento di supporto per l implementazione del processo di Backtesting, inteso come metodologia per misurare il carattere

Dettagli

Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014. Francesca Mattassoglio

Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014. Francesca Mattassoglio Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014 Francesca Mattassoglio La crisi economico finanziaria La crisi bancaria del 2007 - il contesto socio economico in cui matura; - la scintilla mutui americani

Dettagli

RISCHIO DI LIQUIDITÀ E DI CONTROPARTE: INTERCONNESSIONI E PROBLEMATICHE OPERATIVE

RISCHIO DI LIQUIDITÀ E DI CONTROPARTE: INTERCONNESSIONI E PROBLEMATICHE OPERATIVE RISCHIO DI LIQUIDITÀ E DI CONTROPARTE: INTERCONNESSIONI E PROBLEMATICHE OPERATIVE Intervento: Dr. Francesco Germini - Resp. Segreteria Tecnica e Middle Office ICCREA BANCA Dr. Massimo Proietti Resp. Soluzioni

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale Informativa qualitativa Premessa Il Gruppo si è dotato di un sistema di governo e controllo dei rischi articolato nelle diverse funzioni organizzative coinvolte,

Dettagli

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager Chief Risk Officer La nuova agenda degli impegni per il risk manager Corrado Meglio Vice Presidente AIFIRM Responsabile Risk Management Banca di Credito Popolare Steering Committee PRMIA Italy 1 Le banche

Dettagli

Il terzo pilastro: l informativa al pubblico

Il terzo pilastro: l informativa al pubblico : l informativa al pubblico Ø Il c.d. terzo pilastro dell accordo di Basilea (Basilea II) ha introdotto obblighi di informativa al pubblico riguardanti l adeguatezza patrimoniale, l esposizione ai rischi

Dettagli

ANALISI REGOLAMENTI DERIVATI OTC, TRADE REPOSITORY E CCP

ANALISI REGOLAMENTI DERIVATI OTC, TRADE REPOSITORY E CCP ANALISI REGOLAMENTI DERIVATI OTC, TRADE REPOSITORY E CCP A seguire, suddiviso per numero regolamento, l analisi di sintesi dei regolamenti pubblicati sulla gazzetta ufficiale dell Unione Europea. Regolamento

Dettagli

Market e Funding Liquidity Risk nella prospettiva delle autorità di supervisione

Market e Funding Liquidity Risk nella prospettiva delle autorità di supervisione Market e Funding Liquidity Risk nella prospettiva delle autorità di supervisione Basilea 2 e Crisi Finanziaria Roma, 4 giugno 2009 Giovanni Pepe Servizio Supervisione Gruppi Bancari Outline Cosa è capitato

Dettagli

Introduzione ai temi della sessione

Introduzione ai temi della sessione Rischio di liquidità Introduzione ai temi della sessione Andrea Resti, università Bocconi andrearesti andrea.resti@unibocconi.it 2 Traccia di questa presentazione Le nuove regole nella CRR, tra progressi

Dettagli

Le nuove regole di vigilanza: un analisi critica

Le nuove regole di vigilanza: un analisi critica Le nuove regole di vigilanza: un analisi critica Andrea Resti carefin@unibocconi.it The Regulatory Tsunami* Luglio 2009 Dicembre 2009 Rischi di mercato: stressed VaR e IR charge Nuove regole su (ri)cartolarizzazioni

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Informativa al Pubblico Pillar 3 al 31 marzo 2014 1 Società cooperativa per azioni Sede Legale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8 Sedi Operative: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8; Brescia, Via Cefalonia

Dettagli

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 Informativa al pubblico sui requisiti patrimoniali individuali al 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 INFORMATIVA

Dettagli

Equita SIM S.p.A. pubblica la presente Informativa al Pubblico sul proprio sito internet www.equitasim.it

Equita SIM S.p.A. pubblica la presente Informativa al Pubblico sul proprio sito internet www.equitasim.it INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2012 Introduzione Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo III, Capitolo 1), del 24 ottobre 2007, introduce

Dettagli

Convegno CAREFIN. Struttura del funding delle banche e asset encumbrance: il punto di vista di un risk manager. Milano - 31 Gennaio 2013

Convegno CAREFIN. Struttura del funding delle banche e asset encumbrance: il punto di vista di un risk manager. Milano - 31 Gennaio 2013 Struttura del funding delle banche e asset encumbrance: il punto di vista di un risk manager Convegno CAREFIN Milano - 31 Gennaio 2013 Davide Alfonsi Resp. Direzione Risk Management, Intesa Sanpaolo Agenda

Dettagli

Uno sguardo al mondo esterno

Uno sguardo al mondo esterno Uno sguardo al mondo esterno Gerardo Rescigno 2009 2 In quale contesto ci stiamo muovendo Riduzione della redditività delle Banche e forte orientamento alla selettività Debolezza dell economia domestica

Dettagli

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale : il processo di controllo prudenziale! Il processo di controllo prudenziale (Supervisory Review Process SRP) si articola in due fasi integrate! La prima è rappresentata dal processo interno di determinazione

Dettagli

IL CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA FINASS NELL'AMBITO DELLE ULTERIORI ATTIVITA' FORMATIVE HA ORGANIZZATO I SEGUENTI CORSI A.A.

IL CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA FINASS NELL'AMBITO DELLE ULTERIORI ATTIVITA' FORMATIVE HA ORGANIZZATO I SEGUENTI CORSI A.A. IL CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA FINASS NELL'AMBITO DELLE ULTERIORI ATTIVITA' FORMATIVE HA ORGANIZZATO I SEGUENTI CORSI A.A. 2013-14 PERCORSO FINANZA 1. Banche, Liquidità e Mercato dei Tassi di Interesse.

Dettagli

AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 19/2014

AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 19/2014 AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 19/2014 del 23 maggio 2014 1) Poteri dell EIOPA e dell ESMA: pubblicata in Gazzetta Ufficiale dell Unione Europa la Direttiva 2014/51/UE 2) CRR e CRD IV: pubblicate in Gazzetta

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 3 Informativa al pubblico al 30 giugno 2014

Terzo Pilastro di Basilea 3 Informativa al pubblico al 30 giugno 2014 Terzo Pilastro di Basilea 3 Informativa al pubblico al 30 giugno 2014 Banca Nazionale del Lavoro SpA - Iscritta all Albo delle banche e capogruppo del gruppo bancario BNL iscritto all Albo dei gruppi bancari

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

Paragrafo 1 Requisito informativo generale

Paragrafo 1 Requisito informativo generale Paragrafo 1 Requisito informativo generale Informativa qualitativa Premessa Il Gruppo si è dotato di un sistema di governo e controllo dei rischi articolato nelle diverse funzioni organizzative coinvolte,

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Informativa al Pubblico Pillar 3 Aggiornamento al 31 Dicembre 2012 Informativa al Pubblico Pillar 3 Aggiornamento al 31 Dicembre 2012 4 Banca Monte dei Paschi di Siena SpA Sede Sociale in Siena, Piazza

Dettagli

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Seminario di confronto tra il settore bancario e l attività immobiliare Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Intervento di Andrea Ragaini Direttore Centrale GRUPPO BANCA CARIGE

Dettagli

UBI BANCA. Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Commissione Finanza e Tesoro del Senato

UBI BANCA. Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Commissione Finanza e Tesoro del Senato UBI BANCA Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Commissione Finanza e Tesoro del Senato 21 Aprile 2015 Il Contesto Normativo Europeo CONCETTUALE In

Dettagli

ADEGUATEZZA PATRIMONIALE Informativa al pubblico Maggio 2015

ADEGUATEZZA PATRIMONIALE Informativa al pubblico Maggio 2015 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE Informativa al pubblico Maggio 2015 1/75 SOMMARIO 1 - OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO (ART. 435 CRR)... 4 1.1 INTRODUZIONE... 4 1.2 RISCHIO DI CREDITO E CONTROPARTE...

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Il trattamento del rischio di credito di controparte in Basilea 3: domande frequenti

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Il trattamento del rischio di credito di controparte in Basilea 3: domande frequenti Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Il trattamento del rischio di credito di controparte in Basilea 3: domande frequenti Novembre 2011 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

GRUPPO BANCA LEONARDO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31.12.2013 AI SENSI DELLA CIRCOLARE BANCA D ITALIA N 263/2006 TITOLO IV CAPITOLO 1

GRUPPO BANCA LEONARDO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31.12.2013 AI SENSI DELLA CIRCOLARE BANCA D ITALIA N 263/2006 TITOLO IV CAPITOLO 1 GRUPPO BANCA LEONARDO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31.12.2013 AI SENSI DELLA CIRCOLARE BANCA D ITALIA N 263/2006 TITOLO IV CAPITOLO 1 INDICE 1 PREMESSA... 4 2 TAVOLA 1: REQUISITO INFORMATIVO GENERALE...

Dettagli

Il trasferimento del rischio operativo mediante polizze assicurative

Il trasferimento del rischio operativo mediante polizze assicurative Il trasferimento del rischio operativo mediante polizze assicurative Roma, 27 giugno 2013 La gestione dei rischi operativi La gestione dei rischi operativi può essere realizzata attraverso differenti strategie,

Dettagli

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Giordano Villa Managing Director Chief Credit Officer Italy 31 st May 2011 La quantità di impieghi che le banche possono erogare dipende

Dettagli

Progetto DAP Database delle Abitudini di Pagamento

Progetto DAP Database delle Abitudini di Pagamento Progetto DAP Database delle Abitudini di Pagamento Antonio De Martini Presidente Associazione Italiana per il Factoring (Assifact) Milano, 23 giugno 2009 Indice Le informazioni sulle abitudini di pagamento

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO DA PARTE DEGLI ENTI PILLAR 3 GRUPPO CARISMI SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2015

INFORMATIVA AL PUBBLICO DA PARTE DEGLI ENTI PILLAR 3 GRUPPO CARISMI SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2015 INFORMATIVA AL PUBBLICO DA PARTE DEGLI ENTI PILLAR 3 GRUPPO CARISMI SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2015 1 INTRODUZIONE... 3 OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO-ART.435 CAPITAL REQUIREMENTS REGULATION.

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Carate Brianza. Informativa al Pubblico (Basilea II) Situazione al 31 dicembre 2013

Banca di Credito Cooperativo di Carate Brianza. Informativa al Pubblico (Basilea II) Situazione al 31 dicembre 2013 Banca di Credito Cooperativo di Carate Brianza Informativa al Pubblico (Basilea II) Situazione al 31 dicembre 2013 Sommario Tavola 1 - Requisito informativo generale...5 Informativa qualitativa...5 Tavola

Dettagli

Un new deal per il liquidity pricing

Un new deal per il liquidity pricing Un new deal per il liquidity pricing Pasquale La Ganga Banca d Italia Dipartimento di Vigilanza Bancaria e Finanziaria Ispettorato Vigilanza - Corpo ispettivo Università La Sapienza di Roma Roma, 28 febbraio

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle famiglie 2007 Sessione Parallela A2 L efficienza nel credito

Dettagli

BANCA DEL FUCINO III PILASTRO

BANCA DEL FUCINO III PILASTRO BANCA DEL FUCINO III PILASTRO Informativa al pubblico al 31.12.2014 INDICE Premessa... 3 Tavola 1: Requisito informativo generale... 5 Informativa qualitativa... 5 Tavola 2: Ambito di applicazione... 25

Dettagli

Informativa al pubblico Pillar 3

Informativa al pubblico Pillar 3 Informativa al pubblico Pillar 3 Situazione al 31-12-2012 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 5 2. RISCHIO DI CREDITO: INFORMAZIONI GENERALI... 9 3. RISCHIO DI CREDITO: INFORMAZIONI

Dettagli

Confidi 107 e Fondi Statali di Garanzia: aspetti della circolare 263 e le simulazioni di impatto verso Basilea 3

Confidi 107 e Fondi Statali di Garanzia: aspetti della circolare 263 e le simulazioni di impatto verso Basilea 3 Confidi 107 e Fondi Statali di Garanzia: aspetti della circolare 263 e le simulazioni di impatto verso Basilea 3 Pietro Ceolin Responsabile Servizio Rischi di Credito Area Risk Management UBI Banca scpa

Dettagli

I potenziali impatti del nuovo IFRS 9 sul trading book. Roma, 4 dicembre 2012

I potenziali impatti del nuovo IFRS 9 sul trading book. Roma, 4 dicembre 2012 sul trading book Roma, 4 dicembre 2012 AGENDA I PROGETTI DI REVISIONE DELLO IAS 39 CLASSIFICAZIONE E MISURAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI NEL NUOVO IFRS9 LA REVISIONE DEL PERIMETRO DEL TRADING BOOK IN

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2)

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2) INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2) Aprile 2009 INTRODUZIONE La normativa emanata dalla Banca d Italia

Dettagli

Ipotesi di implementazione. riskart Collateral Management (rcm) e. riskart Smart Tools (rst) Aggiornamento offerta

Ipotesi di implementazione. riskart Collateral Management (rcm) e. riskart Smart Tools (rst) Aggiornamento offerta Ipotesi di implementazione riskart Collateral Management (rcm) e riskart Smart Tools (rst) Aggiornamento offerta Modello riskart Copyright riskart srl 2014 - All rights reserved Pagina 1 di 10 Sommario

Dettagli

L equilibrio finanziario della banca (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014

L equilibrio finanziario della banca (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 L equilibrio finanziario della banca (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 Liquidity stress test: gli approcci Liquidity stress test : utilizzato per

Dettagli

Banca Finint Informativa al pubblico 31/12/2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO 31/12/2014

Banca Finint Informativa al pubblico 31/12/2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO 31/12/2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO 31/12/2014 1 Sommario INTRODUZIONE... 3 OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO (Art. 435 CRR)... 4 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art.436 CRR)... 13 FONDI PROPRI (Artt. 437 e 492

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

Agenda di SIA-EAGLE Clients & Friends

Agenda di SIA-EAGLE Clients & Friends L offerta MiFID per la Compliance dei processi di negoziazione, gestione cliente, monitoraggio e controllo [D. Traversa, Responsabile Marketing Divisione Capital Markets] Milano, 20/09/2007 sia ssb 2007

Dettagli

Comitato Solvency II Stato dell arte del progetto Solvency II per le assicurazioni vita e danni

Comitato Solvency II Stato dell arte del progetto Solvency II per le assicurazioni vita e danni Comitato Solvency II Stato dell arte del progetto Solvency II per le assicurazioni vita e danni Francesco Cuzzucrea Salvatore Forte Roma, 6 giugno 2013 Agenda Il Comitato Solvency II dell ONA La Funzione

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 VALORIZZATO IL RUOLO DI BANCA COMMERCIALE RADICATA SUL TERRITORIO, PUNTO DI

Dettagli

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI Massimo Pacella Dottore Commercialista Revisore Contabile Relazione Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo I CONFIDI alleati delle PMI Premessa Il 26 giugno

Dettagli

La negoziazione di strumenti finanziari non si esaurisce con l esecuzione di contratti sul

La negoziazione di strumenti finanziari non si esaurisce con l esecuzione di contratti sul LE NOVITA NEL SISTEMA DI POST-TRADING Le Novità nel sistema di post-trading La negoziazione di strumenti finanziari non si esaurisce con l esecuzione di contratti sul mercato tramite l abbinamento di ordini

Dettagli

L APPROCCIO ATTUARIALE PER LA GESTIONE DEI RISCHI ECONOMICO-FINANZIARI E COME SUPPORTO DELLE AZIONI DI GOVERNANCE

L APPROCCIO ATTUARIALE PER LA GESTIONE DEI RISCHI ECONOMICO-FINANZIARI E COME SUPPORTO DELLE AZIONI DI GOVERNANCE L APPROCCIO ATTUARIALE PER LA GESTIONE DEI RISCHI ECONOMICO-FINANZIARI E COME SUPPORTO DELLE AZIONI DI GOVERNANCE Stefano Visintin Studio Attuariale Visintin & Associati SAVA S.r.l. INDICE DEGLI ARGOMENTI

Dettagli

IAS/IFRS: le implicazioni per il credit risk management

IAS/IFRS: le implicazioni per il credit risk management IAS/IFRS: le implicazioni per il credit risk management Fabio Arnaboldi - Francesco Saita Convegno IAS/IFRS e imprese bancarie Università Bocconi-FITD, 8 aprile 2005 Introduzione Il credit risk management

Dettagli

www.bancopopolare.it Informativa al Pubblico Pillar III

www.bancopopolare.it Informativa al Pubblico Pillar III www.bancopopolare.it Informativa al Pubblico Pillar III Dati riferiti al 31 dicembre 2012 Informativa al Pubblico Pillar III Dati riferiti al 31 dicembre 2012 Indice Introduzione...............................................

Dettagli