,9% Premi 2010 INFORTUNI 7% ENGINEERING 7% CREDITO 5% MARINE 4%

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "50.000 45.000 40.000 35.000 30.000 25.000 20.000 15.000 10.000 5.000 12,9% Premi 2010 INFORTUNI 7% ENGINEERING 7% CREDITO 5% MARINE 4%"

Transcript

1 2012 ANNUAL REPORT

2

3 Il 2012 in sintesi Il 2012 è stato un anno certamente difficile caratterizzato da forti tensioni sul fronte economico e finanziario con conseguenti e inevitabili riflessi sociali e politici. Per quanto attiene al comparto assicurativo, il 2012, come l anno precedente, ha fatto registrare una contrazione della Raccolta Premi complessiva. Secondo i dati Ania (che precisa, essere provvisori ed elaborati statisticamente su dati anticipati dalle Compagnie) e IVASS, la raccolta delle Compagnie nel corso dell anno, è stata di 105 miliardi di Euro. Il calo è stato del 4,3% in termini nominali ed omogenei (- 7.4% in termini reali). Il calo della raccolta complessiva è frutto di una flessione dell 1,9% del Ramo Danni, e di un 5,5% registrato su anno, del Ramo Vita. Come conseguenza del calo della raccolta Premi totali (Vita e Danni ) l incidenza del Comparto sul PIL è passata dal 7% del 2011 al 6,8% del Il settore del brokeraggio assicurativo è invece un settore in costante crescita, nonostante il perdurare delle condizioni soft di mercato. Nel 2012 il comparto di brokeraggio assicurativo ha fatto registrare una raccolta totale di premi pari a milioni di Euro, con una quota complessiva pari al 21,1% e milioni di Euro nel solo Ramo Danni, con una quota complessiva pari al 48,9%. I dati testimoniano che la figura del broker si sta espandendo ed è destinata a rappresentare sempre più nel futuro l interlocutore privilegiato e professionale sia per il mondo imprenditoriale non solo dei grandi gruppi ma di tutte quelle imprese medio-piccole che considerano la gestione del rischio come una fondamentale leva di business. Aon, conferma il suo trend di crescita con un miglioramento del Segment Pre Tax Income (+ 9% pari milioni di euro) ed un aumento del ROE che passa dal 10,5% del 2011 al 12,9% del La crescita del Segmento Pre Tax Income è dovuta sia dalla crescita dei ricavi pari al 5% a parità di perimetro, sia dalle azioni mirate di riduzione dei costi. La crescita organica è stata possibile grazie all acquisizione di nuovi clienti e azioni di sviluppo su clienti già esistenti. Nel 2012 sono state portate a termine le fusioni di B&A Broker S.p.A. e Aon Nikols Adriatica S.r.l. in Aon S.p.a. Negli anni a venire Aon punta ad riconfermarsi l azienda di riferimento nel settore in Italia. Con questa finalità ha intrapreso una politica mirata di assunzione di giovani talenti a cui offrire un percorso professionale che ne garantisca loro la crescita unitamente a quella dell azienda.

4 Ricavi netti EBITDA - EBIT - EBITDA Margin ,4% 27,4% 28,1% ,0% 20,0% 10,0% 0,0% -10,0% -20,0% Ricavi netti EBITDA EBIT EBITDA Margin 14,0% 12,0% 10,0% 8,0% 6,0% 4,0% 2,0% 0,0% ROE 12,9% 10,5% 9,7% ROE I risultati del Gruppo sono stati redatti secondo principi contabili US Gaap, come rielaborazione dei dati forniti da Aon Plc che sono oggetto di revisione da parte di reconta Ernst & Young. Il perimetro di consolidamento comprende tutte le società partecipate al 100%, oltre a Praesidium S.p.A., CRA Soluzioni Assicurative S.r.l., Aon Nikols Adriatica S.r.l. (oggetto di fusione nel 2012) e Asscom Insurance Broker S.r.l. (consolidata con il metodo del patrimonio netto rettificato). Premi 2010 INFORTUNI 7% RSMO 7% AUTO 11% VITA 14% Il totale dei premi intermediati è in costante aumento. I grafici mostrano la suddivisione del totale dei premi intermediati per singolo ramo. ENGINEERING 7% CREDITO 5% RESPONSABILITÀ CIVILE 22% INCENDIO 14% MARINE 4% BBB - Banker Blanket Bond 3% CAUZIONI 2% D&O 2% RC PROFESSIONALE 2% FINE ARTS 1% AVIATION 1% TUTELA LEGALE 1% Premi 2011 INFORTUNI 9% ENGINEERING 8% RSMO 9% AUTO 13% INCENDIO 17% VITA 3% Premi 2012 RSMO 8% INFORTUNI 7% AUTO 10% VITA 12% INCENDIO 15% CREDITO 5% MARINE 4% BBB - Banker Blanket Bond 1% CAUZIONI 3% D&O 3% RC PROFESSIONALE 3% FINE ARTS 1% RESPONSABILITÀ CIVILE 21% AVIATION 0% TUTELA LEGALE 1% ENGINEERING 7% CREDITO 5% MARINE 4% BBB - Banker Blanket Bond 2% CAUZIONI 2% D&O 2% RC PROFESSIONALE 2% RESPONSABILITÀ CIVILE 22% FINE ARTS 1% AVIATION 1% TUTELA LEGALE 1%

5 Executive Financial Highlights /000 Euro Consuntivo Consuntivo Crescita Ricavi Netti % Costo del Personale % Spese operative % Allocazioni Corporate % Totale Costi % Trading Income % Interessi Fiduciari % Proventi da società partecipate % Costi di Transazione per operazioni straordinarie % EBITDA % Ammortamenti operativi % Ammortamenti intangibles % Segment Pre Tax Income % Statutory charges/storno Allocazioni Corp. non Monetarie % EBIT % Interessi finanziari netti % Straordinari e Altre rettifiche % Restructuring % Altri redditi/perdite straordinari % Pre Tax Income % Imposte di competenza dell esercizio % Utile netto % Partecipazioni di minoranza % Utile netto di gruppo % Costo Personale / Ricavi Netti 54,0% 54,3% Spese Operative / Costi del personale 26,2% 27,4% EBITDA / Ricavi Netti 28,1% 27,4% Segment Pre Tax Income / Ricavi Netti 25,3% 24,4% EBIT / Ricavi Netti 25,1% 25,0% ROE 12,9% 10,5%

6

7 2012 ANNUAL REPORT

8

9 3 Signori Azionisti, con il 2012 si è chiuso un anno certamente difficile caratterizzato da forti tensioni sul fronte economico e finanziario con conseguenti e inevitabili riflessi sociali e politici. Le difficoltà evidenti di alcuni Paesi in Area Euro hanno sottolineato come sia crescente e ineludibile: l interdipendenza dei mercati nazionali, la necessità di avviare un processo di integrazione normativa ed economica tra i Paesi Europei, l urgenza di dotarsi di strumenti di controllo sovranazionale per l esercizio delle attività finanziarie (con particolare riferimento a quelle bancarie e assicurative). Per quanto attiene al comparto assicurativo, il 2012, come l anno precedente, ha fatto registrare una contrazione della Raccolta Premi complessiva. Secondo i dati Ania (che precisa, essere provvisori ed elaborati statisticamente su dati anticipati dalle Compagnie) e IVASS, la raccolta delle Compagnie nel corso dell anno, è stata di 105 miliardi di Euro. Il calo è stato del 4,3% in termini nominali ed omogenei (- 7.4% in termini reali). Il calo della raccolta complessiva è frutto di una flessione dell 1,9% del Ramo Danni, e di un 5,5% registrato su anno, del Ramo Vita. Nel Ramo Danni, il solo settore Auto ha registrato nel 2012, un calo pari al 2,2%. Come conseguenza del calo della raccolta Premi totali (Vita e Danni) l incidenza del Comparto sul PIL è passata dal 7% del 2011 al 6,8% del Con la conversione del decreto legge n.1 del 24 Gennaio 2012, il Governo Monti ha approvato alcune disposizioni in materia di concorrenza e competitività che riguardano direttamente il mercato assicurativo ed in particolare quello dell assicurazione obbligatoria RC Auto, con l obiettivo di aumentarne la trasparenza e la efficienza. Così come il decreto legge 179/2012 ha introdotto novità importanti nell ambito dell intermediazione assicurativa. Anche per il 2012 si conferma il settore del Brokeraggio Assicurativo in controtendenza rispetto al trend economico generale ed in particolare quello assicurativo. Il totale premi raggiunto è stato di milioni di Euro, con una quota complessiva della raccolta pari al 21,1% e nel solo Ramo Danni con milioni di Euro ed una quota complessiva pari al 48,9%. Anche in un anno particolarmente difficile e di stagnazione evidente, il Comparto di Brokeraggio Assicurativo garantisce crescita ed occupazione. Aon, nello specifico, conferma il suo trend di crescita con un miglioramento del Segment Pre Tax Income (+ 7% pari milioni di euro) ed un aumento del ROE che passa dal 10,5% del 2011 al 12,9% del Il corso dell anno ha visto Aon concentrarsi e sviluppare piani di retention e di incremento della crescita organica al quale si accompagnano come di prassi consolidata, piani di efficientamento e di contenimento dei costi. Gli anni a venire mostrano in nuce tutta la complessità che ci attende. Che adulto sarà chi nascerà nel 2013? Dopo il 2050, ci dicono gli esperti, 60 lavoratori su 100 avranno più di 65 anni. I nati nel 2013 andranno in pensione a 70 (a parità di condizioni odierne). Grazie all apporto degli immigrati, nel 2040 i residenti in Italia saranno più di 62milioni. Oggi solo il 21% degli italiani ha una laurea (dopo il italiano su 3 studierà all Università). Questi alcuni degli spunti demo-sociologici che dovremo tener presente per offrire nuove soluzioni di identificazione e protezione del rischio, il nostro core business. Perché come diceva Macchiavelli Chi non conosce i tempi e gli uomini è destinato a perdere. Carlo Clavarino Amministratore Delegato

10

11 INDICE

12 INDICE INDICE INDICE INDICE INDICE INDICE INDICE INDICE INDICE INDICE

13 7 Lettera agli azionisti 3 AON INSURE YOUR VISION 9 Gruppo Aon 11 Organi Sociali Aon Italia S.r.l. 13 Organi Sociali Aon S.p.A. 15 CORPORATE GOVERNANCE 17 Compliance 19 Business Continuity Management 22 Qualità 24 Client Promise 26 NPS Net Promoter Score 27 AON IN SINTESI 29 Scenario 31 Quadro Macroeconomico Globale e Area Euro 31 Quadro Macroeconomico Italia 32 Il settore assicurativo nel Mondo e nell Area Euro 34 Il settore assicurativo in Italia 35 Strategia Corporate 36 Eventi importanti Highlights CONTO ECONOMICO E STATO PATRIMONIALE 41 I risultati del Gruppo 43 Conto Economico 44 Conto Economico Riclassificato 45 Stato Patrimoniale 46 Stato Patrimoniale Riclassificato 47 LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA 49 La Struttura Organizzativa 51 Le geografie 53 I segmenti 55 Il Segmento Aziende 55 Il Segmento Enti Pubblici e Sanità 58 Il Segmento Affinity 59 Le Specialties 64 LE BUSINESS STAFF 69 Le Business Staff 71 Broking Office 71 Technical & Claims Division 73 Direzione Compliance Enti Pubblici 73 Business Development 75 LE CORPORATE STAFF 77 Le Corporate Staff 79 Operating Office 79 Finance & Administration 83 Financial Planning & Analysis 84 Human Resources 85 Legal & Compliance 87 Communication 88 CORPORATE PHILANTHROPY 95 Comunità San Patrignano 97 Associazione Dynamo Camp Onlus 98 CAF - Centro di Aiuto del Bambino Maltrattato e alla Famiglia in Crisi 98 INDICE INDICE INDICE INDICE INDICE INDICE INDICE INDICE INDICE INDICE

14

15 AON INSURE YOUR VISION

16 AON INSURE YOUR VISION AON INSURE YOUR VISION AON INSURE YOUR VISION

17 11 Gruppo Aon Aon è il Gruppo leader, in Italia e nel mondo, nel brokeraggio assicurativo e riassicurativo e nel consulting delle Risorse Umane. Aon Plc è quotata al NYSE e ha il suo quartier generale a Londra. Presente in oltre 120 paesi con più di 500 uffici, la società ha sviluppato un network globale dedicato alla gestione delle tematiche assicurative di aziende multinazionali. La conoscenza dei mercati locali, unita alla peculiarità dei programmi definiti e il coordinamento internazionale consente di offrire la massima assistenza alle aziende di ogni settore e dimensione in tutti i paesi del mondo. La leadership di Aon è testimoniata da riconoscimenti internazionali. Aon è sponsor ufficiale del Manchester United Aon Italia S.r.l. è la branch italiana di Aon Corporation. Aon fornisce un servizio di eccellenza ai clienti che comprendono le grandi imprese multifunzionali (estere e italiane), le principali istituzioni finanziarie, gli Enti Pubblici e Privati. Il Gruppo Aon in Italia è consulente per la gestione dei rischi e dei programmi assicurativi di 28 Gruppi Italiani presenti nell indice S&P40, di oltre 8000 piccole medie imprese e di più di 700 enti/aziende della Pubblica Amministrazione. La società annovera clienti nel settore finanziario, alimentare, automotive, chimico e farmaceutico, energia e petrolchimico, pubblica amministrazione e sanità, grande distribuzione, marittimo e trasporti. Il Gruppo Aon in Italia consta di una struttura di dipendenti* 40% 50% AON S.p.A. INSURANCE & REINSURANCE BROKERS Asscom Insurance Brokers S.r.l. CRA Soluzioni Assicurative S.r.l. 100% 50% Praesidium S.p.A. 100% AON ITALIA S.r.l. e ha 27 uffici situati in 26 città del territorio nazionale. Fa parte del gruppo anche Aon Benfield, il maggior broker riassicurativo nel mondo che fornisce ai Clienti una gamma completa di servizi per delineare, strutturare e incrementare i programmi di trasferimento dei rischi. Con un network internazionale di oltre 80 uffici in 50 paesi e una presenza significativa in tutti i maggiori mercati compreso Nord America, Regno Unito, Europa, Bermuda, Australia, Asia e America Latina, la struttura ha accesso al più vasto portafoglio di soluzioni e servizi. Nel 2010 dall acquisizione di Hewitt nasce la Aon Hewitt e con essa Aon diventa leader mondiale anche nel settore del Consulting e Outsourcing per le Risorse Umane. Aon Hewitt è presente in 90 paesi, conta dipendenti. In Italia, la Aon Hewitt Risk & Consulting S.r.l. offre non solo servizi per migliorare i processi, la leadership e l efficacia organizzativa nel campo delle Risorse Umane ma si è specializzata anche nell erogazione di attività di consulenza e di servizi in differenti settori (sinistri SIR, RSMO, sinistri da trasporto/stoccaggio, automotive, sinistri in franchigia, consulenza inplant, etc.) Aon Italia S.r.l. ha la propria sede legale a Milano in Via Andrea Ponti 8/10 e, a partire dal 24 novembre 2009, è interamente detenuta da un azionista spagnolo Aon Southern Europe Y Cìa. * non comprensivi dei dipendenti di Aon Benfield Italia S.p.A. 100% Aon Hewitt Risk & Consulting S.r.l. 100% AON BENFIELD ITALIA S.p.A. 100% Aon Re Trust Broker S.r.l. Aon Group Italia - 1 Settembre 2012 AON INSURE YOUR VISION AON INSURE YOUR VISION AON INSURE YOUR VISION

18 AON INSURE YOUR VISION AON INSURE YOUR VISION AON INSURE YOUR VISION

19 13 Aon Italia S.r.l. Composizione Organi Sociali * Consiglio di Amministrazione SERGIO EREDE Presidente CARLO CLAVARINO Amministratore Delegato Consiglieri GIORGIO BARBA NAVARETTI ENRICO BOGLIONE CLAUDIO RECCHI CARLO ALESSANDRO PURI NEGRI EDUARDO TEODORANI FABBRI Collegio Sindacale PIETRO BESSI Presidente Collegio Sindacale VIRGILIO MARRONE Sindaco Effettivo FRANCESCA SCELSI Sindaco Effettivo *Aggiornato al AON INSURE YOUR VISION AON INSURE YOUR VISION AON INSURE YOUR VISION

20 AON INSURE YOUR VISION AON INSURE YOUR VISION AON INSURE YOUR VISION

21 15 Aon S.p.A. Composizione Organi Sociali * Consiglio di Amministrazione ENRICO BOGLIONE Presidente CARLO CLAVARINO Amministratore Delegato UBERTO VENTURA Amministratore Delegato - Condirettore Generale FEDERICO CASINI Vice Presidente - Direttore Generale ANDREA PARISI Vice Direttore Generale MICHELE UNGARO Vice Direttore Generale Consiglieri VITTORIO ANSALDO GIBERTO ARRIVABENE VALENTI GONZAGA MARCO ANTONIO COLONNA ANTONIO DE SIENA ANTONIO FORCELLINI LUCA FRANZI DE LUCA ROBERTA FURCOLO RICCARDO GALLO MASSIMO GERMANI ANDREA GIORGETTI MAURO IGUERA MARCELLO MARCOLINI GIORGIO MORONI MARCO RISSO EDOARDO ROMAGNOLI LORENZO SILVA CARLO TOMMASI ANDREA TOSONI GIANLUCA VENTURINI GUERRINI Collegio Sindacale PIETRO BESSI Presidente Collegio Sindacale ALESSANDRO CIAN Sindaco Effettivo ROBERTO MORO VISCONTI Sindaco Effettivo *Aggiornato al AON INSURE YOUR VISION AON INSURE YOUR VISION AON INSURE YOUR VISION

22

23 CORPORATE GOVERNANCE

24 CORPORATE GOVERNANCE CORPORATE GOVERNANCE CORPORATE GOVERNANCE

25 19 Compliance Da anni, sia a livello internazionale che nazionale, Aon pone particolare attenzione al tema della conformità dei comportamenti e delle prassi aziendali, al dettato normativo e alle norme di autoregolamentazione generali o specifiche. Viene indicato con il termine Compliance la conformità delle attività aziendali alle disposizioni normative, ai regolamenti, alle procedure e ai codici di condotta. La compliance aziendale è un attività che previene il rischio di non conformità dell attività aziendale alle Norme, suggerendo ove si riscontrino disallineamenti - le più opportune soluzioni. La Funzione Compliance è la struttura organizzativa cui è affidato il compito di: prevenire i disallineamenti tra le procedure aziendali e l insieme delle regole interne ed esterne all azienda; assistere le strutture aziendali nell applicazione delle Norme; predisporre interventi formativi per adeguare le procedure interne dei dipendenti e dei collaboratori alle Norme; coordinare e garantire l attuazione degli adempimenti richiesti dalle Norme; segnalare le più recenti novità normative al fine di aggiornare periodicamente la documentazione in essere presso l azienda; risolvere situazioni di discordanza tra le Norme in vigore e le specifiche realtà operative dell azienda; assicurare le relazioni con le Autorità ed Organi di Controllo interni ed esterni. Decidete che una cosa si può e si deve fare e troverete il modo Abramo Lincoln Durante il 2012, è stato portato avanti il processo di diffusione della cultura della conformità aziendale, finalizzata alla progressiva integrazione di tutte le realtà del Gruppo Aon in Italia. Questo processo prevede l applicazione delle principali procedure aziendali adottate in conformità alle disposizioni di legge ed alle policy attuate a livello internazionale da Aon Corporation. Ad esempio: Procedura per l uso delle Terze Parti Procedura sponsorizzazioni Procedura spese di viaggio e di rappresentanza e note spese Procedura selezione e controllo dei fornitori Procedura conferimento delle consulenze Procedura gestione delle ispezioni da parte di soggetti esterni Procedura gestione delle crisi Procedura selezione e formazione del personale Procedura erogazione di servizi di brokeraggio assicurativo ambito pubblico Procedura gestione prospect e acquisizione cliente Procedura Privacy Procedura Antiriciclaggio Ad esse si aggiunge la procedura imposta dall OFAC (Office of Foreign Assets Control) del Ministero del Tesoro statunitense, finalizzata al controllo degli scambi con l estero. L OFAC è responsabile delle sanzioni economiche e commerciali contro determinati paesi CORPORATE GOVERNANCE CORPORATE GOVERNANCE CORPORATE GOVERNANCE

26 20 CORPORATE GOVERNANCE CORPORATE GOVERNANCE CORPORATE GOVERNANCE esteri, contro i rispettivi agenti, i terroristi e i narcotrafficanti. Oggi i regolamenti OFAC vietano alle società statunitensi di effettuare transazioni con determinati Paesi (ad esempio Cuba, Iran, Iraq, Libia, Nord Corea, Sudan) al fine di garantire il conseguimento di obiettivi di politica estera e sicurezza nazionale. Aon in Italia, appartenendo ad un Gruppo statunitense, deve anch essa rispettare tali regolamenti. Aon Corporation, primo azionista di Aon Italia S.r.l., ha implementato un programma mondiale sull anticorruzione, con particolare riferimento alla normativa statunitense del Foreign Corrupt Practices Act (FCPA), con il quale si tenta di prevenire i reati contro la Pubblica Amministrazione, come le ipotesi di corruzione, concussione, truffa ai danni dello Stato o di altro Ente Pubblico. Analisi di rischio Procedure organizzative Il Foreign Corrupt Practices Act del 1977 (e successive modifiche) è un atto legislativo del congresso statunitense che proibisce alle società americane di corrompere funzionari stranieri con la finalità di ottenere o mantenere business. Linee guida di Gruppo Modello di organizzazione e gestione Documenti operativi (regolamenti di spesa, poteri e deleghe, etc.) Il FCPA comprende due tipologie di disposizioni. La prima prevede che tutte le società attive sul mercato mobiliare statunitense mantengano i registri contabili in ordine e sviluppino un sistema di controllo interno capace di rendere facilmente ravvisabili pagamenti sospetti, la seconda tipologia di disposizioni bandisce ogni pagamento illecito a funzionari pubblici stranieri. Secondo il FCPA, per pagamento illecito s intende qualunque offerta, autorizzazione al pagamento, o pagamento a funzionari stranieri. Sono, altresì, illegali i pagamenti a terzi se il destinatario della proposta è a conoscenza che il pagamento finirà, in tutto o in parte, direttamente o indirettamente, ad uno dei soggetti menzionati. Ovviamente il pagamento, per risultare vietato, deve essere finalizzato alla corruzione. Codice Etico del Gruppo Aon Tale atto è il modello ispiratore della Convenzione OECD emanata in tema di lotta alla corruzione. Essa riprende non solo l intento moralizzatore, ma anche l impianto generale e la terminologia del FCPA, che è stata ratificata in Italia con Legge

27 21 n. 300 del 29 settembre 2000, la quale a sua volta costituisce delega del successivo D.Lgs. 231/2001. In Italia la materia è disciplinata dal D. Lgs. 231/01 Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica. Il D. Lgs. 231/01 ha introdotto per la prima volta nel nostro ordinamento la responsabilità delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica (i c.d. Enti) per reati commessi nel loro interesse da dipendenti, da soggetti posti in posizione apicale o da soggetti terzi operanti per loro conto. Con questo decreto si supera il societas delinquere non potest e si estende la responsabilità alle società e agli interessi economici dei soci. Tra i reati compresi dal D. Lgs. 231 si ricordano quelli contro la pubblica amministrazione, contro il patrimonio, contro la fede pubblica, i reati societari, finanziari, transazionali, i reati di omicidio e di lesione colposa, di violazione delle norme antinfortunistiche e di tutela dell igiene e della salute sul lavoro. Sono stati successivamente inseriti i reati informatici, i reati sulla violazione del diritto d autore, i delitti di criminalità organizzata, i delitti contro l industria ed il commercio e i reati ambientali. Più recentemente sono stati aggiunti alla lista dei reati: l impiego di cittadini di paesi terzi con soggiorno irregolare e la corruzione tra privati. Si intende per corruzione tra privati: la condotta di colui che dà o promette denaro o altra utilità ad amministratori, direttori generali o dirigenti, sindaci e liquidatori, nonché a coloro che sono sottoposti alla direzione o alla vigilanza di detti soggetti, affinché, per sé o per altri, compiano o omettano atti in violazione degli obblighi inerenti al loro ufficio o degli obblighi di fedeltà, cagionando nocumento alla società. Le aziende possono cautelarsi adottando e facendo rispettare modelli di organizzazione e gestione interna, una sorte di paracadute previsto dal decreto stesso. Le diverse società del Gruppo Aon si sono dotate di un proprio specifico modello gestionale previsto dal decreto ed approvato dai rispettivi consigli di amministrazione. Ogni modello gestionale è stato concepito e predisposto tenendo conto della particolare attività svolta da ognuna delle società del Gruppo Aon, dall intermediazione assicurativa alla consulenza. Il relativo Organismo a cui è affidato il compito di vigilare sul funzionamento e l osservanza del Modello, nonché di curarne l aggiornamento, è interno alla società e dotato di autonomi poteri di iniziativa e controllo. Ogni società del Gruppo Aon, unitamente all approvazione di un proprio specifico modello gestionale, ha previsto la nomina di tale Organismo di Vigilanza, i cui membri rivestono doti di professionalità, onorabilità, indipendenza, autonomia funzionale e competenza necessaria per lo svolgimento dei compiti loro affidati. CORPORATE GOVERNANCE CORPORATE GOVERNANCE CORPORATE GOVERNANCE

28 22 Business Continuity Management CORPORATE GOVERNANCE CORPORATE GOVERNANCE CORPORATE GOVERNANCE Disaster Event! Within minutes to hours: Staff & visitors accounted for casualties dealt with Damage containment/limitation Damage assessment Invocation of BCP Incident Response Il Business Continuity Management è un processo di gestione olistico volto ad identificare le potenziali minacce per un organizzazione e gli impatti che queste potrebbero avere sul business. Il BCM fornisce le linee guida per costruire la resilienza organizzativa* attraverso una capacità di risposta efficace, che possa salvaguardare le attività che creano valore, la reputazione, il brand e gli interessi dei principali stakeholders. L implementazione di un progetto di BCM ha richiesto la creazione di un sistema che possa realmente funzionare in caso di emergenza/crisi. * In ecologia e biologia la resilienza è la capacità di auto-ripararsi dopo un danno. I punti essenziali del sistema di BCM sono: Business Continuity Within hours to days: Contact staff, customers, suppliers, etc. Recovery of critical business process Rebuild last work-in-progress Capire l organizzazione ottenere le informazioni necessarie per definire le priorità dell organizzazione in termini di attività indispensabili per la sopravvivenza e identificare le risorse critiche per la gestione di tali attività. Definire le strategie di BCM stabilire come l organizzazione possa continuare a svolgere le attività critiche a seguito di un evento disastroso. The Disaster Time Line Recovery - back to normal Within weeks to months: Damage Repair/replacement Relocation to permanent place of work Recovery of cost from insurers Implementare il sistema di BCM creare piani dettagliati che possano guidare l organizzazione, passo dopo passo, nel mantenimento o nel recupero dell operatività in caso di incidente. Curare esercitazioni, mantenimenti e revisioni mettere in discussione il sistema di BCM periodicamente per verificarne l adeguatezza e migliorarne l efficacia. Sviluppare l integrazione culturale le logiche sottostanti il BCM devono diventare parte integrante dei valori e del modo di ragionare della società per garantire la capacità di prevenire e gestire in maniera omogenea ed efficace eventuali interruzioni del normale flusso di attività. Le attività del sistema di BCM sono funzionali alla produzione di specifici output considerati da Aon fondamentali. Essi sono: Business Continuity Risk Assessment (BCRA) Business Impact Analysis (BIA) Crisis Communication Plan (CCP) Crisis Management Plan (CMP) Business Continuity Plan(s) (BCP) Testing, exercising & maintaining

29 23 Il BCRA è una valutazione dei rischi a cui sono soggette le attività critiche necessarie alla sopravvivenza della società. Tale attività è già stata svolta per le Sedi principali ed è progressivamente estesa all intera rete di filiali. L attività comprende una rilevazione della probabilità e dell impatto dei rischi suddivisi per tipologia di emergenza, alla quale segue una sintesi dei rischi più rilevanti per ogni sede emersi da tale analisi. La BIA viene riferita ad ogni specifica funzione e comprende un attività di rilevazione volta a stabilire: I processi/attività critici e le risorse che li supportano (attività che, se interrotte, avrebbero il maggior impatto nel minor tempo) Le interdipendenze tra le attività Le entità esterne che fanno affidamento sulla società oppure sulle quali la società fa affidamento Gli impatti dell interruzione dell attività I tempi di recupero I workaround (mix soluzioni organizzative e tecnologiche per sopravvivere all interruzione). Il CCP è un piano che ha lo scopo di garantire l accuratezza, la tempestività e la coerenza delle comunicazioni verso l esterno e l interno della società, minimizzando le dicerie e la confusione. L obiettivo è di tutelare la reputazione di Aon mantenendone la credibilità nelle relazioni con gli stakeholders. Il CMP permette all organizzazione di gestire la fase iniziale (acuta) della crisi e deve contenere: Compiti per la gestione dell interruzione Contatti d emergenza Gestione delle persone e della sicurezza Media response (Crisis Communication Plan) Stakeholder management Crisis Management Location Il BCP è un insieme di provvedimenti, la cui efficacia è determinata da: Le modalità di invocazione dei provvedimenti del BCM Le modalità dettagliate di attuazione dei workaround anticipate nella BIA Ruoli, responsabilità e contatti delle persone coinvolte. Per le sedi più piccole, viene inizialmente adottato un modello sintetico che descrive le modalità basilari per la gestione di emergenze e crisi individuando i compiti e le responsabilità dei responsabili locali. È previsto che il sistema di Business Continuity sia periodicamente testato per mettere alla prova: I sistemi tecnici, logistici, amministrativi, procedurali ed operativi Gli accordi e le infrastrutture (compresi ruoli, responsabilità e siti alternativi) La capacità di recupero tecnologico e delle telecomunicazioni. Anche nel 2012 il test di reazione ad un evento catastrofale è stato correttamente effettuato con la partecipazione dei vertici aziendali facenti parte del Situation Management Team ed ha dato esiti ampiamente soddisfacenti in termini sia di efficienza sia di efficacia. CORPORATE GOVERNANCE CORPORATE GOVERNANCE CORPORATE GOVERNANCE

30 24 Qualità CORPORATE GOVERNANCE CORPORATE GOVERNANCE CORPORATE GOVERNANCE Da sempre l obiettivo di Aon è stato quello di fornire ai clienti il meglio dei servizi e dei prodotti, personalizzando la gestione del rischio e dei programmi assicurativi nel rispetto dei propri valori costituenti: Integrità Orientamento verso il Cliente Lavoro di squadra ed integrazione operativa Massimizzazione del potenziale individuale Rispetto e utilizzo della diversità di colleghi e fornitori. Per Aon la Qualità è un fattore strategico, il modo naturale per relazionarsi con gli stakeholders, per offrire progetti e servizi ai propri clienti e per creare valore aggiunto attraverso le proprie competenze migliori. In concreto sono i bisogni stessi dei clienti che determinano le caratteristiche e le modalità operative e di conseguenza la qualità dei servizi Aon. Aon in Italia da oltre dieci anni consecutivi ottiene la Certificazione di Qualità, essa è estesa all intera attività di progettazione ed erogazione di servizi di brokeraggio assicurativo e di gestione dei sinistri. Aon si impegna costantemente nel miglioramento dell erogazione dei propri servizi e tutte le sue sedi sul territorio sono specificatamente oggetto di certificazione. La Certificazione è aggiornata alla norma ISO 9001:2008, che presta un attenzione particolare al monitoraggio dei processi e alla gestione sempre più attenta e consapevole dei partner di servizio.

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 Nel 2014 la raccolta premi complessiva realizzata dalle imprese di assicurazione italiane e dalle rappresentanze in Italia di imprese extra europee continua il trend

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION I. SCOPO POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION La corruzione è proibita dalle leggi di quasi tutte le giurisdizioni al mondo. Danaher Corporation ( Danaher ) si impegna a rispettare le leggi

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto Roma, 26 giugno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo Aggreko Process Services Soluzioni rapide per il miglioramento dei processi Aggreko può consentire rapidi miglioramenti dei processi

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Cosa fanno gli altri?

Cosa fanno gli altri? Cosa fanno gli altri? Sig. Morgan Moras broker di riassicurazione INCENDIO (ANIA) Cosa fanno gli altri? rami assicurativi no copertura polizza incendio rischi nominali - rischio non nominato - esplosione,

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd Workshop Career Management: essere protagonisti della propria storia professionale Torino, 27 febbraio 2013 L evoluzione del mercato del lavoro L evoluzione del ruolo del CFO e le competenze del futuro

Dettagli