BIOTECNOCRAZIA INFORMAZIONE SCIENTIFICA, AGRICOLTURA, DECISIONE POLITICA A CURA DI CARLO MODONESI, GIANNI TAMINO, IVAN VERGA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BIOTECNOCRAZIA INFORMAZIONE SCIENTIFICA, AGRICOLTURA, DECISIONE POLITICA A CURA DI CARLO MODONESI, GIANNI TAMINO, IVAN VERGA"

Transcript

1 BIOTECNOCRAZIA INFORMAZIONE SCIENTIFICA, AGRICOLTURA, DECISIONE POLITICA A CURA DI CARLO MODONESI, GIANNI TAMINO, IVAN VERGA

2 *00.Biotecnocrazia :04 Pagina 1 DI FRONTE E ATTRAVERSO 782

3 *00.Biotecnocrazia :04 Pagina 2 TERRA TERRA I problemi legati all ambiente e al relativo intervento dell uomo esemplificano in modo emblematico la necessità, che nel nostro tempo qualunque tematica si affronti si palesa ormai con urgenza, di una visione globale della realtà. Questa collana aveva avuto una breve vita tra gli anni 80 e 90 partendo dall esperienza innovativa nell agricoltura biologica della Cooperativa Alce Nero e dal suo impegno culturale. La ripresa di tale progetto editoriale con un programma a largo spettro di titoli rispecchia un forum di dibattito e contributi editoriali che Jaca Book e Alce Nero hanno aperto con persone e istituzioni, come la Fondazione Micheletti di Brescia e Greenpeace. I temi di interesse della collana, connessi alla vita sul nostro pianeta, sono: agricoltura, alimentazione, medicina, storia dell industria, patrimonio e risorse ambientali, architettura e organizzazione del territorio, tecnologia; ma troveranno spazio anche temi riguardanti la guerra e la pace, la politica e il dialogo interculturale. Dagli aspetti più pragmatici agli spunti più dichiaratamente spirituali di riflessione, «Terra Terra» vorrebbe inaugurare un discorso, improntato alla cordialità come di amici che si trovassero a tavola, con tutti coloro che si interrogano sul ruolo attivo dell uomo su questa nostra Terra, in vista di una sua maggiore capacità di armonia con ciò che lo circonda e di un approfondimento della sua statura umana. I protagonisti di questa iniziativa hanno maturato la consapevolezza che nell organizzazione della nostra società non si possa più giustificare alcuna scelta che non sia rispettosa dell ambiente in cui viviamo e di chi vi abita, pena il precipitare in catastrofi naturali, belliche, umane e sociali sempre più profonde. È in gioco lo stesso «giardino dell Eden» che avremmo dovuto curare e non soggiogare.

4 *00.Biotecnocrazia :04 Pagina 3 TERRA TERRA

5 *00.Biotecnocrazia :04 Pagina 4

6 *00.Biotecnocrazia :04 Pagina 5 BIOTECNOCRAZIA INFORMAZIONE SCIENTIFICA, AGRICOLTURA, DECISIONE POLITICA a cura di Carlo Modonesi, Gianni Tamino e Ivan Verga Introduzione di Mario Capanna

7 *00.Biotecnocrazia :04 Pagina Editoriale Jaca Book SpA, Milano tutti i diritti riservati Prima edizione italiana settembre 2007 Copertina e grafica Ufficio grafico Jaca Book In copertina Logo della Fondazione Diritti Genetici Redazione e impaginazione Gioanola Elisabetta, San Salvatore Monferrato (Al) Stampa e confezione Ingraf srl, Milano luglio 2007 ISBN Per informazioni sulle opere pubblicate e in programma ci si può rivolgere a Editoriale Jaca Book SpA - Servizio Lettori via Frua 11, Milano, tel. 02/ , fax 02/ internet:

8 *00.Biotecnocrazia :04 Pagina 7 INDICE Premessa, di Carlo Modonesi, Gianni Tamino, Ivan Verga 9 Introduzione, di Mario Capanna 13 Scienze della vita, informazione e società, di Carlo Modonesi 20 Perdite di memoria, di Alfonso Maurizio Iacono 37 La qualità delle informazioni scientifiche in biomedicina ovvero: «Attenti alle bufale», di Tom Jefferson 49 Modelli di scienza e politica: dalla dimostrazione competente alla partecipazione estesa, di Silvio Funtowicz 57 L inedito conflitto fra biologia reale e biologia comunicata, di Marcello Buiatti 72 Unione Europea e OGM: democrazia,partecipazione e informazione nei processi decisionali, di Matteo Lener 88 La biocomunicazione nella società democratica basata sulla scienza, di Andrea Cerroni 103 Quale alimentazione e quale agricoltura per il futuro del pianeta, di Gianni Tamino 116 Agricoltura e globalizzazione: alle origini delle reti umane mondiali, di Gianlucca Bocchi 126 Lo sviluppo tecnologico dell agricoltura in relazione ai limiti biofisici socio-economici: attenzione alla sindrome del Concorde, di Mario Giampietro 142 La Rivoluzione zootecnica e l alimentazione nella Terra globalizzata, di Michael Fox 162 7

9 *00.Biotecnocrazia :04 Pagina 8 Indice Biodiversità, biotecnologie e bioetica nello sviluppo agrario e nella lotta contro la fame, di José Esquinas-Alcázar 209 Dall agroindustria all agroecologia, di Jean-Pierre Berlan 225 OGM e agricoltura: aspettative, risultati e alternative a una scelta apparentemente inevitabile, di Simone Vieri 243 Coesistenza tra coltivazioni transgeniche e convenzionali: valutazione dei danni, di Claudio Malagoli 255 Government, mediazione e vera innovazione, di Ivan Verga 272 Un sapere cooperante per il governo dell agricoltura sostenibile, di Piero Bevilacqua 276 OGM: il modello di government delle Regioni UE, di Piero Marrazzo 292 OGM: dalla governance delle lobby al government di una UE sostenibile e partecipata, di Alfonso Pecoraro Scanio 299 Dagli OGM al nuovo patto sociale per l agricoltura sostenibile, di Gianni Alemanno 302 Sicurezza alimentare: qualità e partecipazione nei processi decisionali, di Gian Paolo Patta 309 8

10 *00.Biotecnocrazia :04 Pagina 9 PREMESSA Anche quest anno pubblichiamo il libro che raccoglie i lavori congressuali di Scienza e Società 1. E anche quest anno siamo infinitamente grati agli autori, che hanno continuato a darci la loro collaborazione anche nei giorni successivi all evento, rendendo le loro relazioni più congrue allo stile di un volume che va oltre i semplici «proceedings». Per la nostra organizzazione, Biotecnocrazia ha un valore «doppiamente particolare», perché segna due cambiamenti essenziali avvenuti in tempi recenti. Il primo cambiamento riguarda la trasformazione del Consiglio dei Diritti Genetici in fondazione scientifica, che, come tale, si è data un nuovo nome: Fondazione Diritti Genetici. Tale trasformazione è anzitutto l espressione di una progettualità che oggi è più forte, perché è più consapevole della necessità di monitorare costantemente e in profondità gli sviluppi delle odierne scienze della vita. Sotto non c è soltanto il desiderio di arrivare a una sintesi più pun- 1 Scienza e Società è il congresso annuale della Fondazione Diritti Genetici. L ultima edizione, a cui è collegato questo volume, si è tenuta tra il 29 novembre e l 1 dicembre 2006 a Roma, nella straordinaria cornice di Villa Piccolomini. Il titolo del congresso era La frontiera dell invisibile: Bioscienze, qualità dell informazione e processi decisionali OGM, fame e futuro Dalla governance al government del biotech. 9

11 *00.Biotecnocrazia :04 Pagina 10 Premessa tuale dei costi e dei benefici delle biotecnologie già note all opinione pubblica, ma anche quello di tracciare la via da intraprendere perché l innovazione possa essere sostenibile in senso vero e ampio. Presteremo un attenzione serrata al rapporto tra bioscienza e informazione, e alle ripercussioni che quel rapporto, spesso così artificioso, produce sui diritti fondamentali della società: i diritti a un ambiente più salubre, a un alimentazione più sana, a un agricoltura più sostenibile, a una medicina più pubblica, a una politica più responsabile, e perché no a un «equità più equa». La scienza e la tecnologia possono dare un contributo decisivo al raggiungimento di quegli obiettivi, ma il modo in cui esse vengono concepite e governate attualmente è lontano anni luce dalle esigenze della collettività. Una parte considerevole della ricerca scientifica e tecnologica sembra avere perduto il senso della realtà, specialmente nelle applicazioni che maggiormente interessano l agricoltura e la biomedicina. Si tratta di una questione complessa, e questo libro è un passo per indagarla a fondo, documentando che quando ci si sposta sul terreno della ricerca pubblica la posta in gioco diventa «pericolosamente» alta. Allocare risorse pubbliche in una certa direzione significa prendere una decisione politica, ma troppe volte questa responsabilità viene demandata ai super-esperti e ai tecnocrati, con il risultato che la sua dimensione civile e le sue implicazioni sociali vengono totalmente rimosse. Il secondo cambiamento importante riguarda la nuova avventura editoriale di questo volume. D ora in avanti, infatti, esso uscirà per i tipi di Jaca Book, un editore lungimirante che da decenni promuove la cultura della sostenibilità e dei beni comuni pubblicando materiali di indiscutibile valore, non solo per la cerchia degli scienziati ma per tutti coloro che nutrono un interesse per la diversità e la complessità del mondo. È raro che eventi fortuiti consentano di fare scoperte importanti, eppure possiamo testimoniare che questa eventualità non è poi così remota, come ci insegna la nostra esperienza di serendipity con Jaca Book. Le affinità elettive, insomma, non sono una prerogativa esclusiva della letteratura. Organizzare un congresso e ricavarne un antologia di saggi è un operazione che richiede una coralità di idee, risorse e iniziative. 10

12 *00.Biotecnocrazia :04 Pagina 11 Premessa È quindi con grande piacere che esprimiamo gratitudine a coloro che si sono prodigati perché si arrivasse al risultato che speravamo. Anzitutto un grazie di cuore a Mario Capanna, per l energia e l intelligenza profuse nella sua intensa attività di sensibilizzazione del mondo della cultura verso i temi trattati in Biotecnocrazia. Un affettuoso ringraziamento va a Simona Galasso, Sandra Korob, Emanuela Lorenzetti e Paola Vinesi, colonne portanti della Fondazione Diritti Genetici, per il loro generoso contributo alla revisione e alla riorganizzazione dei testi. Grazie inoltre a tutte le persone della Fondazione, che hanno dato concretezza al congresso e originalità al contesto in cui si sono svolti i lavori. Esprimiamo infine la nostra riconoscenza a Regione Lazio, COOP Italia, Filas, Sviluppo Lazio e Aboca, per la fiducia e la sensibilità culturale con cui ci hanno sostenuto. Un ultima riflessione. Come curatori di questo libro e coordinatori di Scienza e Società 2006, sappiamo di dovere molto a un infinità di altre persone, organizzazioni e istituzioni, che per ragioni di spazio non possiamo menzionare. Ce ne scusiamo fin d ora, con un impegno. Viviamo immersi in un grigio materialismo, spesso della marca più becera, senza più la capacità di distinguere il reale dal virtuale. Nessuna formula sensazionale e raccogliticcia ci indicherà la via di uscita da una crisi tanto profonda, ma siamo convinti che possa farlo la forza del buon senso, nella scienza, nella politica, nell economia e, in generale, nella cultura. La Fondazione Diritti Genetici continuerà a proporre «attrezzi» per allenare i muscoli del buon senso. Carlo Modonesi, Gianni Tamino, Ivan Verga Milano, maggio

13 *00.Biotecnocrazia :04 Pagina 12

14 INTRODUZIONE di Mario Capanna* Una scienza scollegata dalla comprensione dei cittadini, autoreferenziale e isolata nei propri saperi, può al massimo produrre «scoperte». Perché esse diventino innovazioni reali è necessaria la condivisione, dunque la conoscenza e l accettazione informata e consapevole delle comunità umane. Oggi tanta parte dei cittadini è diffidente nei confronti della scienza, perché la vede troppo intenta a rispondere alle esigenze del profitto e molto meno attenta a porre al centro i bisogni effettivi degli esseri umani e quelli dello sviluppo equilibrato dei popoli e dell ecosistema terrestre. Il conflitto può risolversi positivamente se, dinanzi alla crescente domanda di trasparenza che viene dalla società, la scienza risponde riscoprendo la propria vocazione profonda: illuminare il cammino umano con nuove conquiste di conoscenza. Scienza e co-scienza: un binomio inscindibile. La co-scienza implica la compresenza e la condivisione dei saperi. Per quanto riguarda la ricerca, il problema non è dato solo dalla quantità e qualità degli stanziamenti. Esistono altre emergenze non meno importanti, rilevate negli ultimi anni perfino dalle grandi riviste internazionali di scienza e tecnologia. Sono emergenze che meriterebbero ben altra attenzione rispetto a quella che ricevono istituzionalmente, e fra queste sono i criteri di distribuzio- * Presidente della Fondazione Diritti Genetici 13

15 Mario Capanna ne dei finanziamenti, la gestione dei posti negli enti di ricerca, l inossidabile burocrazia degli apparati accademici, la moltiplicazione a pioggia degli atenei, il finanziamento di università ed enti di ricerca privati, il dilagare del precariato universitario, gli esami venduti, i concorsi truccati, i nepotismi, i clientelismi, e tutte le logiche che sono ancora alla base delle manovre baronali e lobbistiche. Sono stati scritti fiumi di inchiostro sulla cosiddetta «fuga dei cervelli», altro problema concreto, che però ha ormai assunto il tono del tormentone mediatico. Eppure, a fronte di tanto interesse accademico-giornalistico per la «fuga dei cervelli», nessuno si chiede perché i cervelli giovani e meno giovani continuano a fuggire senza più fare ritorno nel nostro paese. Bene, allora chiediamoci davvero perché fuggono, e, senza bendarci gli occhi, andiamo a cercare la risposta più evidente e sensata. Fuggono da un paese che non offre più alcuna garanzia né di stabilità né di riconoscimento professionale. Fuggono da un sistema accademico sclerotizzato da ingranaggi e convenzioni che produrrebbero ingiustizie, inefficienze e costi inutili anche se la ricerca pubblica attraversasse un momento di vacche grasse. Fuggono perché sanno perfettamente che se tornassero, la maggior parte di loro, magari già ultratrentenni, dovrebbe cambiare mestiere. In pratica, fuggono da un sistema che conoscono bene, del quale hanno imparato a temere il cinismo. Un cinismo che accetta l esistenza di pezzi di istituzioni accademiche a conduzione familiare, dove la gestione dei posti è ancora profondamente nepotistica, clientelare, baronale. Chiediamoci allora: chi fa fuggire i cervelli italiani, se non quello stesso sistema che ciclicamente ne denuncia la fuga? E i segnali non finiscono qui. L indipendenza che la scienza aveva conquistato negli ultimi secoli, contribuendo ad affrancare la società dalle superstizioni, dai pregiudizi, dai condizionamenti sociali della politica, della religione, della burocrazia, si sta incrinando. Le lobby della tecnocrazia alleate con i potentati baronali di cui sopra rischiano di riportarla a una situazione di subalternità a nuove «autorità superiori» le autorità dell economia e della finanza sradicandola dal suo contesto sociale e prosciugandola di significati etici. I mercanteggiamenti che ancora si verificano nel mondo accademico restano senza soluzione perché la soluzione richiederebbe un 14

16 Introduzione radicale cambiamento culturale: un cambiamento che evidentemente va contro l inerzia di chi conta. Il problema allora è che la scienza è sempre meno libera perché già all interno del mondo scientifico viene imprigionata da logiche che ne impediscono una gestione etica, equa e sensata. Quanto ci costa e quanto ci rende un sistema che è ancora pervaso da dinamiche di questo tipo? Che etica c è in una gestione nepotistica e clientelare dei posti? Sono o non sono questi i fattori che ostacolano la ricerca? Intanto le pressioni dell economia e della finanza sul sistema che produce nuova conoscenza scientifica sono sempre più forti e numerose, soprattutto in ambiti come quello della biomedicina e dell agricoltura. Le strutture pubbliche per la ricerca rischiano di essere subordinate al controllo di soggetti privati, o comunque fortemente legati al mondo privato, e in questo modo scompare non solo il limite tra ricerca di base e ricerca applicata (il che non è di per sé negativo!), ma di conseguenza anche quello tra ricerca pubblica e ricerca privata (il che invece è molto negativo!). In tutto il mondo avanzato viene documentato un aumento dei casi di conflitto di interessi e di affarismo da bottega, perché la commistione di interessi contrapposti in cui si muovono figure anche molto alte e autorevoli della scienza è spesso sottile, invisibile. Così, una certa miopia molto diffusa che pervade ancora oggi una buona parte delle consuetudini dell accademia, porta a non voler vedere l uso economico e politico che può essere fatto dei risultati del lavoro dei ricercatori. E porta a non voler vedere che la scienza può diventare pericolosa proprio quando è essa stessa a essere messa in pericolo. Ecco a quale deprimente e pericoloso risultato conduce il conservatorismo in campo scientifico. Ed ecco perché la prospettiva, che noi indichiamo con forza, della interlocuzione stretta fra scienza e società, costituisce la base strategica di ogni innovazione reale possibile. La nostra è un epoca difficile, e il suo carattere di transizione dovrebbe esprimersi anche nella cautela con cui andrebbero gestite le scelte relative alla scienza e alla tecnologia. C è bisogno di scelte che diano risposte alle sfide che si stanno affacciando su questo nuovo millennio: su scala locale e su scala globale, per noi e per le generazioni future. Prendiamo l ultimo rapporto della FAO: che cosa 15

17 Mario Capanna segnala questo documento, se non la necessità di agire fattivamente per una maggiore equità e sostenibilità del sistema agroalimentare globale, e per applicare le ovvie norme etiche necessarie a governare il suo funzionamento? Conoscenze, tecniche e risorse tradizionali preziosissime vengono cancellate per sempre dalla frenesia distruttiva del mercato. Tecnologie moderne promettenti, ma ancora troppo imprecise, non controllabili e non gradite all opinione pubblica, vengono bruciate dalla fretta di produrre profitto, e, a causa del brevetto, rischiano di incanalare alcune innovazioni e lo stesso sviluppo scientifico in un «vicolo cieco». Nei due principali domini di applicazione della biologia la biomedicina e l agricoltura, i nuovi percorsi della ricerca si stanno spingendo verso frontiere che non solo trasformano l attività scientifica e gli strumenti tecnici necessari ad assolverla. Quello che forse sta cambiando nel modo più rapido e inquietante è il modo di concepire il ruolo e gli obiettivi della scienza e degli scienziati. Ne è prova la rottura di alcuni antichi vincoli che un tempo riflettevano un sistema di valori molto radicato. La pratica di alcune discipline era regolata da un vero codice deontologico, a volte scritto nero su bianco e addirittura celebrato da cerimoniali ancora in uso come l avviamento del medico all esercizio della professione (il «giuramento di Ippocrate»), che vincolava il novizio ai precetti deontologici della professione. Chi infrangeva quel codice lo faceva a discapito della propria integrità morale, rimettendo in discussione il sistema di valori connaturato con la sua funzione sociale. Oggi si va affermando il principio per cui sia la biomedicina sia l agricoltura, che guarda caso sono entrambe irrinunciabili per la nostra esistenza, possono diventare semplici settori di mercato, e come tali assoggettabili alle sue leggi. Ma è tutto da dimostrare che la domanda e l offerta siano le forze più appropriate per guidare la biomedicina e l agricoltura. Ci si è dimenticati di un aspetto fondamentale che rende questi settori molto particolari e non consegnabili al cinismo del mercato: il fatto che entrambi hanno strette implicazioni con i diritti essenziali della civiltà, ossia la salute e l alimentazione. Si fa passare il messaggio che il bene della scienza guidata dal 16

18 Introduzione mercato coincida con il bene della società. E il problema è che il messaggio passa, se la società e la politica mantengono un rapporto deferente con il potere economico. Ma uno scienziato deve dire chiaramente che cosa vuole fare del proprio ruolo. Deve dire se la sua scienza è al servizio della società, oppure se è al servizio di un mercato che non scende a patti con nessuno. La posta in gioco è di straordinaria portata. Il Segretario generale dell ONU Kofi Annan, in un discorso tenuto in Svizzera il 18 novembre 2006, ha richiamato l attenzione sulla crescita esponenziale del potenziale di pericolo connesso alla rapida crescita dell industria biotecnologia e ha invocato la creazione di strumenti globali di salvaguardia. Egli ha messo in guardia sugli effetti «catastrofici» che si avrebbero se i risultati dei recenti sviluppi delle biotecnologie, inclusa la manipolazione dei geni e il lavoro con virus, finissero nelle mani sbagliate. Ha precisato: «Con l ampliamento della ricerca biologica e la maggiore accessibilità alle tecnologie aumenta il rischio potenziale per danno accidentale o intenzionale. Anche dei principianti che lavorano in piccoli laboratori saranno capaci di effettuare la manipolazione dei geni». «Ci manca un sistema internazionale di salvaguardia per la gestione di tali rischi», ha aggiunto Annan, «e gli scienziati dovrebbero fare del loro meglio per seguire regole volte alla realizzazione responsabile della ricerca». Il Segretario dell ONU ha poi comparato la fase attuale, di creazione del consenso sulla definizione di regole per le scienze della vita, al dibattito sulla tecnologia nucleare degli anni 50, che ha preceduto la creazione dell Agenzia internazionale per l energia atomica e il Trattato di Non proliferazione nucleare. Questo è il livello alto su cui devono operare, con urgenza, le forze culturali, sociali, politiche, i ricercatori e gli scienziati. È qui che si decide la vera innovazione, sia della scienza sia dell economia sia della società, e delle relazioni fra di esse. È perciò indispensabile aprire quel dibattito nazionale, sugli OGM e il modello di sviluppo agroalimentare, la cui necessità avevamo indicato un anno fa, proprio alla conclusione del nostro II Congresso Internazionale, necessità che il Presidente del Consiglio Romano 17

19 Mario Capanna Prodi, nella sua lettera di risposta alla nostra richiesta, ha dichiarato di condividere pienamente. Bisogna passare ora alla realizzazione. Ciò che noi immaginiamo e concretamente proponiamo è un vero e proprio confronto nazionale, della durata di almeno due mesi, promosso istituzionalmente dal Governo, che coinvolga la totalità dei cittadini dalle campagne alle città, dalle scuole alle università ad ogni luogo di lavoro, dagli operatori della scienza ai media, dalle forze sociali a quelle culturali e politiche. Un dibattito vero, di merito sugli OGM, le biotecnologie, il modello di sviluppo che sia occasione preziosa di coinvolgimento e di responsabile crescita conoscitiva dell intera comunità nazionale. È questa la strada maestra attraverso cui il governo dei nuovi problemi, posti dalle biotecnologie in ogni campo, può dispiegarsi non sopra né, tanto meno, contro la società, ma, all opposto, coinvolgendola nella sua interezza. È qui, esattamente qui, che si costruisce la strada della innovazione autentica, che si radica nel presente e si volge al futuro. È fuori di dubbio che in questo modo l Italia si renderebbe protagonista di una scelta d avanguardia, esemplare e beneficamente contagiosa a livello europeo. Un occasione, dunque, da non perdere. Anche perché ci sono le migliori condizioni per realizzarla, a partire dai Comuni e dalle 14 Regioni dichiaratisi «Liberi da OGM». Negli ultimi tempi, poi, è emerso un fatto nuovo di straordinaria portata. Mi riferisco all inedito e poderoso schieramento che il 7 novembre 2006, su iniziativa del Consiglio dei diritti genetici, oggi Fondazione Diritti Genetici, ha sottoscritto il documento «L agroalimentare cuore strategico dello sviluppo». Mai, prima, era emersa una così convergente unità d intenti, che raccoglie il consenso delle maggiori organizzazioni professionali dell agricoltura, dell artigianato, della piccola e media impresa, della moderna distribuzione, di tutte le associazioni ambientaliste e dei consumatori, dell Ordine nazionale dei biologi e della Società degli economisti agrari. Ed è degno di nota che il manifesto sia stato poi sottoscritto dal Ministro delle Politiche Agricole. Il dibattito nazionale, dunque, può iniziare e svilupparsi utilizzando al meglio questa amplissima e diffusa articolazione di sensibilità, di collegamenti, di energie già in movimento. 18

20 Introduzione L agricoltura basata sull impiego intensivo dei combustibili fossili non ha futuro. Solo uno sviluppo agroalimentare, che faccia leva sui pregi della genuinità, della qualità, della tracciabilità, del legame ai territori, può permettere all Italia e all Europa di contribuire da protagonisti per determinare quella globalizzazione multipolare, multiproduttiva, multiculturale, democratica e condivisa che è necessaria, in luogo di quella unipolare e omologante attuale. Nuovi, difficili, esaltanti compiti si profilano di fronte a noi. La Fondazione Diritti Genetici intende attrezzarsi al meglio per affrontarli, rafforzando il proprio ruolo di autorità culturale e scientifica indipendente in merito agli OGM e alle biotecnologie. A questo proposito, siamo orgogliosi di annunciare che si è concretizzato il processo di trasformazione del Consiglio dei diritti genetici da Onlus a Fondazione Diritti Genetici. Fondazione Diritti Genetici: denominazione non casuale. Evoca la preminenza e l irrinunciabilità dei diritti basilari degli esistenti, in primo luogo del diritto fondamentale a disporre del proprio patrimonio genetico come dato inalienabile. La Fondazione è una tappa importante della nostra crescita, che è stata resa possibile dallo straordinario lavoro della squadra di ricerca che ha retto il peso di questi anni, dai soggetti sociali e istituzionali che hanno sostenuto il cammino, dagli scienziati e ricercatori italiani e internazionali che tanto hanno contribuito al percorso. 19

21 SCIENZE DELLA VITA, INFORMAZIONE E SOCIETÀ di Carlo Modonesi* La scienza e la modernità In uno dei suoi memorabili saggi pubblicati dal prestigioso Natural History Magazine, il paleontologo Stephen Jay Gould racconta che occorsero più di cent anni per arrivare a chiarire la posizione filogenetica del fossile Cephalaspis (un pesce estinto), a causa del prevalere, tra la fine del XVIII e l inizio del XX secolo, di mode intellettuali, stili di pensiero e, ovviamente, possibilità di indagine molto differenti. Qualsiasi studioso di buon senso, dunque, ripensando ora al mito positivista di una scienza neutrale, avulsa dal suo contesto sociale e trainata unicamente dalla ricerca oggettiva della verità, sorriderebbe. Lo stesso Gould ha coniato una delle metafore più efficaci per illustrare la natura dell impresa scientifica, argomentando che essa «non è un cammino lineare verso la verità ma una via tortuosa con vicoli ciechi e soste per guardarsi intorno» (1). A conferma di quanto affermato da Gould e da molti altri autori (si veda per esempio Khun) (2), oggi siamo alle soglie di una potente virata di gran parte degli statuti della scienza: una trasformazione epocale che investe sia le basi epistemologiche della sua produzione, sia le sue implicazioni metodologiche ed etiche. Stanno a dimostrarlo i percorsi della ricerca attuale che, spingendo in regioni sempre * Biologo, Fondazione Diritti Genetici e Università degli Studi di Parma 20

22 Scienze della vita, informazione e società più critiche e a forte connotazione simbolica i limiti della pratica scientifica, sollevano molte perplessità sulla natura del rapporto che essa intrattiene con il mondo che la circonda. Gli effetti più tangibili di questa trasformazione sono sostanzialmente due, peraltro strettamente connessi. Il primo è dato dal fatto che l innovazione tecnico-scientifica appare via via più dissociata dai bisogni sociali. Il secondo risiede nella quasi completa erosione dei codici che storicamente hanno plasmato le norme deontologiche delle professioni scientifiche (3). Per esempio, i casi in cui i ricercatori si mostrano disponibili a chiudere un occhio sui requisiti del disinteresse e dell obiettività nell esercizio della loro professione non si contano più, mentre parallelamente cresce la sensibilità a interessi privati che solo qualche decennio fa non erano ammessi dai principi «mertoniani» della buona pratica scientifica (4). In buona sostanza, non si sta solo affermando un modo del pensare e dell agire che manda definitivamente in pensione l antica fede in una scienza imperturbabile di fronte alle pressioni esterne; sta anche emergendo un habitus che nega la necessità che la pratica scientifica debba comunque conformarsi al requisito dell obiettività come tensione ideale: attitudine senza la quale non vi sarebbe mai potuto essere un vero progresso scientifico. Oggi che il modello positivista si è sgretolato e in un certo senso il pensiero scientifico conosce meglio i suoi limiti, oltre che i suoi meriti, prendere coscienza di questo aspetto riveste una certa importanza, specie nelle bioscienze e nelle biotecnologie, settori ritenuti fondamentali dell innovazione moderna. Con il giro di boa del nuovo secolo, infatti, si è definitivamente aperta l era delle imprese spin off, degli scienziati manager, della sanità funzionale al profitto e degli esperti «pubblici» e al tempo stesso «privati» che presiedono panel tecnici, comitati etici e speakers bureau facendo ben attenzione a non disturbare le istanze del mercato. E non si tratta soltanto di una delle forzature del corporativismo baronale che da sempre e da dietro le quinte pilota le dinamiche accademiche; pare piuttosto il raggiungimento di un nuovo equilibrio tra le norme fondanti del «fare scienza» e gli imperativi della modernità. Gli effetti di questo slittamento culturale trascendono il mondo accademico e mettono in luce il primato incontrastato delle logiche economiche e finanziarie in tutte le espressioni dell attività sociale. 21

23 Carlo Modonesi Gli scienziati spesso operanti in strutture pubbliche possono diventare soggetti economici privati, essere invitati dall industria a entrare negli accordi sui brevetti, acquistare pacchetti azionari dalle società a cui prestano la loro competenza, propagandare farmaci, strumenti scientifici e altri prodotti, oppure godere di generose ricompense elargite da aziende a cui formalmente dovrebbero soltanto fornire pareri tecnici super partes. È stato documentato che, negli USA, molti esperti del settore biomedico in forze presso le istituzioni federali guadagnano centinaia di migliaia di dollari in consulenze con le imprese private, in alcuni casi arrivando a triplicare il valore dei compensi annui che percepiscono dal datore di lavoro principale: lo Stato (5). Molti esponenti della ricerca scientifica, inoltre, amano sempre più «apparire» nei salotti mediatici, e grazie alla commistione tra scienza e spettacolo possono sfruttare la loro autorevolezza per diventare figure pubbliche e opinion leader, o per rendere note le loro valutazioni su questioni «scientifiche» che spesso li vedono coinvolti in termini più materiali che culturali. Tutto questo genera quella condizione tipica del nostro tempo che va sotto il nome di «conflitto di interessi» e che nasce da un assenza di regole priva di senso: tema che, per quanto concerne la biomedicina, è stato trattato da vari autori, tra cui si segnalano Bobbio (6) e Jefferson (7) per efficacia ed esaustività. Sostiene Guido Rossi, in un suo saggio recente, che la congiuntura di oggi, di cui lo scenario descritto sopra rappresenta uno spaccato molto parziale, mutua i suoi modelli dalla filosofia di Adam Smith, con la sua teoria di un economia necessariamente disaccoppiata dalla morale. Rossi si interroga sulle ragioni della «singolare vita autonoma dell economia rispetto al diritto», per rispondere che «se la vita economica va per conto suo e non rispetta più le regole del diritto, forse è perché le regole del diritto non ci sono più. Il che significa che il diritto non è più uno strumento di controllo sociale, perché è l economia a dettarne le regole, naturalmente le sue regole». Il principio sostanziale, dunque, è che l economia deve tendere a soddisfare unicamente i suoi bisogni. E dal momento che, per funzionare, il mercato («la mano invisibile») non necessita di criteri normativi ma solo di capacità contrattuale da parte dei singoli soggetti che vi partecipano, l unico vero requisito dell economia di mercato è il perseguimento con ogni mezzo dell interesse privato. Co- 22

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002 SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva Roma, 30 maggio 2002 Indice Lo scenario italiano 3-10! Come la pensano gli italiani! Le cause sociali di maggiore interesse! Alcuni casi italiani! Il consumatore

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Ministero, dell'istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero, dell'istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. n. 612 Spedito il 30/3/2010 All On.le Ministro SEDE OGGETTO: Valutazione della ricerca. Adunanza del 25.03.2010 IL CONSIGLIO UNIVERSITARIO NAZIONALE APPROVA IL SEGUENTE DOCUMENTO: Introduzione Ogni

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it FRANCESCO DOMENICO CAPIZZI IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione medico-malato IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si Università degli studi di Roma La Sapienza, Dipartimento di Economia e Diritto, 17 dicembre 2013. Seminario organizzato nell ambito del Dottorato di Diritto pubblico dell economia dell Università degli

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli