UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE TESI DI LAUREA ENTERPRISE 2.0: UN NUOVO MODELLO DI GESTIONE DELL'IMPRESA RELATORE: CH.MO PROF. ENRICO SCARSO LAUREANDO: NICOLA ZACCARIA ANNO ACCADEMICO

2 2

3 INDICE INTRODUZIONE 1 CAPITOLO 1 : IL WEB DEFINIZIONE CARATTERISTICHE PRINCIPALI IL WEB COME PIATTAFORMA SERVICES DEVELOPMENT LA PARTECIPAZIONE ATTIVA DEGLI UTENTI L'INTELLIGENZA COLLETTIVA L'ETERNO BETA DAL WEB 1.0 AL WEB APPLICAZIONI WEB WIKI BLOG RSS SOCIAL NETWORK 15 CAPITOLO 2: ENTERPRISE 2.0: LE PREMESSE DEFINIZIONE NUOVO APPROCCIO AL BUSINESS IL VALORE DELL'INNOVAZIONE TIPOLOGIE D'INNOVAZIONE WEB PROPRIETA' INTELLETTUALE L'AUTO-ORGANIZZAZIONE 29 3

4 2.7 L'OUTSIDE-IN DESIGN LA CONOSCENZA COLLABORATIVA NET GENERATION TRASPARENZA AZIENDALE BUSINESS INTELLIGENCE 40 CAPITOLO 3: ENTERPRISE 2.0: LE APPLICAZIONI DEFINIZIONE STATISTICHE LA VISIONE DELLA DIREZIONE RISORSE UMANE LA VISIONE DELLA DIREZIONE MARKETING E 56 COMMERCIALE 3.5 RIVOLUZIONE SOCIAL DRIVEN OPEN ENTERPRISE GLOBAL MOBILITY ADAPTATIVE ENTERPRISE IL MODELLO ENTERPRISE POSIZIONAMENTO DEI VENDOR APPROCCI INFRASTRUTTURALI E APPLICATIVI SERVICE ORIENTED ARCHITECTURE (SOA) ENTERPRISE RESOURCE PLANNING (ERP) MASHUP SCENARI DI SVILUPPO DEL MASHUP BUSINESS PROCESS MANAGEMENT (BPM) SOFTWARE-AS-A-SERVICE ( SaaS) I WEB SERVICES BUSINESS SAAS 77 4

5 SAAS: CASO ZUCCHETTI SOTFWARE PRINCIPALI APPLICAZIONI WIKI AZIENDALI WIKI : CASO SINTRA CONSULTING WIKI: CASO AZ S.P.A TWIKI BLOG AZIENDALI SOCIAL NETWORK BENEFICI SOCIAL NETWORKING ASPETTI NEGATIVI DEL SOCIAL 93 NETWORKING SOCIAL NETWORK ANALYSIS (SNA) FOLKSONOMY CASO: BTICINO COMMUNITY CASO: LAGO ARREDAMENTI VALUTAZIONI DEI VANTAGGI ECONOMICI 105 CONCLUSIONI 111 BIBLIOGRAFIA 115 5

6 6

7 INTRODUZIONE L'Enterprise 2.0 è un fenomeno emergente che consiste nell'adozione di nuove tecnologie di tipo Web 2.0 al'interno dell'organizzazione aziendale, con lo scopo di migliorare molti processi di gestione, marketing, e servizi. L'obiettivo di questa tesi è capire quali sono i reali vantaggi derivanti dall'introduzione di queste tecnologie nel contesto aziendale. Questa ricerca è stata condotta grazie all'utilizzo di varie fonti come riviste elettroniche, siti Internet e blog specializzati. La tesi è stata sviluppata su tre capitoli. Nel primo capitolo si trova una definizione di Web 2.0, ovvero il Web di nuova generazione, che si caratterizzata per la sua struttura collaborativa e la partecipazione attiva da parte degli utenti. Vengono sviluppate le principali caratteristiche che contraddistinguono il Web1.0 dal Web 2.0 e in particolare: il concetto di Web come piattaforma, lo sviluppo dei servizi, la partecipazione attiva degli utenti, il concetto di intelligenza collettiva e l'aggiornamento continuo. Per quanto riguarda le applicazioni del Web 2.0 si da una breve definizione di wiki, blog, RSS e social network che verranno ripresi nel seguito per un analisi delle loro adattabilità nel contesto aziendale. Nel secondo capitolo viene analizzato il nuovo approccio al mondo del business, che spinge le aziende ad adottare nuovi modelli organizzativi. Il mercato globale richiede tempi di processo sempre più brevi. Le aziende per ottenere vantaggio competitivo devono saper rispondere in modo rapido alle esigenze di mercato che cambiano continuamente. Si rendono necessari processi di collaborazione all'interno e all'esterno dell'azienda, con lo scopo di approfondire le proprie conoscenze. Viene data molta importanza alle risorse umane, alla gestione della conoscenza condivisa, all'innovazione tecnologica e ai servizi per i clienti. I clienti valutano un prodotto soprattutto in riferimento ai servizi post-vendita, l'assistenza rapida e di qualità porta un enorme vantaggio competitivo. Nel terzo capitolo si analizza in modo dettagliato il fenomeno Enterprise 2.0, partendo dalla sua definizione. Vengono presentate alcune statistiche sull'evoluzione degli strumenti Web 2.0 all'interno delle aziende e delle principali funzioni aziendali coinvolte da questi processi. L'Enterprise 2.0 è il risultato di una progressiva evoluzione sociale e organizzativa basata sull'utilizzo delle nuove tecnologie Web 2.0 come blog, wiki, social network, abbinate a nuovi approcci infrastrutturali e applicativi come SOA, BPM e i Software-as-a-Service. Nel capitolo vengono descritte tutte le principali applicazioni utilizzate a livello aziendale, analizzando i campi di applicazione, la loro diffusione, i possibili vantaggi e svantaggi. In particolar modo verrà approfondito l'utilizzo dei wiki aziendali, strumento utile per la condivisione e l'archiviazione delle informazioni, grazie ad alcuni casi reali. Alla fine 1

8 del capitolo si cerca di dare una valutazione del fenomeno in termine di ritorni economici. 2

9 CAPITOLO 1 ILWEB DEFINIZIONE Con il termine " Web 2.0" si indica generalmente una fase dell'evoluzione di Internet ed in particolare del World Wide Web, che vede emergere tutte quelle applicazioni online che permettono una spiccata interazione sito-utente (come ad esempio Wikipedia, Facebook, Youtube, ecc.). Questo termine inizia a circolare verso gli ultimi mesi del 2001 in seguito allo scoppio della " bolla dot-com". Col termine dot-com si identifica solitamente un fenomeno di New Economy sviluppatosi alla fine del ventesimo secolo che raggruppa molte aziende nate dal surplus di fondi generati dalle venture capital e legate al grande ottimismo che regnava sul mercato azionario in quel periodo. Queste aziende, che credevano nelle potenzialità della rete, s'illusero di potersi espandere con molta facilità, ma si trovarono, in molti casi, a dover fare i conti con la mancanza di idee innovative, di esperienza e di capacità gestionali. Proprio queste aziende furono le principali protagoniste della bolla speculativa della New Economy agli inizi degli anni 2000 a causa di una catena di fallimenti che diede inizio ad un periodo di recessione. Le principali cause possono essere attribuite alla mancanza di un chiaro piano industriale e di una strategia di marketing. Proprio questo precedente crea ancora oggi dei timori e delle perplessità sulla reale capacità e affidabilità del business basato sulla rete. Come spesso capita da una grande crisi escono nuove opportunità e infatti le aziende che riuscirono a sopravvivere alla fine dell'era dot-com sono oggi le protagoniste del web 2.0 come ad esempio Hotmail, Skype e Youtube. Il segreto del loro successo è stato quello di offrire servizi innovativi e interessanti assecondati da una buona capacità imprenditoriale. I fattori che hanno facilitato la diffusione di questo fenomeno sono molteplici, ma possiamo dire che i più importanti sono la maturità e lo sviluppo raggiunto da Internet negli ultimi dieci anni e la constatazione che oramai più di un miliardo di persone in tutto il mondo ha la possibilità di accedere ad Internet grazie a dispositivi mobili e nuove tecnologie come le reti wi-fi. A due anni di distanza dalla sua apparizione O'Reilly definisce il Web 2.0 come "la rivoluzione commerciale nel settore informatico dovuta al passaggio di Internet come piattaforma, e il tentativo di capire le regole del successo su questa nuova piattaforma. La principale regola consiste nel costruire delle applicazioni di rete che migliorano quando vengono usufruite dagli utenti, più le persone utilizzano queste applicazioni più queste migliorano. "(O'Reilly,2006). Il Web 2.0 infatti non 3

10 va visto come un'applicazione specifica o come un particolare marchio registrato, ma va inteso come un insieme di approcci utilizzati per sfruttare la rete in modo nuovo e innovativo. Con l'avvento del 2.0 il web diventa quindi una piattaforma di sviluppo. " Per le persone che lavorano in azienda, il web è una piattaforma per gli affari. Per chi si occupa di marketing è una piattaforma per la comunicazione. Per i giornalisti il web è una piattaforma per i nuovi media. Per i tecnici il web è una piattaforma di sviluppo di software e così via." (McManus, 2005). Un altra caratteristica importante che definisce il concetto di Web 2.0 è rappresentato dalla partecipazione attiva degli utenti. Fino ad oggi sia nel campo web che in quello reale la gestione delle risorse e delle conoscenze era controllata per lo più da esperti del settore che raccoglievano e organizzavano i dati che poi l'utente poteva leggere e utilizzare. Con il nuovo approccio Web 2.0 l'utente diventa parte attiva e da un valore aggiunto ai contenuti. Queste nuove tecnologie permettono ai dati di diventare indipendenti dalla persona che li produce, o dai siti che li hanno creati, senza far loro perdere la propria identità. Diventa possibile per l'utente modificare e mixare i dati raccolti per uno scopo preciso contribuendo ad arricchire il contenuto di questi dati. Il Web 2.0 è un open-source e cioè una fonte di approvvigionamento libera che permette di condividere conoscenze molto facilmente e di diffonderle rapidamente creando allo stesso tempo nuove opportunità di lavoro. Un esempio molto importante di partecipazione dell'utente che riprenderemo più avanti è Wikipedia una sorta di enciclopedia multimediale dove ogni utente può contribuire aggiornando i dati in qualsiasi momento. Questo fenomeno si può definire come " un istituto di architettura aperta favorito dall'abbassamento delle barriere alla pubblicazione, dalla facilità con cui gli utenti possono collegare le idee e dalla larghezza di banda disponibile ottenuta con il potenziamento dei computer e della rete" (Weinberger, 2007). Weinberger assegna grande importanza all'interazione dell'utente e la interpreta come una evoluzione delle idee positive del passato più che come una vera e propria rivoluzione. " La partecipazione attiva degli utenti è un grande esempio di democrazia" (Graham, 2005). I servizi Web 2.0 sono infatti progettati per migliorare automaticamente con il loro progressivo utilizzo da parte del "popolo web". Un esempio è dato da Google Search uno dei più famosi motori di ricerca che classifica gli argomenti tramite il ranking. Questo servizio è fortemente influenzato quindi dal numero di accessi degli utenti e arriva ad una qualità di classificazione sempre più elevata col progredire del suo utilizzo. Infatti più statistiche vengono raccolte e più alta sarà l' attendibilità dei dati forniti. I servizi sono uno dei nodi centrali del Web 2.0 che tralascia forse un po' il concetto di applicazione specifica. Lo sviluppo del servizio al cliente infatti è un concetto che si sta sviluppando molto anche nell'economia reale non solo via internet. Si cerca di sviluppare i servizi in modo semplice e chiaro con continui aggiornamenti che possono facilmente essere ottenuti dal cliente in modo rapido e con bassi costi. Il web 2.0 utilizza infatti la tecnologia RSS che approfondiremo in seguito, questa consente agli utenti di ottenere 4

11 aggiornamenti in modo automatico non appena un sito cambio senza la necessità di doverlo visitare. 1.2 CARATTERISTICHE PRINCIPALI In questo paragrafo verranno esaminati in maggior dettaglio i principi fondamentali alla base del Web 2.0, alcuni dei quali già richiamati in precedenza. I principi del Web 2.0 sono: il Web come piattaforma services development (sviluppo dei servizi) partecipazione attiva degli utenti potenziamento del servizio con il suo utilizzo intelligenza collettiva l'eterno beta Figura 1.1 Mappa concetto web 2.0 (O'Really Media,2005) La figura 1.1 una è una mappa concettuale del Web 2.0 sviluppata durante un brainstorming ad una conferenza presso O'Really media, e costituisce un work in progress dove sono rappresentate le maggiori idee alla base del Web

12 1.2.1 IL WEB COME PIATTAFORMA Questo è il primo principio formulato alla prima conferenza sul Web 2.0 nell'ottobre 2004 da Tim O'Really e John Battelle. Il Web infatti non ha dei confini rigidi,ma è un insieme di principi e di procedure che collegano assieme una moltitudine di siti. Una "Piattaforma" è un sistema che può essere programmato da sviluppatori esterni, in questo caso gli utenti, e in questo modo adattato alle esigenze e alle innumerevoli nicchie presenti che difficilmente sarebbero state prese in considerazione dagli sviluppatori iniziali. Vi sono essenzialmente due tipologie di piattaforma: piattaforme che permettono di utilizzare dei dati mettendo a disposizione delle Application Programming Interface (API ) 1, come ad esempio Flickr; piattaforme che permettono di inserire al proprio interno dei plug-in, pur rimanendo a carico dello sviluppatore esterno ogni errore tecnico di gestione, come ad esempio Facebook. Non si deve quindi considerare il Web 2.0 quindi come un'applicazione ben definita, ma come un insieme di siti, applicazioni e risorse che interagiscono tra loro e che sono facilmente usufruibile dall'utente. Le aziende che hanno recepito meglio il concetto di " piattaforma" sono quelle che utilizzano il web come canale di vendita, offrendo dei servizi attraverso i quali le persone possono acquistare dei contenuti. Tra queste aziende è possibile citare ebay il maggior portale di vendite attraverso la rete. (1) Le API sono insiemi di procedure disponibili al programmatore che gli permettono di evitare di dover scrivere ogni volta le funzioni partendo da zero. 6

13 1.2.2 SERVICES DEVELOPMENT Il servizio al centro di tutto e prima dell'applicazione. Questo è un concetto fondamentale del web, lo sviluppo del servizio deve essere prioritario. Il successo di questa teoria è ben rappresentato da Google il più famoso motore di ricerca del web. Google è un'applicazione nata sul web, ma mai concepita come pacchetto di vendita, bensì fornita come un servizio che i clienti pagavano direttamente o indirettamente per il loro utilizzo. Non c'era nessuna trappola dovuta al rilascio di software o di licenze, nessuna necessità di acquisto solo la possibilità di usufruire del servizio con la possibilità di miglioramenti e aggiornamenti disponibili di continuo. Alla basa di Google c'è la gestione dei dati, ma sono irrilevanti le licenze software e il controllo delle API in quanto non ha bisogno di essere distribuito ma è solo un servizio che deve essere usufruito dall'utente. Il servizio di ricerca di Google non è ne un server ne un browser ma funge da intermediario tra l'utente e la sua esperienza online. I contenuti che permette di ricercare non sono nemmeno contenuti al suo interno. Il passaggio dal software come prodotto al software come servizio implica una gestione continua e quotidiana, che se omessa provoca la cessazione del software. Google infatti tiene sotto protezione i segreti riguardanti l'amministrazione del sistema, il networking e il bilanciamento dei carichi di dati. Lo sviluppo e l'ampliamento dei servizi abbinato alla gestione dei dati ha permesso a molte società di raggiungere anche le zone periferiche del web e non solo la parte centrale, raggiungendo tutti i piccoli siti che vengono chiamati " the long tail", la lunga coda. Questa teoria esposta da Chris Anderson nel 2004 ritiene che molte imprese concentrano la loro attività a favore dei principali clienti che sono circa il 20%, trascurando il restante 80% composto da popolazione che fa piccoli acquisti e in modo saltuario. Questo ragionamento è secondo Anderson sbagliato in quanto questo 80% se preso complessivamente può avere un bacino d'utenza maggiore e può fruttare ricavi maggiori in quanto è una risorsa enorme. Il futuro sarà rappresentato dal tentativo di gestire appunto la "lunga coda" cioè l'insieme di piccole imprese e singoli utenti che acquistano piccole quantità. Questa teoria rapportata all'ambiente web attraverso lo sviluppo e la penetrazione dei servizi offerti anche nelle zone periferiche è stata sfruttata da due società come ebay e Amazon che attraverso la vendita di piccoli quantitativi in rete hanno costruito delle società con fatturati rilevanti LA PARTECIPAZIONE ATTIVA DEGLI UTENTI Come già accennato in precedenza fino all'avvento del web 2.0 il compito di raccogliere, organizzare e ordinare i contenuti, sia nell'ambito del web che in quello del Knowledge Management ( KM) 2 era riservato ad esperti, e l'utente finale poteva solo leggere i contenuti svolgendo un ruolo passivo. Una grande novità introdotta dal Web 2.0 è la possibilità che viene data all'utente di partecipare attivamente alla 7

14 gestione e alla condivisione dei contenuti. Questa partecipazione attiva crea un valore aggiunto ai contenuti del web grazie all'apporto di nuove idee e di nuove esperienze introdotte dagli utenti. Dan Bricklin in un suo articolo " The Cornucopia of Commons" indica tre modi per ottenere un ampio database di dati : si possono pagare degli esperti del settore come è stato fatto da Yahoo; si possono cercare dei volontari nelle comunità open source, che realizzino lo stesso lavoro di un team di esperti, soluzione adottata dall'open Directory Project; si può adottare la condivisione di file peer to peer, approccio inventato da Napster ( che dovette poi chiudere per problemi legali), che permette ad ogni utente di scaricare brani musicali mettendoli poi a disposizione degli altri e contribuendo agli utente di allargare di volta in volta il loro database condiviso. Solobak (2007) fornisce invece una distinzione tra le varie tipologie di utenti: utenti passivi: si limitano a leggere i contenuti; utenti leggermente attivi: aggiungono contenuti nuovi a quelli di altre persone oppure inseriscono dei propri contenuti attraverso i blog; utenti con collaborazione attiva: lavorano in parallelo con la rete aggiungendo contenuti e collaborando alla loro creazione tramite wiki, foglio elettronico Google,ecc. Nel Web 2.0 perciò gli utenti creano un valore aggiunto, anche se in realtà solo una piccola parte di loro lo fa in modo esplicito. Perciò le società che operano nel Web 2.0 creano di base dei sistemi per l'aggregazione dei dati degli utenti e per la costruzione di valore come effetto collaterale del normale utilizzo dell'applicazione. Il web ha un'architettura che permette agli utenti di sfruttare la rete per i propri scopi personali ed "egoistici", ma allo stesso tempo da un contributo all'intera collettività aggiungendo del valore ai contenuti. (2) Filone della ricerca teorica e applicativa che sviluppa il tema della preservazione e della condivisione della conoscenza attraverso gli strumenti dell' information technology. 8

15 1.2.4 L' INTELLIGENZA COLLETTIVA I collegamenti ipertestuali sono la base essenziale del web fino dall'era precedente il Web 2.0 e il link è la sua unità fondamentale. Letteralmente link significa " legame", " collegamento" che è una parola fondamentale in ambito web. I collegamenti ipertestuali collegano le varie pagine e i vari siti trasformandole in un intelligenza collettiva. Quando un utente infatti aggiunge nuovi contenuti o nuovi siti, questi vengono integrati alla struttura del web dagli altri utenti che ne scoprono il contenuto e creano un link, un collegamento. Come risultato si ottiene una crescita della rete delle connessioni data dalle ripetizioni e dall'intensità dei collegamenti che viene creata dalla collettività degli utenti. Il primo grande esempio si successo in questo campo fu Yahoo! che nacque come un catalogo di link, contenenti il lavoro migliore di migliaia e poi milioni di utenti, e ancor oggi il suo ruolo di portale per il lavoro collettivo degli utenti rimane il centro delle sue attività. Altro esempio è Google che è diventato leader indiscusso del campo delle ricerche attraverso il Page rank, un metodo che utilizza i collegamenti ipertestuali per fornire i migliori risultati di ricerca. EBay è un esempio di come una società può offrire come prodotto l'attività collettiva di tutti i suoi utenti. ebay è una società che non fa altro che mettere a disposizione un luogo dove i propri utenti possono svolgere le loro attività di compravendita. ebay cresce con la crescita dell'attività dei propri utenti e ottiene un vantaggio competitivo dalla massa critica di acquirenti e venditori che rendono meno interessante chi tenti di offrire un servizio simile. Un grande esempio di intelligenza collettiva è sicuramente Wikipedia che non è altro che un'enciclopedia online basata sull'improbabile idea che ciascuna voce possa essere aggiunta da qualsiasi utente web e modificata da un altro. Questo è un esperimento di fiducia radicale nell'utente e ha permesso a wikipedia di entrare nella classifica dei primi 100 siti web, rappresentando un cambiamento profondo nella dinamica della creazione dei contenuti. La chiave per dominare il mercato web 2.0 è dominare la rete attraverso la sua intelligenza collettiva, sfruttando i contributi degli utenti e le loro interazioni come fanno molte società leader in questo campo che non fanno mai pubblicità diretta ai loro prodotti, ma utilizzano il " marketing virale" e cioè le raccomandazioni che passano da un utente all'altro. 9

16 1.2.5 L' ETERNO BETA Come detto in precedenza il Web 2.0 è basato sui servizi piuttosto che sulle applicazioni indipendenti, e questi devono essere aggiornati in modo continuo. Per fare questo le società web cercano di sviluppare i loro servizi in moduli leggeri. In questo modo non ci saranno più funzioni monolitiche e pesanti, ma solo delle piccole nuove versioni facilmente aggiornabili. Con il termine Beta in campo informatico si intende una prima versione di prova di un software destinata a dei gruppi specifici di clienti che la utilizzano e ne verificano le potenzialità prima di renderla disponibile al pubblico. Una chiave di successo del web 2.0 è proprio questo piccolo ma continuo aggiornamento dei propri software che viene affrontato come un eterno Beta in cui gli utenti diventano dei partner nascosti che garantiscono la qualità del processo. Una caratteristica molto importante delle società 2.0 è quella di utilizzare i propri utenti come dei veri e propri collaudatori dei servizi rilasciati. Gli utenti infatti permettono di verificare in tempo reale gli effetti degli aggiornamenti apportati e permettono di capire come l'utente utilizza questi nuovi servizi. Un esempio di utilizzo di questa caratteristica è dato da Flickr un sito nato per raccogliere le foto dei vari utenti che potevano poi direzionarle verso altri siti, si è poi evoluto diventando una comunità virtuale con molte altre funzioni. Il capo sviluppatore di tale sito, Cal Henderson rivelò di riuscire ad implementare nuove versioni ogni mezz'ora attuando poi dei controlli sui reali utilizzi da parte degli utenti. 1.3 DAL WEB 1.0 AL WEB 2.0 Il Web 2.0 è un evoluzione di Internet ed in particolare del cosiddetto Web 1.0 che era più che altro un insieme di applicazioni statiche che permetteva di visualizzare documenti ipertestuali senza avere però la possibilità di interagire in modo attivo come accade nel Web 2.0. Le infrastrutture di rete sono infatti identiche e l'ipertesto rimane il concetto di base delle relazioni tra i contenuti. L'unica differenza sostanziale è appunto l'approccio dell'utente al Web, dalla semplice consultazione alla possibilità di contribuire popolando e alimentando il Web con i propri contenuti. La possibilità di accedere ai servizi a basso costo in grado di consentire l'editing anche all'utente poco evoluto, rappresenta un importante passo verso un'autentica interazione e condivisione in cui il ruolo dell'utente è centrale. 10

17 Figura 1.2. Principali differenze dal web 1.0. (O'Really Media, 2005) In figura 1.2 sono schematizzate alcune delle differenze principali tra le due diverse versioni del Web, ora passerò in rassegna le più importanti. Una prima differenza è il passaggio dai siti web personali ai blog, un cambiamento che ha generato un incredibile semplificazione. Se prima con i siti web personali era necessaria una padronanza di linguaggio HTML e di programmazione, oggi con i blog chiunque è in grado di pubblicare i propri contenuti dotandoli pure di una sofisticata veste grafica, il tutto senza possedere particolari capacità tecniche informatiche. I sistemi di gestione dei contenuti hanno subito un importante evoluzione e una conseguente semplificazione con il passaggio al Web 2.0. Se prima infatti erano necessarie più applicazioni informatiche per gestire il ciclo di vita di un' informazione, oggi una sola applicazione supporta al meglio tutto il processo, dal momento dell'intuizione fino a quello della fruizione. Tutto questo è reso possibile dalla tecnologia wiki che può essere considerato il punto di arrivo del " content management" ovvero della gestione dei contenuti. Un wiki è un sito web che viene aggiornato dai suoi utilizzatori e i cui contenuti sono sviluppati in collaborazione da tutti coloro che vi hanno accesso, è una sorta di Software collaborativo. Fra tutte la applicazioni di tipo wiki sicuramente la più conosciuta ed utilizzata è Wikipedia l'enciclopedia online che ha soppiantato come si vede dalla figura 1.2 la precedente applicazione Britannica Online. Con il Web 2.0 cambiano anche le tecniche utilizzate per tenere incollato il visitatore ad un sito web. Si passa dal concetto di " stickiness" ( che significa appiccicoso), al concetto di " syndication" ( riunire, pubblicare su fonti diverse). Con il nuovo approccio si cerca di fare in modo che i contenuti possano essere fruiti non solo sul sito di provenienza, ma anche attraverso altri canali. Questo è possibile grazie a delle nuove tecnologie ( RSS, tagging,ecc.). Un esempio di questi nuovi 11

18 canali è rappresentato dai " feed" che sono delle liste di elementi con un titolo ( es. notizie di un giornale), che permettono il successivo collegamento ai contenuti informativi. Questi contenuti possono essere aggiornati e consultati di frequente con l'aiuto di un browser o di alcune applicazioni permettendo di essere sempre a conoscenza dei nuovi contenuti disponibili su più siti senza visitarli direttamente. Con il passaggio al Web 2.0 si ha un radicale cambiamento dei sistemi di classificazione delle informazioni, si passa infatti dalla classica tassonomia, o scienza della classificazione, attuata attraverso l'utilizzo di directories da parte di programmatori web, al nuovo concetto di " folksonomia", una classificazione delle informazioni fatta dagli utenti attraverso l'utilizzo di parole chiave chiamate " tag" che vengono scelte liberamente. I tag sono quindi parole chiave associate ad un termine o ad un informazione. Rendono possibile la classificazione e la ricerca e vengono di solito scelti in base a criteri informali e personali. Il web 2.0 è infatti caratterizzato da una classificazione molto personale. Questa applicazione è sviluppata in particolar modo nei social bookmarking, segnalibri virtuali liberamente consultabili e condivisibili con i vari utenti di una comunità web. Il " tagging" permette quindi di ottenere delle liste di argomenti correlati tra loro rendendo più facili le ricerche. Tra le società che guidarono il passaggio da una versione all'altra del web si può citare DoubleClick, una società che sviluppa e fornisce servizi Internet. Questa società è stata una delle poche in grado di superare il collasso della "bolla speculativa dot com" di cui si è parlato in precedenza. DoubleClick fu una delle prime società a trattare il web come piattaforma e il software come un servizio, la sua competenza principale era la gestione dei dati. Il limite principale di questa società che nel 2008 è stata assorbita da Google è stato quello di condividere la convinzione che il web significava pubblicare e non partecipare, che gli inserzionisti e non i consumatori erano i principali attori del mercato, e che internet e il suo mercato fosse dominato dai siti più importanti. Il software di DoubleClick fu poi sviluppato e migliorato da altre società come Google Ad Sense e Overture che a differenza del loro predecessore compresero il pensiero di Chris Anderson ovvero " the long tail" ( la lunga coda), è il potere collettivo dei piccoli siti il contenuto più importante del web. DoubleClick richiedeva contratti formali di vendita, limitando il proprio mercato a poche migliaia di siti tra i più grandi, Overture e Google invece capirono come rendere possibile il posizionamento delle pubblicità virtualmente su qualsiasi sito web. Queste società inoltre evitarono pubblicità invasive e insistenti attraverso i pop up. Altro confronto tra due società è quello tra Akamai che fornisce una piattaforma per la distribuzione di contenuti via internet e BitTorrent uno dei pionieri del movimento peer-to-peer che ha un approccio radicale verso la decentralizzazione di internet. Akamai era nato per fare business con il centro del web e non con la periferia, raccogliendo i propri guadagni con i siti centrali. BitTorrent invece adotta un altra filosofia; i file sono suddivisi in frammenti a cui si può accedere da diversi 12

19 server utilizzando la rete in modo trasparente fornendo sia banda che dati ad altri utenti. Più il file sarà popolare e più velocemente può essere disponibile in quanto ci sarà un numero maggiore di utenti che mettono a disposizione degli altri banda e frammenti completi del file. Viene qui rappresentato un principio chiave del web 2.0: " il servizio migliora automaticamente con l'aumentare del numero degli utenti.". Akamai aggiunge un server per migliorare il proprio servizio, ogni componente di BitTorrent apporta le proprie risorse al gruppo intero per migliorare il servizio, attuando la co-operazione tra gli utenti e la società e dando un grande esempio di " architettura partecipativa". 1.4 APPLICAZIONI WEB 2.0 Nel definire le applicazioni più conosciute del web 2.0 possiamo partire da una loro prima classificazione redatta da Wikipedia che definisce 4 livelli: Livello 3 : è il più alto livello di applicazione web 2.0, che esiste solo attraverso la connessione ad internet e trae potere dalle connessioni umane. Migliora attraverso l'utilizzo. O'Really ne da alcuni esempi: ebay, Wikipedia, Skype, AdSense. Livello 2 : applicazioni che possono funzionare off-line ma traggono vantaggi solo attraverso la connessione alla rete. O'Really cita Flickr che beneficia della condivisione foto-database e delle tag del database generato dalle comunità. Livello 1 : applicazioni che possono funzionare off-line ma che guadagno caratteristiche tecniche attraverso la connessione alla rete. Ad esempio Writely ( Google Documenti e Fogli di Lavoro) o ITunes con il suo musicstore. Livello 0 : applicazioni che funzionano off-line come ad esempio Mapquest, Yahoo!Local, Google Map, applicazioni di mapping con il contributo degli utenti. Applicazioni non web2.0 : come ad esempio le e il telefono. ( Wikipedia, 2006) WIKI E' un sito web strutturato, una raccolta di pagine che condividono la stessa struttura e ricava la sua unicità dalla grande partecipazione riservata agli utenti che 13

20 possono modificare i contenuti esistenti, crearne di nuovi e addirittura influenzare la struttura del sito, è un ottimo esempio di democrazia. Il primo Wiki nasce nel 1994 e deriva da una parola hawaiana che significa veloce. Ciò che differenzia i wiki dai classici web content manager (WCM) che sono strumenti di gestione dei flussi di informazioni che alimenta i siti web aziendali è la facilità d'uso dei modelli di scrittura. Il motore wiki che permette di creare siti web di questo tipo può essere scaricato facilmente dalla rete. L'esempio più famoso e di maggior successo in questo campo è senza dubbio l'enciclopedia multimediale " Wikipedia" che era nata tra molti dubbi perchè non si credeva possibile la creazione di un opera di questo genere da parte di utenti non esperti. Con il passare del tempo Wikipedia è diventata una grande concorrente delle enciclopedie classiche superando queste ultime grazie ai continui aggiornamenti. Con i motori wiki è molto facile creare collegamenti tra i termini, le pagine e i titoli, ampliando la condivisione delle conoscenze I BLOG Sono dei diari personali che come detto hanno sostituito i vecchi siti web personali grazie ad una maggiore facilità di redazione. I blog sono pagine scritte dagli utenti che assieme formano un sottoinsieme del web chiamato " blogosfera". Sono una delle caratteristiche del web 2.0 più pubblicizzate e come fa notare Rich Skentra, l'organizzazione cronologica di un blog " sembra una differenza insignificante, ma definisce un sistema di erogazione, una pubblicità e una catena del valore completamente differenti ". Il proliferarsi dei blog e delle comunità blogger è sempre più vasto, solo nel 2006 si contavano più di di blog in tutto il mondo. Il termine è la contrazione di web-log ossia di "diario in rete" ed ebbe inizio nel 1997 negli Stati Uniti grazie a Dave Winer che sviluppo un software che ne permetteva la pubblicazione e diede la possibilità a tutti di pubblicare pagine internet, privilegi prima riservato a pochi come ad esempio università e centri di ricerca. In Italia questo fenomeno iniziò a diffondersi nel 2001 grazie alla nascita dei primi servizi di gestione gratuita dei blog, e di li a poco divenne una moda. La grande differenza tra i blog e le precedenti pagine web personali è data dalla facilità di aggiornamento, i blog sono infatti diari non singole pagine e hanno una modalità di scrittura continua che ha tratto giovamento da una tecnologia chiamata RSS che verrà approfondita in seguito. Questa tecnologia permette agli utenti di ricevere un avviso ogni volta che una pagina web di loro interesse viene modificata, permettendo quindi all'utente di conoscere in tempo reale gli aggiornamenti apportati ad una pagina di un blog. Skentra definisce questo nuovo approccio " web incrementale" in quanto si hanno delle pagine web molto più dinamiche e in continua evoluzione. I 14

Definizione di enterprise 2.0

Definizione di enterprise 2.0 L enterprise 2.0 Definizione di enterprise 2.0 Piattaforme sociali Canali e piattaforme Modalità emergente Sware enterprise Social sware Piattaforme - emergenza Definizione di McAfee tecnocentrica Mcafee

Dettagli

L istruzione degli utenti e la promozione dei servizi delle biblioteche. Blog e wiki

L istruzione degli utenti e la promozione dei servizi delle biblioteche. Blog e wiki L istruzione degli utenti e la promozione dei servizi delle biblioteche Blog e wiki Biblioteca 2.0 la biblioteca sta cambiando l impatto del Web 2.0 (Open Acess, Wikis, Google book, blogosfera, Flickr,

Dettagli

Conoscere Dittaweb per:

Conoscere Dittaweb per: IL GESTIONALE DI OGGI E DEL FUTURO Conoscere Dittaweb per: migliorare la gestione della tua azienda ottimizzare le risorse risparmiare denaro vivere meglio il proprio tempo IL MERCATO TRA OGGI E DOMANI

Dettagli

Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato. Firenze, 4 maggio 2015

Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato. Firenze, 4 maggio 2015 Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato Firenze, 4 maggio 2015 Un sito statico è un sito web che non permette l interazione con l utente,

Dettagli

Commercio elettronico e Web 2.0

Commercio elettronico e Web 2.0 Commercio elettronico e Web 2.0 Dr. Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Caso di studio: Google Google è uno degli

Dettagli

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie dell informazione e controllo 2 Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale IT e coordinamento esterno IT e

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

SOLUZIONE Web.Orders online

SOLUZIONE Web.Orders online SOLUZIONE Web.Orders online Gennaio 2005 1 INDICE SOLUZIONE Web.Orders online Introduzione Pag. 3 Obiettivi generali Pag. 4 Modulo di gestione sistema Pag. 5 Modulo di navigazione prodotti Pag. 7 Modulo

Dettagli

Mappatura della supply chain. Soluzioni Clienti

Mappatura della supply chain. Soluzioni Clienti Mappatura della supply chain Soluzioni Clienti Mappatura della supply chain State cercando di migliorare la gestione della supply chain della vostra organizzazione? Mappare i processi rappresenta una modalità

Dettagli

What you dream, is what you get.

What you dream, is what you get. What you dream, is what you get. mission MWWG si propone come punto di riferimento nella graduale costruzione di una immagine aziendale all'avanguardia. Guidiamo il cliente passo dopo passo nella creazione

Dettagli

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Web e Social Network: non solo comunicazione ma condivisione A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Dal Web 1.0 al Web 2.0 WEB 1.0 USO LA RETE WEB 2.0 SONO IN RETE WEB 2.0 SIAMO

Dettagli

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing PartnerWorld IBM Global Financing Straordinarie possibilità di crescita con IBM Global Financing Servizi finanziari per i Business Partner IBM ibm.com/partnerworld Accesso diretto a un avanzato servizio

Dettagli

Le prestazioni della Supply Chain

Le prestazioni della Supply Chain Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento

Dettagli

Come gestire i Social Network

Come gestire i Social Network marketing highlights Come gestire i Social Network A cura di: Dario Valentino I Social Network sono ritenuti strumenti di Marketing imprescindibili per tutte le aziende che svolgono attività sul Web. Questo

Dettagli

OGGETTO: Offerta per l integrazione Contenuti Festival del Lavoro sito Cdlpa.it

OGGETTO: Offerta per l integrazione Contenuti Festival del Lavoro sito Cdlpa.it Palermo, 30/01/2015 Spettabile CDL PALERMO c.a. Consigliere Alessi OGGETTO: Offerta per l integrazione Contenuti Festival del Lavoro sito Cdlpa.it Siamo lieti di presentarvi, nell offerta in oggetto, la

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale di Alberto Boletti INTRODUZIONE Lo studio dell organizzazione aziendale ha sempre suscitato in me una forte curiosità,

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Le 5 forze di Porter Nella formulazione di una strategia un passo fondamentale è la definizione e lo studio delle principali caratteristiche del settore in cui si opera. Lo schema di riferimento più utilizzato

Dettagli

Social Network. Social Business

Social Network. Social Business Social Network Social Business Piero Luchesi PMP AGENDA Agenda e introduzione Parte I Overview sul Social Business Era della collaborazione Social Network Apertura al Social Business Come fare Social Business

Dettagli

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido Starter Package è una versione realizzata su misura per le Piccole Imprese, che garantisce una implementazione più rapida ad un prezzo ridotto. E ideale per le aziende che cercano ben più di un semplice

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

In meno di dieci anni i social. Social Learning, la formazione 2.0

In meno di dieci anni i social. Social Learning, la formazione 2.0 Social Learning, la formazione 2.0 È IL MODO PIÙ NUOVO DI EROGARE CONTENUTI E INFORMAZIONI A DIPENDENTI, CLIENTI E FORNITORI, MA È ANCHE LA FORMA PIÙ ANTICA DI APPRENDIMENTO, CHE PASSA DALLE RELAZIONI,

Dettagli

AT&S Aumenta l Efficienza e l Agilità del Business Tramite il Miglioramento della Gestione IT

AT&S Aumenta l Efficienza e l Agilità del Business Tramite il Miglioramento della Gestione IT CUSTOMER SUCCESS STORY Ottobre 2013 AT&S Aumenta l Efficienza e l Agilità del Business Tramite il Miglioramento della Gestione IT PROFILO DEL CLIENTE Settore: Manifatturiero Azienda: AT&S Dipendenti: 7500

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Università : Università degli studi di Bologna Facoltà : Economia Indice di questo documento L' Appunto Le Domande d'esame e' un sito di

Dettagli

Il tuo business si evolve. Fai evolvere il tuo gestionale. Costruiamo i motori di un pianeta più intelligente.

Il tuo business si evolve. Fai evolvere il tuo gestionale. Costruiamo i motori di un pianeta più intelligente. Il tuo business si evolve. Fai evolvere il tuo gestionale. Costruiamo i motori di un pianeta più intelligente. esperienza + innovazione affidabilità Da IBM, una soluzione completamente nuova: ACG Vision4,

Dettagli

La prossima ondata di innovazione aziendale introdotta da Open Network Environment

La prossima ondata di innovazione aziendale introdotta da Open Network Environment Panoramica della soluzione La prossima ondata di innovazione aziendale introdotta da Open Network Environment Panoramica La crescente importanza dei ruoli assunti da tecnologie come cloud, mobilità, social

Dettagli

Internet e condivisione di interessi: social networking, blog, peer to peer

Internet e condivisione di interessi: social networking, blog, peer to peer Seminario della Consulta delle Associazioni Culturali del Comune di Modena La Rete Civica del Comune di Modena per le associazioni culturali" Internet e condivisione di interessi: social networking, blog,

Dettagli

PICCOLA? MEDIA? GRANDE!

PICCOLA? MEDIA? GRANDE! PICCOLA? MEDIA? GRANDE! UNA NUOVA REALTÀ PER LE IMPRESE Il mondo odierno è sempre più guidato dall innovazione, dall importanza delle nuove idee e dallo spirito di iniziativa richiesti dalla moltitudine

Dettagli

I modelli di Business nel WEB 2.0

I modelli di Business nel WEB 2.0 I modelli di Business nel WEB 2.0 Università degli Studi Sapienza di Roma Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Insegnamento di Economia Aziendale anno accademico 2009-2010 Prof. Romano Boni

Dettagli

PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium. TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI

PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium. TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI TEMI DI DISCUSSIONE Questa nota è destinata a fornire una base

Dettagli

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda Fa quadrato attorno alla tua azienda Professional Perché scegliere Cosa permette di fare la businessintelligence: Conoscere meglio i dati aziendali, Individuare velocemente inefficienze o punti di massima

Dettagli

Alfresco ECM. La gestione documentale on-demand

Alfresco ECM. La gestione documentale on-demand Alfresco ECM La gestione documentale on-demand Alfresco 3.2 La gestione documentale on-demand Oltre alla possibilità di agire sull efficienza dei processi, riducendone i costi, è oggi universalmente conosciuto

Dettagli

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication G&P communication srl - Milano Dal web 1.0 al web 2.0 la grande rivoluzione web 1.0 Statico

Dettagli

La potenza di Ariba per i clienti SAP. I vantaggi del Collaborative Commerce

La potenza di Ariba per i clienti SAP. I vantaggi del Collaborative Commerce La potenza di Ariba per i clienti SAP I vantaggi del Collaborative Commerce Contenuti 4 9 10 12 14 18 20 22 24 Potenziare il Networked Business Una combinazione efficace Collaborative Commerce con Ariba

Dettagli

Web X.0 e Pubblica Amministrazione. Roma, 23 maggio 2007

Web X.0 e Pubblica Amministrazione. Roma, 23 maggio 2007 Web X.0 e Pubblica Amministrazione Roma, 23 maggio 2007 WEB 2.0 Web 2.0 è un paradigma in evoluzione: da un web nel quale pochi scrivono per molti a un web dove molti scrivono a molti prendere informazioni

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

Teoria della Long Tail

Teoria della Long Tail Il web Definizioni 2/8 Web = un mezzo/strumento per comunicare, informare, raccontare, socializzare, condividere, promuovere, insegnare, apprendere, acquistare, vendere, lavorare, fare business, marketing,

Dettagli

Tecnico Superiore per la filiera delle nuove produzioni vegetali e florovivaistiche

Tecnico Superiore per la filiera delle nuove produzioni vegetali e florovivaistiche Fondazione Minoprio - corso ITS Tecnico Superiore per la filiera delle nuove produzioni vegetali e florovivaistiche I social media Facebook La maggior parte dei proprietari di piccole aziende hanno dichiarato

Dettagli

km brochure pdf cover documento aggiornato il 31.10.2004 Knowledge management Trasferire la conoscenza da chi la possiede a chi la richiede

km brochure pdf cover documento aggiornato il 31.10.2004 Knowledge management Trasferire la conoscenza da chi la possiede a chi la richiede km brochure pdf cover documento aggiornato il 31.10.2004 Knowledge management Trasferire la conoscenza da chi la possiede a chi la richiede km brochure pdf indice documento aggiornato il 31.10.2004 km

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

Fare business con la realtà aumentata mobile

Fare business con la realtà aumentata mobile GIANLUCA VAGLIO Fare business con la realtà aumentata mobile Come sfruttare un potente strumento marketing 2011 Gianluca Vaglio www.gianlucavaglio.net Avvertenze legali AVVERTENZE LEGALI Copyright 2011

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

Comunicazione e Nuovi Media. Selene Biffi

Comunicazione e Nuovi Media. Selene Biffi Comunicazione e Nuovi Media Selene Biffi Youth Action for Change 2005 Utilizzo ICTs nello svolgimento giornaliero delle attività Corsi e altre attività formative Programmi usufruiti in 120 Paesi Le basi

Dettagli

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o CAPITOLO 11 Innovazione e cambiamento Agenda Ruolo strategico del cambiamento Cambiamento efficace Cambiamento tecnologico Cambiamento di prodotti e servizi i Cambiamento strategico e strutturale Cambiamento

Dettagli

La Piattaforma la Piattaforma La Piattaforma

La Piattaforma la Piattaforma  La Piattaforma In un mercato globale è sempre più importante conoscere ciò che si sta per acquistare, la provenienza delle materie prime e la catena produttiva (o filiera di produzione) associata al prodotto che si intende

Dettagli

SERVER E VIRTUALIZZAZIONE. Windows Server 2012. Guida alle edizioni

SERVER E VIRTUALIZZAZIONE. Windows Server 2012. Guida alle edizioni SERVER E VIRTUALIZZAZIONE Windows Server 2012 Guida alle edizioni 1 1 Informazioni sul copyright 2012 Microsoft Corporation. Tutti i diritti sono riservati. Il presente documento viene fornito così come

Dettagli

La tv digitale: innovazione ed economia

La tv digitale: innovazione ed economia La tv digitale: innovazione ed economia Giuseppe Richeri Università della Svizzera Italiana, Lugano Il processo d innovazione in atto L applicazione delle tecniche digitali ai mezzi di comunicazione oggi

Dettagli

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Servizi di connessione Prodotti a supporto del business Per sfruttare al meglio una rete di ricarica per veicoli

Dettagli

A cura del Team scuola digitale del nostro Istituto (scuola media), Prof. Pino Lipari (animatore digitale), Prof.ssa Anna Pistone e Prof.

A cura del Team scuola digitale del nostro Istituto (scuola media), Prof. Pino Lipari (animatore digitale), Prof.ssa Anna Pistone e Prof. A cura del Team scuola digitale del nostro Istituto (scuola media), Prof. Pino Lipari (animatore digitale), Prof.ssa Anna Pistone e Prof.ssa Gabriella Princiotta (componenti del Team) con la supervisione

Dettagli

ESB perché? Dare una svolta all'azienda grazie all'integrazione Dati.

ESB perché? Dare una svolta all'azienda grazie all'integrazione Dati. 1 ESB perché? Dare una svolta all'azienda grazie all'integrazione Dati. 2 Indice generale Abstract...3 Integrare: perché?...3 Le soluzioni attuali...4 Cos'è un ESB...5 GreenVulcano ESB...6 3 Abstract L'integrazione

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

Corso di Economia Aziendale ed Estimo Rurale

Corso di Economia Aziendale ed Estimo Rurale Corso di Economia Aziendale ed Estimo Rurale C.so di Laurea STAG O (S.Severo) Lezione n.1: a) Richiami di concetti di teoria dell'impresa; b) Le strategie aziendali; c) Stima delle colture arboree da frutto

Dettagli

Reti di INDUSTRIA 4.0

Reti di INDUSTRIA 4.0 DALLA DIGITALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ALLA DIGITALIZZAZIONE DELLA SUPPLY CHAIN LA COMPETITIVITÀ DELLA SUPPLY CHAIN Bologna, 27 novembre 2015 Questa presentazione Imprese e competizione globale Supply Chain,

Dettagli

Che cos è il Marketing 3.0?

Che cos è il Marketing 3.0? Che cos è il Marketing 3.0? di Fabrizio Pieroni Philip Kotler, studioso di Marketing attento ai cambiamenti della società e pronto a modificare di conseguenza le sue posizioni, ha recentemente presentato

Dettagli

SEO WEB. I nostri obiettivi: Fornire consulenza per quanto riguarda la visibilità e il marketing sul web alle aziende.

SEO WEB. I nostri obiettivi: Fornire consulenza per quanto riguarda la visibilità e il marketing sul web alle aziende. SEO WEB Seo Web Vi offre l'opportunità di realizzare un sito internet ben costruito, facilmente navigabile dagli utenti e visibile sui motori di ricerca. Un sito web deve essere uno strumento di lavoro

Dettagli

LA NUOVA ERA DEL MARKETING POLITICO

LA NUOVA ERA DEL MARKETING POLITICO diapositiva #1/9 LA NUOVA ERA DEL MARKETING POLITICO Internet come strumento di costruzione e gestione del consenso - Marco Artusi Prof. a contratto in Università di Modena e Reggio Emilia CEO LEN STRATEGY

Dettagli

ESPERTI IN FINANZIAMENTI PER LA FARMACIA APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG

ESPERTI IN FINANZIAMENTI PER LA FARMACIA APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG ESPERTI IN FINANZIAMENTI PER LA FARMACIA APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG Avete un progetto d installazione, acquisto,

Dettagli

L IT a supporto della condivisione della conoscenza

L IT a supporto della condivisione della conoscenza Evento Assintel Integrare i processi: come migliorare il ritorno dell investimento IT Milano, 28 ottobre 2008 L IT a supporto della condivisione della conoscenza Dott. Roberto Butinar AGENDA Introduzione

Dettagli

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Obiettivi di apprendimento Sono sempre di più le aziende interessate ad approfondire la conoscenza degli strumenti di collaborazione per migliorare la propria

Dettagli

Introduzione. Si prevede che Internet of Everything generi almeno 613 miliardi di dollari di profitti aziendali globali nell'arco del 2013.

Introduzione. Si prevede che Internet of Everything generi almeno 613 miliardi di dollari di profitti aziendali globali nell'arco del 2013. Internet of Everything (IoE) I 10 risultati principali del sondaggio IoE Value Index di Cisco, condotto su un campione di 7.500 responsabili aziendali in 12 paesi Joseph Bradley Jeff Loucks Andy Noronha

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI PALERMO

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI PALERMO ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI PALERMO Corso di Web Design INTRODUZIONE Da oltre dieci anni Internet rappresenta uno dei mezzi di comunicazione più importante ed in continua evoluzione, uno strumento divenuto

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

SEO: le fondamenta del marketing digitale

SEO: le fondamenta del marketing digitale SEO: le fondamenta del marketing digitale e-book a cura di Andrea Roversi, Note introduttive Alleghiamo in questo e-book alcuni principi guida legati al SEO (Search Engine Optimization). Lo sviluppo accurato

Dettagli

WEB MARKETING 2.0. La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0

WEB MARKETING 2.0. La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0 WEB MARKETING 2.0 La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0 È un stato di evoluzione del Web, caratterizzato da strumenti e piattaforme che enfatizzano la collaborazione e la condivisione

Dettagli

Trasformiamo le vostre sfide in vantaggi. Produzione intelligente, sicura e sostenibile

Trasformiamo le vostre sfide in vantaggi. Produzione intelligente, sicura e sostenibile Trasformiamo le vostre sfide in vantaggi Produzione intelligente, sicura e sostenibile Trasformiamo la vostra azienda Pensate di poter continuare a lavorare nel solito modo? Le cose sono cambiate. Le aziende

Dettagli

Management Game 2011

Management Game 2011 Management Game 2011 La Mobilé Inc 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini che ha sede negli Stati Uniti che si è concentrata sulla produzione di telefonini

Dettagli

Corso di laurea specialistica in Economia e Gestione delle Reti

Corso di laurea specialistica in Economia e Gestione delle Reti Corsi di laurea specialistica sede di Venezia Guida della Facoltà di Economia a.a. 2004-0 Corso di laurea specialistica in Economia e Gestione delle Reti Classe di appartenenza: Classe delle lauree specialistiche

Dettagli

Retail L organizzazione innovativa del tuo punto vendita

Retail L organizzazione innovativa del tuo punto vendita fare Retail L organizzazione innovativa del tuo punto vendita fareretail è una soluzione di by www.fareretail.it fareretail fareretail è la soluzione definitiva per la Gestione dei Clienti e l Organizzazione

Dettagli

I tecnici di Automazione nel mondo del lavoro

I tecnici di Automazione nel mondo del lavoro I tecnici di Automazione nel mondo del lavoro Indagine sulla collocazione del tecnico/ingegnere di automazione nel mondo del lavoro pag. 1 Motivazioni Un osservatorio per l analisi dei bisogni di cultura

Dettagli

BYOD e virtualizzazione

BYOD e virtualizzazione Sondaggio BYOD e virtualizzazione Risultati dello studio Joel Barbier Joseph Bradley James Macaulay Richard Medcalf Christopher Reberger Introduzione Al giorno d'oggi occorre prendere atto dell'esistenza

Dettagli

Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014

Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014 2014 Cloud Computing 2014: mercato, adozione, scenario competitivo Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014 INDICE INDICE DELLE FIGURE 2 INDICE DELLE TABELLE

Dettagli

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Sviluppo Strategico dell'internet Marketing Obiettivo del marketing è il conseguimento di un vantaggio competitivo attraverso il perseguimento della soddisfazione del cliente. FASE OPERATIVA - Prodotto/Contenuto

Dettagli

Lezione 4. La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi

Lezione 4. La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi Lezione 4 La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi 1 IL RAGGRUPPAMENTO ORIZZONTALE Il raggruppamento orizzontale indica che i dipendenti vengono raggruppati intorno ai

Dettagli

Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture

Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture TRASFORMARE LE COMPAGNIE ASSICURATIVE Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture Costruire la compagnia digitale? L approccio DDway alla trasformazione dell IT Un percorso

Dettagli

Plone all Università di Ferrara - Case Study

Plone all Università di Ferrara - Case Study Plone all Università di Ferrara - Case Study Francesco Margutti, Cesare Stefanelli, Luca Tebaldi Università di Ferrara, Italia {francesco.margutti, cesare.stefanelli, luca.tebaldi}@unife.it 1. L Università

Dettagli

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Obiettivi della lezione Illustrare il passaggio dall orientamento alla transazione all orientamento alla relazione nel marketing contemporaneo

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE

IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE CL. 5ATP - A.S. 2006/2007 L azienda e i suoi elementi PERSONE AZIENDA BENI ECONOMICI ORGANIZZAZIONE L azienda è un insieme di beni organizzati e coordinati dall imprenditore

Dettagli

COMUNICAZIONE ITALIANA

COMUNICAZIONE ITALIANA COMUNICAZIONE ITALIANA Il Business Social Media che comunica su carta, interagisce su internet, decide di persona. Edizioni Servizi Eventi COMUNICAZIONE ITALIANA Il Business Social Media che comunica su

Dettagli

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance CUSTOMER SUCCESS STORY Febbraio 2014 Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance PROFILO DEL CLIENTE Settore: servizi IT Società: Lexmark Dipendenti: 12.000 Fatturato:

Dettagli

Competere nei mercati internazionali

Competere nei mercati internazionali Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani Competere nei mercati internazionali A cura di: Martina Fiordigigli Silvia Gardini Cap. 7, Thompson A., Strickland

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE E PARTECIPAZIONE GIOVANILE

NUOVE TECNOLOGIE E PARTECIPAZIONE GIOVANILE NUOVE TECNOLOGIE E PARTECIPAZIONE GIOVANILE Progettazione e realizzazione di percorsi di cittadinanza attiva attraverso le nuove tecnologie. PREMESSA Abbiamo scelto per semplicità di presentare in questo

Dettagli

L Open Source nella Pubblica

L Open Source nella Pubblica L Open Source nella Pubblica Amministrazione Vittorio Pagani Responsabile Osservatorio Open Source - CNIPA 1 Riflessioni su alcune caratteristiche del software OS disponibilità del codice sorgente: possibilità

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli I sistemi informativi Il processo

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

Cataloghi per i dati aperti

Cataloghi per i dati aperti Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Cataloghi per i dati aperti Autore: Vincenzo Patruno Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA Diritti: Dipartimento della

Dettagli

Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni

Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni Alessandro Musumeci Direttore Centrale Sistemi Informativi Roma, 18 aprile 2013 Ora esiste il Web 2.0: le persone al centro. Interconnesse Informate Disintermediate

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

I protagonisti PROTAGONISTI della settimana saranno le stesse aziende aderenti.

I protagonisti PROTAGONISTI della settimana saranno le stesse aziende aderenti. 11 15 Giugno 2012 T&CW La mission La settimana della formazione e della consulenza è un evento collettivo, con cadenza annuale, diffuso su tutto il territorio di Roma e del Lazio. L idea nasce dall esigenza

Dettagli

Aree di inserimento I percorsi di carriera: tante le opportunità quante le

Aree di inserimento I percorsi di carriera: tante le opportunità quante le ACCENTURE SPA Profilo Azienda Accenture è un'azienda globale di Consulenza Direzionale, Servizi Tecnologici e Outsourcing che conta circa 323 mila professionisti in oltre 120 paesi del mondo. Quello che

Dettagli

Thinkalize. Il nuovo creatore dell innovazione.

Thinkalize. Il nuovo creatore dell innovazione. Thinkalize. Il nuovo creatore dell innovazione. Come nasce il progetto? La necessita, il desiderio di cambiare le regole e di dettarne di nuove verso un modo contemporaneo di fare impresa, ha dato vita

Dettagli

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini, con sede negli Stati Uniti, che si è concentrata sulla produzione di telefonini di nuova generazione a partire

Dettagli

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini)

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market I LM sono una delle iniziative più importanti per la politica d innovazione e per la competitività dell Unione

Dettagli

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO 1 INDICE 1/2 1. IL GRUPPO BENETTON: COMPANY OVERVIEW 2. LA STRATEGIA D AREA 2.1 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO 2.2 LA CONFIGURAZIONE DELLE ATTIVITA 3.

Dettagli

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag.

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1 Il Gruppo e le sue attività pag. 2 L organizzazione del network pag. 5 Le partnership commerciali pag.

Dettagli