Acquisti Domestici: DERIVATI DEI CEREALI (1)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Acquisti Domestici: DERIVATI DEI CEREALI (1)"

Transcript

1 Consumi Indagini speciali News Panel Consumi Acquisti Domestici: DERIVATI DEI CEREALI (1) N La tendenza degli acquisti La tendenza degli acquisti in volume Il volume degli acquisti domestici di derivati dei cereali, negli ultimi cinque anni, è diminuito in media del 2,9% all anno. A subire i decrementi più significativi i prodotti della panetteria, a causa soprattutto delle forti contrazioni evidenziate dai consumi domestici di pane, non compensato dall incremento, seppur consistente, del pan carrè. Male anche il riso, soprattutto nella sua componente riso bianco (- 5%) e riso integrale (-1). All interno dell aggregato, la pasta evidenzia l unico segno positivo, anche se di lievissima entità. La crescita si è prodotta in particolare grazie alla tenuta della pasta di semola, e agli incrementi a tre cifre riscontrati per i primi piatti surgelati. Tra i prodotti per la prima colazione, si segnalano gli aumenti per i biscotti (+1,4%), le fette biscottate (+3%) e i cereali (+10,5%), mentre calano le preferenze per le classiche brioches (-6,8%), segno che se la colazione si fa tra le mura domestiche si cerca di seguire un alimentazione equilibrata con cereali e fette biscottate, la brioche eventualmente è consumata al bar. Acquisti domestici di derivati dei cereali (ton) Derivati dei cereali Pasta Semola normale Semola integrale Pasta uovo secca Pasta fresca confezionata Pasta ripiena fresca Pasta ripiena secca Primi piatti surgelati Alternativi surg. ai primi piatti Riso Riso bianco Riso parboiled Riso integrale Preparati per risotto Panetteria Pane Crackers Grissini Salatini Panetti Pan carrè Prima colazione Brioches Biscotti prima colazione Wafers Fette biscottate Cereali La tendenza degli acquisti in valore Sul fronte della spesa le cose non cambiano di molto. In media, la spesa per i derivati dei cereali negli ultimi cinque anni è diminuita dello 0,2% all anno, trascinata verso il basso dal riso (-1,2%) e dalla panetteria (-2,8%). In lieve aumento la spesa per la pasta (+3% annui) e per i prodotti per la prima colazione

2 2004 (+1,6% annui). Acquisti domestici di derivati dei cereali (000 ) Derivati dei cereali Pasta Semola normale Semola integrale Pasta uovo secca Pasta fresca confezionata Pasta ripiena fresca Pasta ripiena secca Primi piatti surgelati Alternativi surg. ai primi piatti Riso Riso bianco Riso parboiled Riso integrale Preparati per risotto Panetteria Pane Crackers Grissini Salatini Panetti Pan carrè Prima colazione Brioches Biscotti prima colazione Wafers Fette biscottate Cereali Penetrazione dei prodotti vs universo I prodotti che fanno parte della categoria dei derivati dei cereali, e che quindi comprendono pane e pasta, presentano ovviamente un elevata penetrazione, il che significa che la maggior parte della popolazione è acquirente/consumatrice di questi prodotti. Può essere interessante analizzare se e come è cambiata la penetrazione di questi prodotti negli ultimi anni. Con l ausilio della tabella riportata più sotto, si può osservare che nel 2000 il pane era, tra questi prodotti, quello con la penetrazione più elevata: ben il 94% della popolazione lo acquistava. Nel 2004 la situazione al vertice è leggermente cambiata: la penetrazione maggiore è appannaggio dei biscotti per la prima colazione (95%), mentre il pane è sceso al secondo posto, perdendo anche qualche punto percentuale. Le successive posizioni, fino alla sesta non presentano variazioni, se non nell entità della percentuale. Al settimo posto, invece, nel 2004 troviamo i crackers, mentre cinque anni fa si trovava il riso, che ha perso in questo lasso di tempo tre posizioni. Da evidenziare anche il balzo in avanti subito dai primi piatti surgelati, la cui penetrazione nel 2000 era dell 8%, mentre è salita al 32% nel Questo a testimonianza del cambiamento delle abitudini di consumo degli italiani, in atto già da diversi anni, che sempre più ricercano la comodità e la velocità d uso nei prodotti che acquistano, sia perché il tempo a disposizione per la preparazione dei pasti va diminuendo sempre più, sia per i cambiamenti evidenziatisi nella struttura della popolazione, che ha visto negli ultimi anni la crescita costante del numero di single.

3 Distribuzione della spesa per i derivati dei cereali 6Pan carrè 74,3 6Semola normale 77,2 7Riso bianco 73,3 7Crackers 71,5 8Fette biscottate 71,8 8Fette biscottate 69,3 9Crackers 70,3 9Cereali 66,3 10Pasta ripiena fresca 68,4 10Riso bianco 65,1 11Wafers 62,8 11Pasta ripiena fresca 64,7 12Riso parboiled 55,7 12Pasta fresca confezionata 55,7 13Pasta fresca confezionata 55,2 13Wafers 51,8 14Cereali 55,0 14Grissini 51 15Panetti 52,9 15Riso parboiled 49,2 16Grissini 46,8 16Panetti 49,1 17Alternativi surg. ai primi piatti 42,2 17Alternativi surg. ai primi piatti 38,2 18Salatini 40,6 18Salatini 36,4 19Pasta ripiena secca 35,0 19Primi piatti surgelati 31,8 20Preparati per risotto 29,4 20Preparati per risotto 26,8 21Primi piatti surgelati 12,2 21Pasta ripiena secca 25,9 22Semola integrale 10,3 22Semola integrale 7,2 23Riso integrale 6,5 23Riso integrale 4,4 Fatta cento la spesa per i derivati dei cereali, questa si può scomporre nelle sue componenti principali. Così, si osserva che nel 2000 il 45% del totale della spesa per tali prodotti era riservata alla panetteria, il 28% ai prodotti per la prima colazione, il 23% alla pasta e il 4% al riso. Nel 2004 la spesa per la panetteria è scesa al, a favore di quella per i prodotti della prima colazione, saliti al 3, e della pasta, salita al 26%. Stabile al 4% la spesa per il riso. Distribuzione della spesa per derivati di cereali nel 2000 Prima colazione 28% Pasta 23% Riso 4% Panetteria 45% Distribuzione della spesa per derivati di cereali nel 2004 Prima colazione 3 Pasta 26% Riso 4% Panetteria

4 La disaggregazione per area geografica I consumi domestici di derivati dei cereali hanno subito decrementi considerevoli in tutte le quatto aree Nielsen, con punte del 14% nel Nord-Est e una tenuta maggiore nelle regioni centrali (-1) Disaggregazione degli acquisti di derivati dei cereali (000 ton) Sud Centro Nord-Est Nord-Ovest 0 Pasta Scendendo nel dettaglio e considerando la pasta, gli acquisti domestici negli ultimi cinque anni sono rimasti sostanzialmente invariati nel Nord-Ovest e nel Centro, sono diminuiti nel Nord-Est (-6%), mentre sono aumentati nel Sud (+4%). In particolare le regioni meridionali hanno mostrato decrementi solo per la pasta di semola integrale e per la pasta ripiena secca, mentre in crescita sono risultate tutte le altre tipologie di pasta. Disaggregazione degli acquisti di pasta (000 ton) Sud Centro Nord-Est Nord-Ovest 0 Riso In forte flessione il consumo domestico di riso su tutto il territorio nazionale. La contrazione va dal 22% nel Nord-est al 13% nel Meridione. Disaggregazione degli acquisti di riso (000 ton) Sud Centro Nord-Est Nord-Ovest Panetteria Decrementi a due cifre anche per la panetteria, categoria di prodotti dove è soprattutto il pane a perdere posizioni, mentre i sostituti presentano destini differenziati: nel Nord-Ovest, ad esempio, negli ultimi cinque anni è aumentato il

5 consumo di pan carrè (+13%). Nel Nord-Est, oltre al pan carrè (+7%), anche i panetti mostrano un trend in crescita (+6%). Nelle regioni centrali e meridionali bene crackers (+8% e +7% rispettivamente) e grissini (+22% e +31%), oltre all onnipresente pan carrè (+19% in entrambe le aree). Disaggregazione degli acquisti di prodotti della panetteria (000 ton) Sud Centro Nord-Est Nord-Ovest Prma colazione I prodotti per la prima colazione presentano contrazioni nel Centro-Nord, in controtendenza il Sud dove il tasso di crescita è stato del +4% nell ultimo quinquennio. In particolare i cereali mostrano trend crescenti nel Settentrione e nel Sud, negativa la performance invece al Centro. Le brioches e i wafers perdono terreno ovunque, mentre i biscotti piacciono soprattutto al Centro-Sud, un po meno al Nord. Bene, infine, le fette biscottate nel Nord-Est e nel Sud, in flessione nel Nord-Ovest e nel Centro. Disaggregazione degli acquisti di prodotti della prima colazione (000 ton) Sud Centro Nord-Est Nord-Ovest 0 La disaggregazione per canale distributivo Pasta Le vendite di derivati dei cereali negli ultimi anni sono transitate sempre più spesso attraverso il canale della Grande Distribuzione Organizzata (GDO). Può essere interessante analizzare le quote di mercato in volume e in valore dei principali canali di vendita relativamente a questi prodotti. Nel 2000 il 74% dei volumi di pasta venduti transitavano attraverso iper e supermercati, il 7% nei liberi servizi, il 1 nei discount, l 8% negli alimentari tradizionali e lo 0,9% in altri canali, quali cash&carry e ambulanti. Nel 2004 tale situazione si è accentuata: la quota di ipermercati e supermercati è salita al 78%, a scapito di tutti gli altri canali, nessuno escluso. A valore, la quota di mercato della GDO è anche maggiore, ad anticipare quanto si vedrà più avanti, e cioè che i prezzi nei supermercati e ipermercati sono tra i più alti del mercato. La quota a valore di iper e supermercati è passata dall 8 del 2000 all 84% del Pasta: quote di mercato in volume

6 Altri 0,9% 0,6% 0,6% 0,5% 0,5% Alimentari tradizionali 8,4% 8,8% 7,3% 6,6% 6,4% Discount 9,4% 9,1% 8,2% 7,7% 9, Liberi servizi 7,4% 7,5% 7,6% 7,1% 6,2% Super + Iper 73,9% 73,9% 76,2% 78,1% 78, Pasta: quote di mercato in valore Altri 0,5% 0,4% 0,5% 0,5% 0,4% Alimentari tradizionali 7,6% 8,2% 7,4% 6,4% 6,1% Discount 5,7% 5,1% 4,8% 4,4% 5,1% Liberi servizi 6,1% 5,9% 6, 5,3% 4,9% Super + Iper 80,1% 80,3% 81,3% 83,4% 83,5% Riso Nel 2000 il 77% dei volumi di riso venduti transitavano attraverso iper e supermercati, il 7% nei liberi servizi, il 9% nei discount, il 6% negli alimentari tradizionali e lo 0,5% in altri canali, quali cash&carry e ambulanti. Anche per il riso nel corso degli anni tale situazione si è accentuata: nel 2004 la quota di ipermercati e supermercati è salita all 84,5%, a scapito di tutti gli altri canali, ad eccezione di cash&carry e ambulanti. A valore, la quota di mercato della GDO è passata dall 82% del 2000 all 87% del Gli alimentari tradizionali hanno perso un punto percentuale, due punti i liberi serivizi, 4 punti e mezzo i discount. Sostanzialmente stabile la quota a valore di cash&carry e ambulanti. Riso: quote di mercato in volume

7 Altri 0,5% 0,4% 0,5% 0,5% 0,6% Alimentari tradizionali 6, 6, 4,5% 3,9% 4,8% Discount 9,3% 9,3% 7,6% 6,2% 4,8% Liberi servizi 7, 7,3% 7,1% 5,9% 5,2% Super + Iper 77,1% 77, 80,2% 83,5% 84,5% Riso: quote di mercato in valore Altri 0,4% 0,4% 0,5% 0,4% 0,5% Alimentari tradizionali 5,6% 5,1% 4, 3,3% 4,4% Discount 5,4% 5,4% 4,5% 3,7% 3,5% Liberi servizi 6,7% 6,7% 6,4% 5, 4,6% Super + Iper 81,9% 82,5% 84,5% 87,5% 86,9% Panetteria Le quote di mercato della panetteria, soprattutto per quanto riguarda la sua componente principale, ovvero il pane, sono più equamente divise tra GDO e negozi tradizionali, anche se la situazione si è andata modificando negli anni. Nell ultimo quinquennio il 1 degli acquisti si è spostato dai negozi tradizionali a iper e supermercati. E questo sia considerando la quota a volume, sia quella a valore. Così se nel 2000 la maggior parte del pane era venduto presso gli alimentari (49%), nel 2004 tale primato si è spostato nel canale GDO (45%). Panetteria: quote di mercato in volume

8 Altri 2,7% 2,7% 2,8% 3,2% 3, Alimentari tradizionali 48,9% 47,3% 44,5% 41,6% 40,1% Discount 3,8% 3,8% 4,3% 4, 4,4% Liberi servizi 7,5% 8,1% 7,9% 8, 7,4% Super + Iper 37,1% 38,1% 40,4% 43,1% 45,1% Panetteria: quote di mercato in valore Altri 2,3% 2,3% 2,5% 2,9% 2,7% Alimentari tradizionali 47,8% 45,6% 42,7% 39,6% 38,6% Discount 3,2% 3,2% 3,6% 3,3% 3,5% Liberi servizi 6,9% 7,5% 7,4% 7,6% 7,3% Super + Iper 39,9% 41,4% 43,8% 46,6% 47,9% Prima colazione Non fanno eccezione i prodotti della prima colazione: la quota a volume di iper e supermercati era del 76% nel 2000, ed è salita all 81% nel In calo tutti gli altri canali. Anche considerando la quota a valore, la fetta principale se la aggiudica la GDO, con il 79% nel 2000, e una crescita di due punti percentuali in cinque anni. Prima colazione: quote di mercato in volume

9 Altri 1,2% 1,2% 1, 1, 1, Alimentari tradizionali 7,4% 7,1% 6, 5,6% 5,5% Discount 8,7% 8,4% 7,8% 6,8% 7,3% Liberi servizi 6,9% 6,3% 6,5% 6,1% 5,7% Super + Iper 75,8% 77, 78,7% 80,4% 80,5% Prima colazione: quote di mercato in valore Altri 1, 1,1% 0,9% 0,9% 0,8% Alimentari tradizionali 7,9% 7,2% 6,3% 5,8% 5,7% Discount 5,5% 5,1% 4,9% 4,4% 4,7% Liberi servizi 6,8% 6,2% 6,2% 5,8% 5,6% Super + Iper 78,9% 80,5% 81,7% 83,1% 83,2% L andamento dei prezzi (2) e l effetto Euro La top ten degli incrementi Nel febbraio del 2002 è stata introdotta la moneta unica europea, che ha sostituito la lira nel portafoglio degli italiani. La percezione dei consumatori è stata quella di considerevoli aumenti dei listini, anche dei prodotti agroalimentari, in seguito a questo passaggio. L analisi dell andamento dei prezzi negli ultimi cinque anni parte proprio da questa considerazione ed intende verificare se e quanta parte degli incrementi di prezzo degli ultimi anni si sia prodotta successivamente all introduzione dell euro. Per osservare l eventuale effetto Euro, si deve valutare l evoluzione dei prezzi tra il 2002 e il Nella tabella di seguito riportata sono elencati i prodotti che appartengono alla categoria dei derivati dei cereali, ordinati in ordine decrescente da quello che ha subito l incremento di prezzo maggiore, a quello che ha mostrato l incremento minore. Nella colonna di sinistra tale sorta di classifica è fatta sulla base della variazione dei prezzi tra il 2002 e il Nella colonna di destra, invece, si è considerata la variazione complessiva degli ultimi cinque anni. Effettivamente, si può osservare che tra il 2002 e il 2001 alcuni prodotti hanno manifestato aumenti consistenti: i listini dei wafers sono aumentati di otto punti percentuali, del 5% il riso parboiled, la pasta ripiena fresca, il pan carrè, le fette biscottate e i salatini. Riaggregando i prodotti in categorie, si può affermare che gli incrementi maggiori li hanno subiti i prodotti della panetteria e della biscotteria, una tenuta maggiore sul fronte dei prezzi è stata mostrata invece dalla pasta. Considerando tuttavia l arco temporale degli ultimi cinque anni, si nota che i prezzi di alcuni prodotti hanno continuato a crescere anche successivamente

10 all introduzione dell euro. Così i grissini, il cui prezzo era aumentato del 4% tra il 2002 e il 2001, presentano un listino cresciuto del 25% tra il 2000 e il La pasta fresca confezionata mostrava incrementi dovuti all effetto euro di appena il 2%, mentre evidenzia un balzo del 15% tra il 2000 e il La stessa cosa vale per i preparati per risotto. Si può forse concludere che l introduzione dell euro ha avuto un effetto immediato su alcuni prodotti, provocando un rialzo subitaneo dello scontrino medio, e incrementi successivi più contenuti. Su altri beni, invece, l effetto si è maggiormente distribuito nel tempo, ma alla fine l incremento complessivo è stato maggiore. La top ten degli incrementi I principali incrementi per effetto-euro I principali incrementi negli ultimi cinque anni 02/01 04/00 Wafers 7,6% Grissini 24,4% Pan carrè 5,6% Pasta fresca confezionata 14, Salatini 5,3% Preparati per risotto 13,6% Riso parboiled 5, Riso integrale 13,6% Fette biscottate 4,5% Riso bianco 13,5% Panetti 4,4% Pane 13,1% Pane 4,2% Wafers 13,1% Grissini 4,1% Salatini 11,9% Pasta ripiena fresca 3,7% Biscotti prima colazione 11,5% Semola normale 3,3% Pasta ripiena fresca 10,2% Biscotti prima colazione 3,3% Riso parboiled 9,3% Crackers 3,2% Semola integrale 8,8% Riso integrale 3,2% Crackers 8, Cereali 3,2% Panetti 7,9% Primi piatti surgelati 3,2% Brioches 7,2% Riso bianco 3, Cereali 6,9% Pasta fresca confezionata 2,9% Pan carrè 6,6% Preparati per risotto 2,9% Semola normale 6, Brioches 2,5% Pasta uovo secca 5,5% Semola integrale 2,3% Fette biscottate 5,3% Pasta uovo secca 0,7% Pasta ripiena secca 3,7% Alternativi surg. ai primi piatti 0,1% Primi piatti surgelati 3,6% Pasta ripiena secca -0,3% Alternativi surg. ai primi piatti -0,4% L andamento dei prezzi della pasta negli ultimi cinque anni per canale di vendita Osservando l evoluzione dei prezzi per categoria di prodotto e per canale di vendita, la prima cosa da sottolineare è per tutti i prodotti derivati dei cereali i prezzi più elevati si trovano nel canale GDO, quelli più convenienti nei discount. I prezzi della pasta hanno subito gli incrementi più consistenti tra il 2001 e il 2003 nel canale altri, ovvero cash&carry e ambulanti. L effetto euro è più evidente negli alimentari tradizionali. Gli altri canali, invece, mostrano variazioni più contenute. /kg 2,00 1,80 1,60 1,40 1,20 1,00 0,80 Super + Iper Liberi servizi Discount Alimentari tradizionali Altri 0,60

11 L andamento dei prezzi del riso negli ultimi cinque anni per canale di vendita Per il riso, gli aumenti maggiori si sono verificati nel canale discount. Cash&carry e ambulanti evidenziano un incremento tra il 2000 e il 2001, una stazionarietà fino al 2003 e poi un calo nel Meno evidenti le variazioni nei liberi servizi, GDO e alimentari tradizionali. /kg 2,40 2,20 2,00 1,80 1,60 1,40 1,20 1,00 0,80 0,60 Super + Iper Liberi servizi Discount Alimentari tradizionali Altri L andamento dei prezzi della panetteria negli ultimi cinque anni per canale di vendita Crescita costante per i prodotti della panetteria in tutti i canali di vendita, con la sola eccezione dei discount che nel 2004 hanno operato una revisione al ribasso dei listini di questi prodotti. 2,70 2,50 Super + Iper /kg 2,30 2,10 1,90 1,70 Liberi servizi Discount Alimentari tradizionali Altri 1,50 L andamento dei prezzi dei prodotti della prima colazione negli ultimi cinque anni per canale di vendita GDO e alimentari tradizionali sui prodotti della prima colazione praticano in media gli stessi prezzi, che risultano leggermente aumentati negli ultimi cinque anni, ma senza un apprezzabile effetto euro. Dove l effetto dell introduzione della moneta unica è più evidente è nei discount e nel canale altri, che però dopo il 2002 ha operato un ritocco al ribasso dei listini.

12 5,10 /kg 4,60 4,10 3,60 3,10 2,60 Super + Iper Liberi servizi Discount Alimentari tradizionali Altri 2,10 (1) Per la metodologia della rilevazione dei dati Ismea-AcNielsen si rimanda alla nota metodologica (2) Prezzi medi derivati dal rapporto spesa/quantità Ismea Direzione Mercati e Risk Management Unità operativa Osservatori e Panel Responsabile Unità: Franca Ciccarelli (+39) Redazione e analisi: Letizia Fini (+39)

Acquisti Domestici: Oli e grassi (1)

Acquisti Domestici: Oli e grassi (1) Consumi Indagini speciali News Panel Consumi Acquisti Domestici: Oli e grassi (1) N. 3 2000-2004 La tendenza degli acquisti La tendenza degli acquisti in volume 2000-2004 Il volume degli acquisti domestici

Dettagli

Panel Famiglie. La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002

Panel Famiglie. La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002 OSSERVATORIO CONSUMI Panel Famiglie La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002 Gli acquisti nazionali Si stima in 301 milioni di euro il valore degli acquisti domestici di prodotti

Dettagli

CONSUMI E DIMENSIONI DEL

CONSUMI E DIMENSIONI DEL CONSUMI E DIMENSIONI DEL BIOLOGICO IN ITALIA FABIO DEL BRAVO ISMEA 12 settembre 2015 www.ismea.it www.ismeaservizi.it AGENDA Il contesto Le dinamiche recenti Il valore del mercato bio Il ruolo della GDO

Dettagli

La spesa domestica per i prodotti alimentari

La spesa domestica per i prodotti alimentari OSSERVATORIO CONSUMI La spesa domestica per i prodotti alimentari Panel Famiglie Periodo terminante: 15 dicembre 2001 Il trend nazionale Gli acquisti domestici nazionali di prodotti alimentari manifestano,

Dettagli

I consumi agroalimentari biologici in Italia: consuntivo 2010

I consumi agroalimentari biologici in Italia: consuntivo 2010 I consumi agroalimentari biologici in Italia: consuntivo 2010 Fiere e Comunicazioni commenta con soddisfazione la panoramica aggiornata del bio italiano nel 2010. Con la top ten delle bio-vendite e altre

Dettagli

DOMANDA E DISTRIBUZIONE CENNI GENERALI 2010-2011

DOMANDA E DISTRIBUZIONE CENNI GENERALI 2010-2011 DOMANDA E DISTRIBUZIONE CENNI GENERALI 2010-2011 Osservatorio Commercio N IT 231513 I consumi alimentari e non alimentari In un contesto di perdurante perdita di potere d acquisto, si registra una contrazione

Dettagli

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza. con il coordinamento scientifico di:

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza. con il coordinamento scientifico di: Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza con il coordinamento scientifico di: La rilevazione 2 LA RILEVAZIONE DEI PREZZI Oggetto della rilevazione: Beni di largo consumo: prodotti alimentari

Dettagli

IL MERCATO RETAIL DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA

IL MERCATO RETAIL DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA IL MERCATO RETAIL DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA NICOLA LASORSA - ISMEA 12 settembre 2015 www.ismea.it www.ismeaservizi.it IL VALORE DEL MERCATO BIO AL CONSUMO IN ITALIA -2014 STIMA DEL MERCATO RETAIL

Dettagli

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche Da un confronto con la situazione fotografata quattro anni fa si evidenzia

Dettagli

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO Maggio 2012 In sintesi Il quadro internazionale dell agricoltura biologica Nel 2010, secondo gli ultimi dati disponibili, l agricoltura biologica a livello mondiale ha sostanzialmente confermato l estensione

Dettagli

I CONSUMI ALIMENTARI IN ITALIA: Tra Discontinuità e Contraddizioni

I CONSUMI ALIMENTARI IN ITALIA: Tra Discontinuità e Contraddizioni Gruppo e-laborando www.gruppoe-laborando.it I CONSUMI ALIMENTARI IN ITALIA: Tra Discontinuità e Contraddizioni Antonio Flamini, Paolo Bettoni e Andrea Laudadio Pablo Picasso, El toro, litografia PREMESSA

Dettagli

LA GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA IN PROVINCIA DI PADOVA

LA GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA IN PROVINCIA DI PADOVA LA GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA IN PROVINCIA DI PADOVA Sintesi di una ricerca Anni 2005-2014 Liana Benedetti - Jacopo Messina Agosto 2015 Indice Premessa Analisi generale Ipermercati Grandi superfici

Dettagli

Osservatorio SANA 2012

Osservatorio SANA 2012 Osservatorio SANA 2012 A cura di: Evento organizzato da: In collaborazione con: I CONSUMI ALIMENTARI BIOLOGICI DI FRONTE ALLA CRISI ECONOMICA I risultati dell indagine di Nomisma Fabio Lunati - Silvia

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE

LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE Settimana 18 24 giugno 2012 numero 1/12 6 luglio 2012 LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE L andamento dei prezzi al dettaglio nella settimana compresa tra il 18-24 giugno, rispetto

Dettagli

La Stampa in Italia (2010 2012)

La Stampa in Italia (2010 2012) (2010 2012) Roma 5 giugno 2013 La crisi dell editoria quotidiana e periodica: la negativa congiuntura economica, l evoluzione tecnologica e i fattori di criticità strutturali L editoria quotidiana e periodica

Dettagli

Il prezzo di alcuni generi di largo consumo a Sondrio

Il prezzo di alcuni generi di largo consumo a Sondrio Il prezzo di alcuni generi di largo consumo a Sondrio con il coordinamento scientifico di Novembre 2012 La struttura della presentazione Caratteristiche dell indagine Il paniere di prodotti rilevati Risultati:

Dettagli

FATTURATO E MARGINALITÀ NEGLI ANNI DELLA CRISI

FATTURATO E MARGINALITÀ NEGLI ANNI DELLA CRISI Note e commenti n 9 Gennaio 2014 Ufficio Studi AGCI Area Studi Confcooperative Centro Studi Legacoop FATTURATO E MARGINALITÀ NEGLI ANNI DELLA CRISI 1 I risultati presentati sono relativi ad un totale di

Dettagli

Il mercato dei prodotti biologici II quadrimestre 2006. Mercato nazionale

Il mercato dei prodotti biologici II quadrimestre 2006. Mercato nazionale Osservatorio biologico Ismea Newsletter Il mercato dei prodotti biologici II quadrimestre 2006 Numero 3 novembre 2006 L andamento dei prezzi al consumo dei prodotti biologici nel II quadrimestre 2006 Mercato

Dettagli

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro ISTAT 17 gennaio 2002 Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro Nell ambito dell iniziativa di monitoraggio, avviata dall Istat per analizzare le modalità di conversione

Dettagli

Le tendenze degli acquisti di prodotti biologici e l evoluzione del profilo del consumatore. Enrico De Ruvo Bologna, 10 settembre 2012

Le tendenze degli acquisti di prodotti biologici e l evoluzione del profilo del consumatore. Enrico De Ruvo Bologna, 10 settembre 2012 Le tendenze degli acquisti di prodotti biologici e l evoluzione del profilo del consumatore Enrico De Ruvo Bologna, 10 settembre 2012 1 Il contesto strutturale in Italia Numeri importanti, ma c è ancora

Dettagli

1983 2008: I 25 ANNI CHE CAMBIARONO IL MODO DI FARE LA SPESA DA PARTE DEGLI ITALIANI

1983 2008: I 25 ANNI CHE CAMBIARONO IL MODO DI FARE LA SPESA DA PARTE DEGLI ITALIANI 1983 2008: I 25 ANNI CHE CAMBIARONO IL MODO DI FARE LA SPESA DA PARTE DEGLI ITALIANI Uno studio realizzato da Federalimentare in occasione del 25 anniversario dalla sua nascita fotografa l evoluzione della

Dettagli

FIG. 2.3 $QGDPHQWRGHOOHYHQGLWHGLROLG ROLYDFRQIH]LRQDWLW

FIG. 2.3 $QGDPHQWRGHOOHYHQGLWHGLROLG ROLYDFRQIH]LRQDWLW ,&2168,',2/,2',2/,9,1,7/, E importante, prima di tutto, fare una macro distinzione tra due aree principali: quella a tradizionale produzione e consumo di olio di oliva, e quella a non tradizionale produzione

Dettagli

ANDAMENTO VENDITE E PREZZI 2013 E PREVISIONI 2014

ANDAMENTO VENDITE E PREZZI 2013 E PREVISIONI 2014 ANDAMENTO VENDITE E PREZZI 2013 E PREVISIONI 2014 Marco Pedroni Presidente Coop Italia Milano,5 Settembre 2013 I numeri di Coop 2012 Cooperative 109 Punti vendita 1.467 di cui Iper 103 MQ Area Vendita

Dettagli

L inflazione nel 2004

L inflazione nel 2004 L inflazione nel 2004 Un quadro generale In Italia l inflazione media annua per l anno 2004 si è attestata intorno al 2,2%, un risultato di gran lunga migliore rispetto al 2003 quando il valore medio di

Dettagli

Le vendite della Grande Distribuzione Organizzata in Toscana

Le vendite della Grande Distribuzione Organizzata in Toscana Le vendite della Grande Distribuzione Organizzata in Toscana Consuntivo 1 semestre e luglio-agosto Ufficio Studi Novembre Indice 1. Considerazioni generali....3 2. Il fatturato di vendita della Grande

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

COME E CAMBIATA LA SPESA DELLE FAMIGLIE

COME E CAMBIATA LA SPESA DELLE FAMIGLIE GLI EFFETTI DELLA CRISI: EROSIONE DEL CETO MEDIO E CRESCITA DELLA POVERTA COLLOCAZIONE SOCIALE DELLE FAMIGLIE IN BASE AL REDDITO, AI COMPORTAMENTI DI CONSUMO E AGLI STILI DI VITA COME E CAMBIATA LA SPESA

Dettagli

CONSUMATORE POST-MODERNO vs CONSUMATORE POST-CRISI

CONSUMATORE POST-MODERNO vs CONSUMATORE POST-CRISI MARKETING CORSO PROGREDITO CONSUMATORE POST-MODERNO vs CONSUMATORE POST-CRISI Docente: Prof. Giancarlo Ferrero, corso di Marketing Progredito Università di Urbino A cura di: Serena Leuci Greory Scupola

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Giovanni Peira. Università degli studi di Torino

Giovanni Peira. Università degli studi di Torino Giovanni Peira Università degli studi di Torino L agricoltura dalla parte del consumatore Domanda e offerta di prodotti agroalimentari: il punto di vista del consumatore. 2 dicembre 2008, Torino 1 Evoluzione

Dettagli

Cosa spiega le differenze nei consumi

Cosa spiega le differenze nei consumi I consumi di prodotti agro-alimentari: differenziazioni nello spazio e nel tempo Cosa spiega le differenze nei consumi tra individui diversi tra paesi diversi per uno stesso individuo, o per uno stesso

Dettagli

LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO

LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO Gennaio 2010 LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FA- SI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO Indice 1. LA DINAMICA DEI PREZZI NELLA

Dettagli

LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI AL CONSUMO

LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI AL CONSUMO 27 ottobre 2014 Anno 2014 LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI L inflazione (misurata dall indice armonizzato dei prezzi al consumo, IPCA), già in forte decelerazione nel 2013 (+1,3% in media d anno, dal +3,3%

Dettagli

Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007

Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 Ismea Direzione Mercati e Risk management e.deruvo@ismea.it (06 85568460) 1 Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 1. I riconoscimenti Alla fine di

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Rapporto di ricerca Luglio 2010 (Rif. 1215v110) Indice 2 Capitolo I - L andamento dell economia e del credito al consumo oggi pag. 3 Capitolo

Dettagli

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta Silvia ZUCCONI Coordinatore Area Agroalimentare NOMISMA > SUPERFICI BIO SUPERFICI BIOLOGICHE (milioni di

Dettagli

Sta cambiando qualcosa?

Sta cambiando qualcosa? Andrea Corti, SymphonyIRI Group Fabrizio Pavone, Qberg 1 Lo scenario La Distribuzione Italiana continua ad investire molto nei volantini promozionali (in-store flyers) che vengono distribuiti nei punti

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013 IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013 MERCATO DELLE EROGAZIONI ITALIA III trimestre 2013 Le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 4.958,08 milioni

Dettagli

La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati

La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati L Andamento dei mercati Azionari La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati che aveva interessato gli ultimi mesi del 2 è proseguita per tutto il 21.

Dettagli

Movimento alberghiero Pasqua 2005 (25 marzo-3 aprile 2005)

Movimento alberghiero Pasqua 2005 (25 marzo-3 aprile 2005) 11 maggio 5 Movimento alberghiero Pasqua 5 (25 marzo-3 aprile 5) Flussi dei clienti nelle strutture alberghiere Sulla base della rilevazione campionaria sull attività alberghiera (si vedano le Note Informative

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

Lo scenario dei consumi e del retail in Italia. Roberto Galasso Retail Solutions Director

Lo scenario dei consumi e del retail in Italia. Roberto Galasso Retail Solutions Director Lo scenario dei consumi e del retail in Italia Roberto Galasso Retail Solutions Director Napoli, 9 luglio 2015 Segnali positivi nei primi 5 mesi del 2015 LCC - VARIAZIONI % VALORE / VOLUME 1 RETE CORRENTE

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

PRINCIPALI ASPETTI ECONOMICO-FINANZIARI DEI BILANCI CONSUNTIVI RELATIVI ALL ANNO 2003

PRINCIPALI ASPETTI ECONOMICO-FINANZIARI DEI BILANCI CONSUNTIVI RELATIVI ALL ANNO 2003 NOTA METODOLOGICA I dati elaborati per la presente pubblicazione sono quelli riportati nell allegato D ed F al rendiconto finanziario, rilevati dall Istat non più con un suo proprio modello ma a partire

Dettagli

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro 16 maggio Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro Nell ambito dell iniziativa di monitoraggio realizzata dall Istat per analizzare le modalità di conversione in euro dei

Dettagli

Vendita diretta Prodotti Bio in Italia

Vendita diretta Prodotti Bio in Italia Il consumo dei prodotti biologici in Italia [ ] IL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA C I P Negli ultimi anni in Italia è stato registrato un incremento del consumo di prodotti da agricoltura biologica.

Dettagli

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Obiettivi L Indagine sull attività delle Agenzie Immobiliari realizzata nel 2010 ha come obiettivo principale la verifica

Dettagli

Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide

Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide FORUM BANCASSICURAZIONE 2015 Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide Umberto Guidoni Servizio Auto Agenda Focus sulla raccolta premi in Italia Il mercato

Dettagli

PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive

PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive S Studi di Settore PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive L analisi dei risultati derivanti dall applicazione degli studi di settore offre molteplici spunti di riflessione in relazione

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 Nel IV trimestre del 2010 le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 15.041,15 milioni di euro. Rispetto allo stesso trimestre del

Dettagli

Belgio. Il mercato delle paste alimentari

Belgio. Il mercato delle paste alimentari Belgio Il mercato delle paste alimentari La presente pubblicazione rientra nel programma editoriale dell Agenzia ICE - collana PROFILI PRODOTTO/MERCATO - ed è stata realizzata dall ufficio di Bruxelles.

Dettagli

Il mercato cinese dei prodotti agroalimentari

Il mercato cinese dei prodotti agroalimentari Il mercato cinese dei prodotti agroalimentari Il mercato cinese dei prodotti agroalimentari Il settore alimentare cinese sta progressivamente cambiando grazie all aumento del potere d acquisto e all evoluzione

Dettagli

IL BIO IN CIFRE OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA

IL BIO IN CIFRE OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA In collaborazione con A cura di Evento organizzato da IL BIO IN CIFRE OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA OSSERVATORIO SANA il contributo di Nomisma Il Bio in cifre Consumer Survey Retail Survey strumento

Dettagli

Economia Applicata ai sistemi produttivi. 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1

Economia Applicata ai sistemi produttivi. 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1 Economia Applicata ai sistemi produttivi 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1 Schema della lezione di oggi Argomento della lezione: il comportamento del consumatore. Gli economisti assumono che il

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO PREMESSA Il mercato del credito sta dando segnali di ripartenza. Le prime avvisaglie di miglioramento si erano viste già dalla

Dettagli

Presentazione... 3. In sintesi... 4. Confronto con l Europa...5. Le tariffe dei servizi dentistici...7. I prezzi più caldi e più freddi...

Presentazione... 3. In sintesi... 4. Confronto con l Europa...5. Le tariffe dei servizi dentistici...7. I prezzi più caldi e più freddi... Indice Presentazione............................................................. 3 In sintesi................................................................. 4 Confronto con l Europa......................................................5

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione CARTA, STAMPA ED EDITORIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore

Dettagli

I SERVIZI MANTENGONO IL TREND DI CRESCITA :+0,6% NEGATIVO L ANDAMENTO DELLE VENDITE AL DETTAGLIO:-1%

I SERVIZI MANTENGONO IL TREND DI CRESCITA :+0,6% NEGATIVO L ANDAMENTO DELLE VENDITE AL DETTAGLIO:-1% Venezia, 26 dicembre 2008 COMUNICATO STAMPA Indagine congiunturale Unioncamere del Veneto sulle imprese del commercio e dei servizi III trimestre 2008 I SERVIZI MANTENGONO IL TREND DI CRESCITA :+0,6% NEGATIVO

Dettagli

Il MOT: il mercato telematico delle obbligazioni e dei titoli di Stato

Il MOT: il mercato telematico delle obbligazioni e dei titoli di Stato Il Mot: il mercato telematico delle obbligazioni e dei titoli di Stato Apartire dal 1994, anno della sua nascita, il Mot ha conosciuto un continuo processo di innovazioni strutturali che si è assestato

Dettagli

DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI

DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI Anna Carbone (Università della Tuscia) Antonella Finizia (Ismea) Workshop del Gruppo 2013 L agroalimentare italiano nel commercio mondiale:

Dettagli

Crisi economica e prospettive dei consumi

Crisi economica e prospettive dei consumi Crisi economica e prospettive dei consumi Le difficoltà di una filiera estremamente importante Angelo Massaro Amministratore Delegato - Italia e Grecia 11 Dicembre, 2013 Il Largo Consumo Confezionato:

Dettagli

Compagnie dirette UN MERCATO IN OTTIMO STATO DI SALUTE

Compagnie dirette UN MERCATO IN OTTIMO STATO DI SALUTE SPECIALE Compagnie dirette UN MERCATO IN OTTIMO STATO DI SALUTE FORTE CRESCITA DELLA RACCOLTA PREMI E UN RISULTATO NETTO DI SETTORE CHE PASSA DA UNA PERDITA COMPLESSIVA DI OLTRE 18 MILIONI DI EURO DEL

Dettagli

GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE

GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE Mario Schiano lo Moriello Cesena, 7 ottobre 2011 Report Economico Finanziario Gli obiettivi dell analisi ISMEA IPSOA Il REF è

Dettagli

Il rilancio del discount

Il rilancio del discount Il rilancio del discount Cristina Farina Parma, 7 maggio 2012 cristina.farina@nielsen.com Agenda Fotografia del canale e contesto di riferimento Andamenti del Discount Il Discount e le famiglie italiane

Dettagli

IL MERCATO AL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI DISTRIBUZIONE MODERNA AL 40% DI QUOTA IN ITALIA

IL MERCATO AL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI DISTRIBUZIONE MODERNA AL 40% DI QUOTA IN ITALIA 2 BIO-RETAIL: INDAGINE ISMEA SUL MERCATO AL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA - 2014 IL MERCATO AL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI DISTRIBUZIONE MODERNA AL 40% DI QUOTA IN ITALIA I n base alle stime

Dettagli

Analisi delle esperienze di pagamento del largo consumo

Analisi delle esperienze di pagamento del largo consumo Analisi delle esperienze di pagamento del largo consumo Analisi a cura di Francesca Negri, responsabile Ufficio Studi Lince La crisi economico finanziaria che si e abbattuta sul mondo intero a settembre

Dettagli

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 CONGIUNTURA & APPROFONDIMENTI Report n. 7 Maggio 2015 La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 A cura dell Area Studi e Sviluppo Economico Territoriale

Dettagli

BORTOLUSSI: DETASSARE LE TREDICESIME AI CASSAINTEGRATI

BORTOLUSSI: DETASSARE LE TREDICESIME AI CASSAINTEGRATI BORTOLUSSI: DETASSARE LE TREDICESIME AI CASSAINTEGRATI Il costo per le casse pubbliche non dovrebbe superare i 150 milioni di euro. Secondo un sondaggio della CGIA, negli ultimi 10 anni la quota di spesa

Dettagli

La Stampa in Italia 2008 2010

La Stampa in Italia 2008 2010 FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia 2008 2010 Roma 13 aprile 2011 Le ricadute della crisi economica sul settore dell editoria giornalistica nel biennio 2008-2009 sono state pesanti.

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

Flash Industria 4.2011

Flash Industria 4.2011 15 febbraio 2011 Flash Industria 4.2011 Nel quarto trimestre 2011, sulla base dell'indagine VenetoCongiuntura, la produzione industriale ha registrato una flessione del -1,4 per cento rispetto allo stesso

Dettagli

#volantino13 + 39 339 5288754

#volantino13 + 39 339 5288754 PROMOZIONI EFFICACI? LE NUOVE FRONTIERE DEL VOLANTINO #volantino13 + 39 339 5288754 PROMOZIONI OFFERTA DI CONVENIENZA E NUOVE TENDENZE DI CONSUMO Romolo de Camillis Promozioni Efficaci, Parma 19 Aprile

Dettagli

BILANCIO ANNO 2014. MERCATO DI MODENA Prezzo medio categoria 156/176 kg: 1,469 /kg (-2,1%)

BILANCIO ANNO 2014. MERCATO DI MODENA Prezzo medio categoria 156/176 kg: 1,469 /kg (-2,1%) 01/2015 Mercato Mercati nazionali 5.1.11 di Cosmino Giovanni Basile BILANCIO ANNO 2014 MERCATO DI MODENA Prezzo medio categoria 156/176 kg: 1,469 /kg (-2,1%) Nel 2014, il prezzo medio dei suini da industria

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari.

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari. COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2009, a soli cinque mesi dal termine di presentazione

Dettagli

Gruppi assicurativi quotati in borsa. Analisi delle cifre chiave Trimestrale 2014

Gruppi assicurativi quotati in borsa. Analisi delle cifre chiave Trimestrale 2014 Gruppi assicurativi quotati in borsa Analisi delle cifre chiave Trimestrale 2014 Elaborazioni dai comunicati stampa, dai bilanci consolidati, dalle presentazioni dei gruppi assicurativi quotati, da Borsa

Dettagli

Quadro del traffico merci

Quadro del traffico merci aeroporti Quadro del traffico merci negli aeroporti italiani di P. Malighetti, V. Morandi, R. Redondi Paolo Malighetti, ricercatore del Dipartimento di Ingegneria Gestionale dell'università di Bergamo

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1 Osservatorio sul Mercato Immobiliare, 1-1 NOVARA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 1 1 Tavola 1 Numero di compravendite di immobili residenziali e non residenziali nel periodo -11:

Dettagli

IL MERCATO DEL MELONE TENDENZE RECENTI. Ismea. a cura di Mario Schiano lo Moriello

IL MERCATO DEL MELONE TENDENZE RECENTI. Ismea. a cura di Mario Schiano lo Moriello IL MERCATO DEL MELONE TENDENZE RECENTI AGGIORNAMENTO PER LA RIUNIONE DEL COMITATO DI PRODOTTO DELL ORGANISMO INTERPROFESSIONALE «ORTOFRUTTA ITALIA» BRESCELLO, 7 SETTEMBRE 2015 a cura di Mario Schiano lo

Dettagli

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia. Dicembre 2013

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia. Dicembre 2013 Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia Dicembre 2013 1 Il prezzo di alcuni generi di largo consumo 2 La struttura della presentazione Caratteristiche dell indagine Il

Dettagli

Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012. Luglio 2013

Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012. Luglio 2013 Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012 Luglio 2013 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Marisa Corazza Mappe a cura di:

Dettagli

LE FILIERE AGROALIMENTARI TRA INNOVAZIONE E TRADIZIONE:

LE FILIERE AGROALIMENTARI TRA INNOVAZIONE E TRADIZIONE: MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E SOCIALI LE FILIERE AGROALIMENTARI TRA : L ANALISI QUANTITATIVA DEL SISTEMA

Dettagli

Analisi del mercato delle auto

Analisi del mercato delle auto Analisi del mercato delle auto Le immatricolazioni ripartono grazie alla necessità di sostituire il vecchio parco di auto non catalizzate. La scomparsa imminente della benzina super fa crescere le vendite,

Dettagli

Le nuove tendenze del largo consumo. Volantino: istruzioni per l uso Università di Parma 24 Febbraio 2012

Le nuove tendenze del largo consumo. Volantino: istruzioni per l uso Università di Parma 24 Febbraio 2012 Le nuove tendenze del largo consumo Volantino: istruzioni per l uso Università di Parma 24 Febbraio 2012 La fiducia dei consumatori Più risparmio Italiani preoccupati 25% ha paura di perdere il lavoro

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E 1 B r a s i l e G i a p p o n e A u s t r a l i a S t a t i U n i t i S v i z z e r a F r a n c i a

Dettagli

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Tabella 4: Numero di aziende che utilizzano il fondo regionale ogni dieci aziende che si avvalgano del regime assicurativo Area N.ro ogni 10 aziende Nord-Ovest

Dettagli

Allianz, Axa, Le Generali a confronto. Analisi di alcune cifre chiave Anno 2012

Allianz, Axa, Le Generali a confronto. Analisi di alcune cifre chiave Anno 2012 Allianz, Axa, Le Generali a confronto Analisi di alcune cifre chiave Anno 2012 Elaborazioni dai bilanci consolidati dei 3 big assicurativi europei A cura di F. Ierardo Coordinamento di N. Maiolino 2012

Dettagli

Osservatorio sui consumatori : la crisi finanziaria e la percezione. secondo la distribuzione. III edizione 2008-2009

Osservatorio sui consumatori : la crisi finanziaria e la percezione. secondo la distribuzione. III edizione 2008-2009 Osservatorio sui consumatori : la crisi finanziaria e la percezione dell andamento d del mercato e dei consumi secondo la distribuzione italiana III edizione 2008-2009 Marzo 2009 La ricerca 2 Obiettivi:

Dettagli

Reddito Fisso. Per la negoziazione degli strumenti del reddito fisso Borsa Italiana organizza e gestisce. I mercati del

Reddito Fisso. Per la negoziazione degli strumenti del reddito fisso Borsa Italiana organizza e gestisce. I mercati del I mercati del Reddito Fisso Per la negoziazione degli strumenti del reddito fisso Borsa Italiana organizza e gestisce due comparti: il Mercato Telematico delle Obbligazioni e dei titoli di Stato (Mot)

Dettagli

Indagine sul Commercio Elettronico

Indagine sul Commercio Elettronico Definizione dei target e delle abitudini di acquisto degli individui acquirenti http://research.onetone.it/ FEBBRAIO 2003 OBIETTIVI DEL LAVORO L obiettivo della seguente indagine è stato di delineare le

Dettagli

RILEVAZIONE SALDI INVERNALI 2014. Risultati di sintesi

RILEVAZIONE SALDI INVERNALI 2014. Risultati di sintesi RILEVAZIONE SALDI INVERNALI 2014 Risultati di sintesi 2 Rilevazione Saldi invernali 2014 - I risultati Panel e note metodologiche Altri beni persona 9% Altre merceologie 6% Calzature 14% Abbigliamento

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL II TRIMESTRE 2012

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL II TRIMESTRE 2012 IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL II TRIMESTRE 2012 MERCATO DELLE EROGAZIONI Le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 6.875,45 milioni di euro nel secondo trimestre

Dettagli

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Errore. L'argomento parametro è sconosciuto. Direzione Commercio Artigianato PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Sintesi dei risultati Maggio 2002 Piccolo, grande, nuovo.

Dettagli

2014 RAPPORTO SUL LEASING

2014 RAPPORTO SUL LEASING RAPPORTO SUL LEASING INDICE PREMESSA Leasing motore dell economia I numeri che contano di più 1. ll leasing nell attuale contesto economico di riferimento 1.1 Le dinamiche di PIL e investimenti Focus:

Dettagli

Raccolta in crescita, utile in picchiata

Raccolta in crescita, utile in picchiata Raccolta in crescita, utile in picchiata a cura di Fabio Bertozzi, Senior Consultant SCS Consulting Alfredo De Massis, Manager SCS Consulting e Professore Aggregato Università degli Studi di Bergamo Agevolate

Dettagli

Barometro Cashless: le Spese degli Italiani con Carta di Credito. Agosto 2014

Barometro Cashless: le Spese degli Italiani con Carta di Credito. Agosto 2014 Barometro Cashless: le Spese degli Italiani con Carta di Credito Agosto 2014 1 8888888 88 Il Barometro Cashless di Agosto 5,0 +0,2 4,5 4,0 3,5 +4,5 3,0 2,5 2,0 1,5 1,0 1,1 1,3 0,5 0,0 AM Ago 14/AM Ago

Dettagli

Il presente comunicato e i precedenti sono disponibili on-line: http://www.adhoccommunication.it Info.findomestic.it

Il presente comunicato e i precedenti sono disponibili on-line: http://www.adhoccommunication.it Info.findomestic.it Milano, 4 ottobre 2011 COMUNICATO STAMPA Quasi dimezzato, nell arco di soli 30 giorni, il numero di italiani che pensano di aumentare i propri risparmi nei prossimi 12 mesi. In calo anche la fiducia, che

Dettagli