Comune di Parma Assessorato alle Politiche per l Infanzia e la Scuola. Centro Studi e Ricerche per l Infanzia e l Adolescenza ParmaInfanzia S.p.a.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Parma Assessorato alle Politiche per l Infanzia e la Scuola. Centro Studi e Ricerche per l Infanzia e l Adolescenza ParmaInfanzia S.p.a."

Transcript

1 Comune di Parma Assessorato alle Politiche per l Infanzia e la Scuola Centro Studi e Ricerche per l Infanzia e l Adolescenza ParmaInfanzia S.p.a. PROGETTO SCUOLE E CULTURE DEL MONDO 4 ANNUALIÀ A cura di Cinzia Barabbani e Valentina Riccardi In collaborazione con i mediatori culturali del Comune di Parma Amancay Casas, Svetlana Erokhina, Rana Faqih, Abi Fellah, Rita Yea, Vojsava Tahirai, Charles Deho Anno Scolastico 2005/2006 1

2 A chi è rivolto: Il progetto è rivolto agli alunni della Scuola dell Infanzia e agli alunni delle prime classi della Scuola Primaria. E comunque adattabile alle necessità degli alunni dell ultimo biennio della Scuola Primaria attraverso l ampliamento e l approfondimento delle proposte. Finalità e motivazioni ( ) La Scuola dell Infanzia si premura che i bambini riconoscano ed apprezzino l identità personale ed altrui nelle connessioni con le differenze di sesso, di cultura e di valori esistenti nelle rispettive famiglie, comunità e tradizioni di appartenenza. La Scuola dell infanzia metta il bambino nella condizione di produrre messaggi, testi e situazioni attraverso una molteplicità ordinata ed efficace di strumenti linguistici ( ) ( ) obiettivo del processo formativo della Scuola primaria è la visione della diversità delle persone e delle culture come ricchezza. Conoscenze e abilità previste entro la classe quinta: - scoprire differenze di vita e di abitudini all interno dei gruppi ( familiari, scolastici ) rilevare diversità culturali in relazione ad abitudini di vita e a condizioni climatiche; attivare attività di ascolto, conoscenza di sé e di relazione positiva nei confronti degli altri; realizzare attività di gruppo giochi sportivi, esecuzioni musicali ) per favorire la conoscenza e l incontro con culture ed esperienze diverse. E partendo da queste affermazioni contenute nelle Indicazioni nazionali per la Scuola dell Infanzia e della Scuola primaria che abbiamo costruito il percorso didattico interculturale Il trenino di Teddy : un progetto che ha come finalità ultima: - sviluppare le competenze comunicative di ascolto, di comprensione e produzione linguistica che stanno alla base di un proficuo rapporto con se stessi, con gli altri e con la realtà esterna. 2

3 Questa finalità viene perseguita attraverso il raggiungimento di questi obiettivi specifici: - conoscenza e utilizzo della lingua inglese come lingua ponte che consente una prima comunicazione fra persone di provenienza diversa; valorizzazione delle lingue di origine degli alunni; miglioramento della conoscenza della lingua italiana; creazione di un ambiente plurilingue. La motivazione che ci ha spinto a seguire questa strada è stata soprattutto la quotidiana verifica del fatto che gli alunni stranieri rischiano di perdere la madrelingua, in quanto non valorizzata e apprezzata. Il fatto che il bambino non italofono sia bilingue non viene visto come una ricchezza e una potenzialità ed è l alunno straniero stesso che evita di esprimersi nella sua lingua, quasi se ne vergognasse, nel tentativo di sentirsi il più possibile parte del gruppo. E evidente però quanto sia importante stimolare i bambini a non dimenticare la cultura e la lingua d origine, per prevenire i disagi da disorientamento e per evitare un difficile percorso di costruzione della propria identità. Ecco quindi la necessità di confrontare codici linguistici per osservarne analogie e differenze e per riscontrare, al di là delle diversità, la comune funzione di ogni lingua. Per evitare comunque che l alunno straniero si senta eccessivamente posto al centro dell attenzione, abbiamo pensato di partire dall utilizzo della lingua inglese come lingua altra che consente di unire e comunicare e che mette tutti, sia i bambini italiani che gli stranieri, nella stessa condizioni di incertezza o curiosità. Quali sono i risultati attesi - Il mantenimento e la valorizzazione della lingua d origine Un maggior coinvolgimento dell alunno straniero, visto come portatore di saperi, storie, competenze. La costruzione di una didattica dei confronti e dei punti di vista. L apertura della scuola alla diversità culturale. L incoraggiamento a momenti di socializzazione. Una maggiore partecipazione dei genitori stranieri alla vita della scuola. 3

4 I momenti del percorso Teddy: - viaggia - visita paesi diversi - comunica in inglese - incontra altre lingue - e impara a conoscere saluti colori danze animali ricette feste famiglie abitudini modi per conoscersi Il progetto è suddiviso in 10 unità di apprendimento della durata di due ore circa che prevedono uno stimolo iniziale (l incontro con Teddy o l arrivo di una sua lettera) un momento di confronto e conversazione che favorisca l apprendimento della lingua inglese e l approccio con altre lingue e un attività pratica. Le lingue verranno valorizzate attraverso momenti che prevedano scambi di saluti, facili informazioni, momenti musicali e giochi. Si prevede infatti l utilizzo di linguaggi diversi: ludici, grafico pittorici, mimico-gestuali, verbali, musicali La memorizzazione dei vocaboli e l incontro con alfabeti diversi saranno favoriti dall uso di flash-cards, di strumenti audiovisivi e dalla realizzazione da parte degli alunni stessi di cartelloni. Ogni viaggio proposto è corredato da materiale prodotto dai mediatori culturali che hanno collaborato alla realizzazione del progetto con traduzioni, pronuncia di termini, informazioni generali su usi e costumi dei vari paesi. Una ricetta modificabile Abbiamo inteso questo progetto come estremamente flessibile e modificabile dagli insegnanti che intendano adattarlo meglio alla realtà nella quale operano. Sarà possibile infatti soffermarsi per più tempo su un tema o un paese in particolare per approfondirne la conoscenza, ma anche scegliere di valorizzare solo alcune lingue oltre all inglese. I tempi potranno essere ampliati o ridotti, le proposte adeguate alle risorse, i temi collegati a specifiche esigenze del curricolo. 4

5 Le famiglie e i mediatori E possibile, anzi è auspicabile, che alcuni momenti vengano vissuti coinvolgendo direttamente le famiglie sia italiane che straniere. Perché non invitare i genitori perché ci mostrino la realizzazione di una ricetta, se non una danza o un gioco? E un bel modo per farli sentire partecipi e importanti. Anche i mediatori sono una risorsa insostituibile per approfondire la conoscenza di culture altre: sono i nostri costruttori di ponti, saltatori di muri ed hanno le competenze necessarie per valorizzare il nostro viaggio. 5

6 PER BAMBINI DELLE CLASSI 1, 2, 3 ELEMENTARE. Nel primo incontro si avrà la presentazione del personaggio Teddy attraverso la lettura di una letterina in inglese. Questa arriverà con un orsetto di peluche (Teddy appunto) che narrerà la sua storia. E consigliabile partire da una prima lettura in inglese seguita da un tentativo di spiegazione da parte dei bambini prima della traduzione vera e propria della letterina. I bambini dovranno sapere che l orsetto, che gira il mondo col suo trenino, parla inglese perché viene dall Inghilterra e perché questa è una lingua con cui si può comunicare in tutto il mondo. Ad ogni incontro Teddy racconterà dell ultimo Paese da lui visitato. Si consiglia l utilizzo di un planisfero e di un cartellone a forma di treno,in modo che i bambini possano visualizzare le tappe del viaggio ed attaccare su ogni vagone ciò che imparano da ogni viaggio di Teddy, i nuovi vocaboli inglesi e nelle altre lingue incontrate. PER I BAMBINI DELLE CLASSI 4 E 5 ELEMENTARE. Il personaggio Teddy è per i bambini più grandi non sarà un orsetto bensì un bambino inglese della loro stessa età che sta viaggiando per il mondo. Teddy comunicherà con la classe per corrispondenza. Durante il primo incontro l insegnante leggerà la lettera di Teddy e chiederà ai bambini cos hanno capito e se vogliono rispondere a questo nuovo amico. Successivamente ogni bambini scriverà la propria lettera di presentazione. E consigliabile la costruzione di un cartellone con le foto dei bambini e la loro letterina. PRIMO INCONTRO VIAGGIO IN ITALIA Tema: ACCOGLIERE A SCUOLA SECONDO INCONTRO TERZO INCONTRO VIAGGIO IN ITALIA VIAGGIO IN CINA Tema: Tema: CONOSCERE SE SETTIMO INCONTRO I COLORI QUARTO INCONTRO STESSI E GLI VIAGGIO IN AFRICA VIAGGIO IN- INDIA ALTRI LE AZIONI QUINTO INCONTRO SUB-SAHARIANA Tema: QUOTIDIANE. VIGGIO IN MAROCCO Tema: GLI ANIMALI. Tema: LE FESTIVITÀ ED IL SESTO INCONTRO CIBO. OTTAVO INCONTROILTRAVESTIMENTO VIAGGIO IN RUSSIA VIAGGIO IN ALBANIA Tema: Tema: IL CORPO LA FAMIGLIA. 6

7 PRIMO INCONTRO Il primo viaggio del nostro amico Teddy si svolgerà nel nostro Paese, in Italia. Qui di seguito potrete trovare le lettere di presentazione del nostro amico. LETTERA DELL ORSETTO TEDDY. Hello! I m Teddy the bear. I come from England. I m visiting Italy. What s your name? Love,Teddy. LETTERA DEL BAMBINO TEDDY. Hello!I m an English child and my name is Teddy. I m 10 years old and I m visiting Italy. Would you like to be my friends? What s your name? Love,Teddy PROPOSTE DI ATTIVITÀ DOPO IL PRIMO INCONTRO CON TEDDY VOCABOLARIO LINGUAGGIO ATTIVO: hello- I m- my name is- I m 10 years old I come from- what s your name LINGUAGGIO RICETTIVO: English child- I m visiting- would you like to be my friendsmateriali: Primo ciclo: orsetto di peluche,letterina,cartoncini,forbici,colori,palla. Secondo ciclo: letterina,cartoncini,forbici,colori,fotografie dei bambini. 7

8 GIOCHI & C. Per conoscersi meglio i bambini si mettono in cerchio con l insegnante al centro; quest ultima lancia loro la palla chiedendo what s your name? e riprendendola indietro. In un secondo momento i bambini si lanceranno la palla da soli rispondendosi a vicenda. Per integrare ed introdurre il discorso delle altre culture e lingue può essere interessante la costruzione di un cartellone con i diversi saluti del mondo: inglese francese arabo spagnolo hello salut Assalum alaika hola In culture diverse dalla nostra i nomi propri di persona hanno significati importanti; l insegnante può chiedere ai bambini di informarsi sul significato del proprio nome. Successivamente si confronteranno i diversi significati dei nomi italiani e stranieri. SECONDO INCONTRO LETTERA DELL ORSETTO TEDDY. Hello my friends! What are you doing? Are you at school? In my country I wake up at 8 o clock, I go to school at 8:45 and in the afternoon I play with my friends. After supper I go to bed at 9:30. And what is you day like? With love, Teddy LETTERA DEL BAMBINO TEDDY. Hello my friends! How are you? And what are you doing? Are you at school? Usually when I am at home I wake up at 8 o clock, I have breakfast and then I go to school at 8:45. I have dinner at 1:00 a.m. and in the afternoon I do my homework and I sometimes play with my friends. At 5:00 0 clock I have tea, and then at 7:30 I have supper with my parents. At 9:30 I usually go to bed. And what is your day like? Love,Teddy. 8

9 PROPOSTE DI ATTIVITA DOPO IL SECONDO INCONTRO CON TEDDY. VOCABOLARIO LINGUAGGIO ATTIVO: Primo ciclo: Wake up at go to school play with friends- go to bed Secondo ciclo: wake up at- have breakfast-go to school- have dinner- do homework- have teahave supper-go to bed LINGUAGGIO RICETTIVO: Primo ciclo: What are you doing?- are you at school?- parents-what is your day like? Secondo ciclo: How are you?-what are you doing_ are you at school- what is your day like? MATERIALI: Primo ciclo: orsetto di peluche, letterina, cartoncini, forbici, colori, flashcards. Secondo ciclo: letterina, cartoncini, forbici, colori, un orologio. 9

10 GIOCHI & C. Per i più piccoli un gioco interessante è quello delle azioni quotidiane. Questo gioco ha come scopo quello di far capire ai bambini che ogni persona compie all incirca le stesse azioni nell arco della giornata e favorire quindi l integrazione. I bambini elencano attività comuni come: - dormire - alzarsi - andare a scuola - giocare con gli amici e la drammatizzano, mimandole e chiedendo ai compagni di indovinarle. Un passo successivo è quello di tradurre le attività nella lingua inglese, per cui: - sleep - wake up - go to school - play with friends e continuare il gioco del mimo. In alternativa l insegnante può fare uso di flash cards ed utilizzarle come sostituto del mimo. Per consolidare maggiormente le azioni i bambini possono disegnare su dei cartoncini le azioni e successivamente incollarle sul quaderno o su di un cartellone in ordine di tempo. Per i più grandi il gioco si può trasformare un po, per confluire sulla riflessione delle vite diverse in Paesi diversi. A questo proposito si può costruire un cartellone con esempi di vita di bambini in Paesi diversi che hanno orari diversi dai nostri. Per esempio: PAESE argentina russia marocco SVEGLIA 7,30 7,00 6,30 SCUOLA 8,00 8,00 8,00 PRANZO 13,00 A scuola 12,30 MERENDA 17,00 A scuola 16,00 CENA 21,00 20,00 20,00 DORMIRE 23,00 22,00 22,00 Un consiglio è quello di costruire un orologio di cartone da utilizzare con le vignette o sul cartellone per rendere maggiormente l idea degli orari. 10

11 TERZO INCONTRO LETTERA DELL ORSETTO TEDDY Hello my friends! I am visiting a very beautiful country: I am in China! All is funny and coloured here. What is your favourite colour? Kisses Teddy LETTERA DEL BAMBINO TEDDY Hello friends! How are you? Now I am visiting China! All is wonderful here...! My friend Hay Tao has given me a present: a picture with a red dragon that is a lucky charm! It is very beautiful and I like it very much because red is my favourite colour. And what is your favourite colour? Bye-bye Teddy 11

12 PROPOSTE DI ATTIVITÀ DOPO IL TERZO INCONTRO CON TEDDY VOCABOLARIO LINGUAGGIO ATTIVO: Primo ciclo: What is your favourite colour-my favourite colour is: white, black, red, green, yellow, blue, brown Secondo ciclo: What is your favourite colour-my favourite colour is...-have you got a personal lucky charm LINGUAGGIO RICETTIVO: Primo ciclo: I am visiting China Secondo ciclo: It s wonderful- a present-a red dragon MATERIALI: Primo ciclo: orsetto di peluche, letterina, cartoncini, forbici, colori, flashcards. Secondo ciclo: letterina, cartoncini, forbici, colori. 12

13 GIOCHI & C. Per prima cosa i colori vanno fissati nella memoria dei bambini,utilissime a questo scopo sono le flashcards :l insegnante mostrando il colore chiede: what color is this? ed i bambini risponderanno in coro. Il passo successivo sarà quello di chiedere ai bambini di toccare un oggetto del colore indicato sulla flashcard dicendo: touch somethig Per entrambi i cicli un gioco consigliato con cui i bambini solitamente si divertono molto è quello di strega comanda colori ;al posto della formula italiana strega comanda colori comanda è necessario usare la variante in lingua Inglese the whitch says aggiungendo il nome del colore. Riprendendo la letterina dei bambini più grandi circa il regalo che riceve Teddy dal suo amico si può provare a costruire un drago rosso di cartone, spiegando anche ai bambini il significato di esso nella cultura cinese. Importantissime sono le traduzioni dei nomi dei colori nelle varie lingue, che possono permettere una drammatizzazione ed uno scambio bellissimo di informazioni e di cultura (a questo riguardo andare nella parte delle traduzioni dei mediatori per avere informazioni più dettagliate) I colori assumono significati diversi a seconda delle culture; risulta quindi utile un piccolo prontuario con tutte queste curiosità che i bambini possono scoprire attraverso la lettura. Successivamente possono realizzare vignette o cartelloni con le informazioni ricevute. 13

14 QUARTO INCONTRO LETTERA DELL ORSETTO TEDDY Hello friends! Today I am in a Country called India. Do you know it? It is a beautiful place where I have found some new friends: Tommy is an elephant and there are other animals as tigers, snakes, crocodiles... and you, have you got some animal-friends? Kisses Teddy LETTERA DEL BAMBINO TEDDY Hi my friends! How are you? Here in India all is wonderful and interesting : I have met many strange animals... do you know how a tiger is? And a snake? A crocodile, a monkey?!? Are very different from dog, cat, chiken, horses and so on, aren t they? Tell me what animal have you got at home or only what is your favorite one. Greetings from India Teddy PROPOSTE DI ATTIVITÀ DOPO IL QUARTO INCONTRO CON TEDDY VOCABOLARIO LINGUAGGIO ATTIVO: Primo ciclo: Animals: cat, dog, chiken, horse... Pets-my favorite pet is..-i have a pet Secondo ciclo: In Italy there are dog, cats, chiken...-my favorite pet is..linguaggio RICETTIVO: Primo ciclo: Do you know it?-have you got some friends?-elephant, snake, tiger... Secondo ciclo: Do you know how a tiger is... MATERIALI: Primo ciclo: orsetto ed elefantino di peluche, letterina, cartoncini, forbici, colori, flashcards. Secondo ciclo: letterina, cartoncini, forbici, colori, immagini di ambienti e animali, libri. 14

15 GIOCHI & C. L attività più indicata per questa unità è sicuramente quella della drammatizzazione; l utilizzo di un peluches che rappresenti l amico Tommy renderà i bambini più partecipi della situazione! Potranno così imitarlo in un percorso creato apposta per loro in classe dall insegnante. Non occorre molto:se la palestra è utilizzabile si possono usare i tappetini per formare una strada dove i bambini imiteranno gli animali, al contrario lo stesso percorso si potrà fare in classe con un po meno energia! Anche gli altri animali nominati nella lettera possono essere imitati: tigri, serpenti, coccodrilli, scimmie e quelli comuni dell Italia come cani, gatti, galline, cavalli Importante è l approfondimento sul significato della figura di determinati animali nelle culture diverse dalla nostra:a questo proposito rimando alle schede di approfondimento culturale alla fine del progetto. Per i più grandi il tema degli animali si collega a geografia e a scienze, discipline che possono illustrare e farci comprendere l habitat e la vita di questi esseri: I bambini potranno scegliere un animale e fare una ricerca di approfondimento su di esso. 15

16 QUINTO INCONTRO LETTERA DELL ORSETTO TEDDY Marocco is a fantastic place! A friend of mine, Mustafà, Gave me mint tea... it was great! In England we drink tea every day at five o clock but is very different from that one because is lemon savour! Do you like tea? Do you know how to make tea? Kisses Teddy LETTERA DEL BAMBINO TEDDY Hello italian friends! Do you know where Marocco is? Not so far away but it is very different from Italy and also very beautiful! You know,i have eaten cous-cous... It was really fantastic! Have you ever eaten it? And what about khobz? It is a sort of bread... do you know it? What is your favourite plate? Do you know how to make it? Love, Teddy. 16

17 PROPOSTE DI ATTIVITA DOPO IL QUINTO INCONTRO CON TEDDY LINGUAGGIO ATTIVO: VOCABOLARIO Primo ciclo: I love tea-i prefer milk-i like tea with lemon-with milk Secondo ciclo: I have eaten cous cous-i have never eaten it-my favourite plate is... LINGUAGGIO RICETTIVO: Primo ciclo: A friend of mine-mint teasecondo ciclo: Do you know where M. is?-have you ever eaten it-what about..-it is a sort of... MATERIALI: Primo ciclo: letterina,cartoncini, forbici, colori, flashcards, ricette, immagini di pietanze, materiale per cucinare. Secondo ciclo: letterina,cartoncini, forbici, colori, flashcards, ricette, immagini di pietanze, materiale per cucinare. 17

18 GIOCHI & C. Diverse possono essere le attività connesse all argomento del cibo:si possono fare cartelloni di ogni tipo,ricerche individuali etc Sicuramente l attività più indicata è quella del cucinare in classe alimenti tipici marocchini come il cous cous, oppure fare una festa multiculturale in cui ogni bambino porta un piatto tipico del proprio Paese d origine e confrontarlo e mangiarlo tutti insieme. In questo modo si potrebbe avere anche la partecipazione importantissima dei genitori o di un mediatore, che potrebbero spiegare le origini dei piatti, alcune curiosità etc 18

19 SESTO INCONTRO LETTERA DELL ORSETTO/BAMBINO TEDDY Hello my friends! Do you know where Russia is? Today I am in Russia with some friends of mine! They have helped me doing gymnastc because during my last travel I have eaten too much...!!! Do you like gymnastic? Do you know the English names of the parts of your body? See you soon, kisses Teddy PROPOSTE DI ATTIVITÀ DOPO IL SESTO INCONTRO CON TEDDY VOCABOLARIO LINGUAGGIO ATTIVO: Primo/secondo ciclo: I like/i don t like doing gym-parts of the body LINGUAGGIO RICETTIVO: Primo/secondo ciclo: gymnastic-i have eaten so much-see you soon MATERIALI: Primo /secondo ciclo: letterina, cartoncini, forbici, colori, flashcards, cartelloni indicanti le parti del corpo coi relativi nomi. 19

20 GIOCHI & C. Riguardo al corpo ed alla ginnastica si possono fare centinaia di proposte a chi è disposto ad utilizzare un ambiente come quello della palestra della scuola dove i bambini possono divertirsi moltissimo. Utile è senza dubbio la costruzione di un cartellone con le parti del corpo ed i relativi nomi anche magari in diverse traduzioni. 20

21 SETTIMO INCONTRO LETTERA DELL ORSETTO TEDDY Hello friend! How are you? Today I am in the Sub-Saharian Africa, it is really beautiful! Here people make strange rituals dancing with the sound of percussion and wearing masks... In England we wear masks only for Halloween s day! And you? Have you got a day in your culture in which you wear a mask? Kisses Teddy LETTERA DEL BAMBINO TEDDY Hello children! Do you know where Africa is? Well, I am in Sub-Saharian Africa! It s really fantastic! When I arrived into the village of a friend of mine, the people made a ritual for me. They were wearing strange masks and danced with the sound of percussion... It was great! In England we dress up in a strange way for Halloween day... like ghost, skeleton or witches...! And you? Have you got in your culture a day in which you dress up yourself in a strange manner? Kisses Teddy 21

22 PROPOSTE DI ATTIVITÀ DOPO IL SETTIMO INCONTRO CON TEDDY VOCABOLARIO LINGUAGGIO ATTIVO: Primo ciclo: I dress myself like... in Carnevale s day-i dress myself like a ghost/a whitch/a skeleton for Halloween s day Secondo ciclo: I dress myself like... in Carnevale s day-i dress myself like a ghost/a whitch/a skeleton for Halloween s day LINGUAGGIO RICETTIVO: Primo ciclo: Rituals-masksSecondo ciclo: Rituals-masks-sound of percussion-ghost-witch-skeleton MATERIALI: Primo ciclo: orsetto di peluche, letterina, cartoncini, forbici, colori, flashcards. Secondo ciclo: letterina, cartoncini, forbici, colori. 22

23 GIOCHI & C. I rituali di danze africane con le maschere possono essere mimati dai bambini con l aiuto di un mediatore, o con l ausilio di un video etc Dopo aver parlato del significato di alcune maschere africane i bambini possono costruirne alcune a loro piacere, anche appartenenti alla cultura europea, e improvvisare un teatrino d incontro delle diverse culture. Questo incontro andrebbe svolto vicino alla data del carnevale, in questo modo i bambini potrebbero arrivare a scuola travestiti ed illustrare il significato dei loro travestimenti. Halloween è un altra festa menzionata da Teddy, festa che ormai sta prendendo un posto preciso anche nella nostra cultura;per creare l atmosfera tipica di questa festa non occorrono altro che un paio di zucche con occhi, naso e bocca illuminate da una piccola candela e qualche storiella strana da raccontare ai bambini a luci spente, magari proprio sull origine di questa festa. Sul tema delle feste non si può certo dimenticare quella del compleanno:illustriamo ai bambini come si festeggiano i compleanni nel mondo e, perché no, facciamo una festa per il nostro amico Teddy! Cartoncini e colori ci serviranno per fargli un sacco di regali e di dolcetti! Naturalmente non può mancare la canzoncina: Happy birthday to you, Happy birthday to you, Happy birthday dear Teddy, Happy birthday to 23

24 OTTAVO INCONTRO LETTERA DELL ORSETTO / BAMBINO TEDDY Hi children! Today I am in Albania! What a beautiful country! People are very kind... A family has given me a place where I can sleep and also food! Their name are:... which is the mother,... which is the father and... And... which are their sons. And how is you family? What are the names of your parents? You know, I miss my mummy very much... I think it s time to go home now for me! I hope you enjoyed my stories...! See you soon I love you, Teddy PROPOSTE DI ATTIVITÀ DOPO L OTTAVO INCONTRO CON TEDDY VOCABOLARIO LINGUAGGIO ATTIVO: Primo-secondo ciclo: My mum s name is...-my daddy s name is...-my brother's name is...linguaggio RICETTIVO: Primo-secondo ciclo: Kind-sleep-food MATERIALI: Primo ciclo: letterina, cartoncini, forbici, colori, flashcards. Secondo ciclo: letterina, cartoncini, forbici, colori. 24

25 GIOCHI & C. In questa ultima unità i bambini dovrebbero parlare della loro famiglia e l insegnante dovrebbe raccontare come sono quelle del mondo. I più piccoli potrebbero fare il disegno della propria famiglia ed i più grandi potrebbero fare anche un indagine allargata ad altre classi. Sarebbe utile, oltre all intervento di un mediatore, l intervento di alcuni genitori che raccontino la loro giornata e com è strutturata la loro famiglia. 25

26 MEDIATORE: Amancay Casas PAESE D ORIGINE: Argentina 1- I SALUTI ciao benvenuto arrivederci TRADUZIONE hola bienvenido Hasta luego PRONUNCIA ola bienvenido Asta luego 2-ABITUDINI SCOLASTICHE, PASTI I BAMBINI SI SVEGLIANO ALLE H.: 7,30 PRANZO: 13 MERENDA: 17 CENA: 21. D estate anche alle 22 LA SCUOLA:NOTIZIE ED INFORMAZIONI: La scuola è uguale a quella italiana nelle città, invece le scuole di campagna presentano caratteristiche molto speciali. In campagna o sulle montagne ci sono poche scuole, di solito posizionate in posti isolati e lontani dalle città, dove si impara in classi uniche che riuniscono bambini e ragazzi dei dintorni in modo indifferenziato. Gli allievi alle volte devono fare molti chilometri per arrivare e molti di loro arrivano a cavallo o montando un asinello. La maestra prepara loro la prima colazione perché a casa molti non hanno avuto la possibilità di farla. Non ci sono i computer ne internet e scarseggiano i materiali didattici. Nelle città e nei paesi più grandi invece, le classi sono molto simili alle nostre. I bambini portano un grembiulino bianco che serve ad uniformare tutti per non fare distinzioni secondo il tipo di vestiti indossati. Le ricreazioni sono di 15 minuti fra materia e materia, così i bambini si sgranchiscono le gambe e sfogano la loro vivacità. All inizio della giornata scolastica si procede ad innalzare la bandiera e tutti cantano l inno alla bandiera. A fine giornata, si fa calare la bandiera e ordinati per file si esce da scuola. 26

27 3-I COLORI bianco nero Rosso Verde Giallo Blu marrone TRADUZIONE blanco negro rojo verde amarillo azul marrón PRONUNCIA blanco negro rojo verde amarilio asul marron EVENTUALI SIGNIFICATI DEI COLORI NELLA CULTURA: Blanco: purezza Negro: lutto 4-GLI ANIMALI Cane Gatto leone Pesce Aquila Topo Pinguino Elefante Panda Cammello Scimmia mucca TRADUZIONE perro Gato león Pez Aguila Ratón Pinguino Elefante Panda Camello Mono Vaca PRONUNCIA perro Gato león Pes Aguila raton Pinguino (si pronuncia la u) elefante panda camelio mono vaca EVENTUALE SIGNIFICATO DI ALCUNI ANIMALI NELLA CULTURA: Cane = fedeltà Gatto = tradimento 27

28 5-IL CIBO RICETTA FACILE DA REALIZZARE A SCUOLA COI BAMBINI: Alfajores de dulce de leche Ingredienti: 200 gr di burro 150 gr di zucchero 3 tuorli d uovo 300 gr di maizena 200 gr di farina ½ cucchiaino di bicarbonato di sodio 2 cucchiaini di polvere lievitante scorza grattugiata di mezzo limone essenza di vaniglia 250 gr di dulce de leche (specie di mu che si può trovare nelle drogherie bene fornite anche con prodotti provenienti da altre parti del mondo) un po di cocco grattugiato. Preparazione: si mescola il burro con lo zucchero fino che diventa una crema. Si aggiungono i tuorli uno a uno. A parte si mescola la farina con la maizena, il bicarbonato e la polvere lievitante. Si aggiungono man mano alla crema di burro e zucchero. Poi si aggiunge la essenza di vaniglia e la scorza di limone. Mescolare molto bene e impastare, dopo aver fatto riposare l impasto per 15 minuti, sul tavolo precedentemente infarinato spianare l impasto lasciandolo con uno spessore di ½ cm. Procedere a tagliare dei dischetti con un bicchiere o un piattino. Posizionarli su di una teglia imburrata e cuocerli a forno moderato non lasciando che prendano colore. Lasciarli raffreddare e unire uno all altro con il dulce de leche. Spalmare dulce de leche sui bordi e poi rotolarli sul cocco grattuggiato. PIATTI TIPICI: Empanadas: fagottini ripieni di carne con uvetta passa, olive, cipolla, cumino, ecc. Si mangiano prendendoli in mano. Asado: carne arrosta. Uso diffusissimo soprattutto in campagna dove si usa arrostire interi animali. Si mangiano anche le interiora. Arroz con leche: dolce fatto con riso bollito in latte con zucchero e cannella. NOMI DI INGREDIENTI PARTICOLARI: chimichurri: acqua bollita con sale grossa, peperoncino, aglio, prezzemolo, che serve per condire la carne. 28

29 6-IL CORPO Testa Mani Gambe Piedi Occhi Naso bocca TRADUZIONE cabeza manos piernas pies ojos nariz boca PRONUNCIA cabesa manos piernas pies ojos naris boca DANZA TIPICA DEL PAESE D ORIGINE: tango. È il ballo cittadino. I restanti appartengono al folklore. malambo chacarera zamba 7-LE FESTIVITA IL COMPLEANNO:COME SI FESTEGGIA: Solitamente si invitano tutti i compagni di scuola più tutti i cuginetti e amici del quartiere ad una bella festa che a luogo in casa propria. La mamma fa tutto da sé: torta, panini, dolcetti, ecc. Anche gli addobbi con l aiuto di altri familiari. La festa dura dall ora della merenda fino a sera. A cena rimangono i familiari. Si spengono le candeline, si canta e si gioca. I giochi di solito sono organizzati e la mamma da le indicazioni ai bambini. ALTRE FESTE TIPICHE: 25 di maggio: nel 1810 si costituisce la prima Giunta del governo patrio nel Cabildo di Buenos Aires, la capitale della Argentina. 9 di Luglio: nel 1816 a Tucumán, si proclama il giorno dell Indipendenza dalla Spagna, e si costituiscono le province unite del Rio de La Plata. TRAVESTIMENTI-MASCHERE : A carnevale si usa travestirsi con fantasia. Le maschere sono usate soprattutto nelle province del Nord dove ritroviamo influenze pagane provenienti dalle etnie indigeni. Invece nelle grandi città i costumi rispecchiano personaggi famosi, simpatici, comici, televisivi, ecc. 29

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente.

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. 1. SIMPLE PRESENT 1. Quando si usa? Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. Quanto abitualmente? Questo ci viene spesso detto dalla presenza

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Conjugate: prendere ammirare camminare entrare visitare sedersi divertirsi

Conjugate: prendere ammirare camminare entrare visitare sedersi divertirsi The IMPERFECT is used to express an action that took place in the past but whose duration cannot be specified. Its endings are identical in all three conjugations. io tu lui/lei noi voi loro -vo -vi -va

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

TRECCIA AL BURRO RICETTE

TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO 1 kg di farina bianca 1 cucchiaio di sale (20 g ca.) 1 cubetto di lievito fresco (42 g) 1 cucchiaio di zucchero 120 g di burro 6 dl di latte 1 uovo sbattuto per

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS TEMPO PRESENTE In italiano non vi sono differenze particolari tra le due frasi: MANGIO UNA MELA e STO MANGIANDO UNA MELA Entrambe le frasi si possono riferire

Dettagli

ÒMangio a scuolaó sezione bambini

ÒMangio a scuolaó sezione bambini DISCRIMINANTI DEL CAMPIONE Istituto scolastico Classe Comune 1) Sesso maschio femmina 2) Etˆ 7-10 anni 11-13 anni 3) Preparazione dei pasti preparati nella cucina preparati altrove e della scuola portati

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

1.Il Ristorante/La Trattoria

1.Il Ristorante/La Trattoria Agli italiani piace andare a mangiare in trattoria. Ma che cos è la trattoria? È un locale tipicamente italiano, che rispecchia il gusto e la mentalità degli italiani. Agli italiani piace mangiare bene,

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE Senza le migliaia di persone che hanno contribuito al blog, ai podcast e infine al libro di Robb Wolf, la Paleo Dieta non avrebbe potuto essere d aiuto a così tanta gente. È stato solo interagendo con

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Per i primi tempi era davvero stridente la differenza tra una grande città affollata come Milano, e la

Per i primi tempi era davvero stridente la differenza tra una grande città affollata come Milano, e la Ci sono molti ricordi che rimangono impressi nella memoria, quegli eventi che rappresentano una parte importante della propria vita e di cui non ci si dimentica mai. Tra i miei c è questo viaggio, che

Dettagli

Auguri e vedi di fare il tuo esame, cuoco dilettante che non sei altro!

Auguri e vedi di fare il tuo esame, cuoco dilettante che non sei altro! 1. A parte questo, possedevo un paio di altre caratteristiche che non facevano propriamente pensare a un cuoco in carriera. Ero soprattutto lento. Ero lento a muovermi, lento a pensare, lento di comprendonio,

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

DIDATTICA ALLA PIOPPA. Non insegnate ai bambini quello che possono imparare da soli facendo. Cit.

DIDATTICA ALLA PIOPPA. Non insegnate ai bambini quello che possono imparare da soli facendo. Cit. DIDATTICA ALLA PIOPPA Non insegnate ai bambini quello che possono imparare da soli facendo. Cit. La nostra proposta dida,ca nasce dalla voglia di infondere passione e rispe3o verso la natura e gli animali,

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO)

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO) PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 Giorno Prima settimana Seconda settimana Terza settimana Quarta Pasta all olio e Uova strapazzate Riso alla zucca Bresaola* / formaggio fresco Pasta olio e Bocconcini

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO

PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ALLA SCOPERTA DEL CIBO E DELLE ABITUDINI ALIMENTARI, IN PARTICOLARE SULLA COLAZIONE DEI BAMBINI IN ETA' SCOLARE

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

UNITÁ 4. q q q q LA FAMIGLIA DI BADU

UNITÁ 4. q q q q LA FAMIGLIA DI BADU LA FAMIGLIA DI BADU Badu è ghanese. È di Ada, una città vicino ad Accrà, nel Ghana. Ha ventiquattro anni ed è in Italia da tre mesi. Badu è in Italia da solo, la sua famiglia è rimasta in Ghana. La famiglia

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli IL COST CONTROL Il controllo dei Costi nella Ristorazione a cura di Marco Comensoli 1 La Ristorazione I Costi I Costi I principali costi delle attività di ristorazione sono: Le risorse umane; Gli alimenti;

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE Menu MILANO CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE L eventuale attesa è sinonimo di preparazioni espresse e artigianali. Perdonateci! e se avete fretta, ditelo all Oste. L acqua pura microfiltrata è offerta dall

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Livello intermedio DAL GRANO AL PANE

Livello intermedio DAL GRANO AL PANE Livello intermedio DAL GRANO AL PANE Indice Storia del pane 4 Selezione dei cereali 5 Cerealicoltura 6 Dal mugnaio 7 Dal panettiere 8 I tipi di pane 9 Il pane nell alimentazione 10/11 Il pane nelle usanze

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Singapore Paese #1. Best in Travel 2015 estratto gratuito

Singapore Paese #1. Best in Travel 2015 estratto gratuito Singapore Paese #1 Best in Travel 2015 estratto gratuito GETTY IMAGES Top 10 Paesi Feste ed eventi In febbraio carri allegorici riccamente decorati, draghi che sputano fuoco e giochi pirotecnici caratterizzano

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

PRESENT PERFECT CONTINUOS

PRESENT PERFECT CONTINUOS PRESENT PERFECT CONTINUOS 1. Si usa il Present Perfect Continuous per esprimere un'azione che è appena terminata, che si è prolungata per un certo tempo e la cui conseguenza è evidente in questo momento.

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO SCUOLA INFANZIA ARCOBALENO PROGETTO DIDATTICO PREMESSA L azione del documentare necessita sempre di una fase

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace

Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace Ogni giorno abbiamo modo di osservare come i bambini possiedono intuizioni geometriche, logiche

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli