Comune di Parma Assessorato alle Politiche per l Infanzia e la Scuola. Centro Studi e Ricerche per l Infanzia e l Adolescenza ParmaInfanzia S.p.a.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Parma Assessorato alle Politiche per l Infanzia e la Scuola. Centro Studi e Ricerche per l Infanzia e l Adolescenza ParmaInfanzia S.p.a."

Transcript

1 Comune di Parma Assessorato alle Politiche per l Infanzia e la Scuola Centro Studi e Ricerche per l Infanzia e l Adolescenza ParmaInfanzia S.p.a. PROGETTO SCUOLE E CULTURE DEL MONDO 4 ANNUALIÀ A cura di Cinzia Barabbani e Valentina Riccardi In collaborazione con i mediatori culturali del Comune di Parma Amancay Casas, Svetlana Erokhina, Rana Faqih, Abi Fellah, Rita Yea, Vojsava Tahirai, Charles Deho Anno Scolastico 2005/2006 1

2 A chi è rivolto: Il progetto è rivolto agli alunni della Scuola dell Infanzia e agli alunni delle prime classi della Scuola Primaria. E comunque adattabile alle necessità degli alunni dell ultimo biennio della Scuola Primaria attraverso l ampliamento e l approfondimento delle proposte. Finalità e motivazioni ( ) La Scuola dell Infanzia si premura che i bambini riconoscano ed apprezzino l identità personale ed altrui nelle connessioni con le differenze di sesso, di cultura e di valori esistenti nelle rispettive famiglie, comunità e tradizioni di appartenenza. La Scuola dell infanzia metta il bambino nella condizione di produrre messaggi, testi e situazioni attraverso una molteplicità ordinata ed efficace di strumenti linguistici ( ) ( ) obiettivo del processo formativo della Scuola primaria è la visione della diversità delle persone e delle culture come ricchezza. Conoscenze e abilità previste entro la classe quinta: - scoprire differenze di vita e di abitudini all interno dei gruppi ( familiari, scolastici ) rilevare diversità culturali in relazione ad abitudini di vita e a condizioni climatiche; attivare attività di ascolto, conoscenza di sé e di relazione positiva nei confronti degli altri; realizzare attività di gruppo giochi sportivi, esecuzioni musicali ) per favorire la conoscenza e l incontro con culture ed esperienze diverse. E partendo da queste affermazioni contenute nelle Indicazioni nazionali per la Scuola dell Infanzia e della Scuola primaria che abbiamo costruito il percorso didattico interculturale Il trenino di Teddy : un progetto che ha come finalità ultima: - sviluppare le competenze comunicative di ascolto, di comprensione e produzione linguistica che stanno alla base di un proficuo rapporto con se stessi, con gli altri e con la realtà esterna. 2

3 Questa finalità viene perseguita attraverso il raggiungimento di questi obiettivi specifici: - conoscenza e utilizzo della lingua inglese come lingua ponte che consente una prima comunicazione fra persone di provenienza diversa; valorizzazione delle lingue di origine degli alunni; miglioramento della conoscenza della lingua italiana; creazione di un ambiente plurilingue. La motivazione che ci ha spinto a seguire questa strada è stata soprattutto la quotidiana verifica del fatto che gli alunni stranieri rischiano di perdere la madrelingua, in quanto non valorizzata e apprezzata. Il fatto che il bambino non italofono sia bilingue non viene visto come una ricchezza e una potenzialità ed è l alunno straniero stesso che evita di esprimersi nella sua lingua, quasi se ne vergognasse, nel tentativo di sentirsi il più possibile parte del gruppo. E evidente però quanto sia importante stimolare i bambini a non dimenticare la cultura e la lingua d origine, per prevenire i disagi da disorientamento e per evitare un difficile percorso di costruzione della propria identità. Ecco quindi la necessità di confrontare codici linguistici per osservarne analogie e differenze e per riscontrare, al di là delle diversità, la comune funzione di ogni lingua. Per evitare comunque che l alunno straniero si senta eccessivamente posto al centro dell attenzione, abbiamo pensato di partire dall utilizzo della lingua inglese come lingua altra che consente di unire e comunicare e che mette tutti, sia i bambini italiani che gli stranieri, nella stessa condizioni di incertezza o curiosità. Quali sono i risultati attesi - Il mantenimento e la valorizzazione della lingua d origine Un maggior coinvolgimento dell alunno straniero, visto come portatore di saperi, storie, competenze. La costruzione di una didattica dei confronti e dei punti di vista. L apertura della scuola alla diversità culturale. L incoraggiamento a momenti di socializzazione. Una maggiore partecipazione dei genitori stranieri alla vita della scuola. 3

4 I momenti del percorso Teddy: - viaggia - visita paesi diversi - comunica in inglese - incontra altre lingue - e impara a conoscere saluti colori danze animali ricette feste famiglie abitudini modi per conoscersi Il progetto è suddiviso in 10 unità di apprendimento della durata di due ore circa che prevedono uno stimolo iniziale (l incontro con Teddy o l arrivo di una sua lettera) un momento di confronto e conversazione che favorisca l apprendimento della lingua inglese e l approccio con altre lingue e un attività pratica. Le lingue verranno valorizzate attraverso momenti che prevedano scambi di saluti, facili informazioni, momenti musicali e giochi. Si prevede infatti l utilizzo di linguaggi diversi: ludici, grafico pittorici, mimico-gestuali, verbali, musicali La memorizzazione dei vocaboli e l incontro con alfabeti diversi saranno favoriti dall uso di flash-cards, di strumenti audiovisivi e dalla realizzazione da parte degli alunni stessi di cartelloni. Ogni viaggio proposto è corredato da materiale prodotto dai mediatori culturali che hanno collaborato alla realizzazione del progetto con traduzioni, pronuncia di termini, informazioni generali su usi e costumi dei vari paesi. Una ricetta modificabile Abbiamo inteso questo progetto come estremamente flessibile e modificabile dagli insegnanti che intendano adattarlo meglio alla realtà nella quale operano. Sarà possibile infatti soffermarsi per più tempo su un tema o un paese in particolare per approfondirne la conoscenza, ma anche scegliere di valorizzare solo alcune lingue oltre all inglese. I tempi potranno essere ampliati o ridotti, le proposte adeguate alle risorse, i temi collegati a specifiche esigenze del curricolo. 4

5 Le famiglie e i mediatori E possibile, anzi è auspicabile, che alcuni momenti vengano vissuti coinvolgendo direttamente le famiglie sia italiane che straniere. Perché non invitare i genitori perché ci mostrino la realizzazione di una ricetta, se non una danza o un gioco? E un bel modo per farli sentire partecipi e importanti. Anche i mediatori sono una risorsa insostituibile per approfondire la conoscenza di culture altre: sono i nostri costruttori di ponti, saltatori di muri ed hanno le competenze necessarie per valorizzare il nostro viaggio. 5

6 PER BAMBINI DELLE CLASSI 1, 2, 3 ELEMENTARE. Nel primo incontro si avrà la presentazione del personaggio Teddy attraverso la lettura di una letterina in inglese. Questa arriverà con un orsetto di peluche (Teddy appunto) che narrerà la sua storia. E consigliabile partire da una prima lettura in inglese seguita da un tentativo di spiegazione da parte dei bambini prima della traduzione vera e propria della letterina. I bambini dovranno sapere che l orsetto, che gira il mondo col suo trenino, parla inglese perché viene dall Inghilterra e perché questa è una lingua con cui si può comunicare in tutto il mondo. Ad ogni incontro Teddy racconterà dell ultimo Paese da lui visitato. Si consiglia l utilizzo di un planisfero e di un cartellone a forma di treno,in modo che i bambini possano visualizzare le tappe del viaggio ed attaccare su ogni vagone ciò che imparano da ogni viaggio di Teddy, i nuovi vocaboli inglesi e nelle altre lingue incontrate. PER I BAMBINI DELLE CLASSI 4 E 5 ELEMENTARE. Il personaggio Teddy è per i bambini più grandi non sarà un orsetto bensì un bambino inglese della loro stessa età che sta viaggiando per il mondo. Teddy comunicherà con la classe per corrispondenza. Durante il primo incontro l insegnante leggerà la lettera di Teddy e chiederà ai bambini cos hanno capito e se vogliono rispondere a questo nuovo amico. Successivamente ogni bambini scriverà la propria lettera di presentazione. E consigliabile la costruzione di un cartellone con le foto dei bambini e la loro letterina. PRIMO INCONTRO VIAGGIO IN ITALIA Tema: ACCOGLIERE A SCUOLA SECONDO INCONTRO TERZO INCONTRO VIAGGIO IN ITALIA VIAGGIO IN CINA Tema: Tema: CONOSCERE SE SETTIMO INCONTRO I COLORI QUARTO INCONTRO STESSI E GLI VIAGGIO IN AFRICA VIAGGIO IN- INDIA ALTRI LE AZIONI QUINTO INCONTRO SUB-SAHARIANA Tema: QUOTIDIANE. VIGGIO IN MAROCCO Tema: GLI ANIMALI. Tema: LE FESTIVITÀ ED IL SESTO INCONTRO CIBO. OTTAVO INCONTROILTRAVESTIMENTO VIAGGIO IN RUSSIA VIAGGIO IN ALBANIA Tema: Tema: IL CORPO LA FAMIGLIA. 6

7 PRIMO INCONTRO Il primo viaggio del nostro amico Teddy si svolgerà nel nostro Paese, in Italia. Qui di seguito potrete trovare le lettere di presentazione del nostro amico. LETTERA DELL ORSETTO TEDDY. Hello! I m Teddy the bear. I come from England. I m visiting Italy. What s your name? Love,Teddy. LETTERA DEL BAMBINO TEDDY. Hello!I m an English child and my name is Teddy. I m 10 years old and I m visiting Italy. Would you like to be my friends? What s your name? Love,Teddy PROPOSTE DI ATTIVITÀ DOPO IL PRIMO INCONTRO CON TEDDY VOCABOLARIO LINGUAGGIO ATTIVO: hello- I m- my name is- I m 10 years old I come from- what s your name LINGUAGGIO RICETTIVO: English child- I m visiting- would you like to be my friendsmateriali: Primo ciclo: orsetto di peluche,letterina,cartoncini,forbici,colori,palla. Secondo ciclo: letterina,cartoncini,forbici,colori,fotografie dei bambini. 7

8 GIOCHI & C. Per conoscersi meglio i bambini si mettono in cerchio con l insegnante al centro; quest ultima lancia loro la palla chiedendo what s your name? e riprendendola indietro. In un secondo momento i bambini si lanceranno la palla da soli rispondendosi a vicenda. Per integrare ed introdurre il discorso delle altre culture e lingue può essere interessante la costruzione di un cartellone con i diversi saluti del mondo: inglese francese arabo spagnolo hello salut Assalum alaika hola In culture diverse dalla nostra i nomi propri di persona hanno significati importanti; l insegnante può chiedere ai bambini di informarsi sul significato del proprio nome. Successivamente si confronteranno i diversi significati dei nomi italiani e stranieri. SECONDO INCONTRO LETTERA DELL ORSETTO TEDDY. Hello my friends! What are you doing? Are you at school? In my country I wake up at 8 o clock, I go to school at 8:45 and in the afternoon I play with my friends. After supper I go to bed at 9:30. And what is you day like? With love, Teddy LETTERA DEL BAMBINO TEDDY. Hello my friends! How are you? And what are you doing? Are you at school? Usually when I am at home I wake up at 8 o clock, I have breakfast and then I go to school at 8:45. I have dinner at 1:00 a.m. and in the afternoon I do my homework and I sometimes play with my friends. At 5:00 0 clock I have tea, and then at 7:30 I have supper with my parents. At 9:30 I usually go to bed. And what is your day like? Love,Teddy. 8

9 PROPOSTE DI ATTIVITA DOPO IL SECONDO INCONTRO CON TEDDY. VOCABOLARIO LINGUAGGIO ATTIVO: Primo ciclo: Wake up at go to school play with friends- go to bed Secondo ciclo: wake up at- have breakfast-go to school- have dinner- do homework- have teahave supper-go to bed LINGUAGGIO RICETTIVO: Primo ciclo: What are you doing?- are you at school?- parents-what is your day like? Secondo ciclo: How are you?-what are you doing_ are you at school- what is your day like? MATERIALI: Primo ciclo: orsetto di peluche, letterina, cartoncini, forbici, colori, flashcards. Secondo ciclo: letterina, cartoncini, forbici, colori, un orologio. 9

10 GIOCHI & C. Per i più piccoli un gioco interessante è quello delle azioni quotidiane. Questo gioco ha come scopo quello di far capire ai bambini che ogni persona compie all incirca le stesse azioni nell arco della giornata e favorire quindi l integrazione. I bambini elencano attività comuni come: - dormire - alzarsi - andare a scuola - giocare con gli amici e la drammatizzano, mimandole e chiedendo ai compagni di indovinarle. Un passo successivo è quello di tradurre le attività nella lingua inglese, per cui: - sleep - wake up - go to school - play with friends e continuare il gioco del mimo. In alternativa l insegnante può fare uso di flash cards ed utilizzarle come sostituto del mimo. Per consolidare maggiormente le azioni i bambini possono disegnare su dei cartoncini le azioni e successivamente incollarle sul quaderno o su di un cartellone in ordine di tempo. Per i più grandi il gioco si può trasformare un po, per confluire sulla riflessione delle vite diverse in Paesi diversi. A questo proposito si può costruire un cartellone con esempi di vita di bambini in Paesi diversi che hanno orari diversi dai nostri. Per esempio: PAESE argentina russia marocco SVEGLIA 7,30 7,00 6,30 SCUOLA 8,00 8,00 8,00 PRANZO 13,00 A scuola 12,30 MERENDA 17,00 A scuola 16,00 CENA 21,00 20,00 20,00 DORMIRE 23,00 22,00 22,00 Un consiglio è quello di costruire un orologio di cartone da utilizzare con le vignette o sul cartellone per rendere maggiormente l idea degli orari. 10

11 TERZO INCONTRO LETTERA DELL ORSETTO TEDDY Hello my friends! I am visiting a very beautiful country: I am in China! All is funny and coloured here. What is your favourite colour? Kisses Teddy LETTERA DEL BAMBINO TEDDY Hello friends! How are you? Now I am visiting China! All is wonderful here...! My friend Hay Tao has given me a present: a picture with a red dragon that is a lucky charm! It is very beautiful and I like it very much because red is my favourite colour. And what is your favourite colour? Bye-bye Teddy 11

12 PROPOSTE DI ATTIVITÀ DOPO IL TERZO INCONTRO CON TEDDY VOCABOLARIO LINGUAGGIO ATTIVO: Primo ciclo: What is your favourite colour-my favourite colour is: white, black, red, green, yellow, blue, brown Secondo ciclo: What is your favourite colour-my favourite colour is...-have you got a personal lucky charm LINGUAGGIO RICETTIVO: Primo ciclo: I am visiting China Secondo ciclo: It s wonderful- a present-a red dragon MATERIALI: Primo ciclo: orsetto di peluche, letterina, cartoncini, forbici, colori, flashcards. Secondo ciclo: letterina, cartoncini, forbici, colori. 12

13 GIOCHI & C. Per prima cosa i colori vanno fissati nella memoria dei bambini,utilissime a questo scopo sono le flashcards :l insegnante mostrando il colore chiede: what color is this? ed i bambini risponderanno in coro. Il passo successivo sarà quello di chiedere ai bambini di toccare un oggetto del colore indicato sulla flashcard dicendo: touch somethig Per entrambi i cicli un gioco consigliato con cui i bambini solitamente si divertono molto è quello di strega comanda colori ;al posto della formula italiana strega comanda colori comanda è necessario usare la variante in lingua Inglese the whitch says aggiungendo il nome del colore. Riprendendo la letterina dei bambini più grandi circa il regalo che riceve Teddy dal suo amico si può provare a costruire un drago rosso di cartone, spiegando anche ai bambini il significato di esso nella cultura cinese. Importantissime sono le traduzioni dei nomi dei colori nelle varie lingue, che possono permettere una drammatizzazione ed uno scambio bellissimo di informazioni e di cultura (a questo riguardo andare nella parte delle traduzioni dei mediatori per avere informazioni più dettagliate) I colori assumono significati diversi a seconda delle culture; risulta quindi utile un piccolo prontuario con tutte queste curiosità che i bambini possono scoprire attraverso la lettura. Successivamente possono realizzare vignette o cartelloni con le informazioni ricevute. 13

14 QUARTO INCONTRO LETTERA DELL ORSETTO TEDDY Hello friends! Today I am in a Country called India. Do you know it? It is a beautiful place where I have found some new friends: Tommy is an elephant and there are other animals as tigers, snakes, crocodiles... and you, have you got some animal-friends? Kisses Teddy LETTERA DEL BAMBINO TEDDY Hi my friends! How are you? Here in India all is wonderful and interesting : I have met many strange animals... do you know how a tiger is? And a snake? A crocodile, a monkey?!? Are very different from dog, cat, chiken, horses and so on, aren t they? Tell me what animal have you got at home or only what is your favorite one. Greetings from India Teddy PROPOSTE DI ATTIVITÀ DOPO IL QUARTO INCONTRO CON TEDDY VOCABOLARIO LINGUAGGIO ATTIVO: Primo ciclo: Animals: cat, dog, chiken, horse... Pets-my favorite pet is..-i have a pet Secondo ciclo: In Italy there are dog, cats, chiken...-my favorite pet is..linguaggio RICETTIVO: Primo ciclo: Do you know it?-have you got some friends?-elephant, snake, tiger... Secondo ciclo: Do you know how a tiger is... MATERIALI: Primo ciclo: orsetto ed elefantino di peluche, letterina, cartoncini, forbici, colori, flashcards. Secondo ciclo: letterina, cartoncini, forbici, colori, immagini di ambienti e animali, libri. 14

15 GIOCHI & C. L attività più indicata per questa unità è sicuramente quella della drammatizzazione; l utilizzo di un peluches che rappresenti l amico Tommy renderà i bambini più partecipi della situazione! Potranno così imitarlo in un percorso creato apposta per loro in classe dall insegnante. Non occorre molto:se la palestra è utilizzabile si possono usare i tappetini per formare una strada dove i bambini imiteranno gli animali, al contrario lo stesso percorso si potrà fare in classe con un po meno energia! Anche gli altri animali nominati nella lettera possono essere imitati: tigri, serpenti, coccodrilli, scimmie e quelli comuni dell Italia come cani, gatti, galline, cavalli Importante è l approfondimento sul significato della figura di determinati animali nelle culture diverse dalla nostra:a questo proposito rimando alle schede di approfondimento culturale alla fine del progetto. Per i più grandi il tema degli animali si collega a geografia e a scienze, discipline che possono illustrare e farci comprendere l habitat e la vita di questi esseri: I bambini potranno scegliere un animale e fare una ricerca di approfondimento su di esso. 15

16 QUINTO INCONTRO LETTERA DELL ORSETTO TEDDY Marocco is a fantastic place! A friend of mine, Mustafà, Gave me mint tea... it was great! In England we drink tea every day at five o clock but is very different from that one because is lemon savour! Do you like tea? Do you know how to make tea? Kisses Teddy LETTERA DEL BAMBINO TEDDY Hello italian friends! Do you know where Marocco is? Not so far away but it is very different from Italy and also very beautiful! You know,i have eaten cous-cous... It was really fantastic! Have you ever eaten it? And what about khobz? It is a sort of bread... do you know it? What is your favourite plate? Do you know how to make it? Love, Teddy. 16

17 PROPOSTE DI ATTIVITA DOPO IL QUINTO INCONTRO CON TEDDY LINGUAGGIO ATTIVO: VOCABOLARIO Primo ciclo: I love tea-i prefer milk-i like tea with lemon-with milk Secondo ciclo: I have eaten cous cous-i have never eaten it-my favourite plate is... LINGUAGGIO RICETTIVO: Primo ciclo: A friend of mine-mint teasecondo ciclo: Do you know where M. is?-have you ever eaten it-what about..-it is a sort of... MATERIALI: Primo ciclo: letterina,cartoncini, forbici, colori, flashcards, ricette, immagini di pietanze, materiale per cucinare. Secondo ciclo: letterina,cartoncini, forbici, colori, flashcards, ricette, immagini di pietanze, materiale per cucinare. 17

18 GIOCHI & C. Diverse possono essere le attività connesse all argomento del cibo:si possono fare cartelloni di ogni tipo,ricerche individuali etc Sicuramente l attività più indicata è quella del cucinare in classe alimenti tipici marocchini come il cous cous, oppure fare una festa multiculturale in cui ogni bambino porta un piatto tipico del proprio Paese d origine e confrontarlo e mangiarlo tutti insieme. In questo modo si potrebbe avere anche la partecipazione importantissima dei genitori o di un mediatore, che potrebbero spiegare le origini dei piatti, alcune curiosità etc 18

19 SESTO INCONTRO LETTERA DELL ORSETTO/BAMBINO TEDDY Hello my friends! Do you know where Russia is? Today I am in Russia with some friends of mine! They have helped me doing gymnastc because during my last travel I have eaten too much...!!! Do you like gymnastic? Do you know the English names of the parts of your body? See you soon, kisses Teddy PROPOSTE DI ATTIVITÀ DOPO IL SESTO INCONTRO CON TEDDY VOCABOLARIO LINGUAGGIO ATTIVO: Primo/secondo ciclo: I like/i don t like doing gym-parts of the body LINGUAGGIO RICETTIVO: Primo/secondo ciclo: gymnastic-i have eaten so much-see you soon MATERIALI: Primo /secondo ciclo: letterina, cartoncini, forbici, colori, flashcards, cartelloni indicanti le parti del corpo coi relativi nomi. 19

20 GIOCHI & C. Riguardo al corpo ed alla ginnastica si possono fare centinaia di proposte a chi è disposto ad utilizzare un ambiente come quello della palestra della scuola dove i bambini possono divertirsi moltissimo. Utile è senza dubbio la costruzione di un cartellone con le parti del corpo ed i relativi nomi anche magari in diverse traduzioni. 20

21 SETTIMO INCONTRO LETTERA DELL ORSETTO TEDDY Hello friend! How are you? Today I am in the Sub-Saharian Africa, it is really beautiful! Here people make strange rituals dancing with the sound of percussion and wearing masks... In England we wear masks only for Halloween s day! And you? Have you got a day in your culture in which you wear a mask? Kisses Teddy LETTERA DEL BAMBINO TEDDY Hello children! Do you know where Africa is? Well, I am in Sub-Saharian Africa! It s really fantastic! When I arrived into the village of a friend of mine, the people made a ritual for me. They were wearing strange masks and danced with the sound of percussion... It was great! In England we dress up in a strange way for Halloween day... like ghost, skeleton or witches...! And you? Have you got in your culture a day in which you dress up yourself in a strange manner? Kisses Teddy 21

22 PROPOSTE DI ATTIVITÀ DOPO IL SETTIMO INCONTRO CON TEDDY VOCABOLARIO LINGUAGGIO ATTIVO: Primo ciclo: I dress myself like... in Carnevale s day-i dress myself like a ghost/a whitch/a skeleton for Halloween s day Secondo ciclo: I dress myself like... in Carnevale s day-i dress myself like a ghost/a whitch/a skeleton for Halloween s day LINGUAGGIO RICETTIVO: Primo ciclo: Rituals-masksSecondo ciclo: Rituals-masks-sound of percussion-ghost-witch-skeleton MATERIALI: Primo ciclo: orsetto di peluche, letterina, cartoncini, forbici, colori, flashcards. Secondo ciclo: letterina, cartoncini, forbici, colori. 22

23 GIOCHI & C. I rituali di danze africane con le maschere possono essere mimati dai bambini con l aiuto di un mediatore, o con l ausilio di un video etc Dopo aver parlato del significato di alcune maschere africane i bambini possono costruirne alcune a loro piacere, anche appartenenti alla cultura europea, e improvvisare un teatrino d incontro delle diverse culture. Questo incontro andrebbe svolto vicino alla data del carnevale, in questo modo i bambini potrebbero arrivare a scuola travestiti ed illustrare il significato dei loro travestimenti. Halloween è un altra festa menzionata da Teddy, festa che ormai sta prendendo un posto preciso anche nella nostra cultura;per creare l atmosfera tipica di questa festa non occorrono altro che un paio di zucche con occhi, naso e bocca illuminate da una piccola candela e qualche storiella strana da raccontare ai bambini a luci spente, magari proprio sull origine di questa festa. Sul tema delle feste non si può certo dimenticare quella del compleanno:illustriamo ai bambini come si festeggiano i compleanni nel mondo e, perché no, facciamo una festa per il nostro amico Teddy! Cartoncini e colori ci serviranno per fargli un sacco di regali e di dolcetti! Naturalmente non può mancare la canzoncina: Happy birthday to you, Happy birthday to you, Happy birthday dear Teddy, Happy birthday to 23

24 OTTAVO INCONTRO LETTERA DELL ORSETTO / BAMBINO TEDDY Hi children! Today I am in Albania! What a beautiful country! People are very kind... A family has given me a place where I can sleep and also food! Their name are:... which is the mother,... which is the father and... And... which are their sons. And how is you family? What are the names of your parents? You know, I miss my mummy very much... I think it s time to go home now for me! I hope you enjoyed my stories...! See you soon I love you, Teddy PROPOSTE DI ATTIVITÀ DOPO L OTTAVO INCONTRO CON TEDDY VOCABOLARIO LINGUAGGIO ATTIVO: Primo-secondo ciclo: My mum s name is...-my daddy s name is...-my brother's name is...linguaggio RICETTIVO: Primo-secondo ciclo: Kind-sleep-food MATERIALI: Primo ciclo: letterina, cartoncini, forbici, colori, flashcards. Secondo ciclo: letterina, cartoncini, forbici, colori. 24

25 GIOCHI & C. In questa ultima unità i bambini dovrebbero parlare della loro famiglia e l insegnante dovrebbe raccontare come sono quelle del mondo. I più piccoli potrebbero fare il disegno della propria famiglia ed i più grandi potrebbero fare anche un indagine allargata ad altre classi. Sarebbe utile, oltre all intervento di un mediatore, l intervento di alcuni genitori che raccontino la loro giornata e com è strutturata la loro famiglia. 25

26 MEDIATORE: Amancay Casas PAESE D ORIGINE: Argentina 1- I SALUTI ciao benvenuto arrivederci TRADUZIONE hola bienvenido Hasta luego PRONUNCIA ola bienvenido Asta luego 2-ABITUDINI SCOLASTICHE, PASTI I BAMBINI SI SVEGLIANO ALLE H.: 7,30 PRANZO: 13 MERENDA: 17 CENA: 21. D estate anche alle 22 LA SCUOLA:NOTIZIE ED INFORMAZIONI: La scuola è uguale a quella italiana nelle città, invece le scuole di campagna presentano caratteristiche molto speciali. In campagna o sulle montagne ci sono poche scuole, di solito posizionate in posti isolati e lontani dalle città, dove si impara in classi uniche che riuniscono bambini e ragazzi dei dintorni in modo indifferenziato. Gli allievi alle volte devono fare molti chilometri per arrivare e molti di loro arrivano a cavallo o montando un asinello. La maestra prepara loro la prima colazione perché a casa molti non hanno avuto la possibilità di farla. Non ci sono i computer ne internet e scarseggiano i materiali didattici. Nelle città e nei paesi più grandi invece, le classi sono molto simili alle nostre. I bambini portano un grembiulino bianco che serve ad uniformare tutti per non fare distinzioni secondo il tipo di vestiti indossati. Le ricreazioni sono di 15 minuti fra materia e materia, così i bambini si sgranchiscono le gambe e sfogano la loro vivacità. All inizio della giornata scolastica si procede ad innalzare la bandiera e tutti cantano l inno alla bandiera. A fine giornata, si fa calare la bandiera e ordinati per file si esce da scuola. 26

27 3-I COLORI bianco nero Rosso Verde Giallo Blu marrone TRADUZIONE blanco negro rojo verde amarillo azul marrón PRONUNCIA blanco negro rojo verde amarilio asul marron EVENTUALI SIGNIFICATI DEI COLORI NELLA CULTURA: Blanco: purezza Negro: lutto 4-GLI ANIMALI Cane Gatto leone Pesce Aquila Topo Pinguino Elefante Panda Cammello Scimmia mucca TRADUZIONE perro Gato león Pez Aguila Ratón Pinguino Elefante Panda Camello Mono Vaca PRONUNCIA perro Gato león Pes Aguila raton Pinguino (si pronuncia la u) elefante panda camelio mono vaca EVENTUALE SIGNIFICATO DI ALCUNI ANIMALI NELLA CULTURA: Cane = fedeltà Gatto = tradimento 27

28 5-IL CIBO RICETTA FACILE DA REALIZZARE A SCUOLA COI BAMBINI: Alfajores de dulce de leche Ingredienti: 200 gr di burro 150 gr di zucchero 3 tuorli d uovo 300 gr di maizena 200 gr di farina ½ cucchiaino di bicarbonato di sodio 2 cucchiaini di polvere lievitante scorza grattugiata di mezzo limone essenza di vaniglia 250 gr di dulce de leche (specie di mu che si può trovare nelle drogherie bene fornite anche con prodotti provenienti da altre parti del mondo) un po di cocco grattugiato. Preparazione: si mescola il burro con lo zucchero fino che diventa una crema. Si aggiungono i tuorli uno a uno. A parte si mescola la farina con la maizena, il bicarbonato e la polvere lievitante. Si aggiungono man mano alla crema di burro e zucchero. Poi si aggiunge la essenza di vaniglia e la scorza di limone. Mescolare molto bene e impastare, dopo aver fatto riposare l impasto per 15 minuti, sul tavolo precedentemente infarinato spianare l impasto lasciandolo con uno spessore di ½ cm. Procedere a tagliare dei dischetti con un bicchiere o un piattino. Posizionarli su di una teglia imburrata e cuocerli a forno moderato non lasciando che prendano colore. Lasciarli raffreddare e unire uno all altro con il dulce de leche. Spalmare dulce de leche sui bordi e poi rotolarli sul cocco grattuggiato. PIATTI TIPICI: Empanadas: fagottini ripieni di carne con uvetta passa, olive, cipolla, cumino, ecc. Si mangiano prendendoli in mano. Asado: carne arrosta. Uso diffusissimo soprattutto in campagna dove si usa arrostire interi animali. Si mangiano anche le interiora. Arroz con leche: dolce fatto con riso bollito in latte con zucchero e cannella. NOMI DI INGREDIENTI PARTICOLARI: chimichurri: acqua bollita con sale grossa, peperoncino, aglio, prezzemolo, che serve per condire la carne. 28

29 6-IL CORPO Testa Mani Gambe Piedi Occhi Naso bocca TRADUZIONE cabeza manos piernas pies ojos nariz boca PRONUNCIA cabesa manos piernas pies ojos naris boca DANZA TIPICA DEL PAESE D ORIGINE: tango. È il ballo cittadino. I restanti appartengono al folklore. malambo chacarera zamba 7-LE FESTIVITA IL COMPLEANNO:COME SI FESTEGGIA: Solitamente si invitano tutti i compagni di scuola più tutti i cuginetti e amici del quartiere ad una bella festa che a luogo in casa propria. La mamma fa tutto da sé: torta, panini, dolcetti, ecc. Anche gli addobbi con l aiuto di altri familiari. La festa dura dall ora della merenda fino a sera. A cena rimangono i familiari. Si spengono le candeline, si canta e si gioca. I giochi di solito sono organizzati e la mamma da le indicazioni ai bambini. ALTRE FESTE TIPICHE: 25 di maggio: nel 1810 si costituisce la prima Giunta del governo patrio nel Cabildo di Buenos Aires, la capitale della Argentina. 9 di Luglio: nel 1816 a Tucumán, si proclama il giorno dell Indipendenza dalla Spagna, e si costituiscono le province unite del Rio de La Plata. TRAVESTIMENTI-MASCHERE : A carnevale si usa travestirsi con fantasia. Le maschere sono usate soprattutto nelle province del Nord dove ritroviamo influenze pagane provenienti dalle etnie indigeni. Invece nelle grandi città i costumi rispecchiano personaggi famosi, simpatici, comici, televisivi, ecc. 29

Programmazione curricolare di Lingua Inglese Scuola Primaria Classe prima

Programmazione curricolare di Lingua Inglese Scuola Primaria Classe prima Programmazione curricolare di Lingua Inglese Scuola Primaria Classe prima Competenze Obiettivi di apprendimento da trasformare in conoscenze,abilità,competenze da acquisire e capacità da potenziare Contenuti

Dettagli

alla scoperta delle lingue e culture straniere

alla scoperta delle lingue e culture straniere presenta la nuova serie di edizioni per ragazzi alla scoperta delle lingue e culture straniere Canta & Impara le lingue - Imparo l inglese con Cat and Mouse - Hello Kids EDIZIONI CURCI - Galleria del Corso,

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/14. PIANO DI LAVORO ANNUALE I.C AVIO scuola primaria di Avio e scuola primaria di Sabbionara CESTARO VIVIANA LINGUA INGLESE

ANNO SCOLASTICO 2013/14. PIANO DI LAVORO ANNUALE I.C AVIO scuola primaria di Avio e scuola primaria di Sabbionara CESTARO VIVIANA LINGUA INGLESE ANNO SCOLASTICO 2013/14 PIANO DI LAVORO ANNUALE I.C AVIO scuola primaria di Avio e scuola primaria di Sabbionara INSEGNANTE: CESTARO VIVIANA DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CLASSI: Prima di Sabbionara Prima

Dettagli

Hanno scritto: «sono partito dal Ghana nel 2010, avevo 13 anni. Ero un po spaventato all idea di viaggiare in aereo da solo, in quanto i miei

Hanno scritto: «sono partito dal Ghana nel 2010, avevo 13 anni. Ero un po spaventato all idea di viaggiare in aereo da solo, in quanto i miei LABORATORIO Emigrare da un continente all altro è difficile, è complicato lasciarsi alle spalle una vita per cominciarne un altra in un luogo sconosciuto. I ragazzi provengono da diversi stati: India,

Dettagli

STATI UNITI D'AMERICA Tacchino arrosto ripieno (Roast turkey / New England) dosi per 10 porzioni

STATI UNITI D'AMERICA Tacchino arrosto ripieno (Roast turkey / New England) dosi per 10 porzioni STATI UNITI D'AMERICA Tacchino arrosto ripieno (Roast turkey / New England) 1 tacchino (peso complessivo di 6 kg circa) 1 kg di castagne 150 g di burro mollica di pane raffermo cipolla sedano rosmarino

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO DI INGLESE CON LADY BUTTERFLY

UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO DI INGLESE CON LADY BUTTERFLY SCUOLA DELL'INFANZIA AD ONORE DEGLI EROI UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO DI INGLESE Bambini di 5/6 anni CON LADY BUTTERFLY ANNO SCOLASTICO 2011-12 UNITA DI APPRENDIMENTO: LABORATORIO D INGLESE CON LADY

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DI INGLESE (classi QUARTE)

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DI INGLESE (classi QUARTE) PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DI INGLESE (classi QUARTE) secondo le Indicazioni del 2012. Unità di apprendimento n.1 cl. IV 1- Dati identificativi Titolo: Welcome to the B & B Materia : Lingua

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO Lingua Inglese Classi prime

PERCORSO FORMATIVO Lingua Inglese Classi prime Traguardi per lo sviluppo delle competenze: PERCORSO FORMATIVO Lingua Inglese Classi prime ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Ø Comprende semplici messaggi orali. Ø Interagisce nel gioco utilizzando semplici espressioni

Dettagli

Documentazione Progetto

Documentazione Progetto Documentazione Progetto Progetto rivolto ai bambini della Scuola dell Infanzia di Molina Anno Scolastico 2009/2010 Docente: Anna Teresa Vitale Il progetto I colori del grigio affronta il tema della diversità

Dettagli

PROGETTO INGLESE Anno Scolastico 2008/2009 Realizzato in tutte le scuole dell Infanzia dell Istituto Comprensivo dall insegnante Elisa Erbacci

PROGETTO INGLESE Anno Scolastico 2008/2009 Realizzato in tutte le scuole dell Infanzia dell Istituto Comprensivo dall insegnante Elisa Erbacci PROGETTO INGLESE Anno Scolastico 2008/2009 Realizzato in tutte le scuole dell Infanzia dell Istituto Comprensivo dall insegnante Elisa Erbacci PRIMA LEZIONE : HELLO! Hello, I m (nome dell alunno) What

Dettagli

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori PROGETTAZIONE DIDATTICA a/s 2013-2014 Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori Breve viaggio attorno al cibo e oltre Percorso di scoperta ed interazione tra il cibo e le qualità che gli alimenti nascondono:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA LINGUA INGLESE CLASSE SECONDA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA LINGUA INGLESE CLASSE SECONDA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA LINGUA INGLESE (Settembre, Ottobre, Novembre) OBIETTIVI 1. CONOSCENZE CLASSE SECONDA Conoscere il lessico: Saluti nei vari momenti della giornata. Numeri 1-10 (revisione). Gli

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Insegnante Damiani Elena L INSEGNAMENTO

Dettagli

GLI ALUNNI DELLA I A

GLI ALUNNI DELLA I A GLI ALUNNI DELLA I A Descrivi la festa di Halloween soffermandoti sui preparativi, che l hanno preceduta, sul suo svolgimento e parla delle tue impressioni al riguardo. Con la scuola elementare di Puccianiello

Dettagli

LABORATORIO DI INGLESE

LABORATORIO DI INGLESE LABORATORIO DI INGLESE Progetto rivolto ai bambini grandi della scuola materna. Obiettivo: avviare i bambini alla conoscenza e all'uso della lingua inglese. Argomenti trattati: - HELLO, GOODBYE; I'M A

Dettagli

Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino

Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI LOVERE VIA DIONIGI CASTELLI, 2 - LOVERE Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Le programmazioni didattiche sono state stese in base

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Scheda dati personali Inserisci i tuoi dati poi formula delle frasi per parlare di te stesso I m My birthday is in I ve got My telephone number is

Scheda dati personali Inserisci i tuoi dati poi formula delle frasi per parlare di te stesso I m My birthday is in I ve got My telephone number is Scuola Elementare Scuola Media AA. SS. 2004 2005 /2005-2006 Unità ponte Progetto accoglienza Scheda dati personali Inserisci i tuoi dati poi formula delle frasi per parlare di te stesso I m My birthday

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Dieci

U Corso di italiano, Lezione Dieci 1 U Corso di italiano, Lezione Dieci U Ricordi i numeri da uno a dieci? M Do you remember Italian numbers from one to ten? U Ricordi i numeri da uno a dieci? U Uno, due, tre, quattro, cinque, sei, sette,

Dettagli

THE RABBIT. Tematiche: I COLORI, I CIBI, LE PARTI DEL CORPO

THE RABBIT. Tematiche: I COLORI, I CIBI, LE PARTI DEL CORPO THE RABBIT Tematiche: I COLORI, I CIBI, LE PARTI DEL CORPO Destinatari: alunni 1 ciclo Scuola Elementare Autore: Roberta Caserta A cura di: Lorella Gigli Docenti Istituto Comprensivo Jesi Centro - www.jesicentro.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI NOALE-VE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI LINGUA INGLESE CLASSI SECONDE A. SC. 2015-16

ISTITUTO COMPRENSIVO DI NOALE-VE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI LINGUA INGLESE CLASSI SECONDE A. SC. 2015-16 ISTITUTO COMPRENSIVO DI NOALE-VE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI LINGUA INGLESE CLASSI SECONDE A. SC. 2015-16 OBIETTIVI FORMATIVI: Ascoltare, partecipare ed interagire, per affrontare argomenti di esperienza

Dettagli

Le scuole multietnica e multiculturali

Le scuole multietnica e multiculturali Le scuole multietnica e multiculturali Una scuola multietnica e multiculturale Ma non hanno mai visto un bambino albanese? Viki che voleva andare a scuola Viki, accompagnato dalla sua mamma, vide per la

Dettagli

THREE LITTLE PIGS. Contenuti tematici : BODY S PARTS, THE HOUSE, THE FAMILY. Obiettivi linguistici:

THREE LITTLE PIGS. Contenuti tematici : BODY S PARTS, THE HOUSE, THE FAMILY. Obiettivi linguistici: THREE LITTLE PIGS Contenuti tematici : BODY S PARTS, THE HOUSE, THE FAMILY Obiettivi linguistici: - ascoltare - comprendere - memorizzare lessico e strutture attraverso un testo narrativo noto - seguire

Dettagli

PROGRAMMA DI LINGUA INGLESE

PROGRAMMA DI LINGUA INGLESE PROGRAMMA DI LINGUA INGLESE CLASSE IG ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Prof.ssa Rossella Mariani Testo in adozione: THINK ENGLISH 1 STUDENT S BOOK, corredato da un fascicoletto introduttivo al corso, LANGUAGE

Dettagli

spyros theodoridis Rizzoli

spyros theodoridis Rizzoli spyros theodoridis Rizzoli Introduzione Dopo l esperienza di MasterChef, durante le varie presentazioni del mio primo libro di ricette Cuoco per emozione, ho incontrato moltissimi ragazzi come voi con

Dettagli

dopo tanti anni passati insieme a studiare l'inglese, spero di essere riuscita a trasmettervi la passione per questa lingua o almeno la curiosità.

dopo tanti anni passati insieme a studiare l'inglese, spero di essere riuscita a trasmettervi la passione per questa lingua o almeno la curiosità. Cari ragazzi, dopo tanti anni passati insieme a studiare l'inglese, spero di essere riuscita a trasmettervi la passione per questa lingua o almeno la curiosità. Vi auguro di far sempre meglio negli anni

Dettagli

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA PARROCCHIA SAN ROCCO SCUOLA MATERNA VIA FORNACI 66/D - 25131 BRESCIA TEL. E FAX: 0302680472 segreteria@sanroccomaterna.it www.sanroccomaterna.it

Dettagli

LISTENING (comprensione orale) Comprendere semplici vocaboli e comandi con l aiuto della gestualità o di supporti visivi.

LISTENING (comprensione orale) Comprendere semplici vocaboli e comandi con l aiuto della gestualità o di supporti visivi. COMPETENZA CHIAVE LINGUA INGLESE Fonte di legittimazione Raccomandazione del Parlamento Europeo 18/12/2006 SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Esegue semplici comandi mimati e dati

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per i bambini di cinque anni della scuola dell infanzia

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per i bambini di cinque anni della scuola dell infanzia ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO G. FANCIULLI ARRONE VIA MATTEOTTI, 3/A 05031 ARRONE Tel. 0744/387711 fax 0744/387729 E- mail tric803002@istruzione.it

Dettagli

METTIAMO IN TAVOLA I PRIMI I SECONDI DI CARNE I SECONDI DI PESCE

METTIAMO IN TAVOLA I PRIMI I SECONDI DI CARNE I SECONDI DI PESCE INDICE PRESENTAZIONE 5 GLOSSARIO ESSENZIALE 6-9 Celti, greci, latini: la cucina racconta la storia 10-11 Comuni, signorie, regioni: le cento cucine d Italia 12-13 Le differenze regionali nel lessico della

Dettagli

Progetto accoglienza

Progetto accoglienza Scuola dell Infanzia Paritaria Beato G. Nascimbeni Via Fossà 1, 37010 Castelletto di Brenzone (VR) Tel. 045.6598480 Fax 045.6598481 e-mail: infanziacastelletto@pssf.it Progetto accoglienza Premessa I primi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA- LINGUA INGLESE CLASSE PRIMA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA- LINGUA INGLESE CLASSE PRIMA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA- LINGUA INGLESE CLASSE PRIMA (Settembre, Ottobre, Novembre) OBIETTIVI 1. CONOSCENZE Conoscere il lessico: Colori primari e secondari. Numeri da 0 a 12. Presentarsi. Salutare. Animali.

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

Lo sai mamma che... Il giornalino della Scuola dell Infanzia di Ponte nelle Alpi gestito dai genitori con la collaborazione delle insegnanti.

Lo sai mamma che... Il giornalino della Scuola dell Infanzia di Ponte nelle Alpi gestito dai genitori con la collaborazione delle insegnanti. Pronti per colorare? Lo sai mamma che... Il giornalino della Scuola dell Infanzia di Ponte nelle Alpi gestito dai genitori con la collaborazione delle insegnanti. Ringraziamo tutte le maestre e le mamme

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ANCHISE PICCHI Collesalvetti (LI) PROGETTO DI LINGUA INGLESE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA LET S TALK IN ENGLISH!

ISTITUTO COMPRENSIVO ANCHISE PICCHI Collesalvetti (LI) PROGETTO DI LINGUA INGLESE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA LET S TALK IN ENGLISH! ISTITUTO COMPRENSIVO ANCHISE PICCHI Collesalvetti (LI) PROGETTO DI LINGUA INGLESE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA LET S TALK IN ENGLISH! a.s. 2015-2016 Premessa L insegnamento delle lingue straniere nelle

Dettagli

(ANNO SCOLASTICO 2015/18)

(ANNO SCOLASTICO 2015/18) (ANNO SCOLASTICO 2015/18) dal Rapporto La Buona Scuola. Facciamo crescere il Paese, frutto del lavoro portato avanti congiuntamente dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi e dal Ministro Stefania Giannini

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G.MARCONI- CASTELNOVO DI SOTTO CURRICOLO VERTICALE DI LINGUA INGLESE A.S. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO G.MARCONI- CASTELNOVO DI SOTTO CURRICOLO VERTICALE DI LINGUA INGLESE A.S. 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO G.MARCONI- CASTELNOVO DI SOTTO CURRICOLO VERTICALE DI LINGUA INGLESE A.S. 2014/2015 Scuola Primaria INGLESE - CLASSI PRIME COMPETENZE Utilizzare una lingua straniera per i principali

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Quindici

U Corso di italiano, Lezione Quindici 1 U Corso di italiano, Lezione Quindici U Buongiorno, anche in questa lezione iniziamo con qualche dialogo formale M Good morning, in this lesson as well, let s start with some formal dialogues U Buongiorno,

Dettagli

PIATTI TIPICI DI FABRO

PIATTI TIPICI DI FABRO PIATTI TIPICI DI FABRO Vigilia di Natale Crostini di cavolo: pane abbrustolito con cavolo lessato e condito con olio, sale e aceto. Frittelle di cavolfiore: cavolfiore lessato e fritto in pastella Minestra

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Diciotto

U Corso di italiano, Lezione Diciotto 1 U Corso di italiano, Lezione Diciotto U Scusi, a che ora aprono i negozi a Bologna? M Excuse-me, what time do shops open in Bologna? U Scusi, a che ora aprono i negozi a Bologna? D Aprono alle nove F

Dettagli

PROGETTO DI LINGUA INGLESE

PROGETTO DI LINGUA INGLESE 1 PROGETTO DI LINGUA INGLESE Nella società multilinguistica odierna, la lingua straniera è sempre più al centro dei cambiamenti culturali: le parole straniere di uso comune si sono moltiplicate, tanto

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI LINGUA INGLESE

CURRICOLO DISCIPLINARE DI LINGUA INGLESE A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Palena-Torricella Peligna Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Palena (CH) SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SIANO SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE DI LINGUA INGLESE CLASSI PRIME

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SIANO SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE DI LINGUA INGLESE CLASSI PRIME ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SIANO SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE DI LINGUA INGLESE CLASSI PRIME Le Insegnanti: BASILE GERARDINA DE CARO SABRINA DI FILIPPO DONATA Programmazione

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Sette

U Corso di italiano, Lezione Sette 1 U Corso di italiano, Lezione Sette M Two friends meet at the restaurant U Ciao, Paola M Hi, Paola U Ciao, Paola D Ciao Francesco, come stai? F Hi Francesco, how are you? D Ciao Francesco, come stai?

Dettagli

Un mondo di feste. Diwali. Holi

Un mondo di feste. Diwali. Holi Un mondo di feste In tutto il mondo durante l anno si fanno tante feste che molto spesso sono legate agli eventi della storia delle varie religioni; le loro origini si perdono nella notte dei tempi. Ranesch

Dettagli

ACTIVE ENGLISH. Roma, 28 aprile 2014 Istituto Comprensivo D Avarna Via Valagussa, 28 00100 Roma. C.A. Graziella Bianco

ACTIVE ENGLISH. Roma, 28 aprile 2014 Istituto Comprensivo D Avarna Via Valagussa, 28 00100 Roma. C.A. Graziella Bianco Roma, 28 aprile 2014 Istituto Comprensivo D Avarna Via Valagussa, 28 00100 Roma C.A. Graziella Bianco Il programma English Summer Camp predisposto da Trinity School è un occasione unica di apprendimento

Dettagli

LINGUE COMUNITARIE INGLESE - CLASSE PRIMA

LINGUE COMUNITARIE INGLESE - CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 LINGUE COMUNITARIE INGLESE - CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE

Dettagli

IN CUCINA CON FANTASIA

IN CUCINA CON FANTASIA IN CUCINA CON FANTASIA CLASSI 2 A E 2 B SCUOLA PRIMARIA E. TOTI ISTITUTO COMPRENSIVO FERMI CAVARIA CON PREMEZZO PROGETTO IL VALORE DEL CIBO REALIZZATO IN COLLABORAZIONE CON LA DOTT. ZAMBELLI E INTERAMENTE

Dettagli

ABILITÀ ATTIVITÀ CONOSCENZE. coppie e individuali. b) Esecuzione di attività

ABILITÀ ATTIVITÀ CONOSCENZE. coppie e individuali. b) Esecuzione di attività INGLESE CLASSE PRIMA Nucleo: ASCOLTARE E COMPRENDERE Competenza : Comprende il senso globale di frasi di uso frequente relativi ad ambiti conosciuti. 1.1 Ascoltare e comprendere singole a) Giochi collettivi,

Dettagli

Premessa. La lingua inglese nella scuola dell infanzia

Premessa. La lingua inglese nella scuola dell infanzia Premessa La lingua inglese nella scuola dell infanzia Tra i traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola dell infanzia le Indicazioni Ministeriali sottolineano l importanza di fornire

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE LINGUA INGLESE

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE LINGUA INGLESE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE LINGUA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE AL TERMINE DELLA

Dettagli

COLAZIONE TURCA COLAZIONE

COLAZIONE TURCA COLAZIONE COLAZIONE TURCA Descrizione della tradizionale colazione turca. Noi diamo grande importanza alla prima colazione, soprattutto il fine settimana. Una tipica colazione turca è costituita da fette di formaggio

Dettagli

Istituto Comprensivo San Cesareo. Viale dei Cedri. San Cesareo. Lingua Inglese. Classi I II III IV V. Scuola Primaria E Giannuzzi

Istituto Comprensivo San Cesareo. Viale dei Cedri. San Cesareo. Lingua Inglese. Classi I II III IV V. Scuola Primaria E Giannuzzi Istituto Comprensivo San Cesareo Viale dei Cedri San Cesareo Lingua Inglese Classi I II III IV V Scuola Primaria E Giannuzzi Anno Scolastico 2015/16 1 Unità di Apprendimento n. 1 Autumn Settembre/Ottobre/Novembre

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 GLI AMICI DEL MONDO

PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 GLI AMICI DEL MONDO PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 GLI AMICI DEL MONDO Ottobre-novembre LATTANTI LATTANTI MEZZANI GRANDI PRESENTAZIONE DEL CONTINENTE: L EUROPA 1 Flash card con immagini della famiglia Collage delle

Dettagli

RICETTE DALL ITALIA E DAL MONDO

RICETTE DALL ITALIA E DAL MONDO RICETTE DALL ITALIA E DAL MONDO Il cibo ci viene in aiuto anche per conoscere e confrontare usi, abitudini e tradizioni di altri Paesi. Perciò ecco alcune ricette regionali italiane ed altre provenienti

Dettagli

INTRODUZIONE COSA BOLLE IN PENTOLA

INTRODUZIONE COSA BOLLE IN PENTOLA INTRODUZIONE Questo libro è stato realizzato dai bambini della Scuola dell Infanzia Chizzolini di Brescia con la collaborazione dell insegnante del laboratorio di cucina. A noi bambini piace giocare con

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA

PROGETTAZIONE ANNUALE LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA PROGETTAZIONE ANNUALE LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME Riferimenti alle Indicazioni Nazionali per la classe prima: Comprendere e rispondere ad un saluto. Presentarsi e chiedere il nome delle

Dettagli

I SAPERI (conoscenze, argomenti e contenuti)

I SAPERI (conoscenze, argomenti e contenuti) I SAPERI (conoscenze, argomenti e contenuti) La seguente scansione dei saperi è da considerare come indicazione di massima. Può essere utilizzata in modo flessibile in riferimento ai diversi libri di testo

Dettagli

CURRICOLO INGLESE CLASSE 1^ Comprende Vocaboli - Saluti - Presentazioni. Istruzioni. Espressioni e frasi di uso quotidiano riferite a se stesso.

CURRICOLO INGLESE CLASSE 1^ Comprende Vocaboli - Saluti - Presentazioni. Istruzioni. Espressioni e frasi di uso quotidiano riferite a se stesso. CLASSE 1^ Classe 1^ re vocaboli, istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano, pronunciati chiaramente e lentamente relativi a se stesso. Produrre frasi significative riferite a oggetti e situazioni

Dettagli

Istituto Comprensivo Noventa di Piave - Scuola Primaria G. Noventa a. s. 2015/2016 classi 1 A B C

Istituto Comprensivo Noventa di Piave - Scuola Primaria G. Noventa a. s. 2015/2016 classi 1 A B C Istituto Comprensivo Noventa di Piave - Scuola Primaria G. Noventa a. s. 2015/2016 classi 1 A B C UNITÀ DI APPRENDIMENTO: AUTUMN Competenze chiave di riferimento: LINGUA INGLESE 1. Comunicare nelle lingue

Dettagli

CORSO DI CUCINA A CASA!

CORSO DI CUCINA A CASA! Tour N.12 CORSO DI CUCINA A CASA La classe a lavoro Un fantastico modo per imparare a cucinare le più tipiche pietanze Toscane, senza muoversi da casa vostra Il nostro chef arriverà direttamente nella

Dettagli

SOMMARIO. 1 Dolci, Pane e Pizza di Giuliano Pediconi

SOMMARIO. 1 Dolci, Pane e Pizza di Giuliano Pediconi SOMMARIO RICETTE BASE...2 CAKES ALL ARANCIA...2 CIAMBELLA PAESANA...3 DOLCE DEL NONNO...3 PLUM CAKE...4 TORTA AL CAFFÈ...4 TORTA ALLE ALBICOCCHE CON GRANELLONA...5 TORTA ALLE NOCI...6 TORTA GERBAUD...7

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

Laboratorio : Fantasyland

Laboratorio : Fantasyland Laboratorio : Fantasyland Corsiste : Annarita Agretti Rossella Bettoni Nicoletta Calicchia Susanna Ravani Favola : THE BREMEN TOWN MUSICIANS Destinatari : alunni classe 4 e 5 elementare Obiettivi generali

Dettagli

I.C. AMEDEO DI SAVOIA AOSTA Martina Franca (Ta) Disciplina: INGLESE a.s. 2012 2013

I.C. AMEDEO DI SAVOIA AOSTA Martina Franca (Ta) Disciplina: INGLESE a.s. 2012 2013 I.C. AMEDEO DI SAVOIA AOSTA Martina Franca (Ta) LINEE DI PROGETTAZIONE ANNUALE DELLA CLASSE Disciplina: INGLESE a.s. 2012 2013 Traguardi PREMESSA per lo sviluppo DISCIPLINARE delle competenze L apprendimento

Dettagli

LINGUE COMUNITARIE: INGLESE

LINGUE COMUNITARIE: INGLESE LINGUE COMUNITARIE: INGLESE COMPETENZE AL TERMINE DEL SECONDO BIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA COMPETENZA 1 ABILITÀ CONOSCENZE STRUTTURE LINGUISTICHE Comprendere e ricavare informazioni dall ascolto e dalla

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 1 Parlami del cuore, raccontami una storia una filastrocca che si impari a memoria. Scaccia

Dettagli

La Scuola dell Infanzia accoglie, promuove e arricchisce l esperienza vissuta dai bambini in una prospettiva evolutiva. Le attività proposte offrono

La Scuola dell Infanzia accoglie, promuove e arricchisce l esperienza vissuta dai bambini in una prospettiva evolutiva. Le attività proposte offrono La Scuola dell Infanzia accoglie, promuove e arricchisce l esperienza vissuta dai bambini in una prospettiva evolutiva. Le attività proposte offrono un importante occasione di crescita. All interno Il

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Trenta

U Corso di italiano, Lezione Trenta 1 U Corso di italiano, Lezione Trenta M Two cousins meet in the street U Due cugini si incontrano in strada M Two cousins meet in the street U Due cugini si incontrano in strada F Hi Osman, what are you

Dettagli

CENTRO EDUCATIVO ESTIVO per bambini 2-4 anni

CENTRO EDUCATIVO ESTIVO per bambini 2-4 anni Area BABY CENTRO EDUCATIVO ESTIVO per bambini 2-4 anni PROGETTO EDUCATIVO Sogno Numero2 associazione di promozione sociale anteas servizi PREMESSA Il centro estivo nasce dall esigenza per molte famiglie

Dettagli

COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE

COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE La comunicazione nelle lingue straniere condivide essenzialmente le principali abilità richieste per la comunicazione nella madrelingua:

Dettagli

PROGETTO LET S SPEAK ENGLISH WITH MR JOHN 2012/2013. Destinatari: i bambini di età prescolare della scuola materna Anna Pozzo, sezione blu, anni 5.

PROGETTO LET S SPEAK ENGLISH WITH MR JOHN 2012/2013. Destinatari: i bambini di età prescolare della scuola materna Anna Pozzo, sezione blu, anni 5. PROGETTO LET S SPEAK ENGLISH WITH MR JOHN 2012/2013 Destinatari: i bambini di età prescolare della scuola materna Anna Pozzo, sezione blu, anni 5. Finalità: lo scopo dell insegnamento della lingua inglese

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO n. 21 - BOLOGNA *** *** *** PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno Scolastico 2015/16

ISTITUTO COMPRENSIVO n. 21 - BOLOGNA *** *** *** PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno Scolastico 2015/16 ISTITUTO COMPRENSIVO n. 21 - BOLOGNA *** *** *** DOCENTE: CRITELLI ANNA CLASSE: 1F MATERIA: INGLESE PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno Scolastico 201/1 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (CURRICOLO D ISTITUTO) Ascolto

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Ventinove

U Corso di italiano, Lezione Ventinove 1 U Corso di italiano, Lezione Ventinove U Oggi, facciamo un altro esercizio M Today we do another exercise U Oggi, facciamo un altro esercizio D Noi diciamo una frase in inglese e tu cerca di pensare

Dettagli

DALL ALGERIA RITI E TRADIZIONI LA NASCITA LA CIRCONCISIONE

DALL ALGERIA RITI E TRADIZIONI LA NASCITA LA CIRCONCISIONE DALL ALGERIA LA NASCITA RITI E TRADIZIONI Secondo le tradizioni algerine, una coppia ha il primo bambino entro i primi due anni dal matrimonio. Nei nostri giorni la famiglia ha in media due, tre o al massimo

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME Premessa In riferimento al Progetto Educativo e alle Indicazioni Nazionali, l'insegnamento della Religione

Dettagli

Scuola dell Infanzia Maddalena di Canossa

Scuola dell Infanzia Maddalena di Canossa Scuola dell Infanzia Maddalena di Canossa Progetto di Lingua Inglese a.s. 2014 /2015 Insegnante: Donatini Benedetta INTRODUZIONE Le Indicazioni Nazionali per il Curricolo rappresentano il riferimento normativo

Dettagli

EXPO Milano 2015 1 Maggio 31 Ottobre Classe 2A a.s. 2013-2014

EXPO Milano 2015 1 Maggio 31 Ottobre Classe 2A a.s. 2013-2014 ESPOSIZIONE UNIVERSALE (EXPO) EXPO Milano 2015 1 Maggio 31 Ottobre Classe 2A a.s. 2013-2014 ASPETTI GASTRONOMICI Le TIPICITA delle diverse cucine mondiali Creazione di alcune ricette 2 TIPICITA CUCINA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NOALE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE ITALO CALVINO NOALE (VE) Anno scolastico 2013/2014. Sezione E PROGETTAZIONE DI SEZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO NOALE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE ITALO CALVINO NOALE (VE) Anno scolastico 2013/2014. Sezione E PROGETTAZIONE DI SEZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO NOALE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE ITALO CALVINO NOALE (VE) Anno scolastico 2013/2014 Sezione E PROGETTAZIONE DI SEZIONE Insegnanti titolari: Trevisanello Lucia Rosso Patrizia SITUAZIONE

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

Italian Section 34 - Online activitites

Italian Section 34 - Online activitites No. 01 Gli alimenti Food items il pane la frutta le verdure la carne il pollo il pesce la pasta pasta il riso rice il formaggio l'uovo egg l'insalata la minestra soup il panino roll il cornetto croissant

Dettagli

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C 1 INTRODUZIONE Ai bambini e alle bambine che a tre anni, fanno il loro

Dettagli

Scheda progetto: BIBLIOTECA. Descrizione del progetto

Scheda progetto: BIBLIOTECA. Descrizione del progetto Scheda progetto: BIBLIOTECA SCUOLA Incisa Scapaccino Leggere è bello Toselli - Familiarizzare con i libri per promuovere il piacere della lettura - Acquisire fiducia nelle proprie capacità comunicative

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013-2014

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013-2014 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013-2014 Scuola Sec. di 1 grado Classe 1 - sez. B Disciplina/e Inglese Ins. Apetri Norica N di alunni 21, di cui 9 maschi e 12 femmine.

Dettagli

Unit 4 The picnic / Il picnic 1 Bud: Facciamo un picnic.

Unit 4 The picnic / Il picnic 1 Bud: Facciamo un picnic. TREETOPS 2 a Unit stories Unit 1 Bang! / Bang! 1 Holly: Quanti palloncini, Bud? Bud: Uno, due, tre, quattro, cinque, sei, sette, otto, nove, dieci. Dieci palloncini. 2 Bud: In alto, in alto e via! Holly

Dettagli

OFFERTA PER CORSI D INGLESE NELLA SCUOLA PRIMARIA. Roma, 14 novembre 2012 Istituto Comprensivo D Avarna Via Valagussa, 28 00100 Roma

OFFERTA PER CORSI D INGLESE NELLA SCUOLA PRIMARIA. Roma, 14 novembre 2012 Istituto Comprensivo D Avarna Via Valagussa, 28 00100 Roma Roma, 14 novembre 2012 Istituto Comprensivo D Avarna Via Valagussa, 28 00100 Roma C.A. Dirigente Scolastico prof. Roberto Tassani Trinity School, è una accademia linguistica certificata ISO, sede d esame

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

SEGNI di Musica e non Solo. Io nella mia comunità LINEE DI COLLEGAMENTO CON IL POF PROGETTI. Area Scientifico-Ambientale. Area storico-culturale

SEGNI di Musica e non Solo. Io nella mia comunità LINEE DI COLLEGAMENTO CON IL POF PROGETTI. Area Scientifico-Ambientale. Area storico-culturale SCUOLA SCUOLA PRIMARIA SECONDARIA I GRADO PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE DISCIPLINA : INGLESE - INSEGNANTI L2 SCUOLA PRIMARIA TUTTE LE CLASSI plesso T. FALASCA plesso PANTANO LINEE DI COLLEGAMENTO CON IL POF

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CURRICOLO DI ISTITUTO A.S 2015/2016 CLASSE SECONDA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Competenza chiave Livello A2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d Europa europea Disciplina

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUA INGLESE CLASSE III

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUA INGLESE CLASSE III PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUA INGLESE CLASSE III OBIETTIVI FORMATIVI OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Sviluppare la capacità d ascolto. Sviluppare le abilità di comprensione ed espressione

Dettagli

Unità III Gli animali

Unità III Gli animali Unità III Gli animali Contenuti - Fattoria - Zoo - Numeri Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Roberto racconta L Orsoroberto si presenta e racconta ai bambini un poco di sé. L Orsoroberto ama mangiare il miele,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI LINGUA INGLESE CLASSE TERZA ANNO SCOLASTICO 2011-12

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI LINGUA INGLESE CLASSE TERZA ANNO SCOLASTICO 2011-12 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI LINGUA INGLESE CLASSE TERZA ANNO SCOLASTICO 2011-12 Libro di testo: M. Bertarini / P. Iotti - The Magic Book ELI Vol. 3 COMPETENZE: Ricezione orale (ascolto) Comprendere istruzioni,

Dettagli

COPPE DI CREMA E PERE

COPPE DI CREMA E PERE Dolci CREMA (RICETTA BASE) 4 tuorli d uovo 4 cucchiai di farina 1 scorza di limone Sbattere le uova con lo zucchero ed aggiungere la farina, il latte e la scorza di limone. Cuocere per 10 minuti, mescolando

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P.TACCHI VENTURI

ISTITUTO COMPRENSIVO P.TACCHI VENTURI ISTITUTO COMPRENSIVO P.TACCHI VENTURI Continuità Sezione Primavera (Cesolo) Scuola Infanzia ( Cesolo ) Anno Educativo 2012-13 periodo Settembre 2012-Febbraio 2013 In linea con gli obiettivi stabiliti nel

Dettagli