Il programma delle attività di supporto per la realizzazione del progetto Sistema Cartografico di Riferimento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il programma delle attività di supporto per la realizzazione del progetto Sistema Cartografico di Riferimento"

Transcript

1 Il programma delle attività di supporto per la realizzazione del progetto Sistema Cartografico di Riferimento Regioni Ob. 1 Centro Interregionale di Coordinamento e Documentazione per le Informazioni Territoriali Regioni: Basilicata (Capofila), Campania, Molise, Puglia, Calabria, Sicilia, Sardegna. Premessa Il Centro Interregionale è stato individuato quale soggetto attuatore delle azioni di supporto previste dall Intesa nei confronti delle regioni Obiettivo 1. Il piano dettagliato di tali azioni di supporto che viene illustrato in questo articolo, è stato redatto sulla base degli obiettivi già chiaramente indicati dall Intesa stessa, ma anche in base ad una sorta di censimento delle esigenze che il Centro ha intrapreso come prima e preliminare attività volta ad individuare obiettivi specifici di interesse di una o più amministrazioni. Tale Censimento delle esigenze è stato condotto attraverso una serie di incontri svolti presso tutte le regioni coinvolte, ed ha prodotto un quadro conoscitivo il più possibile preciso ed aggiornato: su questa base sono stati individuati gli interventi apparsi come i più idonei a favorire lo sviluppo del Sistema Cartografico di Riferimento nelle Regioni Obiettivo 1. L orizzonte temporale coperto dal piano è compreso tra il 1 Aprile 2000 (data di avvio della convenzione tra Regione Basilicata e Centro Interregionale) e la fine del 2001; alcune delle azioni descritte sono già state avviate, altre sono sul punto di esserlo, altre ancora sono pianificate nel corso del 2001: i relativi risultati verranno resi disponibili nel corso del progetto e Documenti del Territorio sarà certamente un luogo privilegiato per la loro presentazione. L insieme delle azioni viene suddiviso per comodità di presentazione in 4 filoni, cui sono dedicati i capitoli che seguono: il repertorio cartografico; il laboratorio GIS; le azioni pianificate a seguito del Censimento delle esigenze; le azioni di supporto tecnico. REPERTORIO CARTOGRAFICO Obiettivi Obiettivo di questa attività è la costituzione di un archivio informatizzato sulla cartografia, le foto aeree, ed i database cartografici esistenti, consultabile in rete e corredato delle informazioni (metadati) utili agli utenti per valutare l utilizzabilità dei dati rispetto alle proprie specifiche finalità. Tale repertorio si rivolge quindi a tutti coloro, in particolare amministratori responsabili della gestione del territorio, che hanno bisogno di un quadro conoscitivo sulla esistenza, disponibilità e contenuto di strumenti cartografici, in modo da favorire il più ampio utilizzo delle informazioni prodotte e da evitare duplicazioni di sforzi e impegni di risorse su tematiche già coperte. Il repertorio non sarà limitato alle Regioni Obiettivo 1, ma coprirà l intero territorio nazionale, con informazioni sulla cartografia prodotta sia dagli Enti centrali che da Amministrazioni regionali e subregionali (almeno fino a livello di provincia). Inoltre il repertorio prevederà diversi livelli di certificazione dei dati: vi potranno trovare spazio infatti sia dati ufficiali, che dati la cui qualità sia stata in qualche misura sottoposta a verifica, e ancora dati dei quali è nota solo la disponibilità, senza che sia stato ancora possibile operarvi controlli di qualità; la corretta gestione di questi livelli di certificazione passerà attraverso una struttura di metadati tale da assicurare che tutti gli utenti possano essere correttamente informati sui limiti di applicabilità di ciascun dato. Infine il repertorio prevederà le modalità e le procedure informatizzate per la gestione degli aggiornamenti, eventualmente utilizzabili anche direttamente dagli enti originatori dei dati. Architettura Prima di avviare l attività di raccolta dei dati è stata effettuata un analisi dello stato dell arte (e della normativa) in materia di metadati, in modo da individuare lo schema più adatto tra quelli esistenti; tale documento è già stato sottoposto al Comitato Tecnico dell Intesa. In parallelo si sta procedendo alla definizione: del modello concettuale sul quale costruire il database che dovrà gestire il repertorio; dell architettura del sistema, in termini di gestione degli accessi e di individuazione delle modalità più efficaci: centralizzata/distribuita, replicazione, consultazione e aggiornamento; delle specifiche tecniche per la realizzazione dell interfaccia di consultazione. Dopo una fase di test, cui verranno chiamati a contribuire utenti selezionati in particolare nelle amministrazioni regionali, il repertorio sarà quindi pubblicato in rete, e permetterà a tutti gli utenti interessati (eventualmente con alcune limitazioni), di consultare i metadati in modo da acquisire le informazioni più complete sulla fruibilità, qualità, contenuto informativo della cartografia disponibile; inoltre sarà possibile visualizzare, ed eventualmente scaricare, campioni significativi della cartografia, ed avere informazioni sulle modalità per acquisirla. Per arrivare alla effettiva possibilità di acquisire i dati, i problemi da superare sono non tanto tecnici quanto organizzativi: è necessario definire una politica di accesso alle informazioni che stabilisca, con il concorso determinante delle Regioni nell ambito dell Intesa, regole condivise per la cessione di dati (verso soggetti pubblici e/o privati), eventualmente con meccanismi di pagamento. Per quanto riguarda i tempi, si prevede di poter dare inizio alla fase sperimentale prima della fine dell anno, e di pubblicare in rete il 43

2 repertorio (seppure incompleto) entro Aprile 2001: il caricamento dei dati peraltro potrà protrarsi fino al termine del progetto. L attivazione di questo tipo di supporti è subordinato alle richieste delle singole Regioni, anche al di fuori del piano di interventi illustrato più avanti. LABORATORIO GIS Obiettivi Il laboratorio GIS dovrà rappresentare la principale struttura di supporto per Regioni ed Enti Locali nel settore della cartografia e dei Sistemi Informativi Territoriali, in particolare per la realizzazione di quegli interventi specifici indicati più oltre nel paragrafo relativo alle azioni pianificate a seguito del Censimento delle esigenze, e per la raccolta e gestione dei dati di interesse comune (DTM, linee di livellazione ecc.), analisi dei DB topografici esistenti, adeguamento alle specifiche comuni, integrazione dei dati nelle aree di confine. Il maggiore valore aggiunto del laboratorio per le Regioni Obiettivo 1, riguarderà tuttavia la capacità tecnica di alimentare le attività di supporto, soprattutto in termini di: elaborazione di accordi per coordinare l impiego delle risorse ed accelerare la realizzazione dei DB topografici e catastali aggiornati; formazione dei quadri coinvolti nelle fasi di impianto e gestione dei DB topografici; controllo di qualità in corso d opera; garanzia di continuità nella gestione dei dati nella fase di definizione di assetti e soluzioni, sino alla organizzazione della gestione dei dati presso gli Enti nelle fasi di avvio. Inoltre il Laboratorio dovrà essere la struttura capace di realizzare in proprio (o di coordinarne la realizzazione esterna), i prodotti ed i servizi individuati dalle Regioni nell ambito del Censimento delle Esigenze (comprensivi delle esigenze di formazione del personale): si propone quindi come struttura a servizio delle Regioni per la gestione di tutti gli aspetti legati alla introduzione del GIS come strumento operativo nelle attività amministrativa. E chiaro però che la possibilità di incidere profondamente sulla formazione ed evoluzione dei SIT regionali non potrà che essere piuttosto limitata, anche e soprattutto in considerazione del breve orizzonte temporale che il progetto si propone. Scopo principale del Laboratorio (e del progetto in generale) è quello di essere stimolo e supporto per le iniziative autonome delle Regioni: tanto maggiore sarà il successo delle iniziative promosse, tanto più importante ne risulterà l esigenza che il Laboratorio continui a fornire i suoi servizi alle Regioni, anche al di là dei termini fissati da questo progetto. Interventi diretti di consulenza presso le Regioni su GIS e problemi connessi Una delle attività principali del Laboratorio sarà quella di fornire supporto alle Regioni sulle problematiche connesse all uso dei sistemi GIS. Tale supporto potrà concretizzarsi principalmente attraverso due modalità: consulenza diretta su problematiche generali, in particolare nell impostazione di nuovi servizi e nuove applicazioni: supporto nella pianificazione di massima, negli studi di fattibilità, nella redazione di bandi di gara e capitolati; attività operative su temi specifici quali in particolare la omogeneizzazione di dati in aree di confine, il controllo di coerenza tra tematismi diversi per provenienza, contenuto, scala ecc.. 44 Interventi per nuove tematiche emergenti Il laboratorio dovrà essere aperto agli sviluppi tecnologici, ed agire anche come finestra sull innovazione per conto delle amministrazioni interessate; in particolare verranno sperimentati alcuni strumenti tecnologicamente evoluti (OPEN GIS, ecc.), e verrà seguita l attività di ricerca e sperimentazione condotta nell ambito dei progetti della U.E. Acquisizione e installazione strumenti HW e SW Nelle more della definizione del piano di dettaglio degli interventi è stata realizzata una implementazione minimale del laboratorio GIS presso il Centro Interregionale; tale struttura potrà quindi subire variazioni in funzione del carico di lavoro da gestire per la realizzazione delle attività previste; l implementazione preliminare è già stata realizzata con le seguenti componenti: una workstation che agisce come server di rete, e per la gestione della base dati; Una workstation che agisce come server Web, staccato dalla rete interna e dedicato a gestire il front-end con Internet; due PC dedicati alle elaborazioni GIS; un PC dedicato alla segreteria ed alle applicazioni Office; periferiche di I/O: una stampante laser A4 b/n, una stampante a getto di inchiostro colore A3, un plotter sempre a getto di inchiostro colore A0, uno scanner A3, un masterizzatore; periferiche di comunicazione: hub 16 porte; gruppo di continuità. Tutti gli ambienti di lavoro sono dotati di sistema operativo Windows-NT nelle configurazioni server e workstation in funzione dei diversi ruoli dei componenti. Il software applicativo da acquisire deve essere scelto tenendo presente il software già implementato presso le singole Regioni e presso i Ministeri interessati. In via preliminare è stata attivata la fornitura di materiali ESRI, in quanto sono risultati questi i prodotti maggiormente utilizzati presso le Regioni; in particolare sono state acquisite: una licenza ArcInfo University Lab Kit; una licenza ArcView GIS Professional; una licenza ArcView IMS developer kit Ed.; una licenza Map Objects dev. Kit. Sono in corso le procedure per l acquisizione di software GIS di altri fornitori. Non è da escludere l acquisizione, nei limiti delle disponibilità finanziarie, di software per GIS ed elaborazione di immagini a basso costo, particolarmente adatti per usi didattici, possibilmente compatibili con i prodotti principali di riferimento. Il sito Web del progetto E stato disegnato un sito web che possa servire in una prima fase come punto di incontro tra i soggetti interessati al progetto, ed in seguito come luogo di diffusione delle informazioni prodotte dal progetto stesso (in primo luogo il repertorio). Il sito ha l obiettivo non solo di presentare al pubblico le attività del Centro, in particolare per quanto riguarda il Sistema Cartografico

3 di Riferimento, ma anche di fungere da luogo di condivisione e scambio di informazioni tra tutti coloro che a vario titolo partecipano al progetto; per questo motivo è stata implementata anche un area riservata che permette un accesso controllato per la trasmissione e lo scarico di documenti. INTERVENTI PIANIFICATI A SEGUITO DEL CENSIMENTO DELLE ESIGENZE Questo capitolo raccoglie le proposte di attività individuate congiuntamente con le Regioni dell area Obiettivo 1, nel corso della fase di Censimento delle esigenze ; per maggiore chiarezza le proposte sono state raggruppate per tipologia; l ordine con il quale sono presentate non prefigura un ipotesi di priorità. Formazione Corso di formazione a distanza per la gestione del SIT L obiettivo principale è quello di mettere a punto uno strumento che permetta un approccio estremamente flessibile al momento formativo: l esigenza che si intende soddisfare infatti è quella di collegare per quanto possibile la formazione alla normale attività operativa, superando lo stereotipo del corso come momento separato. Lo strumento da sviluppare si propone come supporto per un attività formativa che l utente svolge con tempi e modi in una certa misura personalizzati, tali cioè da poter essere inseriti nella maniera più opportuna nell ambito della normale attività d ufficio, fornendo per quanto possibile anche l opportunità di testare immediatamente l applicabilità dei contenuti proposti. Il progetto prevede la compresenza di una serie di componenti: 1. la preparazione e distribuzione di un CD-ROM contenente lezioni, esercitazioni, dati e software applicativo per realizzare le esercitazioni; 2. la preparazione di un piano di formazione che indichi agli utenti modi e tempi per l utilizzo del CD-ROM; tale piano prevederà anche uno o più momenti di incontro tra tutti i partecipanti; 3. la disponibilità in giorni ed orari prestabiliti, di uno o più docenti e tutor che seguano gli utenti via , fax, telefono o videoconferenza, integrando e personalizzando i contenuti delle lezioni, ed aiutando nelle esercitazioni o correggendo gli errori; 4. il rilascio di un attestato di partecipazione, a seguito del superamento di un esame finale. Il supporto CD-ROM dovrà essere distribuito gratuitamente, in un numero potenzialmente illimitato di copie, mentre l erogazione effettiva del corso sarà effettuata per una volta in via sperimentale. Il corso sarà strutturato attorno alla realizzazione di casi di studio, che permettano di introdurre di volta in volta anche gli argomenti teorici, sempre privilegiando l approccio applicativo. Un aggiunta successiva potrebbe prevedere il collegamento del corso (ed in particolare delle esercitazioni) con il repertorio cartografico di ciascuna amministrazione utente. Corso applicativo di Telerilevamento Obiettivo di questo corso sarà non tanto l introduzione ai concetti ed alle metodologie del telerilevamento (che dovrebbero essere previsti come prerequisito, ovvero accennati in un introduzione), quanto piuttosto lo sviluppo di una specifica applicazione. Si tratterà quindi di impostare un gruppo di lavoro che, operando su dati reali, realizzi uno specifico prodotto percorrendo tutte le fasi di elaborazione, ed affrontando di volta in volta gli aspetti metodologici delle operazioni che si eseguono. Il tema su cui organizzare il lavoro sarà uno tra i seguenti: monitoraggio dell evoluzione delle aree edificate; aggiornamento di cartografia esistente. Un corso fortemente operativo come questo non potrà non prevedere l utilizzo di uno specifico software; la scelta dello strumento da utilizzare deve privilegiare software attualmente già diffusi nelle Regioni interessate, e di costo non eccessivamente elevato che ne possa favorire l introduzione anche presso le altre. Verrà tenuta una sessione del corso, e sarà messo a punto un programma per eventuali ripetizioni; in prospettiva potrà essere realizzata anche un edizione a distanza in maniera simile al corso di formazione per la gestione del SIT. Corso per dirigenti Questo corso si pone l obiettivo di fornire un supporto metodologico per l introduzione di criteri di gestione imprenditoriale alla conduzione di un ufficio cartografico; gli argomenti da trattare dovrebbero riguardare tematiche quali: la pianificazione per obiettivi; la valutazione della produttività; la gestione del personale; la contabilità industriale. Data la complessità della problematica e la evidente relazione con il processo di riorganizzazione amministrativa in atto, è chiaro che un progetto di questo tipo richiede una fase di preparazione molto approfondita e la individuazione di metodologie condivise a tutti i livelli. I tempi di realizzazione saranno di conseguenza non immediati. Studi di fattibilità In questa sezione sono raggruppati quei temi per i quali negli incontri con le Regioni è emersa la necessità di un approfondimento della analisi prima di giungere a proposte operative. Gli studi di fattibilità hanno infatti lo scopo di chiarire gli aspetti tecnici delle questioni sollevate e di giungere per quanto possibile alla individuazione degli strumenti operativi concretamente applicabili; in alcuni casi lo studio potrà concludersi con la definizione di un capitolato tecnico di riferimento per la realizzazione di quanto proposto, del quale le Regioni potranno servirsi per appaltarne la realizzazione. Il riferimento metodologico per la realizzazione di questi studi sarà il documento AIPA Guida alla realizzazione degli studi di fattibilità. Sicurezza nella distribuzione della cartografia digitale Scopo dello studio è quello di analizzare le problematiche legate alla sicurezza nella distribuzione di cartografia digitale, in termini di: identificazione dei soggetti destinatari e dei loro diritti; certificazione e riconoscibilità dei prodotti forniti; certificazione del buon fine delle transazioni. Nell ambito dello studio dovrà essere valutata l applicabilità ai dati cartografici delle metodologie e tecniche sviluppate per la certificazione delle transazioni documentali ed economiche: firma digitale, crittografia ecc.. 45

4 Aggiornamento e condivisione in rete della cartografia Scopo dello studio è quello di analizzare le problematiche connesse con il collegamento in rete tra la Amministrazione regionale e gli Enti locali (Province, Comuni ecc.) finalizzato alla condivisione ed eventualmente all aggiornamento della cartografia digitale. Gli aspetti principali da considerare saranno: proprietà del dato e responsabilità di aggiornamento; gestione degli accessi e sicurezza; omogeneizzazione di dati provenienti da fonti diverse (generalizzazione, passaggio di scala); organizzazione e costi di gestione dell infrastruttura. Tale studio dovrà essere strettamente raccordato con le attività di AIPA sul tema della RUPA, e terrà conto delle esperienze già realizzate in alcune Regioni. Utilizzo di immagini satellitari nel monitoraggio dell abusivismo edilizio Scopo dello studio è quello di valutare l efficacia e l efficienza delle immagini acquisite da satellite tramite sensori ad alta risoluzione (IKONOS e simili), in applicazioni mirate ad identificare alterazioni dello stato dell ambiente: il caso più tipico è quello dell abusivismo edilizio, ma le stesse metodologie possono essere impiegate per valutare fenomeni di inquinamento, o di utilizzo di materiali pericolosi, ecc.. In particolare devono essere valutati: il grado di precisione ottenibile; la discriminabilità degli elementi di interesse; il confronto, anche a livello di costi, con gli strumenti attualmente utilizzati (foto aeree). Lo studio potrebbe essere completato da uno o più esempi applicativi. Modalità di distribuzione della cartografia Più che di uno studio di fattibilità si tratta in questo caso di documentare lo stato dell arte nel settore, eventualmente producendo indicazioni e suggerimenti operativi. L analisi andrà applicata in maniera distinta alla cartografia digitale ed a quella tradizionale, e dovrà individuare le diverse tipologie di utenza interessata ai prodotti cartografici regionali, mettendo in risalto le caratteristiche e le problematiche connesse alla distribuzione. Particolare attenzione andrà posta alla definizione di criteri per la determinazione di prezzi, eventualmente differenziati per categorie di utenti. Nella realizzazione dello studio si potrà partire da una analoga iniziativa in corso presso la Regione Sicilia, i cui risultati potrebbero in tal modo essere messi a disposizione delle altre Regioni interessate. Sistemazione limiti amministrativi Nel passaggio di scala dei limiti comunali, da quelli riferiti a 1: (IGMI, ISTAT) al 1: necessario per la sovrapposizione con le ortofoto (AIMA o CGR), si riscontrano notevoli problemi di precisione. La soluzione di questi problemi non è un fatto esclusivamente tecnico, ma coinvolge aspetti non banali di competenze istituzionali. Questo studio di fattibilità deve quindi essere realizzato a partire dall identificazione dei livelli istituzionali coinvolti, ed in stretto collegamento con eventuali iniziative già avviate da altri soggetti; in particolare lo studio si propone di: individuare le tipologie di problemi che si pongono; 46 individuare le aree geografiche maggiormente interessate da problemi; suggerire modalità tecniche di soluzione; individuare gli Enti ed i livelli istituzionali da coinvolgere per determinare una soluzione stabile. Capitolati Tecnici In questa sezione sono raccolti quei temi per i quali la conoscenza degli aspetti metodologici risulta sufficientemente approfondita, così da permettere di affrontare la redazione di un capitolato tecnico senza passare per la fase di studio di fattibilità. Sugli argomenti proposti, illustrati nei paragrafi che seguono, verrà quindi predisposto un capitolato-tipo al quale le Regioni potranno rifarsi, eventualmente apportando gli approfondimenti che le specificità delle situazioni concrete richiederanno, per appaltare l acquisto degli strumenti o la realizzazione dei servizi. Carta dell uso del suolo Il punto di partenza per la realizzazione di un capitolato-tipo sarà la raccolta e l analisi comparata dei capitolati utilizzati per le più recenti realizzazioni. La scala di riferimento per questo capitolato-tipo sarà la 1: che si ritiene la più adatta per le problematiche di interesse a livello regionale; per quanto riguarda la legenda, si cercherà di individuare sulla base del terzo livello di Corine, quali classi richiedano un approfondimento per le finalità applicative regionali. Particolare attenzione verrà posta nel determinare dei prezzi di riferimento che tengano conto delle metodologie applicabili e delle specificità del territorio. Software per la gestione delle ortofoto digitali La disponibilità sempre maggiore di ortofoto digitali, ma anche di altre tipologie di immagini georiferite, fa nascere l esigenza di disporre di un ambiente software idoneo per una efficace gestione di questo tipo di informazioni. Sul mercato sono disponibili già alcuni strumenti che possono essere utilizzati a tale scopo, anche se non è ancora emerso uno standard di fatto; sembra quindi opportuno definire le caratteristiche che questo tipo di software deve possedere per essere realmente utile nelle applicazioni regionali, con particolare riferimento a: mosaicatura, compressione, accesso e distribuzione in rete. Una tale specifica tecnica può quindi essere utilizzata dalla Amministrazioni per acquisire il software necessario tramite una gara aperta, senza dover ricorrere ad affidamenti diretti che presuppongono l individuazione a priori del prodotto e quindi del fornitore. Prototipi In questa sezione sono raccolte quelle proposte di attività che possono portare alla implementazione almeno prototipale di applicazioni relative a problemi specifici. Si tratta quindi di individuare e testare strumenti disponibili sul mercato, ovvero di sviluppare prototipi funzionanti di applicazioni che potranno essere poi concesse in uso gratuito alle Amministrazioni regionali, e/o evolvere verso software più complessi e completi da implementare successivamente. Sito web cartografico Il prototipo da sviluppare dovrebbe essere basato su software di base gratuiti o di basso costo, quali in particolare LINUX, GRASS e simili, e dovrebbe essere finalizzato anche alla sperimentazione di questo tipo di strumenti in un contesto operativo o semi-operativo. Il sito dovrebbe anche sperimentare modalità di distribuzione in rete della cartografia regionale, mettendone in evidenza le poten-

5 zialità e le problematiche. Nella fase sperimentale il sito dovrebbe essere operativo presso il Centro Interregionale, per poi essere implementato a richiesta presso le Regioni interessate. Ambiente software per lo sviluppo e la gestione dei Piani Territoriali Paesistici I Piani Territoriali Paesistici (PTP) sono tra gli strumenti di pianificazione territoriale di maggiore complessità, e spesso le Amministrazioni regionali sono costrette a gestire prodotti altamente disomogenei tra loro. Il prototipo che si intende realizzare dovrebbe implementare, in un ambiente software di semplice utilizzo, una precisa metodologia per la formazione del piano, fornendo al pianificatore gli strumenti necessari tanto per l analisi quanto per la gestione dei dati di base e la produzione della cartografia derivata. L obiettivo da perseguire potrebbe essere la distribuzione di questo strumento a tutte le Amministrazioni competenti, in modo da ottenerne prodotti omogenei sia dal punto di vista dei contenuti che da quello delle caratteristiche dei prodotti forniti. La realizzazione del prototipo dovrà prevedere due fasi: nella prima deve essere condotto uno studio finalizzato a definire il processo di formazione del PTP secondo uno schema implementabile in ambiente GIS (senza individuare il software da utilizzare); nella seconda fase invece deve essere prodotta una implementazione del suddetto processo in uno specifico ambiente GIS, che in prima approssimazione può essere individuato in ArcView (con le estensioni eventualmente necessarie), in quanto risulta essere questo l ambiente più utilizzato tra le Amministrazioni coinvolte. Ambiente software per il confronto tra strumenti urbanistici e stato del territorio Un approccio simile a quello indicato per i PTP può essere applicato anche al problema di monitorare lo stato attuale del territorio (per esempio attraverso immagini aeree o da satellite), confrontandolo con le indicazioni contenute negli strumenti urbanistici vigenti (PRG, PTP). In particolare si pone il problema di verificare quanto e come le linee di sviluppo individuate con gli strumenti di pianificazione territoriale abbiano poi trovato riscontro nella effettiva evoluzione del territorio. L approccio da seguire dovrà essere lo stesso quello definito nel paragrafo precedente, prevedendo quindi una fase di definizione metodologica, svincolata dall utilizzo di uno specifico software, ed un altra di implementazione della metodologia suggerita su una specifica piattaforma applicativa. Cartografia di base per il servizio antincendio boschivo Il prototipo da sviluppare o da selezionare tra quelli eventualmente già esistenti, deve mettere a disposizione di una sala operativa regionale, la cartografia di base necessaria al coordinamento delle operazioni antincendio boschivo, in particolare facendo uso delle ortofoto digitali. Su questa base deve essere sviluppato un software applicativo che permetta di gestire: le segnalazioni di evento; i mezzi impegnati (aerei e terrestri) con le loro posizioni; i punti di approvvigionamento idrico e di altri mezzi; le aree di maggior rischio; le condizioni e previsioni meteorologiche; i percorsi di accesso. Browser per la distribuzione di informazioni cartografiche Obiettivo di questo prototipo è quello di sviluppare un software applicativo con funzionalità di browser, che le Amministrazioni regionali possano distribuire su supporto CD-ROM insieme ad alcuni strati informativi cartografici (come ad esempio i Piani Territoriali Paesistici, la Carta Tecnica, l uso del suolo ecc.), al fine di rendere tali informazioni realmente fruibili anche ad utenti non dotati di strumenti specifici. I destinatari principali di un tale prodotto sarebbero in primo luogo gli Enti locali, a partire dai più piccoli, ma anche le aziende ed i professionisti che hanno necessità di accedere ed eventualmente di rielaborare in maniera semplice e controllata i dati cartografici. Le caratteristiche dello strumento dovrebbero essere le seguenti: indipendenza da software specifici; libertà di distribuzione; semplicità di gestione nella presentazione delle informazioni; disponibilità di un set minimo di funzioni di elaborazione dei dati. Il prototipo da realizzare farà uso di strati informativi della Regione Molise, già disponibili per la sperimentazione, ma dovranno essere fornite le specifiche di formato dei dati perché lo stesso software possa essere riutilizzato senza aggiustamenti anche da parte di altre Regioni. Produzione di cartografia tramite stereorestituzione digitale Al fine di valutare i prodotti ottenibili attraverso nuove tecnologie di stereorestituzione digitale, si effettuerà una prova sperimentale di redazione di cartografia numerica, con diverse caratteristiche. In particolare si intende realizzare una prova sperimentale (basata su foto aeree già disponibili) comprendente cartografia relativa ad aree rappresentative di diverse situazioni territoriali (almeno 3), per una superficie pari a 1 o 2 sezioni di CTR per ciascuna area; le scale di restituzione dovranno essere 1:5.000 e 1: ATTIVITA DI SUPPORTO TECNICO In questo capitolo vengono illustrati gli ulteriori interventi di supporto che dovranno essere erogati alle Regioni Obiettivo 1; tali interventi non sono stati presi in considerazione nell ambito del Censimento delle Esigenze in quanto già previsti dal programma generale dell Intesa. Informazione Produzione e diffusione di materiali informativi Verranno prodotti documenti relativi al contenuto del progetto e al suo avanzamento, finalizzati alla diffusione nelle Regioni, per rendere noti non solo i servizi di supporto disponibili, ma anche gli eventi organizzati (corsi, incontri ecc.) e le informazioni raccolte e messe in rete. Tali materiali verranno diffusi sia per i canali tradizionali (in particolare le pubblicazioni del Centro Interregionale), sia attraverso il sito Web del progetto, che dovrà diventare punto di scambio e confronto con tutti gli utenti interessati. Incontri con funzionari e amministratori Verranno effettuati anche degli incontri presso le sette sedi regionali interessate con diffusione di materiali informativi. In una prima 47

6 fase tali incontri saranno finalizzati alla illustrazione del progetto, dei suoi obiettivi, e dei servizi di supporto che possono essere attivati nell ambito del progetto; nelle fasi successive invece gli incontri saranno mirati alla presentazione degli specifici prodotti che si renderanno disponibili. Seminari di sensibilizzazione di base Su richiesta degli Enti locali, o in mancanza, per iniziativa autonoma del Centro, saranno organizzati seminari di illustrazione sulle tematiche dei sistemi GIS; anche per tali occasioni verranno predisposti appositi materiali informativi. Formazione Pianificazione attività formative Le attività di formazione assumono un ruolo assai rilevante nell ambito del progetto, in quanto uno degli obiettivi fondamentali da perseguire è proprio la diffusione di competenze tecniche e di informazioni a tutti i livelli nelle Amministrazioni coinvolte. A tale proposito sono stati individuati nell ambito del Censimento delle esigenze, alcuni interventi da realizzare, che sono descritti già descritti. Altre attività sono invece illustrate nel seguito, e saranno impostate e realizzate in collaborazione con le Regioni interessate e con il soggetto attuatore delle azioni di supporto per le Regioni del Centro Nord. In particolare è prevista la partecipazione del Centro Interregionale al Tavolo nazionale sulla formazione in area GIS coordinato dal soggetto suddetto, il cui obiettivo è quello di proporre linee guida e metodologie certificate e condivise per la pianificazione e la erogazione di corsi di formazione (di diverso taglio e con diversi obiettivi) nell area dei Sistemi Informativi Territoriali. La implementazione dei corsi di cui si discuterà nel paragrafo seguente, non potrà quindi avvenire che a seguito dei risultati di tale Tavolo Nazionale, che sono attesi per la fine di quest anno. Organizzazione corsi GIS Nell ambito del progetto verrà organizzato un corso destinato alla formazione di primo inserimento, della durata di 40 ore; sarà indispensabile in questa fase: l individuazione di pre-requisiti minimi per la partecipazione; la definizione dettagliata dei contenuti; la predisposizione delle slide e degli altri supporti didattici necessari (diapositive, video ecc.); lo sviluppo di una serie di esercitazioni e di almeno un test-case (con tutti i dati cartacei e digitali necessari) da applicare durante il corso; l individuazione delle modalità per eventuali prove conclusive di valutazione e la preparazione degli strumenti necessari. Inoltre si procederà alla selezione ed eventualmente all adozione, con gli opportuni adattamenti, di prodotti, nazionali o esteri, già esistenti. Si valuterà anche la opportunità di creare un primo nucleo di albo di docenti cui attingere di volta in volta per l erogazione dei corsi. Di tale corso saranno tenute almeno due edizioni sperimentali con modalità da definire insieme alle Regioni interessate. Supporto tecnico diretto Raccolta ed elaborazione dei dati di interesse comune In parallelo all attività legata alla costruzione del repertorio cartografico, che riguarda in particolare le informazioni prodotte dalle Regioni stesse, verrà avviata una raccolta di informazioni state-ofthe-art relativamente a: DTM, con acquisizione e valutazione di materiali già esistenti; rete unitaria di inquadramento; linee di livellazione di alta precisione. Adeguamento dei DB topografici alle specifiche comuni In questa fase viene effettuata una analisi comparata dei DB topografici esistenti nelle Regioni coinvolte; a valle di tale analisi si potrà pianificare una serie di interventi di supporto finalizzati alla impostazione degli interventi necessari per l adeguamento di tali DB alle Specifiche Comuni definite a livello del Sistema Cartografico di Riferimento Nazionale. Laddove necessario verrà fornito un supporto nella redazione dei capitolati di gara necessari. Attività di riscontro e integrazione dei dati nelle aree di confine L attività di analisi dei DB topografici esistenti assumerà un rilievo particolare nella verifica della coerenza logica e geometrica dei tematismi analoghi nelle aree di confine. In quei casi in cui l attività di verifica avrà prodotto un riscontro positivo sulla fattibilità di interventi di aggiustamento, si potrà provvedere anche alla esecuzione di tali interventi. Attività di supporto agli Enti Nell ambito del progetto gli Enti Locali interessati potranno richiedere supporto tecnico al Centro Interregionale, sia nella fase di estensione degli accordi (convenzioni di forniture dati, capitolati per appalti di servizi ecc.), sia nelle fasi di avvio della gestione dei DB topografici. Tale supporto sarà finalizzato anche alla ottimizzazione dei raccordi con, e fra, gli Enti operanti nell area OB.1 per la gestione dei DB topografici e tematici, in particolare al fine di evitare sovrapposizioni di iniziative e conseguente spreco di risorse. Realizzazione di supporti applicativi di interesse comune Nell ambito del progetto si procederà anche alla realizzazione di alcuni semplici strumenti software finalizzati alla dotazione di tutti gli enti partecipanti di uno strato applicativo comune; in particolare si prevede di realizzare le seguenti componenti: una interfaccia comune per l utilizzo dei principali strati informativi 1: e 1: realizzati, anche in via speditiva, sull intero territorio dell area OB.1; uno o più applicativi per l analisi congiunta degli strati informativi topografici, con i tematismi disponibili (geologici, pedologici, dell uso del suolo) e di raffronto con le ortoimmagini digitali. L implementazione di queste applicazioni dovrà essere realizzata con tecnologie tali da permettere la condivisione dei dati da parte delle Regioni interessate, e l utilizzazione di software GIS già eventualmente esistenti presso le stesse, in modo da garantire la conservazione dei rapporti di sostegno già esistenti localmente. Interventi a richiesta delle Regioni Infine, le strutture tecniche del progetto saranno disponibili per interventi diretti presso le Regioni che lo richiedano, per la soluzione di problemi specifici o per controlli di qualità in corso d opera. DAVIDE REMOTTI Responsabile Progetto Sistema Cartografico di Riferimento Reg. Ob. 1 48

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PROPOSTA TECNICA Genova, Giugno 2009 SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 2 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO...4 2.1 LE NORME CONTRATTUALI... 4 2.2 LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI Dalla tecnica PSInSAR al nuovo algoritmo SqueeSAR : Principi, approfondimenti e applicazioni 30 Novembre - 1 Dicembre 2010 Milano Il corso è accreditato

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino)

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) Mappathon, 9 Aprile 2015 Relatore: Danilo Botta, Project Manager, 5T S.r.l. La genesi

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 presentazione FPA PROGETTI SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 1 1. DATI SOCIETÀ FPA PROGETTI SRL SEDE IN MILANO VIA PALMANOVA 24 20132 TEL.02/2360126 02/26681716

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Vademecum. Modalità di pubblicazione dei documenti nell Albo online. Versione

Vademecum. Modalità di pubblicazione dei documenti nell Albo online. Versione Vademecum Modalità di pubblicazione dei documenti nell Albo online Versione 2011 Il presente documento, realizzato all interno delle attività finalizzate alla elaborazione delle Linee guida siti web delle

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Il Postino Telematico

Il Postino Telematico 1 Il Postino Telematico Incontro con le Organizzazioni Sincali 17 NOVEMBRE 29 Vincent Nicola Santacroce Servizi Postali Gestione del Fabbisogno Informatico Descrizione del progetto 2 Il progetto postino

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE Pasquale DI DONATO Cos è il Metodo Speditivo? Controllo di attività comportanti rischi di incidente rilevante è regolato da:

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI MIUR - Ministero dell'istruzione dell'università e della Rice,::]ca AOODGOSV - D.G. per gli Ordinamenti scolastici e la Valutazione del S.N.I. REGISTRO UFFICIALE _. Prot. n. 0006257-21Il 0/20 14 - USCITA

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli