SITUAZIONE TERRITORIALE E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE DELLA PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SITUAZIONE TERRITORIALE E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE DELLA PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA"

Transcript

1 SITUAZIONE TERRITORIALE E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE DELLA PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA In vista dell avvio della nuova ASL provinciale di Monza e Brianza, con l auspicio che possa essere di utilità, vengono fornite con il presente lavoro informazioni sulla struttura e le caratteristiche della popolazione residente ponendola a confronto con l attuale. La fonte dei dati dei soggetti residenti è l ISTAT (http://www.demo.istat.it). Sono stati utilizzati dati per singolo Comune, per sesso, per classi d età aggregando secondo le necessità. Sintesi L'Azienda Sanitaria Locale della provincia di Milano n. 3 di Monza (ASLMI3) si estende su un territorio a nord est della Provincia di Milano, comprendente 63 Comuni, su un area di 452 Km 2. La popolazione residente è costituita da persone ( maschi, femmine). L ASL della Provincia di Monza e Brianza (ASL_MONZA) comprende 51 Comuni su un area di 368 Km 2, con una popolazione residente al 1 gennaio 2007 di persone ( maschi, femmine). Il saldo negativo rispetto alla situazione attuale è di 12 comuni, del 25% della popolazione ( residenti maschi e femmine) e di 84 Km 2 in termini di estensione territoriale. Due distretti vengono interamente persi (Sesto e Cinisello) e un distretto è ridimensionato (Vimercate passa da 29 a 18 comuni, con perdita del 30% circa della popolazione). Nelle figure 1 e 2 sono rappresentati rispettivamente i Comuni e i Distretti dell attuale ASL della provincia di Milano n. 3 di Monza e, senza confini distrettuali in attesa di una futura definizione, i comuni dell ASL della Provincia di Monza e Brianza. Rispetto all ASL della Provincia di Milano 3, ecco i cambiamenti territoriali nella nuova strutturazione: i 4 Comuni del Distretto di Cinisello Balsamo (Bresso, Cinisello Balsamo, Cormano, Cusano Milanino) e i 2 comuni del Distretto di Sesto - Cologno (Sesto San Giovanni e Cologno Monzese) afferiranno all ASL della Città di Milano; gli 11 Comuni collocati geograficamente più ad est del Distretto di Vimercate (Basiano, Busnago, Cornate d Adda, Grezzago, Masate, Pozzo d Adda, Roncello, Trezzano Rosa, Trezzo sull Adda, Vario d Adda e Caponago) passeranno amministrativamente all ASL della Provincia di Milano 2; 5 Comuni saranno annessi all ASL di Monza (Ceriano Laghetto, Cogliate, Lazzate, Limbiate e Misinto): sono tutti dislocati a ovest e fanno parte del Distretto di Garbagnate Milanese dell ASL della Provincia di Milano 1. Nel presente testo, in assenza della definizione di una collocazione distrettuale, verranno considerati separatamente rispetto agli attuali distretti dell ASLMI3. 1

2 Figura 1 MAPPA DEI 63 COMUNI E DEI DISTRETTI dell ASL della Provincia di Milano n. 3 (in GIALLO i comuni che saranno persi) Figura 2 MAPPA DEI 51 COMUNI dell ASL della Provincia di Monza e della Brianza (in evidenza i comuni che saranno acquisiti) 2

3 1. Struttura della popolazione La tabella 1 mostra la composizione della popolazione per genere e classi d età. Si nota una sostanziale omogeneità tra le proporzioni delle classi d età, con valori leggermente più elevati nelle classi di età giovanili (5-14 e anni) nella nuova strutturazione territoriale. Tabella 1 - Popolazione residente al 1 Gennaio 2007 per classi d età e genere ASLMI3 (63 comuni) ASL_MONZA (51 comuni) CLASSE D'ETÀ (anni) MASCHI FEMMINE TOTALE QUOTA % MASCHI FEMMINE TOTALE QUOTA % , , , , , , , , , , , , , ,9 TOTALE Nella tabella 2 viene presentata la popolazione residente per classi d età e genere utilizzando il tradizionale criterio della pesatura regionale. Esso prende in considerazione il fatto che alcune classi d età e genere hanno un maggior assorbimento di risorse sanitarie. Viene pertanto assegnato alle varie classi un coefficiente moltiplicativo più elevato o più basso in funzione del maggiore o minore consumo di risorse. Ad esempio viene attribuito un peso pari a 2,5 per i bambini di 0 anni (vengono sempre consumate risorse nel ricovero della nascita) e peso pari a 3,2 per anziani di 75 anni ed oltre (tendono a essere più frequentemente ricoverati rispetto alle età giovani ed a consumare più farmaci e prestazioni ambulatoriali). Tabella 2 - Popolazione residente al 1 gennaio 2007 secondo il metodo della pesatura regionale ASLMI3 (63comuni) ASL_MONZA (51comuni) CLASSE D'ETÀ (anni) MASCHI FEMMINE TOTALE QUOTA % MASCHI FEMMINE TOTALE QUOTA % , , , , , , , , , , , , , ,2 TOTALE

4 Per offrire maggior dettaglio, nella tabella 3 viene riportata la suddivisione per classi quinquennali di età della popolazione residente nelle due realtà (rappresentata graficamente nel grafico 1). A partire dalla classe d età anni, si nota il lieve calo percentuale del numero di residenti nella nuova Provincia. Tabella 3 - Popolazione residente al 1 gennaio 2007 per classi d età quinquennali e per genere ASLMI3 (63 comuni) ASL_MONZA (51 comuni) CLASSE D'ETÀ (anni) MASCHI FEMMINE TOTALE QUOTA % MASCHI FEMMINE TOTALE QUOTA % , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,7 TOTALE Grafico 1 - Popolazione residente al 1 gennaio 2007 per classì d età quinquennali e per genere Maschi ASL_MI Femmine ASL_MI Femmine ASL_MONZA Maschi ASL_MONZA classì d'età MASCHI ASL_MI3 FEMMINE ASL_MI3 MASCHI ASL_MONZA FEMMINE ASL_MONZA Nella tabella 4 viene confrontata la distribuzione territoriale della popolazione per sesso e classi d età. Nella nuova organizzazione verranno interamente perduti i Distretti di Cinisello Balsamo e di Sesto 4

5 San Giovanni e sarà notevolmente ridimensionato il Distretto di Vimercate (che passa da 29 Comuni a 18 Comuni). I cinque nuovi Comuni che verranno acquisiti sono raggruppati a parte. Tabella 4 - Popolazione residente al 1 Gennaio 2007 per distretto, classi d età e genere DISTRETTO Carate Brianza Cinisello Balsamo Desio Monza Seregno Sesto San Giovanni Vimercate 5 comuni Nuovi CLASSI D'ETÀ ASLMI3 (63 comuni) ASL_MONZA (51 comuni) (anni) QUOTA QUOTA Variazione MASCHI FEMMINE TOTALE % MASCHI FEMMINE TOTALE % % totale , ,0 0% , ,0 0% , ,3 0% , ,2 0% , ,0 0% , ,6 0% , ,9 0% tot % ,0-100% ,7-100% ,3-100% ,1-100% ,0-100% ,5-100% ,4-100% tot % , ,1 0% , ,0 0% , ,4 0% , ,0 0% , ,8 0% , ,5 0% , ,2 0% tot % , ,9 0% , ,8 0% , ,8 0% , ,0 0% , ,4 0% , ,9 0% , ,1 0% % , ,0 0% , ,7 0% , ,8 0% , ,3 0% , ,2 0% , ,8 0% , ,1 0% tot % ,9-100% ,5-100% ,1-100% ,0-100% ,5-100% ,1-100% ,8-100% tot % , ,0-33% , ,0-31% , ,4-30% , ,9-31% , ,8-28% , ,4-28% , ,6-27% tot % , , , , , , ,9 tot TOTALE % 5

6 Nella tabella 5 viene analizzata in dettaglio la popolazione nei nuovi cinque comuni: hanno una popolazione residente al 1 gennaio 2007 pari a abitanti ( maschi, femmine). Il Comune più esteso è il Comune di Limbiate con abitanti. Seguono in ordine decrescente sulla base della numerosità dei residenti: Cogliate (7.961 abitanti), Lazzate (7.208 abitanti), Ceriano Laghetto (6.057 abitanti) e Misinto (4.701 abitanti). Tabella 5 - Popolazione residente al 1 Gennaio 2007 nei cinque nuovi comuni per classi d età e genere COMUNI CERIANO LAGHETTO COGLIATE LAZZATE LIMBIATE MISINTO CLASSE D'ETÀ (anni) MASCHI FEMMINE TOTALE QUOTA % , , , , , , ,5 tot , , , , , , ,5 tot , , , , , , ,4 tot , , , , , , ,0 tot , , , , , , ,8 tot TOTALE

7 2. Indicatori demografici Vengono posti a confronto alcuni semplici indicatori demografici calcolati sulla popolazione residente al 1 gennaio 2007 nell ASLMI3 (per distretto - Tab. 6), nella nuova Provincia (Tab. 7), in Lombardia e in Italia (Tab. 8): - l età media; - la quota percentuali di ragazzi fino a 15 anni; - la quota percentuale di anziani oltre i 64 anni; - il tasso di mascolinità: rappresenta il numero di uomini ogni 100 donne; - l indice di Vecchiaia: esprime il rapporto tra la popolazione di 65 anni oltre e la popolazione fino a 14 anni di età ed evidenzia il livello di invecchiamento della popolazione. Un valore basso dell'indice indica una elevata natalità ed una ridotta percentuale delle classi anziane; - l indice di dipendenza (carico sociale): esprime il rapporto tra la popolazione non lavorativa (convenzionalmente fino a 14 anni e da 65 anni e oltre) e la popolazione lavorativa (tra 15 e 64 anni). Relativamente all indice di, i valori sono leggermente più bassi rispetto al valore medio nazionale e più marcatamente inferiori al valore lombardo. In particolare i distretti di Vimercate e Desio sono caratterizzati da valori bassi, mentre Cinisello, a Sesto e a Monza i valori superano la media regionale e lombarda (popolazione più anziana). L indice di dipendenza (carico sociale) rappresenta il divario tra la popolazione in età lavorativa rispetto a quella non lavorativa (bambini e anziani). Quanto più l'indice si avvicina a 100, tanto più consistente è la quota di popolazione non lavorativa rispetto a quella lavorativa. In ASLMI3 i valori medi sono simili a quelli medi lombardi e leggermente inferiori al riferimento nazionale, tuttavia Vimercate e Desio si distinguono per valori abbastanza inferiori a quelli di riferimento, mentre Monza ha un valore sostanzialmente allineato a quello italiano. La nuova provincia ha una popolazione leggermente più giovane e si può notare da un leggero abbassamento dell età media (da 42,4 anni a 42 anni), dalla proporzione di soggetti ultrasessantacinquenni (passata da 19,23% in ASLMI3 a 18,71% nell ASL_MONZA) e da un più basso indice di invecchiamento (passato da 139,5 in ASLMI3 a 132,8 nell ASL_MONZA). Questo fenomeno è in parte dovuto alle caratteristiche demografiche dei residenti nei cinque comuni nuovi della Provincia di Monza e Brianza (aventi una popolazione più giovane) e dalla perdita del distretto di Cinisello Balsamo e Sesto (avente indice di invecchiamento molto alto pari a 160,8 e a 166,9). 7

8 E da segnalare il fatto che il Distretto di Vimercate ridimensionato, nonostante una sostanziale uguaglianza dell età media, ha un indice di più alto. Il ringiovanimento dell età media della popolazione è piccolo ma, in considerazione del peso delle classi anziane in termini di assorbimento di risorse, potrà riflettersi in un miglioramento delle performance dell ASL in termini di spesa sanitaria. Tali aspetti saranno oggetto di considerazioni specifiche in un prossimo lavoro dell U.O. Epidemiologia. Tabella 6 - Indicatori demografici per distretto, ASLMI3 (2007) Distretto N. residenti Età media Pop 0-14 (x Pop 65+ (x Tasso mascolinità (x dipendenza (carico sociale) Carate Brianza ,8 14,36% 18,44% 96,3 128,4 48,8 Cinisello Balsamo ,5 12,98% 20,87% 95,5 160,8 51,2 Desio ,3 14,46% 17,70% 97,4 122,4 47,4 Monza ,3 13,60% 20,97% 93,2 154,3 52,8 Seregno ,1 13,58% 18,88% 95,9 139,0 48,1 Sesto S. Giovanni ,5 12,55% 20,94% 94,7 166,9 50,4 Vimercate ,4 14,52% 17,46% 96,9 120,3 47,0 ASLMI ,4 13,79% 19,23% 95,7 139,5 49,3 Tabella 7 - Indicatori demografici per distretto, ASL_MONZA (2007) Distretto N. residenti Età media Pop 0-14 (x Pop 65+ (x Tasso mascolinità (x dipendenza (carico sociale) Carate Brianza ,8 14,36% 18,44% 96,3 128,4 48,8 Desio ,3 14,46% 17,70% 97,4 122,4 47,4 Monza ,3 13,60% 20,97% 93,2 154,3 52,8 Seregno ,1 13,58% 18,88% 95,9 139,0 48,1 Vimercate ,8 14,29% 17,97% 96,5 125,7 47,6 5nuovi comuni ,9 14,47% 16,87% 99,6 116,6 45,6 ASL_MONZA ,0 14,09% 18,71% 96,0 132,8 48,8 Tabella 8 - Indicatori demografici in LOMBARDIA e in ITALIA (2007) N. residenti Età media Pop 0-14 (x Pop 65+ (x Tasso mascolinità (x dipendenza (carico sociale) Lombardia ,6 13,77% 19,70% 95,4 143,1 50,3 Italia ,3 14,07% 19,94% 94,4 141,7 51,6 8

9 3. Confronto temporale Al fine di illustrare la dinamica temporale, nella tabella 9 si presentano le variazioni della popolazione residente tra 2002 e 2007 nei 51 comuni dell ASL della Provincia di Monza e Brianza. Si nota un incremento progressivo della popolazione nel tempo: a fronte di un incremento regionale quinquennale del 5% circa, l ASL_MONZA è cresciuta di quasi un punto percentuale in più (Tab. 9). Si nota in particolare un incremento molto accentuato per i soggetti ultrasessantaquattrenni (circa il 20%). Tabella 9 Incremento della popolazione residente al 1 gennaio 2007 vs 1 gennaio 2002 ASL_MONZA MASCHI FEMMINE TOTALE Incremento totale + 6,47% + 5,28% + 5,86% Incremento pop <14 anni + 9,19% + 8,16% + 8,69% Incremento % pop > ,93% + 16,94% + 20,16% Un altra utile rappresentazione della composizione della popolazione per età nei due generi è costituita dalla piramide dell età: sono rappresentate le classi d età in ordinata e la numerosità degli individui in ascissa. Nella parte destra sono rappresentate le donne, nella parte sinistra gli uomini. Nel grafico 2 viene rappresentata la piramide d età della popolazione residente nell ASL della Provincia di Monza e Brianza al 1 gennaio 2007 (grigio) e nel 2002 (bordo blu). Grafico 2 - Piramide d età della popolazione residente in ASL_MONZA, confronto 2007 e 2002 ASLMONZA 2007 (ombreggiato) confronto con ASLMONZA MASCHI FEMMINE Residenti - Numeri assoluti (dati ISTAT) 9

10 Il grafico 3 illustra per l ASL di Monza la variazione tra il 2002 ed il 2007 delle proporzioni di popolazione per le usuali categorizzazioni epidemiologiche. Grafico 3 Distribuzione della popolazione per classi d età, ASL_MONZA, confronto 2002 vs 2007 ASLMONZA - distribuzione % per classi d'eta vs 2007 TOT ,9 1,0 9,2 41,0 26,2 10,8 7,9 TOT ,8 0,9 9,0 43,0 26,8 9,9 6, Le seguenti tabelle riportano il confronto tra alcuni indici demografici della popolazione dell ASLMI3 (Tab. 10) e della ASL di Monza e Brianza (Tab. 11) per distretto relativi ai due anni (2002 e 2007). Si può notare che, in entrambe le realtà geografiche, è stato marcato l aumento dell indice di, sia a livello di intera ASL che in ogni Distretto (nell ASL MONZA si passa da 120,1 nel 2002 a 132,8 nel 2007). Fortunatamente si segnala anche un aumento del peso della classe dei giovani di età 0-14 anni. Tabella 10 - Indicatori demografici in ASLMI3: confronto 2002 vs Distretto Pop 0-14 (x Pop 65+ (x dipendenza Pop 0-14 (x Pop 65+ (x dipendenza Carate 13,93% 16,57% 14,36% 18,44% Brianza 119,0 43,9 128,4 48,8 Cinisello 12,21% 17,84% 12,98% 20,87% Balsamo 146,1 43,0 160,8 51,2 Desio 14,08% 15,55% 110,5 42,1 14,46% 17,70% 122,4 47,4 Monza 13,01% 18,01% 138,4 45,0 13,60% 20,97% 154,3 52,8 Seregno 13,38% 16,91% 126,4 43,4 13,58% 18,88% 139,0 48,1 Sesto San Giovanni 12,01% 18,13% 150,9 43,1 12,55% 20,94% 166,9 50,4 Vimercate 14,18% 15,54% 109,6 42,3 14,52% 17,46% 120,3 47,0 ASLMI3 13,31% 16,88% 126,9 43,2 13,79% 19,23% 139,5 49,3 Tabella 11 - indicatori demografici in ASL_MONZA: confronto 2002 vs Distretto Pop 0-14 (x Pop 65+ (x dipendenza Pop 0-14 (x Pop 65+ (x dipendenza Carate Brianza 13,93% 16,57% 119,0 43,9 14,36% 18,44% 128,4 48,8 Desio 14,08% 15,55% 110,5 42,1 14,46% 17,70% 122,4 47,4 Monza 13,01% 18,01% 138,4 45,0 13,60% 20,97% 154,3 52,8 Seregno 13,38% 16,91% 126,4 43,4 13,58% 18,88% 139,0 48,1 Vimercate 14,07% 15,70% 111,6 42,4 14,29% 17,97% 125,7 47,6 Nuovi comuni 14,33% 15,03% 104,9 41,6 14,47% 16,87% 116,6 45,6 ASL_MONZA 13,72% 16,48% 120,1 43,3 14,09% 18,71% 132,8 48,8 10

11 4. Stima della popolazione nel tempo Al fine di produrre una stima dello scenario atteso nei prossimi anni, è stata calcolata, utilizzando stime sulla base dell incremento demografico nel quinquennio , la popolazione attesa per distretto nei due quinquenni successivi (2012 e 2017). Vengono presentati i risultati in termini di popolazione residente totale (Tab. 12), popolazione over 65 e grandi anziani (80 anni di età ed oltre Tab. 13). Nella tabella 13, in particolare, si evidenzia bene quanto marcato risulti l incremento limitando il confronto alle categorie più anziane. Tabella 12 - Popolazione totale ASL_MONZA per distretto Anni 2002 e 2007 e stima anni (*) popolazione totale ASL_MONZA ASLMONZA - ANDAMENTO DELLA POPOLAZIONE TOTALE Distretto * 2017* Carate Brianza Desio Monza Seregno Vimercate nuovi comuni tot Tabella 13 - Popolazione di età 65+ e 80+ anni di età ASL_ MONZA per distretto Anni 2002 e 2007 e stima anni (*) pop 65+ ASL_MONZA pop 80+ ASL_MONZA Distretto * 2017* * 2017* Carate Brianza Desio Monza Seregno Vimercate nuovi comuni tot Carate Brianza Desio Monza Seregno Vimercate 5comuni * 2017* ASLMONZA - ANDAMENTO DELLA POPOLAZIONE 65+ ASLMONZA - ANDAMENTO DELLA POPOLAZIONE * 2017* * 2017* Carate Brianza Desio Monza Seregno Vimercate 5comuni 0 Carate Brianza Desio Monza Seregno Vimercate 5comuni 11

12 5. Popolazione immigrata Un fenomeno da tenere in considerazione nella struttura della popolazione è dato dalla popolazione immigrata assistita. Rispetto al totale della popolazione assistita, gli stranieri regolarmente iscritti rappresentano nel 2007 circa il 6 per cento del totale. Nella tabella 14 viene monitorato nel triennio il fenomeno, distinguendo per continente di provenienza. E evidente come la proporzione sia progressivamente incrementata negli anni, verosimilmente anche grazie alle regolarizzazioni ed all inserimento nella società attiva di persone da tempo presenti sul territorio: prendendo come riferimento gli stranieri iscritti nel 2005, la numerosità è incrementata di oltre il 40%. Gli europei extra U.E, includendo anche le nazioni recentemente entrate nell unione per consentire il confronto, sono aumentati di oltre il 40% in due anni (vedi Allegato 2 del Documento di Programmazione dell ASLMI3). La distribuzione per classi di età consente di porre in evidenza la diversità della struttura della popolazione rispetto a quella lombarda: le classi anziane rappresentano una quota irrisoria del totale (circa 1%) mentre le classi produttive (tra 15 e 64 anni) rappresentano oltre il 75% del totale. A meno di cambiamenti non ragionevolmente prevedibili, è lecito pensare che le caratteristiche dei flussi migratori, per i futuri anni, saranno simili in termini di struttura della popolazione, privilegiando l arrivo di forza lavoro attiva. A fronte dunque del fenomeno del progressivo invecchiamento della popolazione residente nel territorio, la popolazione immigrata subirà uno spostamento di una piccola quota dalla classe d età alla classe più anziana ma tale fenomeno sarà abbondantemente superato da un atteso incremento degli stranieri nelle fasce d età attive. La tabella 14 illustra l andamento nell ultimo triennio della popolazione della futura ASL di Monza: l incremento del numero di stranieri regolarmente iscritti all anagrafe è di quasi il 50%. Tabella 14 Popolazione straniera residente per continente e classe d età (stima ASL_MONZA) continente provenienza CLASSI DI ETA' >74 Totale Totale: incremento % rispetto al 2005 Dati al 31/12/2007 AFRICA % AMERICA % ASIA % EUROPA EXTRA UE* % OCEANIA % Totale % Dati al 31/12/2006 AFRICA % AMERICA % ASIA % EUROPA EXTRA UE % OCEANIA % Totale % Dati al 31/12/2005 AFRICA AMERICA ASIA EUROPA EXTRA UE OCEANIA Totale riiferimento 12

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

n Indicatore Descrizione UdM Trend # Densità della Numero di abitanti per chilometro quadrato di A1 popolazione sul superficie urbana territorio

n Indicatore Descrizione UdM Trend # Densità della Numero di abitanti per chilometro quadrato di A1 popolazione sul superficie urbana territorio GRUPPO A POPOLAZIONE n Indicatore Descrizione UdM Trend # Densità della Numero di abitanti per chilometro quadrato di A1 popolazione sul superficie urbana territorio A2 A3 A4 A5 A6 Saldo naturale e saldo

Dettagli

Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani

Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani Lombardia Statistiche Report N 1 / 8 febbraio 2016 Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani Sintesi Al 2013 la diffusione di limitazioni nello svolgimento delle attività

Dettagli

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE La parte dedicata alla popolazione assistibile contiene le principali informazioni di carattere demografico sulla popolazione residente in Provincia di Bolzano: struttura della popolazione e sua distribuzione

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER LA

MATERIALI DI LAVORO PER LA MATERIALI DI LAVORO PER LA COSTRUZIONE DEL PROFILO DI COMUNITÀ PIANI DI ZONA 2013-2015 A CURA DELL OSSERVATORIO PROVINCIALE POLITICHE SOCIALI DELLA PROVINCIA DI TRIESTE Contesto demografico Ambito distrettuale

Dettagli

STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 1 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO. Paragrafo 1.

STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 1 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO. Paragrafo 1. STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 1 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Paragrafo 1.2 ASPETTI SANITARI Novembre 2003 1.2.1 DEMOGRAFIA Il contesto demografico Il

Dettagli

Lo scenario demografico regionale, nazionale ed europeo

Lo scenario demografico regionale, nazionale ed europeo Lo scenario demografico regionale, nazionale ed europeo Angelina Mazzocchetti Servizio statistica e informazione geografica ? Transizione demografica: dove e quando Aree diverse del mondo si trovano in

Dettagli

Capitolo 7. Infrastrutture

Capitolo 7. Infrastrutture Capitolo 7 Infrastrutture Variabili e indicatori utilizzati: Dotazione infrastrutturale viaria Dotazione infrastrutturale ferroviaria Numero di autovetture circolanti Numero di veicoli per trasporto merci

Dettagli

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano Roma, 8 maggio 2014 www.lavoro.gov.it www.integrazionemigranti.gov.it www.italialavoro.it Indice: 1. Presenza e caratteristiche socio-demografiche della

Dettagli

La popolazione: previsioni demografiche 2010-2030

La popolazione: previsioni demografiche 2010-2030 La popolazione: previsioni demografiche 2010-2030 Lamberto Soliani 1 - Introduzione. Le prossime trasformazioni demografiche nazionali e regionali sono descritte dall Istat in Previsioni demografiche 1

Dettagli

Capitolo 5. Strutture formative. 5.1 Istituti Numero di unità scolastiche per tipologia di istituti medi superiori

Capitolo 5. Strutture formative. 5.1 Istituti Numero di unità scolastiche per tipologia di istituti medi superiori Capitolo 5 Strutture formative Variabili e indicatori utilizzati: Numero di unità scolastiche degli istituti medi superiori Numero di istituti per 10.000 giovani in età scolare Numero di iscritti agli

Dettagli

Nota semestrale sul mercato del lavoro degli immigrati a cura della Direzione Generale dell Immigrazione e delle Politiche di Integrazione

Nota semestrale sul mercato del lavoro degli immigrati a cura della Direzione Generale dell Immigrazione e delle Politiche di Integrazione Nota semestrale sul mercato del lavoro degli immigrati a cura della Direzione Generale dell Immigrazione e delle Politiche di Integrazione 2013 A cura dello Staff Statistica Studi e Ricerche sul mercato

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

Le notizie flash: in seconda pagina le brevissime sui dati più interessanti in quarta pagina le valutazioni dello Spi-Cgil nazionale.

Le notizie flash: in seconda pagina le brevissime sui dati più interessanti in quarta pagina le valutazioni dello Spi-Cgil nazionale. Serie schede tematiche gennaio 2007 - n. 27 - cod. 67447 pag. 1 I pensionati italiani: quanti sono, quanto percepiscono, dove risiedono i pensionati di nord, centro, sud, estero le pensioni sociali in

Dettagli

Osservatorio economico locale del Comune di Follonica

Osservatorio economico locale del Comune di Follonica Osservatorio economico locale del Comune di Follonica Nota statistica su alcuni aspetti strutturali del sistema economico e produttivo del Comune di Follonica - 2010 Grosseto, Aprile 2011 INDICE INDICE...

Dettagli

Capitolo 4 La mortalità per tumori

Capitolo 4 La mortalità per tumori Capitolo 4 La mortalità per tumori Introduzione I tumori causano circa un terzo dei decessi tra i residenti nella regione Veneto. ei maschi il numero di decessi per tumore è superiore a quello per disturbi

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

8. Occupazione e forze di lavoro

8. Occupazione e forze di lavoro 8. Occupazione e forze di lavoro Dall Indagine continua sulle forze di lavoro condotta dall Istat risulta che nel 2005 erano occupate, a Roma, 1.086.092 persone, mentre a livello provinciale gli occupati,

Dettagli

Gli anziani 4.2 GLI ANZIANI

Gli anziani 4.2 GLI ANZIANI 4.2 GLI ANZIANI L analisi proposta in questa sezione nasce dall intento di fornire alcuni elementi di caratterizzazione relativi ad un gruppo particolare di utenza che, visto l incremento numerico progressivo

Dettagli

Conferenza stampa Assemblea AVIS Provinciale di Monza e della Brianza 23 Marzo 2013

Conferenza stampa Assemblea AVIS Provinciale di Monza e della Brianza 23 Marzo 2013 Conferenza stampa Assemblea AVIS Provinciale di Monza e della Brianza 23 Marzo 2013 SOCI Al 31 dicembre 2012 i Soci Donatori Attivi delle Avis Comunali della Provincia di Monza e Brianza sono n. 24.621

Dettagli

Profilo demografico della Comunità di Primiero. A cura di Marco Bettega

Profilo demografico della Comunità di Primiero. A cura di Marco Bettega Profilo demografico della Comunità di Primiero A cura di Marco Bettega COMUNITÀ DI PRIMIERO OTTOBRE Indice La situazione demografica della Comunità di Primiero PROIEZIONI: IL MODELLO STRUDEL....p. 3. LA

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

DELLA RIABILITAZIONE. Indicatori sanitari

DELLA RIABILITAZIONE. Indicatori sanitari Indicatori sanitari 1 Bruno FEDERICO Cattedra di Igiene Anno Accademico 2009/2010 Il concetto di indicatore Misurare la malattia e la salute Definizioni 2 MISURA Corso di Laurea 3 Stevens, 1951 La misura

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3.1 Stime di prevalenza e incidenza 3.2 Profilo dei clienti in trattamento 3.2.1 Profilo dei clienti in trattamento in relazione alla sostanza 3.2.2 Altre caratteristiche

Dettagli

OSSERVATORIO PROVINCIALE POLITICHE SOCIALI. Gli anziani in provincia di Varese

OSSERVATORIO PROVINCIALE POLITICHE SOCIALI. Gli anziani in provincia di Varese OSSERVATORIO PROVINCIALE POLITICHE SOCIALI Gli anziani in provincia di Varese Varese, dicembre 2007 Gli anziani in provincia di Varese 1 Il fenomeno del progressivo invecchiamento della popolazione caratterizza

Dettagli

COMUNE DI COMO. I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004. (1 Edizione)

COMUNE DI COMO. I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004. (1 Edizione) COMUNE DI COMO I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004 (1 Edizione) Settore Statistica - Agosto 2007 I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004

Dettagli

Flussi di cittadini in Italia

Flussi di cittadini in Italia Flussi di cittadini in Italia Il fenomeno dell immigrazione in Italia secondo gli ultimi dati del Ministero del lavoro riguarda più di 4 milioni di stranieri con un incidenza sulla popolazione

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA

GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA Nel corso degli anni 90, il numero di permessi di soggiorno per l ingresso in Italia di minori stranieri è aumentato notevolmente. Si calcola infatti che negli ultimi

Dettagli

12,0 11,5 11,0 10,5 10,0 9,5 9,0 8,5 8,0 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001* provincia di Rovigo Veneto Italia

12,0 11,5 11,0 10,5 10,0 9,5 9,0 8,5 8,0 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001* provincia di Rovigo Veneto Italia 11. SANITÀ E SOCIALE 11.1. Mortalità e cause di morte L alto indice di vecchiaia che caratterizza la popolazione della provincia di Rovigo si riflette sul tasso di mortalità, i cui valori, nel periodo

Dettagli

Ferrara. Bologna. Imola GALLIERA PIEVE DI CENTO SAN PIETRO IN CASALE MALALBERGO CASTELLO D ARGILE SAN GIORGIO DI PIANO BARICELLA ARGELATO BENTIVOGLIO

Ferrara. Bologna. Imola GALLIERA PIEVE DI CENTO SAN PIETRO IN CASALE MALALBERGO CASTELLO D ARGILE SAN GIORGIO DI PIANO BARICELLA ARGELATO BENTIVOGLIO PIEVE DI CENTO GALLIERA SAN PIETRO IN CASALE Ferrara MALALBERGO CASTELLO D ARGILE SAN GIORGIO DI PIANO BARICELLA ARGELATO BENTIVOGLIO MINERBIO MOLINELLA CASTEL MAGGIORE GRANAROLO BUDRIO Bologna CASTENASO

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE

RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE Dati Ridi (0-29 anni) Anno 2013 Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa Trento giugno 2014 A cura di Silvano Piffer

Dettagli

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative:

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative: L Immigrato La complessità dei problemi sociali degli immigrati, le caratteristiche, organizzative dei servizi sanitari e la mancanza di strumenti di rilevazione sistematici ad hoc hanno reso difficoltoso

Dettagli

Analisi dei risultati della consultazione on line sul Vertice G8

Analisi dei risultati della consultazione on line sul Vertice G8 Analisi dei risultati della consultazione on line sul Vertice G8 Sono circa mille i cittadini che hanno partecipato a Dite la vostra sul G8, la prima consultazione pubblica on line sul Vertice G8. La consultazione

Dettagli

LA POPOLAZIONE IERI, OGGI E DOMANI

LA POPOLAZIONE IERI, OGGI E DOMANI LA POPOLAZIONE IERI, OGGI E DOMANI Trieste novembre 2012 Riproduzioni e stampe dovranno riportare in modo visibile la fonte e la proprietà dell informazione. Inoltre, su richiesta al Servizio Statistica

Dettagli

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE La parte dedicata alla popolazione assistibile contiene le principali informazioni di carattere demografico sulla popolazione residente in Provincia di Bolzano: struttura della popolazione e sua distribuzione

Dettagli

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO Bologna City Marketing 1 Aumento della popolazione Invecchiamento della popolazione attiva Abbassamento dell indice di vecchiaia e incremento dell i.s.p.a. Dal si

Dettagli

La comunità in cui viviamo

La comunità in cui viviamo La comunità in cui viviamo Profilo demografico del territorio Dinamica e struttura della popolazione Tab. 1.1 Popolazione residente in serie storica. Periodo 2003-2009 Territorio 01/01/03 01/01/04 01/01/05

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER LA

MATERIALI DI LAVORO PER LA MATERIALI DI LAVORO PER LA COSTRUZIONE DEL PROFILO DI COMUNITÀ PIANI DI ZONA 2013-2015 A CURA DELL OSSERVATORIO PROVINCIALE POLITICHE SOCIALI DELLA PROVINCIA DI TRIESTE Provincia di Trieste Area Servizi

Dettagli

Bollettino Epidemiologico n. 79. La popolazione nella ASL BN1 (anno 2004)

Bollettino Epidemiologico n. 79. La popolazione nella ASL BN1 (anno 2004) Dipartimento di Prevenzione E & P ASL - Benevento Bollettino Epidemiologico n. 79 Servizio Epidemiologia e Prevenzione - Tel. 0824-322240 - Fax 0824-23154 - e-mail sep@aslbenevento.it La popolazione nella

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito

Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito Introduzione el 27 il diabete mellito ha causato 1.92 decessi (2,5% del totale) (tabella 8.1). Complessivamente il diabete causa il decesso in età avanzata:

Dettagli

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono 13. Turismo Il turismo nel comune di Roma si conferma uno dei principali assi di sviluppo del territorio, costituendo, all interno del sistema economico e sociale, un elemento centrale di crescita, che

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2013

Le imprese a Bologna nel 2013 Le imprese a Bologna nel 2013 Aprile 2014 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005

La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005 27 marzo 2006 La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005 Ufficio della comunicazione Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. +

Dettagli

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 aprile 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Direttore Settore Statistica: Redazione a cura di: Gianluigi Bovini Franco Chiarini Brigitta Guarasci L'uso

Dettagli

Annuario Statistico Demografico

Annuario Statistico Demografico Città di Treviso Annuario Statistico Demografico 2014 a cura dell Ufficio Statistica Città di Treviso Annuario Statistico Demografico 2014 a cura dell Ufficio Statistica INTRODUZIONE Il presente annuario

Dettagli

Il sistema di previdenza sociale: luci e ombre tra sostenibilità ed adeguatezza

Il sistema di previdenza sociale: luci e ombre tra sostenibilità ed adeguatezza X Congresso Nazionale Attuari L Attuario: una professione in evoluzione al servizio della società Il sistema di previdenza sociale: luci e ombre tra sostenibilità ed adeguatezza 5-7 giugno 2013 Roma -

Dettagli

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO ANNUARIO COMUNALE. Anno 2004

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO ANNUARIO COMUNALE. Anno 2004 DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO ANNUARIO COMUNALE Anno 2004 Edizione 2005 ANNUARIO COMUNALE Anno 2004 Edizione 2005 Capitolo 1 POPOLAZIONE PREMESSA Redatta dalla Direzione Demografia - Servizio Anagrafe

Dettagli

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute SINTESI RELAZIONE SULLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PUGLIESE Bari, 20 luglio 2007 La Legge Regionale 25/2006, disegnando in un quadro organico

Dettagli

Le donne e il mondo del lavoro. Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a Bologna

Le donne e il mondo del lavoro. Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a Bologna Le donne e il mondo del lavoro Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a 15 marzo 2013 Le forze di lavoro La popolazione attiva In provincia di su 100 individui

Dettagli

Milano Indicatori demografici

Milano Indicatori demografici Milano Indicatori demografici Anno 2011 Comune di Milano Area Innovazione economia e sviluppo Settore Statistica A cura di Paolo Bonomi Pagina 2 Milano Indicatori demografici Anno 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE Le presenze straniere in regione I residenti Secondo i dati Istat, a fine 2010 i residenti stranieri in Lombardia sono 1.064.447,

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

CONSUMI E DIMENSIONI DEL

CONSUMI E DIMENSIONI DEL CONSUMI E DIMENSIONI DEL BIOLOGICO IN ITALIA FABIO DEL BRAVO ISMEA 12 settembre 2015 www.ismea.it www.ismeaservizi.it AGENDA Il contesto Le dinamiche recenti Il valore del mercato bio Il ruolo della GDO

Dettagli

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la Migranti nel mondo Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la popolazione immigrata periodo 2000/2001

Dettagli

Le previsioni demografiche nell area fiorentina

Le previsioni demografiche nell area fiorentina Le previsioni demografiche nell area fiorentina Convegno nazionale: Persone, popolazioni, numeri Statistiche per le comunità locali Cagliari, 16-17 settembre 2010 Francesco Acciai Gianni Dugheri Serena

Dettagli

I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna. Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori

I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna. Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori 18 settembre 2014 A Bologna nel 2012 quasi 296.000 contribuenti

Dettagli

1. LA POPOLAZIONE TORINESE

1. LA POPOLAZIONE TORINESE 1. LA POPOLAZIONE TORINESE 1.1. UNA CITTÀ UN PO PIÙ PICCOLA Torino continua a spopolarsi. Non solo nel 1999, ma durante tutta la seconda metà degli anni novanta, la città continua a perdere popolazione.

Dettagli

Comunità solidali. Equità e giustizia sociale. Aalborg Commitment 9. Capitolo 9

Comunità solidali. Equità e giustizia sociale. Aalborg Commitment 9. Capitolo 9 Capitolo 9 Aalborg Commitment 9 Ci impegniamo a costruire comunità solidali e aperte a tutti. Lavoreremo quindi per: adottare le misure necessarie per alleviare la povertà assicurare un equo accesso ai

Dettagli

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE SOTTO LA SOGLIA RELATIVA IL % DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel della povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per consumi

Dettagli

IL CAPOLUOGO AL MICROSCOPIO

IL CAPOLUOGO AL MICROSCOPIO IL CAPOLUOGO AL MICROSCOPIO Il Servizio Statistica della Provincia di Mantova coltiva il progetto di costituire una banca dati provinciale di provenienza anagrafica che non vuole divenire una duplicazione

Dettagli

Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario

Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario L analisi del contesto demografico è l introduzione ideale alla sezione della salute. Il bisogno del cittadino residente sul territorio

Dettagli

Migranti in Veneto, una stabilità a rischio? secondo il Dossier Immigrazione 2009

Migranti in Veneto, una stabilità a rischio? secondo il Dossier Immigrazione 2009 Migranti in Veneto, una stabilità a rischio? secondo il Dossier Immigrazione 2009 a cura di DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE CARITAS/MIGRANTES Via Aurelia 796 00165 ROMA tel. ++39/06/66514345 fax. ++39/06/66540087

Dettagli

RSA Provincia di Milano

RSA Provincia di Milano SA Provincia di Milano Popolazione e società Fig. 1: natalità e mortalità in Provincia di Milano Fig. 2: l indice di ricambio (fonte SIA) L analisi ambientale di un territorio rappresenta lo studio del

Dettagli

Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica

Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica Gemona del Friuli, 11 Maggio 2010 Giancarlo Miglio I DETERMINANTI DELL EVOLUZIONE EVOLUZIONE DEI SISTEMI SANITARI CAMBIAMENTI EPIDEMIOLOGICI RISORSE FINANZIARIE

Dettagli

Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro

Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro Obiettivo della esposizione Fornire (attingendo alle diverse fonti) le principali informazioni sulle dinamiche occupazionali

Dettagli

1. Il sistema imprenditoriale IL SISTEMA IMPRENDITORIALE

1. Il sistema imprenditoriale IL SISTEMA IMPRENDITORIALE IL SISTEMA IMPRENDITORIALE 1 1.1 Le imprese attive per settore e forma giuridica Nei primi tre mesi del 2015 risultano iscritte nel Registro Imprese della Camera di Commercio di Lodi 21.784 posizioni,

Dettagli

7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi

7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi 544 7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi La seconda sottocomponente analizzata per l analisi demografica concerne le dinamiche dei flussi, considerando come tali i

Dettagli

Mercato del Lavoro della Provincia di Monza e Brianza. Focus di genere e politiche attive del lavoro. Lissone, 10 maggio 2013 Barbara Riva

Mercato del Lavoro della Provincia di Monza e Brianza. Focus di genere e politiche attive del lavoro. Lissone, 10 maggio 2013 Barbara Riva Mercato del Lavoro della Provincia di Monza e Brianza Focus di genere e politiche attive del lavoro Lissone, 10 maggio 2013 Barbara Riva Chi siamo L Agenzia per la Formazione, l Orientamento e il Lavoro

Dettagli

L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI

L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1) GLI STUDENTI UNIVERSITARI RESIDENTI NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1 Nell anno accademico 2003/2004 i riminesi iscritti a Corsi di Laurea (vecchio e nuovo

Dettagli

6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE. Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro

6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE. Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

SAVONA - CENSIMENTO 2001

SAVONA - CENSIMENTO 2001 Popolazione residente 59.97 Popolazione residente in famiglia 59.37 Popolazione residente in Convivenza 6 Popolazione residente straniera 1.66 Famiglie 27.831 Nuclei familiari 17.594 Convivenze con almeno

Dettagli

Dottor Domenico Comegna. Membro del consiglio di Indirizzo e vigilanza dell INPDAP

Dottor Domenico Comegna. Membro del consiglio di Indirizzo e vigilanza dell INPDAP Dottor Domenico Comegna Membro del consiglio di Indirizzo e vigilanza dell INPDAP La previdenza in Italia: fattori di crisi del sistema I fattori che hanno determinato l intervento normativo, attuatosi

Dettagli

SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA. PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati)

SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA. PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati) PROVINCIA DI LATINA SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati) Ai sensi della Deliberazione di Giunta Regionale n. 792 del 31

Dettagli

Registro emodialisi Regione Marche: caratteristiche dei pazienti e trattamenti

Registro emodialisi Regione Marche: caratteristiche dei pazienti e trattamenti Registro emodialisi Regione Marche: caratteristiche dei pazienti e trattamenti L insufficienza renale cronica (IRC), raggiungendo lo stadio di uremia terminale, determina la necessità di ricorrere al trattamento

Dettagli

I lavoratori domestici in Friuli Venezia Giulia

I lavoratori domestici in Friuli Venezia Giulia 1 luglio 2015 #lavoro Rassegna Stampa Messaggero Veneto2lug2015 Il Piccolo 2lug2015 TG3 RAI FVG 1lug2015 I lavoratori domestici in Friuli Venezia Giulia Anche in Friuli Venezia Giulia il mercato del lavoro

Dettagli

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014 Capitolo 5.1 ANALISI DEI MOVIMENTI ANAGRAFICI DELLA PO- POLAZIONE 1 Maria Cristina Migliore Un primo sguardo di sintesi Nel 2014 la popolazione residente in Piemonte è diminuita di oltre 10mila unità.

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE OSSERVATORIO NAZIONALE IMMIGRATI E CASA 9 RAPPORTO LUGLIO 2012 VIA LORENZO MAGALOTTI, 15 00197 ROMA TEL. 06/8558802 FAX 06/84241536 E' in corso

Dettagli

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Documento a supporto degli indirizzi di Piano Socio-sanitario 2011-2013 della Regione del Veneto Novembre 2010 Indice 1 Il contesto demografico...1

Dettagli

Note per la lettura dei report

Note per la lettura dei report Note per la lettura dei report Report strutturali 0. IMPRESE REGISTRATE PER STATO DI ATTIVITÀ. ANNO 2012 E TASSO DI CRESCITA 2012 Contiene la distribuzione dell insieme delle imprese registrate, ovvero

Dettagli

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista.

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista. In sensibile crescita la domanda di servizi assistenziali da parte degli anziani: in 8 anni il numero degli anziani ospiti dei presidi assistenziali è cresciuto di quasi il 30%. Gli ospiti anziani cui

Dettagli

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni.

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni. La situazione occupazionale dei giovani in provincia di Piacenza Premessa Una categoria di soggetti particolarmente debole nel mercato del lavoro è rappresentata, di norma, dai lavoratori di età più giovane

Dettagli

MORTALITA dal 1971 al 2006 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO

MORTALITA dal 1971 al 2006 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO MORTALITA dal 1971 al 26 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Fonte dei dati: Registro di Mortalità Regionale toscano [dati presentati il 27 maggio,28] 1 Mortalità generale Andamento temporale 1971-26 I

Dettagli

Un territorio che cambia: demografia e contesto sociale

Un territorio che cambia: demografia e contesto sociale Un territorio che cambia: demografia e contesto sociale di Sergio Pasquinelli e Stefania Stea 1. Demografia a somma zero (o quasi) La popolazione residente in provincia di Milano è cresciuta, dal 1991

Dettagli

delle Partecipate e dei fornitori

delle Partecipate e dei fornitori ... I pagamenti della Pubblica Amministrazione,......... L u g l i o 2 0 1 4 Debito PA: miglioramenti più contenuti nel primo trimestre... Sintesi dei risultati C ontinuano nei primi tre mesi del 2014

Dettagli

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ IL 12% DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel 2001 di povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per

Dettagli

I modelli insediativi della popolazione straniera nei Sistemi Locali del Lavoro Italiani

I modelli insediativi della popolazione straniera nei Sistemi Locali del Lavoro Italiani I modelli insediativi della popolazione straniera nei Sistemi Locali del Lavoro Italiani Mauro Albani*, Antonella Guarneri*, Frank Heins**, Conferenza AISRe - Torino, 15-17 settembre 2011 * Istat Servizio

Dettagli

I principali risultati

I principali risultati FINANZA LOCALE: ENTRATE E SPESE DEI BILANCI CONSUNTIVI (COMUNI, PROVINCE E REGIONI). ANNO 2012 1 I principali risultati 1 Comuni Nel prospetto 1 sono riportati i principali risultati finanziari di competenza

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili

PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili OSSERVATORIO SUL DISAGIO GIOVANILE Ser.T. e Associazioni Aggiornamento dei dati - Anno 2007 Si ringraziano per i dati forniti e la cortese collaborazione:

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future 8 maggio 2008 I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future Il volume I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti presentato oggi,

Dettagli

Tabella 7.1. Mortalità per demenze e morbo di Alzheimer: indicatori di sintesi per sesso (tassi per 100.000). Veneto, anni 2000 e 2007.

Tabella 7.1. Mortalità per demenze e morbo di Alzheimer: indicatori di sintesi per sesso (tassi per 100.000). Veneto, anni 2000 e 2007. Capitolo 7 La mortalità per demenze e morbo di Alzheimer Introduzione Il morbo di Alzheimer e le altre forme di demenza sono patologie caratterizzate da manifestazioni cliniche molto simili fra loro, spesso

Dettagli

OGGETTO: Ricoveri ospedalieri per patologie respiratorie nel quartiere S. Polo nel periodo 2004-2008

OGGETTO: Ricoveri ospedalieri per patologie respiratorie nel quartiere S. Polo nel periodo 2004-2008 OGGETTO: Ricoveri ospedalieri per patologie respiratorie nel quartiere S. Polo nel periodo 2004-2008 Introduzione A seguito dei risultati ottenuti con lo studio di mortalità nel quartiere S. Polo del comune

Dettagli

RAPPORTO CONDIZIONI DI VITA IN PROVINCIA DI PORDENONE EDIZIONE 2010 ANDAMENTO DEMOGRAFICO. a cura di Osservatorio Provinciale delle Politiche Sociali

RAPPORTO CONDIZIONI DI VITA IN PROVINCIA DI PORDENONE EDIZIONE 2010 ANDAMENTO DEMOGRAFICO. a cura di Osservatorio Provinciale delle Politiche Sociali RAPPORTO CONDIZIONI DI VITA IN PROVINCIA DI PORDENONE EDIZIONE 2010 ANDAMENTO DEMOGRAFICO a cura di Osservatorio Provinciale delle Politiche Sociali 11 Novembre 2010 Andamento della popolazione residente

Dettagli

4. ANALISI DEL CONTESTO. 4.1 Analisi del Contesto Esterno. In sintesi

4. ANALISI DEL CONTESTO. 4.1 Analisi del Contesto Esterno. In sintesi 4. ANALISI DEL CONTESTO 4.1 Analisi del Contesto Esterno In sintesi Macro-ripartizione: Centro Superficie: 9.401,38 Km 2 Comuni: 236 Abitanti: 1.553.138 % di stranieri residenti: 9,0 Indice di vecchiaia

Dettagli