Notiziario periodico dell associazione CARER - Caregiver Familiari Emilia Romagna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Notiziario periodico dell associazione CARER - Caregiver Familiari Emilia Romagna"

Transcript

1 Numero III 12 Giugno 2015 Newsletter Associazione CARER, Via Lenin 55, tel fax Notiziario periodico dell associazione CARER - Caregiver Familiari Emilia Romagna Sabato 30 maggio-data in cui a livello regionale si celebra la figura del caregiver familiare- si è tenuto a Carpi (presso la biblioteca Loria) alla presenza di un folto pubblico, il convegno plenario Prendersi cura ed essere curati: questioni etiche e bioetiche. della 5 edizione del caregiver day promosso e organizzato da ANZIANI E NON SOLO soc.coop, con il contributo dell Unione delle Terre d Argine, il patrocinio della Regione Emilia Romagna e dell AUSL di Modena, la collaborazione di CARER Associazione Caregiver Familiari Emilia Romagna CONVEGNO PLENARIO CAREGIVERDAY 2015, SABATO Prendersi cura ed essere curati: questioni etiche e bioetiche. Il convegno è stato l epilogo di una serie di eventi ampiamente partecipati : 1laboratori e percorso formativo per ridurre il digital divide e favorire l accesso ai servizi e l inclusione sociale ai caregiver familiari, proiezioni (in tutti i Comuni delle Terre d Argine) di film 2 su temi sensibili come la malattia, la sofferenza.. per favorire una riflessione rispetto alle esperienze vissute dai familiari, proiezione in anteprima nazionale del docufilm Il 3 Cerchio Perfetto di Claudia Tosi per facilitare un confronto sui dilemmi etici del fine vita, workshop internazionale sulla prevenzione 4 degli abusi verso le persone anziane per la sensibilizzazione degli operatori rispetto a temi a forte valore etico. SINTESI DEGLI INTERVENTI Prima dell apertura dei lavori è stato proiettato un videomessaggio di Hanneli Döhner, Vicepresidente di Eurocarer, network per la promozione dei diritti dei caregiver familiari al livello europeo. La sig.ra Döhner ha salutato positivamente le iniziative che si sono svolte a Carpi su questi temi da cinque anni e si è impegnata a portarle come esempio di buona pratica al livello europeo, in particolare nel suo paese di origine, la Germania. L incontro, moderato dalla direttrice della cooperativa Anziani e non solo Loredana Ligabue, è iniziato con un saluto del Sindaco di Carpi Alberto Bellelli. Il primo cittadino ha sottolineato l importanza della giornata, il ruolo dei caregiver 1 familiari nell ambito assistenziale, Newsletter la CARER centralità CARER Emilia Romagna

2 CARER Emilia Romagna della relazione e dell etica di cura in ambito familiare e nei servizi. Il Sindaco ha ribadito inoltre che l impegno della politica è quello di tradurre in modo positivo e dinamico l universalità del sistema di welfare puntando sulla qualità della vita ed affermando che Se non vinciamo la sfida della qualità della vita perdiamo un occasione importante anche per qualificare il lavoro di cura, elemento fondamentale del nostro sistema di welfare. Un altro saluto istituzionale all evento è venuto dall Assessore alle Politiche Sociali e Sanità dell Unione delle terre d Argine, Roberto Solomita, il quale ha positivamente evidenziato la scelta coraggiosa degli organizzatori di trattare temi delicati e sensibili quali l etica e bioteca della cura. L assessore, ricordando la tradizione di innovazione della Regione Emilia Romagna rispetto al tema dei servizi sociali e dei diritti della persona, si è detto convinto che anche grazie ad eventi come il caregiver day si sarà in grado di portare al centro del dibattito questioni cogenti di etica riguardanti le stagioni della esistenza, in particolare quelle legate al fine vita. A seguire è stato mostrato un videomessaggio di un personaggio di eccezione quale Beppe Carletti - leader del gruppo musicale dei Nomadi - che ha vissuto in passato un esperienza da caregiver, prendendosi cura di un amico. CARLETTI HA ESPRESSO LA SUA VICINANZA VERSO LE PERSONE CHE RICOPRONO QUESTO IMPOR- TANTISSIMO RUOLO RICORDANDO ALTRESÌ L IMPORTANZA DI OPERARE PER FAVORIRE IL PIÙ POSSIBILE L AUTONOMIA DELLE PERSONE Prima di entrare nel vivo del dibattito con le presentazioni dei relatori del convegno, l attrice Sara Gozzi, ha letto una toccante testimonianza di una caregiver familiare che ha assistito per diversi anni il padre accompagnandolo poi verso una buona morte. La testimonianza ha evidenziato le difficili e coraggiose scelte che i caregiver si trovano a dover prendere nell evolversi della malattia e nel delicato momento del fine vita. Il primo relatore del convegno è stato Ivo Lizzola (Professore ordinario del dipartimento di Scienze Umane e Sociali dell Università di Bergamo) che nel suo intervento Malattia ed etica della cura: responsabilità individuali, legami famigliari, ruolo della comunità e formazione sociale alla cura, ha illustrato i diversi aspetti da prendere in considerazione in queste delicate situazioni. Il docente ha iniziato la sua presentazione sottolineando come tutte le relazioni della vita si basino sul legarsi e slegarsi/lasciarsi : cioè su legami che hanno un inizio, una durata ed una fine. Durante la particolare fase che è il fine vita, questa dinamica relazionale è particolarmente accentuata. I caregiver sono chiamati ad essere intensamente presenti durante la malattia per poi lasciare andare (fine vita) la persona cara, e questo è molto difficile. In questa fase della vita da un lato si torna alla prossimità, si abbandonano le attività di routine per riappropriarsi della relazione e dall altro lato ci si trova a fronteggiare la violenza percepita come ingiusta della malattia e a dover entrare in sintonia con la fragilità accogliendo e rispettando la dignità dell altro e sostenendo i valori della fraternità umana. Successivamente il professor Lizzola ha enunciato alcuni dati, uno fra tutti la relazione tra Newsletter CARER 2

3 incremento della speranza di vita e incremento della durata della malattia : a partire dal ad ogni anno di vita in più che riusciamo a vivere grazie alla medicina, corrisponde un aumento di 6 mesi di malattia. In questo senso possiamo affermare che la medicina ha diffuso più ampiamente l esperienza della malattia, ciò implica che dobbiamo recuperare l apprendimento della vita che può permetterci di tollerare la sofferenza e ciò prima di tutto curando la speranza. Un altro aspetto importante sottolineato da Lizzola è stato quello del riconoscimento dei limiti nel prendere delle decisioni che impattano sull altro, sul soggetto fragile. In questo senso ognuno si trova a vivere il confronto con la fragilità affidata e a dover assumere decisioni e comportamenti rispetto alla quotidianità, ma anche rispetto a valori morali, rispetto a dilemmi etici. In conclusione il professor Lizzola ha sostenuto che è possibile reggere l ingiustizia della malattia riscoprendo e rafforzando la solidarietà, illustrando che nel fine vita si reinterpretano spesso le verità dei giorni vissuti e si costruiscono le basi di quello che sarà il nostro futuro anteriore (io sarò stato/a) dando senso alla consegna verso altre generazioni del valore prodotto nella nostra vita. Il secondo intervento intitolato Profili bioetici nelle relazioni di cura e tutela della persona malata è stato tenuto da Stefano Canestrari, Prof.re ordinario di diritto penale presso il Dipartimento di Scienze Giuridiche dell Università di Bologna, membro del Comitato Nazionale per la Bioetica. Il relatore ha affrontato principalmente tre tematiche: il diritto al rifiuto delle cure, le direttive anticipate di trattamento, il confine tra contenzione fisica e violazione dei diritti del malato. La comune premessa a tutti i temi affrontati è la necessità di valorizzare, anche in prospettiva giuridica, la relazione terapeutica tra medico e paziente. Quanto al primo punto, è dato acquisito che ogni soggetto capace di intendere e volere goda di un diritto di rifiutare le cure, anche nel caso in cui esse si sostanzino in trattamenti sanitari salva-vita. La questione infatti, come sottolineato dal Prof. Canestrari, non attiene al dibattito sulla possibilità da parte del soggetto di disporre della propria vita, bensì al principio di intangibilità del corpo umano (cd. habeas corpus), secondo cui ogni intrusione nella sfera corporea deve essere previamente acconsentita dal suo titolare. Il rifiuto delle cure però ha ammonito il docente non deve essere vissuto dal personale medico come una rottura della relazione terapeutica, con conseguente abbandono del paziente, ma piuttosto come una fase di tale relazione, in cui il medico è comunque chiamato a svolgere l opportuno accompagnamento sanitario, specie quello di natura palliativa. Con riguardo al tema delle direttive anticipate di trattamento, il prof. Canestrari ne ha evidenziato la complessità, che impone un analisi attenta di tutti i molteplici fattori in gioco. Gli aspetti sui quali il relatore si è maggiormente soffermato riguardano il contenuto delle direttive anticipate, la loro autenticità, il loro rinnovo e le modalità di revoca, in quanto è sempre possibile che il paziente con l avanzare della patologia cambi idea rispetto a quanto deciso in precedenza. L ultimo aspetto trattato riguarda il tema della contenzione. Il prof. Canestrari ha segnalato la tendenza molto diffusa a legare al letto i pazienti anziani o con determinate patologie neurologiche. Tale prassi, a giudizio del re- 3 Newsletter CARER CARER Emilia Romagna

4 CARER Emilia Romagna latore, non è una terapia ma costituisce a tutti gli effetti una violazione di diritti fondamentali e, in determinate circostanze, può integrare un reato. La contenzione, come ben chiarito da un recente parere del Comitato Nazionale per la Bioetica, può essere giustificata solo nel caso ci sia un pericolo attuale che il paziente compia atti auto od etero lesivi. Di taglio sanitario l intervento successivo accompagnare al fine vita illustrato dal Dott. Paolo Vacondio responsabile del programma di cure palliative dell Ausl di Modena. Vacondio ha sottolineato come l obiettivo delle cure palliative sia quello di promuovere la qualità della vita sia dei pazienti che delle famiglie, includendo quindi anche il caregiver familiare. L idea è infatti quella di inserire il paziente in un quadro di relazioni. Un altro concetto introdotto è quello di tornare a considerare la morte come un evento naturale, che fa parte del patto di cura tra soggetto, famiglia e personale medico. Seguendo questa logica, Il Dott. Vacondio ha presentato la cura delle patologie degenerative utilizzando la metafora del muro verso cui si possono percorrere due strade: la prima è quella di cercare di abbatterlo sbattendoci contro (accanimento terapeutico); la seconda è quella di provare a guardarlo e abbellirlo con l aiuto di qualcun altro (cure palliative). In particolare a Modena queste cure vengono inserite nel sistema sanitario attraverso la segnalazione del paziente al PUA, passando per la valutazione della situazione da una commissione multidimensionale ed iniziando poi il processo di presa in carico in cui le cure palliative possono essere somministrate al domicilio o in struttura a seconda della situazione. Nel 2014, 974 persone residenti nella Provincia di Modena sono state valutate ed inserite nel progetto di cure palliative. La prima sezione di relatori si è conclusa con il Dott. Francesco Sala, direttore della Scuola di Etica, Bioetica e Deontologia medica di Modena. Il relatore, dopo aver illustrato brevemente la Carta europea dei diritti e delle responsabilità degli anziani bisognosi di assistenza e di cure a lungo termine ed il codice di deontologia medica, ha ripercorso alcuni dei concetti toccati dai precedenti interventi spaziando dalle conseguenze della società dell invecchiamento, ai problemi etici legati all inizio e al fine vita, dalla dicotomia malattia-guarigione fino a soffermarsi sugli effetti causati dall evoluzione della medicina e delle nuove tecnologie. Nella parte finale dell intervento il dottor Sala ha posto l accento sull importanza crescente che sta assumendo la figura del caregiver familiare all interno di questi aspetti mettendo in luce ad esempio: le difficoltà nel prendere decisioni, le problematiche economiche, la conciliazione tra la vita lavorativa e quella personale ed la necessità di integrare il processo di specializzazione del curare in quello più ampio della cura, riuscire cioè a realizzare il passaggio dal to cure al to care. NELLA SECONDA PARTE DELLA MATTINATA SONO INTERVENUTI DIVERSI RAPPRESENTANTI DELLE AS- SOCIAZIONI DI VOLONTARIATO OPERANTI SUL TERRITORIO. La Presidente del GAFA - Gruppo Assistenza Famigliari Alzheimer, Dott.ssa Annalena Ragazzoni, dopo aver specificato che il caregiver familiare, essendo la persona che meglio conosce il malato e che spesso trasferisce ad esso la terapia prescritta dal medico, deve essere coinvolto in tutte le fasi della malattia del proprio caro, ha posto una serie di interrogativi per stimolare ad una riflessione più consapevole sul tema. Per citarne alcuni: Quando ed in che modo comunicare la diagnosi? Come ricercare il benessere del malato e del caregiver senza che questi entrino in conflitto? In che momento si deve delegare la cura (istituzionalizzazione)? Newsletter CARER 4

5 Il presidente onorario dell associazione Alice-Associazione per la lotta all ictus celebrale, Dott. Gabriele Greco ha proposto una riflessione sulla comunicazione tra medico, paziente e familiare mettendo in luce come è e come invece dovrebbe essere tale relazione. In particolare una buona relazione è quella partecipata, non sbrigativa, basata sull alleanza terapeutica tra gli attori coinvolti famigliari inclusi- e sulla narrazione. Il Presidente dell AMO Associazione Malati Oncologici, Dott. Fabrizio Artioli, ha illustrato il ruolo giocato dai caregiver a partire dal proprio vissuto personale: un esperienze di caregiver che gli ha fatto capire l importanza dello stare vicino al famigliare da parte dei servizi. In particolare 3 aspetti e le loro problematiche vengono enfatizzati oltre a quella della relazione già illustrato in precedenti interventi: la diagnosi, la prognosi e la condivisione della cura. Successivamente, il Presidente dell Associazione progetto per la vita, Sergio Saltini ha presentato gli obiettivi perseguiti dall Associazione che cerca di supportare i ragazzi con disabilità nella realizzazione del proprio percorso di vita. Autonomia e sessualità sono due delle parole chiave dell intervento in cui vengono spiegate le attività messe in campo per permettere a questi ragazzi di vivere una buona vita. L intervento della Presidente del Gruppo Parkinson, Paola Neri si è incentrato sulla efficacia che la medicina narrativa può avere su diverse tipologie di pazienti riportando il suo caso specifico di malato di Parkinson. Con poche frasi Neri è riuscita a dare informazioni sulla propria patologia e sulle battaglie che ogni giorno porta avanti insieme ai famigliari, sottolineando l importanza della capacità di ascolto da parte del personale medico e degli altri attori della cura. Lalla Golfarelli, Presidente dell Associazione dei Caregiver Familiari dell Emilia Romagna- CARER, ha offerto una panoramica completa delle questioni cogenti che riguardano i caregiver familiari: dalla responsabilità delle decisioni che si è chiamati a dover prendere, alla difficoltà del ruolo, dall uscita dall invisibilità grazie alla legge regionale n.2 del 2014 che ha dato diritto di cittadinanza ai caregiver familiari dell Emilia Romagna e che ora deve essere resa operativa. Golfarelli, nel sottolineare poi quanto ancora occorra fare perché, nella realtà quotidiana, il rapporto medico-paziente-caregiver evolva nella giusta direzione evidenziata dagli interventi che l hanno preceduta, ha poi ribadito la necessità di un riconoscimento delle competenze maturate grazie all attività di cura. L ultimo intervento del terzo settore è stato realizzato da Carlo Alberto Fontanesi, Presidente della Consulta del Volontariato di Carpi, che, oltre a riprendere gli aspetti più rilevanti della figura del caregiver familiare, ha ribadito l importanza di consolidare l alleanza tra il mondo del volontariato, le istituzioni, il privato sociale e le famiglie. Concludendo la sua presentazione con l augurio che iniziative come quella del caregiver familiare, giunta alla sua 5 edizione, possano continuare nel tempo per creare un ponte sempre più forte e coeso tra volontari, caregiver famigliari e servizi. 5 Newsletter CARER CARER Emilia Romagna

6 CARER Emilia Romagna L incontro si è concluso con l intervento della Vicepresidente e Assessore alle Politiche di Welfare della Regione Emilia-Romagna, Elisabetta Gualmini che ha ribadito l importanza di mettere le narrazioni e le persone dentro la politica. Rispetto alla tematiche trattate nel corso del convegno, con un particolare focus alla figura del caregiver famigliare, la Vicepresidente Gualmini ha sottolineato tre aspetti fondamentali sui quali la Regione Emilia Romagna si sta impegnando: 1l aspetto legislativo: con l adozione della legge regionale 2/2014 e le linee attuative in avvio di elaborazione, la Regione afferma la piena volontà di riconoscere e sostenere la figura del caregiver famigliare e la sua collocazione all interno ella rete dei servizi; l aspetto delle risorse : il 2 fondo della non autosufficienza regionale è maggiore di quello stanziato al livello nazionale e malgrado la crisi è stato mantenuto intatto, a comprova della volontà politica di supportare la non autosufficienza e la fragilità; la visione: il paradigma 3 della Regione mette al centro la persona, in coerenza con il leitmotiv del convegno che è stato quello di conferire una nuova importanza alla relazione di cura, sulla quale qualificare ed innovare il sistema dei servizi. Gualmini ha poi concluso con un apprezzamento al lavoro svolto nel Caregiver Day affermando altresì che il prossimo anno opererà per un CAREGIVER DAY unitario a livello regionale. I MATERIALI DEL CONVEGNO SONO SCARICABILI DAL SITO: Newsletter CARER 6 Associazione CARER, Via Lenin 55, tel fax

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

CAREGIVER FAMILIARE : SCHEDA DI BUONA PRATICA :

CAREGIVER FAMILIARE : SCHEDA DI BUONA PRATICA : CAREGIVER FAMILIARE : SCHEDA DI BUONA PRATICA : il ruolo di un soggetto del terzo settore a sostegno del caregiving familiare 31/03/2014 ANZIANI E NON SOLO soc. coop Loredana Ligabue 1.Premessa Quasi l'80%

Dettagli

Deliberazione legislativa n. 87/2014 2. Art. 1 Finalità

Deliberazione legislativa n. 87/2014 2. Art. 1 Finalità Deliberazione legislativa n. 87/2014 2 Art. 1 Finalità 1. La Regione Emilia-Romagna riconosce e promuove, nell ambito delle politiche del welfare, la cura familiare e la solidarietà come beni sociali,

Dettagli

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare 1 Relazione Il caregiver familiare

Dettagli

In collaborazione con ANPIS, AUSER, CSV di Bologna, DSM Bologna, DSM Ferrara, UNASAM. propongono il seminario

In collaborazione con ANPIS, AUSER, CSV di Bologna, DSM Bologna, DSM Ferrara, UNASAM. propongono il seminario In collaborazione con ANPIS, AUSER, CSV di Bologna, DSM Bologna, DSM Ferrara, UNASAM propongono il seminario Promuovere la salute mentale nella comunità: È utile lo sport? 1 Venerdì 15 dicembre 2006 (Bologna,

Dettagli

L anziano ammalato e la sua famiglia Giornata Mondiale del Malato 2008 La famiglia nella realtà della malattia

L anziano ammalato e la sua famiglia Giornata Mondiale del Malato 2008 La famiglia nella realtà della malattia L anziano ammalato e la sua famiglia Giornata Mondiale del Malato 2008 La famiglia nella realtà della malattia Il Gruppo di Ricerca Geriatrica di Brescia contribuisce al dibattito sulla tematica della

Dettagli

Convenzione per il sostegno alle attività dell Associazione G.P. Vecchi Pro Senectute ed Dementia

Convenzione per il sostegno alle attività dell Associazione G.P. Vecchi Pro Senectute ed Dementia Convenzione per il sostegno alle attività dell Associazione G.P. Vecchi Pro Senectute ed Dementia Richiamati : la deliberazione di Assemblea legislativa regionale n. 175 del 22 maggio 2008 avente per oggetto

Dettagli

LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO

LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO ASPETTI BIOETICI, LIVELLI ASSISTENZIALI E RETE DEI SERVIZI Rovereto, 16 ottobre 2009 Auditorium Melotti MaRT L assistenza al morente Massimo Petrini Centro di

Dettagli

DOCUMENTO. 25 Novembre 2014

DOCUMENTO. 25 Novembre 2014 DOCUMENTO Giornata internazionale contro la violenza sulle donne: insieme contro la violenza sul lavoro Consigliere di parità dalla parte delle donne e del lavoro 25 Novembre 2014 Promuovere il lavoro

Dettagli

LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO

LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO III MASTER POST-UNIVERSITARIO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO Direttore: Dott.ssa A. Chillà Coordinatori didattici: dott. A. Borzone, dr. A. Centanni

Dettagli

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo L esperienza dell Azienda Sanitaria Locale della provincia di Varese ALCUNE CONSIDERAZIONI La creazione

Dettagli

1 Workshop NAZIONALE. Villa Pallavicini - Via M. E. Lepido, 196 - Bologna

1 Workshop NAZIONALE. Villa Pallavicini - Via M. E. Lepido, 196 - Bologna Istituto Petroniano Studi Sociali Emilia Romagna 1 Workshop NAZIONALE Venerdì 11 Ottobre 2013 CON NOI E DOPO DI NOI Assistenza e presa in carico delle persone in stato di minima responsività tra SUAP e

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 Approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 642 in data 8 maggio 2015. PREMESSA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Comune e Ausl realizzano il Centro per l Autismo per dare una risposta integrata alle famiglie

COMUNICATO STAMPA. Comune e Ausl realizzano il Centro per l Autismo per dare una risposta integrata alle famiglie COMUNICATO STAMPA Comune e Ausl realizzano il Centro per l Autismo per dare una risposta integrata alle famiglie Parma, 2 aprile 2010. Sorgerà in via La Spezia, nei locali della ex scuola elementare San

Dettagli

CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI

CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI PROF.SSA LUISA BARTORELLI Direttore Centro Alzheimer della Fondazione Roma CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI La sfida che la crescita esplosiva della popolazione anziana pone

Dettagli

CARTA DEI DIRITTI DELLA MALATTIA DI HUNTINGTON. Le famiglie in alleanza con il sistema di cura.

CARTA DEI DIRITTI DELLA MALATTIA DI HUNTINGTON. Le famiglie in alleanza con il sistema di cura. CARTA DEI DIRITTI DELLA MALATTIA DI HUNTINGTON. Le famiglie in alleanza con il sistema di cura. PREMESSA 1. La malattia di Huntington e le sue implicazioni 1 La Malattia di Huntington (MH) è una patologia

Dettagli

GERBERA D ORO 10 ANNI AL FIANCO DELLE STRUTTURE PER LA LOTTA AL DOLORE

GERBERA D ORO 10 ANNI AL FIANCO DELLE STRUTTURE PER LA LOTTA AL DOLORE GERBERA D ORO 10 ANNI AL FIANCO DELLE STRUTTURE PER LA LOTTA AL DOLORE Gerbera d oro 2006 Il 2006 è l anno in cui è stato istituito il premio Gerbèra d oro : riconoscimento attribuito alla struttura sanitaria

Dettagli

Tecnologia Solidale per la Dignità della Persona Disabile

Tecnologia Solidale per la Dignità della Persona Disabile Tecnologia Solidale per la Dignità della Persona Disabile Nell ambito della visita pastorale del Pontificio Consiglio per la Salute della Santa Sede alle persone con disabilità della comunità veronese,

Dettagli

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PREMESSA L Associazione Italiana Malattia di Alzheimer (AIMA) nasce a livello nazionale nel 1985 con l obiettivo di dare voce alle necessità delle famiglie colpite

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

Affrontare la demenza: insieme si può!

Affrontare la demenza: insieme si può! Con il patrocinio di Convegno Affrontare la demenza: insieme si può! Lunedì 21 settembre 2015 ore 15.00-19.00 Hotel Classic, Via Pasteur 121C - Reggio Emilia Presentazione Le demenze, in crescente aumento

Dettagli

LA MEDICINA DIFRONTIERA E LA MEDICINA DIFENSIVA

LA MEDICINA DIFRONTIERA E LA MEDICINA DIFENSIVA LA MEDICINA DIFRONTIERA E LA MEDICINA DIFENSIVA Prof. ssa Rossana Cecchi Dipartimento di Scienze anatomiche, istologiche, medico-legali e dell apparato locomotore Università Sapienza - Roma COSTITUZIONE

Dettagli

Relplus: relazioni interpersonali positive II Edizione

Relplus: relazioni interpersonali positive II Edizione Relplus: relazioni interpersonali positive II Edizione Indice Introduzione... 1 Descrizione... 2 Obiettivi generali... 2 Destinatari... 3 Durata... 3 Calendario e temi... 3 Formatori /Formatrici... 7 Sede...

Dettagli

CODICE ETICO dell Università degli Studi di Brescia

CODICE ETICO dell Università degli Studi di Brescia CODICE ETICO dell Università degli Studi di Brescia (approvato dal Senato Accademico nella seduta del 17 maggio 2011) Preambolo 1. L Università degli Studi di Brescia (d ora innanzi Università) consapevole

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

- Perchè definire un modello ideale di assistenza

- Perchè definire un modello ideale di assistenza - Perchè definire un modello ideale di assistenza La Federazione UNIAMO, attraverso numerosi incontri e momenti di riflessione e confronto realizzati con le associazioni federate e non all interno di percorsi

Dettagli

Politiche e strumenti a favore del caregiver familiare: informazione, formazione supporto e reinserimento lavorativo

Politiche e strumenti a favore del caregiver familiare: informazione, formazione supporto e reinserimento lavorativo Forum sulla Non Autosufficienza Bologna 9-10 novembre 2011 Centro Congressi Savoia Hotel Politiche e strumenti a favore del caregiver familiare: informazione, formazione supporto e reinserimento lavorativo

Dettagli

CONNESSIONI 3.0: l inclusione sociale come metodologia sociale e organizzativa

CONNESSIONI 3.0: l inclusione sociale come metodologia sociale e organizzativa FONCOOP AVVISO 32 STANDARD FONDO DI ROTAZIONE CONNESSIONI 3.0: l inclusione sociale come metodologia sociale e organizzativa CONTESTO Connessioni è un progetto avviato da più di tre anni E stato e continuerà

Dettagli

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA Antonio Brambilla Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Regione Emilia Romagna Il tema della fragilità è un tema estremamente

Dettagli

ArteMusiCafèAlzheimer per non dimenticare chi dimentica..

ArteMusiCafèAlzheimer per non dimenticare chi dimentica.. ArteMusiCafèAlzheimer per non dimenticare chi dimentica.. Per il miglioramento della qualità della vita della Persona con Alzheimer (e/o demenze correlate) e del caregiver nella gestione di cura. Il progetto

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Rete Antiviolenza Città di Livorno. Arma dei Carabinieri Livorno

Rete Antiviolenza Città di Livorno. Arma dei Carabinieri Livorno Rete Antiviolenza Città di Livorno Comune di Livorno Questura di Livorno Arma dei Carabinieri Livorno Azienda USL 6 Livorno Ippogrifo Associazione PROTOCOLLO DI INTESA TRA COMUNE DI LIVORNO/ASSESSORATO

Dettagli

NODULI E TUMORI DELLA TIROIDE: STATO DELL ARTE

NODULI E TUMORI DELLA TIROIDE: STATO DELL ARTE Dipartimento di Medicina Interna Reparto di Medicina Oncologica Direttore: Dott. Fabrizio Artioli Dipartimento di Medicina Interna Reparto di Medicina Interna Direttore: Dott. Carlo Di Donato Modulo di

Dettagli

Seminario Dagli hospice al volontariato: esperienze di fine vita

Seminario Dagli hospice al volontariato: esperienze di fine vita Seminario Dagli hospice al volontariato: esperienze di fine vita Sabato 21 febbraio si è svolto a Mestre il Seminario dal titolo Dagli hospice al volontariato: esperienze di fine vita. Si è trattato, come

Dettagli

RASSEGNA STAMPA Ragionata. Alcol e Droga Quale soluzione?

RASSEGNA STAMPA Ragionata. Alcol e Droga Quale soluzione? RASSEGNA STAMPA Ragionata Alcol e Droga Quale soluzione? -Sala Consiliare Comune di Ceprano- Frosinone, 11 aprile 2014 www.youarefuture.it Patrocini: In Breve Ciociaria Oggi - Articolo dell 11 aprile 2014.

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado ESTRATTO Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado SCHEDA TECNICA DELL INTERVENTO (novembre 2010) I. PRESENTAZIONE DELLA ATTIVITA (FORMAZIONE

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328 E DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

AISLA - Sez. Reggio Calabria Associazione socio culturale Ponti Pialesi Associazione Y Cassiopea In Collaborazione con

AISLA - Sez. Reggio Calabria Associazione socio culturale Ponti Pialesi Associazione Y Cassiopea In Collaborazione con SEZIONE DI REGGIO CALABRIA "Dagli occhi al cuore Scegli tu la via " Progetto promosso da AISLA - Sez. Reggio Calabria Associazione socio culturale Ponti Pialesi Associazione Y Cassiopea In Collaborazione

Dettagli

In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico.

In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico. In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico. La complessità del quadro demografico Le persone ultra sessantenni sono oltre 540.000, di cui le donne sono 261.000; gli ultra

Dettagli

Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia

Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia Dr.ssa Valentina Panella Psicologa - Psicoterapeuta Firenze, 6

Dettagli

ETICA DELLA CURA E UMANIZZAZIONE DELL ASSISTENZA SANITARIA AL MALATO.

ETICA DELLA CURA E UMANIZZAZIONE DELL ASSISTENZA SANITARIA AL MALATO. IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza San Giovanni Rotondo CORSO DI FORMAZIONE ETICA DELLA CURA E UMANIZZAZIONE DELL ASSISTENZA SANITARIA AL MALATO. Evento formativo accreditato ECM, aperto a tutte le professioni

Dettagli

PRESENTAZIONE dell OSSERVATORIO: 1. CENNI STORICI 2. MISSION SERVIZI FORNITI: 1. AREA BAMBINI e ADOLESCENTI. a. ATTIVITA DI GRUPPO

PRESENTAZIONE dell OSSERVATORIO: 1. CENNI STORICI 2. MISSION SERVIZI FORNITI: 1. AREA BAMBINI e ADOLESCENTI. a. ATTIVITA DI GRUPPO PRESENTAZIONE dell OSSERVATORIO: 1. CENNI STORICI 2. MISSION SERVIZI FORNITI: 1. AREA BAMBINI e ADOLESCENTI a. ATTIVITA DI GRUPPO b. ATTIVITA INDIVIDUALI 2. AREA ADULTI e GENITORI a. ATTIVITA DI GRUPPO

Dettagli

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari Comunicato stampa Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari grazie ad una convenzione tra Ausl, Fondazione e

Dettagli

Perticone Rosalvo. Dirigente Psicologo Azienda USL3 Pistoia Toscana. r.perticone@usl3.toscana.it

Perticone Rosalvo. Dirigente Psicologo Azienda USL3 Pistoia Toscana. r.perticone@usl3.toscana.it C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Perticone Rosalvo Data di nascita 15 Settembre 1954 Qualifica Amministrazione Dirigente Psicologo Azienda USL3 Pistoia Toscana Incarico attuale

Dettagli

Incontriamoci a scuola

Incontriamoci a scuola a.s. 2014-2015 I. C. via Ferraironi Roma PROGETTO DI PSICOLOGIA SCOLASTICA Incontriamoci a scuola progetto vincitore bando Regione Lazio Promozione di nuove frontiere per l integrazione sociale Premessa

Dettagli

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA PREMESSA La Malattia di Alzheimer (MA) rappresenta un problema sanitario e sociale di primaria importanza

Dettagli

ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI - COMUNE DI MESSINA PER UN WELFARE DI COMUNITÀ: LINEE D INDIRIZZO POLITICO

ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI - COMUNE DI MESSINA PER UN WELFARE DI COMUNITÀ: LINEE D INDIRIZZO POLITICO ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI - COMUNE DI MESSINA PER UN WELFARE DI COMUNITÀ: LINEE D INDIRIZZO POLITICO 1. Verso un welfare della comunità messinese: le basi politiche delle nostre azioni Crisi di sistema

Dettagli

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE Relazione del Presidente Regionale CNA Pensionati- Giovanni Giungi A noi viene voglia, nonostante questa valle

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

ANZIANI E NON SOLO :PROGETTI EUROPEI E NAZIONALI

ANZIANI E NON SOLO :PROGETTI EUROPEI E NAZIONALI ANZIANI E NON SOLO :PROGETTI EUROPEI E NAZIONALI ASPASIA TALENTI DI CURA DIADE Partenariato europeo per il benessere e la dignità degli anziani EUROPEAN Appena approvato LIFE AFTER CARE ANZIANI E NON SOLO

Dettagli

ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari.

ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari. LA CARTA DEI VALORI ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari. DIGNITÀ Ci impegniamo ogni giorno per

Dettagli

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 42/11 DEL 4.10.2006 PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO 1 - Introduzione Il programma Ritornare a casa è finalizzato

Dettagli

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO Piccoli PA.S.S.I.- Parrocchia di San Prospero Sostegno Scolastico Integrato di bambini e ragazzi con Disturbi Specifici dell Apprendimento e Bisogni Educativi Speciali PREMESSA In ambito scolastico e,

Dettagli

Famiglia e sistema di welfare

Famiglia e sistema di welfare Famiglia e sistema di welfare Raoul Mosconi 31/03/2014 1. Il Piano nazionale per la famiglia: la necessità di un quadro organico: per fare cosa? 2. Qualcosa si muove: buone prassi e riforme in corso 3.

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 Il Progetto Educativo di Istituto (PEI) che definisce l identità e le finalità educative e culturali dell istituto Bertoni

Dettagli

LA FORMAZIONE VINCENTE

LA FORMAZIONE VINCENTE CFMT E MANAGER LA FORMAZIONE VINCENTE Gli ultimi dati del nostro Centro di formazione del terziario confermano che i dirigenti non rinunciano a percorsi formativi. Ma cosa si chiede oggi alla formazione?

Dettagli

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI L esperienza del bambino, gli aspetti giuridici, il padre adottivo: costruire i nuovi legami familiari a cura di Fiamma Buranelli, Patrizia Gatti e Emanuela Quagliata Presentazione

Dettagli

La Scuola di Volontariato. Il tema: gratuità e felicità. Metodologia didattica

La Scuola di Volontariato. Il tema: gratuità e felicità. Metodologia didattica La Scuola di Volontariato La Scuola di Volontariato è promossa dal Coge Emilia Romagna e dal Coordinamento Centri di Servizio per il Volontariato Emilia Romagna con l intento di stimolare riflessioni sugli

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Giulia Fabiano Indirizzo Via Miglioli 75, Soresina, Cr Telefono 3394508370 E-mail giuliafabiano@virgilio.it

Dettagli

claudia.bonari@gmail.com ITALIANA 14/05/1984 PESCIA (PT)

claudia.bonari@gmail.com ITALIANA 14/05/1984 PESCIA (PT) Curriculum Vitae Claudia Bonari INFORMAZIONI PERSONALI Nome BONARI CLAUDIA E-mail Nazionalità Data e luogo di nascita Telefono 3298663939 claudia.bonari@gmail.com ITALIANA 14/05/1984 PESCIA (PT) ESPERIENZA

Dettagli

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: l Associazione Alzheimer Svizzera chiede un accompagnamento e un assistenza completi per i malati di demenza. Pensieri suicidi nelle persone affette da

Dettagli

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali Allegato 3 Delibera di Giunta regionale n. 1206 del 30/7/2007 Linee di indirizzo per favorire la qualificazione e la regolarizzazione del lavoro di cura delle assistenti familiari nell ambito delle azioni

Dettagli

20 anni al servizio delle persone

20 anni al servizio delle persone 20 anni al servizio delle persone CHI SIAMO Nata a Bologna nel 1994, Àncora è una Cooperativa sociale di servizi alla persona che si occupa della gestione di servizi socio assistenziali, sanitari ed educativi

Dettagli

Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO

Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Titolo del progetto Ente proponente UNA RETE PER L ALZHEIMER (area disuguaglianze di salute ) Comune di

Dettagli

Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1

Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1 Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1 POLITICHE DI COMUNITA LE RETI DI RESPONSABILITA ATTIVAZIONE E GOVERNO. Responsabilità e compiti dei servizi sociali. Mauro Perino. E da tempo evidente che i servizi

Dettagli

LA RETE ONCOLOGICA LAZIALE

LA RETE ONCOLOGICA LAZIALE LA RETE ONCOLOGICA LAZIALE LA PERCEZIONE DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE Dott.Antonio Verginelli MMG DOVRESTI GUARDARE IL CANCRO COME L INIZIO DI UNA NUOVA VITA: DAL MOMENTO DELLA SUA SCOPERTA NULLA SARA,

Dettagli

Invecchiamento attivo: una sfida e una risorsa per la comunità Milano, 5 novembre 2012 Sala delle Colonne Banca Popolare di Milano

Invecchiamento attivo: una sfida e una risorsa per la comunità Milano, 5 novembre 2012 Sala delle Colonne Banca Popolare di Milano Invecchiamento attivo: una sfida e una risorsa per la comunità Milano, 5 novembre 2012 Sala delle Colonne Banca Popolare di Milano Sergio Veneziani Presidente Auser Lombardia Bruno Marasà Responsabile

Dettagli

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4 Linee Guida regionali per lo sviluppo della rete per le cure palliative in Puglia, in attuazione dell Atto d Intesa sottoscritto in Conferenza Stato Regioni (Rep. N. 152/2012) pagina Premessa 2 Riferimenti

Dettagli

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica L Assistente Sociale e la Rete Oncologica Tavola Rotonda Paola Giribaldi Torino, 14 settembre 2013 La Rete degli Assistenti Sociali E stata istituita con Determinazione Regionale n. 265 dell' 8 settembre

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

La relazione con il paziente e la sua famiglia

La relazione con il paziente e la sua famiglia La relazione con il paziente e la sua famiglia 10-17 giugno 2006 Giuliana Carrara psicologa ospedaliera Riflessione sul tempo Il tempo, quando ne resta poco, è riservato al paziente ed alla famiglia. Ai

Dettagli

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE ex. Art. 3 Rete solidale e collaborazioni internazionali del DM del 21 luglio 2006 Programma straordinario

Dettagli

Gender Community per la valorizzazione delle donne e del lavoro. Un percorso di innovazione

Gender Community per la valorizzazione delle donne e del lavoro. Un percorso di innovazione Gender Community per la valorizzazione delle donne e del lavoro. Un percorso di innovazione Daniela Oliva - IRS Bologna, 30 Giugno 2015 Una storia che inizia da lontano donne e lavoro 2007 - Analisi e

Dettagli

ABSTRACT PROGETTO CLASSE APERTA PER UNA SCUOLA SOCIALE

ABSTRACT PROGETTO CLASSE APERTA PER UNA SCUOLA SOCIALE ABSTRACT PROGETTO CLASSE APERTA PER UNA SCUOLA SOCIALE Descrizione dell iniziativa/progetto ed ambiti operativi di intervento L idea Nel nostro paese la partecipazione alla vita scolastica e sociale in

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA Le associazioni dei pensionati del lavoro autonomo aderenti al CUPLA esprimono un giudizio

Dettagli

Piano Formativo Crescere professionisti del Lavoro Sociale a cura della Commissione Formazione. anno 2015

Piano Formativo Crescere professionisti del Lavoro Sociale a cura della Commissione Formazione. anno 2015 Piano Formativo Crescere professionisti del Lavoro Sociale a cura della Commissione Formazione anno 2015 CONVEGNO Quello che presentiamo è il primo Piano Formativo che il CROAS propone alla comunità professionale

Dettagli

UN LASCITO A FAVORE DELL ASSOCIAZIONE

UN LASCITO A FAVORE DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE FABIO SASSI O N L U S DIGNITA ALLA FINE DELLA VITA UN LASCITO A FAVORE DELL ASSOCIAZIONE FABIO SASSI ABBIAMO ANCORA BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO PER FARE DI PIÙ E SEMPRE MEGLIO Cara amica, caro

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

La governance. dei sistemi di welfare regionali

La governance. dei sistemi di welfare regionali Università Ca Foscari Venezia Università Cattolica Milano La governance I punti focali dell analisi sulla governance delle regioni aderenti al: dei sistemi di welfare regionali Progetto sperimentale di

Dettagli

A.N.F.E. Delegazione Regionale Sicilia. Paolo Genco. [ Saluti e discorso introduttivo. Acireale 29 novembre 2014]

A.N.F.E. Delegazione Regionale Sicilia. Paolo Genco. [ Saluti e discorso introduttivo. Acireale 29 novembre 2014] 2014 A.N.F.E. Delegazione Regionale Sicilia Paolo Genco [ Saluti e discorso introduttivo 2014] Acireale 29 novembre Sua Eccellenza Reverendissima Monsignor Raspanti, vescovo di Acireale 2 Gentili Signore

Dettagli

Ministro Lorenzin alla Giornata nazionale per la ricerca sul cancro

Ministro Lorenzin alla Giornata nazionale per la ricerca sul cancro Ministro Lorenzin alla Giornata nazionale per la ricerca sul cancro Il discorso pronunciato dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin alla Cerimonia di Celebrazione della Giornata Nazionale per la Ricerca

Dettagli

31 maggio 2014: giornata del Caregiver Il Comune di Bologna, l'asp Città di Bologna, l'azienda USL aderiscono alla giornata regionale del Caregiver

31 maggio 2014: giornata del Caregiver Il Comune di Bologna, l'asp Città di Bologna, l'azienda USL aderiscono alla giornata regionale del Caregiver 31 maggio 2014: giornata del Caregiver Il Comune di Bologna, l'asp Città di Bologna, l'azienda USL aderiscono alla giornata regionale del Caregiver I Care, mi interessa. Il cartello campeggiava nella scuola

Dettagli

Sul Cammino dell incontro di sé e dell altro per vivere in pace

Sul Cammino dell incontro di sé e dell altro per vivere in pace Corso di Formazione alla Mediazione Umanistica dei Conflitti: 18-19 Aprile 2015 Sul Cammino dell incontro di sé e dell altro per vivere in pace Sede dell evento :Casa di Cura Domus Salutis Via Lazzaretto

Dettagli

La popolazione anziana come realtà emergente e portatrice di nuovi bisogni: strategie di miglioramento nei servizi di assistenza agli anziani

La popolazione anziana come realtà emergente e portatrice di nuovi bisogni: strategie di miglioramento nei servizi di assistenza agli anziani Corso di aggiornamento professionale In cooperazione con l'oaser - Ordine degli Assistenti Sociali dell' La popolazione anziana come realtà emergente e portatrice di nuovi bisogni: strategie di miglioramento

Dettagli

PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO Edizione 2012

PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO Edizione 2012 PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO Edizione 2012 Premessa Il progetto Età Libera Invecchiamento Attivo 2012 permette di avviare in via definitiva una fase innovativa sui temi che ruotano intorno

Dettagli

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it Il ruolo infermieristico È tra le figure professionali che si trova quotidianamente

Dettagli

Etica clinica e medical humanities

Etica clinica e medical humanities Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento sanità Etica clinica e medical humanities Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc Il Certificate of Advanced Studies (CAS)

Dettagli

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili.

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili. Testimonianza presentata al Convegno Amministrazione di sostegno e Volontariato svoltosi a Bologna il 14 ottobre 2011 Avvocato Carla Baiesi, Amministratore di Sostegno Mi è stato chiesto di dare al mio

Dettagli

AMA Auto Mutuo Aiuto Centro di Solidarietà di Reggio Emilia

AMA Auto Mutuo Aiuto Centro di Solidarietà di Reggio Emilia Attività PRIMAVERA 2015 AMA Auto Mutuo Aiuto Centro di Solidarietà di Reggio Emilia Onlus AMA auto mutuo aiuto L auto mutuo aiuto del CeIS di Reggio Emilia è l offerta per tutti coloro che hanno un problema

Dettagli

1999 Laurea breve in Servizio Sociale conseguito presso università degli studi di Bologna votazione finale 70/70

1999 Laurea breve in Servizio Sociale conseguito presso università degli studi di Bologna votazione finale 70/70 Mariapia Resca Istruzione 1992/93 Diploma di maturità conseguito presso istituto tecnico scientifico Elisabetta Sirani votazione finale 48/60 1994/95 Diploma di Infermiera Professionale conseguito presso

Dettagli

Master Universitario di 1 Livello

Master Universitario di 1 Livello UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Dipartimento di Scienze Chirurgiche Master Universitario di 1 Livello CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE PER PROFESSIONI SANITARIE Direttore: Prof. Leopoldo Sarli Coordinatore

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Le manifestazioni del dolore

Le manifestazioni del dolore Le manifestazioni del dolore Riconoscere la sofferenza Dirigente Assistenza Infermieristica Annamaria Marzi Infermiera Professionale Rosanna Sassi Hospice Casa Madonna dell Uliveto Albinea -Reggio Emilia

Dettagli

ATTIVAZIONE SERVIZI DI SUPPORTO AD ANZIANI AFFETTI DA DEMENZA E AD ANZIANI FRAGILI CAPITOLATO

ATTIVAZIONE SERVIZI DI SUPPORTO AD ANZIANI AFFETTI DA DEMENZA E AD ANZIANI FRAGILI CAPITOLATO ATTIVAZIONE SERVIZI DI SUPPORTO AD ANZIANI AFFETTI DA DEMENZA E AD ANZIANI FRAGILI CAPITOLATO OGGETTO L Amministrazione intende offrire alla popolazione anziana affetta da demenza o fragile un sistema

Dettagli