Alice cerca amici (il sé e l altro)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alice cerca amici (il sé e l altro)"

Transcript

1 Progetto Alice - Crescere insieme Scuole dell'infanzia III Istituto comprensivo Scandicci Scuola Secondaria di secondo grado Sassetti Peruzzi Scandicci D'imparare non si finisce mai e quel che non si sa è sempre più importante di quel che si sa già (G. Rodari) PREMESSA Il progetto, svolto nell anno scolastico 2013/2014, ha coinvolto le sezioni E e D della Scuola dell'infanzia Italo Calvino, le sezioni B e D della Scuola dell'infanzia di San Colombano e le classi seconde dell'istituto Sassetti Peruzzi indirizzo Socio-Sanitario. Il progetto ha voluto creare sinergie operative tra i bambini di cinque anni della Scuola dell'infanzia e gli alunni della Scuola Secondaria. Lo sfondo integratore che ha fatto da collante per tutte le attività è la storia di Alice nel paese delle meraviglie di Lewis Carrol liberamente adattata; a conclusione del lavoro, durante la festa di fine anno scolastico, si è svolta una rappresentazione teatrale (in ognuna delle due scuole dell infanzia) che ha visto bambini e ragazzi recitare, cantare e ballare insieme. OBIETTIVI E ATTIVITA Gli obiettivi e le attività che abbiamo svolto nella scuola dell infanzia, per ciascun campo di esperienza, sono: Alice cerca amici (il sé e l altro) Obiettivi Attività 1) Partecipare ai giochi e alle proposte interagendo con i compagni e con gli adulti 2) Collaborare alla realizzazione di un progetto comune scoprendo valori come la solidarietà, l amicizia e la condivisione 3) Riconoscere il punto di vista altrui accogliendo le diversità come valore positivo 4) Riuscire ad esprimere emozioni negative e positive: gioia, benessere, paura, rabbia, vergogna, frustrazione, tristezza, 1) Ascolto nel grande gruppo della storia di Alice sintetizzata in sette scene supportate da immagini 2) Riproduzione grafica delle sette scene della storia su grandi teli da utilizzare come sfondi per la sua rappresentazione teatrale e scelta dei materiali per ambientare la storia (costumi, musiche, coreografie) 3) Discussione sulla scelta dei ruoli per impersonare i soggetti della storia tenendo conto delle esigenze dei tempi dello spettacolo, dei desideri e delle competenze di ciascun bambino 4) Rielaborazione verbale-grafica, mimica-gestuale delle emozioni provate da Alice e raffronto con eventuali emozioni provate dai bambini

2 Alice nel labirinto (il corpo e il movimento) Obiettivi Attività 1) Concettualizzazione di valori di ordine spaziale e temporale 2) Distinzione sulla base della lateralizzazione 3) Sviluppo delle capacità di coordinazione ed equilibrio 4) Acquisizione di competenze sociomotorie (strategie nell interazione motoria) 1) Giochi motori regolati da varianti spaziali (dentro-fuori, vicino-lontano), temporali (prima-dopo, lento-veloce) e della lateralità (destra-sinistra): - Percorso con tunnel, cerchi, ecc. - labirinto 2) Percorsi motori con schemi motori di base (spingere, ruotare, colpire, trasportare ecc ): - Partita di croquet 3) Giochi motori con interazioni a coppie o a gruppi: - Ballo della quadriglia - Girotondo - Gioco della Combriccola - Gioco del tè (spostati un po più in là) 4) Giochi di movimento con regole Alice nel paese delle meraviglie (immagini, suoni e colori) Obiettivi Attività 1) Uso reale e immaginario del colore cogliendone sfumature, gradazioni, trasparenze, intensità, mescolanze per ottenere gli effetti voluti 2) Competenza nelle varie tecniche come pittura con pennelli e rulli, collage, frottage, stencil, ecc 3) Competenza ritmica, riconoscendo intensità e durata del suono, uso dei registri vocali in funzione dei personaggi da interpretare 4) Capacità di memorizzare canti, filastrocche e semplici coreografie interagendo con il resto del gruppo 1) Realizzazione dell ambiente scenico per la rappresentazione della storia di Alice; realizzazione degli inviti per la festa di fine anno 2) Realizzazione dei costumi di scena e costruzione di oggetti tridimensionali con materiale di recupero per l ambientazione teatrale della storia 3) Prove coreografiche, ascolto dei brani musicali che saranno le colonne sonore della rappresentazione della storia 4) Memorizzazione di canzoni, dialoghi e monologhi della storia

3 Alice sa quel che dice (i discorsi e le parole) Obiettivi Attività 1) Ascolta, comprende la narrazione, racconta e inventa storie 2) Sperimenta rime, filastrocche, drammatizzazioni; inventa nuove parole, cerca somiglianze e analogie tra suoni e significati. 3) Sa esprimere e comunicare agli altri i sentimenti e le emozioni. 4) Scopre la presenza di lingue diverse. Si misura con la creatività e la fantasia 1) Individuare gli ambienti dove si svolgono le azioni. Suddivisione grafica e scritta della storia in sequenze. Mettere in sequenza le sette scene. Verbalizzare le scene. Individuare i personaggi chiave. Inventare finali diversi. 2) Lettura di filastrocche; Conoscere il significato di nuove parole; Divertiamoci con rime e assonanze; inventiamo significati e troviamo parole composte. 3) Individuare i diversi stati d animo di Alice e paragonarli al proprio vissuto 4) Scopriamo l inglese con giochi e canzoni Alice alla scoperta del mondo (la conoscenza del mondo) Obiettivi Attività 1) Muoversi nello spazio padroneggiandolo e cogliendone i parametri spaziali 2) Riconoscere e discriminare le relazioni topologiche dentro-fuori, sopra-sotto, vicino-lontano, davantidietro, in mezzo-di lato, destra-sinistra 3) Verbalizzare e rappresentare iconicamente la successione temporale di eventi, storie, azioni 4) Collocare le azioni quotidiane nel tempo della giornata e della settimana (prima e dopo) 5) Comprensione della trasformazione della materia 6) Conoscenza dei numeri ordinali, cardinali e concetto di quantità 1) Sequenza grafica dell esperienza motoria del tunnel-pozzo-porta; diagramma di flusso della preparazione del tè 2) Prove strutturate di seriazioni e sequenze ritmiche ( Sequenza dei semi delle carte nella cornice dell autoritratto); prove di classificazione (Classificazione oggetti della storia per collocazione, dimensione, colore, forma, uso) 3) Esplorazioni sul territorio circostante; conoscenza di storie, giochi, canti e filastrocche 4) Attività volte a riflettere sugli aspetti ciclici del tempo e sugli organizzatori temporali (calendari, tabelle ecc); Rilevazioni metereologiche 5) Traformazione bruco-farfalla; trasformazione zucchero da solido a liquido 6) Gioco delle carte; ricetta del minestrone

4 SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA La storia è stata sintetizzata e suddivisa in sette scene: 1. Alice fa uno sbadiglio ed insegue Bianconiglio 2. Alice beve un intruglio e il suo corpo va in subbuglio 3. Il bruco blu le dà un consiglio 4. Un po' perplessa va a trovare la Duchessa 5. Dopo le quattro, il tè col Cappellaio Matto 6. Mattina nel giardino della Regina 7. E' festa, le voglion tagliar la testa, ma sogna o è desta? e ne abbiamo ricavato una filastrocca per i giorni della settimana La storia è stata raccontata più volte ai bambini che successivamente l hanno ricostruita mettendo in sequenza i disegni delle varie scene e raccontando cosa avviene in ognuna di essa. Ogni bambino possiede così il proprio libro di Alice :

5 SCENA n. 1 Alice fa uno sbadiglio e poi insegue Bianconiglio E stato riprodotto su stoffa il disegno della scena per lo spettacolo. E stato costruito il materiale per lo spettacolo (qui sotto il cespuglio di Bianconiglio) IL PERCORSO DI BIANCONIGLIO Filastrocca Alice vede Bianconiglio saltar fuori da un cespuglio poi entra in un cunicolo ma che coniglio ridicolo! Sguscia fuori e sale sulla scaletta. Presto, è tardi ho molta fretta! Scivola giù per una stradina rossa gridando: bella mossa! Dentro ad un pozzo lui è caduto ma come è accaduto? Bianconiglio non si perde e atterra su un prato verde. Cammina in mezzo al bosco per una stradina e fuori dal bosco c è la sua casina e Alice? E lì vicina.

6 In palestra è stato ricostruito il percorso descritto nella filastrocca e ogni bambino ha effettuato il percorso motorio. Successivamente i bambini hanno rielaborato graficamente il percorso motorio e lo hanno verbalizzato: Prove in giardino per lo spettacolo

7 IL VENTAGLIO DI BIANCONIGLIO I bambini hanno realizzato il ventaglio di Bianconiglio: SCENA n. 2 Alice beve un intruglio e il suo corpo va in subbuglio Pittura su stoffa per la scenografia dello spettacolo BEVIMI MANGIAMI Filastrocca Bevi bevi bella bambina Che diventi piccolina Mangia mangia poi vedrai Che più grande diventerai Se vuoi aprire quella porta Devi dirlo un altra volta

8 I bambini hanno creato le bottigliette con scritto bevimi e i pasticcini con scritto mangiami Attività logiche LA CASETTA DI BIANCONIGLIO Sono state realizzate con scatole di cartone le casette di Bianconiglio per lo spettacolo

9 Prove del balletto per lo spettacolo (con indosso le casette da loro costruite) Ogni bambino è entrato dentro e uscito fuori dalla casetta passando attraverso una porta piccola, una media e una grande; successivamente hanno verbalizzato l esperienza e riprodotto graficamente le porte: Attività di classificazione (i bambini hanno colorato, ritagliato e incollato le figure)

10 Filastrocca La casetta di Bianconiglio ha quattro stanze, non c è ripostiglio due di sopra e due di sotto cucina, bagno, camera e salotto. Su questa casetta di carta, dopo averla dipinta, i bambini hanno incollato porta, finestre, Alice fuori dalla casa e Bianconiglio dentro la casa. All interno della casetta sono state individuate, con colori diversi, le quattro stanze della filastrocca e sono stati incollati i relativi mobili. In seguito abbiamo parlato delle stanze della propria casa ed ogni bambino ha disegnato le proprie.

11 SCENA n. 3 Il bruco blu le dà un consiglio Pittura su stoffa per scenografia spettacolo Prove per lo spettacolo Materiale per lo spettacolo IL BRUCALIFFO Filastrocca Il mio Brucaliffo assomiglia a uno sceriffo col suo cappuccio all ingiù io lo coloro tutto blu Attività manipolative

12 SCENA n. 4 Un po' perplessa va a trovare la Duchessa Attività pittorica per scenografia spettacolo Pittura magliette per costumi spettacolo. Prove spettacolo. IL MINESTRONE DELLA DUCHESSA Filastrocca La duchessa fa il minestrone e lo mette nel pentolone ma qualcosa non ci va la duchessa non lo sa, io il minestrone lo so fare e la duchessa voglio aiutare!

13 Attività logico-linguistica I bambini hanno incollato, dopo aver cercato e ritagliato le figure, gli ingredienti del minestrone dentro il pentolone mentre hanno incollato fuori dal pentolone le cose che non ci vanno. Uso del diagramma di Venn : i bambini hanno disegnato gli ingredienti del minestrone nel cerchio nero e le cose verdi nel cerchio verde, nell intersezione dei 2 cerchi hanno disegnato le cose che vanno nel minestrone e che sono verdi, fuori dai cerchi le cose che non vanno nel minestrone e che non sono verdi. Prima di rappresentarlo graficamente avevamo preso dimestichezza con questo diagramma utilizzando cerchi da hula-hoop e oggetti veri.

14 SCENA n. 5 Dopo le quattro, il tè col Cappellaio Matto Pittura su stoffa per scenografia spettacolo Costruzione oggetti di scena per spettacolo

15 IL TE DAL CAPPELLAIO MATTO Attività di drammatizzazione per lo spettacolo I bambini sono seduti attorno a un tavolo e cantano una canzone inventata dalle maestre, alla fine di ogni strofa i bambini si siedono nel posto accanto, la canzone finisce quando viene completato il giro del tavolo. Festa di carnevale tè dal cappellaio matto e sua riproduzione grafica Attività linguistica: i bambini hanno imparato a riconoscere la parola TE, abbiamo quindi predisposto questa scheda in cui dovevano cerchiare la parola TE :

16 IL DIAGRAMMA DI FLUSSO DELLA PREPARAZIONE DEL TE Dopo la festa di carnevale, durante la quale abbiamo preparato il tè, i bambini hanno percorso il diagramma di flusso della preparazione del tè, in seguito lo hanno ricostruito sulla carta e verbalizzato: Attività in lingua inglese: grazie ad un progetto di lingua inglese che è stato attivato nella nostra scuola, i bambini hanno imparato una canzone sulla teiera che è stata eseguita anche durante lo spettacolo:

17 SCENA n. 6 Mattina nel giardino della Regina Pittura su stoffa per scenografia spettacolo Pittura magliette per spettacolo Ballo della quadriglia per lo spettacolo Attività di classificazione per forma e colore: la regina si veste per andare al ballo ma prima bisogna rimettere in ordine il suo armadio.

18 SCENA n. 7 E' festa, le voglion tagliar la testa, ma sogna o è desta? Pittura su stoffa per scenografia spettacolo Costruzione alabarde per lo spettacolo Prove drammatizzazione per spettacolo e tanto altro Uso del diagramma di Carrol : discriminare i personaggi animali/non animali e i personaggi della storia di Alice/non storia di Alice:

19 Il sudoku della regina: i bambini devono incollare i personaggi in modo che in ogni riga ed in ogni colonna ci siano sempre personaggi diversi I lavori manuali di ogni bambino sono stati raccolti in una scatola di Alice

20 Infine gli spettacoli! Alla scuola dell infanzia Italo Calvino I narratori Scena 1 Alice si annoia e il percorso di Bianconiglio sulla musica del Trepak (Russian Dance) tratto da Lo Schiaccianoci di Tchaikovsky Scena 2 Il ballo delle casette sulla musica di Si buonasera! nota anche come noi siamo piccoli ma cresceremo di R. Rascel Scena 3 Il ballo dei funghi sulla musica di Chinese Dance tratto da Lo Schiaccianoci di Tchaikovsky

21 Scena 4 - La cucina della duchessa sulla musica di F. Liszt - Hungarian Rhapsody no.2 Scena 5 Il tè dei matti con musica e parole a cura delle maestre Scena 6 Il ballo della quadriglia con la musica scout del tacco e punta Scena 7 Il tribunale sulle musiche di British Grenadiers di Leonard Rosenman e del Mattino di Grieg I bambini, oltre ad aver recitato, danzato e cantato con i ragazzi, hanno anche eseguito la canzone in inglese e le varie filastrocche.

22 Alla scuola dell infanzia San Colombano Scena 1 - Il percorso di Bianconiglio sulla musica de Lo Schiaccianoci di Tchaikovsky. Alice trova una chiave. Scena 2 La casetta di Bianconiglio sulla musica di Una notte sul Monte Calvo di Mussorgsky Coreografia sulla musica di Si buonasera! nota anche come Noi siamo piccoli ma cresceremo di R. Rascel Scena 3 Il ballo dei funghi sulla musica di Quadri di un esposizione - Ballet of the Chicks in Their Shells di Mussorgsky Scena 4 La cucina della Duchessa sulla musica di Quadri di un esposizione Market place at limoges di Mussorgsky

23 Scena 5 Il tè dei matti, canzone inventata su base musicale dall insegnante di musica Scena 6 Il ballo della quadriglia su danza popolare francese Farandola Scena 7 L entrata del re sulla musica di Quadri di un esposizione - promenade di Mussorgsky e Il risveglio di Alice sulla musica di Il carnevale degli animali il cigno di Saint-Saens A cura delle insegnanti: Cristina Lenzi Eleonora Benvenuti Elisabetta Calcini Grazia Niciarelli Iolanda Farina Patrizia Monteoliveto Patrizia Tani Sabrina Caporaso

CURRICULO SCUOLA DELL INFANZIA IV CIRCOLO DIDATTICO DI PINEROLO

CURRICULO SCUOLA DELL INFANZIA IV CIRCOLO DIDATTICO DI PINEROLO CURRICULO SCUOLA DELL INFANZIA IV CIRCOLO DIDATTICO DI PINEROLO Campo di esperienza: IL SÈ E L ALTRO Le grandi domande, il senso morale, il vivere insieme NUCLEI FONDANTI COMPETENZE Esempi di ATTIVITA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO

SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO Secondo i campi d esperienza PREMESSA Come si ritroverà nei successivi ordini di Scuola del nostro Istituto Comprensivo, abbiamo tratto dal Sito dell Indire le

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini Nella scuola dell'infanzia non si può parlare di vere e proprie "discipline", bensì di CAMPI DI ESPERIENZA educativa. Con questo termine si indicano i diversi ambiti del fare e dell'agire e quindi i settori

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE ISTITUTO COMPRENSIVO LUCCA 3 Via don Minzoni, 244 SANT ANNA 55100 LUCCA C.F. 92051740469 0583/581457 Fax : 0583/581997 ex DD n. 3 di Lucca 0583/584388 Fax: 0583/419187 ex Scuola secondaria 1 Carlo del

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine)

INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine) 1 Istituto Comprensivo Ferentino 1 Curricolo Verticale 2014/2015 INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine) SCUOLA INFANZIA... 3 I DISCORSI E LE PAROLE... 3 I DISCORSI E LE PAROLE LINGUA STRANIERA...

Dettagli

SCUOLA INFANZIA FONTANELLE

SCUOLA INFANZIA FONTANELLE SCUOLA INFANZIA FONTANELLE PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE A.S. 2014/2015 CAMPO D ESPERIENZA : IL SE E L ALTRO IL CORPO E IL MOVIMENTO IMMAGINI,SUONI,COLORI I DISCORSI E LE PAROLE LA CONOSCENZA DEL MONDO INSEGNANTI

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

4. Conosce e rispetta le regole della scuola e fuori dalla scuola (primi approcci

4. Conosce e rispetta le regole della scuola e fuori dalla scuola (primi approcci Indicatori di competenza per i bambini e le bambine che frequentano il primo anno di scuola dell infanzia (3/4 anni) Il sé e l altro Le grandi domande, il senso morale, il vivere insieme 1. Percepisce

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE ISTITUTO COMPRENSIVO LUCCA 3 Via don Minzoni, 244 SANT ANNA 55100 LUCCA C.F. 92051740469 0583/581457 Fax : 0583/581997 ex DD n. 3 di Lucca 0583/584388 Fax: 0583/419187 ex Scuola secondaria 1 Carlo del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO San Salvatore Telesino Castelvenere Anno scolastico 2015/2016 Scuola dell infanzia Curriculum annuale Il se e l altro Contenuti Traguardi Giochi per imparare i nomi

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE I. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati. II. Sa esprimere e comunicare

Dettagli

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Mimare testi ascoltati grafica, corporea e audiovisiva

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Mimare testi ascoltati grafica, corporea e audiovisiva ETA : 4 ANNI Immagini, suoni e colori CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Tecniche di rappresentazione Ascoltare brani musicali Mimare testi ascoltati grafica, corporea

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO Il bambino supera serenamente il distacco con la famiglia Conosce e rispetta le prime regole di convivenza E autonomo nelle situazioni di vita quotidiana (servizi igienici, pranzo, gioco)

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti PER LA SCUOLA DELL INFANZIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 IL SE E L ALTRO - Gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie

Dettagli

Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA

Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA PREMESSA La formula dell'istituto comprensivo, in cui si articola oggi la nostra scuola, prevede

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori TRAGUARDI DI COMPETENZA Comunicare, esprimere emozioni, raccontare, utilizzando

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bagnolo San Vito Mantova

Istituto Comprensivo di Bagnolo San Vito Mantova PROGRAMMAZIONE ANNUALE CAMPO: il sé e l altro Obiettivi espressi in termini di saper fare 1) si riordina gli indumenti 1 quad. Osservazione 2) indossa, allaccia e toglie semplici indumenti (tipo giubbino,

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA " MADRE LINDA LUCOTTI" ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012

SCUOLA DELL'INFANZIA  MADRE LINDA LUCOTTI ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012 ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE PREMESSA L incontro con la fiaba è molto stimolante perché sollecita nei bambini esperienze altamente educative, sul piano cognitivo, affettivo, linguistico e creativo. La fiaba

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014

IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014 Posizione del proprio corpo in relazione agli oggettiprogettazione 2^UdA SCUOLA INFANZIA Dicembre 2013 -- Gennaio 2014 a.s. 2013-2014 Aurora dalle dita di rosa IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014 AFRODITE

Dettagli

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola Prot. n.3468b38 Noicattaro, 13.09.2013 Circolo Didattico Statale Alcide De Gasperi via A. De Gasperi, 13 Telefono e fax 080.4793318 E-mail: baee14508@istruzione.it www.degasperi2noicattaro.eu Noicàttaro

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO Premessa NOI SIAMO PARTE DELLA TERRA ED ESSA È PARTE DI NOI INSEGNATE AI VOSTRI BAMBINI CHE LA TERRA È NOSTRA

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MANOPPELLO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA ELABORATO SULLA BASE DELLE NUOVE INDICAZIONI 2012 CURRICOLO DI SCUOLA SCUOLA DELL INFANZIA SOMMARIO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AUTONOMO G. GALILEI Via della Libertà, 5-51018 PIEVE A NIEVOLE - Tel. 0572/80445 Fax 0572/950110 - E-mail: ptmm017001@istruzione.it C.F. 81003550472 - C.M. PTIC807009 - www.comprensivo-pieveanievole.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C a.s. 2013-2014 Il percorso che quest'anno vogliamo realizzare è alfabetizzare alle emozioni e nasce dall'esigenza di fornire al bambino strumenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. CURIONI ROMAGNANO SESIA SCUOLE DELL INFANZIA STATALI DI GHEMME E ROMAGNANO SESIA ANNO SCOLASTICO 2013-14

ISTITUTO COMPRENSIVO G. CURIONI ROMAGNANO SESIA SCUOLE DELL INFANZIA STATALI DI GHEMME E ROMAGNANO SESIA ANNO SCOLASTICO 2013-14 ISTITUTO COMPRENSIVO G. CURIONI ROMAGNANO SESIA SCUOLE DELL INFANZIA STATALI DI GHEMME E ROMAGNANO SESIA ANNO SCOLASTICO 2013-14 INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA E DEL

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA DI MORIGGIA

SCUOLA DELL'INFANZIA DI MORIGGIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI MORIGGIA La scuola dell infanzia di Moriggia ha sede in un edificio sorto agli inizi degli anni 60 nel quartiere Moriggia e statalizzata nei primi anni 80. La struttura si presenta

Dettagli

Scuola dell infanzia G. Siani - Marano

Scuola dell infanzia G. Siani - Marano Scuola dell infanzia G. Siani - Marano a.s. 2015/16..Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono la curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento per favorire

Dettagli

altrettante volte invece, si rifugiano in comportamenti che appartengono ad dal desiderio di conoscere.

altrettante volte invece, si rifugiano in comportamenti che appartengono ad dal desiderio di conoscere. ICONOSCE PERSONAGGI ED AMBIENTI LE CONOSCENZE SARANNO VERIFICATE ATTRAVERSO LE SEGUENTI ATTIVITA 1. CONOSCENZE PREGRESSE:CHI E PETER PAN? Perché 2. DISEGNO narrare DEI PERSONAGGI: la fiaba di PETER Peter

Dettagli

CURRICOLI DISCIPLINARI

CURRICOLI DISCIPLINARI ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLI DISCIPLINARI Anno scolastico 2013-14 INDICE 1. IL SE E L ALTRO. pag. 3 2. IL CORPO E IL MOVIMENTO.. pag. 4 3. IMMAGINI, SUONI, COLORI.....

Dettagli

Obiettivi formativi. Età dei bambini

Obiettivi formativi. Età dei bambini È l area di apprendimento nella quale si determina l apertura del bambino all altro, non rinunciando con questo alla propria UNICITA ma affermandola proprio attraverso il processo d interazione con gli

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE AMBITI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI OBIETTIVI 3 4 ANNI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PAESAGGIO SONORO Riconoscimento/analisi di - suoni e rumori naturali

Dettagli

CURRICOLO d Istituto SCUOLE DELL INFANZIA Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO d Istituto SCUOLE DELL INFANZIA Indicazioni Nazionali 2012 ISTITUTO COMPRENSIVO "Dante Alighieri" di COLOGNA VENETA (Vr) Via Rinascimento, 45-37044 Cologna Veneta - tel. 0442 85170 - fax 0442 419294 www.iccolognaveneta.it - e-mail: vric89300a@istruzione.it - vric89300a@pec.istruzione.it

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO BIZIO LONGARE (VI) SCUOLA DELL INFANZIA STATALE SAN G. BOSCO VIA CA SILVESTRE NANTO (VI) CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia è un ambiente educativo che

Dettagli

CONOSCENZE/ESPERIENZE

CONOSCENZE/ESPERIENZE DISCIPLINA CAMPO DI ESPERIENZA DAL CURRICOLO ALLE COMPETENZE / LABORATORIO VERTICALE IN RETE CURRICOLO VERTICALE DI RETE: Ist. Omnicomprensivo Bianchi-Scigliano, IC Rogliano, IC Nocera Terinese, IC Grimaldi

Dettagli

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o VIA SPINELLI 84088 SIANO (SA)-. 081/5181021- Ê081/5181355 - C.F. 95140330655 e mail SAIC89800D@ISTRUZIONE.IT, SAIC89800D@PEC.ISTRUZIONE.IT, www.istitutocomprensivosiano.gov.it

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

ATTIVITÀ PER LABORATORI. Anno scolastico 2007-2008

ATTIVITÀ PER LABORATORI. Anno scolastico 2007-2008 ATTIVITÀ PER LABORATORI Anno scolastico 2007-2008 Il bambino ha naturalmente un atteggiamento scientifico, vuole conoscere il che cosa, il come e il perché del mondo che lo circonda. Toccare le cose, sentire

Dettagli

I.C. TRESCORE CREMASCO

I.C. TRESCORE CREMASCO I.C. TRESCORE CREMASCO SCUOLE DELL INFANZIA STATALI /SCUOLA DELL INFANZIA PARIFICATA PROGETTO LE AVVENTURE DI BABAR IL PICCOLO ELEFANTE Gruppo ANNI 3 Racconto liberamente tratto dal libro di Jean de Brunhoff

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

Prima tappa: Puffo Selvaggio e gli animali della terra

Prima tappa: Puffo Selvaggio e gli animali della terra Prima tappa: Puffo Selvaggio e gli animali della terra Puffo Selvaggio adora la natura e ama gli animali più di ogni altra cosa al mondo! Questo puffo si veste stranamente, infatti, il vestito è molto

Dettagli

Curricolo di Istituto Scuola Infanzia Piano formativo: costruzione del sé Competenze di scuola Traguardi Campi di esperienza

Curricolo di Istituto Scuola Infanzia Piano formativo: costruzione del sé Competenze di scuola Traguardi Campi di esperienza Competenze chiave di cittadinanza europee Imparare ad imparare Spirito di iniziativa ed imprenditorialità Curricolo di Istituto Scuola Infanzia Piano formativo: costruzione del sé Competenze di scuola

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO G.PASCOLI -SILVI CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SEZIONE POF 2014-15 CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Traguardi per lo sviluppo della competenza alla fine della

Dettagli

Progetto didattico per i PICCOLI ww.lagiostra.biz Febbraio 2012 MARTE, ARRIVIAMO! GIOCO, FANTASIA E CONOSCENZA DELL UNIVERSO GLI OBIETTIVI FORMATIVI

Progetto didattico per i PICCOLI ww.lagiostra.biz Febbraio 2012 MARTE, ARRIVIAMO! GIOCO, FANTASIA E CONOSCENZA DELL UNIVERSO GLI OBIETTIVI FORMATIVI MARTE, ARRIVIAMO! GIOCO, FANTASIA E CONOSCENZA DELL UNIVERSO "Il gioco è universale e appartiene alla sanità il gioco è un esperienza sempre creativa; è un esperienza che si svolge nel continuum spazio-temporale,

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME

CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME Disciplina Indicatori Descrittori Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente Esprimere oralmente le proprie emozioni ed esperienze mediante linguaggi diversi verbali

Dettagli

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum Questa storia è stata scelta perché ricca di spunti educativi. Nel periodo dell inserimento ci guiderà DOROTHY che ci aiuterà nella conoscenza delle regole

Dettagli

Istituto Comprensivo Lodi I Scuola Primaria. C u r r i c o l o classe prima

Istituto Comprensivo Lodi I Scuola Primaria. C u r r i c o l o classe prima Istituto Comprensivo Lodi I Scuola Primaria C u r r i c o l o classe prima ITALIANO Classe 1 a INDICATORI OBIETTIVI D APPRENDIMENTO ATTIVITA DIDATTICHE E CONOSCENZE E ABILITA Ascoltare, comprendere e comunicare

Dettagli

Unità di apprendimento. Le feste

Unità di apprendimento. Le feste Direzione Didattica 3 Circolo Gubbio SCUOLA DELL INFANZIA DI BRANCA E TORRE CALZOLARI Unità di apprendimento Le feste A.S. 2012/13 CARNEVALE BISOGNO FORMATIVO Scoperta del carnevale come festa dell allegria

Dettagli

PROGETTO Percorsi linguistico-espressivi per la scuola dell infanzia (4-5 anni)

PROGETTO Percorsi linguistico-espressivi per la scuola dell infanzia (4-5 anni) PROGETTO Percorsi linguistico-espressivi per la scuola dell infanzia (4-5 anni) Ci sono tante storie raccontate a voi bambini Da un Raccontastorie Perché siete piccolini E poi ce ne sono altre Suonate

Dettagli

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA PARROCCHIA SAN ROCCO SCUOLA MATERNA VIA FORNACI 66/D - 25131 BRESCIA TEL. E FAX: 0302680472 segreteria@sanroccomaterna.it www.sanroccomaterna.it

Dettagli

niamoci attraverso Arte Lingue Musica METODOLOGIA ARTE LINGUE MUSICA

niamoci attraverso Arte Lingue Musica METODOLOGIA ARTE LINGUE MUSICA niamoci attraverso Arte Lingue Musica METODOLOGIA ARTE LINGUE MUSICA giocare con l arte arte e natura ART artemania - parole che dicono, parole che raccontano - storie per scoprire - musica in gioco e

Dettagli

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTO 3-5: UN LIBRO PER. 2 ANNUALITA La tematica scelta come indirizzo principale fra quelli proposti

Dettagli

DENOMINAZIONE PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO - DIDATTICA

DENOMINAZIONE PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO - DIDATTICA Edizione N 2 del 30/11/08 Data compilazione:../../ Pagina 1 di PROGRAMMAZIONE SCUOLA DELL INFANZIA DI AZZIO E CITTIGLIO Anno scolastico Dal 2014/15 Responsabili progetto Tutte le insegnanti Insegnanti

Dettagli

BUONA PRATICA n.1 -Scuola Infanzia

BUONA PRATICA n.1 -Scuola Infanzia BUONA PRATICA n.1 -Scuola Infanzia Titolo GENITORI LETTORI Questo percorso, all interno del progetto lettura, nasce dalla convinzione che la lettura ha un ruolo decisivo nella formazione culturale di ogni

Dettagli

un laboratorio, tante emozioni!

un laboratorio, tante emozioni! * Metodologia ludica, interdisciplinare e creativa della musica * un laboratorio, tante emozioni! Progetti di educazione al suono e alla musica presentati da Sandro Malva Fare musica è importante. Psicologi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1º GRADO 93010 - D E L I A

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1º GRADO 93010 - D E L I A BLA, BLA, BLA, ANNO SCOLASTICO 2008/2009 MOTIVAZIONE L età dei bambini della scuola dell infanzia è particolarmente feconda poiché, proprio in questo periodo, l interesse e la curiosità, se vengono alimentati,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE PRIMA MUSICA. ANNO SCOL. 2012/2013 Scuola primaria Luzzatto Dina. INSEGNANTE: Lucia Anna Cottone

PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE PRIMA MUSICA. ANNO SCOL. 2012/2013 Scuola primaria Luzzatto Dina. INSEGNANTE: Lucia Anna Cottone PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE PRIMA MUSICA ANNO SCOL. 2012/2013 Scuola primaria Luzzatto Dina INSEGNANTE: Lucia Anna Cottone MUSICA -- CLASSE PRIMA UNITA D APPRENDIMENTO N 1 TITOLO OBIETTIVO FORMATIVO

Dettagli

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento Curricolo di MUSICA La musica in un quadro didattico occupa una posizione centrale perché è una componente fondamentale dell esperienza umana. Essa ha un ruolo di primo piano nello sviluppo della personalità

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA II CIRCOLO DIDATTICO A. Rosmini Andria (BT) PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO COMPETENZE CHIAVE EUROPEE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE: Spirito

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA CON ELMER E GLI ALTRI ANIMALI A.S. 2009/2010

PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA CON ELMER E GLI ALTRI ANIMALI A.S. 2009/2010 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO G.B. PUERARI Via IV Novembre,34-26048 SOSPIRO (CR) - c.f. 93037640195 Tel. 0372 623476 telefax 0372 623372 E-mail: cree025005@istruzione.it

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA:

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA: PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docente Plesso Picchi Maria Letizia Scuola dell'infanzia Giuseppe Giusti Classe.. Sezione: A.e B. anni 4 Disciplina/Macroarea/Campo d esperienza I DISCORSI E LE PAROLE Tavola

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO DI TEATRO LEGGIAMO CON IL RAGNETTO PUC

UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO DI TEATRO LEGGIAMO CON IL RAGNETTO PUC SCUOLA DELL'INFANZIA AD ONORE DEGLI EROI UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO DI TEATRO Bambini di 4/5 anni LEGGIAMO CON IL RAGNETTO PUC ANNO SCOLASTICO 2011-12 1/10 SCUOLA DELL INFANZIA AD ONORE DEGLI EROI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

LIBRI IN FILASTROCCA

LIBRI IN FILASTROCCA SST SILENZIO PARLANO I LIBRI MOTIVAZIONE: LIBRI IN FILASTROCCA I miei libri sanno a memoria Qualsiasi storia. Loro sanno tutti i perché: perché la luna c è e non c è, perché il sole scompare in fondo al

Dettagli

Scuola dell Infanzia

Scuola dell Infanzia ISTITUTO COMPRENSIVO BOZZAOTRA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO Via Roma, 27-80061 MASSA LUBRENSE(NA) Cod. Mecc. NAIC8D8002 C. F. n 90078340636 Tel e/o fax. 081/8789205-8089695 Sito

Dettagli

Obiettivi Esplorare, vivere e percorrere lo spazio correttamente Esprimersi con un linguaggio semplice ma corretto e Compiere riflessioni

Obiettivi Esplorare, vivere e percorrere lo spazio correttamente Esprimersi con un linguaggio semplice ma corretto e Compiere riflessioni 0011 0010 1010 1101 0001 0100 1011 0011 0010 1010 1101 0001 0100 1011 Obiettivi Esplorare, vivere e percorrere lo spazio correttamente Esprimersi con un linguaggio semplice ma corretto e Compiere riflessioni

Dettagli

Programmazione annuale degli obiettivi formativi e degli obiettivi specifici di apprendimento

Programmazione annuale degli obiettivi formativi e degli obiettivi specifici di apprendimento Programmazione annuale degli obiettivi formativi e degli obiettivi specifici di apprendimento Mappa progettuale Settembre/Ottobre TRAGUARDI 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONTENUTI DELL ESPERIENZA Raccontare, raccontarsi

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

STORIE DEL BOSCO PER LE QUATTRO STAGIONI

STORIE DEL BOSCO PER LE QUATTRO STAGIONI ISTITUTO COMPRENSIVO PORRETTA TERME ORDINE DI SCUOLA:INFANZIA PLESSO: CASTEL DI CASIO A.S. 2014-2015 SEZIONE UNICA INSEGNANTI: CARBONI MIRANDA, MARTELLI ELEONORA STORIE DEL BOSCO PER LE QUATTRO STAGIONI

Dettagli

IL CORPO IN MOVIMENTO

IL CORPO IN MOVIMENTO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI DESULO Anno Scolastico / 3 ANNI COGNOME NOME OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ( R=Raggiunto PR= Parzialmente Raggiunto NR=Non Raggiunto) IL CORPO IN MOVIMENTO Il

Dettagli

Il Curricolo verticale della Scuola d Infanzia. Istituto Comprensivo Pablo Neruda

Il Curricolo verticale della Scuola d Infanzia. Istituto Comprensivo Pablo Neruda Il Curricolo verticale della Scuola d Infanzia Istituto Comprensivo Pablo Neruda GLI OBIETTIVI DISCIPLINARI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA Come premessa al Curricolo della Scuola d Infanzia si fa presente

Dettagli

Progetto accoglienza

Progetto accoglienza Scuola dell Infanzia Paritaria Beato G. Nascimbeni Via Fossà 1, 37010 Castelletto di Brenzone (VR) Tel. 045.6598480 Fax 045.6598481 e-mail: infanziacastelletto@pssf.it Progetto accoglienza Premessa I primi

Dettagli

CAMPOBASSO. CURRICOLO per la scuola dell infanzia. Anno scolastico 2014/15

CAMPOBASSO. CURRICOLO per la scuola dell infanzia. Anno scolastico 2014/15 CAMPOBASSO CURRICOLO per la scuola dell infanzia Anno scolastico 201/1 PREMESSA La Scuola dell Infanzia si propone come contesto di relazione, di cura e di apprendimento nel quale le sollecitazioni che

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA INFANZIA M.POLO ANNO

PROGRAMMAZIONE SCUOLA INFANZIA M.POLO ANNO PROGRAMMAZIONE SCUOLA INFANZIA M.POLO ANNO PERIODO: INIZIO ANNO SCOLASTICO 15 OTTOBRE ATTIVITA DI ROUTINE GRUPPI DI RIFERIMENTO ( età, contrassegni, armadietti) CONOSCENZA ADULTI DELLA SCUOLA APPROCCIO

Dettagli

Scuola dell Infanzia Paritaria CAVAGNIS di Zogno (BG) Programmazione didattica- Anno Scolastico 2015/2016

Scuola dell Infanzia Paritaria CAVAGNIS di Zogno (BG) Programmazione didattica- Anno Scolastico 2015/2016 Scuola dell Infanzia Paritaria CAVAGNIS di Zogno (BG) Programmazione didattica- Anno Scolastico 2015/2016 1 Programmazione educativo didattica Premessa Il contesto scolastico rappresenta un ambito formativo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Insegnante Damiani Elena L INSEGNAMENTO

Dettagli

Sviluppare la capacità di utilizzare varie modalità espressive: disegno,manipolazione, scrittura creativa, poesia.

Sviluppare la capacità di utilizzare varie modalità espressive: disegno,manipolazione, scrittura creativa, poesia. 1. Macroarea progettuale 4 CREATIVITA ED ESPRESSIVITA 2. Coordinatore progetto DE MARCHI ANTONIETTA. 3. Obiettivi Sviluppare la creatività e la manualità. Potenziare lo sviluppo della motricità fine e

Dettagli

ATTERRAGGIO IN CLASSE PRIMA Diventiamo amici

ATTERRAGGIO IN CLASSE PRIMA Diventiamo amici Unita di apprendimento ATTERRAGGIO IN CLASSE PRIMA Diventiamo amici Comprendente UdA PIANO DI LAVORO CONSEGNA AGLI STUDENTI I.C. Gramsci Camponogara Autori: - Plesso A. Manzoni : Abet Luisa, Menin Loredana,

Dettagli

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5 SCUOLA DELL'INFANZIA "PANTANO" PROGETTI CURRICULARI Anno Scollastico 2013 -- 2014 INDICE 1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

Finalità generali dalle Indicazioni Nazionali per il curricolo della Scuola dell Infanzia

Finalità generali dalle Indicazioni Nazionali per il curricolo della Scuola dell Infanzia Finalità generali dalle Indicazioni Nazionali per il curricolo della Scuola dell Infanzia Competenze-Chiave Europee (Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio del 18 dicembre 2006 (2006/962/CE))

Dettagli

PROGETTO MUSICA E BIBLIOTECA

PROGETTO MUSICA E BIBLIOTECA Scuola infanzia di PALATA PEPOLI PROGETTO MUSICA E BIBLIOTECA DI QUALCHE ANNO FA. Di W:A MOZART Il Flauto Magico Progetto musica e biblioteca Scuola dell Infanzia di Palata Pepoli Destinatari: Luogo: Durata:

Dettagli

Curricolo per campi di esperienza a.s. 2013-2014 - Istituto Comprensivo Assisi 2

Curricolo per campi di esperienza a.s. 2013-2014 - Istituto Comprensivo Assisi 2 La comunicazione nella madrelingua Vive pienamente la propria corporeità, ne percepisce il potenziale comunicativo ed espressivo,matura condotte che gli consentono una buona autonomia nelle gestione della

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale F. Masci Francavilla al Mare

Istituto Comprensivo Statale F. Masci Francavilla al Mare Istituto Comprensivo Statale F. Masci Francavilla al Mare CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA ALENTO - FONTECHIARO Anno Scolastico 2012/2013 Insegnanti Scuola Infanzia Alento : Bellonio Adelina, Corrado Gabriella,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE

PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere un messaggio e un testo Conoscere le regole comportamentali della

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO di MUSICA Modello di matrice adottata per la costruzione del curricolo Campo d esperienza/area Periodo di riferimento Traguardi di competenza Obiettivi

Dettagli

TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE (SCUOLA PRIMARIA) CONNESSI CON LE COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE (IN ROSSO) ITALIANO

TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE (SCUOLA PRIMARIA) CONNESSI CON LE COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE (IN ROSSO) ITALIANO TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE (SCUOLA PRIMARIA) CONNESSI CON LE COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE (IN ROSSO) ITALIANO 1. L'allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLE DELL INFANZIA

PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLE DELL INFANZIA UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE MONTEBELLO JONICO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO Via Ficarella 89060 Saline Joniche (RC) Telefax

Dettagli

Unità formativa n 1 Tempi: ottobre/novembre Disciplina Obiettivi di apprendimento Contenuti e Attività

Unità formativa n 1 Tempi: ottobre/novembre Disciplina Obiettivi di apprendimento Contenuti e Attività Unità formativa n 1 Tempi: ottobre/novembre Disciplina Obiettivi di apprendimento Contenuti e Attività Italiano - Ascoltare e parlare - Ascoltare e comprendere le - Ascolto e illustrazione di comunicazioni

Dettagli

Scuola dell Infanzia Via dei Mitili. campi di esperienza

Scuola dell Infanzia Via dei Mitili. campi di esperienza Scuola dell Infanzia Via dei Mitili campi di esperienza MOTIVAZIONE CAMPI DI ESPERIENZA: Attraverso il gioco il bambino viene stimolato a potenziare le sue abilità: sensoriale, motorio-prassica, cognitiva,

Dettagli