Misurare e Valorizzare l Intangibile: il tableau de bord del Capitale Umano

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Misurare e Valorizzare l Intangibile: il tableau de bord del Capitale Umano"

Transcript

1 Misurare e Valorizzare l Intangibile: il tableau de bord del Capitale Umano Di Ugo Boscolo Senior Consultant Visionest S.r.l. > Introduzione Obiettivo del presente white paper è presentare quali vantaggi possano scaturire dall utilizzo di uno strumento di supporto alle decisioni che consenta all alta Direzione di ottenere una visione d insieme e correttamente strutturata sulle informazioni relative alle Risorse Umane ed al loro legame con gli obiettivi strategici dell organizzazione. Per illustrare al meglio il valore che tale strumento può apportare ad ogni organizzazione, si ritiene utile presentare in questa sede alcuni spunti di riflessione a proposito delle più recenti ed innovative teorie sulla gestione aziendale in merito alla ormai annosa questione della corretta attribuzione del valore delle Risorse Umane, viste tradizionalmente come un mero costo nel bilancio aziendale e non come uno dei maggiori fattori di ricchezza. Nonostante la disciplina nota come HR Accounting (il processo di misurare l i costo e il valore delle persone viste come risorse organizzative, cioè il Capitale Umano ) sia di fatto sorta alla fine degli anni 60, ancora oggi la maggior parte delle organizzazioni stenta ad affrontare il tema in modo strutturato o addirittura ignora la possibilità di considerare il personale come una risorsa che costituisce e crea valore e quindi rappresenta una fondamentale fonte di vantaggio competitivo. Oltre alla teoria, indispensabile supporto quando ci si renda conto della necessità di adottare una metodologia adeguata nell affrontare un tema che richiede non solo rigore ingegneristico, ma anche e soprattutto attenzione alle persone che formano l organizzazione, numerose osservazioni presenti in questo documento traggono spunto dall esperienza sul campo, frutto di anni a contatto con le reali esigenze della Direzione Risorse Umane di organizzazioni di varie dimensioni e tipologia, sia nel settore privato che nella Pubblica Amministrazione. E interessante notare come, oltre a specifiche esigenze legate alle caratteristiche uniche di ciascuna realtà osservata, il requisito comune e sempre presente fra le principali priorità della Direzione Risorse Umane e del top management risulta la necessità di disporre di informazioni strutturate, precise ed eventualmente integrate con altri indicatori di performance (finanziari, produttivi, ecc.). L obiettivo ultimo è sempre quello di poter allineare la gestione delle Risorse Umane con la strategia dell organizzazione, partendo dalle opportune informazioni, d insieme e di dettaglio, provenienti spesso da fonti eterogenee e scarsamente integrate fra loro. I dipendenti potranno anche essere la nostra più grande passività, ma le persone sono la nostra più grande opportunità Peter F. Drucker (2002) > Il patrimonio intangibile L International Accounting Standards Board (IASB - organismo indipendente la cui missione è stabilire standard internazionali per la contabilità) definisce il patrimonio intangibile come quel patrimonio non-monetario ed identificabile, privo di sostanza fisica, che costituisce una risorsa controllata dall organizzazione come risultato di eventi passati (acquistata o autogenerata) e dalla quale sono attesi futuri benefici economici ( flussi di cassa o altro patrimonio). Nella pratica aziendale il patrimonio intangibile (detto anche Capitale Intellettuale ) è costituito da quell insieme di elementi quali cultura aziendale, brevetti, marchi, know-how codificato, competenza del management, grado di leadership, All Rights Reserved, Pagina 1 di 6

2 formazione, competenze, soddisfazione del personale, esperienza, organizzazione, relazioni esterne con clienti e fornitori ed in sostanza tutti quei fattori non materiali che costituiscono un vantaggio competitivo sul mercato e contribuiscono alla performance dell organizzazione nella produzione di beni e servizi. Il bilancio economico-finanziario per sua natura fornisce scarse informazioni sull attitudine dell impresa a raggiungere nel modo più conveniente i propri obiettivi strategici e non evidenzia tutti i fattori che contribuiscono all efficienza economica, come ad esempio la qualità dei clienti, le relazioni di fiducia con istituti finanziari, le capacità del personale, la credibilità del management, ecc. Il bilancio dell intangibile, complementare a quello economico-finanziario, può aiuta re ad individuare lo sviluppo del valore futuro dell organizzazione e la sua sostenibilità competitiva nella moderna economia della conoscenza-competenza, permette di giustificare una parte della differenza tra il valore di un organizzazione (come è percepito dagli stakeholder ed in generale dal mercato) e il suo valore contabile e rappresenta un modello per valutare il patrimonio di un organizzazione in chiave di capacità di rinnovamento, vivacità intellettuale, vitalità e longevità. Ogni realtà possiede uno specifico patrimonio intangibile che la differenzia rispetto alle altre e la cui acquisizione richiede sforzi e tempi notevolmente superiori rispetto all acquisizione di qualsiasi altra risorsa. A sua volta, essendo soggetto a rapido deterioramento, il patrimonio intangibile va invece continuamente alimentato e protetto, anche se è difficilmente copiabile da una organizzazione concorrente. L alimentazione del patrimonio intangibile avviene tramite flussi di risorse intangibili generati dalle attività dell organizzazione, visibili o meno nel conto economico. Nel primo caso sono rilevabili come voci di costo (spese di ricerca e sviluppo, costi di formazione, ecc.), mentre il secondo caso riguarda sia elementi quantitativi rilevabili soltanto analizzando dati extra-contabili (es.: le determinanti del reddito operativo), sia elementi qualitativi quali la fiducia dei clienti, la motivazione del personale, ecc. Per la misurazione del patrimonio intangibile non è possibile definire uno standard di indicatori validi per tutte le organizzazioni, ma tale misurazione è fondamentale per comprendere meglio la storia passata della loro gestione (in termini di dinamica delle competenze, dei rapporti con gli attori esterni all organizzazione, ecc.) e soprattutto le future potenzialità di evoluzione. Di seguito si riporta una lista di alcuni degli indicatori più comunemente utilizzati: Questa è l età del capitale umano, al punto che il capitale umano è la più importante forma di capitale nella moderna economia Gary S. Becker (2001) Struttura Interna Struttura Esterna Capitale Strutturale Capitale Umano Capitale Relazionale % del fatturato investito in ricerca e sviluppo Investimenti pro-capite in formazione Numero di nuovi marchi o brevetti Time-to-market di nuovi prodotti o servizi Grado di coerenza della cultura aziendale con gli obiettivi di business Efficienza dei processi di business Livello di scolarità del personale Indice di soddisfazione del personale Ore di formazione pro-capite Livello di competenza tecnica del personale Livello di abilità sociale del personale Livello di produttività del personale Grado di leadership del management Indice di soddisfazione dei clienti Quantità di reclami dei clienti Grado di fedeltà ai marchi % di clienti fedeli % di fatturato da clienti fedeli Fatturato medio per cliente Valore dei marchi Valore percepito all esterno di prodotti e servizi Credibilità del management > Il capitale umano Il capitale umano rappresenta una componente fondamentale dei beni intangibili e può essere definito come la conoscenza che il personale porta con sé quando lascia l organizzazione ed è caratterizzato dalle seguenti componenti principali: All Rights Reserved, Pagina 2 di 6

3 Capacità Conoscenze Competenze Esperienza Esempi di tale patrimonio di conoscenza, generalizzata o unica per ciascun individuo, sono: capacità di innovazione, creatività, know-how tecnico, precedenti esperienze lavorative, capacità di lavorare in gruppo, flessibilità, capacità di affrontare contesti di ambiguità o incertezza, motivazione, soddisfazione, capacità di apprendere, lealtà, istruzione e formazione, ecc. Il capitale umano è generato dalle persone che operano nell'organizzazione e che costituiscono il suo propulsore con l'apporto di esperienze, comportamenti, lavoro. Perché tale organismo funzioni al meglio contano anche la volontà, l'entusiasmo, le abilità sociali dei singoli e dei gruppi che formano l organizzazione. Una iniziativa di miglioramento focalizzata sul capitale umano risulta indispensabile ogni volta che uno degli indicatori quali il turnover, l assenteismo, la conflittualità o l efficienza risulti peggiore rispetto alla media del settore o manifesti una tendenza negativa, oppure quando le condizioni di mercato siano sfavorevoli: un vantaggio competitivo può spesso essere ottenuto facendo leva sul valore del capitale umano. La comprensione del valore del capitale umano e la sua massimizzazione possono comportare in ogni caso notevoli benefici per l intera organizzazione, favorendo un circolo virtuoso che spesso produce risultati inaspettatamente positivi anche in termini puramente economici e quindi di valore sul mercato. Per valorizzare il più possibile il proprio capitale umano, un organizzazione deve: Disporre di informazioni accurate sul capitale umano Essere in grado di elaborare ed interpretare le informazioni Attuare le strategie di valorizzazione del capitale umano Essere capace di misurare l efficacia delle azioni di miglioramento Gli strumenti e le tecniche utilizzabili per analizzare informazioni complesse riguardanti il capitale umano sono quelli classici della Business Intelligence: Key Performance Indicator (KPI): indicatori significativi di riferimento What-if analysis: simulazioni di scenari al variare di alcuni parametri Balanced Scorecard: indicatori bilanciati per implementare strategie Ciascuno di tali strumenti presuppone la disponibilità di informazioni strutturate, classificate e codificate, adatte ad essere elaborate tramite strumenti informatici. Il primo passo per analizzare le informazioni sul capitale umano è individuare quali siano gli oggetti dell analisi, come si relazionano fra loro e quale possa essere il metodo migliore per rappresentare le informazioni associate a tali oggetti. Ogni vantaggio competitivo degno di questo nome riposa su specifiche risorse dell impresa, uniche. [ ] Le risorse strategiche includono: le competenze fondamentali, gli asset strategici e i processi fondamentali Gary Hamel (2000) > Le metriche applicate al capitale umano Se le informazioni sono state opportunamente strutturate è possibile individuare le metriche necessarie per raggiungere lo specifico obiettivo, la cui complessità di realizzazione può variare notevolmente: si pensi al caso semplice di statistiche di base su dati anagrafici (effettuabile per esempio a partire dalla estrazione dei dati dal sistema di gestione paghe), oppure alla notevole articolazione di una analisi finalizzata alla predisposizione di un bilancio del patrimonio intangibile, che presuppone l acquisizione di informazioni da fonti estremamente eterogenee. All Rights Reserved, Pagina 3 di 6

4 Nell accezione più ampia, la misurazione del capitale umano deve tener conto di una molteplicità di variabili: occorre quantificare per esempio il grado di leadership dei livelli direttivi, la composizione, il numero e l'età dei dirigenti, ma è anche necessario valutare le caratteristiche anagrafiche e professionali di tutti i dipendenti, il loro grado di soddisfazione in merito all operato dei responsabili e di comprensione delle strategie aziendali, ma anche il livello di produttività e competenza in relazione all inquadramento ed alla anzianità di servizio, le ore spese in formazione, ecc. Ad oggi esistono differenti approcci alla misurazione del capitale intellettuale (e della componente definita capitale umano). Le principali metodologie possono essere ricondotte, semplificando, a quattro filoni principali: Return On Asset (ROA): forniscono un risultato complessivo sul valore del patrimonio intangibile, basato su fatturato e valore del patrimonio tangibile Market Capitalization (MC): calcolano il valore del patrimonio intangibile a partire dalla differenza fra la capitalizzazione di mercato ed i mezzi propri degli azionisti (in inglese equity) Direct Intellectual Capital (DIC): stimano il valore monetario dei beni intangibili, identificando i vari componenti e valutandoli direttamente, individualmente oppure con coefficienti di aggregazione Scorecard (SC): prevedono l individuazione dei vari componenti e la generazione di indicatori, ma senza l attribuzione di un valore monetario Le metodologie di tipo ROA ed MC sono utili nei casi di fusioni ed acquisizioni e per valutazioni legate all ingresso nel mercato azionario e sono usate efficacemente per eseguire confronti fra organizzazioni operanti nel medesimo settore. Sono inoltre facili da comunicare ed utilizzare nell ambiente amministrativo poiché si basano su regole di contabilità consuete. Uno svantaggio evidente di ROA ed MC è la superficialità di tradurre tutto il valore del capitale intellettuale in termini puramente monetari e risultano spesso inapplicabili per organizzazioni no-profit, nella Pubblica Amministrazione o nella valutazione del valore di una parte dell organizzazione. Le metodologie riconducibili al DIC od SC offrono un immagine più completa di una organizzazione, possono condurre a risultati applicabili ad ogni livello e sono più accurate rispetto alle metodologie basate su metriche puramente finanziarie. Adatte per organizzazioni no-profit, Pubblica Amministrazione e per valutazioni sull impatto ambientale o la responsabilità sociale, comportano lo svantaggio di essere molto legate al contesto di applicazione: devono essere personalizzate per ciascuna organizzazione, rendendo poco agevole il confronto fra differenti realtà. Le DIC e soprattutto SC richiedono poi l acquisizione di una gran mole di dati, difficili da analizzare e comunicare a manager abituati a considerare solo aspetti finanziari. > Il tableau de bord del capitale umano Il tableau de bord è una sorta di cruscotto (che nella letteratura anglo-sassone viene indicato come dashboard) ideato all inizio del 900 in Francia per supportare gli ingegneri di processo nel migliorare i processi produttivi tramite lo sviluppo di una migliore comprensione delle relazioni di causa-effetto. In seguito tale strumento di analisi venne utilizzato dal top management per monitorare l andamento del business in relazione ad obiettivi prefissati, tramite una sintesi di parametri chiave. In generale la progettazione di un tableau de bord richiede la traduzione della missione dell organizzazione in obiettivi chiari, che a loro volta devono essere tradotti in fattori critici di successo (Key Success Factor - KSF), i quali infine portano all individuazione di un esiguo numero di fattori chiave di performance (KPI). Nel contesto delle Risorse Umane il tableau de bord costituisce uno dei migliori strumenti per effettuare analisi evolute sulle informazioni a disposizione: un cruscotto di analisi sulle informazioni chiave relative al personale sarà strutturato in modo da supportare con efficacia la Direzione lungo tutte le fasi del cambiamento, All Rights Reserved, Pagina 4 di 6

5 fornendo la possibilità di interpretare dinamiche spesso complesse e di effettuare simulazioni e previsioni. Nella pratica le informazioni relative al capitale umano sono generalmente distribuite in una molteplicità di fonti, spesso poco strutturate e poco omogenee fra loro. Tramite il tableau de bord l utente che necessiti di una visione di sintesi su tali dati ottiene un risparmio di tempo e la certezza della qualità delle informazioni. Nello scenario più ottimistico la maggior parte dei dati è contenuta in un sistema gestionale, che per sua natura ha già indotto l organizzazione a strutturare ed integrare le informazioni sulle Risorse Umane. In tali casi lo sforzo maggiore può consistere nella classificazione e raccolta delle informazioni che eventualmente vengano trattate extra-sistema: risultati di questionari, schede di valutazione, ecc. Lo scenario più diffuso, soprattutto presso le organizzazioni di medie e piccole dimensioni, vede invece la presenza di sistemi per la gestione paghe e presenze che contengono i dati anagrafici e retributivi ed una serie di altre applicazioni, database, fogli elettronici spesso fuori controllo, documenti cartacei destinati al trattamento delle informazioni gestionali (selezione, formazione, carriere, ecc.). In tali contesti è oneroso innanzitutto lo sforzo iniziale di rendere omogenee le informazioni che concorreranno al calcolo degli indicatori da presentare nel tableau de bord. In qualunque contesto ci si trovi fra i due scenari estremi citati, è in ogni caso consigliabile procedere per gradi, dando la priorità alla presentazione sul tableau de bord delle metriche d i tipo anagrafico per poi aumentare la complessità in base alle esigenze dell utente finale, che gradualmente acquista confidenza con lo strumento. Dal punto di vista tecnico, il tableau de bord costituisce la componente di presentazione dei dati di un sistema costituito da più livelli logici: il primo gestisce l acquisizione dei dati dalle differenti sorgenti, la loro validazione, trasformazione e caricamento in un Data Warehouse e viene indicato anche come ETL = Extraction, Transformation and Loading il secondo è il cuore dell architettura, il Data Warehouse, cioè quella collezione di dati integrati e storicizzati progettata appositamente per consentire l analisi dei dati su molteplici dimensioni di indagine, il che non è possibile con i sistemi gestionali, nati per gestire transazioni di business il terzo deve presentare all utente finale una vista opportuna sui dati di interesse, svincolandolo dalla necessità di accedere ai sistemi sorgenti Sistemi Legacy Sistemi gestionali (ERP) Dati dal Web Integrazione (ETL) Data Warehouse Presentazione Query Tableau de bord Xls,, database Access, ecc La fase di disegno e l interpretazione delle informazioni fornite da un tableau de bord sul capitale umano devono essere affrontate con il dovuto buon senso e con gli appropriati strumenti metodologici. L esperienza sul campo insegna che: All Rights Reserved, Pagina 5 di 6

6 E indispensabile fare tesoro della storia passata dell organizzazione, con le sue specificità e caratteristiche uniche, successi ed insuccessi Dalle metodologie di analisi in ambito Risorse Umane conviene cogliere gli aspetti più pragmatici e di immediato utilizzo, tenendo sempre presente il contesto geografico, di mercato, di cultura ove si vogliono applicare Avvalersi di eventuali benchmarking di settore è consigliabile, poiché spesso questi forniscono interessanti risultati e spunti di riflessione ed offrono una preziosa occasione di confronto con il mercato > Conclusioni In questo white paper sono state presentate le principali caratteristiche di un tableau de bord del capitale umano ed alcuni spunti di riflessione per inquadrare l ampio tema della valorizzazione del patrimonio intangibile delle organizzazioni ed indicare le principali motivazioni per l adozione di tale strumento. Ad integrazione delle osservazioni illustrate in precedenza, si segnala la necessità di considerare la valorizzazione del capitale umano fra i più importanti passi che le organizzazioni dovranno compiere per ottenere una accettabile classe di rating per l accesso al credito secondo l accordo di Basilea 2: fra le cosiddette informazioni Interne che le imprese devono fornire all ente che classifica il merito di credito sono infatti incluse valutazioni direttamente o indirettamente legate al capitale umano quali la professionalità delle risorse umane, la formazione, il clima aziendale, l abilità del management di rispondere prontamente ai cambiamenti, ecc. Si ricorda inoltre che l EFQM (European Foundation for Quality Management) ha creato un modello di autovalutazione di riferimento per premiare le organizzazioni più valide e per consentire a ciascuna di confrontarsi con tale modello, basato su nove criteri, a loro volta suddivisi in due categorie: i fattori e i risultati. I criteri legati al capitale umano sono rilevanti nel modello e quindi ogni organizzazione che punti all eccellenza dovrà dedicare una parte significativa dei propri sforzi per raggiungere risultati positivi in tale area. Risulta dunque ormai inevitabile per le organizzazioni dotarsi di strumenti per poter compiere analisi più o meno approfondite sulle informazioni relative al capitale umano, che per loro natura richiedono una complessità diversa dalle tradizionali analisi sui dati economico-finanziari. Tale esigenza va però vista come una grande opportunità e non come una ulteriore occasione mancata che implichi solo costi. Fra i risultati più importanti che si possono ottenere da una efficace iniziativa di cambiamento guidata dall analisi evoluta dei dati relativi al capitale umano tramite lo strumento del tableau de bord si possono infatti annoverare: Allineamento della gestione del capitale umano con la strategia aziendale Miglioramento del clima aziendale e della produttività Aumento della capacità di attrarre e mantenere i talenti Uso più efficiente delle risorse economiche Ugo Boscolo è senior consultant in Visionest S.r.l. Ha maturato significative esperienze nella consulenza tecnologica e di processo, con particolare approfondimento nelle aree Risorse Umane e Controllo di Gestione. VISIONEST S.r.l. opera nel campo della consulenza volta al disegno ed all introduzione di metodologie, strumenti e logiche d innovazione. Competenze di Business & Organization Strategy si uniscono a competenze di Information Strategy per studiare e realizzare progetti di innovazione. All Rights Reserved, Pagina 6 di 6

IL PATRIMONIO INTANGIBILE. Idee e metodologie per la direzione d impresa. Marzo 2004

IL PATRIMONIO INTANGIBILE. Idee e metodologie per la direzione d impresa. Marzo 2004 Marzo Inserto di Missione Impresa dedicato allo sviluppo pratico di progetti finalizzati ad aumentare la competitività delle imprese. IL PATRIMONIO INTANGIBILE COSA SI INTENDE PER PATRIMONIO INTANGIBILE?

Dettagli

Lo studio professionale quale microimpresa?

Lo studio professionale quale microimpresa? S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO 11 MEETING NAZIONALE EVOLUZIONE DEI SERVIZI PROFESSIONALI DELLA CONSULENZA ORGANIZZARE L IMPRESA STUDIO Lo studio professionale quale microimpresa? Giulio

Dettagli

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT http://www.sinedi.com ARTICOLO 8 GENNAIO 2007 I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT In uno scenario caratterizzato da una crescente competitività internazionale si avverte sempre di più la necessità di una

Dettagli

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda Fa quadrato attorno alla tua azienda Professional Perché scegliere Cosa permette di fare la businessintelligence: Conoscere meglio i dati aziendali, Individuare velocemente inefficienze o punti di massima

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private.

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private. Chi siamo Nata nel 1999, Energy Consulting si è affermata sul territorio nazionale fra i protagonisti della consulenza strategica integrata nel settore delle energie con servizi di Strategic Energy Management

Dettagli

Servizi e soluzioni per una Direzione del Personale innovativa

Servizi e soluzioni per una Direzione del Personale innovativa Servizi e soluzioni per una Direzione del Personale innovativa Le persone al centro Come operiamo Quello che anima ehrgon è la volontà di creare valore e fare la diff erenza per i nostri Clienti, fornire

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

SoftwareSirio Modelli di Board

SoftwareSirio Modelli di Board SoftwareSirio Modelli di Board Business Intelligence e Performance Management vendite logistica e acquisti commesse scadenziari riclassificazione di bilancio Sirio informatica e sistemi SpA Sirio informatica

Dettagli

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale di Alberto Boletti INTRODUZIONE Lo studio dell organizzazione aziendale ha sempre suscitato in me una forte curiosità,

Dettagli

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013 Processi e Miglioramento - La gestione per processi - Il miglioramento - Le metodologie del miglioramento 1 L organizzazione di successo è quella vicina al cliente, cioè in grado di fornire elevate prestazioni

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 Agenda Il contesto di mercato La centralità del Pricing Come sfruttare le potenzialità

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

Chi siamo Vision, Mission Gli ambiti di intervento

Chi siamo Vision, Mission Gli ambiti di intervento > Gruppo Q&O MCS consulting Chi siamo Vision, Mission Gli ambiti di intervento Gli obiettivi per il Cliente Approccio metodologico www.qeoconsulting.com www.mcs-tv.com Chi siamo Con base a Reggio Emilia

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

LA NOSTRA STORIA Esperienza e professionalità. I VALORI Etica, qualità e impegno costante. I CLIENTI Attenzione alle esigenze del Cliente

LA NOSTRA STORIA Esperienza e professionalità. I VALORI Etica, qualità e impegno costante. I CLIENTI Attenzione alle esigenze del Cliente INDICE PAG. 2 LA NOSTRA STORIA Esperienza e professionalità PAG. 4 I VALORI Etica, qualità e impegno costante PAG. 6 I CLIENTI Attenzione alle esigenze del Cliente 1 PAG. 7 GLI OBIETTIVI Stabilità e continuità

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale e Logistica Integrata

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale e Logistica Integrata UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale e Logistica Integrata Insegnamento : TECNICHE di GESTIONE AZIENDALE Docente: dott.ing.giampaolo

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano!

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! 2013 Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! Nel mondo economico dei nostri tempi, la maggior parte delle organizzazioni spende migliaia (se non milioni) di euro per

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 6 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 6 Modulo 6 Integrare verso l alto e supportare Managers e Dirigenti nell Impresa: Decisioni più informate; Decisioni

Dettagli

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi.

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. 5. Processi Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. Il criterio vuole approfondire come l azienda agrituristica

Dettagli

L IT a supporto della condivisione della conoscenza

L IT a supporto della condivisione della conoscenza Evento Assintel Integrare i processi: come migliorare il ritorno dell investimento IT Milano, 28 ottobre 2008 L IT a supporto della condivisione della conoscenza Dott. Roberto Butinar AGENDA Introduzione

Dettagli

Bilancio Economico Pluriennale 2014 2015-2016

Bilancio Economico Pluriennale 2014 2015-2016 Regione Calabria Azienda Sanitaria Provinciale Cosenza Il Direttore Generale Bilancio Economico Pluriennale 2014 2015-2016 Il Direttore Generale Dott. Gianfranco Scarpelli RELAZIONE AL BILANCIO PLURIENNALE

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

km brochure pdf cover documento aggiornato il 31.10.2004 Knowledge management Trasferire la conoscenza da chi la possiede a chi la richiede

km brochure pdf cover documento aggiornato il 31.10.2004 Knowledge management Trasferire la conoscenza da chi la possiede a chi la richiede km brochure pdf cover documento aggiornato il 31.10.2004 Knowledge management Trasferire la conoscenza da chi la possiede a chi la richiede km brochure pdf indice documento aggiornato il 31.10.2004 km

Dettagli

La tecnologia cloud computing a supporto della gestione delle risorse umane

La tecnologia cloud computing a supporto della gestione delle risorse umane La tecnologia cloud computing a supporto della gestione delle risorse umane L importanza delle risorse umane per il successo delle strategie aziendali Il mondo delle imprese in questi ultimi anni sta rivolgendo

Dettagli

QUESTIONARIO. Informazioni anagrafiche. Cognome: Ruolo Svolto: Società: Misure di Performance nel fascicolo di bilancio: Utilità

QUESTIONARIO. Informazioni anagrafiche. Cognome: Ruolo Svolto: Società: Misure di Performance nel fascicolo di bilancio: Utilità QUESTIONARIO Informazioni anagrafiche me: Cognome: Ruolo Svolto: Società: Fatturato:.. Numero Addetti: Misure di Performance nel fascicolo di bilancio: Utilità 1. Il fascicolo di bilancio attualmente predisposto

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE http://www.sinedi.com ARTICOLO 9 FEBBRAIO 2007 ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE La formulazione della strategia aziendale rappresenta un momento estremamente importante per tutte

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE

INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE OD&M Consulting è una società di consulenza specializzata nella gestione e valorizzazione delle persone e nella progettazione di sistemi

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 4 1 Le esigenze di cambiamento LA TRADIZIONALE STRUMENTAZIONE E LE METODOLOGIE DEL CONTROLLO si contraddistinguono per: Focalizzazione

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE. Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No

MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE. Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No DOCENTE : FOGLI MAURIZIO BENVENUTI SERGIO MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE A.S.: 2014 / 2015 CLASSE: 4 AMS Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No Gli obiettivi disciplinari

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.04 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

Scheda di partecipazione Quarta edizione

Scheda di partecipazione Quarta edizione Scheda di partecipazione Quarta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Sistemi per le decisioni Dai sistemi gestionali ai sistemi di governo

Sistemi per le decisioni Dai sistemi gestionali ai sistemi di governo Sistemi per le decisioni Dai sistemi gestionali ai sistemi di governo Obiettivi. Presentare l evoluzione dei sistemi informativi: da supporto alla operatività a supporto al momento decisionale Definire

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

I Sistemi Informativi Direzionali. I reporting direzionali

I Sistemi Informativi Direzionali. I reporting direzionali I Sistemi Informativi Direzionali I reporting direzionali Concezioni del controllo Concezione tradizionale valutare l efficienza, l onestà e la diligenza dei dipendenti Concezione moderna (p.e. Anthony)

Dettagli

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari Chi Siamo Il progetto Obiettivamente nasce con lo scopo di offrire una pronta risposta alle mutevoli richieste di credito da parte delle imprese, garantendo un servizio di consulenza sempre attento, innovativo

Dettagli

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006 Contenuti, logiche ed effetti di Basilea 2 sulle PMI Le informazioni qualitative rilevanti ai fini del rating qualitativo: il controllo di gestione aziendale come elemento importante dei dati qualitativi

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

IL MARKETING STRATEGICO

IL MARKETING STRATEGICO IL MARKETING STRATEGICO Definizione di Marketing Marketing: un processo attuo a definire, prevedere, soddisfare, creare, distribuire, promuovere beni e/o servizi, bisogni e esigenze dei clienti consumatori

Dettagli

NECESSITA E FINALITA DELLA VALUTAZIONE

NECESSITA E FINALITA DELLA VALUTAZIONE NECESSITA E FINALITA DELLA VALUTAZIONE Crescita degli eventi e loro complessità determinano la necessità di valutare il valore reale di un evento sia a valle che a monte Vuoto cognitivo facendo riferimento

Dettagli

Luciano Hinna, Ordinario di Economia delle aziende pubbliche e non profit Università degli studi di Roma Tor Vergata

Luciano Hinna, Ordinario di Economia delle aziende pubbliche e non profit Università degli studi di Roma Tor Vergata Seminario di studi Archivi della moda del 900: primi risultati del progetto a Firenze e in Toscana I sessione Memoria e valorizzazione del patrimonio della moda Firenze, 4-5 giugno 2009 Luciano Hinna,

Dettagli

Analisi dei fabbisogni formativi. Realizzazione del programma

Analisi dei fabbisogni formativi. Realizzazione del programma Smart*Health [Skill Evaluation Management] SkEMa Il software per la valutazione del personale continuità dell assistenza, collaborazione e controllo in una rete sanitaria integrata Analisi dei fabbisogni

Dettagli

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 Modulo 1 Parte 1 Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 1.1.1.1 pag. 21 Quale, tra le affermazioni che seguono relative al concetto di qualità, è la più corretta? A. Il termine qualità

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/ http://www.intraprendereamodena.it/ Modena, febbraio 2014 Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Premessa introduttiva: la Pianificazione Strategica (4) 2. Il Business

Dettagli

Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti

Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti La prospettiva dell offerta delle assicurazioni di Sergio Paci Università Bocconi 1 Il tema del pricing è molto complesso e articolato anche

Dettagli

IL NUOVO INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING

IL NUOVO INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING IL NUOVO INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Itis Galilei di Roma - 4 dicembre 2009 - VI CONFLUISCONO GLI INDIRIZZI PREESISTENTI: ISTITUTI TECNICI COMMERCIALI Ragioniere e perito commerciale

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.03 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE PER IMPRENDITORI EDILI

CORSO DI ALTA FORMAZIONE PER IMPRENDITORI EDILI CORSO DI ALTA FORMAZIONE PER IMPRENDITORI EDILI SETTEMBRE 2013 GENNAIO 2014 Fondazione CUOA Da oltre 50 anni Fondazione CUOA forma la nuova classe manageriale e imprenditoriale.è la prima business school

Dettagli

Studio Coluccia Rossetti Dottori Commercialisti e Revisori contabili

Studio Coluccia Rossetti Dottori Commercialisti e Revisori contabili Modulo 0 Aree nelle quali operiamo Contrattualistica Internazionale Contabilità Generale Analitica Consulenza Tributaria Fiscale Certificazioni Processi Prodotti Perizie Giurate Organizzazione Produttiva

Dettagli

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti!

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti! Accade spesso che la banca vada a visitare l azienda solo quando deve acquisirne la relazione o, successivamente, per collocare nuovi prodotti o chiedere maggiori flussi di lavoro o relazioni indotte,

Dettagli

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda tramite lo strumento e la metodologia LA GESTIONE DEL CLIMA E DELLA MOTIVAZIONE La spinta motivazionale delle persone che operano in azienda è

Dettagli

Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Allegato Delibera Giunta Comunale n. 110 del 19 maggio 2014 1) Caratteristiche generali del sistema

Dettagli

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende QUALITA UNINDUSTRIA INNOVAZIONE METODO UMIQ Il metodo UMIQ Unindustria Bologna Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende Obiettivi del corso Fornire

Dettagli

SERVIZI DI CONSULENZA IN PROPRIETÀ INTELLETTUALE. 2. Studi di scenario brevettuale e patent competitive intelligence

SERVIZI DI CONSULENZA IN PROPRIETÀ INTELLETTUALE. 2. Studi di scenario brevettuale e patent competitive intelligence SERVIZI DI CONSULENZA IN PROPRIETÀ INTELLETTUALE 1. Ricerca di anteriorità (marchi e brevetti) e valutazioni di brevettabilità Le ricerche di anteriorità rappresentano uno strumento fondamentale per monitorare

Dettagli

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale IFFI 10 edizione VALORIZZARE L IMPRESA E ATTRARRE GLI INVESTITORI La liquidità dei mercati finanziari per lo sviluppo delle imprese Le scelte per la media impresa tra debito e capitale MILANO, 11 Novembre

Dettagli

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le applicazioni amministrative e finanziarie

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le applicazioni amministrative e finanziarie Le applicazioni amministrative e finanziarie 1 LA CONTABILITA AZIENDALE L esatta esposizione degli indici e degli altri elementi che compongono la contabilità è fondamentale per formulare correttamente

Dettagli

Incentive & La soluzione per informatizzare e gestire il processo di. Performance Management

Incentive & La soluzione per informatizzare e gestire il processo di. Performance Management Incentive & Performance Management La soluzione per informatizzare e gestire il processo di Performance Management Il contesto di riferimento La performance, e di conseguenza la sua gestione, sono elementi

Dettagli

Le effettive esigenze della Direzione del Personale nella gestione delle risorse umane in azienda. Andamento dal 2005 ad oggi

Le effettive esigenze della Direzione del Personale nella gestione delle risorse umane in azienda. Andamento dal 2005 ad oggi Le effettive esigenze della Direzione del Personale nella gestione delle risorse umane in azienda. Andamento dal 2005 ad oggi Indagine ottenuta grazie alla somministrazione di questionario ad oltre 260

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Percezioni del cliente in merito al servizio

Percezioni del cliente in merito al servizio Corso di Marketing Strategico Percezioni del cliente in merito al servizio Angelo Riviezzo angelo.riviezzo@unisannio.it Le percezioni del cliente in merito al servizio Marketing dei servizi Le percezioni

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa il processo di programmazione e controllo prende le mosse dalla pianificazione strategica e con riferimento al budget aziendale definisce il quadro con cui confrontare

Dettagli

Il sistema della comunicazione economico-finanziaria

Il sistema della comunicazione economico-finanziaria Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Il sistema della comunicazione economico-finanziaria Anno Accademico 2009-2010 1 Rapporto

Dettagli

La valutazione dell efficienza aziendale ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE

La valutazione dell efficienza aziendale ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE La valutazione dell efficienza aziendale EFFICIENZA E LA CAPACITA DI RENDIMENTO O L ATTITUDINE A SVOLGERE UNA DETERMINATA FUNZIONE. E MISURATA DAL RAPPORTO TRA I RISULTATI CONSEGUITI E LE RISORSE IMPIEGATE

Dettagli

Perfare MASSIMIZZARE IL VALORE DELL ATTUALE GAMMA DI PRODOTTI

Perfare MASSIMIZZARE IL VALORE DELL ATTUALE GAMMA DI PRODOTTI Perfare Perfare Percorsi aziendali di formazione e assistenza operativa MASSIMIZZARE IL VALORE DELL ATTUALE GAMMA DI PRODOTTI Costruire un piano di azioni concrete per ottenere il massimo valore dall attuale

Dettagli

SIMULWARE. Datawarehouse e sistemi di BI Dati in qualità, decisioni rapide ed efficaci

SIMULWARE. Datawarehouse e sistemi di BI Dati in qualità, decisioni rapide ed efficaci SIMULWARE Datawarehouse e sistemi di BI Dati in qualità, decisioni rapide ed efficaci Introduzione Il mercato di riferimento per la Business Intelligence è estremamente eterogeneo: dalla piccola azienda

Dettagli

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità IL RISCHIO Il rischio è la distribuzione dei possibili scostamenti dai risultati attesi per effetto di eventi di incerta manifestazione, interni

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE

IL CONTROLLO DI GESTIONE IL CONTROLLO DI GESTIONE CORSO BASE Milano, 20 e 21 maggio 2014 A cura di dottor Alessandro Tullio Studio di Consulenza dottor Alessandro Tullio Il controllo di gestione ed Il ruolo del Controller Docente:

Dettagli

CATALOGO DEI SERVIZI PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA, STRATEGICA, ORGANIZZATIVA E COMMERCIALE DELLE IMPRESE

CATALOGO DEI SERVIZI PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA, STRATEGICA, ORGANIZZATIVA E COMMERCIALE DELLE IMPRESE All.to 3- CATALOGO SERVIZI PER L INNOVAZIONE POR FESR 2014-2020 INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA E DELL OCCUPAZIONE ASSE 1 Rafforzare la Ricerca, lo sviluppo tecnologico e l innovazione Azione 1.1

Dettagli

Business Intelligence Revorg. Roadmap. Revorg Business Intelligence. trasforma i dati operativi quotidiani in informazioni strategiche.

Business Intelligence Revorg. Roadmap. Revorg Business Intelligence. trasforma i dati operativi quotidiani in informazioni strategiche. soluzioni di business intelligence Revorg Business Intelligence Utilizza al meglio i dati aziendali per le tue decisioni di business Business Intelligence Revorg Roadmap Definizione degli obiettivi di

Dettagli

I processi aziendali e l industria della cornice di legno.

I processi aziendali e l industria della cornice di legno. I processi aziendali e l industria della cornice di legno. Productio Flow può essere classificato come un sistema software progettato ad hoc sulle esigenze gestionali dell industria della cornice di legno

Dettagli

nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard

nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard Prospettiva conoscenza e competenze Prospettiva dei processi Prospettiva dei clienti Prospettiva economico finanziaria le relazioni causa-effetto

Dettagli

La nuova voce del verbo CRM. La soluzione ideale per il marketing e le vendite. A WoltersKluwer Company

La nuova voce del verbo CRM. La soluzione ideale per il marketing e le vendite. A WoltersKluwer Company La nuova voce del verbo CRM La soluzione ideale per il marketing e le vendite A WoltersKluwer Company Player il cliente al centro della nostra attenzione. Player: la Soluzione per il successo nelle vendite,

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo Capitolo XVII La gestione del processo innovativo Il ruolo dell innovazione nell economia dell immateriale L innovazione ha assunto un ruolo particolarmente significativo come variabile esplicativa della

Dettagli

Azienda GESTIONE RISORSE S UMANE

Azienda GESTIONE RISORSE S UMANE Azienda GESTIONE RISORSE S UMANE Per essere sempre più competitive, oggi, le aziende non devono considerare le proprie risorse umane un costo, ma il più grosso investimento finalizzato alla realizzazione

Dettagli

LA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI NELLA PRESA IN CARICO DELLE FRAGILITA

LA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI NELLA PRESA IN CARICO DELLE FRAGILITA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI SCIENZE SOCIALI CONVEGNO PER UN WELFARE SOSTENIBILE LEA E LIVEAS: MODELLI REGIONALI A CONFRONTO TAVOLA ROTONDA LEA E LIVEAS NELLA PRESA IN CARICO

Dettagli

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido Starter Package è una versione realizzata su misura per le Piccole Imprese, che garantisce una implementazione più rapida ad un prezzo ridotto. E ideale per le aziende che cercano ben più di un semplice

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico L Associazione Bancaria Italiana (ABI) Il Presidente dell ABI La CONFINDUSTRIA Il Presidente di CONFINDUSTRIA La Conferenza dei

Dettagli

L uso dei dati territoriali per la valutazione del mercato e la definizione dei target

L uso dei dati territoriali per la valutazione del mercato e la definizione dei target Banca Popolare di Vicenza L uso dei dati territoriali per la valutazione del mercato e la definizione dei target Filippo Catturi, Alfredo Pastega Roma, 14 dicembre 2005 Agenda Premessa La valutazione del

Dettagli

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12 SYLLABUS Amministrazione e Bilancio Docente di riferimento: Alessandro Cortesi Il primo macro-modulo ha l obiettivo di permettere ai partecipanti di utilizzare con efficacia i sistemi software per la corretta

Dettagli

Le Reti di Imprese Aggregarsi per competere

Le Reti di Imprese Aggregarsi per competere Le Reti di Imprese Aggregarsi per competere Lo sviluppo delle reti d'impresa nel settore turistico Gualtiero Milana Region Centro EVOLUZIONE DEI MERCATI La crisi dalla quale stiamo faticosamente uscendo

Dettagli

IX Convention ABI. L affidabilità dei processi interni come fattore critico di riduzione del Rischio Operativo

IX Convention ABI. L affidabilità dei processi interni come fattore critico di riduzione del Rischio Operativo IX Convention ABI L affidabilità dei processi interni come fattore critico di riduzione del Rischio Operativo BPR e BCM: due linee di azione per uno stesso obiettivo Ing. Alessandro Pinzauti Direttore

Dettagli

COACHING CREATIVO. la metodologia per liberare soluzioni

COACHING CREATIVO. la metodologia per liberare soluzioni COACHING CREATIVO la metodologia per liberare soluzioni La metodologia per liberare soluzioni Il Coaching Creativo è la metodologia che abbiamo elaborato in anni di ricerca e sviluppo per progettare e

Dettagli

Raggiungere gli obiettivi strategici e preservare il valore creato nel tempo

Raggiungere gli obiettivi strategici e preservare il valore creato nel tempo RISK MANAGEMENT & BUSINESS CONTINUITY Risk Management per le imprese Raggiungere gli obiettivi strategici e preservare il valore creato nel tempo PER L IMPRESA E STAKEHOLDER CHI E EXSAFE Società di consulenza

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane.

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane. www.beon-dp.com Operiamo in ambito di: Sviluppo Assessment e development Center Valutazione e feedback a 360 Formazione Coaching CHI SIAMO BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione

Dettagli

SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato

SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato Firenze, 22 Febbraio 2008 Massimo Maraziti presentiamoci Process Factory

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

Scheda. Il CRM per la Gestione del Marketing. Accesso in tempo reale alle Informazioni di rilievo

Scheda. Il CRM per la Gestione del Marketing. Accesso in tempo reale alle Informazioni di rilievo Scheda Il CRM per la Gestione del Marketing Nelle aziende l attività di Marketing è considerata sempre più importante poiché il mercato diventa sempre più competitivo e le aziende necessitano di ottimizzare

Dettagli

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Milano, 10 07 2013 1. Che cosa è il Risk Appetite? 2. Il processo di Risk Appetite

Dettagli