Misurare e Valorizzare l Intangibile: il tableau de bord del Capitale Umano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Misurare e Valorizzare l Intangibile: il tableau de bord del Capitale Umano"

Transcript

1 Misurare e Valorizzare l Intangibile: il tableau de bord del Capitale Umano Di Ugo Boscolo Senior Consultant Visionest S.r.l. > Introduzione Obiettivo del presente white paper è presentare quali vantaggi possano scaturire dall utilizzo di uno strumento di supporto alle decisioni che consenta all alta Direzione di ottenere una visione d insieme e correttamente strutturata sulle informazioni relative alle Risorse Umane ed al loro legame con gli obiettivi strategici dell organizzazione. Per illustrare al meglio il valore che tale strumento può apportare ad ogni organizzazione, si ritiene utile presentare in questa sede alcuni spunti di riflessione a proposito delle più recenti ed innovative teorie sulla gestione aziendale in merito alla ormai annosa questione della corretta attribuzione del valore delle Risorse Umane, viste tradizionalmente come un mero costo nel bilancio aziendale e non come uno dei maggiori fattori di ricchezza. Nonostante la disciplina nota come HR Accounting (il processo di misurare l i costo e il valore delle persone viste come risorse organizzative, cioè il Capitale Umano ) sia di fatto sorta alla fine degli anni 60, ancora oggi la maggior parte delle organizzazioni stenta ad affrontare il tema in modo strutturato o addirittura ignora la possibilità di considerare il personale come una risorsa che costituisce e crea valore e quindi rappresenta una fondamentale fonte di vantaggio competitivo. Oltre alla teoria, indispensabile supporto quando ci si renda conto della necessità di adottare una metodologia adeguata nell affrontare un tema che richiede non solo rigore ingegneristico, ma anche e soprattutto attenzione alle persone che formano l organizzazione, numerose osservazioni presenti in questo documento traggono spunto dall esperienza sul campo, frutto di anni a contatto con le reali esigenze della Direzione Risorse Umane di organizzazioni di varie dimensioni e tipologia, sia nel settore privato che nella Pubblica Amministrazione. E interessante notare come, oltre a specifiche esigenze legate alle caratteristiche uniche di ciascuna realtà osservata, il requisito comune e sempre presente fra le principali priorità della Direzione Risorse Umane e del top management risulta la necessità di disporre di informazioni strutturate, precise ed eventualmente integrate con altri indicatori di performance (finanziari, produttivi, ecc.). L obiettivo ultimo è sempre quello di poter allineare la gestione delle Risorse Umane con la strategia dell organizzazione, partendo dalle opportune informazioni, d insieme e di dettaglio, provenienti spesso da fonti eterogenee e scarsamente integrate fra loro. I dipendenti potranno anche essere la nostra più grande passività, ma le persone sono la nostra più grande opportunità Peter F. Drucker (2002) > Il patrimonio intangibile L International Accounting Standards Board (IASB - organismo indipendente la cui missione è stabilire standard internazionali per la contabilità) definisce il patrimonio intangibile come quel patrimonio non-monetario ed identificabile, privo di sostanza fisica, che costituisce una risorsa controllata dall organizzazione come risultato di eventi passati (acquistata o autogenerata) e dalla quale sono attesi futuri benefici economici ( flussi di cassa o altro patrimonio). Nella pratica aziendale il patrimonio intangibile (detto anche Capitale Intellettuale ) è costituito da quell insieme di elementi quali cultura aziendale, brevetti, marchi, know-how codificato, competenza del management, grado di leadership, All Rights Reserved, Pagina 1 di 6

2 formazione, competenze, soddisfazione del personale, esperienza, organizzazione, relazioni esterne con clienti e fornitori ed in sostanza tutti quei fattori non materiali che costituiscono un vantaggio competitivo sul mercato e contribuiscono alla performance dell organizzazione nella produzione di beni e servizi. Il bilancio economico-finanziario per sua natura fornisce scarse informazioni sull attitudine dell impresa a raggiungere nel modo più conveniente i propri obiettivi strategici e non evidenzia tutti i fattori che contribuiscono all efficienza economica, come ad esempio la qualità dei clienti, le relazioni di fiducia con istituti finanziari, le capacità del personale, la credibilità del management, ecc. Il bilancio dell intangibile, complementare a quello economico-finanziario, può aiuta re ad individuare lo sviluppo del valore futuro dell organizzazione e la sua sostenibilità competitiva nella moderna economia della conoscenza-competenza, permette di giustificare una parte della differenza tra il valore di un organizzazione (come è percepito dagli stakeholder ed in generale dal mercato) e il suo valore contabile e rappresenta un modello per valutare il patrimonio di un organizzazione in chiave di capacità di rinnovamento, vivacità intellettuale, vitalità e longevità. Ogni realtà possiede uno specifico patrimonio intangibile che la differenzia rispetto alle altre e la cui acquisizione richiede sforzi e tempi notevolmente superiori rispetto all acquisizione di qualsiasi altra risorsa. A sua volta, essendo soggetto a rapido deterioramento, il patrimonio intangibile va invece continuamente alimentato e protetto, anche se è difficilmente copiabile da una organizzazione concorrente. L alimentazione del patrimonio intangibile avviene tramite flussi di risorse intangibili generati dalle attività dell organizzazione, visibili o meno nel conto economico. Nel primo caso sono rilevabili come voci di costo (spese di ricerca e sviluppo, costi di formazione, ecc.), mentre il secondo caso riguarda sia elementi quantitativi rilevabili soltanto analizzando dati extra-contabili (es.: le determinanti del reddito operativo), sia elementi qualitativi quali la fiducia dei clienti, la motivazione del personale, ecc. Per la misurazione del patrimonio intangibile non è possibile definire uno standard di indicatori validi per tutte le organizzazioni, ma tale misurazione è fondamentale per comprendere meglio la storia passata della loro gestione (in termini di dinamica delle competenze, dei rapporti con gli attori esterni all organizzazione, ecc.) e soprattutto le future potenzialità di evoluzione. Di seguito si riporta una lista di alcuni degli indicatori più comunemente utilizzati: Questa è l età del capitale umano, al punto che il capitale umano è la più importante forma di capitale nella moderna economia Gary S. Becker (2001) Struttura Interna Struttura Esterna Capitale Strutturale Capitale Umano Capitale Relazionale % del fatturato investito in ricerca e sviluppo Investimenti pro-capite in formazione Numero di nuovi marchi o brevetti Time-to-market di nuovi prodotti o servizi Grado di coerenza della cultura aziendale con gli obiettivi di business Efficienza dei processi di business Livello di scolarità del personale Indice di soddisfazione del personale Ore di formazione pro-capite Livello di competenza tecnica del personale Livello di abilità sociale del personale Livello di produttività del personale Grado di leadership del management Indice di soddisfazione dei clienti Quantità di reclami dei clienti Grado di fedeltà ai marchi % di clienti fedeli % di fatturato da clienti fedeli Fatturato medio per cliente Valore dei marchi Valore percepito all esterno di prodotti e servizi Credibilità del management > Il capitale umano Il capitale umano rappresenta una componente fondamentale dei beni intangibili e può essere definito come la conoscenza che il personale porta con sé quando lascia l organizzazione ed è caratterizzato dalle seguenti componenti principali: All Rights Reserved, Pagina 2 di 6

3 Capacità Conoscenze Competenze Esperienza Esempi di tale patrimonio di conoscenza, generalizzata o unica per ciascun individuo, sono: capacità di innovazione, creatività, know-how tecnico, precedenti esperienze lavorative, capacità di lavorare in gruppo, flessibilità, capacità di affrontare contesti di ambiguità o incertezza, motivazione, soddisfazione, capacità di apprendere, lealtà, istruzione e formazione, ecc. Il capitale umano è generato dalle persone che operano nell'organizzazione e che costituiscono il suo propulsore con l'apporto di esperienze, comportamenti, lavoro. Perché tale organismo funzioni al meglio contano anche la volontà, l'entusiasmo, le abilità sociali dei singoli e dei gruppi che formano l organizzazione. Una iniziativa di miglioramento focalizzata sul capitale umano risulta indispensabile ogni volta che uno degli indicatori quali il turnover, l assenteismo, la conflittualità o l efficienza risulti peggiore rispetto alla media del settore o manifesti una tendenza negativa, oppure quando le condizioni di mercato siano sfavorevoli: un vantaggio competitivo può spesso essere ottenuto facendo leva sul valore del capitale umano. La comprensione del valore del capitale umano e la sua massimizzazione possono comportare in ogni caso notevoli benefici per l intera organizzazione, favorendo un circolo virtuoso che spesso produce risultati inaspettatamente positivi anche in termini puramente economici e quindi di valore sul mercato. Per valorizzare il più possibile il proprio capitale umano, un organizzazione deve: Disporre di informazioni accurate sul capitale umano Essere in grado di elaborare ed interpretare le informazioni Attuare le strategie di valorizzazione del capitale umano Essere capace di misurare l efficacia delle azioni di miglioramento Gli strumenti e le tecniche utilizzabili per analizzare informazioni complesse riguardanti il capitale umano sono quelli classici della Business Intelligence: Key Performance Indicator (KPI): indicatori significativi di riferimento What-if analysis: simulazioni di scenari al variare di alcuni parametri Balanced Scorecard: indicatori bilanciati per implementare strategie Ciascuno di tali strumenti presuppone la disponibilità di informazioni strutturate, classificate e codificate, adatte ad essere elaborate tramite strumenti informatici. Il primo passo per analizzare le informazioni sul capitale umano è individuare quali siano gli oggetti dell analisi, come si relazionano fra loro e quale possa essere il metodo migliore per rappresentare le informazioni associate a tali oggetti. Ogni vantaggio competitivo degno di questo nome riposa su specifiche risorse dell impresa, uniche. [ ] Le risorse strategiche includono: le competenze fondamentali, gli asset strategici e i processi fondamentali Gary Hamel (2000) > Le metriche applicate al capitale umano Se le informazioni sono state opportunamente strutturate è possibile individuare le metriche necessarie per raggiungere lo specifico obiettivo, la cui complessità di realizzazione può variare notevolmente: si pensi al caso semplice di statistiche di base su dati anagrafici (effettuabile per esempio a partire dalla estrazione dei dati dal sistema di gestione paghe), oppure alla notevole articolazione di una analisi finalizzata alla predisposizione di un bilancio del patrimonio intangibile, che presuppone l acquisizione di informazioni da fonti estremamente eterogenee. All Rights Reserved, Pagina 3 di 6

4 Nell accezione più ampia, la misurazione del capitale umano deve tener conto di una molteplicità di variabili: occorre quantificare per esempio il grado di leadership dei livelli direttivi, la composizione, il numero e l'età dei dirigenti, ma è anche necessario valutare le caratteristiche anagrafiche e professionali di tutti i dipendenti, il loro grado di soddisfazione in merito all operato dei responsabili e di comprensione delle strategie aziendali, ma anche il livello di produttività e competenza in relazione all inquadramento ed alla anzianità di servizio, le ore spese in formazione, ecc. Ad oggi esistono differenti approcci alla misurazione del capitale intellettuale (e della componente definita capitale umano). Le principali metodologie possono essere ricondotte, semplificando, a quattro filoni principali: Return On Asset (ROA): forniscono un risultato complessivo sul valore del patrimonio intangibile, basato su fatturato e valore del patrimonio tangibile Market Capitalization (MC): calcolano il valore del patrimonio intangibile a partire dalla differenza fra la capitalizzazione di mercato ed i mezzi propri degli azionisti (in inglese equity) Direct Intellectual Capital (DIC): stimano il valore monetario dei beni intangibili, identificando i vari componenti e valutandoli direttamente, individualmente oppure con coefficienti di aggregazione Scorecard (SC): prevedono l individuazione dei vari componenti e la generazione di indicatori, ma senza l attribuzione di un valore monetario Le metodologie di tipo ROA ed MC sono utili nei casi di fusioni ed acquisizioni e per valutazioni legate all ingresso nel mercato azionario e sono usate efficacemente per eseguire confronti fra organizzazioni operanti nel medesimo settore. Sono inoltre facili da comunicare ed utilizzare nell ambiente amministrativo poiché si basano su regole di contabilità consuete. Uno svantaggio evidente di ROA ed MC è la superficialità di tradurre tutto il valore del capitale intellettuale in termini puramente monetari e risultano spesso inapplicabili per organizzazioni no-profit, nella Pubblica Amministrazione o nella valutazione del valore di una parte dell organizzazione. Le metodologie riconducibili al DIC od SC offrono un immagine più completa di una organizzazione, possono condurre a risultati applicabili ad ogni livello e sono più accurate rispetto alle metodologie basate su metriche puramente finanziarie. Adatte per organizzazioni no-profit, Pubblica Amministrazione e per valutazioni sull impatto ambientale o la responsabilità sociale, comportano lo svantaggio di essere molto legate al contesto di applicazione: devono essere personalizzate per ciascuna organizzazione, rendendo poco agevole il confronto fra differenti realtà. Le DIC e soprattutto SC richiedono poi l acquisizione di una gran mole di dati, difficili da analizzare e comunicare a manager abituati a considerare solo aspetti finanziari. > Il tableau de bord del capitale umano Il tableau de bord è una sorta di cruscotto (che nella letteratura anglo-sassone viene indicato come dashboard) ideato all inizio del 900 in Francia per supportare gli ingegneri di processo nel migliorare i processi produttivi tramite lo sviluppo di una migliore comprensione delle relazioni di causa-effetto. In seguito tale strumento di analisi venne utilizzato dal top management per monitorare l andamento del business in relazione ad obiettivi prefissati, tramite una sintesi di parametri chiave. In generale la progettazione di un tableau de bord richiede la traduzione della missione dell organizzazione in obiettivi chiari, che a loro volta devono essere tradotti in fattori critici di successo (Key Success Factor - KSF), i quali infine portano all individuazione di un esiguo numero di fattori chiave di performance (KPI). Nel contesto delle Risorse Umane il tableau de bord costituisce uno dei migliori strumenti per effettuare analisi evolute sulle informazioni a disposizione: un cruscotto di analisi sulle informazioni chiave relative al personale sarà strutturato in modo da supportare con efficacia la Direzione lungo tutte le fasi del cambiamento, All Rights Reserved, Pagina 4 di 6

5 fornendo la possibilità di interpretare dinamiche spesso complesse e di effettuare simulazioni e previsioni. Nella pratica le informazioni relative al capitale umano sono generalmente distribuite in una molteplicità di fonti, spesso poco strutturate e poco omogenee fra loro. Tramite il tableau de bord l utente che necessiti di una visione di sintesi su tali dati ottiene un risparmio di tempo e la certezza della qualità delle informazioni. Nello scenario più ottimistico la maggior parte dei dati è contenuta in un sistema gestionale, che per sua natura ha già indotto l organizzazione a strutturare ed integrare le informazioni sulle Risorse Umane. In tali casi lo sforzo maggiore può consistere nella classificazione e raccolta delle informazioni che eventualmente vengano trattate extra-sistema: risultati di questionari, schede di valutazione, ecc. Lo scenario più diffuso, soprattutto presso le organizzazioni di medie e piccole dimensioni, vede invece la presenza di sistemi per la gestione paghe e presenze che contengono i dati anagrafici e retributivi ed una serie di altre applicazioni, database, fogli elettronici spesso fuori controllo, documenti cartacei destinati al trattamento delle informazioni gestionali (selezione, formazione, carriere, ecc.). In tali contesti è oneroso innanzitutto lo sforzo iniziale di rendere omogenee le informazioni che concorreranno al calcolo degli indicatori da presentare nel tableau de bord. In qualunque contesto ci si trovi fra i due scenari estremi citati, è in ogni caso consigliabile procedere per gradi, dando la priorità alla presentazione sul tableau de bord delle metriche d i tipo anagrafico per poi aumentare la complessità in base alle esigenze dell utente finale, che gradualmente acquista confidenza con lo strumento. Dal punto di vista tecnico, il tableau de bord costituisce la componente di presentazione dei dati di un sistema costituito da più livelli logici: il primo gestisce l acquisizione dei dati dalle differenti sorgenti, la loro validazione, trasformazione e caricamento in un Data Warehouse e viene indicato anche come ETL = Extraction, Transformation and Loading il secondo è il cuore dell architettura, il Data Warehouse, cioè quella collezione di dati integrati e storicizzati progettata appositamente per consentire l analisi dei dati su molteplici dimensioni di indagine, il che non è possibile con i sistemi gestionali, nati per gestire transazioni di business il terzo deve presentare all utente finale una vista opportuna sui dati di interesse, svincolandolo dalla necessità di accedere ai sistemi sorgenti Sistemi Legacy Sistemi gestionali (ERP) Dati dal Web Integrazione (ETL) Data Warehouse Presentazione Query Tableau de bord Xls,, database Access, ecc La fase di disegno e l interpretazione delle informazioni fornite da un tableau de bord sul capitale umano devono essere affrontate con il dovuto buon senso e con gli appropriati strumenti metodologici. L esperienza sul campo insegna che: All Rights Reserved, Pagina 5 di 6

6 E indispensabile fare tesoro della storia passata dell organizzazione, con le sue specificità e caratteristiche uniche, successi ed insuccessi Dalle metodologie di analisi in ambito Risorse Umane conviene cogliere gli aspetti più pragmatici e di immediato utilizzo, tenendo sempre presente il contesto geografico, di mercato, di cultura ove si vogliono applicare Avvalersi di eventuali benchmarking di settore è consigliabile, poiché spesso questi forniscono interessanti risultati e spunti di riflessione ed offrono una preziosa occasione di confronto con il mercato > Conclusioni In questo white paper sono state presentate le principali caratteristiche di un tableau de bord del capitale umano ed alcuni spunti di riflessione per inquadrare l ampio tema della valorizzazione del patrimonio intangibile delle organizzazioni ed indicare le principali motivazioni per l adozione di tale strumento. Ad integrazione delle osservazioni illustrate in precedenza, si segnala la necessità di considerare la valorizzazione del capitale umano fra i più importanti passi che le organizzazioni dovranno compiere per ottenere una accettabile classe di rating per l accesso al credito secondo l accordo di Basilea 2: fra le cosiddette informazioni Interne che le imprese devono fornire all ente che classifica il merito di credito sono infatti incluse valutazioni direttamente o indirettamente legate al capitale umano quali la professionalità delle risorse umane, la formazione, il clima aziendale, l abilità del management di rispondere prontamente ai cambiamenti, ecc. Si ricorda inoltre che l EFQM (European Foundation for Quality Management) ha creato un modello di autovalutazione di riferimento per premiare le organizzazioni più valide e per consentire a ciascuna di confrontarsi con tale modello, basato su nove criteri, a loro volta suddivisi in due categorie: i fattori e i risultati. I criteri legati al capitale umano sono rilevanti nel modello e quindi ogni organizzazione che punti all eccellenza dovrà dedicare una parte significativa dei propri sforzi per raggiungere risultati positivi in tale area. Risulta dunque ormai inevitabile per le organizzazioni dotarsi di strumenti per poter compiere analisi più o meno approfondite sulle informazioni relative al capitale umano, che per loro natura richiedono una complessità diversa dalle tradizionali analisi sui dati economico-finanziari. Tale esigenza va però vista come una grande opportunità e non come una ulteriore occasione mancata che implichi solo costi. Fra i risultati più importanti che si possono ottenere da una efficace iniziativa di cambiamento guidata dall analisi evoluta dei dati relativi al capitale umano tramite lo strumento del tableau de bord si possono infatti annoverare: Allineamento della gestione del capitale umano con la strategia aziendale Miglioramento del clima aziendale e della produttività Aumento della capacità di attrarre e mantenere i talenti Uso più efficiente delle risorse economiche Ugo Boscolo è senior consultant in Visionest S.r.l. Ha maturato significative esperienze nella consulenza tecnologica e di processo, con particolare approfondimento nelle aree Risorse Umane e Controllo di Gestione. VISIONEST S.r.l. opera nel campo della consulenza volta al disegno ed all introduzione di metodologie, strumenti e logiche d innovazione. Competenze di Business & Organization Strategy si uniscono a competenze di Information Strategy per studiare e realizzare progetti di innovazione. All Rights Reserved, Pagina 6 di 6

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Corso Tecnologie dell informazione applicata ai processi aziendali. Il sistema di misurazione delle prestazioni aziendali

Corso Tecnologie dell informazione applicata ai processi aziendali. Il sistema di misurazione delle prestazioni aziendali Corso Tecnologie dell informazione applicata ai processi aziendali. Il sistema di misurazione delle prestazioni aziendali Simone.cavalli@unibg.it Bergamo, Febbraio 2008 Il sistema di misurazione delle

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. LA METODOLOGIA EFQM E IL QUESTIONARIO DI AUTO VALUTAZIONE... 4 3. LA METODOLOGIA

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence aggregazione dati Business Intelligence analytic applications query d a t a w a r e h o u s e aggregazione budget sales inquiry data mining Decision Support Systems MIS ERP data management Data Modeling

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

un occhio al passato per il tuo business futuro

un occhio al passato per il tuo business futuro 2 3 5 7 11 13 17 19 23 29 31 37 41 43 47 53 59 61 un occhio al passato per il tuo business futuro BUSINESS DISCOVERY Processi ed analisi per aziende virtuose Che cos è La Business Discovery è un insieme

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson Le Tecnologie della Relationship Management e l interazione con le funzioni ed i processi aziendali Angelo Caruso, 2001 Relationship Management Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci L Autovalutazione con il Modello CAF Questa presentazione L autovalutazione e il miglioramento Il processo di autovalutazione La scelta dell approccio all autovalutazione Alcuni approfondimenti sull autovalutazione

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Le Dashboard di cui non si può fare a meno

Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le aziende più sensibili ai cambiamenti stanno facendo di tutto per cogliere qualsiasi opportunità che consenta loro di incrementare il business e di battere

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

ADVANCED MES SOLUTIONS

ADVANCED MES SOLUTIONS ADVANCED MES SOLUTIONS PRODUZIONE MATERIALI QUALITA MANUTENZIONE HR IIIIIIIIIaaa Open Data S.r.l. all rights reserved About OPERA OPERA MES è il software proprietario di Open Data. È un prodotto completo,

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti Federico Corradi Workshop SIAM Cogitek Milano, 17/2/2009 COGITEK s.r.l. Via Montecuccoli 9 10121 TORINO Tel. 0115660912 Fax. 0115132623Cod. Fisc.. E Part.

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva) INDICE

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva) INDICE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 720 LE RESPONSABILITÀ DEL REVISORE RELATIVAMENTE ALLE ALTRE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Il Data Quality, un problema di Business!

Il Data Quality, un problema di Business! Knowledge Intelligence: metodologia, modelli gestionali e strumenti tecnologici per la governance e lo sviluppo del business Il Data Quality, un problema di Business! Pietro Berrettoni, IT Manager Acraf

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network Di cosa parliamo? La Borsa delle Idee è la soluzione per consentire alle aziende di coinvolgere attivamente le persone (dipendenti, clienti,

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

GESTIONE STRATEGICA DELLE RISORSE UMANE. ANALISI E IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA ERP HR IN UNA REALTÀ AZIENDALE

GESTIONE STRATEGICA DELLE RISORSE UMANE. ANALISI E IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA ERP HR IN UNA REALTÀ AZIENDALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI INGEGNERIA GESTIONE STRATEGICA DELLE RISORSE UMANE. ANALISI E IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA ERP HR IN UNA REALTÀ AZIENDALE Laureanda: Relatore: Martina Orlando

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli