LA MIA IDEA GIUSTA. fiscale TRNSRN61H45F839G, residente in Via Gorizia, 66 cap Pomigliano d Arco (NAPOLI)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA MIA IDEA GIUSTA. fiscale TRNSRN61H45F839G, residente in Via Gorizia, 66 cap 80038- Pomigliano d Arco (NAPOLI)"

Transcript

1 Pagina 1 di 23 LA MIA IDEA GIUSTA INFORMAZIONI GENERALI: (Titolo del Progetto, dati del Capo Progetto; segnalare se impresa già esistente oppure ancora da costituire) Il Titolo del Progetto è : Elicicoltura Biologica e più nel dettaglio : Allevamento biologico a ciclo completo di lumache da gastronomia con metodo di autoproduzione energetica ad impatto zero con attività complementari quali attrazione turistica e fattoria didattica. Azienda : Elibio localizzata in Contrada Macedonia n. 103/105 Sant Anastasia Napoli. Dati del Capo Progetto: Speranza Tranchese, nata a Napoli, il 05/06/1961 con codice fiscale TRNSRN61H45F839G, residente in Via Gorizia, 66 cap Pomigliano d Arco (NAPOLI) Ruolo da ricoprire: Coltivatrice Diretta e Responsabile dell Azienda Agricola, azienda no profit a scopo sociale, ancora da costituire. Per la forma e/o statuto ci avvarremo, nel caso di vittoria, del Servizio di Corporate Advisory a supporto della realizzazione del business plan prospettico messo a disposizione dal Concorso. ASSOCIAZIONE MAKE A CHANGE Piazza Diaz 6, Milano Tel , Fax ,

2 Pagina 2 di 23 DESCRIZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE (Elementi distintivi dell idea, quali bisogni si vogliono soddisfare). L Azienda agricola Elibio sarà sviluppata con metodologie di produzione pro-ambiente in quanto l allevamento di lumache in cattività sarà esclusivamente vegetale e le unità foraggiere prodotte sullo specifico spazio di allevamento sono più che sufficienti per il mantenimento e l accrescimento dei soggetti. Non vi saranno acquisti di alimenti fuori azienda. Il tipo di lumaca che sarà allevato, in base alle condizioni pedologiche, ambientali e climatiche è la Helix Aspersa Muller, una colorazione del guscio molto evidente con una eccezionale durezza, una bordatura perfetta frutto di un accurata selezione in fase di raccolta; la specie di maggior interesse per il mercato dell area Mediterranea (Spagna,Italia, Grecia). Varietà che inoltre registra i più lunghi tempi di conservabilità (fino a sei mesi dopo la raccolta) e in grado di mantenere le proprie caratteristiche organolettiche e qualitative immutate. Va inoltre considerato che la Helix Aspersa Muller è la specie che in tutta Europa e sostanzialmente nel mondo intero, ottiene il prezzo di vendita più elevato e soprattutto invariato nelle varie sequenze stagionali dell anno. Sarà, quindi, una vera e propria attività agricola biologica made in Italy, questo è il primo elemento distintivo dell idea. Il secondo elemento distintivo : l azienda diventerà, inserendo come attività complementare la valorizzazione turistico-culturale del territorio, una vera e propria attrazione agricola della Campania, in quanto è posizionata nello splendido scenario del Monte di Somma sopra il quale si affaccia il Vesuvio (come da immagine accanto), immersa tra frutteti ed orti. Abbiamo già preso contatti con gli alberghi della zona di Napoli stipulando delle convenzioni con le quali verranno organizzati dei Tour per far conoscere ai turisti italiani e stranieri questo meraviglioso Vesuvio Monte di Somma allevamento. Svolgeremo, il mio team ed io, una vera e propria attività di informazione sul prodotto, verrà illustrato come avviene la produzione ed i meravigliosi benefici, a carattere alimentare ed estetico, che si possono trarre da questi esemplari, in più li renderemo partecipi del nostro ciclo produttivo, creando così un forte legame tra i visitatori, l agricoltura, l ambiente e l alimentazione. Cercherò, quindi, di far diventare la mia azienda un vero e proprio Polo Attrattivo Campano, conosciuto non solo per la famosa mozzarella ma anche per il pregiatissimo allevamento di lumache.

3 Pagina 3 di 23 Il terzo elemento distintivo : la Elibio mira a diventare, con tutte le dovute autorizzazioni e riconoscimenti, una Fattoria Didattica attraverso la quale creare momenti di contatto diretto con il mondo rurale, diffondere la conoscenza della tradizione agricola, educare sulle origini dei prodotti della nostra tavola e quindi sui principi di una sana e corretta alimentazione. Sarò io, Speranza Tranchese, insieme agli animatori didattici che, con il nostro sapere e la nostra maestria, svolgeremo l attività educativa per i piccoli visitatori che avranno la possibilità di acquisire concetti e abilità che difficilmente possono apprendere in un contesto urbano. I bambini, in particolare, diventeranno protagonisti del loro sapere, impareranno le abitudini di vita delle lumache, si cimenteranno in prima persona nelle fasi di semina, cura della vegetazione, vedranno come si alimenta una lumaca, e come si riproduce, acquisendo maggiore consapevolezza dell ambiente in cui vivono. Ciò permette il recupero di quella parte della nostra cultura legata alle tradizioni agricole che ancora vive nelle piccole strutture rurali. In più la valenza educativa e culturale dell iniziativa ben si sposa con l esigenza di continuare a dare ulteriori impulsi al settore agricolo che da sempre ha un importanza rilevante nell economia della nostra regione e per l identità culturale. Bisogni da soddisfare: L allevamento elicicolo ha visto moltiplicare in pochi anni il numero di aziende (attualmente sono circa 5.570), le estensioni di terreno investito e soprattutto ha fatto registrare un forte incremento nei consumi di lumache sia in Italia ( tonnellate nel 2003 tra prodotto raccolto in natura, allevato e importato) che nel Mondo ( tonnellate). L elicicoltura a ciclo biologico completo è così passata in Italia dai ettari dell inizio degli anni 90 agli attuali ettari. L Italia è oggi il Paese con il maggior numero di allevamenti, l 8% dell intera produzione mondiale, il 66% dei quali localizzati nelle regioni del Nord e del Centro, con un estensione pari al 64% dell intera superficie utilizzata. Il mercato ha sempre assorbito con facilità la produzione. Anzi, è cresciuto mano a mano aprendo nuovi e consistenti spazi al consumo. Consumo che attualmente per il 70 % è coperto dall importazione dai paesi dell Est. Per questi motivi attraverso la creazione della azienda Elibio intendiamo, innanzitutto, aumentare quella percentuale di produzione localizzandola nelle regioni del Sud Italia, specificamente in Campania, regione dove il microclima, rispetto al nord e centro Italia, è sicuramente più idoneo per l allevamento e dove il terreno, come da studi e analisi effettuate dall Istituto Internazionale di Elicicoltura di Cherasco (come da allegato Certificazioni e Dichiarazioni da parte Istituto di Cherasco ), è assolutamente idoneo,senza riserve, dal punto di vista chimico e fisico per il quale non sono presenti controindicazioni strutturali, né il terreno necessita di modifiche o integrazioni. Con ciò intendiamo soddisfare proprio la continua richiesta motivata dall aumento dei consumi da parte dei mercati italiani ed esteri di questi prodotti, dato che in Francia e Germania, hanno visto una contrazione dei consumi interni, dove la cucina mediterranea è in notevole ascesa. Inoltre, creando un attrazione turistico-culturale, soddisferemo i bisogni dei turisti mostrando una tradizione dell entroterra napoletano, a loro sconosciuta; visto che un tempo, le famose lumache, crescevano in giardino ed erano il cibo dei nostri nonni. In più con la fattoria didattica incontreremo le esigenze dei più piccoli che desiderano passeggiare nella natura e conoscere questi esserini che, ormai, vedono solo nella loro immaginazione o per lo più nei loro libri di favole.

4 Pagina 4 di 23 IMPATTO SOCIALE ATTESO (Descrivere come l idea migliorerà la vita della comunità beneficiaria e/o la qualità dell ambiente) L utilizzo della Carne di Lumaca ha un valore nutrizionale in termini di percentuale di Acqua, Proteine, Grassi, Calorie migliore di qualsiasi carne ( di seguito si riporta tabella, Fonte: Istituto Nazionale di Elicicoltura di Cherasco): ALIMENTI ACQUA (%) PROTEINE (%) GRASSI (%) CALORIE (per grammi 100) Carne di manzo Carne di pollo Uovo Sogliola Lumaca Percentuale di grassi polinsaturi contenuti nella lumaca: circa il 60% del totale del mollusco in confronto al 5% del totale della carne di manzo. Favorisce quindi l eliminazione, attraverso le vie biliari, del colesterolo dall organismo. La Lumaca Helix italiana: un alimento naturale di straordinaria qualità su 100 grammi Grassi 1,2 scarso Proteine 13 buono Sali minerali 1,9 eccellente Calorie basso Un alimento leggero, facilmente digeribile e adatto a tutte le preparazioni gastronomiche. Quindi, inserendo la carne di lumaca sulla nostra tavola, nelle nostre abitudini alimentari migliorerebbe la vita della comunità sia degli adulti che dei bambini, diventando un valido sostituto e/o prodotto alternativo alla carne di maiale e/o di manzo e/o di pollo. Ma migliorerà anche la Qualità dell ambiente in quanto l idea è realizzare un progetto d impresa focalizzato sulla ricerca di processi produttivi a basso fabbisogno energetico, volti al recupero e alla valorizzazione del terreno, situato in contrada Macedonia, a Sant Anastasia ( foto riportata di fianco) un paese agricolo alle pendici del Monte di Somma (NA), tramite nuovi modelli di sviluppo. Utilizzeremo metodi di autoproduzione energetica ad impatto zero, integrati a tecniche agroecologiche, con lo scopo di produrre energia termica da biomassa legnosa e di utilizzare i materiali di scarto della produzione termica per migliorare le proprietà agronomiche del suolo. Inoltre, metteremo in pratica metodi di agricoltura biologica finalizzati all autosostentamento. Di fatti, qual ora l azienda sarà premiata, abbiamo intenzione di contattare Filippo Resente che ha fondato la startup Centro Helix premiato dalla Fondazione Edoardo Garrone al quale chiederemo una collaborazione proprio per l utilizzo di questi Metodi di Autoproduzione Energetica inventati da lui insieme al suo Centro. Quindi ci sarà un notevole miglioramento ambientale unito al miglioramento sociale.

5 Pagina 5 di 23 MERCATO DI RIFERIMENTO (Clienti Comunità beneficiaria - Mercato primario di riferimento e futuri Mercati Strategia di vendita Quali sono eventuali concorrenti). Il mercato di riferimento dell iniziativa e inizialmente il Mercato Nazionale, avendo un riscontro più immediato e più facilmente raggiungibile. Successivamente, quando l attività andrà a regime, ci posizioneremo anche sul Mercato Internazionale. Di seguito, si riporta la Relazione sul Trend di Crescita analizzato da fonti attendibilissime ovvero Istituto Internazionale di Elicicoltura di Cherasco ( Trend di Crescita 2014 mercato Lumaca pubblicati dall Istituto Internazionale di Elicicoltura di Cherasco): Trend di Crescita Interessanti e incoraggianti i dati del mercato 2014 Da pochi giorni sono disponibili i dati definitivi del mercato italiano delle lumache nel Sono dati interessanti e imprevisti, tenuto conto della situazione di profonda crisi economica che il nostro paese e non solo il nostro hanno vissuto nell anno appena trascorso. Con sorpresa infatti dobbiamo verificare: Il movimento di vendita registrato in Italia nel 2014 ha un valore globale di quintali, con una percentuale di +1,8% sul 2010, per un quantitativo vicino alle 700 tonnellate in più. Il valore globale del fatturato maturato alla produzione, vendita e utilizzazione è considerato su 94 milioni di Euro. Il dato va integrato dal valore aggiunto dell utilizzo gastronomico da parte della ristorazione e della distribuzione, valutato in almeno il doppio del dato prima indicato. Un segnale molto forte del 2011, che è indicazione ad esclusivo vantaggio della produzione primaria è l alta percentuale di vendita, ulteriormente accresciuta per il prodotto Lumache vive. Questo segmento ha segnato, sul totale dei consumi, quasi un 5% in più a discapito del prodotto lavorato e conservato, arrivando al 76,5% per il vivo, il 17,2% per il surgelato, relegando il conservato al 6,3%. Nello specifico c è stato un 3,8% in meno di vendita di lumache conservate in scatola e un 1,2% in meno per il surgelato. Quest ultimo dato, in controtendenza sugli anni precedenti, rileva una forte tendenza a favore dell elicicoltura naturale: sempre più consumatori hanno scelto di acquistare e utilizzare lumache al naturale, vive, occupandosi in diretta, in famiglia e anche nella ristorazione della cucina e della loro preparazione. Gli allevatori sono diventati quindi sempre più forti, superando l industria conserviera e soprattutto migliorando qualitativamente il prodotto consumato. Questa tendenza diminuisce la depressione dei prezzi per gli acquisti da parte dell industria, a favore esclusivamente degli allevatori che possono vendere, senza alcun tipo di trattamento il loro prodotto all utilizzatore, ottenendo di conseguenza prezzi più elevati. Altro rilevamento che sorprende positivamente è il prezzo di vendita nell intera annata. Non curante della crisi, lo stesso ha registrato infatti, in generale, un interessante aumento nell ordine del 4,2% in media sulle varie specie. Ancora una volta la specie più apprezzata e più pregiata è stata l Helix Aspersa nelle sue numerose razze e varietà. Per le specie allevate l aumento di vendita è stato del 3% circa, (Helix Aspersa), per l Helix Pomatia d importazione un ulteriore calo del 5% e un incremento del 2% in media le altre specie importate (Theba Pisana, Rigatella, Aperta). Le importazioni, nonostante la crescita dei consumi nel 2011 sono diminuite del 4,5%, in quanto la produzione interna è salita di oltre quintali. L importazione del 2011 è stata di quintali in totale. Principali paesi esportatori in ordine di quantità: Tunisia, Marocco, Grecia, Croazia, Algeria, Serbia e Turchia.

6 Pagina 6 di 23 Grafico Trend Crescita Mercato Lumaca Di seguito abbiamo riportato il grafico sulle percentuali di mercato per le lumache da gastronomia Helix nei singoli paesi consumatori che ci indica che in Italia siamo al 4 posto per il consumo, dato assolutamente positivo e in forte crescita. Fonte: Istituto Internazionale di Elicicoltura di Cherasco

7 Pagina 7 di 23 Successivamente abbiamo focalizzato l attenzione sui seguenti punti del nostro mercato di riferimento Nazionale : A. Segmentazione della clientela ed analisi dei loro bisogni e/o delle esigenze B. Strategie di Vendita C. Concorrenti A. Segmentazione della clientela ed analisi dei loro bisogni e/o delle esigenze. Abbiamo scomposto la clientela, a cui vogliamo rivolgerci, in quattro distinte tipologie, le seguenti : Istituto Nazionale Elicicoltura di Cherasco; Ristoranti della zona di Napoli ; Hotel della zona di Napoli; Scuole dei paesi Vesuviani. L Istituto Nazionale di Elicicoltura di Cherasco: ha già concordato con la Elibio (come da allegato Proposta di Acquisto Chiocciole da parte dell Istituto di Cherasco ) la possibilità di acquistare la produzione preveniente da tutto l allevamento in quanto l intera filiera produttiva segue i metodi di naturalità, partendo dalla produzione interna all allevamento e all ingrasso dei soggetti nati in impianto di alimentazione fresca, metodo che è approvato e promosso proprio dallo stesso Istituto. Ristoranti della zona di Napoli : Molti sono i ristoranti di Napoli che ad oggi preparano pietanze particolari con l utilizzo della Lumaca Helix Aspersa Muller in quanto la clientela che si reca da loro manifesta sempre di più il bisogno di mangiare e/o assaporare un piatto particolare, una pietanza dal sapore delicato e allo stesso tempo nutriente. Così spesso sono costretti a rivolgersi ai produttori fuori zona oppure acquistano on-line senza poter vedere il prodotto. Con la nascita dell azienda contatteremo tutti questi ristoranti e accogliendoli nel nostro allevamento, gli mostreremo il nostro prodotto a ciclo biologico e gli daremo una piccola quantità in omaggio in modo da poter conquistare la loro fiducia e il loro palato e farli diventare i nostri maggiori clienti, promuovendo così la cultura alimentare di questo alimento.

8 Pagina 8 di 23 Di seguito riportato un elenco, a titolo esemplificativo, dei Ristoranti del Golfo di Napoli Ristoranti in Via Mergellina - Napoli Immagine Satellitare: Fonte Google Maps Ristoranti in Via Posillipo - Napoli

9 Pagina 9 di 23 LOCALIZZAZIONE DEI RISTORANTI ESCLUSIVI DEL GOLFO DI NAPOLI 1 Ristoranti Ciro a Mergellina 7 Trattoria Totò Sapore 2 Don Salvatore A Mergellina 8 Paradiso Blanco Ristorante 3 4 Antonio & Antonio s.r.l. La Bersagliera Ristorante del Ristorante Donnanna Ristorante Baia dei Due Fratelli 5 La Cantinella s.a.s. 11 Ristorante Reginella 6 Ristoranti Pizzeria Brandi La rilevazione dei Ristoranti è scaturita da un accurata indagine fatta presso Infocamere (Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane), indagine che ci ha fornito un elenco completo dell attività di Ristoranti nell Area Geografica di Riferimento ( Via Mergellina, Via Posillipo - Napoli) Hotel della Zona di Napoli: saranno un altro gruppo di clienti in quanto creando una vera e propria attrazione turistico-culturale per i turisti italiani e stranieri che verranno nelle nostre zone oltre che per ammirare il Vesuvio, conosceranno anche le bellezze agro-alimentari della nostra terra; creeremo, avendo già preso contatti, delle vere e proprie convenzioni con questi hotel che porteranno i loro clienti alle pendici del Monte di Somma ad ammirare anche l agricoltura Campana, mostrando loro l allevamento delle nostre preziose lumache. Di qui un elenco, a titolo esemplificativo, degli alberghi esclusivi del Golfo di Napoli ELENCO DEGLI HOTEL ESCLUSIVI DEL GOLFO DI NAPOLI 1 Grand Hotel Vesuvio 7 Hotel Relais Nochetta 2 Hotel Excelsior 8 Hotel Partenope Relais 3 Grand Hotel Santa Lucia 9 Hotel Rex Lifestyle 4 Hotel Possllipo 5 Grand Hotel Oriente 6 Hotel Royal Continental Ristorante baia dei Due Fratelli Ristorante Reginella

10 Pagina 10 di 23 Scuole dei Paesi Vesuviani : Avendo precedentemente specificato che l azienda diventerà anche una fattoria didattica, prenderemo contatti con gli asili, scuole elementari, scuole medie inferiori più vicine per far conoscere la Elibio, nella quale verrà svolta attività di accoglienza e offerta l'opportunità di conoscere l allevamento. Svolgendo un'attività educativa "attiva", i piccoli visitatori verranno coinvolti nella realizzazione di una fase del ciclo produttivo. Ci teniamo,come azienda, che la visita nella nostra Fattoria Didattica non sia una normale "gita in campagna", ma che venga preceduta da un incontro di preparazione con il personale docente durante il quale viene concordato il programma e la proposta formativa, proponendo anche un incontro propedeutico in classe. All'interno della fattoria i piccoli visitatori vengono accolti da me, Speranza Tranchese, che ho la massima conoscenza e competenza delle mia attività ma ci serviremo dell esperienza di operatori che hanno frequentato appositi corsi abilitanti per l'attività di animazione didattica. Di qui un elenco, a titolo esemplificativo, degli asili, scuole elementari e scuole medie inferiori, dei paesi vesuviani che confinano geograficamente con la localizzazione dell azienda in quanto, per la vicinanza, è più semplice organizzare una visita guidata (Sant Anastasia -Somma Vesuviana- Pollena Trocchia) Fonte : Sant Anastasia Somma Vesuviana Pollena Trocchia.C. 1 S. Anastasia Via Sodani I.C. 2 S. Anastasia Morante I.C. 2 S.Anastasia Boschetti I.C. 3 S. Anastasia Portali I.C. 4 S. Anastasia - Starza I.C. 4 S. Anastasia Pomigl. I Plesso Strettola I.C. 3 S. Anastasia Portali Scuola elementare I.C. 3 S. Anastasia Vallone Scuola elementare I.C. 4 S. Anastasia P.Te Ferro Scuola elementare F.D'Assisi S.Anastasia Scuola media (secondaria di I grado) I.C. 4 S. Anastasia Scuola media (secondaria di I grado I.C. E. Morante S.Anastasia Scuola media (secondaria di I grado) S.M.S. De Rosa Sant'Anastasia Scuola media (secondaria di I grado) Somma V.na II V. Costantinopoli Somma V.na II V.Don Minzoni Somma Ves. - I.C. Summa Villa Somma Ves. 1 - Raffaele Arfe Somma Ves. 2 - Don Minzoni Somma Ves. 3 Somma Ves. Giovanni De Matha Somma Vesuviana III Matarazzo I.C.Summa Villa Somma Ves.Fiord Somma Ves. 1 Capoluogo Somma Ves. 1 Casamale Somma Ves. 1 Mercato Vecchio Somma Ves. 1 Raffaele Arfe Somma Ves. 2 Don Minzoni Pollena Trocchia - Donizetti Pollena Trocchia Giocamondo Pollena Trocchia Giuseppe Mazzini Pollena Trocchia Musci Via Calabrese - Cap: Pollena Trocchia S. Gennariello Pollena Trocchia Tartaglia Pollena Trocchia Battisti

11 Pagina 11 di 23 S. Anastasia - I.C. 1 I.C. S.Anastasia Corso Scuola Um. Somma Ves. I Rione Pomintella Somma Ves. 2 Don Minzoni 16 Pollena Trocchia Donizetti elementare S. Anastasia - I.C. 2 I.C. 1 S. Anastasia Via Sodani Scuola elementare Somma Ves. II Ravaschieri Somma Ves. 2 Fiordaliso Pollena Trocchia Musci S. Anastasia - I.C. 3 I.C. 2 S. Anastasia S. Caterina Scuola elementare Somma Ves. III S.M.Del Pozzo Somma Ves. 2 Rione Trieste Pollena Trocchia S. Gennariello S. Anastasia - I.C. 4 B. Strategie di vendita: Le strategie di vendita che adotteremo per l azienda sono frutto di lunghe ed importanti esperienze nel settore agricolo e sono : 1. Scelte strategiche promozionali adeguate; 2. Prezzi altamente concorrenziali; 3. Elevata qualità del prodotto; 4. Figure Professionali altamente qualificate. Scelte strategiche promozionali adeguate : Punteremo su Volantinaggio, uno strumento di propaganda efficace, immediato e tutto sommato economico per farci conoscere da un elevato numero di potenziali clienti. Affissioni : importante strumento per far conoscere e rimanere impresso il nome e la localizzazione dell azienda. Depliant e/o Brochure : Importante mezzo per spiegare al meglio il nostro prodotto e i nostri servizi. Partecipazione a fiere : indispensabile per farci conoscere dai nostri potenziali clienti in modo diretto e pubblicizzare il nostro allevamento. Sito Internet : importante per poter conquistare anche clienti fuori zona. Prezzi altamente concorrenziali : Grazie all esperienza e competenza nel settore agricolo di Speranza Tranchese, che potrà partecipare attivamente alla produzione, seguendo personalmente lo svolgimento dell attività, abbattendo i costi del personale in modo da praticare prezzi più vantaggiosi rispetto alla concorrenza senza intaccare la qualità dei prodotti oltre ad avere un diretto controllo sull intera gestione e conduzione di tutte le attività imprenditoriali. Elevata qualità del prodotto : Il prodotto sarà qualitativamente elevato in quanto utilizzeremo tutte le tecniche certificate dall Istituto di Cherasco, dove la Responsabile ha seguito due stage di formazione ( vedi di seguito Componenti del Team). Utilizzeremo la coltivazione biologica di ortaggi destinati alla sola alimentazione delle nostre chiocciole, in quanto gli ortaggi coltivati in maniera biologica riportano alla memoria l'antico sapore e le caratteristiche organolettiche alle quali si era abituati in passato. La posizione ottimale, quasi al livello del Mar Tirreno, favorisce il microclima ideale per lo sviluppo di un prodotto di altissima qualità.

12 Pagina 12 di 23 Figure professionali altamente qualificate: Anche se sarò io, Speranza Tranchese, con il mio team che impiegheremo il 100 per 100 del nostro tempo nella azienda; ci saranno dei periodi dell anno nei quali avremo necessità di mano d opera, ad esempio, nel periodo del trasferimento dei piccoli nelle zone di ingrasso, nel periodo di raccolta finale del prodotto, ecc. Il personale del quale ci serviremo sarà altamente qualificato in modo da ottimizzare i tempi, definendo in prima persona i loro compiti e le modalità operative. Per gli altri servizi che offriremo, come la gita turistica e la gita didattica, oltre ovviamente ad esserci noi, ci saranno degli operatori che hanno frequentato appositi corsi abilitanti per l'attività di animazione didattica che si prenderanno cura dei nostri ospiti. C. Concorrenti: Innanzitutto abbiamo effettuato le ricerche dei concorrenti dalla Fonte più attendibile di tutte, INFOIMPRESE, oltre ad un accurata indagine direttamente sui territori, che ci ha portato a queste conclusioni : Ricercando nella Descrizione attività : Allevamento di Lumache, trovate nella regione Campania n 15 Aziende Imprese 1-ESCARGO' S.R.L. Sede legale: LOCALITA' MULINO GIUSTI - ALIFE (CE) CE - DAL ALLEVAMENTO DI LUMACHE. 2-AGRICOLA ALIBERTI DI FRANCESCO ALIBERTI Sede legale: LOCALITA' TERRA DELLE MONACHE SNC - PONTECAGNANO FAIANO (SA) SA - ALLEVAMENTO DI LUMACHE. 3-AITO HELIX SOCIETA' AGRICOLA S.R.L. Sede legale: VIA NUOVA LAVORATE SARNO (SA) SA - ALLEVAMENTO DI LUMACHE 4-DE BIASI FERNANDA Sede legale: CONTRADA FORIA - TRENTINARA (SA) SA - COLTIVAZIONI DI SEMINATIVI, FICHI, OLIVE, CASTAGNE, ORTAGGI, LUMACHE, ALLEVAMENTO DI CAPRINI, OVINI, SUINI, POLLICOLTURA. 5-ELIX S.N.C. DI GRILLO FRANCESCO & C. Sede legale: VIA A.S. COPPOLA PIEDIMONTE MATESE (CE) CE - OGGETTO SOCIALE: LA SOCIETA' HA PER OGGETTO L'ALLEVAMENTO DI LUMACHE, MACELLAZIONE, TRASFORMAZIONE, CONFEZIONAMENTO E COMMERCIALIZZAZIONE IN OGNI SUA FORMA, SIA... 6-G.T. S.R.L. SOCIETA' AGRICOLA Sede legale: CONTRADA PONTE VALENTINO SNC - BENEVENTO (BN) PALAZZO A.S.I. BN - OGGETTO SOCIALE: LA SOCIETA' HA PER OGGETTO L'ESPLETAMENTO ESCLUSIVO DI ATTIVITA' AGRICOLA DELL'ALLEVAMENTO BESTIAME NONCHE' LE ATTIVITA' AD ESSE CONNESSE, SIA SU TERRENI... 7-HELIX - VALLEFRISI S.N.C. Sede legale: PIAZZA ROMA 90 - PIEDIMONTE MATESE (CE) CE - ALLEVAMENTO ELICICOLO OSSIA DI LUMACHE.

13 Pagina 13 di 23 8-INDUSTRIA OLEARIA BRUNO LUIGI SRL Sede legale: VIA G. ROTONDI 23 - AVELLINO (AV) AV - OGGETTO SOCIALE: LA SOCIETA' HA PER OGGETTO LE SEGUENTI ATTIVITA': LA COLTIVAZIONE DI OLIVE DI OGNI TIPO E SPECIE, MA SPECIFICAMENTE ULIVETI DI QUALITA'... 9-LA LUMACA SASSANESE DI PIZZI GIOVANNI Sede legale: VIA VIGNE - SASSANO (SA) SA - COLTIVAZIONI DI CEREALI, ORTAGGI. ALLEVAMENTO DI BOVINI E BUFALINI CON PRODUZIONE DI LATTE CRUDO. DALL'1/04/2015 ALLEVAMENTO DI LUMACHE. 10-LA MARUCA MANIA S.A.S. DI LASALA MARIANA & C. Sede legale: VIA ALLOGGIAMENTO 17 - SALA CONSILINA (SA) SA - OGGETTO SOCIALE: ART. 3) LA SOCIETA' HA PER OGGETTO LE SEGUENTI ATTIVITA': - ALLEVAMENTO, LAVORAZIONE E VENDITA DI LUMACHE (ELICICOLTURA). LA SOCIETA', INOLTRE, POTRA' LE LUMACHE DI SERENA BIONDI Sede legale: VIA VERCELLI 4 - CASTEL VOLTURNO (CE) CE - ALLEVAMENTO E RIPRODUZIONE DI VERMI, MOLLUSCHI E LUMACHE. 12-PICANO MARIO Sede legale: LOCALITA' PONTE S.CASTRESE 10 - SESSA AURUNCA (CE) CE - ALLEVAMENTO DI LUMACHE 13-"PROSERPINA" DI LEONE ANGELA E C. S.A.S. Sede legale: VIA EMANUELE GIANTURCO 11 - OTTAVIANO (NA) NA - OGGETTO SOCIALE: - LA COLTIVAZIONE, ANCHE TRAMITE TERZI, DI FONDI RUSTICI PER LA VITICOLTURA D.O.C. / COMUNE DA TAVOLA, OLIVOLCOLTURA, FRUTTICOLTURA FRESCA ED IN GUSCIO, LUMACHE,...ecc. 14-SA.MA.SI. S.N.C. DI TRYBUS JUSTYNA MARIA & ALFANO TIZIANA Sede legale: VIA BRANCACCIO 4 - GIFFONI VALLE PIANA (SA) SA - OGGETTO SOCIALE: - LA SOCIETA' HA PER OGGETTO: A) TRASFORMAZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE, SIA ALL'INGROSSO CHE AL DETTAGLIO, DI LUMACHE, BAVA DI LUMACHE E GUSCI E TUTTI GLI TORIELLO PASQUALINA Sede legale: CONTRADA FABBRICATA - FLUMERI (AV) AV - ALLEVAMENTO DI ALTRI ANIMALI (LUMACHE) I nostri 15 Concorrenti sono per noi diretti ( diretti in quanto svolgono la nostra stessa attività di produzione). Essi sono localizzati maggiormente nelle zone della provincia di Caserta e nella provincia di Salerno, un solo concorrente "PROSERPINA" DI LEONE ANGELA E C. S.A.S è localizzato nella zona di Napoli precisamente Ottaviano. Questo ci fa ben sperare in quanto questo tipo di allevamento nella zona Sant Anastasia non è ancora molto sviluppato e questo vuol dire che non abbiamo dei forti Concorrenti diretti e che quelli che abbiamo non sono temibili in quanto non offrono gli stessi nostri servizi come il tour turistico-culturale e la gita nella nostra fattoria didattica. Quindi con la qualità del nostro allevamento, le nostre attività complementari, il metodo di agricoltura biologica finalizzato all autosostentamento, la Elibio mira a diventare l Azienda Elicicola per Eccellenza, il punto di riferimento per la produzione di lumache, inizialmente, di tutto il territorio Campano e poi del resto del Paese. In seguito, nell anno a regime, quando la nostra azienda avrà ammortizzato i costi iniziali diventando più forte, abbiamo intenzione di portare il nostro prodotto anche sui mercati Esteri.

14 Pagina 14 di 23 COMPONENTI DEL TEAM (Figure chiave del progetto di impresa e competenze: Nome Posizione/Ruolo ricoperto Esperienze pregresse). La Figura chiave e l ideatrice del Progetto sono io : Speranza Tranchese, Responsabile della futura azienda agricola Elibio nonché proprietaria e coltivatrice diretta del terreno dove si svolgerà l attività. Mi occuperò in prima persona dell allevamento, della produzione, della spurgatura, del confezionamento, dell imballo, fino alla relativa vendita sui mercati generali, ovviamente nei periodi di maggior lavoro, prenderò del personale qualificato, come di seguito specificato nei Costi delle Risorse Umane. Gestirò i rapporti con i fornitori per controllare al meglio le materie prime importantissime per realizzare un ottimo prodotto, farò da guida, insieme agli animatori didattici che prenderemo, per le attività turistiche e le gite didattiche. Tutto ciò lo potrò fare perché oltre ad aver frequentato (come da allegato Certificazione Corso Abilitante) presso L istituto Internazionale di Elicicoltura di Cherasco, un corso abilitante di 80 ore di lezioni pratiche e teoriche di specializzazione in elicicoltura e uno stage (come da allegato Certificazione Stage ) per un mese presso un Associazione dello stesso istituto e presso Aziende Convenzionate di Marketing per la commercializzazione delle chiocciole, e ad aver seguito direttamente due manifestazioni importanti con le aziende elicicole (come da allegato Esperienza Certificata ), ho innumerevoli esperienze pregresse nel settore agricolo familiare iniziate nell adolescenza. Ho vissuto in una famiglia dove il tempo era scandito dalle stagioni e dai relativi raccolti; dalle semine di verdure, ortaggi veri. Impiantavamo alberi da frutta, si seminava il grano, poi ci siamo dedicati alla raccolta della frutta: pesche, albicocche, ciliege, uva, noci e nocciole. Avevamo un'area sulla quale circolavano varie specie di galline, nelle stalle invece c'era il toro da monta, le mucche da latte e maialini. L opera di coltivare la terra, dedicando generosamente tempo ed energie, si presenta come una vera e propria vocazione nella nostra famiglia, ci è stato tramandato da generazioni. Essa merita sempre di venire riconosciuta e adeguatamente valorizzata. Con questa idea cerchiamo di eliminare quegli ostacoli che penalizzano un attività così preziosa e che spesso la fanno apparire solo faticosa. Nello stesso tempo occorre prestare la dovuta attenzione alla fin già troppo diffusa sottrazione di terra all agricoltura per destinarla ad altre attività, magari apparentemente più redditizie, dove regna solo il Dio denaro. Il mio team ed io cercheremo di dare ancora vita alla nostra madre terra, di dare un contributo alla nostra società unendo l attività agricola ad una attività sociale ed educativa, creando una magica sinergia tra esse. Il mio team è tutto a carattere familiare, oltre me, ci sarà mia nipote Ilaria Francesca Di Palo, diplomata in ragioneria, che si occuperà di tutta la parte amministrativo-contabile, sarà la responsabile promozionale della azienda, selezionerà e poi curerà i rapporti con i clienti, si occuperà della gestione degli incassi e pagamenti, ecc. ecc. e poi, proprio per continuare la tradizione familiare, ci saranno con noi altri due giovani nipoti che cureranno l allevamento, aiutandomi in tutte le fasi del ciclo produttivo. PRINCIPALI INFORMAZIONI ECONOMICO/FINANZIARIE (Ricavi/costi/investimenti/copertura finanziaria; Investimento ricercato e come lo si intende utilizzare) Calcolo Economico-Finanziario del I Anno di Attività:

15 Pagina 15 di 23 Investimenti da effettuare per Attivazione del Terreno Tabella A Lavori di Preparazione del Terreno : aratura, fresatura, baulatura, interramento tubi di adduzione acqua di irrigazione. preparazione semina, raccolta delle acque piovane con la costruzione di canali di scolo a protezione impianto Recinzione Perimetrale di tutto l appezzamento di mq metri lineari 300 (indicativi) : Recinzione in lamiera zincata interrata- altezza fuori terra cm 70- più palificazione altezza 2 mt e rete metallica fino a 180 cm da terra - materiale e piazzamento al costo di 9,00 al metro lineare Impianti di irrigazione a pioggia nebulizzata per l intero appezzamento : Pompe di alimentazione, strutture di irrigazione e di collegamento, temporizzatori. Materiale e piazzamento a corpo Recinzioni Interne in rete atossica antibava,antifuga speciale: Previsti n.20 recinti di misura standard di mt 45,00 x mt 3,50, necessari metri lineari di Rete Helitex in bobine da 100 metri lineari cadauno al costo di 2,20 Paletti per recinzione interne(rete Helitex) ed esterne (lamiera Zincata): Previsti n. 600 paletti al costo di 1,80 cadauno Materiale Vario per tendere le reti e strutture di sostegno 500, , , , ,00 500,00 Spese varie accessorie 1.000,00 Totale Costi per Attivazione Terreno Euro ,00 Investimenti da effettuare per Attivazione dell Allevamento ( Alimentazione) Tabella B Acquisto di Semi specifici per n.8 Recinti di Riproduzione: Descrizione Costi per acquisto Semi Unità di misura Quantità( a) costo unitario IVA esclusa (b) costo annuo(a x b) 1 Ravizzone Ungherese + Cavolo laciniato Kg 6 21,00 126,00 2 Beta Vulgaris Kg 5 12,00 60,00 3 Trifoglio Repens kg 4 14,00 56,00 4 Misto Radicchio + Sativa Kg 6 22,00 132,00 5 Girasole (alimentazione Supplementare) Kg 1 19,00 19,00 Totale Costi per acquisto semi n.8 Recinti di Riproduzione (subtotale b1) 393,00 Acquisto di Prodotti per Disinfestazione 1 Descrizione Costi per Disinfestazione Prima disinfestazione chimica specifica contro tutti i predatori e nemici delle chiocciole presenti sul terreno e lungo tutto il perimetro dell allevamento compresa la derattizzazione Unità di misura Quantità (a) costo unitario IVA esclusa (b) costo annuo(a x b) Corpo 1 250,00 250,00 Totale Costi per Disinfestazione e derattizzazione (subtotale b2) 250,00 Acquisto di Chiocciole per la Riproduzione Descrizione Costi per Chiocciole da riproduzione Unità di misura Quantità (a) costo unitario IVA esclusa (b) costo annuo(a x b)

16 Pagina 16 di 23 1 Chiocciole selezionale della specie: Helix Aspersa Muller da riproduzione di 12/15 mesi di età certificate Corpo , ,00 Totale Costi per Acquisto Chiocciole (subtotale b3) 4.920,00 Totale Tabella B 1 Totale Costi per acquisto SEMI n.8 Recinti di Riproduzione 393,00 (subtotale b1) 2 Totale Costi per Disinfestazione e derattizzazione (subtotale b2) 250,00 3 Totale Costi per Acquisto Chiocciole (subtotale b3) 4.920,00 Costi per Attivazione allevamento primo anno di attività ( Alimentazione) Totale Tabella B 5.563,00 Investimenti da effettuare per acquisto dei Beni Strumentali : Macchinari e Attrezzature minime per l intero allevamento Tabella C Acquisto di Macchinari e Attrezzature per allevamento di mq Descrizione Beni Strumentali Gabbie in ferro e rete metallica per lo spurgamento al coperto di: mt 2 x 1,5 mt x mt 1 Unità di misura Quantità (a) per il 1 anno costo unitario IVA esclusa (b) costo annuo(a x b) Corpo , ,00 2 Motozappatrici a più funzioni con attrezzi di vario genere collegati per lavorare i passaggi e le zone di servizio Corpo , ,00 3 Falciatrice-Decespugliatrice per la vegetazione dei recinti Corpo 1 600,00 600,00 Totale Costi per Beni Strumentali 4.100,00 Totale degli Investimenti da effettuare per l attivazione dell impianto di mq TOTALE TABELLA A ,00 2 TOTALE TABELLA B 5.563,00 3 TORALE TABELLA C 4.100,00 Totale Complessivo degli Investimenti ,00 Costi generali della struttura : i costi generali necessari per garantire il funzionamento dell iniziativa nel primo anno di attività: Materie Prime Descrizione costi generali di struttura Acquisto annuale di semi, alimenti secchi o verdi di integrazione, concimi Acquisti di disinfettanti supplementari e topici necessari per rinnovo vegetazione e mantenimento dell Habitat ideale Imballaggi per la vendita: reti tubolari in rotoli per il confezionamento Servizi Unità di misura Kg Litro ML Quantità(a) 1 anno costo unitario IVA esclusa (b) costo annuo (a x b) 20 10,00 200, , , ,5 500,00 Totale Materie Prime 1.700,00 1 Rifornimento Gasolio per gli impianti SERVIZIO 48 20,00 960,00 2 Manutenzione impianti e attrezzature Revisione 4 100,00 400,00 3 Servizio di Etichettatura personalizzata dell allevamento Servizi ,10 100,00 Totale servizi 1.460,00 Utenze

17 Pagina 17 di 23 1 ENERGIA ELETTRICA KWH , ,00 2 ACQUA M-CUBI , ,00 Consulenze Totale utenze 3.000,00 1 Consulenza Fiscale e Amministrativa PARCELLA 1 500,00 500,00 Totale consulenze 500,00 Spese per iniziative promozionali e pubblicitarie 1 Volantinaggio Servizi 4 80,00 320,00 2 Affissioni Servizi 4 100,00 400,00 3 Partecipazione a Fiere Fiera 1 300,00 300,00 4 Depliant e /o Brochure Servizi 2 50,00 100,00 5 Sito Internet Dominio 1 250,00 250,00 Totale spese per iniziative promozionali e pubblicitarie 1.370,00 Totale Costi generali 8.030,00 Costi delle Risorse Umane: Per la gestione dell azienda è prevista la necessità di mano d opera per le varie attività (semina, cura della vegetazione, trasferimenti, irrigazioni ecc.ecc.) e per l espletamento dei servizi turistici e gite didattiche è prevista la necessità di prendere personale altamente qualificato come animatore turistico-didattico. Qualifiche Part-Time Mansioni Operaio Agricolo ( 800 ore lavorative al costo orario di 10,00 ) Costo unitario (euro) Costi anno 1 N risorse Costo 8.000, ,00 Altre forme di collaborazione Operai stagionali 900, ,00 Animatori turistici occasionali Numero di Addetti per Anno , ,00 Totale Costo per Anno ,00 - Ricavi Previsti Per il I Anno di Attività: Nel primo anno si venderanno soltanto i riproduttori, o parte di essi, tenendo conto che una parte sarà perita durante l allevamento. Le suddette analisi ci permettono di affermare che solo il 70% delle chiocciole riproduttrici resterà viva e quindi che solo il 70% di esse potrà essere venduto all Istituto Nazionale di Elicicoltura Cherasco, con il quale abbiamo già una convenzione di vendita ad in prezzo di 0,40 (cadauna), semplicemente con un aumento di 0,20 centesimi in quanto la sua qualità è migliorata perché si è nutrita in un ambiente idoneo e con alimentazione biologica. Ripartizione in base alle scelte 70% 70% Delle chiocciole riproduttrici Clienti Kg Ricavi Istituto Nazionale di Elicicoltura Cherasco Calcolando che il 70% della nostra chiocciole riproduttrici sarà venduta all ingrosso : X70/100= circa 1 Potenziale Cliente Totali Calcolando quindi X 0,40 cadauna =6.720,00 Avremmo quindi un ricavo di 6.720,00 per questa tipologia di clientela Ricavi stimati 6.720,00

18 Pagina 18 di 23 Quindi in conclusione Situazione Economico-Finanziaria FABBISOGNO (IMPIEGHI) Beni di investimento da effettuare per ,00 attivazione Impianto IVA sugli investimenti I Anno di Attività ,46 Capitale di esercizio (anno avvio attività) 2.763,54 Altre spese da sostenere ( Costi generali di Struttura + Costi delle Risorse Umane) ,00 FONTI DI COPERTURA Ricavo Stimato I anno Finanziamenti UBI Banca per Concorso Capitale proprio/altre disponibilità 6.720, , ,00 Totale fabbisogni ,00 Totale fonti ,00 Come si può notare con un piccolo ricavo dovuto alla vendita della chiocciole riproduttrici ( visto che il primo anno non ci sarà nessuna produzione) di 6.720,00 con 5.000,00 Capitale proprio/altre disponibilità, piccolo capitale che abbiamo messo da parte nel corso della nostra vita e con il Finanziamenti UBI Banca per Concorso di ,00 riusciremo a far fronte alle spese che dovremmo sostenere nel I anno di Attività per l attivazione dell impianto e tutto il necessario per iniziare la produzione. Calcolo Economico-Finanziario del II Anno di Attività: Investimento da effettuare per Proseguimento Impianto ( Alimentazione) del II Anno Tabella A Acquisto di Semi specifici per n.12 Recinti di Ingrasso inseriti nel secondo anno: 1 Descrizione Costi per acquisto Semi Unità di misura Quantità(a) Ravizzone Ungherese + Cavolo laciniato costo unitario IVA esclusa (b) costo annuo(a x b) Kg 10 21,00 210,00 2 Beta Vulgaris Kg 8 12,00 96,00 3 Girasole (alimentazione Supplementare) Kg 2 19,00 38,00 Totale Costi per acquisto semi n.12 Recinti di Ingrasso (subtotale A1) 344,00 Acquisto di Prodotti per Disinfestazione 1 Descrizione Costi per Disinfestazione Unità di misura Quantità (a) costo unitario IVA esclusa (b) costo annuo(a x b) Seconda disinfestazione chimica specifica contro tutti i predatori e nemici delle chiocciole presenti sul terreno e lungo tutto il perimetro Corpo 1 250,00 250,00 dell allevamento compresa la derattizzazione Totale Costi per Disinfestazione e derattizzazione (subtotale A2) 250,00 Totale degli Investimenti da effettuare per Proseguimento Impianto Totale Costi per acquisto semi n.12 Recinti di Ingrasso (subtotale A1) 344,00 Totale Costi per Disinfestazione e derattizzazione (subtotale A2) 250,00 TOTALE TABELLA A 594,00

19 Pagina 19 di 23 Materie Prime Costi generali della struttura : i costi generali necessari per garantire il funzionamento dell iniziativa nel secondo anno di attività: Descrizione costi generali di struttura Acquisto annuale di semi, alimenti secchi o verdi di integrazione, concimi Acquisti di disinfettanti supplementari e topici necessari per rinnovo vegetazione e mantenimento dell Habitat ideale Imballaggi per la vendita: reti tubolari in rotoli per il confezionamento Servizi Unità di misura Kg Litro ML Quantità(a) 2 anno costo unitario IVA esclusa (b) costo annuo (a x b) 20 10,00 200, , , ,5 500,00 Totale Materie Prime 1.700,00 1 Rifornimento Gasolio per gli impianti SERVIZIO 48 20,00 960,00 2 Manutenzione impianti e attrezzature Revisione 4 100,00 400,00 3 Servizio di Etichettatura personalizzata dell allevamento Servizi ,10 100,00 Totale servizi 1.460,00 Utenze 1 ENERGIA ELETTRICA KWH , ,00 2 ACQUA M-CUBI , ,00 Consulenze Totale utenze 3.000,00 1 Consulenza Fiscale e Amministrativa PARCELLA 1 500,00 500,00 Totale consulenze 500,00 Totale Costi generali 6.660,00 Costi delle Risorse Umane: Per la gestione dell azienda del secondo anno è prevista la necessità della stessa mano d opera per le varie attività (semina, cura della vegetazione, trasferimenti, irrigazioni, ecc.ecc.) ma abbiamo previsto un operaio stagionale in più in vista della prima raccolta e abbiamo previsto lo stesso numero di animatori per l espletamento dei servizi turistici e gite didattiche. Qualifiche Part-Time Mansioni Operaio Agricolo ( 800 ore lavorative al costo orario di 10,00 ) Costo unitario (euro) Costi anno 1 N risorse Costo 8.000, ,00 Altre forme di collaborazione Operai stagionali 900, ,00 Animatori turistici occasionali Numero di Addetti per Anno , ,00 Totale Costo per Anno ,00 Produzione Lorda prevista dal secondo anno di attività su allevamento di mq 5000 in assenza di gravi turbative climatiche. -Calcolo delle Quantità prodotte di chiocciole previste dal secondo anno in un anno e dei Kilogrammi previsti per la vendita :

20 Pagina 20 di 23 1) Il Calcolo delle quantità viene effettuato su N Chiocciole Helix Aspersa Muller da riproduzione di 12/15 mesi di età certificate che acquisteremo primo anno ( vedi Tabella B subtotale 3) Tenendo conto che il 90% produrrà effettivamente (il restante 10% morirà o produrrà): N Chiocciole Helix Aspersa Muller X 90% che produrrà effettivamente = Quantità - N sono il numero di chiocciole sane che effettivamente produrrà. Abbiamo stimato, tenendo conto anche delle perdite, che ogni anno ciascuna fattrice (chiocciola),produrrà Numero 22 Esemplari. Quindi Moltiplicando il Numero di Chiocciole sane per il Numero di esemplari che ogni fattrice ( chiocciole riproduttrici) potrà produrre avremo : N numero di chiocciole sane X 22 esemplari prodotti = Quantità - N sono le Quantità di Chiocciole prodotte in un anno Il calcolo dei Kilogrammi viene effettuato sul numero delle quantità prodotte. Le chiocciole prodotte sono esemplari adulti disopercolati aventi peso medio asciutto gr. 11 I Kilogrammi che verranno prodotti in un anno saranno dati dal peso di ogni esemplare moltiplicato per le quantità. Quindi: Gr.11 peso medio asciutto di ogni esemplare X Q. di Chiocciole prodotte = KG sono i Kilogrammi che stimiamo di produrre ogni anno nell allevamento. non 2) Calcolo del prezzo per Helix Aspersa Muller tipo calibrato e asciutto - Vendita all ingrosso il prezzo per Helix Aspersa Muller tipo calibrato e asciutto al Kg al 2014 è di 4,50 ( Fonte Istituto Nazionale Elicicoltura Cherasco) Stimando che per le suddette specie il prezzo minimo per la vendita all ingrosso sui mercati italiani ed esteri (prezzo di riferimento Novembre 2014, quotazioni di mercato rilavate a Milano, Rungis, Torino, Napoli, Palermo) per Kg 1 4,50 netto. - Vendita al dettaglio il prezzo per Helix Aspersa Muller tipo calibrato e asciutto al Kg al 2015 è di 13,00 Stimando che per le suddette specie il prezzo minimo per la vendita al dettaglio sui mercati italiani ed esteri (prezzo di riferimento gennaio 2015, quotazioni di mercato rilavate a Milano, Rungis, Torino, Napoli, Palermo) per Kg 1 13,00 netto. Ricavo: stima delle quantità vendute del secondo anno di attività ( stima effettuata dal secondo anno ) le suddette analisi ci permettono di determinare meglio le potenzialità di ricavo verso ogni specifico gruppo : 1) Istituto Nazionale Elicicoltura di Cherasco, anche se l istituto si è offerto di acquistare tutti i nostri Kilogrammi di Lumache, noi abbiamo ritenuto opportuno destinare la vendita all istituto per il 40%, lasciando il 60% della nostra produzione agli altri tre nostri potenziali clienti, proprio per poter soddisfare le loro esigenze, (coma da tabella sottostante) con un ricavo di 9.409,00

21 Pagina 21 di 23 2) Ristoranti DEL Golfo di Napoli abbiamo ritenuto di destinare a tale gruppo di clienti il 50% della nostra produzione (coma da tabella sottostante) con un ricavo di ,00 3) Hotel del Golfo di Napoli abbiamo ritenuto di destinare a tale gruppo di clienti il 9% della nostra produzione ( coma da tabella sottostante) con un ricavo di 6.116,00 4) Fattoria Didattica abbiamo ritenuto di destinare a tale gruppo di clienti l 1% della nostra produzione ( coma da tabella sottostante) con un ricavo di 0 in quanto sarà offerto gratuitamente dalla nostra azienda ai piccoli visitatori delle scuole della zona, con l auspicio che torneranno con le loro famiglie per acquistare il nostro prodotto. Ripartizione in base alle scelte Clienti Kg Ricavi 40% Istituto Nazionale di Elicicoltura Cherasco 50% Ristoranti del Golfo di Napoli 9% Hotel del Golfo di Napoli 1% Fattoria Didattica 100% del Nostro Prodotto Calcolando che il 40% della nostra produzione sarà venduta all ingrosso : Kg 5.227X40/100=2091 kg circa Calcolando che il 50% della nostra produzione sarà venduta ai ristoranti della zona : Kg 5.227X50/100=2613 kg circa Calcolando che il 9% della nostra produzione sarà venduta ai turisti degli Hotel della zona di Napoli zona : Kg 5.227X9/100=471 kg circa Calcolando che il 1% della nostra produzione sarà offerta ai nostri piccoli visitatori senza dover pagare nulla Kg X1/100= 52 kg 4 Potenziali Clienti Kg Totali Calcolando quindi Kg X 4,50 al Kg=9.409,00 Avremmo quindi un ricavo di 9.409,50 per questa tipologia di clientela Calcolando quindi Kg 2.613X 13,00 al Kg=33.975,00 Avremmo quindi un ricavo di ,00 per questa tipologia di clientela Calcolando quindi Kg 471X 13,00 al Kg=6.116,00 Avremmo quindi un ricavo di 6.123,00 per questa tipologia di clientela Ricavo 0 Ricavi stimati ,50 Quindi in conclusione Situazione Economico-Finanziaria II Anno di Attività. FABBISOGNO (IMPIEGHI) E/O COSTI DA SOSTENERE FONTI DI COPERTURA E/O RICAVI Totale degli Investimenti da effettuare per Proseguimento Impianto 594,00 Ricavo Stimato II anno ,50 Spese da sostenere ( Costi generali di Struttura + Costi delle Risorse Umane) ,00 Totale fabbisogni e/o costi da sostenere ,00 Totale fonti e/o ricavi ,50 Risultato della gestione caratteristica ,50 Come si può notare già dal SECONDO ANNO di attività, dove ci sarà un solo ciclo di raccolta da Marzo a Novembre con il 90% della produzione stimata, otterremo un Risultato della gestione caratteristica pari a ,50 dato da : Totale Fabbisogni E/O COSTI DA SOSTENERE ,00 - Totale Copertura E/O RICAVI ,50 =

22 Risultato della gestione caratteristica pari a ,50 Pagina 22 di 23 Risultato sperato che ci consentirà di far fronte tranquillamente, già dal secondo anno di attività, alla restituzione delle rate di del Finanziamento a tasso fisso, TAEG 0%, durata max 60 mesi con eventuale preammortamento max 36 mesi (come da Regolamento). Nel Terzo Anno, anno in cui l attività andrà a regime, la raccolta sarà continuata, inizierà a Marzo e finirà a Novembre, quindi avremo cicli continui di raccolta e quindi di continua vendita. Per cui il Risultato delle Gestione Caratteristica si potrà, addirittura, triplicare. PERCHÈ SUPPORTARE LA NOSTRA IDEA IMPRENDITORIALE? (riassumere le 4 motivazioni fondamentali, di cui almeno una riferita all ambito sociale) 1. Il primo Motivo Fondamentale per il quale speriamo, il mio team ed io, che supportiate la nostra idea è: Riqualificare e Rilanciare una Area Sana del territorio campano in crisi a causa dell interramento dei rifiuti tossici : conosciuta da tutti,oramai, come terra dei fuochi. Un area dove il mio terreno è tramandato da generazioni di agricoltori, da persone che hanno sempre creduto nel lavoro e che si alzavano alle quattro del mattino per lavorare questo bene prezioso la terra e che pur lavando le proprie mani, quel colore di essa, non andava mai via. Un terreno sano, non intaccato dalla malavita, un terreno che faceva parte della famosa Campania Felix alle pendici del Monte di Somma, fertile e risultato idoneo dal punto di vista chimico che fisico per l allevamento di lumache (come da analisi effettuate dell Istituto Internazione di Elicicoltura di Cherasco). Con il mio terreno,con il mio lavoro e quello del mio team, con il mio allevamento e quindi la mia azienda cercherò di riportare in Auge il territorio campano, territorio che è ancora in molte parti sano e fertile, che non aspetta altro che potersi riscattare da quell idea che oramai la stragrande maggioranza della popolazione si è fatto di esso. Per avvalorare ciò che dico, lo faccio citando delle parole del grande Prof. Andrea Buonodonno, Docente di Pedologia (presso la Seconda Università degli Studi di Napoli, Settore Scientifico Disciplinare AGR/14 Pedologia. Il Settore si interessa dell attività scientifica e didattico-formativa riguardanti gli aspetti chimici, biochimici, fisiologici, genetici, molecolari, biotecnologici, pedologici ed ecologici del sistema suolo-acqua-pianta-atmosfera sia nell ambiente agrario, sia in quello forestale, sia in quello antropogenico con particolare attenzione alle interazioni che vi si sviluppano. In particolare, il SSD Pedologia si occupa dei seguenti argomenti: sistema suolo come prodotto dei fattori che ne condizionano la dinamica evolutiva, le funzioni ambientali, le attitudini produttive e la vulnerabilità; processi e fenomeni pedogenetici in relazione all evoluzione dell ambiente) che in un intervista asserisce ciò: Dal 2003, anno del primo scandalo della diossina, fino al 2014 vi è stato un fiorire di notizie incontrollate sulla contaminazione del suolo, il più delle volte riferibile al mero ritrovamento di rifiuti. Oggi che le analisi sono state fatte a tappeto, a cominciare dai siti sospetti, è possibile affermare che di inquinamento ve ne è ben poco in Terra dei Fuochi, visto che ad oggi siamo a meno di 16 ettari posti sotto il vincolo del divieto assoluto di coltivazione. Siamo all assurdo, che una cosa detta come se fosse vera e non immediatamente smentita sia diventata vera e patrimonio del senso comune e che si sia legato alla presenza di sversamenti o discariche anche la sussistenza di un presunto inquinamento, che le analisi successive del terreno hanno smentito nei fatti. 2. Il secondo motivo è : portare un prodotto alimentare innovativo nel mio territorio con il metodo di agricoltura biologica finalizzato all autosostentamento, in quanto l allevamento di lumache non è ancora molto sviluppato in Campania (come da Statistica di cui sopra). 3. Il terzo motivo è : Affiancare alla produzione di lumache, servizi complementari che ad oggi nel territorio Campano non ancora sono presenti : Polo attrattivo turisticoculturale e Fattoria Didattica; servizi che ancora non sono stati uniti all allevamento di lumache dagli altri agricoltori elicicoli della Campania e che permetteranno alla Elibio di diventare un azienda a carattere sociale e culturale. 4. Il quarto motivo è : Portare l Educazione nell ambito socio-alimentare all uso di questo alimento massimamente nutriente, inserendolo come pasto ordinario nelle

FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO

FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO Il Piano di Sviluppo Rurale del Piemonte Qualità e sicurezza alimentare Claudia Cominotti R&P Ricerche e Progetti Torino E- mail : c.cominotti@repnet.it 1

Dettagli

LA MIA IDEA GIUSTA Executive Summary

LA MIA IDEA GIUSTA Executive Summary LA MIA IDEA GIUSTA Executive Summary - Tutti i campi sotto riportati sono obbligatori - INFORMAZIONI GENERALI: (Titolo del Progetto, dati del Capo Progetto; segnalare se impresa già esistente oppure ancora

Dettagli

INCIPIT. Qui di seguito vengono raccolti alcuni testi e disegni prodotti dagli alunni tra il il 17 e il 24 Marzo 2015.

INCIPIT. Qui di seguito vengono raccolti alcuni testi e disegni prodotti dagli alunni tra il il 17 e il 24 Marzo 2015. INCIPIT Inizia così il nostro viaggio alla scoperta del legame che unisce territorio, cibo e cultura. In particolare vengono proposte due attività introduttive al fine di far emergere le conoscenze pregresse

Dettagli

Romania: il mercato dei prodotti BIOLOGICI

Romania: il mercato dei prodotti BIOLOGICI Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Romania: il mercato dei prodotti BIOLOGICI Ufficio di Bucarest Str.A, D. Xenopol nr.15, 010472 Bucuresti T +40 21

Dettagli

DEI SERVIZI EDIZIONE MARZO

DEI SERVIZI EDIZIONE MARZO CALENZANO COMUNE S.R.L. Società unipersonale del Comune di Calenzano CARTA DEI SERVIZI EDIZIONE MARZO 2015... Indice Cos è la Carta dei Servizi Gestore Presentazione del servizio Principi fondamentali

Dettagli

Norma nazionale per la produzione, preparazione, commercializzazione ed etichettatura del coniglio biologico (art. 42 del Reg. (CE) n. 834/07).

Norma nazionale per la produzione, preparazione, commercializzazione ed etichettatura del coniglio biologico (art. 42 del Reg. (CE) n. 834/07). Norma nazionale per la produzione, preparazione, commercializzazione ed etichettatura del coniglio biologico (art. 42 del Reg. (CE) n. 834/07). 1. Generalità 1.1 Premessa L operatore che intende allevare

Dettagli

PER SOSTENERE IL FUTURO, COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI

PER SOSTENERE IL FUTURO, COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI OTALL Il salone della Ricerca, Innovazione e Sicurezza alimentare Cosa abbiamo nel piatto: Tecnologie, Ambiente, Educazione, Sicurezza PER SOSTENERE IL FUTURO, COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI Claudia

Dettagli

LE FATTORIE DIDATTICHE

LE FATTORIE DIDATTICHE LE FATTORIE DIDATTICHE La Comunità europea ha incoraggiato lo sviluppo di attività di servizio e didattiche all interno delle aziende agricole attraverso l applicazione dell articolo 33 del regolamento

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

presso gli Orti Urbani Garbatella

presso gli Orti Urbani Garbatella Progetto Laboratorio Didattico di Permacultura Sommario Scopo del progetto...2 Situazione attuale...3 Il Laboratorio di Permacultura in dettaglio...6 Corso di Introduzione alla Permacultura...7 Schema

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti e IGP Fra gli obiettivi del Governo a sostegno dell economia e dell occupazione, c è l incremento, entro il 2020, dell export agroalimentare

Dettagli

Friuli-Venezia Giulia

Friuli-Venezia Giulia Presentazione dei dati definitivi Friuli-Venezia Giulia Vengono diffusi oggi i risultati definitivi del 5 Censimento dell agricoltura in Friuli- Venezia Giulia. I dati qui presentati riguardano, in particolare,

Dettagli

Società agricola Mercuri

Società agricola Mercuri Società agricola Mercuri dove la tradizione guarda al futuro 1 L azienda agricola L azienda biologica, le cui origini risalgono al 1920, si trova a Casperia in provincia di Rieti; la conduzione è familiare

Dettagli

- 6 - PROGETTI EDUCATIVI

- 6 - PROGETTI EDUCATIVI Progetto di educazione alimentare Il progetto A SCUOLA CON GUSTO consiste in una serie di interventi (tre oppure quattro, a seconda del percorso formativo) da effettuarsi in classe. L intento generale

Dettagli

La scelta naturale. Cosa significa acquistare biologico. Fa bene alla natura, fa bene a te. www.organic-farming.europa.eu KF-30-08-128-IT-C

La scelta naturale. Cosa significa acquistare biologico. Fa bene alla natura, fa bene a te. www.organic-farming.europa.eu KF-30-08-128-IT-C KF-30-08-128-IT-C Commissione europea Agricoltura e Sviluppo rurale www.organic-farming.europa.eu La scelta naturale Cosa significa acquistare biologico Fa bene alla natura, fa bene a te. Cos è l agricoltura

Dettagli

Presentazione dei dati definitivi Toscana

Presentazione dei dati definitivi Toscana Presentazione dei dati definitivi Toscana Vengono diffusi oggi i risultati definitivi, relativi alla Toscana, del 5 Censimento dell agricoltura. Le informazioni presentate riguardano le caratteristiche

Dettagli

Valle d'aosta. Presentazione dei dati definitivi

Valle d'aosta. Presentazione dei dati definitivi Presentazione dei dati definitivi Valle d'aosta Vengono diffusi oggi i risultati definitivi, relativi alla Valle d'aosta, del 5 Censimento generale dell agricoltura. Le informazioni presentate riguardano

Dettagli

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI Un decennio di profonde trasformazioni: l agricoltura Campana ha affrontato un periodo di grandi cambiamenti nello scenario socio-economico

Dettagli

Che cos è l agricoltura?

Che cos è l agricoltura? L agricoltura Che cos è l agricoltura? L agricoltura è la coltivazione del terreno. L agricoltura produce gli alimenti necessari agli uomini. L agricoltore semina e lavora la terra. Le piante crescono

Dettagli

Ristorazione Scolastica Dalla Normativa Nazionale e Comunitaria alle Linee Guida Regionali del Veneto. Dott. Saverio Chilese UON - SIAN ULSS 4

Ristorazione Scolastica Dalla Normativa Nazionale e Comunitaria alle Linee Guida Regionali del Veneto. Dott. Saverio Chilese UON - SIAN ULSS 4 Ristorazione Scolastica Dalla Normativa Nazionale e Comunitaria alle Linee Guida Regionali del Veneto Dott. Saverio Chilese UON - SIAN ULSS 4 1 In Italia, così come nella maggior parte dei Paesi occidentali

Dettagli

Angela Maria Messina Tecnologo alimentare- Specialista in Scienza dell Alimentazione

Angela Maria Messina Tecnologo alimentare- Specialista in Scienza dell Alimentazione Angela Maria Messina Tecnologo alimentare- Specialista in Scienza dell Alimentazione Cosa abbiamo nel piatto: tecnologie, ambiente, educazione, sicurezza Milano, 17 ottobre 2012 Alimentarsi = elementare

Dettagli

Oggetto: Presentazione dei percorsi didattici della fattoria sociale Fuori di Zucca

Oggetto: Presentazione dei percorsi didattici della fattoria sociale Fuori di Zucca Alla cortese attenzione: Dirigente scolastico e referente visite didattiche Oggetto: Presentazione dei percorsi didattici della fattoria sociale Fuori di Zucca Chi Siamo La fattoria sociale Fuori di Zucca

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA BIOLOGICA NICOLA ROMANO

AZIENDA AGRICOLA BIOLOGICA NICOLA ROMANO AZIENDA AGRICOLA BIOLOGICA NICOLA ROMANO quando tradizione, passione e innovazione diventano sapere d impresa 1 L azienda agricola L azienda agricola biologica Nicola Romano si trova nel Parco Nazionale

Dettagli

Questionario informativo per uno studio di fattibilità

Questionario informativo per uno studio di fattibilità Questionario informativo per uno studio di fattibilità 1 Anagrafica Ragione sociale Azienda: Indirizzo: Riferimento: Funzione aziendale: Telefono: Mobile: E-mail: Tipologia di azienda: agricola non agricola

Dettagli

AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE

AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE Diversificazione in un contesto di grande pregio naturalistico 1 L azienda L azienda agrituristica si trova a Caronia (ME) nell area del Parco dei Nebrodi; è

Dettagli

Le caratteristiche del software GAIA

Le caratteristiche del software GAIA Gestione Aziendale delle Imprese Agricole La presentazione del nuovo software INEA per la gestione economica dell azienda agricola Milano, 11 Settembre 2008 Le caratteristiche del software GAIA Antonio

Dettagli

Company Profile. Chi siamo. I nostri prodotti

Company Profile. Chi siamo. I nostri prodotti Chi siamo Fruttagel è un consorzio cooperativo, il cui scopo è dare valore a tutti gli stadi della filiera agroindustriale. A monte vi è il socio produttore, o il fornitore, che viene assistito per garantire

Dettagli

Fanno reddito le stalle da latte?

Fanno reddito le stalle da latte? Gli scenari attuali e la realtà economica delle stalle lombarde Fanno reddito le stalle da latte? Analisi di 70 bilanci SATA: quale strada verso la competizione europea? Venerdì 25 ottobre 2013 Fiera Internazionale

Dettagli

Servizi di pre incubazione

Servizi di pre incubazione La Regione Lazio - Assessorato all Agricoltura, attraverso BIC Lazio, ha in fase di avanzata realizzazione un Incubatore di Imprese finalizzato ad assistere la nascita e lo sviluppo di attività imprenditoriali

Dettagli

non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica

non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica I prodotti dell agricoltura biologica non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica due prodotti assolutamente identici possono essere l uno il risultato del metodo di produzione

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

dove il riciclo e ricchezza

dove il riciclo e ricchezza dove il riciclo e ricchezza Sostenibilita e Sviluppo PERCHÉ Al giorno d oggi diventa necessario orientarsi verso uno sviluppo sostenibile, ossia quella forma di progresso che soddisfa i bisogni delle generazioni

Dettagli

Schema di riferimento aziende. Nome azienda Comparto e attività svolte Bisogni rilevati. Consulenza come agronomo e certificatore comparto biologico

Schema di riferimento aziende. Nome azienda Comparto e attività svolte Bisogni rilevati. Consulenza come agronomo e certificatore comparto biologico Analisi fabbisogni formativi AGRI.COM - Corso per la trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli Le attività che sono state messe in atto per l analisi dei fabbisogni formativi e sull utenza

Dettagli

G. Paci, R. Paci PROGETTARE E FARE Zanichelli 2011. Integrazione a cura di A. Millefanti ATTIVITÀ ECONOMICHE

G. Paci, R. Paci PROGETTARE E FARE Zanichelli 2011. Integrazione a cura di A. Millefanti ATTIVITÀ ECONOMICHE ATTIVITÀ ECONOMICHE 1 IERI E OGGI Diecimila anni fa: agricoltori in Mesopotamia Nell 8000 a.c. in Mesopotamia vivevano le prime tribù di agricoltori e pastori. L uomo smise di spostarsi in cerca di cibo

Dettagli

INCONTRO 11 ottobre 2010

INCONTRO 11 ottobre 2010 INCONTRO 11 ottobre 2010 Davide Roà Area Tecnico - Economica UNA FILIERA AGRICOLA TUTTA ITALIANA Che cos é la filiera? PREMESSA La filiera è l insieme di attività che concorrono alla produzione, distribuzione,

Dettagli

2. ASPETTI DEMOGRAFICI e SOCIO-ECONOMICI. 2.1. Inquadramento. 2.2. Fonte dei dati ed informazioni disponibili. 2.3. Indicatori selezionati

2. ASPETTI DEMOGRAFICI e SOCIO-ECONOMICI. 2.1. Inquadramento. 2.2. Fonte dei dati ed informazioni disponibili. 2.3. Indicatori selezionati 2. ASPETTI DEMOGRAFICI e SOCIO-ECONOMICI 2.1. Inquadramento L inquadramento socio - economico del territorio oggetto di analisi permette di cogliere alcuni suoi aspetti fondamentali. Anche se non direttamente

Dettagli

Le aziende agricole di Padova nel 6 Censimento Generale dell'agricoltura

Le aziende agricole di Padova nel 6 Censimento Generale dell'agricoltura Comune di Padova Settore Programmazione Controllo e Statistica Le aziende agricole di Padova nel 6 Censimento Generale dell'agricoltura Questo lavoro prende in esame le aziende agricole che hanno la propria

Dettagli

CONFESERCENTI Giovedì, 02 luglio 2015

CONFESERCENTI Giovedì, 02 luglio 2015 CONFESERCENTI Giovedì, 02 luglio 2015 CONFESERCENTI Giovedì, 02 luglio 2015 02/07/2015 Il Resto del Carlino Pagina 24 PEREGO ACHILLE Gli italiani tornano formichine Consumi, oggi parte il test dei saldi

Dettagli

Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click

Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click - 14 gennaio 2015 - L Italia, campione del mangiar bene e del buon vino, leader mondiale nella sicurezza alimentare e nell eco-sostenibilità delle

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione Agricoltura. Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Bolzano 2014-2020

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione Agricoltura. Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Bolzano 2014-2020 PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione Agricoltura Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Bolzano 2014-2020 Sottomisura 6.1 Aiuto all avviamento di imprese per giovani

Dettagli

Cambiamenti nei consumi alimentari

Cambiamenti nei consumi alimentari Cambiamenti nei consumi alimentari Evoluzione nel tempo Per lo studio dei consumi alimentari degli italiani è ovviamente necessario avvalersi di dati statistici, che pur con tutti i loro limiti consentono

Dettagli

Pastorano Se la bufala mostra i muscoli

Pastorano Se la bufala mostra i muscoli Il meglio del materiale genetico italiano in esposizione alla Mostra tenutasi recentemente nella città campana Pastorano Se la bufala mostra i muscoli Per la prima volta la Mostra nazionale della Bufala

Dettagli

VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA

VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA INDICE PREMESSA LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO REQUISITI DA RISPETTARE CARATTERISTICHE DELLA QUALITÀ BIOLOGICA CONVERTIRSI AL BIOLOGICO VENDERE E COMPRARE 2 PREMESSA All interno

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA SITUAZIONE AZIENDALE INIZIALE

DESCRIZIONE DELLA SITUAZIONE AZIENDALE INIZIALE DESCRIZIONE DELLA SITUAZIONE AZIENDALE INIZIALE Breve descrizione della situazione aziendale INIZIALE (con riferimento all'ordinamento colturale, all'allevamento, alle attività connesse e alla dotazione

Dettagli

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE FEDERALIMENTARE i risultati a chiusura del primo semestre 2012. le prospettive nel breve periodo

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE FEDERALIMENTARE i risultati a chiusura del primo semestre 2012. le prospettive nel breve periodo OSSERVATORIO CONGIUNTURALE FEDERALIMENTARE i risultati a chiusura del primo semestre 2012. le prospettive nel breve periodo Roma 28 settembre 2012 (11128zv) agenda à metodo à clima di fiducia à andamento

Dettagli

Azienda Agrituristica - Fattoria Didattica

Azienda Agrituristica - Fattoria Didattica L Azienda Agrituristica Fattoria Didattica L Agrumeto è situata nella regione del Parteolla, in agro di Donori, piccolo paese a vocazione agricola a circa 25 Km. da Cagliari. Il paesaggio è collinare,

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

Biologica. Una Guida per Azionisti, Agricoltori, Trasformatori e Distributori. Contatti. www.organic-farming.europa.eu

Biologica. Una Guida per Azionisti, Agricoltori, Trasformatori e Distributori. Contatti. www.organic-farming.europa.eu Commissione europea Agricoltura e Sviluppo rurale Contatti Servizi audiovisivi della Commissione Europea http://ec.europa.eu/avservices/home/index_en.cfm. Sito web sull agricoltura biologica della Commissione

Dettagli

SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITÀ ALBERGHIERA

SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITÀ ALBERGHIERA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Professionale Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera A. Vespucci Via Valvassori Peroni 8-20133 Milano - Tel. 02.7610162

Dettagli

Piano Territoriale Provinciale di Catania (ex art.12 L.R.9/86) RELAZIONE GENERALE DELLO SCHEMA DI MASSINA.

Piano Territoriale Provinciale di Catania (ex art.12 L.R.9/86) RELAZIONE GENERALE DELLO SCHEMA DI MASSINA. 4.1.7. L ATTIVITÀ TURISTICA. Secondo le stime del World Travel and Tourism Council, l industria dei viaggi e del turismo diventerà, a breve termine, la prima industria mondiale sia in termini di fatturato

Dettagli

I consumi agroalimentari biologici in Italia: consuntivo 2010

I consumi agroalimentari biologici in Italia: consuntivo 2010 I consumi agroalimentari biologici in Italia: consuntivo 2010 Fiere e Comunicazioni commenta con soddisfazione la panoramica aggiornata del bio italiano nel 2010. Con la top ten delle bio-vendite e altre

Dettagli

Azienda Agricola Biologica La Tranquilla

Azienda Agricola Biologica La Tranquilla Azienda Agricola Biologica La Tranquilla Dove nascono i veri fuoriclasse 1 L Azienda agricola L'azienda biologica La Tranquilla, costituita grazie ai fondi del Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013, si

Dettagli

Il Progetto Orti per EXPO

Il Progetto Orti per EXPO #scuolaallaperto Il Progetto Orti per EXPO Francesca Ossola ERSAF Ente Regionale Servizi all Agricoltura e alle Foreste 5 novembre 2014 L'orto scolastico ha una forte valenza educativa, consentendo ai

Dettagli

Analisi economica del settore agricolo

Analisi economica del settore agricolo LE FILIERE BIOLOGICHE IN LOMBARDIA Analisi economica del settore agricolo Alessandro Banterle Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano

Dettagli

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 Anabio e la Cia ritengono fondamentale approvare al più presto la Proposta di regolamento per la produzione e l etichettatura dei prodotti

Dettagli

REGIONE MOLISE ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E AGROALIMENTARI - PROGRAMMAZIONE FORESTALE - SVILUPPO RURALE - PESCA PRODUTTIVA TUTELA DELL AMBIENTE

REGIONE MOLISE ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E AGROALIMENTARI - PROGRAMMAZIONE FORESTALE - SVILUPPO RURALE - PESCA PRODUTTIVA TUTELA DELL AMBIENTE REGIONE MOLISE ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E AGROALIMENTARI - PROGRAMMAZIONE FORESTALE - SVILUPPO RURALE - PESCA PRODUTTIVA TUTELA DELL AMBIENTE PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE - MOLISE 2014-2020 BANDO

Dettagli

TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA I T A L I A M E I C MOVIMENTO ECCLESIALE DI IMPEGNO CULTURALE

TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA I T A L I A M E I C MOVIMENTO ECCLESIALE DI IMPEGNO CULTURALE MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE MAGHREBINE I T A L I A M E I C MOVIMENTO ECCLESIALE DI IMPEGNO CULTURALE Gruppo di Torino

Dettagli

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN PIEMONTE

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN PIEMONTE NOTIZIARIO DOCUMENTI Alessandro Corsi Università degli Studi di Torino Dipartimento di Economia S. Cognetti de Martiis AGRICOLTURA BIOLOGICA IN PIEMONTE ab agricoltura biologica L Agricoltura biologica

Dettagli

Premio GPP 2012. Cooperativa Fattoria della Piana Società Agricola

Premio GPP 2012. Cooperativa Fattoria della Piana Società Agricola Premio GPP 2012 Cooperativa Fattoria della Piana Società Agricola Sommario L azienda ha creato un sistema di produzione integrato capace di ottimizzare le risorse e raggiungere un bilancio di eco-sostenibilità.

Dettagli

Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro

Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro L AGROALIMENTARE ITALIANO: PROSPETTIVE DI SVILUPPO E CRITICITÀ. Forum Internazionale dell Agricoltura e dell Alimentazione. Coldiretti Antonio MARZANO Presidente

Dettagli

BioFATTORIA SOLIDALE DEL CIRCEO. Fattoria Didattica e Visite

BioFATTORIA SOLIDALE DEL CIRCEO. Fattoria Didattica e Visite BioFATTORIA SOLIDALE DEL CIRCEO Fattoria Didattica e Visite La BioFattoria Solidale del Circeo opera su un terreno di 175 ettari all interno della Tenuta Mazzocchio (Azienda storica dell Agro Pontino che

Dettagli

la Gemma, troverai bio

la Gemma, troverai bio Cerca la Gemma, troverai bio La Gemma Due terzi della popolazione svizzera consuma regolarmente bio, tendenza in aumento. I consumatori apprezzano soprattutto la genuinità, il sapore naturale e la sicurezza

Dettagli

Sistemi alimentari locali sostenibili Il DESR Parco Sud Milano

Sistemi alimentari locali sostenibili Il DESR Parco Sud Milano Sistemi alimentari locali sostenibili Il DESR Parco Sud Milano Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali Centro Studi per lo Sviluppo rurale Milano, 04 dicembre 2013 Alessandra Corrado a.corrado@unical.it

Dettagli

INFORMAZIONI AZIENDALI PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO

INFORMAZIONI AZIENDALI PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO INFORMAZIONI AZIENDALI PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO INFORMAZIONI GENERALI CognomeNome/RagioneSociale: Codice Fiscale/Partita Iva: I. Regione di appartenenza Piemonte Emilia R. Campania Valle

Dettagli

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA E x e c u t i v e s u m m a r y L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA La fotografia La rilevanza del comparto. L industria dell olio di oliva in senso stretto contribuisce per il 3,5% al fatturato complessivo

Dettagli

Situazione economica e aspettative di sviluppo delle aziende del settore alimentare della provincia

Situazione economica e aspettative di sviluppo delle aziende del settore alimentare della provincia 1 Situazione economica e aspettative di sviluppo delle aziende del settore alimentare della provincia Il settore agroalimentare può essere considerato un importante fattore di stimolo per lo sviluppo del

Dettagli

Azienda agricola Leopoldo Fazzolari

Azienda agricola Leopoldo Fazzolari Azienda agricola Leopoldo Fazzolari biologico, benessere animale, tracciabilità 11 L'Azienda Agricola L'Azienda biologica Fazzolari si trova a S. Janni di Cutro in provincia di Catanzaro. Nasce alla fine

Dettagli

Misura 4.1 Sostegno ad investimenti nelle aziende agricole

Misura 4.1 Sostegno ad investimenti nelle aziende agricole SERVIZIO AMBIENTE E AGRICOLTURA PSR 2014-2020 Misura 4.1 Sostegno ad investimenti nelle aziende Responsabile regionale Dott. Andrea Scarponi Tel. 0733 2932288-071 8063649 mail: andrea.scarponi@regione.marche.it

Dettagli

COLTIVANDO LA CRESCITA

COLTIVANDO LA CRESCITA COLTIVANDO LA CRESCITA Agroindustria e agricoltura: imprese, dimensione, export I punti di forza Dall agricoltore all imprenditore agricolo Le criticità L agenda per il futuro Daniele Marini Università

Dettagli

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI OTTOBRE 2011 1 PREMESSA Un alimentazione equilibrata e corretta, gradevole ed accettabile,

Dettagli

Masserie Giovannelli

Masserie Giovannelli Masserie Giovannelli La forza della famiglia rurale 1 L azienda Masserie Giovannelli si trova a 1.000 msl nel Comune di Cercemaggiore in provincia di Campobasso, zona riconosciuta come Sito di Interesse

Dettagli

Eccellenze Agroalimentari del.

Eccellenze Agroalimentari del. Eccellenze Agroalimentari del. Aziende coinvolte: Parvus Flos (Basilico e piante aromatiche) Monterotondo M.mo Caseificio Paterno Monterotondo M.mo Vapori di Birra (Birrificio) Sasso Pisano 23/02/2015

Dettagli

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani.

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. ALLEGATO A REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. 1 PREMESSA Molti avvenimenti in questi

Dettagli

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 EDIZIONE 2014 LIBERAMENTE ISPIRATO A DIRITTI E ROVESCI

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

VISITA DIDATTICA IN FATTORIA: PERCHE

VISITA DIDATTICA IN FATTORIA: PERCHE AZIENDA AGRICOLA CAROFIGLIO SIMONA Via Degli Alberi (S.C. 34) Casamassima Bari P.I. 07152230723 Tel: 347 7512300 e-mail: info@terradincontro.it VISITA DIDATTICA IN FATTORIA: PERCHE Le fattorie didattiche

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

I PROGETTI ADOTTATI DA 4CITIES4DEV cibo buono, pulito e giusto: l esperienza delle comunità del cibo

I PROGETTI ADOTTATI DA 4CITIES4DEV cibo buono, pulito e giusto: l esperienza delle comunità del cibo I PROGETTI ADOTTATI DA 4CITIES4DEV cibo buono, pulito e giusto: l esperienza delle comunità del cibo Orti comunitari di N Ganon e Nangounkaha, Costa d Avorio Foto Archivio Slow Food Progetto Slow Food

Dettagli

EXPO 2015 NUTRIRE IL PIANETA. ENERGIA PER LA VITA.

EXPO 2015 NUTRIRE IL PIANETA. ENERGIA PER LA VITA. EXPO 2015 NUTRIRE IL PIANETA. ENERGIA PER LA VITA. L EXPO 2015 rappresenta una vetrina internazionale per mezzo della quale sarà possibile dibattere, confrontarsi e interagire sui grandi temi che caratterizzano

Dettagli

Fondazione Edmund Mach Istituto Agrario di San Michele a/a. Organizzazione. Consiglio di Amministrazione. Direzione Generale

Fondazione Edmund Mach Istituto Agrario di San Michele a/a. Organizzazione. Consiglio di Amministrazione. Direzione Generale Fondazione Edmund Mach Istituto Agrario di San Michele a/a Organizzazione Consiglio di Amministrazione Direzione Generale Centro Istruzione e Formazione Centro Ricerca e Innovazione Centro Trasferimento

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Concessione dell Alpe di Orimento e dell Alpe di Gotta. Proposta gestionale. Il sottoscritto Nome..cognome...nato/a

Concessione dell Alpe di Orimento e dell Alpe di Gotta. Proposta gestionale. Il sottoscritto Nome..cognome...nato/a 1 Concessione dell Alpe di Orimento e dell Alpe di Gotta (allegato 2) Proposta gestionale Il sottoscritto Nome..cognome.......nato/a a.il....codice Fiscale. residente nel Comune di...provincia... Via/Piazza...n

Dettagli

Le castagne della Valle del Lujo

Le castagne della Valle del Lujo Le castagne della Valle del Lujo Istituto Tecnico Agrario Statale di Bergamo Classe 5 C a.s. 2007/2008 Banca Tutor Banca Popolare di Bergamo Credito Varesino Le castagne della Valle del Lujo EXECUTIVE

Dettagli

Le castagne della Valle del Lujo

Le castagne della Valle del Lujo Le castagne della Valle del Lujo Istituto Tecnico Agrario Statale di Bergamo Classe 5 C a.s. 2007/2008 Banca Tutor Banca Popolare di Bergamo Credito Varesino Le castagne della Valle del Lujo EXECUTIVE

Dettagli

GUIDA DEL DOCENTE Risorse didattiche proposte da

GUIDA DEL DOCENTE Risorse didattiche proposte da GUIDA DEL DOCENTE Risorse didattiche proposte da Indice Obiettivi del concorso... 3 Perché partecipare... 3 Quando e come... 3 Interesse didattico... 4 Quali sono le classi interessate... 4 Quali sono

Dettagli

Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale. 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias

Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale. 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias Abteilung 32 - Forstwirtschaft Ripartizione 32 Foreste Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale Il ruolo e funzioni del maso

Dettagli

Manuale operativo per l agriturismo

Manuale operativo per l agriturismo giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 1483 del 05 agosto 2014 pag. 1/7 Manuale operativo per l agriturismo Le informazioni riportate nel seguente manuale operativo sono inerenti a disposizioni

Dettagli

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA po p i l i F ri Alleg Zurla G ia Barbi er i nluca Luca 2^C a.s. 2013/2014 COS È LA BIODIVERSITÀ È LA VARIETÀ DI SPECIE ANIMALI E VEGETALI PRESENTI NELLA BIOSFERA PERCHÉ

Dettagli

Associazione della Fiera Internazionale di Sfax

Associazione della Fiera Internazionale di Sfax Associazione della Fiera Internazionale di Sfax 10 Salone Mediterraneo dell Agricoltura e Industrie Alimentari Presentazione Generale La Camera Tuniso Italiana di Commercio e Industria presenta lo SMA

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE

L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE Direttore Area Agricoltura e Industria alimentare Nomisma spa I TEMI DI APPROFONDIMENTO Gli scambi

Dettagli

APPROVVIGIONAMENTO E COMMERCIALIZZAZIONE DELLA LEGNA DA ARDERE IN UN CONTESTO CONSORTILE

APPROVVIGIONAMENTO E COMMERCIALIZZAZIONE DELLA LEGNA DA ARDERE IN UN CONTESTO CONSORTILE APPROVVIGIONAMENTO E COMMERCIALIZZAZIONE DELLA LEGNA DA ARDERE IN UN CONTESTO CONSORTILE Torna all indice De Luca, E.* *CO.GE.FOR. Consorzio Gestione Forestale Il CO.GE.FOR. Il Consorzio di Gestione Forestale

Dettagli

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 1. Denominazione della Misura: Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

Dettagli

Fattoria didattica La Fonte per la scuola.

Fattoria didattica La Fonte per la scuola. Fattoria didattica La Fonte per la scuola. Le giornate che proponiamo offrono la possibilità di approfondire il legame che unisce il cibo, l'ambiente e la salute e di riflettere su una più consapevole

Dettagli

Mercato del biologico. La Filiera. Relazione dott. G.Tecilla

Mercato del biologico. La Filiera. Relazione dott. G.Tecilla Mercato del biologico La Filiera Relazione dott. G.Tecilla Il mercato BIO in Italia Il BIO in Italia vale 3 miliardi di euro e continua a crescere: la spesa domestica di prodotti biologici è salita nel

Dettagli

IL PROGETTO DI M.B. Stralci dal documento di sintesi e progetto professionale. Allegato per esercitazione in gruppo nel 2 laboratorio - seconda parte

IL PROGETTO DI M.B. Stralci dal documento di sintesi e progetto professionale. Allegato per esercitazione in gruppo nel 2 laboratorio - seconda parte IL PROGETTO DI M.B. Stralci dal documento di sintesi e progetto professionale Allegato per esercitazione in gruppo nel 2 laboratorio - seconda parte La domanda iniziale La signora M.B. si è avvicinata

Dettagli