Il bilancio di esercizio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il bilancio di esercizio"

Transcript

1 Il bilancio delle Banche (struttura e principi di formazione) La misurazione della performance bancaria La valutazione dell adeguatezza del capitale (ICAAP) in rapporto ai rischi bancari Prof. Alessandro Berti Dipartimento di studi giuridici e aziendali Lezioni di tecnica bancaria a.a weblog

2 Il bilancio di esercizio Il bilancio costituisce un sistema complesso e integrato di informazioni la cui finalità principale è quella di fornire a terzi (azionisti, creditori, mercato, ecc.) una rappresentazione della situazione aziendale (patrimoniale, economica e finanziaria) che consenta di formulare valutazioni corrette sullo stato di salute dell impresa e di prendere coerenti decisioni economiche. Prof. Alessandro Berti 2

3 Criteri di redazione del bilancio VERITA I dati esposti devono corrispondere a quelli registrati nelle scritture contabili Questi ultimi, a loro volta, corrispondono ai fatti aziendali Prof. Alessandro Berti 3

4 Criteri di redazione del bilancio CORRETTEZZA Il comportamento è corretto se, data una molteplicità di soluzioni possibili per rappresentare o valutare in bilancio una determinata operazione la scelta effettuata appartiene a quel sottoinsieme di opzioni compatibili con la normativa, ovvero accettabili nella prassi sotto il profilo della ragionevolezza. Prof. Alessandro Berti 4

5 Criteri di redazione del bilancio I principi di VERITA e di CORRETTEZZA implicano: CHIAREZZA Sia negli aspetti quantitativi sia in quelli descrittivo - esplicativi, della situazione aziendale e delle scelte valutative effettuate, in modo da consentire il massimo grado di intelligibilità del bilancio. Prof. Alessandro Berti 5

6 Il bilancio di esercizio come strumento di informazione Ricchezza Omogeneità Veridicità Relazione sulla gestione Stato patrimoniale Conto economico Nota integrativa Standardizzazione degli schemi Definizione degli aggregati Regole valutazione Obbligo legislativo Relazione sindaci Relazione revisori se quotata Prof. Alessandro Berti 6

7 Chi è interessato al bilancio bancario azionisti analisti giornali altri bilancio clienti banche Bankit depositanti dipendenti altri Consob Stato Prof. Alessandro Berti 7

8 Per meglio comprendere il bilancio bancario ricordiamo le funzioni della banca. Monetaria, per cui emette titoli di debito accettati in sostituzione della moneta legale e gestione del sistema pagamenti. Creditizia, attuando il trasferimento del risparmio finanziario dalle unità in surplus a quelle in deficit. Questa attività implica: trasformazione delle scadenze; trasformazione dei rischi; selezione e controllo del credito. Servizi, per cui fornisce una serie di servizi extrafinanziari alla clientela, soprattutto alle imprese. Prof. Alessandro Berti 8

9 Retail standardizzazione; e s s e n z i a l m e n t e transazioni; bassi costi unitari; basso valore aggiunto unitario; canali distributivi capillari relazione poco personalizzata Aree di affari Corporate Private servizi complessi ed integrati; personalizzazione dimensione unitaria non piccola inquadrabile in un rapporto di lunga durata e quindi di relationship banking. Prof. Alessandro Berti 9

10 Fonti normative Le norme generali in materia di informativa di bilancio relativa alle imprese e ai gruppi bancari sono contenute nel D.L. 27/11/1992 n. 87, che ne ha stabilito i principi fondamentali. La regolamentazione degli aspetti tecnici, però, è stata riservata, dall art. 5 di tale decreto, alla Banca d Italia, la quale ha il compito di stabilire gli schemi del bilancio bancario e le regole per la loro formazione, introducendo in essi le modifiche e gli aggiornamenti dovuti all evoluzione delle disposizioni e degli orientamenti comunitari. Prof. Alessandro Berti 10

11 Fonti normative (SEGUE) Così, dopo che il D.L. 28/02/2005 n. 38 ha introdotto per tutte le banche l obbligo di redigere il bilancio secondo i principi contabili internazionali, la Banca d Italia ha emanato la circolare n. 262 del 22/12/2005 Bilancio bancario: schema e regole di compilazione con la quale ha adeguato a tali principi le previgenti istruzioni. Prof. Alessandro Berti 11

12 L INTRODUZIONE DEGLI IAS È stato necessario introdurre a livello europeo - una normativa di riferimento unica ed efficacemente applicabile per le aziende europee - una normativa in grado di assicurare trasparenza e comparabilità dell informativa finanziaria - una normativa che permettesse alle aziende comunitarie di competere equamente Prof. Alessandro Berti 12

13 L INTRODUZIONE DEGLI IAS: conseguenze Il bilancio deve rispondere alle esigenze informative degli stakeholders. Le informazioni che il bilancio deve fornire sono: 1. la situazione patrimoniale/finanziaria 2. l andamento economico in seguito a cambiamenti della situazione patrimoniale/finanziaria 3. tutte le altre informazioni utili ad un ampia serie di possibili utilizzatori nel processo di decisione economica Il processo di redazione del bilancio diviene più complesso Nel bilancio non è più predominante il principio della prudenza È previsto l utilizzo del criterio del fair value Prof. Alessandro Berti 13

14 I PRINCIPI DI MAGGIOR IMPATTO PER LE BANCHE Ias 14 prescrive la presentazione di un autonoma informativa economicofinanziaria per ciascuno dei settori di attività in cui l impresa opera. Ias 17 contiene le regole per la contabilizzazione e presentazione in bilancio delle operazioni di leasing operativo e finanziario. Ias 27, 28 e 30 riguardano la rilevazione e la valutazione delle partecipazioni in imprese controllate, collegate e joint-venture. Prof. Alessandro Berti 14

15 I PRINCIPI DI MAGGIOR IMPATTO PER LE BANCHE Ias 32 e 39 disciplinano la rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari, oltre alle informazioni integrative obbligatorie relative a tali strumenti. Con l applicazione del fair value le attività e passività sono valutate secondo la maturazione economica degli eventi che le hanno generate fino alla fine dell esercizio Il reddito è prodotto dalle operazioni maturate e realizzate solamente nell esercizio corrente. Prof. Alessandro Berti 15

16 DOCUMENTI DEL BILANCIO Stato patrimoniale Conto economico Nota integrativa Relazione degli amministratori Prof. Alessandro Berti 16

17 LO STATO PATRIMONIALE ATTIVO VOCI DELL'ATTIVO Cassa e disponibilità liquide Attività finanziarie detenute per la negoziazione Attività finanziarie valutate al Fair Value Attività finanziarie disponibili per la vendita Attività finanziarie detenute fino alla scadenza Crediti verso banche Crediti verso la clientela Derivati di copertura Adeguamento di valore delle attività finanziarie oggetto di copertura Partecipazioni Attività materiali Attività immateriali Attività fiscali Attività non correnti e gruppi di attività in via di dismissione Altre attività TOTALE ATTIVO Prof. Alessandro Berti 17

18 LA CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ FINANZIARIE Attività detenute per la negoziazione Attività acquisite con lo scopo di essere vendute nel breve termine Attività valutate al fair value Variazione del valore contabilizzata a conto economico. Rientra in questa categoria qualsiasi attività così definita al momento dell acquisto indipendentemente dalle finalità connesse alla detenzione Attività disponibili per la vendita Attività indicate appositamente come tali ovvero individuate in via residuale come non rientranti nelle precedenti categorie Prof. Alessandro Berti 18

19 LA CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ FINANZIARIE Attività detenute fino a scadenza Attività non derivate con scadenza fissa e pagamenti fissi o determinabile, acquistate con lo scopo di detenerle fino a scadenza Crediti e finanziamenti Attività non derivate con pagamenti fissi o determinabili non quotate in un mercato attivo La attività classificabili come crediti e finanziamenti possono essere inserite nelle attività di trading ovvero nelle attività disponibili per la vendita in caso di espressa volontà manifesta all origine. Prof. Alessandro Berti 19

20 LE ATTIVITÀ FINANZIARIE: UN APPROFONDIMENTO Attività finanziarie detenute fino a scadenza Rientrano in questa categoria gli strumenti che la banca acquista con l unico scopo di detenerli fino alla data di scadenza Non possono rientrare in questa categoria: I titoli azionari Le opzioni, i Warrant e i diritti su azioni Gli strumenti puttable Strumenti per cui si ha intenzione di effettuare interventi di copertura dal rischio di tasso d interesse e dal rischio di pagamento anticipato Prof. Alessandro Berti 20

21 LE ATTIVITÀ FINANZIARIE: UN APPROFONDIMENTO Strumenti finanziari disponibili per la vendita Sono classificate come tali le attività finanziarie non derivate, che non sono state classificate nelle altre categorie È una categoria residuale Possono essere classificate come tali: Titoli obbligazionari che non sono oggetto di attività di trading Le azioni non detenute con finalità di negoziazione ovvero non qualificabili come di controllo, di collegamento o controllo congiunto (anche quote di investimenti di private equity ovvero in fondi di private equity) Quote di prestiti sindacati sottoscritti e destinati fin dall origine alla cessione Prof. Alessandro Berti 21

22 LO STATO PATRIMONIALE PASSIVO VOCI DEL PASSIVO Debiti verso banche Debiti verso la clientela Titoli in circolazione Passività finanziarie di negoziazione Passività finanziarie valutate al fair value Derivati di copertura Adeguamento di valore delle attività finanziarie oggetto di copertura Passività fiscali Passività associate ad attività in via di dismissione Altre passività TFR del personale Fondi per rischi ed oneri Riserve di valutazione Azioni rimborsabili Strumenti di capitale Riserve Sovraprezzi di emissione Capitale Azioni proprie (-) Utile (Perdita) di esercizio TOTALE PASSIVO Prof. Alessandro Berti 22

23 LE NUOVE VOCI DEL PASSIVO Le passività finanziarie di negoziazione: figurano nella presente voce le passività finanziarie, qualunque sia la loro forma tecnica, detenute per finalità di negoziazione come ad esempio: Contratti derivati non rilevati come strumenti di copertura Obbligazioni a consegnare attività finanziarie in caso di operazioni allo scoperto Passività finanziarie emesse con l obiettivo di riacquistarle nel breve termine la valutazione, tranne particolari casi, è effettuata al fair value Prof. Alessandro Berti 23

24 LE NUOVE VOCI DEL PASSIVO Le passività finanziarie valutate al fair value: Le banche, come nel caso delle attività finanziarie, possono decidere di iscrivere le passività in questa voce, va esclusa la quota dei titoli di debito di propria emissione non ancora collocata presso terzi. Prof. Alessandro Berti 24

25 RICLASSIFICAZIONE DELLO SP VOCI DELL'ATTIVO ATTIVITÀ FRUTTIFERE (AF) Cassa e disponibilità liquide Attività finanziarie detenute per la negoziazione Attività finanziarie valutate al Fair Value Attività finanziarie disponibili per la vendita Attività finanziarie detenute fino alla scadenza Crediti verso banche Crediti verso la clientela Derivati di copertura Adeguamento di valore delle attività finanziarie oggetto di copertura Partecipazioni Prof. Alessandro Berti 25

26 RICLASSIFICAZIONE DELLO SP (SEGUE) ATTIVITÀ NON FRUTTIFERE (ANF) Attività materiali Attività immateriali Altre attività ATTIVITÀ REALI (AR) Attività fiscali Attività non correnti e gruppi di attività in via di dismissione TOTALE ATTIVO Prof. Alessandro Berti 26

27 RICLASSIFICAZIONE DELLO SP (SEGUE) VOCI DEL PASSIVO PASSIVITÀ ONEROSE (PO) Debiti verso banche Debiti verso la clientela Titoli in circolazione Passività finanziarie di negoziazione Passività finanziarie valutate al fair value Derivati di copertura Adeguamento di valore delle attività finanziarie oggetto di copertura PASSIVITÀ NON ONEROSE (PNO) Passività fiscali Passività associate ad attività in via di dismissione Altre passività TFR del personale Fondi per rischi ed oneri Prof. Alessandro Berti 27

28 RICLASSIFICAZIONE DELLO SP (SEGUE) Riserve di valutazione Azioni rimborsabili Strumenti di capitale Riserve Sovraprezzi di emissione Capitale PATRIMONIO (PATR) Azioni proprie (-) Utile (Perdita) di esercizio TOTALE PASSIVO Prof. Alessandro Berti 28

29 IL CONTO ECONOMICO Interessi attivi e proventi assimilati Interessi passivi ed oneri assimilati MARGINE D'INTERESSE (1-2) Commissioni attive Commissioni passive COMMISSIONI NETTE (4-5) dividendi e proventi assimilati Risultato netto dell'attività di negoziazione Risultato netto dell'attività di copertura Utili (perdite) da cessione o riacquisto di: a) crediti b) attività finanziarie disponibili per la vendita c) attività finanziarie detenute sino alla scadenza d) passività finanziarie Risultato netto delle attività e passività finanziarie valutate al fair value MARGINE DI INTERMEDIAZIONE ( / ) Prof. Alessandro Berti 29

30 IL CONTO ECONOMICO (SEGUE) Rettifiche/riprese di valore nette per deterioramento di: a) crediti b) attività finanziarie disponibili per la vendita c) attività finanziarie detenute sino alla scadenza d) altre operazioni finanziarie RISULTATO NETTO DELLA GESTIONE FINANZIARIA (120+/- 130) Spese amministrative a) spese per il personale b) altre spese amministrative Accantonamenti netti ai fondi rischi Rettifiche/riprese di valore nette su attività materiali Rettifiche/riprese di valore nette su attività immateriali Altri oneri/proventi di gestione COSTI OPERATIVI ( /- 170+/ ) Prof. Alessandro Berti 30

31 IL CONTO ECONOMICO (SEGUE) Utili (perdite) da partecipazioni Risultato netto della valutazione al fair value delle attività immateriali Rettifiche di valore dell'avviamento Utili (Perdite) da cessione di investimenti UTILE (PERDITA) DELL'OPERATIVITÀ CORRENTE AL LORDO DELLE IMPOSTE Imposte sul reddito dell'esercizio dell'operatività corrente UTILE (PERDITA) DELL'OPERATIVITÀ CORRENTE AL LORDO DELLE IMPOSTE Utile (perdita) dei gruppi di attività in via di dismissione al netto delle imposte UTILE (PERDITA) D'ESERCIZIO (270+/-280) Prof. Alessandro Berti 31

32 I CRITERI DI RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO Negli interessi netti sono allocati: I dividendi da partecipazioni connessi con operazioni di finanziamento Il risultato netto dell attività di copertura Il risultato della negoziazione ricomprende: I dividendi delle voci 20 e 40 dello Stato Patrimoniale Attivo Gli utili e le perdite da cessione o riacquisto delle attività disponibili per la vendita e di passività finanziarie Nelle rettifiche di valore nette su crediti sono appostati: Gli utili o perdite da cessione o riacquisto di crediti Le rettifiche di valore netto per deterioramento di altre operazioni finanziarie Prof. Alessandro Berti 32

33 LA NOTA INTEGRATIVA Rappresenta la parte del bilancio bancario innovativa e ricca di informazioni significative. Le informazioni contenute nella nota informativa sono di natura: qualitativa, per interpretare correttamente i dati quantitativi indicati in bilancio (criteri valutazione, mappa partecipazioni); quantitativa, consistenti in dati analitici sull operatività dell intermediario, con la funzione di completare il quadro della situazione aziendale (operazioni fuori bilancio, dati extra contabili); disaggregare i dati dello stato patrimoniale e del conto economico (composizione interessi attivi e passivi.); riclassificare i dati in una logica gestionale (impieghi per vita residua). Prof. Alessandro Berti 33

34 LA NOTA INTEGRATIVA (SEGUE) Per la legislazione italiana (contrariamente a quella comunitaria) la nota integrativa ha natura sistematica per garantire trasparenza e confrontabilità. Gli operatori possono aggiungere informazioni. La nota integrativa è strutturata in quattro parti: A Criteri di valutazione; B Informazioni sullo stato patrimoniale; C Informazioni sul conto economico; D Altre informazioni. Divise a loro volta in sezioni. Prof. Alessandro Berti 34

35 GLI INDICATORI GESTIONALI Una volta effettuata la riclassificazione si tratta di individuare degli indici di bilancio che siano rappresentativi dei fenomeni che si intendono analizzare. Grosso modo si possono individuare tre categorie di indicatori: Gli indicatori di redditività, volti ad evidenziare la capacità dell azienda di generare reddito. Tra i principali il roe, il roa ed il roi; Gli indicatori di efficienza, volti ad evidenziare la capacità della banca di trovare il giusto equilibrio tra costi e ricavi. In tal senso il principale indicatore è il cost/income. In questa area rientrano anche gli indicatori di produttività; Gli indicatori di solvibilità, volti ad evidenziare sia la rischiosità degli impieghi sia la capacità del patrimonio di coprire i rischi, il principale è l indice di solvibilità. Prof. Alessandro Berti 35

36 I PRINCIPALI INDICATORI BANCARI Il roe (utile netto su patrimonio), che misura la redditività del patrimonio investito, utilizzabile, oltre che per fare confronti con altre banche, anche per fare confronti con investimenti alternativi. Il rapporto utile netto su utile lordo, come indicatore del carico fiscale gravante sulla banca. Infatti, un indicatore pari a 80% indica un prelievo di imposte pari al 20%. Il rapporto utile lordo/risultato di gestione, per individuare il peso assunto dalle componenti straordinarie di reddito che darebbero un risultato superiore al 100. L indice interessi attivi su totale attivo, per misurare la redditività finanziaria media degli investimenti effettuati. Se rapportato solo all attivo fruttifero si otterrebbe una misura dell interesse attivo unitario medio. Prof. Alessandro Berti 36

37 I PRINCIPALI INDICATORI BANCARI (SEGUE) Il rapporto interessi passivi su passivo fruttifero di interessi, come indicatore del costo unitario medio della raccolta. Il rapporto margine di interesse su margine di intermediazione, come indicatore del contributo fornito dall attività di intermediazione alla redditività bancaria. Il rapporto oneri operativi su risultato di gestione, come indicatore del rapporto cost/income. Il rapporto interessi passivi su passivo fruttifero di interessi, come indicatore del costo unitario medio della raccolta. Prof. Alessandro Berti 37

38 I PRINCIPALI INDICATORI BANCARI (SEGUE) Il rapporto (raccolta+impieghi)/sportelli (o addetti), per misurare la produttività degli addetti o degli sportelli in funzione o della raccolta diretta, o degli impieghi o di entrambi. La leva finanziaria (debiti/patrimonio), importante perché: in positivo, a parità di altre condizioni, una maggiore leva consente un maggiore reddito; in negativo, perché una maggiore leva comporta una maggiore fragilità finanziaria. Prof. Alessandro Berti 38

39 I PRINCIPALI INDICATORI BANCARI (SEGUE) Bisogna fare attenzione nel confrontare voci di stato patrimoniale con quelle di conto economico, considerando che le prime sono consistenze e le seconde flussi. In tal senso, se esistono, le voci patrimoniali dovrebbero essere riferite alla consistenza media annuale. Una proxy di quest ultima è la media aritmetica del valore di bilancio al tempo n-1 e al tempo 1. Questi indicatori sono associabili in vari modi, anche in funzione di alcuni artifici matematici. Prof. Alessandro Berti 39

40 LA VALUTAZIONE DELLE ATTIVITÀ FINANZIARIE Prof. Alessandro Berti 40

41 LA VALUTAZIONE DEI TITOLI E I CRITERI DI CONTABILIZZAZIONE La valutazione iniziale dei titoli avviene al fair value Strumenti finanziari detenuti per la negoziazione Sono valutati al fair value Strumenti finanziari designati al fair value Strumenti finanziari detenuti fino a scadenza Sono valutati al costo ammortizzato Prof. Alessandro Berti 41

42 La valutazione degli strumenti finanziari disponibili per la vendita Le attività finanziarie quotate sono valutate al fair value con contropartita Patrimonio netto, dove sono rilevati gli utili/perdite derivanti dalla variazione del fair value Conto economico, in cui vanno rilevati i proventi e gli oneri realizzati in seguito alla cancellazione (storno della riserva corrispondente) Le attività finanziarie non quotate per cui non è possibile determinare il fair value con attendibilità sono valutate al costo LA VALUTAZIONE DEI TITOLI E I CRITERI DI CONTABILIZZAZIONE Il costo degli strumenti finanziari disponibili per la vendita è determinato tramite la metodologia del costo ammortizzato Gli interessi maturati sono rilevati a conto economico tramite l applicazione del metodo del costo ammortizzato Prof. Alessandro Berti 42

43 LA DETERMINAZIONE DEL FAIR VALUE Per i titoli quotati in un mercato regolamentato è il prezzo di mercato per un attività da rivendere è il bid price per un attività da acquistare è l asking price nel caso di assenza di questi prezzi è il prezzo dell operazione più recente Prof. Alessandro Berti 43

44 LA DETERMINAZIONE DEL FAIR VALUE (SEGUE) Nel caso di attività non quotate si può procedere utilizzando delle tecniche di stima hanno l obiettivo di valutare quale sarebbe stato il prezzo di una transazione alla data di valutazione in normali condizioni di mercato devono far possibilmente ricorso ai dati di mercato e solo se non fossero disponibili ad altre informazioni interne al soggetto emittente l attività finanziaria incorporano tutti gli elementi che i partecipanti al mercato considererebbero nel regolare il prezzo deve essere coerente con le diffuse metodologie economiche utilizzate per determinare i prezzi degli strumenti finanziari Prof. Alessandro Berti 44

45 LE RIPERCUSSIONI SUL CONTO ECONOMICO Interessi attivi e proventi assimilati Interessi passivi ed oneri assimilati MARGINE D'INTERESSE (1-2) Commissioni attive Commissioni passive COMMISSIONI NETTE (4-5) dividendi e proventi assimilati Risultato netto dell'attività di negoziazione Risultato netto dell'attività di copertura Utili (perdite) da cessione o riacquisto di: a) crediti b) attività finanziarie disponibili per la vendita c) attività finanziarie detenute sino alla scadenza d) passività finanziarie Risultato netto delle attività e passività finanziarie valutate al fair value MARGINE DI INTERMEDIAZIONE ( / ) Prof. Alessandro Berti 45

46 LE RIPERCUSSIONI SUL CONTO ECONOMICO (SEGUE) Rettifiche/riprese di valore nette per deterioramento di: a) crediti b) attività finanziarie disponibili per la vendita c) attività finanziarie detenute sino alla scadenza d) altre operazioni finanziarie RISULTATO NETTO DELLA GESTIONE FINANZIARIA (120+/- 130) Spese amministrative a) spese per il personale b) altre spese amministrative Accantonamenti netti ai fondi rischi Rettifiche/riprese di valore nette su attività materiali Rettifiche/riprese di valore nette su attività immateriali Altri oneri/proventi di gestione COSTI OPERATIVI ( /- 170+/ ) Prof. Alessandro Berti 46

47 LA VALUTAZIONE DEI CREDITI E I CRITERI DI CONTABILIZZAZIONE La rilevazione in bilancio dei crediti avviene solo quando l entità diviene parte del contratto e acquisisce i diritti connessi all esecuzione delle relative clausole Al momento della prima iscrizione il credito è iscritto al fair value Prof. Alessandro Berti 47

48 LA VALUTAZIONE DEI CREDITI E I CRITERI DI CONTABILIZZAZIONE (SEGUE) In seguito il credito è valutato al costo ammortizzato : Valore di prima iscrizione diminuito dei rimborsi di capitale e di ogni rettifica/ripresa di valore, in seguito incrementato ovvero ridotto dell ammortamento complessivo utilizzando il metodo dell interesse effettivo relativo a qualsiasi differenza fra l ammontare erogato e quello a scadenza Con tale modalità si ammortizzano i costi/proventi della transazione in un intervallo di tempo pari alla vita residua attesa del credito. Gli elementi fondamentali alla base del criterio contabile del costo ammortizzato sono: - I costi/proventi dell operazione - Il tasso d interesse effettivo Prof. Alessandro Berti 48

49 I COSTI E PROVENTI DELLA TRANSAZIONE Sono quei costi/proventi che sono direttamente attribuibili alla transazione e che senza di essa si sarebbero prodotti La loro presenza incide direttamente sul tasso d interesse effettivo a) in presenza di costi imputabili alla transazione l ammontare erogato effettivo sarà superiore a quello nominale, di conseguenza il tasso effettivo del credito sarà inferiore al tasso contrattuale b) in presenza di proventi imputabili al credito l ammontare erogato effettivo saràinferiore a quello nominale, di conseguenza il tasso effettivo del credito sarà superiore al tasso contrattuale Prof. Alessandro Berti 49

50 I COSTI E PROVENTI DELLA TRANSAZIONE (SEGUE) Sono da includere nei costi della transazione: I diritti e le commissioni pagate ad agenti, consulenti, mediatori ed altri intermediari di mercato I contributi dovuti ad organi regolamentari e alle borse Le imposte e tasse dovute per la conclusione dei contratti Si escludono I premi e gli sconti I costi di finanziamento I costi interni amministrativi o di gestione Prof. Alessandro Berti 50

51 IL TASSO DI INTERESSE EFFETTIVO Il tasso effettivo di rendimento di una attività finanziaria è il tasso che soddisfa la seguente equazione Dove: Tie = tasso di interesse effettivo K = numero d ordine di un credito k1= numero d ordine di un rimborso Ak= importo dell erogazione numero A1K1= importo di rimborso del numero k M = numero d ordine dell ultima erogazione m1= numero d ordine dell ultimo rimborso tk= intervallo espresso in anni e frazioni di anno tra la data dell erogazione n. 1 e le date delle ulteriori erogazioni da 2 a m t1k= intervallo espresso in anni e frazioni di anni fra la data dell erogazione n.1e le date dei rimborsi da 1 a m Fonte: Mazzeo, R. Palombini, E. Zorzoli, S. (a cura di), (2005), IAS-IFRS e imprese bancarie, edibank, Roma. Prof. Alessandro Berti 51

52 IL TASSO DI INTERESSE EFFETTIVO (SEGUE) Il rendimento del credito è quello effettivamente prodotto dall operazione La rata calcolata al tasso nominale si configura come un semplice flusso di cassa senza alcun effetto economico Il Tie calcolato all origine non si modifica nel tempo In caso di tasso fisso Indipendentemente dall effettivo incasso dei flussi di cassa Indipendentemente dall eventuale rinegoziazione del credito Prof. Alessandro Berti 52

53 LE RIPERCUSSIONI SUL CONTO ECONOMICO Interessi attivi e proventi assimilati Interessi passivi ed oneri assimilati MARGINE D'INTERESSE (1-2) Commissioni attive Commissioni passive COMMISSIONI NETTE (4-5) dividendi e proventi assimilati Risultato netto dell'attività di negoziazione Risultato netto dell'attività di copertura Utili (perdite) da cessione o riacquisto di: a) crediti b) attività finanziarie disponibili per la vendita c) attività finanziarie detenute sino alla scadenza d) passività finanziarie 110 Risultato netto delle attività e passività finanziarie valutate al fair value 120 MARGINE DI INTERMEDIAZIONE ( / ) Prof. Alessandro Berti 53

54 LA VALUTAZIONE DEI CREDITI NON PERFORMING Lo Ias 39 richiede che a ogni chiusura del bilancio si proceda all accertamento dell esistenza di una durevole perdita di valore (impairment) per ogni attività finanziaria ovvero gruppo di attività finanziarie La perdita di valore può essere rilevata in molte condizioni, fra le più frequenti: Significative difficoltà finanziarie del debitore Violazione degli accordi contrattuali (ad esempio mancato versamento degli interessi oppure mancato rimborso del capitale) Rinegoziazione del credito che non sarebbe mai avvenuta se le condizioni economiche del debitore non fossero peggiorate La scomparsa da un mercato attivo dell attività finanziaria Diminuzione nei flussi finanziari stimati di un gruppo di attività finanziarie Prof. Alessandro Berti 54

55 LA VALUTAZIONE DEI CREDITI NON PERFORMING (SEGUE) Può avvenire secondo due modalità Valutazione analitica Nel momento in cui si accerta la presenza di una perdita durevole, la valutazione analitica dell impairment deve essere effettuata in riferimento a ciascun credito quando essa risulti singolarmente significativa Tali crediti non devono essere a loro volta oggetto di valutazione collettiva Prof. Alessandro Berti 55

56 LA VALUTAZIONE DEI CREDITI NON PERFORMING (SEGUE) Valutazione collettiva Sono quei crediti per i quali non si hanno a disposizione informazioni tali da permettere di identificare in modo specifico perdite durevoli Nel momento in cui si avessero tali informazioni di un credito inserito nelle attività valutate collettivamente, esso va immediatamente rimosso dal gruppo e sottoposto a valutazione analitica Prof. Alessandro Berti 56

57 LA VALUTAZIONE COLLETTIVA DEI CREDITI Lo Ias 39 prevede che la valutazione collettiva avvenga dopo il raggruppamento dei crediti in gruppi omogenei in termini di rischio di credito, individuando come possibili criteri: Il merito creditizio del debitore La tipologia dello strumento finanziario Il settore e la localizzazione geografica La tipologia dell eventuale garanzia Altri fattori che possono essere individuati allo scopo di assicurare la capacità tutti gli importi contrattualmente dovuti Prof. Alessandro Berti 57

58 IL CALCOLO DELLA SVALUTAZIONE COMPLESSIVA Lo Ias39 non indica una metodologia precisa, può essere utilizzato qualsiasi metodo statistico o matematico che risponda ai seguenti parametri rilevanti: Il valore finanziario nel tempo I flussi di cassa residui di ciascuna attività del gruppo La durata dei crediti inseriti nel portafoglio È necessario che vi sia coerenza fra il criterio di calcolo della valutazione è il criterio di segmentazione dei gruppi omogenee Prof. Alessandro Berti 58

59 LE RIPERCUSSIONI SUL CONTO ECONOMICO Rettifiche/riprese di valore nette per deterioramento di: a) crediti b) attività finanziarie disponibili per la vendita c) attività finanziarie detenute sino alla scadenza d) altre operazioni finanziarie RISULTATO NETTO DELLA GESTIONE FINANZIARIA (120+/- 130) Spese amministrative a) spese per il personale b) altre spese amministrative Accantonamenti netti ai fondi rischi Rettifiche/riprese di valore nette su attività materiali Rettifiche/riprese di valore nette su attività immateriali Altri oneri/proventi di gestione COSTI OPERATIVI ( /- 170+/ ) Prof. Alessandro Berti 59

60 CREDITI DI FIRMA L emissione di crediti di firma comporta la rilevazione di un accantonamento, poiché essi comportano in un futuro una possibile fuoriuscita di risorse Secondo lo Ias37 la banca dovrà rilevare un accantonamento quando Vi sia un obbligazione attuale che nasce da un evento passato (ad esempio da un fido ceduto) È probabile l esborso di risorse per adempiere all obbligazione, ma non determinabili Si è in grado di stimare l ammontare dell esborso richiesto Valutazione analitica Valutazione collettiva Prof. Alessandro Berti 60

61 LA VALUTAZIONE DEL PATRIMONIO NELLE BANCHE Prof. Alessandro Berti 61

62 LA VALUTAZIONE DEL PATRIMONIO NELLE BANCHE Patrimonio di vigilanza Capitale complessivo Capitale libero (free capital) Prof. Alessandro Berti 62

63 IL PATRIMONIO DI VIGILANZA Il principio generale su cui si basa l Accordo di Basilea è che il rischio assunto da una banca deve trovare un adeguato sostegno nel patrimonio di vigilanza, che può essere definito come il patrimonio che le banche devono accantonare a fronte della copertura dei rischi per il credito che hanno concesso ai clienti. Prof. Alessandro Berti 63

64 IL PATRIMONIO DI VIGILANZA: RIFERIMENTI NORMATIVI Circolare Banca d Italia n. 155 del 18 dicembre 1991 Ultimo aggiornamento 3 aprile 2006 Prof. Alessandro Berti 64

65 IL PATRIMONIO DI VIGILANZA È suddiviso in: patrimonio di base: va considerato senza limitazioni di sorta patrimonio supplementare: è ammesso al calcolo entro un limite massimo rappresentato dall ammontare del patrimonio di base deduzioni patrimoniali: rappresentano le rettifiche obbligatorie del valore ottenuto grazie alla somma dei due aggregati precedenti Prof. Alessandro Berti 65

66 IL PATRIMONIO DI BASE (SEGUE) Il patrimonio di base è costituito dalla differenza tra il valore del capitale versato, delle riserve, oltre che del fondo per rischi bancari generali e il valore delle azioni proprie, dell avviamento, delle immobilizzazioni immateriali e delle perdite di esercizio. Prof. Alessandro Berti 66

67 IL PATRIMONIO DI BASE PATRIMONIO DI BASE (ELEMENTI POSITIVI) 1) Capitale versato 2) Sovrapprezzi di emissione 3) Riserve 4) Strumenti innovativi di capitale 5) Utile del periodo Filtri prudenziali; incrementi del patrimonio di base: 6) Fair value option: variazioni del proprio merito creditizio 7) Azioni rimborsabili 8) Risorse patrimoniali oggetto di impegni di acquisto a termine computabili nel patrimonio di base 9) Altri filtri positivi 10) Totale degli elementi positivi del patrimonio di base Prof. Alessandro Berti 67

68 IL PATRIMONIO DI BASE (segue) PATRIMONIO DI BASE (ELEMENTI NEGATIVI) 11 Azioni o quote proprie 12 Avviamento 13 Altre immobilizzazioni immateriali 14 Perdita del periodo Filtri prudenziali; deduzioni del patrimonio di base: 15 Fair value option: variazioni del proprio merito creditizio Riserve negative su titoli disponibili per la vendita 16 Titoli di capitale e quote di O.I.C.R. (Organismi Investimento Collettivo Risparmio) 17 Titoli di debito 18 Plusvalenza cumulata netta su attività materiali 19 Risorse patrimoniali oggetto di impegni di acquisto a termine non computabili nel patrimonio di base 20Altri filtri negativi 21Totale degli elementi negativi del patrimonio di base Prof. Alessandro Berti 68

69 PATRIMONIO SUPPLEMENTARE Il patrimonio supplementare è costituito da elementi di natura creditizia: fra questi meritano particolare attenzione le passività subordinate (titoli di debito rimborsabili a determinate condizioni), computabili entro il 25% del patrimonio di vigilanza complessivo. Prof. Alessandro Berti 69

70 PATRIMONIO SUPPLEMENTARE PATRIMONIO SUPPLEMENTARE (ELEMENTI POSITIVI) Riserve da valutazione Attività materiali: 24 Leggi speciali di rivalutazione 25 Attività materiali ad uso funzionale Riserve positive su titoli disponibili per la vendita: 26 Titoli di capitale e quote di O.I.C.R. 27 Titoli di debito 28 Strumenti innovativi di capitale non computabili nel patrimonio di base 29 Strumenti ibridi di patrimonializzazione 30 Passività subordinate 31 Plusvalenze nette su partecipazioni 32 Altri elementi positivi Filtri prudenziali: incrementi del patrimonio supplementare: 33 Plusvalenza cumulata netta su attività materiali 34 Risorse patrimoniali oggetto di impegni di acquisto a termine computabili nel patrimonio supplementare 35 Altri filtri positivi 36 Totale degli elementi positivi del patrimonio supplementare Prof. Alessandro Berti 70

71 PATRIMONIO SUPPLEMENTARE (ELEMENTI NEGATIVI) 37 Minusvalenze nette su partecipazioni 38 Crediti 39 Altri Filtri prudenziali; deduzioni dal patrimonio supplementare: 40 Quota non computabile della riserva da valutazione su attività materiali ad uso funzionali Quota non computabile delle riserve positive su titoli disponibili per la vendita: Titoli di capitale e quote di O.I.C.R. PATRIMONIO SUPPLEMENTARE (SEGUE) Titoli di debito Passività subordinate e strumenti ibridi di patrimonializzazione oggetto di impegni di acquisto a termine non computabili nel patrimonio supplementare Altri filtri negativi Totale degli elementi negativi del patrimonio supplementare Prof. Alessandro Berti 71

72 ELEMENTI IN DEDUZIONE Le deduzioni sono costituite principalmente dalle partecipazioni in enti creditizi e finanziari superiori al 10% del capitale sociale dell ente partecipato. In sintesi, possiamo riassumere la definizione del patrimonio di vigilanza come segue: PV = PB + PS D Prof. Alessandro Berti 72

73 ELEMENTI IN DEDUZIONE (SEGUE) ELEMENTI DA DEDURRE Partecipazioni in enti creditizi e finanziari superiori al 10% del capitale dell ente partecipato 52 Partecipazioni 53 Strumenti innovativi di capitale 54 Strumenti ibridi di patrimonializzazione 55 Passività subordinate Partecipazioni in enti creditizi e finanziari pari o inferiori al 10% del capitale dell ente partecipato 56 Partecipazioni 57 Strumenti innovativi di capitale 58 Strumenti ibridi di patrimonializzazione 59 Passività subordinate Partecipazioni in società di assicurazione 60 Partecipazioni 61 Passività subordinate 62 Totale elementi da dedurre Patrimonio di vigilanza Prof. Alessandro Berti 73

74 IL CAPITALE COMPLESSIVO Con il termine capitale complessivo si indicano gli elementi patrimoniali che la banca ritiene possano essere utilizzati rispettivamente a copertura del capitale interno e del capitale interno complessivo 1. Il capitale interno si intende il capitale a rischio, ovvero il fabbisogno di capitale relativo ad un determinato rischio che la banca ritiene necessario per coprire le perdite eccedenti un dato livello atteso 2. Il capitale interno complessivo si intende il capitale interno riferito a tutti i rischi rilevanti assunti dalla banca, incluse le eventuali esigenze di capitale interno dovute a considerazioni di carattere strategico Prof. Alessandro Berti 74

75 IL PATRIMONIO LIBERO È costituito dal patrimonio di base e da quello supplementare (al netto delle passività subordinate e degli strumenti ibridi di patrimonializzazione). Dall aggregato si sottraggono le sofferenze al valore di bilancio e le immobilizzazioni nette tecniche e finanziarie. Prof. Alessandro Berti 75

76 METODOLOGIE DI MISURAZIONE RISCHI DI I PILASTRO Rischio di Credito Le Banche devono adottare una fra le metodologie previste dalla Circolare 263/06 della Banca d Italia per la misurazione del requisito patrimoniale a fronte del rischio di credito. La metodologia standardizzata è quella alla quale fare riferimento nel caso di banche di minori dimensioni. Prof. Alessandro Berti 76

77 METODOLOGIE DI MISURAZIONE RISCHI DI I PILASTRO Rischio di Credito L applicazione della citata metodologia comporta la suddivisione delle esposizioni in portafogli e l applicazione a ciascuno di essi di trattamenti prudenziali differenziati, eventualmente anche in funzione di valutazioni del merito creditizio (rating esterni) rilasciate da agenzie esterne di valutazione del merito di credito ovvero da agenzie di credito alle esportazioni riconosciute dalla stessa Banca d Italia (rispettivamente ECAI e ECA). Prof. Alessandro Berti 77

78 METODOLOGIE DI MISURAZIONE RISCHI DI I PILASTRO Rischio di Credito Ai fini della sua corretta determinazione rilevano, quindi, le attività necessarie a consentire la portafogliazione delle esposizioni, ossia la suddivisione delle stesse nelle diverse classi previste dalla disciplina prudenziale il riconoscimento a fini prudenziali: delle tecniche di attenuazione del rischio di credito (Credit risk mitigation o CRM); e delle operazioni di cartolarizzazione. Prof. Alessandro Berti 78

79 METODOLOGIE DI MISURAZIONE RISCHI DI I PILASTRO Rischio di Credito Con riferimento all allocazione delle posizioni nel portafoglio Esposizioni scadute e, in particolare, al trattamento delle esposizioni scadute/sconfinanti le banche possono decidere di adottare l approccio per controparte l approccio per transazione. Prof. Alessandro Berti 79

80 METODOLOGIE DI MISURAZIONE RISCHI DI I PILASTRO Rischio di Credito La nuova disciplina prudenziale consente un ampio ricorso alle tecniche di attenuazione del rischio di credito, anche da parte delle banche che adottano la metodologia standardizzata per il calcolo dei requisiti patrimoniali per tale rischio. A fronte di tale possibilità essa contiene una puntuale indicazione sia dei requisiti di ammissibilità - generali e specifici - degli stessi strumenti di CRM, sia delle modalità di calcolo della riduzione del rischio di credito che il loro utilizzo determina. Prof. Alessandro Berti 80

81 METODOLOGIE DI MISURAZIONE RISCHI DI I PILASTRO Sono strumenti di CRM: le garanzie reali finanziarie aventi ad oggetto contante e strumenti assimilabili detenuti presso la Banca e prestate attraverso contratti di pegno; titoli di debito emessi da:soggetti sovrani e rispettive banche centrali per i quali sia disponibile un rating attribuito da un ECAI/ECA rientrante nelle classi da 1 a 4 della scala di valutazione del merito creditizio; (segue) Prof. Alessandro Berti 81

82 METODOLOGIE DI MISURAZIONE RISCHI DI I PILASTRO Organismi internazionali e banche multilaterali di sviluppo alle quali è attribuito un fattore di ponderazione dello zero per cento; Enti del settore pubblico ed enti territoriali le cui esposizioni ricevono il medesimo trattamento dei soggetti sovrani nelle ci giurisdizioni hanno sede; le ipoteche immobiliari; le altre forme di protezione di tipo reale rappresentate da strumenti finanziari emessi da intermediari vigilati, polizze di assicurazione vita (segue); Prof. Alessandro Berti 82

83 METODOLOGIE DI MISURAZIONE RISCHI DI I PILASTRO le garanzie personali e le contro-garanzie rappresentate da fideiussioni, e prestate, nell ambito dei garanti ammessi, da intermediari vigilati; sono comprese anche le garanzie mutualistiche di tipo personale prestate dai Confidi che soddisfano i requisiti soggettivi e oggettivi di ammissibilità. Prof. Alessandro Berti 83

84 METODOLOGIE DI MISURAZIONE Rischio Operativo Con il metodo BIA (Basic Indicator Approach) si prevede che il requisito patrimoniale sia calcolato applicando un coefficiente regolamentare (15%) ad un indicatore del volume di operatività aziendale individuato nel margine di intermediazione. Al fine di misurare il requisito patrimoniale a fronte del rischio operativo si procede, pertanto, a ponderare il valore medio delle rilevazioni del Margine di Intermediazione degli ultimi 3 anni (se positivo) con il coefficiente sopra indicato. Prof. Alessandro Berti 84

85 METODOLOGIE DI MISURAZIONE Rischio Operativo Il requisito in argomento viene calcolato sulla base della media delle sole osservazioni disponibili, utilizzando esclusivamente i valori dell indicatore rilevante determinato in base ai principi contabili IAS. I requisiti patrimoniali costituiscono una prescrizione prudenziale avente carattere minimale. La Banca, pertanto, accompagna all'osservanza delle regole prudenziali specifiche procedure e sistemi di controllo finalizzati ad assicurare una gestione sana e prudente dei diversi profili di manifestazione dei rischi operativi. Prof. Alessandro Berti 85

86 ICAAP (Internal Capital Adequacy Assessment Process) Innanzitutto è da chiarire bene che il processo di controllo prudenziale nasce per rispettare l autonomia gestionale delle banche, perché è lasciata alla loro completa discrezionalità la predisposizione di un sistema efficace di determinazione del capitale complessivo adeguato in termini attuali e prospettici a fronteggiare tutti i rischi rilevanti. Che poi quest ampia discrezionalità sia per molti versi un arma a doppio taglio, è sicuramente un aspetto da tenere sempre in considerazione. Prof. Alessandro Berti 86

87 ICAAP (Internal Capital Adequacy Assessment Process) Il processo deve comunque essere formalizzato, documentato, sottoposto a revisione interna e, ovviamente, approvato dagli organi societari (il CdA). Nella suddetta formalizzazione è importante definire sia i rischi (diversi da quelli di primo pilastro) per i quali sono opportune metodologie quantitative (che conducono quindi alla fissazione di capitale interno), sia quelli per i quali, in alternativa o combinazione, sono invece ritenute più appropriate misure di controllo o di attenuazione (perciò metodologie qualitative). Prof. Alessandro Berti 87

88 ICAAP (Internal Capital Adequacy Assessment Process) La scadenza per la presentazione del resoconto ICAAP è fissata al 31 marzo di ogni anno con riferimento alla situazione del 31 dicembre dell anno precedente. Fa eccezione, per il primo invio, la scadenza del 30 settembre 2008 con riferimento alla data del 30 giugno Oltre al resoconto vero e proprio, occorre inviare alla Banca d Italia anche le delibere e le relazioni degli organi aziendali riguardanti il processo ICAAP. Prof. Alessandro Berti 88

89 ICAAP (Internal Capital Adequacy Assessment Process) Se non sono intervenute variazioni di rilievo non è richiesto l aggiornamento annuale di alcune sezioni dell informativa ICAAP (si possono quindi confermare i dati dell anno precedente): in particolare si possono non aggiornare le sezioni di natura strutturale e descrittiva, come la spiegazione degli strumenti e dei sistemi di controllo e attenuazione dei rischi. Riassumendo, il resoconto ICAAP ha un contenuto sia descrittivo che valutativo ed è articolato in diverse aree informative (segue): Prof. Alessandro Berti 89

90 ICAAP (Internal Capital Adequacy Assessment Process) 1. linee strategiche e orizzonte previsivo considerato; 2. governo societario, assetti organizzativi e sistemi di controllo interno connessi con l ICAAP; 3. metodologie e criteri utilizzati per l identificazione, la misurazione, l aggregazione dei rischi e per la conduzione degli stress test; 4. stima e componenti del capitale interno complessivo con riferimento alla fine dell esercizio precedente e, in un ottica prospettica, dell esercizio in corso; 5. raccordo tra capitale interno complessivo e requisiti regolamentari e tra capitale complessivo e patrimonio di vigilanza; 6. auto-valutazione dell ICAAP. Prof. Alessandro Berti 90

91 Rischio di concentrazione e rischio di tasso Nella Circolare 263/06 sono indicati i criteri da utilizzare relativamente al rischio di concentrazione ed al rischio di tasso di interesse del portafoglio bancario (Cfr. Titolo III, Cap. 1, All. B e C). In particolare, ai fini della determinazione del capitale interno a fronte del rischio di concentrazione per singole controparti o gruppi di clienti connessi, si utilizza l algoritmo del Granularity Adjustment. Prof. Alessandro Berti 91

92 Rischio di concentrazione e rischio di tasso La Circolare 263/06 della Banca d Italia fa riferimento al concetto di portafoglio creditizio. Le ipotesi alla base dell algoritmo del Granularity Adjustment (GA) sono coerenti con una sua applicazione al portafoglio costituito dalle esposizioni verso clientela ordinaria, a prescindere dalla loro forma tecnica e comprensivo delle operazioni fuori bilancio (queste ultime da considerare per un ammontare pari al loro equivalente creditizio). Tale portafoglio è pari all aggregato delle esposizioni nominali relative ai portafogli di segnalazione 058 Imprese ed altri soggetti, 059 Esposizioni al dettaglio, 062 Esposizioni garantite da immobili e 064 Esposizioni scadute. Prof. Alessandro Berti 92

93 Rischio di concentrazione e rischio di tasso In applicazione dell algoritmo, di cui in seguito, la quantificazione del capitale interno a fronte del rischio di concentrazione richiede preliminarmente: la determinazione degli ammontari delle esposizioni per singole controparti o gruppi di controparti connesse il calcolo dell indice di Herfindahl il calcolo della costante di proporzionalità C Prof. Alessandro Berti 93

94 Rischio di concentrazione e rischio di tasso Per il calcolo della costante di proporzionalità C la normativa richiede la determinazione del valore della PD mediante l utilizzo dei tassi di decadimento (tassi di entrata a sofferenza rettificata=il rapporto tra nuove sofferenze e il totale dei prestiti non in sofferenza all inizio del periodo). In alternativa le banche possono utilizzare nell algoritmo la PD calcolata ai fini dell impairment collettivo effettuato nell ultimo bilancio approvato, riferita, per quanto possibile, al solo portafoglio di applicazione dell algoritmo. Prof. Alessandro Berti 94

95 Lo stress testing: definizione Cos è lo stress testing? Oltre alla misurazione/valutazione dei rischi e del capitale interno assorbito da ciascun rischio, le banche devono anche realizzare delle prove per verificare meglio la loro esposizione ai rischi, l efficacia dei sistemi di controllo e di attenuazione, nonché l adeguatezza del capitale interno: tali prove prendono il nome di stress test. Gli stress test sono quindi tecniche quantitative e qualitative con le quali le banche valutano la propria vulnerabilità ad eventi eccezionali ma plausibili. Prof. Alessandro Berti 95

96 Lo stress testing: definizione Questi eventi si distinguono in specifici, che danno luogo ad analisi di sensibilità, o relativi a congiunture economiche-finanziarie conseguenti ad ipotesi di scenari avversi, che danno luogo ad analisi di scenario. Con gli stress test si misurano pertanto le variazioni del rischio e del capitale interno di fronte a circostanze negative: ma si valuta meglio anche l accuratezza dei modelli di controllo posti in essere per i rischi. Le banche devono effettuare prove di stress testing, secondo analisi di sensibilità, almeno per i seguenti rischi: Prof. Alessandro Berti 96

97 Lo stress testing: i rischi Rischio di credito: è necessario valutare l impatto patrimoniale che si registrerebbe nel caso in cui il rapporto tra l entità delle esposizioni deteriorate o dei tassi di ingresso a sofferenza rettificata e gli impieghi aziendali si attestasse su livelli simili a quelli verificatisi nella peggiore congiuntura creditizia sperimentata dalla banca negli ultimi 15 anni Rischio di concentrazione Rischio di tasso di interesse Rischio di liquidità Prof. Alessandro Berti 97

98 Lo stress testing: il rischio di concentrazione Rischio di concentrazione=rischio che si verifichi una concentrazione di controparti singole connesse in gruppi appartenenti allo stesso settore economico che esercitano la stessa attività ubicate nella medesima area geografica Prof. Alessandro Berti 98

99 Lo stress testing: il rischio di concentrazione Rischio di concentrazione (per controparti singole o connesse): in questo caso l algoritmo che fornisce il GA (Granularity Adjustment), ovvero l assorbimento di capitale interno è il seguente: GA = C * H * (i) EAD(i) dove (i) EAD(i) è la sommatoria delle esposizioni H è l indice di Herfindahl, cioè [ (i) EAD(i)2] / [ (i) EAD(i)] (la somma dei quadrati delle quote di mercato in% detenute da ciascun cliente). C è una costante che si può ricavare, in funzione della PD (probabilità di default) del portafoglio bancario, da questa tabella: Prof. Alessandro Berti 99

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA BASILEA 2 TERZO PILASTRO Informativa al pubblico Anno 2010 INDICE Premessa Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali Tavola

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico 31 dicembre 2012 0 Indice Premessa... 2 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa qualitativa... 4 Informativa quantitativa... 7 TAVOLA 2 RISCHIO

Dettagli

III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013

III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 Premessa IRFIS Finanziaria per lo sviluppo della Sicilia Spa (di seguito anche Società o, in breve, IRFIS

Dettagli

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa Enel.factor Spa Basilea 2 Terzo pilastro al pubblico Esercizio 2009 Premessa La normativa prudenziale Basilea 2 ha lo scopo di sviluppare all interno di banche e intermediari finanziari un sistema di controlli

Dettagli

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA S.p.A. Capitale Sociale 15.000.000 i.v. Sede Sociale Roma, Via del Pianeta Venere n. 36 Sede Amministrativa

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 Sintesi del documento pubblicato ai sensi del Titolo IV della Circolare 263/06 della Banca d Italia L Informativa al pubblico adempie all obbligo

Dettagli

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 EMILIA ROMAGNA FACTOR S.p.A. Abbreviato: EMIL-RO FACTOR S.p.A. Strada Maggiore, 29-40125 Bologna Tel 051 6482111 - Fax 051 6482199 - e-mail emilro@emilro.it Capitale

Dettagli

Informativa al pubblico - Pillar III -

Informativa al pubblico - Pillar III - Informativa al pubblico - Pillar III - Indice Premessa...2 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale...3 Tavola 2 - Rischio di credito - Informazioni generali...5 Tavola 3 - Rischio di credito - Informazioni

Dettagli

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 SERFACTORING S.p.A. Sede Legale in San Donato Milanese (MI), Via dell Unione europea 3 Capitale Sociale Euro 5.160.000 i. v. Registro Imprese di Milano Codice

Dettagli

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 1 Premessa Le disposizioni contenute nella Circolare della Banca d Italia n.216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, Capitolo V - Vigilanza

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 DICEMBRE 2012

INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 DICEMBRE 2012 INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 DICEMBRE 2012 In ottemperanza alla normative sulla vigilanza prudenziale degli Intermediari finanziari iscritti nell Elenco Speciale di cui all art. 107 del Testo Unico Bancario

Dettagli

2.4 Attività finanziarie - IAS 32 e 39 IFRS 7

2.4 Attività finanziarie - IAS 32 e 39 IFRS 7 59 Hotel di Roma (via Pio IV) in considerazione della sua particolare natura e destinazione. Nel caso in cui si sia stimato che il valore recuperabile dell immobile sia superiore al valore contabile, l

Dettagli

Analisi della performance degli intermediari creditizi

Analisi della performance degli intermediari creditizi Analisi della performance degli intermediari creditizi Lezione 4 L analisi dei rischi e del patrimonio di vigilanza: il Terzo Pilastro di Basilea 2 Università di Bologna Facoltà di Economia, Forlì 11 dicembre

Dettagli

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Comunicato Stampa Risultati consolidati al 30 settembre 2006 Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Ricavi in crescita -

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 Informativa al pubblico sui requisiti patrimoniali individuali al 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 INFORMATIVA

Dettagli

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Aggiornamento Maggio 2010

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Aggiornamento Maggio 2010 Pillar III Report Informativa al Pubblico Aggiornamento Maggio 2010 Circolare della Banca d'italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 INDICE PREMESSA... - 3 - TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005.

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. In data 3 aprile u.s. la Banca d Italia ha emanato una circolare a tutti gli intermediari creditizi con cui disciplina

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1. LE FUNZIONI DELLA BANCA 2. GLI EQUILIBRI DELLA BANCA L EQUILIBRIO ECONOMICO L EQUILIBRIO FINANZIARIO L EQUILIBRIO PATRIMONIALE 3. I RISCHI

Dettagli

Prima applicazione dei principi contabili internazionali IAS/IFRS

Prima applicazione dei principi contabili internazionali IAS/IFRS Prima applicazione dei principi contabili internazionali IAS/IFRS Prima adozione degli IAS/IFRS Note tecniche di commento all applicazione dei principi contabili internazionali IAS/IFRS in sede di prima

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Gli intermediari finanziari: banche Intermediazione finanziaria, tipologie di intermediari e imperfezioni di mercato (Fonte: Corigliano, 2004, Intermediazione

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al Pubblico

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al Pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al Pubblico 31 dicembre 2013 Indice Premessa... 2 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa qualitativa... 4 Informativa quantitativa... 7 TAVOLA 2 RISCHIO

Dettagli

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PRIVATE E DI INTERESSE COLLETTIVO PROVVEDIMENTO 8 marzo 2010. ModiÞ che ed integrazioni al Regolamento n. 7 del 13 luglio

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 Costante supporto all economia reale dei territori di insediamento: circa 3 miliardi di euro di crediti erogati alle famiglie e alle PMI, in condizioni di liquidità

Dettagli

HYPO ALPE-ADRIA-BANK

HYPO ALPE-ADRIA-BANK HYPO ALPE-ADRIA-BANK INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo pilastro di Basilea 3 Al 31 dicembre 2014 (Circ. n. 285 del 17 dicembre 2013) 1 Informativa al pubblico Dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 dicembre 2008 Veneto Sviluppo S.p.A. Via delle Industrie, 19/d 30175 Venezia Marghera Tel. +39 041 3967211 Fax +39 041 5383605 www.venetosviluppo.it Iscrizione al

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI Prima adozione degli Note tecniche di commento all applicazione dei principi contabili internazionali in sede di prima applicazione Transizione

Dettagli

III PILASTRO Informativa al pubblico al 31.12.2012 CONFIDI LOMBARDIA

III PILASTRO Informativa al pubblico al 31.12.2012 CONFIDI LOMBARDIA III PILASTRO Informativa al pubblico al 31.12.2012 CONFIDI LOMBARDIA INDICE Premessa... 3 Tavola 1: Adeguatezza patrimoniale... 5 Informativa qualitativa... 5 Informativa quantitativa... 9 Tavola 2: Rischio

Dettagli

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008 FERCREDIT spa Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Pag. 1/12 Premessa La Circolare della Banca d Italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 al capitolo V ha introdotto

Dettagli

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10%

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% Utile netto consolidato a 100,3 milioni di euro, +11,2% a/a; investimenti per lo sviluppo dei canali di

Dettagli

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP)

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) GRUPPO INTERBANCARIO PUMA2 LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) Roma, marzo 2015 BANCA D ITALIA Servizio Rilevazioni Statistiche 2 INDICE PREMESSA... 5 1. LE NUOVE

Dettagli

Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche

Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Informativa qualitativa La definizione a fini contabili delle esposizioni in default (sofferenza, incaglio, credito ristrutturato

Dettagli

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014 Informativa al pubblico III Pilastro Anno 2014 Indice Premessa... 3 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale... 4 Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali... 6 Tavola 3 - Rischio di credito: informazioni

Dettagli

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Il bilancio delle banche e l analisi delle performance Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Il bilancio bancario presenta caratteristiche distintive

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011 TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011 La disciplina prudenziale per gli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale di cui all art. 107 TUB (Intermediari ex

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009 SOCIETÀ PER AZIONI Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale Euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31 DICEMBRE 2011 Indice Introduzione... 2 Tavola 3 - Composizione del patrimonio di vigilanza... 4 Tavola 4 - Adeguatezza patrimoniale...

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 Utile netto a 5,0 milioni di euro (2,5 milioni di euro al 30 giugno 2006, +100%) Margine

Dettagli

TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...

TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... INFORMATIVA AL PUBBLICO TERZO PILASTRO BASILEA II AL 31 DICEMBRE 2012 Indice 1 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 3 1.1 Informativa qualitativa... 3 1.1.1 Mappatura dei rischi... 3 1.1.2 Misurazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A Raccolta da clientela (1) +11,8% a/a a 56.235 milioni di euro, con un incremento in valore assoluto di circa sei miliardi di euro a/a; raccolta

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale FINDOMESTIC GRUPPO Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale Aggiornamento al 31 dicembre 2013 * * * Terzo Pilastro dell accordo di

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Istruzioni per la compilazione dei prospetti secondo i principi contabili internazionali (Allegato 1 al Regolamento ISVAP n.

Istruzioni per la compilazione dei prospetti secondo i principi contabili internazionali (Allegato 1 al Regolamento ISVAP n. ALLEGATO A Istruzioni per la compilazione dei prospetti secondo i principi contabili internazionali (Allegato 1 al Regolamento ISVAP n. 7/2007) 1 Il presente documento fornisce le istruzioni per la compilazione

Dettagli

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 BANCA DI ROMAGNA SPA SEDE LEGALE IN FAENZA CORSO GARIBALDI 1. SOCIETÀ APPARTENENTE AL GRUPPO UNIBANCA SPA (ISCRITTO ALL'ALBO DEI

Dettagli

III PILASTRO. Informativa al pubblico al 31.12.2014 CONFIDI SARDEGNA

III PILASTRO. Informativa al pubblico al 31.12.2014 CONFIDI SARDEGNA III PILASTRO Informativa al pubblico al 31.12.2014 CONFIDI SARDEGNA INDICE Premessa... 3 Tavola 1: Adeguatezza patrimoniale... 5 Informativa qualitativa... 5 Informativa quantitativa... 9 Tavola 2: Rischio

Dettagli

Stato Patrimoniale (in unità di euro)

Stato Patrimoniale (in unità di euro) BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 Stato Patrimoniale (in unità di euro) Voci dell'attivo 31-12-2009 31-12-2008 10. Cassa e disponibilità liquide 16.940.349 17.545.073 20. Attività finanziarie detenute per la

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006)

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) Deutsche Bank S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) al 31 dicembre 2012 Banca d Italia, sulla base

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Roe consolidato a fine 2007 si attesta al 18,3% (17,5% nel 2006).

COMUNICATO STAMPA. Il Roe consolidato a fine 2007 si attesta al 18,3% (17,5% nel 2006). Capogruppo del Gruppo Bancario CREDITO EMILIANO CREDEM COMUNICATO STAMPA CREDEM, IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO CONSOLIDATO 2007(1): UTILE A 249,4 MILIONI DI EURO (+18,7%), ROE 18,3%, DIVIDENDO

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SAN MARZANO DI SAN GIUSEPPE

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SAN MARZANO DI SAN GIUSEPPE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SAN MARZANO DI SAN GIUSEPPE SOCIETA COOPERATIVA Prospetti contabili predisposti per la determinazione dell utile semestrale ai fini del calcolo del patrimonio di vigilanza

Dettagli

Materiali EIF. Le banche. Università degli Studi Roma Tre

Materiali EIF. Le banche. Università degli Studi Roma Tre Le banche La banca - definizioni Definizione minima: raccolta risparmio dal pubblico + concessione credito (art. 10 D.lgs. 385/1993) Molteplicità delle attività possibili (ammesse al mutuo riconoscimento):

Dettagli

Gli equilibri gestionali degli intermediari finanziari

Gli equilibri gestionali degli intermediari finanziari Gli equilibri gestionali degli intermediari finanziari I tre equilibri gestionali Equilibrio reddituale capacità di generare performance positive nel tempo Dipende dalla struttura dei costi e dei ricavi

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO

INFORMATIVA AL PUBBLICO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basilea 2 Dati al 31 dicembre 2013 2 INFORMAZIONI GENERALI Denominazione e forma giuridica: Cooperfidi S. C. - Cooperativa Provinciale Garanzia Fidi Società

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31-Dicembre-2014 Situazione al 31-12-2009 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...

Dettagli

104 ESERCIZIO. Banca Popolare Valconca RENDICONTO SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014

104 ESERCIZIO. Banca Popolare Valconca RENDICONTO SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014 Banca Popolare Valconca Società Cooperativa per azioni Sede Sociale e Direzione generale in Morciano di Romagna FONDATA NEL 1910 104 ESERCIZIO RENDICONTO SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014 Approvato dal Consiglio

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Convegno OIC 6: Ristrutturazione del debito e informativa di bilancio Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE Dott. Luca Magnano San Lio Senior

Dettagli

ICAAP. Spunti di discussione Risk Management E Sintesi dati Resoconto 2009

ICAAP. Spunti di discussione Risk Management E Sintesi dati Resoconto 2009 ICAAP Spunti di discussione Risk Management E Sintesi dati Resoconto 29 Perché l ICAAP? (Internal Convergence of Capital Measurament and Capital Standards) Il secondo pilastro di Basilea II non è pensato

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006)

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) Deutsche Bank S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) al 31 dicembre 2013 Banca d Italia, sulla base

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31-Dicembre-2013 Situazione al 31-12-2009 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Utile netto consolidato a 75,3 milioni di euro: risente dell andamento negativo

Dettagli

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale G L O S S A R I O Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI segnalazione trimestrale Alineato alle circolari n. 272/08 (5 aggiornamento luglio 2013) e n. 286/2013 (1 aggiornamento

Dettagli

Il bilancio Valutazioni ed analisi. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011

Il bilancio Valutazioni ed analisi. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Il bilancio Valutazioni ed analisi Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Focus sui principi contabili IAS 39 (valutazione di strumenti finanziari: crediti,

Dettagli

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Agenda Normativa di riferimento Disposizioni generali Schemi di bilancio individuale Stato patrimoniale Attivo Stato patrimoniale

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013 (ai sensi della Circolare 216/1996 7 aggiornamento, Capitolo V, Sezione XII di Banca d Italia) Fidialtaitalia Società Cooperativa per Azioni Via Rovereto, 31 21052 Busto Arsizio

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: A SEGUITO DELL AVVENUTO CONFERIMENTO

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39

GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39 GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39 Indice: 1. Gli strumenti finanziari cui si applica lo IAS 39 2. Rilevazione contabile 3. Misurazione iniziale 4. Valutazione successiva di

Dettagli

INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010

INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010 INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010 Società Cooperativa Sede Sociale 47900 Rimini Via XX Settembre, 63 Iscritta al Registro Imprese C.C.I.A.A. di Rimini R.E.A. 287035 Codice Fiscale

Dettagli

711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO. Data chiusura esercizio 31/12/2007

711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO. Data chiusura esercizio 31/12/2007 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO Data chiusura esercizio 31/12/2007 BANCA POPOLARE ETICA SOCIETA' COOPERATIVA PER AZIONI O IN FORMA ABBREVIATA "BANCA ETICA" O "BPE". Forma giuridica: SOCIETA' COOPERATIVA

Dettagli

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A.

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. IMPORTANTE SOSTEGNO ALL ECONOMIA Prestiti a clientela (1) : +5,3% a/a (vs sistema -0,6%

Dettagli

Istruzioni di vigilanza per gli I.F. iscritti nell elenco speciale (Circ. 216/96-7 e 8 agg.to)

Istruzioni di vigilanza per gli I.F. iscritti nell elenco speciale (Circ. 216/96-7 e 8 agg.to) Istruzioni di vigilanza per gli I.F. iscritti nell elenco speciale (Circ. 216/96-7 e 8 agg.to) Convegno ASSILEA-ASSOFIN-ASSIFACT Le nuove disposizioni di vigilanza della Banca d Italia per le banche e

Dettagli

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale : il processo di controllo prudenziale! Il processo di controllo prudenziale (Supervisory Review Process SRP) si articola in due fasi integrate! La prima è rappresentata dal processo interno di determinazione

Dettagli

CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO

CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO Prestiti (1) +7,9% a/a (vs -1,4% del sistema (2) ); rapporto sofferenze impieghi a 1,55% tra i più bassi del

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 3 al 30 settembre 2014 Introduzione A partire dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova disciplina per le banche e le imprese di investimento che

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014 Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale La nuova normativa di vigilanza prudenziale si basa, in linea con

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III

INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ISCRITTI NELL ELENCO SPECIALE (CIRC. N. 216 DEL 5 AGOSTO 1996) PILLAR III Situazione al 31/12/2013 Sommario

Dettagli

Gli strumenti finanziari [2]

Gli strumenti finanziari [2] www.contabilitainternazionale.eu Corso di: Contabilità Internazionale Corso di Laurea Magistrale in: Amministrazione e Controllo Gli strumenti finanziari [2] Oggetto della lezione framework Fair value

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013 PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013 Il presente documento è stato redatto ai sensi della Circolare di Banca d Italia 216/96, Capitolo V, Sezione XII COOPFIDI Confidi unitario per l artigianato e la

Dettagli

VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE

VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE DOPO L ESITO POSITIVO DELL ASSEMBLEA DEL 19 DICEMBRE 2015 E LA CONSEGUENTE TRASFORMAZIONE

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo INFORMATIVA AL PUBBLICO BASILEA 2-3 PILASTRO MAGGIO 2010 1 PILLAR III MAGGIO 2010 ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INFORMATIVA AL PUBBLICO BASILEA 2 3 PILASTRO INTRODUZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 3 al 31 marzo 2014 Introduzione A partire dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova disciplina per le banche e le imprese di investimento che ha

Dettagli

SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA

SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA Stato Patrimoniale Conto Economico Prospetto delle variazioni del Patrimonio Netto Rendiconto Finanziario Stato Patrimoniale Voci dell'attivo 2007 2006 10. Cassa e disponibilità

Dettagli

BANCA POPOLARE DI SPOLETO: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2011

BANCA POPOLARE DI SPOLETO: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2011 www.bpspoleto.it BANCA POPOLARE DI SPOLETO: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2011 Spoleto, 24 Agosto 2011 CRESCITA DELLA BANCA REALE Base Clientela a 137.943 unità (+2,8% rispetto al 31/12/10) Conti Correnti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2009 DATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO

Dettagli

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro:

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro: MITTEL S.P.A. Sede in Milano - Piazza A. Diaz 7 Capitale sociale 66.000.000 i.v. Codice Fiscale - Registro Imprese di Milano - P. IVA 00742640154 R.E.A. di Milano n. 52219 Iscritta all U.I.C. al n. 10576

Dettagli

Provvedimento del 28 dicembre 2011 Modifiche al Regolamento del 24 ottobre 2007 in materia di vigilanza prudenziale per le SIM LA BANCA D ITALIA

Provvedimento del 28 dicembre 2011 Modifiche al Regolamento del 24 ottobre 2007 in materia di vigilanza prudenziale per le SIM LA BANCA D ITALIA Provvedimento del 28 dicembre 2011 Modifiche al Regolamento del 24 ottobre 2007 in materia di vigilanza prudenziale per le SIM LA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione

Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione IAS 39 Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione Finalità 1 La finalità del presente Principio è stabilire i principi per rilevare e valutare le attività

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico va Informativa al pubblico Ai sensi della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996, 7 agg., Cap. V, Sez. XII 31 Dicembre 2014 Approvata dal CdA il 27/05/2015 1/22 --/--/---- INDICE GENERALE INTRODUZIONE...

Dettagli

Relazione e Bilancio di Intesa Sanpaolo

Relazione e Bilancio di Intesa Sanpaolo Relazione e Bilancio di Intesa Sanpaolo Relazione sull andamento della gestione 465 Dati di sintesi e indicatori alternativi di performance di Intesa Sanpaolo Commissioni nette Dati economici Interessi

Dettagli

LA BANCA COME UN IMPRESA

LA BANCA COME UN IMPRESA . Direzione crediti LA BANCA COME UN IMPRESA La legislatura italiana definisce la Banca come un impresa autorizzata a raccogliere il risparmio, tramite forme diverse, presso il pubblico ed a erogare il

Dettagli