4 Le politiche per la pubblicità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "4 Le politiche per la pubblicità"

Transcript

1 4 Le politiche per la pubblicità 1. Regolamentare la pubblicità Ho mostrato nella terza parte l effetto negativo che la pubblicità ha sul benessere degli adulti e quello molto più devastante che ha sul benessere dei bambini e degli adolescenti. Gli studi documentano ampiamente la vulnerabilità dei bambini alla pubblicità. La pubblicità plasma i valori e i desideri dei bambini in una misura molto superiore a quella - già ampia degli adulti. I bambini interiorizzano facilmente il materialismo implicito nei messaggi pubblicitari e questo li conduce ad un minor benessere: hanno maggiore ansia, minori livelli di auto-stima, maggiori sintomi psicosomatici come mal di testa o di stomaco, si dichiarano meno felici (Kasser, 2005; Nairn, Ormrod, & Bottomley, 2007; Schor, 2004). Hanno anche più problemi relazionali: rapporti più difficili con i genitori, minor generosità, maggior probabilità di fare attività anti-sociali (Cohen & Cohen, 1996; Gatersleben, Meadows, Abrahamse, & Jackson, 2008; Kasser & Ryan, 1993; Kasser, 2005; Schor, 2004). Inoltre, fino a otto anni molti bambini hanno difficoltà sostanziali a comprendere che la pubblicità ha un intento persuasivo e che gli attori non sono veramente felicità quando mangiano un certa merendina. Insomma la pubblicità fa male. Manipola, valori desideri, relazioni, benessere, comportamenti. Che possiamo fare? Nè più e nè meno quello che facciamo in altri mercati che trattano prodotti pericolosi, come l alcool, il tabacco, le armi, le droghe, ecc.: regolarli, tassandoli e imponendogli una serie di limiti e/o obblighi, al limite bandirli. Ad esempio: a) La pubblicità potrebbe essere pesantemente tassata, similmente a quanto accade per l alcool e le sigarette. Tassare la pubblicità la renderebbe più costosa e quindi incentiverebbe le grandi imprese a ridurre la dimensione del bombardamento

2 pubblicitario che subiamo. Il gettito fiscale che ne deriva potrebbe essere usato per il finanziamento di politiche relazionali. Ad es. per campagne mediatiche che tendano a promuovere valori diversi da quelli promossi dalla pubblicità, come ad es. lo spot impossibile. Poi ci sono una serie di proibizioni possibili della pubblicità, per certe fasce di età, per certi prodotti, in certi modi, in certe situazioni b) Per certe fasce di età: la pubblicità ai bambini e agli adolescenti potrebbe essere proibita. c) Per certi prodotti: ad es. la proibizione del cibo spazzatura d) In certi modi: ad es. la proibizione di quelle pubblicità che suggeriscono che un prodotto è un mezzo di inclusione sociale. Oppure la proibizione delle pubblicità che invadono la sfera relazionale della vita, come quelle che promettono sconti a chi convince un amico/a a sottoscrivere un certo abbonamento. e) In certe situazioni: ad es. la proibizione delle pubblicità mascherate, quelle sempre più frequenti che non si presentano come tali, su internet, nelle chat, nelle communities virtuali, ecc. Oppure la proibizione della pubblicità negli spazi scolastici, inclusi gli scuolabus, molto diffusa negli Stati Uniti. Soprattutto quando la scuola è dell obbligo. Infatti si possono sollevare dubbi molto eticamente solidi sulla legittimità dell essere obbligati a subire la pubblicità. 2. Controargomenti Queste proposte possono apparire utopistiche al lettore italiano, dato il totale silenzio su questi temi nel nostro paese. Invece negli altri paesi se ne parla parecchio ed in qualche caso si è giunti a decisioni. Ad es. in Svezia, dove la pubblicità televisiva diretta ai minori di 12 anni è stata proibita.

3 Oppure in Nuova Zelanda, dove è stata proibita la pubblicità del cibo spazzatura. Oppure in Francia, dove la pubblicità è stata bandita dai canali di stato. Comunque, questo tipo di provvedimenti fa fatica ad imporsi. Data la mole di evidenza che la pubblicità fa malissimo ai bambini, questo è sorprendente soprattutto per quanto riguarda la proibizione della pubblicità ai minori. Perchè quest ultima penetra così lentamente nelle agende politiche? Esiste qualche seria controindicazione? Ci sono validi argomenti a difesa della pubblicità? Per rispondere conviene guardare nuovamente a ciò che accade negli Stati Uniti, per esaminare gli argomenti elaborati dall industria pubblicitaria contro un bando della pubblicità ai minori. Infatti in America il dibattito su questi temi è ben vivo, ed i media sono accusati di una serie di malefatte nei confronti della gioventù che spaziano da epidemie di obesità, a esplosioni di violenza, a crisi psicotiche, ecc.. Dopo una prima ondata negli anni 70, l opposizione alla pubblicità ai bambini ha cominciato a riemergere negli USA nella seconda metà degli anni 90. L American Psycological Association dibattè sulla introduzione di una proibizione ai suoi membri di collaborare a ricerche di marketing dirette ai bambini. Hillary Clinton dichiarò che troppe imprese vedono semplicemente i nostri bambini come vacche da mungere (cash cows that they can exploit) e chiese un bando della pubblicità ai bambini in età pre-scolare. Il tema guadagnò spazio anche a destra, preoccupata che il taglio irrispettoso verso gli adulti di molta pubblicità per i bambini minasse la loro obbedienza e la loro deferenza. Così l Institute for American Values redasse un rapporto molto critico sulla cultura consumistica venduta ai bambini. L industria pubblicitaria si rese conto che la pubblicità ai giovani era nuovamente sotto tiro e la conferenza annuale dei pubblicitari per bambini del 2003 (KidPower) lanciò un preoccupato allarme ai suoi membri per la

4 crescente impopolarità della loro attività e per la diffusione di limiti alla pubblicità ai bambini in alcuni paesi europei. La difesa fu organizzata lungo quattro linee che sono discusse nei prossimi parr.. 3. Consumo come forma di autonomia infantile La prima sostiene che il consumo può sostenere il bisogno di autonomia dei bambini. Comprare un giocattolo, imparare il suo uso, avere la possibilità di scegliere tra i prodotti, alimenta il forte bisogno che i bambini hanno di essere indipendenti (Del Vecchio). In realtà questo è un argomento a difesa della libertà di comprare e non ha implicazioni favorevoli alla libertà di pubblicizzare. È bene chiarire che ciò che è in discussione non è la libertà di comprare e che questa sarebbe garantita anche senza la pubblicità. Usare un argomento a favore della libertà di qualunque genere per difendere una manipolazione di massa suona piuttosto paradossale. Comunque l argomento della autonomia dei bambini condivide completamente l enfasi di questo libro sull importanza per il loro sviluppo psicologico di compiere scelte autonome, ma lo riduce al possesso. Come mostra in precedenza l analisi degli effetti dei valori materialisti, il problema è che il bisogno di autonomia oltrepassa molto i confini del possesso e che l enfasi sul possesso può deprimere il senso di autonomia su tutto il resto. Insomma una ossessiva stimolazione del possesso non promuove il senso di autonomia di una persona in senso pieno. Inoltre l altra faccia della medaglia della soddisfazione del comprare è l insoddisfazione del non poter comprare. Infatti gli effetti positivi del possesso hanno un inseparabile ed indesiderato compare: è la frustrazione per alcuni derivante dalla sua irraggiungibilità. Acuire questa frustrazione è proprio lo scopo della pubblicità infantile. Questo rende precoce la frustrazione derivante dalle disuguaglianze economiche. Secondo Kanner e Gomes (cit.

5 Schor p. 179) molti giovani soffrono di profondi sentimenti di inadeguatezza dovuti alla loro incapacità di stare al passo con lo standard dei consumi. Per questo la stimolazione precoce del possesso contribuisce al processo di trasformazione dei poveri in perdenti che ha una grande importanza nella promozione degli obiettivi materiali. Ma la frustrazione del non poter comprare non riguarda solo i bambini svantaggiati dal punto di vista economico, riguarda quasi tutti i bambini. Sono molto pochi i bambini che si possono permettere di comprare tutto ciò che desiderano, per cui la macchina della creazione di desideri genera frustrazioni come un inevitabile prodotto congiunto della sua capacità di produrre autonomia. 4. I ragazzi non sono più ingenui come una volta La nota pubblicitaria Winnie Tyre (schor p.180) sostiene che i ragazzi sono molto più sofisticati di quanto gli adulti comprendano e che esiste molta evidenza che si sviluppano sempre più rapidamente dal punto di vista cognitivo e fisico. Insomma sono dei piccoli adulti in grado di gestire il potere persuasivo della pubblicità e di non esserne sopraffatti. Questo argomento è composto da due sotto-argomenti. Il primo è che gli adulti sono in grado di gestire il potere persuasivo della pubblicità, cioè che la pubblicità non è una forma di manipolazione che ha una influenza profonda sulle nostre vite. Il secondo argomento è che i bambini sono dei piccoli adulti. Sono entrambi argomenti infondati. Gli studi di psicologia sociale discussi nella II parte documentano una realtà diversa rispetto ad una buona capacità degli adulti di gestire il potere persuasivo della pubblicità. La pubblicità ha una influenza profonda sulle nostre vite, fino ad influenzarne le priorità. Anche l insistenza dei pubblicitari sul fatto che quello che conta non è informare sulle caratteristiche dei prodotti ma dargli un valore simbolico che li associ ad emozioni positive documenta la

6 sottigliezza e la profondità dell impatto pubblicitario sulle nostra vite. A meno di pensare che i pubblicitari stiano prendendo un abbaglio colossale perchè la gente non si fa influenzare da queste cose, il che implicherebbe che le imprese che li finanziano siano condotte da una accolita di stolti che spende somme enormi senza scopo. Il secondo sotto-argomento semplicemente non poggia su alcuna evidenza. Risulta un solo studio sulla evoluzione nel tempo della capacità dei bambini di comprendere la pubblicità ed esso raggiunge conclusioni piuttosto interlocutorie. Sembra esserci una debole tendenza all aumento della consapevolezza ma potrebbe dipendere da variazioni nel modo in cui essa è stata definita nel corso del tempo. (Mary Martin cit. schor p. 181). Dunque la molta evidenza di cui parla Winnie tyre, di un aumento della capacità dei bambini di gestire la pubblicità, è totalmente inventata. Rimane invece la solida evidenza che i bambini sono molto più vulnerabili degli adulti alla pubblicità. 5. La pubblicità produce TV gratuita, migliori prodotti, crescita e occupazione La terza linea di difesa della pubblicità riguarda i suoi vantaggi economici. Il primo è che la pubblicità permette l esistenza di TV commerciali che entrano gratuitamente nelle nostre case. Ma la TV è solo in apparenza gratuita. In realtà la pubblicità televisiva la paghiamo attraverso incrementi di prezzo dei prodotti pubblicizzati, che inoltre sono pagati anche da chi la TV non la guarda. Inoltre la TV è anche troppo gratuita ed accessibile, visti gli effetti negativi che ha sui bambini e sugli adulti. La pubblicità inoltre riduce l indipendenza dei media. Immaginate il caso in cui un mezzo di comunicazione, una testata giornalistica o televisiva, venga in possesso di una notizia lesiva dell immagine di un suo cliente pubblicitario. In questo caso sorge un conflitto tra l indipendenza informativa del mezzo ed i suoi interessi

7 economici perchè la diffusione della notizia, può dar luogo a ritorsioni sulle inserzioni pubblicitarie future. Problemi di questo genere sono verosimilmente frequenti. Il secondo vantaggio economico della pubblicità è attribuito al fatto che essa stimolerebbe la concorrenza e quindi indirettamente la produzione di migliori prodotti. È vero il contrario. La pubblicità è costosa e genera fedeltà di marca irragionevoli (Schor 1998). Quindi crea barriere a nuovi competitori. La pubblicità è un motivo decisivo del dominio di oligopoli multi-nazionali che impediscono una reale concorrenza sul mercato dei beni. Infine l argomento che la pubblicità genera crescita ed occupazione è del tutto infondato. La crescita non è un fine ma un mezzo per il benessere ed ho ampiamente documentato che il tipo di crescita economica promosso dalla pubblicità, cioè quello generato dalla diffusione di valori materialisti e dal degrado relazionale è indesiderabile per il benessere. Anche l argomento dell impatto negativo sulla occupazione è senza fondamento. Una riduzione della pubblicità non condurrebbe ad alcuna contrazione nella occupazione - tranne che nel settore pubblicitario - perchè genererebbe una riduzione della offerta di lavoro, cioè della disponibilità degli individui a lavorare. Questo punto è discusso in maggior dettaglio in un par. successivo. Quanto alla riduzione della occupazione nel settore pubblicitario essa è in se un obiettivo desiderabile. Dobbiamo avere meno gente che impiega i propri ingegni ed il proprio tempo in una attività nociva per gli individui e la società. 6. La colpa è dei genitori La quarta linea di difesa argomenta che i genitori hanno sempre la possibilità di difendere i figli dalla pubblicità. Dopotutto possono sempre dire di no agli acquisti o spengere il televisore. Quindi il motivo per cui i bambini sono male-

8 alimentati, aggressivi, materialisti è che i genitori abdicano al loro ruolo educativo. Qui la difesa della pubblicità assume incredibilmente che il consumismo abbia effetti deleteri ma delega la responsabilità della sua diffusione ai genitori. Questo argomento sembra il più efficace perchè fa leva sui dubbi ed i sensi di colpa dei genitori. Ma è anche il più sfacciatamente infondato. Il fatto che i genitori abbiano delle responsabilità nella diffusione di valori materialisti nei figli non giustifica una propaganda martellante a tali valori. Il genitore ombra costituito dalla pubblicità ha trasformato la vita con i figli in una fonte continua di conflitti e non è lecita la sua critica al fatto che molti genitori scelgano di porre dei limiti alla loro battaglia quotidiana con i figli per la limitazione degli acquisti. Inoltre anche i genitori stessi sono vittime dei media nella percezione dei pericoli per i propri figli. Infatti il messaggio dei media è che i maggiori pericoli sono la droga, i maniaci o i bulli e non certo i media stessi. 7. Perchè la pubblicità non viene limitata se è indifendibile? Il motivo della discussione che ho svolto nei parr. precedenti degli argomenti a favore della pubblicità non è che essi presentino un qualche interesse perchè sono palesemente infondati, pretestuosi ed in definitiva privi di qualunque serietà. Ciò che li rende interessanti è che essi chiariscono che non esiste alcuna seria controindicazione al bando della pubblicità ai giovani. Dunque i motivi della difficoltà di penetrazione di questa misura nelle agende politiche non attengono ai dubbi sulla sua desiderabilità. Da dove derivano allora? Questo è l argomento del prossimo par. Bibliografia cap. 4. Cohen, P., & Cohen, J. (1996). Life values and adolescent mental health. Mahwah, NJ: Erlbaum.

9 Gatersleben, B., Meadows, J., Abrahamse, W., & Jackson, T. (2008). Materialistic and environmental values of young people. Unpublished manuscript. University of Surrey, UK. Nairn, A., Ormrod, J., & Bottomley, P. (2007). Watching, wanting and wellbeing: Exploring the links. London, UK: National Consumer Council. Kasser, T., & Ryan, R. M. (1993). A dark side of the American dream: Correlates of financial success as a central life aspiration. Journal of Personality and Social Psychology, 65, Kasser, T. (2005). Frugality, generosity, and materialism in children and adolescents. In K. A. Moore & L. H. Lippman (Eds.), What do children need to flourish?: Conceptualizing and measuring indicators of positive development (pp ). New York: Springer Science.

10 5. Cambiare la democrazia 1. La postdemocrazia. Nel 1978 la Federal Trade Commission, una authority pubblica americana per il controllo delle attività commerciali, redasse un rapporto in cui concludeva che i minori di 7 anni non hanno la capacità cognitiva per valutare adeguatamente la pubblicità televisiva diretta ai bambini. La commissione suggeriva dunque al Congresso di proibire la pubblicità diretta a questo target. Inizialmente il Congresso manifestò interesse per un bando della pubblicità ai bambini ma tale interesse venne rapidamente eroso dalla entrata in moto della poderosa macchina lobbystica dell industria pubblicitaria, fermamente contraria a norme di questo genere. La risposta del Congresso arrivò nel 1981: la proposta di un bando veniva respinta e veniva tolta alla Federal Trade Commission la facoltà di emettere questo tipo di pareri. La storia dei rapporti tra la Federal Trade Commission ed il Congresso è un es. paradigmatico dei problemi di malfunzionamento della democrazia quando vasti e dispersi interessi generali fronteggiano forti concentrazioni di potere economico. Le istituzioni democratiche infatti versano in una crisi così profonda da avere indotto grandi politologi contemporanei, come Colin Crouch, a parlare di postdemocrazia. La postdemocrazia è caratterizzata dalla influenza crescente delle èlite economiche sulle decisioni politiche e dalla diminuzione della possibilità per la gran massa dei cittadini di partecipare, non solo con il voto ma anche attraverso la discussione e organizzazioni autonome, alla definizione delle priorità della vita pubblica. Nella postdemocrazia il dibattito elettorale è uno spettacolo saldamente controllato da gruppi rivali di professionisti esperti nelle tecniche

11 di persuasione e si esercita su un numero ristretto di questioni selezionate da questi gruppi. La massa dei cittadini svolge un ruolo acquiescente, passivo, persino apatico (...), la politica viene decisa in privato dalla interazione tra i governi eletti ed èlite che rappresentano quasi esclusivamente interessi economici (p. 6). Nella fase postdemocratica gli interessi di una minoranza potente divengono ben più influenti della maggioranza della gente comune nel piegare il sistema politico ai loro scopi. Le èlite politiche hanno appreso a manipolare e guidare l opinione pubblica. Gli elettori devono essere convinti ad andare a votare da campagne pubblicitarie gestite dall alto. Mentre vengono usate tecniche sempre più sofisticate - mutuate dalla industria pubblicitaria per esporre la politica al pubblico, i programmi e le differenze tra i partiti divengono sempre più vaghi e insulsi. La postdemocrazia conserva le forme della democrazia - i rituali elettorali e quelli del dibattito politico sui media - ma non la sostanza. Infatti la sostanza era la possibilità che la voce e gli interessi di una gran massa di gente comune influissero sugli affari di stato. Invece il forte squilibrio tra l influenza degli interessi delle grandi aziende e quelli di tutti gli altri riporta la politica a essere una faccenda che riguarda elitè chiuse, come accadeva in epoca predemocratica (p.?). Questa situazione produce esiti paradossali che si fanno ben chiari quando emergono movimenti che chiedono cambiamenti politici al di fuori delle scadenze elettorali. Generalmente i partiti politici vivono questi movimenti come una interferenza. L argomento è: il modo per cambiare lo cose è il voto e abbiamo questa possibilità a intervalli di pochi anni. Dunque questi movimenti sono accusati più o meno esplicitamente di essere antidemocratici. Episodi di questo tipo sono ben visibili nella storia politica italiana degli ultimi anni. L aspetto paradossale è che invece i partiti non si

12 lamentano mai delle pressioni che ricevono dai grandi interessi economici con una continuità che prescinde del tutto dalle scadenze elettorali. Prevedibilmente tutto questo produce un senso di delusione e di impotenza che è alla base della attuale crisi di legittimità, di fiducia, di partecipazione alla politica. Questa crisi non è la crisi dell interesse per il sociale. Il contrasto tra il distacco dalla politica e la vitalità del mondo dell associazionismo testimonia che esiste una domanda enorme di partecipazione alla vita sociale. La crisi della partecipazione democratica è la crisi della possibilità di partecipare al sociale attraverso la (post)democrazia. 9. Perchè si è affermata la postdemocrazia. Il motivo per cui le democrazie si sono involute in postdemocrazie è essenzialmente economico. Le risorse economiche a disposizione della varie cause variano enormemente e sistematicamente. Questo squilibrio è importante perchè ottenere norme o decisioni amministrative che proteggano certi interessi è costoso. I costi riguardano la gestione di una lobby (cioè quelle organizzazioni che fanno pressione sui partiti politici) ed il finanziamento dei partiti (che aumenta molto la loro sensibilità alle esigenze dei vari interessi). Per questi motivi ottenere protezione politica per gli interessi economici è sempre avvantaggiato rispetto a quelli non economici non solo perchè questi interessi possono controllare enormi somme per finanziare la loro attività dato che sono ricchi in partenza, ma perchè la loro protezione aumenterà i loro profitti. I costi sostenuti per gestire la lobby costituiscono un investimento (Crouch, p. 24). Invece la protezione politica degli interessi non economici non conduce a vantaggi economici e quindi i costi per ottenere tale protezione rappresentano spese, non investimenti. Dunque quando gli interessi economici fronteggiano quelli non economici - come la protezione del benessere dei bambini - lo squilibrio delle risorse è immenso.

13 I soldi sono così importanti nel determinare quali interessi hanno successo nell ottenere protezione dai partiti perchè i soldi sono decisivi nel determinare quali partiti hanno successo elettorale. I partiti che godono di maggiori risorse finanziarie hanno maggiori probabilità di vincere le elezioni innanzitutto perchè le risorse determinano il tipo di mezzi di comunicazione e di pubblicità a cui essi hanno accesso per promuovere la loro causa. Questo riguarda in particolare le costosissime campagne elettorali. Alla luce dei meccanismi della postdemocrazia il motivo per cui le limitazioni della pubblicità diretta ai minori penetrano con tanta difficoltà nelle agende dei partiti è semplice: i partiti hanno bisogno di denaro e i pubblicitari e le multinazionali che della pubblicità sono i primi acquirenti - sono ottimi finanziatori. Possiamo essere certi che Hillary Clinton non avrebbe trasformato le convinzioni espresse sul bando della pubblicità ai bambini in decisioni politiche qualora fosse divenuta presidente, perchè condizionata dagli accordi necessari per reperire finanziamenti per la costosissima campagna elettorale presidenziale. Questo tipo di problemi costituiscono l ostacolo principale alla attuazione delle politiche relazionali qui delineate. Perchè tali politiche richiedono la protezione di interessi che sono largamente non economici, come le relazioni e il benessere. La strada per la società relazionale può essere resa molto meno accidentata da una riforma della (post)democrazia, mirata a ridurne la dipendenza dai grandi poteri economici. Quali sono le riforme possibili? 10. Come riformare la (post)democrazia Quanto più viene garantito un terreno di gioco equilibrato in materia di finanziamento dei partiti e accesso ai media, tanto più è vera democrazia. Secondo Crouch potrebbero essere ottenuti buoni risultati da una appropriata combinazione di finanziamento pubblico ai partiti, regolamentazione del loro

14 accesso ai media, tetti piuttosto bassi alle loro spese. In sostanza è necessario: i) il finanziamento pubblico ai partiti per ridurre la loro dipendenza dal finanziamento proveniente dalle grandi aziende. In Italia ed in molti paesi europei il finanziamento pubblico ai partiti esiste. Resta da valutarne la congruità rispetto agli scopi di cui sopra. iii) l istituzione di drastici tetti alle spese dei partiti. Potremmo cominciare a far funzionare meglio la democrazia da un tetto radicale alle spese elettorali, che aumenterebbe l indipendenza dei partiti e dei candidati dalle pressioni del big business. La politica deve costare di meno. Questo riequilibrerebbe il potenziale propagandistico dei vari partiti. Ad esempio negli Stati Uniti negli ultimi anni i repubblicani hanno goduto di un vantaggio crescente nelle campagne presidenziali a causa dell aumento della generosità dei finanziamenti a loro concessi dalle grandi corporations. È interessante comunque il fatto che Obama sia riuscito a ridurre significativamente lo svantaggio del partito democratico attraverso una massa imponente di piccoli finanziamenti provenienti da simpatizzanti, soprattutto attraverso Internet. Lo sviluppo della rete offre dunque la chance di alleggerire lo svantaggio che la gente comune ha nel far sentire la propria voce in politica. ii) un effetto analogo a quello dei tetti alle spese elettorali lo avrebbe porre restrizioni sul tipo di mezzi di comunicazione e di pubblicità che i partiti possono finanziare. Tanto per fare un esempio, quanto cambierebbe la politica americana se la pubblicità televisiva dei candidati fosse proibita? La risposta è: molto. La fetta grossa delle spese per la costosissima campagna elettorale per le presidenziali americane infatti è assorbita dagli spot televisivi. Bandirli implicherebbe un drastico riequilibrio delle risorse tra i candidati riducendo la loro dipendenza dai finanziamenti delle corporations. iv) servono nuove regole per prevenire, o almeno per regolare, da vicino i flussi di denaro e di personale tra i partiti, gruppi di consulenti e lobby

15 industriali; vanno chiariti e codificati i rapporti tra sponsor privati da un parte e funzionari statali, criteri della spesa pubblica e decisionali dall altra (Crouch p.123). Crouch si spinge anche a proposte più audaci e creative come quelle mirate a rafforzare la partecipazione sostanziale (...) Per esempio al posto del finanziamento statale (...) una piccola somma fissa sul reddito di ciascun cittadino sarà assegnata al partito politico scelto ogni anno dal cittadino stesso; un approccio simile è proposto per il finanziamento di gruppi e associazioni di interesse. (...) Questa idea e quella del finanziamento diretto ai partiti hanno il merito di portare la gente comune all interno delle questioni legate direttamente all azione e alla scelta politica, andando oltre lo schema del semplice voto..( Crouch p. 127) Queste proposte meritano una discussione approfondita in cui i loro vantaggi vengano confrontati con i loro eventuali svantaggi. Ma esse mostrano che cambiare le istituzioni democratiche è possibile. La loro forma è una eredità storica che mostra tutti i suoi limiti e che deve essere urgentemente cambiata perchè è divenuta un modo di esclusione e non di inclusione della massa delle persone dagli affari di stato. Queste proposte sono generali nel senso che cercano di superare una crisi delle democrazia che riguarda paesi ricchi e poveri. L Italia è in una situazione peculiare perchè è l esperimento di post democrazia più estremo nel mondo occidentale. Infatti, con la discesa in campo di Berlusconi i grandi interessi economici non hanno cercato la protezione del potere politico. Hanno cercato direttamente il potere politico. 11. La postdemocrazia e la globalizzazione In questo momento storico abbiamo di fronte problemi enormi che possono essere affrontati solo con scelte politiche innovative e coraggiose. Non possiamo gestirli con le attuali istituzioni postdemocratiche perchè esse sono

16 incapaci di produrre decisioni che abbiano a cuore il benessere della gran massa delle persone. Un buon esempio sono i problemi generati dalla globalizzazione. Tutti i nuovi movimenti emersi in Europa negli ultimi anni sono nati intorno alle preoccupazioni che essa suscita. Ad es. il movimento no-global era cresciuto intorno ad una violenta accusa alla globalizzazione delle multinazionali. Un altro esempio sono le nuove forze politiche populiste e razziste che hanno avuto crescente fortuna in Europa - dalla Lega in Italia, ai partiti legati al nome di Le Pen in Francia, Haider in Austria, Pym Fortuyn in Olanda tutti alimentati dalle paure suscitate dai flussi migratori legati alla globalizzazione. I movimenti razzisti parlano dei problemi della globalizzazione ma poi li scaricano sugli immigrati, che sono le principali vittime della globalizzazione anzichè la causa dei problemi che essa crea (Crouch p. 133). Tali movimenti propongono soluzioni del tutto irrealistiche. Una proposta tipica è quella di un controllo capillare delle frontiere e del territorio per fermare l immigrazione clandestina. Si tratta di una proposta realistica quanto quella di ridurre l inquinamento dando la caccia alle singole molecole di inquinanti, una per una. Le soluzioni ai problemi della globalizzazione che possono funzionare sono altre e richiedono la costruzione di un diverso ordine economico globale. Esso richiede di colpire gli interessi della grande finanza globale, un formidabile marchingegno per spogliare i paesi poveri dei loro già scarsi capitali. E di colpire anche gli interessi delle corporations globali del consumo, incaricatesi di crescere nuove generazioni di aspiranti consumatori compulsivi in paesi con problemi di povertà di massa. Un esperimento sociale da apprendisti stregoni del quale le corporations si preparano a raccogliere i profitti, lasciando a tutti gli altri i devastanti costi sociali.

17 Esistono proposte che potrebbero guadagnare l attenzione dell opinione pubblica e mobilitarla non meno delle proposte razziste. Ci sono questioni che sono molto sentite in Europa, come la qualità dell alimentazione (sfociata nella decisione di ritirare dal commercio molti prodotti geneticamente modificati in molti paesi Europei) o lo stress per le condizioni di lavoro sempre più precarie o il peggioramento della qualità della vita dei nostri bambini. Che cosa impedisce di reindirizzare il malcontento sulle vere cause dei problemi: le grandi aziende e l esclusiva ricerca del profitto che distruggono le comunità e creano instabilità ovunque nel mondo? (Crouch p. 133). La risposta è che nella postdemocrazia le proposte velleitarie e populiste contro la globalizzazione hanno un vantaggio competitivo su quelle che potrebbero funzionare perchè queste ultime richiedono di colpire forti interessi economici per promuoverle. Il problema deriva dalla difficoltà della postdemocrazia di affrontare i problemi che per essere risolti richiedono di colpire il big business. In questa situazione ad opporsi alle proposte populiste rimane solo il no al razzismo. Esso è basato su una correttezza politica radicata in eventi Europei di oltre 60 anni fà, dei quali va sfumando la memoria storica. Il no al razzismo è probabilmente un cavallo perdente. Diventerà sempre più flebile e infarcito di distinguo se non viene associato a proposte concrete di soluzione dei problemi. Ma la post democrazia distorce le scelte politiche e il dibattito pubblico sui problemi posti dalla globalizzazione impedendo la crescita di proposte positive, non basate su dei semplici no. Il risultato è che nel deserto delle alternative, soluzioni irrealistiche e costose si ammantano di fascino. La postdemocrazia lascia un grande spazio alla destra razzista e populista. SCHEDA Perchè l immigrazione fà paura: il caso di Argenta e Porto Maggiore

18 In genere si ritiene che le paure create dalla immigrazione nei paesi ricchi siano legati all aumento della criminalità e della concorrenza sul mercato del lavoro. Infatti gli immigrati competono con i residenti per i posti di lavoro, determinando un abbassamento dei salari e un aumento della disoccupazione. Ma non sono questi i motivi principali per cui l immigrazione spaventa. L immigrazione fa paura perchè la gente ha una identità sociale fragile. Il diverso spaventa gente spaventata e sola in una società in cui i legami sociali si disgregano. Nè le politiche poliziesche nè quelle per l integrazione degli immigrati possono migliorare il problema. Perchè il problema principale è l identità dei nativi. Un interessante libro dei politologi Bordandini e Cartocci illustra in modo discalico il problema prendendo in esame il caso di Argenta e Porto Maggiore. Si tratta di due comuni limitrofi a circa 50 km da Bologna che sono stati oggetto di una forte immigrazione pakistana negli ultimi 10 anni. L interesse di questo caso è dato dal fatto che in esso sono presenti tutte le paure suscitate dalla immigrazione nella popolazione residente ma sono del tutto assenti i problemi di aumento della concorrenza sul mercato del lavoro e della criminalità. Argenta e Porto Maggiore sono infatti due comuni con alti livelli di reddito medio e problemi marginali di disoccupazione. Per giunta la criminalità non è affatto aumentata e del resto le comunità di emigrati pakistani non sono tradizionalmente dedite ad attività criminali. Inoltre i pakistani lavorano a Bologna e dunque non esercitano alcuna pressione sul mercato del lavoro locale. Il motivo della immigrazione a Argenta e Porto Maggiore è che le case costano meno che a Bologna, alla quale peraltro i due comuni sono molto ben collegati dalla ferrovia. Eppure l immigrazione costituisce la principale fonte di preoccupazione dei residenti. Essi dichiarano ad es. di sentirsi in pericolo la notte. Bordandini e Cartocci sostengono che la percezione di insicurezza e peggioramento della qualità della vita percepita dagli aborigeni prolifera nel vuoto lasciato

19 dall erosione dei legami comunitari e identitari generato dalla rapida erosione delle tradizionali aggregazioni intorno ai valori e alle identità comuniste e cattoliche. Questa erosione era inevitabile, perchè il mondo inevitabilmente cambia. La vera questione è che cosa impedisce la costituzione di nuove identità e aggregazioni. Nel deserto dei valori del consumo non nasce nuova vita sociale. E le persone sole hanno paura del cambiamento e della diversità.

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania Manifesto Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012 Bucarest, Romania Manifesto del PPE (Adottato durante il Congresso del PPE, Bucarest, 17 e 18 Ottobre 2012) 1. Chi siamo? Il Partito Popolare Europeo

Dettagli

4. Le DPO per la promozione e la tutela dei diritti umani

4. Le DPO per la promozione e la tutela dei diritti umani 4. Le DPO per la promozione e la tutela dei diritti umani Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - Il ruolo delle organizzazioni di persone con disabilità nei

Dettagli

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion)

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) SCHEDA 1 Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) Prima Conferenza Internazionale sulla Promozione della Salute Ottawa, Canada, 7-21 novembre 1986 II primo Congresso

Dettagli

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Introduzione al fenomeno. Il bullo è un individuo che usa la propria forza o il proprio potere

Dettagli

Toqueville e la società civile organizzata a favore dei migranti

Toqueville e la società civile organizzata a favore dei migranti Toqueville e la società civile organizzata a favore dei migranti Associazionismo, società civile e migranti: (1) Quadro teorico (2) I consigli territoriali in Italia migrazioni 1 L importanza crescente

Dettagli

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

Marketing globale e R & S

Marketing globale e R & S EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo sedici Marketing globale e R & S 16-3 Caso di apertura Kodak entrò in Russia agli inizi degli anni Novanta - Il paese stava attraversando una turbolenta transizione

Dettagli

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO Piccoli PA.S.S.I.- Parrocchia di San Prospero Sostegno Scolastico Integrato di bambini e ragazzi con Disturbi Specifici dell Apprendimento e Bisogni Educativi Speciali PREMESSA In ambito scolastico e,

Dettagli

Stefano Bartolini. Dal ben-avere al ben-essere. Colloqui di Dobbiaco 2011 01.10. 02.10.2011 Benessere senza crescita

Stefano Bartolini. Dal ben-avere al ben-essere. Colloqui di Dobbiaco 2011 01.10. 02.10.2011 Benessere senza crescita Stefano Bartolini Dal ben-avere al ben-essere SINTESI Come dimostrato dal paradosso di Easterlin, la crescita economica ha tradito largamente la sua promessa di aumentare il nostro benessere. Ma al di

Dettagli

ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOZIONALI DEL BULLISMO E DISAGIO GIOVANILE: COME CONTRASTARE IL FENOMENO

ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOZIONALI DEL BULLISMO E DISAGIO GIOVANILE: COME CONTRASTARE IL FENOMENO ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOZIONALI DEL BULLISMO E DISAGIO GIOVANILE: COME CONTRASTARE IL FENOMENO A cura di Dr.ssa Silvia Testi e Dr.ssa Valeria Salsi Aspetti psicologici del Bullo e della Vittima Quale

Dettagli

SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport. di Giancarlo Forestieri pag. 9. di John C. Bogle. Parte prima Le cause e le conseguenze della veduta corta

SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport. di Giancarlo Forestieri pag. 9. di John C. Bogle. Parte prima Le cause e le conseguenze della veduta corta Indice SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport Prefazione all edizione italiana di Giancarlo Forestieri pag. 9 Prefazione di John C. Bogle Ringraziamenti Introduzione» 19» 25» 27 Parte prima Le cause

Dettagli

L ACQUA FONTE DI VITA È UN BENE COMUNE CHE APPARTIENE A TUTTI GLI ABITANTI DELLA TERRA

L ACQUA FONTE DI VITA È UN BENE COMUNE CHE APPARTIENE A TUTTI GLI ABITANTI DELLA TERRA Il Manifesto dell acqua IL DIRITTO ALLA VITA Veniamo dall Africa, dall America Latina, dal Nord America, dall Asia e dall Europa. Ci siamo riuniti nel 1998 con nessun altra legittimità o rappresentatività

Dettagli

ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ

ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ GIOVANI E ALCOL Dichiarazione ufficiale adottata a Stoccolma il 21 febbraio 2001 traduzione autorizzata del documento dell Organizzazione Mondiale della Sanità Ufficio

Dettagli

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Nell ambito del progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti si è proceduto alla realizzazione di quattro focus

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto La prevenzione delle droghe prof.ssa Carla Buonaiuto L adolescenza inizia con l ingresso alla scuola media inferiore e in questo periodo avvengono cambiamenti psicofisici e nelle relazioni con la famiglia,

Dettagli

Dipartimento Dipendenze. Progetto regionale di prevenzione LIFE SKILLS TRAINING

Dipartimento Dipendenze. Progetto regionale di prevenzione LIFE SKILLS TRAINING Dipartimento Dipendenze Progetto regionale di prevenzione LIFE SKILLS TRAINING Perché un intervento preventivo dell uso ed abuso di sostanze nella classe prima media? Le ricerche dimostrano che si sta

Dettagli

MICHAIL KALECKI ASPETTI POLITICI DEL PIENO IMPIEGO

MICHAIL KALECKI ASPETTI POLITICI DEL PIENO IMPIEGO MICHAIL KALECKI ASPETTI POLITICI DEL PIENO IMPIEGO 1943, versione riveduta nel 1970 Il problema di garantire il pieno impiego tramite l espansione della spesa pubblica, finanziata col debito pubblico,

Dettagli

Le parole chiave: Per non svuotare la sussidiarietà

Le parole chiave: Per non svuotare la sussidiarietà LINEE GUIDA PER UN PATTO PER IL RICONOSCIMENTO E LA VALORIZZAZIONE DELL APPORTO DEL TERZO SETTORE ALLA RETE DI SOSTEGNO AL WELFARE DI BOLOGNA E PROVINCIA Le parole chiave: 1. SUSSIDIARIETA 2. STABILE REGIA

Dettagli

Elezioni Europee 2014 MANIFESTO EDF: LE PRIORITÀ ASSOLUTE DEL MOVIMENTO DELLE PERSONE CON DISABILITÀ

Elezioni Europee 2014 MANIFESTO EDF: LE PRIORITÀ ASSOLUTE DEL MOVIMENTO DELLE PERSONE CON DISABILITÀ Elezioni Europee 2014 MANIFESTO EDF: LE PRIORITÀ ASSOLUTE DEL MOVIMENTO DELLE PERSONE CON DISABILITÀ MANIFESTO PER LE ELEZIONI EUROPEE 2014 Nell Unione Europea le persone con disabilità sono 80 milioni

Dettagli

XXV Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani. Noi, gli altri e la crisi

XXV Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani. Noi, gli altri e la crisi XXV Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani Noi, gli altri e la crisi Rapporto Giugno 2010 NOTA METODOLOGICA L Osservatorio sul capitale sociale è realizzato da Demos & Pi in collaborazione con

Dettagli

Kurt Lewin (1890-1947)

Kurt Lewin (1890-1947) Kurt Lewin (1890-1947) Famiglia ebraica. Nasce in Prussia nella odierna Polonia. Partecipa alla I guerra mondiale. Si laurea e inizia a insegnare all università di Berlino. 1933 emigra negli USA. Sviluppa

Dettagli

2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute

2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute Adelaide (Australia), 5-9 aprile 1988 Conferenza Internazionale Le Raccomandazioni di Adelaide The Adelaide Recommendations 2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute L adozione della Dichiarazione

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento.

Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento. Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento. Dott.ssa Irene Arcolini Provincia di Monza e Brianza LA SCUOLA DIFRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, LA DISLESSIA.

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

ricercatore presso l Istituto di Formazione politica «Pedro Arrupe» di Palermo

ricercatore presso l Istituto di Formazione politica «Pedro Arrupe» di Palermo Empowerment di Giuseppe Burgio Insegnante e formatore; ricercatore presso l Istituto di Formazione politica «Pedro Arrupe» di Palermo Tra le parole straniere ormai di uso corrente, empowerment è una delle

Dettagli

Sintesi dei risultati

Sintesi dei risultati 1 Sintesi dei risultati Il presente documento sintetizza i principali risultati ottenuti dall attività di ricerca e di intervista sviluppata dallo Studio GMB per conto dell Associazione Territorio e Cultura

Dettagli

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento Riflessioni su tempo, sviluppo, regole, autonomia, fiducia, sostegno Dr.ssa Nadia Badioli IL SENSO DEI COMPITI STRUMENTO PER: incentivare

Dettagli

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Obiettivo del questionario è rendere consapevole una persona della propria tendenza ad assumere in una conversazione uno o più

Dettagli

La politica monetaria

La politica monetaria Lezione 27 1 consiste nelle decisioni delle autorità monetarie che influenzano il tasso di interesse. Come abbiamo visto, le banche centrali mediante le operazioni di mercato aperto possono influenzare

Dettagli

Assemblea del Volontariato Italiano Roma 4 e 5 dicembre 2009

Assemblea del Volontariato Italiano Roma 4 e 5 dicembre 2009 Consulta Nazionale Volontariato Assemblea del Volontariato Italiano Roma 4 e 5 dicembre 2009 Documento di Lavoro 1 CONSIDERAZIONI DI CONTESTO: LA SITUAZIONE POLITICA, ECONOMICA E CULTURALE ODIERNA Il nostro

Dettagli

La legittimazione del counseling in Italia

La legittimazione del counseling in Italia Sede di Ancona Via D Ancona 73 a San Biagio di Osimo (AN) Tel. e Fax 071 7108609 Scuola Superiore Europea www.aspicmarche.it info@aspicmarche.it facebook.com/aspicmarche La legittimazione del counseling

Dettagli

MOVIMENTO EUROPEO CONSIGLIO NAZIONALE ROMA Spazio Europa, 14 ottobre 2014

MOVIMENTO EUROPEO CONSIGLIO NAZIONALE ROMA Spazio Europa, 14 ottobre 2014 MOVIMENTO EUROPEO CONSIGLIO NAZIONALE ROMA Spazio Europa, 14 ottobre 2014 PREMESSA Il Consiglio nazionale del Movimento europeo ha discusso della situazione europea alla vigilia del voto di fiducia del

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI ALLEGATO E DGR 535/2015 (estratto) REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI PARTECIPAZIONE E ASCOLTO DEI MINORENNI Servizio Famiglia, Minori e Pari Opportunità

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

La mitologia della riforma sanitaria

La mitologia della riforma sanitaria La mitologia della riforma sanitaria Il piano del governatore Romney Il 12 aprile 2006, il governatore repubblicano del Massachusetts - e potenziale candidato alle presidenziali del 2008 - Mitt Romney

Dettagli

Le strategie di marketing

Le strategie di marketing Stampa Le strategie di marketing admin in Professione Consulente Con l analisi di mercato è possibile mettere a punto i prodotti o servizi corrispondenti alle esigenze di ogni segmento di mercato. Essa

Dettagli

MANIFESTO PER LA FELICITA. Spunti emersi nel dialogo con Stefano Bartolini. Incontro del

MANIFESTO PER LA FELICITA. Spunti emersi nel dialogo con Stefano Bartolini. Incontro del MANIFESTO PER LA FELICITA Spunti emersi nel dialogo con Stefano Bartolini Incontro del Introduzioni e quesiti Io sono un economista, ma gli economisti hanno rovinato il mondo. Ed ora è tempo di cambiare

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: VIOLENZA CONTRO LE DONNE Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti - Ufficio

Dettagli

LE VENDITE COMPLESSE

LE VENDITE COMPLESSE LE VENDITE COMPLESSE 1 LE VENDITE COMPLESSE - PRINCIPI GENERALI Le vendite complesse differiscono da quelle semplici per molti importanti aspetti. Per avere successo è essenziale comprendere la psicologia

Dettagli

Nella produzione libraria 2006 sulla gestione

Nella produzione libraria 2006 sulla gestione LE VIE DELLA PROMOZIONE Il segmento intermedio tra lettori forti e deboli di Paola Dubini Il segmento delle persone che leggono dai due ai dieci libri l anno rappresenta la scommessa per la crescita stabile

Dettagli

DALLA PARTE DEI GENITORI Orciano (PU) 29.10.2010

DALLA PARTE DEI GENITORI Orciano (PU) 29.10.2010 DALLA PARTE DEI GENITORI Orciano (PU) 29.10.2010 La famiglia etica EDUCAZIONE AUTORITARIA 1. Comando 2. Responsabilità del padre 3. Severità 4. Esemplarità 5. Paura e senso di colpa del bambino La famiglia

Dettagli

IL BULLISMO NELLA SCUOLA. Dott.ssa Michela Zancaner Dott.ssa Carolina Valentino

IL BULLISMO NELLA SCUOLA. Dott.ssa Michela Zancaner Dott.ssa Carolina Valentino IL BULLISMO NELLA SCUOLA Dott.ssa Michela Zancaner Dott.ssa Carolina Valentino IL BULLISMO CHE COS È IL BULLISMO? Elementi per riconoscere un vero atto di bullismo: L INTENZIONALITA dell atto avviene quando

Dettagli

Il manuale è concentrato su questi articoli:

Il manuale è concentrato su questi articoli: Questo manuale è stato creato per aiutare i team leader e gli assistenti nel loro lavoro, dandoli una dritta specifica su alcuni dei loro doveri principali nel dirigere i propri gruppi di lavoro. La dirigenza

Dettagli

IV International Media Forum On the Protection of Nature

IV International Media Forum On the Protection of Nature IV International Media Forum On the Protection of Nature "Protection of Nature, Protection of Health" Roma, 4-7 Ottobre 2006 Carlotta Sami Direttrice dei Programmi, Save the Children Italia Chi siamo Save

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Il successo delle aziende, oggi, dipende dalla collaborazione e dalle partnership con altre organizzazioni. Emergono sempre di più le reti di organizzazioni. Oggi

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

PRESTO E BENE. Il sostegno nelle situazioni di Pronto Intervento. Relazione di Margherita Gallina Assistente sociale

PRESTO E BENE. Il sostegno nelle situazioni di Pronto Intervento. Relazione di Margherita Gallina Assistente sociale PRESTOEBENE. IlsostegnonellesituazionidiProntoIntervento RelazionediMargheritaGallina Assistentesociale Iltemacheabbiamosceltoperquestocorsoèdinotevoleinteressepoichépresentanotevolidifficoltà perl operatoreeperiresponsabilideiservizi:siaperlagravitàdellesituazionichesipresentanosia

Dettagli

CAPITOLO XXI. Crescita e sviluppo

CAPITOLO XXI. Crescita e sviluppo CAPITOLO XXI Crescita e sviluppo L obiettivo è di integrare alcuni aspetti della nuova teoria della crescita con quelli del paradigma dello sviluppo umano Considereremo le relazioni tra il capitale umano,

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino L Europa e la guerra nel Kosovo La guerra del Kosovo

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

IL CONTRASTO AL CRIMINE ORGANIZZATO ATTRAVERSO LA UTILIZZAZIONE DEI MASS MEDIA

IL CONTRASTO AL CRIMINE ORGANIZZATO ATTRAVERSO LA UTILIZZAZIONE DEI MASS MEDIA IL CONTRASTO AL CRIMINE ORGANIZZATO ATTRAVERSO LA UTILIZZAZIONE DEI MASS MEDIA *********** 1. Premessa sulla sociologia dei media. Si dice comunemente che viviamo in una società della informazione. Una

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Introduzione Che cos è il Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR)? Si tratta di uno degli istituti di partecipazione all amministrazione

Dettagli

UN PROGETTO PER CONTRASTARE LA DISPERSIONE SCOLASTICA A.A. 2013/14-2014/15

UN PROGETTO PER CONTRASTARE LA DISPERSIONE SCOLASTICA A.A. 2013/14-2014/15 UN PROGETTO PER CONTRASTARE LA DISPERSIONE SCOLASTICA A.A. 2013/14-2014/15 Iniziative didattiche di prevenzione e di contrasto della dispersione scolastica Premessa: a cura di Patrizia Selleri e Isabella

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

ELENCO DEI CORSI LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA O PERSUASIVA: COME SVILUPPARE LA CAPACITÀ DI TRATTARE CON LE PERSONE

ELENCO DEI CORSI LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA O PERSUASIVA: COME SVILUPPARE LA CAPACITÀ DI TRATTARE CON LE PERSONE ELENCO DEI CORSI LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA O PERSUASIVA: COME SVILUPPARE LA CAPACITÀ DI TRATTARE CON LE PERSONE Avviamento, sviluppo e potenziamento della competenza comunicativa, la chiave di volta del

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: MALTRATTAMENTI INFANTILI Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti - Ufficio

Dettagli

I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A.

I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A. ed ing u ng he I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A. y in t in Dott.ssa Patrizia Nagliati Psicologo perf. Neuropsicologia cognitiva e Psicopatologia dell apprendimento DISTURBI EMOTIVI

Dettagli

La mia scuola per la pace

La mia scuola per la pace La mia scuola per la pace Programma nazionale di educazione alla pace e ai diritti umani Anno scolastico 2005-2006 promosso dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani e

Dettagli

POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE Manuela Samek Lodovici IRS- Università Cattolica Milano 21 novembre 2013 Diverse forme e contesti di violenza contro le donne,

Dettagli

Argomenti: - La consapevolezza di sés - Il concetto di sés - La stima di sés - Le influenze esterne

Argomenti: - La consapevolezza di sés - Il concetto di sés - La stima di sés - Le influenze esterne Lo sviluppo del sé MODULO 14 1. Individualità e identità di genere 2. Lo sviluppo del sé 3. Continuità e discontinuità Argomenti: - La consapevolezza di sés - Il concetto di sés - La stima di sés - Le

Dettagli

DIRITTO ALLA CULTURA Presentazione dei risultati di 20 Future Workshop (a cura di Cecilia Cappelli) Premessa

DIRITTO ALLA CULTURA Presentazione dei risultati di 20 Future Workshop (a cura di Cecilia Cappelli) Premessa DIRITTO ALLA CULTURA Presentazione dei risultati di 20 Future Workshop (a cura di Cecilia Cappelli) Premessa L esperienza dei laboratori della partecipazione democratica è partita a febbraio e si è conclusa

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE Documento di sintesi del Progetto Pilota AttivaMente Questo documento rappresenta un punto di arrivo di un progetto pilota interreg chiamato AttivaMente. AttivaMente è una delle

Dettagli

Dimensioni del cambiamento Dimensione personale

Dimensioni del cambiamento Dimensione personale SINTESI Rilevanza ed effetti dell azione nel campo della fede e della giustizia Un tentativo di identificare, valutare e documentare i risultati e gli impatti dell attività dei partner di Sacrificio Quaresimale

Dettagli

Richiesta di uno studio europeo sulla domanda nell ambito del turismo sostenibile e responsabile

Richiesta di uno studio europeo sulla domanda nell ambito del turismo sostenibile e responsabile Richiesta di uno studio europeo sulla domanda nell ambito del turismo sostenibile e responsabile EARTH e le organizzazioni firmatarie invitano le istituzioni europee a dare avvio a uno studio su scala

Dettagli

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas Fondazione Sodalitas GfK Eurisko Le prospettive della Responsabilità Sociale in Italia Aprile 2010 Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione

Dettagli

N. 9-2008. Presidente: Prof. Giuseppe Bianchi. Via Piemonte, 101 00187 Roma telefono 06.4818443 gbianchi.isril@tiscali.it

N. 9-2008. Presidente: Prof. Giuseppe Bianchi. Via Piemonte, 101 00187 Roma telefono 06.4818443 gbianchi.isril@tiscali.it N. 9-2008 Presidente: Prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma telefono 06.4818443 gbianchi.isril@tiscali.it 1 Anche per i paesi a forte vocazione anarcoide, come l Italia, arriva il momento

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT PROGETTO CHIOCCIOL@.IT Premessa: Secondo una ricerca condotta da Skuola.net, in Italia un giovane su tre (nella fascia di età che va dagli undici ai venti anni) sarebbe sempre connesso ai social network.

Dettagli

INTRODUZIONE 7. Introduzione

INTRODUZIONE 7. Introduzione INTRODUZIONE 7 Introduzione «Mi sento a pezzi», «Ho i nervi a fior di pelle», «Non ce la faccio più», «Non riesco a dormire»: probabilmente vi sarà capitato di usare espressioni di questo genere e certamente

Dettagli

LA PUBBLICITA NEL MARKETING. A cura di Francesco Paolone, PhD student

LA PUBBLICITA NEL MARKETING. A cura di Francesco Paolone, PhD student LA PUBBLICITA NEL MARKETING A cura di Francesco Paolone, PhD student Indice Cenni sulla pubblicità Aspetti legali Modello promozionale Pubblicità come parte integrante del marketing mix Componenti di una

Dettagli

COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO?

COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO? COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO? Perché cercare di prevenire il bullismo? Aggressività e passività sono condotte reattive, modalità inadeguate di rapportarsi agli altri. Nell immediato comportano

Dettagli

gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso

gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso IL GIOCO D AZZARDO Il gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso cresce giorno per giorno, portando molte persone a bruciarsi il proprio stipendio in 10 minuti, guadagnato

Dettagli

Adolescenti e rischio: quali i rischi più diffusi e come affrontarli

Adolescenti e rischio: quali i rischi più diffusi e come affrontarli Adolescenti e rischio: quali i rischi più diffusi e come affrontarli Albino Caldato Mira 16 maggio 2012 Servizio Educazione e Promozione della Salute GIOVANI: DI CHI STIAMO PARLANDO? PRE-ADOLESCENZA (11-14

Dettagli

TERSICORE LABORATORI DI GIOCO-DANZA Psicomotricità e Movimento Creativo

TERSICORE LABORATORI DI GIOCO-DANZA Psicomotricità e Movimento Creativo TERSICORE LABORATORI DI GIOCO-DANZA Psicomotricità e Movimento Creativo I laboratori di GiocoDanza si propongono come un mezzo utile alla prevenzione della dispersione scolastica e dei fenomeni di disadattamento

Dettagli

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria Centro Studi Hänsel e Gretel onlus con il contributo della L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

Dettagli

Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ?

Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ? Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ? L'attuale complessità sociale e l'affermazione di nuovi modelli socio-economici e culturali hanno portato dei notevoli cambiamenti nella scuola e nella famiglia.

Dettagli

"Mangiare è una necessità. Mangiare intelligentemente è un'arte."francois de La Rochefoucauld

Mangiare è una necessità. Mangiare intelligentemente è un'arte.francois de La Rochefoucauld "Mangiare è una necessità. Mangiare intelligentemente è un'arte."francois de La Rochefoucauld Ma chi sono i veri padroni del cibo? I signori dell'industria alimentare sono 10 e hanno un enorme guadagno

Dettagli

Giovani protagonisti del futuro

Giovani protagonisti del futuro 2011 Giovani protagonisti del futuro Indagine sul disagio giovanile e interventi di prevenzione Daniela Pavoncello Logo della Gioventu.jpg Logo ISFOL.jpg INDAGINE SUL DISAGIO GIOVANILE E INTERVENTI DI

Dettagli

CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA

CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA (approvato dai Ministri europei responsabili per lo Sport, riuniti a Rodi per la loro 7^ conferenza, 13-15 maggio 1992) FAIR PLAY - IL MODO VINCENTE CHI GIOCA LEALMENTE

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 1 Il quarto Quadro strategico del Fondo regioni, di insicurezza alimentare

Dettagli

tra la pubblicità online e il ROI

tra la pubblicità online e il ROI Una chiara tra la pubblicità online e il ROI Analisi dell impatto della pubblicità online nel media mix delle società di telecomunicazioni Greg Forbes, Research Manager, Microsoft Advertising Una chiara

Dettagli

Il ruolo dei mass media nella lotta al fumo

Il ruolo dei mass media nella lotta al fumo Il ruolo dei mass media nella lotta al fumo di Matteo Garuti MASS MEDIA = Prerogative dei mass media - vasto pubblico - incisività - ripetitività - basso impegno per l attezione mezzo di comunicazione

Dettagli

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi G8 Social Summit People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi Conclusioni della Riunione del G8 sul Lavoro e l Occupazione 1. I Ministri del Lavoro e dell Occupazione dei paesi del G8

Dettagli

2.7. Concetto di responsabilità, rapporto diritti-doveri

2.7. Concetto di responsabilità, rapporto diritti-doveri 2.7. Concetto di responsabilità, rapporto diritti-doveri Il tema dei diritti trova da sempre un punto di congiunzione con quello dei doveri. La Dichiarazione Universale dei diritti dell uomo, all art.29

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA

AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività VIII CONGRESSO NAZIONALE AIDAI AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA Pescara 16/17 settembre 2011 Difficoltà comportamentali e relazioni sociali in adolescenza

Dettagli

La Prevenzione è amicizia Progetto di Educazione alla Salute nelle Scuole di Genova

La Prevenzione è amicizia Progetto di Educazione alla Salute nelle Scuole di Genova La Prevenzione è amicizia Progetto di Educazione alla Salute nelle Scuole di Genova Presentazione dell associazione: Il Centro Oncologico Ligure (COL) è un Associazione di Promozione Sociale basata sul

Dettagli

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Vittime minori LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Migliaia di bambini assistono in casa a scene di violenza domestica: questa è una delle esperienze più

Dettagli

Sicurezza e cittadinanza

Sicurezza e cittadinanza Sicurezza e cittadinanza (pp. 529 568 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale La criminalità oltre l emotività Negli ultimi tre anni la criminalità in

Dettagli

Marketing Introduzione al marketing strategico

Marketing Introduzione al marketing strategico http://www.dimeg.poliba.it/kmlab Marketing Introduzione al marketing strategico Prof. Michele Gorgoglione m.gorgoglione@poliba.it Sommario Quattro definizioni di marketing 1. Concetti di base dal bisogno

Dettagli