Tecniche di programmazione, lancio e controllo della produzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tecniche di programmazione, lancio e controllo della produzione"

Transcript

1 Tecniche di programmazione, lancio e controllo della produzione 1

2 PIANIFICAZIONE DI LUNGO PERIODO DELLA PRODUZIONE CAP.1 :Terminologia 2

3 TERMINOLOGIA Efficacia Efficacia : Risultato fornito Risultato previsto Raggiungimento dello scopo Rispetto delle specifiche di prodotto definite dal cliente (progettare e produrre ciò che vuole il cliente) Efficacia : Rispetto dei tempi di consegna (consegnare i prodotti nei tempi concordati) Efficace servizio di assistenza post-vendita 3

4 TERMINOLOGIA Efficacia Efficacia significa garantire il servizio offerto in termini di: QUALITA': - Incidenza scarti e rilavorazioni - Ripetitività scarti e rilavorazioni - Incidenza interventi post-vendita - Affidabilità delle produzioni - Livello di servizio - Qualità professionale manodopera TEMPO: - Affidabilità tempi di consegna - Tempi di attraversamento - Rapidità, tempestività tempi di consegna - Lead time - Tempi per introduzione nuovi prodotti FLESSIBILITA': - Entità accettabili per variazioni di volumi e/o mix - Numero di produzioni diverse nel periodo - Grado di personalizzazione accettabile del prodotto 4

5 TERMINOLOGIA Efficienza Rilanciare l'efficienza vuol dire: Output fornito Efficienza : Input utilizzato Centrare l'obiettivo con il minimo sforzo, mantenendo e sviluppando la performance di efficacia 5

6 TERMINOLOGIA Efficienza Migliorare la produttività o efficienza significa: CAPIRE I FATTORI DI PRODUZIONE VALUTARE L'IMPATTO DEI FATTORI PRODUTTIVI SUI COSTI ANALIZZARE I METODI DI LAVORO E OTTIMIZZARLI 6

7 TERMINOLOGIA Efficienza Gli indicatori di prestazione utilizzati per misurare l'efficienza dei fattori produttivi sono: PRODUTTIVITA' = OUTPUT FATTORI PRODUTTIVI UTILIZZATI MATERIE PRIME IMPIANTI MANODOPERA RESE ( kg / pz : controllo sfridi, scarti ) PRODUTTIVITA' IMPIANTO (set up, start up, shut down, guasti, microfermate...) PRODUTTIVITA' DEL LAVORO ( h / pz : controllo lavorazione ) 7

8 TERMINOLOGIA OBIETTIVO SODDISFAZIONE DEL CLIENTE EFFICACIA VINCOLI RISORSE A DISPOSIZIONE EFFICIENZA 8

9 TERMINOLOGIA Le aziende Manifatturiere devono essere in grado di mantenere e reperire informazioni tecniche aggiornate. Questo implica un grosso volume di lavoro che consente di descrivere: Composizione del prodotto Struttura del prodotto Specifiche di fabbricazione Specifiche di assemblaggio Queste informazioni sono indispensabili per gestire in modo corretto il processo di pianificazione e di produzione e sono rintracciabili in: Distinta Base Cicli di produzione 9

10 TERMINOLOGIA Distinta base Rappresenta la struttura del prodotto (o di qualunque assieme), articolata su uno o più livelli in maniera da evidenziare la sequenza logica di costruzione /montaggio. Contiene le seguenti informazioni: * legame assieme-componente * coefficiente di impiego * coefficiente di scarto Distinta Base piatta P.F. Distinta Base su più livelli P.F. a b c a b c d e 10

11 TERMINOLOGIA Livelli di Distinta Base Un eccessivo numero di livelli: comporta un elevato numero di codici. Ogni codice rappresenta un costo in termini di elaborazione e gestione operativa (documentazione, prelievi, lancio ordini, informazioni su avanzamento produzione,..) Un insufficiente numero di livelli: compromette la disponibilità di informazioni utili per una "efficace" gestione (controllo avanzamento, controllo magazzini,..) 11

12 TERMINOLOGIA Utilizzi della Distinta Base Definizione del prodotto Istruzione di fabbricazione Controllo delle modifiche del progetto Disponibilità pezzi di ricambio Programmazione degli impianti Analisi delle risorse Liste di prelievo Contabilizzazione dei costi Calcolo dei prezzi 12

13 TERMINOLOGIA Utenti della Distinta Base PROGETTAZIONE Nuovi prodotti Modifiche tecniche Pezzi speciali SERVIZI TECNICI Determinazione delle sequenze di produzione Produzione Creazione dei cicli Modifica ai metodi CONTABILITA' CONTROLLO PRODUZIONE E SCORTE MAGAZZINO Costi Prezzi Pianificazione dei materiali Pianificazione delle priorità Cosa prelevare Quanto prelevare 13

14 INTRODUZIONE CAP. 2 :Introduzione 14

15 INTRODUZIONE I tre momenti della Gestione della Produzione Si può riassumere la gestione della produzione in tre momenti fondamentali: 1. PIANIFICAZIONE 2. PROGRAMMAZIONE 3. CONTROLLO 15

16 INTRODUZIONE Differenza tra Pianificazione e Programmazione Pianificazione Programmazione Entrambe hanno lo scopo di predisporre le risorse necessarie a soddisfare gli obiettivi assegnati e verificarne la realizzabilità. Ø Lungo termine Ø Permangono vincoli anche nel lungo termine (natura del business, limiti tecnologici, ) ma in generale gli intervalli di variabilità sono molto ampi. Ø Medio / breve termine Ø Spingendosi nel breve le risorse risultano sempre più vincolate e non modificabili 16

17 INTRODUZIONE Differenza tra Pianificazione e Programmazione Pianificazione Programmazione Definisce il livello complessivo di produzione Definisce cosa deve essere prodotto, in che quantità e con quali scadenze. L attività di programmazione segue logicamente quella di pianificazione, perché il suo scopo è rendere operativo un obiettivo di cui si conosce la realizzabilità. 17

18 INTRODUZIONE Programmazione della produzione: Rappresenta quell'insieme di attività che permettono, a fronte di ordini e/o previsioni di vendita di prodotti finiti: * la generazione degli ordini di produzione * l'assegnazione degli ordini di produzione alle differenti unità produttive * la pianificazione dei fabbisogni dei sottoinsiemi e delle materie prime (componenti) * il sequenziamento delle lavorazioni sulle singole macchine operatrici (centri di lavoro) deve pertanto fornire, per tutti i livelli della distinta base di un prodotto finito, le risposte alle seguenti domande: * quanto produrre? * di quale prodotto/componente? * su quale unità/centro produttivo? * in quale periodo dell'orizzonte di lavorazione? 18

19 INTRODUZIONE Obiettivi principali e compiti critici NELLA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE BASSO COSTO DI PRODUZIONE REGOLARITA' NELLE CONSEGNE ALTA ELASTICITA' CONSEGNE RAPIDE ALTA FLESSIBILITA' QUALITA' ELEVATA 19

20 INTRODUZIONE Parametri strategici NELLA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE I NUOVI PARAMETRI PRODUTTIVI STRATEGICI LEAD TIME ROTAZIONE SCORTE QUALITA' TEMPO DI INTRODUZIONE NUOVI PRODOTTI I NUOVI PARAMETRI PRODUTTIVI STRATEGICI FLESSIBILITA' SPRECHI LIVELLO DI SERVIZIO AL CLIENTE R.O.I. 20

21 INTRODUZIONE Orizzonti temporali della programmazione della produzione Orizzonte temporale Pianificazione di Lungo Periodo 1-3 anni Programmazione di Medio Periodo o "programmazione aggregata della produzione" orizzonte 6 mesi periodo di riferimento:mese Programmazione di Breve Periodo o "programmazione operativa" settimana Controllo della produzione giorno 21

22 INTRODUZIONE Orizzonti temporali della programmazione della produzione Pianificazione di Lungo Periodo 1-3 anni Programmazione di Medio Periodo o "programmazione aggregata della produzione 6 mesi Programmazione di Breve Periodo o "programmazione operativa settimana Controllo della produzione giorno 22

23 INTRODUZIONE Orizzonti temporali della programmazione della produzione Pianificazione di Lungo Periodo Output Formulazione di un Budget di produzione per ogni unità produttiva Risultato Indicazione di massima di "quanto" si dovrà produrre e di "quante" e "quali" risorse produttive saranno presumibilmente necessarie Programmazione di Medio Periodo o "programmazione aggregata della produzione Formulazione di un Piano Principale di produzione (Master Production Schedule) Indicazioni du "quanto" produrre di "quale" famiglia in ogni periodo dell'orizzonte considerato Programmazione di Breve Periodo o "programmazione operativa Allocazione delle risorse ai "job" da realizzare e il sequenziamento dei singoli "Job" e delle singole operazioni Programmazione sui singoli prodotti tenendo conto dei vari vincoli, quali: capacità produttiva, date di consegna, stato delle attrezzature... Controllo della produzione Controllo dell'esecuzione del piano operativo e monitoraggio dello stato di avanzamento della produzione Sono controllate grandezze, quali: le rese, i consumi di materiali, quantità prodotte,.. 23

24 INTRODUZIONE Orizzonti temporali della programmazione della produzione 1 Fase Pianificazione di Lungo Periodo 2 Fase Programmazione aggregata Lo stabilimento o la singola linea sono modellizati come "black box" ed esistono vincoli flebili sull'utilizzo delle risorse. Scelte strategiche di tipo: MAKE or BUY acquisizione o cessione di capacità produttiva I singoli prodotti finiti sono raggruppati in famiglie. Si analizzano i vincoli critici (disponibilità risorse, raggiungimento fatturato). Input di questa fase sono i livelli di servizio target, i costi di manutenzione e la gestione della qualità. 4 Fase Controllo della produzione Sono controllate grandezze come: rese, consumi di materiali, avanzamento singoli ordini di produzione, scarti, etc.. 3 Fase Programmazione operativa La programmazione è fatta per singoli prodotti, tenendo conto di tutti i vincoli, quali capacità produttiva del reparto, turni, date di consegna, esistenza di materie prime, grezzi, semilavorati. Schedulazione di breve periodo (giorno/turno) 24

25 INTRODUZIONE I diversi livelli di Programmazione e Controllo Pianificazione Lungo periodo Pian. Strategica Direzione generale Direzione Operations Direttori di Stabilimento Finanza e controllo Programmazione aggregata Programmazione operativa. Controllo della produzione Programmazione Tattica Programmazione Operativa Ufficio Programmazione (aziendale o di stab.) Ufficio Programmazione (di stabilimento) Reparti ORIZZONTE PRODOTTI IMPATTO Pianificazione Lungo periodo Programmazione aggregata Programmazione operativa. Controllo della produzione 25

26 PIANIFICAZIONE DI LUNGO PERIODO DELLA PRODUZIONE CAP.3 :Pianificazione di lungo periodo della produzione 26

27 PIANIFICAZIONE DI LUNGO PERIODO DELLA PRODUZIONE Obiettivi ed esigenze di un sistema di Pianificazione e Programmazione Basso costo di produzione: alta efficienza, riduzione tempi e costi di attrezzaggio, contenimento costi di manodopera Alta elasticità: deve far fronte rapidamente ad elevate oscillazioni nei volumi di produzione Alta flessibilità: deve far fronte in tempi brevi e a costi contenuti a rilevanti variazioni di mix Qualità elevata Consegne rapide: Regolarità nelle consegne: 27

28 PIANIFICAZIONE DI LUNGO PERIODO DELLA PRODUZIONE Il punto di partenza sono le previsioni di lungo periodo. Occorre tenere presente che: Ø Le previsioni, per definizione, non saranno mai prive di errori Ø Sono un elemento di riferimento per le funzioni che le devono utilizzare Ø Ogni funzione aziendale (commerciale, produzione, logistica, risorse umane, ) ha obiettivi diversi 28

29 PIANIFICAZIONE DI LUNGO PERIODO DELLA PRODUZIONE La pianificazione di lungo periodo Obiettivi strategici (qualità, servizio, ) Budget di vendita Pianificazione di lungo periodo Budget di produzione: quanto produrre ogni anno dove come 29

30 PIANIFICAZIONE DI LUNGO PERIODO DELLA PRODUZIONE La pianificazione di lungo periodo: le leve decisionali Ø Definizione del sistema produttivo: Ø Espansione / acquisizione di capacità produttiva Ø Scelte di Make or Buy strategico Ø Selezione dei fornitori 30

31 PROGRAMMAZIONE DI MEDIO PERIODO O PROGRAMMAZIONE AGGREGATA Programmazione di medio periodo della produzione (programmazione aggregata) 81

32 PROGRAMMAZIONE DI MEDIO PERIODO O PROGRAMMAZIONE AGGREGATA OBIETTIVO Formulare il PIANO PRINCIPALE di PRODUZIONE (MPS) OGGETTO Indicazioni di "quanto" produrre di "quale" famiglia in ogni periodo dell'orizzonte considerato ORIZZONTE Periodo di riferimento: MESE Orizzonte considerato: SEMESTRE STRUMENTO Modelli di programmazione aggregata 82

33 PROGRAMMAZIONE DI MEDIO PERIODO O PROGRAMMAZIONE AGGREGATA MPS (Master Production Schedule) * l'mps (Piano Principale di Produzione) viene determinato sulla base del piano operativo e delle vendite e viene riaggiornato con frequenza settimanale, con un orizzonte superiore al massimo lead time di approvvigionamento. Il piano principale di produzione, comportando una verifica della capacità e della disponibilità dei componenti critici, si presenta come una soluzione ammissibile consentendo una pianificazione su basi realistiche * Piano principale di produzione: - definisce il piano degli ordini di produzione per i prodotti finiti - fornisce l'input all'mrp per il calcolo dei fabbisogni dei materiali - costituisce la base per la gestione della data di consegna INPUT OUTPUT * Ordini clienti * Previsioni di vendita * Quali prodotti devo produrre * Quando * Quanti 83

34 PROGRAMMAZIONE DI MEDIO PERIODO O PROGRAMMAZIONE AGGREGATA Programmazione aggregata della produzione: Analisi di: Domanda Tipologia di prodotti Costi Formulazione del: MPS Master Production Schedule 84

35 PROGRAMMAZIONE DI MEDIO PERIODO O PROGRAMMAZIONE AGGREGATA Nella formulazione dell' MPS occorre conciliare le molteplici esigenze delle diverse funzioni aziendali: Esigenze commerciali riassumibili nella necessità di disporre sempre, o quantomeno in tempi brevi, di un'ampia gamma di prodotti, per garantire agli acquirenti un ELEVATO LIVELLO DI SERVIZIO Esigenze della produzione che vorrebbe poter mantenere un RITMO PRODUTTIVO COSTANTE e produrre per grandi lotti per contenere i costi di produzione Esigenze finanziarie che impongono anticipi limitati tra produzione e vendita al fine di MINIMIZZARE gli immobilizzi finanziari in SCORTE Esigenze del personale secondo cui sono preferibili piano di produzione aventi un profilo di UTILIZZO DELLA MANODOPERA LIVELLATO 85

36 PROGRAMMAZIONE DI MEDIO PERIODO O PROGRAMMAZIONE AGGREGATA Significa quindi rispettare VINCOLI che possono riguardare diverse caratteristiche: di capacità produttiva in orario normale prevede il confronto tra capacità produttiva disponibile e necessaria di capacità produttiva in orario straordinario prevede limitazioni inerenti all'orario straordinario di subforniture limite sia inferiore (non è possibile richiedere la subfornitura di quantità irrisorie) che superiore (quantitativi esorbitanti)

37 PROGRAMMAZIONE DI MEDIO PERIODO O PROGRAMMAZIONE AGGREGATA La formulazione dell'mps necessita la conoscenza di alcune caratteristiche del sistema produttivo, tra le quali: Domanda Tipologia di prodotti Costi 87

38 PROGRAMMAZIONE DI MEDIO PERIODO O PROGRAMMAZIONE AGGREGATA Domanda Può essere composta da: ORDINI già acquisiti PREVISIONI DI VENDITA entrambi Ha caratteristiche di PREVEDIBILITA': prevedibile su base statistica non prevedibile Ha caratteristiche di STAGIONALITA': stagionale (stazionaria o con trend) non stagionale 88

39 PROGRAMMAZIONE DI MEDIO PERIODO O PROGRAMMAZIONE AGGREGATA Domanda Esempi: con trend con trend Domanda stagionale stazionaria 89

40 PROGRAMMAZIONE DI MEDIO PERIODO O PROGRAMMAZIONE AGGREGATA Tipologia di prodotti Il concetto di prodotto può essere esplicitato in tre modi diversi: item (o codice) rappresenta il prodotto finito da distribuire agli acquirenti oggetto della programmazione operativa famiglia set di prodotti raggruppabili in base a qualche affinità oggetto della programmazione aggregata tipo gruppo di famiglie aventi costi di produzione simili oggetto della pianificazione di lungo periodo 90

41 PROGRAMMAZIONE DI MEDIO PERIODO O PROGRAMMAZIONE AGGREGATA Costi In sede di formulazione dl Piano Principale di Produzione, occorre tener conto delle seguenti tipologie di costi: Costi variabili di produzione Costi fissi di produzione Diretti (o speciale) Indiretti (o comune) a seconda che sia attribuibile o meno ad un particolare prodotto Costi di manodopera in straordinario Costi di stockout Costi di setup Costi di subfornitura Costi di mantenimento a scorta 91

42 PROGRAMMAZIONE DI MEDIO PERIODO O PROGRAMMAZIONE AGGREGATA Costi variabili di produzione Sono costi la cui entità varia proporzionalmente al volume produttivo e sono determinati da: Costo delle materie prime Costo del materiale diretto di consumo Costo della manodopera diretta se flessibile,cioè spostabile da una linea all'altra Costo dell'energia 92

43 PROGRAMMAZIONE DI MEDIO PERIODO O PROGRAMMAZIONE AGGREGATA Costi fissi di produzione Sono costi che l'azienda sostiene indipendentemente dal volume produttivo realizzato e sono classificati come: Costo della manutenzione programmata Costo della manodopera diretta fissa Spese generali di fabbrica (compreso il personale indiretto) Spese di ammorta= mento degli impianti 93

44 PROGRAMMAZIONE DI MEDIO PERIODO O PROGRAMMAZIONE AGGREGATA Matrice dei costi COSTI DIRETTI/ SPECIALI COSTI VARIABILI Manodopera flessibile Energia Materie prime COSTI INDIRETTI COSTI FISSI Attrezzature speciali dedicate ( es stampi) Manutenzioni Spese generale Ammortamenti 94

45 PROGRAMMAZIONE DI MEDIO PERIODO O PROGRAMMAZIONE AGGREGATA Altri costi Costi di manodopera in straordinario Rappresenta l'extra-costo che si sostiene per retribuire la manodopera qualora si lavori in orario differente dall'orario regolare (fine turno o fine settimana) Costi di subfornitura Tale costo è composto dal prezzo della trasformazione effettuata all'esterno a da altre voci di costo che l'impresa sostiene quando ricorre alla subfornitura (costi di controllo qualità, di trasporto,...) Costi di non fornitura Rappresenta il costo che l'azienda sostiene quando non riesce ad evadere la domanda di un determinato prodotto. Può essere: Ø recuperabile quando il cliente accetta una consegna interamente o parzialmente differita Ø non recuperabile caso in cui l'acquirente ha la possibilità di rivolgersi ad altri fornitori 95

46 PROGRAMMAZIONE DI BREVE PERIODO O PROGRAMMAZIONE OPERATIVA Programmazione di breve periodo 240

47 PROGRAMMAZIONE DI BREVE PERIODO O PROGRAMMAZIONE OPERATIVA OBIETTIVO Emissione della documentazione operativa (ordini bolle di lavoro) OGGETTO Programmazione dei SINGOLI PRODOTTI/ SERVIZI tenendo conto di tutti i vincoli, tra i quali: capacità produttiva, data di consegna... ORIZZONTE Periodo di riferimento: SETTIMANA STRUMENTO Modelli di programmazione operativa 241

48 PROGRAMMAZIONE DI BREVE PERIODO O PROGRAMMAZIONE OPERATIVA Schedulazione ordini 242

49 PROGRAMMAZIONE DI BREVE PERIODO O PROGRAMMAZIONE OPERATIVA Passaggi della schedulazione : DA PROGRAMMAZIONE A CAPACITA INFINITA: Significa programmare gli ordini a prescindere dall effettiva disponibilità degli impianti. Nel caso in cui i sovraccarichi assumano valori eccessivi, cioè molto maggiore della capacità disponibile, occorrerà modificare le date di consegna e/o le quantità degli ordini. Nel caso in cui invece il deficit sia modesto, si cercherà di predisporre tutta la capacità necessaria a soddisfare il piano 243

50 PROGRAMMAZIONE DI BREVE PERIODO O PROGRAMMAZIONE OPERATIVA Passaggi della schedulazione : A PROGRAMMAZIONE A CAPACITA FINITA: Equivale a collocare le operazioni degli ordini tenendo conto della reale capacità disponibile, a prescindere dal vincolo sulle date di consegna richieste. Ciò significa che una data fase di lavorazione verrà posticipata nel tempo fino a quando la macchina che la deve eseguire non sarà disponibile. Scopo di questa attività non è più evidenziare i deficit di attività, ma elaborare invece un PROGRAMMA OPERATIVO, in grado cioè di GUIDARE L EFFETTIVA ESECUZIONE 244

51 PROGRAMMAZIONE DI BREVE PERIODO O PROGRAMMAZIONE OPERATIVA Esempio di schedulazione Un officina che lavora su un turno di 8 ore effettive, produce particolari in acciaio per cuscinetti a sfere. Dispone di quattro macchine con le quali produce molti tipi di prodotti su commessa. In particolare alla data attuale ( ) ha un portafoglio ordini a breve costituito dai tre ordini di produzione seguenti: Ordini Data di consegna N.ro pezzi Ciclo J1 14/01/ A J2 13/01/ B J3 12/01/ C I cicli di lavorazione sono illustrati nella tabella successiva nella quale sono riportate le sequenze delle operazioni sulle macchine e i relativi tempi di lavorazione unitari (espressi in minuti) 245

52 PROGRAMMAZIONE DI BREVE PERIODO O PROGRAMMAZIONE OPERATIVA Ciclo Sequenza operazioni M1 M2 M3 M4 A M1 ->M2->M3 0,5 1 0,5 - B M1 ->M3->M4 0,25-1 0,25 C M2 ->M3->M4-0,5 0,5 0,5 Gli obiettivi di questa esercitazione sono: r redigere il programma di carico a capacità finita utilizzando la regola del EDD ( Earliest Due date), disegnando il diagramma di Gantt per le giornate 12,13,14,15/1/03 ipotizzando che in data odierna, 11/1/03, l orario lavorativo sia già terminato; r modificare il programma di carico precedente in modo tale che tutti i job rispettino le date di consegna. A tale scopo si può usare come leva gestionale il ricorso a straordinario al massimo per 1 ora al giorno o la rinegoziazione della data di consegna di uno degli ordini. 246

53 PROGRAMMAZIONE DI BREVE PERIODO O PROGRAMMAZIONE OPERATIVA La regola EDD assume come prioritari gli ordini di lavoro con data di scadenza più vicina, pertanto la sequenza di carico è: J3 - J2 - J1. Ciclo Data di consegna Priorità M1 M2 M3 M4 C (verde) 12/01/ B (blu) 13/01/03 2 2, ,5 A (giallo) 14/01/ Una volta stabilite le priorità, si allocano i job sulle macchine, secondo il ciclo di produzione stabilito, e si costruisce il diagramma di carico delle risorse produttive a capacità finita per determinare le date possibili di fine lavorazione. 247

54 PROGRAMMAZIONE DI BREVE PERIODO O PROGRAMMAZIONE OPERATIVA Come si costruisce un diagramma di GANTT r sull asse delle ordinate si riportano le macchine presenti in officina e sull asse delle ascisse il tempo (ogni quadratino in figura rappresenta mezz ora di lavoro) r ogni tabella è riferita ad una giornata di lavoro r ogni barra colorata è riferita al tempo complessivo della lavorazione di quel job effettuata su quella macchina Ad esempio, il J2 (colore giallo) ha un tempo macchina unitario di 0,5 minuti sulla macchina M1 e si devono processare 720 pezzi; quindi il tempo impiegato per completare la lavorazione è di (0,5*720)/60 = 6 ore pari a 12 quadratini nel diagramma. Cosi facendo si procede per tutte le lavorazioni dei job 248

55 PROGRAMMAZIONE DI BREVE PERIODO O PROGRAMMAZIONE OPERATIVA Diagramma a capacità finita 12/01/03 13/01/03 M1 M2 M3 M4 M1 M2 M3 M1 M2 M3 M4 M1 M2 M3 M4 M4 X 1 quadratino = 0,5 ore 249

56 PROGRAMMAZIONE DI BREVE PERIODO O PROGRAMMAZIONE OPERATIVA Diagramma a capacità finita 14/01/03 M1 M1 M2 M3 M4 M2 M3 M4 X X 15/01/03 M1 M2 M1 M2 M3 M4 M3 M4 X X 250

57 PROGRAMMAZIONE DI BREVE PERIODO O PROGRAMMAZIONE OPERATIVA Come si può notare dai diagrammi precedenti, nessuno dei tre job può essere completato rispettando le scadenze prefissate. Occorre quindi intervenire utilizzando le leve gestionali. Per capire dove intervenire si costruisce il diagramma di carico a capacità infinita. Attraverso questo diagramma si verifica la possibilità di rispettare le scadenze indipendentemente dalla capacità delle macchine e si evidenziano i colli di bottiglia da eliminare attraverso le leve Diagramma a capacità infinita 12/01/03 M1 M2 M3 M4 M1 M2 M3 M4 251

58 PROGRAMMAZIONE DI BREVE PERIODO O PROGRAMMAZIONE OPERATIVA Diagramma a capacità infinita 13/01/03 14/01/03 M1 M2 M3 M4 M1 M2 M3 M4 M1 M2 M3 M4 M1 M2 M3 M4 Nel nostro caso tutti e tre i job potrebbero essere completati rispettando le date di consegna, se si riuscisse ad eliminare i colli di bottiglia rappresentati dalla macchina 1 per i job 1 e 2, e dalla macchina 3 per i job 2 e 3 252

59 PROGRAMMAZIONE DI BREVE PERIODO O PROGRAMMAZIONE OPERATIVA Utilizzare come leva gestionale il lavoro straordinario significa aumentare le ore di manodopera disponibili di una risorsa produttiva. 12/01/03 Applicazione delle leve M1 M2 M3 M4 Straordinario. 253

60 PROGRAMMAZIONE DI BREVE PERIODO O PROGRAMMAZIONE OPERATIVA 13/01/03 M1 M2 M3 M4 M1 M2 M3 M4 14/01/03 M1 M2 M3 M4 M1 M2 M3 M4 254

61 PROGRAMMAZIONE DI BREVE PERIODO O PROGRAMMAZIONE OPERATIVA 15/01/03 M1 M2 M3 M1 M2 M3 M4 M4 Nonostante l uso delle leve gestionali disponibili (1 ora di straordinario), non è possibile rispettare le date di consegna di tutti e tre i job, ma solo per due di essi (J2 e J3). Per il job rimanente (J1) si può ricorrere ad un altra leva gestionale che è la ricontrattazione della data di consegna con il cliente. 255

62 PROGRAMMAZIONE DI BREVE PERIODO O PROGRAMMAZIONE OPERATIVA CONCETTI CHIAVE SULLA PROGRAMMAZIONE OPERATIVA La Programmazione Operativa è un mondo complesso: Ø Situazioni altamente dinamiche ed incerte Ø Frequente carenza di dati accurati e tempestivi Ø Obiettivi contrastanti (ritardi, costi, saturazione macchine, saturazione mdo, obiettivi funzionali,.) Ø Presenza di vincoli complessi che non si possono trascurare 256

63 PROGRAMMAZIONE DI BREVE PERIODO O PROGRAMMAZIONE OPERATIVA CONCETTI CHIAVE SULLA PROGRAMMAZIONE OPERATIVA Approcci possibili: 1. Algoritmi di scheduling: diversi per tipo di impianto, obiettivo, tecnica risolutiva. Ø Possono essere utili per impianti semplici (fino a flow shop). Ø In pratica poco usati. 2. Regole di carico: diverse per variabile considerata (tempo di ritardo, ordine più urgente, numero ordini in ritardo, ) Ø Semplici da usare Ø Possono essere usate anche in impianti complessi (job shop) 3. Diagramma di Gantt: visualizzazione di un piano schedulato, possibilità di apportare modifiche e vederne il risultato sulla schedulazione delle attività. 257

64 CONTROLLO E AVANZAMENTO DI PRODUZIONE Controllo e avanzamento di produzione 258

65 CONTROLLO E AVANZAMENTO DI PRODUZIONE La gestione della produzione può essere scomposta in tre momenti fondamentali: PIANIFICAZIONE PROGRAMMAZIONE CONTROLLO Il CONTROLLO non deve essere inteso come volto unicamente a tecniche di rilevazione contabile e di ispezione, bensì : mostra lo scostamento tra programmi e realtà produttiva, fornendo le informazioni necessarie per dirigere le azioni di correzione. 259

66 CONTROLLO E AVANZAMENTO DI PRODUZIONE Fasi di un processo di controllo: Rilevazione e misurazione dei risultati (in termini di efficacia ed efficienza) mediante un costante raffronto con gli obiettivi prefissati Confronto e valutazione critica dei risultati con i dati fissati in sede di programmazione ; in questa fase vi è la ricerca delle deviazioni significative dai programmi e dagli standard e l individuazione delle cause che le hanno deterrminate 260

67 CONTROLLO E AVANZAMENTO DI PRODUZIONE Fasi di un processo di controllo: Selezione e studio di possibili misure correttive e tempestiva trasmissione agli organi responsabili della loro attuazione Esecuzione delle azioni correttive intese a riportare il processo nei limiti di controllo Verifica a posteriori volta a determinare l adeguatezza delle analisi svolte e l efficacia delle azioni correttive 261

68 CONTROLLO E AVANZAMENTO DI PRODUZIONE 262

69 CONTROLLO E AVANZAMENTO DI PRODUZIONE Scelta delle grandezze da controllare Va fatta in funzione della: TIPOLOGIE PRODUTTIVA RILEVANZA DEGLI ELEMENTI DI COSTO Progettazione di un sistema di controllo Si articola nelle seguenti fasi: Definire le caratteristiche del sistema di controllo Definire cosa controllare, con quali strumenti e in vista di quali obiettivi Definire gli standard di riferimento 263

70 CONTROLLO E AVANZAMENTO DI PRODUZIONE Caratteristiche distintive dei sistemi di controllo AMPIEZZA FREQUENZA TEMPO DI RISPOSTA Quale valore di una certa grandezza viene ritenuto significativo per essere rilevato Ogni quanto tempo oppure a fronte di quale evento lo si vuole rilevare In quanto tempo il sistema di controllo della produzione deve essere in grado di reagire 264

71 CONTROLLO E AVANZAMENTO DI PRODUZIONE Dove si reperiscono le informazioni per il controllo Registrazione delle presenze (sul centro di lavoro) e consuntivi di lavoro per effettuare delle analisi tra preventivi e consuntivi dei tempi Rapporti di controllo qualità 265

72 CONTROLLO E AVANZAMENTO DI PRODUZIONE Il CONTROLLO AVANZAMENTO DELLA PRODUZIONE ha come obiettivo principale verificare se l esecuzione è conforme alle priorità definite a valle del processo di pianificazione: ciò al fine di effettuare una corretta riprogrammazione Il controllo si può effettuare: Periodicamente Per obiettivi (commessa, lotto) Per successivi stadi di avanzamento Estemporaneamente Per fase/per operazione e per ordine 266

73 CONTROLLO E AVANZAMENTO DI PRODUZIONE Altri obiettivi: Seguire e controllare giornalmente tutte le attività produttive interne ed esterne per realizzare l MPS Verificare se le priorità date, per materiali e manodopera, dal MRP sono realizzabili Fornire informazioni sullo stato di avanzamento della produzione Fornire informazioni consuntive ai Tempi e metodi atte ad attribuire correttamente i tempi di lavorazione Rilevare i dati necessari a calcolare i costi a consuntivo 267

74 CONTROLLO E AVANZAMENTO DI PRODUZIONE L avanzamento della produzione può essere monitorato attraverso l uso di RAPPORTINI manuali compilati da ciascun operatore E una metodologia che viene adottata quando non vi sono registrazioni automatiche in tempo reale o non è possibile trasmettere dati, tramite un terminale di accesso, al sistema informativo Contengono dati relativi a: Reparto Centro di lavoro Numero di matricola dell operatore Numero dell ordine di produzione su cui sta lavorando, numero dell operazione e sua descrizione Tempo impiegato per ogni operazione con ora di inizio e di fine lavorazione 268

75 CONTROLLO E AVANZAMENTO DI PRODUZIONE RAPPORTINI Attraverso i rapportini vengono monitorati : Dati di avanzamento effettivi : tempi di attrezzaggio e lavorazione quantità buone o scarti macchina e risorsa in lavorazione Dichiarazione dei componenti scartati durante l avanzamento lavorazione Operazioni eseguite ma non previste dal ciclo 269

76 CONTROLLO E AVANZAMENTO DI PRODUZIONE Concetto di rilevazione dell avanzamento della produzione in automatico: E una metodologia che consente di poter seguire il percorso delle commesse di produzione (o lotto) identificando con assoluta precisione lo stato in cui si trova la stessa (fase di lavorazione) Tutto ciò è possibile attraverso un sistema di monitoraggio in tempo reale che risponde interattivamente a validazioni richieste In questo modo è possibile conoscere i dati acquisiti sia in corso d opera che a chiusura della commessa, ottenendo Consuntivi, rendimenti, reports, grafici. 270

77 CONTROLLO E AVANZAMENTO DI PRODUZIONE 271

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Il piano principale di produzione

Il piano principale di produzione Il piano principale di produzione Piano principale di produzione 1 Piano principale di produzione (Master Production Schedule) MPS pianifica le consegne di prodotto finito in termini di quantità e di data

Dettagli

ADVANCED MES SOLUTIONS

ADVANCED MES SOLUTIONS ADVANCED MES SOLUTIONS PRODUZIONE MATERIALI QUALITA MANUTENZIONE HR IIIIIIIIIaaa Open Data S.r.l. all rights reserved About OPERA OPERA MES è il software proprietario di Open Data. È un prodotto completo,

Dettagli

Modelli di Sistemi di Produzione

Modelli di Sistemi di Produzione Modelli di Sistemi di Produzione 2 Indice 1 I sistemi di produzione 1 1.1 Generalità............................. 1 1.2 I principi dei sistemi manifatturieri............... 4 1.3 Descrizione dei principali

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing Allocazione dei costi industriali

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE. Introduzione

LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE. Introduzione LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE Introduzione La complessità e la moltitudine delle realtà competitive che caratterizzano oggi le aziende industriali hanno progressivamente condotto alla ricerca di soluzioni

Dettagli

LIVELLO STRATEGICO E TATTICO

LIVELLO STRATEGICO E TATTICO Corso di Laurea Triennale in INGEGNERIA GESTIONALE Anno Accademico 2012/13 Prof. Davide GIGLIO 1 ESEMPI DI PROBLEMI DECISIONALI LIVELLO STRATEGICO Capacity growth planning LIVELLO TATTICO Aggregate planning

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

TIPOLOGIE DI PROCESSI PRODUTTIVI E CONTROLLO DI GESTIONE PRODUZIONE SU COMMESSA PRODUZIONE SU MODELLO PRODUZIONE A FLUSSO CONTINUO

TIPOLOGIE DI PROCESSI PRODUTTIVI E CONTROLLO DI GESTIONE PRODUZIONE SU COMMESSA PRODUZIONE SU MODELLO PRODUZIONE A FLUSSO CONTINUO TIPOLOGIE DI PROCESSI PRODUTTIVI E CONTROLLO DI GESTIONE PRODUZIONE SU COMMESSA PRODUZIONE SU MODELLO PRODUZIONE A FLUSSO CONTINUO 1 PRODUZIONE SU COMMESSA CARATTERISTICHE DELL ATTIVITA : - ORIGINA DAL

Dettagli

PRODUTTIVA IMPIANTI INDUSTRIALI. Ing. Diana Rossi Università degli Studi di Brescia. diana.rossi@ing.unibs.it. D. Rossi 1

PRODUTTIVA IMPIANTI INDUSTRIALI. Ing. Diana Rossi Università degli Studi di Brescia. diana.rossi@ing.unibs.it. D. Rossi 1 IMPIANTI INDUSTRIALI 8. ANALISI DELLA CAPACITÀ PRODUTTIVA Ing. Diana Rossi Università degli Studi di Brescia diana.rossi@ing.unibs.it Diana Rossi - Università di Brescia 1 D. Rossi 1 La capacità produttiva

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

L E A D E R I N S E M P L I C I T A SOFTWARE GESTIONALE

L E A D E R I N S E M P L I C I T A SOFTWARE GESTIONALE L E A D E R I N S E M P L I C I T A SOFTWARE GESTIONALE IL MONDO CAMBIA IN FRETTA. MEGLIO ESSERE DINAMICO Siamo una società vicentina, fondata nel 1999, specializzata nella realizzazione di software gestionali

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013 UNA SOLUZIONE INNOVATIVA Businesspass è la soluzione Cloud Computing, usufruibile anche tramite Tablet, ipad, iphone o Smartphone, per gestire l intero processo amministrativo e gestionale dello Studio,

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A.

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Gestione Contabile : Piano dei conti : Suddivisione a 2 o 3 livelli del piano dei conti Definizione della coordinata CEE a livello di piano dei conti

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Prova di verifica ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO di Rossana MANELLI MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE (Classe 5 a IT IGEA, 5 a IP Economico - gestionale) La prova, indirizzata

Dettagli

Il software gestionale modulare integrato per la piccola e media azienda italiana

Il software gestionale modulare integrato per la piccola e media azienda italiana Il software gestionale modulare integrato per la piccola e media azienda italiana SOMMARIO INTRODUZIONE CARATTERISTICHE PRINCIPALI PANORAMICA FUNZIONI DI ACUT erp AREA ACQUISTI QUALITA DELLA FORNITURA

Dettagli

Il sistema di rilevazione dati per il controllo globale delle macchine di produzione

Il sistema di rilevazione dati per il controllo globale delle macchine di produzione 1 Il sistema di rilevazione dati per il controllo globale delle macchine di produzione Per automatizzare Ia raccolta dati di produzione e monitorare in tempo reale il funzionamento delle macchine, Meta

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/ Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive https://nonconf.unife.it/ Registrazione della Non Conformità (NC) Accesso di tipo 1 Addetto Registrazione della Non Conformità

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating articolo n. 3 giugno 2014 Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating MASSIMILIANO MARI Responsabile Acquisti, SCANDOLARA s.p.a. Realizzare un sistema di rating costituisce un attività

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

L Azienda che comunica in tempo reale

L Azienda che comunica in tempo reale Il servizio gestionale SaaS INNOVATIVO per la gestione delle PMI Negli ultimi anni si sta verificando un insieme di cambiamenti nel panorama delle aziende L Azienda che comunica in tempo reale La competizione

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione

La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione Indice dei contenuti Introduzione 3 SAP Business One: le caratteristiche 4 Vantaggi per le aziende 5 Panoramica

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Integrazione tra sistemi MES e ERP

Integrazione tra sistemi MES e ERP ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA SEDE DI CESENA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Informatiche Integrazione tra sistemi MES e ERP Relazione

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

VenereBeautySPA Ver. 3.5. Gestione Parrucchieri e Centro Estetico

VenereBeautySPA Ver. 3.5. Gestione Parrucchieri e Centro Estetico VenereBeautySPA Ver. 3.5 Gestione Parrucchieri e Centro Estetico Gestione completa per il tuo salone Gestione clienti e servizi Tel./Fax. 095 7164280 Cell. 329 2741068 Email: info@il-software.it - Web:

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rimanenze Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

Earned Value e monitoring del progetto

Earned Value e monitoring del progetto IT Project Management Lezione 8 Earned Value Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Aspetti economico-finanziari (1) Costi C Fine progetto T Tempo La curva a S è chiamata baseline dei costi risultato dell aggregazione

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

Fig. 1 Grafico Organigramma Datré Srl

Fig. 1 Grafico Organigramma Datré Srl Fig.1 GraficoOrganigrammaDatréSrl AREA PRODUZIONE AREA GESTIONALE AREA FORMAZIONE Rappresentantelegale Direttorestrutturaformativa StefaniaBracci ComitatoScientifico Coordinatore R.W.Stockbrugger SegreteriaEcm

Dettagli

8. Le scelte che determinano impatti sui costi

8. Le scelte che determinano impatti sui costi 8. Le scelte che determinano impatti sui costi 8.1 INTRODUZIONE Per valutare e controllare i costi di una soluzione e-learning è necessario conoscere in maniera approfondita i fattori da cui dipendono

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

LA PROCEDURA DOMICILIATA: LA SOLUZIONE PIÙ SNELLA

LA PROCEDURA DOMICILIATA: LA SOLUZIONE PIÙ SNELLA LA PROCEDURA DOMICILIATA: LA SOLUZIONE PIÙ SNELLA GESTIONE DELLA PROCEDURA DOMICILIATA DI ACCERTAMENTO DOGANALE (IMPORTAZIONE-ESPORTAZIONE) PRESSO IL SITO DELL OPERATORE ECONOMICO. VANTAGGI OPERATIVI EXPORT

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 4. Gli indicatori G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 Cosa sono gli indicatori Gli indicatori sono strumenti in grado

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Il software per la gestione smart del Call Center

Il software per la gestione smart del Call Center Connecting Business with Technology Solutions. Il software per la gestione smart del Call Center Center Group srl 1 Comunica : per la gestione intelligente del tuo call center Comunica è una web application

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo White paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo Pagina 2 Sintesi

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

GESTIONE DELLA CAPACITA

GESTIONE DELLA CAPACITA Capitolo 8 GESTIONE DELLA CAPACITA Quale dovrebbe essere la capacità di base delle operations? (p. 298 e segg.) 1 Nel gestire la capacità l approccio solitamente seguito dalle imprese consiste nel fissare

Dettagli

Basi Prodotti riguardanti le prestazioni di servizio relative al sistema

Basi Prodotti riguardanti le prestazioni di servizio relative al sistema Pagina 1 di 9 Basi Prodotti riguardanti le prestazioni di servizio relative al sistema Descrizione dei prodotti valida dal febbraio 2015 Autore: Swissgrid SA Rielaborazioni: Versione Data Sezione 1.0 21.08.2008

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

SQE: PRODOTTO IN ESERCIZIO Richiesta mat.: Disponibilità: 5 - QUALIFICAZIONI / ONE DAY PRODUCTION. Status Autoqualificazione. Status Prove Integrative

SQE: PRODOTTO IN ESERCIZIO Richiesta mat.: Disponibilità: 5 - QUALIFICAZIONI / ONE DAY PRODUCTION. Status Autoqualificazione. Status Prove Integrative PCPA ESITO: Data: Disegno N : Odm: Progetto: Fornitore: Descrizione Disegno: SQE: Codice Fornitore: Stab. Forn.: FIAT Purchasing Supplier Quality VERIFICHE DI PROCESSO Richiesta mat.: Disponibilità: PRESERIE

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali La procedura è multi aziendale. L'accesso al software avviene tramite password e livello di accesso definibili per utente. L'interfaccia di

Dettagli

BAKEDIADE. Software per la pesatura, bollettazione e fatturazione del pane ed altri prodotti da forno in ceste. BakeDiade, un idea buona come il pane

BAKEDIADE. Software per la pesatura, bollettazione e fatturazione del pane ed altri prodotti da forno in ceste. BakeDiade, un idea buona come il pane BAKEDIADE Software per la pesatura, bollettazione e fatturazione del pane ed altri prodotti da forno in ceste BakeDiade, un idea buona come il pane ATTIVITà AMMINISTRATIVA Grazie all utilizzo di semplici

Dettagli