Docente: Enrico Maria Cervellati

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Docente: Enrico Maria Cervellati"

Transcript

1 Docente: Enrico Maria Cervellati

2 2 Euristiche Ancoraggio Disponibilità Euristica dell affetto Rappresentatività Ancorarsi a un valore di riferimento (e.g., prezzo d acquisto) e non aggiustare le proprie stime sufficientemente. Basare le proprie decisioni su informazioni più prontamente disponibili, anche se non necessariamente più rilevanti. Esprimere giudizi su base intuitiva o prendere decisioni a livello affettivo. Giudicare in base a stereotipi: credere che i fenomeni osservati rappresentino una classe più generale di eventi.

3 3 Che cosa vogliono i clienti nei periodi di crisi Nei periodi di crisi, ma anche in quelli di eccessivo ottimismo o addirittura di euforia, le emozioni tendono a prendere il sopravvento sulle decisioni razionali. Occorre inoltre ricordare i due obiettivi di base di ogni investitore: Protezione in caso di downside Desiderio di arricchirsi (upside potential)

4 4 Protezione in caso di downside ed effetti di framing La protezione in caso di downside è particolarmente importante perché gli investitori reali non sono avversi al rischio, ma avversi alle perdite. Esistono diversi concetti di avversione alla perdita, che dipendono dagli effetti di framing o di inquadramento: Avversione alle perdite Avversione alla perdita certa Avversione miope alle perdite

5 5 Avversione alle perdite e alla perdita certa Le persone sono avverse alle perdite: il dispiacere di una perdita ci pesa quasi 2,5 volte di più del piacere provato per un guadagno. Siamo anche avversi alla perdita certa nel senso che se abbiamo subito una perdita in precedenza: o ci blocchiamo e vogliamo chiudere la posizione o, all opposto, tendiamo a rischiare di più per cercare di tornare in pareggio. Entrambi gli atteggiamenti sono sbagliati perché ci facciamo influenzare dal passato!

6 6 Quattro possibili scenari PAYOFF PROBABILITA' GUADAGNI PERDITE BASSA Propensione al Rischio (Lotteria) Avversione al Rischio (Assicurazione) ALTA Avversione al Rischio Propensione al Rischio Fonte: De Giorgi ALMA UNIMBA 2009 È possibile avere parti concave nell ambito delle perdite e parti convesse in quello dei guadagni.

7 Pensieri Lenti e Veloci Nei modelli sul ragionamento e sull apprendimento sviluppati dagli psicologici, il comune denominatore è il ricorso a due sistemi di raccolta e elaborazione degli stimoli: Cognitivo / Deliberativo Lento Richiede capacità cognitiva Controllato Analitico Basato su regole Intuitivo / Affettivo Veloce Non necessita di abilità cognitiva Automatico Olistico Associativo 7

8 I due sistemi del cervello Corteccia frontale Governano il sistema analitico Corteccia parietale Sistema dopaminergico governa il sistema emotivo 8

9 9 NeuroEconomia Utilizzo di risonanza magnetica funzionale (frmi) in esperimenti di laboratorio. L evidenza sperimentale mostra come persone leggermente autistiche si comportino come l homo oeconomicus perfettamente razionale ipotizzato dall economia tradizionale. Per esempio in problemi del tipo gioco dell ultimatum. L uomo normale fallisce!

10 Effetto di Disposizione Perché molti investitori lasciano correre le perdite mentre chiudono troppo in fretta le posizioni in guadagno? Perché vogliono anticipare il piacere che danno i guadagni - il sistema limbico si attiva solo con una gratificazione immediata! - ma posticipare il dispiacere causato dalle perdite. Per evitare questo dispiacere non si chiudono le posizioni rendendo così la perdita una perdita sulla carta Una perdita sulla carta è comunque una perdita da un punto di vista razionale, ma emozionalmente fa meno male. Attenzione alla tentazione del tornare in pareggio, a volte semplicemente è impossibile e allora meglio chiudere la posizione perdente, non solo dunque per il vantaggio fiscale. 10

11 11 Conti mentali e asset allocation di portafoglio Se potessi aumentare le tue possibilità di avere un migliore tenore di vita in futuro (per esempio una volta in pensione) accettando più rischio, saresti disposto ad accettare: POCO più rischio su TUTTO il portafoglio? MOLTO più rischio su una PARTE del tuo portafoglio?

12 12 Contabilità mentale e asset allocation RISCHIO DENARO Poco rischio X Su tutto il tuo denaro = Δ rischio portafoglio Molto rischio X Su parte del denaro = Δ rischio portafoglio

13 13 Portafoglio comportamentale Gli individui perfettamente razionali ipotizzati dalla finanza tradizionale ragionano in termini di rendimenti attesi e di volatilità. I veri investitori hanno veri obiettivi (casa, educazione dei figli, pensione agiata, viaggi..) non considerano la loro ricchezza nel suo insieme, ma secondo un approccio a piramide stratificata non sono sempre avversi al rischio acquistano assicurazioni, ma anche biglietti della lotterie

14 14 Tolleranza al rischio distinte per obiettivi To l l e r a n z a a l r i s c h i o a u m e n t a

15 15 Teoria di portafoglio tradizionale Ipotizza che gli individui siano perfettamente razionali e ottimizzino il rapporto rischiorendimento. Per fare ciò dovrebbero diversificare, cioè investire in un numero sufficiente di titoli di settori (e semmai Paesi) diversi. Tenere conto dei coefficienti di correlazione tra i titoli.

16 16 Tradizionale: portafogli considerati nel loro complesso Comportamentale: portafogli come conti mentali organizzati per obiettivi

17 17 Tradizionale: portafogli considerati nel loro complesso Comportamentale: portafogli come conti mentali organizzati per obiettivi

18 18 Asset allocation irragiungibili L asset allocation proposta dalla finanza classica è il risultato di un processo di ottimizzazione che tuttavia non tiene conto degli aspetti comportamentali ed emotivi dei clienti. Nella realtà, può accadere che il cliente non accetti di investire nel portafoglio ritenuto ottimale per raggiungere i suoi obiettivi. Cosa fare? Assecondare il cliente o insistere?

19 19 Correggere gli errori o adattarsi? Michael Pompian, consulente finanziario ed esperto di finanza comportamentale, propone situazioni in cui occorre moderare gli errori dei clienti e altre in cui è invece consigliabile adattarsi a essi. È importante perché se il consulente cerca di correggere errori che non è possibile correggere, risulterà inefficace. Le due dimensioni da tenere in considerazione sono: Natura degli errori: se cognitivi o emotivi Ricchezza del cliente: se alta o bassa.

20 Tipici errori cognitivi ed emozionali I più tipici errori comportamentali riscontrati in pratica dai consulenti finanziari sono: Cognitivi: euristiche decisionali come l ancoraggio, l errore della disponibilità e la rappresentatività, ma anche errori come l overconfidence Emotivi: rammarico, problemi di auto-controllo, avversione alla perdita, giudizio retrospettivo,

21 21 Atteggiamento verso il cliente RICCHEZZA ELEVATA FLESSIBILITA ASSECONDARE ERRORI COGNITIVI ERRORI EMOTIVI MODERARE FLESSIBILITA RICCHEZZA RIDOTTA

22 Moderare o adattarsi in pratica ERRORI COGNITIVI ERRORI EMOTIVI RICCHEZZA ELEVATA RICCHEZZA BASSA Cambi modesti all'asset allocation Raccomandare l'asset allocation razionale Cambi più incisivi all'asset allocation Cambi modesti all'asset allocation

23 23 Gli errori cognitivi degli investitori Errori nel modo di pensare e di prendere le decisioni. Connessi alle euristiche decisionali. Sono molteplici, ma la finanza comportamentale non solo li ha classificati, ma propone anche possibili rimedi. Sono quelli su cui è possibile intervenire maggiormente, mentre gli errori dettati dalle emozioni sono più difficili da risolvere. Si analizzano di seguito i principali errori cognitivi.

24 24 L uomo Vitruviano Comportamentale Errori cognitivi Contabilità mentale Disponibilità e attenzione Emozioni Avarizia, paura, orgoglio, rammarico Intuizione Fiducia (home bias) Gut feeling Differenze di genere Overconfidence Errore di auto-attribuzione Fonte: De Giorgi ALMA UNIMBA 2009 Conformismo

25 25 Errori Cognitivi Overconfidence Iper ottimismo Essere troppo sicuri di sé, delle proprie capacità e conoscenze. Sopravvalutare la probabilità degli eventi positivi e sottovalutare quella di eventi negativi. Errore di conferma Dare eccessivo peso alle evidenze che confermano il proprio punto di vista e troppo poco a quelle che lo contraddicono. Errore di attribuzione Attribuire a sé stessi il merito delle scelte andate a buon fine e incolpare altri per quelle andate male.

26 26 Uomini e Donne In generale, gli uomini sostengono di avere più abilità delle donne, ma questa differenza emerge più forte nei compiti mascolini Deaux and Ferris (1977) In media, rispetto alle donne, gli uomini : sembrano essere più overconfident sono più propensi al rischio sono meno propensi al rammarico Fonte: Barber e Odean (2001), Statman (2012)

27 27 Confronto del turnover tra trader online e campione di controllo 140% 120% 100% Campione di controllo Trader online 80% 60% 40% 20% 0% Mese dell'evento (0 è il mese della prima transazione online) Fonte: rielaborazione da Barber e Odean (2002)

28 28 Performance lorda e netta nel passaggio al trading online Fonte: rielaborazione da Barber e Odean (2002)

29 29 Investitori online Gli investitori che passano dal trading tradizionale a quello online (Barber e Odean, 2002): performano bene prima di passare al trading online accelerano il trading dopo essere passati online diventano più speculativi dopo essere passati online performano male dopo essere passati online

30 30 Errori Cognitivi (segue) Home bias Illusione del controllo Status quo bias Preferire investimenti geograficamente vicini (nazionali, regionali o locali), che si crede di conoscere meglio o a cui si è affettivamente legati (come quelli della propria azienda). Credere di poter controllare fenomeni che non solo controllabili come l'andamento del mercato azionario. Essere riluttanti a cambiare la propria situazione corrente. Porta a procrastinare.

31 31 Il ruolo delle emozioni nelle scelte finanziarie Le emozioni giocano un ruolo estremamente rilevante quando si tratta di investire e fare trading. Sono molte le emozioni positive e negative che influiscono sul comportamento delle persone: Positive: fiducia, ottimismo, eccitazione, euforia Negative: preoccupazione, paura, panico Positive e negative come emozioni, ma entrambe possono essere pericolose.

32 L investitore emotivo 32

33 33 Diversificazione naif e rammarico Sotto-diversificazione: la maggior parte degli investitori investe il proprio patrimonio in meno di 4-5 titoli. Cosa fa chi diversifica? Spesso NON tiene conto delle correlazioni! Cosa fece Markowitz il padre della teoria del portafoglio per la sua pensione? Avrei dovuto calcolare la covarianza storica tra le varie attività e poi disegnare una frontiera efficiente. Invece ho suddiviso le mie disponibilità tra azioni e obbligazioni La mia intenzione era quella di minimizzare il mio rammarico futuro

34 34 Il bisogno di consulenza Gli investitori individuali tendono a commettere sbagli dovuti sia a errori cognitivi che emotivi. Le emozioni portano tipicamente a commettere errori di timing. L overconfidence li porta a sottostimare i rischi e a essere troppo attivi nel trading, con conseguenze negative sulle performance nette.

35 35 I 10 errori classici dell'investitore ERRORI COGNITIVI 1. Eccesiva sicurezza 2. Eccessivo ottimismo 3. Errore di conferma 4. Errore di attribuzione 5. Giudizio retrospettivo 6. Home bias 7. Illusione del controllo 8. Status quo bias ERRORI EMOTIVI 9. Orgoglio 10. Rimpianto

36 36 Correggere l avversione alle perdite Avversione alle perdite Cerca di misurare l avversione alle perdite. Non accontentarti di una generica avversione al rischio. Non raccomandare investimenti ad alto rischio a investitori fortemente avversi alle perdite. Li accetteranno solo se sottostimano il rischio per overconfidence.

37 37 Risolvere l effetto di disposizione Effetto di Disposizione Tieni conto del punto di riferimento rispetto al quale l investitore calcola utili e perdite. Convinci il cliente che usare il costo d acquisto come punto di riferimento può influenzare negativamente lo stato d animo con cui si decidono gli investimenti. In finanza contano solamente le prospettive future, non le performance passate. A un cliente che non vuole liquidare un investimento in perdita il cui valore corrente è, ad esempio, euro chiedi: Se avessi euro in liquidità da investire, tra tutti gli investimenti disponibili, sceglieresti di acquistare proprio questo?. Prima di ogni decisione d investimento stabilisci con l investitore le regole da seguire per decidere quando e a quali condizioni l investimento sarà liquidato. Prepara degli esempi tratti da fatti documentati in cui è stato conveniente tagliare le perdite e lasciare correre i guadagni.

38 38 Gestire il senno di poi Senno di poi Chiedi periodicamente all investitore di formulare alcune previsioni di breve periodo (qualche mese, un anno) sullo scenario economico. Tieni nota delle sue opinioni. Trascorso il periodo di riferimento delle previsioni, torna a parlarne insieme e chiedigli come la pensava qualche mese prima. Se ricostruirà in modo incompleto o con il senno di poi le sue opinioni pregresse, parlane con lui. La stampa contiene innumerevoli esempi di utilizzo inappropriato del senno di poi: per documentare quanto è difficile prevedere i fatti economici e quanto è facile giustificarli ex post, basta tenere una raccolta di articoli.

39 39 Curare la miopia Eccessiva enfasi sul breve termine Molti parlano di lungo periodo, ma sono dominati dal breve termine. Per questo motivo, devi prestare più attenzione a come hanno effettivamente agito, piuttosto che a quanto dicono che faranno in futuro. Evita che la struttura dei report che descrivono la performance periodica rinforzi la tendenza a prestare troppa attenzione al breve termine. Predisponi moduli che danno più importanza alla performance cumulata che a quella dell ultimo trimestre. Stabilisci, d accordo con il cliente, una procedura da seguire quando si vuole alterare la struttura essenziale della politica d investimento.

40 40 Attivi Temperamento del Cliente Comportamento del Cliente Sfida per il Consulente Approccio alla Consulenza Attivo Ottimista, ma spesso troppo sicuro di sé. Tollera le perdite, ma si prende troppi rischi. Problemi di autocontrollo e difficoltà a pianificare. Gestire la tendenza a sottostimare e rischi che porta a prenderne troppi. Presentare scenari di rischio distinti, evidenziando come le potenziali perdite possano influenzare il suo stile di vita. L'ottimismo va bene, ma l'eccessiva sicurezza va controllata. Monitorare il portafoglio di frequente e focalizzarlo sugli obiettivi.

41 41 Guardiani Temperamento del Cliente Comportamento del Cliente Sfida per il Consulente Approccio alla Consulenza Guardiano Ansioso. Le perdite gli fanno perdere fiducia nel piano finanziario e nel consulente. Tendenza a tenere il rischio basso per sentirsi sicuro. Evitare che sia troppo conservativo. Rassicurarlo in caso di perdite. Usare un approccio lineare e ordinato. Chiarire gli obiettivi e il modo in cui raggiungerli. Invitarlo a eventi con esperti per educarlo e rassicurarlo. In caso di ansia, fare valere il proprio ruolo di esperto finanziario e rassicurare.

42 42 Idealisti Temperamento del Cliente Comportamento del Cliente Idealista I mercati lo confondono e in generale preferisce non avere a che fare con questioni finanziarie. È più preoccupato per la sua famiglia che per sé stesso. Sfida per il Consulente Approccio alla Consulenza Coinvolgerlo nella gestione, dato che si disinteressa ai dettagli. Evitare la delega eccessiva. Sottolineare l'importanza di investire in strumenti di tutela come le assicurazioni sulla vita, ma anche in quelli che faranno mantenere lo stile di vita per sé e la loro famiglia come fondi pensionistici e piani di accumulo.

43 43 Razionali Temperamento del Cliente Comportamento del Cliente Sfida per il Consulente Approccio alla Consulenza Razionale Il suo essere razionale lo porta a essere scettico e a incolpare il consulente per non avere previsto crolli di mercato. Ricerca soluzioni complesse e tende a rischiare molto. Focalizzarlo sul futuro senza dover discutere delle scelte passate. Controllare la loro eccessiva sicurezza. Instaurare un rapporto di mutuo rispetto, necessario per una sana relazione. Fare valere il proprio ruolo di esperto finanziario e fargli capire che l'economia non è una scienza certa e che i mercati non sono prevedibili, come pure la variabile umana.

44 44 Il ruolo del consulente finanziario Le tre lezioni della finanza comportamentale Il medico di famiglia finanziario La correzione degli errori comportamentali (debiasing comportamentale)

45 45 Il medico di famiglia finanziario 1. Crea empatia: domanda e ascolta i veri obiettivi del cliente, cosa vuole veramente 2. Diagnostica: capendo quali sono i vincoli che gli errori cognitivi ed emotivi del cliente imporranno sulla scelta del portafoglio 3. Educa: insegnando non solo gli aspetti di base della finanza, ma anche del comportamento umano, al fine di correggere gli errori 4. Cura: prescrivi un portafoglio comportamentale che tenga conto di quello dei veri obiettivi del cliente e di quello che riesce a sopportare 5. Riparti da 1!

Le scelte di investimento in ambito previdenziale con la Finanza Comportamentale

Le scelte di investimento in ambito previdenziale con la Finanza Comportamentale Le scelte di investimento in ambito previdenziale con la Finanza Comportamentale R e l a t o r e : E n r i c o M a r i a C e r v e l l a t i P r o f e s s o r e d i F i n a n z a a l l U n i v e r s i

Dettagli

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di

Dettagli

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro)

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Rispondi alle seguenti domande indicando quale risposta è più vicino

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

ALFIO BARDOLLA E-BOOK. i 7 ERRORI. che commetti nella gestione del denaro ALFIO BARDOLLA

ALFIO BARDOLLA E-BOOK. i 7 ERRORI. che commetti nella gestione del denaro ALFIO BARDOLLA E-BOOK i 7 ERRORI che commetti nella gestione del denaro ALFIO BARDOLLA INDICE 2 Se non sei ricco è perché nessuno te l ha ancora insegnato. C Libertà Finanziaria: non dover più lavorare per vivere perché

Dettagli

Il bambino con ADHD a scuola

Il bambino con ADHD a scuola Teramo 20-04-2010 Dott.ssa Adriana Sigismondi ADHD Caratteristiche DISATTENZIONE IMPULSIVITA IPERATTIVITA 1 1 ATTENZIONE I bambini con un disturbo di attenzione manifestano problemi in compiti che richiedono

Dettagli

Macro Volatility. Marco Cora. settembre 2012

Macro Volatility. Marco Cora. settembre 2012 Macro Volatility Marco Cora settembre 2012 PERDITE E GUADAGNI Le crisi sono eventi con bassa probabilità e alto impatto - La loro relativa infrequenza non deve però portare a concludere che possano essere

Dettagli

Gestione del conflitto o della negoziazione

Gestione del conflitto o della negoziazione 1. Gestione del conflitto o della negoziazione Per ognuna delle 30 coppie di alternative scegli quella che è più vera per te. A volte lascio che siano gli altri a prendersi la responsabilità di risolvere

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

L autostima (self-esteem) è il complesso delle valutazioni che l individuo ha maturato sul proprio conto. L'autostima è il processo soggettivo e

L autostima (self-esteem) è il complesso delle valutazioni che l individuo ha maturato sul proprio conto. L'autostima è il processo soggettivo e L autostima (self-esteem) è il complesso delle valutazioni che l individuo ha maturato sul proprio conto. L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se

Dettagli

Firenze, 30 maggio 2012

Firenze, 30 maggio 2012 Firenze, 30 maggio 2012 specchio Specchio, specchio delle mie brame, chi è il fondo più bello del reame? Come selezionate i fondi dei vostri clienti? Quali parametri usate per selezionare i fondi? I rendimenti

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

EFFICIENZA DEI MERCATI FINANZIARI

EFFICIENZA DEI MERCATI FINANZIARI EFFICIENZA DEI MERCATI FINANZIARI A.A. 2015/2016 Prof. Alberto Dreassi adreassi@units.it DEAMS Università di Trieste ARGOMENTI L ipotesi di mercato efficiente Evidenze empiriche pro e contro l EMH Altre

Dettagli

L ENTUSIASMO E IMPORTANTE

L ENTUSIASMO E IMPORTANTE DISC PROFILO GIALLO INTRODUZIONE Le persone con un alto profilo comportamentale GIALLO influenzano il loro ambiente essendo socievoli, persuasivi e convincenti al punto da influenzare e ispirare gli altri.

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO

CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO www.momentumborsa.it Pierluigi Lorenzi Muoversi nel mercato finanziario per uscire dalla crisi CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO 2 CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO Muoversi nel mercato finanziario

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE.

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. Lezione 5 Castellanza, 17 Ottobre 2007 2 Summary Il costo del capitale La relazione rischio/rendimento

Dettagli

Private Banker Edoardo Momini

Private Banker Edoardo Momini Private Banker Edoardo Momini Chi sono? Edoardo Momini Private Banker di Banca Fideuram I MIEI NUMERI: 31 Gli anni dedicati alla mia professione 150 Nuclei famigliari 60 Milioni di portafoglio Agricoltura

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

18 novembre 2014. La costruzione di un portafoglio Fulvio Martina

18 novembre 2014. La costruzione di un portafoglio Fulvio Martina 18 novembre 2014 La costruzione di un portafoglio Fulvio Martina Costruire un portafoglio? REGOLE BASE IDENTIFICARE GLI OBIETTIVI INVESTIMENTO E RISCHIO IDONEO ORIZZONTE TEMPORALE Asset allocation Diversificazione

Dettagli

LA SICUREZZA E IMPORTANTE

LA SICUREZZA E IMPORTANTE DISC PROFILO VERDE INTRODUZIONE Le persone con un alto profilo comportamentale VERDE preferiscono lavorare all interno di strutture esistenti e collaborare con gli altri. Il VERDE vuole sentirsi sicuro

Dettagli

Differenze uomo donna

Differenze uomo donna Differenze uomo donna Una vastissima letteratura documenta che in numerosi domini, soprattutto nella sfera economica, donne e uomini differiscono sistematicamente. Dibattito intenso sul perché 1. Perché

Dettagli

La rilevanza del risk management nella gestione d impresa. Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope

La rilevanza del risk management nella gestione d impresa. Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope La rilevanza del risk management nella gestione d impresa Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope Le nozioni alternative di rischio L approccio tradizionale-assicurativo: il rischio

Dettagli

WERNER GÜTH Max Planck Institute of Economics Jena, Germany INTERSEZIONI DI: INFORMAZIONI INCOMPLETE, RAZIONALITÀ LIMITATA E SUGGERIMENTI ESTERNI

WERNER GÜTH Max Planck Institute of Economics Jena, Germany INTERSEZIONI DI: INFORMAZIONI INCOMPLETE, RAZIONALITÀ LIMITATA E SUGGERIMENTI ESTERNI WERNER GÜTH Max Planck Institute of Economics Jena, Germany INTERSEZIONI DI: INFORMAZIONI INCOMPLETE, RAZIONALITÀ LIMITATA E SUGGERIMENTI ESTERNI 1. Problemi di informazione 2. Tipi di incertezza 3. Avere

Dettagli

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca.

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1 La rappresentazione nella pubblicità Premessa La letteratura internazionale ha affrontato negli ultimi anni la pubblicità che utilizza i bambini

Dettagli

Data xx/xx/xxxx. Cliente: ESEMPIO/09/03/1. Piano di Intervento

Data xx/xx/xxxx. Cliente: ESEMPIO/09/03/1. Piano di Intervento Data xx/xx/xxxx Piano di Intervento Cliente: ESEMPIO/09/03/1 Gentile CLIENTE, Il presente elaborato è stato redatto sulla base di quanto emerso durante i nostri precedenti incontri e costituisce uno strumento

Dettagli

skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it

skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it vers.20042012 Questo documento è stato utilizzato come supporto ad una presentazione orale. Il contenuto non è

Dettagli

Principi Guida per l Investimento Finanziario

Principi Guida per l Investimento Finanziario Principi Guida per l Investimento Finanziario Giovanna Nicodano Università di Torino e CeRP-Collegio Carlo Alberto I nostri risparmi seminario di Financial Education Biennale Democrazia, Torino, Aprile

Dettagli

Caso. Epidemia di acinetobacter baumannii in una UTI 4 casi Periodo: dal primo al quarto caso sono intercorsi 20 gg Luogo: UTI aperta, unico salone

Caso. Epidemia di acinetobacter baumannii in una UTI 4 casi Periodo: dal primo al quarto caso sono intercorsi 20 gg Luogo: UTI aperta, unico salone Caso Epidemia di acinetobacter baumannii in una UTI 4 casi Periodo: dal primo al quarto caso sono intercorsi 20 gg Luogo: UTI aperta, unico salone Cosa accade ICI verifica l esistenza dell epidemia: la

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007 PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE 200 Programma di lavoro PRIMA PARTE: FONDAMENTI TEORICI la scuola dell autonomia come contesto di promozione della salute e dello sviluppo personale e sociale

Dettagli

Diversifica et Impera La forza tranquilla del Fondo Comune - Citywire

Diversifica et Impera La forza tranquilla del Fondo Comune - Citywire Pagina 1 di 10 Diversifica et Impera La forza tranquilla del Fondo Comune DiSimone Funghi / 28 luglio 2015 Ebbene sì. Esiste. Non è una leggenda metropolitana. Non è come il Bigfoot o Nessy a Lochness.

Dettagli

Sui criteri di scelta per selezionare un consulente finanziario

Sui criteri di scelta per selezionare un consulente finanziario Sui criteri di scelta per selezionare un consulente finanziario Blog http://epsilon-intervallo-grande.blogspot.com/ Linked in http://www.linkedin.com/in/guidogiaume 1/11 Criteri per selezionare un consulente

Dettagli

2014 : Fondi o Etf? Mono o multimarca?

2014 : Fondi o Etf? Mono o multimarca? 2014 : Fondi o Etf? Mono o multimarca? Venerdì 29 novembre 2013 In questo Diario di Bordo parliamo in sintesi: MERCATO OBBLIGAZIONARIO. MEGLIO FONDI O ETF? MEGLIO OPERARE CON UNA SOLA SOCIETA DI GESTIONE

Dettagli

Figli e denaro: verso il futuro

Figli e denaro: verso il futuro Educare al futuro: il ruolo dell educazione finanziaria Francesco Saita CAREFIN, Università Bocconi Figli e denaro: verso il futuro FAES PattiChiari, Milano, 12 ottobre 2013 1 Introduzione Parlare di educazione

Dettagli

Cosa ci può stimolare nel lavoro?

Cosa ci può stimolare nel lavoro? a Cosa ci può stimolare nel lavoro? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI Sintesi Descrizione delle caratteristiche qualitative con l indicazione di: categoria Morningstar, categoria Assogestioni, indice Fideuram. Commenti sulla gestione

Dettagli

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE Lunedì 17 Febbraio 2014 Misericordia nel Comune di Lari Corso di Formazione di livello Base e Avanzato ASPETTI RELAZIONALI NELL APPROCCIO AL PAZIENTE RELATORE Benedetto Deri, F.M.R.T. Misericordia nel

Dettagli

Limitazioni cognitive e comportamento del consumatore (Frank, Capitolo 8)

Limitazioni cognitive e comportamento del consumatore (Frank, Capitolo 8) Limitazioni cognitive e comportamento del consumatore (Frank, Capitolo 8) RAZIONALITÀ LIMITATA Secondo Herbert Simon, gli individui non sono in grado di comportarsi come i soggetti perfettamente razionali

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

Aspettative, consumo e investimento

Aspettative, consumo e investimento Aspettative, consumo e investimento In questa lezione: Studiamo come le aspettative di reddito e ricchezza futuro determinano le decisioni di consumo e investimento degli individui. Studiamo cosa determina

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

ADHD: il Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività COME AGIRE A SCUOLA E A CASA

ADHD: il Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività COME AGIRE A SCUOLA E A CASA ADHD: il Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività COME AGIRE A SCUOLA E A CASA Seconda lezione Le manifestazioni dell ADHD Non lancerò più le penne di Marco Laura Barbirato psicologa dell apprendimento

Dettagli

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT METODOLOGIA DELL ASSESSMENT Chi siamo HR RiPsi nasce come divisione specializzata di Studio RiPsi grazie alla collaborazione di Psicologi e Direttori del Personale che hanno maturato consolidata esperienza

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

OLTRE LA CONSULENZA AGLI INVESTIMENTI

OLTRE LA CONSULENZA AGLI INVESTIMENTI OLTRE LA CONSULENZA AGLI INVESTIMENTI Immagine tratta da Freud, la finanza e la follia Economist 22 gennaio 2004 L intuizione umana è una pessima guida quando abbiamo a che fare con il rischio Ruggero

Dettagli

Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE INTERIORMENTE

Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE INTERIORMENTE I C PADRE GEMELLI-TORINO COMPETENZA IMPARARE AD IMPARARE Sapersi relazionare anno scolastico 2013-14 Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE

Dettagli

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Piano Economico Finanziario 2008 e previsioni anni 2009 e 2010 Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Indice Scenario & Previsioni PIANO ANNUALE 2008 1Fonti di finanziamento 2Impieghi 3Ricavi 4Costi

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

LE SETTE REGOLE D ORO DELL INVESTIMENTO

LE SETTE REGOLE D ORO DELL INVESTIMENTO LE SETTE REGOLE D ORO DELL INVESTIMENTO Investire sul lungo termine Un investitore che accantona risparmi sul lungo termine in previsione di eventuali periodi di difficoltà economiche ha più probabilità

Dettagli

PSICOLOGIA DEL TRADING

PSICOLOGIA DEL TRADING PSICOLOGIA DEL TRADING Torino, 08 aprile 2006 A cura di: Andrea Savio Sommario : Breve introduzione sull analisi tecnica: cos è e cosa può fornire -Le insidie dell operatività: accenno alla psicologia

Dettagli

Private Banking e Fondi Immobiliari

Private Banking e Fondi Immobiliari 0 Private Banking e Fondi Immobiliari Il mercato dei fondi immobiliari Il mercato dei fondi immobiliari nel mondo e in Europa Nel 2005 il portafoglio dei gestori professionali ha superato gli 800 mld di

Dettagli

Questionario tipi umani

Questionario tipi umani Questionario tipi umani Dare solo una risposta, indicandola con una crocetta, ad ogni item in relazione al livello corrispondente. A - Mi riesce spiacevole realizzare un lavoro non diretto da me. - Se

Dettagli

IL RISCHIO DI INVESTIRE IN AZIONI DIMINUISCE CON IL PASSARE DEL TEMPO?

IL RISCHIO DI INVESTIRE IN AZIONI DIMINUISCE CON IL PASSARE DEL TEMPO? IL RISCHIO DI INVESTIRE IN AZIONI DIMINUISCE CON IL PASSARE DEL TEMPO? Versione preliminare: 1 Agosto 28 Nicola Zanella E-mail: n.zanella@yahoo.it ABSTRACT I seguenti grafici riguardano il rischio di investire

Dettagli

Comunicazione persuasiva e manipolazione

Comunicazione persuasiva e manipolazione Comunicazione persuasiva e manipolazione Il messaggio persuasivo, tipico della comunicazione pubblicitaria o politica, è quel messaggio che induce il ricevente ad un certo comportamento, perché in grado

Dettagli

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti In passato non era necessario che i padri e le madri favorissero lo sviluppo emotivo dei bimbi.

Dettagli

Nozioni di psicologia applicata ai giovani atleti. Dott.ssa Claudia Fiorini, psicologa

Nozioni di psicologia applicata ai giovani atleti. Dott.ssa Claudia Fiorini, psicologa Nozioni di psicologia applicata ai giovani atleti Un po di teoria: cos è la motivazione L allenatore quale costruttore di un ambiente motivante Motivare la squadra e l atleta PER QUALE MOTIVO, QUESTA SERA,

Dettagli

Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014

Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014 Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014 (art. 14 comma 5 - d.lgs 150/2009) sintesi dati Generali, per Area e tipologia di dipendente Le Amministrazioni pubbliche, nella prospettiva di

Dettagli

La Teoria Moderna del Consumo

La Teoria Moderna del Consumo La Teoria Moderna del Consumo Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it Spesa per consumi Il consumo è la componente predominante della

Dettagli

SIAMO CIÒ CHE SCEGLIAMO.

SIAMO CIÒ CHE SCEGLIAMO. PAC sui Fondi Etici - 2013 Un piccolo risparmio per un futuro più sostenibile. fondi etici, l investimento responsabile. SIAMO CIÒ CHE SCEGLIAMO. CAMBIARE I DESTINATARI DEGLI INVESTIMENTI PER COSTRUIRE

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Anno accademico 2014/2015 Corso di Politica Economica Docente: Claudio Di Berardino Informazioni sito docente: http://claudiodiberardino.jimdo.com mail: c.diberardino@unich.it 1 lezione - Le teorie degli

Dettagli

RISCHIO E CAPITAL BUDGETING

RISCHIO E CAPITAL BUDGETING RISCHIO E CAPITAL BUDGETING Costo opportunità del capitale Molte aziende, una volta stimato il loro costo opportunità del capitale, lo utilizzano per scontare i flussi di cassa attesi dei nuovi progetti

Dettagli

Gli strumenti di base della Finanza

Gli strumenti di base della Finanza 27 Gli strumenti di base della Finanza ECONOMIA FINANZIARIA L Economia Finanziaria studia le decisioni degli individui sulla allocazione delle risorse e la gestione del rischio VALORE ATTUALE Con il termine

Dettagli

APPUNTI PER UN ASSERTIVITA DI GENERE

APPUNTI PER UN ASSERTIVITA DI GENERE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CONVEGNO: Il conciliatore assertivo APPUNTI PER UN ASSERTIVITA DI GENERE Odile ROBOTTI 17 NOVEMBRE 2011 - ODCEC Milano, Corso Europa 11 Sommario Cosa si intende

Dettagli

Università Ca Foscari Venezia. Consob - Luiss - 4 Giugno 2010

Università Ca Foscari Venezia. Consob - Luiss - 4 Giugno 2010 La percezione del rischio Ugo Rigoni Università Ca Foscari Venezia Il rischio nella prospettiva della finanza classica Prerequisiti Un ipotesi statistica: rendimenti distribuiti normalmente Un ipotesi

Dettagli

ITALIANI E E-COMMERCE: SEMPRE PIÙ NUMEROSI, ANCHE IN PREVISIONE DEGLI ACQUISTI DI NATALE

ITALIANI E E-COMMERCE: SEMPRE PIÙ NUMEROSI, ANCHE IN PREVISIONE DEGLI ACQUISTI DI NATALE ITALIANI E E-COMMERCE: SEMPRE PIÙ NUMEROSI, ANCHE IN PREVISIONE DEGLI ACQUISTI DI NATALE Luca Cassina Milano, 22 novembre 2011 Ricerca commissionata da PayPal Italia a GFK-Eurisko sugli atteggiamenti e

Dettagli

Circolo Didattico di Angera

Circolo Didattico di Angera Circolo Didattico di Angera COME AIUTARE I PROPRI FIGLI A STUDIARE E A FARE I COMPITI Indicazioni della scuola per i genitori degli alunni Linee guida redatte dal Nucleo di Autovalutazione e Qualità PREMESSA

Dettagli

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici Dott.ssa Monica Dacomo Attività per la scuola secondaria di I grado Chi o cosa provoca le nostre emozioni? Molti pensano che siano le altre

Dettagli

Finanza Aziendale. Misura e valutazione del

Finanza Aziendale. Misura e valutazione del Teoria della Finanza Aziendale Misura e valutazione del rischio 7 1- Argomenti Il rischio Il rischio negli investimenti finanziari La misurazione del rischio Varianza e scarto quadratico medio Il rischio

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al

Dettagli

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale

Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale Marianna Belloc 1 Approccio NATREX L approccio NATREX, dovuto a Stein (1990, 1999) e basato, come il precedente, su agenti intertemporalmente

Dettagli

ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI

ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI Corso di Psicologia Cognitiva (Prof. Lorella Lotto) Facoltà di Lettere e Filosofia Corso

Dettagli

Consulenza finanziaria 2.0: l importanza dell emotività nella gestione del cliente

Consulenza finanziaria 2.0: l importanza dell emotività nella gestione del cliente w w w. P F A c a d e m y. i t Pianificazione e contabilità mentale del cliente Consulenza finanziaria 2.0: l importanza dell emotività nella gestione del cliente R e l a t o r e : Giacomo Camisa H e a

Dettagli

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA Secondo la terapia cognitiva, l uomo possiede la chiave della comprensione e soluzione del suo disturbo psicologico entro il campo della sua coscienza. I problemi dell individuo

Dettagli

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il rendimento di un attività finanziaria: i parametri rilevanti Rendimento totale, periodale e medio Il market

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

35 ANNI AGENZIA DI PUBBLICITÀ

35 ANNI AGENZIA DI PUBBLICITÀ 1977 2012 35 ANNI AGENZIA DI PUBBLICITÀ DIFFERENZIARSI PER SOPRAVVIVERE ALLA COMPETIZIONE E AVERE SUCCESSO Come un azienda può ritagliarsi un immagine che la distingua in un mercato sovraffollato. CHE

Dettagli

Questionario Insegnante-Alunno

Questionario Insegnante-Alunno Questionario Insegnante-Alunno A cura di Silvia Spaziani (TPRI: The Teacher Pupil Relationship Inventory): modulo per lo studente di G. T. Barrett- Lennard Introduzione Godfrey T. Barrett-Lennard Ph.D.,

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOOSSERVAZIONE PROFESSIONALE

QUESTIONARIO DI AUTOOSSERVAZIONE PROFESSIONALE QUESTIONARIO DI AUTOOSSERVAZIONE PROFESSIONALE I FATTORI CHE ACCRESCONO L EFFICACIA DELL INSEGNAMENTO LE COMPETENZE DIDATTICHE Contrassegna con una X la casella prescelta per ogni indicatore L insegnante

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

La profilatura del rischio nel contesto della Direttiva MiFID: stato dell arte e prospettive future Nicoletta Marinelli Università degli Studi di Macerata Ricercatrice in Economia degli Intermediari Finanziari

Dettagli

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis - Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis Il Tennis e la preparazione mentale Progetto per la Stagione sportiva 2011/2012 Agosto 2011 Project Leader: Chiara Valdata Obiettivi del Progetto: Il progetto

Dettagli

COSTI E BENEFICI DI GESTIRE UNA VALUTA INTERNAZIONALE

COSTI E BENEFICI DI GESTIRE UNA VALUTA INTERNAZIONALE COSTI E BENEFICI DI GESTIRE UNA VALUTA INTERNAZIONALE Pellini Stefania - Pupo Rosina -Tarantini Thomas Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Corso di Politica Economica Avanzato

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

www.comeinvestireinborsa.com Come Investire e Guadagnare In Borsa ORA

www.comeinvestireinborsa.com Come Investire e Guadagnare In Borsa ORA www.comeinvestireinborsa.com Come Investire e Guadagnare In Borsa ORA 1 APRIRE UN C/C 2 ANALISI PROPRIO PATRIMONIO 3 QUANTO DESTINARE AGLI INVESTIMENTI 4 QUANTO AL TRADING? Money Management 5 SCEGLIERE

Dettagli

Chi è Cassa Forense?

Chi è Cassa Forense? Chi è Cassa Forense? Una fondazione di diritto privato che cura la previdenza e l assistenza degli Avvocati 10 0 % altri investimenti 415 e che gestisce un patrimonio a valori di mercato al 31.12.2011

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali

Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali di Giuseppe Zillo e Elisabetta Cecchetto (*) La valutazione degli effetti delle variazioni dei tassi di

Dettagli

Brochure descrittiva dei sistemi di trading. Aggiornamento 20 novembre 2010

Brochure descrittiva dei sistemi di trading. Aggiornamento 20 novembre 2010 Brochure descrittiva dei sistemi di trading Aggiornamento 20 novembre 2010 Ciao e benvenuta/o in Sapienza Forex. In questa brochure verrai a conoscenza delle caratteristiche delle nostre strategie che

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli