CONVEGNO NAZIONALE DIRIGENTI SCOLASTICI. Leadership democratica o management distribuito?

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONVEGNO NAZIONALE DIRIGENTI SCOLASTICI. Leadership democratica o management distribuito?"

Transcript

1 CONVEGNO NAZIONALE DIRIGENTI SCOLASTICI Bologna, 25-26, febbraio, 2014 Roberto Serpieri Dipartimento di Scienze Sociali, Università Federico II, Napoli Leadership democratica o management distribuito? La costruzione del dirigente scolastico in Italia 1 Nel promuovere la riforma della scuola italiana a cavallo del millennio come scuola dell autonomia, l allora Ministro Luigi Berlinguer espose chiaramente le ragioni che richiedevano allo stesso tempo una nuova formazione del dirigente scolastico che accompagnasse e sostenesse quella riforma. La struttura centralistica ha oberato i dirigenti scolastici con compiti ed obblighi di natura burocratica, mentre la scuola autonoma ha bisogno di dirigenti scolastici che siano in grado di assumersi responsabilità, programmare ed implementare nuovi progetti ed attività, organizzare e stimolare il lavoro degli insegnanti, ascoltare gli studenti, coinvolgere le famiglie, gestire le risorse ed interagire con attori esterni (Berlinguer, 2001, pp ). L obiettivo era, e per molti versi rimane, quello di rimodellare la figura professionale delle Direttrici Didattiche 2 (per la scuola primaria) e dei Presidi (per la scuola secondaria), attenuandone le competenze burocratiche in cerca di un nuovo profilo professionale 3. In quest articolo si intende osservare come, in linea con la ambiguità contenuta nella retorica dello stesso Berlinguer, a quindici 1 In quest articolo si riprendono una serie di tematiche e risultati di ricerche empiriche che hanno accompagnato la mia produzione scientifica negli ultimi anni. Ad altre recenti pubblicazioni si rimanda per i necessari approfondimenti ed, in particolare, al volume Senza Leadership: la costruzione del dirigente scolastico. Dirigenti e autonomia nella scuola italiana, Milano: FrancoAngeli, 2012, e ad una serie di articoli che ho pubblicato insieme con Emiliano Grimaldi, ricercatore presso il mio stesso Dipartimento: Grimaldi, E., Serpieri, R., 2012; 2013a; 2013b; Ci riferiamo ad una connotazione anche di genere delle due figure che ha accompagnato la formazione professionale delle stesse: quella prevalentemente psico-pedagogico della prima e quella sostanzialmente disciplinare della seconda. Oggi, come si vedrà, sempre più la dirigenza scolastica sta comunque mostrando, nel nostro Paese, una evidente tendenza alla femminilizzazione della professione: in che misura ciò comporta delle conseguenze rispetto alla sua formazione? 3 La richiesta di una più esplicita delineazione del profilo professionale è ancora oggi al centro del dibattito e delle rivendicazioni di categoria (cfr., Treellle, 2013).

2 Leadership democratica o management distribuito? La costruzione del dirigente scolastico in Italia anni dalla riforma ci si trovi ancora di fronte a quella che altrove ho definito una guerra di discorsi (Serpieri, 2009; 2012) e che può essere anche vista come una appropriazione della dirigenza scolastica da parte di forze, logiche e politiche in-tensione per prevalere l una sull altra. Più specificamente si intende sostenere che, così come per la educazione nel suo complesso, il dirigente scolastico diviene S-Oggetto di attenzioni e cura non solo della politica e della amministrazione e delle rappresentanze sindacali e professionali di categoria, come del resto è lecito attendersi. Sempre più spesso e con maggiore insistenza, inoltre, attori definibili come non educational (Gunter, 2012; cm.) si affacciano sulla arena politico-amministrativo tentando di sottomettere ad una sorta di privatizzazione (cfr., Ball, 2007; 2012) implicita (talvolta anche esplicita) sia le politiche scolastiche, che le scelte strategiche, nonché le opzioni valoriali, riguardanti le Scuole e la sua stessa Dirigenza. La guerra che si è, pertanto, scatenata ha finito per produrre una figura ibrida. E se questa ibridazione veniva già fuori nell immaginario discorsivo di un Ministro di sinistra, la spinta verso una chiara svolta imprenditoriale e manageriale del dirigente scolastico è stata da sempre e subito portata dai più rilevanti esponenti del discorso managerialista come alcune associazioni professionali, partiti del centro-destra, rappresentanti del mondo imprenditoriale, ecc. insieme con alcune espressioni filantropiche (cfr., per l uso di tale concetto, Ball, 2007, 2012) di questo stesso mondo, ovvero le Fondazioni. Si veda quanto sostenuto ufficialmente in uno dei documenti una Associazione, che ha assunto un peso sempre più rilevante nelle politiche scolastiche soprattutto grazie al ruolo rivestito come consulenza nell ultimo Governo di Centro-Destra ( ), insieme con altre due Fondazioni per promuovere politiche di valutazione delle scuole, dei dirigenti e degli insegnanti, sui cui si tornerà in seguito. Il primo aspetto critico sta nel fatto che il profilo professionale e stato costruito su quello della dirigenza burocratica e non sul modello manageriale (potere e responsabilità), per cui invece di essere rivolta alla direzione di un servizio finalizzato all educazione e alla formazione, esse rimane rivolta al vertice burocratico e amministrativo del Centro. [ ] A questo si aggiungono i seguenti elementi critici: - il dirigente non esercita autonomi poteri decisionali, se non su aree marginali della gestione, e, comunque, non sul personale, che non valuta e non contribuisce né a reclutare, né a selezionare, né a sanzionare positivamente o negativamente. Eppure formalmente egli viene considerato responsabile dei loro risultati; - il dirigente può scegliersi due collaboratori, ma solo per l espletamento delle sue funzioni amministrativo-burocratiche, non certo per orientare, coordinare e incidere sul funzionamento didattico e pedagogico della scuola, presidiato da figure di sistema elette dall assemblea del personale docente (Collegio dei docenti); - il dirigente, infine, ha poteri di contrattazione con le istanze sindacali, ma con margini quantitativi e qualitativi ristrettissimi dettagliatamente definiti dal contratto nazionale (Treellle, 2006, p. 50; c.m.). Esplicita la richiesta in senso managerialista del profilo professionale del dirigente e questa diventerà sempre più chiara ed evidente con gli anni, sebbene via via ammantata sotto il retorico richiamo ad una funzione di leadership distribuita e/o condivisa che è stata ri-scoperta, sia pure con ritardo, anche in Italia come una sorta di cavallo di troia (su cui anche si ritornerà) per l invasione dei nuovi barbari del discorso managerialista per la conquista del campo dell istruzione pubblica. E la discesa in campo delle Fondazioni non è che l ultimo atto di questa sempre più ampia e pervasiva invasione di attori provenienti dal campo del privato e da quello, in senso lato, economico, a seguito della estensione delle varie forme di privatizzazione (Ball, 2007, 2012) comportate dalle politiche scolastiche fino a pervenire ad una sorta di privatizzazione delle stesse politiche, quando gli attori privati sono stati chiamati sempre più dentro le politiche dell educazione. Appare evidente, dunque, che con la riforma dell autonomia a cavallo del millennio, il ruolo del dirigente scolastico in Italia si sia tentato di ridisegnare, per superare le componenti soprattutto burocratiche che erano state prima prevalenti (Cavalli, 2012), pur senza dimenticare quelle professionali di primus inter pares che pure erano presenti, anche se agite a macchia di leopardo. Nel ridisegnare questa figura, mentre molte speranze dell autonomia venivano frenate dalla complessa e intricata matassa degli interessi, dei discorsi, delle alleanze e delle path-dependencies, in molti hanno visto la dirigenza come una leva di cambiamento, spesso tratteggiata secondo la 2

3 Leadership democratica o management distribuito? La costruzione del dirigente scolastico in Italia mitologia del leader eroico e trasformazionale (Leithwood, 1992; per una critica, cfr., Newman, 2005). La dirigenza stessa è stava vista, in altri termini, come un dispositivo (Deleuze, 1992) privilegiato per indirizzare la nuova emergente e contraddittoria governance dell autonomia che, come si è visto, ha portato ad una sorta di decentralizzazzione centralizzata (Karlsen, 2000). In questo senso, molte istanze discorsive e molti attori in gioco hanno tentato di imporre una visione derivata dall immaginario neo-liberale, cui non è estranea neanche la cosiddetta Terza- Via, attraverso processi automatici ed acritici di importazione di politiche centrate sul ruolo della leadership come tentato in Inghilterra (Gunter, 2012) o altri sistemi scolastici profondamente ristrutturati (Blackmore, Sachs, 2007). Al di là dell uso retorico e iper-semplificato del termine, la leadership educativa si è rivelata, tuttavia, un dispositivo di govermentalità (Bailey, 2013) complesso, frammentato, dove le sedimentazioni si accompagnano a dis-continuità, le omogeneità a fratture, come accade attraverso una adozione attenta e sofisticata del concetto di dispositivo (Deleuze, 1992). Il risultato, per così dire, è che il dirigente scolastico in Italia è tuttora un ibrido, sia nella disposizione formale del suo profilo professionale, paradossalmente, ancora poco definita e dove l aumento formale dei poteri e delle responsabilità, come spesso si lamenta da più fronti, non è stata accompagnata da una una effettiva re-distribuzione dei poteri dal centro per realizzare una sostanziale autonomia scolastica. Sia nella effettiva pratica della dirigenza del nostro Paese, come ricordato dalle ricerche che hanno accompagnato lo sviluppo della nuova dirigenza dall autonomia di Fischer e colleghi (Fischer, Masuelli, 1998; Fischer et al, 2002; Cavalli, Fischer, 2012), che hanno mostrato una tipologia di comportamenti dirigenziali e stili di leadership, molto diversificati, anche con riferimento al consistente ricambio generazionale e alla progressiva femminilizzazione della professione. Così, da un lato, tutte le istanze discorsive neo-managerialisti degli attori che hanno inteso sostenere la dimensione prevalentemente manageriale sia pur, come si è detto, retoricamente ammantata di una qualche forma di leadership educativa sono rimaste fin qui in larga parte insoddisfatte come per il sostanziale fallimento dei dispositivi di selezione, reclutamento, formazione e valutazione. Senza contare, inoltre, il perdurare di rivendicazioni salariali e di carriera per dei dirigenti di cui si contesta lo statuto minore rispetto agli altri dirigenti pubblici, innanzitutto quelli dello stesso Ministero dell Istruzione (per alcune voci sindacal-professionali, cfr., Serpieri, 2012). E d altro lato, anche le forme di resistenza puntuale nell enactement (Ball et al, 2012) delle scuole di cultura professionali innovative, in alcuni territori di tradizione democratica e in alcuni contesti difficili di cui pure è ben documentata la presenza nel nostro Paese (cfr., Serpieri, 2002; Grimaldi, Romano, Serpieri, 2011; Serpieri, Grimaldi, 2013), come quelle istituzionali e politicosindacali, continuano a insistere per non smantellare l impianto democratico di una scuola comunità professionale e locale. Come viene mostrato dalla resistenza dell impianto di governance interna delle scuole (i suoi Organi Collegiali) che non è stato ancora modificato e di cui si susseguono i tentativi di riforma attraverso confronti e scontri tra forze politiche e sigle sindacali e professionali 4, ancora senza esiti. In definitiva, dunque, si può tentare di riassumere il carattere ibrido del dirigente scolastico italiano, per ipotizzare quali possono esserne le configurazioni future a seconda che prevalgano le istanze managerialista, rispetto a quelle di resistenza democratica. Per le prime, attraverso un necessario processo di semplificazione si riprenderanno, a titolo esemplificativo, le principali richieste contenute in una recente pubblicazione di alcune espressioni filantropiche più attive nel nostro Paese, la Associazione Treellle e la Fondazione per la Scuola della Compagnia di San Paolo che ha raccolto gli atti di un seminario su I dirigenti scolastici (2013), raccogliendo anche pareri internazionali sui sistemi francese, inglese e tedesco e alcune voci dal dibattito italiano 5. In sintesi, 4 Con addirittura alcune voci, come quella dell Associazione Nazionale Docenti (http://www.associazionedocenti.it.it) che ripropongono l ipotesi di un Preside eletto dai docenti, come avviene d altrone di altri sistemi scolastici (cfr, Barzanò, 2011). 5 Non appare superfluo sottolineare come nel seminario-volume non sia presente alcun esponente critico sia delle politiche, che dei discorsi managerialisti in Italia e nel mondo, con la sola eccezione del Presidente Iannaccone dell associazione professionale ANDIS (Associazione Nazionale Dirigenti Scolstici). 3

4 Leadership democratica o management distribuito? La costruzione del dirigente scolastico in Italia dunque, il discorso managerialista vede il dirigente come un dispositivo di direzione e controllo che: attiva una comunità di insegnanti vista come essenzialmente passiva, se non recalcitrante, rispetto a quanto dis-posto dal Centro; distribuisce la leadership attraverso la costituzione di un middle management dedicato, perché nessuno crede più nel preside monarca [ ] e la leadership distribuita non è solo un modo per ridurre il potenziale di autoritarismo del preside di cui tutti hanno timore, come afferma Oliva, Presidente di Treellle (p. 133; cm.); gestisce il ciclo delle risorse umane per il personale scolastico, e in particolare gli insegnanti, di cui valuta i più meritevoli ; è organo decisionale monocratico, mentre gli organi collegiali rivestono un mero carattere consultivo, come sostenuto dal Capo Dipartimento Istruzione del Ministero, Stellacci; garantisce il raggiungimento degli obiettivi di apprendimento così come definiti e valutati dal Centro e su questo viene valutato, perché disconnettere il tema della valutazione dei dirigenti da quello della scuola è un errore logico, come sostiene il Presidente dell INVALSI, Sestito (ivi, p. 123; cm.); promuove il miglioramento della scuola, in linea con quelle che sono le disposizioni contenute nelle politiche del Governo e le indicazioni fornite dal Ministero e le sue agenzie, l INVALSI in primo luogo. Che, naturalmente, si faccia ampio riferimento ad una retorica di managerializzazione non deve certo stupire. Così, ad es., mentre si sostiene, soprattutto da Sestito-INVALSI la somministrazione sull intero universo nazionale dei test di apprendimento, rispetto alle voci critiche come Vertecchi (2012) che ritengono più che adeguato un campionamento delle scuole, viene giustificato da una logica comparativa di neutro benchmarking, ma finisce col coprirne una sanzionatoria rispetto alle migliori e alle peggiori scuole. Allo stesso tempo, paradossalmente, si sostiene la necessità per le finalità delle scuole di migliorare gli esiti formativi, da intendere in senso ampio, dei loro alunni (p. 126; cm.), addirittura, di crescita personale e civile degli studenti (p.20), rinviando a logiche di accountability sostanziale e, dovremmo aggiungere, oltre quindi la valutazione degli apprendimenti solo attraverso test. In teoria favorevoli, dunque, a valorizzare le informazioni di natura soft disponibili localmente e quindi il momento auto-valutativo ma non per ricadere in una deriva autoreferenziale (p. 126). Contrastando, tuttavia, il rischio dell autoreferenzialità col solito refrain tipico della retorica managerialista con il supporto dell INVALSI, magari utilizzando a tale fine anche la subordinazione di ciò che rimane del corpo professionale degli ispettori. La più palese espressione dell adesione alle logiche di valutazione di stampo managerialista è stata rappresentata nel nostro Paese dal coinvolgimento di attori privati nel promuovere una nuova cultura valutativa centrata, in particolare, sull uso della valutazione degli apprendimenti. Come si è dimostrato altrove (Serpieri, 2012), infatti, si sono incontrate in questa logica le istanze politiche e ministeriali con quelle del mondo dell imprenditoria in uno spirito di sperimentazione. Da un lato, la Fondazione Agnelli che ha puntato sulla tecnica del valore aggiunto apportato dalle scuole in termini di risultati degli studenti, tecnica che ha contato sull appoggio di alcuni economisti e dello stesso INVALSI e che, per sua filosofia intrinseca, lascia in sospeso la determinazione di tale valore imputabile direttamente al dirigente e agli insegnanti. I fautori di questa tecnica credono che sia possibile misurare della dirigenza il valore diretto ed indiretto, in omaggio alla scuola della leadership for learning (cfr., Hallinger, 2012), cui affidare il compito di indirizzare, supportare e monitorare gli insegnanti per ottenere miglioramenti in termini di valore aggiunto della scuola, in una tipica logica di benchmarking. Dall altro lato, le Fondazioni per la Scuola e Treellle che hanno puntato decisamente verso una valutazione meritocratica del corpo degli insegnanti, attraverso una metodologia reputazionale. Anche in questo caso il dirigente non viene valutato, sebbene intervenga direttamente nella valutazione degli insegnanti come uno dei tre componenti di un team di valutazione creato ad hoc nella scuola. Questa logica valutativa ha finito per dismettere i panni sperimentali per rivestire pienamente quelli istituzionali con il nuovo Sistema Nazionale, quando l INVALSI ha fatto partire l insieme degli attuali dispositivi di valutazione dagli apprendimenti alla dirigenza (VALES, ecc.), per cui a quest ultima si cerca di imputare una qualche forma di influenza diretta o indiretta sui risultati 4

5 Leadership democratica o management distribuito? La costruzione del dirigente scolastico in Italia degli studenti. Non è un caso che alla figura di Hallinger (2012), uno dei più prestigiosi promotori della leadership for learning, viene affidato il compito di legittimare questa logica invitandolo nei seminari ministeriali (come si evince anche nei materiali riportati nel sito dello stesso INVALSI) a presentare le sue idee e le sue autorevoli slide di PowerPoint (sic!) a supporto della nuova valutazione della dirigenza scolastica. Il trucco di questa logica valutativa è riconvertire tutto il contributo della dirigenza a dimensioni quantificabili ed imputabili ad una logica di causalità (correlazioni, regressioni, ecc.): l agire di leadership si riduce ad azioni segmentali e quantificabili al fine ed al costo di ridurne la complessità in misure quali quelle, ad es., della customer satisfaction e della human resource management. Ed, inoltre, in linea con l importazione di idee e politiche del discorso managerialista da Paesi che, peraltro, stanno almeno in parte già rivedendone la mitologia e le conseguenze, hanno puntato sull immaginario di una leadership a volte eroica (istruzionale, trasformativa, morale, ecc.) e talvolta in un apparente rigurgito dell autoritarismo, distribuita e condivisa: l importante è che questa venga riconosciuta e quantificata. In questo senso, come si è mostrato altrove (Serpieri, 2002, 2008), non vi è alcuna possibilità per il discorso managerialista di ammettere una visione della leadership che veda oltre la dimensione ontologico-epistemologica per certi versi, ideologica di una competenza, di una qualità, tipicamente lo stile, del singolo individuo detentore di un ruolo di vertice o, al massimo, che investa la relazione tra leader e follower e, che li si chiami collaboratori o middle management, poco interessa. Tacendo, peraltro, sulla gravosità dell enorme carico di lavoro che i Governi tendono a scaricare sulle spalle di dirigenti auto-regolantisi, sebbene controllati a distanza (Dean, 2010; Newman, 2001), gravosità che nasconde un processo di dominazione sulla professione insegnate attraverso il dispositivo della dirigenza-leadership (Gronn, 2003; Thompson. 2009), riducendo la distribuzione ad una mera operazione di delega del potere a fidati collaboratori: infatti, si tratta soprattutto di promuovere un management distribuito. Ovvio, quindi, che le competenze di leadership (oltre quelle burocratica e manageriale) non possano che essere ridotta ad uno spazio di azione di influenza e manipolazione del consenso, come la critica della leadership trasformazionale e distribuita ha chiaramente evidenziato (Serpieri, Grimaldi, Spanò, 2009). Che poi la leadership intesa come influenza e manipolazione venga presentata come la vera e propria funzione di leader cioè coordinare e motivare gli attori della sua organizzazione per la realizzazione di obiettivi comuni (Treellle, Fondazione per la scuola, 2013, p. 20), o come espressione di competenze di tipo relazionale e manageriale (ivi, p. 121), realizzando una sorta di cortocircuito ideo-logico, un vero e proprio truismo, per cui il manager è tale se è leader e il leader è tale se è manager, questo poco interessa ai fini della legittimazione managerialista del dispositivo dirigenzaleadership. In tutt altra direzione, invece, si rivolge un discorso sulla scuola che promuova una leadership democratica (Serpieri, 2008). In questo caso, infatti, si riconosce nella dirigenza un dipositivo delle politiche scolastiche caratterizzato da ambiguità e contraddizioni, mentre la letteratura sulla leadership democratica (Woods, 2005), sostenibile (Hargreaves, Fink, 2006), ecologica (Bottery, 2004), ironica-temperata (Hoyle, Wallace, 2005) e su quella distribuita intesa come pratica-processo (Spillane, 2006), ecc. 6, concepiscono la scuola come una comunità professionale, sociale e locale. Ovvero, come una organizzazione non gerarchica (Serpieri, 2002), indirizzata verso finalità di 6 Per una presentazione di questi approcci si permetta di rinviare a Serpieri, 2008 e Serpieri, Grimaldi, Spanò, Risulta, per certi versi del tutto sorprendente, sebbene per altro del tutto comprensibile, nel dibattito italiano la relativa ignoranza in materia di letteratura e politiche della leadership. Laddove, si resta spesso fermi alla peggiore vulgata dei più tradizionali, quasi obsoleti, approcci, attraverso una importazione parziale e mistificatoria e costantemente in ritardo come per la leadership distribuita, tanto da parte dei protagonisti, organizzati e individuali del discorso managerialista, come nel caso delle Fondazioni citate, ma anche dei resposabili di importanti istituzioni e associazioni sindacal-professionali, per non parlare degli accademici. È vero che la letteratura italiana più aggiornata e critica in materia di leadership si risolve in pochissime voci nel nostro Paese (sostanzialmente, oltre quelli citati di chi scrive, si possono consultare i lavori di Barzanò, 2008; 2011) e, tuttavia, non mancherebbero certo alle agenzie Ministeriali, alle Fondazioni, ai Dipartimenti universitari, ai centri di ricerca anche sindacal-professionali, ecc., in teoria i fondi per garantire un aggiornamento dei loro ricercatori ed esperti. Ma, parafrasando un noto detto, non c è cieco peggiore di chi non vuol vedere 5

6 Leadership democratica o management distribuito? La costruzione del dirigente scolastico in Italia inclusione e perequazione e non solo di efficacia ed efficienza; per lo sviluppo di capacitazioni ed aspirazioni di cittadinanza democratica e di una coscienza critica sia dei suoi studenti, che del contesto territoriale, nonché degli stessi professionisti dell educazione. In questo senso, e rompendo l automatismo implicito nella retorica managerialista dell equazione distribuita-democratica, una concezione della leadership propria di un discorso democratco (Olssen et al, 2004) vede nella leadership un processo radicato in un contesto di reti di pratica (Serpieri, 2008), in una leadership messa in pratica attraverso una configurazione di una unicità di insiemi di ruolo (Gronn, 2010, p. 425). In tal senso, alcune suggestive interpretazioni dei processi di attivazione delle politiche da parte di scuole normali in Inghilterra (Ball et al, 2012) hanno rinunciato ad evidenziare un unico ruolo di leader, ma hanno rappresentato la configurazione o le reti di pratica della leadership attraverso un insieme plurimo e diversificato di ruoli assolti nella logica processuale dell enactment, ovvero dell attivazione, della rap-presentazione delle politiche. Una simile concezione processuale della leadership, il cui potenziale (Gronn, 2009) democratico si esprime non solo nella strutturazione istituzionale, attraverso ad es., degli organi di governance interna, ma anche in termini di resistenza. Riconoscendo, incoraggiando, l emergenza di punti di resistenza presenti nella soggettivazione (Ball, 2013) procurata dai dispositivi delle politiche, di valutazione e, quindi, della stessa dirigenza (poco è stato fatto finora nel nostro Paese, per di-mostrare le pratiche di resistenza alle politiche nazionali si pensi ai soli testi INVALSI che hanno visto coinvolti dirigenti e insegnanti e, talvolta famiglie e studenti in una leadership distribuita e democratica). Ma anche esplorando la possibile rivitalizzazione di forme di partecipazione democratica (Grimaldi, 2011), da quella degli organi collegiali a quella della collaborazione tra scuole, rompendo logiche competitive di partnership, nella quale si verrebbe ad instaurare, come pure da alcuni proposto, una sorta di super-leader, un dirigente più dirigente degli altri come nel caso della system-leadership (Hopkins, 2007). E non da ultimo, come sostiene Cerini (2012) cercando di sostenere una diversa idea di valutazione legata ad una concezione democratica della scuola, nella misura in cui è capace di sostenere e supportare le istanze plurime di valutazione ed in primo luogo quelle professionali. Appare chiaro, in definitiva, che i destini della dirigenza scolastica in Italia si svilupperanno secondo linee di attrito e conflitto tra i discorsi delle politiche scolastiche, risentendo in parte dell alternanza dei cicli politici, ma non del tutto, sulla base di una certa trasversalità discorsiva della Terza-via e di taluni dispositivi come il NPM. Riuscirà il discorso managerialista a erodere i potenziali democratico e partecipativo che anche nella scuola italiana sono incorporati sia nella alleanza corporativa, che nei professionisti che hanno sostenuto fin qui il discorso welfarista? Sapranno quelli e potrà quest ultimo, reinventandosi come discorso democratico, rispondere alle istanze di ulteriore democratizzazione dell educazione intesa come bene comune (qui possono citarsi autori anche molto distanti per formazione e posizioni politiche ed ideologiche come: Gallino, 2013 e Hardt, Negri, 2009), in cui anche le comunità locali e le soggettività non-organizzate riusciranno a trovare una loro espressione e resistere ai tentativi di appropriazione/privatizzazione delle istituzioni e delle politiche scolastiche? La dirigenza scolastica, in tal senso, viene e verrà ad esser un dispositivo dilemmatico di potere e di governo: per una scuola finalizzata all economico o per una scuola che privilegi il bene comune? Riferimenti bibliografici Bailey, P.L.J., (2013) The policy dispositif: historical formation and method. Journal of Education Policy, in stampa. Ball, S.J., (2007) Education plc. London: Routledge. 6

7 Leadership democratica o management distribuito? La costruzione del dirigente scolastico in Italia Ball, S.J., (2012) Global Education Inc. New policy networks and the neo-liberal imaginary. London: Routledge. Ball, S.J., (2013) Foucault, Power and Education. New York: Routledge. Ball, S.J., Braun, A. and Maguire, M., (2012) How schools do policy. London: Routledge. Barzanò G., (2008) Leadership per l educazione. Riflessioni e prospettive dal dibattito globale. Armando, Roma. Barzanò, G., (2011) School autonomy and the new accountabilities of European Education Leaders: case studies in England, France, Italy and Portugal. Italian Journal of Sociology of Education, 9(3), pp Berlinguer, L., (2001) La nuova scuola. Bari: Laterza. Blackmore, J., Sachs, J., (2007) Performing and Reforming Leaders. Gender, Educational Restructuring, and Organizational Change. New York: SUNY Press. Bottery M., (2004) The Challenges of Educational Leadership. London: Paul Chapman. Cavalli, A., (2012) in Cavalli, Fischer. Cavalli, A., Fischer, L. (a cura di), (2012) Dirigere la scuola oggi. Bologna: Il Mulino. Cerini G., (2012) Una certa idea di valutazione. Apprendimenti Insegnanti Scuole Sistema. Faenza: Homeless Book. Dean, M., (2010) Governmentality. Power and rule in modern society. 2nd Edition. London: Sage. Deleuze, G., (1992) What is a Dispositif? In Timothy J. Armstrong (a cura di), Michel Foucault: Philosopher. New York: Routledge, pp Fischer, L., Fischer, M.G. and Masuelli, M., (2002) I dirigenti nella scuola dell autonomia. Bologna: Il Mulino. Fischer, L., and Masuelli, M., (1998) I dirigenti e l autonomia delle scuole. Milano: Angeli. Gallino, L., (2013) Il colpo di stato di banche e di governi. Torino: Eimaudi. Grimaldi E., (2011) Discorsi e pratiche di governance della scuola. Milano: FrancoAngeli. Grimaldi, E., Romano, T., Serpieri, R. (2011) I discorsi della dispersione. Una politica di partenariato. Napoli: Liguori. Grimaldi, E., Serpieri, R., (2012) The transformation of the Education State in Italy: a critical policy historiography from 1944 to 2011, Italian Journal of Sociology of Education, 4(1): Grimaldi, E., Serpieri, R., (2013a) Jigsawing education evaluation: pieces from the Italian New Public Management puzzle. Journal of Educational Administration and History, in stampa. Grimaldi, E., Serpieri, R., (2013b) Privatising education policy-making in Italy: new governance and the reculturing of a welfarist education state. Education Inquiry, 4(3): in stampa. Grimaldi, E., Serpieri, R., (2014) Italian Education beyond hierarchy: governance, evaluation and headship. Educational Management Administration & Leadership, in stampa. Gronn P., (2003) The New Work of Educational Leaders. London: Sage. Gronn P., (2009), Ibryd Leadership. In Leithwood K., Mascall B., Strass T., (a cura di), Distributed Leadership According to the Evidence. New York: Routledge. Gronn, P., (2010) Leadership: its genealogy, configuration and trajectory. Journal of Educational Administration and History, 42(4): Gunter H., (2012) Leadership and the Reform of Education. Bristol: Policy Press. 7

8 Leadership democratica o management distribuito? La costruzione del dirigente scolastico in Italia Hallinger, P., (2012) Leadership for 21st Century Schools: From Instructional Leadership to Leadership for Learning. Hong Kong Institute of Education. Hardt, M., Negri, A., (2009) Commowealth. Tr. it., (2010). Milano: Rizzoli. Hargreaves A., Fink B., (2006) Sustainable Leadership. San Francisco: Josey-Bass. Hopkins D., (2007) Every School a Great School. Realizing the potential of system leadership. New York: McGraw-Hill. Hoyle E., Wallace M., (2005) Educational Leadership: Ambiguity, Professionals & Managerialism. London: Sage. Karlsen G.E., (2000) Decentralized centralism: framework for a better understanding of governance in the field of education. Journal of Education Policy, 15(5), pp Leithwood K., (1992) The move toward Transformational Leadership. Educational Leadership, 49(5), pp Newman J, (2001) Modernising Governance. London: Sage. Newman J, (2005) Enter the Transformational Leader: Network Governance and the Micro-politics of Modernization. Sociology, Volume 39(4): Olssen, M., Codd, J., O Neill, A.M., (2004) Education Policy: Globalization, Citizenship and Democracy. London: Sage. Serpieri R., (2002). Leadership senza gerarchia. Riflessioni sul management scolastico. Napoli: Liguori. Serpieri, R., (2008) Senza Leadership: un discorso democratico per la scuola. Discorsi e contesti della leadership educativa. Milano: FrancoAngeli. Serpieri R, (2009) A war of discourses. The formation of educational headship in Italy. Italian Journal of Sociology of Education, 1(1): Serpieri, R., (2012) Senza Leadership: la costruzione del dirigente scolastico. Dirigenti e autonomia nella scuola italiana, Milano: FrancoAngeli. Serpieri, R., Grimaldi, E., (2013) Che razza di scuola. Praticare l educazione interculturale. Milano: Angeli. Serpieri, R., Grimaldi, E., Spanò, E., (2009) Discourses of Distribution: Anchoring Educational Leadership to Practice, Italian Journal of Sociology of Education, 3(3): Spillane J.P., (2006) Distributed leadership. San Francisco: Jossey-Bass. Thompson, P., (2009) School Leadership. Heads on the Block? London: Routledge Treellle, (2006), Per una scuola autonoma e responsabile. Analisi, confronti e proposte, Quaderno, 5. Treellle, Fondazione per la Scuola, (2013) I dirigenti scolastici: funzioni, reclutamento, valutazione in Italia e in Europa, Seminario, 13 (aprile). Vertecchi, B., (2012) Quanta ideologia dietro il mantra della valutazione. L Unità, 6 marzo, p. 19. Woods P.A., (2005) Democratic Leadership in Education, London: Paul Chapman. 8

9 CONVEGNO NAZIONALE DIRIGENTI SCOLASTICI Bologna, 25-26, febbraio, 2014 Roberto Serpieri Dipartimento di Scienze Sociali Università Federico II, Napoli Leadership democratica o management distribuito? La costruzione del dirigente scolastico in Italia

10 Valutazione come tecnica del ministero non serve all'autonomia delle scuole Scuola monoteista per una valutazione accentrata incapace e incosciente del politeismo delle scuole Valutare la diversità di ciascuna qualità di ciascuna struttura di ciascun prodotto di ciascun processo Senza autonomia concettuale di ricerca e sperimentazione si ha una valutazione da monoteismo e quindi un inganno 25/02/14 2

11 Leadership o management? Leadership managerialista Trasformazionale For learning Distribuita Leadership democratica Dalle micropolitiche ai processi nella pratica della scuola democratica 25/02/14 3

12 Premessa Leadership o management? Obiettivi Discorsi e politiche Concezioni 25/02/14 4

13 ? equità 25/02/14 5

14 25/02/14 6

15 25/02/14 7

16 Parte I Leadership managerialista Trasformazionale For learning Distribuita 25/02/14 8

17 Le dimensioni della leadership trasformazionale 25/02/14 9

18 Modello degli effetti mediati con cause antecedenti 25/02/14 10

19 Philip Hallinger and Ronald H. Heck Conceptual and methodological issues in studying school leadership effects as a reciprocal process School Effectiveness and School Improvement Vol. 22, No. 2, June2011, /02/14 11

20 Leadership distribuita come una concezione funzionale dell interazione tra leader e followers: formali (middle management) ed informali (i collaboratori fidati ) portatori di pezzetti (piccole risorse di potere) di leadership per un esplicito e desirabile processo di design e ristrutturazione organizzativi. Leadership distribuita come un dispositivo manageriale di delega focalizzato su aspetti posizionali di struttura, ruoli e procedure, esplicitamente estraneo a questioni di gerarchia, potere e di politiche. 25/02/14 12

L idea di buona scuola e di buona dirigenza interna al Sistema Nazionale di Valutazione

L idea di buona scuola e di buona dirigenza interna al Sistema Nazionale di Valutazione L idea di buona scuola e di buona dirigenza interna al Sistema Nazionale di Valutazione USR per la Lombardia: ottobre 2014 Damiano Previtali Per me la garanzia di una buona scuola è: un buon Direttore

Dettagli

Ufficio IV. CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Ufficio IV. CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Capo del Dipartimento per l Istruzione SEDE Ai Direttori Generali

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Corso di Aggiornamento Professionale Coordinatori dei Processi di AutoValutazione PREMESSA

Dettagli

Verso un modello «italiano» di valutazione?

Verso un modello «italiano» di valutazione? Verso un modello «italiano» di valutazione? Alcune riflessioni personali di Paolo Sestito (basate sul cap. 2 del libro «La scuola imperfetta») Roma, 5 dicembre 2014 Outline La valutazione come strumento

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDICE 1 PREMESSA 5 IL PROGETTO RIMOTIVAZIONE 6 PRIMA PARTE IL CONTESTO TEORICO DI RIFERIMENTO 8 CAPITOLO PRIMO I DIVERSI MODELLI

Dettagli

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO Intendiamo parlare della valutazione come di un processo interazionale tra un soggetto valutante ed un soggetto valutato. Trattandosi di un processo dinamico

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

UN CONFRONTO CON L EUROPA

UN CONFRONTO CON L EUROPA UN CONFRONTO CON L EUROPA Per favorire una critica non inficiata da pregiudizi politico-ideologici proponiamo il confronto con gli organi di governo della scuola degli altri Paesi europei, anche se riteniamo

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Provincia Autonoma TRENTO

Provincia Autonoma TRENTO Provincia Autonoma TRENTO 1 INDICE :::::::::::::: 1. Introduzione a. processo di ascolto 2. Principali temi emersi 3. Le buone pratiche regionali 2 Introduzione 1La Provincia Autonoma di Trento ha attivato

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Misure di accompagnamento alle Indicazioni Nazionali Progetto CITTADINANZA COME AGIRE SOCIALE Incontro conclusivo 25 maggio 2015 Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Un percorso che

Dettagli

Marina Battistin Dirigente Scolastico di IC 16 Bologna Capofila Rete A. Mi. Co.

Marina Battistin Dirigente Scolastico di IC 16 Bologna Capofila Rete A. Mi. Co. Dirigente Scolastico di IC 16 Bologna Capofila Rete A. Mi. Co. Descrivere la propria scuola sulla base di dati attendibili Attribuirsi11 voti, motivati, sulle dimensioni principali del funzionamento della

Dettagli

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE PER LA CLASSE DIRIGENTE COOPERATIVA

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE PER LA CLASSE DIRIGENTE COOPERATIVA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE PER LA CLASSE DIRIGENTE COOPERATIVA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE PER LA CLASSE DIRIGENTE COOPERATIVA IL BISOGNO CHE VOGLIAMO SODDISFARE Accompagnare amministratori e manager delle

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE manageriali f o r m a z i o n e IL CONTESTO Le trasformazioni organizzative e culturali che stanno avvenendo nelle amministrazioni comunali,

Dettagli

Progetto sperimentale VSQ - Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle Scuole

Progetto sperimentale VSQ - Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle Scuole Progetto sperimentale VSQ - Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle Scuole Premessa Nel quadro delle azioni del Ministero da attuare in coerenza con i principi generali contenuti nel Decreto legislativo

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE L educazione e l istruzione in Europa. Ipotesi di sviluppo e di intervento nella scuola

CORSO DI FORMAZIONE L educazione e l istruzione in Europa. Ipotesi di sviluppo e di intervento nella scuola CORSO DI FORMAZIONE L educazione e l istruzione in Europa. Ipotesi di sviluppo e di intervento nella scuola Prof. ssa Maria Vittoria Isidori Titolare dell insegnamento di didattica generale e pedagogia

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

Roma, 5-7 dicembre 2013. Workshop 2 Leadership, organizzazione e sviluppo professionale

Roma, 5-7 dicembre 2013. Workshop 2 Leadership, organizzazione e sviluppo professionale La leadership educativa nei paesi dell Europa latina: autonomie, identità, responsabilità Università Roma Tre - Dipartimento di Scienze della Formazione Piazza della Repubblica 10 Roma, 5-7 dicembre 2013

Dettagli

Partecipazione e processi decisionali.

Partecipazione e processi decisionali. Partecipazione e processi decisionali. La legge regionale della Toscana sulla partecipazione: principi, finalità, contenuti. Antonio Floridia Responsabile del settore Politiche per la partecipazione Giunta

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DI ODENSE

LA DICHIARAZIONE DI ODENSE La 4 a Conferenza Europea sulle Scuole che promuovono salute: Equità, Istruzione e Salute 7-9 Ottobre 2013 IL NOSTRO ABC PER EQUITÀ, ISTRUZIONE E SALUTE LA DICHIARAZIONE DI ODENSE: IL NOSTRO ABC PER EQUITÀ,

Dettagli

L uso dei dati nelle politiche pubbliche

L uso dei dati nelle politiche pubbliche L uso dei dati nelle politiche pubbliche Antonio Calafati Gran Sasso Science Institute (IT) & Accademia di architettura, USI (CH) www.gssi.infn.it Istat 4 Giornata Nazionale dell Economia Roma, 21 o:obre

Dettagli

RAV e dintorni. Laboratorio Regionale DiSAL LIGURIA 8 gennaio 2015. Maddalena Cassinari

RAV e dintorni. Laboratorio Regionale DiSAL LIGURIA 8 gennaio 2015. Maddalena Cassinari RAV e dintorni Laboratorio Regionale DiSAL LIGURIA 8 gennaio 2015 Maddalena Cassinari 1. Motivazione del RAV * La parola chiave è: MIGLIORAMENTO * Attraverso * azioni correttive * cambiamenti necessari

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

Tesi: Ruolo e funzioni del Dirigente scolastico. MASTER Dirigenza Scolastica Università della Calabria Lucia Scuteri

Tesi: Ruolo e funzioni del Dirigente scolastico. MASTER Dirigenza Scolastica Università della Calabria Lucia Scuteri Tesi: Ruolo e funzioni del Dirigente scolastico MASTER Dirigenza Scolastica Università della Calabria Lucia Scuteri The object of education is to prepare the young,to educate themselves throughout their

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

La validazione degli apprendimenti in Italia: un percorso in cerca di conclusione di Alessandra Ferrari

La validazione degli apprendimenti in Italia: un percorso in cerca di conclusione di Alessandra Ferrari La validazione degli apprendimenti in Italia: un percorso in cerca di conclusione di Alessandra Ferrari La validazione degli apprendimenti in Italia disegna un panorama molto variegato con differenze marcate

Dettagli

Un cambiamento non sempre produce un miglioramento, ma un miglioramento richiede sempre un cambiamento. Winston Churchill

Un cambiamento non sempre produce un miglioramento, ma un miglioramento richiede sempre un cambiamento. Winston Churchill Un cambiamento non sempre produce un miglioramento, ma un miglioramento richiede sempre un cambiamento. Winston Churchill analisi e verifica servizio: rapporto autovalutazione e piano miglioramento valutazione

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

Agenda degli incontri

Agenda degli incontri PROGETTO DI FORMAZIONE LEARNING BY DOING Descrizione Percorso Un percorso di formazione per supportare i docenti a formare in modo esplicito le competenze trasversali dei loro allievi. E ormai noto che

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE

CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE La certificazione manageriale 29/07/2014 PREMESSA In diverse realtà sono stati attivati corsi di

Dettagli

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica.

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica. IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA Ogni decisione sul da farsi viene presa dal leader. Tutte le cose da farsi

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN UE

MODELLI DI VALUTAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN UE MODELLI DI VALUTAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN UE Unità italiana di Eurydice, novembre 2009 Gli ultimi due decenni sono stati caratterizzati da un aumento progressivo della valutazione dell operato degli insegnanti.

Dettagli

IL MANAGER PARTECIPATIVO

IL MANAGER PARTECIPATIVO IL MANAGER PARTECIPATIVO Prof. Mario Mazzoleni www.mariomazzoleni.com www.labser.it Forlì, 4 maggio 2007 Il manager IL MANAGEMENT La persona o il gruppo o l organo destinati a guidare e gestire l impresa

Dettagli

La comunità può rendere efficace l'apprendimento? Spunti di riflessione

La comunità può rendere efficace l'apprendimento? Spunti di riflessione La comunità può rendere efficace l'apprendimento? Spunti di riflessione Marco Orsi - tutor universitario ideatore delle Scuole Senza Zaino INSEGNANTI CHE COOPERANO SUL SERIO Wheelan, & Kesselring (2005)

Dettagli

Compiti innovati Porre attenzione allo sviluppo delle componente manageriale della professione;

Compiti innovati Porre attenzione allo sviluppo delle componente manageriale della professione; 1.2.3.2.0 - Direttori e dirigenti del dipartimento organizzazione, gestione delle risorse umane e delle relazioni industriali Le professioni classificate in questa unità definiscono, dirigono e coordinano

Dettagli

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione Empowerment of Migrant Associations for Co-development,

Dettagli

NORMATIVA E DOCUMENTI. Il format di autovalutazione. Le Tappe FASI REDAZIONE E PUBBLICAZIONE DEL RAV

NORMATIVA E DOCUMENTI. Il format di autovalutazione. Le Tappe FASI REDAZIONE E PUBBLICAZIONE DEL RAV NORMATIVA E DOCUMENTI Il format di autovalutazione Le Tappe FASI REDAZIONE E PUBBLICAZIONE DEL RAV SINTESI PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE E RAV DPR 28 Marzo 2013, n. 80 Direttiva n.11 del 18 settembre 2014

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola COMUNE DI ROMA MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola Protocollo D Intesa 2002-2005 1 Visto l art.21 della Legge 15 Marzo 1997

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

Corso Federalismo e fiscalità locale

Corso Federalismo e fiscalità locale Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Federalismo e fiscalità locale Profili

Dettagli

Il Progetto Continuità per l A.S. 2012/2013 si è basato su diversi riferimenti legislativi che vedono la continuità come una vera e propria filosofia

Il Progetto Continuità per l A.S. 2012/2013 si è basato su diversi riferimenti legislativi che vedono la continuità come una vera e propria filosofia Il Progetto Continuità per l A.S. 2012/2013 si è basato su diversi riferimenti legislativi che vedono la continuità come una vera e propria filosofia della scuola poiché traduce in prassi un comune senso

Dettagli

progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE

progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE Il Centro per la formazione continua e l aggiornamento del personale insegnante cura iniziative

Dettagli

Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO.

Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale per le Migrazioni

Dettagli

Un progetto di trasformazione verso la Net Economy.. Diffusione e sviluppo delle ICT nelle istituzioni scolastiche del lecchese.

Un progetto di trasformazione verso la Net Economy.. Diffusione e sviluppo delle ICT nelle istituzioni scolastiche del lecchese. Un progetto di trasformazione verso la Net Economy.. Diffusione e sviluppo delle ICT nelle istituzioni scolastiche del lecchese. 11 SETTEMBRE 2006 Copyright SDA Bocconi 2006 La Credibilità della Visione

Dettagli

8 Educare cittadini globali

8 Educare cittadini globali Presentazione Flavia Virgilio è componente (insieme a Davide Zoletto e ad Anselmo Roberto Paolone) del Gruppo di Ricerca in Pedagogia Generale e Sociale dell Università di Udine, da me coordinato. Questa

Dettagli

COMUNITÀ DI PRATICA. i loro membri condividono modalità di AZIONE E INTERPRETAZIONE della realtà

COMUNITÀ DI PRATICA. i loro membri condividono modalità di AZIONE E INTERPRETAZIONE della realtà Comunità di pratica e reti professionali di Massimo Tomassini Vorrei ringraziare per questo invito. Sono molto lieto di essere in questa sala in cui sono stato circa quattro anni fa, presentando con altri

Dettagli

Per l e-learning nelle università italiane

Per l e-learning nelle università italiane Politiche Per l e-learning nelle università italiane di Giovanni Ragone Il nostro paese è in ritardo, ma possiamo e dobbiamo recuperare, e stiamo costruendo le condizioni istituzionali perché questo possa

Dettagli

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009 Università degli Studi di Firenze Facoltà di Scienze Politiche Corso di Laurea Magistrale in Disegno e Gestione degli Interventi i Sociali Corso di Biografia, Cultura e Servizio Sociale Servizio Sociale

Dettagli

La governance delle università: uno sguardo comparato

La governance delle università: uno sguardo comparato La governance delle università: uno sguardo comparato Marino REGINI (Università Statale di Milano) Seminario EconomEtica e POLIS, Vercelli, 2 Marzo 2012 Le riforme della governance universitaria in Europa

Dettagli

CORSI FINANZIABILI TRAMITE VOUCHER For.Te

CORSI FINANZIABILI TRAMITE VOUCHER For.Te CORSI FINANZIABILI TRAMITE VOUCHER For.Te Da richiedere on line sul sito del fondo For.Te il giorno lunedì 21 gennaio 2013 secondo la procedura dell avviso 3/2012 SETTORE SCUOLA Titolo Progettare e valutare:

Dettagli

La struttura del Rapporto di Autovalutazione

La struttura del Rapporto di Autovalutazione Seminario L Autovalutazione delle scuole nell ottica del miglioramento Istituto Professionale Statale Federico II Enna, 9 giugno 2015 La struttura del Rapporto di Autovalutazione Michela Freddano PhD in

Dettagli

MANAGER DELLA SICUREZZA INTEGRATA

MANAGER DELLA SICUREZZA INTEGRATA Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: Caratteristiche del percorso formativo MANAGER DELLA SICUREZZA INTEGRATA Corsi di specializzazione

Dettagli

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA QUESTIONARIO DOCENTI Gentile docente, Le chiediamo di esprimere la sua opinione su alcuni aspetti della vita scolastica e sul funzionamento della scuola nella quale attualmente lavora. Le risposte che

Dettagli

COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU

COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU Prof. Mario Mazzoleni mario.mazzoleni@mmsolutions.eu 18 Novembre 2013 1 STAKEHOLDER Finanziator i Personal e Collettività Soci

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE E ORIENTAMENTO: IL FUTURO DELLA SCUOLA

AUTOVALUTAZIONE E ORIENTAMENTO: IL FUTURO DELLA SCUOLA AUTOVALUTAZIONE E ORIENTAMENTO: IL FUTURO DELLA SCUOLA di Andrea Cammelli fondatore nel 1994 e direttore del Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea I l Profilo dei Diplomati 2014 rappresenta una risposta

Dettagli

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA Quali sono gli obiettivi dell Unione nel realizzare i programmi per la mobilità? Questi programmi rientrano all interno della politica di istruzione, formazione

Dettagli

CORSO AVANZATO EFAC. Roma, 30 marzo 2012

CORSO AVANZATO EFAC. Roma, 30 marzo 2012 CORSO AVANZATO EFAC Roma, 30 marzo 2012 1 Corso avanzato per Caf Assessor La leadership e le dinamiche di gruppo 2 Da Henry Ford a Steve Jobs Siate affamati,.. siate folli Voi non dovete pensare, ci sono

Dettagli

La Scuola di Volontariato. Il tema: gratuità e felicità. Metodologia didattica

La Scuola di Volontariato. Il tema: gratuità e felicità. Metodologia didattica La Scuola di Volontariato La Scuola di Volontariato è promossa dal Coge Emilia Romagna e dal Coordinamento Centri di Servizio per il Volontariato Emilia Romagna con l intento di stimolare riflessioni sugli

Dettagli

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE 1. Che cos è la formazione La formazione è il processo attraverso il quale si educano, si migliorano e si indirizzano le risorse umane affinché personale

Dettagli

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Genova, 16 marzo 2006 Via Balbi, 1a - 16126 GENOVA Tel. 010/2095962 Fax 010/2095961 e-mail: cared@unige.it Master

Dettagli

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA Assessorato Turismo, Cultura, Pubblica Istruzione e Gemellaggi La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI

PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI Progetto di Ricerca-intervento 1. Presentazione Della Proposta 1.1 La ricerca-intervento:

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

Corso Federalismo e fiscalità locale

Corso Federalismo e fiscalità locale Ministero per la pubblica amministrazione e l'innovazione Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Profili didattico-scientifici

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

CONTESTI COOPERATIVI PER GENERARE OPPORTUNITÀ

CONTESTI COOPERATIVI PER GENERARE OPPORTUNITÀ VIII EDIZIONE SIREF SUMMER SCHOOL LECCE 2013 CONTESTI COOPERATIVI PER GENERARE OPPORTUNITÀ Apprendere, formare, agire nel corso della vita: capacità, democrazia, partecipazione. Nuove politiche per lo

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre Commission européenne Comunicato stampa L autonomia scolastica in Europa Politiche e modalità attuative

Dettagli

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile Azioni a carattere innovativo finanziate nel quadro dell'art. 6 del regolamento relativo al Fondo Sociale Europeo, Linea di Bilancio B2-1630,"Strategie locali per l'occupazione e innovazione" Strategie

Dettagli

Le eccedenze del lavoro cognitivo nelle aziende sanitarie

Le eccedenze del lavoro cognitivo nelle aziende sanitarie Le eccedenze del lavoro cognitivo nelle aziende sanitarie Carlo Romagnoli Seminario Uninomade 2.0 su Impresa e soggettività, seconda sessione 24 marzo, Torino Temi affrontati 1. Premessa. Le eccedenze

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

Leadership e processi di miglioramento nelle scuole. Prof. Angelo Paletta. Alma Mater Studiorum - UNIBO angelo.paletta@unibo.it

Leadership e processi di miglioramento nelle scuole. Prof. Angelo Paletta. Alma Mater Studiorum - UNIBO angelo.paletta@unibo.it Leadership e processi di miglioramento nelle scuole Prof. Angelo Paletta Dipartimento di scienze aziendali Alma Mater Studiorum - UNIBO angelo.paletta@unibo.it Formia, 29 ottobre 2014 sommario Domande

Dettagli

INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE

INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE Servizio Progetti alla Persona Aias di Milano Onlus Vigevano, 25 settembre 2009 Settembre 2001 In convenzione con il Comune di San Donato avvio del Progetto di coordinamento,

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Cittadinanza e Costituzione Le parole, gli strumenti, i percorsi

Cittadinanza e Costituzione Le parole, gli strumenti, i percorsi Cittadinanza e Costituzione Le parole, gli strumenti, i percorsi Un orizzonte di senso Ripensare il curricolo alla luce di Cittadinanza e Costituzione Maria Teresa Ingicco ingiccomt@libero.it Torino 2

Dettagli

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Ai Dirigenti scolastici delle Istituzioni scolastiche statali e paritarie di ogni ordine

Dettagli

I numeri da cambiare Scuola, università e ricerca. L Italia nel confronto internazionale

I numeri da cambiare Scuola, università e ricerca. L Italia nel confronto internazionale NOTA STAMPA 21 settembre 2012 I numeri da cambiare Scuola, università e ricerca. L Italia nel confronto internazionale Senz altro complice la crisi (c'é infatti anche chi ha affermato che "il debito italiano

Dettagli

Convegno Gli altri e noi: la sfida dell educazione interculturale Roma, 26-27 febbraio 2007

Convegno Gli altri e noi: la sfida dell educazione interculturale Roma, 26-27 febbraio 2007 Convegno Gli altri e noi: la sfida dell educazione interculturale Roma, 26-27 febbraio 2007 Quadro statistico: alunni con cittadinanza non italiana nelle scuole statali e non statali di Vinicio Ongini

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa Promozione dei percorsi inerenti l educazione alla legalità, alla democrazia, alla cittadinanza responsabile, al contrasto della criminalità organizzata per il triennio 2013-2015 PREMESSO CHE: La Regione

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015 Proviamo a vedere quali sono gli obiettivi finali del RAV: Migliorare gli apprendimenti, assumendo decisioni adeguate; Rendicontare le scelte compiute; Promuovere strategie innovative attraverso la partecipazione

Dettagli

Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea

Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea Mirco Fasolo, Elisa Silvia Colombo, Federica Durante COME SCRIVERE LA TESI (E TESINA) DI LAUREA Una guida alla stesura degli elaborati scientifici www.booksprintedizioni.it

Dettagli

Tavoli d ascolto. Tavoli d ascolto

Tavoli d ascolto. Tavoli d ascolto Tavoli d ascolto 1. Nidi e infanzia 2. Dirigenti delle Istituzioni scolastiche e formative 1 Ciclo 3. Dirigenti delle Istituzioni scolastiche e formative 2 Ciclo 4. Insegnanti di lingua straniera, CLIL

Dettagli

100 GIORNI, 100 PROPOSTE Call per l organizzazione di iniziative culturali in Cascina Triulza

100 GIORNI, 100 PROPOSTE Call per l organizzazione di iniziative culturali in Cascina Triulza 100 GIORNI, 100 PROPOSTE Call per l organizzazione di iniziative culturali in Cascina Triulza 1. PREMESSA Per la prima volta nella storia delle Esposizioni Universali, Milano ha ospitato un padiglione

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli