CONVEGNO NAZIONALE DIRIGENTI SCOLASTICI. Leadership democratica o management distribuito?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONVEGNO NAZIONALE DIRIGENTI SCOLASTICI. Leadership democratica o management distribuito?"

Transcript

1 CONVEGNO NAZIONALE DIRIGENTI SCOLASTICI Bologna, 25-26, febbraio, 2014 Roberto Serpieri Dipartimento di Scienze Sociali, Università Federico II, Napoli Leadership democratica o management distribuito? La costruzione del dirigente scolastico in Italia 1 Nel promuovere la riforma della scuola italiana a cavallo del millennio come scuola dell autonomia, l allora Ministro Luigi Berlinguer espose chiaramente le ragioni che richiedevano allo stesso tempo una nuova formazione del dirigente scolastico che accompagnasse e sostenesse quella riforma. La struttura centralistica ha oberato i dirigenti scolastici con compiti ed obblighi di natura burocratica, mentre la scuola autonoma ha bisogno di dirigenti scolastici che siano in grado di assumersi responsabilità, programmare ed implementare nuovi progetti ed attività, organizzare e stimolare il lavoro degli insegnanti, ascoltare gli studenti, coinvolgere le famiglie, gestire le risorse ed interagire con attori esterni (Berlinguer, 2001, pp ). L obiettivo era, e per molti versi rimane, quello di rimodellare la figura professionale delle Direttrici Didattiche 2 (per la scuola primaria) e dei Presidi (per la scuola secondaria), attenuandone le competenze burocratiche in cerca di un nuovo profilo professionale 3. In quest articolo si intende osservare come, in linea con la ambiguità contenuta nella retorica dello stesso Berlinguer, a quindici 1 In quest articolo si riprendono una serie di tematiche e risultati di ricerche empiriche che hanno accompagnato la mia produzione scientifica negli ultimi anni. Ad altre recenti pubblicazioni si rimanda per i necessari approfondimenti ed, in particolare, al volume Senza Leadership: la costruzione del dirigente scolastico. Dirigenti e autonomia nella scuola italiana, Milano: FrancoAngeli, 2012, e ad una serie di articoli che ho pubblicato insieme con Emiliano Grimaldi, ricercatore presso il mio stesso Dipartimento: Grimaldi, E., Serpieri, R., 2012; 2013a; 2013b; Ci riferiamo ad una connotazione anche di genere delle due figure che ha accompagnato la formazione professionale delle stesse: quella prevalentemente psico-pedagogico della prima e quella sostanzialmente disciplinare della seconda. Oggi, come si vedrà, sempre più la dirigenza scolastica sta comunque mostrando, nel nostro Paese, una evidente tendenza alla femminilizzazione della professione: in che misura ciò comporta delle conseguenze rispetto alla sua formazione? 3 La richiesta di una più esplicita delineazione del profilo professionale è ancora oggi al centro del dibattito e delle rivendicazioni di categoria (cfr., Treellle, 2013).

2 Leadership democratica o management distribuito? La costruzione del dirigente scolastico in Italia anni dalla riforma ci si trovi ancora di fronte a quella che altrove ho definito una guerra di discorsi (Serpieri, 2009; 2012) e che può essere anche vista come una appropriazione della dirigenza scolastica da parte di forze, logiche e politiche in-tensione per prevalere l una sull altra. Più specificamente si intende sostenere che, così come per la educazione nel suo complesso, il dirigente scolastico diviene S-Oggetto di attenzioni e cura non solo della politica e della amministrazione e delle rappresentanze sindacali e professionali di categoria, come del resto è lecito attendersi. Sempre più spesso e con maggiore insistenza, inoltre, attori definibili come non educational (Gunter, 2012; cm.) si affacciano sulla arena politico-amministrativo tentando di sottomettere ad una sorta di privatizzazione (cfr., Ball, 2007; 2012) implicita (talvolta anche esplicita) sia le politiche scolastiche, che le scelte strategiche, nonché le opzioni valoriali, riguardanti le Scuole e la sua stessa Dirigenza. La guerra che si è, pertanto, scatenata ha finito per produrre una figura ibrida. E se questa ibridazione veniva già fuori nell immaginario discorsivo di un Ministro di sinistra, la spinta verso una chiara svolta imprenditoriale e manageriale del dirigente scolastico è stata da sempre e subito portata dai più rilevanti esponenti del discorso managerialista come alcune associazioni professionali, partiti del centro-destra, rappresentanti del mondo imprenditoriale, ecc. insieme con alcune espressioni filantropiche (cfr., per l uso di tale concetto, Ball, 2007, 2012) di questo stesso mondo, ovvero le Fondazioni. Si veda quanto sostenuto ufficialmente in uno dei documenti una Associazione, che ha assunto un peso sempre più rilevante nelle politiche scolastiche soprattutto grazie al ruolo rivestito come consulenza nell ultimo Governo di Centro-Destra ( ), insieme con altre due Fondazioni per promuovere politiche di valutazione delle scuole, dei dirigenti e degli insegnanti, sui cui si tornerà in seguito. Il primo aspetto critico sta nel fatto che il profilo professionale e stato costruito su quello della dirigenza burocratica e non sul modello manageriale (potere e responsabilità), per cui invece di essere rivolta alla direzione di un servizio finalizzato all educazione e alla formazione, esse rimane rivolta al vertice burocratico e amministrativo del Centro. [ ] A questo si aggiungono i seguenti elementi critici: - il dirigente non esercita autonomi poteri decisionali, se non su aree marginali della gestione, e, comunque, non sul personale, che non valuta e non contribuisce né a reclutare, né a selezionare, né a sanzionare positivamente o negativamente. Eppure formalmente egli viene considerato responsabile dei loro risultati; - il dirigente può scegliersi due collaboratori, ma solo per l espletamento delle sue funzioni amministrativo-burocratiche, non certo per orientare, coordinare e incidere sul funzionamento didattico e pedagogico della scuola, presidiato da figure di sistema elette dall assemblea del personale docente (Collegio dei docenti); - il dirigente, infine, ha poteri di contrattazione con le istanze sindacali, ma con margini quantitativi e qualitativi ristrettissimi dettagliatamente definiti dal contratto nazionale (Treellle, 2006, p. 50; c.m.). Esplicita la richiesta in senso managerialista del profilo professionale del dirigente e questa diventerà sempre più chiara ed evidente con gli anni, sebbene via via ammantata sotto il retorico richiamo ad una funzione di leadership distribuita e/o condivisa che è stata ri-scoperta, sia pure con ritardo, anche in Italia come una sorta di cavallo di troia (su cui anche si ritornerà) per l invasione dei nuovi barbari del discorso managerialista per la conquista del campo dell istruzione pubblica. E la discesa in campo delle Fondazioni non è che l ultimo atto di questa sempre più ampia e pervasiva invasione di attori provenienti dal campo del privato e da quello, in senso lato, economico, a seguito della estensione delle varie forme di privatizzazione (Ball, 2007, 2012) comportate dalle politiche scolastiche fino a pervenire ad una sorta di privatizzazione delle stesse politiche, quando gli attori privati sono stati chiamati sempre più dentro le politiche dell educazione. Appare evidente, dunque, che con la riforma dell autonomia a cavallo del millennio, il ruolo del dirigente scolastico in Italia si sia tentato di ridisegnare, per superare le componenti soprattutto burocratiche che erano state prima prevalenti (Cavalli, 2012), pur senza dimenticare quelle professionali di primus inter pares che pure erano presenti, anche se agite a macchia di leopardo. Nel ridisegnare questa figura, mentre molte speranze dell autonomia venivano frenate dalla complessa e intricata matassa degli interessi, dei discorsi, delle alleanze e delle path-dependencies, in molti hanno visto la dirigenza come una leva di cambiamento, spesso tratteggiata secondo la 2

3 Leadership democratica o management distribuito? La costruzione del dirigente scolastico in Italia mitologia del leader eroico e trasformazionale (Leithwood, 1992; per una critica, cfr., Newman, 2005). La dirigenza stessa è stava vista, in altri termini, come un dispositivo (Deleuze, 1992) privilegiato per indirizzare la nuova emergente e contraddittoria governance dell autonomia che, come si è visto, ha portato ad una sorta di decentralizzazzione centralizzata (Karlsen, 2000). In questo senso, molte istanze discorsive e molti attori in gioco hanno tentato di imporre una visione derivata dall immaginario neo-liberale, cui non è estranea neanche la cosiddetta Terza- Via, attraverso processi automatici ed acritici di importazione di politiche centrate sul ruolo della leadership come tentato in Inghilterra (Gunter, 2012) o altri sistemi scolastici profondamente ristrutturati (Blackmore, Sachs, 2007). Al di là dell uso retorico e iper-semplificato del termine, la leadership educativa si è rivelata, tuttavia, un dispositivo di govermentalità (Bailey, 2013) complesso, frammentato, dove le sedimentazioni si accompagnano a dis-continuità, le omogeneità a fratture, come accade attraverso una adozione attenta e sofisticata del concetto di dispositivo (Deleuze, 1992). Il risultato, per così dire, è che il dirigente scolastico in Italia è tuttora un ibrido, sia nella disposizione formale del suo profilo professionale, paradossalmente, ancora poco definita e dove l aumento formale dei poteri e delle responsabilità, come spesso si lamenta da più fronti, non è stata accompagnata da una una effettiva re-distribuzione dei poteri dal centro per realizzare una sostanziale autonomia scolastica. Sia nella effettiva pratica della dirigenza del nostro Paese, come ricordato dalle ricerche che hanno accompagnato lo sviluppo della nuova dirigenza dall autonomia di Fischer e colleghi (Fischer, Masuelli, 1998; Fischer et al, 2002; Cavalli, Fischer, 2012), che hanno mostrato una tipologia di comportamenti dirigenziali e stili di leadership, molto diversificati, anche con riferimento al consistente ricambio generazionale e alla progressiva femminilizzazione della professione. Così, da un lato, tutte le istanze discorsive neo-managerialisti degli attori che hanno inteso sostenere la dimensione prevalentemente manageriale sia pur, come si è detto, retoricamente ammantata di una qualche forma di leadership educativa sono rimaste fin qui in larga parte insoddisfatte come per il sostanziale fallimento dei dispositivi di selezione, reclutamento, formazione e valutazione. Senza contare, inoltre, il perdurare di rivendicazioni salariali e di carriera per dei dirigenti di cui si contesta lo statuto minore rispetto agli altri dirigenti pubblici, innanzitutto quelli dello stesso Ministero dell Istruzione (per alcune voci sindacal-professionali, cfr., Serpieri, 2012). E d altro lato, anche le forme di resistenza puntuale nell enactement (Ball et al, 2012) delle scuole di cultura professionali innovative, in alcuni territori di tradizione democratica e in alcuni contesti difficili di cui pure è ben documentata la presenza nel nostro Paese (cfr., Serpieri, 2002; Grimaldi, Romano, Serpieri, 2011; Serpieri, Grimaldi, 2013), come quelle istituzionali e politicosindacali, continuano a insistere per non smantellare l impianto democratico di una scuola comunità professionale e locale. Come viene mostrato dalla resistenza dell impianto di governance interna delle scuole (i suoi Organi Collegiali) che non è stato ancora modificato e di cui si susseguono i tentativi di riforma attraverso confronti e scontri tra forze politiche e sigle sindacali e professionali 4, ancora senza esiti. In definitiva, dunque, si può tentare di riassumere il carattere ibrido del dirigente scolastico italiano, per ipotizzare quali possono esserne le configurazioni future a seconda che prevalgano le istanze managerialista, rispetto a quelle di resistenza democratica. Per le prime, attraverso un necessario processo di semplificazione si riprenderanno, a titolo esemplificativo, le principali richieste contenute in una recente pubblicazione di alcune espressioni filantropiche più attive nel nostro Paese, la Associazione Treellle e la Fondazione per la Scuola della Compagnia di San Paolo che ha raccolto gli atti di un seminario su I dirigenti scolastici (2013), raccogliendo anche pareri internazionali sui sistemi francese, inglese e tedesco e alcune voci dal dibattito italiano 5. In sintesi, 4 Con addirittura alcune voci, come quella dell Associazione Nazionale Docenti (http://www.associazionedocenti.it.it) che ripropongono l ipotesi di un Preside eletto dai docenti, come avviene d altrone di altri sistemi scolastici (cfr, Barzanò, 2011). 5 Non appare superfluo sottolineare come nel seminario-volume non sia presente alcun esponente critico sia delle politiche, che dei discorsi managerialisti in Italia e nel mondo, con la sola eccezione del Presidente Iannaccone dell associazione professionale ANDIS (Associazione Nazionale Dirigenti Scolstici). 3

4 Leadership democratica o management distribuito? La costruzione del dirigente scolastico in Italia dunque, il discorso managerialista vede il dirigente come un dispositivo di direzione e controllo che: attiva una comunità di insegnanti vista come essenzialmente passiva, se non recalcitrante, rispetto a quanto dis-posto dal Centro; distribuisce la leadership attraverso la costituzione di un middle management dedicato, perché nessuno crede più nel preside monarca [ ] e la leadership distribuita non è solo un modo per ridurre il potenziale di autoritarismo del preside di cui tutti hanno timore, come afferma Oliva, Presidente di Treellle (p. 133; cm.); gestisce il ciclo delle risorse umane per il personale scolastico, e in particolare gli insegnanti, di cui valuta i più meritevoli ; è organo decisionale monocratico, mentre gli organi collegiali rivestono un mero carattere consultivo, come sostenuto dal Capo Dipartimento Istruzione del Ministero, Stellacci; garantisce il raggiungimento degli obiettivi di apprendimento così come definiti e valutati dal Centro e su questo viene valutato, perché disconnettere il tema della valutazione dei dirigenti da quello della scuola è un errore logico, come sostiene il Presidente dell INVALSI, Sestito (ivi, p. 123; cm.); promuove il miglioramento della scuola, in linea con quelle che sono le disposizioni contenute nelle politiche del Governo e le indicazioni fornite dal Ministero e le sue agenzie, l INVALSI in primo luogo. Che, naturalmente, si faccia ampio riferimento ad una retorica di managerializzazione non deve certo stupire. Così, ad es., mentre si sostiene, soprattutto da Sestito-INVALSI la somministrazione sull intero universo nazionale dei test di apprendimento, rispetto alle voci critiche come Vertecchi (2012) che ritengono più che adeguato un campionamento delle scuole, viene giustificato da una logica comparativa di neutro benchmarking, ma finisce col coprirne una sanzionatoria rispetto alle migliori e alle peggiori scuole. Allo stesso tempo, paradossalmente, si sostiene la necessità per le finalità delle scuole di migliorare gli esiti formativi, da intendere in senso ampio, dei loro alunni (p. 126; cm.), addirittura, di crescita personale e civile degli studenti (p.20), rinviando a logiche di accountability sostanziale e, dovremmo aggiungere, oltre quindi la valutazione degli apprendimenti solo attraverso test. In teoria favorevoli, dunque, a valorizzare le informazioni di natura soft disponibili localmente e quindi il momento auto-valutativo ma non per ricadere in una deriva autoreferenziale (p. 126). Contrastando, tuttavia, il rischio dell autoreferenzialità col solito refrain tipico della retorica managerialista con il supporto dell INVALSI, magari utilizzando a tale fine anche la subordinazione di ciò che rimane del corpo professionale degli ispettori. La più palese espressione dell adesione alle logiche di valutazione di stampo managerialista è stata rappresentata nel nostro Paese dal coinvolgimento di attori privati nel promuovere una nuova cultura valutativa centrata, in particolare, sull uso della valutazione degli apprendimenti. Come si è dimostrato altrove (Serpieri, 2012), infatti, si sono incontrate in questa logica le istanze politiche e ministeriali con quelle del mondo dell imprenditoria in uno spirito di sperimentazione. Da un lato, la Fondazione Agnelli che ha puntato sulla tecnica del valore aggiunto apportato dalle scuole in termini di risultati degli studenti, tecnica che ha contato sull appoggio di alcuni economisti e dello stesso INVALSI e che, per sua filosofia intrinseca, lascia in sospeso la determinazione di tale valore imputabile direttamente al dirigente e agli insegnanti. I fautori di questa tecnica credono che sia possibile misurare della dirigenza il valore diretto ed indiretto, in omaggio alla scuola della leadership for learning (cfr., Hallinger, 2012), cui affidare il compito di indirizzare, supportare e monitorare gli insegnanti per ottenere miglioramenti in termini di valore aggiunto della scuola, in una tipica logica di benchmarking. Dall altro lato, le Fondazioni per la Scuola e Treellle che hanno puntato decisamente verso una valutazione meritocratica del corpo degli insegnanti, attraverso una metodologia reputazionale. Anche in questo caso il dirigente non viene valutato, sebbene intervenga direttamente nella valutazione degli insegnanti come uno dei tre componenti di un team di valutazione creato ad hoc nella scuola. Questa logica valutativa ha finito per dismettere i panni sperimentali per rivestire pienamente quelli istituzionali con il nuovo Sistema Nazionale, quando l INVALSI ha fatto partire l insieme degli attuali dispositivi di valutazione dagli apprendimenti alla dirigenza (VALES, ecc.), per cui a quest ultima si cerca di imputare una qualche forma di influenza diretta o indiretta sui risultati 4

5 Leadership democratica o management distribuito? La costruzione del dirigente scolastico in Italia degli studenti. Non è un caso che alla figura di Hallinger (2012), uno dei più prestigiosi promotori della leadership for learning, viene affidato il compito di legittimare questa logica invitandolo nei seminari ministeriali (come si evince anche nei materiali riportati nel sito dello stesso INVALSI) a presentare le sue idee e le sue autorevoli slide di PowerPoint (sic!) a supporto della nuova valutazione della dirigenza scolastica. Il trucco di questa logica valutativa è riconvertire tutto il contributo della dirigenza a dimensioni quantificabili ed imputabili ad una logica di causalità (correlazioni, regressioni, ecc.): l agire di leadership si riduce ad azioni segmentali e quantificabili al fine ed al costo di ridurne la complessità in misure quali quelle, ad es., della customer satisfaction e della human resource management. Ed, inoltre, in linea con l importazione di idee e politiche del discorso managerialista da Paesi che, peraltro, stanno almeno in parte già rivedendone la mitologia e le conseguenze, hanno puntato sull immaginario di una leadership a volte eroica (istruzionale, trasformativa, morale, ecc.) e talvolta in un apparente rigurgito dell autoritarismo, distribuita e condivisa: l importante è che questa venga riconosciuta e quantificata. In questo senso, come si è mostrato altrove (Serpieri, 2002, 2008), non vi è alcuna possibilità per il discorso managerialista di ammettere una visione della leadership che veda oltre la dimensione ontologico-epistemologica per certi versi, ideologica di una competenza, di una qualità, tipicamente lo stile, del singolo individuo detentore di un ruolo di vertice o, al massimo, che investa la relazione tra leader e follower e, che li si chiami collaboratori o middle management, poco interessa. Tacendo, peraltro, sulla gravosità dell enorme carico di lavoro che i Governi tendono a scaricare sulle spalle di dirigenti auto-regolantisi, sebbene controllati a distanza (Dean, 2010; Newman, 2001), gravosità che nasconde un processo di dominazione sulla professione insegnate attraverso il dispositivo della dirigenza-leadership (Gronn, 2003; Thompson. 2009), riducendo la distribuzione ad una mera operazione di delega del potere a fidati collaboratori: infatti, si tratta soprattutto di promuovere un management distribuito. Ovvio, quindi, che le competenze di leadership (oltre quelle burocratica e manageriale) non possano che essere ridotta ad uno spazio di azione di influenza e manipolazione del consenso, come la critica della leadership trasformazionale e distribuita ha chiaramente evidenziato (Serpieri, Grimaldi, Spanò, 2009). Che poi la leadership intesa come influenza e manipolazione venga presentata come la vera e propria funzione di leader cioè coordinare e motivare gli attori della sua organizzazione per la realizzazione di obiettivi comuni (Treellle, Fondazione per la scuola, 2013, p. 20), o come espressione di competenze di tipo relazionale e manageriale (ivi, p. 121), realizzando una sorta di cortocircuito ideo-logico, un vero e proprio truismo, per cui il manager è tale se è leader e il leader è tale se è manager, questo poco interessa ai fini della legittimazione managerialista del dispositivo dirigenzaleadership. In tutt altra direzione, invece, si rivolge un discorso sulla scuola che promuova una leadership democratica (Serpieri, 2008). In questo caso, infatti, si riconosce nella dirigenza un dipositivo delle politiche scolastiche caratterizzato da ambiguità e contraddizioni, mentre la letteratura sulla leadership democratica (Woods, 2005), sostenibile (Hargreaves, Fink, 2006), ecologica (Bottery, 2004), ironica-temperata (Hoyle, Wallace, 2005) e su quella distribuita intesa come pratica-processo (Spillane, 2006), ecc. 6, concepiscono la scuola come una comunità professionale, sociale e locale. Ovvero, come una organizzazione non gerarchica (Serpieri, 2002), indirizzata verso finalità di 6 Per una presentazione di questi approcci si permetta di rinviare a Serpieri, 2008 e Serpieri, Grimaldi, Spanò, Risulta, per certi versi del tutto sorprendente, sebbene per altro del tutto comprensibile, nel dibattito italiano la relativa ignoranza in materia di letteratura e politiche della leadership. Laddove, si resta spesso fermi alla peggiore vulgata dei più tradizionali, quasi obsoleti, approcci, attraverso una importazione parziale e mistificatoria e costantemente in ritardo come per la leadership distribuita, tanto da parte dei protagonisti, organizzati e individuali del discorso managerialista, come nel caso delle Fondazioni citate, ma anche dei resposabili di importanti istituzioni e associazioni sindacal-professionali, per non parlare degli accademici. È vero che la letteratura italiana più aggiornata e critica in materia di leadership si risolve in pochissime voci nel nostro Paese (sostanzialmente, oltre quelli citati di chi scrive, si possono consultare i lavori di Barzanò, 2008; 2011) e, tuttavia, non mancherebbero certo alle agenzie Ministeriali, alle Fondazioni, ai Dipartimenti universitari, ai centri di ricerca anche sindacal-professionali, ecc., in teoria i fondi per garantire un aggiornamento dei loro ricercatori ed esperti. Ma, parafrasando un noto detto, non c è cieco peggiore di chi non vuol vedere 5

6 Leadership democratica o management distribuito? La costruzione del dirigente scolastico in Italia inclusione e perequazione e non solo di efficacia ed efficienza; per lo sviluppo di capacitazioni ed aspirazioni di cittadinanza democratica e di una coscienza critica sia dei suoi studenti, che del contesto territoriale, nonché degli stessi professionisti dell educazione. In questo senso, e rompendo l automatismo implicito nella retorica managerialista dell equazione distribuita-democratica, una concezione della leadership propria di un discorso democratco (Olssen et al, 2004) vede nella leadership un processo radicato in un contesto di reti di pratica (Serpieri, 2008), in una leadership messa in pratica attraverso una configurazione di una unicità di insiemi di ruolo (Gronn, 2010, p. 425). In tal senso, alcune suggestive interpretazioni dei processi di attivazione delle politiche da parte di scuole normali in Inghilterra (Ball et al, 2012) hanno rinunciato ad evidenziare un unico ruolo di leader, ma hanno rappresentato la configurazione o le reti di pratica della leadership attraverso un insieme plurimo e diversificato di ruoli assolti nella logica processuale dell enactment, ovvero dell attivazione, della rap-presentazione delle politiche. Una simile concezione processuale della leadership, il cui potenziale (Gronn, 2009) democratico si esprime non solo nella strutturazione istituzionale, attraverso ad es., degli organi di governance interna, ma anche in termini di resistenza. Riconoscendo, incoraggiando, l emergenza di punti di resistenza presenti nella soggettivazione (Ball, 2013) procurata dai dispositivi delle politiche, di valutazione e, quindi, della stessa dirigenza (poco è stato fatto finora nel nostro Paese, per di-mostrare le pratiche di resistenza alle politiche nazionali si pensi ai soli testi INVALSI che hanno visto coinvolti dirigenti e insegnanti e, talvolta famiglie e studenti in una leadership distribuita e democratica). Ma anche esplorando la possibile rivitalizzazione di forme di partecipazione democratica (Grimaldi, 2011), da quella degli organi collegiali a quella della collaborazione tra scuole, rompendo logiche competitive di partnership, nella quale si verrebbe ad instaurare, come pure da alcuni proposto, una sorta di super-leader, un dirigente più dirigente degli altri come nel caso della system-leadership (Hopkins, 2007). E non da ultimo, come sostiene Cerini (2012) cercando di sostenere una diversa idea di valutazione legata ad una concezione democratica della scuola, nella misura in cui è capace di sostenere e supportare le istanze plurime di valutazione ed in primo luogo quelle professionali. Appare chiaro, in definitiva, che i destini della dirigenza scolastica in Italia si svilupperanno secondo linee di attrito e conflitto tra i discorsi delle politiche scolastiche, risentendo in parte dell alternanza dei cicli politici, ma non del tutto, sulla base di una certa trasversalità discorsiva della Terza-via e di taluni dispositivi come il NPM. Riuscirà il discorso managerialista a erodere i potenziali democratico e partecipativo che anche nella scuola italiana sono incorporati sia nella alleanza corporativa, che nei professionisti che hanno sostenuto fin qui il discorso welfarista? Sapranno quelli e potrà quest ultimo, reinventandosi come discorso democratico, rispondere alle istanze di ulteriore democratizzazione dell educazione intesa come bene comune (qui possono citarsi autori anche molto distanti per formazione e posizioni politiche ed ideologiche come: Gallino, 2013 e Hardt, Negri, 2009), in cui anche le comunità locali e le soggettività non-organizzate riusciranno a trovare una loro espressione e resistere ai tentativi di appropriazione/privatizzazione delle istituzioni e delle politiche scolastiche? La dirigenza scolastica, in tal senso, viene e verrà ad esser un dispositivo dilemmatico di potere e di governo: per una scuola finalizzata all economico o per una scuola che privilegi il bene comune? Riferimenti bibliografici Bailey, P.L.J., (2013) The policy dispositif: historical formation and method. Journal of Education Policy, in stampa. Ball, S.J., (2007) Education plc. London: Routledge. 6

7 Leadership democratica o management distribuito? La costruzione del dirigente scolastico in Italia Ball, S.J., (2012) Global Education Inc. New policy networks and the neo-liberal imaginary. London: Routledge. Ball, S.J., (2013) Foucault, Power and Education. New York: Routledge. Ball, S.J., Braun, A. and Maguire, M., (2012) How schools do policy. London: Routledge. Barzanò G., (2008) Leadership per l educazione. Riflessioni e prospettive dal dibattito globale. Armando, Roma. Barzanò, G., (2011) School autonomy and the new accountabilities of European Education Leaders: case studies in England, France, Italy and Portugal. Italian Journal of Sociology of Education, 9(3), pp Berlinguer, L., (2001) La nuova scuola. Bari: Laterza. Blackmore, J., Sachs, J., (2007) Performing and Reforming Leaders. Gender, Educational Restructuring, and Organizational Change. New York: SUNY Press. Bottery M., (2004) The Challenges of Educational Leadership. London: Paul Chapman. Cavalli, A., (2012) in Cavalli, Fischer. Cavalli, A., Fischer, L. (a cura di), (2012) Dirigere la scuola oggi. Bologna: Il Mulino. Cerini G., (2012) Una certa idea di valutazione. Apprendimenti Insegnanti Scuole Sistema. Faenza: Homeless Book. Dean, M., (2010) Governmentality. Power and rule in modern society. 2nd Edition. London: Sage. Deleuze, G., (1992) What is a Dispositif? In Timothy J. Armstrong (a cura di), Michel Foucault: Philosopher. New York: Routledge, pp Fischer, L., Fischer, M.G. and Masuelli, M., (2002) I dirigenti nella scuola dell autonomia. Bologna: Il Mulino. Fischer, L., and Masuelli, M., (1998) I dirigenti e l autonomia delle scuole. Milano: Angeli. Gallino, L., (2013) Il colpo di stato di banche e di governi. Torino: Eimaudi. Grimaldi E., (2011) Discorsi e pratiche di governance della scuola. Milano: FrancoAngeli. Grimaldi, E., Romano, T., Serpieri, R. (2011) I discorsi della dispersione. Una politica di partenariato. Napoli: Liguori. Grimaldi, E., Serpieri, R., (2012) The transformation of the Education State in Italy: a critical policy historiography from 1944 to 2011, Italian Journal of Sociology of Education, 4(1): Grimaldi, E., Serpieri, R., (2013a) Jigsawing education evaluation: pieces from the Italian New Public Management puzzle. Journal of Educational Administration and History, in stampa. Grimaldi, E., Serpieri, R., (2013b) Privatising education policy-making in Italy: new governance and the reculturing of a welfarist education state. Education Inquiry, 4(3): in stampa. Grimaldi, E., Serpieri, R., (2014) Italian Education beyond hierarchy: governance, evaluation and headship. Educational Management Administration & Leadership, in stampa. Gronn P., (2003) The New Work of Educational Leaders. London: Sage. Gronn P., (2009), Ibryd Leadership. In Leithwood K., Mascall B., Strass T., (a cura di), Distributed Leadership According to the Evidence. New York: Routledge. Gronn, P., (2010) Leadership: its genealogy, configuration and trajectory. Journal of Educational Administration and History, 42(4): Gunter H., (2012) Leadership and the Reform of Education. Bristol: Policy Press. 7

8 Leadership democratica o management distribuito? La costruzione del dirigente scolastico in Italia Hallinger, P., (2012) Leadership for 21st Century Schools: From Instructional Leadership to Leadership for Learning. Hong Kong Institute of Education. Hardt, M., Negri, A., (2009) Commowealth. Tr. it., (2010). Milano: Rizzoli. Hargreaves A., Fink B., (2006) Sustainable Leadership. San Francisco: Josey-Bass. Hopkins D., (2007) Every School a Great School. Realizing the potential of system leadership. New York: McGraw-Hill. Hoyle E., Wallace M., (2005) Educational Leadership: Ambiguity, Professionals & Managerialism. London: Sage. Karlsen G.E., (2000) Decentralized centralism: framework for a better understanding of governance in the field of education. Journal of Education Policy, 15(5), pp Leithwood K., (1992) The move toward Transformational Leadership. Educational Leadership, 49(5), pp Newman J, (2001) Modernising Governance. London: Sage. Newman J, (2005) Enter the Transformational Leader: Network Governance and the Micro-politics of Modernization. Sociology, Volume 39(4): Olssen, M., Codd, J., O Neill, A.M., (2004) Education Policy: Globalization, Citizenship and Democracy. London: Sage. Serpieri R., (2002). Leadership senza gerarchia. Riflessioni sul management scolastico. Napoli: Liguori. Serpieri, R., (2008) Senza Leadership: un discorso democratico per la scuola. Discorsi e contesti della leadership educativa. Milano: FrancoAngeli. Serpieri R, (2009) A war of discourses. The formation of educational headship in Italy. Italian Journal of Sociology of Education, 1(1): Serpieri, R., (2012) Senza Leadership: la costruzione del dirigente scolastico. Dirigenti e autonomia nella scuola italiana, Milano: FrancoAngeli. Serpieri, R., Grimaldi, E., (2013) Che razza di scuola. Praticare l educazione interculturale. Milano: Angeli. Serpieri, R., Grimaldi, E., Spanò, E., (2009) Discourses of Distribution: Anchoring Educational Leadership to Practice, Italian Journal of Sociology of Education, 3(3): Spillane J.P., (2006) Distributed leadership. San Francisco: Jossey-Bass. Thompson, P., (2009) School Leadership. Heads on the Block? London: Routledge Treellle, (2006), Per una scuola autonoma e responsabile. Analisi, confronti e proposte, Quaderno, 5. Treellle, Fondazione per la Scuola, (2013) I dirigenti scolastici: funzioni, reclutamento, valutazione in Italia e in Europa, Seminario, 13 (aprile). Vertecchi, B., (2012) Quanta ideologia dietro il mantra della valutazione. L Unità, 6 marzo, p. 19. Woods P.A., (2005) Democratic Leadership in Education, London: Paul Chapman. 8

9 CONVEGNO NAZIONALE DIRIGENTI SCOLASTICI Bologna, 25-26, febbraio, 2014 Roberto Serpieri Dipartimento di Scienze Sociali Università Federico II, Napoli Leadership democratica o management distribuito? La costruzione del dirigente scolastico in Italia

10 Valutazione come tecnica del ministero non serve all'autonomia delle scuole Scuola monoteista per una valutazione accentrata incapace e incosciente del politeismo delle scuole Valutare la diversità di ciascuna qualità di ciascuna struttura di ciascun prodotto di ciascun processo Senza autonomia concettuale di ricerca e sperimentazione si ha una valutazione da monoteismo e quindi un inganno 25/02/14 2

11 Leadership o management? Leadership managerialista Trasformazionale For learning Distribuita Leadership democratica Dalle micropolitiche ai processi nella pratica della scuola democratica 25/02/14 3

12 Premessa Leadership o management? Obiettivi Discorsi e politiche Concezioni 25/02/14 4

13 ? equità 25/02/14 5

14 25/02/14 6

15 25/02/14 7

16 Parte I Leadership managerialista Trasformazionale For learning Distribuita 25/02/14 8

17 Le dimensioni della leadership trasformazionale 25/02/14 9

18 Modello degli effetti mediati con cause antecedenti 25/02/14 10

19 Philip Hallinger and Ronald H. Heck Conceptual and methodological issues in studying school leadership effects as a reciprocal process School Effectiveness and School Improvement Vol. 22, No. 2, June2011, /02/14 11

20 Leadership distribuita come una concezione funzionale dell interazione tra leader e followers: formali (middle management) ed informali (i collaboratori fidati ) portatori di pezzetti (piccole risorse di potere) di leadership per un esplicito e desirabile processo di design e ristrutturazione organizzativi. Leadership distribuita come un dispositivo manageriale di delega focalizzato su aspetti posizionali di struttura, ruoli e procedure, esplicitamente estraneo a questioni di gerarchia, potere e di politiche. 25/02/14 12

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28 Ministero d e l l i s t r u z i o n e, d e l l università e della r i c e r c a (MIUR) Di r e z i o n e Ge n e r a l e p e r g l i Affari In t e r n a z i o n a l i INDIRE Un i t à It a l i a n a d i Eu

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli