Le Bcc presidiano il Centro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le Bcc presidiano il Centro"

Transcript

1 Ugo Massa, amministratore delegato Resolving StrategyFinance UN INIZIATIVA RESOLVING-AZIENDABANCA Quarta tappa dell Indagine sul Marketing Territoriale, che ha l obiettivo di rilevare la qualità del servizio erogato dalle filiali alla clientela retail. Cinque le aree analizzate dall indagine, giunta alla seconda edizione: Nord-Ovest (Val d Aosta, Piemonte e Liguria), Lombardia, Nord-Est (Triveneto, Emilia Romagna), Centro (Toscana, Umbria, Marche, Lazio), Sud e Isole (Abruzzo, Molise, Puglia, Campania, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna). Le Bcc presidiano il Centro Il Centro Italia, area da circa 11 milioni di abitanti per poco meno di 7mila sportelli bancari, premia come nel 2007 le Bcc, che si contraddistinguono per la buona capacità relazionale dei propri gestori. In graduatoria seguono UniCredit e Mps, che migliora le proprie performance mantenendo un grado di omogeneità nella media Il Centro Italia (Area 4), nella nostra ricerca rappresentato da Toscana, Umbria, Marche e Lazio, per popolazione residente è equiparabile a quella di Triveneto ed Emilia (Area 3) con circa 11 milioni di abitanti. Il Lazio è la regione più popolata con circa 5,5 milioni di abitanti, ma con una percentuale di sportelli bancari per abitante inferiore sia alla media dell area sia alla media nazionale. Complessivamente nella zona sono presenti poco meno di 7mila sportelli bancari, con una concentrazione per abitante particolarmente elevata nelle Marche (circa 8 ogni 10mila abitanti) dovuta principalmente alla natura turistica della regione (elaborazioni Resolving su fonte Istat e Banca d Italia). La situazione è invece diversa nel Lazio, dove il tasso di bancarizzazione è inferiore sia rispetto all area in oggetto sia rispetto alla media nazionale, dato giustificato anche da una concentrazione abitativa sensibilmente più alta in questa regione rispetto alla media nazionale. Anche in termini di tessuto economico e di caratteristiche commerciali, esistono differenze tra il Lazio (che evidenzia maggiore propensione alla raccolta) e le altre regioni (caratterizzate da maggiore densità imprenditoriale). Analogamente alle altre Aree precedentemente analizzate, anche nel Centro Italia i primi tre gruppi bancari rappresentano circa il 50% della copertura territoriale, mentre i primi nove raggiungono l 80 per cento. Cambiano invece gli attori e il ranking dell Area: guidata dai tre gruppi bancari nazionali (Intesa Sanpaolo, Unicredit, Mps), il Centro Italia si contraddistingue per la presenza di due importanti gruppi multiregionali fortemente radicati sul territorio (Banca delle Marche e Banca Popolare di Etruria e Lazio). Nalla zona le Bcc (incluse le casse rurali) mantengono un presidio notevole (circa 11%), seppur inferiore a quello raggiunto in Triveneto e Emilia Romagna. Da sottolineare come UniCredit, grazie alla fusione con Capitalia, mantenga un presidio determinante nella regione più popolosa (il Lazio), analogamente al Gruppo Mps che primeggia in Toscana, mentre Intesa Sanpaolo fa registrare una distribuzione più equilibrata in tutte e quattro le regioni esaminate. Il Banco Popolare, seppur presente in tutte le regioni dell Area, concentra il proprio presidio in Toscana dove risulta essere il terzo attore per presidio territoriale. Banca delle Marche, nell omonima regione, raggiunge il primato con una quota di mercato sportelli che supera il 20 per cento. La nostra analisi si rivolge ai 10 principali gruppi bancari a livello territoriale (in termini di quota di mercato sportelli); nel complesso in questa zona sono quindi analizzati: 1. Intesa Sanpaolo 2. Unicredit 3. Mps 4. Bcc 5. Banco Popolare 6. Banca delle Marche 7. Ubi Banca 8. Bnp Paribas - Bnl 9. Popolare Etruria e Lazio 10. Bancoposta (che non essendo istituto di credito non è inserito al fine della determinazione della quota di mercato sportelli. Per la sua rilevanza nel segmento retail, è stato tuttavia inserito nel campione d analisi per la valutazione della qualità del servizio) Per ciascun istituto bancario sono analizzate diverse componenti di servizio (l analisi si riferisce al servizio erogato in filiale a una clientela retail-privati) che opportunamente pesate generano un indice sintetico di servizio Squi (Service Quality Index). Qui di seguito le componenti di servizio analizzate a livello di singola filiale. Confort e qualità delle strutture di filiale In generale le filiali di minori dimensioni (medio-piccole) hanno fatto registrare un confort e qualità delle strutture 28 AZIENDABANCA - GIUGNO 2008

2 PRESIDIO TERRITORIALE ATTRAVERSO GLI SPORTELLI CENTRO ITALIA VS. MEDIA NAZIONALE migliori rispetto alle filiali di grandi dimensioni; nonostante lo spazio ridotto le piccole filiali risultano in generale più ordinate e confortevoli, viceversa le filiali grandi e grandissime spesso disorientano il cliente e sono caratterizzate da spazi più caotici e da dotazioni mediamente più datate. Livello tecnologico e funzionale delle dotazioni automatiche di agenzia (Atm, self-banking) Il livello tecnologico delle filiali risulta essere complessivamente non adeguato, le postazioni Atm hanno un grado di penetrazione sotto media e anche la vita media delle dotazioni risulta più elevata. Il comportamento per regione è però disomogeneo, con bassi valori riscontrati nel Lazio (dove il tasso di bancarizzazione è modesto), mentre gli indicatori risultano sopra media nelle altre regioni dell area. In controtendenza il Gruppo Mps che nell Area detiene una discreta dotazione di strutture automatiche, di recente rilanciata tramite una maggiore diffusione di Atm evoluti cash-in, cash-out. Capacità di relazione e accoglienza del personale di filiale La capacità di relazione e l accoglienza sono tra i punti di forza dell area Centro Italia (a causa della presenza di Gruppi regionali o addirittura nazionali, come Mps, a forte radicamento territoriale). Il personale è generalmente molto disponibile, anche se il grado di formalità e standing non risulta così elevato come in altre aree. Le Bcc si contraddistinguono per la buona accoglienza nelle fasi iniziali di colloquio e per una generale cordialità del rapporto. Livello di attenzione e commitment verso la clientela Il livello di attenzione risulta essere in molti casi non soddisfacente; il fenomeno si deve principalmente alle frequenti interruzioni che avvengono durante i colloqui tra gestore e cliente. Le interruzioni sono sia procurate da colleghi, sia volute dai gestori stessi, che sono in cerca di informazioni/conferme da parte dei colleghi, denotando in molti casi una non ineccepibile preparazione e conoscenza dell offerta. In controtendenza i gestori del gruppo UniCredit, che in generale dimostrano un buon grado di attenzione e sembrano ben strutturati e attenti alle richieste del cliente. Capacità di comprendere il profilo dell interlocutore ed i suoi bisogni finanziari La profilazione del cliente, soprattutto in fase di apertura del rapporto, è un attività scarsamente diffusa nella rete bancaria del Centro Italia e comunque inferiore a quella di altre zone analizzate. Spesso l approccio commerciale sembra essere guidato da un procedere per tentativi di offerta fino a trovare nel cliente un segnale di approvazione. Il gestore in questo modo svolge in modo non propriamente soddisfacente le attività di profiling e di consulenza verso il proprio cliente e il grado di correla- GIUGNO AZIENDABANCA 29

3 clientela che contraddistingue il Centro Italia rispetto alle regioni del Nord genera una propensione commerciale della rete nel complesso inferiore alla media nazionale. Come detto in precedenza, l Area eccelle e si contraddistingue per la gestione della relazione e concentra i propri sforzi sulla clientela fidelizzata, rispetto a quella potenziale. Il cross selling di prodotto nelle fasi iniziali di vendita è penalizzato dalla generale maggiore diffidenza nel fornire al cliente gli strumenti di pagamento e di credito. zione tra desiderata ed offerta risulta spesso non soddisfacente. Professionalità e conoscenza dei propri prodotti bancari e di quelli dei principali concorrenti Se da un lato la conoscenza dei prodotti di base è discreta e abbastanza diffusa presso tutta la rete di gestori, maggiori problematiche sono state riscontrate ogni qualvolta la relazione con il cliente è stata intrattenuta da personale non commerciale, in genere personale delle casse, personale preposto all accoglienza o direttori di filiali. Non sono rari inoltre casi di colloqui multipli che per generale insicurezza del personale di filiale nella conoscenza dei prodotti, si svolgono con il supporto (spesso in piedi) di colleghi della stessa filiale. Capacità di mediazione e negoziazione con la clientela Le capacità di negoziazione e di mediazione sono generalmente limitate in tutta l area. In molti casi il personale è costretto a ricorrere a espedienti per poter proporre condizioni migliorative. Tra gli espedienti più comuni citiamo il non ferreo rispetto dei limiti di età (soprattutto per i conti giovani) e il ricorso a forzature per convenzioni di categoria. Propensione commerciale in termini di acquisizione e cross selling di prodotto La generale minore mobilità della DICONO IN FILIALE Qualità del servizio inferiore alla media di sistema Ciascun gruppo bancario analizzato è posizionato su una matrice che, oltre all indice sintetico di qualità del servizio, riporta il suo livello di omogeneità all interno della rete di sportelli del gruppo. Le quattro regioni del Centro Italia sono caratterizzate da una qualità del servizio inferiore alla media di sistema e un grado di omogeneità dei player dell Area che risulta invece allineato con il sistema. Rispetto al 2007 non si segnalano importanti variazioni, sia nel trend generale sia nel posizionamento dei top performer. Le Bcc restano salde al primo posto, così come il Gruppo UniCredit che l anno scorso si presentava diviso da Capitalia e si posizionava rispettivamente al secondo e terzo posto. Da segnalare invece il buon incremento del Gruppo Alcuni buoni esempi: Prima di decidere per un concorrente passi da noi: troveremo sicuramente una soluzione di reciproca soddisfazione Bancomat immediato? Chiaramente! E compreso nel pacchetto conto e glielo faccio avere il giorno stesso Siamo una banca del territorio, non lavoriamo per campagne imposte dall alto ma sulla base delle effettive esigenze del cliente Alcune cose che vorremmo non accadessero più: Me lo dovrebbe dire lei se siamo competitivi. E lei che si sta informando Perché non continua il rapporto con la sua banca? Potrebbe avere delle condizioni più vantaggiose Non ho proprio documenti riassuntivi da darle 30 AZIENDABANCA - GIUGNO 2008

4 Le quattro regioni del Centro Italia sono caratterizzate da una qualità del servizio inferiore alla media di sistema e un grado di omogeneità dei player dell Area che risulta invece allineato con il sistema. Rispetto al 2007 non si segnalano importanti variazioni, sia nel trend generale sia nel posizionamento dei top performer NELLE PAGINE SEGUENTI... Le Bcc presidiano il Centro : Silverio Dorsi, direttore generale della Federazione Marchigiana delle Bcc, Roberto Frosini, direttore della Federazione Toscana delle Bcc, e Paolo Grignaschi, direttore generale della Federazione Lazio Umbria e Sardegna delle Bcc, spiegano le ragioni del successo del modello Bcc nel Centro Italia Mps che migliora le proprie performance, raggiungendo il terzo posto e mantenendo un grado di omogeneità nella media. 1 classificato - Bcc Le Bcc si sono contraddistinte per una buona capacità relazionale dei gestori, che generalmente hanno dimostrato adeguati skill di accoglienza e ottima disponibilità verso la clientela Non così brillanti viceversa le qualità commerciali e di finalizzazione del rapporto stesso, fenomeno probabilmente riconducibile all usuale stabilità di relazione che contraddistingue la rete delle Bcc 2 classificato - Gruppo UniCredit UniCredit anche nel Centro Italia fa registrare buone performance complessive posizionandosi sul podio, grazie soprattutto all approccio al cliente che caratterizza la rete di gestori Uni- Credit ed ex-capitalia Da segnalare la buona capacità di comprensione delle esigenze del cliente e l abilità nel fornire risposte concrete e chiare 3 classificato - Gruppo Mps Buone le capacità professionali e relazione del personale, anche se sono state registrate frequenti disomogeneità di servizio all interno della rete Non così soddisfacenti le qualità commerciali e di finalizzazione dei rapporti, fenomeno probabilmente dovuto a un profiling poco approfondito, che spesso si risolve in una focalizazione dell offerta per approssimazioni successive. In generale il Gruppo Mps è il player che fa registrare il migliore incremento di performance complessiva. Ugo Massa amministratore delegato Resolving StrategyFinance GIUGNO AZIENDABANCA 31

5 La banca differente che fidelizza il cliente Accoglienza e disponibilità dei gestori sono i tratti distintivi che hanno consentito alle Bcc di confermarsi la best practice di marketing territoriale nell area del Centro Italia secondo l indagine a cura di Resolving StrategyFinance. Abbiamo approfondito il tema con i direttori delle Federazioni di Marche, Lazio (insieme a Umbria e Sardegna) e Toscana Silverio Dorsi, direttore generale della Federazione Marchigiana delle Banche di Credito Cooperativo Per il secondo anno consecutivo si sono confermate le top performer nei livelli di servizio alla clientela retail nel Centro Italia, area che nell indagine sul Marketing Territoriale a cura di Resolving StrategyFinance è rappresentata dalle regioni Toscana, Umbria, Marche e Lazio, con una popolazione residente di circa 11 milioni di abitanti e poco meno di 7mila sportelli bancari. Le banche di credito cooperativo, evidenzia l indagine, primeggiano grazie soprattutto alla capacità relazionale dimostrata dai gestori, che generalmente fanno dell accoglienza e della disponibilità nei confronti della clientela il proprio marchio di fabbrica. Ne abbiamo parlato con i direttori generali delle tre Federazioni cui fa riferimento il campione della ricerca: le Marche, il Lazio (insieme a Umbria e Sardegna) e la Toscana. Il nostro principale punto di forza nei confronti della concorrenza, spiega Silverio Dorsi, direttore generale della Federazione Marchigiana delle Banche di Credito Cooperativo, sta innanzitutto nella maggiore prossimità alla clientela, grazie ai 185 sportelli (al secondo posto dopo Banche delle Marche) distribuiti uniformemente su tutto il territorio della regione che si traducono in una quota di mercato di circa il 16 per cento. Sul nostro territorio abbiamo cercato di evitare fusioni fra le banche della Federazione, preferendo puntare su una rete di istituti di dimensioni piuttosto limitate (la banca maggiore dispone di 17 sportelli per circa 120 dipendenti) ma assai radicati sul territorio di riferimento. Questa rete riesce a muoversi sul mercato con successo grazie all apporto determinante della Federazione, che permette di contenere i costi operativi a un livello tale (in effetti sono i più bassi in Italia nel mondo Bcc insieme al Trentino) da rendere le singole banche assai competitive ad esempio a livello di condizioni praticate alla clientela. In secondo luogo abbiamo cercato di evitare frequenti turnover nel personale delle filiali, e in special modo per quanto riguarda la figura chiave del responsabile di filiale, semplicemente perché questi avvicendamenti non sono molto graditi dalla clientela. E chiaro che la possibilità per il cliente di affidarsi a un interlocutore stabile nel tempo facilita la costruzione di una relazione. Inoltre i dipendenti degli sportelli sono molto spesso reclutati tra la popolazione locale: si tratta di un ulteriore elemento che semplifica la costruzione di una relazione stabile e duratura con la clientela. Molto 32 AZIENDABANCA - GIUGNO 2008

6 importanti, infine, anche il contributo dei nostri soci-clienti (sono circa 35mila), dell attività di formazione che svolgiamo a livello di Federazione, per quanto riguarda sia aspetti normativi che operativi, e degli investimenti in comunicazione sul territorio che in questi anni ci hanno permesso di diffondere la conoscenza del brand attraverso una serie di iniziative mirate, dalle sponsorizzazioni sportive al patrocinio di mostre alla segnaletica sui principali snodi della rete stradale. La forza della relazione Un punto di vista ampiamente condiviso da Roberto Frosini, direttore della Federazione Toscana delle Banche di Credito Cooperativo, che oggi può contare su 34 banche per 260 sportelli e l 11,3% di market share, con circa 60mila soci e una quota di mercato del 9,6% per quanto riguarda la raccolta diretta e del 7,5% per quanto riguarda gli impieghi. Dati che complessivamente collocano le Bcc toscane al terzo posto nella regione. I Paolo Grignaschi, direttore generale della Federazione Lazio Umbria e Sardegna delle Banche di Credito Cooperativo risultati dell indagine non mi sorprendono più di tanto, afferma Frosini, perché nonostante la forza dei grandi gruppi e l indubbio trend verso il consolidamento abbiamo potuto constatare come le nostre quote di mercato siano costantemente aumentate nel corso di questi ultimi anni: anzi, dal 2000 al 2008 sono sostanzialmente raddoppiate sia come raccolta che come impieghi. Qual è la spiegazione di questo fenomeno? Non possiamo che sottolineare la forza della relazione che contraddistingue le Bcc dalle altre banche; una relazione che molto spesso non si riduce a un rapporto di tipo esclusivamente commerciale ma si caratterizza per forti connotazioni umane. Insomma, è un rapporto a 360 gradi fra la banca e il cliente che magari in alcuni casi produce una minore finalizzazione commerciale ma che sicuramente garantisce una maggiore soddisfazione e quindi una maggiore fidelizzazione del cliente. E un dato di fatto che il cliente delle Bcc molto difficilmente abbandona la propria banca, mentre è molto più disponibile a fare questo passo nel caso di una grande banca. Il punto è che i nostri clienti si giovano di una rapporto più diretto con i propri interlocutori rispetto alle grandi banche, laddove in molti casi i gestori sono propri conterranei se non propri concittadini. Tutto questo però non significa trascurare gli investimenti necessari in formazione e comunicazione sul territorio. La formazione della rete è un aspetto molto importante su cui la Federazione sta investendo molto, commenta Frosini: si pensi ad esempio che nel 2007 ben risorse hanno partecipato ai corsi che organizziamo qui in Federazione ai quali vanno aggiunti gli oltre 300 corsi che abbiamo effettuato direttamente presso le banche. Nel complesso mettiamo a disposizione un offerta notevole di formazione che è focalizzata sia sugli aspetti normativi che su quelli di gestione del cliente e del front office; Roberto Frosini, direttore della Federazione Toscana delle Banche di Credito Cooperativo in particolare, come Federazione Toscana abbiamo puntato sulla formazione del responsabile area Mercato, figura che oggi è presente in ciascuna delle 34 Bcc della regione. Allo stesso modo, prosegue Frosini, non possiamo trascurare la comunicazione e promozione sul territorio del brand delle Bcc, attività che fa parte del nostro Dna e rappresenta una prerogativa ad esempio nei confronti dei soci, per i quali organizziamo iniziative di ogni tipo (manifestazioni, eventi, convegni). Per quanto riguarda il futuro, conclude Frosini, malgrado il costante incremento della concorrenza la nostra sensazione è che alcune banche stiano perdendo sempre di più i propri punti di riferimento sul territorio, quindi gli spazi di mercato per le Bcc sono destinati addirittura ad aumentare. A patto però di mantenere ben salde le nostre peculiarità. Localismo e stabilità Paolo Grignaschi, direttore generale della Federazione Lazio Umbria e Sar- GIUGNO AZIENDABANCA 33

7 degna delle Banche di Credito Cooperativo (per un totale di circa 250 sportelli, di cui 120 concentrati nella sola Bcc di Roma), sottolinea come questi risultati sui livelli di servizio alla clientela retail confermino una percezione diffusa all interno delle Bcc sugli attuali trend di mercato. Come sempre, nell ambito della competizione sul mercato, i risultati sono il frutto di due componenti: i meriti di chi questi risultati li realizza e i demeriti di chi li subisce. In questo senso è evidente che le grandi concentrazioni bancarie che hanno caratterizzato il mercato in questi ultimi anni, conducendo da una parte a un inevitabile allontanamento dal territorio dei centri decisionali e dall altra a una focalizzazione sia pure temporanea delle risorse soprattutto su problematiche di riorganizzazione interna, hanno lasciato aperti ampi spazi sul mercato che le Bcc sono state pronte a occupare facendo leva sulle proprie specificità. Si spiega in questo modo, ad esempio, lo straordinario successo della Bcc di Roma, che opera in un territorio a fortissima competizione come quello della capitale e con un presidio altrettanto elevato da parte di tutti i principali gruppi bancari. I nostri punti di forza, prosegue Grignaschi, sono sostanzialmente due: l estrema vicinanza al territorio e la stabilità della relazione, che ruota attorno a interlocutori della clientela tipicamente costanti nel tempo. Su questo terreno le Bcc sono probabilmente imbattibili e non temono defaillance in futuro. Ma attenzione: le Bcc non possono essere rappresentate solo come le banche del villaggio, sono qualcosa di più, sono il localismo elevato a sistema policentrico attraverso un sistema a rete che sta dando ottimi frutti. Per quanto riguarda le prospettive future, le Bcc non possono certo pensare di fare affidamento sulla propria rendita di posizione rappresentata appunto dal localismo e dalla vicinanza al territorio. Occorre anzi impegnarsi a fondo per far percepire alla nostra clientela e più in generale a tutto il sistema Italia il contributo che le Bcc sono in grado di garantire per lo sviluppo del Paese puntando sulla leva della cooperazione. E il modo migliore per continuare a differenziarci rispetto ai competitor e preservare la nostra identità. Proprio su questo ultimo aspetto merita di essere ricordato il progetto di Formazione Identitaria che la Federazione sta portando avanti presso tutti i propri stakeholder, a cominciare dagli amministratori e per arrivare fino ai neoassunti e ai soci (che sono attualmente 45mila). Si tratta di un progetto di formazione permanente, conclude Grignaschi, che ha avuto inizio coinvolgendo innanzitutto i presidenti e i consiglieri d amministrazione delle banche su aspetti relativi alla governance e alla strategia aziendale oltre ai modelli di cooperazione e sviluppo del territorio. Attualmente il progetto è focalizzato sui direttori di filiale, ma via via interesserà tutto il personale fino ai neoassunti e anche i soci. Andrea Bigi Soluzioni applicative, software e servizi per il mondo finanziario La più completa guida all offerta di prodotti e servizi ICT per banche e società finanziarie Solo on line sul sito l176 aziende presenti l2.811 prodotti/servizi/soluzioni segnalati l visitatori mensili medi lcirca pagine visitate al mese Soluzioni applicative, software e servizi per il mondo finanziario è continuamente aggiornabile da parte delle aziende. Per informazioni: tel. 02/

Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore III Edizione

Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore III Edizione Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore III Edizione Indagine sui fabbisogni finanziari delle fondazioni in Italia Marzo 2014 Con il contributo scientifico di Indice Obiettivi 3 Metodologia 4

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

Insider. Osservatorio trimestrale sul mondo dei promotori finanziari

Insider. Osservatorio trimestrale sul mondo dei promotori finanziari Insider Osservatorio trimestrale sul mondo dei promotori finanziari Secondo trimestre 2014 Promotori stregati dagli emergenti Torna la voglia di emergenti tra i promotori finanziari in un contesto di magri

Dettagli

Banche e PMI: un rapporto in evoluzione. Milano, 3 Dicembre 2012

Banche e PMI: un rapporto in evoluzione. Milano, 3 Dicembre 2012 Banche e PMI: un rapporto in evoluzione Milano, 3 Dicembre 2012 Ricerca n. 255-2012 PREMESSA: LE PMI INTERVISTATE Indagine effettuata telefonicamente nel mese di Novembre su un campione di PMI del Nord

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA TURISMO ESTERO, CONFESERCENTI- REF: GLI STRANIERI CONTINUANO A SCEGLIERE L ITALIA, MA CONOSCONO POCO IL SUD: PREFERITO IL CENTRO-

Dettagli

CRIF DECISION SOLUTIONS - EURISKO OSSERVATORIO SULLE CARTE DI CREDITO

CRIF DECISION SOLUTIONS - EURISKO OSSERVATORIO SULLE CARTE DI CREDITO CRIF DECISION SOLUTIONS - EURISKO OSSERVATORIO SULLE CARTE DI CREDITO Settembre 2003 INDICE PRESENTAZIONE DELL'OSSERVATORIO...pag. 1 EXECUTIVE SUMMARY... 3 Capitolo 1 STATO ED EVOLUZIONE DEL MERCATO...7

Dettagli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli P R E M E S S A Con la presente rilevazione, la Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica si propone di fornire un censimento completo delle strutture di accoglienza per stranieri, residenziali

Dettagli

Come costruire itinerari turistico responsabili

Come costruire itinerari turistico responsabili Come costruire itinerari turistico responsabili GIUSEPPE MELIS INTRODUZIONE AL CONVEGNO ITINERARI TURISTICO-RESPONSABILI: STRUMENTI PER ATTIVARE PERCORSI DI QUALITÀ ORISTANO, 27 MAGGIO 2008 AUDITORIUM

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

PICCOLE IMPRESE ARTIGIANE; IL GRADO DI INNOVAZIONE NELLE REGIONI ITALIANE*

PICCOLE IMPRESE ARTIGIANE; IL GRADO DI INNOVAZIONE NELLE REGIONI ITALIANE* 108 Quaderni di ricerca sull artigianato 109 muovono in ambito internazionale, per come affrontano criticità o opportunità offerte del nuovo contesto. Da una parte l evoluzione dei sistemi di comunicazione,

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

Il confidi nazionale della cooperazione italiana. Sosteniamo lo sviluppo delle imprese cooperative

Il confidi nazionale della cooperazione italiana. Sosteniamo lo sviluppo delle imprese cooperative Il confidi nazionale della cooperazione italiana Sosteniamo lo sviluppo delle imprese cooperative chi siamo Cooperfidi Italia è il confidi nazionale della cooperazione italiana ed è sostenuto da Agci,

Dettagli

I nuovi sportelli bancari sono su Facebook e Twitter: servizi anche nel weekend per 710.000 fan e follower

I nuovi sportelli bancari sono su Facebook e Twitter: servizi anche nel weekend per 710.000 fan e follower I nuovi sportelli bancari sono su Facebook e Twitter: servizi anche nel weekend per 710.000 fan e follower Dati provenienti da account Facebook e Twitter di 18 banche: su Twitter le banche rispondono agli

Dettagli

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Primo Convegno Nazionale Qualita della vita: territorio e popolazioni Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Sabrina Stoppiello, Stafania Della Queva, Manuela Nicosia Censimento

Dettagli

IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA Studio generale 2008 a cura di Federico Della Puppa con la collaborazione di Dem.Co Indice Risultati principali, 3 Presentazione,

Dettagli

Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale

Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale Caorle, 25 maggio 2013 Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Srl Il mestiere di promuovere i territori (città, province,

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE

USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE 9 maggio 2013 Anno 2012 USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE L Istat, in collaborazione con il Dipartimento per l innovazione tecnologica (Dit), ha svolto a luglio 2012 la seconda indagine

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Domanda e offerta di credito

Domanda e offerta di credito 2/5/2013 Domanda e offerta di credito La situazione registrata nel 2012 in provincia di Nel 2012 si è registrata una contrazione della domanda di credito. Rispetto alla media regionale le imprese modenesi

Dettagli

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Comunicato stampa EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Le imprese associate a Eurogroup sono quasi 37 mila (+8,6% rispetto al 2006) L avanzo di gestione ante imposte è di 6,3

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

Imprese partecipate dalle Università per settore (tot. 150) Fonte: Banca dati Dip. Funzione Pubblica

Imprese partecipate dalle Università per settore (tot. 150) Fonte: Banca dati Dip. Funzione Pubblica Osservazioni sul documento base Problematiche relative alla partecipazione alle gare di cui al decreto legislativo n. 163 del 2006 delle Università e degli Istituti similari Audizione presso l Autorità

Dettagli

I Giovani: un target da conoscere e coltivare per BCC

I Giovani: un target da conoscere e coltivare per BCC I Giovani: un target da conoscere e coltivare per BCC Stefania Conti - GfK Eurisko Roma, 2 Dicembre 2014 Agenda La ricerca: obiettivi e caratteristiche La relazione dei Giovani con BCC e le banche I canali

Dettagli

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013 L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL Confronto con il 2012 ed il 2008 e focus su amministratori e titolari d azienda febbraio 2014 P.tta Gasparotto, 8-35131 Padova Tel. 049 8046411 Fax 049 8046444 www.datagiovani.it

Dettagli

La Gestione del Personale nelle PMI

La Gestione del Personale nelle PMI La Gestione del Personale nelle PMI 1 GIRO D ITALIA AIDP Verso il 41^ Congresso Nazionale 3^ tappa Orvieto, 13 marzo 2012 LA GESTIONE DEL PERSONALE NELLE PMI APPROCCI E TESTIMONIANZE TRA NORMATIVA E FATTORI

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

GUARDARE IL FUTURO CON GLI OCCHI DEI BAMBINI

GUARDARE IL FUTURO CON GLI OCCHI DEI BAMBINI GUARDARE IL FUTURO CON GLI OCCHI DEI BAMBINI I servizi educativi per l infanzia di San Miniato festeggiano e discutono 30 anni di esperienze e progetti San Miniato, 11 e 12 novembre 2011 Intervento di

Dettagli

Il REPORT GARANZIA GIOVANI IN ITALIA E IN EUROPA. Roma, 26 Marzo 2015

Il REPORT GARANZIA GIOVANI IN ITALIA E IN EUROPA. Roma, 26 Marzo 2015 Roma, 26 Marzo 2015 I giovani avviati ad una misura prevista dal Programma Garanzia Giovani sono 49.190, un valore in crescita, nell ultimo mese, del 43,1%. Con la Toscana e la Basilicata continua la presentazione

Dettagli

BANCHE: ABI, DIMINUISCONI I FURTI DEL 16%, FALLISCE OLTRE LA META' DEI TENTATIVI BANCHE: ABI, FURTI IN CALO DEL 16%, LA META' DEI TENTATIVI FALLISCE

BANCHE: ABI, DIMINUISCONI I FURTI DEL 16%, FALLISCE OLTRE LA META' DEI TENTATIVI BANCHE: ABI, FURTI IN CALO DEL 16%, LA META' DEI TENTATIVI FALLISCE SPECIALE - INDAGINE OSSIF (ABI) SULLA SICUREZZA BANCHE: FURTI IN CALO NEL 2008, NEL MIRINO I BANCOMAT /ANSA ANCHE: ABI; NEL 2008 FURTI IN CALO (-16%), META' FALLITI BANCHE: ABI, DIMINUISCONI I FURTI DEL

Dettagli

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 L art. 40 ha introdotto per il medico competente, al fine di favorire un utile rapporto di questi con il SSN, l obbligo

Dettagli

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia-

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- DANIELE NICOLAI 1 Focus Introduzione imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- e di recessione in Europa ma il nostro Paese

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

La competitività dei territori italiani nel mercato globale

La competitività dei territori italiani nel mercato globale La competitività dei territori italiani nel mercato globale Zeno Rotondi, Responsabile Ufficio Studi Italia Bologna, aprile 2011 Indice Quadro congiunturale La competitività dei territori e il ritorno

Dettagli

Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica UFF. XV Patti Territoriali e Contratti d Area PATTI TERRITORIALI

Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica UFF. XV Patti Territoriali e Contratti d Area PATTI TERRITORIALI Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica UFF. XV Patti Territoriali e Contratti d Area PATTI TERRITORIALI 1 Patti Territoriali Gli strumenti di programmazione

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

ORGANO DI COORDINAMENTO R.S.A. BANCA NAZIONALE DEL LAVORO

ORGANO DI COORDINAMENTO R.S.A. BANCA NAZIONALE DEL LAVORO ORGANO DI COORDINAMENTO R.S.A. BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Alle R.S.A. FABI BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Loro Indirizzi Oggetto: Riorganizzazione della Banca Nazionale del Lavoro SpA Informativa ai sensi

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

Social Bond UBI Comunità: Valore condiviso

Social Bond UBI Comunità: Valore condiviso Social Bond UBI Comunità: Valore condiviso Damiano Carrara 1 dicembre 2015 1 Posizionamento di UBI Banca Forte posizionamento competitivo 3 Gruppo bancario commerciale italiano per capitalizzazione Circa

Dettagli

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Tabella 4: Numero di aziende che utilizzano il fondo regionale ogni dieci aziende che si avvalgano del regime assicurativo Area N.ro ogni 10 aziende Nord-Ovest

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 Nel IV trimestre del 2010 le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 15.041,15 milioni di euro. Rispetto allo stesso trimestre del

Dettagli

Conoscere il territorio: informazione ed esperienza a servizio delle strategie delle banche

Conoscere il territorio: informazione ed esperienza a servizio delle strategie delle banche Conoscere il territorio: informazione ed esperienza a servizio delle strategie delle banche Raul Mattaboni, Direttore Generale Prometeia Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 Febbraio 2007 Questo documento

Dettagli

Un altro anno di crescita per Media Vending

Un altro anno di crescita per Media Vending edia Vending Un altro anno di crescita per edia Vending e i t e n d i v R l I e r c a t o d d e l V e n d i n g edia Vending è una dinamica rivendita che da alcuni anni opera con successo nella Provincia

Dettagli

LA PUBBLICITA IN SICILIA

LA PUBBLICITA IN SICILIA LA PUBBLICITA IN SICILIA Quadro produttivo, articolazione della spesa e strategie di sviluppo Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici Istituto G. Tagliacarne Settembr e 2014 Gli obiettivi del

Dettagli

GLI ENTI D EROGAZIONE IN ITALIA

GLI ENTI D EROGAZIONE IN ITALIA GLI ENTI D EROGAZIONE IN ITALIA Sono 4.388 gli enti di diritto privato che hanno indicato come attività prevalente o esclusiva l erogazione di sussidi a individui, piuttosto che quella di contributi a

Dettagli

Atteggiamenti e percezioni sulla qualità dell aria e dell ambiente

Atteggiamenti e percezioni sulla qualità dell aria e dell ambiente Qualità dell aria e cambiamento climatico: le sfide di fronte a noi Stakeholder meeting 2014 Atteggiamenti e percezioni sulla qualità dell aria e dell ambiente M A R I O B O F F I D i p a r t i m e n t

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli

Analisi del mercato delle auto

Analisi del mercato delle auto Analisi del mercato delle auto Le immatricolazioni ripartono grazie alla necessità di sostituire il vecchio parco di auto non catalizzate. La scomparsa imminente della benzina super fa crescere le vendite,

Dettagli

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010 AICEB (Associazione Italiana Centri Benessere) IL MERCATO DEL BENESSERE: IMPRESE E SERVIZI OFFERTI* Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione Rimini Wellness, 14 Maggio

Dettagli

3.4 L articolazione territoriale delle Discipline Sportive Associate

3.4 L articolazione territoriale delle Discipline Sportive Associate 3.4 L articolazione territoriale delle Discipline Sportive Associate 3.4.1 L'indice dei praticanti tesserati ogni 100.000 abitanti I 19 sport riconosciuti come Discipline Sportive Associate nel 2001 hanno

Dettagli

Startup innovative: una su otto è donna. Boom delle neoimprese smart femminili, +50,6% in un anno

Startup innovative: una su otto è donna. Boom delle neoimprese smart femminili, +50,6% in un anno Comunicato stampa Startup : una su otto è donna Boom delle neoimprese smart, +50,6% in un anno Roma, 06 marzo 2015 Pesano ancora poco sul tessuto imprenditoriale ma sono in crescita e davanti hanno un

Dettagli

L'immagine del Sud Italia nel mondo: i risultati di una indagine demoscopica del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo presso gli operatori

L'immagine del Sud Italia nel mondo: i risultati di una indagine demoscopica del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo presso gli operatori 1 L INDAGINE Nel giugno 2003, il Servizio per le politiche dei Fondi strutturali comunitari del Dipartimento per le politiche di sviluppo del Ministero dell Economia e delle Finanze ha affidato, a seguito

Dettagli

Bologna, 26 Novembre 2009 Aula Magna Facoltà di Agraria OSSERVATORIO SULL INNOVAZIONE NELLE IMPRESE AGRICOLE 3 RAPPORTO

Bologna, 26 Novembre 2009 Aula Magna Facoltà di Agraria OSSERVATORIO SULL INNOVAZIONE NELLE IMPRESE AGRICOLE 3 RAPPORTO Bologna, 26 Novembre 2009 Aula Magna Facoltà di Agraria OSSERVATORIO SULL INNOVAZIONE NELLE IMPRESE AGRICOLE 2009 3 RAPPORTO OGGETTO E SOGGETTO DELL OSSERVATORIO OGGETTO Ciò che è nuovo per l azienda che,

Dettagli

A che punto siamo con l Alternanza Scuola- Lavoro? Pubblicati gli esiti del Monitoraggio 2008-2009

A che punto siamo con l Alternanza Scuola- Lavoro? Pubblicati gli esiti del Monitoraggio 2008-2009 A che punto siamo con l Alternanza Scuola- Lavoro? Pubblicati gli esiti del Monitoraggio 2008-2009 L Alternanza Scuola-Lavoro è stata introdotta In Italia come una delle modalità di realizzazione dei percorsi

Dettagli

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE Carte Diem Roma, Relatore: Alessandro Messina LO SCENARIO DEL CREDITO IN ITALIA A giugno 2008 lo stock di impieghi era pari a 1.543 MLD Di questi, rivolti

Dettagli

Factoring e convenzione fornitori

Factoring e convenzione fornitori Factoring e convenzione fornitori Reggio Emilia, 25 marzo 2015 Giuliano Casagrande Direttore Commerciale Credemfactor S.p.A. Il Factoring Il concetto può essere sintetizzato in 4 parole chiave: 1. Valutazione

Dettagli

L approccio modulare al cliente

L approccio modulare al cliente Q A fronte dei bisogni sempre più sofisticati e variegati dei clienti, le banche usano la tecnologia per instaurare, migliorare e creare una relazione più stabile e duratura che tenga conto della necessità

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Povertà e diritto alla salute La salute diseguale: aspetti sociali della tutela della salute Concetta M. Vaccaro Responsabile welfare e salute

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

SISTEMI PER LA QUALIFICAZIONE AZIENDALE AL RATING

SISTEMI PER LA QUALIFICAZIONE AZIENDALE AL RATING SISTEMI PER LA QUALIFICAZIONE AZIENDALE AL RATING ItaliaRating Via Moncenisio, 4 20052 Monza MI www.italiarating.com Pag. 1 BASILEA 2 Nota introduttiva Basilea 2 e il nuovo accordo internazionale sui requisiti

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere 20 aprile 2007 La italiana, i dialetti e le lingue straniere Anno 2006 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie.

Dettagli

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management EDILIZIA di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management DEFINIZIONE DEL SETTORE Nel settore edilizio possono essere individuati 2 micro-settori: edilizia residenziale in conto proprio:

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio

Facoltà di Economia e Commercio Facoltà di Economia e Commercio Una analisi comparata degli obiettivi dei Piani Sanitari e Socio Sanitari delle Regioni e delle Province Autonome : 2003-2005 di: Eleonora Todini (*) (*) Il presente contributo

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

MOVIMPRESE RISTORAZIONE

MOVIMPRESE RISTORAZIONE Le pillole di Notizie, commenti, istruzioni ed altro MOVIMPRESE RISTORAZIONE Anno 2011 Ufficio studi A cura di L. Sbraga e G. Erba MOVIMPRESE RISTORAZIONE A dicembre del 2011 negli archivi delle Camere

Dettagli

NUOVI MODELLI DI SERVIZIO: evoluzione dei progetti

NUOVI MODELLI DI SERVIZIO: evoluzione dei progetti NUOVI MODELLI DI SERVIZIO: evoluzione dei progetti Nella giornata di ieri l Azienda ha fornito ulteriori aggiornamenti sulle sperimentazioni in corso del Nuovo Modello di Servizio delle Imprese e del Retail.

Dettagli

U.O. di Chirurgia Proctologica e Riabilitazione del Pavimento Pelvico Nuovo Ospedale Civile di Sassuolo (MO) Responsabile: Dott. Roberto Dino Villani

U.O. di Chirurgia Proctologica e Riabilitazione del Pavimento Pelvico Nuovo Ospedale Civile di Sassuolo (MO) Responsabile: Dott. Roberto Dino Villani U.O. di Chirurgia Proctologica e Riabilitazione del Pavimento Pelvico Nuovo Ospedale Civile di Sassuolo (MO) Responsabile: Dott. Roberto Dino Villani Unità di Colonproctologia SASSUOLO Coordinatore: R.D.Villani

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale r a p p r e s e n t a n t i autoveicoli esteri Analisi UNRAE delle immatricolazioni 2008 AUMENTA DI OLTRE 3 PUNTI LA QUOTA DI CITY CAR

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore - IV EDIZIONE

Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore - IV EDIZIONE Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore - IV EDIZIONE Indagine sui fabbisogni finanziari dell imprenditorialità sociale in Italia Febbraio 2015 Con il contributo scientifico di Indice Obiettivi

Dettagli

Il Modello di Orientamento Commerciale

Il Modello di Orientamento Commerciale Il Modello di Orientamento Commerciale Un importante strumento di indirizzo strategico che, classificando clienti e prospect in base alle loro potenzialità di sviluppo, supporta azioni mirate su segmenti

Dettagli

BOOM DI FURTI NEI NEGOZI E NELLE BOTTEGHE ARTIGIANE

BOOM DI FURTI NEI NEGOZI E NELLE BOTTEGHE ARTIGIANE BOOM DI FURTI NEI NEGOZI E NELLE BOTTEGHE ARTIGIANE Negli ultimi 10 anni l incremento è stato del 165,5 per cento. Purtroppo, nel 77 per cento dei casi i responsabili non vengono assicurati alla giustizia

Dettagli

BANCA ETRURIA. Cartella Stampa. In Amministrazione Straordinaria

BANCA ETRURIA. Cartella Stampa. In Amministrazione Straordinaria BANCA ETRURIA Cartella Stampa 1 In Amministrazione Straordinaria Banca Popolare dell Etruria e del Lazio Società Cooperativa in amministrazione straordinaria Il Ministero dell Economia e delle Finanze,

Dettagli

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Le innovazioni di prodotto e di processo per il credito ai progetti di vita Roma, Palazzo Altieri 24 novembre 2010 Primi risultati del Fondo

Dettagli

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Luglio 2008 Questa

Dettagli

UTILIZZO DEI DISTRIBUTORI AUTOMATICI. Risultati della ricerca. Milano, 21 marzo 2006. Indagine effettuata per Venditalia a cura di:

UTILIZZO DEI DISTRIBUTORI AUTOMATICI. Risultati della ricerca. Milano, 21 marzo 2006. Indagine effettuata per Venditalia a cura di: UTILIZZO DEI DISTRIBUTORI AUTOMATICI Risultati della ricerca Milano, 21 marzo 2006 Indagine effettuata per Venditalia a cura di: Stefania Farneti Direttore di ricerca METODOLOGIA E CAMPIONE Come premesso,

Dettagli

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015 LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 215 Saldi positivi ma in leggera flessione Nel terzo trimestre 215 i saldi tra iscrizioni e cessazioni di imprese liguri giovanili,

Dettagli

Mettiamoci la faccia Situazione al 31 dicembre 2010

Mettiamoci la faccia Situazione al 31 dicembre 2010 Mettiamoci la faccia Situazione al 31 dicembre 2010 Slide 1 Indice Slide 3 Mettiamoci la faccia at a glance LE AMMINISTRAZIONI PARTECIPANTI E I SERVIZI INTERESSATI Slide 5 Amministrazioni che hanno aderito

Dettagli

LA CATTIVA ABITUDINE DELLA SOSTA IN DOPPIA FILA

LA CATTIVA ABITUDINE DELLA SOSTA IN DOPPIA FILA LA CATTIVA ABITUDINE DELLA SOSTA IN DOPPIA FILA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 1 È esperienza di tutti

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISORSE IN OTTICA VISION

LA GESTIONE DELLE RISORSE IN OTTICA VISION NORMA ISO 9001:2000 LA GESTIONE DELLE RISORSE IN OTTICA VISION 1 Cosa cambia rispetto all edizione 94 I requisiti per il personale sono dettagliatamente descritti Le risorse umane sono considerate fondamentali

Dettagli

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Imprese straniere in aumento. Su 6.061.960 imprese operanti in Italia nel 2013, 497.080

Dettagli

LA DIMENSIONE TECNOLOGICA DELLA RELAZIONE BANCA CLIENTE. Dott. Paolo Mangione DIREZIONE COMMERCIAL BANKING

LA DIMENSIONE TECNOLOGICA DELLA RELAZIONE BANCA CLIENTE. Dott. Paolo Mangione DIREZIONE COMMERCIAL BANKING 1 LA DIMENSIONE TECNOLOICA DELLA RELAZIONE BANCA CLIENTE Dott. Paolo Mangione DIREZIONE COMMERCIAL BANKIN 2 Numero di Banche (sedi legali) in Italia 1998-2009 3 Numero di sportelli in Italia 1998-2009

Dettagli

Legalità e credito. L'investimento in sicurezza per la libera attività d'impresa

Legalità e credito. L'investimento in sicurezza per la libera attività d'impresa Legalità e credito. Contrastare i costi del crimine organizzato Bologna, 5 novembre 2013 Legalità e credito. L'investimento in sicurezza per la libera attività d'impresa Giovanni Maria Mazzanti Università

Dettagli

INVESTI NEL TUO LAVORO

INVESTI NEL TUO LAVORO INVESTI NEL TUO LAVORO Dott. Arcangelo Rizzuti Responsabile Rete Nazionale BacktoWork24 Bologna, 10 marzo 2015 Da un anno, ogni settimana, abbiamo portato un investimento a una piccola azienda I risultati

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report IL SENTIMENT DELLE IMPRESE ASSOCIATE RIFERITO ALLE DINAMICHE DEL CREDITO NEL TERRITORIO PROVINCIALE ANCE SALERNO: RISCHIO USURA SEMPRE ELEVATO Sebbene il trend risulti in diminuzione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730

NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730 NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730 Per chi decide di compilare on line il proprio 730 non ci sono problemi : il fisco mette a disposizione un manuale di

Dettagli

I Monitoraggi dell ABI a supporto delle strategie di fidelizzazione delle banche

I Monitoraggi dell ABI a supporto delle strategie di fidelizzazione delle banche I Monitoraggi dell ABI a supporto delle strategie di fidelizzazione delle banche DANIELA VITOLO d.vitolo@abi.it - CENTRO STUDI E RICERCHE - ABI CRM - RELAZIONE E VENDITA: LA SOLUZIONE PER CRESCERE 1 GLI

Dettagli

L OSPITALITA E INTERNET

L OSPITALITA E INTERNET L OSPITALITA E INTERNET UNO STRUMENTO (DI PROMOCOMMERCIALIZZAZIONE) MA NON LA SOLUZIONE (DEI PROBLEMI) 1 INDICE Premessa 3 1. Aumenta l interesse e l attenzione 5 2. La parola agli albergatori 8 IL TEAM

Dettagli

Il Progetto di Confindustria per competere in rete. Milano - FederlegnoArredo, 13 giugno 2013

Il Progetto di Confindustria per competere in rete. Milano - FederlegnoArredo, 13 giugno 2013 Il Progetto di Confindustria per competere in rete Milano - FederlegnoArredo, 13 giugno 2013 Esigenze espresse dalle Imprese Volontà di: Aggregazione su programmi/progetti Superamento del localismo distrettuale

Dettagli

PROMOTORI & CONSULENTI

PROMOTORI & CONSULENTI art PROMOTORI & CONSULENTI FONDI&SICAV Dicembre 2010 Federico Sella di Banca patrimoni Sella &c.: «Trasparenti e prudenti» Reclutamento I soldi non sono tutto Concentrazione Un mondo sempre più di grandi

Dettagli

Il settore estrattivo in Italia

Il settore estrattivo in Italia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Sala del Consiglio 9 aprile 2013 Il settore estrattivo in Italia Analisi e valutazione delle strategie competitive per lo sviluppo sostenibile Francesca CERUTI

Dettagli

Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia

Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia Qual è la percentuale di popolazione in Italia raggiunta da servizi di accesso a Internet a banda larga e a banda ultralarga? Quanto

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli