Le Bcc presidiano il Centro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le Bcc presidiano il Centro"

Transcript

1 Ugo Massa, amministratore delegato Resolving StrategyFinance UN INIZIATIVA RESOLVING-AZIENDABANCA Quarta tappa dell Indagine sul Marketing Territoriale, che ha l obiettivo di rilevare la qualità del servizio erogato dalle filiali alla clientela retail. Cinque le aree analizzate dall indagine, giunta alla seconda edizione: Nord-Ovest (Val d Aosta, Piemonte e Liguria), Lombardia, Nord-Est (Triveneto, Emilia Romagna), Centro (Toscana, Umbria, Marche, Lazio), Sud e Isole (Abruzzo, Molise, Puglia, Campania, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna). Le Bcc presidiano il Centro Il Centro Italia, area da circa 11 milioni di abitanti per poco meno di 7mila sportelli bancari, premia come nel 2007 le Bcc, che si contraddistinguono per la buona capacità relazionale dei propri gestori. In graduatoria seguono UniCredit e Mps, che migliora le proprie performance mantenendo un grado di omogeneità nella media Il Centro Italia (Area 4), nella nostra ricerca rappresentato da Toscana, Umbria, Marche e Lazio, per popolazione residente è equiparabile a quella di Triveneto ed Emilia (Area 3) con circa 11 milioni di abitanti. Il Lazio è la regione più popolata con circa 5,5 milioni di abitanti, ma con una percentuale di sportelli bancari per abitante inferiore sia alla media dell area sia alla media nazionale. Complessivamente nella zona sono presenti poco meno di 7mila sportelli bancari, con una concentrazione per abitante particolarmente elevata nelle Marche (circa 8 ogni 10mila abitanti) dovuta principalmente alla natura turistica della regione (elaborazioni Resolving su fonte Istat e Banca d Italia). La situazione è invece diversa nel Lazio, dove il tasso di bancarizzazione è inferiore sia rispetto all area in oggetto sia rispetto alla media nazionale, dato giustificato anche da una concentrazione abitativa sensibilmente più alta in questa regione rispetto alla media nazionale. Anche in termini di tessuto economico e di caratteristiche commerciali, esistono differenze tra il Lazio (che evidenzia maggiore propensione alla raccolta) e le altre regioni (caratterizzate da maggiore densità imprenditoriale). Analogamente alle altre Aree precedentemente analizzate, anche nel Centro Italia i primi tre gruppi bancari rappresentano circa il 50% della copertura territoriale, mentre i primi nove raggiungono l 80 per cento. Cambiano invece gli attori e il ranking dell Area: guidata dai tre gruppi bancari nazionali (Intesa Sanpaolo, Unicredit, Mps), il Centro Italia si contraddistingue per la presenza di due importanti gruppi multiregionali fortemente radicati sul territorio (Banca delle Marche e Banca Popolare di Etruria e Lazio). Nalla zona le Bcc (incluse le casse rurali) mantengono un presidio notevole (circa 11%), seppur inferiore a quello raggiunto in Triveneto e Emilia Romagna. Da sottolineare come UniCredit, grazie alla fusione con Capitalia, mantenga un presidio determinante nella regione più popolosa (il Lazio), analogamente al Gruppo Mps che primeggia in Toscana, mentre Intesa Sanpaolo fa registrare una distribuzione più equilibrata in tutte e quattro le regioni esaminate. Il Banco Popolare, seppur presente in tutte le regioni dell Area, concentra il proprio presidio in Toscana dove risulta essere il terzo attore per presidio territoriale. Banca delle Marche, nell omonima regione, raggiunge il primato con una quota di mercato sportelli che supera il 20 per cento. La nostra analisi si rivolge ai 10 principali gruppi bancari a livello territoriale (in termini di quota di mercato sportelli); nel complesso in questa zona sono quindi analizzati: 1. Intesa Sanpaolo 2. Unicredit 3. Mps 4. Bcc 5. Banco Popolare 6. Banca delle Marche 7. Ubi Banca 8. Bnp Paribas - Bnl 9. Popolare Etruria e Lazio 10. Bancoposta (che non essendo istituto di credito non è inserito al fine della determinazione della quota di mercato sportelli. Per la sua rilevanza nel segmento retail, è stato tuttavia inserito nel campione d analisi per la valutazione della qualità del servizio) Per ciascun istituto bancario sono analizzate diverse componenti di servizio (l analisi si riferisce al servizio erogato in filiale a una clientela retail-privati) che opportunamente pesate generano un indice sintetico di servizio Squi (Service Quality Index). Qui di seguito le componenti di servizio analizzate a livello di singola filiale. Confort e qualità delle strutture di filiale In generale le filiali di minori dimensioni (medio-piccole) hanno fatto registrare un confort e qualità delle strutture 28 AZIENDABANCA - GIUGNO 2008

2 PRESIDIO TERRITORIALE ATTRAVERSO GLI SPORTELLI CENTRO ITALIA VS. MEDIA NAZIONALE migliori rispetto alle filiali di grandi dimensioni; nonostante lo spazio ridotto le piccole filiali risultano in generale più ordinate e confortevoli, viceversa le filiali grandi e grandissime spesso disorientano il cliente e sono caratterizzate da spazi più caotici e da dotazioni mediamente più datate. Livello tecnologico e funzionale delle dotazioni automatiche di agenzia (Atm, self-banking) Il livello tecnologico delle filiali risulta essere complessivamente non adeguato, le postazioni Atm hanno un grado di penetrazione sotto media e anche la vita media delle dotazioni risulta più elevata. Il comportamento per regione è però disomogeneo, con bassi valori riscontrati nel Lazio (dove il tasso di bancarizzazione è modesto), mentre gli indicatori risultano sopra media nelle altre regioni dell area. In controtendenza il Gruppo Mps che nell Area detiene una discreta dotazione di strutture automatiche, di recente rilanciata tramite una maggiore diffusione di Atm evoluti cash-in, cash-out. Capacità di relazione e accoglienza del personale di filiale La capacità di relazione e l accoglienza sono tra i punti di forza dell area Centro Italia (a causa della presenza di Gruppi regionali o addirittura nazionali, come Mps, a forte radicamento territoriale). Il personale è generalmente molto disponibile, anche se il grado di formalità e standing non risulta così elevato come in altre aree. Le Bcc si contraddistinguono per la buona accoglienza nelle fasi iniziali di colloquio e per una generale cordialità del rapporto. Livello di attenzione e commitment verso la clientela Il livello di attenzione risulta essere in molti casi non soddisfacente; il fenomeno si deve principalmente alle frequenti interruzioni che avvengono durante i colloqui tra gestore e cliente. Le interruzioni sono sia procurate da colleghi, sia volute dai gestori stessi, che sono in cerca di informazioni/conferme da parte dei colleghi, denotando in molti casi una non ineccepibile preparazione e conoscenza dell offerta. In controtendenza i gestori del gruppo UniCredit, che in generale dimostrano un buon grado di attenzione e sembrano ben strutturati e attenti alle richieste del cliente. Capacità di comprendere il profilo dell interlocutore ed i suoi bisogni finanziari La profilazione del cliente, soprattutto in fase di apertura del rapporto, è un attività scarsamente diffusa nella rete bancaria del Centro Italia e comunque inferiore a quella di altre zone analizzate. Spesso l approccio commerciale sembra essere guidato da un procedere per tentativi di offerta fino a trovare nel cliente un segnale di approvazione. Il gestore in questo modo svolge in modo non propriamente soddisfacente le attività di profiling e di consulenza verso il proprio cliente e il grado di correla- GIUGNO AZIENDABANCA 29

3 clientela che contraddistingue il Centro Italia rispetto alle regioni del Nord genera una propensione commerciale della rete nel complesso inferiore alla media nazionale. Come detto in precedenza, l Area eccelle e si contraddistingue per la gestione della relazione e concentra i propri sforzi sulla clientela fidelizzata, rispetto a quella potenziale. Il cross selling di prodotto nelle fasi iniziali di vendita è penalizzato dalla generale maggiore diffidenza nel fornire al cliente gli strumenti di pagamento e di credito. zione tra desiderata ed offerta risulta spesso non soddisfacente. Professionalità e conoscenza dei propri prodotti bancari e di quelli dei principali concorrenti Se da un lato la conoscenza dei prodotti di base è discreta e abbastanza diffusa presso tutta la rete di gestori, maggiori problematiche sono state riscontrate ogni qualvolta la relazione con il cliente è stata intrattenuta da personale non commerciale, in genere personale delle casse, personale preposto all accoglienza o direttori di filiali. Non sono rari inoltre casi di colloqui multipli che per generale insicurezza del personale di filiale nella conoscenza dei prodotti, si svolgono con il supporto (spesso in piedi) di colleghi della stessa filiale. Capacità di mediazione e negoziazione con la clientela Le capacità di negoziazione e di mediazione sono generalmente limitate in tutta l area. In molti casi il personale è costretto a ricorrere a espedienti per poter proporre condizioni migliorative. Tra gli espedienti più comuni citiamo il non ferreo rispetto dei limiti di età (soprattutto per i conti giovani) e il ricorso a forzature per convenzioni di categoria. Propensione commerciale in termini di acquisizione e cross selling di prodotto La generale minore mobilità della DICONO IN FILIALE Qualità del servizio inferiore alla media di sistema Ciascun gruppo bancario analizzato è posizionato su una matrice che, oltre all indice sintetico di qualità del servizio, riporta il suo livello di omogeneità all interno della rete di sportelli del gruppo. Le quattro regioni del Centro Italia sono caratterizzate da una qualità del servizio inferiore alla media di sistema e un grado di omogeneità dei player dell Area che risulta invece allineato con il sistema. Rispetto al 2007 non si segnalano importanti variazioni, sia nel trend generale sia nel posizionamento dei top performer. Le Bcc restano salde al primo posto, così come il Gruppo UniCredit che l anno scorso si presentava diviso da Capitalia e si posizionava rispettivamente al secondo e terzo posto. Da segnalare invece il buon incremento del Gruppo Alcuni buoni esempi: Prima di decidere per un concorrente passi da noi: troveremo sicuramente una soluzione di reciproca soddisfazione Bancomat immediato? Chiaramente! E compreso nel pacchetto conto e glielo faccio avere il giorno stesso Siamo una banca del territorio, non lavoriamo per campagne imposte dall alto ma sulla base delle effettive esigenze del cliente Alcune cose che vorremmo non accadessero più: Me lo dovrebbe dire lei se siamo competitivi. E lei che si sta informando Perché non continua il rapporto con la sua banca? Potrebbe avere delle condizioni più vantaggiose Non ho proprio documenti riassuntivi da darle 30 AZIENDABANCA - GIUGNO 2008

4 Le quattro regioni del Centro Italia sono caratterizzate da una qualità del servizio inferiore alla media di sistema e un grado di omogeneità dei player dell Area che risulta invece allineato con il sistema. Rispetto al 2007 non si segnalano importanti variazioni, sia nel trend generale sia nel posizionamento dei top performer NELLE PAGINE SEGUENTI... Le Bcc presidiano il Centro : Silverio Dorsi, direttore generale della Federazione Marchigiana delle Bcc, Roberto Frosini, direttore della Federazione Toscana delle Bcc, e Paolo Grignaschi, direttore generale della Federazione Lazio Umbria e Sardegna delle Bcc, spiegano le ragioni del successo del modello Bcc nel Centro Italia Mps che migliora le proprie performance, raggiungendo il terzo posto e mantenendo un grado di omogeneità nella media. 1 classificato - Bcc Le Bcc si sono contraddistinte per una buona capacità relazionale dei gestori, che generalmente hanno dimostrato adeguati skill di accoglienza e ottima disponibilità verso la clientela Non così brillanti viceversa le qualità commerciali e di finalizzazione del rapporto stesso, fenomeno probabilmente riconducibile all usuale stabilità di relazione che contraddistingue la rete delle Bcc 2 classificato - Gruppo UniCredit UniCredit anche nel Centro Italia fa registrare buone performance complessive posizionandosi sul podio, grazie soprattutto all approccio al cliente che caratterizza la rete di gestori Uni- Credit ed ex-capitalia Da segnalare la buona capacità di comprensione delle esigenze del cliente e l abilità nel fornire risposte concrete e chiare 3 classificato - Gruppo Mps Buone le capacità professionali e relazione del personale, anche se sono state registrate frequenti disomogeneità di servizio all interno della rete Non così soddisfacenti le qualità commerciali e di finalizzazione dei rapporti, fenomeno probabilmente dovuto a un profiling poco approfondito, che spesso si risolve in una focalizazione dell offerta per approssimazioni successive. In generale il Gruppo Mps è il player che fa registrare il migliore incremento di performance complessiva. Ugo Massa amministratore delegato Resolving StrategyFinance GIUGNO AZIENDABANCA 31

5 La banca differente che fidelizza il cliente Accoglienza e disponibilità dei gestori sono i tratti distintivi che hanno consentito alle Bcc di confermarsi la best practice di marketing territoriale nell area del Centro Italia secondo l indagine a cura di Resolving StrategyFinance. Abbiamo approfondito il tema con i direttori delle Federazioni di Marche, Lazio (insieme a Umbria e Sardegna) e Toscana Silverio Dorsi, direttore generale della Federazione Marchigiana delle Banche di Credito Cooperativo Per il secondo anno consecutivo si sono confermate le top performer nei livelli di servizio alla clientela retail nel Centro Italia, area che nell indagine sul Marketing Territoriale a cura di Resolving StrategyFinance è rappresentata dalle regioni Toscana, Umbria, Marche e Lazio, con una popolazione residente di circa 11 milioni di abitanti e poco meno di 7mila sportelli bancari. Le banche di credito cooperativo, evidenzia l indagine, primeggiano grazie soprattutto alla capacità relazionale dimostrata dai gestori, che generalmente fanno dell accoglienza e della disponibilità nei confronti della clientela il proprio marchio di fabbrica. Ne abbiamo parlato con i direttori generali delle tre Federazioni cui fa riferimento il campione della ricerca: le Marche, il Lazio (insieme a Umbria e Sardegna) e la Toscana. Il nostro principale punto di forza nei confronti della concorrenza, spiega Silverio Dorsi, direttore generale della Federazione Marchigiana delle Banche di Credito Cooperativo, sta innanzitutto nella maggiore prossimità alla clientela, grazie ai 185 sportelli (al secondo posto dopo Banche delle Marche) distribuiti uniformemente su tutto il territorio della regione che si traducono in una quota di mercato di circa il 16 per cento. Sul nostro territorio abbiamo cercato di evitare fusioni fra le banche della Federazione, preferendo puntare su una rete di istituti di dimensioni piuttosto limitate (la banca maggiore dispone di 17 sportelli per circa 120 dipendenti) ma assai radicati sul territorio di riferimento. Questa rete riesce a muoversi sul mercato con successo grazie all apporto determinante della Federazione, che permette di contenere i costi operativi a un livello tale (in effetti sono i più bassi in Italia nel mondo Bcc insieme al Trentino) da rendere le singole banche assai competitive ad esempio a livello di condizioni praticate alla clientela. In secondo luogo abbiamo cercato di evitare frequenti turnover nel personale delle filiali, e in special modo per quanto riguarda la figura chiave del responsabile di filiale, semplicemente perché questi avvicendamenti non sono molto graditi dalla clientela. E chiaro che la possibilità per il cliente di affidarsi a un interlocutore stabile nel tempo facilita la costruzione di una relazione. Inoltre i dipendenti degli sportelli sono molto spesso reclutati tra la popolazione locale: si tratta di un ulteriore elemento che semplifica la costruzione di una relazione stabile e duratura con la clientela. Molto 32 AZIENDABANCA - GIUGNO 2008

6 importanti, infine, anche il contributo dei nostri soci-clienti (sono circa 35mila), dell attività di formazione che svolgiamo a livello di Federazione, per quanto riguarda sia aspetti normativi che operativi, e degli investimenti in comunicazione sul territorio che in questi anni ci hanno permesso di diffondere la conoscenza del brand attraverso una serie di iniziative mirate, dalle sponsorizzazioni sportive al patrocinio di mostre alla segnaletica sui principali snodi della rete stradale. La forza della relazione Un punto di vista ampiamente condiviso da Roberto Frosini, direttore della Federazione Toscana delle Banche di Credito Cooperativo, che oggi può contare su 34 banche per 260 sportelli e l 11,3% di market share, con circa 60mila soci e una quota di mercato del 9,6% per quanto riguarda la raccolta diretta e del 7,5% per quanto riguarda gli impieghi. Dati che complessivamente collocano le Bcc toscane al terzo posto nella regione. I Paolo Grignaschi, direttore generale della Federazione Lazio Umbria e Sardegna delle Banche di Credito Cooperativo risultati dell indagine non mi sorprendono più di tanto, afferma Frosini, perché nonostante la forza dei grandi gruppi e l indubbio trend verso il consolidamento abbiamo potuto constatare come le nostre quote di mercato siano costantemente aumentate nel corso di questi ultimi anni: anzi, dal 2000 al 2008 sono sostanzialmente raddoppiate sia come raccolta che come impieghi. Qual è la spiegazione di questo fenomeno? Non possiamo che sottolineare la forza della relazione che contraddistingue le Bcc dalle altre banche; una relazione che molto spesso non si riduce a un rapporto di tipo esclusivamente commerciale ma si caratterizza per forti connotazioni umane. Insomma, è un rapporto a 360 gradi fra la banca e il cliente che magari in alcuni casi produce una minore finalizzazione commerciale ma che sicuramente garantisce una maggiore soddisfazione e quindi una maggiore fidelizzazione del cliente. E un dato di fatto che il cliente delle Bcc molto difficilmente abbandona la propria banca, mentre è molto più disponibile a fare questo passo nel caso di una grande banca. Il punto è che i nostri clienti si giovano di una rapporto più diretto con i propri interlocutori rispetto alle grandi banche, laddove in molti casi i gestori sono propri conterranei se non propri concittadini. Tutto questo però non significa trascurare gli investimenti necessari in formazione e comunicazione sul territorio. La formazione della rete è un aspetto molto importante su cui la Federazione sta investendo molto, commenta Frosini: si pensi ad esempio che nel 2007 ben risorse hanno partecipato ai corsi che organizziamo qui in Federazione ai quali vanno aggiunti gli oltre 300 corsi che abbiamo effettuato direttamente presso le banche. Nel complesso mettiamo a disposizione un offerta notevole di formazione che è focalizzata sia sugli aspetti normativi che su quelli di gestione del cliente e del front office; Roberto Frosini, direttore della Federazione Toscana delle Banche di Credito Cooperativo in particolare, come Federazione Toscana abbiamo puntato sulla formazione del responsabile area Mercato, figura che oggi è presente in ciascuna delle 34 Bcc della regione. Allo stesso modo, prosegue Frosini, non possiamo trascurare la comunicazione e promozione sul territorio del brand delle Bcc, attività che fa parte del nostro Dna e rappresenta una prerogativa ad esempio nei confronti dei soci, per i quali organizziamo iniziative di ogni tipo (manifestazioni, eventi, convegni). Per quanto riguarda il futuro, conclude Frosini, malgrado il costante incremento della concorrenza la nostra sensazione è che alcune banche stiano perdendo sempre di più i propri punti di riferimento sul territorio, quindi gli spazi di mercato per le Bcc sono destinati addirittura ad aumentare. A patto però di mantenere ben salde le nostre peculiarità. Localismo e stabilità Paolo Grignaschi, direttore generale della Federazione Lazio Umbria e Sar- GIUGNO AZIENDABANCA 33

7 degna delle Banche di Credito Cooperativo (per un totale di circa 250 sportelli, di cui 120 concentrati nella sola Bcc di Roma), sottolinea come questi risultati sui livelli di servizio alla clientela retail confermino una percezione diffusa all interno delle Bcc sugli attuali trend di mercato. Come sempre, nell ambito della competizione sul mercato, i risultati sono il frutto di due componenti: i meriti di chi questi risultati li realizza e i demeriti di chi li subisce. In questo senso è evidente che le grandi concentrazioni bancarie che hanno caratterizzato il mercato in questi ultimi anni, conducendo da una parte a un inevitabile allontanamento dal territorio dei centri decisionali e dall altra a una focalizzazione sia pure temporanea delle risorse soprattutto su problematiche di riorganizzazione interna, hanno lasciato aperti ampi spazi sul mercato che le Bcc sono state pronte a occupare facendo leva sulle proprie specificità. Si spiega in questo modo, ad esempio, lo straordinario successo della Bcc di Roma, che opera in un territorio a fortissima competizione come quello della capitale e con un presidio altrettanto elevato da parte di tutti i principali gruppi bancari. I nostri punti di forza, prosegue Grignaschi, sono sostanzialmente due: l estrema vicinanza al territorio e la stabilità della relazione, che ruota attorno a interlocutori della clientela tipicamente costanti nel tempo. Su questo terreno le Bcc sono probabilmente imbattibili e non temono defaillance in futuro. Ma attenzione: le Bcc non possono essere rappresentate solo come le banche del villaggio, sono qualcosa di più, sono il localismo elevato a sistema policentrico attraverso un sistema a rete che sta dando ottimi frutti. Per quanto riguarda le prospettive future, le Bcc non possono certo pensare di fare affidamento sulla propria rendita di posizione rappresentata appunto dal localismo e dalla vicinanza al territorio. Occorre anzi impegnarsi a fondo per far percepire alla nostra clientela e più in generale a tutto il sistema Italia il contributo che le Bcc sono in grado di garantire per lo sviluppo del Paese puntando sulla leva della cooperazione. E il modo migliore per continuare a differenziarci rispetto ai competitor e preservare la nostra identità. Proprio su questo ultimo aspetto merita di essere ricordato il progetto di Formazione Identitaria che la Federazione sta portando avanti presso tutti i propri stakeholder, a cominciare dagli amministratori e per arrivare fino ai neoassunti e ai soci (che sono attualmente 45mila). Si tratta di un progetto di formazione permanente, conclude Grignaschi, che ha avuto inizio coinvolgendo innanzitutto i presidenti e i consiglieri d amministrazione delle banche su aspetti relativi alla governance e alla strategia aziendale oltre ai modelli di cooperazione e sviluppo del territorio. Attualmente il progetto è focalizzato sui direttori di filiale, ma via via interesserà tutto il personale fino ai neoassunti e anche i soci. Andrea Bigi Soluzioni applicative, software e servizi per il mondo finanziario La più completa guida all offerta di prodotti e servizi ICT per banche e società finanziarie Solo on line sul sito l176 aziende presenti l2.811 prodotti/servizi/soluzioni segnalati l visitatori mensili medi lcirca pagine visitate al mese Soluzioni applicative, software e servizi per il mondo finanziario è continuamente aggiornabile da parte delle aziende. Per informazioni: tel. 02/

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Premessa Se qualcosa non va con la tua banca e sussistano pertanto

Premessa Se qualcosa non va con la tua banca e sussistano pertanto Guida al Reclamo Indice Premessa 1 La fase del reclamo 3 Il ricorso all Arbitro Bancario Finanziario (ABF) 3 L Associazione Conciliatore BancarioFinanziario 7 L Ombudsman - Giurì bancario 7 La Mediazione

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Protagonista dello sviluppo locale

Protagonista dello sviluppo locale Bic Umbria Protagonista dello sviluppo locale Sviluppo Italia Bic Umbria promuove, accelera e diffonde lo sviluppo produttivo e imprenditoriale nella regione. È controllata da Sviluppo Italia, l Agenzia

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Advisory Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 1 2 3 Il trend del risparmio gestito prima e dopo la crisi finanziaria

Dettagli

GARANZIA PER I GIOVANI PROPOSTA DI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELL ISFOL 24 GIUGNO 2013

GARANZIA PER I GIOVANI PROPOSTA DI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELL ISFOL 24 GIUGNO 2013 GARANZIA PER I GIOVANI PROPOSTA DI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELL ISFOL 24 GIUGNO 2013 Premessa La Garanzia per i Giovani, presentata nel paper Isfol del 14 giugno scorso (cfr. http://www.isfol.it/primo-piano/una-garanzia-per-i-giovani),

Dettagli

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Il presente Rapporto è stato realizzato da un gruppo di ricerca congiunto

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

per aumentare l occupazione

per aumentare l occupazione newsletter a cura di Giugno 2014 La garanzia giovani parte. Con le imprese editoriale del Ministro Aiutiamo in concreto i giovani e le imprese di Giuliano Poletti Il 1 maggio ha preso avvio, in tutta Italia,

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA 1 AGOSTO 2014 SINTESI PER LA STAMPA

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA 1 AGOSTO 2014 SINTESI PER LA STAMPA OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA 1 AGOSTO 2014 SINTESI PER LA STAMPA L Osservatorio Nazionale Immobiliare Turistico 2014 di FIMAA-Confcommercio (Federazione

Dettagli

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province Unione Province Italiane Una proposta per il riassetto delle Province Assemblea Unione Province Italiane Roma - 06 dicembre 2011 A cura di: Prof. Lanfranco Senn Dott. Roberto Zucchetti Obiettivi dello

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Tirocini a due anni di distanza dalle Linee-guida: primo bilancio

Tirocini a due anni di distanza dalle Linee-guida: primo bilancio Working Paper A s s o c i a z i o n e p e r g l i S t u d i I n t e r n a z i o n a l i e C o m p a r a t i s u l D i r i t t o d e l l a v o r o e s u l l e R e l a z i o n i i n d u s t r i a l i Tirocini

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

SETTORE ARIA E AGENTI FISICI U.O. Modellistica STIMA DEI CONSUMI DI LEGNA DA ARDERE PER RISCALDAMENTO ED USO DOMESTICO IN ITALIA

SETTORE ARIA E AGENTI FISICI U.O. Modellistica STIMA DEI CONSUMI DI LEGNA DA ARDERE PER RISCALDAMENTO ED USO DOMESTICO IN ITALIA SETTORE ARIA E AGENTI FISICI U.O. Modellistica STIMA DEI CONSUMI DI LEGNA DA ARDERE PER RISCALDAMENTO ED USO DOMESTICO IN ITALIA Il presente studio è stato predisposto per l Agenzia Nazionale per la Protezione

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Una garanzia per il futuro.

Una garanzia per il futuro. Pioneering for You Una garanzia per il futuro. Wilo-Stratos GIGA e Wilo Stratos. Informazioni per progettisti di impianti termotecnici 2 ErP e l alta efficienza WILO ITALIA SRL Via G.Di Vittorio, 24 20068

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale

Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale Tendenze dell autonomia tributaria degli enti territoriali di Alberto Zanardi Consigliere dell Ufficio

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia Območna zbornica za severno Primorsko E.I.N.E. La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia A CURA DI INFORMEST Indice 1 INTRODUZIONE... 3 2 - IL RUOLO DELLE FONTI RINNOVABILI: IL CONTESTO NAZIONALE

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini:

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Tabaccai Convenzionati con Banca ITB; Bennet S.p.A; Esselunga S.p.A; Carrefour; Conad Adriatico Soc. Coop; Tigros S.p.A;

Dettagli

Imprese, Progettisti e Rivenditori. I servizi Isover

Imprese, Progettisti e Rivenditori. I servizi Isover Imprese, Progettisti e Rivenditori I servizi Isover 70 persone sul territorio per rispondere ad ogni esigenza specifica dei Clienti I servizi Isover per Imprese, Progettisti e Rivenditori Questa brochure

Dettagli

La vita quotidiana nel 2009

La vita quotidiana nel 2009 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 1 0 Settore Famiglia e società La vita quotidiana nel 2009 Indagine multiscopo annuale sulle famiglie Aspetti della vita quotidiana Anno

Dettagli

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche Parte Prima Il censimento del calcio italiano Sezione 1 Statistiche 17 La Federazione Italiana Giuoco Calcio Settori Settore tecnico Settore Giovanile e Scolastico Società 14.90 di cui: Professionistiche

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Osservatorio nazionale distretti italiani

Osservatorio nazionale distretti italiani Osservatorio nazionale distretti italiani Rapporto 2014 Osservatorio nazionale distretti italiani Rapporto 2014 Osservatorio nazionale distretti italiani- Rapporto 2014 Osservatorio nazionale distretti

Dettagli

Imprese, Progettisti e Rivenditori. I servizi Isover

Imprese, Progettisti e Rivenditori. I servizi Isover Imprese, Progettisti e Rivenditori I servizi Isover 70 persone sul territorio per rispondere ad ogni esigenza specifica dei Clienti I servizi Isover per Imprese, Progettisti e Rivenditori Questa brochure

Dettagli

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti LA POPOLAZIONE 17 Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti Significato. La presenza nella popolazione di cittadini stranieri è ormai diventata di una certa consistenza

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

Progetto PROMETEO. FORESIGHT TECNOLOGICO/ECONOMICO Settori 4 A e Turismo in Toscana. DOCUMENTO REDATTO da Consorzio Pisa Ricerche e FIRENZE TECNOLOGIA

Progetto PROMETEO. FORESIGHT TECNOLOGICO/ECONOMICO Settori 4 A e Turismo in Toscana. DOCUMENTO REDATTO da Consorzio Pisa Ricerche e FIRENZE TECNOLOGIA Progetto PROMETEO FORESIGHT TECNOLOGICO/ECONOMICO Settori 4 A e Turismo in Toscana DOCUMENTO REDATTO da Consorzio Pisa Ricerche e FIRENZE TECNOLOGIA INDICE INTRODUZIONE...3 IL CONTESTO ECONOMICO E TECNOLOGICO

Dettagli