Architetture di Cloud Computing

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Architetture di Cloud Computing"

Transcript

1 Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del A. A Architetture di Cloud Computing 1 Cloud computing

2 Sommario Principali requisiti richiesti dal cloud clomputing Strategie e soluzioni architetturali 2

3 Obiettivo Delineare diverse strategie architetturali che consentono di soddisfare i principali requisiti richiesti dal cloud computing: Scalabilità Disponibilità rilevando la mancanza di soluzioni standardizzate e una molteplicità di alternative; Viene caratterizzato il SaaS delineando dei modelli e sottolineando le proprietà rilevanti che impongono l utilizzo di opportune architetture. 3

4 Modelli proposti Architettura di cloud storage che sfrutta il paradigma P2P evidenziando un miglioramento della scalabilità e della fault-tolerance, importanti parametri di questa emergente tecnologia. Architetture dati evidenziando quali siano le diverse modalità di gestione dei database in ambito cloud e le relative proprietà. 4

5 Caratterizzazione del SaaS Il SaaS è un software sviluppato come servizio ospitato a cui si accede tramite Internet. Questa categoria di servizi viene invocata dai consumatori quando ne hanno necessità quindi i consumatori pagano tanto quanto usano i servizi. In un tipico scenario SaaS [55] si possono individuare tre ruoli: 5

6 Ruoli in uno scenario SaaS Ruoli SaaS customer, che è la persona o l azienda che vuole usare il software per realizzare un certo task e perciò si abbona a un applicazione SaaS. SaaS provider, che vende il software come un servizio e pertanto esegue (ospita) il software per il quale i clienti SaaS possono sottoscrivere l abbonamento. Saas application vendor, che si riferisce alle aziende che sviluppano le applicazioni che sono offerte come un servizio dai SaaS provider. I SaaS provider e i SaaS vendor possono essere le stesse company. 6

7 Esempio Salesforce offre la sua applicazione CRM come un servizio, agendo quindi sia come SaaS provider che come SaaS vendor. Inoltre Salesforce permette ad altre company di sviluppare applicazioni SaaS ed eseguirle sulla piattaforma Salesforce, agendo così SaaS provider che ospita le applicazioni di vendor terzi di applicazioni SaaS. 7

8 Modelli di distribuzione I Saas vendor introducono modelli di distribuzione SaaS per il proprio software: Si tratta di modelli in cui il software non è più acquistato ed eseguito dai clienti stessi sulla loro infrastruttura ma è eseguito sull infrastruttura IT (Information Technology) di una hosting company. Ciò comporta un cambiamento importante nel modo di pensare la struttura operativa dell applicazione, ovvero la distribuzione dell applicazione ai clienti e il modo di mantenerla disponibile ed efficiente a costi contenuti. Per molti ISV, che non hanno mai gestito un datacenter per i propri clienti, questo può risultare l aspetto meno familiare del modello SaaS. I provider SaaS non solo devono essere esperti nella creazione e nella promozione del software, ma devono anche imparare a farlo funzionare e a gestirlo. 8

9 Meta-modello del SaaS Il consumatore invoca questa categoria di servizi attraverso il browser l applicazione invoca i servizi per soddisfare la funzionalità che è offerta dall applicazione software. Componenti costituenti l architettura di, un applicazione SaaS [10] Sono applicazioni sono molto simili alle altre create sui principi della progettazione orientata ai servizi: la differenza di maggior rilievo consiste nell aggiunta dei servizi di metadati, responsabili della gestione della configurazione dell applicazione per i singoli tenant 9

10 Modifiche consentite alla configurazione Gli utenti possono di norma modificare la configurazione in quattro aree principali: Interfaccia utente - I clienti spesso apprezzano la possibilità di modificare l interfaccia utente per aggiungervi i tratti distintivi dell azienda e per questo le applicazioni SaaS offrono in genere funzionalità che consentono ai clienti di modificare elementi quali grafica, colori, tipi di carattere e così via. Flusso di lavoro - Per raggiungere un ampia gamma di potenziali clienti, un applicazione aziendale critica SaaS deve poter accomodare flussi di lavoro diversi. Un cliente di un applicazione di fatturazione può ad esempio richiedere che ogni fattura venga approvata da un responsabile. Un secondo cliente può richiedere che ogni fattura venga approvata da due responsabili in sequenza. Un terzo può richiedere che ogni fattura venga approvata da due responsabili, che possono però lavorare in parallelo. Quando appropriato, è consigliabile dare ai clienti la possibilità di configurare il flusso di lavoro dell applicazione al fine di allinearlo ai processi aziendali. Estensione del modello dati - Per molte applicazioni SaaS guidate dai dati, un modello dati rigido è semplicemente inadeguato a soddisfare tutti. Anche nell utilizzo di applicazioni relativamente semplici mirate allo svolgimento di una sola attività specifica, i clienti possono lamentarsi delle restrizioni imposte da un set di dati e tabelle non modificabile. Un modello dati estendibile prevede che l applicazione possa essere adattata alle esigenze dei clienti e non viceversa. Controllo degli accessi - La creazione degli account per i diversi utenti e l assegnazione dei diritti di accesso alle diverse risorse e funzionalità vengono solitamente affidate ai clienti. I diritti e le restrizioni di accesso vengono tracciati mediante l utilizzo di criteri di protezione che devono poter essere configurati dai diversi tenant. 10

11 Configurabilità Per offrire ai clienti la possibilità di configurare il software in base alle proprie esigenze, le precedenti opzioni sono organizzate in unità di configurazione gerarchiche, ciascuna delle quali contiene opzioni relative a ognuna delle quattro aree sopra elencate. Ogni cliente può configurare liberamente un ambito di primo livello ed eventualmente creare uno o più sottoambiti in una gerarchia arbitraria. Una strategia di relazioni determina se e come i nodi figlio debbano ereditare o sovrascrivere le impostazioni di configurazione dei nodi padre. 11

12 Configurabilità Diversamente dalle applicazioni di business tradizionali, configurate dal fornitore, è molto più probabile che le applicazioni SaaS vengano configurate direttamente dai clienti. La progettazione dell interfaccia di configurazione richiede pertanto la stessa cura posta nella progettazione dell interfaccia visualizzata dagli utenti finali. L ideale sarebbe che gli utenti possano configurare l applicazione tramite una procedura guidata o tramite schermate semplici e intuitive che contengano tutte le opzioni disponibili, ma senza sovraffollamenti e con una distinzione chiara tra quelle che possono essere modificate o meno all interno di un certo ambito. 12

13 Requisiti e caratteristiche di qualità di un applicazione Saas Dal punto di vista di un enterprise architect, vi sono tre differenze principali tra un applicazione SaaS ben progettata e una meno valida: un applicazione SaaS ben progettata è scalabile, assicura un efficienza multi-tenant ed è configurabile [10]. 13

14 Strategie per la Scalabilità Per rendere scalabile un applicazione occorre: aumentare la concorrenza massima utilizzare le risorse applicative in modo più efficiente ad esempio: ricorrendo all assenza di stato condividendo risorse comuni come thread e connessioni di rete memorizzando i dati di riferimento nella cache dividendo i database di grandi dimensioni in più parti. 14

15 Strategie per il multi-tenancy Il multi-tenancy è la novità più significativa per gli enterprise architect abituati a progettare applicazioni single-tenant isolate. Ad esempio: un utente di un azienda accede alle informazioni relative ai propri clienti utilizzando un servizio CRM, è possibile che l istanza dell applicazione a cui si connette stia già servendo decine, se non centinaia, di utenti di altre aziende, tutti ignari l uno dell altro. È pertanto necessario che l architettura preveda la massima condivisione delle risorse tra i diversi utenti e il necessario isolamento tra i dati di ciascuno. 15

16 Uso dei metadati Se una singola istanza di un applicazione in esecuzione su un singolo server deve accogliere gli utenti di diverse aziende contemporaneamente, non è possibile limitarsi a implementare codice personalizzato per rispondere alle esigenze di un utente specifico, poiché ogni modifica impatterebbe anche su tutti gli altri utenti. Anziché accedere a una versione personalizzata dell applicazione in senso tradizionale, ogni cliente utilizzerà dei metadati per configurare il funzionamento e l aspetto della stessa applicazione. L architetto SaaS dovrà porre attenzione alla configurazione delle applicazioni in modo tale che risulti semplice per tutti i clienti e non implichi ulteriori costi operativi o di sviluppo. 16

17 Problemi con la scalabilità Nel cercare di riusare i servizi SaaS sorgono alcuni problemi tecnici legati alla garanzia di una scalabilità predefinita anche in corrispondenza di picchi o all elevata disponibilità dei servizi. 1. Il software aziendale su larga scala è destinato ad essere utilizzato da migliaia di persone contemporaneamente. Chi ha esperienza nello sviluppo di applicazioni aziendali di questo tipo ha imparato a conoscere in prima persona le problematiche correlate alla creazione di un architettura scalabile. Per un applicazione SaaS, la scalabilità è ancora più importante: sarà infatti necessario supportare la base di utenti media di un singolo cliente moltiplicata per il numero totale di clienti. 2. Agli Indipendent Software Vendor (ISV), abituati a realizzare software aziendali da eseguire in sede, supportare questo tipo di utenti sembrerà come passare da un campionato minore al campionato di serie A: le regole possono essere familiari, ma la partita viene giocata a un livello completamente diverso. Anziché con un applicazione aziendale business-critical distribuita su larga scala, si confronteranno con la creazione di un sistema scalato su Internet, che deve offrire supporto attivo a una base di utenti potenzialmente destinata a contare milioni di unità. 17

18 Problemi con la scalabilità 3. La scalabilità dell applicazione richiede un equilibrata combinazione dei due distinti domini del software e dell hardware. Si possono fare grandi progressi e aumentare la scalabilità in uno di questi domini per poi vanificarli a causa degli errori commessi nell altro. Ad esempio, la creazione di una webfarm di server con bilanciamento del carico non fornirà alcun beneficio per un applicazione progettata per essere eseguita su un singolo computer; analogamente, progettare un applicazione a elevata scalabilità e distribuirla su computer connessi a una rete a bassa larghezza di banda non consentirà di gestire carichi elevati in modo efficiente quando l ingente traffico determina una saturazione della rete. 18

19 Disponibilità La disponibilità [56] elevata dovrebbe costituire una delle massime priorità di ogni fornitore SaaS. Un guasto di un solo server o di un solo datacenter potrebbe provocare gravi perdite di dati o di produttività per un ampia percentuale di clienti, se non per tutti. Per gli ISV che si avvicinano al modello SaaS con un bagaglio di esperienze nello sviluppo di software desktop o client-server tradizionale, il requisito della disponibilità elevata imposto da un modello di applicazione basato sulla rete potrebbe sollevare nuove difficoltà. È consigliabile includere nell applicazione il supporto per tecniche di base come i meccanismi di avviso, e porre attenzione ai potenziali collegamenti deboli, come una connessione a un database posto in un sito remoto non controllabile direttamente 19

20 Autenticazione e autorizzazione Insieme a questi rilevanti aspetti, anche altri requisiti vanno considerati in ambito SaaS come l autenticazione e l autorizzazione [10]: il tema della protezione, già importante di per sé in qualsiasi contesto software, per la natura del modello SaaS diventa un imperativo per i clienti e una priorità assoluta per gli architetti. Attenendosi ad alcune linee guida basilari è possibile garantire ai tenant la riservatezza dei propri dati. Queste proprietà richieste dalle applicazioni SaaS necessitano dell adozione di appropriate architetture, nel seguito descritte, che permettano di affrontare tali problematiche. 20

21 Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del A. A Soluzioni architetturali per sicurezza disponibilità e scalabilità 21

22 Strategie architetturali per garantire della protezione dei servizi Di seguito vengono proposte delle strategie architetturali [10] che affrontano il problema della protezione dei servizi in ambito SaaS, specificando delle soluzioni relative alle problematiche di autenticazione e autorizzazione: 1. Sistema di autenticazione centralizzato 2. Sistema di autenticazione decentralizzato 3. Gestione degli accessi 22

23 Amministrazione delegata Mediante un processo definito amministrazione delegata [10] il provider SaaS affida ai tenant la responsabilità di creare e gestire i propri account utente: il cliente crea gli account utente e il fornitore li autentica. Per implementare il modello dell amministrazione delegata, i progettisti SaaS ricorrono a due modalità principali di gestione dell autenticazione [10]: sistema di autenticazione centralizzato sistema di autenticazione decentralizzato. La scelta del progettista avrà un impatto sulla complessità dell architettura e sull esperienza degli utenti finali e va fatta tenendo conto delle considerazioni del modello aziendale sulle esigenze dell applicazione, dei clienti e degli utenti finali. 23

24 Sistema di autenticazione centralizzato In un sistema di autenticazione centralizzato: il provider gestisce un unico database centrale degli account utente per tutti i tenant dell applicazione. gli amministratori di ogni tenant possono creare, gestire ed eliminare gli account utente del proprio tenant; quando un utente si connette all applicazione, fornisce le proprie credenziali, l applicazione le autentica confrontandole con i record contenuti nell elenco centrale ed eventualmente concede l accesso all utente. 24

25 Architettura centralizzata Questo approccio richiede un infrastruttura di autenticazione relativamente semplice che può essere progettata e implementata con una certa facilità senza modifiche all infrastruttura utente del tenant. Uno svantaggio importante di questo approccio è che un sistema di autenticazione centralizzato rende molto più difficile l implementazione del Single Sign-On, in cui l applicazione accetta le credenziali che l utente finale ha già immesso durante l accesso alla rete aziendale. Senza il Single Sign-On, ogni volta che gli utenti accedono all applicazione verrà visualizzata la richiesta di credenziali che dovrà essere compilata manualmente 25

26 Sistema di autenticazione decentralizzato In un sistema di autenticazione decentralizzato: il tenant distribuisce un servizio federativo [65] che si interfaccia con il proprio servizio directory degli utenti. Quando un utente finale tenta di accedere all applicazione, il servizio federativo autentica l utente localmente ed emette un token di protezione: questo viene accettato dal sistema di autenticazione del provider SaaS e l utente può accedere all applicazione 26

27 Architettura decentralizzata È un approccio ideale quando è importante utilizzare il Single Sign-On: non impone all utente l immissione di un set di credenziali specifico per ogni servizio SaaS cui accedere, sfruttando l autenticazione locale. Questo approccio è tuttavia molto più complesso di quello centralizzato un applicazione SaaS con migliaia di clienti richiederebbe relazioni di trust individuali con i servizi federativi di ciascun tenant. In molti casi il provider SaaS tenderà ad adottare una soluzione ibrida tra le due tecniche precedenti, ricorrendo all approccio centralizzato per autenticare e gestire gli utenti dei tenant più piccoli e all approccio federativo per le aziende di dimensioni maggiori che desiderano sfruttare i vantaggi del Single Sign-On e sono disposte a pagarne il prezzo. 27

28 Gestione degli accessi L accesso alle risorse e alle funzioni aziendali delle applicazioni SaaS viene gestito tramite dei ruoli [10] mappati sulle specifiche funzioni professionali definite all interno di un organizzazione ad ogni ruolo vengono assegnate una o più autorizzazioni che consentono agli utenti di quel ruolo di svolgere delle azioni in conformità con le regole di business applicabili. 28

29 Gestione degli accessi I ruoli vengono gestiti all interno dell applicazione SaaS stessa e possono contenere account utente individuali o gruppi di utenti (sia agli account utente individuali che ai gruppi è possibile assegnare più ruoli in base alle necessità 29

30 Ruoli e autorizzazioni A seconda dei ruoli a cui è assegnato, un determinato utente dispone di una o più autorizzazioni a svolgere operazioni o azioni specifiche; tali azioni sono solitamente mappate direttamente sulle importanti funzioni aziendali o sulla gestione dell applicazione stessa. Un applicazione per gli acquisti potrebbe, ad esempio, includere delle autorizzazioni per la creazione, l invio, l approvazione e il rifiuto di ordini di acquisto; un applicazione per agenti ipotecari potrebbe invece includere delle autorizzazioni per il controllo del credito di un cliente, per la concessione di un prestito e così via. La stessa autorizzazione può essere assegnata a uno o più ruoli, in base alle necessità, e a ogni utente verrà riconosciuto l insieme delle autorizzazioni assegnate a tutti i ruoli a cui appartiene. 30

31 Regole di business e controllo degli accessi L utilizzo delle regole di business consente di controllare l accesso alle azioni e alle risorse di un applicazione in modo più dettagliato di quanto permesso dalle autorizzazioni. Le regole di business introducono la necessità di soddisfare alcune condizioni prima che l accesso possa essere concesso. E possibile, ad esempio, utilizzare una regola di business che consente a un utente di trasferire fondi tra conti diversi solo durante le ore di ufficio, a meno che la somma trasferita non sia inferiore a un determinato importo. Il controllo degli accessi viene gestito a livello di ambito: ogni ambito eredita ruoli, autorizzazioni e regole di business da tutti gli ambiti padre, in base alla strategia di relazioni, e può modificarli, aggiungerne altri o eliminarli, in base alle necessità. L ideale è che l applicazione includa un set predefinito di ruoli, autorizzazioni e regole di business che ogni tenant possa modificare ed estendere in autonomia tramite un interfaccia utente funzionale e intuitiva. 31

32 Strategie per la disponibilità La disponibilità [56] è uno dei principali requisiti richiesti da un sistema cloud-based legato alla capacità di un servizio SaaS di fornire le sue funzionalità in maniera persistente, consentendo ai suoi consumatori di accedervi in ogni momento e ovunque. Diversamente dal software tradizionale, un servizio SaaS viene eseguito nell infrastruttura del provider, e i consumatori del servizio vi accedono attraverso Internet: in questo modo i consumatori del servizio non possono accedervi ogni volta che questo non è disponibile a causa di qualche evento come un network failure, un service middleware failure, o per altre problematiche che coinvolgono i vari componenti della piattaforma dei servizi. 32

33 Problemi di disponibilità In tali casi, i consumatori del servizio non possono in alcun modo rimediare al problema; l implicazione di tale problematica sui consumatori è pertanto molto rilevante e costituisce un aspetto critico da considerare. Un altra circostanza in cui la disponibilità viene meno (oltre ai possibili failure precedentemente indicati) si verifica quando i consumatori del servizio non possono essere online ma vogliono accedere al servizio che, ovviamente, non è disponibile nell intervallo di tempo in cui si è off-line. Per fornire una totale disponibilità dei servizi SaaS, occorre quindi escogitare una modalità alternativa per l utilizzo dei servizi stessi: in particolare, si possono individuare delle soluzioni sia dalla parte dei fornitori che dalla parte dei consumatori dei servizi. 33

34 Autonomic computing Le soluzioni dalla parte del fornitore sono principalmente legate alle possibilità di gestire in modo autonomo i potenziali fault: poiché i servizi da eseguire in modo continuativo non possono sempre essere gestiti dagli amministratori umani, può essere applicato il principio dell autonomic computing [66] nel contesto di un sistema cloud, così come di seguito schematizzato con un architettura [56] che permette di gestire il problema della disponibilità. 34

35 Architettura per garantire la disponibilità 35

36 Architettura per la disponibilità: Availability manager Il Fault Identifier monitora lo stato delle risorse gestite nel cloud e identifica gli eventuali fault confrontando lo stato monitorato con la descrizione del normale funzionamento. Il Cause Detector determina la causa più plausibile del fault consultando una base di conoscenza e dei log storici. L Actuator Determiner seleziona l attuatore (Actuator) più appropriato per rimediare ai fault le cui cause sono note. Le soluzioni applicabili dalla parte del consumatore dipendono in gran parte dal grado di adattabilità offerto dai fornitori del servizio in quanto i fornitori possono progettare e ingegnerizzare i tipi dei potenziali fault nei servizi; di seguito sono esaminate due efficaci soluzioni [56] relative all utilizzo di un Proxy e al download di una versione leggera dei servizi. 36

37 Architettura per la disponibilità: accesso Proxy-based Un Proxy può essere utilizzato per consentire ai consumatori di accedere ad un servizio SaaS in modo trasparente allo scopo di superare i problemi che potrebbero presentarsi quando questi accedono a tale servizio con lo spazio degli indirizzi fisici. Un accesso proxy-based fornisce un accesso trasparente al servizio SaaS disaccoppiando i consumatori del servizio dalla parte del fornitore del servizio: quando un nodo cloud per un certo servizio non è disponibile, uno smart proxy dalla parte del consumatore può notare il failure e accedere ad un altra istanza di tale servizio sullo stesso nodo (criterio di ridondanza). 37

38 Soluzioni per ottenere disponibilità del servizio Effettuare il download di una versione leggera dei servizi SaaS costituisce un altra soluzione per migliorare la disponibilità nel caso in cui i consumatori del servizio non possano utilizzare Internet: una semplice modalità è quella di installare i servizi SaaS dalla parte del consumatore anche se ciò sarebbe in contraddizione con le caratteristiche intrinseche del cloud computing. In questo caso sarebbe opportuno considerare la sincronizzazione tra l informazione offline e online legata alla sessione e i set dei dati: questa soluzione è applicabile concretamente solo se è disponibile una versione leggera dei servizi. 38

39 Strategie per la scalabilità La scalabilità [56] rappresenta la capacità di aumentare le risorse per ottenere un incremento (idealmente) lineare nelle performance del servizio La caratteristica principale di un applicazione scalabile è costituita dal fatto che un carico aggiuntivo richiede solamente risorse aggiuntive e non un estesa modifica dell applicazione stessa. Relativamente ai servizi SaaS, non è semplice garantire una scalabilità soddisfacente in quanto è difficile valutare il numero dei consumatori di un applicazione SaaS non essendo tale valore prefissato. Senza sapere questo numero, preparare le risorse necessarie per fornire i servizi SaaS diventa problematico. Essere scalabile quando un numero estremamente grande di consumatori prova a utilizzare gli stessi servizi SaaS è, quindi, un problema complesso: in effetti, non è semplice per i fornitori dei servizi garantire un livello predeterminato di scalabilità con una limitata quantità di risorse, considerando la dinamicità che caratterizza le richieste. 39

40 Determinazione della quantità di risorse Dal punto di vista dei consumatori, si ha un certo dinamismo caratterizzato dall aspetto dell on-demand mentre Dal punto di vista del provider, occorre determinare un quantitativo di risorse pre-fissato o comunque limitato. Di conseguenza, individuare la giusta quantità delle risorse nel contesto dei servizi SaaS diventa un aspetto critico da considerare, per cui occorre determinare delle opportune strategie. 40

41 Richiesta di servizio e allocazione Relazione tra la richiesta dinamica dei consumatori di un servizio e l entità delle allocazioni effettuate dal fornitore del servizio, indicando il range di scalabilità accettabile. L asse delle ascisse rappresenta il livello delle richieste fatte dai consumatori e l asse delle ordinate indica l entità delle allocazioni effettuate dal fornitore. 41

42 Tecniche di gestione della relazione tra richiesta di servizio e allocazione In [56] vengono proposte 3 tecniche che vanno integrate fra loro per affrontare tale problematica: 1. Resource Pooling with Multi-Clouds 2. Dynamic Load Balancing and Migration 3. On-demand Deployment 42

43 Resource Pooling with Multi-Clouds Resource Pooling with Multi-Clouds: questa tecnica prevede di creare e mantenere multiple istanze degli stessi servizi in un pool, migliorando la disponibilità e il throughput complessivo che contribuiscono alla scalabilità. Inoltre, considerando un cloud costituito da molti servizi, si può realizzare una configurazione multi-cloud formata da una griglia di molteplici nodi cloud. Quando un singolo cloud ha raggiunto il limite sulle risorse e sul numero di istanze che può utilizzare, i suoi cloud vicini possono condividere il carico: questa tecnica di pooling assicura un grado di scalabilità predefinito per la maggior parte dei casi con un alto livello di domanda. 43

44 On-demand Deployment On-demand Deployment: tale tecnica si deve occupare di gestire le risorse e le componenti software a livello di sistema dalla parte del fornitore dei servizi. Nell ambito del cloud computing, si possono individuare diverse componenti e risorse che sono necessarie per effettuare il deploy dei servizi e per eseguirli: Esempio: l ESB (Enterprise Service Bus) [67] che è un infrastruttura software che fornisce supporto ad architetture SOA complesse. Se una di tali componenti viene meno o rivela un basso livello di QoS, le applicazioni SaaS non funzionerebbero normalmente e, di conseguenza, la loro scalabilità verrebbe coinvolta. In definitiva, il ruolo dell On-Demand Deployment è quello di monitorare gli elementi correlati all applicazione SaaS allo scopo di determinare quelli non funzionanti e di rendere applicabile il deployment degli elementi coinvolti. 44

45 Dynamic Load Balancing and Migration Dynamic Load Balancing and Migration: questa tecnica prevede di condividere il carico sui servizi SaaS e di migrare gli attuali carichi su un altra istanza delle applicazioni SaaS o su un nodo cloud vicino; per utilizzare tale tecnica, occorre progettare e installare un System-level Scheduler e un Load Dispatcher: Quando i servizi sono invocati, il System-level Scheduler definisce un piano dettagliato per eseguire l applicazione SaaS richiesta che specifica quale istanza viene utilizzata per eseguire il servizio e quali risorse nel pool sono allocate per l invocazione. Il Load Dispatcher ha il compito di identificare le istanze dei servizi con bassi valori di QoS (Quality of Service), allo scopo di determinare una nuova istanza del servizio e di migrare il carico attuale dell invocazione sulla nuova istanza a runtime. 45

46 Architettura per gestire la scalabilità Sull ESB al centro dell architettura, più cloud sono connessi in una griglia e ogni cloud mantiene un pool di istanze dei servizi Al di sopra dell ESB, il componente Scalability Manager, che implementa le 3 tecniche prima descritte: monitora le invocazioni dei servizi gestisce le applicazioni SaaS e gli elementi correlati per supportare la scalabilità. In definitiva, questa architettura è basata sul principio che se i servizi e le risorse sono duplicati sui cloud e se tutte le istanze disponibili sono utilizzate dai consumatori, il deploy delle altre istanze può essere realizzato on-demand in modo che le risorse siano scalate in modo flessibile. 46

47 47

Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server

Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server La nuova generazione di soluzioni per le piccole imprese Vantaggi per le piccole imprese Progettato per le piccole imprese e commercializzato

Dettagli

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003 Il clustering Sistemi Distribuiti 2002/2003 Introduzione In termini generali, un cluster è un gruppo di sistemi indipendenti che funzionano come un sistema unico Un client interagisce con un cluster come

Dettagli

IL PRIVATE CLOUD DELLA FRIENDS' POWER

IL PRIVATE CLOUD DELLA FRIENDS' POWER IL PRIVATE CLOUD DELLA FRIENDS' POWER Evoluzione al Cloud Computing Condivisione dei lavori Integrazione con Android & iphone Cos è il Cloud: le forme e i vantaggi Durante la rivoluzione industriale, le

Dettagli

Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business

Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business Luca Zanetta Uniontrasporti I venti dell'innovazione - Imprese a banda larga Varese, 9 luglio 2014 1 / 22 Sommario Cos è il cloud computing

Dettagli

IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD

IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it L ICT come Commodity L emergere del Cloud Computing e i nuovi modelli di delivery Trend n. 1 - ICT Commoditization

Dettagli

Gartner Group definisce il Cloud

Gartner Group definisce il Cloud Cloud Computing Gartner Group definisce il Cloud o Cloud Computing is a style of computing in which elastic and scalable information technology - enabled capabilities are delivered as a Service. Gartner

Dettagli

Veloce, economico e sicuro: rendete più agile il vostro lavoro, diminuite il TCO e migliorate la vostra sicurezza grazie alla soluzione di job

Veloce, economico e sicuro: rendete più agile il vostro lavoro, diminuite il TCO e migliorate la vostra sicurezza grazie alla soluzione di job Veloce, economico e sicuro: rendete più agile il vostro lavoro, diminuite il TCO e migliorate la vostra sicurezza grazie alla soluzione di job scheduling senza agente White paper preparato per BMC Software

Dettagli

CLOUD COMPUTING. Che cos è il Cloud

CLOUD COMPUTING. Che cos è il Cloud CLOUD COMPUTING Che cos è il Cloud Durante la rivoluzione industriale, le imprese che si affacciavano per la prima volta alla produzione dovevano costruirsi in casa l energia che, generata da grandi macchine

Dettagli

File Sharing & LiveBox WHITE PAPER. http://www.liveboxcloud.com

File Sharing & LiveBox WHITE PAPER. http://www.liveboxcloud.com File Sharing & LiveBox WHITE PAPER http://www.liveboxcloud.com 1. File Sharing: Definizione Per File Sync and Share (FSS), s intende un software in grado di archiviare i propri contenuti all interno di

Dettagli

I nuovi modelli di delivery dell IT: un quadro di riferimento

I nuovi modelli di delivery dell IT: un quadro di riferimento I nuovi modelli di delivery dell IT: un quadro di riferimento Stefano Mainetti Fondazione Politecnico di Milano stefano.mainetti@polimi.it Milano, 25 Ottobre 2010 Cloud Computing: il punto d arrivo Trend

Dettagli

FAMIGLIA EMC VPLEX. Continuous availability e data mobility all'interno e tra i data center

FAMIGLIA EMC VPLEX. Continuous availability e data mobility all'interno e tra i data center FAMIGLIA EMC VPLEX Continuous availability e data mobility all'interno e tra i data center CONTINUOUS AVAILABILITY E DATA MOBILITY PER APPLICAZIONI MISSION- CRITICAL L'infrastruttura di storage è in evoluzione

Dettagli

Emanuele Barrano Filippo Bosi CLOUD COMPUTING E ARCHITETTURE SOFTWARE: QUALI IMPATTI SULLO SVILUPPO DI APPLICAZIONI?

Emanuele Barrano Filippo Bosi CLOUD COMPUTING E ARCHITETTURE SOFTWARE: QUALI IMPATTI SULLO SVILUPPO DI APPLICAZIONI? Emanuele Barrano Filippo Bosi CLOUD COMPUTING E ARCHITETTURE SOFTWARE: QUALI IMPATTI SULLO SVILUPPO DI APPLICAZIONI? Agenda Cloud Overview Approccio al Cloud Computing Impatto sullo sviluppo delle applicazioni

Dettagli

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale 1. Livello infrastrutturale Il Cloud, inteso come un ampio insieme di risorse e servizi fruibili da Internet che possono essere dinamicamente

Dettagli

w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta

w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta Sommario 1. PREMESSA...3 2. NSPAY...4 2.1 FUNZIONI NSPAY... 5 2.1.1 Gestione degli addebiti... 5 2.1.2 Inibizione di un uso fraudolento... 5 2.1.3 Gestione

Dettagli

SERVER E VIRTUALIZZAZIONE. Windows Server 2012. Guida alle edizioni

SERVER E VIRTUALIZZAZIONE. Windows Server 2012. Guida alle edizioni SERVER E VIRTUALIZZAZIONE Windows Server 2012 Guida alle edizioni 1 1 Informazioni sul copyright 2012 Microsoft Corporation. Tutti i diritti sono riservati. Il presente documento viene fornito così come

Dettagli

D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS

D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS Il modello SaaS Architettura 3D Cloud Il protocollo DCV Benefici Il portale Web EnginFrame EnginFrame

Dettagli

PREMESSA. B2B vs B2C PERCHÉ B QUADRO?

PREMESSA. B2B vs B2C PERCHÉ B QUADRO? PREMESSA PERCHÉ B QUADRO? Se per alcuni aspetti c è una convergenza delle soluzioni di e-commerce B2B e B2C - come ad esempio l esperienza di utilizzo e la fruizione da dispositivi mobile - le finalità

Dettagli

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Dopo anni di innovazioni nel settore dell Information Technology, è in atto una profonda trasformazione.

Dettagli

Semplifica la Gestione HR. Una guida per scegliere il giusto Software HR Cloud

Semplifica la Gestione HR. Una guida per scegliere il giusto Software HR Cloud Semplifica la Gestione HR Una guida per scegliere il giusto Software HR Cloud Indice Introduzione 3 Vantaggi per tutti 4 Cosa è il Cloud? 4 Quali sono i benefici? 5 Cibo per le menti 7 Domande indispensabili

Dettagli

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows *

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Guida GESTIONE SISTEMI www.novell.com Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft Windows Indice: 2..... Benvenuti

Dettagli

Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole

Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it L ICT come Commodity L emergere del Cloud Computing e i nuovi modelli di delivery Trend n.

Dettagli

La sicurezza secondo skymeeting (data pubblicazione 06/12/2011)

La sicurezza secondo skymeeting (data pubblicazione 06/12/2011) La sicurezza secondo skymeeting (data pubblicazione 06/12/2011) www.skymeeting.net La sicurezza nel sistema di videoconferenza Skymeeting skymeeting è un sistema di videoconferenza web-based che utilizza

Dettagli

Architettura SW Definizione e Notazioni

Architettura SW Definizione e Notazioni Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Stili Architetturali E. TINELLI Architettura SW Definizione e Notazioni Definizione ANSI/IEEE Std Std1471-2000

Dettagli

D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche

D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche Il Cloud Computing La visualizzazione nella Cloud Problematiche Virtualizzazione della GPU Front end Virtualization

Dettagli

Monitoraggio di outsourcer e consulenti remoti

Monitoraggio di outsourcer e consulenti remoti 1 Monitoraggio di outsourcer e consulenti remoti Un Whitepaper di Advanction e ObserveIT Daniel Petri 2 Sommario Esecutivo Nel presente whitepaper verrà mostrato come registrare le sessioni remote su gateway

Dettagli

IT Cloud Service. Semplice - accessibile - sicuro - economico

IT Cloud Service. Semplice - accessibile - sicuro - economico IT Cloud Service Semplice - accessibile - sicuro - economico IT Cloud Service - Cos è IT Cloud Service è una soluzione flessibile per la sincronizzazione dei file e la loro condivisione. Sia che si utilizzi

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.8

Dettagli

CloudComputing: scenari di mercato, trend e opportunità

CloudComputing: scenari di mercato, trend e opportunità CloudComputing: scenari di mercato, trend e opportunità Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it Milano, 7 Giugno 2012 Cloud Computing: una naturale evoluzione delle ICT Trend n. 1 - ICT Industrialization

Dettagli

Notifica sul Copyright

Notifica sul Copyright Parallels Panel Notifica sul Copyright ISBN: N/A Parallels 660 SW 39 th Street Suite 205 Renton, Washington 98057 USA Telefono: +1 (425) 282 6400 Fax: +1 (425) 282 6444 Copyright 1999-2009, Parallels,

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.9 Far evolvere

Dettagli

La Gestione Integrata dei Documenti

La Gestione Integrata dei Documenti Risparmiare tempo e risorse aumentando la sicurezza Gestione dei documenti riservati. Protezione dati sensibili. Collaborazione e condivisione file in sicurezza. LA SOLUZIONE PERCHE EAGLESAFE? Risparmia

Dettagli

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra.

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. FASTCLOUD È un dato di fatto che le soluzioni IT tradizionali richiedono investimenti

Dettagli

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply Abstract Nei nuovi scenari aperti dal Cloud Computing, Reply si pone come provider di servizi e tecnologie, nonché come abilitatore di soluzioni e servizi di integrazione, volti a supportare le aziende

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1 Oggetto della Fornitura... 3 2 Composizione della Fornitura... 3 2.1 Piattaforma

Dettagli

Informazioni generali sul corso

Informazioni generali sul corso abaroni@yahoo.com Informazioni generali sul corso Introduzione a BusinessObjects Enterprise XI - Release 2 Chi sono. Io? Adolfo Baroni E-mail: abaroni@yahoo.com 2 Pagina 1 Obiettivi del corso hamministrazione

Dettagli

L Azienda. Si.El.Co. Srl opera nel settore informatico dal 1977.

L Azienda. Si.El.Co. Srl opera nel settore informatico dal 1977. Si.El.Co. Srl opera nel settore informatico dal 1977. L Azienda È una azienda specializzata nella vendita e assistenza di hardware, software e servizi informatici composta da un organico di circa settanta

Dettagli

IBM i5/os: un sistema progettato per essere sicuro e flessibile

IBM i5/os: un sistema progettato per essere sicuro e flessibile IBM i5/os garantisce la continua operatività della vostra azienda IBM i5/os: un sistema progettato per essere sicuro e flessibile Caratteristiche principali Introduzione del software HASM (High Availability

Dettagli

Sistemi Informativi Distribuiti

Sistemi Informativi Distribuiti Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 SISTEMI INFORMATIVI MODULO II Sistemi Informativi Distribuiti 1 Sistemi informativi distribuiti

Dettagli

CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY. Prima parte: Panoramica sugli attori

CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY. Prima parte: Panoramica sugli attori ANALISI 11 marzo 2012 CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY Nella newsletter N 4 abbiamo già parlato di Cloud Computing, introducendone

Dettagli

Sicurezza e virtualizzazione per il cloud

Sicurezza e virtualizzazione per il cloud Sicurezza e virtualizzazione per il cloud Con il cloud gli utenti arrivano ovunque, ma la protezione dei dati no. GARL sviluppa prodotti di sicurezza informatica e servizi di virtualizzazione focalizzati

Dettagli

C.R.M. Custom Relationship Management

C.R.M. Custom Relationship Management Web Solution C.R.M. Custom Relationship Management Overview La soluzione CRM Portal Builder è una piattaforma innovativa per la gestione delle relazioni con i clienti, basata su una struttura modulare

Dettagli

A Brave. Chi detiene la sicurezza in-the-cloud? Un punto di vista di Trend Micro. Febbraio 2011. Dave Asprey, VP Cloud Security

A Brave. Chi detiene la sicurezza in-the-cloud? Un punto di vista di Trend Micro. Febbraio 2011. Dave Asprey, VP Cloud Security A Brave Chi detiene la sicurezza in-the-cloud? Un punto di vista di Trend Micro Febbraio 2011 Dave Asprey, VP Cloud Security I. CHI DETIENE LA SICUREZZA IN-THE-CLOUD? Il cloud computing è la parola più

Dettagli

L iniziativa Cloud DT

L iniziativa Cloud DT L iniziativa Cloud DT Francesco Castanò Dipartimento del Tesoro Ufficio per il Coordinamento Informatico Dipartimentale (UCID) Roma, Luglio 2011 Il Cloud Computing Alcune definizioni Il Cloud Computing

Dettagli

Le opportunità offerte dal Cloud Computing

Le opportunità offerte dal Cloud Computing Le opportunità offerte dal Cloud Computing Ing. Alessandro Piva Politecnico di Milano Alessandro.piva@polimi.it Agenda L impatto sulla catena del valore La definizione di Cloud Computing Le variabili decisionali

Dettagli

MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA

MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA Microsoft Dynamics: soluzioni gestionali per l azienda Le soluzioni software per il business cercano, sempre più, di offrire funzionalità avanzate

Dettagli

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI Introduzione ai sistemi operativi pag. 3 La shell pag. 3 Tipi di sistemi operativi pag. 4 I servizi del sistema operativo pag. 4 La gestione dei file e il file system Il

Dettagli

I nostri servizi Dynamic Data Centre Infrastructure-as-a-Service.

I nostri servizi Dynamic Data Centre Infrastructure-as-a-Service. I nostri servizi Infrastructure-as-a-Service. 02 / TelecityGroup Cos è? (DDC) è la proposta di TelecityGroup nell ambito Infrastructure-as-a-Service (IaaS), uno dei cardini del cloud computing. Attraverso

Dettagli

Apps4Law: Riflessioni sul Cloud Computing. Roma 21 marzo 2013 Sala Seminari UNIRIZ. Alessandro Graziani, Avvocato alessandrograziani@iuslaw.

Apps4Law: Riflessioni sul Cloud Computing. Roma 21 marzo 2013 Sala Seminari UNIRIZ. Alessandro Graziani, Avvocato alessandrograziani@iuslaw. Apps4Law: Riflessioni sul Cloud Computing Roma 21 marzo 2013 Sala Seminari UNIRIZ 2 3 Il Cloud Computing si definisce consuetamente secondo due distinte accezioni: 1. un di carattere tecnologico 2. l altra

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso INCA CGIL Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione dei

Dettagli

Descrizione generale. Architettura del sistema

Descrizione generale. Architettura del sistema Descrizione generale Sister.Net nasce dall esigenza di avere un sistema generale di Cooperazione Applicativa tra Enti nel settore dell Informazione Geografica che consenta la realizzazione progressiva

Dettagli

Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI

Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 10-1 Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 10-2 Griglie Computazionali Cosa è il Grid Computing? Architettura Ambienti Globus

Dettagli

GRIGLIE COMPUTAZIONALI

GRIGLIE COMPUTAZIONALI Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 10-1 Griglie Computazionali Cosa è il Grid Computing? Architettura Ambienti Globus D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2010/2011 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009)

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) CeBAS Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) Introduzione Il progetto CEBAS: la finalità è di migliorare l efficienza operativa interna dell Ente rispondere alle aspettative

Dettagli

Una Nuvola Pubblica Certificata Alessandro Osnaghi, Fondazione Astrid Convegno Camera di Commercio di Torino, 13 febbraio 2012

Una Nuvola Pubblica Certificata Alessandro Osnaghi, Fondazione Astrid Convegno Camera di Commercio di Torino, 13 febbraio 2012 Una Nuvola Pubblica Certificata Alessandro Osnaghi, Fondazione Astrid Convegno Camera di Commercio di Torino, 13 febbraio 2012 Il termine cloud computing è oggi largamente diffuso e utilizzato spesso impropriamente

Dettagli

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-15 corso di Sistemi Distribuiti. 8. Le architetture (prima parte) Prof. S.Pizzutilo

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-15 corso di Sistemi Distribuiti. 8. Le architetture (prima parte) Prof. S.Pizzutilo CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-15 corso di Sistemi Distribuiti 8. Le architetture (prima parte) Prof. S.Pizzutilo I Sistemi Distribuiti Un Sistema Distribuito è un insieme di processori indipendenti

Dettagli

CA AppLogic Cloud Platform per applicazioni enterprise

CA AppLogic Cloud Platform per applicazioni enterprise SCHEDA PRODOTTO: CA AppLogic CA AppLogic Cloud Platform per applicazioni enterprise agility made possible CA AppLogic è una piattaforma di cloud computing chiavi in mano che consente ai clienti enterprise

Dettagli

Sistemi gestionali as a Service:

Sistemi gestionali as a Service: Sistemi gestionali as a Service: Una reale opportunità per le imprese? Andrea Gaschi School of Management Politecnico di Milano Agenda Un introduzione ai sistemi gestionali La situazione in Italia Le spinte

Dettagli

Vi auguriamo un esperienza proficua e positiva con Oracle Siebel CRM On Demand!

Vi auguriamo un esperienza proficua e positiva con Oracle Siebel CRM On Demand! Introduzione Qui di seguito vengono esposte le risposte alle domande più frequenti relative a Oracle Siebel CRM On Demand. Inoltre, il Solutions Launchpad che contiene il link a questo documento offre

Dettagli

LBINT. http://www.liveboxcloud.com

LBINT. http://www.liveboxcloud.com 2014 LBINT http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di commerciabilità

Dettagli

Cezanne OnDemand. Rapido, semplice ed intuitivo.il modo migliore di gestire le risorse umane. La sicurezza prima di tutto. Semplice e sofisticato

Cezanne OnDemand. Rapido, semplice ed intuitivo.il modo migliore di gestire le risorse umane. La sicurezza prima di tutto. Semplice e sofisticato Cezanne OnDemand Rapido, semplice ed intuitivo.il modo migliore di gestire le risorse umane. Cezanne OnDemand è la soluzione software online di ultima generazione per la gestione delle risorse umane. Progettata

Dettagli

2G, l evoluzione della piattaforma Team nel Web 2.0 Roma, 7 dicembre 2011. Andrea Carnevali R&D Director GESINF S.r.l.

2G, l evoluzione della piattaforma Team nel Web 2.0 Roma, 7 dicembre 2011. Andrea Carnevali R&D Director GESINF S.r.l. 2G, l evoluzione della piattaforma Team nel Web 2.0 Roma, 7 dicembre 2011 Andrea Carnevali R&D Director GESINF S.r.l. Il progetto 2G è il nome della piattaforma che consentirà l evoluzione tecnologica

Dettagli

www.akite.net IL FILO DIRETTO CON I PUNTI DI VENDITA

www.akite.net IL FILO DIRETTO CON I PUNTI DI VENDITA www.akite.net IL FILO DIRETTO CON I PUNTI DI VENDITA akite IL FILO DIRETTO CON I PUNTI DI VENDITA La crescente competizione richiede massima concentrazione sul servizio ai clienti e sull ottimizzazione

Dettagli

Sistemi in grado di gestirsi in modo autonomo e dinamico La strategia di virtualizzazione di Microsoft

Sistemi in grado di gestirsi in modo autonomo e dinamico La strategia di virtualizzazione di Microsoft Disponibile anche sul sito: www.microsoft.com/italy/eclub/ OTTIMIZZAZIONE DELL INFRASTRUTTURA E SICUREZZA MICROSOFT Sistemi in grado di gestirsi in modo autonomo e dinamico La strategia di virtualizzazione

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Martedì 1-04-2014 1 Applicazioni P2P

Dettagli

Come Funziona. Virtualizzare con VMware

Come Funziona. Virtualizzare con VMware Virtualize IT Il Server? Virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente

Dettagli

SEWEB PRIVATE CLOUD SERVICE SISTEMA CLOUD AZIENDALE

SEWEB PRIVATE CLOUD SERVICE SISTEMA CLOUD AZIENDALE SEWEB PRIVATE CLOUD SERVICE SISTEMA CLOUD AZIENDALE Sommario TIPOLOGIE DI CLOUD... 4 PRIVATE CLOUD... 4 COMMUNITY CLOUD... 4 PUBLIC CLOUD... 4 HYBRID CLOUD... 4 CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO OFFERTO...

Dettagli

Uniamo tecnologia, strategia e passione per soluzioni uniche.

Uniamo tecnologia, strategia e passione per soluzioni uniche. Uniamo tecnologia, strategia e passione per soluzioni uniche. Chi siamo Il progetto ITTWEB nasce nel 2000 dall idea di Marco Macari e Massimo Frisoni di fornire a multinazionali e PMI consulenza e tecnologia

Dettagli

Spunti ed Elementi da Intel Cloud Forum

Spunti ed Elementi da Intel Cloud Forum Spunti ed Elementi da Intel Cloud Forum Intel incontra il canale sul tema del Cloud Computing, Milano, 8 Settembre 2011 L Information e Communication Technology per oltre vent anni si è sviluppata attorno

Dettagli

Data-sheet: Protezione dei dati OpsCenter Analytics

Data-sheet: Protezione dei dati OpsCenter Analytics Panoramica Di fronte alla proliferazione dei dati, le operazioni di backup e archiviazione stanno diventando sempre più complesse. In questa situazione, per migliorare la produttività è opportuno attenersi

Dettagli

Presentazione della famiglia openshare 2.2. 4/30/2003 Infosquare.com 1

Presentazione della famiglia openshare 2.2. 4/30/2003 Infosquare.com 1 Presentazione della famiglia 2.2 4/30/2003 Infosquare.com 1 La piattaforma Un ambiente completo e versatile per la costruzione di portali aziendali Una piattaforma integrata di content management per raccogliere,

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Soluzioni per la gestione delle identità e della sicurezza per l ambiente SAP

Soluzioni per la gestione delle identità e della sicurezza per l ambiente SAP White Paper Tecnico GESTIONE DELLE IDENTITÀ E DELLA SICUREZZA www.novell.com Soluzioni per la gestione delle identità e della sicurezza per l ambiente SAP Soluzioni per la gestione delle identità e della

Dettagli

Modello dell Infrastruttura per il Fascicolo Sanitario Elettronico (InfFSE) Progetto: Infrastruttura tecnologica del Fascicolo Sanitario Elettronico

Modello dell Infrastruttura per il Fascicolo Sanitario Elettronico (InfFSE) Progetto: Infrastruttura tecnologica del Fascicolo Sanitario Elettronico Dipartimento per la digitalizzazione della PA e l innovazione Consiglio Nazionale delle Ricerche Dipartimento delle Tecnologie dell Informazione e delle Comunicazioni Modello dell Infrastruttura per il

Dettagli

Una piattaforma di componenti interconnessi per la gestione della tua realtà complessa

Una piattaforma di componenti interconnessi per la gestione della tua realtà complessa Una piattaforma di componenti interconnessi per la gestione della tua realtà complessa La Problematica Negli ultimi tempi la sempre maggior quantità di informazioni necessarie alla vita e allo sviluppo

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 11

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 11 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II: Reti di calcolatori Lezione 11 Martedì 14-04-2015 1 Esempio di uso di proxy Consideriamo

Dettagli

ACCESSNET -T IP NMS. Network Management System. www.hytera.de

ACCESSNET -T IP NMS. Network Management System. www.hytera.de ACCESSNET -T IP NMS Network System Con il sistema di gestione della rete (NMS) è possibile controllare e gestire l infrastruttura e diversi servizi di una rete ACCESSNET -T IP. NMS è un sistema distribuito

Dettagli

Misurare il successo Guida alla valutazione dei service desk per le medie imprese:

Misurare il successo Guida alla valutazione dei service desk per le medie imprese: WHITE PAPER SULLE BEST PRACTICE Misurare il successo Guida alla valutazione dei service desk per le medie imprese: Come scegliere la soluzione ottimale per il service desk e migliorare il ROI Sommario

Dettagli

Una rassegna dei sistemi operativi per il Cloud Computing

Una rassegna dei sistemi operativi per il Cloud Computing Alma Mater Studiorum Università di Bologna SCUOLA DI SCIENZE Corso di Laurea in Informatica Una rassegna dei sistemi operativi per il Cloud Computing Tesi di Laurea in Reti di Calcolatori Relatore: Chiar.mo

Dettagli

ELATOS WEB SOFTWARE GESTIONALE ASP

ELATOS WEB SOFTWARE GESTIONALE ASP ELATOS WEB SOFTWARE GESTIONALE ASP L OUTSOURCING È uno degli strumenti manageriali, di carattere tattico e strategico, che hanno conosciuto maggiore espansione nel corso dell ultimo decennio e che continuerà

Dettagli

Cloud Computing....una scelta migliore. ICT Information & Communication Technology

Cloud Computing....una scelta migliore. ICT Information & Communication Technology Cloud Computing...una scelta migliore Communication Technology Che cos è il cloud computing Tutti parlano del cloud. Ma cosa si intende con questo termine? Le applicazioni aziendali stanno passando al

Dettagli

Tecniche e Strategie per misurare e migliorare le performance del servizio di telefonia fissa. Application Monitoring Broadband Report Analysis

Tecniche e Strategie per misurare e migliorare le performance del servizio di telefonia fissa. Application Monitoring Broadband Report Analysis Tecniche e Strategie per misurare e migliorare le performance del servizio di telefonia fissa Application Monitoring Broadband Report Analysis Le necessità tipiche del servizio di telefonia Maggiore sicurezza

Dettagli

Global Logistics - 2009. Il Warehouse Management System a servizio

Global Logistics - 2009. Il Warehouse Management System a servizio Global Logistics - 2009 Il Warehouse Management System a servizio Solo un minuto per dire chi siamo Sistemi IT focalizzati alla Logistica Esecutiva Gamma completa di servizi e soluzioni Suite proprietaria

Dettagli

Soluzione di videosorveglianza Guida di installazione

Soluzione di videosorveglianza Guida di installazione Guida di installazione Introduzione Considerando che i video vengono registrati e archiviati per riferimento ormai da diverso tempo, non è più possibile considerare quella di sorveglianza una tecnologia

Dettagli

"Cloud Business Solutions" di INTESA Descrizione del Servizio SMART SALES

Cloud Business Solutions di INTESA Descrizione del Servizio SMART SALES "Cloud Business Solutions" di INTESA Descrizione del Servizio SMART SALES 1. Accesso ai Servizi Il Portale INTESA, le informazioni riguardanti l'utilizzo da parte del Cliente del Servizio Cloud le informazioni

Dettagli

b.dataline INTERCONNETTI LE SEDI DELLA TUA AZIENDA

b.dataline INTERCONNETTI LE SEDI DELLA TUA AZIENDA b.dataline INTERCONNETTI LE SEDI DELLA TUA AZIENDA DESCRIZIONE DEL SERVIZIO CARATTERISTICHE TECNICHE 2015 PAGINA 2 DI 10 DATA PRIVATE NETWORK INTRODUZIONE GENERALE Brennercom Data Private Network costituisce

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Introduzione Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto. Sistemi Operativi mod.

Sistemi Distribuiti. Introduzione Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto. Sistemi Operativi mod. Sistemi Distribuiti Introduzione Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto 19.1 Introduzione A metà degli anni quaranta inizia l era dei calcolatori elettronici

Dettagli

Introduzione. Sistemi Distribuiti. Introduzione. Introduzione. Definizione di sistema distribuito. Introduzione

Introduzione. Sistemi Distribuiti. Introduzione. Introduzione. Definizione di sistema distribuito. Introduzione Sistemi Distribuiti Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto A metà degli anni quaranta inizia l era dei calcolatori elettronici moderni: grandi, costosi e

Dettagli

Cluster per architetture a componenti

Cluster per architetture a componenti Luca Cabibbo Architetture Software Cluster per architetture a componenti Dispensa ASW 442 ottobre 2014 Un buon progetto produce benefici in più aree. Trudy Benjamin 1 -Fonti [IBM] Clustering Solutions

Dettagli

TECHNOLOGY SOLUTIONS

TECHNOLOGY SOLUTIONS TECHNOLOGY SOLUTIONS DA PIÙ DI 25 ANNI OL3 GARANTISCE AFFIDABILITÀ E INNOVAZIONE AI CLIENTI CHE HANNO SCELTO DI AFFIDARSI AD UN PARTNER TECNOLOGICO PER LA GESTIONE E LA CRESCITA DEL COMPARTO ICT DELLA

Dettagli

Il modello di ottimizzazione SAM

Il modello di ottimizzazione SAM Il modello di ottimizzazione control, optimize, grow Il modello di ottimizzazione Il modello di ottimizzazione è allineato con il modello di ottimizzazione dell infrastruttura e fornisce un framework per

Dettagli

Accesso alle applicazioni protetto. Ovunque.

Accesso alle applicazioni protetto. Ovunque. Scheda tecnica Accesso alle applicazioni protetto. Ovunque. Utenti mobili protetti Nelle organizzazioni odierne, ai responsabili IT viene spesso richiesto di fornire a diversi tipi di utente l'accesso

Dettagli

Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi

Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi Soluzioni per la gestione di risorse e servizi A supporto dei vostri obiettivi di business Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi Utilizzate

Dettagli

SOLUZIONI PER LA TELEASSISTENZA Server Privato

SOLUZIONI PER LA TELEASSISTENZA Server Privato SOLUZIONI PER LA TELEASSISTENZA Server Privato Le componenti di UBIQUITY Control Center: client sul PC di teleassistenza Ubiquity Runtime: software da installare sul dispositivo remoto Ubiquity Server

Dettagli

Architetture dei WIS. Definizione di WIS. Benefici dei WIS. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012

Architetture dei WIS. Definizione di WIS. Benefici dei WIS. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Architetture dei WIS Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Definizione di WIS Un WIS può essere definito come un insieme di applicazioni in grado di reperire, cooperare e fornire informazioni utilizzando

Dettagli

Sistemi informativi secondo prospettive combinate

Sistemi informativi secondo prospettive combinate Sistemi informativi secondo prospettive combinate direz acquisti direz produz. direz vendite processo acquisti produzione vendite INTEGRAZIONE TRA PROSPETTIVE Informazioni e attività sono condivise da

Dettagli

Cloud Computing e Mobility:

Cloud Computing e Mobility: S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Cloud Computing e Mobility: Lo studio professionale agile e sicuro Davide Grassano Membro della Commissione Informatica 4 dicembre 2013 - Milano Agenda 1

Dettagli

Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni

Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni Raffaello Balocco School of Management Politecnico di Milano 26 Giugno 2012 Il mercato del cloud mondiale: una crescita inarrestabile According to IDC Public

Dettagli