Schema del capitolo CAPITOLO II II.1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Schema del capitolo CAPITOLO II II.1"

Transcript

1 CAPITOLO II LEADER, un impostazione in materia di sviluppo rurale Schema del capitolo Lucido 1 LEADER, un impostazione in materia di sviluppo rurale Lucido 2 Le sfide per le zone rurali Livello I Lucido 3 I gruppi di operatori e i relativi interessi Livello I Lucido 4 Gli apporti specifici di LEADER Livello I Lucido 5 Sette aspetti fondamentali Livello I Lucido 6 La trilogia dello sviluppo Livello II Lucido 7 Le fasi di un programma Livello II Lucido 8 La dinamica dell impostazione Livello II Lucido 9 Il valore aggiunto di LEADER Livello I Lucido 10 Gli effetti del processo di riavvicinamento Livello II Lucido 11 Gli effetti del processo di collegamento Livello II Lucido 12 Prospettive Livello II II.1

2 CAPITOLO II riferimenti Dossier LEADER II Collana Innovazione in ambito rurale N. 6: Costruire una strategia di sviluppo territoriale alla luce dell esperienza LEADER Fascicolo n. 1: La competitività territoriale (2000) Dossier dell Osservatorio N. 3: Integrare gli insegnamenti di LEADER nelle future politiche rurali (1999) Guide Guida metodologica per l analisi dei bisogni locali in materia di innovazione (1996) LEADER Magazine N. 16: Speciale convegno LEADER Per una nuova Iniziativa comunitaria per lo sviluppo rurale: 800 leader a confronto (Inverno ) N. 20: Creare occupazione nelle zone rurali (Primavera 1999) II.2

3 CAPITOLO II riferimenti Esempi Nove reportage tratti da LEADER Magazine Le foto dei servizi sono disponibili nel repertorio di immagini PAESE REGIONE O TERRITORIO LEADER FONTE Germania Anhalt-Zerbst LEADER MAGAZINE n. 14 Grecia Kalambaka-Pyli LEADER MAGAZINE n. 23 Spagna Montaña Palentina LEADER MAGAZINE n. 21 Francia Pays de Gâtine LEADER MAGAZINE n. 19 Irlanda Duhallow LEADER MAGAZINE n. 25 Italia Alto Casertano LEADER MAGAZINE n. 20 Paesi Bassi Noordwest Friesland LEADER MAGAZINE n. 17 Finlandia Keski-Häme LEADER MAGAZINE n. 23 Svezia Skogslandet LEADER MAGAZINE n. 21 Schede azioni innovative M25 E24 E10 P17 S26 T06 II.3

4 LUCIDO 1 LEADER, un impostazione in materia di sviluppo rurale LEADER, un impostazione in materia di sviluppo rurale II / 1 II.4

5 LUCIDO 2 Le sfide per le zone rurali LIVELLO I Le sfide per le zone rurali Coinvolgere la popolazione Valorizzare l'immagine del territorio Rafforzare la cultura e l'identità del territorio Abbinare know-how, competenze e occupazione Tutelare e gestire le risorse naturali Equilibrare i flussi migratori Creare attività e garantire l'inserimento e accedere ai mercati socioprofessionale Sfruttare i progressi tecnologici II / 2 In un ottica di sviluppo sostenibile, l impostazione LEADER tende a considerare le opportunità e i vincoli interni del territorio rurale dovuti a fattori ambientali, economici, sociali e culturali legati alla storia di ciascuna zona, nonché le opportunità e i vincoli esterni derivanti dall apertura delle economie locali. È possibile analizzare la situazione di ogni territorio rispetto a determinate sfide che, per taluni aspetti, possono in parte coincidere: Reportage LEADER Magazine > Coinvolgere la popolazione locale e rafforzare la coesione sociale Keski-Häme, Finlandia; > Rafforzare la cultura e l identità del territorio Noordwest Friesland, Paesi Bassi; > Tutelare le risorse naturali e gestire l ambiente e lo spazio Montaña Palentina, Spagna; > Creare attività, migliorare la competitività e accedere ai mercati Alto Casertano, Italia; > Sfruttare i progressi tecnologici in tutti i settori (agricoltura, trasporti, ecc.), in particolare le tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) Pays de Gâtine, Francia; LM 23 LM 17 LM 21 LM 20 LM 19 II.5

6 LUCIDO 2 (CONTINUA) Le sfide per le zone rurali LIVELLO I Le sfide per le zone rurali Coinvolgere la popolazione Valorizzare l'immagine del territorio Rafforzare la cultura e l'identità del territorio Abbinare know-how, competenze e occupazione Tutelare e gestire le risorse naturali Equilibrare i flussi migratori Creare attività e garantire l'inserimento e accedere ai mercati socioprofessionale Sfruttare i progressi tecnologici II / 2 > Equilibrare i flussi migratori e garantire l inserimento socioprofessionale Duhallow, Irlanda; > Abbinare know-how, competenze e occupazione Anhalt-Zerbst, Germania; > Valorizzare l immagine e la percezione del territorio Skogslandet, Svezia LM 25 LM 14 LM 21 II.6

7 LUCIDO 3 I gruppi di operatori e i relativi interessi LIVELLO I I gruppi di operatori e relativi interessi Individui o associazioni Patrimonio fisico del territorio Coerenza delle politiche Enti pubblici Questioni inerenti la società Qualità della vita Accoglienza di nuovi residenti Redditività delle attività Adeguamento ai mercati Imprese private Settore finanziario II / 3 L attuazione di un impostazione consona alle zone rurali richiede un nuovo approccio in materia di sviluppo locale e, soprattutto, un approccio il più rispondente possibile alle preoccupazioni e alle aspettative degli operatori locali. Promuovendo un approccio integrato e ascendente, nonché il decentramento della gestione delle politiche pubbliche, LEADER spinge a riconsiderare le forze attive presenti sul territorio. Per avviare un impostazione coerente e compartecipativa è necessario passare in rassegna e analizzare la diversità degli operatori esistenti. Questi operatori e partner potenziali possono essere suddivisi in tre principali categorie: > gli individui o le associazioni di persone, con preoccupazioni prevalentemente incentrate sulle problematiche relative alla società, l occupazione e la qualità della vita; > le imprese private e il settore finanziario, per i quali lo sviluppo e la redditività delle attività commerciali, nonché l adeguamento ai mercati dell economia locale rappresentano la fondamentale preoccupazione; > gli enti pubblici regionali, nazionali ed europei, che incentrano il proprio intervento sulla politica regionale, l occupazione, il patrimonio (ambientale, economico, sociale, culturale) del territorio, l accoglienza di nuovi residenti, la ricerca di coerenza tra le politiche settoriali e territoriali. V/5 V/9-12 II.7

8 LUCIDO 4 Gli apporti specifici di LEADER LIVELLO I Gli apporti specifici di LEADER L associazione degli operatori locali a livello di un territorio (Francia ) La possibilità di concretizzare idee latenti (Italia) Il GAL, un gruppo che promuove un progetto e una visione (Germania ) Il cambiamento di mentalità (Spagna ) Gli scambi di esperienze e i trasferimenti sul territorio (Svezia) II / 4 Secondo la testimonianza dei gruppi LEADER, i quattro principali apporti dell Iniziativa comunitaria di sviluppo rurale sarebbero i seguenti: > l approccio territoriale decentrato, integrato e ascendente (basato sul principio del bottom-up ) - L Iniziativa LEADER, evidenziando l interesse di (ri)considerare un territorio nella sua globalità (ossia al di là delle tradizionali ripartizioni tematiche o settoriali), mettendo in relazione i vari settori di attività, avvalendosi di un impostazione che consente agli operatori locali di esprimersi e di partecipare alla definizione degli orientamenti per il futuro del territorio in base alle loro aspettative e alla loro visione, si rivela uno strumento particolarmente idoneo per favorire la rivitalizzazione sociale ed economica delle zone rurali; > il coinvolgimento della popolazione - Questo aspetto, inerente all impostazione LEADER, contribuisce a far sì che la popolazione prenda in mano, collettivamente, il futuro del proprio territorio, superando le attitudini fataliste e le tradizionali divisioni, lottando contro l esclusione e garantendo un equilibrio tra il know-how, le opportunità e i bisogni di tutte le categorie della popolazione. A termine, LEADER concorre alla definizione o alla ricostituzione di nuove identità territoriali; > l associazione degli operatori locali a livello di un territorio - LEADER agevola la creazione di nuove strutture di partnership e di gestione locale. In funzione dei contesti, LEADER facilita lo sviluppo di nuove forme di organizzazione collettiva, di organizzazione delle conoscenze e di riorganizzazione politica. LEADER privilegia la prossimità e porta ad una maggiore governance locale; LEADER Magazine 16, pp II.8

9 LUCIDO 4 (CONTINUA) Gli apporti specifici di LEADER LIVELLO I Gli apporti specifici di LEADER L associazione degli operatori locali a livello di un territorio (Francia ) La possibilità di concretizzare idee latenti (Italia) Il GAL, un gruppo che promuove un progetto e una visione (Germania ) Il cambiamento di mentalità (Spagna ) Gli scambi di esperienze e i trasferimenti sul territorio (Svezia) II / 4 > la possibilità di concretizzare idee latenti - Le procedure di selezione dei progetti sperimentate nell ambito di LEADER hanno permesso a promotori di progetto potenziali, ma sovente ignorati, di far conoscere le proprie idee, di farle evolvere collettivamente e di accedere a forme di sostegno per attuarle. LEADER incarna la capacità di prendere in considerazione azioni di modesta portata e di sostenere progetti a rischio che gli intermediari amministrativi, tecnici e finanziari tradizionali tendono a non considerare. In funzione dei Paesi, inoltre, si possono individuare alcune nette caratteristiche: > in Spagna, l accento viene posto sul cambiamento di mentalità; > in Francia, l associazione degli operatori locali, in funzione di un dato territorio, rappresenta un obiettivo di rilievo; > in Svezia viene sovente privilegiata l apertura verso altri territori rurali e il trasferimento di esperienze; > in Italia, LEADER consente di concretizzare idee latenti; > in Germania, l accento viene posto sul ruolo del GAL. II.9

10 LUCIDO 5 Sette aspetti fondamentali LIVELLO I territoriale Finanziamento e gestione di prossimità Rete e cooperazioni Sette aspetti fondamentali integrato ascendente compartecipativo e GAL Innovazione II / 5 L impostazione LEADER può essere analizzata in base a sette aspetti fondamentali: > L approccio territoriale - Consiste nel definire una politica di sviluppo in base alle realtà, ai punti di forza e alle carenze specifici di una zona. Nell ambito di LEADER questa zona è un unità territoriale rurale relativamente omogenea, caratterizzata da una forma di coesione sociale interna, una storia e tradizioni comuni, un sentimento di identità condiviso, ecc. La ragione d essere dell approccio territoriale è legata ad una maggiore consapevolezza del ruolo delle risorse endogene nella promozione di uno sviluppo sostenibile, realizzato da e per le forze attive locali. > L approccio ascendente (o approccio dal basso) - Mira a promuovere un processo decisionale partecipativo a livello locale per tutti gli aspetti inerenti le politiche di sviluppo. Si tende a suscitare la partecipazione degli operatori locali: la popolazione nel suo complesso, i gruppi di interesse economici e sociali, le istituzioni pubbliche e private rappresentative. L approccio ascendente si fonda su due attività principali (animazione e formazione della popolazione) e interviene in varie fasi del programma. > L approccio compartecipativo (basato sulla partnership) e il gruppo di azione locale (GAL) - Quest ultimo è un insieme di operatori pubblici e privati, associati nell ambito di una partnership, che definisce una strategia comune e un piano d azione locale per lo sviluppo del territorio LEADER. Il GAL rappresenta uno degli elementi più originali e strategici del- III IV V II.10

11 LUCIDO 5 (CONTINUA) Sette aspetti fondamentali LIVELLO I territoriale Finanziamento e gestione di prossimità Rete e cooperazioni Sette aspetti fondamentali integrato ascendente compartecipativo e GAL Innovazione II / 5 l impostazione LEADER: disponendo di un équipe tecnica, di un potere decisionale e di un bilancio relativamente cospicuo, esso rappresenta di norma un nuovo modello di organizzazione che può influenzare considerevolmente l equilibrio istituzionale e politico del territorio interessato. > L innovazione - Sebbene l ideazione e l attuazione sul campo dell Iniziativa LEADER costituiscano già un innovazione in sé, LEADER insiste sul carattere innovativo delle azioni. Può trattarsi di azioni che tendono a nuove forme di valorizzazione delle risorse locali, di azioni interessanti per lo sviluppo locale che non sono state considerate in precedenza dalle altre politiche di sviluppo, di azioni che forniscono nuove risposte alle lacune e ai problemi delle zone rurali o della creazione di un nuovo prodotto, un nuovo processo, una nuova forma di organizzazione o un nuovo mercato. L innovazione è data inoltre dal carattere dimostrativo del programma e dalla sua organizzazione in rete: diffondere l informazione presso altri gruppi di operatori che intendono trarre spunto dai risultati conseguiti altrove o realizzare progetti in comune. > L approccio integrato - Le azioni e i progetti previsti nei piani d azione locali sono correlati e coordinati in un insieme coerente. Tale integrazione può riguardare azioni realizzate in uno stesso settore, tutte le azioni del programma o gruppi di azioni specifiche nonché, e soprattutto, i collegamenti tra diversi operatori e settori (economici, sociali, culturali, ambientali) pertinenti del territorio. VI VII II.11

12 LUCIDO 5 (CONTINUA) Sette aspetti fondamentali LIVELLO I territoriale Finanziamento e gestione di prossimità Rete e cooperazioni Sette aspetti fondamentali integrato ascendente compartecipativo e GAL Innovazione II / 5 > La creazione di una rete e la cooperazione tra territori - La rete LEADER, agevolando lo scambio e la circolazione di informazioni sulle politiche di sviluppo rurale, nonché la diffusione e il trasferimento di innovazioni, tende a spezzare l isolamento dei GAL e a creare una base di informazione e di analisi sulle azioni. Per integrare l organizzazione in rete prevista a livello europeo e nazionale, alcuni GAL si sono spontaneamente organizzati in reti informali. La cooperazione tra territori può essere transnazionale, ma può essere avviata anche tra zone vicine. > Il finanziamento e la gestione di prossimità - La delega al GAL di una parte sostanziale del processo decisionale in materia di finanziamento e di gestione costituisce un altro elemento chiave dell impostazione LEADER. Tuttavia, il grado di autonomia dei GAL varia in misura considerevole in funzione delle modalità organizzative e delle realtà istituzionali presenti nei vari Stati membri. VIII IX II.12

13 LUCIDO 6 La trilogia dello sviluppo LIVELLO II La trilogia dello sviluppo Il territorio, caratterizzato dal suo capitale territoriale costituito da otto componenti, rappresenta la pietra angolare dell approccio LEADER. Territorio Strategia Partnership Il capitale territoriale chiama in causa tutti gli elementi che formano la ricchezza di un territorio (popolazione, attività, paesaggi, patrimonio, knowhow), non per stilare un inventario contabile, ma per ricercare ed individuare specificità che possono essere valorizzate. III/4-5 II / 6 L analisi di queste specificità e gli elementi evidenziati nel corso dell analisi territoriale porteranno all elaborazione di strategie diversificate, specifiche per ogni territorio. In base a questi elementi specifici è possibile creare temi catalizzatori. III/9-10 Per la sua prossimità al territorio e la rappresentatività che può garantire grazie alle sue diverse componenti, la partnership locale (il gruppo di azione locale LEADER) è preposta all applicazione di questa strategia. V/5 Sebbene ogni zona necessiti di una strategia propria, si possono distinguere vari orientamenti strategici possibili in funzione di cinque tipologie di territorio: II.13

14 LUCIDO 6 (CONTINUA) La trilogia dello sviluppo LIVELLO II Territorio La trilogia dello sviluppo Strategia Partnership Tipo n. 1: territori in cui sono presenti numerosi promotori di progetto e vi è un intensa collaborazione in materia di produzione, promozione, ricerca di informazioni. Strategie mirate: strategie per la ricerca di complementarità (accento posto sull integrazione degli operatori e dei settori); strategie per azioni periferiche volte a consolidare il dinamismo esistente. P17 II / 6 Tipo n. 2: territori dove esistono numerosi promotori di progetto che operano tuttavia in modo isolato, senza collegamenti con il territorio e senza forme di collaborazione. M25 Strategie mirate: strategie di integrazione, volte a creare contatti tra i vari elementi isolati presenti nella zona - sostegno ad un tema catalizzatore trasversale che aiuta a superare le reticenze verso l azione collettiva. Tipo n. 3: territori con pochi promotori di progetto isolati, dove è tuttavia possibile recuperare una filiera, un attività, un elemento del patrimonio storico o naturale per avviare una strategia volta a dinamizzare il territorio. E24 Strategie mirate: strategie per il recupero e la valorizzazione delle risorse trascurate (la più frequente delle strategie LEADER). II.14

15 LUCIDO 6 (CONTINUA) La trilogia dello sviluppo LIVELLO II La trilogia dello sviluppo Strategia Tipo n. 4: territori caratterizzati da squilibri sul piano sociale o a livello geografico, per quanto riguarda la ripartizione delle imprese, e dalla mancanza di interventi differenziati. E10 Territorio Partnership II / 6 Strategie mirate: strategie per riequilibrare l accesso alle opportunità esistenti. È necessario decidere quali promotori di progetto sostenere: i più intraprendenti o, al contrario, quelli che non possono costruire o difendere un progetto a causa della loro condizione. Tipo n. 5: territori penalizzati da un forte esodo rurale o dall isolamento, dove si registra una netta tendenza ad abbandonare l attività agricola e/o a chiudere le imprese ancora esistenti (che, nella maggior parte dei casi, sono gestite da imprenditori anziani).il territorio si svuota ed è indispensabile trovare nuove risorse e nuove attività per introdurre processi che consentano di rilanciare il territorio. S26 Strategie mirate: strategie di spinta (sostegno ai rari operatori innovativi esistenti) e/o strategia di dinamizzazione diffusa (vaste azioni di animazione territoriale finalizzate a promuovere idee e/o progetti innovativi, sia individuali che collettivi). Strategie per attrarre e accogliere nuovi residenti nei territori caratterizzati da una scarsa densità demografica. II.15

16 LUCIDO 7 Le fasi di un programma LIVELLO II Contesto Valore aggiunto Le fasi di un programma Diagnosi Impatto Obiettivi Azioni Risultati II / 7 Per quanto riguarda l attuazione del programma propriamente detta, l impostazione LEADER prevede un processo articolato in varie fasi: > realizzazione di una diagnosi territoriale che impegna i vari operatori locali verso una visione del territorio a medio e lungo termine; > individuazione strutturata e formale degli obiettivi, definizione delle linee di intervento strategiche e classificazione per ordine di importanza delle azioni da intraprendere; > attuazione delle azioni sul campo e previsione, da parte del GAL, della costituzione di un dispositivo di sostegno e di accompagnamento per i promotori di progetto; > produzione di risultati diretti; > valutazione quantitativa e qualitativa dell impatto del progetto locale; > analisi del valore aggiunto di LEADER a livello locale (che può manifestarsi, ad esempio, con il consolidamento di una dinamica locale e/o l aumento di una capacità globale di intraprendere). L analisi dell impatto e del valore aggiunto viene successivamente utilizzata per una nuova diagnosi, strumento di riferimento della strategia territoriale. III/6-9 III/6-7 II.16

17 LUCIDO 8 La dinamica dell impostazione LIVELLO II territoriale ascendente Diagnosi La dinamica dell impostazione Finanziamento e gestione di prossimità Valore aggiunto Obiettivi Impatto Azioni Risultati integrato Rete e cooperazioni Innovazione II / 8 Vari esempi permettono di mostrare come le fasi del programma (lucido 7) si articolano con l impostazione LEADER (lucido 5). La dinamica dell impostazione dipende da questa articolazione: > l approccio territoriale consente di avviare il processo (diagnosi) basandosi sulle risorse e i bisogni specifici dei singoli territori e permettendo alla popolazione locale di esprimersi; > l approccio ascendente consente di coinvolgere, in modo partecipativo, gli operatori locali, considerando al contempo le realtà proprie di ogni territorio. Esso suscita una nuova percezione dei punti di forza, delle lacune, delle minacce e delle opportunità della zona. Questa nuova percezione influenzerà, per l intero programma, la definizione degli obiettivi, la realizzazione delle azioni, i risultati e l impatto esercitato sul territorio; > l approccio integrato e multisettoriale e il carattere innovativo delle azioni esercitano un influenza sulle modalità attuative di queste. Questo tipo di approccio influisce inoltre sui risultati e sull impatto di tali azioni; > le modalità di finanziamento e la gestione di prossimità influiscono sulla flessibilità del programma per l intera fase attuativa e, in molti casi, sulla natura dei progetti che potranno essere finanziati (ad esempio, modalità di pagamento inadeguate possono scoraggiare i promotori di progetto più vulnerabili e, talvolta, i più innovativi); T06 II.17

18 LUCIDO 8 (CONTINUA) La dinamica dell impostazione LIVELLO II territoriale Diagnosi La dinamica dell impostazione Finanziamento e gestione di prossimità Obiettivi Azioni Risultati integrato > la rete LEADER e la cooperazione intensificano gli scambi tra il livello locale e il mondo esterno (circolazione dell informazione e delle conoscenze, sviluppo di progetti comuni) e contribuiscono al valore aggiunto del programma. ascendente Valore aggiunto Impatto Rete e cooperazioni Innovazione II / 8 II.18

19 LUCIDO 9 Il valore aggiunto di LEADER LIVELLO I Il valore aggiunto di LEADER Una nuova concezione dello sviluppo rurale, basata sul riavvicinamento e l instaurazione di collegamenti II / 9 LEADER si fonda su una nuova concezione dello sviluppo rurale basata su: > il riavvicinamento tra operatori, attività e componenti del territorio - questi processi di riavvicinamento, attinenti alla filosofia generale e alla concezione dell impostazione, sono agevolati dall attuazione dell approccio ascendente, integrato e territoriale; > l instaurazione di collegamenti tra operatori, attività e territorio - questo processo si concretizza con l organizzazione e la gestione di una partnership locale, orizzontale, che integra le strutture già esistenti, attraverso la definizione di modalità di finanziamento e di gestione decentrata, nonché con l organizzazione in rete e l attuazione di cooperazioni (di prossimità o transnazionali) tra territori. Questi due principali orientamenti dell impostazione LEADER si riscontrano nelle varie fasi di attuazione degli interventi in materia di sviluppo. Nel presente documento ci si limiterà a sintetizzarli in 2 schemi (lucidi seguenti). II.19

20 LUCIDO 10 Gli effetti del processo di riavvicinamento LIVELLO II Operatori ascendente Gli effetti del processo di riavvicinamento Attività Finanziamento e gestione di prossimità Effetti Conoscenza più precisa della realtà Migliore individuazione Risposte più mirate Componenti del territorio territoriale Accompagnamento mirato II / 10 All inizio della presentazione sono state evocate le caratteristiche dei metodi di sviluppo tradizionali. In particolare è stata evidenziata la distanza che sovente esiste tra i responsabili delle politiche di intervento e i beneficiari di queste (gestione centralizzata e verticale, decisioni adottate lontano dalla realtà sul campo, ecc.) che può limitare l azione quando l intervento interessa territori in difficoltà: definizione standardizzata delle esigenze del territorio e dei promotori di progetto, trattamento dei bisogni in base a documenti ed in modo uniforme, talvolta tempi molto lunghi per l adozione delle decisioni e i meccanismi di approvazione, difficilmente conciliabili con le scadenze dei promotori di progetto, ecc. Il programma LEADER tende ad introdurre un nuovo approccio creando un contatto diretto tra i responsabili decisionali e gestionali e le realtà sul campo, cercando di ridurre i cicli del processo decisionale, garantendo un accompagnamento personalizzato dei progetti, ecc., soprattutto grazie alla presenza in loco di équipe di tecnici che assicurano direttamente le attività di animazione sul campo. In questo modo è possibile modulare gli interventi in funzione delle caratteristiche e delle condizioni specifiche di ogni territorio. IV/8-10 II.20

21 LUCIDO 10 (CONTINUA) Gli effetti del processo di riavvicinamento LIVELLO II Il riavvicinamento consente: agli operatori (approccio ascendente) alle attività (modalità di finanziamento e di gestione) ai territori (approccio territoriale) Una conoscenza più vicina, più precisa e più corretta della realtà Una conoscenza diretta della popolazione Una conoscenza attiva della storia dei progetti Una conoscenza in presa diretta del territorio rurale nella sua complessità Una migliore individuazione Individuazione diretta: > dei promotori di progetto e del know-how locale > del pubblico in difficoltà Individuazione delle idee e dei progetti Individuazione degli squilibri, dei punti di forza/ risorse del territorio Risposte più mirate Ricorso a forme di sostegno mirate in funzione dei bisogni della popolazione locale Introduzione di processi più pertinenti per la selezione dei progetti Creazione di un progetto territoriale basato su una percezione globale delle risorse Un accompagnamento mirato Comunicazione diretta e contatti periodici Accompagnamento dei progetti finanziati con contatti diretti e non con un semplice follow-up documentale Valutazione continua e progressivo adeguamento degli interventi II.21

22 LUCIDO 11 Gli effetti del processo di collegamento LIVELLO II Operatori compartecipa - tivo e GAL Salto qualitativo e maggiore efficacia Gli effetti del processo di collegamento Attività integrato Effetti Territori Rete e cooperazione Raggiungimento di masse critiche o soglie necessarie II / 11 In contrapposizione all approccio settoriale, geografico, per servizi, per categoria di pubblico ecc. indotto dalle tradizionali politiche pubbliche in materia di sviluppo rurale, LEADER agevola i contatti locali tra operatori e settori di attività che operano sovente in modo isolato, nonché i collegamenti tra territori. L impostazione locale sarà ancora più efficace se queste forme di riavvicinamento e di collegamento opereranno nel modo più complementare possibile. L innovazione dipende anche dal fatto di avere potuto abbinare o integrare approccio territoriale, impostazione partecipativa, gestione basata sulla partnership, multisettorialità, organizzazione in rete, idonee modalità di finanziamento e gestione. VI/6-7 II.22

23 LUCIDO 11 (CONTINUA) Gli effetti del processo di collegamento LIVELLO II L instaurazione di collegamenti tra: permette di: Operatori (partnership locale) Attività (integrazione) Territorio (rete e cooperazione tra territori) fare un salto qualitativo e migliorare l efficacia associando forme diverse e complementari Coinvolgimento di strumenti diversi e complementari del settore pubblico, del settore privato e del mondo associativo. Integrazione di beneficiari isolati nell ambito di processi collettivi Creazione di nuovi prodotti mediante una valorizzazione delle specificità del territorio associando operatori e attività isolate. Scambi, trasferimento di esperienze e di know-how tra territori raggiungere le masse critiche o le soglie necessarie Raggruppamento degli operatori locali intorno a progetti collettivi e azioni comuni Collaborazione tra imprese per raggiungere mercati più redditizi Cooperazione tra territori per arricchire i progetti locali o realizzare progetti che richiedono un livello di intervento più ampio II.23

24 LUCIDO 12 Prospettive LIVELLO II Prospettive Principali sfide per il futuro del territorio? Obiettivi prioritari per cogliere tali sfide? Adeguamento delle politiche e dei programmi attuali? Importanza attribuita a ciascuno dei 7 aspetti di LEADER per la gestione di un programma? Cause di insuccesso? II / 12 > In base alle caratteristiche del territorio, quali sono le principali sfide per il futuro della zona? > Come e da chi vengono espresse? > Per cogliere queste sfide è innanzi tutto necessario: 1. Rafforzare la coesione interna del territorio? 2. Utilizzare meglio le risorse locali? 3. Migliorare il funzionamento della partnership locale? 4. Diversificare e integrare le azioni di sviluppo? 5. Migliorare le competenze in materia di sviluppo? 6. Ricercare effetti economici (occupazione, attività)? 7. Ricercare effetti per una mobilitazione sociale? 8. Rafforzare l identità e l immagine locale? 9. Introdurre innovazioni? 10. Rafforzare gli scambi con l esterno e ampliare l apertura sul contesto globale? 11. Migliorare la complementarità con altre azioni e/o programmi di sviluppo rurale? > Le politiche e i programmi di sviluppo sinora attuati sono adatti a queste sfide? > Quale importanza attribuite a ciascuno dei sette aspetti fondamentali per il successo di un programma LEADER? In base ai singoli elementi, siete in grado di determinare i fattori di successo o le cause di fallimento? II.24

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

schema del capitolo L approccio ascendente LIVELLO I CAPITOLO IV = Appropriazione del progetto Livello II IV.1

schema del capitolo L approccio ascendente LIVELLO I CAPITOLO IV = Appropriazione del progetto Livello II IV.1 CAPITOLO IV L approccio ascendente LIVELLO I schema del capitolo Lucido 1 L approccio ascendente Livello I Lucido 2 Definizione Livello I Lucido 3 Quattro livelli di "partecipazione Livello II Lucido 4

Dettagli

schema del capitolo Il finanziamento e la gestione di prossimità LIVELLO I CAPITOLO IX e gestione di prossimità di finanziamento dei progetti locali

schema del capitolo Il finanziamento e la gestione di prossimità LIVELLO I CAPITOLO IX e gestione di prossimità di finanziamento dei progetti locali CAPITOLO IX Il finanziamento e la gestione di prossimità LIVELLO I schema del capitolo Lucido 1 Il finanziamento e la gestione di prossimità Livello I Lucido 2 Le sfide in materia di finanziamento e gestione

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Obiettivo: potenziare lo sviluppo rurale e incentivare nuove attività e fonti di occupazione

Obiettivo: potenziare lo sviluppo rurale e incentivare nuove attività e fonti di occupazione L approccio Leader Acronimo dal francese Liaison Entre Actions de Développement de l E conomie Rurale (Collegamento fra azioni di sviluppo dell economia rurale) Strategia di sviluppo locale che sostiene

Dettagli

7. CRITERI DI SELEZIONE DEI PAL, PROCEDURE E CALENDARIO

7. CRITERI DI SELEZIONE DEI PAL, PROCEDURE E CALENDARIO 7. CRITERI DI SELEZIONE DEI PAL, PROCEDURE E CALENDARIO 7.1 REQUISITI DI ACCESSO La Regione Emilia-Romagna prevede di ammettere ai finanziamenti dell Iniziativa Comunitaria LEADER+ un numero massimo di

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010 Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud Università Ca Foscari Venezia, 10 febbraio 2010 Premesse In riferimento all obiettivo di sensibilizzare ed educare allo sviluppo

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 1. La riforma della politica di coesione La riforma dei Fondi Strutturali della Politica di Coesione della Unione Europea per il settennio 2007 2013, disegnata

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Unione Europea. il FUTURO nella RETE. Rete Rurale Nazionale 2007.2013 - ITALIA. Rete di reti nel Network Europeo per lo Sviluppo Rurale

Unione Europea. il FUTURO nella RETE. Rete Rurale Nazionale 2007.2013 - ITALIA. Rete di reti nel Network Europeo per lo Sviluppo Rurale Unione Europea Rete Rurale Nazionale 2007.2013 - ITALIA Rete di reti nel Network Europeo per lo Sviluppo Rurale Indice Pag. 3 La politica di sviluppo rurale 2007.2013 Pag. 4 Pag. 5 Pag. 6 Pag. 7 Pag. 8

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa 1 Premessa Il presente manuale è stato redatto al fine di fornire uno strumento, rapido e accessibile, per chiarire i presupposti

Dettagli

L OSSERVATORIO NAZIONALE

L OSSERVATORIO NAZIONALE L OSSERVATORIO NAZIONALE DELL AGRITURISMO Formulare proposte per la determinazione dei criteri di classificazione delle aziende agrituristiche secondo criteri omogenei per l intero territorio nazionale

Dettagli

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o CAPITOLO 11 Innovazione e cambiamento Agenda Ruolo strategico del cambiamento Cambiamento efficace Cambiamento tecnologico Cambiamento di prodotti e servizi i Cambiamento strategico e strutturale Cambiamento

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020

LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020 LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020 Il 26 marzo 2010 il Consiglio Europeo ha approvato la proposta della Commissione Europea di lanciare Europa 2020, una nuova strategia per la crescita e l occupazione

Dettagli

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile Azioni a carattere innovativo finanziate nel quadro dell'art. 6 del regolamento relativo al Fondo Sociale Europeo, Linea di Bilancio B2-1630,"Strategie locali per l'occupazione e innovazione" Strategie

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 INVESTIMENTO TERRITORIALE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni.

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. DOSSIER RICERCA & INNOVAZIONE Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. Nel 2007 è stato creato in Europa il Consiglio Europeo della Ricerca

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

Protocollo d intesa tra. Regione Toscana e. Water Right and Energy Foundation Onlus (W.E.R.F. Onlus)

Protocollo d intesa tra. Regione Toscana e. Water Right and Energy Foundation Onlus (W.E.R.F. Onlus) Protocollo d intesa tra Regione Toscana e Water Right and Energy Foundation Onlus (W.E.R.F. Onlus) Consolidamento e sviluppo della collaborazione per attività cooperazione internazionale nel settore dell'accesso

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Zona delle Politiche sociali dell Ambito territoriale

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA DI COSENZA DI LECCE DI MATERA DI TARANTO PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL TAVOLO DI CONSULTAZIONE PERMANENTE TRA LE PROVINCE DEL GOLFO DI TARANTO (COSENZA,

Dettagli

PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium. TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI

PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium. TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI TEMI DI DISCUSSIONE Questa nota è destinata a fornire una base

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni e delle attività culturali. www.itinerari.conform.it

Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni e delle attività culturali. www.itinerari.conform.it Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni e delle attività culturali www.itinerari.conform.it Il corso Gli obiettivi Il percorso formativo Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE Tabella A. sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Fenomeno nuove povertà e precarizzazioni sociali Precarizzazione mercato del lavoro INSICUREZZA SOCIALE E SCENARI SOCIO- ECONOMICI E DEMOGRAFICI

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 43/7 DEL 1.9.2015

DELIBERAZIONE N. 43/7 DEL 1.9.2015 Oggetto: Strategia per l internazionalizzazione del sistema produttivo regionale. Programma regionale triennale per l internazionalizzazione 2015-2018. L Assessore dell industria evidenzia alla Giunta

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive. Giovanni Principe General Director ISFOL

DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive. Giovanni Principe General Director ISFOL DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive Giovanni Principe General Director ISFOL DECENTRALISATION AND COORDINATION: THE TWIN CHALLENGES OF LABOUR

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI FINALITA' DELLA VALUTAZIONE Il processo di valutazione dei dipendenti dei servizi persegue differenti finalità, prima fra tutte quella

Dettagli

Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO

Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO PRINCIPI E FINALITA GENERALI 1. L Osservatorio Turistico di Destinazione del Comune di Chianciano Terme (SI) (di seguito

Dettagli

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità 9. ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità Un altra tipologia di strumentazioni di supporto alla concretizzazione di una pratica di sostenibilità, intesa prettamente

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 11 aprile 2008 - Deliberazione N. 661 - Area Generale di Coordinamento N. 18 - Assistenza Sociale, Attività Sociali, Sport, Tempo Libero, Spettacolo N.

Dettagli

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino In un contesto normativo e sociale caratterizzato da una costante evoluzione, al Comune,

Dettagli

Sviluppo di comunità

Sviluppo di comunità Sviluppo di comunità Rendere la comunità locale un attore del cambiamento sociale S e per comunità si intende un gruppo sociale (comunità locale, scuola, organizzazione, associazione), nel quale relazioni,

Dettagli

La Cooperazione allo Sviluppo: il contributo della Regione Sardegna

La Cooperazione allo Sviluppo: il contributo della Regione Sardegna Legge Regionale n. 19/96 Norme in materia di cooperazione con i Paesi in via di sviluppo e di collaborazione internazionale La Cooperazione allo Sviluppo: il contributo della Regione Sardegna Incontri

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R. PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R. E L ONG ASSOCIAZIONE ITALIANA PER IL WORLD WIDE FUND FOR NATURE - ONLUS WWF ITALIA PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI INTEGRAZIONE, ORIENTAMENTO E BUONE PRASSI RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI L iscrizione degli alunni con certificazione L.104

Dettagli

LEZIONI APPRESE DEGLI STAKEHOLDER DEI PROGETTI DI COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA

LEZIONI APPRESE DEGLI STAKEHOLDER DEI PROGETTI DI COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA LEZIONI APPRESE DEGLI STAKEHOLDER DEI PROGETTI DI COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA Venezia, Palazzo Grandi Stazioni 20 dicembre 2013 Benedetta Pricolo Regione del Veneto Unità di Progetto di Cooperazione

Dettagli

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE BIENNIO BIENNIO 5 ANNO Competenza storico-sociale n. Comprendere il cambiamento e la diversita dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica

Dettagli

tra Provincia di Lecce, Provincia di Torino, Camera di Commercio I.A.A. di Lecce e BIC Lazio

tra Provincia di Lecce, Provincia di Torino, Camera di Commercio I.A.A. di Lecce e BIC Lazio PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DELLE RETI D IMPRESA In data tra Provincia di Lecce, Provincia di Torino, Camera di Commercio I.A.A. di Lecce e BIC Lazio premesso che Con l'art. 3, comma 4-ter, del

Dettagli

LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA

LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA LA MISSIONE LogosPA è una fondazione di partecipazione che: o si pone come uno strumento di raccordo e supporto tra la Pubblica Amministrazione e la collettività

Dettagli

Progetto giovani, oggi e domani

Progetto giovani, oggi e domani Progetto giovani, oggi e domani Progetto per le Politiche Giovanili nei comuni di Ceresole d Alba (cn) Pocapaglia (cn) Sanfrè (cn) Sommariva Perno (cn) In collaborazione con Consorzio Socio Assistenziale

Dettagli

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola Firenze 23 gennaio 2014 Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo

Dettagli

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Piani integrati per lo sviluppo locale Progetti di marketing territoriale Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Sviluppo di prodotti turistici Strategie e piani di comunicazione Percorsi

Dettagli

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA 1 PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 Premessa Le recenti iniziative varate dal Governo per il riordino del sistema camerale

Dettagli

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo Capitolo XVII La gestione del processo innovativo Il ruolo dell innovazione nell economia dell immateriale L innovazione ha assunto un ruolo particolarmente significativo come variabile esplicativa della

Dettagli

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ;

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ; PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA PROMOZIONE DI PROGETTI DI INSERIMENTO LAVORATIVO E STABILIZZAZIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO DI PERSONE IN STATO DI DISAGIO SOCIALE (PROGRAMMA PARI) VISTI Il Decreto Legislativo

Dettagli

YEPP International Resource Centre (YEPP IRC)

YEPP International Resource Centre (YEPP IRC) YEPP International Resource Centre (YEPP IRC) Introduzione Il termine YEPP si riferisce all approccio e al metodo, riguardanti l empowerment dei giovani e lo sviluppo di comunità, che sono stati sviluppati

Dettagli

Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni. Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni

Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni. Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni 2 Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni www.volontariatotrentino.it 1 1. Premessa L Associazione

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

PROGETTO CORSO DI FORMAZIONE ZOOTECNIA NEVIO LAVAGNOLI ***

PROGETTO CORSO DI FORMAZIONE ZOOTECNIA NEVIO LAVAGNOLI *** PROGETTO CORSO DI FORMAZIONE ZOOTECNIA NEVIO LAVAGNOLI *** 1. Soggetti Promotori Dipartimento di Scienze Ambientali e Facoltà di Scienze e Tecnologie dell Università di Camerino (UNICAM-DSA e UNICAM-FST)

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO.

Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale per le Migrazioni

Dettagli

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Istituto Istruzione Superiore 'Mattei Fortunato' Eboli (SA) Anno scolastico 2013/2014 Curricolo verticale Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Disciplina: DIRITTO ED ECONOMIA Al termine del percorso

Dettagli

L analisi SWOT Daniela Storti

L analisi SWOT Daniela Storti L analisi SWOT Daniela Storti Che cosa è l analisi swot E UN ANALISI DI SUPPORTO ALLE SCELTE CHE RISPONDE AD UN ESIGENZA DI RAZIONALIZZAZIONE DEI PROCESSI DECISIONALI Che cosa è l analisi swot è una tecnica

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 Pierandrea Zotti Roma, 28 novembre 2008 Indice LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 1. Le politiche di sviluppo economico dell Unione Europea:

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento LIFELONG LEARNING PROGRAMME Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento permanente, o Lifelong Learning Programme (LLP), è stato istituito con decisione del Parlamento europeo e del

Dettagli

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale In questa periodo sono un fase di sottoscrizione gli Accordi di Programma nei diversi ambiti territoriali nella Provincia di Cuneo. La ricerca

Dettagli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli - Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli Roma 04 Dicembre 2012 1 Signor Ministro Passera, a nome mio e

Dettagli

Bari 18 Gennaio 2016 Gal e Gac: una nuova politica di sviluppo locale in Puglia

Bari 18 Gennaio 2016 Gal e Gac: una nuova politica di sviluppo locale in Puglia Bari 18 Gennaio 2016 Gal e Gac: una nuova politica di sviluppo locale in Puglia LE NOVITA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 INTRODUZIONE APPROCCIO PLURIFONDO FEASR - FEAMP INTRODUZIONE STRATEGIA AREE INTERNE

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

Il management cooperativo e l innovazione

Il management cooperativo e l innovazione AZIENDE IN RETE NELLA FORMAZIONE CONTINUA Strumenti per la competitività delle imprese venete Il management cooperativo e l innovazione DGR n. 784 del 14/05/2015 - Fondo Sociale Europeo in sinergia con

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli