Lo sviluppo linguistico e psicomotorio nei bambini con delezioni del cromosoma 14

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lo sviluppo linguistico e psicomotorio nei bambini con delezioni del cromosoma 14"

Transcript

1 Clinical Linguistics & Phonetics, November December 2012; 26(11 12): Informa UK Ltd ISSN: print / ISSN online DOI: / Lo sviluppo linguistico e psicomotorio nei bambini con delezioni del cromosoma 14 LAURA ZAMPINI 1, LAURA D ODORICO 1, PAOLA ZANCHI 1, MARCELLA ZOLLINO 2, GIOVANNI NERI 2 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca, Milano, Italia, e 2 l'istituto di Genetica Medica, Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma, Italia (Ricevuto il 26 Marzo 2012; accettato il 6 Settembre 2012) Sommario Il presente studio è focalizzato su uno specifico tipo di condizione genetica rara: le delezioni del cromosoma 14. I bambini con questa condizione genetica, mostrano spesso ritardi nello sviluppo e problemi mentali e neurologici, sebbene il tipo e la gravità dei sintomi varia a seconda della dimensione e della posizione del materiale genetico perso. L'obiettivo del presente studio è quello di descrivere lo sviluppo delle traiettorie delle competenze linguistiche in un gruppo di bambini con delezioni 14q lineari. Sono stati seguiti, per un anno, quattro bambini con una delezione interstiziale del braccio lungo del cromosoma 14. I dati raccolti, da valutazioni linguistiche e psicomotorie, evidenziano un'ampia variabilità individuale. Considerando le condizioni cliniche e genetiche dei bambini, i risultati hanno rivelato che la dimensione dell'area cancellata non è collegata al risultato. Tuttavia, l'evoluzione delle traiettorie dello sviluppo del linguaggio, sono profondamente influenzate dalla presenza di condizioni cliniche come i disturbi dello spettro autistico. Parole chiave: Delezioni del cromosoma 14, Sviluppo del linguaggio, Sviluppo psicomotorio, Studio longitudinale, Tratti autistici.

2 Introduzione Sullo sviluppo del linguaggio nei bambini con malattie genetiche rare, esiste una conoscenza insufficiente. La Commissione Europea per la sanità pubblica definisce le malattie genetiche rare, patologie letali o cronicamente debilitanti con una prevalenza inferiore ad 1 caso ogni 2000 persone. Una delle ragioni della limitatezza delle informazioni a riguardo, consiste nel fatto che le malattie rare, come del resto suggerisce il loro nome, coinvolgono un numero ristretto di persone. Inoltre, all'interno della stessa sindrome genetica, vi è una considerevole variabilità individuale in termini di competenze cognitive e linguistiche. Quindi, la maggior parte degli studi in letteratura contengono descrizioni di casi piuttosto che panoramiche complete di sviluppo del linguaggio in una popolazione specifica (es. Åkefeldt, Åkefeldt, e Gillberg, 1997, sui bambini con la sindrome di Prader-Willi, Kristoffersen, 2012, su un bambino con la sindrome del Cri du chat). Peraltro, in questi studi, le competenze linguistiche dei casi esaminati sono considerati soltanto in un dato momento, in assenza di qualsiasi descrizione delle traiettorie di sviluppo dei bambini. Tuttavia, lo studio longitudinale di bambini con sviluppo atipico, è particolarmente importante non solo per descrivere la situazione attuale del bambino, ma anche per analizzare l'evoluzione delle sue competenze al fine di pianificare trattamenti abilitativi più adeguati ed efficaci. Le descrizioni sulla progressione dello sviluppo linguistico e cognitivo dei bambini, sono stati riportati per le popolazioni che coinvolgono un più ampio numero di persone, come i bambini con la sindrome di Down (es. Zampini e D'Odorico, 2011a), ma raramente sui bambini con sindromi genetiche molto rare (es. Atkin e Lorch, 2007, su un bambino con sindrome di Prader-Willi, Kristoffersen, 2008, su un bambino con la sindrome del Cri du chat). Il presente studio è focalizzato sullo sviluppo linguistico e psicomotorio dei bambini con delezioni del cromosoma 14, uno specifico tipo di condizione genetica rara. Sono state riportate varie aberrazioni che coinvolgono il cromosoma 14, come ad esempio la sindrome Ring 14 (r14), le delezioni 14q lineari o duplicazioni, trisomia del cromosoma 14 e disomia uniparentale. Alcuni studi (D'Odorico, Giovannini, Majorano, Martinelli e Zampini, 2011; Van Karnebeek et al., 2002;.. Zollino et al., 2009) hanno confrontato bambini con diversi tipi di aberrazioni del cromosoma 14, ed hanno notato che, di solito, i bambini con delezioni lineari mostrano meno ritardo nello sviluppo rispetto ai bambini con la sindrome Ring 14. La delezione di una parte del materiale genetico sul cromosoma 14 (solitamente alla fine del braccio lungo), causa varie anomalie. I bambini con questa condizione genetica, mostrano spesso ritardi nello sviluppo oltre a problemi mentali e neurologici, sebbene il tipo e la gravità dei sintomi possono dipendere della dimensione e della posizione del materiale genetico perso. Come riportato in Zollino et al. (2009), i bambini con delezioni 14q lineari nella regione terminale 14q24q32.3 di solito mostrano dismorfismi facciali e scoliosi, e sono caratterizzati da un grado variabile di disabilità intellettiva.

3 Altri problemi che generalmente si verificano nei bambini con aberrazioni del cromosoma 14 sono la presenza di disturbi comportamentali, quali l'iperattività e la presenza di tratti autistici, come le stereotipie motorie e ecolalia. I n particolare, un gran numero di osservazioni ha rilevato una forte correlazione genotipofenotipo per i problemi comportamentali ed i tratti autistici con la regione 14q32.1q32.3 (Zollino, Ponzi, Gobbi, e Neri, 2012). Inoltre, come mostrato da D'Odorico et al. (2011), la presenza di tratti autistici nei bambini con la sindrome Ring 14, può influenzare negativamente il loro sviluppo del linguaggio. Infatti, dei quattro bambini con Ring 14 presi in considerazione in quello studio, soltanto chi non presentava tratti autistici ha mostrato un buono sviluppo del linguaggio. L'obiettivo specifico del presente studio è quello di seguire lo sviluppo del linguaggio di un gruppo di bambini con delezioni 14q lineari nel corso di un anno. Queste osservazioni sono volte ad esaminare in quale misura le differenze individuali delle capacità psicomotorie e linguistiche dei bambini, potrebbero essere spiegate dalla dimensione o dalla posizione del materiale genetico perso, così come dalla presenza di anomalie cerebrali e tratti autistici. A causa dell'ampia variabilità individuale, è preferita una descrizione del caso. 1 Metodi Partecipanti I partecipanti sono stati scelti attraverso la "Associazione Internazionale RING14" (Reggio Emilia, Italia), fondata per promuovere la ricerca sulla sintomatologia della sindrome Ring 14 e tutte le aberrazioni associate al cromosoma 14. Sono stati seguiti per un anno quattro bambini con delezioni del cromosoma 14. Tre femmine (BF, DMR e DMT) e un maschio (LL). Due bambini, BF e LL, avevano circa 8 anni all'inizio dello studio, mentre il DMR e DMT erano gemelli di 6 anni. L'analisi genetica è stata eseguita mediante l'array-cgh su DNA estratto da linfociti di sangue periferico, utilizzando l'oligonucleotide-array Agilent con una risoluzione media di circa 75 kb, seguendo le istruzioni del produttore (Human Genome CGH Microarray Kit 44B; Agilent Technologies, Santa Clara, CA, USA). Riarrangiamenti 14q bilanciati sono stati esclusi in tutti i genitori da un'indagine FISH con sonda locus-specifica (30 cellule). E' stata accertata una delezione 14q interstiziale de novo (ossia una delezione che non coinvolge le parti terminali del cromosoma 14) in ogni paziente. Le dimensioni delle delezioni è stata misurata in milioni di coppie di basi (Mb): una delezione di 1 Mb significa che 1 milione di coppie di basi (cioè i mattoni che compongono il DNA) vengono perse. Delezioni di dimensioni di 18 Mb nella regione 14q31.2q32.2 nelle Corrispondenza: Laura Zampini, Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca, piazza dell Ateneo Nuovo, 1 (Building U6), Milano, Italia. Tel:

4 pazienti DMR e DMT (arr 14q31.2q32.2 ( ) x1), 10 Mb nella regione 14q31.12q32.2 nel paziente LL (arr 14q31.12q32.2 ( ) x1) e 2.1 Mb nella regione 14q32.2 nella paziente BF (arr 14q32.2 ( ) x1). Di seguito è riportata una descrizione medica dettagliata per ciascun caso. LL All'inizio dello studio il paziente (LL) aveva 7 anni e 8 mesi. Mostra una facies tipica, con un ipertelorismo caratteristico e orecchie a basso impianto. Gli fu diagnosticata una delezione del cromosoma 14 a 5 mesi di vita, durante un ricovero ospedaliero dovuto ad episodi epilettici ricorrenti. LL soffriva di epilessia da quando aveva 5 mesi di vita. Ha mostrato convulsioni postprandiali, caratterizzate dalla rotazione degli occhi all'indietro con parziale perdita di coscienza. Le convulsioni sono state ben controllate con la somministrazione dell'acido valproico e non comparvero dopo l'interruzione del farmaco, quando LL aveva 4-5 anni. L'EEG all'epoca rivelò un'attività elettrica più lenta di quanto previsto per l'età del paziente, e rare anomalie irritative bilaterali. Mentre la risonanza magnetica del cervello (MRI), eseguita all'età di 12 mesi, mostrò un corpo calloso sottile. Lo stesso esame eseguito 3 anni dopo, non mostrò alcuna alterazione morfologica. LL, inoltre, è stato sottoposto, per due volte, ad un intervento chirurgico per la correzione del piede equino-valgo-pronato. BF La paziente (BF) aveva la stessa età di LL (7 anni e 8 mesi). Anche lei mostrava una facies tipica con ipertelorismo ed epicanto. A 11 mesi di vita le fu diagnosticata una delezione del cromosoma 14, dopo un'inchiesta a seguito di un'osservazione di ritardo psicomotorio generale. La paziente BF non soffre di epilessia e l'eeg non presenta anomalie. I dati della risonanza magnetica del cervello (MRI), eseguiti a 2 anni di età, hanno rivelato una ipoplasia del corpo calloso e un'opercolarizzazione anormale dell'emisfero destro. DMR e DMT All'inizio dello studio le pazienti (DMR e DMT) avevano 5 anni e 11 mesi. Sono due sorelle gemelle monozigoti. Ognuna di loro ha gli occhi inclinati verso il basso ed il naso a sella. La risonanza magnetica del cervello (MRI), eseguita ad 1 anno di vita, mostrò in entrambe le sorelle un corpo calloso sottile. Inoltre, ognuna di loro ha un difetto congenito del cuore e del rene, nonché una tetralogia di Fallot con stenosi polmonare.

5 A causa della presenza di osservabili tratti autistici, è stato somministrato nelle pazienti (DMR e DMT), l'autism Diagnostic Observation Schedule (ADOS) (Lord, Rutter, Di Lavore, e Risi, 1999). Entrambe le bambine hanno ricevuto un punteggio al di sopra del cut-off per autismo, anche se non sono stati osservati comportamenti stereotipati in nessuna di loro. Procedura I bambini sono stati osservati al baseline (prima sessione), e poi altre due volte a intervalli di 6 mesi (seconda sessione e terza sessione). Due osservatori qualificati sono andati a casa di ogni bambino per valutarne lo sviluppo linguistico e psicomotorio. Valutazione dello sviluppo psicomotorio. Lo sviluppo psicomotorio dei bambini è stato valutato utilizzando il Griffiths Mental Development Scales-Extended Revised 2-8 anni (GMDS-ER 2-8) (Luiz et al., 2006). Il test è stato somministrato a LL e BF durante la seconda sessione, tenutasi quando avevano 8 anni e due mesi, invece a DMR e DMT quando avevano 7 anni e 5 mesi. Il GMDS-ER 2-8 è un test completo, contenente sei sottoscale insieme ai dati normativi per il normale sviluppo mentale dei bambini da 2 a 8 anni di età. Il test valuta il livello dello sviluppo mentale dei bambini in sei differenti aree: LOCOMOTORIA. Questa scala permette di valutare le abilità grosso-motorie (es. cammino autonomo, abilità di salto); PERSONALE-SOCIALE. Questa scala permette la valutazione delle abilità del bambino in attività di vita quotidiana, ed il suo livello di indipendenza (es. il controllo degli sfinteri, alimentazione autonoma); LINGUAGGIO. Questa scala permette di valutare le competenze comunicative (es. produzione e la comprensione del linguaggio); COORDINAZIONE OCCHIO-MANO. Questa scala permette di valutare le capacità motorie che implicano la destrezza manuale e le capacità di controllo visivo (es. costruire una torre con dei blocchetti, disegnare una casa); PERFORMANCE. Questa scala permette di valutare le abilità visuo-spaziali del bambino, incluse la rapidità di esecuzione e la precisione con cui esegue il compito (es. mettere i blocchetti nelle scatole, completare la forma delle tavolette); RAGIONAMENTO PRATICO. Questa scala permette di valutare la capacità del bambino di risolvere i problemi attraverso le azioni (es. scegliere quale tra due oggetti è più pesante o più piccolo). Il tempo richiesto per la somministrazione del GMDS-ER 2-8, è stato di circa un'ora e mezza per ogni bambino. Sebbene le madri fossero presenti nella stanza durante la fase del test, non hanno partecipato a questa parte di valutazione.

6 I punteggi derivanti dalla somministrazione del GMDS-ER 2-8 sono "age equivalents" calcolati in mesi per ogni area di sviluppo (cioè l'età mentale dei bambini in ogni sottoscala) e un punteggio globale dell'età mentale espressa in mesi. Valutazione dello sviluppo del linguaggio. Le competenze linguistiche sono state valutate in ognuna delle tre fasi dello studio. In primo luogo, i genitori sono stati invitati a completare la versione italiana del questionario MacArthur-Bates Communicative Development Inventories (Il Primo Vocabolario del Bambino - PVB, Caselli e Casadio, 1995). Il PVB comprende due questionari. Il primo questionario si chiamata "Gesti e Parole". E' la scheda infante, ed è utilizzata per raccogliere informazioni relative a bambini normali tra gli 8 e i 16 mesi. Contiene una lista di vocabolario comprendente 408 parole per la valutazione sia della comprensione che della produzione lessicale dei bambini. Il secondo questionario è chiamato "Parole e frasi". E' la scheda bambino primi passi, ed è utilizzata per raccogliere informazioni relative a bambini normali dai 16 ai 30 mesi. Questa scheda contiene una lista di vocabolario più ampia, 670 parole, per valutare la produzione del vocabolario dei bambini. Entrambi i questionari possono essere utilizzati su bambini con disabilità dello sviluppo, di età superiore. Il primo questionario del PVB è stato utilizzato per questo studio. La comprensione e la produzione lessicale dei bambini sono state considerate in base al numero di parole che i genitori hanno segnato nell'inventario. Per un bambino, LL, i dati raccolti attraverso il PVB durante le tre sedute, non risultarono rilevanti, perché alla prima valutazione, la sua dimensione di vocabolario era superiore a quella valutabile dal questionario. Infatti, la madre di LL segnò nell'inventario PVB, tutte le 670 parole del secondo questionario. I dati sulla produzione e comprensione lessicale per ciascuna sessione di osservazione, sono riportati nella Tabella I.

7 La produzione vocale e gestuale spontanea di ogni bambino è stata valutata durante le sessioni di gioco libero madre-bambino della durata di 20 minuti, tenutesi a casa dei bambini. Le madri sono state incoraggiate a giocare con i loro bambini come di consueto, utilizzando i tre set di giocattoli forniti dall'esaminatore: Set fattoria, con una varietà di animali in plastica, un trattore e mezzi di trasporto vari; Quattro libri illustrati per bambini; Bambola con una serie di piccoli piatti, pentole e una varietà di alimenti di plastica. Ogni 6-7 min., un nuovo set di giocattoli veniva presentato alle coppie madre-bambino, ma erano sempre liberi di giocare con quello che preferivano. I bambini venivano scoraggiati dall'usare giocattoli e oggetti non inclusi in questi set, per garantire l'equivalenza tra le sessioni di gioco. Ogni sessione di gioco madre-bambino è stata videoregistrata. Successivamente, un osservatore esperto ha trascritto la produzione comunicativa di ogni madre e bambino, utilizzando il sistema di trascrizione CHAT (MacWhinney, 2000). Codifica e misure Nell'esaminare le produzioni vocali dei bambini, l'unità di analisi corrisponde ad un enunciato, definito come la produzione di un profilo unitario intonazionale all'interno di un singolo turno di conversazione, separato dagli altri enunciati da una pausa maggiore di un 1 sec. (D'Odorico e Jacob, 2006 ). Tutti gli enunciati dei bambini sono stati classificati come preverbali (cioè produzioni vocali ad un livello inferiore rispetto alla produzione di parole) o verbali (ossia enunciati formati da singole parole o più parole). Gli enunciati preverbali sono stati classificati in base allo schema di codifica seguente: VOCALIZZAZIONI. Ossia produzioni vocali e produzioni di grugniti (es. oh, mh); BABBLING (o lallazione). Ossia la produzione di una sequenza di sillabe di tipo consonante-vocale (es. bababa, de); ONOMATOPEE. Cioè produzioni che imitano un suono (es. "bau bau" (bau bau), "toc toc" (knock knock) ). Gli enunciati verbali sono stati classificati come segue: ENUNCIATI FORMATI DA SINGOLE PAROLE. Ossia enunciati costituiti da un unico elemento di significato (es. "cucchiaio" (spoon), "vai" (go) ); FORME TRANSIZIONALI. Vale a dire enunciati composti da due o più elementi vocali, dove, almeno uno dei quali sia una parola, e che non siano collegati da un legame semantico. Per esempio, un enunciato costituito dalla ripetizione della

8 stessa parola (es. "casa casa" (home home) ) è codificato come una forma transizionale. Per una descrizione completa di questi enunciati transizionali, si prega di fare riferimento a Zampini e D'Odorico (2011b); ENUNCIATI FORMATI DA PIU PAROLE (multi-word utterances). Ossia frasi composte da due o più parole collegate da un legame semantico. Questa categoria è stata suddivisa in: o Enunciati senza verbo (es. "un tavolo grande" (a big table) ); o Enunciati semplici. Cioè caratterizzati dalla presenza di un solo verbo (es. Emma è la mia bambola (Emma is my doll) ); o Enunciati complessi. Ossia caratterizzati dalla presenza di almeno due verbi, e formati da una frase principale ed una subordinata (es. sta correndo perché è tardi (he s running because he s late) ). Per analizzare le competenze lessicali dei bambini, le due misure seguenti sono state ottenute dalla loro produzione verbale spontanea: WORD TOKENS (parole testuali). Ossia il numero totale di parole pronunciate nel corso di ogni sessione di osservazione della durata di 20 minuti; WORD TYPES (tipi di parole). Ossia il numero di parole diverse (radici flessionali) prodotte durante ogni sessione di osservazione della durata di 20 minuti. Per quanto riguarda la comunicazione non verbale, i gesti comunicativi prodotti dai bambini durante le tre sessioni di osservazione, sono stati classificati nelle seguenti categorie (Zampini e D Odorico, 2011a): GESTO DI INDICAZIONE (pointing, ossia l'estensione del dito indice per indicare un oggetto, una persona o un evento); SHOWING (cioè tenere un oggetto sulla linea dello sguardo dell'ascoltatore); GESTI CONVENZIONALI (cioè gesti con una forma e un significato culturalmente definito (es. saluto con la mano ciao-ciao; annuire o scuotere la testa) ); GESTI ICONICI (ovvero gesti che si riferiscono a oggetti, persone o eventi, che riproducono le loro caratteristiche fisiche o funzionali (es. mettersi una mano in testa per indicare un cappello o muovere le braccia per indicare il volo) ).

9 Risultati A causa dell'ampia variabilità individuale generalmente riscontrata nello sviluppo dei bambini affetti da sindrome genetica, e più specificamente nei bambini con aberrazioni del cromosoma 14, gli aspetti dello sviluppo psicomotorio e linguistico dei bambini sono stati analizzati separatamente. Una sintesi schematica di word types e word tokens prodotti dai bambini durante le tre sessioni è riportata nella Tabella II. LL Lo sviluppo psicomotorio di LL è stato valutato nel corso della seconda sessione di osservazione, quando il bambino aveva 8 anni e 2 mesi. Ha collaborato molto bene con l'esaminatore, eseguendo ogni attività che gli è stata proposta. La sua età mentale globale, valutata dal GMDS-ER 2-8, è stata di 43 mesi. I punteggi ottenuti in ciascuna area di sviluppo sono mostrati nella Figura 1. È da notare che uno dei punteggi più bassi è stato ottenuto nell'area Locomotoria, probabilmente a causa della deambulazione alterata associata al piede equino-valgopronato. Un altro punto di debolezza dovuto all'influenza del disagio motorio, si riscontrava nella sottoscala Performance, sulla sua velocità e precisione di lavoro. La sottoscala Coordinazione occhio-mano, ovvero un'altra area collegata allo sviluppo motorio, era meno compromessa perché comporta destrezza manuale e capacità di monitoraggio visivo, ma non la velocità di lavoro necessaria per risolvere i compiti della sottoscala Performance. Per quanto riguarda lo sviluppo del linguaggio, LL ha mostrato il più alto livello di sviluppo in questo campione. La sua produzione è stata quasi esclusivamente verbale (a parte poche onomatopee), e lui è stato l'unico a produrre enunciati formati da più parole (ovvero enunciati senza verbi, enunciati semplici e complessi). LL ha prodotto una quantità costante di enunciati durante le tre sessioni di 20 minuti, con circa 150 enunciati verbali a sessione di osservazione (142 durante la prima sessione, 153 durante la seconda, e 145 durante la terza).

10 Nel corso di 1 anno di follow-up, LL ha mostrato un lento aumento del livello di complessità delle sue produzioni. Come mostrato nella Figura 2, la percentuale di enunciati formati da singole parole è progressivamente diminuita, mentre quella degli enunciati complessi è aumentata. Sebbene questo tipo di enunciato rimanga inferiore al 10% della produzione totale anche nella terza sessione di osservazione. Esaminando in dettaglio gli enunciati complessi prodotti da LL, è possibile osservare che sono quasi tutte proposizioni completive (es. io so che cosa sono (I know what they are) ) ad eccezione di due proposizioni condizionali pronunciate nella seconda sessione ( io metto tutti gli animali se ci stanno (I ll put all the animals if they fit); io provo a mettere l oca se ci sta (I ll try to put the goose if it fits) ), ed una proposizione temporale pronunciata nella terza sessione ( quando andate dal dentista io gioco da solo (when you go to the dentist I ll play alone) ).

11 Lo sviluppo linguistico nei bambini con delezioni del cromosoma 14 Inoltre, esaminando lo sviluppo lessicale delle tre osservazioni, LL ha aumentato sia il numero di word types prodotte (62, 114, 125), che di word tokens (184, 429, 433) dalla sessione 1 a 3. Per quanto riguarda la produzione gestuale, LL, ha mostrato una costante produzione di gesti comunicativi: 19 nella prima sessione, 12 nella seconda e 18 nell'ultima. Tuttavia, questi gesti sono quasi sempre utilizzati in associazione con la produzione della parola, e non in sostituzione ad essa. BF Anche lo sviluppo psicomotorio di BF è stato valutato nel corso della seconda sessione di osservazione, quando la bambina aveva 8 anni e 2 mesi. BF ha raggiunto un livello di sviluppo globale di 16 mesi. I punteggi ottenuti in tutte le sottoscale Griffiths, mostrate nella Figura 1, variano dai 12 ai 20 mesi. I punteggi più alti sono stati raggiunti nelle aree Locomotoria e Personale-sociale, mentre i punteggi più bassi sono stati ottenuti nelle aree Performance e Linguaggio. Come risulta dalla somministrazione della scala psicomotoria, lo sviluppo del linguaggio di BF era inferiore a quello previsto per la sua età mentale. Tuttavia, l'osservazione diretta della sua produzione spontanea, ha rivelato sia un aumento del numero totale di enunciati comunicativi prodotti durante i 20 minuti di osservazione (39 e 36 nelle prime due sessioni

12 Lo sviluppo linguistico nei bambini con delezioni del cromosoma 14 e 56 nella terza), sia un graduale aumento della percentuale di enunciati verbali, come mostrato nella Figura 3. Gli enunciati preverbali di BF erano principalmente composti da vocalizzazioni e onomatopee, con una produzione limitata di babbling (3, 12 e 0% nella prima, seconda e terza sessione rispettivamente). Questa osservazione ha evidenziato un problema generale nella produzione delle associazioni consonante-vocale, che formano la base della produzione della parola. Inoltre, la produzione limitata di enunciati verbali, riflette la difficoltà di BF di articolare le parole. Solo due diversi word types sono state prodotte nella prima (vale a dire pappa (baby food) e mamma (mum) ) e nella seconda sessione di osservazione (ossia no (no) e mamma (mum) ), e solo cinque word types sono state prodotte durante l'ultima sessione (ovvero no (no), sì (yes), là (there), acqua (water), ha pronunciato [aha] e pane (bread), ha pronunciato [pahe] ). Infatti, la maggiore percentuale di enunciati verbali è principalmente dovuta all'aumento del numero di word tokens (3, 10, 33), perché nella seconda e terza valutazione, BF tendeva a ripetere molte volte le stesse parole. È da notare che gli enunciati verbali erano quasi sempre composti da una sola parola, ad eccezione di alcune forme transizionali nelle quali ha ripetuto due volte la stessa parola (es. "no no" (no no) ).

13 Per quanto riguarda i gesti comunicativi, BF li ha usati frequentemente. 31, 30 e 42 gesti nella prima, seconda e terza seduta rispettivamente. Ha costantemente realizzato gesti deittici (ossia gesti di indicazione e showing), raggiungendo il 31-37% della sua produzione totale. Mentre la percentuale di gesti iconici è diminuita nel corso del tempo (13% durante la prima sessione e 0% nelle sedute successive), la proporzione di gesti convenzionali è gradualmente aumentata (52, 63 e 69%). Questa tendenza evidenzia il progressivo sviluppo del sistema comunicativo di BF. Ha ridotto l'uso dei gesti iconici, che hanno la funzione di sostituirsi alle parole, mentre ha gradualmente aumentando la produzione di gesti convenzionali, che generalmente accompagnano la lingua parlata anche nel sistema comunicativo adulto. DMR Lo sviluppo psicomotorio di DMR è stato valutato 4 mesi dopo la terza sessione di osservazione del linguaggio, quando la bambina aveva 7 anni e 5 mesi. I dati delle scale Griffiths hanno mostrato un livello molto basso di sviluppo, con una età mentale media di 13 mesi. Il punteggio più alto è stato rilevato nell'area Locomotoria (19 mesi), mentre i ritardi primari sono stati rilevati nell'area Linguaggio (8 mesi) e nell'area Coordinazione occhiomano (9 mesi), come riportato nella Figura 1. Per quanto riguarda lo sviluppo del linguaggio, la produzione vocale di DMR è stata interamente preverbale durante le tre sedute di osservazione. Un aumento del numero di enunciati prodotti, è stato osservato tra le sessioni 1 e 2 (42, 70 e 75 espressioni prodotte nella prima, seconda e terza sessione di osservazione rispettivamente). Tuttavia, come mostrato nella Figura 4, la composizione degli enunciati preverbali non hanno mostrato un aumento di complessità, così come la percentuale di babbling non ha mostrato un andamento lineare. È da notare che il repertorio di suono di DMR è stato simile a quello dei bambini con sviluppo normale ai loro primi stadi di sviluppo vocale: era costituito principalmente da suoni vocalici (ossia [a], [e] ) e consonanti labiali (ossia [b], [p], [m] ). Inoltre, va notato che a parte due gesti di indicazione e un gesto convenzionale (scuotere la testa per comunicare il rifiuto) prodotto durante la prima sessione di osservazione, la produzione di gesti comunicativi è stata quasi completamente assente.

14 Lo sviluppo linguistico nei bambini con delezioni del cromosoma 14 DMT Lo sviluppo psicomotorio di DMT è stato valutato lo stesso giorno di quello di DMR, quando la bambina aveva 7 anni e 5 mesi. dati delle scale Griffiths hanno mostrato in DMT, un'età mentale di 14 mesi. Mentre la distribuzione dei punteggi tra le diverse sottoscale, è stata simile per entrambe le gemelle. DMT ottenuto uno o due punti in più (ossia mesi in età mentale) in ogni sottoscala, eccetto nella sottoscala Performance, dove ha guadagnato altri quattro punti rispetto a sua sorella gemella, come mostrato nella Figura 1. Per quanto riguarda lo sviluppo del linguaggio, la produzione vocale di DMT è stata quasi completamente preverbale, tranne che per la produzione di due parole ( mamma (mum) e papà (dad) ) durante la prima sessione di osservazione, una durante la seconda ( pappa (baby food) ) e una durante la terza ( mamma (mum) ). Il numero di enunciati prodotti è stato abbastanza costante nelle sessioni di osservazione (70, 67 e 80 enunciati). Inoltre, come mostrato nella Figura 5, la composizione di enunciati preverbali non ha mostrato un modello incrementale nel livello di complessità. Come per DMR, non è stato identificabile una tendenza nell'aumento della produzione di consonanti. Inoltre, anche il repertorio di suono di DMT è stato molto semplice: sono stati prodotti solo suoni vocalici e delle consonanti labiali, come si evince dalle parole pronunciate.

15 Lo sviluppo linguistico nei bambini con delezioni del cromosoma 14 Inoltre, come indicato anche per sua sorella gemella, la produzione di gesti comunicativi è stata quasi completamente assente, a parte un gesto di indicazione prodotto durante la prima sessione e un gesto convenzionale (saluto con la mano ciao-ciao) prodotto durante la terza sessione di osservazione. Confronto dei casi. I dati raccolti, sia dalla valutazione psicomotoria che da quella linguistica, evidenziano l'esistenza di un'ampia variabilità individuale nel gruppo di bambini con delezioni 14q lineari. La distinzione più evidente è stata tra le competenze di sviluppo raggiunte da LL e quelle ottenute dagli altri tre partecipanti. LL ha ottenuto il più alto livello di sviluppo in questo gruppo di bambini, con un'età mentale globale di 43 mesi. I suoi maggiori ritardi si sono manifestati nell'area Locomotoria, e la sua produzione linguistica è stata quasi esclusivamente verbale. Inoltre, è stato l'unico ad aver prodotto enunciati formati da più parole. BF, DMR e DMT hanno mostrato livelli di sviluppo globali significativamente inferiori rispetto alla loro età cronologica. In particolare, BF (età cronologica: 8 anni e 2 mesi) ha raggiunto un'età mentale di 16 mesi, mentre DMR e DMT (età cronologica: 7 anni e 5 mesi) hanno raggiunto un'età mentale di 13 e 14 mesi rispettivamente. Inoltre, la distribuzione dei punteggi tra le sottoscale Griffiths, è stata ugualmente caratterizzata da alti livelli di sviluppo raggiunti nell'area Locomotoria ed in quella

16 Personale-sociale, mentre nell'area Linguaggio è stato raggiunto un livello di sviluppo più basso. Infatti, la produzione linguistica di DMR e DMT è stata quasi esclusivamente preverbale, e quasi il 90% della produzione linguistica di BF è stato preverbale durante la prima sessione di osservazione. Nell'area di sviluppo del linguaggio, LL ha mostrato un graduale aumento del livello di complessità delle sue produzioni verbali. Lo stesso andamento è stato osservato in BF, che ha mostrato un aumento significativo della sua produzione verbale, dalla prima alla terza sessione di osservazione (13-50%). Al contrario, né DMR né DMT ha mostrato un miglioramento nella produzione del linguaggio durante 1 anno di osservazione. La produzione linguistica di DMR è rimasta completamente preverbale, e DMT ha prodotto solo un numero molto limitato di produzioni verbali (una media di due parole a sessione). Anche considerando le loro produzioni preverbali, non è stato identificato nessun aumento del livello di complessità. Lo stesso modello di sviluppo è stato identificato nella produzione gestuale. In particolare, durante 1 anno di follow-up, BF ha mostrato un aumento nella produzione dei gesti comunicativi, mentre DMR e DMT non hanno avuto nessun cambiamento nel tempo della loro limitata produzione gestuale. Conclusioni generali L'obiettivo specifico del presente studio è quello di descrivere lo sviluppo linguistico e psicomotorio dei bambini con delezioni 14q lineari, e di esaminare se le differenze individuali nel raggiungimento delle competenze di sviluppo possono essere spiegate dalle caratteristiche cliniche o genetiche dei partecipanti. Tutti i partecipanti allo studio hanno mostrato ritardi nello sviluppo psicomotorio, e caratteristiche facciali comunemente descritte nella letteratura per i bambini con una delezione della porzione terminale del cromosoma 14q (Van Karnebeek et al., 2002; Zollino et al., 2009). L'epilessia, di solito è riscontrata nei bambini con Ring 14, ma raramente nei bambini con delezioni lineari. E' stata riscontrata in un bambino (LL), ma in una forma benigna. Le ampie differenze individuali trovate nello sviluppo linguistico e psicomotorio dei bambini, sono state considerate in relazione alle loro condizioni genetiche. Considerando le dimensioni del materiale genetico perso, una conclusione iniziale possibile potrebbe essere che, ad una minore quantità di materiale genetico perso non corrisponda necessariamente un risultato migliore. Infatti, BF, che aveva una delezione di 2.1 Mb, ha mostrato un livello di sviluppo notevolmente inferiore ad LL (16 contro 43 mesi), che aveva la sua stessa età cronologica e una delezione di 12 Mb.

17 Questo risultato è confermato da Zollino et al. (2009), che ha scoperto che nei bambini con Ring 14, la disabilità intellettuale è dovuta alla configurazione ad anello del cromosoma, piuttosto che all'estensione della delezione (cioè la perdita del materiale genetico). Tuttavia, considerando le condizioni cliniche dei bambini, è da notare che le traiettorie di sviluppo del linguaggio sono profondamente influenzate in modo negativo dalla presenza di disturbi dello spettro autistico. DMR e DMT, che presentavano una notevole presenza di tratti autistici, così come valutati dall'ados, non hanno mostrato nessuna tendenza di incremento delle proprie competenze comunicative, contrariamente agli altri bambini. La presenza di andamenti atipici dello sviluppo nei bambini con disturbi dello spettro autistico è stata ampiamente documentata in letteratura (es. Charman et al., 2005). esempio illustrativo è l'esistenza delle "regressioni autistiche". Durante il secondo anno di vita, tra il 15 ed il 40% dei bambini autistici, mostrano una regressione, cioè una perdita del linguaggio parlato e delle competenze sociali, dopo un apparente periodo di sviluppo normale o, in alcuni casi, un ritardo nell'acquisizione di tali competenze (Baird et al., 2008). Pertanto, come già rilevato in altre popolazioni, come ad esempio i bambini con sindrome di Down (Dressler, Perelli, Bozza, e Bargagna, 2011), anche nei bambini con delezioni del cromosoma 14, la presenza dei tratti autistici in associazione con un decadimento cognitivo sembrano essere un fattore critico nella previsione dei risultati. In conclusione, anche se il piccolo numero di casi coinvolti in questo studio non permette di fare una generalizzazione sullo sviluppo del linguaggio a tutta la popolazione di bambini con delezioni 14q lineari, i nostri dati mostrano l'esistenza di una variabilità individuale che è fortemente influenzata dalle caratteristiche cliniche dei bambini e livello di sviluppo globale. Riconoscimenti Dichiarazione di interesse: Gli autori dichiarano di non avere conflitti di interesse. Riconosciamo con gratitudine il sostegno finanziario della "Associazione Internazionale RING14" (Reggio Emilia, Italia). Siamo anche grati ai bambini ed ai loro genitori per la partecipazione a questo studio.

18 Bibliografia Åkefeldt, A., Åkefeldt, B., & Gillberg, C. (1997). Voice, speech and language characteristics of children with Prader Willi syndrome. Journal of Intellectual Disability Research, 41(4), Atkin, K., & Lorch M. P. (2007). Language development in a 3-year-old boy with Prader Willi syndrome. Clinical Linguistics & Phonetics, 21(4), Baird, G., Charman, T., Pickles, A., Chandler, S., Loucas, T., Meldrum, D., Carcani-Rathwell, I., Serkana D, & Simonoff, E. (2008). Regression, developmental trajectory and associated problems in disorders in the autism spectrum: The SNAP study. Journal of Autism and Developmental Disorders, 38, Caselli, M. C., & Casadio, P. (1995). Il Primo Vocabolario del Bambino [Children s First Words]. Milano: Franco Angeli. Charman, T., Taylor, E., Drew, A., Cockerill, H., Brown, J. A., & Baird, G. (2005). Outcome at 7 years of children diagnosed with autism at age 2: Predictive validity of assessments conducted at 2 and 3 years of age and pattern of symptom change over time. Journal of Child Psychology and Psychiatry, 46(5), D Odorico, L., Giovannini, S., Majorano, M., Martinelli, P. & Zampini, L. (2011). Competenze linguistiche in bambini di lingua italiana con aberrazioni del cromosoma 14 [Linguistic skills in Italian children with chromosome 14 aberrations]. Psichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza, 78(2), D Odorico, L., & Jacob, V. (2006). Prosodic and lexical aspects of maternal linguistic input to late-talking toddlers. International Journal of Language & Communication Disorders, 41, Dressler, A., Perelli, V., Bozza, M., & Bargagna, S. (2011). The autistic phenotype in Down syndrome: Differences in adaptive behaviour versus Down syndrome alone and autistic disorder alone. Functional Neurology, 26(3), Kristoffersen, K. E. (2008). Consonants in Cri du chat syndrome: A case study. Journal of Communication Disorders, 41, Kristoffersen, K. E. (2012). Inflectional morphology in cri du chat syndrome. A case study. Clinical Linguistics & Phonetics, 26(2), Lord, C., Rutter, M., Di Lavore, P. C., & Risi, S. (1999). Autism Diagnostic Observation Schedule WPS (ADOS-WPS). Los Angeles, CA: Western Psychological Services. Luiz, D., Barnard, A., Knoesen, N., Kotras, N., Horrocks, S., McAlinden, P., Challis, D., & O Connell, R. (2006). GMDS-ER 2 8 Griffiths Mental Development Scales Extended Revised: 2 to 8 years. Italian edition edited by C. Cianchetti, & G. S. Fancello (Eds.). Firenze: Giunti Organizzazioni Speciali. MacWhinney, B. (2000). The CHILDES Project: Tools for analyzing talk, 3rd edn. Mahwah, NJ: Lawrence Erlbaum Associates. Van Karnebeek, C. D. M., Quik, S., Sluijeter, S., Hulsbeek, M. M. F., Hoovers, J. M. N., & Hennekam, R. C. M. (2002). Further delineation of the chromosome 14q terminal deletion syndrome. American Journal of Medical Genetics, 110, Zampini, L., & D Odorico, L. (2011a). Gesture production and language development: a longitudinal study of children with Down syndrome. Gesture, 11(2), Zampini, L., & D Odorico, L. (2011b). Lexical and syntactic development in Italian children with Down syndrome. International Journal of Language & Communication Disorders, 46(4), Zollino, M., Ponzi, E., Gobbi, G., & Neri, G. (2012). The ring 14 syndrome. European Journal of Medical Genetics, 55, Zollino, M., Seminara, L., Orteschi, D., Gobbi, G., Giovannini, S., Della Giustina, E., Frattini, D., Scarano, A., & Neri G.(2009). The ring14 syndrome: Clinical and molecular definition. American Journal of Medical Genetics, 6,

DISTURBI AUTISTICI LA DIAGNOSI

DISTURBI AUTISTICI LA DIAGNOSI DISTURBI AUTISTICI LA DIAGNOSI GIUSEPPE MAURIZIO ARDUINO- Psicologo Dirigente responsabile Centro Autismo ASL CN 1 Mondovì PROVINCIA DI MILANO Formazione in service Autismo Promuovere lo sviluppo delle

Dettagli

Gennaio 2014. Journal Club Febbraio 2014 Gruppo DI

Gennaio 2014. Journal Club Febbraio 2014 Gruppo DI Gennaio 2014 2 Obiettivo dello studio: confrontare un ampio campione di soggetti con RASopatia con fratelli sani ed individui con Disturbo dello Spettro Autistico (ASD) al fine di 1. Determinare la prevalenza

Dettagli

LO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO NEI BAMBINI CON ABERRAZIONI DEL CROMOSOMA 14

LO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO NEI BAMBINI CON ABERRAZIONI DEL CROMOSOMA 14 LO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO NEI BAMBINI CON ABERRAZIONI DEL CROMOSOMA 14 Laura D Odorico, Laura Zampini, Paola Zanchi Dipartimento di Psicologia, Università degli Studi di Milano-Bicocca Associazione Internazionale

Dettagli

Colloquio clinico in età evolutiva

Colloquio clinico in età evolutiva Colloquio clinico in età evolutiva Le capacità cognitive e il linguaggio dei bambini sono meno sviluppati I bambini e gli adolescenti sono accompagnati dagli adulti, generalmente i genitori, e raramente

Dettagli

Che cosa è l autismo

Che cosa è l autismo Che cosa è l autismo AUTISMO L'autismo è un disturbo pervasivo dello sviluppo che si manifesta entro il terzo anno di età con gravi deficit della comunicazione (turbe qualitative e quantitative del linguaggio),

Dettagli

LA SINDROME DI X FRAGILE

LA SINDROME DI X FRAGILE LEZIONE: ALCUNE SINDROMI (SECONDA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 INTRODUZIONE -------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LA

Dettagli

Fenotipici cognitivo comportamentali nei Disturbi Generalizzati dello Sviluppo: elementi per la costruzione di un protocollo di valutazione

Fenotipici cognitivo comportamentali nei Disturbi Generalizzati dello Sviluppo: elementi per la costruzione di un protocollo di valutazione Fenotipici cognitivo comportamentali nei Disturbi Generalizzati dello Sviluppo: elementi per la costruzione di un protocollo di valutazione Problematiche emotivo-comportamentali nei bambini con Disturbo

Dettagli

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Annamaria Petito SSIS 400H Sintomi e segni Sono le informazioni che derivano da consapevoli sensazioni del paziente e sono le interpretazioni date dal medico agli elementi

Dettagli

Renzo Vianello Disturbi Pervasivi dello Sviluppo o Spettro autistico. Volume sulle Disabilità intellettive, cap. 5.

Renzo Vianello Disturbi Pervasivi dello Sviluppo o Spettro autistico. Volume sulle Disabilità intellettive, cap. 5. Renzo Vianello Disturbi Pervasivi dello Sviluppo o Spettro autistico Volume sulle Disabilità intellettive, cap. 5. I disturbi pervasivi dello sviluppo si caratterizzano per la presenza di disabilità almeno

Dettagli

dr.ssa Raffaella Faggioli

dr.ssa Raffaella Faggioli L osservazione diagnostica dell autismo con l ADOS ADOS Moduli 1 e 2 dr.ssa Raffaella Faggioli Introduzione ADOS Osservazione diretta dei comportamenti del soggetto in situazione di pressing sociale Osservazione

Dettagli

DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO:

DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO: DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO: INDICI DI RISCHIO E DIAGNOSI PRECOCE Federico Bianchi di Castelbianco Magda Di Renzo Francesca Zaza Progetto Tartaruga Trovare strumenti di indagine idonei alla complessità

Dettagli

dr.ssa Raffaella Faggioli

dr.ssa Raffaella Faggioli L osservazione diagnostica dell autismo con l ADOS ADOS Moduli 3 e 4 dr.ssa Raffaella Faggioli I moduli 3 e 4 dell ADOS Permettono l osservazione diretta dei comportamenti di ragazzi e adulti in situazione

Dettagli

Modalità di valutazione. nei bambini in età precoce (18-30 mesi)

Modalità di valutazione. nei bambini in età precoce (18-30 mesi) Modalità di valutazione dei Disturbi dello Spettro Autistico nei bambini in età precoce (18-30 mesi) Dott.ssa Lidia D Elia U.O.C. Neuropsichiatria Infantile Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma 2 Diagnosi

Dettagli

Disturbi dello Spettro Autistico: l intervento su: intersoggettività e abilità sociali. comunicazione

Disturbi dello Spettro Autistico: l intervento su: intersoggettività e abilità sociali. comunicazione DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE PROGRAMMA AUTISMO SPOKE REGGIO EMILIA HUB AREA VASTA EMILIA NORD Diettore: Dott.ssa Maria Linda Gallo Viale Umberto I, 50-42100 Reggio Emilia Segreteria: Tel. 0522/339038 Reggio

Dettagli

NEPSY Second Edition

NEPSY Second Edition NEPSY Second Edition 3 Autori Marit Korkman, Ursula Kirk e Sally Kemp Data di pubblicazione 2011 Range di età Da 3 a 16 anni Tempo di somministrazione 90 minuti ca. per i soggetti in età prescolare 2-3

Dettagli

INDIRETTA: prevede l uso di strumenti di registrazione che ne consentano la visione differita.

INDIRETTA: prevede l uso di strumenti di registrazione che ne consentano la visione differita. Come osservare 1: Per evitare distorsioni è importante ricordare che Nulla è privo di significato; Il nostro modo di osservare è selettivo; Il modo con cui noi osserviamo una parte dipende da come noi

Dettagli

I DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO

I DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO I DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO PERCORSI DI DIAGNOSI E PRESA IN CARICO NELL ASL TO 3 Dr.ssa B.Giannini, S.C. PSICOLOGIA ASL TO 3 Preoccupazione per lo sviluppo del bambino (sospetto ASD) PEDIATRA S.C.

Dettagli

ANOMALIE DELLO SVILUPPO. Sara Varanese, MD PhD

ANOMALIE DELLO SVILUPPO. Sara Varanese, MD PhD ANOMALIE DELLO SVILUPPO Sara Varanese, MD PhD PARALISI CEREBRALE Encefalopatia statica di origine prenatale o perinatale Colpisce le funzioni motorie, cognitive e il tono muscolare provocando: Atassia

Dettagli

ASPETTI GENETICI, FISICI, MOTORI, MEDICI.

ASPETTI GENETICI, FISICI, MOTORI, MEDICI. LEZIONE: LA SINDROME DI DOWN (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 UN PO DI STORIA ----------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2

Dettagli

I dis turbi dello s pettro a utis tic o. C rem o na, 12 m a g g io 2011

I dis turbi dello s pettro a utis tic o. C rem o na, 12 m a g g io 2011 I dis turbi dello s pettro a utis tic o C rem o na, 12 m a g g io 2011 Diagnosi Disturbo del comportamento sociale sguardo, attenzione condivisa, reciprocità Disturbo della comunicazione e del linguaggio

Dettagli

DALLA LETTURA DELLA DIAGNOSI ALLA PERSONALIZZAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI A SCUOLA. Nicolini Silvia, LOGOPEDISTA UONPIA TERRITORIALE PIEVE DI CORIANO

DALLA LETTURA DELLA DIAGNOSI ALLA PERSONALIZZAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI A SCUOLA. Nicolini Silvia, LOGOPEDISTA UONPIA TERRITORIALE PIEVE DI CORIANO DALLA LETTURA DELLA DIAGNOSI ALLA PERSONALIZZAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI A SCUOLA Nicolini Silvia, LOGOPEDISTA UONPIA TERRITORIALE PIEVE DI CORIANO Lo sviluppo del linguaggio e della comunicazione: PRIMA

Dettagli

GENETICA CITOGENETICA MEDICA

GENETICA CITOGENETICA MEDICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE GENETICA A.A.2015/2016 Prof Alberto E.Turco Me 21.10.2015 Lezioni 15 e 16 CITOGENETICA MEDICA ANOMALIE CROMOSOMICHE (Chromosome Disorders) - Abortività

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05

CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05 CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05 INTERVENTO SEMINARIALE I.T.I.S. A. D Aosta L Aquila 29 Maggio 2007 Accoglienza e assistenza agli alunni

Dettagli

La concezione del ritardo mentale/disabilità intellettiva

La concezione del ritardo mentale/disabilità intellettiva La concezione del ritardo mentale/disabilità intellettiva Definizione (Associazione Americana Ritardo Mentale 2002): il ritardo mentale è una disabilità caratterizzata da limitazioni significative sia

Dettagli

Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO

Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO Area linguistico-intellettiva Le tappe del pensiero Nel corso del primo anno: segue con lo sguardo gli oggetti in movimento; distingue i volti

Dettagli

IL PRIMO VOCABOLARIO DEL BAMBINO: GESTI, PAROLE E FRASI

IL PRIMO VOCABOLARIO DEL BAMBINO: GESTI, PAROLE E FRASI IL PRIMO VOCABOLARIO DEL BAMBINO: GESTI, PAROLE E FRASI Valori di riferimento fra 8 e 36 mesi delle Forme complete e delle Forme brevi del questionario MacArthur-Bates CDI MARIA CRISTINA CASELLI, ARIANNA

Dettagli

Parliamo di autismo: dalla diagnosi precoce alla pratica educativa

Parliamo di autismo: dalla diagnosi precoce alla pratica educativa Parliamo di autismo: dalla diagnosi precoce alla pratica educativa FOGGIA 4 dicembre 2012 A cura della Dott.ssa G. Berlingerio - @: cooperativasocialeperla@gmail.com tel: 320-8493110 AUTISMO:chi decide

Dettagli

IL DISTURBO AUTISTICO

IL DISTURBO AUTISTICO LEZIONE: DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

*DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO

*DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO *DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO *DSM: Manuale Diagnostico e Statistico delle malattie mentali APA *DSM IV : DISARMONIE COGNITIVE DELLO SVILUPPO *DSM-5: DISTURBO DEL NEUROSVILUPPO *DISTURBO NEUROBIOLOGICO

Dettagli

www.analisicimatti.it

www.analisicimatti.it Il Laboratorio Cimatti da sempre attento alla innovazione tecnologica e allo sviluppo di Eccellenze nella diagnostica prenatale è partner di Bioscience Genomics, uno spin off accademico partecipato dall

Dettagli

Disturbi Specifici dell apprendimento. Dott.ssa Valentina Genitori D Arrigo Psicologa e Psicoterapeuta

Disturbi Specifici dell apprendimento. Dott.ssa Valentina Genitori D Arrigo Psicologa e Psicoterapeuta Disturbi Specifici dell apprendimento Dott.ssa Valentina Genitori D Arrigo Psicologa e Psicoterapeuta Con il termine Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) vengono indicate una serie di difficoltà

Dettagli

Titolo progetto: Correlazione genotipo-fenotipo in pazienti con la Sindrome di PraderWilli

Titolo progetto: Correlazione genotipo-fenotipo in pazienti con la Sindrome di PraderWilli Titolo progetto: Correlazione genotipo-fenotipo in pazienti con la Sindrome di PraderWilli Descrizione: La Sindrome di Prader-Willi (PW) è una malattia genetica, colpisce entrambi i sessi ed ha un incidenza

Dettagli

La sindrome di Prader-Willi: aspetti cognitivi e comportamentali

La sindrome di Prader-Willi: aspetti cognitivi e comportamentali La sindrome di Prader-Willi: aspetti cognitivi e comportamentali Renzo Vianello e Silvia Lanfranchi Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo Università di Padova La sindrome di Prader-Willi: profilo cognitivo

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM INFORMAZIONI ANAGRAFICHE E RECAPITI: Nome e Cognome: Michela Zaninelli Luogo e data di nascita: Rovereto 12.01.1985 E-mail: m.zaninelli@unitn.it TITOLI DI STUDIO Luglio 2011-Settembre

Dettagli

TEST DEL DNA FETALE PRIVO DI RISCHI PER RILEVARE LA SINDROME DI DOWN E LE ANOMALIE CROMOSOMICHE PIÙ COMUNI

TEST DEL DNA FETALE PRIVO DI RISCHI PER RILEVARE LA SINDROME DI DOWN E LE ANOMALIE CROMOSOMICHE PIÙ COMUNI TEST DEL DNA FETALE PRIVO DI RISCHI PER RILEVARE LA SINDROME DI DOWN E LE ANOMALIE CROMOSOMICHE PIÙ COMUNI SICURO: Eseguito su un semplice prelievo di sangue materno COMPLETO: Trisomia 21 (Sindrome di

Dettagli

BES Bisogni Educativi Speciali. Autismo. Lecco, 26 Febbraio 2015 Relatrice: Jessica Sala

BES Bisogni Educativi Speciali. Autismo. Lecco, 26 Febbraio 2015 Relatrice: Jessica Sala BES Bisogni Educativi Speciali Autismo Lecco, 26 Febbraio 2015 Relatrice: Jessica Sala DEFINIZIONE L autismo è una sindrome comportamentale causata da un disordine dello sviluppo, biologicamente determinato,

Dettagli

Sindrome Autistica Cos è? Come si manifesta??

Sindrome Autistica Cos è? Come si manifesta?? Cos è? Come si manifesta?? Ass. Oltre l Autismo e Centro Servizi Autismo C.T.S. Centro Territoriale i di Servizi i per le disabilità U.S.P. - V Circolo - PIACENZA COS E? Secondo la definizione ufficiale

Dettagli

La Sindrome di Down Aspetti principali Dott.ssa Nicoletta Businaro

La Sindrome di Down Aspetti principali Dott.ssa Nicoletta Businaro Insegnamento Psicologia delle disabilità e dell integrazione (Prof.ssa Ottavia Albanese) La Sindrome di Down Aspetti principali Dott.ssa Nicoletta Businaro 12 Dicembre 2011 Per approfondimenti Dott.ssa

Dettagli

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE A.A. 2012-2013 SCIENZE INFERMIERISTICHE POLO DI PISA II ANNO V LEZIONE Dott.ssa Chiara Toma I DISTURBI DELLO SVILUPPO Disturbi del linguaggio Autismo e disturbi pervasivi

Dettagli

COMUNICAZIONE E PRIMO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO IN BAMBINI DOWN. Relatore: JEAN-ADOLPHE RONDAL, Ph.D., Dr. Sc. Lang.

COMUNICAZIONE E PRIMO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO IN BAMBINI DOWN. Relatore: JEAN-ADOLPHE RONDAL, Ph.D., Dr. Sc. Lang. Incontro di aggiornamento per Genitori COMUNICAZIONE E PRIMO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO IN BAMBINI DOWN 17 Maggio 2008 Relatore: JEAN-ADOLPHE RONDAL, Ph.D., Dr. Sc. Lang. Università di Liegi, Belgio Professore

Dettagli

PATOLOGIA CROMOSOMICA

PATOLOGIA CROMOSOMICA PATOLOGIA CROMOSOMICA CARIOTIPO UMANO NORMALE 4 6,X Y 4 6,X X CARIOTIPO UMANO NORMALE Cariotipo normale, giemsa CARIOTIPO UMANO NORMALE bande G C r o m o s o m a c o n b and e G t e lo m e r o c e ntr

Dettagli

Lo Spettro Autistico: caratteristiche e quadri clinici

Lo Spettro Autistico: caratteristiche e quadri clinici Lo Spettro Autistico: caratteristiche e quadri clinici Dr.ssa A.I.Decembrino Centro per la Diagnosi,la Cura e lo Studio dei Disturbi della Comunicazione e della Socializzazione UONPIA AUSL PARMA Fidenza,

Dettagli

Riconoscimento e categorizzazione delle emozioni nei Disturbi dello Spettro Autistico

Riconoscimento e categorizzazione delle emozioni nei Disturbi dello Spettro Autistico UNIVERSITÀ DI PADOVA Scuola di Specializzazione in Psicologia Clinica Riconoscimento e categorizzazione delle emozioni nei Disturbi dello Spettro Autistico TESI DI SPECIALIZZAZIONE Relatore Prof. Daniela

Dettagli

AUTISMI LA VALUTAZIONE FUNZIONALE DI SECONDO LIVELLO

AUTISMI LA VALUTAZIONE FUNZIONALE DI SECONDO LIVELLO AUTISMI LA VALUTAZIONE FUNZIONALE DI SECONDO LIVELLO D O T T. S S A D A N I E L A C L A U S E R S. C. N E U R O P S I C H I A T R I A I N F A N T I L E A S L T O 3 Disturbi dello spettro autistico: il

Dettagli

L autismo: questo conosciuto Lucio Cottini

L autismo: questo conosciuto Lucio Cottini UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Dipartimento di Scienze Umane L autismo: questo conosciuto Lucio Cottini L AUTISMO: COS È Disturbo dell Interazione Disturbo della Comunicazione Ridotto repertorio di attività

Dettagli

INFORMATIVA ALLA DIAGNOSI CITOGENETICA PRENATALE MOLECOLARE (ARRAY-CGH) SU CELLULE DEL LIQUIDO AMNIOTICO O VILLI CORIALI

INFORMATIVA ALLA DIAGNOSI CITOGENETICA PRENATALE MOLECOLARE (ARRAY-CGH) SU CELLULE DEL LIQUIDO AMNIOTICO O VILLI CORIALI INFORMATIVA ALLA DIAGNOSI CITOGENETICA PRENATALE MOLECOLARE (ARRAY-CGH) SU CELLULE DEL LIQUIDO AMNIOTICO O VILLI CORIALI A. Finalità L indagine citogenetica fetale (o cariotipo) viene eseguita su cellule

Dettagli

9 CONGRESSO NAZIONALE SINDROME DI CORNELIA DE LANGE RICCIONE 5-7 NOVEMBRE 2010 I

9 CONGRESSO NAZIONALE SINDROME DI CORNELIA DE LANGE RICCIONE 5-7 NOVEMBRE 2010 I 9 CONGRESSO NAZIONALE SINDROME DI CORNELIA DE LANGE RICCIONE 5-7 NOVEMBRE 2010 I problemi comportamentali dei ragazzi con sindrome di Cornelia de Lange. I cambiamenti degli ultimi 10 anni in cosa sappiamo

Dettagli

Lessico e azione nell acquisizione

Lessico e azione nell acquisizione Lessico e azione nell acquisizione Elena Tomasuolo Pasquale Rinaldi ISTC CNR, Roma 1 febbraio 2013 1) L acquisizione e lo sviluppo cognitivolinguistico di bambini con sviluppo tipico e atipico; 2) l acquisizione

Dettagli

Linguaggio. sviluppo e disturbi. Stefania Millepiedi

Linguaggio. sviluppo e disturbi. Stefania Millepiedi Linguaggio sviluppo e disturbi Stefania Millepiedi I disturbi del linguaggio specifici o primari secondari Il linguaggio NON è una capacità unitaria insieme di abilità che contestualmente concorrono all

Dettagli

LO SVILUPPO PSICOLOGICO

LO SVILUPPO PSICOLOGICO LO SVILUPPO PSICOLOGICO Riguarda i cambiamenti che si verificano nel comportamento e nelle capacità dell individuo col procedere dell età, nell intero ciclo di vita (dalla nascita alla senescenza) TUTTAVIA

Dettagli

OBSERVATION TREATMENT (AOT)

OBSERVATION TREATMENT (AOT) ABSTRACT Valutazione dell efficacia dell ACTION OBSERVATION TREATMENT (AOT) sull impairment funzionale in pazienti con Demenza di Alzheimer di grado lieve-moderato - Studio randomizzato e controllato Il

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO DUE MODI PER OTTENERE RISPOSTE a tre ordini di domande: QUANDO? Identificazione sequenze di sviluppo COME? Descrizione PERCHÉ? Spiegazione delle differenze 1. MODO SOGGETTIVO

Dettagli

Scuole di. Operatori della NPI. Leno Ghedi Isorella Verolanuova Gottolengo Fiesse Bagnolo Mella Pralboino

Scuole di. Operatori della NPI. Leno Ghedi Isorella Verolanuova Gottolengo Fiesse Bagnolo Mella Pralboino Scuole di Leno Ghedi Isorella Verolanuova Gottolengo Fiesse Bagnolo Mella Pralboino Operatori della NPI Anna Maria Cipani Marinella Ferrari Annalisa Bertanzetti Carla Siboni Roberta Valorsi Monica Gennari

Dettagli

ll consumo di bevande alcoliche durante la gravidanza e l allattamento può avere effetti dannosi sulla salute del bambino.

ll consumo di bevande alcoliche durante la gravidanza e l allattamento può avere effetti dannosi sulla salute del bambino. NON BERE BEVANDE ALCOLICHE IN GRAVIDANZA ED IN ALLATTAMENTO U.O. Consultorio Familiare Distretto n 1 e n 2 Ostetrica t CRISTINA FILIPPI Ostetrica BIANCA PIVA 1 Non bere bevande alcoliche in gravidanza

Dettagli

AUTISMO. Manifestazioni e disturbi associati. Comportamento. Caratteristiche associate ad età e sesso. Comunicazione. Incidenza. Interazione sociale

AUTISMO. Manifestazioni e disturbi associati. Comportamento. Caratteristiche associate ad età e sesso. Comunicazione. Incidenza. Interazione sociale AUTISMO L autismo è una patologia la cui causa è a tutt oggi ignota. Per questo la diagnosi viene ancora effettuata in base ad indicatori comportamentali; ciò significa che specifici comportamenti del

Dettagli

La diagnosi di autismo viene solitamente formulata facendo riferimento alle due principali classificazioni internazionali dei disturbi mentali: il

La diagnosi di autismo viene solitamente formulata facendo riferimento alle due principali classificazioni internazionali dei disturbi mentali: il La diagnosi di autismo viene solitamente formulata facendo riferimento alle due principali classificazioni internazionali dei disturbi mentali: il DSM - Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders

Dettagli

INTERVENTI PER LO SVILUPPO DELLE ABILITA SOCIALI NEI PDD

INTERVENTI PER LO SVILUPPO DELLE ABILITA SOCIALI NEI PDD INTERVENTI PER LO SVILUPPO DELLE ABILITA SOCIALI NEI PDD G. Doneddu*, R. Fadda** *Centro Regionale per i Disturbi Pervasivi dello Sviluppo, **Azienda Ospedaliera G. Brotzu Dipartimento di Psicologia, Università

Dettagli

DISTRIBUITO DA FEDERAZIONE LOGOPEDISTI ITALIANI

DISTRIBUITO DA FEDERAZIONE LOGOPEDISTI ITALIANI QUANDO PARLARE COSTA FATICA: CAMPANELLI D ALLARME E CONSIGLI PER I Lo sviluppo delle abilità comunicative avviene già a partire dalla prima infanzia, ancor prima della comparsa della prima parola. Qualunque

Dettagli

RITARDO MENTALE. - Conoscere la definizione

RITARDO MENTALE. - Conoscere la definizione RITARDO MENTALE - Conoscere la definizione - Conoscere l epidemiologia e le cause - identificare I fattori prevenibili - Saper richiedere la consulenza genetica - Conoscere I rischi e i bisogni speciali

Dettagli

SCALA DI VALUTAZIONE DELL AUTISMO INFANTILE Eric Schopler e coll. (Traduzione Dr. Goran Dzingalasevic) QUADERNO DI NOTAZIONE.

SCALA DI VALUTAZIONE DELL AUTISMO INFANTILE Eric Schopler e coll. (Traduzione Dr. Goran Dzingalasevic) QUADERNO DI NOTAZIONE. SCALA DI VALUTAZIONE DELL AUTISMO INFANTILE Eric Schopler e coll. (Traduzione Dr. Goran Dzingalasevic) QUADERNO DI NOTAZIONE Cognome: Nome: Data e luogo di nascita: Età cronologica: Data dell esame: Esaminatore:

Dettagli

LO SVILUPPO DEL LESSICO. Comprensione e Produzione delle prime parole

LO SVILUPPO DEL LESSICO. Comprensione e Produzione delle prime parole LO SVILUPPO DEL LESSICO Comprensione e Produzione delle prime parole COS È IL LESSICO? Dizionario mentale che permette di: immagazzinare le conoscenze relative alle parole della propria lingua recuperare

Dettagli

Capacità cognitive, prestazioni e abilità adattive nelle varie sindromi (Prima parte) Indice

Capacità cognitive, prestazioni e abilità adattive nelle varie sindromi (Prima parte) Indice LEZIONE: CAPACITÀ COGNITIVE, PRESTAZIONI E ABILITÀ ADATTIVE NELLE VARIE SINDROMI (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Autismo e Disturbi pervasivi dello Sviluppo

Autismo e Disturbi pervasivi dello Sviluppo Corso Prima formazione su Autismo e Disturbi pervasivi dello Sviluppo Giuseppe Maurizio ARDUINO Torino, 1 ottobre 2009 Alcuni punti fermi dell intervento educativo Obiettivi generali dell intervento Gli

Dettagli

ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO

ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO Vineland Le Vineland Adaptive Behavior Scales valutano

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Autismo. Sindrome, cioè un insieme di sintomi, ovvero di segni osservabili.

Autismo. Sindrome, cioè un insieme di sintomi, ovvero di segni osservabili. Autismo Sindrome, cioè un insieme di sintomi, ovvero di segni osservabili. LA STORIA E GLI APPROCCI I precursori Bleuler nel 1911 definisce autismo uno dei tratti della schizofrenia Negli anni 90 è ormai

Dettagli

Dislessia: informazioni generali

Dislessia: informazioni generali Dislessia: informazioni generali Autore: Sarah Menini da neuropsy.it Introduzione La dislessia è un disordine del linguaggio scritto caratterizzato da una capacità di lettura sostanzialmente al di sotto

Dettagli

Istituto di Genetica Medica, Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma

Istituto di Genetica Medica, Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma The chromosome 17q21.31 deletion syndrome is a monogenic disorder caused by haploinsufficiency of KANSL1: genotype-phenotype correlations in patients with chromosome deletion and KANSL1 mutation Giuseppe

Dettagli

5 modulo didattico - Patologia cromosomica.

5 modulo didattico - Patologia cromosomica. 5 modulo didattico - Patologia cromosomica. G0 IL CICLO CELLULARE DI UNA CELLULA DI MAMMIFERO Avviene ogni volta che la cellula si divide Le tappe fondamentali del processo sono: Separazione dei due filamenti

Dettagli

Comunicazione Tecnico Scientifica, Coordinamento Generale Medico Legale, 2 marzo 2015 (1)

Comunicazione Tecnico Scientifica, Coordinamento Generale Medico Legale, 2 marzo 2015 (1) Comunicazione Tecnico Scientifica, Coordinamento Generale Medico Legale, 2 marzo 2015 (1) (1) Ad integrazione della presente comunicazione si veda anche la successiva Comunicazione tecnico scientifica

Dettagli

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico Dott.ssa Sara Fascendini Centro Alzheimer, Fondazione Europea di Ricerca Biomedica (FERB), Ospedale Briolini, Gazzaniga (BG) CHE COSA È LA DEMENZA?

Dettagli

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento?

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Considerati parte della famiglia dei Disturbi Evolutivi Specifici, i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) affliggono alcune specifiche abilità che

Dettagli

DELLO SVILUPPO E AUTISMO: valutazione e intervento cognitivo e comportamentale

DELLO SVILUPPO E AUTISMO: valutazione e intervento cognitivo e comportamentale Autismo: disturbo dello sviluppo comunicativo, sociale, dei comportamenti e degli interessi, che esordisce nell infanzia; è il principale fra i Disturbi Generalizzati o Pervasivi dello Sviluppo (vedi).

Dettagli

Ripetizioni CAG e zona grigia

Ripetizioni CAG e zona grigia Novità dalla ricerca sulla Malattia di Huntington In un linguaggio semplice. Scritto da ricercatori. Per la comunità mondiale MH. Quanto lungo é troppo lungo? Ripensando alla 'zona grigia' della malattia

Dettagli

Repertorio di prove personalizzate proposte dalle scuole. agli studenti con disabilità intellettiva

Repertorio di prove personalizzate proposte dalle scuole. agli studenti con disabilità intellettiva Repertorio di prove personalizzate proposte dalle scuole agli studenti con disabilità intellettiva Gruppo di lavoro Responsabile del Progetto: Lina Grossi Responsabile del Servizio nazionale di valutazione

Dettagli

I Disturbi della comunicazione nel quadro dei DPS

I Disturbi della comunicazione nel quadro dei DPS I Disturbi della comunicazione nel quadro dei DPS Paola VISCONTI 19 marzo 2011 Clinica Neurologica-Università di Bologna Ambulatorio Autismo e DPS Ospedale Maggiore AUSL BOLOGNA Dipartimento Neuroscienze

Dettagli

NEUROPSICOLOGIA CLINICA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGIA Test e dipendenze

NEUROPSICOLOGIA CLINICA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGIA Test e dipendenze NEUROPSICOLOGIA CLINICA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGIA Test e dipendenze Franca Stablum Dipartimento di Psicologia Generale Università degli Studi di Padova 1 Neuropsicologia clinica = scienza applicata Problemi

Dettagli

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Introduzione Cromosoma Cellula Nucleo Ormai a tutti è noto il ruolo del

Dettagli

Autismo Caratteristiche

Autismo Caratteristiche Autismo Caratteristiche Flavia Caretto Psicologa Psicoterapeuta Modena 6 ottobre 2012 una persona vera Il mio modo di essere era completamente incomprensibile agli occhi di chi mi circondava. Toccavo continuamente

Dettagli

Presentazione generale

Presentazione generale Presentazione generale L autismo infantile rappresenta sicuramente una delle sindromi più angoscianti e difficilmente spiegabili dell età evolutiva. La sua fenomenologia, infatti, si presenta mediante

Dettagli

Laboratorio di Valutazione dello sviluppo Cognitivo 4 lezione Elena Gandolfi

Laboratorio di Valutazione dello sviluppo Cognitivo 4 lezione Elena Gandolfi Laboratorio di Valutazione dello sviluppo Cognitivo 4 lezione Elena Gandolfi Quali obiettivi? Indagare la qualità e il livello raggiunti nello sviluppo delle capacità comunicative e linguistiche Individuare

Dettagli

L inquadramento diagnostico e le conoscenze dell autismo in funzione del piano educativo

L inquadramento diagnostico e le conoscenze dell autismo in funzione del piano educativo L inquadramento diagnostico e le conoscenze dell autismo in funzione del piano educativo Antonia Parmeggiani Centro per l Autismo Dipartimento di Scienze Neurologiche Università di Bologna Prima descrizione

Dettagli

AUTISMO DALLA DIAGNOSI ALLA VALUTAZIONE. Dr.ssa Tiziana Serra Centro Riabilitazione DIDASCO

AUTISMO DALLA DIAGNOSI ALLA VALUTAZIONE. Dr.ssa Tiziana Serra Centro Riabilitazione DIDASCO AUTISMO DALLA DIAGNOSI ALLA VALUTAZIONE Dr.ssa Tiziana Serra Centro Riabilitazione DIDASCO Con questa relazione vorrei Ragionare con voi per riassumere lo stato dell arte di un argomento complesso Tracciare

Dettagli

Disabilità intellettive e disturbi pervasivi dello sviluppo Renzo Vianello. La sindrome di Down Parte prima

Disabilità intellettive e disturbi pervasivi dello sviluppo Renzo Vianello. La sindrome di Down Parte prima Disabilità intellettive e disturbi pervasivi dello sviluppo Renzo Vianello La sindrome di Down Parte prima Volume Disabilità intellettive Capitolo 6 Nel 1866 un medico inglese, H. Langdon Down in un suo

Dettagli

Breve panoramica sulle categorie diagnostiche attuali dei DPS. Definizione e descrizione dei criteri diagnostici maggiormente applicati

Breve panoramica sulle categorie diagnostiche attuali dei DPS. Definizione e descrizione dei criteri diagnostici maggiormente applicati Breve panoramica sulle categorie diagnostiche attuali dei DPS Definizione e descrizione dei criteri diagnostici maggiormente applicati Sistemi Internazionali di classificazione dei disturbi mentali Il

Dettagli

Squilibrio eccitazione-inibizione

Squilibrio eccitazione-inibizione 4 Squilibrio eccitazione-inibizione GABA nel cervello maturo il GABA agisce come un neurotrasmettitore inibitorio durante la fase prenatale e nella fase perinatale, questo neurotrasmettitore depolarizza

Dettagli

Test genetici a scopo medico

Test genetici a scopo medico Test genetici a scopo medico Test genetici a scopo medico Tutti abbiamo ereditato dai nostri genitori una combinazione unica di geni. Questa costituzione originale e l influenza di vari fattori ambientali

Dettagli

CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE

CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE Dott.ssa Luisa Calliari Rovereto, 9 ottobre 2008 1 REGOLAMENTO PER FAVORIRE L INTEGRAZIONE E L INCLUSIONE DEGLI STUDENTI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

Dettagli

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALLA DIAGNOSI CITOGENETICA PRENATALE MOLECOLARE (ARRAY-CGH) SU CELLULE DEL LIQUIDO AMNIOTICO O VILLI CORIALI

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALLA DIAGNOSI CITOGENETICA PRENATALE MOLECOLARE (ARRAY-CGH) SU CELLULE DEL LIQUIDO AMNIOTICO O VILLI CORIALI INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALLA DIAGNOSI CITOGENETICA PRENATALE MOLECOLARE (ARRAY-CGH) SU CELLULE DEL LIQUIDO AMNIOTICO O VILLI CORIALI A. Finalità L indagine citogenetica fetale (o cariotipo) viene

Dettagli

GTTFPP66E28B157P. Azienda Ospedaliera Spedali Civili di Brescia

GTTFPP66E28B157P. Azienda Ospedaliera Spedali Civili di Brescia FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Filippo Gitti Indirizzo Via Boccacci 83 Brescia Telefono 0302090625 Fax 0303704436 E-mail filippo.gitti@spedalicivili.brescia.it Nazionalità

Dettagli

Il Ruolo della Genetica Clinica in Genomica e Sanità Pubblica. Corrado Romano cromano@oasi.en.it

Il Ruolo della Genetica Clinica in Genomica e Sanità Pubblica. Corrado Romano cromano@oasi.en.it Il Ruolo della Genetica Clinica in Genomica e Sanità Pubblica Corrado Romano cromano@oasi.en.it Genetica Clinica secondo Wikipedia La genetica clinica o medica si occupa dello studio e della diagnosi delle

Dettagli

a cura dell'ospedale San Raffaele Confermata l'origine genetica della dislessia: nel cromosoma 15 le cause della patologia

a cura dell'ospedale San Raffaele Confermata l'origine genetica della dislessia: nel cromosoma 15 le cause della patologia Genetica della dislessia a cura dell'ospedale San Raffaele Confermata l'origine genetica della dislessia: nel cromosoma 15 le cause della patologia Un gruppo di ricercatori dell'istituto Scientifico Eugenio

Dettagli

LUCA ROCCHETTI U.O. GENETICA MEDICA AVR SINDROME DI BLOCH SULTZBERGER O INCONTINENTIA AI PIGMENTI DI TIPO 2

LUCA ROCCHETTI U.O. GENETICA MEDICA AVR SINDROME DI BLOCH SULTZBERGER O INCONTINENTIA AI PIGMENTI DI TIPO 2 LUCA ROCCHETTI U.O. GENETICA MEDICA AVR SINDROME DI BLOCH SULTZBERGER O INCONTINENTIA AI PIGMENTI DI TIPO 2 PRIMA INFANZIA: LESIONI CUTANEE DALLO SVILUPPO CARATTERISTICO ( dermatite bollosa congenita )

Dettagli

Aneuploidie: il numero dei cromosomi non è un multiplo esatto del normale assetto aploide

Aneuploidie: il numero dei cromosomi non è un multiplo esatto del normale assetto aploide Aneuploidie: il numero dei cromosomi non è un multiplo esatto del normale assetto aploide Aneuploidie Nullisomia: 2n-2 (morte preimpianto) Monosomia: : 2n-1 (generalmente morte embrionale) Trisomia: :

Dettagli

LA SINDROME DI DOWN Dott.ssa Luisa Calliari Rovereto, novembre 2008 1

LA SINDROME DI DOWN Dott.ssa Luisa Calliari Rovereto, novembre 2008 1 LA SINDROME DI DOWN Dott.ssa Luisa Calliari Rovereto, novembre 2008 1 ASPETTI EPIDEMIOLOGICI INCIDENZA circa 1:800 nati vivi il 75-80% dei feti con sindrome di Down esitano in aborto spontaneo PREVALENZA

Dettagli