Indagine KPMG sulla home collection e gestione degli NPL Matteo Frigerio, Senior Manager KPMG Advisory Il mercato delle cessioni di portafogli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indagine KPMG sulla home collection e gestione degli NPL Matteo Frigerio, Senior Manager KPMG Advisory Il mercato delle cessioni di portafogli"

Transcript

1 Indagine KPMG sulla home collection e gestione degli NPL Matteo Frigerio, Senior Manager KPMG Advisory Il mercato delle cessioni di portafogli crediti nel Consumer Finance in Italia Domenico Torini, Director KPMG Corporate Finance

2 Obiettivi del lavoro Lo studio di KPMG Advisory per il 4 Rapporto Annuale Unirec Unirec, in occasione del 4 Rapporto Annuale e nell ambito della sua attività di diffusione all interno del sistema di una corretta informazione sul comparto del recupero crediti e della cultura del credit e collection management, ha chiesto a KPMG Advisory di supportarla nella rappresentazione di una serie di elaborazioni di scenario ed impatto economico collegate alla gestione del recupero crediti esattoriale. Obiettivo dell'intervento è quello di stimolare una riflessione su: riflessi economici del business del recupero crediti esattoriale; trend e prospettive nella gestione dei portafogli NPL. 2

3 Obiettivi del lavoro Gli argomenti trattati dallo Studio KPMG Il recupero crediti esattoriale nelle Banche e società finanziarie: overview Indagine economica sui costi e la sostenibilità del recupero crediti esattoriale Principali modelli di recupero crediti esattoriale adottati dagli operatori dalle banche e società finanziarie e loro caratteristiche. Uno sguardo alle caratteristiche e numeri del recupero crediti esattoriale in contesti 'finanziari' e 'non finanziari'. Valutazione su costi e sostenibilità del recupero crediti esattoriale nella gestione degli NPL ("indagine sul lavoro di un agente esattivo"). Il mercato delle cessioni di portafogli crediti nel Consumer Finance in Italia: overview Messaggi conclusivi Evoluzione 2012 e 2013 delle principali transazioni in Italia (volumi totali, tipologia di portafogli ceduti, pricing medio di mercato). Confronto mercato Italiano vs Europa (volumi e tipologia di portafogli ceduti). Trend di riduzione del gap vs Europa in termini di volumi e tipologia di portafogli ceduti. Evoluzioni attese del mercato e opportunità per i recuperatori. 3

4 Indagine KPMG sulla home collection e gestione degli NPL Matteo Frigerio, Senior Manager KPMG Advisory

5 Il recupero crediti esattoriale nelle Banche e società finanziarie: overview Indagine economica sui costi e la sostenibilità del recupero crediti esattoriale nella gestione degli NPL 5

6 Settori Caratteristiche Gestione Il recupero crediti esattoriale nelle Banche e società finanziarie: overview Il posizionamento dei settori nel recupero crediti Consapevole Evoluta Tradizionale Strategie tradizionali circoscritte alle azioni legali Assenza di responsabilità specializzate (es. Credit Manager/strutture dedicate) Assenza di modelli, processi e strumenti consolidati Settore Pubblico Insurance Strategie successive stragiudiziali e legali (pipeline rigide e non diversificate) Introduzione di outsourcer specializzati per fasi di processo Presenza di responsabilità e strutture dedicate Modelli, processi e strumenti non pienamente adeguati Industrial Banking Strategie miste, legali e stragiudiziali, flessibili e diversificate in funzione delle caratteristiche specifiche dei crediti Gestione industrializzata (outsourcing) su target specifici di crediti Attivazione di competence center interni/esterni Orientamento/capacità di gestione anticipata della problematicità Sistemi applicativi dedicati, con modelli e processi operativi consolidati Energy, Utilities Consumer Finance Focalizzazione prevalente dell'indagine sui settori banking e consumer finance, tradizionalmente tra le gestioni più evolute nel recupero crediti. 6

7 Il recupero crediti esattoriale nelle Banche e società finanziarie: overview Modello di servizio: fasi di recupero in esternalizzazione Giorni di scaduto/ impagato 0 30 gg 60gg DBT Gestione Stragiudiziale Stragiudiziale/Legale Recupero esattoriale Fasi di lavorazione Recupero telefonico Recupero telefonico Recupero telefonico/ esattoriale Valutazione interna della posizione Recupero legale Logica Negoziale Recuperatoria/ Conciliatoria Recuperatoria Diffusione di forme esternalizzate fin dalle prime fasi di anomalia nella gestione dei portafogli NPL. Focalizzazione delle attività esattoriali nelle fasi avanzate del recupero pre-dbt e nelle fasi post-dbt. Fonte: Elaborazioni KPMG 7

8 Il recupero crediti esattoriale nelle Banche e società finanziarie: overview Modello di servizio: attuazione fasi di recupero % di società che attua le fasi di recupero indicate al variare del numero di rate insolute (Dati in % 2012) Fase di recupero N Rate N insolute Rate Mailing Phone Home Giudiziale DBT insolute % 92% 8% 0% 0% % 92% 33% 0% 0% % 50% 67% 0% 0% % 42% 75% 8% 8% % 25% 75% 8% 17% % 25% 75% 17% 17% % 25% 58% 42% 17% 8 8 8% 17% 58% 42% 17% 9 9 8% 17% 50% 50% 42% % 8% 33% 50% 8% % 8% 33% 50% 8% % 8% 25% 58% 8% Focalizzazione prevalente, in fase pre-dt, delle azioni esattoriali tra la quarta e la sesta rata insoluta. Post-DT, azioni stragiudiziale prevalentemente di carattere esattoriale. Fonte: Elaborazioni KPMG su dati

9 Il recupero crediti esattoriale nelle Banche e società finanziarie: overview Modello di servizio: Breakdown principali voci di spesa Breakdown dei costi operativi nelle principali voci di spesa (Dati in % ) Breakdown dei costi di outsourcing nelle principali voci di spesa (Dati in % ) -4% 13,1% 13,7% 5,8% 5,6% 5,6% 5,8% 6,9% 6,9% 21,3% 17,8% 13,1% 13,7% 8,4% 9,1% 6,6% 6,2% 13,0% 13,1% Imposte di bollo, imposte indirette e tasse Marketing e pubblicità 13,8% 13,7% 23,8% 28,1% Altro Call center (istruttoria, gestione clienti) 40,6% 39,6% Costi gestione immobili, impianti ed automezzi Costi per servizi in outsourcing Costi delle tecnologie 41,2% 40,4% Prestazione c/terzi Servizi di recupero crediti/esazione (escluso giudiziale) Tra i costi operativi, i costi per servizi di outsourcing rappresentano la seconda voce, incidendo per quasi il 15% sul totale. Tra i costi di outsourcing, i servizi di recupero si confermano la componente più significativa, con un incidenza superiore al 40%. Fonte: Elaborazioni KPMG su dati

10 Il recupero crediti esattoriale nelle Banche e società finanziarie: overview Indagine economica sui costi e la sostenibilità del recupero crediti esattoriale nella gestione degli NPL 10

11 Indagine economica sui costi e la sostenibilità del recupero crediti esattoriale nella gestione degli NPL Gli attori in campo IL RECUPERO CREDITI ESATTORIALE Titolare del credito (banca, società finanziaria, fondi ed investitori, ) Società di recupero crediti Agente esattore Cliente debitore Overview (pag. 12) Focus dell'indagine (pag ) Focalizzazione dell'indagine sulla sostenibilità economica del business per la figura dell'agente esattore *. * Elaborazioni svolte a partire dalle informazioni ricevute da un campione di 16 società associate Unirec 11

12 Indagine economica sui costi e la sostenibilità del recupero crediti esattoriale nella gestione degli NPL Alcune evidenze di sintesi sulle società di recupero crediti Alcuni dati sulle SOCIETA' DI RECUPERO (Dati indicativi, su base mensile) VOLUMI Media campione (2013) Leasing Rate Post-DT Telcom/ Energy Composizione media portafoglio (% su importo) 5% 25% 55% 15% Ticket medio pratica affidata ( ) PERFORMANCE Importi incassati/importi affidati 55-60% 30-35% 5-10% 15-20% Insolvenza titoli 10-15% 5-10% 25-30% (*) 1-5% COMMISSIONING SOCIETA' Aliquota media provvigionale base consuntivata Società di Recupero 8-10% 8-10% 18-20% 9-11% COSTI Incidenza commissioning esattori/ Totale costi 45-50% 50-55% 45-50% 50-55% Differenze significative nei valori di performance e di commissioning tra i prodotti. Incidenza del commissioning vs gli esattori pari a circa il 50% del totale costi per le società di recupero. Significatività delle componenti aggiuntive di commissioning rispetto all'aliquota 'base' (es. incentivi al raggiungimento di obiettivi), in particolare sul prodotto rate. (*) : Percentuale prossima anche al 40% circa su portafogli esausti/ target di cessione. Fonte: elaborazioni KPMG su informazioni raccolte tramite questionari su un panel di 16 società. Dati

13 Indagine economica sui costi e la sostenibilità del recupero crediti esattoriale nella gestione degli NPL Risultati dell'indagine sull'agente esattore: le variabili in gioco Alcuni dati sul business dell'agente ESATTORE (Dati indicativi, su base mensile) VOLUMI Media campione (2013) Leasing Rate Post-DT Pratiche max gestibili uomo (#) (*) Telcom/ Energy Ticket medio pratica affidata ( ) PERFORMANCE Importi incassati/importi affidati 55-60% 25-30% 5-10% 15-20% Insolvenza titoli 10-15% 5-10% 25-30% (**) 1-5% COMMISSIONING AGENTE Aliquota media provvigionale base (***) esattore 4-5% 5-6% 8-10% 5-7% COSTI Totale principali voci di costo ( ) Focus slide successiva Carico massimo mensile di un agente esattore stimato pari a circa posizioni *. Corrispondenza nei valori di performance tra i dati delle società di recupero e quelli dell'agente esattore. (*) Ipotesi di attività diretta di recupero pari al 70% di un totale ore lavorative di circa 220 / mese; (**) Percentuale prossima anche al 40% circa su portafogli esausti/ target di cessione; (***) Dato calcolato come aliquota provvigionale base della società di recupero X incidenza delle provvigioni esattoriali sul totale costi della società. Fonte: elaborazioni KPMG su informazioni raccolte tramite questionari su un panel di 16 società. Dati

14 Indagine economica sui costi e la sostenibilità del recupero crediti esattoriale nella gestione degli NPL Risultati dell'indagine sull'agente esattore: le componenti di costo e loro significatività Indagine sull'esattore medio italiano Voce di costo Auto/Manutenzione/ Carburante Rilevanza Telefonia Autostrada + + Ristorazione + + Alberghi + Assicurazioni + Dati da Questionari studio KPMG per UNIREC Voce di costo Incidenza su Totale Costi Auto: acquisto/ ammortamento 34% Auto: consumi ed oneri 31% Telefono 13% Altro 22% Totale 100% Fonte: Informazioni raccolte tramite questionari su un panel di 16 società. Dati 2013 Software + Cancelleria + Fonte: Indagine sull'esattore medio italiano (Mariano Canciani, 2013) Le spese per auto, carburante ed assicurazione rappresentano la voce di costo più significativa (65% circa del totale costi mensili). 14

15 Indagine economica sui costi e la sostenibilità del recupero crediti esattoriale nella gestione degli NPL Risultati dell'indagine sull'agente esattore: una rappresentazione economica dell'attività AGENTE ESATTORE (Dati indicativi, su base mensile) Totale portafoglio di cui Post-DT INCASSI NETTI DA INSOLUTI ( ) COMMISSIONING AGENTE 6-8% 8-10% REDDITO LORDO ( ) (*) COSTI ( ) IMPOSTE E CONTRIBUTI ( ) REDDITO NETTO ( ) Focus simulazioni successive In base alle assunzioni della simulazione, valori netti di reddito complessivi per l'agente esattore pari a circa 1.000, mediamente inferiori a quelli di benchmark per figure professionali comparabili. (*) Dato calcolato come incassi netti da insoluti X aliquota di commissioning. Fonte: elaborazioni KPMG su informazioni raccolte tramite questionari su un panel di 16 società. Dati

16 Indagine economica sui costi e la sostenibilità del recupero crediti esattoriale nella gestione degli NPL Risultati dell'indagine sull'agente esattore: una valutazione sulla sostenibilità economica dell'attività Dati indicativi, su base mensile AGENTE ESATTORE Simulazione al variare della performance di recupero ACTUAL Pratiche max gestibili uomo (*) Totale affidato mese ( ) Performance di recupero medie (**) 2-3% 4-5% 6-7% 8-9% 10-11% Incassi lordi ( ) Incidenza insoluti 25-30% Incassi netti da insoluti ( ) Commissioning Agente 8-10% Ricavi agente ( ) Costi( ) Imposte e Contributi ( ) Reddito Netto ( ) (300) Elevata sensibilità dei valori reddituali alle performance di recupero, con valori prossimi allo zero per performance attese inferiori al 5%. (*) Ipotesi di attività diretta di recupero pari al 70% di un totale ore lavorative di circa 220 / mese; (**) Dato calcolato come stima totale importi incassati su totale importi affidati. Fonte: elaborazioni KPMG su informazioni raccolte tramite questionari su un panel di 16 società. Dati

17 Indagine economica sui costi e la sostenibilità del recupero crediti esattoriale nella gestione degli NPL Risultati dell'indagine sull'agente esattore: una valutazione sulla sostenibilità economica dell'attività AGENTE ESATTORE Simulazione su valori target al variare del commissioning Dati indicativi, su base mensile TARGET Pratiche max gestibili uomo (*) Totale affidato mese ( ) Performance di recupero medie (**) 2-3% 4-5% 6-7% 8-9% 10-11% Incassi lordi ( ) Incidenza insoluti 25-30% Incassi netti da insoluti ( ) Commissioning Agente 38-40% 19-21% 13-15% 9-11% 7-9% Ricavi agente ( ) Costi ( ) Imposte e Contributi ( ) Reddito Netto ( ) Per mantenere un reddito in linea con valori di benchmark, il commissioning sui portafogli con attese di recupero contenute deve assumere valori superiori rispetto agli attuali medi del prodotto (8-10%). (*) Ipotesi di attività diretta di recupero pari al 70% di un totale ore lavorative di circa 220 / mese; (**) Dato calcolato come stima totale importi incassati su totale importi affidati. Fonte: elaborazioni KPMG su informazioni raccolte tramite questionari su un panel di 16 società. Dati

18 Il mercato delle cessioni di portafogli crediti nel Consumer Finance in Italia Domenico Torini, Director KPMG Corporate Finance 18

19 Il mercato delle cessioni di portafogli crediti nel Consumer Finance in Italia: overview I Non Performing Loans e il mercato del consumer credit Volume dei crediti NPL in Italia ( mld) Stock crediti deteriorati consumer credit ( mld) Altre sofferenze lorde Sofferenze lorde consumer credit 155,9 5,7 14,6 CAGR ,4% 125,0 107,2 8,9 59,2 77,8 97,5 116,6 147,1 Società Finanziarie 4,4 52,8 70,1 Operatori Bancari 4,5 6,3 7,8 9,7 8,4 8, Incidenza Sofferenze 3,8% Lorde su Totale Impieghi ,6% 5,5% 6,5% 8,4% Sofferenze lorde Altri crediti deteriorati Totale crediti al consumo deteriorati Il volume di crediti NPL nel sistema bancario Italiano si aggira intorno ai 150 miliardi, ed è destinato a crescere. Fonte: elaborazioni KPMG su dati Assofin e Banca d'italia Circa il 51% dello stock di sofferenze è originato da operatori di natura bancaria. Nel 2013 lo stock crediti deteriorati consumer credit del mercato italiano ha superato i 14 mld. 19

20 Il mercato delle cessioni di portafogli crediti nel Consumer Finance in Italia: overview Overview del mercato delle transazioni consumer credit NPL a livello nazionale Evoluzione Transazioni NPLs consumer credit in Italia ( mld) ~ 3,0 +10,6% ~ 3,3 Principali seller Principali investitori con focus nel consumer credit % su crediti deteriorati % su sofferenze 22% 36% 23% 38% Incidenza del volume delle transazioni in Italia pari al 22% - 23% degli stock NPL nel biennio Fonte: elaborazioni KPMG sudati di mercato disponibili 20

21 Il mercato delle cessioni di portafogli crediti nel Consumer Finance in Italia: overview Un confronto con i principali mercati europei Confronto Mercato Italiano vs Europeo (Dati al 2012) % vendite su volumi crediti deteriorati 95,8% 85,3% 77,4% Media Campione Gap 51,0% 22,0% Volumi delle vendite ( mld) 3,0 7,6 15,0 6,0 Livello di attività del mercato italiano significativamente inferiore rispetto ad altri paesi europei, a testimonianza di un potenziale ancora inespresso. Scostamento rispetto al campione determinato da: cessione dei portafogli di crediti al consumo sul mercato Italiano prevalentemente da parte di Società Finanziarie; adozione di modelli di business differenti: focalizzazione in Italia su sofferenze/esausti vs. progressiva estensione delle cessioni anche su crediti di ageing inferiore per altri paesi. Fonte: elaborazioni KPMG sudati di mercato disponibili e benchmark interni. 21

22 Il mercato delle cessioni di portafogli crediti nel Consumer Finance in Italia: overview Possibili scenari evolutivi nel medio periodo Possibili scenari evolutivi nel mercato del credito al consume nel medio periodo Transazioni NPLs consumer credit in Italia ( mld) ~ 3,0 Andamento inerziale Nell'ottica inerziale di prosecuzione del trend di cessione di portafogli crediti consumer da parte di Società Finanziarie, i volumi transati si attesterebbero intorno a 2/3 mld. ~ 2,0/3,0 Volumi attesi 2013 Crescita dei volumi transati In ipotesi di avvio di processi di dismissione di portafogli da parte degli istituti bancari, il mercato delle cessioni di portafoglio crediti consumer potrebbe far registrare un incremento di volumi (4/5 mld). ~ 4,0/5,0 Volumi attesi 22

23 Il mercato delle cessioni di portafogli crediti nel Consumer Finance in Italia: overview Struttura ed organizzazione di una cessione di portafogli crediti consumer Deal Structure 1 Cedente 2 3 Ambito industriale 4 Agente 1 Fondo SpecialServicer Agente 2 Key issues per un deal di successo Agente n. 1 Cedente 2 Fondo 3 SpecialServicer 4 Agenti Data analysis/data quality. Minimizzazione del rischio reputazionale. Massimizzazione incassi. Garanzie sotto il profilo reputazionale. Conoscenza MS/Agenti e del relativo modello di business, anche ai fini del pricing. Massimizzazione disclosure su curve di incasso. Definizione codice di condotta/modello industriale. Riduzione delle asimmetrie informative (Fondo vs MS). Creazione servizi comuni al fine di minimizzare i costi e massimizzare l'efficienza della componete "lavoro". Rivisitazione dei processi interni e del modello di collection. Evoluzione vs sistemi operativi con focus su sistemi IT. 23

24 24

25 Domenico Torini KPMG Advisory S.p.A. Via Ettore Petrolini, ROMA M: E: Matteo Frigerio KPMG Advisory S.p.A. Via Vittor Pisani, MILANO M: E: Contatti

Alcune considerazioni sui modelli di recupero crediti per la Pubblica Amministrazione Relatore: Matteo Frigerio (KPMG Advisory S.p.A.

Alcune considerazioni sui modelli di recupero crediti per la Pubblica Amministrazione Relatore: Matteo Frigerio (KPMG Advisory S.p.A. Alcune considerazioni sui modelli di recupero crediti per la Pubblica Amministrazione Relatore: Matteo Frigerio (KPMG Advisory S.p.A.) Martedì 1 Ottobre 2013 Ata Hotel Villa Pamphili Roma Via della Nocetta

Dettagli

Presentazione Aziendale

Presentazione Aziendale Presentazione Aziendale Piazza SS. Apostoli 73-00187 Roma (Sede legale) P.IVA 08010981002 Tel. +39 06 6758261 Via Terraggio 17 20123 Milano info@cafinv.eu / www.cafinv.eu 1. Introduzione Introduzione CAF

Dettagli

Credex LA PIATTAFORMA PER LA GESTIONE DELLA CATENA ESTESA DEL VALORE DEL RECUPERO CREDITI. ABI Consumer Credit 2003. Roma, 27 marzo 2003

Credex LA PIATTAFORMA PER LA GESTIONE DELLA CATENA ESTESA DEL VALORE DEL RECUPERO CREDITI. ABI Consumer Credit 2003. Roma, 27 marzo 2003 LA PIATTAFORMA PER LA GESTIONE DELLA CATENA ESTESA DEL VALORE DEL RECUPERO CREDITI ABI Consumer Credit 2003 Roma, 27 marzo 2003 Questo documento è servito da supporto ad una presentazione orale ed i relativi

Dettagli

Il Management Consulting in Italia

Il Management Consulting in Italia Il Management Consulting in Italia Sesto Rapporto 2014/2015 Università di Roma Tor Vergata Giovanni Benedetto Corrado Cerruti Simone Borra Andrea Appolloni Stati Generali del Management Consulting Roma,

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017 Milano, 25.03.2014 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Risultati di esercizio al 31.12.2013

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

Come costruire una collection efficace partendo dalla conoscenza dei pagamenti

Come costruire una collection efficace partendo dalla conoscenza dei pagamenti Come costruire una collection efficace partendo dalla conoscenza dei pagamenti AICS Meeting Day, 22 Magio 2013 Roberto Alverdi Chi è CRIBIS Teleservice La società del Gruppo CRIF che da oltre 15 anni offre

Dettagli

Mirco Perelli Agos Ducato Spa Amministratore Delegato e Direttore Generale. Milano, 26 Maggio 2011

Mirco Perelli Agos Ducato Spa Amministratore Delegato e Direttore Generale. Milano, 26 Maggio 2011 Mirco Perelli Agos Ducato Spa Amministratore Delegato e Direttore Generale Milano, 26 Maggio 2011 2 Indice 1. Chi è Agos Ducato Il Profilo Gli Azionisti 2. Il mercato del credito al consumo in Italia 3.

Dettagli

LA GESTIONE ATTIVA DEI DISTRESSED ASSET BANCARI Strategie e modelli innovativi a confronto. Gualtiero Tamburini

LA GESTIONE ATTIVA DEI DISTRESSED ASSET BANCARI Strategie e modelli innovativi a confronto. Gualtiero Tamburini LA GESTIONE ATTIVA DEI DISTRESSED ASSET BANCARI Strategie e modelli innovativi a confronto Gualtiero Tamburini Milano 16 aprile 2013 USA vs Europa - Quota di vendite di distressed assets sul totale del

Dettagli

MUTUOSULWEB: LA NUOVA LINEA DI BUSINESS DEL GRUPPO CONAFI Presentazione Milano, 28 giugno 2011

MUTUOSULWEB: LA NUOVA LINEA DI BUSINESS DEL GRUPPO CONAFI Presentazione Milano, 28 giugno 2011 MUTUOSULWEB: LA NUOVA LINEA DI BUSINESS DEL GRUPPO CONAFI Presentazione Milano, 28 giugno 2011 1 DISCLAIMER Il presente documento è stato preparato da Conafi Spa ( Conafi e, unitamente alle sue controllate,

Dettagli

Credito alle famiglie Fare squadra per la ripresa

Credito alle famiglie Fare squadra per la ripresa Credito alle famiglie Fare squadra per la ripresa Chiaffredo Salomone Presidente Assofin Credito al Credito Roma, 25 novembre 215 ASSOFIN CORSO ITALIA, 17-2122 MILANO TEL. 2 865437 r.a. - FAX 2 865727

Dettagli

Gextra è una società di gestione dei crediti che si distingue per il valore del management.

Gextra è una società di gestione dei crediti che si distingue per il valore del management. Gextra è una società di gestione dei crediti che si distingue per il valore del management. Il management proviene da rilevanti esperienze nel settore della gestione del credito, in particolare di natura

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future European Payment Index 2013 Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future Intrum Justitia è il gruppo leader in Europa nei servizi di Credit Management Unica

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

L INDUSTRIA DEL CREDITO AL CONSUMO TRA RICERCA DEI RISULTATI E CONTROLLO DEL RISCHIO

L INDUSTRIA DEL CREDITO AL CONSUMO TRA RICERCA DEI RISULTATI E CONTROLLO DEL RISCHIO L INDUSTRIA DEL CREDITO AL CONSUMO TRA RICERCA DEI RISULTATI E CONTROLLO DEL RISCHIO Giuseppe Piano Mortari ASSOFIN Credito alle Famiglie 28 Roma, 1 giugno 28 Lo scenario: evoluzione della struttura economica

Dettagli

Credito alle famiglie I principali trend del mercato Lo stato di salute degli operatori

Credito alle famiglie I principali trend del mercato Lo stato di salute degli operatori Credito alle famiglie I principali trend del mercato Lo stato di salute degli operatori Chiaffredo Salomone Presidente ASSOFIN Credito al Credito Roma, 26 novembre 2014 ASSOFIN CORSO ITALIA, 17-20122 MILANO

Dettagli

Tempi di pagamento medi

Tempi di pagamento medi Pagamenti & ritardi. Conseguenze & rimedi. Chi fa credenza senza pegno, perde l'amico, la roba e l'ingegno. Giovanni Verga SECONDO un elaborazione dell Ufficio studi della CGIA di Mestre su dati Intrum

Dettagli

COMUNICATO STAMPA BANCA FINNAT PRESENTA ALLA COMUNITA FINANZIARIA I RISULTATI ECONOMICI AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA BANCA FINNAT PRESENTA ALLA COMUNITA FINANZIARIA I RISULTATI ECONOMICI AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA BANCA FINNAT PRESENTA ALLA COMUNITA FINANZIARIA I RISULTATI ECONOMICI AL 31 DICEMBRE 2014 Milano, 25 marzo 2015 Banca Finnat Euramerica S.p.A., in data odierna alle ore 12:05, nell ambito

Dettagli

Viene confermata la focalizzazione della Banca sulla concessione del credito e sulla gestione delle

Viene confermata la focalizzazione della Banca sulla concessione del credito e sulla gestione delle COMUNICATO STAMPA Il Consiglio d Amministrazione di Banca del Mezzogiorno MedioCredito Centrale approva il nuovo Piano Industriale Triennale 2015 2017 e la Relazione Semestrale al 30 giugno 2015 Roma,

Dettagli

Crediti in sofferenza e crisi bancarie

Crediti in sofferenza e crisi bancarie Crediti in sofferenza e crisi bancarie ISTITUTO PER L ALTA FORMAZIONE E LE ATTIVITA EDUCATIVE (I.P.E.) Napoli, 11 dicembre 2015 Giuseppe Boccuzzi Agenda 1. Crisi bancarie e business model delle banche

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017. Roma, 23.09.2015

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017. Roma, 23.09.2015 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017 Roma, 23.09.2015 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Risultati di esercizio al 30.06.2015

Dettagli

Evoluzione dell innovazione finanziaria: le cartolarizzazioni

Evoluzione dell innovazione finanziaria: le cartolarizzazioni Workshop Crisi finanziaria e squilibri reali Evoluzione dell innovazione finanziaria: le cartolarizzazioni Crediti non performing 22 novembre 2008 CONSIDERAZIONI INIZIALI Nonostante la legge sulle cartolarizzazioni

Dettagli

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 POLITICA DEI PRESTITI La valutazione dei fidi il controllo dei crediti concessi il recupero dei crediti problematici

Dettagli

Piano di Impresa 2006 2009. Marzo 2006

Piano di Impresa 2006 2009. Marzo 2006 Piano di Impresa 2006 2009 Marzo 2006 Ferservizi: Portafoglio servizi e volumi gestiti Consuntivo 2005 Acquisti di Gruppo Volume transato Ristorazione 214 M 12,7 milioni di pasti Servizi Amministrativi

Dettagli

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Milano, 25 Novembre 2008 Atahotel Executive Dott. Massimiliano Maggioni KPMG Advisory S.p.A. Agenda Overview sul

Dettagli

Consumer Credit 2002

Consumer Credit 2002 ServiziInterbancari Consumer Credit 2002 L evoluzione del mercato delle carte revolving Convegno ABI Roma, 26-27 febbraio 2002 Indice Il settore del credito al dettaglio Carte di credito revolving Impiego

Dettagli

L inquadramento teorico

L inquadramento teorico I preventivi economicofinanziari L inquadramento teorico Università di Pisa Le previsioni economiche: i ricavi di vendita Solitamente la prima variabile ad essere stimata corrisponde ai ricavi di vendita

Dettagli

finnova Prodotti e Servizi

finnova Prodotti e Servizi finnova Prodotti e Servizi INDICE 1 Finnova Mission 2. Portafoglio Prodotti & Servizi Portafoglio Prodotti & Servizi 3. Scenario di Riferimento Ritardo di pagamento delle PA Le cause Ritardo di pagamento

Dettagli

Ciclo economico e qualità del credito retail: applicazione e risultati di un modello di Stress Testing

Ciclo economico e qualità del credito retail: applicazione e risultati di un modello di Stress Testing Ciclo economico e qualità del credito retail: applicazione e risultati di un modello di Stress Testing Silvia Ghielmetti CRIF Decision Solutions, Direttore Francesco Diurni CRIF Decision Solutions IX Convention

Dettagli

Gruppi assicurativi quotati in borsa. Analisi di alcune cifre chiave della novestrale 2013

Gruppi assicurativi quotati in borsa. Analisi di alcune cifre chiave della novestrale 2013 Gruppi assicurativi quotati in borsa Analisi di alcune cifre chiave della novestrale 2013 Elaborazioni dai resoconti intermedi dei gruppi assicurativi quotati, dai dati di Borsa Italiana e di quelli di

Dettagli

Credito al consumo: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici. Sezione 4.1

Credito al consumo: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici. Sezione 4.1 Credito al consumo: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici Sezione 4.1 Profilo di Compass Dati di sintesi Quota di mercato cresciuta all 11,4% in un mercato ancora in contrazione, focus sui

Dettagli

Business Plan 14-16 - Indirizzi strategici e target di Gruppo. Sezione 1.4

Business Plan 14-16 - Indirizzi strategici e target di Gruppo. Sezione 1.4 Business Plan 14-16 - Indirizzi strategici e target di Gruppo Sezione 1.4 Linee guida Piano Strategico 2014-16 1 Semplificare il modello di business, ridurre l esposizione al comparto azionario 2 Confermare

Dettagli

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO COMUNICATO STAMPA Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO In forte accelerazione i flussi commerciali, 56.000 nuovi clienti nei primi quattro mesi

Dettagli

Teleperformance Italia

Teleperformance Italia Teleperformance Italia Customer acquisition e gestione della relazione con il Cliente Gabriele Albani 0 Roma, 13 febbraio 2007 1978-2006 Teleperformance All rights reserved Indice Il Gruppo Teleperformance

Dettagli

Nuove soluzioni di Factoring e nuovi rapporti con la Clientela

Nuove soluzioni di Factoring e nuovi rapporti con la Clientela Nuove soluzioni di Factoring e nuovi rapporti con la Clientela Intervento di Antonio De Martini Milano, 16 maggio 2006 Il vantaggio competitivo Principali elementi di soddisfazione: o Velocità e sicurezza

Dettagli

Gli intermediari finanziari non bancari

Gli intermediari finanziari non bancari Gli intermediari finanziari non bancari Intermediari creditizi non bancari A. Leasing B. Factoring C. Credito al consumo Art. 106 e 107 TUB Le società di leasing Elenco generale presso UIC Condizioni per

Dettagli

Affrontare la crisi: cambiano i comportamenti creditizi dei clienti. Guardiamoli.

Affrontare la crisi: cambiano i comportamenti creditizi dei clienti. Guardiamoli. Affrontare la crisi: cambiano i comportamenti creditizi dei clienti. Guardiamoli. Simone Capecchi Lamberto Barbieri Prestiti a febbraio 2009 Andamento della domanda di Prestito ponderata sui giorni lavorativi

Dettagli

Overview del mercato assicurativo in Italia

Overview del mercato assicurativo in Italia Overview del mercato assicurativo in Italia Premi lordi contabilizzati ( mld) CAGR = +3,1% 118,8 99,1 33,7 33,7 33,7 37,7 37,7 37,7 85,1 61,4 61,4 85,1 85,1 61,4 2007 2007 2007 2013 2013 2013 Vita Vita

Dettagli

Business Plan 2010-2012 Conference Call

Business Plan 2010-2012 Conference Call Business Plan 2010-2012 Conference Call Adolfo Bizzocchi 11/01/2010 Agenda Il contesto attuale di mercato La posizione competitiva di Credem Il piano 2010-2012 CRESCERE PER CONTINUARE AD ECCELLERE 2 Il

Dettagli

Metodi e Modelli per l Analisi Strategica per l A.A. 2013-2014

Metodi e Modelli per l Analisi Strategica per l A.A. 2013-2014 Metodi e Modelli per l Analisi Strategica per l A.A. 2013-2014 Caso 1: Progetto strategico: basic intelligence, visione e posizionamenti Caso 2: Progetto strategico: criticità, macro trend e obiettivi

Dettagli

Contenuti D. Lgs. 141/2010

Contenuti D. Lgs. 141/2010 L EVOLUZIONE DELL OFFERTA DI CREDITO ALLE FAMIGLIE E LA RIORGANIZZAZIONE DEI CANALI DISTRIBUTIVI Giuseppe Piano Mortari ASSOFIN Associazione Italiana del Credito al Consumo e Immobiliare Convegno RES La

Dettagli

La realtà di Banca Aletti

La realtà di Banca Aletti CAPIRE CAPIRE E GESTIRE GESTIRE I RISCHI RISCHI FINANZIARI FINANZIARI Sistemi di risk management a confronto: La realtà di Banca Aletti Christian Donati Milano, 7 Novembre 2011 - Sala Convegni S.A.F. SCUOLA

Dettagli

Progetto Multicanalità Integrata. Contact Unit. Milano, 17 luglio 2014

Progetto Multicanalità Integrata. Contact Unit. Milano, 17 luglio 2014 Progetto Multicanalità Integrata Contact Unit Milano, 17 luglio 2014 La nostra formula per il successo Piano d Impresa 2014-2017 1 Solida e sostenibile creazione e distribuzione di valore Aumento della

Dettagli

I prestiti (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

I prestiti (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 I prestiti (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 Problematiche dell attività creditizia OBIETTIVI: Riduzione selezione avversa Riduzione moral hazard

Dettagli

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI In un contesto ancora debole, il esprime una redditività in crescita continuando

Dettagli

Excellence Consulting. Company Profile

Excellence Consulting. Company Profile Excellence Consulting Company Profile Chi siamo L ECCELLENZA, l elemento principale della nostra value proposition non è solo il nostro brand ma fa parte anche del nostro DNA. Noi proponiamo eccellenza

Dettagli

Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria. Milano, 23.03.2011

Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria. Milano, 23.03.2011 Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria Milano, 23.03.2011 Presentazione Banca Finnat Dinamica operativa Principali grandezze economiche 2010 Scenario, opportunità e sfide da affrontare

Dettagli

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A.

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. IMPORTANTE SOSTEGNO ALL ECONOMIA Prestiti a clientela (1) : +5,3% a/a (vs sistema -0,6%

Dettagli

Cambia forma alla gestione del credito

Cambia forma alla gestione del credito Cambia forma alla gestione del credito YOU è il servizio progettato e sviluppato da Gextra per le PMI, i Professionisti e le Associazioni di categoria che: Hanno piccole quantità di crediti da recuperare;

Dettagli

Piazza SS. Apostoli 73-00187 Roma (Sede legale) P.IVA 08010981002 Tel. +39 06 6758261. Piazza Sant'Ambrogio 8-20123 Milano

Piazza SS. Apostoli 73-00187 Roma (Sede legale) P.IVA 08010981002 Tel. +39 06 6758261. Piazza Sant'Ambrogio 8-20123 Milano Piazza SS. Apostoli 73-00187 Roma (Sede legale) P.IVA 08010981002 Tel. +39 06 6758261 Piazza Sant'Ambrogio 8-20123 Milano info@cafinv.eu / www.cafinv.eu Servizi Offerti CAF è un servicer indipendente,

Dettagli

Il Management Consulting in Italia Primo Rapporto 2010. Prof. Corrado Cerruti Università di Roma Tor Vergata

Il Management Consulting in Italia Primo Rapporto 2010. Prof. Corrado Cerruti Università di Roma Tor Vergata Primo Rapporto 2010 Prof. Corrado Cerruti Università di Roma Tor Vergata Iniziare a comporre il puzzle Il Management Consulting è un settore dai confini non ben definiti, con basse barriere all'entrata

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 SIMONE CAPECCHI * Cresce ancora la domanda di credito da parte delle imprese ma si raffredda negli ultimi 2 trimestri. Al

Dettagli

Determinazione del valore di mercato del credito non perfoming Nascono gli e-commerce del credito anomalo

Determinazione del valore di mercato del credito non perfoming Nascono gli e-commerce del credito anomalo Determinazione del valore di mercato del credito non perfoming Nascono gli e-commerce del credito anomalo Angelo Franciotti Responsabile Reparto Cessioni, UGC Banca Agenda Trend del mercato italiano dei

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

L INDUSTRIA DEL CREDITO ALLE FAMIGLIE: SCENARI E STRATEGIE COMPETITIVE. Valentino Ghelli

L INDUSTRIA DEL CREDITO ALLE FAMIGLIE: SCENARI E STRATEGIE COMPETITIVE. Valentino Ghelli L INDUSTRIA DEL CREDITO ALLE FAMIGLIE: SCENARI E STRATEGIE COMPETITIVE Valentino Ghelli Roma, 29 Ottobre 2007 Il credito alle famiglie in Italia La crescita del credito alle famiglie in Italia, nella forma

Dettagli

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario Il Business Plan Roma, 15 maggio 2014 1 Definizione, obiettivi e requisiti [1/2] OBIETTIVI DEL BUSINESS

Dettagli

PROFILO AZIENDALE. Milano Ottobre 2015

PROFILO AZIENDALE. Milano Ottobre 2015 PROFILO AZIENDALE Milano Ottobre 2015 Chi siamo Gruppo Online S.p.A. è la holding di un gruppo di società di servizi finanziari attive nel mercato italiano della distribuzione di prodotti di credito e

Dettagli

Il mercato italiano del Private Equity e Venture Capital

Il mercato italiano del Private Equity e Venture Capital Il mercato italiano del Private Equity e Venture Capital Focus sul settore high tech 5 Dicembre 2007 Indice Overview generale Il mercato italiano del Private equity e Venture capital Focus sul settore

Dettagli

Star Conference 2006. Milano, 1 Marzo 2006

Star Conference 2006. Milano, 1 Marzo 2006 Star Conference 2006 Milano, 1 Marzo 2006 1 AGENDA IL GRUPPO BANCA FINNAT E LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO Arturo Nattino LE PRINCIPALI GRANDEZZE ECONOMICHE Gian Franco Traverso Guicciardi 2 Il Gruppo Banca

Dettagli

hamilton credit solution

hamilton credit solution hamilton credit solution l azienda Hamilton nasce dalla spontanea crescita dell attività di gestione e recupero crediti, svolta in forma individuale dal 1989 da Alessandro Sichi. La continua ricerca,

Dettagli

Dalle idee alle azioni: lo scenario di mercato e le esperienze delle principali aziende di credito italiane

Dalle idee alle azioni: lo scenario di mercato e le esperienze delle principali aziende di credito italiane Dalle idee alle azioni: lo scenario di mercato e le esperienze delle principali aziende di credito italiane CRIF Channel Director Finance Corporate Offer Italy Western Europe Agenda Credit market outolook:

Dettagli

www.pwc.com/it L impatto economico del Private Equity e del Venture Capital in Italia Risultati dello studio p.3 Metodologia e Glossario p.

www.pwc.com/it L impatto economico del Private Equity e del Venture Capital in Italia Risultati dello studio p.3 Metodologia e Glossario p. www.pwc.com/it L impatto economico del Private Equity e del Venture Capital in Italia Risultati dello studio p.3 Metodologia e Glossario p.8 Risultati dello studio PwC 3 Le aziende gestite da PE continuano

Dettagli

Allegato "14" Piero Luigi Montani Consigliere Delegato Contesto economico 2011 Scenario macroeconomico Economia mondiale 2011: crescita debole del PIL ed elevata instabilità finanziaria a causa delle tensioni

Dettagli

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2016

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2016 L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE Edizione 2016 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per

Dettagli

soluzioni avanzate per la gestione del credito aziendale

soluzioni avanzate per la gestione del credito aziendale soluzioni avanzate per la gestione del credito aziendale una squadra di cui ti puoi fidare 1980 la nostra partenza Floriana Ferro Amministratore unico I.NA.GE.C. nasce ad Alba agli albori degli anni Ottanta

Dettagli

Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015

Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015 Comunicato Stampa Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015 Utile netto consolidato a 7,6 milioni di Euro (+52,3% a/a) Ricavi consolidati a 44,8 milioni di Euro (+2,1% a/a) Risultato della gestione

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del 1 trimestre 2004 Ruud Huisman CEO del Gruppo

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del 1 trimestre 2004 Ruud Huisman CEO del Gruppo Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del 1 trimestre 2004 Ruud Huisman CEO del Gruppo 267,1 milioni di Euro di ricavi, in crescita del 26% rispetto al primo trimestre 2003 Crescita

Dettagli

Indice. xiii xvii. Presentazione di Federico Merola Prefazione di Andrea Sironi Introduzione

Indice. xiii xvii. Presentazione di Federico Merola Prefazione di Andrea Sironi Introduzione Presentazione di Federico Merola Prefazione di Andrea Sironi Introduzione xiii xvii xxi 1 Il soggetto finanziato 1.1 Fondi comuni di investimento immobiliare 2 1.1.1 Principali caratteristiche 4 1.1.2

Dettagli

IL PRESTITO CHE DA VALORE AL LAVORO

IL PRESTITO CHE DA VALORE AL LAVORO IL PRESTITO CHE DA VALORE AL LAVORO L EVOLUZIONE DELLA CESSIONE DEL QUINTO PER UNICREDIT Leonardo Cusco - Salvatore Ronzino Roma, 28 Novembre 2012 AGENDA LO SCENARIO ED IL CONTESTO NORMATIVO L EVOLUZIONE

Dettagli

Riserviamo alle Società del Gruppo risorse per il loro core business

Riserviamo alle Società del Gruppo risorse per il loro core business Riserviamo alle Società del Gruppo risorse per il loro core business IL CASO BCC SOLUTIONS UNA BEST PRACTICE NEL SETTORE BANCARIO MILANO, 14 FEBBRAIO 2013 RELATORE : ING. FRANCO GUGLIOTTA 2 Il Gruppo Bancario

Dettagli

La Vostra iducia è il nostro valore. www.creditteam.eu

La Vostra iducia è il nostro valore. www.creditteam.eu La Vostra iducia è il nostro valore. www.creditteam.eu 2 Credit Team nasce dalla sinergia di professionisti altamente qualificati nel recupero e nella gestione del credito commerciale e nei servizi di

Dettagli

Bilancio consolidato semestrale al 30 giugno 2015

Bilancio consolidato semestrale al 30 giugno 2015 Bilancio consolidato semestrale al 30 giugno 2015 Utile consolidato ante imposte di 20,3 milioni di euro Patrimonio netto consolidato a 476,6 milioni di euro Il Consiglio di Amministrazione di Tamburi

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

2014 RAPPORTO SUL LEASING

2014 RAPPORTO SUL LEASING RAPPORTO SUL LEASING INDICE PREMESSA Leasing motore dell economia I numeri che contano di più 1. ll leasing nell attuale contesto economico di riferimento 1.1 Le dinamiche di PIL e investimenti Focus:

Dettagli

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 COMUNICATO STAMPA BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 Il documento declina le linee strategiche e operative del Piano di Ristrutturazione presentato il 7 ottobre 2013

Dettagli

In merito ai punti all ordine del giorno della parte Ordinaria, l Assemblea ha deliberato:

In merito ai punti all ordine del giorno della parte Ordinaria, l Assemblea ha deliberato: ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA VENETO BANCA I Soci hanno approvato il bilancio al 31 dicembre 2014 e nominato quattro Consiglieri di Amministrazione. Si è svolta oggi a Villa Spineda, a Venegazzù

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a)

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a) GRUPPO CARIPARMA CRÉDIT AGRICOLE: UTILE NETTO 2014 A 182 MILIONI (+21% A/A) TRAINATO DALLA GESTIONE OPERATIVA (+14% A/A); POSIZIONE PATRIMONIALE SOLIDA E LIVELLI PIÙ CHE ADEGUATI DI LIQUIDITÀ Il ha conseguito

Dettagli

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO per passare all analisi del fabbisogno e della copertura finanziaria occorre terminare l analisi economica. i ricavi sono stati previsti nel dossier mercato alcuni costi sono

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Utile netto consolidato a 75,3 milioni di euro: risente dell andamento negativo

Dettagli

Le Crisi d Impresa tra Legge 132/2015 e prospettive di Riforma organica. Il ruolo delle Banche

Le Crisi d Impresa tra Legge 132/2015 e prospettive di Riforma organica. Il ruolo delle Banche Le Crisi d Impresa tra Legge 132/2015 e prospettive di Riforma organica Il ruolo delle Banche Roundtable Roma 12 Febbraio 2016 Qualità del Credito e dinamiche dei Non Performing Loans (NPL) Livelli elevati

Dettagli

Innovazione e asset allocation comportamentale: la segmentazione del cliente private

Innovazione e asset allocation comportamentale: la segmentazione del cliente private Innovazione e asset allocation comportamentale: la segmentazione del cliente private L incrocio tra clusterizzazione e approccio di finanza comportamentale Il delegatore impegnato Informato di finanza

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

IL CREDITO SPECIALIZZATO Profilo delle decisioni di spesa della famiglia

IL CREDITO SPECIALIZZATO Profilo delle decisioni di spesa della famiglia AGENDA 1. Il credito specializzato 2. Mutamenti nel mercato del credito al consumo 3. Cambiano le regole del mercato della cessione del quinto 4. I trend di mercato 5. Il concetto di centralità del cliente

Dettagli

Roma, 22 Novembre 2011

Roma, 22 Novembre 2011 Roma, 22 Novembre 2011 1) L evoluzione: a) Della redditività banca b) Della crisi economica c) del Cliente d) del canale retail della Banca 2) Mercato 3) Soddisfare il Cliente 4) Le riforme 5) I modelli

Dettagli

Cessione del quinto: potenzialità future e domande aperte

Cessione del quinto: potenzialità future e domande aperte Cessione del quinto: potenzialità future e domande aperte Convegno ABI - Assofin Credito alle famiglie 2007 Il nuovo mercato dei mutui e dei prestiti Roma, 30 ottobre 2007 Ing. Massimo Minnucci Amministratore

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 VALORIZZATO IL RUOLO DI BANCA COMMERCIALE RADICATA SUL TERRITORIO, PUNTO DI

Dettagli

La prima banca per i lavoratori dipendenti Pag. 1. L offerta: personalizzazione e sicurezza Pag. 3

La prima banca per i lavoratori dipendenti Pag. 1. L offerta: personalizzazione e sicurezza Pag. 3 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA La prima banca i lavoratori dipendenti Pag. 1 L offerta: sonalizzazione e sicurezza Pag. 3 Il credito al consumo: un settore in evoluzione Pag. 5 I dati economico-finanziari

Dettagli

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Il piano economico-finanziario Ruolo e inquadramento dello strumento Il piano economico-finanziario (PEF) costituisce una parte di un più ampio strumento di formalizzazione di un idea imprenditoriale :

Dettagli

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. approva il Bilancio consolidato ed il Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2012: Raccolta complessiva

Dettagli

Risultati 30 settembre 2010

Risultati 30 settembre 2010 Risultati 30 settembre 2010 Il modello di business Strategia e linee di sviluppo Dati economico-finanziari consolidati Allegati Banca IFIS: innovazione per le PMI In un contesto di mercato ancora difficile,

Dettagli

Un servizio di Money Back Collection a 360 gradi

Un servizio di Money Back Collection a 360 gradi Un servizio di Money Back Collection a 360 gradi Profilo aziendale Profilo Aziendale CALL&CTION, una nuova e dinamica realtà specializzata nella phone collection, intende porsi tra le best pratice nel

Dettagli

Carte prepagate e carte a microcircuito

Carte prepagate e carte a microcircuito Carte prepagate e carte a microcircuito situazione attuale e prospettive future Gabriele Boni Convegno ABI Carte 2002 - Roma, 10 luglio Agenda SSB ed il mercato Carte prepagate Caratteristiche e vantaggi

Dettagli

L EVOLUZIONE DELLO SCENARIO DEI P.O.S. L EVOLUZIONE DELLO SCENARIO DEI P.O.S.

L EVOLUZIONE DELLO SCENARIO DEI P.O.S. L EVOLUZIONE DELLO SCENARIO DEI P.O.S. L EVOLUZIONE DELLO SCENARIO DEI P.O.S. Convegno ABI Carte 2004 Roma 15-16 novembre 2004 Ing. Giuseppe Lo Sinno Amministratore Delegato Siteba S.p.A. LA CONCORRENZA E LA TECNOLOGIA DRIVER DEL CAMBIAMENTO

Dettagli

Gestione e tutela crediti. La migliore soluzione per i tuoi crediti

Gestione e tutela crediti. La migliore soluzione per i tuoi crediti Gestione e tutela crediti La migliore soluzione per i tuoi crediti Mission aziendale Esperienza Fineos è tra le società leader nella Gestione e Recupero Crediti Stragiudiziale grazie alla più che decennale

Dettagli

Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese

Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese Michele Boccia Responsabile Istituzionali Italia Eurizon Capital Sgr Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset

Dettagli