SISTEMA QUALITÀ DEI BED & BREAKFAST IN TRENTINO GUIDA PER I GESTORI DI B&B

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SISTEMA QUALITÀ DEI BED & BREAKFAST IN TRENTINO GUIDA PER I GESTORI DI B&B"

Transcript

1 SISTEMA QUALITÀ DEI BED & BREAKFAST IN TRENTINO GUIDA PER I GESTORI DI B&B

2 a cura di Gianfranco Betta, Beatrice Bonfanti e Paolo Maccagnan Redazione testi Gianfranco Betta Beatrice Bonfanti Paolo Maccagnan Michela Miori Grafica Asteria Multimedia Editing Michela Miori Beatrice Bonfanti Paolo Maccagnan Foto Editing Gianfranco Betta Beatrice Bonfanti Paolo Maccagnan Fonti Immagini Archivio B&B Sistema di Qualità Archivi privati gestori B&B 2 REPORT aprile 2005

3 Sommario Premessa 5 PARTE I Introduzione al Bed and Breakfast 7 1. Per una definizione di Bed and Breakfast 9 2. Il Bed and Breakfast in Italia 10 PARTE II Il Bed & Breakfast in Trentino La Legge provinciale Il B&B nell offerta ricettiva trentina L ospite del B&B: tipologie Turisti alla ricerca di ospitalità familiare Turisti alla ricerca di una soluzione più economica Turisti che si spostano per affari Turisti di passaggio Il Sistema di Qualità I primi passi del Club di prodotto Gli interventi dell Organo di gestione Le modifiche al disciplinare La formazione La promozione Un analisi del Sistema di Qualità Le strutture Famigliarità e accoglienza Promozione e commercializzazione L ospite del B&B e la sua motivazione Il questionario invernale Le Schede di Soddisfazione Una valutazione dei siti Politiche di prezzo e un tentativo di comparazione qualità/prezzo Evoluzione e significato del Sistema di Qualità Highlights: una fotografia del Sistema 63 REPORT aprile

4 PARTE III La formazione Introduzione L accoglienza La colazione A che ora è la colazione Che tipo di colazione offrire La colazione continentale La colazione continentale arricchita L English breakfast o colazione inglese La colazione trentina Che cosa c è per colazione Diete speciali e allergie Come presentare la colazione: la mise en place Suggerimenti sul servizio Lo stile e l arredo I lavori creati dai gestori Il marketing Elementi di marketing relazionale e customer satisfaction Il Trentino: una destinazione La promozione Il passaparola I biglietti da visita Il dépliant promozionale La segnaletica Internet e la posta elettronica La gestione economica e fiscale dei B&B Un programma semplice per la gestione economica L importanza della sostenibilità ambientale in un B&B 123 PARTE IV L esperienza del B&B: riflessioni e testimonianze Diventare gestore di un B&B I vantaggi e svantaggi I corsi di formazione: alcuni momenti L ABC di un B&B, testimonianze dalla voce dei gestori Un augurio finale REPORT aprile 2005

5 Premessa Bed & Breakfast è una formula d ospitalità abbastanza nuova e non solo per il Trentino apprezzata soprattutto per l economicità e le potenziali qualità sottese al rapporto che s instaura fra chi apre le porte di casa propria e chi viene ospitato. Ed in un Trentino che di ospitalità vive accogliendo oltre 4,2 milioni di ospiti l anno per 29 milioni di giornate vacanza la Provincia Autonoma ha voluto riconoscere in questa tipologia ricettiva una formula emergente ed innovativa, destinata a crescere nella prospettiva d un turismo sempre più sostenibile e compatibile con l ambiente naturale, armonico rispetto alle vocazioni ed alle caratteristiche di identità degli operatori e della popolazione locali. Sarebbe un errore guardare ai B&B in termini concorrenziali rispetto al tradizionale modello di ricettività: si tratta, invece, d un segmento complementare, rispetto a quelli alberghiero ed extralberghiero, diverso grazie alle sue caratteristiche e valori essenzialmente immateriali costituito dall esperienza di condivisione che il turista ha la possibilità di vivere. Un esperienza di scambio incontri e confronto, di contatto umano che consente un rapporto fra le parti più caloroso e personalizzato di quello che si può avere in una struttura alberghiera In quest ottica la Provincia ha deciso di accompagnare ed affiancare la nascita di questo sistema di qualità dei B&B con la redazione di una Carta dell Ospitalità familiare, ad adesione volontaria, che vuole valorizzare un accoglienza genuina e familiare fondata sull autenticità, sulla tipicità, sul radicamento e sullo stretto legame al territorio e alla cultura di appartenenza, sulla salvaguardia della tradizione e sull entusiasmo nel rapporto umano. Questa Guida documenta il percorso di crescita che gestori e gestrici - ma soprattutto queste ultime, perché l anima e le interpreti di questa forma di ricettività sono soprattutto donne - hanno condiviso nell ambito del Club di qualità dei B&B attraverso momenti di confronto, di discussione e di formazione con il supporto dell Organo di gestione, ben interpretato dall Osservatorio provinciale per il Turismo. Una prima tappa di questo percorso si è conclusa, ed i gestori significativamente hanno deciso di costituirsi ora in Associazione per ribadire intenzioni ed impegni premessi al loro lavoro, ponendo al centro dell attività la cura dell ospite, potenziando la cultura dell accoglienza, il potenziamento di una rete locale, non REPORT aprile

6 solo con gli operatori aderenti al Sistema di qualità, ma anche con gli altri soggetti che operano in campo turistico per una migliore valorizzazione del territorio e delle sue risorse. Tutti obiettivi funzionali, questi, al principale traguardo ed obiettivo dell iniziativa, ossia il raggiungimento d una sostenibilità complessiva. Una dimensione intesa come attenzione all ambiente naturale, ma anche agli aspetti economici, interpretando il turismo come strumento a sostegno dell economia locale, privilegiando ad esempio il consumo di prodotti locali, ed esaltazione dei valori socio culturali della nostra terra, conferendo il giusto risalto alle tradizioni e alla cultura locale proposti come elementi distintivi del Trentino. Questa Guida vuole essere soprattutto testimonianza di questi impegni e traguardi che la neonata Associazione dei B&B di qualità s è prefissa: nell auspicio comune d una ulteriore crescita del Trentino e della sua gente. Tiziano Mellarini Assessore all agricoltura, commercio e turismo PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO 6 REPORT aprile 2005

7 Parte I INTRODUZIONE AL BED & BREAKFAST REPORT aprile

8 8 REPORT aprile 2005

9 1. Per una definizione di Bed and Breakfast Come sempre accade in presenza di termini provenienti da lingue diverse dalla nostra, ci si serve dei dizionari per effettuare la traduzione e cercare di capirne il significato. Provando a cercare le singole voci scopriamo che Bed and Breakfast letteralmente significano: Letto e Colazione. I più curiosi che possiedono anche qualche rudimento di lingua inglese potrebbero pensare di provare a cercare l intera espressione servendosi di un dizionario monolingue; ecco cosa potrebbero trovare: Figura 1: Definizione di Bed and Breakfast Bed and Breakfast also spelled bed-and-breakfast 1 In Britain, a Bed and Breakfast is a system of accommodation in a hotel or a guest house in which you pay for a room for the night and for breakfast the following morning. The abbreviation B&B is also used. Bed and Breakfast costs from 20 per person per night a small Bed and Breakfast hotel near London. 2 In Britain, a Bed and Breakfast is a guest house that provides Bed and Breakfast accommodation. The abbreviaton B&B is also used. Accomodation can be arranged at local Bed and Breakfast. fonte: Dizionario monolingue Collins COBUILD Bed and Breakfast anche scritto bed-and-breakfast 1 In Gran Bretagna, un Bed and Breakfast è un tipo di sistemazione in un hotel o l ospitalità in casa privata, dove si paga la stanza per la notte e la colazione del giorno dopo. E anche usata l abbreviazione B&B. La camera e la colazione costano dalle 20 sterline per persona per notte...in un piccolo hotel Bed and Breakfast vicino a Londra. 2 In Gran Bretagna, un Bed and Breakfast è una casa privata che offre una sistemazione con camera e colazione. E anche usata l abbreviazione B&B. La sistemazione può essere predisposta nei Bed and Breakfast locali. Le origini di questa forma di ospitalità appartengono infatti al mondo anglosassone, ma il suo significato si è notevolmente evoluto nel tempo. Dalla semplice ospitalità offerta dalla famiglia al viaggiatore di passaggio o per tornare indietro nel tempo al pellegrino che cercava riposo dopo lunghe distanze percorse a piedi o a cavallo, oggi con questa espressione si identificano numerose offerte e forme di sistemazione, alcune delle quali ne tradiscono il significato originale. Se oggi vogliamo trovare il Bed and Breakfast della tradizione, dobbiamo rivolgerci a quelle persone che offrono ospitalità a pagamento presso la propria abitazione, che non rappresenta semplicemente un luogo dove trascorrere la notte e consumare un piccolo pasto al mattino, ma è l esperienza di una dimensione più umana, calda e familiare che diventa occasione di scambio culturale e fonte di arricchimento sia per l ospite che per la famiglia che lo ospita. REPORT aprile

10 2. Il Bed and Breakfast in Italia Dalla realtà consolidata di oltre un secolo nel mondo anglosassone dall Inghilterra all Irlanda, la struttura ricettiva dei B&B si è progressivamente diffusa nei paesi del Nord Europa, ma anche in Australia e in USA. In Italia si è dovuto attendere il decennio 90 del secolo appena trascorso (e più precisamente il 1997, complice l esigenza di garantire un ospitalità ai numerosi pellegrini previsti per il Giubileo del 2000) perché la materia ricevesse un riconoscimento normativo a livello nazionale aprendo la strada alle diverse regolamentazioni regionali, in testa la Regione Lazio nel 1997 e negli anni successivi le altre Regioni. Anche la Provincia Autonoma di Trento con la LP 15 maggio 2002 n. 7 Disciplina degli esercizi alberghieri ed extralberghieri e promozione della qualità della ricettività turistica, ha previsto nelle tipologie possibili degli esercizi extralberghieri anche il Bed and Breakfast di cui si parlerà più avanti. Gli elementi comuni alle diverse regolamentazioni regionali sono: - una o più stanze disponibili (fino a un massimo di sei nella Regione Puglia) da mettere a disposizione dell ospite, oltre alla prima colazione; - il carattere saltuario che differenzia il B&B da un attività di tipo imprenditoriale con il relativi obblighi e adempimenti di carattere fiscale e normativo; - l avvalersi della normale organizzazione familiare per la gestione dell attività. Più differenziati invece gli aspetti per quanto riguarda la somministrazione di cibi e bevande (prevalentemente si fa riferimento a cibi e bevande confezionati e non manipolati, ma non mancano casi in cui si raccomanda l utilizzo di prodotti tipici e si fa genericamente riferimento alla garanzia della sicurezza alimentare ); l adozione di un marchio regionale e una classificazione delle strutture. Dall ultima stima a livello nazionale a fine 2003, risultava che questa forma di ricettività raccogliesse oltre 5000 strutture, con una tendenza alla crescita ulteriore; crescita che proprio nel panorama dell offerta ricettiva trentina ha dimostrato di essere notevole soprattutto considerata la recente disciplina provinciale. 10 REPORT aprile 2005

11 Parte II IL BED AND BREAKFAST IN TRENTINO REPORT aprile

12 12 REPORT aprile 2005

13 1. La Legge provinciale L.P. 7/2002 Legge 7/2002 Riforma Disciplina degli esercizi alberghieri ed extralberghieri e promozione della qualità della ricettività turistica La legge provinciale 7 del 2002 nasce con un duplice obiettivo: 1) disciplinare la tipologia e le caratteristiche dell offerta ricettiva del Trentino; 2) riqualificare il turismo trentino attraverso la realizzazione di un marchio di qualità e di marchi di prodotto. La Provincia Autonoma di Trento ha saputo infatti riconoscere nella tipologia dei B&B una formula ricettiva emergente ed innovativa, destinata nel futuro ad avere sempre maggior importanza non soltanto per il panorama ricettivo locale, ma soprattutto in una logica di turismo sostenibile che protegga il Trentino dal pericolo di lacerazioni. I B&B sono una particolare formula ricettiva che rappresenta una soluzione sostanzialmente diversa e dotata di peculiarità che non può e non pretende competere con la ricettività alberghiera data l esiguità dei posti letto, ma ciò che la contraddistingue e la rende interessante sul mercato sono i suoi elementi intangibili, rappresentati dall esperienza di condivisione più o meno completa che il turista ha la possibilità di fare a contatto con la famiglia ospitante; un esperienza di condivisione ma soprattutto di scambio informativo e contatto umano che consente un rapporto fra le parti più caloroso e personalizzato di quello che si può avere in una struttura alberghiera. Il legame che si instaura fra le parti permette agli ospiti una conoscenza delle destinazione più genuina ed autentica, che va oltre l offerta consueta e ormai standardizzata. Il turista ha cioè la possibilità di scoprire e vivere il territorio attraverso il punto di vista di chi lo abita e lo conosce, cogliendo quegli elementi e quelle risorse sconosciute al turismo tradizionale, poiché considerate non attrattive, anche se più vere ed autentiche. I B&B rappresentano quindi per i turisti una porta privilegiata per entrare in una destinazione e conoscerla meglio e per instaurare un rapporto più autentico e meno anonimo di quello che si può sperimentare nelle altre tipologie ricettive. Ecco perché la Provincia Autonoma di Trento con la Legge Provinciale del 15 maggio 2002 numero 7 art. 33 ha previsto nelle tipologie possibili degli esercizi extralberghieri anche il Bed and Breakfast, definendolo come ospitalità turistica offerta con carattere saltuario da coloro che, avvalendosi della sola organizzazione familiare, utilizzano parte dell edificio in cui risiedono fino ad un massimo di tre camere, fornendo servizio di alloggio e prima colazione. Il servizio di prima REPORT aprile

14 colazione è assicurato fornendo cibi e bevande che non richiedono manipolazione 1. In base a questa normativa provinciale una famiglia può decidere di realizzare nella propria casa di residenza un B&B utilizzando fino ad un massimo di tre stanze. La ricettività in B&B è considerata di tipo non alberghiero, perciò i locali destinati a questa attività non necessitano di un cambio di destinazione, ma il semplice possesso dei requisiti igienico- sanitari e di sicurezza previsti dalle leggi e dai regolamenti comunali per la concessione dell abitabilità della residenza. La normativa provinciale prevede che l attività sia realizzata utilizzando parte della propria abitazione di residenza; nel caso in cui due appartamenti possano essere considerati ai fini catastali come un unica unità immobiliare 2 allora è consentito l uso di stanze (sempre con il limite di tre) anche se disposte su piani diversi. Per quanto concerne il numero di posti letto non è indicato esplicitamente un numero massimo, come avviene in altre normative regionali, ma si fa riferimento alla superficie minima per le diverse tipologie di stanze (camera singola 8 mq, camera doppia 14 mq, ecc.). Per aprire un B&B è necessario presentare una comunicazione di inizio attività al Comune competente sul territorio, che si occuperà di inoltrarla al Servizio Turismo della Provincia, pena l applicazione delle sanzioni previste dalla normativa vigente. Nella domanda si dovrà indicare, oltre ai dati personali del gestore, il rispetto dei requisiti di abitabilità e sicurezza, il numero delle camere destinate a questa attività, i posti letto disponibili e la dotazione di servizi igienico-sanitari, con la presenza di servizi dedicati in presenza di due stanze. Il gestore deve comunicare tempestivamente al Comune competente la cessazione dell attività e tutte le modifiche intercorse ai locali adibiti a B&B relative ai requisiti dichiarati. Nelle strutture che offrono ospitalità del tipo Bed and Breakfast il Regolamento di attuazione della l.p. 7/2002 prevede siano assicurati i seguenti servizi minimi: - la camera e la colazione; - la pulizia quotidiana dei locali; - la fornitura e il cambio periodico della biancheria, compresa quella da bagno (non viene però fissata una cadenza precisa di cambio della biancheria, mantenendo valida la consuetudine del cambio almeno settimanale oltre che ad ogni cambio dell ospite); 1 Questo elemento serve soprattutto per evitare di assoggettare i gestori di B&B a regole igienico sanitarie, proprie delle strutture ricettive gestite in forma imprenditoriale, che in questo caso risulterebbero eccessivamente gravose. 2 Ad esempio la disposizioni su più piani di locali facenti parte dell unità immobiliare dove la famiglia risiede. 14 REPORT aprile 2005

15 Marchi di prodotto - la fornitura di energia elettrica, di acqua calda e fredda e di riscaldamento dei locali. Per quanto attiene i prezzi il legislatore provinciale stabilisce che siano determinati liberamente dal soggetto gestore, con l unico vincolo di comunicare l ammontare massimo alle Aziende di promozione turistica di ambito (Apt) o al Consorzio Pro Loco entro il 30 giugno di ogni anno. Tali prezzi devono riferirsi alla singola stanza. La legge rivolge inoltre la sua attenzione al miglioramento della qualità che nel panorama turistico ormai globalizzato e sempre più competitivo, diventa un fattore critico di differenziazione e di successo. E una qualità che deve riconoscersi e far conoscere la personalità e l identità di un territorio, le sue peculiarità, attraverso un marchio che la rappresenti anche all interno della sua vasta offerta. A tale scopo sono nati i marchi di prodotto finalizzati alla specializzazione dell offerta verso determinati prodotti specifici del territorio e indirizzati alla soddisfazione delle esigenze di particolari segmenti di domanda. I marchi di prodotto hanno una valenza strategica per l immagine della ricettività del territorio e nella loro significativa diffusione dimostrano la volontà di trasmettere un elevato standard di qualità. Tra questi marchi troviamo appunto quello dei B&B aderenti al Sistema di Qualità; quello delle strutture ricettive aderenti al Club Vitanova; il Mototurismo ed altri, che rappresentano nel panorama dell offerta ricettiva trentina i segni di una volontà e di una capacità di essere sempre attenti alle esigenze del mercato. REPORT aprile

16 2. Il B&B nell offerta ricettiva trentina Per comprendere il ruolo e le potenzialità di questa nuova tipologia ricettiva dei B&B, è bene dare uno sguardo a ciò che il Trentino è in grado di offrire al turista che decide di sceglierlo come meta delle sue vacanze ed è quindi utile soffermarsi seppur brevemente, sulle caratteristiche dell offerta ricettiva provinciale. Grafico 1: Distribuzione posti letto (PL) per tipologia ricettiva (settembre 2004) seconde case 40,6% campeggi 8,20% complementare 12,47% altro 3,19% alloggi privati 26,38% alberghi 20,52% agritur 0,36% Bed and Breakfast 0,08% fonte: Elaborazione Osservatorio Provinciale per il Turismo su dati Servizio Statistica P.A.T. Se analizziamo la distribuzione percentuale dei posti letto per tipologia di struttura ricettiva (grafico 1) emerge come le seconde case che coprono il 40,6% di tutti i posti letto disponibili, siano una fetta molto consistente del patrimonio ricettivo trentino rispetto invece all alberghiero che ne copre soltanto il 20,5%. Anche gli alloggi privati superano con il loro 26,4% l alberghiero. Il complementare 3 con il 12,5% rappresenta davvero una fetta esigua di tutto il patrimonio. Tabella 1: L'offerta ricettiva del Trentino (settembre 2004) TIPO DI STRUTTURA RICETTIVA TOTALE STRUTTURE LETTI GLOBALI alberghi alloggi privati seconde case : complementare certificato di cui affittacamere agritur bed&breakfast altro campeggi TOTALE fonte: Elaborazione Osservatorio Provinciale per il Turismo su dati Servizio Statistica 3 Nella voce complementare rientrano: affittacamere e C.A.V., campeggi, rifugi, colonie e campeggi mobili, case per ferie, agritur e agricampeggi, e altre strutture. 16 REPORT aprile 2005

17 Dall analisi dei dati riportati in tabella 1 emerge come il Trentino disponga nel complesso di un patrimonio ricettivo che dà luogo ad un ampia offerta, consistente in ben posti letto in strutture. Se focalizziamo ora l attenzione sul segmento della ricettività in famiglia rappresentato dai B&B, osserviamo come esso costituisca all interno del settore complementare una piccola quota della ricettività con uno 0,08% di posti letto. Appare chiaro quindi come questa offerta, data l esiguità dei posti letto a disposizione, non possa certo porsi come obiettivo quello di competere con le strutture alberghiere pur rappresentando un offerta interessante. Grafico 2: Distribuzione arrivi certificati 2003 per tipologia ricettiva C.A.V. 2,22% campeggi 10,36% altro 5,06% complementare 17,68% alberghi 80,10% affittacamere 1,63% agritur 0,56% bed&breakfast 0,07% fonte: Elaborazione Osservatorio Provinciale per il Turismo su dati Servizio Statistica P.A.T.. Per quanto riguarda il movimento ospitato dai B&B, gli arrivi (grafico 2) coprono uno 0,07% del complementare che nel suo insieme copre il 17, 7% dell offerta ricettiva trentina. Le presenze coprono uno 0,04 % (grafico 3). Grafico 3: Distribuzione presenze certificate 2003 per tipologia ricettiva C.A.V. 4,26% alberghi 76,29% campeggi 12,53% complementare 19,46% altro 4,42% bed&breakfast 0,04% affittacamere 1,89% agritur 0,57% fonte: Elaborazione Osservatorio Provinciale per il Turismo su dati Servizio Statistica P.A.T. REPORT aprile

18 Grafico 4: Distribuzione dei B&B in Trentino (settembre 2004) camere Altavalsugana Valle di Non Valle di Fiemme Pine' Cembra Giudicarie centr. Primiero Ledro Rotaliana SOLE VALLAGARINA GARDA NON TRENTO Garda Trento Valle di Non strutture Valsugana Orientale Paganella fonte: Osservatorio Provinciale per il Turismo su dati Servizio Statistica P.A.T. Uno sguardo alla consistenza del patrimonio ricettivo dei B&B (grafico 4) porta invece alla constatazione che il fenomeno è in continua e notevole evoluzione: nel 2001 i B&B erano solamente 17 in tutta la provincia, per un totale di 44 posti letti, nel 2002 erano già 31 (per 165 posti letto), a dicembre 2003 se ne contavano 52 (per 275 posti letto) e a dicembre 2004 se ne contano 70 (per ben 361 posti letto). La Vallagarina e la Val di Sole sono gli ambiti che ospitano il maggior numero di queste strutture, rispettivamente 16 e 10, ma è buona anche la concentrazione nell ambito del Garda Trentino e in quello del capoluogo (6 ciascuno). Gli altri 32 B&B sono sparsi in vari ambiti del territorio provinciale. 18 REPORT aprile 2005

19 3. L ospite del B&B: tipologie Se dunque è questa la posizione del B&B nel panorama dell offerta ricettiva trentina è interessante rivolgere ora l attenzione alla tipologia di clientela che frequenta questo tipo di struttura. Come insegnano infatti i fondamenti del marketing, dietro ogni offerta vi è una domanda ed è importante individuare il tipo di cliente (la domanda) a cui si rivolge il prodotto (l offerta) per mantenere sempre costante e continuo il loro collegamento, ma soprattutto per essere aggiornati e flessibili alle richieste di un mercato in continua evoluzione. Ecco dunque le diverse tipologie di chi frequenta un B&B: - turisti alla ricerca di ospitalità familiare - turisti alla ricerca di una soluzione più economica - turisti che si spostano per affari - turisti di passaggio 3.1. Turisti alla ricerca di ospitalità familiare Una prima tipologia è composta da ospiti interessati a conoscere meglio un territorio e che ritengono che un ospitalità di tipo familiare rappresenti il mezzo più idoneo per entrare in quel territorio e condividere qualche aspetto della vita dei residenti. Si potrebbe affermare che amano sentirsi quanto più simili ai residenti piuttosto che essere considerati dei turisti. Si tratta per lo più di ospiti molto attenti alla qualità, con buona capacità di spesa, titolo di studio medio alto e che non considerano il prezzo del pernottamento l aspetto più importante della loro scelta. Sono soggetti che hanno viaggiato molto e sperimentato molte soluzioni ricettive e quindi capaci di comparazione nel rapporto qualità prezzo. Sono dotati di spirito critico e pur disposti ad adattarsi, sono anche molto esigenti e per nulla disposti a pagare un corrispettivo che non considerano corretto rispetto a quanto offerto Turisti alla ricerca di una soluzione più economica Una seconda tipologia di ospiti di un B&B è alla ricerca della soluzione più economica di pernottamento e pensa che il B&B soddisfi questa sua esigenza. Spesso sono coloro che si rivolgono alle strutture turistiche per chiedere informazioni su possibili pernottamenti quando sono già in loco. In sostanza costoro cercano una stanza economica e non un contatto con una famiglia. REPORT aprile

20 3.3.Turisti che si spostano per affari Un altra tipologia di visitatori riguarda lavoratori presenti in loco (e questa tipologia di clientela è tanto più numerosa quanto più elevata è la presenza di attività produttive in loco come ad esempio nelle città o nell Asta dell Adige). Sono anch essi interessati ad una soluzione economica di soggiorno per un periodo più o meno lungo (dal rappresentante di commercio per una sola notte, a chi è interessato a periodi più lunghi) Turisti di passaggio Un ulteriore tipologia riguarda gli ospiti di passaggio nella loro percorrenza tra sud e nord Europa (anche questi numerosi sull asta dell Adige), non intenzionati a fermarsi più giorni e interessati ad un solo pernottamento. Questa tipologia di ospiti, a differenza delle due tipologie precedenti, può essere in qualche misura equiparata alla prima tipologia, perché questi ospiti potrebbero diventare in un futuro dei turisti che scelgono il Trentino come meta delle loro vacanze. 20 REPORT aprile 2005

21 4. Il Sistema di Qualità Nascita del Sistema di Qualità Filosofia del Sistema Per intercettare e soddisfare la domanda e le aspettative della prima tipologia di visitatori (turisti alla ricerca di ospitalità familiare), che più da vicino sembra condividere lo spirito del B&B rispetto alle altre, è nato il Club di prodotto che ha lavorato e lavora per consolidare e valorizzare un incontro dei turisti con il territorio e i suoi residenti e per trasmettere la cultura e la tradizione di questo territorio all ospite che giunge in Trentino. L interesse è stato rivolto soprattutto alla prima tipologia in quanto non soltanto le esigenze poste dalle altre tipologie si allontanano dai valori cardine del B&B, ma sono esigenze che possono sicuramente trovare soddisfazione in altre tipologie ricettive presenti in Trentino (soprattutto affittacamere). La Provincia di Trento ha scelto quindi di far nascere un sistema di qualità dei B&B con la redazione di una Carta dell Ospitalità familiare ad adesione volontaria che vuole valorizzare un ospitalità genuina e familiare fondata sull autenticità, sulla tipicità, sul radicamento e sullo stretto legame al territorio e alla cultura di appartenenza, sulla salvaguardia della tradizione e sull entusiasmo nel rapporto umano 4. Pertanto le parole chiave da introdurre nel bagaglio di chi intraprende questa attività sono: - autenticità/genuinità - tipicità - radicamento/stretto legame al territorio e alla cultura di appartenenza - salvaguardia della tradizione - entusiasmo nel rapporto umano Vediamo ora di spiegare il significato di queste parole chiave che riassumono la filosofia del Club di prodotto: L autenticità/genuinità: l ospite che cerca l accoglienza familiare si presume cerchi di ritrovare quei valori di genuinità ed autenticità del sentire che caratterizzano l ambiente familiare di contro ad un ambiente invece più artefatto e meno caloroso. La tipicità: l elemento che maggiormente contraddistingue l ospitalità nel B&B è proprio quello di trovare strutture inserite in contesti del tutto diversi e con peculiarità che sono tipiche non soltanto della zona in cui si trovano, ma soprattutto della famiglia che vi abita. Il radicamento/legame al territorio e alla cultura di appartenenza: l incontro con la famiglia diventa un canale privilegiato di trasmissione di quel legame, di quelle radici che costituiscono il passato, il presente ed il futuro della vita di un uomo con 4 Provincia Autonoma di Trento, 2002, Carta dell Ospitalità familiare- Il sistema Qualità dei B&B in Trentino, pagg REPORT aprile

22 Carta dell Ospitalità familiare Requisiti minimi il suo territorio d origine; è una cultura fatta di valori, di tradizioni, di usanze e di curiosità che l ospite del B&B cerca di scoprire. La salvaguardia della tradizione: se dunque attraverso l ospitalità in famiglia il gestore ha la possibilità di far conoscere il territorio e le sue tradizioni, questa trasmissione del patrimonio che gli appartiene, diventa essa stessa un mezzo di salvaguardia della tradizione contro il passare del tempo che tende a trasportare ogni cosa nell oblio. L entusiasmo nel rapporto: principio motore di questa trasmissione di valori e di cultura del territorio è l entusiasmo nel rapporto, la predisposizione al contatto umano come comunicazione essenziale del vivere. Ecco perché aderire al Club di prodotto significa non soltanto impegnarsi, in regola con la normativa vigente, a rispettare requisiti strutturali e gestionali di servizio, nonché specifici impegni definiti nella Carta dell Ospitalità familiare, ma significa anche e soprattutto il rispetto e l applicazione da parte degli aderenti, della filosofia gestionale che sta alla base della Carta. L appartenenza ad un Club di prodotto è la condivisione di un esperienza che si manifesta non soltanto attraverso benefici di tipo economico, ma soprattutto attraverso una qualità che viene riconosciuta dal cliente come identità specifica di quel marchio e che deve distinguersi dall offerta di altre strutture non aderenti. Attraverso il Sistema di qualità dei B&B in Trentino viene garantita al turista un offerta ad elevato contenuto qualitativo che gli aderenti al Sistema di qualità dei B&B devono saper offrire rispettando requisiti di tipo strutturale e di tipo gestionale: - l esterno dell abitazione: dovrà essere gradevole e in buono stato di manutenzione, con facilitazioni nel garantire possibilità di parcheggio all ospite; - la stanza da letto: deve rispettare alcuni parametri relativi alla superficie e alle dotazioni minime; - il bagno: deve essere previsto ad esclusivo beneficio degli ospiti nel caso di almeno due stanze e deve disporre della dotazione minima prevista nella Carta. - la pulizia locali e la biancheria: come prevede la normativa, la pulizia deve avvenire quotidianamente e ad ogni nuovo ospite deve essere fornito al suo arrivo un set di biancheria pulita, compresa quella da bagno. Il cambio della biancheria su richiesta dell ospite può avvenire giornalmente; - la somministrazione degli alimenti: la colazione deve essere preparata con alimenti di igiene e qualità garantita non manipolati, privilegiando l uso di prodotti tipici trentini; - l accoglienza: da intendere come informazioni garantite all ospite riguardo sia le regole della casa e i prezzi praticati, previsti in più lingue, sia le risorse e le attrattive turistiche esistenti in loco. La Carta prevedeva in principio come suggerimento all accoglienza dell ospite, la consegna della Lettera di Benvenuto e della Scheda di Soddisfazione del servizio, di una copia delle chiavi di casa e la consegna alla partenza di un ricordo al fine di 22 REPORT aprile 2005

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

INDICE TITOLO I - OGGETTO DEL TESTO UNICO TITOLO II - ORGANIZZAZIONE TURISTICA REGIONALE TITOLO III - STRUTTURE RICETTIVE

INDICE TITOLO I - OGGETTO DEL TESTO UNICO TITOLO II - ORGANIZZAZIONE TURISTICA REGIONALE TITOLO III - STRUTTURE RICETTIVE Legge Regionale 16 luglio 2007, n. 15 Testo unico delle leggi regionali in materia di turismo. (approvata con deliberazione del Consiglio regionale n VIII/397 del 03/07/2007 e pubblicata nel Bollettino

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Gli eventi organizzati in provincia di Trento che hanno al loro centro una proposta enogastronomica sono, nell arco dell anno, numerosi.

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore VOI esprime sia una dedica ai nostri graditissimi ospiti, destinatari delle nostre attenzioni quotidiane, sia l acronimo di VERA OSPITALITÀ ITALIANA,

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia Il disciplinare della rete Enogastronomia marzo 2004 A. Le premesse L Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Palermo

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Le potenzialità dell altra stagione Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione 1 Il turismo attivo in

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB TITOLO I: IL CLUB DEI MIGLIORI NEGOZI DI OTTICA IN ITALIA. Il Club dei migliori negozi di ottica in Italia è costituito dall insieme delle imprese operanti nel campo del commercio dell ottica selezionate

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c.

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Data e Sede: 1-2 dicembre 2010 - Roma Evento ECM N N. rif. ECM 10033589 crediti 9 Programma e

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli