Definizione e gestione dei KPIs in un contratto di Global Service

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Definizione e gestione dei KPIs in un contratto di Global Service"

Transcript

1 Associazione Italiana di Manutenzione XX Congresso Nazionale Strumenti e Partners per una Manutenzione di Eccellenza Definizione e gestione dei KPIs in un contratto di Global Service L esperienza ApiSoi ed il contributo degli studenti dell Università di Ancona. Chiara Forni Piergiorgio Rossetti ApiSoi, Ingegneria di Manutenzione ApiSoi, Responsabile Progetti Speciali Sommario Monitoraggio del Sistema Manutenzione 3 Formulazione e calcolo dei KPIs. 3

2 Premessa Il percorso di ApiSoi Service come fornitore di Global Service di Manutenzione è particolarmente rappresentativo delle problematiche da superare per arrivare alla costituzione di un vero rapporto di Global Service. Nella presentazione riporteremo un esempio pratico di progettazione, gestione e misura delle prestazioni in regime di Global Service canonico e descriveremo il contributo che gli studenti della Facoltà di Ingegneria dell Università di Ancona, nostri abituali collaboratori, hanno dato a ciò. Dalla descrizione del processo che ha portato alla realizzazione del Global Service di Manutenzione si potrà evincere quali sono i vantaggi e quali le difficoltà che si possono incontrare. ApiSoi Service SpA è una joint venture paritetica fra Api Raffineria di Ancona e ABB PS&S SpA Essa è stata costituita per fornire Global Service e Ingegneria di Manutenzione a raffinerie, impianti petrolchimici, chimici, di cogenerazione e ad aziende manufatturiere. Tale missione, dapprima limitata alla sola raffineria Api, attualmente, viene portata avanti anche in altre realtà aziendali italiane. Il referente tecnico-gestionale è costituito dall Ingegneria di Manutenzione, la quale progetta il Sistema Manutenzione del Cliente, lo supervisiona e ne misura i risultati. Tutto ciò in collaborazione con la funzione gemella appartenente al Cliente stesso, presupposto fondamentale di una corretta applicazione della teoria del Global Service di Manutenzione. Per promuovere lo sviluppo dell Ingegneria di Manutenzione presso l Università, fin dalla sua costituzione ApiSoi ha stretto un forte legame con l Università di Ancona, organizzando corsi integrativi specifici e dando agli studenti la possibilità di realizzare tesi di qualità. La Borsa di Studio indetta da AIMAN per l anno 2000 è stata vinta da uno studente di questa Università, la quale continua a dare ampio spazio e contributo diretto a tutte le iniziative culturali proposte da ABB e Consociate e col patrocinio di AIMAN. Grazie a questa collaborazione è stato possibile attivare con successo azioni analoghe presso l Università di Parma e presso il Politecnico di Milano nonché promettenti contatti con altre importanti Facoltà di Ingegneria italiane. PAGINA 2

3 AIMAN - XX COGRESSO NAZIONALE Strumenti e Partners per una Manutenzione di Eccellenza. Monitoraggio del Sistema Manutenzione Formulazione e calcolo dei KPIs. ApiSoi nasce dalla volontà di api Raffineria di terziarizzare la Manutenzione degli impianti in modo completo ed efficiente, orientandosi verso l applicazione rigorosa dell innovativa formula del Global Service. Per questo, già in prima battuta, si è provveduto a costituire e formalizzare le due funzioni cardine, una del Contrattore: l Ingegneria di Manutenzione ApiSoi, l altra del Committente: l Affidabilità Api. Sebbene similari per quanto riguarda la formazione professionale di coloro che ci lavorano, esse differiscono relativamente al ruolo che ricoprono nel contratto. Infatti, mentre l Ingegneria di Manutenzione ApiSoi è la nuova responsabile della progettazione del Sistema Manutenzione dell impianto, l Affidabilità Api ha il ruolo di supervisore sull operato ApiSoi e di garante dell affidabilità impiantistica. Tale attività si concretizza promuovendo analisi ed azioni migliorative, fondate sul know-how tecnico, che l azienda Committente non smette mai di detenere ed incrementare. Nel caso in esame, le due funzioni sono costituite da cinque elementi ciascuna e vengono di volta in volta supportati da stagisti e laureandi. Questi ultimi, che in genere entrano in modo più continuativo nell una o nell altra struttura, hanno accompagnato il loro processo di costituzione, crescita ed integrazione, muovendosi indifferentemente tra di esse. Le due funzioni da un lato supportano con formazione ed informazione l attività di ricerca per la tesi, dall altro impegnano gli studenti in attività reali, di complessità adeguata all esperienza ma già con ricaduta pratica sul progetto. Ciò si realizza tramite l integrazione dello studente all interno di un gruppo di lavoro già operante. Momento fondamentale per l integrazione tra le ingegnerie è stata la realizzazione dei Piani di Manutenzione Programmata tramite lo strumento FMECA. Esso, come gli è proprio, ha fuso le conoscenze impiantistiche del Committente con quelle manutentive dell Assuntore. Inoltre questo lungo processo di realizzazione dei Piani ha permesso agli studenti di vivere la Manutenzione anche dal punto di vista della Produzione, analizzando non solo i guasti ma anche i relativi effetti sul processo. Poi, come è noto, per progettare un Piano di Manutenzione è di importanza fondamentale una corretta gestione del Sistema Informativo di Manutenzione (il SIM), che permette di ricostruire il comportamento funzionale un apparecchiatura, evidenziando i componenti su cui si concentrano le criticità manutentive, ovvero quelli su cui costruire i Piani. E quindi importante, per ciascuna apparecchiatura, disporre di uno storico dei dati di fermo e guasto da sottoporre al gruppo di lavoro FMECA. Per questo motivo, quindi, in collaborazione con Affidabilità, l Ingegneria di Manutenzione ha valutato la possibilità di sostituire il vecchio TEROMAN con MAXIMO, le cui capacità di recordizzazione e gestione dei dati si allineavano in pieno con i progetti di ingegneria di manutenzione da realizzare. PAGINA 3

4 MAXIMO, inoltre, ha permesso di costruire un equipment tree, ovvero una gerarchia ad albero delle apparecchiature esistenti secondo una logica di Processo, in grado di visualizzare la propagazione di un guasto sul processo stesso. In questo modo si riesce ad estrapolare in forma intuitiva e rapida il livello di criticità del componente e quindi a decidere se includerlo o meno tra quelli da trattare o riconsiderare con lo FMECA. Tramite questa impostazione, un apparecchiatura non rimane un semplice codice identificativo utile solo per scopi amministrativi, ma diviene un elemento di una catena logica, in cui ciascuna maglia interagisce con quelle che la precedono e la seguono. La sostituzione del Sistema Informativo esistente con MAXIMO e la sua corretta e costante implementazione e popolazione da parte degli utenti, permette oggi sia alle Ingegnerie che agli studenti di avere a disposizione un ricco database aggiornato in tempo reale da cui ricavare dati statistici significativi. Nel seguito, riporteremo l esempio del calcolo dei KPIs tramite le informazioni fornite da MAXIMO. Ritornando alla progettazione del Piano tramite FMECA, a valle della sua prima stesura è necessario quantificare l impegno sia logistico che economico dello stesso, affinché il Cliente possa valutarne la compatibilità con il budget disponibile. Normalmente, infatti, si procede per gradi, applicando i nuovi Piani di Manutenzione alle macchine risultate più critiche ed evitando per principio incrementi di spesa anche temporanei. In questa attività l Ingegneria di Manutenzione è stata supportata da uno strumento messo a disposizione da api, l S-RCM, un software della Shell Global Solution, che permette di valutare analiticamente l ordine di criticità degli asset e le modalità di attivazione dei Piani di Manutenzione risultati economicamente più convenienti. Inoltre, l Ingegneria di Manutenzione e l Affidabilità hanno fatto propria la metodologia RCA (Root Cause Analisys), sviluppata per l analisi di guasti importanti e gravosi. Essa consta di un percorso guidato a cui si sottopone un gruppo di lavoro multidisciplinare, volto all individuazione della causa prima che ha generato un guasto. Il contenuto innovativo di questo metodo rispetto alle tradizionali metodologie di failure analisys è che esso ammette che sovente la causa di guasto non è prettamente tecnica, ma può essere gestionale, progettuale, ecc.. L analisi degli eventi rilevanti tramite un workshop RCA, porta a delle decisioni operative che spaziano dall aggiornamento del Piano di Manutenzione fino alla stesura di nuove specifiche progettuali o di conduzione dell apparecchiatura in esame. Il valore aggiunto sta nell elevata speranza di successo delle decisioni prese, in quanto esse, frutto della sinergia di tutte le esperienze e conoscenze disponibili, sono condivise dal gruppo di lavoro e ritenute le migliori tra le possibili al momento. Da ciò si può dedurre come il Piano di Manutenzione divenga un documento dinamico e soggetto a cambiamenti. Naturalmente, man mano che il nuovo SIM si popola e si arricchisce di dati, gli spunti di discussione degli eventi significativi da trattare sono forniti dalle statistiche che l Ingegneria di Manutenzione, eseguite tramite il SIM stesso. Con la progettazione e la messa in opera dei Piani di Manutenzione da parte dell Ingegneria di Manutenzione ApiSoi e Affidabilità Api, si può dire costituito il Sistema Manutenzione di Api Raffineria. PAGINA 4

5 AIMAN - XX COGRESSO NAZIONALE Strumenti e Partners per una Manutenzione di Eccellenza. Il contributo degli studenti della Facoltà di Ingegneria di Ancona: le tesi di laurea L esecuzione di tutte le attività sopra descritte si svolge su due livelli di intervento e di competenza specifici: Fase analitica: richiede capacità tecniche specifiche ed esperienza di lavoro già consolidate. A titolo di esempio, l impostazione dell equipment tree, la selezione di indicatori specifici di performance (KPIs) sono aspetti strategici, impegnativi anche per professionisti esperti. Lo studente è coinvolto in questa fase, altamente formativa, come osservatore. Raccolta ed elaborazione dei dati: richiede la conoscenza degli scopi per cui i dati vengono elaborati; la partecipazione alla fase analitica soddisfa anche a questa necessità. I dati in oggetto sono quelli derivanti dall attivazione degli strumenti preposti: FMECA, RCA, consuntivi di Fermate Generali annuali. Gli studenti avevano già a disposizione dei data base capaci di fornire la fotografia del livello di servizio iniziale del sistema, indispensabile per costituire il riferimento analitico di partenza. E importante sottolineare che il lavoro svolto, ancorché doverosamente guidato, è stato tutt altro che marginale ai fini del progetto vero e proprio. ApiSoi e la Facoltà di Ingegneria dell Università di Ancona (Dipartimento di Energetica) hanno collaborato allo sviluppo di tre tesi di laurea in Ingegneria Meccanica. Dal 2000 ad oggi, in ordine cronologico: Passaggio alla Manutenzione Produttiva ed al Global Service attraverso l Ingegneria di Manutenzione, incentrata sulla realizzazione delle 2 strutture complementari di Ingegneria di Manutenzione e sulla ricostruzione delle condizioni iniziali. Applicazione delle metodologie BPR al processo di fermata annuale della Raffineria Api, incentrata su modellazione e reingegnerizzazione del processo di Turnaround. Implementazione di un CMMS evoluto in concomitanza col passaggio da un contesto manutentivo tradizionale ad un contratto di Global Service, incentrata sulla definizione e sul monitoraggio di indicatori di performance del sistema (KPIs). Come si può facilmente evincere, i tre studenti hanno operosamente affiancato le Ingegnerie di Manutenzione nel vivo delle varie fasi del progetto. Tratteremo di seguito più in dettaglio l ultima fase, quella dedicata al CMMS/SIM ed ai KPIs in quanto attualmente in evoluzione. Il monitoraggio del Sistema Il monitoraggio e la verifica dell efficacia dei Piani elaborati tramite il metodo FMECA devono essere realizzati secondo due punti di vista: quello qualitativo e quello quantitativo. Sotto l aspetto qualitativo, estrapolare dal SIM quali siano gli eventi di guasto perduranti a valle dell applicazione dei Piani, permette di individuare su quali componenti della macchina andare a correggere e ritarare i Piani stessi, tendendo asintoticamente alla condizione di guasto-zero. Questo tipo di analisi viene condotta periodicamente dall Ingegneria di Manutenzione ApiSoi e costituisce il database di partenza per le campagne mirate di sessioni FMECA successive alla prima, le quali, già supportate dal SIM, non necessitano più della ricostruzione del comportamento a guasto a stima tecnica. PAGINA 5

6 Monitorare i Piani di Manutenzione a livello quantitativo, invece, significa misurare l aumento di disponibilità impiantistica e l efficacia globale dell attività svolta dal Provider e quindi calcolare il bonus o malus che gli compete, come previsto da un contratto canonico di Global Service. La quantificazione dei risultati si ottiene definendo degli indicatori KPIs (Key Performance Indicators), i più adatti a seconda della realtà aziendale. La definizione deve essere concertata tra Provider e Cliente, i quali si impegnano a calcolarli per testarne la reale pertinenza e significatività con il processo. Ciò avviene per un periodo di prova. Dopo di che, se gli indicatori testati sono reputati idonei e capaci di mostrare lo stato di salute degli impianti e l efficienza della Manutenzione, si concorda un valore di soglia, sopra o sotto di cui scatterà rispettivamente il bonus/malus per il Contrattore. Essi possono abbracciare altri campi oltre quello affidabilistico, però devono essere sempre legati alle attività svolte dal Provider. Per esempio, gli indici potrebbero riguardare la gestione del magazzino-ricambi, piuttosto che i costi di manutenzione, le risorse impegnate negli interventi e nella pianificazione, ecc. Tranne che per qualche indicatore specifico, la maggior parte di essi sono comunemente utilizzati in altre aziende dello stesso settore, offrendo la possibilità di benchmarking, cioè di un momento di confronto e quindi di miglioramento. Strumenti per il calcolo dei KPIs I dati di origine, su cui si basa il calcolo dei KPIs, sono stati inizialmente ricostruiti tramite FMECA e poi rilevati dal campo attraverso MAXIMO, tramite estrazioni specifiche dal suo database. Esso colletta giornalmente tutte le Richieste di Lavoro ed i conseguenti Ordini di Lavoro emessi per ciascun intervento manutentivo effettuato sugli impianti. La struttura dell Ordine di Lavoro, infatti, è stata costruita ad hoc in fase di implementazione del SIM, proprio per contenere tutti i dati salienti dell operazione e per poterli utilizzare nel tempo. Questa attività di customizzazione è stata curata attentamente dall Ingegneria di Manutenzione ApiSoi. I dati basilari per monitorare il comportamento del Sistema Manutenzione sono: Il codice di identificazione dell apparecchiatura, su cui si genera una Richiesta di Lavoro; La politica manutentiva a cui appartiene l intervento (Correttiva, Programmata, ecc.); La data e ora di inizio e fine intervento; Il codice di guasto, cioè il codice del componente in avaria (nel caso di Correttiva); La priorità (codice) di realizzazione del lavoro, assegnata alla Richiesta di Lavoro a seconda della gravità e criticità dell evento (grado di urgenza); I costi diretti dell intervento, derivanti dalla contabilizzazione dei ricambi e della manodopera allocati a ciascun Ordine di Lavoro Questi ed altri dati, permettono di calcolare i valori degli indicatori contrattuali, e non, a scadenze prefissate e quindi di monitorare l efficacia del Sistema Manutenzione progettato da ApiSoi e le relative ricadute in termini economici (bonus/malus). PAGINA 6

7 AIMAN - XX COGRESSO NAZIONALE Strumenti e Partners per una Manutenzione di Eccellenza. I KPIs Facendo riferimento al contratto per la fornitura di manutenzione per api Raffineria di Ancona, il tipo di indicatore, la formula di calcolo e il valore soglia sono inseriti nel contratto stesso come allegato e sono: Efficienza di intervento TempoInterventomedio = TempoIntervento RichiesteLavoro Tempo netto di riparazione: è l intervallo di tempo medio necessario per effettuare materialmente l intervento, dando una stima del tempo di indisponibilità dell entità. Il parco macchine su cui è applicato questo indice è quello delle pompe e dei motori elettrici Efficacia di intervento EfficaciaM anutentiva = NonConformità RichiesteLavoro Numero di Non Conformità: è il numero degli interventi che non si sono rivelati efficaci nella risoluzione del problema. Essi vengono comunicati ad ApiSoi del Capo Reparto dell Operativo (conduttore di impianto) giornalmente. L Ingegneria di Manutenzione, poi, procede a contarli, per fornire la misura dell efficacia dell attività manutentiva Capacità di prevenzione IndiceCosti Pr evenzione = Indice Pr evenzione = CostiCorrettiva Costi Pr eventiva RichiesteLavoroCorrettiva RichiesteLavoro Pr eventiva Costi di manutenzione preventiva e correttiva: costo a consuntivo delle attività di manutenzione preventiva e correttiva. Questi KPIs sono il risultato del lavoro di un gruppo di lavoro misto tra Api ed ApiSoi e quindi sono ritenuti da entrambe le parti come descrittivi del livello di servizio reso del Contrattore. ApiSoi, tuttavia, utilizza altri indici per uso interno, volti alla misura delle prestazioni dei Piani di Manutenzione. Essi sono, in parte, quelli proposti dalle norme UNI, i quali analizzano il sistema ad un livello tecnico molto spinto, mentre ne è stato individuato uno, non standardizzato, che rappresenta una sorta di controllo sulla fattibilità dei Piani di Manutenzione, volto cioè al controllo che il carico di lavoro preventivo si eseguibile ed eseguito. PAGINA 7

8 Questi indicatori vengono presentati ad Api, tramite un report mensile e sono: a) Tempo medio tra i guasti MTBF b) Disponibilità intrinseca Di c) Disponibilità Operativa Do d) Applicazione Piani di Manutenzione ApplicazionePdM = N RichiesteLavoroEseguite N RichiesteLavoroEmesse N Richieste di Lavoro Emesse: sono le Richieste di Lavoro generate automaticamente da MAXIMO, concordemente con i Piani di Manutenzione N Richieste di Lavoro Eseguite: sono quelle realmente effettuate Dai risultati della trend analysis su questi indicatori, le Ingegnerie possono estrarre preziose indicazioni per l ottimizzazione dei Piani di Manutenzione. Lo studente si è concentrato nella selezione dei dati e nel calcolo di questi indicatori Il calcolo Come già accennato, i KPIs vengono calcolati a cadenza mensile in modo incrociato dalle Ingegnerie e poi confrontati, per eliminare qualsiasi motivo di contenzioso. Infatti, può capitare che un guasto non annunciato possa essere assegnato ad una carenza di manutenzione, mentre sia dovuto in realtà ad una cattiva conduzione dell apparecchiatura, spostando la responsabilità da Cliente a Provider e viceversa. Se non si creasse contraddittorio e se non si riuscisse ad appianarlo, si falserebbe l eventuale bonus o malus di competenza del Provider e, non meno importante, non si garantirebbe il funzionamento ottimale degli impianti. Non dimentichiamo che il Cliente non ha nessun interesse a percepire una penale; viceversa, le condizioni per l erogazione di un bonus implicano l avvenuto ottenimento di prestazioni il cui valore per il Cliente è di gran lunga maggiore di quello del bonus erogato. Bisogna sottolineare, poi, che le modalità di attribuzione delle responsabilità su di un guasto devono essere concordate tra le parti e rodate nel periodo di test dei KPIs, il quale precede l inizio dell applicazione contrattuale. In questo modo il contraddittorio si creerà comunque, ma si avranno già in mano gli strumenti per appianarlo serenamente. Quindi il contributo del Cliente, in particolare del reparto Operativo e dell Ingegneria, è fondamentale, al fine del monitoraggio e del controllo del Sistema Manutenzione. Il primo fornisce infatti indicazioni sul comportamento dell impianto in esercizio e sulle non conformità, mentre la seconda mette a disposizione il suo patrimonio in ambito di know-how. Per quanto riguarda il lavoro svolto da uno degli studenti tesisti che hanno collaborato con noi, egli è stato impegnato nella selezione dei dati e nel calcolo degli indicatori stessi, giungendo a risultati corretti e congruenti con il comportamento reale degli impianti. PAGINA 8

9 AIMAN - XX COGRESSO NAZIONALE Strumenti e Partners per una Manutenzione di Eccellenza. Problemi riscontrati Naturalmente, sia per la scelta del KPIs che per l estrapolazione dei dati dal Sistema Informativo emergono alcune criticità. In primo luogo la scelta dell indice risulta sovente impegnativa, poiché è necessario trovare un accordo tra Provider ed Cliente su quali siano gli indicatori migliori per quella specifica realtà aziendale. Ciò è legato spesso alla complessità della struttura organizzativa del Cliente, per esempio alle modalità di allocazione e contabilizzazione dei costi di Manutenzione od a quella di rilevazione di inconvenienti operativi. In secondo luogo si evidenziano carenze nella recordizzazione dei dati sugli interventi. La cattiva qualità dei dati può dipendere o da errori fatti in fase di implementazione del SIM, che determinano lacune informative, o dall utente che quotidianamente li inserisce. Richieste ed Ordini di Lavoro con dati inesatti od incompleti compromettono l esattezza del calcolo degli indicatori e quindi l attendibilità delle deduzioni che ne derivano. In tali condizioni di insicurezza, a contratto attivo sarebbe difficile tanto assumersi la responsabilità di assegnare un bonus quanto quella di riconoscere di dover versare un malus. Nel nostro caso quest ultimo aspetto è stato molto sentito, soprattutto nei primi periodi successivi all introduzione di MAXIMO, a causa della poca dimestichezza del personale operativo con il sistema stesso. Per questo l Ingegneria di Manutenzione ApiSoi, che è il gestore ed il supervisore del SIM, ha provveduto a realizzare campagne di formazione e sensibilizzazione tra tutti gli utenti, in modo da consolidare l attendibilità dei dati su cui si calcolano i KPIs prima che questi diventassero operativi. Anche in questo caso il contributo dello studente è stato concreto prezioso. Esso è stato diretto alla verifica di congruenza delle informazioni, alla selezione sistematica dei documenti anomali ed alla gestione statistica della frequenza delle anomalie. Ciò ha permesso inoltre di indirizzare al meglio le risorse destinate alla formazione del personale e, con una semplice trend analysis, di monitorarne l efficacia. La procedura è rimasta operativa ed è una valida occasione di dialogo tra Manutenzione e Produzione: attualmente, dopo due anni dall attivazione di MAXIMO, l Ingegneria di Manutenzione ApiSoi controlla giornalmente la correttezza delle Richieste di Lavoro e, se necessario, realizza ulteriori corsi specifici. PAGINA 9

10 Conclusioni Da quanto detto, si evince come, per la realizzazione di un rapporto di Global Service completo, siano necessarie sia una funzione come l Ingegneria di Manutenzione ApiSoi, che si occupi di progettare la Manutenzione, di gestire il SIM e di monitorare gli indicatori, sia di una funzione come l Affidabilità Api, che metta a disposizione il proprio know-how e collabori interagendo con la funzione gemella. Inoltre appare chiaro come, anche in un sistema rodato di bonus/malus fondato su KPIs, non può mancare l analisi incrociata degli eventi di guasto, che guidi all attribuzione delle responsabilità del guasto stesso e che corregga il valore degli indicatori, rendendoli veritieri e condivisi. L integrazione temporanea con risorse esterne collocate opportunamente in progetti specifici, come possono essere studenti o stagisti, permette una maggiore diffusione della cultura di manutenzione In altri termini, un rapporto di Global Service deve necessariamente avvalersi di professionisti della Manutenzione nel senso letterale del termine e costituisce, parimenti, l ambiente ideale per la loro formazione. A questo proposito, per rafforzare le sinergie tra azienda ed Università e per ottenere risultati migliori, riteniamo più che maturi i tempi perché l Ingegneria di Manutenzione divenga un indirizzo formalizzato nell Università italiana. Su questo stiamo lavorando ormai da più di tre anni anche con un seminario annuale, patrocinato dall A.I.MAN e dedicato a questo obiettivo ormai strategico: basti pensare che ogni nuovo contratto di Global service stipulato richiede la costituzione di due strutture di Ingegneria di Manutenzione. Nel frattempo auspichiamo che l Università immetta nella propria struttura un referente per l Ingegneria di Manutenzione il quale, oltre che a fungere da tutor agli studenti, garantisca alle aziende la continuità nei progetti che, per la loro rilevanza e spessore tecnico, sovente non possono esaurirsi nel tempo normalmente a disposizione dello studente. Ci auguriamo, infine che un rapporto sistematico e mirato tra Università e Territorio agevoli sensibilmente l aggiornamento culturale avanzato, di cui le aziende necessitano. PAGINA 10

Manutenzione industriale

Manutenzione industriale industriale Evoluzione della cultura della manutenzione PRIMA Non fermare gli impianti (fino a che riescono a marciare). Intervenire solo per riparazione. Accettare carenze qualitative, amplificazione

Dettagli

Company Profile IB Informatica IB Facility IB Consulting

Company Profile IB Informatica IB Facility IB Consulting Company Profile Il Gruppo IB si propone di attrarre e coinvolgere nel proprio operare tutti i più autorevoli attori delle diverse aree di mercato per offrire un livello di servizio che dalle soluzioni

Dettagli

RAM ABB - IL PROCESSO RAM. I processi di analisi RAM, già istituzionalizzati

RAM ABB - IL PROCESSO RAM. I processi di analisi RAM, già istituzionalizzati ABB - IL PROCESSO RAM un modello di valore Le analisi di affidabilità, disponibilità e manutenibilità (RAM: Reliability, Availability, Maintainability) si apprestano a diventare lo standard in tutti i

Dettagli

Il budget in un azienda manifatturiera

Il budget in un azienda manifatturiera Associazione Italiana di Manutenzione XX Congresso Nazionale Strumenti e Partners per una Manutenzione di Eccellenza Il budget in un azienda manifatturiera Indicazioni per un controllo dei costi. Alberto

Dettagli

Qualifica di Responsabile della Funzione/Servizio Di Manutenzione

Qualifica di Responsabile della Funzione/Servizio Di Manutenzione Corso per la Qualifica di Responsabile della Funzione/Servizio Di Manutenzione secondo la norma UNI 11420:2011 (Liv. 3) Corso idoneo alla preparazione dell esame di certificazione professionale ICPrev

Dettagli

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 Modulo 1 Parte 1 Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 1.1.1.1 pag. 21 Quale, tra le affermazioni che seguono relative al concetto di qualità, è la più corretta? A. Il termine qualità

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE

ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE L approccio al processo di manutenzione Per Sistema Integrato di Produzione e Manutenzione si intende un approccio operativo finalizzato al cambiamento

Dettagli

Il controllo delle performances manutentive nella Rete Ferroviaria Italiana

Il controllo delle performances manutentive nella Rete Ferroviaria Italiana Associazione Italiana di Manutenzione XX Congresso Nazionale Strumenti e Partners per una Manutenzione di Eccellenza Bologna, 20-21 Febbraio 2003 Il controllo delle performances manutentive nella Rete

Dettagli

Overview. Enterprise Project Control System. Principali caratteristiche e funzionalità del Sistema. Piemme S.r.l

Overview. Enterprise Project Control System. Principali caratteristiche e funzionalità del Sistema. Piemme S.r.l Enterprise Project Control System Overview Principali caratteristiche e funzionalità del Sistema Bridge è stato realizzato da PIEMME s.r.l. di Genova Via Carducci 5/4 sn Tel. 010 4075751 «Bridge», per

Dettagli

La gestione delle informazioni eccellente

La gestione delle informazioni eccellente La gestione delle informazioni eccellente Le fasi del processo decisionale, gli orizzonti di pianificazione, la verifica del budget nell organizzazione interna e nel rapporto con i fornitori La gestione

Dettagli

GESTIONE DELLA MANUTENZIONE: ASPETTI TECNICI E FINANZIARI

GESTIONE DELLA MANUTENZIONE: ASPETTI TECNICI E FINANZIARI MAINTENANCE Stories Siracusa, 16 giugno 2011 GESTIONE DELLA MANUTENZIONE: ASPETTI TECNICI E FINANZIARI I-Care TM Pianificare e gestire la manutenzione in modo snello, veloce, efficace. L applicazione Inspiring

Dettagli

Criteri per la stesura del PIANO e del PROGRAMMA di MANUTENZIONE dei BENI EDILIZI

Criteri per la stesura del PIANO e del PROGRAMMA di MANUTENZIONE dei BENI EDILIZI Criteri per la stesura del PIANO e del PROGRAMMA di MANUTENZIONE dei BENI EDILIZI UNI 11257/2007 e SICUREZZA Bologna 4 Luglio 2008 La norma fornisce i criteri per elaborare i piani e i programmi di manutenzione

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Inverigo Provincia di Como SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDICE INTRODUZIONE TITOLO I FINALITA E PRINCIPI Art. 1 - Finalità e oggetto Art. 2 - Principi di riferimento

Dettagli

Il sistema di misurazione e valutazione della CCIAA di BRINDISI Adeguamento dei sistemi di misurazione e valutazione ai sensi del dlgs 150/2009

Il sistema di misurazione e valutazione della CCIAA di BRINDISI Adeguamento dei sistemi di misurazione e valutazione ai sensi del dlgs 150/2009 Il sistema di misurazione e valutazione della CCIAA di BRINDISI Adeguamento dei sistemi di misurazione e valutazione ai sensi del dlgs 150/2009 Versione 1.0 1 Indice 1. COS E IL SISTEMA DI MISURAZIONE

Dettagli

dell end user IL MONDO INSPIRING SOFTWARE PER ASJA AMBIENTE ITALIA Gestione di energia da fonti RINNOVABILI

dell end user IL MONDO INSPIRING SOFTWARE PER ASJA AMBIENTE ITALIA Gestione di energia da fonti RINNOVABILI IL MONDO dell end user SP INSPIRING SOFTWARE PER ASJA AMBIENTE ITALIA Gestione di energia da fonti RINNOVABILI ECIAL report Costituita nel 1995, la società Asja è cresciuta in modo esponenziale sviluppando

Dettagli

MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA

MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA Microsoft Dynamics: soluzioni gestionali per l azienda Le soluzioni software per il business cercano, sempre più, di offrire funzionalità avanzate

Dettagli

Contabilità Ambientale e Bilancio Ambientale

Contabilità Ambientale e Bilancio Ambientale Introduzione Progetto CAmBiA 2007 Contabilità Ambientale e Bilancio Ambientale Relazione Tecnica Finale L Area Marina Protetta di Tavolara Punta Coda Cavallo (si seguito AMP) dall atto del suo affidamento

Dettagli

Stato delle pratiche ed esigenze degli Utenti: Opportunità oggi a disposizione e criticità ancora presenti

Stato delle pratiche ed esigenze degli Utenti: Opportunità oggi a disposizione e criticità ancora presenti Stato delle pratiche ed esigenze degli Utenti: Opportunità oggi a disposizione e criticità ancora presenti Agenda L Ingegneria di Manutenzione come ruolo strategico per la categoria «Utenti», con specifica

Dettagli

Il mantenimento del ciclo di gestione della performance. Le attività di helpdesk

Il mantenimento del ciclo di gestione della performance. Le attività di helpdesk Il mantenimento del ciclo di gestione della performance Le attività di helpdesk Dicembre 2014 Introduzione e indice del documento Le attività di helpdesk sono state progettate con l obiettivo di supportare

Dettagli

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Previsioni della domanda Pianificazione delle scorte Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Lo scenario nel quale le aziende si trovano oggi ad operare è spesso caratterizzato da

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 6. IL PROCESSO SEGUITO E LE AZIONI DI MIGLIORAMENTO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 6.1 Fasi, soggetti e tempi del processo di redazione del Piano Analogamente a quanto avvenuto per il 2012, il

Dettagli

IL GIUSTO PARTNER. www.licon.it

IL GIUSTO PARTNER. www.licon.it IL GIUSTO PARTNER www.licon.it Affidatevi ad un consulente globale LICON si propone alle aziende come un consulente globale per lo sviluppo di soluzioni gestionali personalizzate ad alto valore aggiunto,

Dettagli

IL PROGRAMMA DI MANUTENZIONE

IL PROGRAMMA DI MANUTENZIONE IL PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI La normativa vigente riconosce l importanza della conservazione della qualità edilizia nel tempo attraverso l introduzione del piano di manutenzione

Dettagli

CISNET ENERGY ENGINEERING S.r.l.

CISNET ENERGY ENGINEERING S.r.l. CISNET ENERGY ENGINEERING S.r.l. Energy Management Lʹenergia è un valore aggiunto Gli impianti di Pubblica Illuminazione, come è noto, rappresentano una fondamentale dotazione urbana, che se efficientati,

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMA UNI EN ISO 9001:2008 IN ORGANIZZAZIONI CHE EROGANO SERVIZI E OPERANO PER PROGETTI, PRATICHE O COMMESSE

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMA UNI EN ISO 9001:2008 IN ORGANIZZAZIONI CHE EROGANO SERVIZI E OPERANO PER PROGETTI, PRATICHE O COMMESSE LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMA UNI EN ISO 9001:2008 IN ORGANIZZAZIONI CHE EROGANO SERVIZI E OPERANO PER PROGETTI, PRATICHE O COMMESSE ottobre 2010 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo delle

Dettagli

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Osservatorio per il Settore Chimico Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato MANUALE DELSISTEMA DI Responsabile: Aggiornamento: 2 di 49 NOME AZIENDA Manuale del sistema di Gestione Ambientale

Dettagli

Techint Engineering & Construction Missione, Visione e Valori. Codice: FR-MA-MNG-001-01 R02

Techint Engineering & Construction Missione, Visione e Valori. Codice: FR-MA-MNG-001-01 R02 Techint Engineering & Construction Missione, Visione e Codice: FR-MA-MNG-001-01 R02 September 18, 2013 Missione La nostra missione consiste nel dare valore ai nostri azionisti e clienti attraverso la prestazione

Dettagli

Mission dell Area Tecnica: Logistica ed Impiantistica

Mission dell Area Tecnica: Logistica ed Impiantistica Mission dell Area Tecnica: Logistica ed Impiantistica Direttore Tecnico: ing. Angelo Violetta DOC_LI002 ξ - CSI Centro di Ateneo per i Servizi Informativi Angelo Violetta - 1 Area Situazione Lʹarea LOGISTICA

Dettagli

La valutazione delle prestazioni

La valutazione delle prestazioni di Maria Soldati Che cosa è? La valutazione delle prestazioni E un sistema orientato allo sviluppo e alla valorizzazione delle persone e non una drammatica resa dei conti. Ha come campo di definizione,

Dettagli

Qualifica di Supervisore Lavori secondo la Norma UNI 11420:2011 (Liv. 2A)

Qualifica di Supervisore Lavori secondo la Norma UNI 11420:2011 (Liv. 2A) Corso per la Qualifica di Supervisore Lavori secondo la Norma UNI 11420:2011 (Liv. 2A) Corso idoneo alla preparazione dell esame di certificazione professionale ICPrev o presso altri Istituti secondo le

Dettagli

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP.

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. INTERVISTA 13 settembre 2012 ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. Intervista ad Ermanno Pappalardo, Lead Solution Consultant HP Software

Dettagli

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE Sistema di gestione UNI EN ISO 9001 MANUALE DI QUALITÀ INTRODUZIONE MAN-00 Organizzazione AZIENDA s.p.a. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 Web : www.nomeazienda.it

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale 1/7 Servizi Integrati del Clima Aziendale Oggi, in molte aziende, la comunicazione verso i dipendenti rappresenta una leva gestionale attivata dal vertice aziendale, organizzata, coerente con gli obiettivi

Dettagli

2009 Copyright MAIS srl Tutti i diritti riservati La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione, totale o parziale, di tutto il materiale

2009 Copyright MAIS srl Tutti i diritti riservati La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione, totale o parziale, di tutto il materiale Company Profile 2009 Copyright MAIS srl Tutti i diritti riservati La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione, totale o parziale, di tutto il materiale originale contenuto in questo documento

Dettagli

Energy Manager. Un interprete per l efficienza energetica.

Energy Manager. Un interprete per l efficienza energetica. Energy Manager. Un interprete per l efficienza energetica. La figura dell Energy Manager (EM) è stata introdotta con la Legge 10/91. L articolo 19 dispone infatti la nomina annuale di un tecnico responsabile

Dettagli

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE 4 GIUGNO 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

Dettagli

RISORSE UMANE PROFILI TECNICI STIMA DEL FABBISOGNO PER IL PTA

RISORSE UMANE PROFILI TECNICI STIMA DEL FABBISOGNO PER IL PTA Pagina: 1 di 9 Registro delle modifiche Data Sezione del documento / Motivo della revisione Revisione 11/03/2010 Emissione formale A ALLEGATI: ---- DISTRIBUZIONE DEL DOCUMENTO: Direttore Generale Dott.

Dettagli

Power Logic Energy Box. La soluzione più semplice per migliorare l efficienza energetica del tuo impianto

Power Logic Energy Box. La soluzione più semplice per migliorare l efficienza energetica del tuo impianto Power Logic Energy Box La soluzione più semplice per migliorare l efficienza energetica del tuo impianto TM 1 Misura e comunicazione per ridurre i costi e aumentare l efficienza energetica La sfida energetica

Dettagli

Metrika La formazione linguistica, una scelta di politica aziendale

Metrika La formazione linguistica, una scelta di politica aziendale Metrika La formazione linguistica, una scelta di politica aziendale Un importante tema dello sviluppo organizzativo è la valutazione della redditività degli investimenti. Quando si tratta, come per la

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato PROGETTO CONTROLLO GESTIONE Per la P.M.I. Per l Artigianato Valutare costantemente l'andamento economico della attività dell'azienda per stabilire se la sua struttura dei costi è adeguata per confrontarsi

Dettagli

Per coloro che si trovano a gestire la manutenzione

Per coloro che si trovano a gestire la manutenzione Manutenzione predittiva: dove, quale, quanta? Metodi e strumenti per l'introduzione efficace in una industria d processo: il caso Terreal Italia MANUTENZIONE PREDITTIVA Massimo Bonci, Terreal Italia, Castiglion

Dettagli

ricerca U-GOV Gestione Progetti Verso il governo dei progetti in Ateneo

ricerca U-GOV Gestione Progetti Verso il governo dei progetti in Ateneo ricerca U-GOV Gestione Progetti Verso il governo dei progetti in Ateneo White Paper Marzo 2010 U-GOV Gestione Progetti Verso il governo dei progetti in Ateneo White Paper Marzo 2010 Titolo White Paper:

Dettagli

8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO. 8.1 Generalità 8.2 MONITORAGGI E MISURAZIONI. 8.2.1 Soddisfazione dei cliente

8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO. 8.1 Generalità 8.2 MONITORAGGI E MISURAZIONI. 8.2.1 Soddisfazione dei cliente 8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO 8.1 Generalità l I.I.S. G.Antonietti, allo scopo di assicurare la conformità del proprio Sistema di Gestione della Qualità alla norma di riferimento UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 Pagina 1 di 7 DATA I EMISSIONE: 12/01/2008 Resp. Redazione RGSQ Resp. Verifica RGSQ Resp. Approvazione DIR REVISIONI DATA MODIFICHE RESP. VERIFICA GESTIONE SISTEMA

Dettagli

Piano di Emergenza Sistema gas Italia Allegato 2 al decreto ministeriale 19 aprile 2013

Piano di Emergenza Sistema gas Italia Allegato 2 al decreto ministeriale 19 aprile 2013 Allegato 2 al decreto ministeriale 19 aprile 2013 Piano di emergenza ai sensi dell articolo 8, comma 1, del decreto legislativo n. 93/2011, in conformità con le disposizioni dell articolo 10 del Regolamento

Dettagli

si può fare di più La sostenibilità, il nuovo motore delle imprese. Più si ricercano soluzioni sostenibili e più si aprono nuove strade.

si può fare di più La sostenibilità, il nuovo motore delle imprese. Più si ricercano soluzioni sostenibili e più si aprono nuove strade. si può fare di più La sostenibilità, il nuovo motore delle imprese. Più si ricercano soluzioni sostenibili e più si aprono nuove strade. Cloros è una società certificata ISO 9001 e UNI CEI 11352, che ha

Dettagli

Evoluzione e prospettive delle attività di gestione tecnica e di manutenzione delle reti fognarie in Provincia di Bergamo

Evoluzione e prospettive delle attività di gestione tecnica e di manutenzione delle reti fognarie in Provincia di Bergamo Evoluzione e prospettive delle attività di gestione tecnica e di manutenzione delle reti fognarie in Provincia di Bergamo Bergamo, 27 settembre 2013 Ing. Marco Milanesi - Ing. Emilio D Alessio Necessità

Dettagli

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL 1. Documento sulla politica di prevenzione, struttura del e sua integrazione con la gestione aziendale i Definizione della Politica di prevenzione - Verificare

Dettagli

Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Processi direzionali: sistema di pianificazione, controllo e misurazione delle performance

Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Processi direzionali: sistema di pianificazione, controllo e misurazione delle performance Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Processi direzionali: sistema di pianificazione, controllo e misurazione delle performance Paolo Biacoli Direttore Amministrativo Azienda Ospedaliera di Udine

Dettagli

Maintenance & Energy Efficiency

Maintenance & Energy Efficiency Industrial Management School Maintenance & Conoscenze, metodi e strumenti per operare nel campo della gestione dell energia - Integrare le politiche di manutenzione con quelle legate all energia - Ottimizzare

Dettagli

Servizi Postali. Funzione Impianti CMP

Servizi Postali. Funzione Impianti CMP 1 Consegnato OO.SS. 20 maggio 2013 Funzione Impianti CMP Funzione Impianti nei CMP: contesto 2 Il contesto ci chiede di confrontarci giornalmente con una riduzione dei volumi e una richiesta sempre maggiore

Dettagli

Il miglioramento delle performance produttive tramite l analisi di KPI: stabilimento food & beverage. Case history Parmalat

Il miglioramento delle performance produttive tramite l analisi di KPI: stabilimento food & beverage. Case history Parmalat Il miglioramento delle performance produttive tramite l analisi di KPI: stabilimento food & beverage. Case history Parmalat - Food-Beverage&Packaging Industry - Analisi del contesto esterno La competitività

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

WEBLAB - SCHEDA DOCUMENTO

WEBLAB - SCHEDA DOCUMENTO WEBLAB SCHEDA DOCUMENTO N 97 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Workshop & Corsi di aggiornamento TITOLO: Ingegneria della SOTTOTITOLO:

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

Valutazione Ambientale Strategica del Programma Operativo Regionale 2007-2013

Valutazione Ambientale Strategica del Programma Operativo Regionale 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA Valutazione Ambientale Strategica del Programma Operativo Regionale 2007-2013 (Fondo FESR) MISURE PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE DEL POR (ai sensi degli

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

METODOLOGIE E STRUMENTI DI RACCOLTA

METODOLOGIE E STRUMENTI DI RACCOLTA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per il Coordinamento e lo Sviluppo della Ricerca Ufficio VII Programmi Operativi Comunitari Unità Organizzativa della Comunicazione

Dettagli

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS www.btoweb.it L unione tra il know-how gestionale e organizzativo maturato in oltre 12 anni di consulenza e l esperienza nell ambito dell informatizzazione dei processi ha consentito a Sinergest lo sviluppo

Dettagli

GRUPPO DI CONTATTO DEI DIRETTORI

GRUPPO DI CONTATTO DEI DIRETTORI GRUPPO DI CONTATTO DEI DIRETTORI PRIMA EDIZIONE (4 giugno 2014) LISTA DI CONTROLLO PER L ASSUNZIONE DI UN BUON CONSULENTE I. Lavoro interno di preparazione II. Criteri personali per la scelta di un consulente

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 19 MARZO 2015 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

WP7 IMPLEMENTAZIONE A REGIME SISTEMA DI MONITORAGGIO QUALITATIVO- QUANTITATIVO DEI SERVIZI EROGATI. Deliverable di Progetto # (cod.

WP7 IMPLEMENTAZIONE A REGIME SISTEMA DI MONITORAGGIO QUALITATIVO- QUANTITATIVO DEI SERVIZI EROGATI. Deliverable di Progetto # (cod. WP7 IMPLEMENTAZIONE A REGIME SISTEMA DI MONITORAGGIO QUALITATIVO- QUANTITATIVO DEI SERVIZI EROGATI Deliverable di Progetto # (cod. A7P2) Versione 1.0 del 26.03.10 1 Indice 1. Premessa 3 2. Qualità e miglioramento

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR02 - Audit Interni Edizione 1 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente Aziendale per la Qualità

Dettagli

FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA. Rev 0 del 21/10/2011 Firma

FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA. Rev 0 del 21/10/2011 Firma FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA Rev 0 del 21/10/2011 Firma PREMESSA FORMAPI S.r.l. è l Ente di formazione della Confimi Impresa Abruzzo (Confederazione dell Industria Manifatturiera

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE PER LA QUALITA'

MANUALE DI GESTIONE PER LA QUALITA' Edizione 2 MANUALE DELLA QUALITA Copertina rev. 2 Settembre 03 Pagina 1/1 PROVINCIA DI PADOVA SETTORE SISTEMI INFORMATIVI Piazza Antenore 3 35121 Padova MANUALE DI GESTIONE PER LA QUALITA' Copia controllata

Dettagli

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO IL BUSINESS PLAN CHE SEGUE PRESENTE IN INTERNET E STATO ELABORATO DA FINANCIAL ADVISOR BUSINESS APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE IL BUSINESS PLAN: Come sintetizzare in un documento

Dettagli

2.A.1 Il design of experiments (DOE) criteri di attuazione in azienda

2.A.1 Il design of experiments (DOE) criteri di attuazione in azienda 2.A.1 Il design of experiments (DOE) criteri di attuazione in azienda Favorire la comprensione e l applicabilità delle metodiche del DOE nelle sue diverse applicazioni, in modo da permettere un reale controllo

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Gianluca Vannuccini, Ciro Annicchiarico, Roberto De Vivo, Marco Materassi, Nicoletta Vergari Comune di Firenze

Gianluca Vannuccini, Ciro Annicchiarico, Roberto De Vivo, Marco Materassi, Nicoletta Vergari Comune di Firenze Strumenti: una business intelligence per la P.A. Gianluca Vannuccini, Ciro Annicchiarico, Roberto De Vivo, Marco Materassi, Nicoletta Vergari Comune di Firenze LA Business Intelligence per la P.A. La Business

Dettagli

TEaMWORK CLIENTS VISION. Mission. LaYOUT PROCESS. ENERGY MaNaGEMENT FINaNCING. FLUID MECHaNICS. ENERGY & INNOVaTION E.S.CO

TEaMWORK CLIENTS VISION. Mission. LaYOUT PROCESS. ENERGY MaNaGEMENT FINaNCING. FLUID MECHaNICS. ENERGY & INNOVaTION E.S.CO company profile BeamPower Energy Srl è una società ESCO che opera con partner internazionali accreditata dal GSE dal 2009 al fine di individuare le migliori e più innovative soluzioni di efficienza energetica.

Dettagli

soluzioni per il personale

soluzioni per il personale Foto Rocco Toscani soluzioni per il personale Forgital Group rappresenta da cinque generazioni la forza e l esperienza nella forgiatura dei metalli. Da sempre, a trasformare il metallo in prodotti di alta

Dettagli

Riesame SA 8000/08. Responsabilità Sociale SA 8000:2008 M 9.2.1. Rev. 1 del 03.11.2011 Pag. 1 di 16

Riesame SA 8000/08. Responsabilità Sociale SA 8000:2008 M 9.2.1. Rev. 1 del 03.11.2011 Pag. 1 di 16 Pag. 1 di 16 R I E S A M E S A 8 0 0 0 / 0 8 DATA OGGETTO REDATTO VERIFICATO APPROVATO 09/06/2011 Riesame SA 8000 PASTORE G. PASTORE G. I semestre 2011 GALEAZZO F. DA 03/11/2011 PASTORE G. PASTORE G. Riesame

Dettagli

I benefici aziendali che si possono ottenere sono riconducibili a:

I benefici aziendali che si possono ottenere sono riconducibili a: Consulenza Strategica nel settore Automotive con sviluppo di piani aziendali e strategie nel settore commerciale,nel post-vendita e nell area manageriale. La consulenza è rivolta ai titolari delle CONCESSIONARIE

Dettagli

Giorno 1 02 10 2014 ENERGY SUMMER SCHOOL. contenuti corsi

Giorno 1 02 10 2014 ENERGY SUMMER SCHOOL. contenuti corsi Giorno 1 02 10 2014 ENERGY SUMMER SCHOOL contenuti corsi C1 Diagnosi ad ultrasuoni per l efficienza energetica. Casi pratici dall industria farmaceutica, alimentare, di processo rilevamento di perdite

Dettagli

Company Overview. Settembre 2015 www.pangeaformazione.it

Company Overview. Settembre 2015 www.pangeaformazione.it Company Overview Settembre 2015 www.pangeaformazione.it Chi siamo! L azienda Siamo specializzati nella progettazione di modelli statistico-matematici a supporto delle decisioni strategiche, fornendo anche

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI APPROVVIGIONAMENTI DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI APPROVVIGIONAMENTI DI BENI E SERVIZI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI APPROVVIGIONAMENTI DI BENI E SERVIZI Sommario CAPO I - OGGETTO E SCOPO... 2 Art. 1 - Oggetto... 2 Art. 2 - Scopo... 2 CAPO II - DISPOSIZIONI GENERALI... 2 Art. 3 - Campo

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP ALL AVANGUARDIA CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è una soluzione di gestione

Dettagli

Plant asset management & information technology survey

Plant asset management & information technology survey 2 a parte Plant asset management & information technology survey Aspetti di sintesi e spunti di miglioramento PLANT ASSET MANAGEMENT Franco Massi, IBM Business Global Service - Italia Area: Elaborazione

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO - FORLANINI IL DIPARTIMENTO INFERMIERISTICO, TECNICO, RIABILITATIVO ED OSTETRICO. Regolamento

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO - FORLANINI IL DIPARTIMENTO INFERMIERISTICO, TECNICO, RIABILITATIVO ED OSTETRICO. Regolamento AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO - FORLANINI IL DIPARTIMENTO INFERMIERISTICO, TECNICO, RIABILITATIVO ED OSTETRICO Regolamento Premessa Il presente regolamento intende definire e disciplinare l organizzazione

Dettagli

Il finanziamento delle Agenzie Regionali per la Protezione dell Ambiente: modelli di riferimento, struttura, caratteristiche e prospettive.

Il finanziamento delle Agenzie Regionali per la Protezione dell Ambiente: modelli di riferimento, struttura, caratteristiche e prospettive. Il finanziamento delle Agenzie Regionali per la Protezione dell Ambiente: modelli di riferimento, struttura, caratteristiche e prospettive. Chiara Casadio, Università di Bergamo - Liliana Grancini, Istituto

Dettagli

1 - L INGRESSO, IL PERCORSO, L USCITA DAL CDS

1 - L INGRESSO, IL PERCORSO, L USCITA DAL CDS SECONDO RAPPORTO DI RIESAME Denominazione del Corso di Studio: LAUREA in INGEGNERIA INFORMATICA, BIOMEDICA E DELLE TELECOMUNICAZIONI Classe: L-8 - INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE Sede: UNIVERSITÀ DEGLI STUDI

Dettagli

PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0

PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0 PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0 PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO ELEMENTI FONDAMENTALI PER LO SVILUPPO DI SISTEMI INFORMATIVI ELABORAZIONE DI

Dettagli

Impianti ERP è il migliore investimento

Impianti ERP è il migliore investimento Impianti ERP è il migliore investimento ITALSOFT, azienda fondata nel 1986, ha distribuito i suoi prodotti con il marchio IBM fino al 1999, anno in cui ha certificato il suo sistema di qualità ISO 9001

Dettagli

Intervento cofinanziato dall U.E. F.E.S.R. sul P.O. Regione Puglia 2007-2013 Asse I Linea 1.1 Aiuti agli investimenti in ricerca per le PMI

Intervento cofinanziato dall U.E. F.E.S.R. sul P.O. Regione Puglia 2007-2013 Asse I Linea 1.1 Aiuti agli investimenti in ricerca per le PMI Oil & Gas Business Application Suite Intervento cofinanziato dall U.E. F.E.S.R. sul P.O. Regione Puglia 2007-2013 Asse I Linea 1.1 Aiuti agli investimenti in ricerca per le PMI Il progetto Il bando Nell

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Implementare un sistema di controllo di gestione in un azienda di servizi: il caso DP&V. di Valter Gamba (*)

Implementare un sistema di controllo di gestione in un azienda di servizi: il caso DP&V. di Valter Gamba (*) Pianificazione Controllo di gestione e settori Implementare un sistema di controllo di gestione in un azienda di servizi: il caso DP&V di Valter Gamba (*) Attraverso l esperienza di un azienda di servizi

Dettagli

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 7 5. COMPETENZE... 8 Quali competenze sono necessarie... 8 Conoscenze... 12

Dettagli

Allegato E. Workflow dei principali processi coinvolti nelle attività del servizio

Allegato E. Workflow dei principali processi coinvolti nelle attività del servizio Allegato E Workflow dei principali processi coinvolti nelle attività del servizio ISTRUZIONE OPERATIVA 19.04 Manutenzione Preventiva INDICE 1 SCOPO 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 3 MODALITA 4 RIFERIMENTI 5 GESTIONE

Dettagli

progetto impresa ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE

progetto impresa ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE progetto impresa ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE 02 EDIZIONE 2008/2009 Per presentare il vostro progetto d impresa cooperativa dovete compilare una scheda di partecipazione. 6 Si tratta di una griglia standard,

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA BS OHSAS 18001 (ed. 2007) Rev. 0 del 13/01/09 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 Premessa La norma OHSAS 18001 rappresenta uno

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO: GUIDA PRATICA PER L APPLICAZIONE IN AZIENDA

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO: GUIDA PRATICA PER L APPLICAZIONE IN AZIENDA Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 10/09/2007. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

Medium voltage service ABB MySiteCondition Valutazione delle condizioni ed analisi del rischio di gestione delle apparecchiature

Medium voltage service ABB MySiteCondition Valutazione delle condizioni ed analisi del rischio di gestione delle apparecchiature Medium voltage service ABB MySiteCondition Valutazione delle condizioni ed analisi del rischio di gestione delle apparecchiature Che cosa si intende per MySiteCondition? MySiteCondition è un supporto per

Dettagli

di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management

di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management MISURE DI COMMESSA E MISURE DI SISTEMA COSTRUIRE UN PONTE TRA IL SINGOLO PROGETTO E GLI OBIETTIVI AZIENDALI di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management IL RUOLO DEL SISTEMA DI MISURA

Dettagli