IL TRATTAMENTO ENDOSCOPICO DI UNA PATOLOGIA MULTIDISCIPLINARE. Angelo Ambrosio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL TRATTAMENTO ENDOSCOPICO DI UNA PATOLOGIA MULTIDISCIPLINARE. Angelo Ambrosio"

Transcript

1 IL TRATTAMENTO ENDOSCOPICO DELL OBESITA NELL AMBITO DI UNA PATOLOGIA MULTIDISCIPLINARE La nostra esperienza con il bendaggio gastrico Angelo Ambrosio UOC Chirurgia Addominale Dipartimento di Scienze Chirurgiche IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza San Giovanni Rotondo, 22 novembre 2008

2 L obesita essenziale di per se non è una malattia In passato condizione protettiva nei confronti di: Epidemie Carestie Malattie carenziali Malattie intercorrenti Oggi condizione favorente nei confronti di: Malattie cardiovascolari Malattie metaboliche Malattie osteoarticolari

3 Aumento introito calorico Diminuzione spesa p energetica

4 Criteri internazionali per la definizione del sovrappeso e dell obesità Indice di massa corporeo (Kg/m 2 ) = Peso BMI (body mass index) Altezza 2 SOVRAPPESO: OBESITA CLASSE I: OBESITA CLASSE II: OBESITA CLASSE III: > 40

5 Patologie associate all obesità Depressione Ictus Infarto al Miocardio Litiasi Biliare Cancro del colon e della prostata Apnee Notturne Ipertensione Diabete di tipo 2 Osteoartrosi Varici ed ulcere venose Gotta

6 LineeGuidaItalianeObesità Pazienti con BMI 40 Kg/m 2 senza fattori di rischio o 35 Kg/m2 con patologie associate ate Pazienti in cui adeguati e ripetuti interventi di tipo medico sono falliti La L chirurgia i gastrointestinale t ti (restrizione i gastrica o bypass) è possibile per soggetti motivati con rischi operatori accettabili

7 Kg 70 cm 165 BMI 25.7 Kg 80 cm 165 BMI 29.4 Kg 90 cm 165 BMI 33.1 Kg 100 cm 165 BMI 36.7 Kg 110 cm 165 BMI 40.4 Kg 120 cm 165 BMI 44.1 Kg 130 cm 165 BMI 47.8 Kg 140 cm 165 BMI 51.2

8 Kg 70 h 170 BMI 24.2 Kg 80 h 170 BMI 27.7 Kg 90 h 170 BMI 31.1 Kg 100 h 170 BMI 34.6 Kg 110 h 170 BMI 38.1 Kg 120 h 170 BMI 41.5 Kg 130 h 170 BMI 45.0 Kg 140 h 170 BMI 48.44

9 Indicazioni al Trattamento Chirurgico Team Multidisciplinare Diabetologo Ortopedico Endocrinologo Dietista Psichiatra Chirurgo Anestesista Cardiologo Otorinolaringoiatra Chirurgo Plastico

10 VALUTAZIONE DELLE COMPLICANZE E DELL IDONEITA ALLA CHIRURGIA BARIATRICA

11 Chirurgia Bariatrica Interventi restrittivi i i Interventi malassorbitivi Interventi misti

12 Chirurgia Bariatrica Interventi ti restrittivi i Pallone Intragastrico Bendaggio Gastrico Gastroplastica Verticale Sleeve gastrectomy Procedure semplici ed altamente mini-invasiveinvasive Tecniche difficili LAPAROSCOPIA

13 Chirurgia Bariatrica Interventi ti Malassorbitivi Bypass Digiuno-Colici Bypass Digiuno-Ileali Diversione Bilio-Pancreatica Bypass Bilio-Intestinale Riduzione della superficie intestinale assorbente Creazione di un malassorbimento intestinale prevalente per i grassi

14 Chirurgia Bariatrica Interventi ti misti By pass Gastrico Tecnica difficile LAPAROSCOPIA

15 Gastroplastica Verticale GPV sec. Mason GPV sec. McLean - Procedura meno diffusa in Europa, piu negli USA in era pre-bypass -Tecnica chirurgica bariatrica che determina una partitura gastrica verticale, con sutura (Mason) o sutura/sezione (McLean) e posizionamento di una benderella per lo più non regolabile - Compliance da parte del paziente

16 By Pass Intestinali By-Pass Digiuno-Ileale sec.payne By-Pass Digiuno-Ileale sec.scott By-Pass Digiuno-Colico - Procedura diffusa in Europa negli anni 70, ora abbandonata - Tecnica chirurgica bariatrica malassorbitiva - Grande efficacia, ma malnutrizione

17 Diversione Bilio-Pancreatica - Gastroresezione (camera residua ml) - Anastomosi su lunga ansa ad Y sec. Roux - Tratto comune breve (50 cm ca.) DBP sec. Scopinaro -Procedura malassorbitiva piu diffusa -Tecnica chirurgica bariatrica che determina una scarsa restrizione gastrica, malassorbimento per salto intestinale - Grande efficacia i (70-90% EWL a 18 anni), no compliance - Grande esperienza nel follow-up

18 Roux-en-Y Gastric By-Pass - Sezione digiuno a 120 cm dal Treitz - Anastomosi digiuno-digiunale tra 120 e 200 cm Roux-en-Y GBP (Miller) - Procedura piu diffusa in U.S.A. (> int./anno) -Tecnica chirurgica bariatrica che determina una restrizione gastrica, con un variabile ridotto assorbimento (soprattutto dei carboidrati) mediato sia da un accellerato transito attraverso l ansa alimentare, sia dalla lunghezza dell ansa biliare - Riduzione della Grelina circolante (????) No compliance

19 Bendaggio Gastrico Regolabile Indicazioni BMI >40 <50 o BMI >35 <40 in caso di comorbidità in presenza di : Iperfagia prandiale in assenza di: Sweet eaters, binge eaters, snackers Storia di malattie psichiatriche Non accettazione di restrizioni dietetiche No compliance nel follow-up a lungo termine Diabete manifesto / Severe dislipidemie

20 Bendaggio Gastrico Gastric Banding sec. Kuzmak - Procedura piu diffusa in Europa (ca int./anno) -Tecnica chirurgica bariatrica che determina una restrizione gastrica, con creazione di una tasca gastrica prossimale con scarico ( outlet ) regolabile - Compliance da parte del paziente

21 Bendaggio Gastrico - Il neo -stomaco e rappresentato dalla tasca al di sopra del bendaggio il cui scarico (outlet) viene regolato in base alla perdita di peso. Il calo ponderale avviene in quanto vi e un precoce senso di sazieta determinato da una precoce distensione della pouch con conseguente ridotto introito calorico

22 Bendaggio Gastrico Regolabile Lap Band (American) SAGB (Swedish) MID Band (French)

23 Bendaggio Gastrico Regolabile Heliogast SGBI

24 SAGB X-2100

25 Technique Evolution Perigastric technique Pars flaccida technique

26 SAGB Vantaggi comuni a tutti i bendaggi Mantenimento integrita gastrica senza alterazioni anatomiche Laparoscopia Reversibilita Possibilita di regolazione del bendaggio e pertanto del diametro dello stoma ( outlet )

27 preparazione all intervento Digiuno nelle ultime 12 ore Clistere di pulizia il giorno prima dell intervento Profilassi tromboembolica con eparina a basso peso molecolare la sera prima dell intervento Antibioticoprofilassi con cefalosporina o penicillina semi-sintetica i ti la mattina dell intervento t

28 Bendaggio Gastrico Regolabile per via laparoscopica posizione del paziente e degli operatori

29 SAGB Accessi Laparoscopici: 5 trocars C-5 mm A-10 mm D-12 mm B-15 mm E-5 5 mm A: ottica Ombelico B: operatore C: operatore D: retrazione epatica E: retrazione gastrica

30 VIDEO

31 Sezione del ligamento freno-gastrico e preparazione dell angolo di His

32

33 Apertura del legamento Apertura del legamento gastro-epatico (pars lassa)

34 Creazione del tunnel retrogastrico

35

36 Preparazione del bendaggio gastrico

37 Introduzione in addome del bendaggio e suo posizionamento

38 Test con Bleu di metilene se il passaggio retrogastrico è stato difficoltoso

39 Chiusura parziale del Chiusura parziale del bendaggio

40 Tunnellizzazione del bendaggio

41 Recupero del catetere t di insufflazione e sua retrazione all esterno Drenaggio solo in casi particolari

42 Collegamento port-catetere, allocazione del port e sutura degli accessi cutanei

43 Lap SAGB Decorso post-operatorio giorni Emissione gas Ripresa dieta Antidolorifici SNG Degenza

44 SAGB Vomito post-operatorio % mese 3 mesi 6 mesi 12 mesi

45 Gestione del pz operato di Bendaggio Gastrico Team Multidisciplinare Diabetologo Ortopedico Endocrinologo Dietista Psicologo/Psichiatrao/Psichiatra Chirurgo Cardiologo Chirurgo Plastico

46 Periodi Regime Dietetico post SAGB Dieta 1 mese Liquida 1500 ml (assunzioni di ml) 2 settimane Semi-liquida 1500 ml di liquidi (assunzioni di ml) gr. Semisolidi (frazionamenti di gr) g) 2 settimane Semi-solida Piccole porzioni masticando bene e lentamente 3-4 mesi Mista Dieta quantitativamente controllata con frazionamento in 5-6 pasti Libera Frazionamento dei pasti BERE TRA I PASTI E NON DURANTE

47 SAGB Regolazione e Follow-up 1. Valutazione e modifica delle abitudini dietetiche e comportamentali 2. Regolazione del bendaggio in base alla perdita di peso 3. Controllo per individuare e trattare precocemente le complicanze Tempo Dopo intervento Esame Regolazione con IOPAMIRO 200 Il band è vuoto 1 mese Rx con gastrografin 1 3 cc 3 mesi Rx con gastrografin Il band può essere 6 mesi Rx con gastrografin riempito con un massimo di 8 cc 1 anno Rx con gastrografin EGDS Regolazione del band in Dopo 2 anno Rx con gastrografin + EGDS ogni anno base al peso e ai sintomi

48 ESPERIENZA CSS MAGGIO 07 - OTTOBRE 08 8 pazienti: 7f/1m Età media: 35.2 aa Peso medio: Kg BMI medio: Kg/m 2 Degenza media: 3.3 gg

49 130 FOLLOW UP PESO in KG KG tempo m 12 m 18 m Pz

50 60 FOLLOW UP BMI tempo m 12 m m

51 FOLLOW UP % EWL TEMPO 0 6 M 12 M 18 M

52 Lap SAGB % Miglioramento/Risoluzione Co-morbidita Patologia Ipertensione 90% Diabete 75% Apnee notturne 90% Dispnea da sforzo 80% Ipercolesterolemia 80% Ipertrigliceridemia 70% Reflusso gastro-esofageo 70% Edema arti inferiori 80% Dolore articolare 70% Incontinenza urinaria 80%

53 Valutazione Compliance e Supporto Psicologico Fase pre-operatoria Aspettative relative all intervento Reazione alle Diete Analisi comportamento alimentare Uso/abuso alcool/stupefacenti Diagnosi e valutazione per l avvio o meno all intervento di bendaggio gastrico regolabile Fase post-operatoria Analisi difficolta incontrate Favorire compliance Favorire cambiamento abitudini alimentari Terapia comportamentale per migliorare il controllo alimentare Training motivazionale all attivita fisica Uno o piu colloqui pre-op. Minnesota Multiphasic Personality Inventory-2 (MMPI-2) Eating Disorder Examination 12.0D Colloqui ad ogni controllo ollo Minnesota Multiphasic Personality Inventory-2 (MMPI-2) a mesi Eating Disorder Examination 12.0D a mesi

54 Rimodellamento Estetico Consultazione con il Chirurgo Plastico Mantenimento del calo di peso da almeno mesi Addominoplastica Brachioplastica Mastoplastica riduttiva o lifting Rimodellamento interno cosce

55 Rimodellamento Estetico Consultazione con il Chirurgo Plastico Mantenimento del calo di peso da almeno mesi Addominoplastica Brachioplastica Mastoplastica riduttiva o lifting Rimodellamento interno cosce

56 Rimodellamento Estetico Consultazione con il Chirurgo Plastico Mantenimento del calo di peso da almeno mesi Addominoplastica Brachioplastica Mastoplastica riduttiva o lifting Rimodellamento interno cosce

57 Rimodellamento Estetico Consultazione con il Chirurgo Plastico Mantenimento del calo di peso da almeno mesi Addominoplastica Brachioplastica Mastoplastica riduttiva o lifting Rimodellamento interno cosce

58

59 LIFTING INTERNO COSCIA POST DIMAGRIMENTO ADDOMINO- PLASTICA IN ADDOME PENDULO POST DIMAGRIMENTO

60 Rimozione band??? Scarsi dati in letteratura Nei casi sporadici, nelle intolleranze e nelle complicanze long-term dopo successo i risultati sono in genere deludenti Da discutere dopo rimodellamento corporeo, accettazione della figura corporea, comunque sempre dopo consultazione con psicologo e/o psichiatra

61

62

63

64

65

66 Per adattarsi all ambiente e alle carenze alimentari, l uomo ha selezionato quello che viene definito GENOTIPO RISPARMIATORE che consente di risparmiare ed accumulare calorie sotto forma di grasso corporeo, da utilizzare nei periodi di carestia Boscimane del deserto del Kalahari durante il periodo estivo Venere di Willendorf ac a.c.

67 > 95% assetto genetico CAUSE DI OBESITA ambiente malattie endocrine forme genetiche obesità da farmaci disturbi mentali < 5% malattie neurologiche essenziale secondaria OBESITA

68 COS E L OBESITA? Una condizione caratterizzata da un eccessivo peso corporeo per accumulo di tessuto adiposo, in misura tale da influire negativamente sullo stato di salute. Condizione cronica, ad elevata prevalenza e ad eziologia multifattoriale, accompagnata da un aumento del rischio di morbilità e mortalità.

69 Tecnica Chirurgica 3. Identificazione pilastro diaframmatico dx 4. Apertura adipe a sin del pilastro dx 1. Sezione attachments freno-gastrici e preparazione angolo di His X 5. Creazione tunnel retrogastrico X 2. Apertura pars lassa piccolo epiploon a livello margine inferiore del l. caudato

70 Tecnica Chirurgica Minima Dissezione Evitare passaggio attraverso la Bursa Omentalis Posizionare il band 0,5 cm al di sotto dell angolo di His

71 le dimensioni del problema > 1 miliardo (1/6 abitanti del pianeta) World Watch Institute

72 Ma perché sono obeso? avrò sicuramente qualche disfunzione Esiste la cura per farmi dimagrire? Le aspettative. per un problema di difficile soluzione Marsili, New Orleans 2004

73 Lap SAGB e Lap RYGBP Indicazioni BMI < 50 BMI > 50 Iperfagia Prandiale Fallimento di altre procedure restrittive Compliance (Restriz. Dietet./follow-up) Sweet, binge, snacker disorders Diabete Disordini psichiatrici Dislipidemie 35Co-morbidita Body Mass Index BMI

74 Intra-Gastric Balloon Indicazioni e Caratteristiche - Obesita lieve-moderata (presidio definitivo) - Obesita grave e Superobesita (calo ponderale prima dell intervento definitivo) - Procedura Endoscopica Temporanea (4-6 mesi) - Regolabile (da 400 a 700 ml) -Radiopacita - Ulcere da decubito - Possibilita di riposizionamento

75 SAGB Gestione post-operatoria (227 Pazienti) Trattamento s. da ipoventilazione (UTI) 35 (15.4%) Gestione co-morbidita (Specialisti Team) 39 (17.1%) Mobilizzazione precoce 227 (100%) Controllo radiologico in I gg. post-op. p 33 (14.5%) SNG per 24 ore 227 (100%) Drenaggio addominale 54 (23.7%)

76 Circonferenza addome Aumentato rischio > 88 cm donna > 102 cm uomo

77 Lap SAGB Follow-up BMI Pre.op 1 Mese 3 Mese 6 Mese 1 Anno 2 Anno 3 Anno

78 Diversione Bilio-Pancreatica Anemia (35%) Complicanze 1277 Pazienti Demineralizzazione ossea (7%) Malnutrizione proteica (9-12%) (Riconversione) Ulcere stomali (6%) (Neoplasia - Barrett) Neuropatia periferica (0.2%) Mortalita % per malnutrizione proteica Scopinaro et al., 2002

79 Gastroplastica Verticale - Il neo -stomaco e rappresentato dalla pouch compresa tra partitura gastrica e benderella il cui scarico (outlet) e fisso, non regolabile. Il calo ponderale anche in questo caso avviene in quanto la restrizione gastrica determina un precoce senso di sazieta causato da una precoce distensione della pouch con conseguente ridotto introito calorico

80 By Pass Intestinali Long-term follow-up 1550 pazienti Alterazioni metaboliche gravi Ipocalcemia Ipokaliemia Ipomagnesemia Deficit ferro e zinco Diarrea ( grave perdita di minerali) Inizia in 5 a giornata p.o scariche liquide 6-10 emissioni feci semiliquide ( Brolin RE, et al. Ann Surg, 1992)

81 Rimozione definitiva band??? Scarsi dati in letteratura Nei casi sporadici, nelle intolleranze e nelle complicanze long-term dopo successo i risultati sono in genere deludenti Da discutere dopo rimodellamento corporeo, accettazione della figura corporea, comunque sempre dopo consultazione con psicologo e/o psichiatra

82 BMI > 50 By-pass Intestinali Diversione Bilio-Pancreatica Indicazioni Fallimento di procedure restrittive pure BMI < 50 in presenza di Sweet eaters, binge eaters, snackers Storia di malattie psichiatriche Non accettazione di restrizioni dietetiche No compliance nel follow-up a lungo termine Gravi Displipidemie p

83 Trim. 3 Trim. Est Ovest Nord

84 Oltre 4 milioni le persone adulte obese Aumento del 25% della sua prevalenza negli ultimi 5 anni Il fenomeno obesità in Italia Oltre 15 milioni di individui adulti in sovrappeso Aumento della quota di individui obesi al crescere dell età Almeno 1/3 delle morti premature cardiovascolari sono attribuibili ad essa

85 D Amicis A. et al. 4 rapporto sull obesità in Italia. Istituto Auxologico Italiano. Franco Angeli (MI), 2002

86 Prevalenza dell obesità nelle varie classi di età in Italia Preva alenza a (% ) (ISTAT 1999) > Classi di età (in anni)

87 ..e i bambini

88 I bambini in sovrappeso hanno una elevata probabilità di diventare obesi in età adulta Gli adolescenti in sovrappeso hanno una probabilità del 70 % di diventare sovrappeso o obesi in età adulta; tale probabilità aumenta fino all 80% se uno o entrambi i genitori sono in sovrappeso o obesi

89 Prevalenza del sovrappeso in bambini dai 7 agli 11 anni in alcuni paesi dell Europa International Obesity Task Force - Obesity Reviews, 2003

90 in Italia

91 BMI > 50 By-pass Intestinali Diversione Bilio-Pancreatica Indicazioni Fallimento di procedure restrittive pure BMI < 50 in presenza di Sweet eaters, binge eaters, snackers Storia di malattie psichiatriche Non accettazione di restrizioni dietetiche No compliance nel follow-up a lungo termine Gravi Displipidemie

92 SAGB Gestione post-operatoria (227 Pazienti) Trattamento s. da ipoventilazione (UTI) 35 (15.4%) Gestione co-morbidita (Specialisti Team) 39 (17.1%) Mobilizzazione precoce 227 (100%) Controllo radiologico in I gg. post-op. p 33 (14.5%) SNG per 24 ore 227 (100%) Drenaggio addominale 54 (23.7%)

93 Intra-Gastric Balloon Bioenterics Intragastric Balloon (BIB) - Procedura diffusa in Europa (in Italia circa 2000 int./anno) - Tecnica endoscopica che determina una restrizione gastrica mediante inserimento in stomaco di un pallone in silicone ( ml) - Procedura temporanea - Compliance da parte del paziente

OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA

OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA Prof. M. Morino Chirurgia II Centro Universitario di Chirurgia Mini Invasiva Università degli Studi di Torino AOU Molinette By-pass gastrico laparoscopico Italia Necessità

Dettagli

OBESITA. Chirurgia II. Università degli Studi di Torino AOU Molinette

OBESITA. Chirurgia II. Università degli Studi di Torino AOU Molinette OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA Prof. M. Morino Chirurgia II Centro Universitario di Chirurgia Mini Invasiva Università degli Studi di Torino AOU Molinette By-pass gastrico laparoscopico Italia Necessità

Dettagli

E se con l alimentazione non ce la facciamo ci puo aiutare la chirurgia nel bambino? F. De Peppo

E se con l alimentazione non ce la facciamo ci puo aiutare la chirurgia nel bambino? F. De Peppo E se con l alimentazione non ce la facciamo ci puo aiutare la chirurgia nel bambino? F. De Peppo ROMA 28-29 MARZO 2015 Dr. Francesco De Peppo UOS Chirurgia Pediatrica Palidoro Dipartimento Chirurgia -

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz LA CHIRURGIA NEL TRATTAMENTO DELL OBESITA OBESITA PATOLOGICA www.fisiokinesiterapia.biz OBESITA PATOLOGICA OBESITA PATOLOGICA OBESITA PATOLOGICA OBESITA PATOLOGICA Definizione L obesità è una condizione

Dettagli

LA TERAPIA CHIRURGICA DELL OBESITA PATOLOGICA. www.fisiokinesiterapia.biz

LA TERAPIA CHIRURGICA DELL OBESITA PATOLOGICA. www.fisiokinesiterapia.biz LA TERAPIA CHIRURGICA DELL OBESITA PATOLOGICA www.fisiokinesiterapia.biz PREMESSE In Italia un adulto su tre è sovrappeso (BMI>25) ed il 10% circa della popolazione è affetto da obesità patologica (BMI>40).

Dettagli

LIBRETTO INFORMATIVO L OBESITA

LIBRETTO INFORMATIVO L OBESITA LIBRETTO INFORMATIVO L OBESITA 35 Perché si diventa grassi? INTRODUZIONE DI ENERGIA DISPENDIO DI ENERGIA Cibo Bevande Esercizio fisico Metabolismo Si diventa grassi quando le calorie in entrata superano

Dettagli

L OBESITÀ NELL ADULTO

L OBESITÀ NELL ADULTO Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana Centro Multidisciplinare per la Diagnosi e la Terapia dell Obesità e dei Disturbi del Comportamento Alimentare L OBESITÀ NELL ADULTO 2 SEMINARIO: L OSPEDALE PROMUOVE

Dettagli

Fascicolo informativo per Pazienti da sottoporre a trattamento chirurgico dell obesità patologica

Fascicolo informativo per Pazienti da sottoporre a trattamento chirurgico dell obesità patologica Fascicolo informativo per Pazienti da sottoporre a trattamento chirurgico dell obesità patologica Informazioni generali La chirurgia dell obesità non è chirurgia estetica; è destinata a Pazienti che abbiano

Dettagli

Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it

Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it 1.5 miliardi con BMI>25 500 milioni con BMI>30 BMI > 40 kg/m² BMI > 35 Kg/m² e comorbilità testo Neoplasie Malattie CV altre 2009 Industrial Chemicals Bisphenol

Dettagli

OBESITA E DIABETE: VALUTAZIONE E PROGETTO DI INTERVENTO

OBESITA E DIABETE: VALUTAZIONE E PROGETTO DI INTERVENTO OBESITA E DIABETE: VALUTAZIONE E PROGETTO DI INTERVENTO Dr.ssa Enrica Manicardi D.M. RESPONSABILE DI S.S. DI DIABETOLOGIA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Azienda Ospedaliera Arcispedale Santa Maria

Dettagli

Interventi di restrizione gastrica

Interventi di restrizione gastrica CENTRO PER LA CURA DELL'OBESITA' E CHIRURGIA MINI INVASIVA Responsabile - Dott. Alessandro Giovanelli Interventi di restrizione gastrica a) Palloncino intragastrico: Il PALLONCINO POSIZIONATO NELLO STOMACO

Dettagli

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE LE CAUSE DELL OBESITÀ Dall interazione di fattori

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

CONSENSO INFORMATO (S.I.C.OB. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche)

CONSENSO INFORMATO (S.I.C.OB. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche) 1 CONSENSO INFORMATO (S.I.C.OB. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche) In questo fascicolo vengono fornite informazioni sulla terapia chirurgica dell Obesità al fine di

Dettagli

Counselling nutrizionale postoperatorio

Counselling nutrizionale postoperatorio CAPITOLO 26 Counselling nutrizionale postoperatorio Luca Busetto Introduzione Il panel di esperti che già nel 1991 aveva formulato, sotto l egida dei National Institutes of Health (NIH), le prime linee

Dettagli

Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) - All 22.9 % 30.5 % - Males 20.2 % 27.5 % - Females 25.4 % 33.4 %

Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) - All 22.9 % 30.5 % - Males 20.2 % 27.5 % - Females 25.4 % 33.4 % Il Paziente obeso: Il punto di vista del Chirurgo Prof. Francesco Domenico Capizzi Bologna CENTRO DI CHIRURGIA LAPAROSCOPICA GASTROENTEROLOGICA E DELL OBESITA, Bologna Direttore: Prof. F.D. Capizzi Prevalenza

Dettagli

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Università degli Studi di Pavia Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Direttore: Prof. Anna Tagliabue

Dettagli

Data. Reparto.. Ospedale. Città provincia

Data. Reparto.. Ospedale. Città provincia S. I. C. OB. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità OB. CONSENSO INFORMATO per INTERVENTO DI CHIRURGIA DELL OBESITÀ Da allegare alla cartella clinica numero Di. Nome Cognome Data. Reparto.. Ospedale

Dettagli

IDEA PROGETTUALE di Federica Burattini

IDEA PROGETTUALE di Federica Burattini IDEA PROGETTUALE di Federica Burattini Disturbi del comportamento alimentare. Con le locuzioni Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA) si indicano tutte quelle problematiche, di pertinenza principalmente

Dettagli

Obesità e. Chirurgia Bariatrica. Cos è la chirurgia bariatrica

Obesità e. Chirurgia Bariatrica. Cos è la chirurgia bariatrica Obesità e Chirurgia Bariatrica Dott.ssa Gloria Fioravanti Cos è la chirurgia bariatrica La chirurgia bariatrica consiste in un insieme di procedure che promuovono la perdita di peso attraverso la riduzione

Dettagli

ANUPSA VERONA. Dott.ssa F. «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro.

ANUPSA VERONA. Dott.ssa F. «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro. ANUPSA VERONA «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro.» Circolo Ufficiali di Castelvecchio 13 febbraio 2014 1 Dott.ssa F. Dopo gli

Dettagli

L OBESITA DEL BAMBINO E DEL FUTURO ADULTO

L OBESITA DEL BAMBINO E DEL FUTURO ADULTO L OBESITA DEL BAMBINO E DEL FUTURO ADULTO Luca Chiovato, Agnese Mottadelli U.O. di Medicina Interna e Endocrinologia, I.R.C.C.S. Fondazione S. Maugeri Cattedra di Endocrinologia Università di Pavia Sono

Dettagli

Il primo passo di un cammino per riconoscere la malattia ed affrontarla con i centri ospedalieri specializzati

Il primo passo di un cammino per riconoscere la malattia ed affrontarla con i centri ospedalieri specializzati Il primo passo di un cammino per riconoscere la malattia ed affrontarla con i centri ospedalieri specializzati Per il paziente che vuole saperne di più a cura della SICOB, Società Italiana di Chirurgia

Dettagli

La gastroplastica verticale laparoscopica

La gastroplastica verticale laparoscopica CAPITOLO 14 La gastroplastica verticale laparoscopica Mario Morino, Mauro Toppino, Dario Parini Introduzione Negli anni 90 si è assistito a una crescente diffusione dell approccio laparoscopico in chirurgia

Dettagli

IL TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA PATOLOGICA

IL TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA PATOLOGICA IL TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA PATOLOGICA DIPARTIMENTO DI EMERGENZE/URGENZE, CHIRURGIA GENERALE E DEI TRAPIANTI UNITA OPERATIVA CHIRURGIA GENERALE Direttore: Prof. B. COLA CENTRO STUDI DI TERAPIA

Dettagli

neoplasia dello stomaco www.slidetube.it

neoplasia dello stomaco www.slidetube.it neoplasia dello stomaco www.slidetube.it TUMORE DELLO STOMACO CARDIAS: disfagia CORPO: no sintomi ANTRO: gonfiore postprandiale, vomito Sede più frequente: ANGULUS ANTRO fumo alimentazione ULCERA GASTRICA:

Dettagli

1. VALUTAZIONE NUTRIZIONALE

1. VALUTAZIONE NUTRIZIONALE SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N. 4 FRIULI CENTRALE Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE Partita IVA e Codice Fiscale 02801610300 ALLEGATO

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Educazione alimentare

Educazione alimentare Università degli Studi di Torino Azienda Ospedaliera San Luigi di Orbassano Struttura Semplice Dipartimentale di Dietetica e Nutrizione Clinica Educazione alimentare Classificazione: entità Indice di massa

Dettagli

La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la

La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la Dott.ssa Ventriglia. Potrai ricevere una dieta personalizzata e bilanciata con i consigli per dimagrire

Dettagli

CONSENSO INFORMATO PER INTERVENTO DI CHIRURGIA DELL OBESITA. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche

CONSENSO INFORMATO PER INTERVENTO DI CHIRURGIA DELL OBESITA. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche CONSENSO INFORMATO PER INTERVENTO DI CHIRURGIA DELL OBESITA Da allegare alla cartella clinica n. Compilare in STAMPATELLO Questo fascicolo è un documento ufficiale della Società Italiana di Chirurgia dell

Dettagli

Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio

Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio Chiara Dal Prà Clinica Medica III Unità bariatrica Azienda Ospedaliera Padova Padova, 8 marzo 2014 Tecniche chirurgiche bariatriche

Dettagli

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica EVOLUZIONE ED OBESITA Dott.ssa D Angelo Angelica Definizione di obesità Per obesità si intende la presenza di un eccesso della massa corporea. Il grado di obesità si misura con l indice di massa corporea

Dettagli

Sommario Rassegna Stampa

Sommario Rassegna Stampa Sommario Rassegna Stampa Testata Data Titolo Pag. Rubrica Sicob Comunicati123.com 06/03/2014 CURA OBESITA': UN'ECCELLENZA DELL'OSPEDALE FATEBENEFRATELLI DI ERBA 2 Rubrica Alimentazione e salute 37 La Repubblica

Dettagli

Globesità: strategia ed interventi. Se ne discute oggi in Senato

Globesità: strategia ed interventi. Se ne discute oggi in Senato CARTELLA STAMPA COMUNICATO STAMPA Globesità: strategia ed interventi. Se ne discute oggi in Senato OBESITÀ E SOVRAPPESO CAUSANO OGNI ANNO 1 MILIONE DI MORTI E 12 MILIONI DI MALATI SOLO IN EUROPA: ISTITUZIONI,

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ ALESSIA MINNITI, Unità Funzionale Semplice di Dietetica e Nutrizione Clinica Università degli Studi di Verona 4 Congresso SIO-Triveneto Udine,

Dettagli

IL RUOLO DELLO PSICOLOGO IN UN AMBULATORIO PER LA CURA DELL OBESITA OBESITA : MOTIVARE AL CAMBIAMENTO

IL RUOLO DELLO PSICOLOGO IN UN AMBULATORIO PER LA CURA DELL OBESITA OBESITA : MOTIVARE AL CAMBIAMENTO Ospedale L. Confalonieri -Luino- Azienda Ospedaliera Fondazione Macchi Giornate Diabetologiche Luinesi II Edizione 2012 IL RUOLO DELLO PSICOLOGO IN UN AMBULATORIO PER LA CURA DELL OBESITA OBESITA : MOTIVARE

Dettagli

Consenso Informato Per intervento di Chirurgia Bariatrica e Metabolica

Consenso Informato Per intervento di Chirurgia Bariatrica e Metabolica Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle Malattie Metaboliche data... Nome... Cognome... struttura... reparto... città... provincia... Consenso Informato Per intervento di Chirurgia Bariatrica

Dettagli

TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA

TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA Giuliano Sarro Responsabile U.O. Chirurgia Generale Ospedale Cantù Abbiategrasso Centro di Chirurgia Bariatrica - A.O. Legnan LINEE GUIDA SICOB 2015 E la chirurgia laparoscopica

Dettagli

Obesità. e soluzione. del problema. Test di autovalutazione. Che cos è l obesità? Quali sono le cause? Le soluzioni chirurgiche A chi rivolgersi

Obesità. e soluzione. del problema. Test di autovalutazione. Che cos è l obesità? Quali sono le cause? Le soluzioni chirurgiche A chi rivolgersi per la vostra Salute GUIDE PRATICHE Centro Unico di Prenotazione (CUP): tel. 02 86 87 88 89 Dal Lunedì al Venerdì, dalle 8.00 alle 17.30 Sabato dalle 8.00 alle 12.00 Ospedale San Giuseppe Via S. Vittore,

Dettagli

ALIMENTAZIONE SANA IN ETA EVOLUTIVA PER UN CUORE SANO IN ETA ADULTA

ALIMENTAZIONE SANA IN ETA EVOLUTIVA PER UN CUORE SANO IN ETA ADULTA ALIMENTAZIONE SANA IN ETA EVOLUTIVA PER UN CUORE SANO IN ETA ADULTA PERCHE UN ALIMENTAZIONE NON SANA FA MALE AL CUORE?... perchè espone al sovrappeso e alle sue complicanze PERCHE UN ALIMENTAZIONE NON

Dettagli

L INFERMIERE NELLA GESTIONE E PREVENZIONE DELLA MALNUTRIZIONE

L INFERMIERE NELLA GESTIONE E PREVENZIONE DELLA MALNUTRIZIONE L INFERMIERE NELLA GESTIONE E PREVENZIONE DELLA MALNUTRIZIONE CONGRESSO REGIONALE ANIMO MARCHE Civitanova Marche, 31 maggio 2013 INF. ELISABETTA SANTINI U.O. NUTRIZIONE ARTIFICIALE Cos è la malnutrizione

Dettagli

SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA

SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA Il SERVIZIO DI DIETOLOGIA AIED offre: Visite mediche specialistiche Elaborazione diete computerizzate personalizzate

Dettagli

Anoressia nervosa. Che cos è L anoressia nervosa è un disturbo dell alimentazione caratterizzato dai seguenti aspetti:

Anoressia nervosa. Che cos è L anoressia nervosa è un disturbo dell alimentazione caratterizzato dai seguenti aspetti: Dal sito : Terzocentro di psicoterapia Cognitiva (Roma) http://www.terzocentro.it Anoressia nervosa Che cos è L anoressia nervosa è un disturbo dell alimentazione caratterizzato dai seguenti aspetti: rilevante

Dettagli

2 CORSO RESIDENZIALE TEORICO-PRATICO LA GESTIONE INTEGRATA DEL PAZIENTE BARIATRICO PROGRAMMA. www.sio-triveneto.it

2 CORSO RESIDENZIALE TEORICO-PRATICO LA GESTIONE INTEGRATA DEL PAZIENTE BARIATRICO PROGRAMMA. www.sio-triveneto.it SEZIONE REGIONALE TRIVENETO SOCIETÀ ITALIANA DELL OBESITÀ 2 CORSO RESIDENZIALE TEORICO-PRATICO LA GESTIONE INTEGRATA DEL PAZIENTE BARIATRICO TRIESTE, 21 22 MAGGIO 2010 HOTEL RIVIERA & MAXIMILIAN S PROGRAMMA

Dettagli

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE Significativi problemi di abbuffate, cioè assunzione di un elevata quantità di cibo associata a un senso di perdita di

Dettagli

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA Dietista Diplomata Giada Ponti MALNUTRIZIONE NEL PAZIENTE ONCOLOGICO INTAKE FABBISOGNI 2 1. Inadeguato intake di energia e nutrienti Effetti locali provocati

Dettagli

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014 Il Diabete Mellito Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso Campobasso 19 marzo 2014 DIABETE MELLITO Definizione Il diabete mellito è una malattia cronica caratterizzata

Dettagli

Complicanze Mediche dell Anoressia Nervosa

Complicanze Mediche dell Anoressia Nervosa Complicanze Mediche dell Anoressia Nervosa E semplice individuare le pazienti a rischio clinico? Parametri di laboratorio: ad es albuminemia : raramente alterata (ridotto catabolismo dell albumina e disidratazione).

Dettagli

Il ruolo del colloquio informativo e del disegno pre-operatorio

Il ruolo del colloquio informativo e del disegno pre-operatorio Il ruolo del colloquio informativo e del disegno pre-operatorio Il colloquio informativo e la fase pre-operatoria L esordio di una malattia, è un momento difficile, caratterizzato inizialmente dallo stress

Dettagli

Sindrome metabolica e terapie antitumorali

Sindrome metabolica e terapie antitumorali Sindrome metabolica e terapie antitumorali SCDU Endocrinologia Oncologica AO Città della Salute e della Scienza di Torino Molinette - COES Sopravvivenza complessiva a 5 anni tutti i tumori, pazienti adulti:

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE

PROGETTO DI FORMAZIONE Progetto formativo PROGETTO DI FORMAZIONE A DISTANZA Obesità e sue comorbilità: diagnosi, prevenzione e trattamento Dalle Raccomandazioni Internazionali alla Pratica Clinica Italiana Responsabile Scientifico

Dettagli

Complicanze/soluzioni

Complicanze/soluzioni Alimentazione: Complicanze/soluzioni U.S.U. Milano- Novembre 2012 Convegno CNOPUS Noemi Ziglioli- Elisa Rusconi- Paola Pignotti Programma alimentare: Ø Esiste un parametro che qualifica un modello alimentare

Dettagli

MultiMedica. Prevenire e curare con l Alimentazione. IRCCS Istituto di Ricovero e Cura. m Istituto di Ricovero e Cura. MultiMedica

MultiMedica. Prevenire e curare con l Alimentazione. IRCCS Istituto di Ricovero e Cura. m Istituto di Ricovero e Cura. MultiMedica COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE m IRCCS MultiMedica m Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300 - Sesto S. Giovanni (Mi) MultiMedica Castellanza Viale Piemonte, 70 - Castellanza

Dettagli

SCHEDE: ALIMENTAZIONE e PATOLOGIE

SCHEDE: ALIMENTAZIONE e PATOLOGIE La persona affetta da neoplasia gastrica è spesso portatrice di uno stato di malnutrizione, soprattutto quando la malattia è localizzata negli organi dell apparato digerente. Alle cause di malnutrizione

Dettagli

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O.

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. OSPEDALI GALLIERA DEFINIZIONE RIPIENEZZA POST-PRANDIALE PRANDIALE CORTEO SINTOMATOLOGICO

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO

PRONTUARIO DIETETICO Pag. 1/107 File Prontuario Dietetico Rev. 01 Redazione Dott. Patrizia Turcato - Servizio Dietetica Data applicazione 3 gennaio 2011 Verifica Dr. Mauro Bertassello - Direttore Presidi Ospedalieri Copia

Dettagli

Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche

Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche www.sicob.org Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche (S.I.C.OB.): linee guida e stato dell arte

Dettagli

PREVENZIONE: Tumori del Seno

PREVENZIONE: Tumori del Seno PREVENZIONE: Tumori del Seno Francesco Paolo Pantano (Chirurgo Oncologo) Il tumore al seno rappresenta il 27% dei tumori del sesso femminile. Ogni anno vi sono circa 36.000 nuovi casi distribuiti nelle

Dettagli

Prolusione tenuta dal Prof. Luigi Brunetti all inaugurazione dell Anno Accademico 2013-2014

Prolusione tenuta dal Prof. Luigi Brunetti all inaugurazione dell Anno Accademico 2013-2014 Università degli Studi G. d Annunzio di Chieti-Pescara Prolusione tenuta dal Prof. Luigi Brunetti all inaugurazione dell Anno Accademico 2013-2014 Magnifico Rettore, Autorità civili e militari, colleghi,

Dettagli

Diversione bilio-pancreatica con duodenal switch per via laparoscopica: tecnica in due tempi

Diversione bilio-pancreatica con duodenal switch per via laparoscopica: tecnica in due tempi CAPITOLO 20 Diversione bilio-pancreatica con duodenal switch per via laparoscopica: tecnica in due tempi Nicola Basso, Gianfranco Silecchia, Mario Rizzello, Giovanni Casella Introduzione La diversione

Dettagli

www.slidetube.it Addominoplastica

www.slidetube.it Addominoplastica Addominoplastica Autori: Fabio Santanelli, Professore Associato, Titolare Cattedra di Chirurgia Plastica, Direttore Scuola di Specializzazione in Chirurgia Plastica, Università di Roma, Responsabile Unità

Dettagli

CLASSIFICAZIONE del DIABETE

CLASSIFICAZIONE del DIABETE Il DIABETE Malattia cronica Elevati livelli di glucosio nel sangue(iperglicemia) Alterata quantità o funzione dell insulina, che si accumula nel circolo sanguigno TASSI di GLICEMIA Fino a 110 mg/dl normalità

Dettagli

I problemi endocrinologici in età evolutiva

I problemi endocrinologici in età evolutiva III CONVEGNO REGIONALE SINDROME DI PRADER WILLI I problemi endocrinologici in età evolutiva Lorenzo Iughetti Dipartimento Materno-Infantile Università di Modena e Reggio Emilia Rappresentazione schematica

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Un efficace strumento di cura e prevenzione

Un efficace strumento di cura e prevenzione HK HealthKlab HealthKlab Health Klab, il Klab della salute, nasce con l'obiettivo di creare e mantenere salute. Sotto questo marchio operano il Servizio di Prevenzione e Attività Fisica dell'istituto di

Dettagli

REGGIO CALABRIA 11-13 MAGGIO 2011

REGGIO CALABRIA 11-13 MAGGIO 2011 AULE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA REGGIO CALABRIA 11-13 MAGGIO 2011 CONSIGLIO DIRETTIVO SICOB Presidente Onorario Presidente Presidente Eletto Past President Vice Presidente Vice Presidente Segretario

Dettagli

la digestione, l assorbimento, l alimentazione

la digestione, l assorbimento, l alimentazione la digestione, l assorbimento, l alimentazione 1 LA DIGESTIONE Digestione meccanica, il cibo è macinato, rimescolato e insalivato Digestione chimica, il cibo è scomposto in sostanze più semplici dall azione

Dettagli

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Alimentazione e stato nutrizionale

Dettagli

GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI

GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI Unità di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Responsabile : Dr. Francesco Cupella Fondazione Salvatore Maugeri La Gastrostomia Endoscopica Percutanea

Dettagli

DATI ANAGRAFICI CURRICULUM IN BREVE ISTRUZIONE. Recapito telefonico: 327.3512733

DATI ANAGRAFICI CURRICULUM IN BREVE ISTRUZIONE. Recapito telefonico: 327.3512733 BARDUCCO MICHELA DATI ANAGRAFICI Recapito telefonico: 327.3512733 CURRICULUM IN BREVE Mi sono laureata nel 2003 in Dietistica presso l Università degli Studi di Genova con una tesi sul Trattamento cognitivo

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Ho mal di stomaco Che cosa è la dispepsia INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 24-0 05/09/2012 INDICE Cos è? 4 Come si riconosce? 5 La dispepsia

Dettagli

Bisogni Nutrizionali nei Pazienti «inguaribili»

Bisogni Nutrizionali nei Pazienti «inguaribili» Bisogni Nutrizionali nei Pazienti «inguaribili» Grazia Pilone U.O. di Gastroenterologia Fate clic per aggiungere del Azienda testoulss n. 12 Veneziana Mestre (Venezia) Terapia Palliativa Non Guarire, ma

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE OBESO CANDIDABILE A CHIRURGIA BARIATRICA

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE OBESO CANDIDABILE A CHIRURGIA BARIATRICA INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE OBESO CANDIDABILE A CHIRURGIA BARIATRICA INDICE Obesità e malattie correlate pag 3 Il percorso bariatrico Pag 6 Gli interventi di chirurgia bariatrica pag 15 La degenza pag.

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE

PROGETTO DI FORMAZIONE Progetto formativo PROGETTO DI FORMAZIONE A DISTANZA Obesità e sue comorbilità: diagnosi, prevenzione e trattamento Dalle Raccomandazioni Internazionali alla Pratica Clinica in Italia Responsabile Scientifico

Dettagli

CELIACHIA. Fino a pochi anni fa la celiachia era considerata una mal poco frequente; oggi in Italia 1 caso ogni 100 abitanti

CELIACHIA. Fino a pochi anni fa la celiachia era considerata una mal poco frequente; oggi in Italia 1 caso ogni 100 abitanti CELIACHIA E una enteropatia autoimmune geneticamente determinata,caratterizzata da una risposta autoimmune contro la glutine, contenuto nel grano, orzo, segale, farro ed altri cereali minori. E caratterizzata

Dettagli

ACQUA ALCALINA IONIZZATA

ACQUA ALCALINA IONIZZATA Dott.ssa M. Chiara Cuoghi ACQUA ALCALINA IONIZZATA... i benefici: IL CORPO UMANO ADULTO E COSTITUITO AL 70% D ACQUA QUANTA acqua si deve introdurre ogni giorno nel corpo per mantenere un adeguata idratazione?

Dettagli

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA libro:layout 1 21-10-2010 15:06 Pagina 49 POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E CLINICA M. L. Amerio, D. Domeniconi in collaborazione con la Rete dei Servizi di Dietetica e Nutrizione Clinica

Dettagli

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE CARIE DENTALE MIOPIA SCOLIOSI OBESITA CARIE DENTALE La carie dentale nasce come processo erosivo e si evolve come processo destruente del dente che perde così

Dettagli

Fabbisogno energetico e sue componenti

Fabbisogno energetico e sue componenti Fabbisogno energetico e sue componenti WHO (1985) come: l apporto di energia di origine alimentare necessario a compensare il dispendio energetico di individui che mantengano un livello di attività fisica

Dettagli

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 Diabete Il Diabete Mellito rappresenta uno dei problemi

Dettagli

Vizi e Virtù del gelato nel paziente post chirurgia bariatrica

Vizi e Virtù del gelato nel paziente post chirurgia bariatrica CONGRESSO CONGIUNTO ADI-SIO Vizi e Virtù del gelato nel paziente post chirurgia bariatrica Vicenza, 5 Ottobre 2013 Dott.ssa Anna Belligoli Unità Bariatrica Padova Interventi: restrittivi/malassorbitivi

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista DALLA PREISTORIA AD OGGI: STILI DI VITA DIVERSI 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% DALLA PREISTORIA

Dettagli

RECENTI ACQUISIZIONI SCIENTIFICHE NEL CONTROLLO DELL OBESITÀ

RECENTI ACQUISIZIONI SCIENTIFICHE NEL CONTROLLO DELL OBESITÀ Organizzatore: J&B S.R.L. Indirizzo: VIA PIEMONTE 12 Città: 87036 RENDE (CS) Telefono: 0984/837852 Fax: 0984/830987 Referente: Dott. DANIELE PERRELLI - WEB - www.jbprof.com info@jbprof.com Rif. Organizzatore

Dettagli

Università degli Studi di Catania MORBO DI CROHN. U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania Direttore: Prof. V.

Università degli Studi di Catania MORBO DI CROHN. U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania Direttore: Prof. V. Università degli Studi di Catania MORBO DI CROHN U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania Direttore: Prof. V. Minutolo Crohn nel 1932 definì ILEITE TERMINALE un affezione

Dettagli

Centro per la Gestione e lo Studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare: strutture coinvolte. I Disturbi del Comportamento Alimentare

Centro per la Gestione e lo Studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare: strutture coinvolte. I Disturbi del Comportamento Alimentare La ASL CE 2 ha inteso sviluppare un programma di intervento con particolare riferimento ai Disturbi del Comportamento Alimentare costituendo un gruppo interdisciplinare per la lo studio e la gestione degli

Dettagli

ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA

ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA BED: Binge Eating Disorder o Disturbo da alimentazione incontrollata (circa il 30% degli obesi) Abbuffate ricorrenti per almeno 2 giorni/settimana per almeno

Dettagli

IL PRIMO PASSO PER PERDERE PESO

IL PRIMO PASSO PER PERDERE PESO IL PRIMO PASSO PER PERDERE PESO Informazioni sulla terapia cognitivo comportamentale dell obesità PPPOSITIVE PRESS INDICE Introduzione... 5 Capitolo 1 Obesità: i fatti... 7 Tutti i diritti riservati. Nessuna

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

Condizioni e fattori di rischio di DMT2

Condizioni e fattori di rischio di DMT2 Condizioni e fattori di rischio di DMT2 IFG o IGT o pregresso diabete gestazionale Età >45 anni, specie se con BMI >25 od obesità centrale Età 25) e una o più fra le seguenti

Dettagli

Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA

Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA Docente: Dr. Luca La Fauci Biologo Nutrizionista & Tecnologo Alimentare Lezione 4 Alimentazione e prevenzione ALIMENTAZIONE E TUMORI Da quasi

Dettagli

La chirurgia plastica nel trattamento dell obesità

La chirurgia plastica nel trattamento dell obesità CAPITOLO 28 La chirurgia plastica nel trattamento dell obesità Nicolò Scuderi, Andrea Figus Introduzione La chirurgia bariatrica rappresenta oggi l unica terapia efficace per ottenere una perdita di peso

Dettagli

Insegnamento: INFERMIERISTICA CLINICA I Crediti Formativi (CFU) 4 Moduli Infermieristica in Medicina Interna Infermieristica in chirurgia generale

Insegnamento: INFERMIERISTICA CLINICA I Crediti Formativi (CFU) 4 Moduli Infermieristica in Medicina Interna Infermieristica in chirurgia generale Insegnamento: INFERMIERISTICA CLINICA I Crediti Formativi (CFU) 4 Moduli Infermieristica in Medicina Interna Infermieristica in chirurgia generale Sigla: 515014 Tipo esame: scritto Valutazione esame: voto

Dettagli

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva Dr.ssa Chiara Ricci Università di Brescia Spedali Civili, Brescia Definizione La sindrome dell intestino irritabile Disordine funzionale dell intestino

Dettagli

DIABETE MELLITO DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA

DIABETE MELLITO DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA HOME DIABETE MELLITO Dr. Alessandro Bernardini DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA DIABETE MELLITO Il diabete di tipo 1 si può manifestare a qualsiasi età, ma c'è un netto aumento nel periodo della pubertà

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

Corso di educazione alimentare e psicologia del comportamento alimentare

Corso di educazione alimentare e psicologia del comportamento alimentare Corso di educazione alimentare e psicologia del comportamento alimentare (ha ottenuto il patrocinio del Comune di Anguillara Sabazia per l alto valore formativo) Direttore del Corso: Dott.ssa Emanuela

Dettagli

LINEE GUIDA E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO

LINEE GUIDA E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEL PAZIENTE DIABETICO Il documento è finalizzato ad individuare modalità operative che consentano una più agevole integrazione tra assistenza

Dettagli