LA TERAPIA CHIRURGICA DELL OBESITA PATOLOGICA.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA TERAPIA CHIRURGICA DELL OBESITA PATOLOGICA. www.fisiokinesiterapia.biz"

Transcript

1 LA TERAPIA CHIRURGICA DELL OBESITA PATOLOGICA

2 PREMESSE In Italia un adulto su tre è sovrappeso (BMI>25) ed il 10% circa della popolazione è affetto da obesità patologica (BMI>40). Il trattamento non chirurgico dell obesità patologica si è dimostrato inefficace a lungo termine nel 95% dei casi. Negli USA la chirurgia bariatrica è, dopo l appendicectomia, la chirurgia in assoluto più frequente

3 WHO Classification BMI = Weight kg : Height in m² BMI 25-29,9 Overweight BMI 30-34,9 Grade I Obesity BMI 35-39,9 Grade II Obesity BMI > 40 BMI > 50 Grade III Morbid Obesity Grade IV Super Obesity

4 Sweden 11 % USA 31 % Peru 32 % Germany 19 % Greece 29 % Kuwait 37 % Saudi Arabia 17 % Southafrica 19 % Australia 19 %

5

6 OSAS

7 CHIRURGIA BARIATRICA OSSERVAZIONI CLINICHE E SPERIMENTALI ILEO DISTALE: sede dell assorbimento preferenziale di grassi, sali biliari e colesterolo. La sua esclusione dal transito alimentare produce un alterazione del circolo entero-epatico dei sali biliari (che vengono in gran parte eliminati con le feci) ed una diminuizione dell assorbimento dei grassi e del colesterolo

8 CHIRURGIA BARIATRICA OSSERVAZIONI CLINICHE E SPERIMENTALI VALVOLA ILEO-CIECALE: la sua esclusione, accelerando il transito alimentare, provoca una diminuzione dell assorbimento ileale dei grassi, del colesterolo e dei sali biliari

9 CHIRURGIA BARIATRICA OSSERVAZIONI CLINICHE E SPERIMENTALI GASTRECTOMIA TOTALE: i pazienti sottoposti a tale intervento dimagriscono e restano magri per il resto della loro vita.

10 l'arrivo del cibo nel duodeno distale provoca la produzione di alcuni ormoni, come il GLP-1 (Glucagon Like Peptide 1), Peptide YY

11 CHIRURGIA BARIATRICA INDICAZIONI (NIH 1991) Storia di obesità essenziale superiore a 5 aa Ripetuti fallimenti dieteticofarmacologici Età anni BMI>40 BMI>35 se presente patologia associata Assenza di endocrinopatie Assenza di psicopatologie maggiori

12 CHIRURGIA BARIATRICA RISCHIO OPERATORIO IL PAZIENTE OBESO E UN PAZIENTE CHIRURGICAMENTE A RISCHIO ELEVATO MAGGIOR INCIDENZA DI TROMBOSI VENOSA PROFONDA L EMBOLIA POLMONARE E LA COMPLICANZA PIU TEMUTA NELLA CHIRURGIA BARIATRICA VANTAGGI DELLA LAPAROSCOPIA

13 CHIRURGIA BARIATRICA RESTRITTIVA GASTRICA: MINOR CALO PONDERALE RIEDUCAZIONE ALIMENTARE NON COMPLICANZE NUTRIZIONALI MALASSORBITIVA MAGGIOR CALO PONDERALE INDIPENDENTE DALL ALIMENTAZIONE COMPLICANZE NUTRIZIONALI

14 CHIRURGIA BARIATRICA RESTRITTIVA GASTRICA: GASTROPLASTICA VERTICALE BENDAGGIO GASTRICO SLEEVE GASTRECTOMY BYPASS GASTRICO MALASSORBITIVA: DIVERSIONE BILIOPANCREATICA

15 CHIRURGIA BARIATRICA NEGLI USA: IL BYPASS GASTRICO E L INTERVENTO DI SCELTA (70%). SEGUONO GLI INTERVENTI RESTRITTIVI (16%) E LA DBP (12%). IL BYPASS GASTRICO E L INTERVENTO IN ASSOLUTO PIU ESEGUITO NEGLI USA IN EUROPA, AUSTRALIA E AMERICA LATINA: IL BENDAGGIO GASTRICO E L INTERVENTO PIU DIFFUSO

16 GASTROPLASTICA VERTICALE (Mason, McLean)

17 GASTROPLASTICA VERTICALE RISULTATI SUL PESO CORPOREO: 50-60% EWL (40% EWL> 50%) COMPLICANZE: DEISCENZA SUTURA GASTRICA STENOSI FISTOLA GASTRO-GASTRICA EROSIONE DILATAZIONE TASCA

18 BENDAGGIO GASTRICO REGOLABILE

19 BENDAGGIO GASTRICO REGOLABILE RISULTATI SUL PESO CORPOREO: 40-50% EWL (35,7% EWL>50%, 14,1% EWL<20%) COMPLICANZE: PERFORAZIONE GASTRICA SLIPPAGE DILATAZIONE TASCA GASTRICA EROSIONE ROTTURA PORT

20 BENDAGGIO GASTRICO REGOLABILE FATTORI PREDITTIVI DI SUCCESSO: ETA < 40 ANNI BMI < 50 SWEET EATING DISORDER E BINGE EATING DISORDER NON SEMBRANO INFLUIRE NEGATIVAMENTE COMPLICANZE MAGGIORI SE ECCESSIVO GONFIAGGIO BAND

21 BYPASS GASTRICO MECCANISMI D AZIONE: *RESTRIZIONE *EFFETTO DUMPING (SWEET EATERS) *MALASSORBIMENTO *< GRELINA PROBLEMA: *ESCLUSIONE DELLO STOMACO, DUODENO E VBP DALLA DIAGNOSTICA ENDOSCOPICA

22 Restrictive - Malabsorptive Procedure Roux-en-Y Gastric Bypass Alimentary loop (100cm)

23 Restrictive - Malabsorptive Procedure Roux-en-Y Gastric Bypass Biliopancreatic loop

24 Restrictive - Malabsorptive Procedure Roux-en-Y Gastric Bypass Common loop

25 BY PASS GASTRICO RISULTATI SUL PESO CORPOREO: 60-70% EWL COMPLICANZE: DEISCENZA ANASTOMOSI ANEMIA DA CARENZA DI Fe, Vit B12, folati OSTEOPOROSI DA CARENZA DI CALCIO ULCERA ANASTOMOTICA DUMPING SYNDROME

26 INTERVENTI MALASSORBITIVI By-pass intestinali: - digiuno ileale T-L - digiuno ileale T-T - bilio intestinale ABBANDONATO

27 INTERVENTI MALASSORBITIVI Diversione bilio-pancreatica - Sec. Scopinaro - Tipo duodenal-switch - Con conservazione dello stomaco - Band-Inaro

28 DIVERSIONE BILIOPANCREATICA (Scopinaro e varianti) MECCANISMI D AZIONE: *RESTRIZIONE GASTRICA *MALASSORBIMENTO DI GRASSI E AMIDI SENZA MODIFICHE SULL ASSORBIMENTO DI ZUCCHERI SEMPLICI PROBLEMA: FECI E FLATULENZE MOLTO MALEODORANTI, SCARICHE NUMEROSE, ODORE CORPOREO SGRADEVOLE

29 Malabsorptive Procedure Duodenal Switch Biliopancreatic Diversion Alimentary loop

30 Malabsorptive Procedure Duodenal Switch Biliopancreatic Diversion Biliopancreatic loop

31 Malabsorptive Procedure Duodenal Switch Biliopancreatic Diversion Common loop (75-100cm)

32 DIVERSIONE BILIOPANCREATICA RISULTATI SUL PESO CORPOREO: 65-75% EWL DIETA COMPLETAMENTE LIBERA (ad eccezione degli zuccheri semplici) COMPLICANZE: DEISCENZE ANASTOMOTICHE MALNUTRIZIONE PROTEICA ANEMIA DA CARENZA DI Fe, VitB12, folati OSTEOPOROSI DA CARENZA DI Ca DEFICIT VITAMINE LIPOSOLUBILI ULCERA ANASTOMOTICA DIARREA INTRATTABILE

33 CHIRURGIA BARIATRICA SEQUENZIALE EFFETTUARE IN DUE TEMPI L INTERVENTO ESEGUENDO IN UN PRIMO MOMENTO UNA PROCEDURA RESTRITTIVA (sleeve gastrectomy, BGR, VBG) E SUCCESSIVAMENTE, DOPO UN INIZIALE CALO PONDERALE CHE CONSENTA DI ABBASSARE IL RISCHIO OPERATORIO, SI ASSOCIA UNA PROCEDURA MALASSORBITIVA (di solito Duodenal Switch). NEI SUPEROBESI DOPO FALLIMENTO CHIRURGIA RESTRITTIVA

34 SLEEVE GASTRECTOMY

35 Kg 128 Mt 1,60 BMI colecistectomia laparotomica (xifoombelicale) 1985 cesareo (ombelicopubico) 1999 VBG sec. McLean laparoscopica (Torino) (pesava kg 143, ne ha persi 40 in un anno e poi ha cominciato a riprendere peso; nel 2003 pesava kg 132) 30/1/2004 laparotomia: diversione biliopancreatica duodenal switch metà-metà con conservazione della VBG + appendicectomia insulina basale 6.8 microu/ml (0-25), glicemia 140 mg/dl (76-110), colesterolo 140 mg/dl (60-230), colesterolo HDL 26 mg/dl (>35), trigliceridi 248 mg/dl (<200), sodio 140 meq/l ( ), potassio 4,8 meq/l (3,5-5,5), ferro 37 mic/dl (37-145), calcio 4,7 meq/l (4-5,1), fosforo 1,5 mmol/l (0,6-1,6), magnesio 1,8 meq/l (1,2-2,2), calciuria 0,7 meq/24h (2-18), fosfaturia 1,8 mm/24h (2-18), ferritina 119 ng/ml (8-120), idrossiprolinuria 20 mg/24h (10-40) Rx TD Bario: duodenoileo stenotica, transito lento. Si programma dilatazione endoscopica. Kg 121 circa 4 scariche die, poca diarrea EGDS: anastomosi transitabile dallo strumento, non segni di stenosi, no dilatazione. OK kg Kg Va bene. Ancora qualche episodio di vomito. 4/5 scariche/die. Rigetto di un punto? Laparocele? Insulina basale 11,4; glicemia 128, colesterolo 106, colesterolo HDL 28, Trigliceridi 147, Sodio 139, Potassio 4,6, calcio 4,6, fosforo 1,7, magnesio 1,7, calciuria 6,6, fosfaturia 10, ferritina 40, idrossiprolinuria Kg Va bene. Saltuariamente vomita. 4/5 scariche/die. Ferita ok. GB 7.55, GR 4.67, Hb 13, Ht 39.8, MCV 85.3, glicemia 107, colesterolo 100, colesterolo HDL 28, sodio 141, calcio 4,4, fosforo 1,8, magnesio 1,7, fosfaturia 10, calciuria 10,9, idrossiprolinuria 38, ferritina 44, insulina 12,1, trigliceridi kg Va bene. Scariche invariate. Glicemia 87, colesterolo totale 111, trigliceridi 103, HDL 32, sideremia 32, sodio 144, potassio 4,9, calcio 4,4, fosforo 1,5, magnesio 1,8, fosfaturia 14, calciuria 7,4, idrossiprolinuria 42, ferritina 30, insulina 9, Kg BMI 35 Va bene. Scariche ridotte. Ac 5-OH indolacetico urinario 6,0 mg/24h (0,7-8,2), GB 7.74, GR 5.32, Hb 14.3, Ht 45.8, MCV 86.1, MCH 26.9 (27-32), B pg/ml ), Ac folico 4.20 ng/ml ( ), glicemia 89, colesterolo totale 145, trigliceridi 171, HDL 47, bilirubina tot 0.45 mg/dl, ac. Urico 5.78 mg/dl ( ), ferro 55, ferritina 33, sodio 142, K 4.43, Ca 9.7, calciuria 0.20, fosfaturia 0.48 ( ), Mg 2.2, PTH 61.1 pg/ml (7-53), es.urine: nitriti 1.0 ( ), sedimento urinario: numerosi cristalli di ossalato di calcio, alcuni batteri

36 ALTRE PROCEDURE PALLONCINO INTRAGASTRICO SISTEMA DI STIMOLAZIONE GASTRICA IMPIANTABILE

37 PALLONCINO INTRAGASTRICO POSIZIONAMENTO ENDOSCOPICO IN SEDAZIONE PROFONDA GONFIAGGIO CON ML DI SOLUZIONE FISIOLOGICA + BLU DI METILENE RICOVERO PER VOMITO DURATA MASSIMA 6 MESI

38 PALLONCINO INTRAGASTRICO RISULTATI: CALO PONDERALE MEDIO DI KG IN 6 MESI PICCO DI CALO PONDERALE VERSO IL 4 MESE DIETA INTOLLERANZA COMPLICANZE RARE (ROTTURA, OCCLUSIONE INTESTINALE, ULCERA DA DECUBITO)

39 IGS SISTEMA DI STIMOLAZIONE GASTRICA IMPIANTABILE SPERIMENTALE IL SISTEMA E COSTITUITO DA STIMOLATORE IMPIANTABILE CAVO PROGRAMMATORE RILEVATORE SOFTWARE

40 IGS SISTEMA DI STIMOLAZIONE GASTRICA IMPIANTABILE GLI ELETTRODI VENGONO COLLOCATI IN LAPAROSCOPIA NELLO SPESSORE DELLA TONACA MUSCOLARE GASTRICA IL SISTEMA DI STIMOLAZIONE E LA BATTERIA SONO POSTI IN UNA TASCA SOTTOCUTANEA EFFETTO: RALLENTATO SVUOTAMENTO GASTRICO CON SENSO DI SAZIETA PRECOCE?? RILASSAMENTO DEL FONDO GASTRICO?? ALTERATA SECREZIONE DI GRELINA??

41 IGS SISTEMA DI STIMOLAZIONE GASTRICA IMPIANTABILE EFFETTI COLLATERALI: REFLUSSO ACIDO, STIPSI/DIARREA COMPLICANZE: INFEZIONE NON FATTIBILE RMN NON SEMBRA NECESSARIO MODIFICARE LA DIETA, MA I RISULTATI SONO MIGLIORI NEI PAZIENTI IN DIETOTERAPIA RISULTATI: EUROPA PTS EWL 23% A 51 MESI; 2000 USA EWL 13% A 29 MESI

42 CHIRURGIA BARIATRICA: conclusioni La chirurgia bariatrica non ha scopi estetici e il suo scopo è quello di prevenire e/o correggere i problemi medici connessi all obesità Non esiste un intervento ideale e tutti gli interventi hanno pro e contro Nessun intervento è esente da possibili complicanze. Qualsiasi intervento bariatrico può avere complicanze chirurgiche e mediche a volte gravi e anche potenzialmente mortali Riduzioni di peso anche modeste possono avere effetti benefici sulle malattie associate

43

OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA

OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA Prof. M. Morino Chirurgia II Centro Universitario di Chirurgia Mini Invasiva Università degli Studi di Torino AOU Molinette By-pass gastrico laparoscopico Italia Necessità

Dettagli

OBESITA. Chirurgia II. Università degli Studi di Torino AOU Molinette

OBESITA. Chirurgia II. Università degli Studi di Torino AOU Molinette OBESITA LA TERAPIA CHIRURGICA Prof. M. Morino Chirurgia II Centro Universitario di Chirurgia Mini Invasiva Università degli Studi di Torino AOU Molinette By-pass gastrico laparoscopico Italia Necessità

Dettagli

Fascicolo informativo per Pazienti da sottoporre a trattamento chirurgico dell obesità patologica

Fascicolo informativo per Pazienti da sottoporre a trattamento chirurgico dell obesità patologica Fascicolo informativo per Pazienti da sottoporre a trattamento chirurgico dell obesità patologica Informazioni generali La chirurgia dell obesità non è chirurgia estetica; è destinata a Pazienti che abbiano

Dettagli

CONSENSO INFORMATO (S.I.C.OB. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche)

CONSENSO INFORMATO (S.I.C.OB. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche) 1 CONSENSO INFORMATO (S.I.C.OB. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche) In questo fascicolo vengono fornite informazioni sulla terapia chirurgica dell Obesità al fine di

Dettagli

Data. Reparto.. Ospedale. Città provincia

Data. Reparto.. Ospedale. Città provincia S. I. C. OB. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità OB. CONSENSO INFORMATO per INTERVENTO DI CHIRURGIA DELL OBESITÀ Da allegare alla cartella clinica numero Di. Nome Cognome Data. Reparto.. Ospedale

Dettagli

Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it

Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it 1.5 miliardi con BMI>25 500 milioni con BMI>30 BMI > 40 kg/m² BMI > 35 Kg/m² e comorbilità testo Neoplasie Malattie CV altre 2009 Industrial Chemicals Bisphenol

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz LA CHIRURGIA NEL TRATTAMENTO DELL OBESITA OBESITA PATOLOGICA www.fisiokinesiterapia.biz OBESITA PATOLOGICA OBESITA PATOLOGICA OBESITA PATOLOGICA OBESITA PATOLOGICA Definizione L obesità è una condizione

Dettagli

Consenso Informato Per intervento di Chirurgia Bariatrica e Metabolica

Consenso Informato Per intervento di Chirurgia Bariatrica e Metabolica Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle Malattie Metaboliche data... Nome... Cognome... struttura... reparto... città... provincia... Consenso Informato Per intervento di Chirurgia Bariatrica

Dettagli

TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA

TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA Giuliano Sarro Responsabile U.O. Chirurgia Generale Ospedale Cantù Abbiategrasso Centro di Chirurgia Bariatrica - A.O. Legnan LINEE GUIDA SICOB 2015 E la chirurgia laparoscopica

Dettagli

CONSENSO INFORMATO PER INTERVENTO DI CHIRURGIA DELL OBESITA. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche

CONSENSO INFORMATO PER INTERVENTO DI CHIRURGIA DELL OBESITA. Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche CONSENSO INFORMATO PER INTERVENTO DI CHIRURGIA DELL OBESITA Da allegare alla cartella clinica n. Compilare in STAMPATELLO Questo fascicolo è un documento ufficiale della Società Italiana di Chirurgia dell

Dettagli

Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio

Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio Chiara Dal Prà Clinica Medica III Unità bariatrica Azienda Ospedaliera Padova Padova, 8 marzo 2014 Tecniche chirurgiche bariatriche

Dettagli

Vizi e Virtù del gelato nel paziente post chirurgia bariatrica

Vizi e Virtù del gelato nel paziente post chirurgia bariatrica CONGRESSO CONGIUNTO ADI-SIO Vizi e Virtù del gelato nel paziente post chirurgia bariatrica Vicenza, 5 Ottobre 2013 Dott.ssa Anna Belligoli Unità Bariatrica Padova Interventi: restrittivi/malassorbitivi

Dettagli

Interventi di restrizione gastrica

Interventi di restrizione gastrica CENTRO PER LA CURA DELL'OBESITA' E CHIRURGIA MINI INVASIVA Responsabile - Dott. Alessandro Giovanelli Interventi di restrizione gastrica a) Palloncino intragastrico: Il PALLONCINO POSIZIONATO NELLO STOMACO

Dettagli

Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) - All 22.9 % 30.5 % - Males 20.2 % 27.5 % - Females 25.4 % 33.4 %

Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) - All 22.9 % 30.5 % - Males 20.2 % 27.5 % - Females 25.4 % 33.4 % Il Paziente obeso: Il punto di vista del Chirurgo Prof. Francesco Domenico Capizzi Bologna CENTRO DI CHIRURGIA LAPAROSCOPICA GASTROENTEROLOGICA E DELL OBESITA, Bologna Direttore: Prof. F.D. Capizzi Prevalenza

Dettagli

OBESITA E DIABETE: VALUTAZIONE E PROGETTO DI INTERVENTO

OBESITA E DIABETE: VALUTAZIONE E PROGETTO DI INTERVENTO OBESITA E DIABETE: VALUTAZIONE E PROGETTO DI INTERVENTO Dr.ssa Enrica Manicardi D.M. RESPONSABILE DI S.S. DI DIABETOLOGIA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Azienda Ospedaliera Arcispedale Santa Maria

Dettagli

IL TRATTAMENTO ENDOSCOPICO DI UNA PATOLOGIA MULTIDISCIPLINARE. Angelo Ambrosio

IL TRATTAMENTO ENDOSCOPICO DI UNA PATOLOGIA MULTIDISCIPLINARE. Angelo Ambrosio IL TRATTAMENTO ENDOSCOPICO DELL OBESITA NELL AMBITO DI UNA PATOLOGIA MULTIDISCIPLINARE La nostra esperienza con il bendaggio gastrico Angelo Ambrosio UOC Chirurgia Addominale Dipartimento di Scienze Chirurgiche

Dettagli

E se con l alimentazione non ce la facciamo ci puo aiutare la chirurgia nel bambino? F. De Peppo

E se con l alimentazione non ce la facciamo ci puo aiutare la chirurgia nel bambino? F. De Peppo E se con l alimentazione non ce la facciamo ci puo aiutare la chirurgia nel bambino? F. De Peppo ROMA 28-29 MARZO 2015 Dr. Francesco De Peppo UOS Chirurgia Pediatrica Palidoro Dipartimento Chirurgia -

Dettagli

Obesità e. Chirurgia Bariatrica. Cos è la chirurgia bariatrica

Obesità e. Chirurgia Bariatrica. Cos è la chirurgia bariatrica Obesità e Chirurgia Bariatrica Dott.ssa Gloria Fioravanti Cos è la chirurgia bariatrica La chirurgia bariatrica consiste in un insieme di procedure che promuovono la perdita di peso attraverso la riduzione

Dettagli

NUTRIZIONE IN TERAPIA INTENSIVA. Dott. Adolfo Affuso

NUTRIZIONE IN TERAPIA INTENSIVA. Dott. Adolfo Affuso NUTRIZIONE IN TERAPIA INTENSIVA Dott. Adolfo Affuso La nutrizione artificiale è parte integrante della terapia del paziente Un adeguato apporto nutrizionale migliora l outcome del malato INDICAZIONI ALLA

Dettagli

Counselling nutrizionale postoperatorio

Counselling nutrizionale postoperatorio CAPITOLO 26 Counselling nutrizionale postoperatorio Luca Busetto Introduzione Il panel di esperti che già nel 1991 aveva formulato, sotto l egida dei National Institutes of Health (NIH), le prime linee

Dettagli

neoplasia dello stomaco www.slidetube.it

neoplasia dello stomaco www.slidetube.it neoplasia dello stomaco www.slidetube.it TUMORE DELLO STOMACO CARDIAS: disfagia CORPO: no sintomi ANTRO: gonfiore postprandiale, vomito Sede più frequente: ANGULUS ANTRO fumo alimentazione ULCERA GASTRICA:

Dettagli

Diversione bilio-pancreatica con duodenal switch per via laparoscopica: tecnica in due tempi

Diversione bilio-pancreatica con duodenal switch per via laparoscopica: tecnica in due tempi CAPITOLO 20 Diversione bilio-pancreatica con duodenal switch per via laparoscopica: tecnica in due tempi Nicola Basso, Gianfranco Silecchia, Mario Rizzello, Giovanni Casella Introduzione La diversione

Dettagli

editoriale La chirurgia metabolica Introduzione

editoriale La chirurgia metabolica Introduzione G Chir Vol. 30 - n. 4 - pp. 133-140 Aprile 2009 editoriale La chirurgia metabolica A.L. GASPARI, N. DI LORENZO, P. GENTILESCHI, I. CAMPERCHIOLI Introduzione Secondo gli ultimi dati della Organizzazione

Dettagli

SCHEDE: ALIMENTAZIONE e PATOLOGIE

SCHEDE: ALIMENTAZIONE e PATOLOGIE La persona affetta da neoplasia gastrica è spesso portatrice di uno stato di malnutrizione, soprattutto quando la malattia è localizzata negli organi dell apparato digerente. Alle cause di malnutrizione

Dettagli

Obesità. e soluzione. del problema. Test di autovalutazione. Che cos è l obesità? Quali sono le cause? Le soluzioni chirurgiche A chi rivolgersi

Obesità. e soluzione. del problema. Test di autovalutazione. Che cos è l obesità? Quali sono le cause? Le soluzioni chirurgiche A chi rivolgersi per la vostra Salute GUIDE PRATICHE Centro Unico di Prenotazione (CUP): tel. 02 86 87 88 89 Dal Lunedì al Venerdì, dalle 8.00 alle 17.30 Sabato dalle 8.00 alle 12.00 Ospedale San Giuseppe Via S. Vittore,

Dettagli

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA Questo opuscolo è stato creato per dare delle reali risposte ai tipici luoghi comuni riguardanti l' alimentazione e le possibili cause dell'

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE OBESO CANDIDABILE A CHIRURGIA BARIATRICA

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE OBESO CANDIDABILE A CHIRURGIA BARIATRICA INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE OBESO CANDIDABILE A CHIRURGIA BARIATRICA INDICE Obesità e malattie correlate pag 3 Il percorso bariatrico Pag 6 Gli interventi di chirurgia bariatrica pag 15 La degenza pag.

Dettagli

LIBRETTO INFORMATIVO L OBESITA

LIBRETTO INFORMATIVO L OBESITA LIBRETTO INFORMATIVO L OBESITA 35 Perché si diventa grassi? INTRODUZIONE DI ENERGIA DISPENDIO DI ENERGIA Cibo Bevande Esercizio fisico Metabolismo Si diventa grassi quando le calorie in entrata superano

Dettagli

IL TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA PATOLOGICA

IL TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA PATOLOGICA IL TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL OBESITA PATOLOGICA DIPARTIMENTO DI EMERGENZE/URGENZE, CHIRURGIA GENERALE E DEI TRAPIANTI UNITA OPERATIVA CHIRURGIA GENERALE Direttore: Prof. B. COLA CENTRO STUDI DI TERAPIA

Dettagli

Indicazioni alla chirurgia bariatrica nel diabete di tipo 2

Indicazioni alla chirurgia bariatrica nel diabete di tipo 2 Maccagno, 20-21 Aprile 2012 Giornate Diabetologiche Luinesi II Edizione Facciamo quadrato intorno al Diabete Indicazioni alla chirurgia bariatrica nel diabete di tipo 2 E. Piantanida Università degli Studi

Dettagli

N. Porta², F. De Angelis¹, J. Cacciotti², C. Chiappetta², O Iorio¹, G. Cavallaro¹, V. Petrozza², G. Silecchia¹, C. Della Rocca², C.

N. Porta², F. De Angelis¹, J. Cacciotti², C. Chiappetta², O Iorio¹, G. Cavallaro¹, V. Petrozza², G. Silecchia¹, C. Della Rocca², C. PRELIMINARY EVALUATION OF GHRELIN (GH) GENE AND PROTEIN EXPRESSION IN THE SURGICAL SPECIMEN, AND GHRELIN SERUM CONCENTRATION AFTER PRIMARY OR REVISIONAL LAPAROSCOPIC SLEEVE GASTRECTOMY (LSG) N. Porta²,

Dettagli

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA Dietista Diplomata Giada Ponti MALNUTRIZIONE NEL PAZIENTE ONCOLOGICO INTAKE FABBISOGNI 2 1. Inadeguato intake di energia e nutrienti Effetti locali provocati

Dettagli

Confronto a 2 anni di follow-up tra diversione bilio-pancreatica con o senza gastroresezione nel trattamento chirurgico dell obesità patologica

Confronto a 2 anni di follow-up tra diversione bilio-pancreatica con o senza gastroresezione nel trattamento chirurgico dell obesità patologica ARTICOLI ORIGINALI Confronto a 2 anni di follow-up tra diversione bilio-pancreatica con o senza gastroresezione nel trattamento chirurgico dell obesità patologica Ann. Ital. Chir., 2008; 79: 241-246 Francesco

Dettagli

Condizioni e fattori di rischio di DMT2

Condizioni e fattori di rischio di DMT2 Condizioni e fattori di rischio di DMT2 IFG o IGT o pregresso diabete gestazionale Età >45 anni, specie se con BMI >25 od obesità centrale Età 25) e una o più fra le seguenti

Dettagli

NEFROLITIASI ACUTA. Più raro dolore addominale prevalemtemete anteriore

NEFROLITIASI ACUTA. Più raro dolore addominale prevalemtemete anteriore NEFROLITIASI ACUTA Dolore costante e non colico, localizzato al fianco eo irradiato all inguine. Micro-macroematuria. Sovente nausea e vomito. Più raro dolore addominale prevalemtemete anteriore NEFROLITIASI

Dettagli

Più forza nella vita

Più forza nella vita parte del sistema Più forza nella vita Ostacola la perdita di massa magra e favorisce il recupero della funzionalità muscolare Nutrition La Sarcopenia è la perdita progressiva della massa magra MEDIA DELLA

Dettagli

Bisogni Nutrizionali nei Pazienti «inguaribili»

Bisogni Nutrizionali nei Pazienti «inguaribili» Bisogni Nutrizionali nei Pazienti «inguaribili» Grazia Pilone U.O. di Gastroenterologia Fate clic per aggiungere del Azienda testoulss n. 12 Veneziana Mestre (Venezia) Terapia Palliativa Non Guarire, ma

Dettagli

PERDERE GRASSO, NON MUSCOLO!

PERDERE GRASSO, NON MUSCOLO! PERDERE GRASSO, NON MUSCOLO! UNA LINEA DI INTEGRATORI A BASE PROTEICA PER NUTRIRSI MEGLIO E DIMAGRIRE BENE Solo i prodotti LineaMed, per la loro composizione dietetico-nutrizionale, sono compatibili con

Dettagli

IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA. www.fisiokinesiterapia.biz

IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA. www.fisiokinesiterapia.biz IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA www.fisiokinesiterapia.biz sangue feci espirato mucosa succo duodenale DIAGNOSTICA H. PYLORI Dosaggio Abs di classe IgG 13 C-Urea Breath Test Dosaggio Ag fecali Gastropanel

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ ALESSIA MINNITI, Unità Funzionale Semplice di Dietetica e Nutrizione Clinica Università degli Studi di Verona 4 Congresso SIO-Triveneto Udine,

Dettagli

La gestione degli effetti collaterali delle terapie e delle complicanze post-chirurgiche

La gestione degli effetti collaterali delle terapie e delle complicanze post-chirurgiche / Incontro nazionale A.I.G. Associazione Italiana GI ST Onlus Giornata di approfondimento medico sui GIST dedicata ai pazienti Bologna - 29 Marzo 2014 La gestione degli effetti collaterali delle terapie

Dettagli

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica EVOLUZIONE ED OBESITA Dott.ssa D Angelo Angelica Definizione di obesità Per obesità si intende la presenza di un eccesso della massa corporea. Il grado di obesità si misura con l indice di massa corporea

Dettagli

L anziano. Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia

L anziano. Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia L anziano Edoardo Guastamacchia Università degli Studi di Bari A. Moro I diabetici over 65 sono oltre 1.5 milioni, entro

Dettagli

L alimentazione e l allenamento del calciatore

L alimentazione e l allenamento del calciatore L alimentazione e l allenamento del calciatore 1. Come alimentarsi nel precampionato 2. Come alimentarsi durante il campionato 3. L alimentazione del giovane calciatore 4. Differenze tra calciatore professionista

Dettagli

La gastroplastica verticale laparoscopica

La gastroplastica verticale laparoscopica CAPITOLO 14 La gastroplastica verticale laparoscopica Mario Morino, Mauro Toppino, Dario Parini Introduzione Negli anni 90 si è assistito a una crescente diffusione dell approccio laparoscopico in chirurgia

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

I DISTURBI DEL TRATTO DIGESTIVO INFERIORE: Caso Clinico

I DISTURBI DEL TRATTO DIGESTIVO INFERIORE: Caso Clinico I DISTURBI DEL TRATTO DIGESTIVO INFERIORE: Caso Clinico Dott.ssa Lucy Vannella Università Sapienza Roma, Ospedale Sant Andrea Sabato 25 Ottobre 2008 FIUMICINO (ROMA) Caso Clinico Donna, 40 anni, forte

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista DALLA PREISTORIA AD OGGI: STILI DI VITA DIVERSI 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% DALLA PREISTORIA

Dettagli

1. VALUTAZIONE NUTRIZIONALE

1. VALUTAZIONE NUTRIZIONALE SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N. 4 FRIULI CENTRALE Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE Partita IVA e Codice Fiscale 02801610300 ALLEGATO

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

Question 1. 2) In una paziente in post menopausa, naive agli antiretrovirali con CD4= 250 mm3 e HIV RNA <100.000 cp/ml quale approccio seguiresti?

Question 1. 2) In una paziente in post menopausa, naive agli antiretrovirali con CD4= 250 mm3 e HIV RNA <100.000 cp/ml quale approccio seguiresti? Question 1 1) In un paziente HIV di 50 anni con osteoporosi e in terapia antiretrovirale con TDF/FTC/DRV/r con successo virologico quale intervento adotteresti? 2) In una paziente in post menopausa, naive

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

La terapia del diabete in casa di riposo un anno dopo. Luisa Guglielmi Venerdì 30 marzo 2012

La terapia del diabete in casa di riposo un anno dopo. Luisa Guglielmi Venerdì 30 marzo 2012 La terapia del diabete in casa di riposo un anno dopo Luisa Guglielmi Venerdì 30 marzo 2012 Premessa Eterogeneità della popolazione anziana diabetica Scarsi gli studi focalizzati sugli anziani fragili

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Anemia e nefropatia. Stadi 1 4

Anemia e nefropatia. Stadi 1 4 Anemia e nefropatia Stadi 1 4 Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L iniziativa della National Kidney Foundation (NKF-KDOQI ) sviluppa linee

Dettagli

Calcio, fosforo e magnesio

Calcio, fosforo e magnesio Calcio, fosforo e magnesio Calcio (Ca 2+) elemento più abbondante del corpo umano (dopo O, C, H, N) 1200 g in totale nell uomo adulto di cui 99% nello scheletro Fosforo (P) 850 g totali nel corpo umano

Dettagli

NOVITÀ PER IL MEDICO

NOVITÀ PER IL MEDICO DIABETE GESTAZIONALE Paolo Macca - Irene Carunchio 20 NOVITÀ PER IL MEDICO Spesso durante la gravidanza si tende ad assecondare la donna e in particolare i suoi desideri alimentari. La dieta restrittiva

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI.

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Premessa L'indice glicemico (IG) di un alimento, definito come l'area sotto la curva (AUC) della

Dettagli

Educazione alimentare

Educazione alimentare Università degli Studi di Torino Azienda Ospedaliera San Luigi di Orbassano Struttura Semplice Dipartimentale di Dietetica e Nutrizione Clinica Educazione alimentare Classificazione: entità Indice di massa

Dettagli

MALATTIE DELLE PARATIROIDI L IPERPARATIROIDISMO DOTTOR ROBERTO CESAREO

MALATTIE DELLE PARATIROIDI L IPERPARATIROIDISMO DOTTOR ROBERTO CESAREO MALATTIE DELLE PARATIROIDI L IPERPARATIROIDISMO DOTTOR ROBERTO CESAREO Cosa sono le paratiroidi? Le paratiroidi sono ghiandole situate nel collo, posteriormente alla tiroide. Generalmente in numero di

Dettagli

NEOPLASIE BENIGNE DELL ESOFAGO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli

NEOPLASIE BENIGNE DELL ESOFAGO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli NEOPLASIE BENIGNE DELL ESOFAGO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli 1. Introduzione Il recente aumento di diagnosi di tumori benigni (leiomiomi e GIST) dell esofago è dovuto in

Dettagli

Le vie di accesso per la nutrizione enterale. dott Elena Vecchi SC Gastroenterologia

Le vie di accesso per la nutrizione enterale. dott Elena Vecchi SC Gastroenterologia Le vie di accesso per la nutrizione enterale dott Elena Vecchi SC Gastroenterologia Indicazioni Garantire corretto apporto nutrizionale, o somministrazione di farmaci, o di acqua, a pazienti con apparato

Dettagli

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O.

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. OSPEDALI GALLIERA DEFINIZIONE RIPIENEZZA POST-PRANDIALE PRANDIALE CORTEO SINTOMATOLOGICO

Dettagli

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE LE CAUSE DELL OBESITÀ Dall interazione di fattori

Dettagli

Abstract. F. Mittempergher, T. Bruni*, O. Bruni*, E. Di Betta, G. Occelli*, B. Salerni. Introduzione

Abstract. F. Mittempergher, T. Bruni*, O. Bruni*, E. Di Betta, G. Occelli*, B. Salerni. Introduzione La diversione bilio-pancreatica con conservazione del bulbo duodenale e gastroplastica transitoria nel trattamento dell obesità patologica. Nostra esperienza Ann. Ital. Chir., LXXIII, 2, 2002 F. Mittempergher,

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

la digestione, l assorbimento, l alimentazione

la digestione, l assorbimento, l alimentazione la digestione, l assorbimento, l alimentazione 1 LA DIGESTIONE Digestione meccanica, il cibo è macinato, rimescolato e insalivato Digestione chimica, il cibo è scomposto in sostanze più semplici dall azione

Dettagli

Linee guida nutrizionali: indispensabile bagaglio nel percorso di cura del paziente con LES:

Linee guida nutrizionali: indispensabile bagaglio nel percorso di cura del paziente con LES: Aspetti nutrizionale e comportamento alimentare nel LES Daniela Vassallo Medico chirurgo, specialista in Scienza dell Alimentazione UO di Dietetica e Nutrizione Clinica MAIL dvassallo@mauriziano.it AO

Dettagli

Sommario Rassegna Stampa

Sommario Rassegna Stampa Sommario Rassegna Stampa Testata Data Titolo Pag. Rubrica Sicob Comunicati123.com 06/03/2014 CURA OBESITA': UN'ECCELLENZA DELL'OSPEDALE FATEBENEFRATELLI DI ERBA 2 Rubrica Alimentazione e salute 37 La Repubblica

Dettagli

Caso clinico 2. Pz. di 50 anni, obeso (IMC: 32Kg/mq) Familiarità per diabete mellito. Asintomatico. Glicemia plasmatica di 130 mg/dl.

Caso clinico 2. Pz. di 50 anni, obeso (IMC: 32Kg/mq) Familiarità per diabete mellito. Asintomatico. Glicemia plasmatica di 130 mg/dl. Caso clinico 1 Pz di 15 anni, di sesso femminile, lievemente sottopeso (IMC: 18Kg/mq). Manifesta nausea, vomito, dolori addominali, poliuria, polidipsia e dispnea. Nel giro di poche ore, manifesta obnubilamento

Dettagli

PSICOFARMACI E SINDROME DISMETABOLICA

PSICOFARMACI E SINDROME DISMETABOLICA PSICOFARMACI E SINDROME DISMETABOLICA Dott.ssa Nadia DELSEDIME, M.D., Ph.D PSICHIATRIA SCDU CPR DCA AOU Città della Salute e della Scienza di Torino Università degli Studi di Torino LA SINDROME METABOLICA

Dettagli

Il rapido incremento dell obesità, verificatosi nei

Il rapido incremento dell obesità, verificatosi nei Gestione dietetico-nutrizionale dei pazienti con diabete tipo 2 e obesità sottoposti a interventi di chirurgia bariatrica Mariella Cotugno, Roberta Lupoli, Gabriella Nosso, Giulio Vitagliano, Gennaro Saldalamacchia,

Dettagli

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini Alcune considerazioni Sul diabete Anna Carla Babini Quali argomenti Assolutamente pratici Criteri diagnostici metformina come utilizzarla insulina basale? QUALE VOI VORRETE HbA1c 6,5% il cut-point diagnostico

Dettagli

IL DIABETE GESTAZIONALE

IL DIABETE GESTAZIONALE IL DIABETE GESTAZIONALE dott.ssa Annamaria Nuzzi Ambulatorio Diabete e Gravidanza S.S.D. Diabetologia e Malattie del Metabolismo A.S.L. CN2 sede di Alba e Canale Resp.. Dott.ssa A. Rosatello COS E IL DIABETE

Dettagli

ZONA PLUS TEST ESITO TEST: Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA

ZONA PLUS TEST ESITO TEST: Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA ESITO TEST: Cod. ID: 123456 Data: 10/01/2011 Paziente: ROSSI MARIO ZONA PLUS TEST Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA Glicemia Insulinemia Indice HOMA ANALITA DESCRIZIONE

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO

PRONTUARIO DIETETICO Pag. 1/107 File Prontuario Dietetico Rev. 01 Redazione Dott. Patrizia Turcato - Servizio Dietetica Data applicazione 3 gennaio 2011 Verifica Dr. Mauro Bertassello - Direttore Presidi Ospedalieri Copia

Dettagli

LA NUTRIZIONE ARTIFICIALE OSPEDALIERA E DOMICILIARE. ASPETTI CLINICI, GESTIONALI E NORMATIVI. Formulare un programma per Nutrizione Parenterale

LA NUTRIZIONE ARTIFICIALE OSPEDALIERA E DOMICILIARE. ASPETTI CLINICI, GESTIONALI E NORMATIVI. Formulare un programma per Nutrizione Parenterale LA NUTRIZIONE ARTIFICIALE OSPEDALIERA E DOMICILIARE. ASPETTI CLINICI, GESTIONALI E NORMATIVI. Formulare un programma per Nutrizione Parenterale QUALE TIPO DI NUTRIZIONE PARENTERALE (NP)? NP parziale NP

Dettagli

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014 Il Diabete Mellito Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso Campobasso 19 marzo 2014 DIABETE MELLITO Definizione Il diabete mellito è una malattia cronica caratterizzata

Dettagli

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 Diabete Il Diabete Mellito rappresenta uno dei problemi

Dettagli

ANUPSA VERONA. Dott.ssa F. «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro.

ANUPSA VERONA. Dott.ssa F. «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro. ANUPSA VERONA «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro.» Circolo Ufficiali di Castelvecchio 13 febbraio 2014 1 Dott.ssa F. Dopo gli

Dettagli

Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione

Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione San Giuseppe Moscati, 83100 Avellino - Italy Centralino: 0825.203111 Struttura Complessa di Chirurgia Generale Direttore : prof. Francesco

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Università degli Studi di Pavia Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Direttore: Prof. Anna Tagliabue

Dettagli

Come fare una scelta terapeutica personalizzata nel paziente con diabete mellito tipo 2 CASO CLINICO

Come fare una scelta terapeutica personalizzata nel paziente con diabete mellito tipo 2 CASO CLINICO Come fare una scelta terapeutica personalizzata nel paziente con diabete mellito tipo 2 CASO CLINICO CASO CLINICO P.M., uomo, 59 anni Anamnesi familiare Familiarità di primo grado per diabete mellito e

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

Che cos'è la malattia di Crohn?

Che cos'è la malattia di Crohn? Che cos'è la malattia di Crohn? La malattia di Crohn è un'infiammazione cronica che può colpire teoricamente tutto il canale alimentare, dalla bocca all'ano, ma che si localizza prevalentemente nell'ultima

Dettagli

Tu sei nel cuore di Fondo Est!

Tu sei nel cuore di Fondo Est! Tu sei nel cuore di Fondo Est! Prevenzione della Sindrome Metabolica 1 Fondo EST in collaborazione con Unisalute ti invita a partecipare alla campagna TU SEI NEL CUORE DI FONDO EST. Si tratta di uno screening

Dettagli

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI ESISTE UNO STRETTO RAPPORTO TRA CONTROLLO GLICOMETABOLICO E OUTCOME MATERNO FETALE. L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO

Dettagli

GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI

GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI Unità di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Responsabile : Dr. Francesco Cupella Fondazione Salvatore Maugeri La Gastrostomia Endoscopica Percutanea

Dettagli

ZONA PLUS TEST Valutazione del rapporto tra acidi grassi omega6 e omega3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA

ZONA PLUS TEST Valutazione del rapporto tra acidi grassi omega6 e omega3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA ESITO TEST: Cod. ID: 123456 CCV: 574 Data: 01/01/2013 Paziente: Rossi Mario Referto a cura di: NatrixLab Via Cavallotti, 16 42122 Reggio Emilia Aut.n. 67 del 26.01.10 Direttore Sanitario Dott. Michele

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

NUTRI-GENOKIT FUNZIONE GENE POLIMORFISMO RISULTATO EFFETTO. BsmI. TaqIB. FokI. ApaI C677T A1298C. BsmI. TaqI. ApaI. rs9939609.

NUTRI-GENOKIT FUNZIONE GENE POLIMORFISMO RISULTATO EFFETTO. BsmI. TaqIB. FokI. ApaI C677T A1298C. BsmI. TaqI. ApaI. rs9939609. REPORT TECNICO: RISULTATI DELL ANALISI Nella tabella vengono indicati tutti i parametri ed i geni che vengono studiati facendo il test NUTRI-GENOKIT : una guida completa verso l alimentazione personalizzata.

Dettagli

Calcolare l altezza dalla lunghezza dell avambraccio BAPEN

Calcolare l altezza dalla lunghezza dell avambraccio BAPEN Calcolare l altezza dalla lunghezza dell avambraccio BAPEN Calcolare l altezza dalla distanza ginocchio - tallone BAPEN MUST e BMI Step 1 Score Range BMI Categoria di peso Significato 2 < 18,5 Sottopeso

Dettagli

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita Io sottoscritto/a, DICHIARO di essere stato/a esaurientemente informato/a, dal Dr. riguardo all intervento di: In particolare, mi è stato spiegato che: La gastrostomia percutanea (PEG) è un dispositivo

Dettagli

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA?

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? SIBO è l acronimo di Small Intestinal Bacterial Overgrowth, ovvero sovraccrescita batterica dell intestino tenue. La sua caratterizzazione clinica è variata

Dettagli

2 CORSO RESIDENZIALE TEORICO-PRATICO LA GESTIONE INTEGRATA DEL PAZIENTE BARIATRICO PROGRAMMA. www.sio-triveneto.it

2 CORSO RESIDENZIALE TEORICO-PRATICO LA GESTIONE INTEGRATA DEL PAZIENTE BARIATRICO PROGRAMMA. www.sio-triveneto.it SEZIONE REGIONALE TRIVENETO SOCIETÀ ITALIANA DELL OBESITÀ 2 CORSO RESIDENZIALE TEORICO-PRATICO LA GESTIONE INTEGRATA DEL PAZIENTE BARIATRICO TRIESTE, 21 22 MAGGIO 2010 HOTEL RIVIERA & MAXIMILIAN S PROGRAMMA

Dettagli

ALIMENTAZIONE SANA IN ETA EVOLUTIVA PER UN CUORE SANO IN ETA ADULTA

ALIMENTAZIONE SANA IN ETA EVOLUTIVA PER UN CUORE SANO IN ETA ADULTA ALIMENTAZIONE SANA IN ETA EVOLUTIVA PER UN CUORE SANO IN ETA ADULTA PERCHE UN ALIMENTAZIONE NON SANA FA MALE AL CUORE?... perchè espone al sovrappeso e alle sue complicanze PERCHE UN ALIMENTAZIONE NON

Dettagli