Tecnologie digitali e catalogazione del patrimonio culturale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tecnologie digitali e catalogazione del patrimonio culturale"

Transcript

1 STORIA a cura di RENATA SALVARANI Tecnologie digitali e catalogazione del patrimonio culturale Metodologie, buone prassi e casi di studio per la valorizzazione del territorio TRATTATI E MANUALI

2 DANIELA SOGLIANI* La pubblicazione di un database documentario sulla famiglia Gonzaga: problematiche e prospettive Nel 1998 il Centro Internazionale d Arte e di Cultura di Palazzo Te, sotto la presidenza di Renzo Zorzi, ha avviato un progetto di ricerca propedeutico alla mostra La Celeste Galeria, dedicata alla celebre raccolta mantovana e allestita, quattro anni più tardi, nelle Fruttiere di Palazzo Te 1. In questa occasione sono state raccolte e trascritte da un gruppo di ricercatori mantovani numerose lettere concernenti gli scambi collezionistici della famiglia Gonzaga per un periodo ben preciso dal 1563, anno in cui Guglielmo Gonzaga è nominato duca della città, ino al sacco dei lanzichenecchi nel Era infatti indispensabile, prima di procedere nell organizzazione dell esposizione, rileggere i documenti oggi conservati presso l Archivio di Stato di Mantova per ricostruire il contesto culturale, sociale, economico ed artistico in cui si costituì una delle più importanti raccolte d arte europee. Avendo preso parte a questo progetto sono testimone delle dificoltà incontrate nell individuazione di uno strumento di lavoro, un programma informatico in grado di rispondere a tutte le esigenze. Dopo un confronto con la Scuola Normale Superiore di Pisa, al cui interno si era costituito il Centro di Ricerche Informatiche per i Beni Culturali diretto da Paola Barocchi, oggi divenuto Laboratorio per l Analisi, la Ricerca, la Tutela, le Tecnologie e l Economia del patrimonio culturale, il gruppo di ricerca mantovano contattò i colleghi del Medici Archive Project di Firenze che operavano già a Firenze da qualche anno sotto la guida di Edward Goldberg. Si aprì pertanto un dibattito in merito allo strumento di lavoro più adatto e compatibile con le nostre esigenze e, pur avendo chiaro che sarebbe stato più eficace e produttivo utilizzare un programma esistente già in rapporto con altri sistemi informatici, fu presa la decisione di ideare un database dedicato la cui elaborazione tecnica richiese circa un anno di lavoro 3. La versione inale prevedeva la trascrizione dei documenti che in seguito erano inseriti in un unica banca * Responsabile organizzativa del Centro Internazionale d Arte e di Cultura di Palazzo Te (Mantova). 1 Gonzaga. La Celeste Galeria, Le raccolte, Catalogo della mostra (Mantova, Palazzo Te-Palazzo Ducale, 2 settembre-8 dicembre 2002), a cura di A. Emiliani e R. Morselli, Skira, Milano Il gruppo di ricerca, diretto da Daniela Ferrari e Raffaella Morselli, era costituito da Andrea Canova, Barbara Furlotti, Maria Chiara Galli, Roberta Piccinelli, Micaela Sermidi, Daniela Sogliani, Carlo Togliani ed Elena Venturini. 3 Il primo database del Collezionismo gonzaghesco fu elaborato dal tecnico Mauro Lora. Salvarani.indb /11/

3 108 DANIELA SOGLIANI dati, depositata presso il Centro Internazionale d Arte e di Cultura di Palazzo Te, fonte di buona parte delle ricerche del comitato scientiico dell esposizione mantovana. Conclusa la mostra, questo database è rimasto per lungo tempo nel server dell istituzione e sono stati pubblicati negli anni soltanto alcuni di questi documenti all interno di una collana del Centro Internazionale d Arte e di Cultura di Palazzo Te dal titolo Fonti, Repertori e Studi per la storia di Mantova 4. Oggi la banca dati, che merita l attenzione di tutti gli studiosi di argomenti gonzagheschi, è costituita da più di diecimila lettere trascritte, di cui circa la metà sono ancora inedite. Lo scopo di questa nuova fase della ricerca è rendere disponibile in rete il database, così ricco di informazioni, dal sito del Centro Internazionale d Arte e di Cultura di Palazzo Te (www.centropalazzote.it). 1. Collezionismo gonzaghesco (1998) Nel 1998 la banca dati del Collezionismo gonzaghesco era stata ideata utilizzando un formato standard di database relazionale (Microsoft Access per piattaforma Windows nella release 97/8.0). Dall home page istituzionale, che presentava diverse funzioni come l esportazione, l importazione e il backup dei dati mediante loppy disk, si entrava nella Scheda vera e propria qui visualizzata: 4 B. furlotti, Le collezioni Gonzaga. Il carteggio tra Bologna, Parma, Piacenza e Mantova ( ), Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo 2000; R. piccinelli, Le collezioni Gonzaga. Il carteggio tra Firenze e Mantova ( ), Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo 2000; d. sogliani, Le collezioni Gonzaga. Il carteggio tra Venezia e Mantova ( ), Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo 2002; e. venturini, Le collezioni Gonzaga. Il carteggio tra la Corte Cesarea e Mantova ( ), Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo 2002; R. piccinelli, Le collezioni Gonzaga. Il carteggio tra Milano e Mantova ( ), Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo 2003; B. furlotti, Le collezioni Gonzaga. Il carteggio tra Roma e Mantova ( ), Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo 2003; m. sermidi, Le collezioni Gonzaga. Il carteggio tra Venezia e Mantova ( ), Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo Salvarani.indb /11/

4 LA PUBBLICAZIONE DI UN DATABASE DOCUMENTARIO SULLA FAMIGLIA GONZAGA 109 I campi presenti erano i seguenti: 1. Archivio: che associava ogni operatore al suo ambito di ricerca (una città o una corte); 2. Scheda: in cui era digitato dall operatore un numero arabo progressivo non automatico inalizzato ad individuare le schede più importanti per una successiva stampa di questi documenti; 3. Segnatura della carta: secondo le indicazioni dell Archivio di Stato di Mantova (esempio: ASMn, AG, b. 1497, f. V, cc ). A questi dati erano state aggiunte la lettera C per la corrispondenza ricevuta o spedita dalla Corte di Mantova e la lettera M per le minute di cancelleria; 4. Luogo: luogo di provenienza del documento. Se il luogo non era indicato nella fonte era usata l abbreviazione s.l. (senza luogo). In merito all annoso problema delle varianti dei nomi, il gruppo di ricerca decise di trascrivere il luogo secondo la toponomastica moderna, accompagnata dalla variante tra parentesi tonde (esempio: Brescello (Berselli)). Quando nella fonte era presente un luogo composto (esempio: Chiesa di San Matteo a l Aquila) è stata indicata prima la città e poi la speciica del luogo (Aquila, Chiesa di San Matteo). Queste stesse norme sono state applicate anche al campo Luogo citato nella Fonte che permetteva di salvare, in un elenco a parte, tutti i luoghi citati nel documento; 5. Data: inserita nella forma di anno, mese e giorno (esempio: 1565/11/23). Il programma permetteva di organizzare in senso crescente o decrescente i documenti del database e in mancanza di uno o più di questi elementi numerici era stato introdotto il doppio zero (esempio: 1565/00/00). In assenza della datazione è stata usata l abbreviazione s.d. (senza data); 6. Mittente: colui che redige il documento. Il suo nome è stato trascritto nella forma cognome e nome, seguiti da titolo, ruolo o professione. Sono sempre state segnalate le cariche e i titoli, quando noti, anche se nel documento era presente solo il nome (esempio: Gonzaga Vincenzo I, principe di Mantova). Quando nel documento si presentava solo la carica o il titolo ma non il suo nome si è implicitamente integrata la sua irma (esempio: principe di Mantova = Gonzaga Vincenzo I, principe di Mantova). I titoli, le cariche e, in generale, quanto seguiva il nome del mittente sono stati trascritti seguendo un ordine alfabetico (esempio: Zibramonti Aurelio, monsignore, vescovo di Casale). Unica eccezione sono i regnanti per i quali si è rispettato l ordine cronologico delle cariche (esempio: Gonzaga Ferdinando, principe, cardinale, duca di Mantova). Gli pseudonimi o i nomi d arte seguivano il cognome e il nome del mittente ed è stata inserita la parola detto preceduta da una virgola. Non sono state recuperate le varianti dei nomi, ma è stato necessario normalizzare il più possibile, utilizzando la lezione prevalente nei propri documenti. In assenza del mittente è stata usata l abbreviazione s.m. (senza mittente). Si riportano alcuni casi particolari per i quali è stato necessario controllare dizionari e repertori speciici: Salvarani.indb /11/

5 110 DANIELA SOGLIANI cognomi che indicano una provenienza per i quali si è indicato prima il nome e poi il cognome (esempio: Leonardo da Vinci o Lorenzo da Treviso); cognomi composti da de/dell /dall per i quali si è scritto prima il cognome, poi la particella de tra parentesi e inine il nome (esempio: Calice (del) Bartolomeo); nomi di famiglie nobili per i quali si è scelto di omettere la particella de (esempio: Medici o Este); nomi di religiosi per i quali si è indicata la speciica don, padre, vescovo o abate; nomi di personaggi nobili femminili per i quali si è scelto di indicare entrambi i cognomi (cognome della famiglia di provenienza e cognome acquisito); nomi di regnanti che non erano distinguibili per i quali si è scelto di inserire tra parentesi tonde un numero cardinale (esempio: Gonzaga Vincenzo (I), principe di Mantova e Gonzaga o Vincenzo (II), principe di Mantova); quando era presente nella fonte il riferimento ad una famiglia in generale e non ad un suo componente si è trascritto il cognome seguito dalla parola famiglia tra parentesi tonde (esempio: Loredan (famiglia)). 7. Destinatario: colui a cui è indirizzato il documento, per il quale valgono tutte le regole indicate per il Mittente. In assenza del Destinatario si è utilizzato il termine generico di Corte ; 8. Intermediario: l informatore, l agente o la persona coinvolta nella contrattazione o segnalazione di un informazione o di un oggetto d arte. Per la compilazione di questo campo valgono i criteri relativi al Mittente e al Destinatario. 9. Fonte: la trascrizione, sempre presente anche se breve, di una parte o più parti del documento. Per questo campo sono state utilizzate note convenzioni di trascrizione: per differenziare più brani all interno della fonte sono stati utilizzati punti di sospensione, le lacune sono state indicate con tre trattini all interno di parentesi quadre [---], le omissioni del testo con tre asterischi all interno di parentesi quadre [***] e inine ogni integrazione al testo è stata inserita tra parentesi quadre. Per quanto riguarda invece le speciiche modalità di trascrizione si è scelto di riportare il documento come riconosciuto nell originale. Tuttavia, al ine di agevolarne la comprensione e la lettura, sono state osservate le seguenti norme generali: i segni diacritici e interpuntivi sono stati introdotti secondo l uso moderno; le abbreviazioni sono state tacitamente sciolte nella forma prevalente nel documento; le maiuscole e le minuscole sono state uniformate all uso moderno; i titoli e le cariche sono stati trascritti minuscoli (esempio: sua maestà, vostra signoria ecc.); la vocale u e la consonante v sono state distinte; la lettera j è stata trascritta i, fatta eccezione per le lingue diverse dall italiano; Salvarani.indb /11/

6 LA PUBBLICAZIONE DI UN DATABASE DOCUMENTARIO SULLA FAMIGLIA GONZAGA 111 alle voci del verbo avere è stata aggiunta h diacritica (esempio: a, anno = ha, hanno); la divisione di alcune parole è stata uniformata all uso moderno (ben che = benché, in che = inché, per che = perché, altra mente = altramente, in darno = indarno ecc.). Eccezioni: per che nel senso di per cui, acciò che e però che; le preposizioni articolate del tipo del imperatore (= de l imperatore) o al ammiratione (= a l ammiratione) sono state trascritte separate; le forme del tipo chel (= che il o che el), sel (= se il) sono state scritte separate come che l o se l ; alcuni verbi sono stati trasformati all uso moderno: de = diedi, fe = fece, ste = stette, po = può; le forme palesemente erronee o sospette sono state segnalate con un [sic]; i nessi consonantici latineggianti cl, pl, ct, pt, ph ecc. sono stati mantenuti; i gruppi latineggianti tia, tie, tio ecc. sono stati mantenuti (esempio: gratia, gratie, gratioso); la h etimologica o pseudoetimologica (homo, habbia ecc.) è stata mantenuta come quella irrazionale (Gonzagha, longho ecc.); il latinismo graico et è stato mantenuto; le cifre romane sono state trascritte maiuscole (esempio: viij); nelle cifre è stato messo un punto per indicare le migliaia (esempio: ducati); gli accenti sono stati adattati all uso moderno; 10. Glossario: la raccolta terminologica delle voci desuete presenti nella Fonte. La voce di Glossario all interno della Fonte è stata indicata con un asterisco; 11. Regesto: la sintesi del contenuto del documento. Si è preferito rimandare nelle note il riferimento a personaggi e oggetti citati nella Fonte; 12. Note: un campo libero in cui sono state inserite tutte le osservazioni relative alle informazioni presenti in tutti i campi. La numerazione è stata digitata dall operatore all interno di parentesi tonde e lo stesso numero, tra parentesi tonde, è stato riportato manualmente nella Fonte. Il primo livello di schedatura dei documenti avveniva associando la lettera ad una macrocategoria detta Argomento. Gli argomenti individuati per la banca dati erano i seguenti: Arti Devozione Letteratura Mercato Musica Palazzo (Palazzo Ducale di Mantova) Scienze Spettacolo e Informazione Salvarani.indb /11/

7 112 DANIELA SOGLIANI I cinque livelli sottostanti di classiicazione (Categoria, Oggetto, Speciica o Titolo, Autore e Stima) indicavano tutte le speciiche dell oggetto. Le categorie erano: Abbigliamento e accessori Animali Armi e accessori Arredi Architettura e Urbanistica (utilizzata quando l opera architettonica è il soggetto della fonte trascritta e non un semplice luogo citato nella fonte) Biancheria Carrozze e accessori Curiosità Disegno e Incisione Farmacopea (rimedi) Finimenti (per cavalli) Giardini (insieme a tutte le informazioni vegetali) Gioielli Materiali (Carte, Legni, Metalli, Pellami, Pietre e Terre, Tessuti, Vetri) Pittura Scultura Strumenti scientiici Strumenti musicali Suppellettili liturgiche e reliquie Suppellettili profane Testi La relazione tra gli Argomenti e le Categorie era libera ma preventivamente erano state deinite dal gruppo di lavoro queste associazioni: Arti con Abbigliamento e accessori, Armi e accessori, Arredi, Architettura e Urbanistica, Biancheria, Carrozze e accessori, Finimenti, Pittura, Gioielli, Disegno e Incisione, Scultura, Suppellettili profane Devozione con Suppellettili liturgiche Letteratura con Testi Mercato quando c era contrattazione di un oggetto d arte o c era una stima Musica con Strumenti musicali o Testi (musicali) Palazzo in relazione alle informazioni relative al Palazzo Ducale di Mantova Scienze per gli Strumenti scientiici, Farmacopea e Giardini Spettacolo per le informazioni relative al teatro e spettacolo in genere Informazione per note generiche (esempio: categoria Animali) Si forniscono le seguenti precisazioni per l argomento Arti: i soggetti iconograici, sempre classiicati nel database, erano i seguenti: Salvarani.indb /11/

8 LA PUBBLICAZIONE DI UN DATABASE DOCUMENTARIO SULLA FAMIGLIA GONZAGA 113 decorazione, natura morta, paesaggio, ritratto, scena di genere, soggetto geograico, soggetto storico, soggetto classico e mitologico, soggetto sacro, soggetto letterario; quando nella Fonte era citata un opera di pittura è stata utilizzata la parola quadro mentre se era citata una Madonna con Bambino senza indicazioni di tecnica o altra speciica, l opera è stata classiicata con il solo soggetto iconograico; per un ritratto citato con il suo soggetto iconograico (esempio: ritratto del duca Vincenzo I Gonzaga) la classiicazione era la seguente: Categoria Pittura, Oggetto ritratto, Speciica Gonzaga Vincenzo I; quando nella Fonte era presente l autore dell opera ma non era indicato il genere o il soggetto (esempio: opera di Guido Reni) la classiicazione era la seguente: Categoria Pittura, Oggetto quadro, Speciica vuoto, Autore Reni Guido; per la Categoria Scultura valevano le stesse regole indicate per la Categoria Pittura. La schedatura del documento si concludeva con il campo della Bibliograia individuata per il solo documento e non per l argomento trattato. 2. Collezionismo gonzaghesco (2013) La nuova versione del programma Collezionismo gonzaghesco, nato dalla collaborazione tra il Centro Internazionale d Arte e di Cultura di Palazzo Te, il Comune di Mantova e la Scuola Normale Superiore di Pisa 5, presenta un ambiente di sviluppo completamente rinnovato e vede l utilizzo di nuovi strumenti informatici quali il linguaggio di programmazione PHP (con il supporto dei Framework Typo3) e database di tipo relazionale supportati dal linguaggio SQL. Il linguaggio di programmazione PHP, compatibile con i sistemi Linux e Windows, è distribuito con licenza open source e permette di creare pagine web dinamiche dove il contenuto mostrato all utente cambia in base alle esigenze del momento integrandosi facilmente con molte tipologie di database. Per questo progetto è stato adottato un database di tipo relazionale gestito dal programma DBMS (Data Base Management System) MySQL che ha performance ideali e non prevede costi di licenza annuali, essendo anch esso open source. Senza citare troppi tecnicismi i DBMS sono software capaci di gestire diverse banche dati e per operare su questi sistemi è utilizzato il linguaggio MySQL (SQL: Structured Query Language). La tipologia di database del sistema informativo è relazionale: i dati sono organizzati in tabelle e i valori nelle tabelle sono messi in relazione attraverso i cosiddetti campi chiave. Il risultato inale è un sistema 5 Desidero ringraziare Giulio Paoli della Scuola Normale Superiore di Pisa per l assistenza nell elaborazione del programma e per le informazioni tecniche fornite. Salvarani.indb /11/

9 114 DANIELA SOGLIANI scalabile dove l accrescimento del numero di dati disponibili non comporta la modiica del modello dei dati. La banca dati Collezionismo gonzaghesco è costruita con una parte di back ofice, che raccoglie tutte le operazioni di catalogazione dei dati che l utente non vede, e una parte di front ofice, cosiddetta pubblica, che risponde a tutte le esigenze di consultazione e fruizione dei contenuti da parte degli utenti che vi possono accedere con il proprio computer senza la necessità di credenziali di accesso. Nella fase di data-entry (back ofice) il database è accessibile ai soli utenti catalogatori attraverso un computer collegato a Internet e dotato di un browser. Il loro accesso avviene nella pagina di login solo dopo autenticazione con username e password e tali credenziali di accesso sono fornite dall amministratore del sistema che ha accesso alla Gestione Utenti. Questi sono i ruoli assegnati dal sistema: 1. Utente amministratore che ha accesso a tutte le funzionalità e può gestire gli utenti, creare schede, cancellarle, bocciarle, proporne di nuove, approvarle e gestire i vocabolari che controllano il database; 2. Utente compilatore che può creare nuove schede ma può operare solo sulle proprie (al momento della creazione di una nuova scheda, l utente compilatore ne diventa il proprietario); 3. Utente validatore che ha il compito di veriicare e rendere pubblico il contenuto delle schede; 4. Utente osservatore che può consultare ed effettuare ricerche su tutti i campi di tutti i documenti indipendentemente dallo stato in cui essi si trovano. L archivio è pertanto controllato dall amministratore che rende visibili, nella parte pubblica, solo le schede approvate. Ciascuna scheda è associata a uno stato: è in bozza quando viene creata e resterà in questo stato ino al termine delle modiiche del compilatore; in seguito, passerà nello stato di proposta e sarà sottoposta al controllo dell utente validatore che, se l approva, la renderà visibile nella parte pubblica del sito. Ovviamente, se la veriica da parte del validatore non andrà a buon ine, la scheda non sarà resa pubblica e potrà essere riportata nello stato bozza o in quello di bocciata. È facile intuire che la fase di data-entry e la consultazione possono convivere poiché i ricercatori lavorano sulle schede, decidono quando e come modiicarle, quali rendere visibili, mentre l utente inale (il pubblico) può consultare contemporaneamente quanto è già disponibile in rete. La parte pubblica (front ofice) è accessibile a tutti gli utenti ed è lo strumento per la visualizzazione dei documenti. È costituita da una home page che descrive il progetto, la raccolta delle norme redazionali adottate nelle trascrizioni delle Fonti, un Glossario generale, una pagina di Crediti e soprattutto una sezione dedicata alla ricerca che ha mantenuto gli stessi campi già descritti nella versione precedente del programma. Salvarani.indb /11/

10 LA PUBBLICAZIONE DI UN DATABASE DOCUMENTARIO SULLA FAMIGLIA GONZAGA Prospettive e sviluppi: il portale Banche Dati Gonzaga La rilessione che ha portato all elaborazione di questo nuovo strumento di lavoro sottende alla volontà, in dagli anni della mostra gonzaghesca, di riunire insieme le diverse esperienze di progettazione di banche dati dedicate alla famiglia mantovana. Per questo il Centro Internazionale d Arte e di Cultura di Palazzo Te ha creato, con la collaborazione del Comune di Mantova e dell Archivio di Stato, il portale Banche Dati Gonzaga che fornisce un accesso integrato alle informazioni e ai documenti riguardanti varie banche dati e archivi. Il portale è stato sviluppato grazie ad un software detto Content Management System (CMS), in grado di gestire le pagine dei siti web. Le aree di amministrazione e fruizione della banca dati sono state elaborate con il framework PRADO PHP (PHP Rapid Application Development Object-oriented), molto diffuso e senza costi di licenza. Salvarani.indb /11/

11 116 DANIELA SOGLIANI La struttura di questa piattaforma è molto lessibile e permette di raggiungere diversi obiettivi tra cui fornire l accesso anche ad altri progetti che possono essere raggiunti con un semplice link 6, prevedere un dialogo interno tra questi database, espandere le banche dati con l inserimento di immagini e di video collegati alle schede, creare digital libraries con contenuti dinamici e inine permettere la diffusione di tutte le informazioni attraverso nuovi strumenti quali smartphone e tablet. L auspicio del Centro Internazionale d Arte e di Cultura di Palazzo Te è pertanto ottenere la collaborazione di tutte le Istituzioni interessate alla creazione di una rete informatica dedicata alla conoscenza della storia e della cultura della famiglia Gonzaga. 6 Oggi sono immesse nel portale le due banche dati Collezionismo gonzaghesco ( ) e Giulio Romano mentre due link permettono di interrogare le banche dati del Progetto HERLA, dedicato alla musica e al teatro e messo a disposizione dalla Fondazione Mantova Capitale Europea dello Spettacolo, e i Cataloghi dei Beni Culturali e della Bibliograia gonzaghesca elaborati dall Associazione Distretto culturale Le Regge dei Gonzaga e dall Università Europea di Roma - Centro Studi Heritage e Territorio. Salvarani.indb /11/

Clicca sul link Gmail in alto nella pagina. Arriverai ad una pagina simile alla seguente: G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 68

Clicca sul link Gmail in alto nella pagina. Arriverai ad una pagina simile alla seguente: G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 68 G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 68 Usiamo Gmail In questo capitolo vedremo come creare un proprio accesso alla posta elettronica (account) ad uno dei servizi di mail on line più diffusi: Gmail, la

Dettagli

-Testimonianze di artisti modenesi tra '800 e 900 : 2-17 giugno 1990, Rocca di Vignola: Edizioni Vaccari, 1990.

-Testimonianze di artisti modenesi tra '800 e 900 : 2-17 giugno 1990, Rocca di Vignola: Edizioni Vaccari, 1990. Elisabetta Barbolini Ferrari Curriculum professionale Ricercatrice, Scrittrice, Studiosa della Storia Estense e di Storia della cucina Esperta d'arte e antiquariato, in particolare di porcellane, maioliche

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome(i/)/Nome(i) Indirizzo(i) Telefono(i) 333 2011658 Via GRomano n 8, SGiorgio 46030 Mantova E-mail Cittadinanza veraghi@liberoit Italiana Luogo e Data

Dettagli

Corso di PHP. Prerequisiti. 1 - Introduzione

Corso di PHP. Prerequisiti. 1 - Introduzione Corso di PHP 1 - Introduzione 1 Prerequisiti Conoscenza HTML Principi di programmazione web Saper progettare un algoritmo Saper usare un sistema operativo Compilazione, link, esecuzione di programmi Conoscere

Dettagli

WEB TECHNOLOGY. Il web connette. LE persone. E-book n 2 - Copyright Reserved

WEB TECHNOLOGY. Il web connette. LE persone. E-book n 2 - Copyright Reserved WEB TECHNOLOGY Il web connette LE persone Indice «Il Web non si limita a collegare macchine, ma connette delle persone» Il Www, Client e Web Server pagina 3-4 - 5 CMS e template pagina 6-7-8 Tim Berners-Lee

Dettagli

CONTENT MANAGMENT SYSTEMS

CONTENT MANAGMENT SYSTEMS CONTENT MANAGMENT SYSTEMS ESTRATTO DA: Ileana D'Incecco, Progettare la comunicazione web per organizzazioni non-profit con strumenti open source: ideazione e realizzazione del sito web della Casa delle

Dettagli

SISTEMA EDITORIALE WEBMAGAZINE V.2.2

SISTEMA EDITORIALE WEBMAGAZINE V.2.2 SISTEMA EDITORIALE WEBMAGAZINE V.2.2 1 - Il funzionamento di Web Magazine Web Magazine è un applicativo pensato appositamente per la pubblicazione online di un giornale, una rivista o un periodico. E'

Dettagli

Mausoleo COMUNE DI NUORO PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DEL CIMITERO MULTIMEDIALE. Arch.Marco Cerina Ing.Enrico Dini

Mausoleo COMUNE DI NUORO PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DEL CIMITERO MULTIMEDIALE. Arch.Marco Cerina Ing.Enrico Dini COMUNE DI NUORO D O C U M E N T O D I S P E C I F I C A P E R I L P R O D O T T O Mausoleo PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DEL CIMITERO MULTIMEDIALE Arch.Marco Cerina Ing.Enrico Dini Descrizione introduttiva

Dettagli

Per accedere all area di gestione collegarsi al sito www.editeltn.it e digitare nell apposito box i dati di accesso (username: xxx password: xxx).

Per accedere all area di gestione collegarsi al sito www.editeltn.it e digitare nell apposito box i dati di accesso (username: xxx password: xxx). GUIDA ALL USO DEL CMS (Content Management System) Del sito www.biodermol.com 1. ACCESSO ALL AREA DI GESTIONE Per accedere all area di gestione collegarsi al sito www.editeltn.it e digitare nell apposito

Dettagli

Il database management system Access

Il database management system Access Il database management system Access Corso di autoistruzione http://www.manualipc.it/manuali/ corso/manuali.php? idcap=00&idman=17&size=12&sid= INTRODUZIONE Il concetto di base di dati, database o archivio

Dettagli

Prodotti. Introduzione. CMS: Content Management System: che cos'è, a cosa serve?

Prodotti. Introduzione. CMS: Content Management System: che cos'è, a cosa serve? Introduzione CMS: Content Management System: che cos'è, a cosa serve? Per riassumerne in poche righe la funzione dei CMS è sufficiente rifarsi alla traduzione letterale della definizione inglese: gestione

Dettagli

Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in

Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in Informazioni sul copyright 2004 Copyright Hewlett-Packard Development Company, L.P. Sono vietati la riproduzione, l'adattamento e la

Dettagli

GUIDA ALLA NAVIGAZIONE

GUIDA ALLA NAVIGAZIONE GUIDA ALLA NAVIGAZIONE 1. Accesso al sito La consultazione di AMAtI è subordinata alla registrazione al sito. Per registrarsi è necessario contattare la redazione all indirizzo francesca.simoncini@unifi.it.

Dettagli

SCP: SCHEDULER LAYER. a cura di. Alberto Boccato

SCP: SCHEDULER LAYER. a cura di. Alberto Boccato SCP: SCHEDULER LAYER a cura di Alberto Boccato PREMESSA: Negli ultimi tre anni la nostra scuola ha portato avanti un progetto al quale ho partecipato chiamato SCP (Scuola di Calcolo Parallelo). Di fatto

Dettagli

Un esperienza di e-learning con le piattaforme in uso alla Scuola IaD

Un esperienza di e-learning con le piattaforme in uso alla Scuola IaD Un esperienza di e-learning con le piattaforme in uso alla Scuola IaD di Marco Orazi e Mauro Ranchicchio La Scuola IaD inizia nel 1997 la sua attività di erogazione di corsi in modalità teledidattica mettendo

Dettagli

catalogo corsi di formazione 2015/2016

catalogo corsi di formazione 2015/2016 L offerta formativa inserita in questo catalogo è stata suddivisa in quattro sezioni tematiche che raggruppano i corsi di formazione sulla base degli argomenti trattati. Organizzazione, progettazione e

Dettagli

Norme per la redazione del testo

Norme per la redazione del testo Norme per la redazione del testo Norme ortografiche e per la redazione dei segni di interpunzione Puntini di sospensione Sono sempre solo tre e si inseriscono con l apposito carattere unico. Come ogni

Dettagli

Con il patrocinio della Regione Lombardia e in collaborazione con il Museo di Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo

Con il patrocinio della Regione Lombardia e in collaborazione con il Museo di Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo Con il patrocinio della Regione Lombardia e in collaborazione con il Museo di Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo Premio Tempo ritrovato Fotografie da non perdere II Edizione Conservare i frammenti

Dettagli

DATABASE. www.andreavai.it

DATABASE. www.andreavai.it Cos'è un database? Quando si usa? Differenze con i fogli elettronici Le tabelle: record, campi, tipi di dati Chiavi e indici Database relazionali (R-DBMS) Relazioni uno-a-uno Relazioni uno-a-molti Relazioni

Dettagli

Informatica B. Contenuti. Introduzione alle Basi di Dati e ai DBMS. Introduzione a dati e basi dati DBMS Modello dei dati

Informatica B. Contenuti. Introduzione alle Basi di Dati e ai DBMS. Introduzione a dati e basi dati DBMS Modello dei dati Informatica B Introduzione alle Basi di Dati e ai DBMS Contenuti Introduzione a dati e basi dati DBMS Modello dei dati Informazioni e dati Dato: elemento semanticamente significativo (data, codice, ecc.),

Dettagli

Corso Universitario Intensivo per Redattore di Casa Editrice

Corso Universitario Intensivo per Redattore di Casa Editrice Corso Universitario Intensivo per Redattore di Casa Editrice I. Il corso in breve L obiettivo del corso è quello di formare delle figure che siano in grado di operare nel difficile e sempre più articolato

Dettagli

SIAGAS Manuale Utente Utente non autenticato

SIAGAS Manuale Utente Utente non autenticato SIAGAS Manuale Utente Utente non autenticato 27 marzo 2007 v.1.7 SIAGAS: Manuale Utente: utente non autenticato 1/10 1 Introduzione 1.1 Destinatario del prodotto SIAGAS è uno Sportello Informativo per

Dettagli

Jolanda Conti e Angelo Dragone fidanzati, 1942

Jolanda Conti e Angelo Dragone fidanzati, 1942 Jolanda Conti e Angelo Dragone fidanzati, 1942 foto Mauro Raffini Per tutta la Loro vita, ancora prima del matrimonio, Jolanda e Angelo Dragone, hanno raccolto con cura e metodo libri, lettere, fotografie

Dettagli

ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN

ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN PORTALE WEB NELL AMBITO DELLA MISURA 2.6. DEL POI ENERGIA FESR 2007 2013

Dettagli

Installazione & Manuale di Utilizzo

Installazione & Manuale di Utilizzo Meet O Matic Installazione & Manuale di Utilizzo Autori: Matteo Maggioni Luca Mantovani Matricola: 721923 721014 1 Indice 1 Requisiti di installazione 4 2 Installazione 4 3 Manuale di utilizzo 4 3.1 Registrazione

Dettagli

La piattaforma Moodle dell' ISFOL

La piattaforma Moodle dell' ISFOL La piattaforma Moodle dell' ISFOL Un CMS per la condivisione della conoscenza nei Gruppi di Lavoro e di Ricerca dell'istituto Franco Cesari - ISFOL Gruppi di Lavoro e di Ricerca come Comunità di Pratica

Dettagli

LORENZO DE SANTIS E-COMMERCE DA ZERO A CENTO

LORENZO DE SANTIS E-COMMERCE DA ZERO A CENTO LORENZO DE SANTIS E-COMMERCE DA ZERO A CENTO Metodi per Creare da Zero un Sito Web per il Tuo Business Online 2 Titolo E-COMMERCE DA ZERO A CENTO Autore Lorenzo De Santis Editore Bruno Editore Sito internet

Dettagli

CV MARCO BAZZINI INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Firenze, 21 aprile 2013

CV MARCO BAZZINI INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Firenze, 21 aprile 2013 Firenze, 21 aprile 2013 CV MARCO BAZZINI INFORMAZIONI PERSONALI Nome BAZZINI MARCO Indirizzo 389, via Santomoro, 51100, Pistoia, Italia Telefono +39 0573 430006 348 7629296 Fax E-mail m.bazzini@centropecci.it

Dettagli

Installazione & Configurazione Php e MySQL su Mac Os X. Php

Installazione & Configurazione Php e MySQL su Mac Os X. Php Installazione & Configurazione Php e MySQL su Mac Os X Php PHP è un linguaggio di scripting interpretato, con licenza Open Source, originariamente concepito per la realizzazione di pagine web dinamiche.

Dettagli

Corso Intensivo di Formazione per Redattore di Casa Editrice

Corso Intensivo di Formazione per Redattore di Casa Editrice Corso Intensivo di Formazione per Redattore di Casa Editrice Bando del corso 2016 I. IL CORSO IN BREVE L obiettivo del corso è quello di formare delle figure che siano in grado di operare nel difficile

Dettagli

Università degli studi di Salerno

Università degli studi di Salerno Università degli studi di Salerno Corso di Ingegneria del Software @silo MANUALE UTENTE Versione 1 Coordinatore del progetto: Linda Di Geronimo Giulio Franco Alfonso Murolo Partecipanti: Alfonso

Dettagli

v. 1.0-7-11-2007 Mistral ArchiWeb 2.0 Manuale utente

v. 1.0-7-11-2007 Mistral ArchiWeb 2.0 Manuale utente v. 1.0-7-11-2007 Mistral ArchiWeb 2.0 Manuale utente Sommario 1. INTRODUZIONE...3 2. DESCRIZIONE FUNZIONALITÀ...3 2.1. LOGIN...3 2.2. SCHEDA ARCHIVIO...3 2.3. GESTIONE ARCHIVI...4 2.3.1 Creazione nuovo

Dettagli

SQL Server Express Edition è la novità di Visual Studio.Net versione di SQL Server che presenta la seguenti caratteristiche:

SQL Server Express Edition è la novità di Visual Studio.Net versione di SQL Server che presenta la seguenti caratteristiche: Presentazione del prodotto Presentazione del prodotto SQL Server Express Edition è la novità di Visual Studio.Net versione di SQL Server che presenta la seguenti caratteristiche: 2005. Una liberamente

Dettagli

Corso di Web Programming

Corso di Web Programming Corso di Web Programming 1. Introduzione a Internet e al WWW Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso di Laurea in Informatica

Dettagli

GUIDA ALL USO DELLA PIATTAFORMA DI FORMAZIONE

GUIDA ALL USO DELLA PIATTAFORMA DI FORMAZIONE GUIDA ALL USO DELLA PIATTAFORMA DI FORMAZIONE INDICE 1 UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA...3 1.1 Primo Accesso... 3 1.1.1 Crea un Nuovo Account... 5 1.2 Accesso con Username e Password... 10 1.2.1 Recupero della

Dettagli

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati Corso di Access Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base 1 Prerequisiti Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati 2 1 Introduzione Un ambiente DBMS è un applicazione che consente

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Corso di PHP. Prerequisiti. 1 - Introduzione

Corso di PHP. Prerequisiti. 1 - Introduzione Corso di PHP 1 - Introduzione 1 Prerequisiti Conoscenza HTML Principi di programmazione web Saper progettare un algoritmo Saper usare un sistema operativo Conoscere il concetto di espressione 2 1 Introduzione

Dettagli

MANUALE INSTALLAZIONE A.D.P. BILANCIO & BUDGET

MANUALE INSTALLAZIONE A.D.P. BILANCIO & BUDGET MANUALE INSTALLAZIONE A.D.P. BILANCIO & BUDGET Sommario AVVERTENZE...1 INSTALLAZIONE...5 AGGIORNAMENTO DI VERSIONE...6 REQUISITI MINIMI DI SISTEMA...7 CONFIGURAZIONE...7 DATABASE SUPPORTATI...7 AGGIORNAMENTO

Dettagli

catalogo corsi di formazione 2014/2015

catalogo corsi di formazione 2014/2015 L offerta formativa inserita in questo catalogo è stata suddivisa in quattro sezioni tematiche che raggruppano i corsi di formazione sulla base degli argomenti trattati. Organizzazione, progettazione e

Dettagli

Proposta App Smartphone e Tablet per Ufficio Concorsi Polizia di Stato

Proposta App Smartphone e Tablet per Ufficio Concorsi Polizia di Stato Proposta App Smartphone e Tablet per Ufficio Concorsi Polizia di Stato Indice App to you Introduzione Requisiti Funzionali Casi d uso Architettura SOA Proposte Dispositivi Supportati L App News Concorsi

Dettagli

Anno 2008_Numero 82. apporti. tecnici. Applicazione Web per gestione Assistenza Informatica. Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Anno 2008_Numero 82. apporti. tecnici. Applicazione Web per gestione Assistenza Informatica. Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia t Anno 2008_Numero 82 apporti tecnici Applicazione Web per gestione Assistenza Informatica Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Direttore Enzo Boschi Editorial Board Raffaele Azzaro (CT) Sara

Dettagli

GIOVANNI CALABRESE. Sito E-learning Istituto Tridente. Guida all utilizzo di Moodle per gli studenti

GIOVANNI CALABRESE. Sito E-learning Istituto Tridente. Guida all utilizzo di Moodle per gli studenti GIOVANNI CALABRESE Sito E-learning Istituto Tridente Guida all utilizzo di Moodle per gli studenti Sommario 1. COS È MOODLE... 1 1.1 Requisiti necessari...1 1.2 Configurazione del browser...1 Impostazione

Dettagli

MagiCum S.r.l. Progetto Inno-School

MagiCum S.r.l. Progetto Inno-School MagiCum S.r.l. Progetto Inno-School Area Web Autore: Davide Revisione: 1.2 Data: 23/5/2013 Titolo: Innopedia File: Documentazione_tecnica Sito: http://inno-school.netsons.org/ Indice: 1. Presentazione

Dettagli

Uso delle basi di dati DBMS. Cos è un database. DataBase. Esempi di database

Uso delle basi di dati DBMS. Cos è un database. DataBase. Esempi di database Uso delle basi di dati Uso delle Basi di Dati Il modulo richiede che il candidato comprenda il concetto di base dati (database) e dimostri di possedere competenza nel suo utilizzo. Cosa è un database,

Dettagli

Aristos ARchivio Informatico per la Storia della Tutela e degli Oggetti Storico - artistici

Aristos ARchivio Informatico per la Storia della Tutela e degli Oggetti Storico - artistici Aristos ARchivio Informatico per la Storia della Tutela e degli Oggetti Storico - artistici Che cos è Aristos? Banca dati online per la storia del restauro Quali obiettivi si pone Aristos? raccolta e restituzione

Dettagli

Manuale Utente QueryGenerator

Manuale Utente QueryGenerator SOFTWARE DI GESTIONE DEL CORPUS API Manuale Utente QueryGenerator Cirass Sommario Introduzione 1 1. Presentazione 1 2. Requisiti di Sistema 2 3. Installazione 2 4. Utilizzo 3 5. Logica d interrogazione

Dettagli

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE.

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. INFORMATICA Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. APPLICAZIONI WEB L architettura di riferimento è quella ampiamente diffusa ed

Dettagli

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.)

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) (A cura di Barbara Limonta e Giulia Scacco) INDICE Introduzione pag. 3 Efficacia della registrazione

Dettagli

MediaWiki. Giuseppe Frisoni

MediaWiki. Giuseppe Frisoni MediaWiki Giuseppe Frisoni MediaWiki: costruire insieme 1/2 L'enorme successo di Wikipedia, la nota enciclopedia online, è sotto gli occhi di tutti; cosa meno nota, invece, è la piattaforma con cui è progettata.

Dettagli

Wordpress corso base. Mario Marino Corso Base Wordpress

Wordpress corso base. Mario Marino Corso Base Wordpress Wordpress corso base Mario Marino Corso Base Wordpress introduzione Cosa sappiamo fare adesso e cosa vorremmo sapere fare alla fine del corso Parole chiave Sito / Blog Database CMS Client / Server Account

Dettagli

Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software. Project Proposal Versione 1.1

Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software. Project Proposal Versione 1.1 Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software Project Proposal Versione 1.1 Data 27/03/2009 Project Manager: D Amato Angelo 0521000698 Partecipanti: Nome Andrea Cesaro Giuseppe Russo

Dettagli

GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1

GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1 GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1 ESPLETAMENTO DI ATTIVITÀ PER L IMPLEMENTAZIONE DELLE COMPONENTI PREVISTE NELLA FASE 3 DEL PROGETTO DI E-GOVERNMENT INTEROPERABILITÀ DEI SISTEMI

Dettagli

L arte in una stanza viaggio intorno al mondo di Toschi

L arte in una stanza viaggio intorno al mondo di Toschi Istituto Comprensivo «G.B.Toschi» Baiso Concorso di idee io amo i beni culturali 2012-2013 L arte in una stanza viaggio intorno al mondo di Toschi Una stanza per l arte Lo Studiolo Lo studiolo è un ambiente

Dettagli

1 Esercizi. Corso di HTML

1 Esercizi. Corso di HTML 1 Esercizi Esercizio 2.2 Create una home page personale. Questa pagina dovrà essere utilizzata per collegarvi direttamente da casa al sito Web della vostra Università. Il documento HTML dovrà includere

Dettagli

Piattaforma FaD Formazione a distanza. Manuale di consultazione rapida per l utilizzo della piattaforma di. formazione a distanza di EFA srl

Piattaforma FaD Formazione a distanza. Manuale di consultazione rapida per l utilizzo della piattaforma di. formazione a distanza di EFA srl Piattaforma FaD Formazione a distanza Manuale di consultazione rapida per l utilizzo della piattaforma di formazione a distanza di EFA srl 1 Indice generale 1. Scopo del documento 2. Definizioni e abbreviazioni

Dettagli

PREVENTIVO PER LA REALIZZAZIONE DEL SITO INTERNET

PREVENTIVO PER LA REALIZZAZIONE DEL SITO INTERNET 25/8/2011 PREVENTIVO PER LA REALIZZAZIONE DEL SITO INTERNET WWW.PALLANUOTOBERGAMO.IT Preventivo n. 006/08/11 Almaware Sommario Breve analisi dei requisiti e dello sviluppo... 3 Obiettivo... 3 Dettagli...

Dettagli

ORACOLO Gestione questionari.

ORACOLO Gestione questionari. ORACOLO Gestione questionari. Oracolo è un software di gestione questionari e test nato per raccolta dati ad uso scientifico. Oracolo è adatto a raccogliere dati su questionari personalizzabili di qualunque

Dettagli

Comunità virtuale IRDAT fvg Guida utente

Comunità virtuale IRDAT fvg Guida utente Comunità virtuale IRDAT fvg Guida utente Community_IRDATfvg_ManualeUtente_Vers._1.1 1 INDICE 2. La Comunità virtuale IRDAT fvg...3 3. I servizi della Comunità...3 4. La struttura della Comunità...4 5.

Dettagli

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015 Indirizzo: INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Disciplina: Informatica Docente:Maria Teresa Niro Classe: Quinta B Ore settimanali previste: 6 (3 ore Teoria - 3 ore Laboratorio) ITI M. FARADAY Programmazione

Dettagli

Soluzioni open source integrate. per le aziende: case study. Fabio Bottega (f.bottega@tecnoteca.it) 29 novembre 2003

Soluzioni open source integrate. per le aziende: case study. Fabio Bottega (f.bottega@tecnoteca.it) 29 novembre 2003 Soluzioni open source integrate 29 novembre 2003 per le aziende: case study Fabio Bottega (f.bottega@tecnoteca.it) 1. Sintesi dell intervento Presentazione Case Study odierno: Intranet Moroso S.P.A. Ingredienti

Dettagli

Guida all uso! Moodle!

Guida all uso! Moodle! Guida all uso della piattaforma online Moodle Guida Piattaforma Moodle v. 1.3 1. Il primo accesso Moodle è un CMS (Course Management System), ossia un software Open Source pensato per creare classi virtuali,

Dettagli

Corso di Informatica (Basi di Dati)

Corso di Informatica (Basi di Dati) Corso di Informatica (Basi di Dati) Lezione 1 (12 dicembre 2008) Introduzione alle Basi di Dati Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati 1, Prof. Carlo Batini,

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M070 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M070 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Pag. 1/1 Sessione ordinaria 2010 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M070 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: INFORMATICA

Dettagli

LO STRUMENTO PRINCIPALE: IL SITO WEB

LO STRUMENTO PRINCIPALE: IL SITO WEB LO STRUMENTO PRINCIPALE: IL SITO WEB 1 Content Management System (CMS) Software (web based) dedicati alla gestione di un sito web: portali, siti aziendali, intranet, blog, Wiki L obiettivo è consentire

Dettagli

Basi di dati. Basi di dati = database. Basi di dati

Basi di dati. Basi di dati = database. Basi di dati Basi di dati Da leggere: Cap. 6 Sawyer, Williams (testo A) Basi di dati = database Sono una delle applicazioni informatiche che hanno avuto il maggiore utilizzo in uffici, aziende, servizi -> oggi anche

Dettagli

Allegato B Specifiche richieste per il Portale Web del Comune di Modugno

Allegato B Specifiche richieste per il Portale Web del Comune di Modugno Allegato B Specifiche richieste per il Portale Web del Comune di Modugno Articolo 1 - Oggetto della fornitura 1. La fornitura ha per oggetto la progettazione, realizzazione e manutenzione del sito web

Dettagli

Studio Legale. Guida operativa

Studio Legale. Guida operativa Studio Legale Guida operativa Cliens Studio Legale Web Cliens Studio Legale Web è un nuovo strumento che consente all avvocato di consultare i dati presenti negli archivi Cliens del proprio studio, attraverso

Dettagli

S.I.L.O.S Sito Internet con Logica ad Oggetti Standard

S.I.L.O.S Sito Internet con Logica ad Oggetti Standard S.I.L.O.S Sito Internet con Logica ad Oggetti Standard Manuale utente V 1.0 del 29/11/2005 Redazione a cura di Uniteam SpA Indice 0. Glossario dei termini...3 1. Introduzione...4 1.1. Prerequisiti...4

Dettagli

Content Management System

Content Management System Content Management System Docente: Prof. Roberto SALVATORI CARATTERISTICHE PRINCIPALI DI UN CMS In quest ultimo decennio abbiamo avuto modo di osservare una veloce e progressiva evoluzione del Web, portando

Dettagli

Guida al primo accesso sul SIAN

Guida al primo accesso sul SIAN Guida al primo accesso sul SIAN Il presente documento illustra le modalità operative per il primo accesso al sian e l attivazione dell utenza per poter fruire dei servizi presenti nella parte privata del

Dettagli

GAS FLUORURATI, OBBLIGO DI DICHIARAZIONE ENTRO IL 31 MAGGIO

GAS FLUORURATI, OBBLIGO DI DICHIARAZIONE ENTRO IL 31 MAGGIO GAS FLUORURATI, OBBLIGO DI DICHIARAZIONE ENTRO IL 31 MAGGIO Vi ricordiamo che anche quest anno è obbligo trasmettere la dichiarazione contenente le informazioni riguardanti la quantità di gas fluorurati

Dettagli

Modulo 0. Accesso al portale e-learning AulaWeb

Modulo 0. Accesso al portale e-learning AulaWeb Laboratorio EL&KM E-Learning & Knowledge Management Modulo 0 Accesso al portale e-learning AulaWeb DIBRIS -Università degli Studi di Genova 2 Progetto Info alfabetizzazione informatica La recente riforma

Dettagli

MANUALE OPERATORE CMS ASMENET

MANUALE OPERATORE CMS ASMENET MANUALE OPERATORE CMS ASMENET 2.0 Pag. 1 di 46 INDICE Termini e definizioni... pag. 3 Introduzione... pag. 4 Descrizione generale e accesso al back office... pag. 5 1 Gestione della pagina... pag. 6 1.1

Dettagli

2.1 Installazione e configurazione LMS [4]

2.1 Installazione e configurazione LMS [4] 2.1 Installazione e configurazione LMS [4] Prerequisti per installazione su server: Versione PHP: 4.3.0 o superiori (compatibilità a php5 da versione 3.0.1) Versione MySql 3.23 o superiori Accesso FTP:

Dettagli

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server 1 Prerequisiti Pagine statiche e dinamiche Pagine HTML Server e client Cenni ai database e all SQL 2 1 Introduzione In questa Unità si illustra il concetto

Dettagli

Esercitazione 8. Basi di dati e web

Esercitazione 8. Basi di dati e web Esercitazione 8 Basi di dati e web Rev. 1 Basi di dati - prof. Silvio Salza - a.a. 2014-2015 E8-1 Basi di dati e web Una modalità tipica di accesso alle basi di dati è tramite interfacce web Esiste una

Dettagli

CMS (Content Management System) della categoria Open Source

CMS (Content Management System) della categoria Open Source Una panoramica sui CMS (Content Management System) CMS (Content Management System) della categoria Open Source Per la piattaforma PHP/MYSQL e considerata l esigenza sempre più ricorrente di realizzare

Dettagli

Thea PDM. Cos è Thea PDM? Il PDM (Product Data Management)

Thea PDM. Cos è Thea PDM? Il PDM (Product Data Management) Thea PDM Il PDM (Product Data Management) Nell'industria manifatturiera il PDM è un software per la raccolta ed organizzazione dei file nelle divere fasi di ideazione, progettazione, produzione ed obsolescenza

Dettagli

Costruzione di siti web. Il Content Management System Joomla

Costruzione di siti web. Il Content Management System Joomla Costruzione di siti web Il Content Management System Joomla Definizione di un CMS Un Content Management System (CMS) è letteralmente un sistema di gestione dei contenuti E' uno strumento software utilizzato

Dettagli

FONDAZIONE ANGELO COLOCCI [AREA RISERVATA - STUDENTI]

FONDAZIONE ANGELO COLOCCI [AREA RISERVATA - STUDENTI] 2014 FONDAZIONE ANGELO COLOCCI [AREA RISERVATA - STUDENTI] Cosa è. Il portale Docebo è una piattaforma E-Learning e un Content Management System Open Source che La Fondazione Angelo Colocci ha deciso di

Dettagli

COMPANY PROFILE. Mediamind srl Rovigo (Italy) www.mediamind.it. Dicembre 2009

COMPANY PROFILE. Mediamind srl Rovigo (Italy) www.mediamind.it. Dicembre 2009 COMPANY PROFILE Dicembre 2009 PRESENTAZIONE è una società di sviluppo software e consulenza informatica, opera a livello nazionale dal 2001 ed è specializzata nel fornire servizi a valore aggiunto basati

Dettagli

dal libro al manoscritto dalla biblioteca all archivio

dal libro al manoscritto dalla biblioteca all archivio dal libro al manoscritto dalla biblioteca all archivio Dove si reperisce - in fondo a un testo specialistico - nelle note di un articolo o saggio - fornita da un professore - nelle raccolte bio-bibliografiche

Dettagli

Il DBMS Oracle. Express Edition. Donatella Gubiani e Angelo Montanari

Il DBMS Oracle. Express Edition. Donatella Gubiani e Angelo Montanari Gubiani & Montanari Il DBMS Oracle 1 Il DBMS Oracle Express Edition Donatella Gubiani e Angelo Montanari Il DBMS Oracle Il DBMS Oracle Oracle 10g Express Edition Il DBMS Oracle (nelle sue versioni più

Dettagli

Basi di dati. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Canale di Ingegneria delle Reti e dei Sistemi Informatici - Polo di Rieti

Basi di dati. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Canale di Ingegneria delle Reti e dei Sistemi Informatici - Polo di Rieti Basi di dati Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Canale di Ingegneria delle Reti e dei Sistemi Informatici - Polo di Rieti Anno Accademico 2008/2009 Introduzione alle basi di dati Docente Pierangelo

Dettagli

EVENTI, CONVEGNI, ESPOSIZIONI: UN TEAM SPECIALIZZATO

EVENTI, CONVEGNI, ESPOSIZIONI: UN TEAM SPECIALIZZATO ADMORE srl ADEVENTI EVENTI, CONVEGNI, ESPOSIZIONI: UN TEAM SPECIALIZZATO Nella creazione degli eventi, ADmore con i suoi professionisti permette la realizzazione tecnica di: GRAFICA FOTOGRAFIA VIDEO PRODUZIONI

Dettagli

MANUALE TECNICO. produced by. www.safetyoneclick.it

MANUALE TECNICO. produced by. www.safetyoneclick.it MANUALE TECNICO produced by www.safetyoneclick.it Sommario SAFETYCLICK... Introduzione... 2 Effettuare il Login... 3 Menù Principale... 4 Attività... 5 Aziende... 5 Cantieri... 5 Documenti... 6 Operatori...

Dettagli

DBMS. Esempi di database. DataBase. Alcuni esempi di DBMS DBMS. (DataBase Management System)

DBMS. Esempi di database. DataBase. Alcuni esempi di DBMS DBMS. (DataBase Management System) (DataBase Management System) Sistemi di ges3one di basi di da3 Un Database Management System è un sistema software progettato per consentire la creazione e manipolazione efficiente di database (collezioni

Dettagli

Alcune questioni metodologiche e quesiti su ordinamento, conservazione e schedatura di archivi privati in formato digitale.

Alcune questioni metodologiche e quesiti su ordinamento, conservazione e schedatura di archivi privati in formato digitale. Alcune questioni metodologiche e quesiti su ordinamento, conservazione e schedatura di archivi privati in formato digitale. Note preliminari. Innanzitutto va segnalato che è stato fatto un backup con la

Dettagli

CI PRESENTIAMO ALBERTO SACCARDO ANDREA IASCONE. SARA DI MICELI marketing&web GABRIELE TONDI. MICOL MASOTTO marketing&commerciale.

CI PRESENTIAMO ALBERTO SACCARDO ANDREA IASCONE. SARA DI MICELI marketing&web GABRIELE TONDI. MICOL MASOTTO marketing&commerciale. CI PRESENTIAMO ALBERTO SACCARDO ANDREA IASCONE C.E.O. SARA DI MICELI marketing&web sviluppatore GABRIELE TONDI sviluppatore MICOL MASOTTO marketing&commerciale DANIELA D'ALESSANDRO assistenza tecnica MARCO

Dettagli

Banca d Italia INFOSTAT-UIF. Istruzioni per l accesso e le autorizzazioni. Versione 1.1. Pag. 1 di 26

Banca d Italia INFOSTAT-UIF. Istruzioni per l accesso e le autorizzazioni. Versione 1.1. Pag. 1 di 26 INFOSTAT-UIF Istruzioni per l accesso e le autorizzazioni Versione 1.1 Pag. 1 di 26 INDICE 1. Istruzioni operative per l'utilizzo dei servizi INFOSTAT-UIF...3 2. Registrazione al portale INFOSTAT-UIF...4

Dettagli

Introduzione alle basi di dati (prima parte)

Introduzione alle basi di dati (prima parte) Introduzione alle basi di dati (prima parte) Università degli Studi di Salerno Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Informatica generale (matr. Dispari) Docente: Angela Peduto A.A. 2007/2008

Dettagli

Sistemi per la produzione, gestione e conservazione di contenuti digitali CMS. L12 - Comunicazione e archiviazione digitale A.A 2015-2016.

Sistemi per la produzione, gestione e conservazione di contenuti digitali CMS. L12 - Comunicazione e archiviazione digitale A.A 2015-2016. Sistemi per la produzione, gestione e conservazione di contenuti digitali L12 - Comunicazione e archiviazione digitale A.A 2015-2016 Carlo Savoretti carlo.savoretti@unimc.it Produzione Contenuti prodotti

Dettagli

MANUALE UTENTE PER IL TIROCINANTE

MANUALE UTENTE PER IL TIROCINANTE MANUALE UTENTE PER IL TIROCINANTE Sommario Chi fa cosa... 1 INTRODUZIONE... 3 Utilizzo del portale... 4 Catalogo pubblico dei tirocini...4 REGISTRAZIONE AL SISTEMA...6 ACCESSO AL SISTEMA...7 COME CANDIDARSI

Dettagli

Sito internet del Progetto ALPTER Guida all uso

Sito internet del Progetto ALPTER Guida all uso Sito internet del Progetto ALPTER Guida all uso Sito internet del Progetto ALPTER Guida all uso... 1 Introduzione: siti statici e dinamici... 2 Inserimento dei file e dei contenuti nel sito... 4 Rubriche...

Dettagli

Modalità d uso del servizio di Car Pooling

Modalità d uso del servizio di Car Pooling Comune di Occhiobello Modalità d uso del servizio di Car Pooling Il Car Pooling è un servizio che si propone di ridurre il traffico di autovetture delle persone che si spostano all interno del comune o

Dettagli

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows *

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Guida GESTIONE SISTEMI www.novell.com Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft Windows Indice: 2..... Benvenuti

Dettagli

White Paper 1. INTRODUZIONE...2 2. TECNOLOGIE SOFTWARE IMPIEGATE...2 3. APPROCCIO PROGETTUALE...10 3. RISULTATI...10

White Paper 1. INTRODUZIONE...2 2. TECNOLOGIE SOFTWARE IMPIEGATE...2 3. APPROCCIO PROGETTUALE...10 3. RISULTATI...10 Soluzioni software di EDM "Electronic Document Management" Gestione dell archiviazione, indicizzazione, consultazione e modifica dei documenti elettronici. Un approccio innovativo basato su tecnologie

Dettagli