Report ambientale e sociale. IKEA Italia 2006

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Report ambientale e sociale. IKEA Italia 2006"

Transcript

1 Report ambientale e sociale IKEA Italia 2006

2 introduzione pag. 4 1 gruppo IKEA pag. 6 2 IKEA in Italia pag. 9 3 filiera pag trasporti pag. 11 trasporto dei prodotti pag. 11 trasporto dei clienti pag. 13 emissioni pag energia pag. 16 consumi pag. 17 emissioni pag rifiuti pag IKEA per Unicef pag IKEA per i parchi pag food pag formazione ambientale e sociale pag negozi e depositi pag. 34 glossario pag. 62 3

3 Il rapporto ambientale del 2005, relativo alle attività di IKEA Italia e al loro impatto sull ambiente, è stato accolto con grande favore, ottenendo un successo superiore alle aspettative. Perciò quest anno si è deciso di affiancare all aggiornamento del rapporto una sezione dedicata alla responsabilità sociale. Tanto il rapporto ambientale quanto il rapporto sociale sono documenti volontari, in cui vengono presentati gli impegni assunti dalla società in materia di tutela ambientale e sociale. Infatti, IKEA ha da tempo maturato la convinzione che rispettare l ambiente e le esigenze di tutte le persone coinvolte direttamente e non nella vita aziendale, rappresenti un dovere e al contempo un opportunità per migliorare le proprie performance sotto il profilo dell affidabilità e dell efficacia gestionale. introduzione Il rapporto ambientale e sociale 2006 farà riferimento ai 365 giorni compresi tra il 1 settembre 2005 e il 31 agosto 2006, in quanto l anno fiscale IKEA (Fiscal Year, FY) comincia il 1 settembre e finisce il 31 agosto. Dopo una prima parte introduttiva sull identità e la missione IKEA, verranno illustrate l organizzazione della filiera produttiva, le conseguenze delle attività di IKEA Italia Retail e Distribution sull ambiente, e le iniziative locali dei negozi in termini di responsabilità ambientale e sociale; tali iniziative saranno supportate da indicatori che consentano la confrontabilità temporale. I parametri di prestazione e gli indicatori di efficienza ambientale sono quelli utilizzati da IKEA a livello internazionale. Poiché quest anno il rapporto si rivolge a un target più ampio (clienti, collaboratori, fornitori e, in generale, chiunque voglia saperne di più sul mondo IKEA), il lettore troverà a chiusura del testo un glossario. 4 5

4 1 gruppo IKEA IKEA è l acronimo delle iniziali del nome del fondatore, Ingvar Kamprad, della fattoria Elmtaryd e del villaggio Agunnaryd, nello Småland (Svezia), in cui Kamprad è cresciuto. Kamprad aveva solo diciassette anni quando ha registrato il marchio IKEA, nel Ha iniziato la sua carriera di commerciante vendendo penne, articoli natalizi e sementi. Le origini semplici di IKEA hanno quindi conferito un impronta inconfondibile alla sua cultura aziendale, caratterizzata da valori quali il rispetto per il valore del denaro, l impegno costante a migliorare e la volontà di assumersi sempre nuove responsabilità. Nel 1958 viene aperto il primo negozio a Älmhult, in Svezia, e da allora IKEA è cresciuta sempre più, fino a diventare una multinazionale con oltre duecento negozi in tutto il mondo e circa collaboratori. 6 7

5 2 IKEA in Italia Milano Corsico Carugate Brescia Roncadelle Torino Grugliasco Padova L obiettivo di IKEA è creare una vita quotidiana migliore per la maggioranza delle persone e questo viene perseguito sia sul piano commerciale che su quelli ambientale e sociale. Sul piano commerciale, IKEA offre un vasto assortimento di articoli di arredamento, belli e funzionali, a prezzi così vantaggiosi da permettere al maggior numero di persone di acquistarli. Sul fronte ambientale, IKEA è impegnata a ridurre al minimo gli effetti dannosi derivanti dalle attività stesse della filiera. Ciò non significa che si possa azzerare totalmente l impatto sull ambiente, tuttavia la consapevolezza delle problematiche coinvolte, l opera di sensibilizzazione dei propri collaboratori e fornitori, e l impegno costante a migliorare le proprie prestazioni possono limitare l effetto negativo delle attività. In ambito sociale, IKEA si propone di garantire condizioni ottimali di lavoro nel rispetto delle comunità locali e, in generale, dei diritti dell uomo, come stabilito da enti e organismi riconosciuti a livello internazionale. Per raggiungere questi obiettivi a lungo termine, è indispensabile partire da se stessi, dall interno della propria realtà, garantendo a ciascun collaboratore una crescita sia sul piano individuale che su quello professionale. Ufficio Trading Genova Firenze Sesto Fiorentino Roma Anagnina Porta di Roma Deposito di Piacenza Bologna Casalecchio Napoli Afragola Ancona Camerano Bari 8 9

6 3 filiera 4 trasporti Fornitori Acquisti Distribuzione Negozi trasporto dei prodotti Le attività di IKEA in Italia possono essere sintetizzate nello schema soprastante: IKEA acquista i prodotti dai fornitori, li trasporta al deposito centrale di Piacenza (che si compone di un primo deposito, chiamato DC1, aperto nel 1999 e ampliato il 21 novembre 2001; e di un secondo deposito, chiamato DC2, aperto nel 2005 e che verrà ampliato a giugno del 2007); dal deposito, IKEA trasferisce i prodotti sia ai negozi, dove vengono venduti al pubblico, sia agli LSC (Local Service Centre), depositi di supporto alla distribuzione diretta a casa del cliente. Ogni attività prevede una gestione mirata al raggiungimento di obiettivi stabiliti all interno della strategia ambientale e sociale del gruppo IKEA. IKEA Italia Retail è responsabile della gestione, organizzazione e formazione ambientale e sociale dei negozi IKEA in Italia. Tutta la filiera IKEA è accomunata da un attività indispensabile per il suo funzionamento anche se di notevole impatto sull ambiente: il trasporto dei prodotti. La movimentazione dei prodotti in Italia viene gestita da IKEA Distribution South East Europe. Questi trasporti sono completamente affidati a fornitori esterni; in nessun caso IKEA Italia trasporta direttamente i propri prodotti (né dai fornitori al deposito centrale, né tra il deposito centrale e i depositi esteri, né dal deposito centrale ai negozi). Nel FY06, IKEA Italia ha trasportato l 81% dei volumi di merce su strada e il restante 19% in una soluzione combinata di strada e rotaia

7 Tra gli accorgimenti per migliorare le proprie performance, vi è la scelta dei fornitori. Per il trasporto dei prodotti, i fornitori IKEA devono: dotarsi di una politica ambientale; fornire informazioni sulle performance ambientali proprie e degli eventuali subfornitori; stabilire un piano in cui vengano evidenziate le azioni prioritarie; non usare autocarri Euro 0; garantire la formazione per una guida più efficiente a una percentuale del personale; garantire la formazione ambientale a una percentuale del management; usare il carburante con il minor contenuto di zolfo; calcolare le emissioni prodotte dai propri autocarri e comunicarle a IKEA su base periodica. trasporto dei clienti Alle emissioni in atmosfera generate dagli autocarri per il trasporto delle merci dai fornitori ai depositi IKEA e da questi ai negozi distribuiti sul territorio, si aggiungono quelle prodotte dalle auto dei nostri clienti e collaboratori, che si muovono da e per i punti vendita. Ogni anno milioni di clienti raggiungono i nostri punti vendita utilizzando l auto privata. Siamo quindi consapevoli dell importanza degli impatti causati da tale trasporto, ma ancora non disponiamo di dati sufficientemente precisi, a causa delle variabili che ne condizionano la stima (la situazione climatica e di traffico, il parco auto dei clienti IKEA, la condivisione degli impatti con altri soggetti commerciali, ecc ). Al fine di minimizzare tali emissioni, da alcuni anni IKEA ha definito degli obiettivi da raggiungere sul lungo periodo: - tutti i negozi, laddove possibile, dovranno essere serviti da un buon servizio di trasporto pubblico prevedendo una fermata a una distanza massima 12 13

8 Emissioni totali in tonnellate CO 2 - anidride carbonica CO - monossido di carbonio 54 NO X - ossidi di azoto e relative miscele 286 PM - particolati 28 FY 2005 FY 2006 emissioni di 150 metri dall uscita del negozio e almeno una corsa all ora, compresi i fine settimana; - i negozi dovranno promuovere, in tutte le forme che ritengano necessarie ed efficaci, l uso dei mezzi pubblici e porre obiettivi percentuali sull uso dei mezzi pubblici da parte dei visitatori, misurando periodicamente l efficacia delle iniziative intraprese. A tal proposito, sono stati avanzati progetti per una mobilità sostenibile che in alcuni Comuni si sono concretizzati grazie al supporto delle autorità e delle società di trasporto locali. Relativamente alle emissioni in atmosfera generate dai trasporti, i dati sono riferiti agli autocarri che hanno trasportato i prodotti dai fornitori al deposito di Piacenza, e dal deposito di Piacenza, fino ai negozi e agli LSC (i depositi intermedi); inoltre, comprendono le emissioni generate dai trasporti tra Piacenza e i depositi internazionali (sebbene non si siano prodotte sul territorio italiano). Si è registrato un aumento del 42% del trasport work (gm 3 km= volume lordo trasportato per chilometri percorsi); infatti, a fronte di un aumento delle vendite, si è trasportato un maggior quantitativo di merce

9 Energia consumata (GWh) negozi e depositi. 5 energia 12,6 24,9 66, ,8 39, riscaldamento energia elettrica consumi Una realtà in espansione come IKEA ha deciso di affrontare la questione energetica come un opportunità, sia economica sia ambientale. L impegno a minimizzare l impatto delle attività produttive sull ambiente si traduce nel ricorso a fonti rinnovabili e nella riduzione dei consumi di elettricità e riscaldamento. Infatti questi ultimi, insieme al traffico, sono tra le principali cause dell inquinamento. Così, nel computo totale delle emissioni in atmosfera, si tiene conto di quelle derivanti dai trasporti, di quelle dovute al riscaldamento, alimentato esclusivamente a metano, dei negozi e del deposito; e, indirettamente, di quelle originate dalla produzione dell energia consumata quotidianamente dalle nostre strutture. Nel FY06, il consumo totale di energia di IKEA Italia è stato pari a: negozi MWh energia elettrica, m 3 metano deposito centrale (DC1) MWh energia elettrica, m 3 metano (DC2) MWh energia elettrica, m 3 metano

10 Consumo energia / volume venduto (kwh / m 3 ). Emissioni CO 2 in tonnellate (da energia elettrica e riscaldamento). % Consumo di energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili. 95, Nel 2006 si è registrato un aumento dei consumi di energia che è da collegare all apertura di nuovi negozi, di alcuni depositi esterni e del DC2. Il consumo totale di energia in cifre assolute è aumentato da 50,30 GWh del 2004 a 60,40 GWh del 2005, a 91,50 GWh del Nel 2006, il rapporto tra i consumi di energia dei soli negozi e i metri cubi di merce venduta è stato pari a 80 kwh/m 3 rispetto a 63 kwh/m 3 del 2005 e a 71 kwh/m 3 del emissioni Per la produzione dell energia elettrica utilizzata nelle strutture IKEA e il loro riscaldamento, nel 2006 sono state emesse tonnellate di CO 2 (in diminuzione rispetto al 2004 e al 2005 perché è aumentato il consumo di energia elettrica da fonti rinnovabili). Le emissioni di CO 2 nel FY06 sono state pari a: negozi kg (elettricità), kg (riscaldamento) deposito centrale (DC1) 0 kg (elettricità), kg (riscaldamento) (DC2) 0 kg (elettricità), ,2 kg (riscaldamento). Nel 2006 la quota di energia rinnovabile acquistata da IKEA Italia è ulteriormente aumentata rispetto agli anni precedenti, grazie all estensione a tutti i negozi del contratto col fornitore idroelettrico (Consorzio Idroenergia): siamo, infatti, giunti al 95,3% rispetto al 65% del 2005 e al 67% del Oltre alla fornitura di energia verde, già da alcuni anni IKEA Italia ha intrapreso iniziative per autoprodursi una certa quota di energia da fonti rinnovabili. Il negozio di Bologna, ad esempio, è dotato di alcuni pannelli solari termici per il riscaldamento dell acqua calda, mentre il negozio di Firenze ha effettuato un test utilizzando pannelli fotovoltaici. Il nuovo negozio di Corsico potrà vantare, oltre ai pannelli solari per la produzione di acqua calda, un sofisticato impianto di geoscambio per il riscaldamento del negozio in inverno e il raffreddamento in estate. Questi sono alcuni passi verso un obiettivo ben più ambizioso che il gruppo IKEA ha deciso di darsi per i prossimi anni con il progetto IKEA Goes Renewable: 100% dell energia proveniente da fonti rinnovabili e riduzione dei consumi del 25% rispetto al

11 Produzione e destinazione rifiuti negozi e depositi (tonnellate). Rifiuti (kg) / vendite (m 3 ) riutilizzo, riciclo, recupero energetico discarica 6 rifiuti L impatto più visibile e diretto sull ambiente, tra quelli generati da IKEA, è senz altro la produzione dei rifiuti, principalmente rifiuti da imballaggio. L aumento del numero di negozi in Italia e l ampliamento del deposito centrale hanno causato negli ultimi anni un sensibile aumento della quantità di rifiuti prodotta, calcolata in termini assoluti: da tonnellate nel 2004 a tonnellate nel 2005, a tonnellate nel 2006, con un incremento percentuale tra il 2005 e il 2006 del 32,1%. Più contenuta, invece, è stata la crescita se rapportata ai metri cubi di merce venduta: 18 kg di rifiuti per metri cubi di merce venduta nel 2004, 16 kg/m 3 nel 2005 e 19 kg/m 3 nel 2006, con un aumento percentuale tra il 2005 e il 2006 del 18,7%. Nel 2006, l 85% dei rifiuti prodotti è stato riutilizzato, riciclato o inviato a recupero energetico; questo risultato è stato ottenuto grazie alla raccolta differenziata effettuata all interno dei negozi stessi (dove in media è stato differenziato il 50% dei rifiuti prodotti) e in parte attraverso la cernita effettuata presso le stazioni di selezione gestite da aziende terze. Per motivi fiscali, la merce danneggiata va mandata alle aziende che smaltiscono i rifiuti senza poter essere differenziata, e questo non fa che diminuire la percentuale di rifiuti già differenziati che esce dai negozi

12 Percentuale di Recovery Index Categorie oggetto di raccolta differenziata all interno dei negozi nel 2006: totale tonnellate. Tuttavia, i negozi IKEA riparano i prodotti danneggiati durante il trasporto e la movimentazione, e li rimettono in vendita o come pezzi di ricambio o nell Angolo Occasioni; tale capacità di recupero viene quantificata dal Recovery Index che è stato pari al 58% nel FY06 e nel FY04, e al 62% nel FY carta e cartone legno metallo plastica vetro cibo e materiale organico rifiuti pericolosi e altro altri rifiuti (es. cartucce, toner, olii) 22 23

13 7 IKEA per UNICEF Per contribuire alla realizzazione di importanti progetti sociali, IKEA ha dedicato il 2006 a UNICEF, che festeggiava i 60 anni di attività. Individuati tre temi di grande rilevanza per l infanzia nel mondo il diritto alla salute, il diritto alla scuola e il diritto al gioco IKEA ha deciso di dedicare due mesi a ciascun tema: marzo e aprile al diritto alla salute, agosto e settembre al diritto alla scuola, e novembre e dicembre al diritto al gioco. In store, i clienti hanno trovato la comunicazione (streamer, tovaglietta ristorante, ecc ) insieme ai classici espositori UNICEF bianchi e blu, con diversi prodotti in vendita: un libro di cucina per bambini, un quaderno profumato, un DVD e molto altro. Volontari UNICEF hanno offerto ai nostri clienti la possibilità di regalare ad amici e parenti, invece delle bomboniere tradizionali, un gesto di solidarietà. A testimonianza della donazione, i clienti hanno ricevuto pergamene personalizzate e sacchettini portaconfetti con cartoncino. Nei primi due periodi (marzo-aprile e agosto-settembre) dell iniziativa IKEA per i 60 anni di UNICEF, abbiamo venduto più di euro di prodotti a marchio UNICEF, e abbiamo raccolto altri euro con il menù bimbi, raddoppiando il prezzo per il cliente (da 1 a 2 euro) allo scopo di donare 1 euro a UNICEF. Tutto questo è proseguito nei mesi di novembre e dicembre, cui si è aggiunta l iniziativa dei peluche: dal 18 novembre al 23 dicembre IKEA ha donato a UNICEF 1 euro per ogni peluche venduto, indipendentemente dal prezzo. Il totale degli euro donati è stato di , di cui provenienti dalla vendita dei peluche; dalla vendita di prodotti UNICEF; dai menù bimbi. I soldi raccolti nel corso dell anno sono stati destinati alle vaccinazioni per milioni di bambini congolesi; e alla costruzione di una scuola e di spazi di intrattenimento in Kyrgyzstan

14 8 IKEA per i parchi Ogni anno IKEA offre ai clienti la possibilità di riportare, una volta concluse le festività, gli alberi di Natale vivi acquistati presso i propri negozi e di ricevere un buono acquisto di valore pari al costo dell albero. Fino al 2003, una parte degli alberi restituiti, quelli in buona salute, venivano inviati a Bordano, in provincia di Udine, dove venivano ripiantati all interno di un parco pubblico. Gli alberi non idonei alla ripiantumazione venivano inviati al recupero tramite produzione di compost, un fertilizzante naturale usato in agricoltura. Il progetto ha avuto un ottimo successo, anche se la percentuale di alberi in grado di sopravvivere si è rivelata col tempo piuttosto bassa, a causa dello stress subito dalle piante durante il loro ciclo di vita e delle condizioni climatiche sfavorevoli, soprattutto la siccità degli ultimi anni. Per questa ragione, dal Natale del 2004 abbiamo deciso di cambiare strada. Volevamo mantenere il nostro impegno a favore dei boschi e delle foreste, ma attraverso il supporto di esperti nel campo della gestione forestale. Abbiamo così lanciato il progetto Mettiamo radici insieme nell ambito del quale tutti gli alberi restituiti dai nostri clienti vengono trasformati in compost, a prescindere dal loro stato di conservazione. Per ciascun albero restituito dai clienti, IKEA si impegna a donare 3 che servono a finanziare attività di recupero di aree danneggiate da incendio all interno di Parchi Regionali italiani

15 9 food Quest anno abbiamo deciso di supportare un progetto all interno della Riserva Naturale Regionale Lago Falciano in provincia di Caserta. Nel 2004 abbiamo collaborato col Parco Regionale dei Colli Euganei, in provincia di Padova. Nel 2005 è iniziata la collaborazione col Parco Regionale di Veio, in provincia di Roma, con l intento di rimboschire delle aree percorse da incendi e degradate nelle vicinanze della capitale

16 Nell ambito dei prodotti alimentari, IKEA acquista già alcuni prodotti biologici e l obiettivo è quello di servire e vendere solo prodotti biologici. Un prodotto è biologico se rispetta lo standard internazionale Organic (BIO) che comprende : - nessun utilizzo di pesticidi e fertilizzanti artificiali; - zootecnia naturale; - nessun utilizzo di OGM (Organismi Geneticamente Modificati); - regolamentazione delle condizioni di lavoro degli agricoltori. Come nel caso dei trasporti, anche per i fornitori di prodotti alimentari IKEA adotta criteri di selezione ben definiti: - rispettare la conformità legislativa internazionale e nazionale in materia di produzione e somministrazione degli alimenti; - limitare al massimo il trasporto di animali vivi (per evitare stress, disidratazione e sofferenza); - non utilizzare ormoni o antibiotici per favorire la crescita; - non utilizzare carni o farine animali nei mangimi (per ridurre i rischi per la salute umana); - garantire un ambiente più naturale possibile per allevare i pesci; - coltivare i prodotti agricoli nel rispetto dell ambiente; - evitare l utilizzo di OGM secondo il Principio di precauzione. A garanzia della sicurezza negli alimenti, IKEA ha redatto un Piano e un Manuale di autocontrollo insieme a Conal (società cooperativa di consulenza, analisi e progettazione in ambito alimentare, agricolo e ambientale), che effettua le ispezioni direttamente nei negozi. Le oltre 450 analisi microbiologiche e chimiche hanno portato a risultati positivi, supportati dagli esiti, anch essi positivi, sullo stato di pulizia delle superfici e delle attrezzature. A oggi, IKEA offre nei ristoranti e nei bar diversi prodotti biologici: patatine fritte, pasta al pomodoro, bocconcini di vitello, focaccia con stracchino e spinaci, latte e, saltuariamente, ricotta, plum-cake e polpa di frutta; e poi yogurt, succhi di frutta e crostatine. Nella Bottega Svedese sono in vendita marmellata di arance, confettura di fragole e formaggio. Inoltre, IKEA aderisce indirettamente ad alcune iniziative volte al miglioramento generale delle condizioni di vita delle comunità locali. Ad esempio, in alcuni negozi è partito un test sull offerta di una miscela di caffè equosolidale

17 Numero di collaboratori che hanno ricevuto una formazione ambientale e sociale. 10 formazione ambientale e sociale Da sempre IKEA offre ai propri collaboratori la possibilità di crescere sia sul piano individuale, sia su quello professionale. Questo avviene anche attraverso il coinvolgimento e la responsabilizzazione di ciascuno, a tutti i livelli. La formazione è uno degli strumenti per aumentare la sensibilizzazione sulle tematiche sociali e ambientali, e per fornire alle persone gli strumenti necessari per contribuire attivamente al conseguimento degli obiettivi. Nel FY06, i collaboratori che hanno ricevuto la formazione ambientale e sociale sono stati 1.148, che si sommano ai del FY05 e agli 834 del FY04. Si tratta di un risultato importante, se si pensa che, in totale, negli ultimi tre anni abbiamo erogato la formazione a circa il 67% dei nostri co-worker. In base alla strategia ambientale di IKEA, esistono tre livelli di formazione: un primo livello destinato ai neo-assunti, che ha lo scopo di informare i nuovi colleghi delle priorità ambientali e delle principali routine interne ai negozi per il rispetto dell ambiente. Un secondo livello esteso a tutto il personale, che prevede l approfondimento delle singole tematiche, l insegnamento di alcune routine e lo scambio di idee tra i partecipanti. E infine un terzo livello, per il management, che ha l obiettivo di stimolare il confronto su problematiche specifiche e creare una base di conoscenza che possa essere poi diffusa all interno dei singoli reparti

18 11 negozi e depositi A livello mondiale, l impegno costante di IKEA a migliorare le condizioni di lavoro per i collaboratori dei Paesi in via di sviluppo e a salvaguardare l ambiente riducendo il più possibile l impatto delle proprie attività, ha visto nascere numerose iniziative in collaborazione con organizzazioni quali Greenpeace, WWF, Unicef, Save the Children, OMS; ma anche a livello nazionale non sono mancate né mancano iniziative in campo sociale e ambientale, e vengono portate avanti dai negozi e dai depositi. All interno di ciascun negozio, infatti, si sono costituiti veri e propri team di lavoro: per la parte sociale, il GRL (Gruppo di Responsabilità Locale) si occupa di destinare ai vari progetti i fondi disponibili, valutando anche proposte di associazioni esterne a IKEA; per la parte ambientale, il Coordinatore Ambientale Nazionale coordina i RAN (Responsabili Ambientali di Negozio) e ciascuno di loro è a sua volta responsabile della gestione delle attività e dei progetti di uno/due negozi. I progetti sociali sono concentrati in modo prioritario sui diritti dei bambini, sulla prevenzione del lavoro minorile e sui nuclei famigliari, e si traducono in iniziative a favore di bambini in situazioni di sofferenza o indigenza con un supporto non solo estetico o culturale (offerta di mobili o messa a disposizione di spazi arredati), ma anche primario (mensa, indumenti, posti letto, primi aiuti medici). I progetti ambientali si focalizzano su grandi temi quali la mobilità, l energia e la salvaguardia della natura: le iniziative sulla mobilità sostenibile prevedono collaborazioni con le aziende di trasporto locali e con le società di Car Sharing; per l energia, si punta alla diffusione della cultura sul risparmio energetico e alla vendita di lampade a basso consumo; e, infine, per salvaguardare le aree verdi, sono nate importanti collaborazioni con parchi nazionali

19 AMBIENTE SOCIALE Data di apertura 13 maggio 1992 In occasione della ristrutturazione di IKEA Corsico, che ha visto una drastica riduzione dei parcheggi, è stata condotta una survey sulla mobilità dei cinquecento co-worker. Le 258 risposte (51,6%) hanno mostrato che il mezzo più utilizzato è l automobile (89,9%), seguita da IKEA shuttle bus e mezzi pubblici (9,3%), scooter (7,8%) e bicicletta/a piedi (6,6%). La distanza percorsa è entro 5 km (63%), tra i 5 e i 10 km (4%) e superiore a 10 km (33%). La distanza e il comfort di viaggiare con la propria auto sono i motivi principali del rifiuto a cambiare mezzo di trasporto (58%). Tuttavia, si registra una buona disponibilità (36%) a non utilizzare la macchina con la possibilità di sostituirla con lo scooter (47%), mezzi pubblici (22%), shuttle bus (18%), bicicletta (14%) e altro (a piedi, taxi 26%). IKEA offre incentivi a favore dell acquisto di mezzi di trasporto più ecocompatibili, alternativi all automobile. Per esempio: lo Scooter Ludix 50 biposto ha un prezzo di listino di 1.279, mentre per IKEA il prezzo è di e per i co-worker di 837; le biciclette Rosignoli vanno da un prezzo per IKEA di 110 (per uomo)/100 (per donna), a uno per i co-worker di 60 (per uomo)/50 (per donna). A sinistra: lo scooter Ludix e le biciclette Rosignoli. La cooperativa sociale di solidarietà COMIN (www. coopcomin.org) garantisce sostegno a minori appartenenti a nuclei famigliari in difficoltà. A Milano il Centro Diurno offre uno spazio ospitale per famiglie segnalate dai servizi sociali. IKEA Corsico (insieme a IKEA Carugate) collabora all arredamento di due appartamenti attigui, suddivisi per funzione. Nel primo, è stata creata la casa simulata con grande tavolo da pranzo e aree per i piccoli, una stanza morbida con cuscini, pouf e tappeti, e una più creativa dove poter giocare. Al centro, un ufficio per gli operatori che assomigli allo studio di casa, ovvero aperto alla casa. Nel secondo, è stata pensata una struttura di appoggio ai genitori e ai ragazzi più grandi, con due sale per incontri informali e un ufficio per gli operatori. All ingresso, una cucina con angolo relax e al centro un grande tavolo da pranzo. Indicatori (2006) Rifiuti (kg/m 3 ) 21 Energia (kwh/m 2 ) 287 Acqua (lt/visit.) 7 Milano Corsico Sopra dal alto: il Comin com è ora e com era prima

20 AMBIENTE SOCIALE Data di apertura 21 ottobre 1998 Milano Corsico La volontà di promuovere e incentivare forme di mobilità sostenibile ha spinto IKEA a una partnership con Milano Car Sharing (MCS, servizio di auto in condivisione, promosso da Legambiente. Esperienze e conoscenze diverse si incontrano con lo stesso obiettivo: salvaguardare l ambiente. L iniziativa è rivolta ai dipendenti e ai clienti IKEA. Nel primo caso, il parco auto aziendale è costituito interamente o in parte da veicoli ecologici (FIAT Multipla bipower). Nel secondo caso, i clienti possono usufruire dei veicoli messi a disposizione nei parcheggi convenzionati con MCS. L accesso al servizio è subordinato alla sottoscrizione di una carta mobilità che può essere rilasciata da IKEA o da MCS. La condizione necessaria è l effettivo impiego delle macchine per una visita a uno dei negozi milanesi, testimoniata da una copia dello scontrino fiscale. Il servizio è conveniente, perché si paga l auto solo per il suo effettivo utilizzo; comodo, perché si può usare una monovolume con sedili ribassabili; ecologico, perché le auto sono alimentate a metano. A sinistra: la comunicazione informativa ed esempi di auto bipower messe a disposizione da Milano Car Sharing. La cooperativa sociale Tuttinsieme opera dal 1992 a Milano, nell ambito dell area materna-infantile. La cooperativa privilegia il sostegno a minori appartenenti a nuclei familiari in difficoltà, in un ottica di prevenzione e integrazione sociale. I bambini vengono assistiti nei compiti scolastici e coinvolti in attività ludiche. Vengono inoltre forniti supporti alla famiglia attraverso incontri, con la possibilità di pernottamento del minore in compagnia di un educatore. Nell ambito territoriale in cui è radicata, la cooperativa ricerca e mantiene la collaborazione con i servizi presenti in zona, al fine di creare una rete di supporto significativa intorno alle situazioni segnalate dai servizi sociali e che versano in uno stato di particolare disagio. IKEA Carugate (insieme a IKEA Corsico) interviene nell arredo di un appartamento che si affaccia su un vecchio cortile ristrutturato. L appartamento è composto da due grandi locali con angolo cottura e due bagni. Nel primo locale, il progetto prevede un angolo cottura completamente attrezzato di lavastoviglie e forno, una grande zona pranzo e, lungo il perimetro, tre postazioni scrivania. Il secondo locale è destinato a diventare area relax e zona lavoro con scrivania e libreria. Indicatori (2006) Rifiuti (kg/m 3 ) 21 Energia (kwh/m 2 ) 335 Acqua (lt/visit.) 7 Milano Carugate Sopra dall alto: il cortile della cooperativa Tuttinsieme e uno dei locali ristrutturati

21 AMBIENTE SOCIALE Data di apertura 3 maggio 2005 Milano Carugate Brescia Trasporti ha prolungato la Linea LAM 2 in direzione IKEA Roncadelle, tutte le domeniche e otto giornate festive dal 17 settembre 2006 al 9 settembre 2007, dalle 10 alle 20. La linea collega la periferia nord alla periferia sud di Brescia, passando per i punti chiave del centro città e incrociando quasi tutte le linee di trasporto dell area urbana ed extraurbana, le linee ferroviarie in stazione e i parcheggi Salgari e Volturno. Vera alternativa all auto privata, la linea LAM contribuisce a valorizzare le zone periferiche attraverso un efficace ed efficiente collegamento con il centro città. Brescia Trasporti propone di impiegare il corrispettivo dovuto da IKEA nell acquisto di spazi pubblicitari e in biglietti da rivendere o da utilizzare per offerte promozionali. IKEA si impegna a garantire la puntualità del mezzo gestendo il traffico nelle proprie aree e dando, per quanto possibile, priorità agli autobus. Infine, è previsto l allestimento di due pensiline (stazione e ospedali civili) durante la settimana europea della mobilità (iniziativa che promuove un nuovo approccio agli spostamenti dalla propria abitazione alla scuola o al luogo di lavoro, incoraggiando modi di trasporto alternativi quali la bicicletta, i trasporti pubblici, il Car Pooling). A sinistra: i biglietti per l autobus e la pensilina dove aspettare la LAM 2. Sopra, dall alto: la scuola E. Montale vista dall esterno, un aula scolastica com era prima e com é ora. Con l apertura del nuovo negozio di Roncadelle (maggio 2005) IKEA ha sposato le esigenze dei nuovi vicini di casa, in particolare quelle del corpo docente della Scuola Elementare E. Montale del quartiere Violino. Il progetto di IKEA consiste nella realizzazione di decorazioni e arredi degli interni della scuola, basandosi su elementi simbolici archetipici ricorrenti nel mondo immaginario dei bambini: il bosco, il giardino, la tana. Pedagogia e architettura si incontrano per diventare progetto di ricerca e realizzazione di un ambiente empatico. La dimensione estetica diventa qualità dello spazio scolastico e educativo. Indicatori (2006) Rifiuti (kg/m 3 ) 17 Energia (kwh/m 2 ) 295 Acqua (lt/visit.) 6 Brescia Roncadelle 40 41

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

San Lazzaro per l ambiente. Compraverde - Buy Green 6/7 ottobre 2011

San Lazzaro per l ambiente. Compraverde - Buy Green 6/7 ottobre 2011 San Lazzaro per l ambiente Compraverde - Buy Green 6/7 ottobre 2011 un nuovo servizio di raccolta differenziata lo smaltimento degli oli alimentari esausti per la salvaguardia dell ambiente LISCIO COME

Dettagli

PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile

PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Nave San Rocco Provincia autonoma di Trento Via 4 vembre, 44 38010 NAVE SAN ROCCO 0461/870641 0461/870588 www.comune.navesanrocco.tn.it sindaco@comune.navesanrocco.tn.it F853-4139 - 24/08/2015-6.9

Dettagli

Comune di Vallarsa frazione Raossi, 13 38060 Vallarsa (TN) tel. 0464 860860 fax. 0464 869147 comune@comune.vallarsa.tn.it

Comune di Vallarsa frazione Raossi, 13 38060 Vallarsa (TN) tel. 0464 860860 fax. 0464 869147 comune@comune.vallarsa.tn.it Comune di Vallarsa frazione Raossi, 13 38060 Vallarsa (TN) tel. 0464 860860 fax. 0464 869147 comune@comune.vallarsa.tn.it Vallarsa, lì 10 dicembre 2013 Oggetto: questionario relativo ai consumi energetici

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Scheda tecnica MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Redazione a cura di Contesto Oramai in molte realtà urbane è diventato difficoltoso riuscire a percorrere il tragitto che separa la

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2013. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2013. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2013 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VAUDAGNA Marco Amministrazione

Dettagli

se vuoi nutrirti bene non puoi digerire tutto

se vuoi nutrirti bene non puoi digerire tutto se vuoi nutrirti bene non puoi digerire tutto siamo quello che mangiamo STAGIONALE E LOCALE: LA DIETA GIUSTA La tua salute dipende in gran parte dalla tua alimentazione. Mangia un po di tutto con moderazione,

Dettagli

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT 1 Piano d Azione per l Energia Sostenibile Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT Mobility Managment La Commissione mondiale sull ambiente e lo sviluppo (Rapporto Brundtland, 1987), ha definito lo sviluppo

Dettagli

cosa sifa... a livello comunitario PARTE III È ora di cambiare aria 13

cosa sifa... a livello comunitario PARTE III È ora di cambiare aria 13 PARTE III È ora di cambiare aria 13 cosa sifa... a livello comunitario L Unione Europea combatte l inquinamento atmosferico in aumento fissando obiettivi per ridurre le emissioni di agenti inquinanti,

Dettagli

COMUNE DI AGNONE (IS)

COMUNE DI AGNONE (IS) COMUNE DI AGNONE (IS) CARATTERISTICHE EDIFICIO 1. Quanti sono i piani fuori terra dell edificio in cui vive? 2. Sono presenti piani interrati (cantine, garage, magazzini, ecc.)? SI NO 3. Qual è l altezza

Dettagli

IMPRESE E SVILUPPO SOSTENIBILE:QUALE RUOLO PER LE AUTONOMIE LOCALI?

IMPRESE E SVILUPPO SOSTENIBILE:QUALE RUOLO PER LE AUTONOMIE LOCALI? COMUNE DI REGGIO EMILIA Assessorato Ambiente e Città Sostenibile Assessorato gli Affari Istituzionali Assessorato Decentramento e Partecipazione IMPRESE E SVILUPPO SOSTENIBILE:QUALE RUOLO PER LE AUTONOMIE

Dettagli

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013 Gentile famiglia Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Il Comune di Brivio ha sottoscritto il Patto dei Sindaci, iniziativa Europea nata

Dettagli

Il progetto LAYMAN S REPORT PROGETTO COFINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA LIFE09 ENV/IT/000063 I.MO.S.M.I.D.

Il progetto LAYMAN S REPORT PROGETTO COFINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA LIFE09 ENV/IT/000063 I.MO.S.M.I.D. Il progetto I.MO.S.M.I.D. LAYMAN S REPORT PROGETTO COFINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA LIFE09 ENV/IT/000063 I.MO.S.M.I.D. INDICE 1. Il progetto I.MO.S.M.I.D. 3 2. Un nuovo modello di governance della mobilità

Dettagli

E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni europei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria.

E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni europei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria. COS E IL PATTO DEI SINDACI? E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni pei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria. La ratifica del Patto impegna i Comuni a: Ridurre

Dettagli

COMUNE DI CASTROFILIPPO PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE QUESTIONARIO PER I CITTADINI

COMUNE DI CASTROFILIPPO PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE QUESTIONARIO PER I CITTADINI PIA DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Numero componenti famiglia : Dimensioni dell abitazione: metri quadrati calpestabili _ An o epoca di costruzione dell edificio: _ An di eventuali ristrutturazioni:

Dettagli

Il nostro Mondo. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. Una scoperta!

Il nostro Mondo. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. Una scoperta! Il nostro Mondo COMPLETA UNA DELLE ATTIVITÀ PROPOSTE IN QUESTO CAPITOLO CON LA TUA CLASSE O IL TUO GRUPPO. PRESENTA I TUOI RISULTATI A SCUOLA, AL TUO GRUPPO, AI TUOI AMICI E VICINI. Una scoperta! Chiedi

Dettagli

dove il riciclo e ricchezza

dove il riciclo e ricchezza dove il riciclo e ricchezza Sostenibilita e Sviluppo PERCHÉ Al giorno d oggi diventa necessario orientarsi verso uno sviluppo sostenibile, ossia quella forma di progresso che soddisfa i bisogni delle generazioni

Dettagli

IL MOBILITY MANAGEMENT

IL MOBILITY MANAGEMENT IL MOBILITY MANAGEMENT L. BERTUCCIO, E. CAFARELLI Euromobility Associazione Mobility Manager Dei 24 capoluoghi di provincia con un numero di abitanti superiore a 150.000 unità non tutti hanno fornito l

Dettagli

BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ ANNO 2013 CLIENTI AMBIENTE COMUNITÀ

BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ ANNO 2013 CLIENTI AMBIENTE COMUNITÀ BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ ANNO 2013 Collaboratori AMBIENTE CLIENTI COMUNITÀ indicatori di sintesi 2013 COLLABORATORI - INDICATORI DI SINTESI 2013 Δ 2013/2012 Profilo Collaboratori (n.) 9.266-2,3% Contratti

Dettagli

SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO

SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO COMUNE DI DERUTA SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO ANALISI ECONOMICHE DEI SERVIZI REPORT PARZIALE ANNO 2013 CONFRONTO CON ANNI 2010-2011-2012 Servizi monitorati: Igiene urbana Asilo nido 1 COMUNE

Dettagli

RACCOLTA DIFFERENZIATA. Quanto si recupera. Percentuale di rifiuti differenziati sul totale dei rifiuti prodotti

RACCOLTA DIFFERENZIATA. Quanto si recupera. Percentuale di rifiuti differenziati sul totale dei rifiuti prodotti Pubblicati oggi i risultati della ricerca Ecosistema Urbano, promossa da Legambiente e Ambiente Italia, che ha indagato sulle diverse situazioni ambientali nelle città: trasporto pubblico, verde, riciclo,

Dettagli

STRATEGIE DI COLLABORAZIONE TRA PROFIT E NON PROFIT. La Responsabilita' Sociale di Impresa e il mondo del volontariato

STRATEGIE DI COLLABORAZIONE TRA PROFIT E NON PROFIT. La Responsabilita' Sociale di Impresa e il mondo del volontariato STRATEGIE DI COLLABORAZIONE TRA PROFIT E NON PROFIT La Responsabilita' Sociale di Impresa e il mondo del volontariato Tanti buoni motivi per scegliere il non profit - Soddisfare il consumo critico: - l'82%

Dettagli

Rapporto Ecosistema Urbano Europa sullo sviluppo sostenibile in 32 principali città europee. Criticità e buone pratiche

Rapporto Ecosistema Urbano Europa sullo sviluppo sostenibile in 32 principali città europee. Criticità e buone pratiche Rapporto Ecosistema Urbano Europa sullo sviluppo sostenibile in 32 principali città europee. Criticità e buone pratiche Il 1 febbraio 2008, Dexia e l istituto di ricerche Ambiente Italia hanno presentato

Dettagli

La mission. Creare una vita quotidiana migliore per la maggioranza della gente

La mission. Creare una vita quotidiana migliore per la maggioranza della gente La mission Creare una vita quotidiana migliore per la maggioranza della gente L idea commerciale Offrire un vasto assortimento d articoli d arredamento funzionali e di buon design a prezzi così vantaggiosi

Dettagli

Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale

Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale A. PARTE DESCRITTIVA Si richiede la conferma / aggiornamento dei dati riportati nelle analoghe caselle della scheda di

Dettagli

Il Regno delle Favole e La Corte dei Burattini S.r.l.

Il Regno delle Favole e La Corte dei Burattini S.r.l. Il Regno delle Favole e La Corte dei Burattini S.r.l. PROPONE una convenzione per i Vostri dipendenti Pagina 1 di 7 1. Descrizione dell Azienda Il Regno delle Favole e la corte dei burattini S.r.l nasce

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

ANALISI PSCL EXECUTIVE SUMMARY

ANALISI PSCL EXECUTIVE SUMMARY ANALISI PSCL EXECUTIVE SUMMARY Sedi di C.so Marche, Caselle Nord, Caselle Sud Torino, Dicembre 2008 MVRS_ALENIA_174_08 AGENDA OBIETTIVI AZIONI QUESTIONARIO PSCL ANALISI DEGLI SPOSTAMENTI: QUADRO GENERALE

Dettagli

LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA

LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DECRETO 27 MARZO 1998 A seguito dell emanazione del Decreto 27 marzo 1998 del Ministero dell Ambiente, l Università

Dettagli

IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. Stili di vita, consumi e mobilità urbana. 1 sessione del Tavolo di lavoro

IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. Stili di vita, consumi e mobilità urbana. 1 sessione del Tavolo di lavoro IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Stili di vita, consumi e mobilità urbana 1 sessione del Tavolo di lavoro COS È IL PAES Impegno volontario e unilaterale per contribuire al superamento degli

Dettagli

SCHEDA FESTA. Il sottoscritto in qualità di legale rappresentante dell Ente/Proloco/Associazione con sede in via n. C.A.P. codice fiscale p.

SCHEDA FESTA. Il sottoscritto in qualità di legale rappresentante dell Ente/Proloco/Associazione con sede in via n. C.A.P. codice fiscale p. SCHEDA FESTA Il sottoscritto in qualità di legale rappresentante dell Ente/Proloco/Associazione con sede in via n. C.A.P. codice fiscale p. IVA riguardo la seguente iniziativa organizzata sul territorio

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT. Piacenza, 7 luglio 2008. Servizio Trasporti e Attività Produttive

MOBILITY MANAGEMENT. Piacenza, 7 luglio 2008. Servizio Trasporti e Attività Produttive MOBILITY MANAGEMENT Piacenza, 7 luglio 2008 Decreto Ronchi Decreto Ronchi del 27 marzo 1998 sulla "Mobilità sostenibile nelle aree urbane" Tutte le Aziende e gli Enti Pubblici con più di 300 dipendenti

Dettagli

Arizona Sustainable Beach

Arizona Sustainable Beach Arizona Sustainable Beach. Bagno Arizona S.r.l. Responsabili di Progetto: Paolo Maggiorelli Giacomo Maggiorelli Intro Due fratelli, Paolo e Giacomo, hanno pensato e creato L Arizona Sustanible Beach grazie

Dettagli

Consegne in bicicletta a Milano

Consegne in bicicletta a Milano Consegne in bicicletta a Milano lunedì, 23 febbraio 2009 in: Auto e trasporti a cura di lumachina Consegnare pacchi fino a 10 kg, a Milano, spostandosi in bicicletta. L idea e venuta ai 4 soci della Urban

Dettagli

svitati eco-appunti per l ambiente Progetto didattico promosso da

svitati eco-appunti per l ambiente Progetto didattico promosso da anno scolastico 2014/2015 svitati per l ambiente eco-appunti per i ragazzi Progetto didattico promosso da COSA DEVI SAPERE PRIMA DI INIZIARE! Questi ECO-APPUNTI sono stati realizzati affinché tu possa

Dettagli

Torino, polveri bagnate PM10 oltre la norma 1 giorno su 3. La pioggia aiuta il cielo di Torino

Torino, polveri bagnate PM10 oltre la norma 1 giorno su 3. La pioggia aiuta il cielo di Torino Torino, 29 marzo 2008 comunicato stampa Presentati oggi i dati del monitoraggio ambientale del Treno Verde di e Ferrovie dello Stato Torino, polveri bagnate PM10 oltre la norma 1 giorno su 3. La pioggia

Dettagli

Motilità Elettrica l energia che sposta le persone. Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini

Motilità Elettrica l energia che sposta le persone. Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini Motilità Elettrica l energia che sposta le persone Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini Motilità ecologica? L automazione elettrica delocalizza l inquinamento? polveri

Dettagli

Hotel Motel Luna ****

Hotel Motel Luna **** Hotel Motel Luna **** Novegro di Segrate (MI) CONVENZIONE L Hotel Motel Luna**** ha il piacere di proporre a tutti gli espositori dell evento BIMBINFIERA uno sconto di 10,00 su tutto il listino in vigore

Dettagli

E L AUTO A EMISSIONI ZERO (O QUASI)

E L AUTO A EMISSIONI ZERO (O QUASI) GLI ITALIANI, LA MOBILITA E L AUTO A EMISSIONI ZERO (O QUASI) Le aree metropolitane Per la prima volta, la ricerca si concentra anche sulle grandi aree metropolitane, oltre che sull intera popolazione

Dettagli

Analisi CSR per NaturaSì

Analisi CSR per NaturaSì Analisi CSR per NaturaSì Marzo 2006 L analisi della responsabilità sociale il nostro modello...1 Le fasi del processo di analisi...2 Analisi della responsabilità sociale per NaturaSì...3 NaturaSì: informazioni

Dettagli

Obiettivo di Kyoto 2012

Obiettivo di Kyoto 2012 Un miliardo e seicentonovantadue milioni di euro in fumo: l autogol dell Italia su Kyoto L Italia continua a non definire una strategia per il rispetto del protocollo di Kyoto e paga dazio. L anno che

Dettagli

Report Ambientale 2010

Report Ambientale 2010 Report Ambientale 2010 Abbiamo molte più cose in comune con un albero che con un transistor. Fulco Pratesi Report ambientale 2 BILANCIO REPORT AMBIENTALE SOCIALE 2010 2010 ACADEMY COLLABORAZIONE CON IL

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO AMBIENTALE UMBRIA TRASH 2010]

VALUTAZIONE DELL IMPATTO AMBIENTALE UMBRIA TRASH 2010] www.ecocongress.it / info@ecocongress.it RESPONSABILE DELLA DIVISIONE SCIENTIFICA Dott. Flavio Scrucca scrucca@ecocongressi.it [VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL IMPATTO AMBIENTALE UMBRIA TRASH 2010] 2010 Relazione

Dettagli

Green Globe Banking Conference. Martedì 15 giugno 2010 Atrium SIA SSB Via Taramelli, 26 Milano

Green Globe Banking Conference. Martedì 15 giugno 2010 Atrium SIA SSB Via Taramelli, 26 Milano RISORSAMBIENTE Green Globe Banking Conference Martedì 15 giugno 2010 Atrium SIA SSB Via Taramelli, 26 Milano La Banca delle Comunità Locali Costituita nel 1893, quale banca locale, la Cassa Rurale di Treviglio

Dettagli

www.lecasenelparco.it 800 00 60 61

www.lecasenelparco.it 800 00 60 61 www.lecasenelparco.it 800 00 60 61 La città di Torino ha scelto di valorizzare l area più verde della città: la zona di via Verolengo, resa unica dai 456.000 mq del Parco Dora, è oggi punto di forte interesse.

Dettagli

Programma amministrativo

Programma amministrativo Programma amministrativo AMBIENTE E SOSTENIBILITA Riduzione dei rifiuti: Redazione del Piano Comunale per la Riduzione della Produzione dei Rifiuti. Il Piano è uno strumento necessario per individuare

Dettagli

Progetto AZIONI PER UNA CITTADINANZA ATTIVA di Marilena Zanella

Progetto AZIONI PER UNA CITTADINANZA ATTIVA di Marilena Zanella Progetto AZIONI PER UNA CITTADINANZA ATTIVA di Marilena Zanella Da vari anni nel territorio della città di Roma e provincia stiamo cercando di realizzare un progetto, cominciato quasi 10 anni fa da alcuni

Dettagli

Se raccolti in modo differenziato, i tuoi rifiuti potranno essere ReCUPeRAti:

Se raccolti in modo differenziato, i tuoi rifiuti potranno essere ReCUPeRAti: FAI LA DIFFERENZA Ciascuno di noi produce in media 1,5 KG Di RiFiUti AL GioRno, oltre 500 kg ogni anno! Se raccolti in modo differenziato, i tuoi rifiuti potranno essere ReCUPeRAti: attraverso il RICICLO

Dettagli

Musica e CO2 STUDIO PRELIMINARE

Musica e CO2 STUDIO PRELIMINARE Musica e CO2 STUDIO PRELIMINARE a. Finalità e ambito dell intervento Questo primo studio è volto alla ricerca e all analisi di dati sulle emissioni di CO2 relative agli eventi musicali nel loro complesso

Dettagli

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Premessa Monitoraggio degli spostamenti casa scuola, a. s. 2014-15 CHIVASSO Il monitoraggio degli spostamenti casa scuola è

Dettagli

RICICLO LABOFFICINA SINTESI DI PROGETTO. 1. Oggetto e finalità del progetto. Premessa. Obiettivi

RICICLO LABOFFICINA SINTESI DI PROGETTO. 1. Oggetto e finalità del progetto. Premessa. Obiettivi RICICLO LABOFFICINA per dare una seconda possibilità alle biciclette, ai saperi ed alle competenze abbandonate SINTESI DI PROGETTO 1. Oggetto e finalità del progetto Premessa Il progetto RiCiclo si propone

Dettagli

Il progetto Movicentro: l esperienza del Comune di Cuneo. Città di Cuneo Assessorato alla mobilità e ai trasporti

Il progetto Movicentro: l esperienza del Comune di Cuneo. Città di Cuneo Assessorato alla mobilità e ai trasporti Negli ultimi anni i livelli di traffico e di inquinamento atmosferico registrati a Cuneo hanno indotto istituzioni e cittadini all adozione di nuove e più sostenibili modalità di spostamento. Il Comune

Dettagli

GLI INDICATORI. 1. I dati del comune di Casal di Principe. Processo di Attivazione Agenda 21 Locale Casal di Principe

GLI INDICATORI. 1. I dati del comune di Casal di Principe. Processo di Attivazione Agenda 21 Locale Casal di Principe GLI INDICATORI 1. I dati del comune di Casal di Principe Il comune di Casal di Principe ha prodotto i dati necessari per l elaborazione dei seguenti Indicatori Comuni Europei: 1, 3, 4 e 6, per i quali

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 La politica non è nelle competizioni degli uomini; non è nei sonanti discorsi. È, o dovrebbe essere, nell interpretare l epoca in cui si vive (..).

Dettagli

Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni

Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni Provincia di Modena Assessorato Ambiente e Sviluppo Sostenibile Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni Verso il Piano di Risanamento della qualità dell aria Modena, 21 febbraio 2006 Sviluppo

Dettagli

Cari bambini, Assessore all Ambiente Comune di Padova Francesco Bicciato. Il Sindaco Comune di Reggio Emilia Graziano Delrio

Cari bambini, Assessore all Ambiente Comune di Padova Francesco Bicciato. Il Sindaco Comune di Reggio Emilia Graziano Delrio 2 Cari bambini, anche quest anno potrete raccogliere Miglia Verdi per raggiungere idealmente la lontanissima città di Kyoto in Giappone per prendere il Protocollo di Kyoto e riportarlo nella vostra città!

Dettagli

ACQUISTI INTELLIGENTI

ACQUISTI INTELLIGENTI ACQUISTI INTELLIGENTI UN ACQUISTO INTELLIGENTE Un consumo moderato è più ecologico di un consumo esagerato anche se i prodotti sono ecologici ed etichettati. Ciò detto, SONO DA PREFERIRE prodotti e servizi

Dettagli

AlpCoRe ALPI COMPETITIVE E RESPONSABILI

AlpCoRe ALPI COMPETITIVE E RESPONSABILI AlpCoRe ALPI COMPETITIVE E RESPONSABILI CARTA D IDENTITÀ DELL AZIENDA Nome azienda * Partita IVA, codice identificativo* Indirizzo* Telefono e Fax* Referente aziendale* E-mail referente aziendale* Settore

Dettagli

I nostri impegni per l ambiente

I nostri impegni per l ambiente I nostri impegni per l ambiente Il Sole e la Luna ha scelto di impegnarsi quotidianamente per l ambiente, puntando sull eccellenza ambientale del marchio Ecolabel europeo per ridurre gli impatti generati

Dettagli

stili alimentari più consapevoli a partire dalla mensa scolastica.

stili alimentari più consapevoli a partire dalla mensa scolastica. Comune di Viareggio Settore Pubblica Istruzione Carta del Servizio Ristorazione Scolastica P. A. T. Piramide Alimentare Toscana Presentiamo nelle pagine che seguono la Carta del Servizio di ristorazione

Dettagli

Il menù l ho fatto io

Il menù l ho fatto io Città di Torino Provincia di Torino Regione Piemonte DorS MIUR Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte Camera di Commercio di Torino Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino ASL TO1 Dipartimento

Dettagli

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/12

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/12 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/12 SCHEDE DI VALUTAZIONE AREA STRUTTURALE INDICATORE DELLA PLURALIZZAZIONE DELLE OFFERTE TARIFFARIE Descrizione delle microazioni Agevolazione

Dettagli

GREEN GLOBE BANKING AWARD 2008 C È UN PATRIMONIO CHE CI STA PARTICOLARMENTE A CUORE.

GREEN GLOBE BANKING AWARD 2008 C È UN PATRIMONIO CHE CI STA PARTICOLARMENTE A CUORE. GREEN GLOBE BANKING AWARD 2008 C È UN PATRIMONIO CHE CI STA PARTICOLARMENTE A CUORE. 1 Una Banca attenta all ambiente: la Politica Ambientale Nel quadro delle attività di responsabilità sociale e ambientale,

Dettagli

CONCORSO A PREMI PER I MIGLIORI PROGETTI DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI E DI RACCOLTA DIFFERENZIATA VENERDI 22 GIUGNO 2012

CONCORSO A PREMI PER I MIGLIORI PROGETTI DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI E DI RACCOLTA DIFFERENZIATA VENERDI 22 GIUGNO 2012 CONCORSO A PREMI PER I MIGLIORI PROGETTI DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI E DI RACCOLTA DIFFERENZIATA VENERDI 22 GIUGNO 2012 La gerarchia europea per la gestione dei rifiuti: 1. prevenzione 2. preparazione per

Dettagli

I PERCORSI di ISTRUZIONE e di FORMAZIONE PROFESSIONALE in REGIONE LOMBARDIA

I PERCORSI di ISTRUZIONE e di FORMAZIONE PROFESSIONALE in REGIONE LOMBARDIA I PERCORSI di ISTRUZIONE e di FORMAZIONE PROFESSIONALE in REGIONE LOMBARDIA Il sistema educativo L assolvimento del diritto dovere di istruzione e formazione è possibile all interno di tre sistemi : Il

Dettagli

LA BANCA E L'AMBIENTE

LA BANCA E L'AMBIENTE LA BANCA E L'AMBIENTE LA BANCA E L'AMBIENTE Abbiamo maturato negli anni una sempre maggiore sensibilità verso le tematiche ecologiche e verso la tutela dell ambiente, nonostante la nostra organizzazione

Dettagli

CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.)

CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.) CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.) CENNI STORICI Il CSE (Centro Socio Educativo) di Piario, ora CDD (Centro Diurno per persone con Disabilità) è stato aperto nel 1982 su iniziativa degli

Dettagli

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future MILANO EXPO - 11 LUGLIO 2015 ing. Gianluca Cocco Direttore Servizio Sostenibilità Ambientale e Sistemi Informativi

Dettagli

5.1 Mobilità intra aziendale

5.1 Mobilità intra aziendale 5. Le misure individuate Le misure da implementare nel breve e medio termine sono distinte in: mobilità intra aziendale azioni di comunicazione promozione della bicicletta promozione del carpooling promozione

Dettagli

Ottimizzazione dei trasporti

Ottimizzazione dei trasporti 202 Ottimizzazione dei trasporti / Logistica a monte e a valle / Organizzazione GRI-G4 DMA Questo contenuto è stato sottoposto a verifica da parte di SGS Italia S.p.A. (14 Marzo 2014) Ottimizzazione dei

Dettagli

A CORTO DI IDEE? LASCIATEVI ISPIRARE DA QUESTI ESEMPI!

A CORTO DI IDEE? LASCIATEVI ISPIRARE DA QUESTI ESEMPI! A CORTO DI IDEE? LASCIATEVI ISPIRARE DA QUESTI ESEMPI! Questa lista è uno strumento creato per aiutarvi a realizzare la vostra campagna ENGAGE. Essa contiene esempi di impegni per ispirare i partecipanti

Dettagli

Pacchetto Mobilità Sostenibile Offerta Business. Parma, Gennaio 2015

Pacchetto Mobilità Sostenibile Offerta Business. Parma, Gennaio 2015 Pacchetto Mobilità Sostenibile Offerta Business Parma, Gennaio 2015 COSA È IL CAR SHARING Permette di avere a disposizione un auto solo quando se ne ha un effettivo bisogno, senza sostenere i costi di

Dettagli

Piano spostamenti Casa - Lavoro

Piano spostamenti Casa - Lavoro Piano spostamenti Casa - Lavoro anno 2010 IKEA Torino Viale Svezia, 1 10093 Collegno (TO) INTRODUZIONE Come previsto dal D.M. 27 marzo 1998 (art. 1 comma 3) il negozio IKEA di Collegno avendo in organico

Dettagli

Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene. Roma, 22 aprile 2008

Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene. Roma, 22 aprile 2008 Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene Roma, Progetto Città Mia: un impegno comune per l ambiente Il progetto La comunicazione I risultati 2 Progetto Città Mia: il modello La Banca Popolare

Dettagli

Politiche per la mobilità ed i trasporti 9.1 Inquadramento strategico

Politiche per la mobilità ed i trasporti 9.1 Inquadramento strategico Politiche per la mobilità ed i trasporti 9.1 Inquadramento strategico Le trasformazioni che hanno investito la forma urbana negli ultimi anni hanno reso necessario riconsiderare le dinamiche territoriali;

Dettagli

PIANO DI EFFICIENZA ENERGETICA DEL COMUNE DI PADOVA

PIANO DI EFFICIENZA ENERGETICA DEL COMUNE DI PADOVA PIANO DI EFFICIENZA ENERGETICA DEL COMUNE DI PADOVA Ente Locale Promotore Comune di Padova - Settore Ambiente Ufficio Agenda 21 c/o Informambiente via vlacovich 4-35126 Padova Tel. 049 8022488 Fax. 049

Dettagli

EL NOST MILAN la nostra milano OUR MILAN

EL NOST MILAN la nostra milano OUR MILAN Progetto e realizzazione a cura di: Direzione Comunicazione - Comune di Milano Per maggiori informazioni www.comune.milano.it Infoline 02.02.02 Stampato su carta riciclata EL NOST MILAN la nostra milano

Dettagli

1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006

1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006 Francesco Bicciato - Comune di Padova 1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006 2. METROTRAM In funzione da marzo 2007 (8

Dettagli

CENTRO SOCIO-EDUCATIVO DIURNO LA ROSA BLU

CENTRO SOCIO-EDUCATIVO DIURNO LA ROSA BLU (Estratto dalla CARTA DEI SERVIZI RESIDENZIALI approvata dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 69 del 29/09/2010, esecutiva ai sensi di legge) CENTRO SOCIO-EDUCATIVO DIURNO LA ROSA BLU FINALITA ED

Dettagli

PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME

PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME Firenze, 28 maggio 2010 Terra Futura Car pooling e Car sharing Il car pooling (o (o auto di gruppo) è una modalità di trasporto che consiste nella condivisione

Dettagli

della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone

della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone Ufficio, esecutore Ufficio Educazione Ai genitori degli Alunni Ns. riferimento e data della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE P.C. Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone PROGETTI: Andiamo a scuola

Dettagli

GUIDA DEL DOCENTE Risorse didattiche proposte da

GUIDA DEL DOCENTE Risorse didattiche proposte da GUIDA DEL DOCENTE Risorse didattiche proposte da Indice Obiettivi del concorso... 3 Perché partecipare... 3 Quando e come... 3 Interesse didattico... 4 Quali sono le classi interessate... 4 Quali sono

Dettagli

QUESTIONARIO. 2. Puoi indicare i consumi termici ed elettrici della tua abitazione e/o i relativi costi?

QUESTIONARIO. 2. Puoi indicare i consumi termici ed elettrici della tua abitazione e/o i relativi costi? QUESTIONARIO A) Risparmio energetico e fonti rinnovabili nelle abitazioni residenziali. Indagine conoscitiva ai fini dello sviluppo del Piano d Azione per l Energia Sostenibile 1.Quale tipo di abitazione

Dettagli

ECO-CONCORSO QUESTIONE DI STILE Relazione conclusiva

ECO-CONCORSO QUESTIONE DI STILE Relazione conclusiva ECO-CONCORSO QUESTIONE DI STILE Relazione conclusiva La campagna, la mostra, la festa, l eco questionario Lo scorso marzo Comune AcegasAps e Legambiente hanno lanciato una nuova campagna di sensibilizzazione

Dettagli

Solo vantaggi Semplice, Pratica e Comoda. Da portare sempre con sè per parcheggiare a Brescia risparmiando.

Solo vantaggi Semplice, Pratica e Comoda. Da portare sempre con sè per parcheggiare a Brescia risparmiando. La Park City Card è una nuova ed utile tessera voluta e distribuita dall Amministrazione Comunale di Brescia a tutti i cittadini bresciani maggiorenni, che dà diritto ad uno sconto del 50% sulle tariffe

Dettagli

Tavolo: VERDE URBANO

Tavolo: VERDE URBANO Contributi dai cittadini Tavolo: VERDE URBANO 24 0 5 Più verde in città a) Preservare e Aumentare il Verde comune in città. b) Se un albero va tagliato per qualunque motivo automaticamente se ne pianta

Dettagli

ASSOCIAZIONE C.I.A.O. un ponte tra carcere, famiglia e territorio. Iniziativa NATALE INSIEME All interno del progetto Mamma, sempre e ovunque

ASSOCIAZIONE C.I.A.O. un ponte tra carcere, famiglia e territorio. Iniziativa NATALE INSIEME All interno del progetto Mamma, sempre e ovunque Unità d offerta accreditata dal Comune di Milano Assessorato Politiche Sociali e Cultura della Salute ASSOCIAZIONE C.I.A.O. un ponte tra carcere, famiglia e territorio Iniziativa NATALE INSIEME All interno

Dettagli

I.C. Sorelle Agazzi Scuola secondaria di primo grado Rodari Via Gabbro 6/a MI Classe 1 C A.S. 2011/2012 Progetto: Cart anchio a cura del WWF

I.C. Sorelle Agazzi Scuola secondaria di primo grado Rodari Via Gabbro 6/a MI Classe 1 C A.S. 2011/2012 Progetto: Cart anchio a cura del WWF I.C. Sorelle Agazzi Scuola secondaria di primo grado Rodari Via Gabbro 6/a MI Classe 1 C A.S. 2011/2012 Progetto: Cart anchio a cura del WWF Se Tutto Fosse Costruito Così... La nostra classe con la Professoressa

Dettagli

La scuola si presenta

La scuola si presenta La scuola si presenta La Scuola Infanzia Peter Pan si trova in via Sertoli a Molassana,( bus n.12-13-14-capolinea n 48) in un ampio complesso di edilizia popolare recentemente ristrutturato(2010). Davanti

Dettagli

REGOLE COMPORTAMENTALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

REGOLE COMPORTAMENTALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO REGOLE COMPORTAMENTALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Piccoli accorgimenti da adottare a casa ed in ufficio Risparmio energetico Il risparmio energetico è l insieme dei comportamenti, processi e interventi

Dettagli

FASE PARTECIPATIVA. INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti. L impegno verso un futuro sostenibile. Arch. Lea Quintavalle

FASE PARTECIPATIVA. INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti. L impegno verso un futuro sostenibile. Arch. Lea Quintavalle Piano d azione per l energia sostenibile FASE PARTECIPATIVA INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti Progettista Consulente R.U.P. Coordinamento Ing. Bartolomeo Sciannimanica Arch. Lea Quintavalle Arch.

Dettagli

Incontro pubblico di presentazione del Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Latina, 24 ottobre 2013

Incontro pubblico di presentazione del Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Latina, 24 ottobre 2013 Facoltà di Ingegneria civile e industriale Polo di Latina Incontro pubblico di presentazione del Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Latina, 24 ottobre 2013 Progetto Scuola IL LABORATORIO DELLA

Dettagli

VILLA SANTA MARIA Residenza medicalizzata

VILLA SANTA MARIA Residenza medicalizzata persone anziane, persone invalide, persone con il morbo di Parkinson VILLA SANTA MARIA Residenza medicalizzata assistenza sanitaria 24 ore su 24 soggiorni temporanei riabilitativi cure di lunga durata

Dettagli

MOSTRA DIDATTICA INTERATTIVA SULLE ENERGIE RINNOVABILI E SULLA SOSTENIBILITA AMBIENTALE

MOSTRA DIDATTICA INTERATTIVA SULLE ENERGIE RINNOVABILI E SULLA SOSTENIBILITA AMBIENTALE MOSTRA DIDATTICA INTERATTIVA SULLE ENERGIE RINNOVABILI E SULLA SOSTENIBILITA AMBIENTALE La mostra LE FORME DELLA SOSTENIBILITÀ è un progetto del Comune di Villanova Monteleone, finanziato dalla Regione

Dettagli

"Educhiamo(ci) alla sostenibilità" Laboratori di educazione al consumo consapevole, al riuso, al riciclo

Educhiamo(ci) alla sostenibilità Laboratori di educazione al consumo consapevole, al riuso, al riciclo "Educhiamo(ci) alla sostenibilità" Laboratori di educazione al consumo consapevole, al riuso, al riciclo Nell anno scolastico 2011-12 appena concluso, gli studenti di numerose scuole di Roma e del Lazio

Dettagli

Gli acquisti verdi a Reggio Emilia

Gli acquisti verdi a Reggio Emilia COMUNE DI REGGIO EMILIA Assessorato Ambiente e Città Sostenibile Assessorato gli Affari Istituzionali Assessorato Decentramento e Partecipazione Gli acquisti verdi a Reggio Emilia Cremona 9 ottobre 2008

Dettagli

ECOFESTE 2012 ECOFESTE

ECOFESTE 2012 ECOFESTE REGIONE LIGURIA - DIPARTIMENTO AMBIENTE PROVINCIA DI SAVONA SETTORE TUTELA DEL TERRITORIO E DELL'AMBIENTE ECOFESTE 2012 ECOFESTE ITER QUALIFICAZIONE QUALIFICAZIONE ECOFESTE ECOFESTA è un modo ecologico

Dettagli