Web 2.0: mezzo di conversazione del consumatore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Web 2.0: mezzo di conversazione del consumatore"

Transcript

1 Web 2.0: mezzo di conversazione del consumatore a cura di Valeria Piazza

2 Web 2.0: mezzo di conversazione del consumatore Introduzione 1. I mercati sono conversazioni 2. Relazione Consumatore Azienda 3. Relazione Consumatore Comunità di consumatori Azienda Conclusioni Appendice: Mappa visuale del Web 2.0 Bibliografia 2

3 Introduzione L evoluzione del Web da 1.0 a 2.0 più che ad un innovazione tecnologica fa riferimento ad un nuovo modo di utilizzare la Rete, che aprendo alle masse la possibilità di creare contenuti ha favorito lo sviluppo di processi di aggregazione, che si realizzano quasi naturalmente quando persone con gli stessi interessi si riconoscono come tali e interagiscono tra di loro. Il web 2.0 è collegare le persone che condividono scambiano e collaborano, come afferma Michael Wesch nel suo video Web The Machine is Us/ing Us 1. Web 2.0 significa, infatti, nuovo spirito di partecipazione democratica e condivisione come testimoniano i social network come Facebook e MySpace, le piattaforme di video sharing come Youtube, le photogallery come Flickr e i numerosi blog che popolano la rete 2. Citando Ross Mayfield, fondatore e presidente di Socialtext, si è passati da un Web sostantivo, inteso come qualcosa di statico, prestabilito da altri, dall alto, ad un Web dinamico, un Web verbo, dove tutti hanno la possibilità di agire. La parola chiave che distingue le due epoche tecnologiche è interazione. La rete nell era 2.0 è abitata anziché utilizzata, è un sistema in cui i cybernauti non vogliono più identificarsi nella passività dell utente lettore, bensì essere parte attiva del processo di costruzione dei significati. Si fanno spazio così nuove possibilità di sviluppo caratterizzate dal fatto di essere informali, guidate dal basso, spontanee, contestuali. Linfa vitale ed elemento determinante di questi cambiamenti è il diffondersi delle conversazioni intese come luogo di relazione, scambio e di elaborazione (Scotti, Sica). Il cambiamento di prospettiva che introduce il Web 2.0 obbliga a rivedere il ruolo delle persone in rete e, quindi, gli effetti di questa nuova forma di conoscenza ed intelligenza collettiva. Attraverso Internet, infatti, le persone, in queste sede considerate soprattutto nella loro veste di consumatori, possono interagire anche con le 1 2 In appendice la La mappa visuale del Web 2.0, la mappa. pubblicata sotto licenza Creative Commons, è una sintesi visuale dei principali concetti relativi al Web 2.0, ciascuno accompagnato da una breve definizione ed e- semplificato attraverso il riferimento a progetti e servizi specifici. 3

4 aziende. Escono dalla passività a cui li aveva condannati la logica broadcast e conquistano una voce, inviano alle aziende, creano spazi di conversazione, si ritrovano in community, raccontano le loro esperienze nei loro blog. Di conseguenza, parafrasando il Cluetrain Manifesto i mercati diventano sempre più perspicaci. Nel presente lavoro cerco di analizzare in che modo il nuovo paradigma 2.0 concorre alla realizzazione del Cluetrain Manifesto e in che modo influisce sulle relazioni tra i consumatori e le aziende, provocando dei cambiamenti radicali che vedono nuovi attori e gruppi diventare protagonisti della diffusione di nuove tendenze, modelli e valori. 4

5 1. I mercati sono conversazioni 3 I primi mercati erano luoghi di scambio, dove la gente andava per comprare quello che altri avevano da vendere e per parlare (p.157). Nell antichità, infatti, la compravendita era strumentale all incontro, il vero scopo era il dialogo tra le persone. Per questo si andava al mercato. Le conversazioni furono interrotte dalla rivoluzione industriale, che ha portato dei cambiamenti così profondi da modificare completamente la vita delle persone e l organizzazione di qualunque attività. Con la società industriale i mercati vennero trasformati in luoghi atti al consumo, i clienti in consumatori e non ci fu più spazio per conversare. Questo lungo silenzio, però, è giunto al termine: grazie ad Internet i mercati si ricollegano tra loro. Sembra quasi paradossale, ma si sta tornando al passato, cambia lo scenario ma i mercati sembrano essere tornati a quelli dell antichità, cioè dei luoghi dove si andava per comprare, per vendere e, soprattutto, per conversare. I mercati sono conversazioni è proprio la prima delle novantacinque tesi del Cluetrain Manifesto, pubblicato nel 1999 da Rick Levine, Christopher Locke, Doc Searls e David Weinberger, quattro esperti americani di marketing. Lo scopo degli autori è quello di dare impulso ad un nuovo modo di comunicare attraverso una riforma vera e propria portata avanti e spiegata con un linguaggio asciutto, informale e diretto. L idea di base è che Internet ha rivoluzionato il rapporto esistente tra a- zienda, dipendenti e consumatori. Sul Web cambia il modo di comunicare: la comunicazione unilaterale e passiva del broadcast televisivo viene scalzata dalla comunicazione partecipativa e poco governabile dell agorà, della piazza, del mercato nel senso in cui questa parola veniva intesa anticamente. Come osserva Antonio Tombolini nella prefazione all edizione italiana del Cluetrain Manifesto, Non a caso la piazza principale di moltissime città si chiama Piazza del Mercato, per indi- 3 Questo capitolo si articola attorno al libro Cluetrain Manifesto. The end of business as usual di R. Levine, C. Locke, D. Searls e D. Weinberger, Fazi Editore,

6 care il luogo degli scambi, delle discussioni, dei confronti: in una parola: degli incontri tra esseri umani veri e diversi uno dall altro. Mentre il Web 1.0 era prevalentemente un distributore di informazioni, il Web 2.0 realizza meglio il Cluetrain Manifesto facilitando transazioni, conversazioni e relazioni che con i media tradizionali non potevano aver luogo. Infatti, dal momento che gli utenti conoscono meglio delle aziende i prodotti che utilizzano, sanno bene cosa funziona, cosa è difettoso, cosa vale il prezzo pagato, cosa è di qualità, ecc., possono farlo sapere a tutti, scrivendolo nei blog o partecipando alle conversazioni sui forum di discussione. Queste conversazioni generano nuove forme di organizzazione sociale e un nuovo scambio della conoscenza. Di conseguenza, i mercati stanno cambiando, stanno diventando più intelligenti, più informati e più organizzati. Ma anche più trasparenti perché essendo conversazioni, non ci sono più segreti. E le aziende? Riportando la tesi 18, le aziende che non capiscono che i loro mercati sono ormai una rete tra singoli individui, sempre più intelligenti e coinvolti, stanno perdendo la loro migliore occasione. Questo significa che i tempi dei monologhi sono finiti e che devono scendere dalle loro torri d avorio e iniziare a conversare perché non possono più sottrarsi alla comunicazione con i consumatori. Ora possono comunicare direttamente con i loro mercati, se non lo capiscono, potrebbe essere la loro ultima occasione. Il problema più grande delle aziende è che non parlano la stessa lingua dei consumatori, anche se è ad essi che vorrebbero rivolgersi. Continuano a parlare la lingua artefatta e artificiale delle brochure dimenticando che le persone connesse sono soggetti sempre più intelligenti ed informati. Per conversare, per continuare ad esistere, invece, devono parlare come delle persone perché le conversazioni all interno dei mercati si svolgono tra esseri umani e si svolgono con voce umana. Ed è proprio grazie a questa voce che le persone si riconoscono. Solo parlando come le persone le aziende potranno far parte di questo nuovo scenario. 6

7 Ignorare o sottovalutare che le regole del gioco sono cambiate significa per le a- ziende andare alla guerra con le armi del conflitto precedente, usando una famosa espressione del sociologo francese Michel Crozier. 7

8 2. Il rapporto consumatore azienda Il rapporto consumatore azienda nasce come un rapporto asimmetrico caratterizzato dalla subalternità e passività del consumatore e dall uniformità dei suoi comportamenti. La famosa frase di Henry Ford, che riferendosi alla Ford T diceva sceglietela del colore che volete basta che sia nera è un esempio di come l azienda si imponeva al consumatore, il quale era obbligato a ricevere passivamente il messaggio e ad uniformarsi alla massificazione dei consumi. Il modello di comunicazione di questo tipo di rapporto è la comunicazione unilaterale e passivizzante del broadcast, espresso prima dalla stampa e poi dalla televisione. Questo rapporto si basa sulla logica push, cioè l azienda spinge l informazione verso il consumatore. La logica push è quella del potere perché solo chi è più forte (azienda) può spingere i propri messaggi verso chi è più debole (consumatore), assoggettandolo e conquistandolo. In quest ottica, infatti, il consumatore viene visto come una persona che deve essere conquistata e assoggettata, come dimostra anche la terminologia del marketing che è ripresa da quella della guerra: target come bersaglio, briefing come riunione prima del bombardamento, ecc. Oggi questo linguaggio militaresco non ha più senso perché non c è nessun consumatore da colpire! I tempi sono cambiati: i consumatori hanno acquisito un potere, una discrezionalità e una forza sconosciuti in passato. A chi va il merito? Sicuramente ad Internet e in particolare al Web 2.0. Le nuove tecnologie pervadono la vita quotidiana, moltiplicano le fonti di informazione, il livello di conoscenza, le occasioni di confronto. Il brand non è più una garanzia sufficiente per il consumatore, che è, e sarà sempre di più, un soggetto attivo, informato, consapevole, critico ed esigente. Le regole del gioco sono cambiate, è una vera rivoluzione sociale, un inversione dei ruoli. Su Internet il consumatore non è più un destinatario passivo ma al contrario è lui che cerca le informazioni che gli servono, tirandole verso di sé. È questa la logica pull basata sul sapere, perché chi sa, chi conosce di più, può procurarsi le informazioni più interessanti, perché sa anche dove e come andarle a cercare. 8

9 Questo cambiamento di comunicazione da push a pull significa che le aziende non possono più comprare l attenzione dei consumatori. Attraverso la pubblicità, infatti, l azienda che aveva più potere, che poteva investire di più, spingeva il più possibile i messaggi verso un gran numero di persone, che potevano solo assumere atteggiamenti consenzienti o dissenzienti rispetto al messaggio che ricevevano. Su Internet, invece, il destinatario del messaggio diventa soggetto attivo già nel momento in cui opera la scelta di connettersi, di cliccare su un sito web piuttosto che un altro, di tirare a sé le informazioni che desidera. Il pubblico sta cambiando e a grande velocità: soprattutto le nuove generazioni, che hanno un rapporto con i mezzi di comunicazione più diretto e interattivo, non si accontentano più di essere semplici destinatari di un messaggio. Che cosa cerca questo nuovo pubblico? Come ci insegna il Cluetrain Manifesto, i mercati sono conversazioni che tenderanno ad assomigliare sempre più ad un dialogo tra pari e oggi il consumatore vuole avere voce in capitolo, si aspetta un esperienza, un dialogo che lo chiami in causa e lo coinvolga in modo più diretto. Non c è chi parla e chi ascolta, chi comunica e chi accoglie il messaggio: c è uno scambio. La tecnologia lo aiuta fornendogli, a basso costo, gli strumenti per parlare e per far sentire la propria voce. Utilizzando le parole di Chad Hurley, co-fondatore di YouTube, Ognuno ha l intimo desiderio di sentirsi una Star. Dal punto di vista comunicativo uno dei tratti fondamentali del Web 2.0 è che chiunque può produrre informazione. L avvento del Web 2.0 ha spostato il focus della Rete da un posto in cui avere semplicemente accesso alle informazioni ad uno in cui chiunque può fare la proprio parte con la pubblicazione e la diffusione di contenuti propri. Esempi degni di nota sono Wikipedia, l enciclopedia online che tutti possono editare: YouTube, il posto più popolare al mondo dove trovare un video nel Web; i social network quali Facebook e MySpace; le photogallery come Flickr; le numerose piattaforme come Blogger che permettono a chiunque di creare un proprio blog in pochi e semplici passaggi. Ognuno di questi non sarebbe nulla senza gli User Generated Content (UGC). 9

10 Dal punto di vista del rapporto consumatore azienda, il risultato di questa nuova abitudine degli utenti sta lentamente modificando la percezione che le aziende hanno dei loro stessi consumatori. Parafrasando la tesi 19 del Cluetrain Manifesto Le aziende possono ora comunicare direttamente con i propri mercati. Se non sfruttano questa opportunità, sprecano la loro ultima occasione. Non solo, i consumatori, conversando con l azienda, possono a loro volta produrre, trasformare e riprodurre le informazioni che questo gli comunica, diventando dei prosumer 4. L approccio delle aziende con gli utenti consumatori è sempre più improntato al contatto e alla ricerca del dialogo e gli UGC trovano il loro spazio anche nelle strategie marketing, che diventano generate dall utente. Un esempio della presa di coscienza da parte dei consumatori del proprio ruolo all interno della comunicazione, al contempo fruitori e creatori dei messaggi, è lo spot dell ipod Touch 5, creato dal diciottenne inglese Nick Haley. Il ragazzo ha dimostrato il proprio entusiasmo verso il prodotto della Apple realizzando e postando su YouTube un piccolo filmato di 30 secondi che ne illustrava le principali caratteristiche. Il filmato è ben costruito: il sottofondo musicale è la canzone dei CSS Music is my hot, hot sex. Le parole della canzone sono quanto mai azzeccate e cadono a pennello su alcune delle molteplici caratteristiche del nuovo ipod. Dopo aver visto il filmato, la Apple ha contattato Nick Haley, invitandolo in California per realizzare la versione Pro dello spot. Un idea davvero originale, anche perché il video ovviamente è stato costruito con software Apple: quale miglior testimonianza per dimostrare la facilità di comunicare con tutto il mondo e la centralità dell utente? 4 Citato per la prima volta da Alvin Toffler nel suo libro The Third Wave nel 1980, il termine prosumer indica la natura ibrida di una figura a metà fra il consumatore di un prodotto ed il creatore dello stesso, con un confine sempre più labile fra i due mondi. Come viene ben illustrato nel libro Wikinomics di Don Tapscott e AnthonyD. Williams, i prosumer contribuiscono alla creazione del prodotto in maniera radicale, scoprendone nuovi usi e modificandolo anche profondamente, con o senza il consenso di chi lo produce

11 Il Web 2.0 e l UGC stanno anche cambiando il modo di fare marketing, trasformando i consumatori in partner creativi. Quando i consumatori sono consapevoli di creare contenuto per l azienda si parla crowdsourcing, sintesi di crowd (folla) e outsourcing (la pratica di affidare all'esterno alcune attività), e si realizza quando una compagnia chiede a una comunità indistinta di svolgere per suo conto un compito prima affidato ai propri dipendenti, secondo la definizione di Jeff Howe, giornalista di Wired. L idea che sta alla base del crowdsourcing è semplice: un gruppo molto spesso produrrà soluzioni di gran lunga superiori a quelle di un singolo. Questo ha l effetto di rivolgere tutto o parte di un progetto verso i consumatori stessi ed investire nel principio della saggezza delle folle. In genere, crowdsourcing o meno, il marketing è cambiato. Si parla, infatti, di neo marketing indicando con questa espressione un tipo di marketing che mette al centro l utente e le cui parole chiave sono: partecipazione, coinvolgimento, collaborazione, condivisione e relazione. Le differenze con la vecchia scuola del marketing sono notevoli, come mostra la seguente tabella: Old School Marketing Lo fanno gli uomini di marketing e i pubblicitari Focus su some l azienda agisce Gli uomini di marketing hanno il potere Pubblicizzare Marca controllata dall azienda Messaggio univoco Contenuto creato dall azienda Mercato di massa Un'unica taglia per tutte le misure Focus group Neo Marketing Lo fanno tutti Focus su come l utente agisce Gli utenti hanno il potere Evangelizzare Marca interpretata dai clienti Conversazione biunivoca Contenuto creato dall utente Utenza selezionata, focalizzata Personalizzato su misura del cliente Feedback sugli utenti 11

12 Inganno Chiacchiere Sviluppo indipendente dal marketing La storia deve essere avvincente, ma può essere una finzione Uno spot da 30 secondi è vincente Focus sul branding Fa che il cliente ci creda Trasparenza Autenticità Sviluppo inseparabile dal marketing La storia deve essere avvincente e deve essere reale Il passaparola è vincente Focus sugli utenti appassionati Tu ci credi Oltre al suo contenuto, un altro aspetto rivoluzionario di questa tabella è che non è stata scritta da un marketer bensì da un istruttrice java, Kathy Sierra, che l ha pubblicata nel suo blog con lo scopo di esprimere le sue esigenze di consumatore! L ennesima dimostrazione di come oggi il consumatore, abituato a creare contenuti, a dialogare e a partecipare, non può più accettare che l azienda gli imponga il proprio messaggio senza ascoltare la sua opinione. Come affermano Bernard Cova, Alex Giordano e Mirko Pallera in Marketing Non Convenzionale (p.45) Tutti i tipi di nuovi marketing non sono validi quando partono dalle imprese: devono avere come base i consumatori. 12

13 3. Il rapporto consumatore comunità di consumatori azienda Il Web 2.0 ha visto nascere una nuova forma di comunicazione di carattere triangolare, che coinvolge il consumatore come soggetto attivo, sia nella creazione di contenuti che vanno ad arricchire la comunicazione dell azienda, sia nella propagazione del messaggio verso altri utenti. Azienda Consumatore Consumatore/Comunità di consumatori I consumatori, stanno diventando sempre più consapevoli delle loro scelte e sempre meno disposti all ascolto di fronte alla sovrabbondanza di messaggi pubblicitari che lo bombardano in qualsiasi momento della giornata. In questo scenario ha un peso crescente la testimonianza diretta, cioè l esperienza riportata da altri consumatori. Come sostiene la tesi 10 del Cluetrain Manifesto, I mercati stanno diventando più intelligenti, più informati e più organizzati. In mercati conversazionali i consumatori hanno compreso di poter avere accesso a informazioni migliori e a ricevere migliore supporto dai loro pari, di quanto non ne possano ricevere dalle aziende. Questo tipo di comunicazione altro non è che il vecchio passaparola, cioè la trasmissione di informazioni, considerazioni, opinioni su un prodotto o su un brand che avviene da persona a persona in modo informale, e si basa sul principio che tendenzialmente le persone sono più propense a fidarsi di una comunicazione che avviene attraverso il passaparola rispetto a forme di persuasione più tradizionali, 13

14 come la pubblicità classica o azioni di marketing convenzionali, proprio per la forte credibilità derivante dall alto valore percepito della fonte, ritenuta attendibile non avendo un interesse diretto alla vendita. (Cova, Giordano, Pallera, p. 62). Come ci insegna Michel Mafessolì, infatti, la postmodernità ha riportato in auge dinamiche ataviche, come il passaparola: il più ancestrale e potente meccanismo di diffusione delle idee. Citando ancora Mafessolì, se la postmodernità può essere intesa come una sinergia tra arcaismo e sviluppo tecnologico, anche il concetto del passaparola può essere riconsiderato alla luce delle nuove innovazione tecnologiche, passando da word-of-mouth a word-of-mouse. Il passaparola verbale word-ofmouth viene potenziato e arricchito dal passaparola online word-of-mouse: chi non ha almeno una volta girato ad amici un contenuto divertente o interessante oppure non ha usato in un sito il comando Dillo ad un amico? Il word-of-mouse si basa sul principio che il Web 2.0 è una rete di connessioni e che è possibile sfruttare queste connessioni per far transitare i messaggi. Mentre con il Web 1.0 il passaparola online era uno strumento ancora rozzo ed era generato prevalentemente dallo scambio di informazioni via o via chat, con il Web 2.0 gli strumenti si sono evoluti, moltiplicati e diversificati: Facebook, MySpace, YouTube, LastFm, anoobi, TripAdvisor per fare alcuni esempi. Classificare i social network è un impresa difficile perché ne nascono continuamente di nuovi, alcuni diventano popolari, altri non decollano, alcuni infine sono riservati a nicchie specifiche. Tutti comunque sono accomunati dal fatto di essere reti formate da legami interpersonali. Alcuni sono più generalisti, cioè non hanno un argomento od uno scopo specifico alla base, ne sono esempi Facebook e MySpace; altri nascono, invece, per coprire un ambito molto specifico, come ad e- sempio LinkedIn, che aiuta a sviluppare relazioni di lavoro, anobii, dedicato agli amanti della lettura, TripAdvisor, per organizzare un viaggio, ma la lista potrebbe davvero essere lunghissima; altri sono invece aggregatori dei propri profili sui vari social network, come ad esempio Spock; ma tutti sono comunque delle reti. In un certo senso i social network sono una grande piazza che, creando conversazioni, fa- 14

15 cilita gli scambi di idee, informazioni. Con i social network, Internet in qualche modo esce dal virtuale per entrare di più nel mondo reale, in cui ognuno può portare il proprio profilo, le proprie amicizie, interessi e perché no, anche i propri lovemarks. Ecco allora che i social network e i blog diventano il luogo adatto per diffondere i messaggi innescando dei meccanismi di tipo virale 6. Analizzando il rapporto consumatore comunità di consumatori azienda alla luce di quanto detto, è facile capire come questi nuovi consumatori non guardano più le pubblicità in televisione, ma si riuniscono in comunità sulla base di interessi comuni. Come osserva Manuel Castells in Galassia Internet, i social network possono dare origine a vere e proprie comunità virtuali che, anche se differenti dalle comunità fisiche, sono comunque efficaci. Anzi, essendo il risultato di un aggregazione spontanea di persone con gli stessi interessi, le comunità virtuali hanno spesso una capacità maggiore di mobilitare e creare legami. All interno di questi spazi di socialità virtuale i segreti si sgretolano, prodotti e servizi vengono messi a nudo e le notizie, sia positive che negative, si diffondono in maniera virale. Un esempio di come il rapporto consumatore comunità di consumatori azienda si realizza nel Web 2.0 è dato da TripAdvisor 7, un social network gratuito dedicato al turismo in cui gli utenti stessi posso postare la propria opinione riguardo hotel, ristoranti, locali, attrazioni e luoghi. TripAdvisor offre ai propri utenti registrati la possibilità di: - pianificare il proprio viaggio, approfittando delle esperienze passate e dei consigli di altri viaggiatori; - scrivere recensioni su hotel, bed&breakfast, ristoranti, locali, ecc.; - tenere un diario di viaggio, avendo a disposizione delle pagine su cui scrivere le proprie storie; 6 Il termine virale deriva dal fatto che la propagazione di un messaggio avviene secondo un meccanismo di contagio, proprio come nella diffusione dei virus: un individuo contagia altri individui passando il messaggio e a loro volta questi individui ne contageranno altri e così via in modo esponenziale. 7 In Rete si possono trovare molti altri esempi che illustrano questo rapporto, qui ho preferito analizzare il caso di TripAdvisor perché tra i siti di mia conoscenza è quello che si presta meglio. 15

16 - far parte di una comunità di circa 5 milioni di utenti, partecipando ai forum oppure contattando l'utente in maniera individuale; - mantenersi aggiornati, ricevendo settimanalmente una newsletter con offerte, recensioni e notizie su qualunque destinazione scelta. È interessante notare che i pareri degli utenti non sono semplici recensioni ma veri e propri diari di viaggio di una community più che mai attiva. In più, gli hotel e i ristoranti non possono essere segnalati o descritti dai proprietari ma tutto viene scritto e deciso da chi, dopo aver provato il posto, lascia i propri commenti sia in negativo che in positivo. In questo senso TripAdvisor rappresenta un enorme cambiamento, supportato dalla tecnologia, nel comportamento dei consumatori. Infatti sempre più consumatori leggono e condividono online contenuti relativi ai viaggi, generati e inviati da loro pari piuttosto che dalle aziende che forniscono servizi turistici. TripAdvisor è uno dei siti più cliccati del suo settore perché fornisce al consumatore un esperienza online più personalizzata, basata non sulle foto patinate mostrate sul sito ufficiale dell hotel ma sulle reali esperienze di viaggio fatte da altri consumatori che in quell hotel hanno veramente soggiornato. Grazie agli strumenti 2.0, TripAdvisor mette a disposizione dei consumatori in cerca di un consiglio sulle prossime vacanze la possibilità di accedere ad esperienze e contenuti come recensioni, video e immagini di altre persone che realmente hanno dormito in un certo hotel, cenato in certo ristorante, ecc., consentendo di prendere una decisione di acquisto più informata. Il presupposto su cui si basa chi cerca informazioni su TripAdvisor è l'onestà di chi scrive una recensione. In effetti nella maggior parte dei casi, quanto scritto corrisponde a verità sia in caso di valutazione positiva che negativa. Indipendentemente dal tipo di valutazione, un aspetto molto interessante di TripAdvisor è che offre alle aziende la possibilità di interagire e conversare sia con i singoli consumatori che con la community. Per rispondere ad una recensione negativa, ad una recensione riferita a situazioni temporanee o in caso di aggiornamenti riguardanti, ad esempio, un cambio di gestione, le aziende possono compilare il management response form, 16

17 un modello che permette di interagire con gli utenti. In questo modo le aziende, in genere hotel, bed&breakfast e ristoranti, possono spiegare i motivi dell'eventuale disservizio, le azioni compiute affinché tali situazioni non si ripetano, ecc. Naturalmente le aziende che scrivono una recensione falsa, non solo non riparano il danno fatto dalle recensioni negative, ma creano un'ombra di sospetto che può portare alla penalizzazione dell azienda stessa all'interno di TripAdvisor. Tuttavia, se bene utilizzato, questo strumento è certamente in grado di generare traffico positivo. Anche in questo caso la miglior risposta è senza dubbio la verità! Del resto si sa che il passaparola negativo è più veloce di quello positivo perché chi ha un esperienza negativa con un servizio tende a raccontarla ad altre 10 persone, mentre chi ha un esperienza positiva al massimo lo racconta a 2 amici. La possibilità di rispondere alle recensioni realizza in pieno il nuovo rapporto triangolare consumatore comunità di consumatori azienda che in questo modo comunicano alla pari. Su TripAdvisor, infatti, il linguaggio pomposo dei comunicati ufficiali scatena solo risate di scherno costringendo le aziende, che hanno realmente intenzione di comunicare, a parlare la stessa lingua dei consumatori. Del resto sono i consumatori che invitano le aziende dentro al loro mondo. Queste, come afferma la tesi 73 del Cluetrain Manifesto, devono togliersi le scarpe all entrata. A conclusione di questa analisi, posso sostenere l idea che il Web 2.0 ha permesso un cambiamento epocale nei rapporti di forza fra consumatore e azienda perché su TripAdvisor, ma penso che si possa estendere anche ad altri social network, il brand diventa proprietà dei consumatori. Se Web 2.0 commercialmente significa che sono i consumatori a definire il valore di un prodotto, allora TripAdvisor significa che sono gli ospiti di un hotel, i clienti di un ristorante che definiscono il valore di questi. 17

18 Conclusioni L evoluzione comunicativa supportata dal paradigma 2.0 ha aumentato il potere del consumatore nei confronti delle aziende. In alcuni casi, sono gli stessi consumatori a definirne il valore, come dimostra l esempio di TripAdvisor. Come afferma Giampaolo Fabris (2003) il nuovo consumatore appare essere: - autonomo: è diventato più critico ed indipendente; - competente: ha più informazioni sulle sue scelte di consumo; - esigente: richiede sempre di più da chi vende; - disincantato: è sempre più realistico verso il mercato. Inoltre, il consumatore è profondamente legato, linkato ed embedded in uno o più network di persone che hanno punti di vista, interessi e orientamenti in comune e li condividono in maniera virtuale. Si passa, quindi, dal vecchio consumatore individuale a quello collettivo delle community. Seguendo il pensiero di Fabris, il consumatore ha ormai acquisito un potere ed una discrezionalità che lo portano ad essere sempre più in contrasto con la figura stereotipata del consumatore sottomesso al brand. Questo è possibile soprattutto perché i mercati sono ritornati ad essere luoghi in cui le persone conversano e perché su Internet le persone possono facilmente riconoscersi come simili e organizzarsi in reti sempre più estese. Già nel 2003 Glen Urban fa un attenta analisi di come si sia rafforzato il potere del consumatore di oggi. Negli ultimi anni, infatti, una serie di trasformazioni a livello sociale, economico e tecnologico hanno creato un nuovo tipo di attore che si situa agli antipodi della concezione passata. L individuo del terzo millennio vuole essere protagonista utilizzando al massimo il suo potere per intervenire nei meccanismi del mercato. Non più quindi solo un osservatore esterno di un mondo da cui egli è del tutto escluso, ma forza trainante cosciente della propria importanza. Urban individua tra le cause di tale inversione di marcia proprio la crescente facilità di accesso alle informazioni che caratterizza la società odierna. L avvento di Internet ha rappresentato, infatti, una democratizzazione del flusso informativo mai vista pri- 18

19 ma. La diffusione delle tecnologie e delle conoscenze necessarie alla navigazione garantisce a chiunque la possibilità di trovare in tempo reale tutti i dati di cui ha bisogno per portare a termine il processo decisionale (logica del pull). In un contesto del genere, ecco quindi che le aziende, se vogliono sopravvivere, devono riuscire a farsi persona fra le persone per poter essere al fianco dei propri consumatori come farebbe un amico piuttosto che un venditore senza scrupoli. La ricerca di nuove forme di relazione, la capacità di stimolare una comunicazione a due e a tre vie, la possibilità di creare interazione sono tutte possibilità offerte dallo sviluppo della Rete. Il Web 2.0 in particolare sta cambiando il modo in cui le a- ziende si rivolgono ai loro consumatori o potenziali tali perché un individuo consumatore, che è sicuramente più attento ed informato e che utilizza la rete con ben altri interessi e si espone in modo differente, è più attivo, partecipativo e curioso di quanto non lo fosse da spettatore degli altri mezzi di comunicazione. Internet sta rivoluzionando il marketing, i linguaggi, la comunicazione e la relazione tra le persone, proprio per questo i grandi brand, ma anche quelli più piccoli come testimonia la miriade di piccoli hotel e bed&breakfast recensiti su TripAdvisor, non possono fare a meno che assecondare questa tendenza. Occorre rivisitare quelle che sono le nuove frontiere del marketing. Occorre passare da una da una filosofia verso il mercato, in cui i consumatori vengono individuati, mirati e colpiti, a una filosofia con il mercato, in cui consumatori e fornitori collaborano all interno processo. (Cova, Giordano, Pallera, p.49). Occorre cioè che il marketing si evolva nel societing 8. Come sostiene Fabris (2008) nel suo ultimo libro, il marketing deve realizzare un incontro proficuo con la società, instaurando con questa un rapporto che sia anche di servizio, rispettoso, tendenzialmente simmetrico. Non esistono ricette miracolose per fare evolvere il marketing verso il societing: bensì una profonda rivisitazione delle sue frontiere alla luce dei nuovi sce- 8 l termine societing viene usato per la prima volta da Olivier Badot, Ampelio Bucci e Bernard Cova in un saggio del 1993 dal titolo Societing: Managerial Response to European Aestheticization. 19

20 nari di una società postmoderna e delle nuove responsabilità sociali da cui non può astenersi dal confrontarsi. L evoluzione nel societing è un passaggio obbligato perché il marketing che deve poter svolgere la funzione, davvero cruciale, di ascolto e di raccordo con il mondo del consumo - riacquisti nuovamente centralità nella conduzione dell impresa. Esistono oggi le possibilità per farlo e le nuove tecnologie, il Web 2.0 in primis, possono fornire un supporto determinante in questa direzione. 20

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Web e Social Network: non solo comunicazione ma condivisione A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Dal Web 1.0 al Web 2.0 WEB 1.0 USO LA RETE WEB 2.0 SONO IN RETE WEB 2.0 SIAMO

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication G&P communication srl - Milano Dal web 1.0 al web 2.0 la grande rivoluzione web 1.0 Statico

Dettagli

Promuovi la tua attività gratuitamente su INTERNET: il Social Media Marketing

Promuovi la tua attività gratuitamente su INTERNET: il Social Media Marketing Promuovi la tua attività gratuitamente su INTERNET: il Social Media Marketing Nethics siti internet e SMM C.so Stati Uniti 72 - Susa (TO) manutenzione@nethics.it - Tel.: 0122/881266 Programma del corso

Dettagli

PRESENTAZIONE 6 OTTOBRE TEMI FOCALI

PRESENTAZIONE 6 OTTOBRE TEMI FOCALI PRESENTAZIONE 6 OTTOBRE TEMI FOCALI LA TECNOLOGIA POTENZIA L ASSISTENTE MULTITASKING La maggior parte delle assistenti (77%) passa più di 6 ore davanti al pc per lavoro, e almeno 2 3 ore sono dedicate

Dettagli

Re-impararea comunicare grazie alle nuove opportunità offerte dal Web 2.0. Nicola Mandich - Excogita s.r.l. www.excogita.net

Re-impararea comunicare grazie alle nuove opportunità offerte dal Web 2.0. Nicola Mandich - Excogita s.r.l. www.excogita.net Re-impararea comunicare grazie alle nuove opportunità offerte dal Web 2.0 Nicola Mandich - Excogita s.r.l. www.excogita.net Il Computer più nuovo al mondo non può che peggiorare, grazie alla sua velocità,

Dettagli

WEB MARKETING 2.0. La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0

WEB MARKETING 2.0. La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0 WEB MARKETING 2.0 La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0 È un stato di evoluzione del Web, caratterizzato da strumenti e piattaforme che enfatizzano la collaborazione e la condivisione

Dettagli

Corporate Blogging: Il blog come strumento di comunicazione aziendale. 26 febbraio 2014

Corporate Blogging: Il blog come strumento di comunicazione aziendale. 26 febbraio 2014 Corporate Blogging: Il blog come strumento di comunicazione aziendale Che differenza c è tra Blog e Sito Web? Entrambi: sono mezzi per comunicare sul web. hanno il principale obiettivo di informare gli

Dettagli

Promuovi la tua attività gratuitamente su INTERNET: il Social Media Marketing

Promuovi la tua attività gratuitamente su INTERNET: il Social Media Marketing Promuovi la tua attività gratuitamente su INTERNET: il Social Media Marketing Nethics siti internet e SMM C.so Stati Uniti 72 - Susa (TO) manutenzione@nethics.it - Tel.: 0122/881266 Programma del corso

Dettagli

Se conduci una piccola azienda, devi vendere. Se sei un medico o un avvocato o un commercialista, devi vendere.

Se conduci una piccola azienda, devi vendere. Se sei un medico o un avvocato o un commercialista, devi vendere. Se conduci una piccola azienda, devi vendere. Se sei un medico o un avvocato o un commercialista, devi vendere. GLI IMPRENDITORI DEVONO VENDERE Qualunque sia la nostra attività, imprenditoriale o manageriale,

Dettagli

Sull onda del Turismo 2.0

Sull onda del Turismo 2.0 Sull onda del Turismo 2.0 Le comunità virtuali sono i punti d incontro più utilizzati per comunicare, per conoscere nuove persone e per scambiarsi opinioni. Gente proveniente da ogni parte del mondo scrive,

Dettagli

STRUMENTI E TECNICHE LEZIONE 2: PIANO DI COMUNICAZIONE ONLINE

STRUMENTI E TECNICHE LEZIONE 2: PIANO DI COMUNICAZIONE ONLINE WEB 2.0 STRUMENTI E TECNICHE LEZIONE 2: PIANO DI COMUNICAZIONE ONLINE Tina Fasulo CRISI DEL MODELLO 1 A MOLTI La moltiplicazione dei contenuti digitali e distribuzione dell attenzione su molteplici canali

Dettagli

Essere presenti on line: le regole di base per utilizzare al meglio sito web e e-commerce

Essere presenti on line: le regole di base per utilizzare al meglio sito web e e-commerce Essere presenti on line: le regole di base per utilizzare al meglio sito web e e-commerce pag. 1 E COMMERCE: ALCUNI DATI IMPORTANTI (ITALIA) - Osservatorio B2C del Politecnico di Milano CRESCITA SUL 2013:

Dettagli

Riassunto. poetica (o estetica), metalinguistica, referenziale (o denotativa) e conativa (Jakobson, 1966).

Riassunto. poetica (o estetica), metalinguistica, referenziale (o denotativa) e conativa (Jakobson, 1966). Riassunto La comunicazione pubblicitaria è, nel mondo contemporaneo, una presenza costante, una realtà sempre più pervasiva che trova ampio spazio all interno dei media tradizionali e non, attraverso le

Dettagli

NinjaBit S.r.l. - Via Luciano Manara 17-20122 Milano Tel. 02 971263 Fax 02 97381286

NinjaBit S.r.l. - Via Luciano Manara 17-20122 Milano Tel. 02 971263 Fax 02 97381286 0. Indice 1. Intro: i Ninja del Bit 2. Posizionamento nei motori di ricerca 3. Il web 2.0 4. I Social Network 5. Il Mobile e Tablet 6. Competenze NinjaBitS.r.l. -Via Luciano Manara 17-20122 Milano 1. I

Dettagli

Un idea per Eden Viaggi

Un idea per Eden Viaggi Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni (CPO) Un idea per Eden Viaggi Anno Accademico 2009/2010 INDICE Premessa

Dettagli

Le associazioni dei pazienti nell era dei social network e dei social media

Le associazioni dei pazienti nell era dei social network e dei social media Le associazioni dei pazienti nell era dei social network e dei social media Eugenio Santoro Laboratorio di Informatica Medica Dipartimento di Epidemiologia Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri

Dettagli

Tecnico Superiore per la filiera delle nuove produzioni vegetali e florovivaistiche

Tecnico Superiore per la filiera delle nuove produzioni vegetali e florovivaistiche Fondazione Minoprio - corso ITS Tecnico Superiore per la filiera delle nuove produzioni vegetali e florovivaistiche I social media Facebook La maggior parte dei proprietari di piccole aziende hanno dichiarato

Dettagli

Le marche su Internet: una conversazione che ha già luogo

Le marche su Internet: una conversazione che ha già luogo CAPITOLO 1 Le marche su Internet: una conversazione che ha già luogo Le origini della conversazione Internet ha dato alle persone una possibilità tanto semplice quanto potente. Quella di farsi ascoltare.

Dettagli

Social Media: Nuovi modelli di Marketing e Vendita on-line

Social Media: Nuovi modelli di Marketing e Vendita on-line Social Media: Nuovi modelli di Marketing e Vendita on-line Enrico Bertoldo Marketing Director Stefano Marongiu Customer Segment Manager Andrej Crnjaric Social Media Specialist 2009 Amadeus IT Group SA

Dettagli

Investire nei social. con ritorno

Investire nei social. con ritorno con ritorno Per le aziende che operano nel turismo la vera opportunità è creare un esperienza sociale che consenta agli web users di sentirsi parte di una community. Così aumentano brand awareness e fatturato.

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

STRATEGIE DI MARKETING NON CONVENZIONALE: MARKETING VIRALE E GUERRILLA MARKETING

STRATEGIE DI MARKETING NON CONVENZIONALE: MARKETING VIRALE E GUERRILLA MARKETING STRATEGIE DI MARKETING NON CONVENZIONALE: MARKETING VIRALE E GUERRILLA MARKETING IL MARKETING VIRALE Adriana Cristiano INDICE - Principale differenza tra marketing tradizionale e marketing virale - Definizione

Dettagli

Focus. Prima dell avvento del web: marketing dell interruzione

Focus. Prima dell avvento del web: marketing dell interruzione Da dove si comincia? Come orientarsi nella grande quantità di risorse, distinguere le informazioni rilevanti da quelle non rilevanti, quelle aggiornate da quelle scadute, verificarne l attendibilità. Avere

Dettagli

Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it

Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it Ciascuno di noi ha oggi a disposizione uno spazio potenzialmente illimitato

Dettagli

BUSINESS 2.0 LAB - seconda edizione -

BUSINESS 2.0 LAB - seconda edizione - BUSINESS 2.0 LAB - seconda edizione - Laboratorio operativo sugli strumenti di Business, Marketing & Reputation,per aumentare la visibilità e il potere attrattivo delle aziende on-line SCENARIO Ogni giorno

Dettagli

jklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcv bnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuio pasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfgh

jklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcv bnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuio pasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfgh Qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui La rivoluzione di internet nel turismo

Dettagli

Il web 2.0 - Definizione

Il web 2.0 - Definizione Web 2.0 e promozione della salute Eugenio Santoro Laboratorio di Informatica Medica Dipartimento di Epidemiologia Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri Il web 2.0 - Definizione - E quella parte

Dettagli

#ridieassapori è in linea con i nuovi bisogni e tendenze delle persone mosse dalla necessità di avere le informazioni sempre a portata di mano.

#ridieassapori è in linea con i nuovi bisogni e tendenze delle persone mosse dalla necessità di avere le informazioni sempre a portata di mano. In futuro non andremo più in ricerca di notizie, saranno le notizie a trovare noi, oppure saremo noi stesse a crearle. E quel futuro è già iniziato (Socialnomics) #ridieassapori racchiude l obiettivo principale

Dettagli

What you dream, is what you get.

What you dream, is what you get. What you dream, is what you get. mission MWWG si propone come punto di riferimento nella graduale costruzione di una immagine aziendale all'avanguardia. Guidiamo il cliente passo dopo passo nella creazione

Dettagli

Strategie per il web marketing

Strategie per il web marketing Strategie per il web marketing Fasi dell orientamento d impresa Per comprendere in che misura (rivoluzionaria) internet ed il web in particolare, ha contributo allo sviluppo del mercato dei servizi e/o

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DEL WEB PRODUCER PROGRAMMA LEZIONI

PROFILO PROFESSIONALE DEL WEB PRODUCER PROGRAMMA LEZIONI PROFILO PROFESSIONALE DEL WEB PRODUCER PROGRAMMA LEZIONI Introduzione La rivoluzione tecnologica che ha investito la nostra società si esplica in tutti i settori della vita produttiva e sociale. L emergere

Dettagli

Social Media Marketing per hotel

Social Media Marketing per hotel Social Media Marketing per hotel Agenda Il Social Media Marketing per hotel Pianificare una strategia social Facebook per strutture ricettive: consigli e suggerimenti Come promuovere un hotel su Google

Dettagli

Corso Youtube. Il video marketing con Youtube per aumentare la visibilità del brand

Corso Youtube. Il video marketing con Youtube per aumentare la visibilità del brand Corso Youtube Il video marketing con Youtube per aumentare la visibilità del brand Argomenti del corso di Youtube Fare video marketing con Youtube Tipi di video contenuti per Youtube Creazione di un account

Dettagli

MEDIAKIT. Suoni GPS GPS. Comunicazione. Multimediale. Comunicazione. Facebook. Facebook. YouTube. YouTube. Show. Slide. Twitter. Slide Show.

MEDIAKIT. Suoni GPS GPS. Comunicazione. Multimediale. Comunicazione. Facebook. Facebook. YouTube. YouTube. Show. Slide. Twitter. Slide Show. Comunicazione Video Testi Slide Show Twitter Brochure Linkedin Slide Portale Immagini Editoria Newsletter Show Web Portale Editoria Editoria Flickr Digitale Device Mappe Cataloghi GPS Facebook Magazine

Dettagli

Partners/Soci. Extranet. Navigatori Punti vendita

Partners/Soci. Extranet. Navigatori Punti vendita Intranet, Extranet, Internet Punti vendita Intranet Partners/Soci Extranet Internet Navigatori Navigatori Punti vendita Clienti da casa/ufficio Le tecnologie non sostituiscono la comunicazione ma sono

Dettagli

www.osla.sm/social/ Il Social Media Marketing fotonica srl

www.osla.sm/social/ Il Social Media Marketing fotonica srl www.osla.sm/social/ OSLA, in collaborazione con Fotonica presenta il primo corso di Social Media Marketing tenuto dal nostro partner Luca Conti noto ambientalista, blogger e giornalista. Il Social Media

Dettagli

Sezione: 9. MODELLO OPERATIVO VINCENTE

Sezione: 9. MODELLO OPERATIVO VINCENTE Scopri come Creare e Vendere viaggi online! Sezione: 9. MODELLO OPERATIVO VINCENTE La 5 cose che devi fare per avere successo in questa attività! Sai cosa fa la differenza tra una formula di successo e

Dettagli

I social network, come sfruttarli al meglio per comunicare tra i colleghi

I social network, come sfruttarli al meglio per comunicare tra i colleghi I social network, come sfruttarli al meglio per comunicare tra i colleghi www.aioroma.it Intervista a Maurizio Patitucci A cura di Michelangelo Marino Buongiorno Maurizio, sono ormai diversi anni che insieme

Dettagli

PROGRAMMA. INSTAGRAM Ottimizzazione del proprio account e tecniche per migliorare la diffusione delle proprie foto e video.

PROGRAMMA. INSTAGRAM Ottimizzazione del proprio account e tecniche per migliorare la diffusione delle proprie foto e video. Digital Magics Palermo (via Lincoln 21) Quattro incontri di quattro ore ciascuno (4 e 5 marzo 11 e 12 marzo 2016, venerdì ore 15/19; sabato ore 10/14): 16 ore totali 90 euro (i primi due) + 90 euro opzionali

Dettagli

FACEBOOK IN TOURISM Destinazioni turistiche e Social Network

FACEBOOK IN TOURISM Destinazioni turistiche e Social Network + FACEBOOK IN TOURISM Destinazioni turistiche e Social Network A cura di Roberta Garibaldi e Roberto Peretta Ed. FrancoAngeli 2011 I contenuti generati dagli utenti hanno oggi una riconosciuta importanza

Dettagli

Verso una Coop 2.0. Media e comunicazione nelle imprese cooperative: tecnologie comunicative, pratiche e partecipazione.

Verso una Coop 2.0. Media e comunicazione nelle imprese cooperative: tecnologie comunicative, pratiche e partecipazione. Verso una Coop 2.0 Media e comunicazione nelle imprese cooperative: tecnologie comunicative, pratiche e partecipazione Agata Meneghelli Obiettivi ricerca Che potenzialità hanno i nuovi media digitali per

Dettagli

INNOVARE E TRASFORMARSI PER COMPETERE LA FORMAZIONE DI LIQUID PER IL CHANGE MANAGEMENT

INNOVARE E TRASFORMARSI PER COMPETERE LA FORMAZIONE DI LIQUID PER IL CHANGE MANAGEMENT INNOVARE E TRASFORMARSI PER COMPETERE LA FORMAZIONE DI LIQUID PER IL CHANGE MANAGEMENT Introdurre nuove competenze e applicarle rapidamente al ruolo per ottenere risultati rapidi e tangibili sul business:

Dettagli

develon web d.social il potere della conversazione develon.com

develon web d.social il potere della conversazione develon.com develon web d.social il potere della conversazione develon.com Facebook, Twitter, Flickr, YouTube, forum tematici, blog, community... Qualcuno dice che il Web 2.0 ha cambiato il mondo. Qualcun altro, meno

Dettagli

Web Evolution. arrivare sempre e ovunque 25 ottobre 2012

Web Evolution. arrivare sempre e ovunque 25 ottobre 2012 Web Evolution arrivare sempre e ovunque 25 ottobre 2012 Agenda Web Marketing: nuove opportunità per le aziende Massimiliano Fenio Social Media Marketing: case history DESPAR Roberta Savioli e-commerce:

Dettagli

Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato. Firenze, 4 maggio 2015

Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato. Firenze, 4 maggio 2015 Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato Firenze, 4 maggio 2015 Un sito statico è un sito web che non permette l interazione con l utente,

Dettagli

PROVINCIA Barletta Andria Trani. Politiche del Lavoro, Formazione Professionale e Pubblica Istruzione. Progetto

PROVINCIA Barletta Andria Trani. Politiche del Lavoro, Formazione Professionale e Pubblica Istruzione. Progetto Barletta Andria Trani Progetto dei Servizi per il Lavoro della Provincia Barletta Andria Trani Premessa e contesto di riferimento Oltre il 25% della popolazione della Provincia di Barletta Andria Trani

Dettagli

Social media marketing. Spunti per un discorso con i Giornalisti nell Erba #nonsolochat

Social media marketing. Spunti per un discorso con i Giornalisti nell Erba #nonsolochat Social media marketing Spunti per un discorso con i Giornalisti nell Erba #nonsolochat Il marketing [Wikipedia] Il marketing viene definito come quel processo sociale e manageriale diretto a soddisfare

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI. Corso di laurea magistrale in

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI. Corso di laurea magistrale in ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Corso di laurea magistrale in Scienze della Comunicazione Pubblica e Sociale Lo stato dell arte del marketing: da Kotler

Dettagli

SOCIAL MEDIA MARKETING:

SOCIAL MEDIA MARKETING: SOCIAL MEDIA MARKETING: Il valore della relazione Giovanna Montera Comunic/Azione. Comunicare oggi fra Narrazioni e Nuove Tecnologie 24 Gennaio 2013 é una social media company specializzata nell analizzare

Dettagli

SCENARIO. Formazione Unindustria Treviso - Business 2.0 LAB

SCENARIO. Formazione Unindustria Treviso - Business 2.0 LAB BUSINESS 2.0 LAB Laboratorio operativo sui nuovi strumenti di Business, Marketing & Reputationper aumentare la visibilità e il potere attrattivo delle aziende SCENARIO Oggi il percorso di acquisto e informazione

Dettagli

Turismo e Social Network

Turismo e Social Network Turismo e Social Network Elaborato di Eleonora Cancialli Cosa sono i social network e come sono nati. Social network è un termine inglese che, se utilizzato nell ambito del web, serve ad indicare quei

Dettagli

Scelta della destinazione.

Scelta della destinazione. Scelta della destinazione. Il passaparola batte internet? Il web è il terzo canale di comunicazione utilizzato dai turisti (29% in media) dopo il passaparola e l esperienza personale Affidarsi a consigli

Dettagli

rielaborazione dal fascicolo I SOCIAL NETWORK RIFLESSIONI E PRECAUZIONI reperibile su: www.garanteprivacy.it

rielaborazione dal fascicolo I SOCIAL NETWORK RIFLESSIONI E PRECAUZIONI reperibile su: www.garanteprivacy.it rielaborazione dal fascicolo I SOCIAL NETWORK RIFLESSIONI E PRECAUZIONI reperibile su: www.garanteprivacy.it 1 COSA SONO? piazze virtuali, luoghi in cui, via Internet, ci si ritrova portando con sé e condividendo

Dettagli

TURISMO ON LINE: COME MUOVERE I PRIMI PASSI?

TURISMO ON LINE: COME MUOVERE I PRIMI PASSI? Registro 4 TURISMO ON LINE: COME MUOVERE I PRIMI PASSI? Guida pratica per avviare con successo la propria attività turistica online TIPS&TRICKS DI MIRKO LALLI INDEX 3 5 7 11 15 Introduzione Registra il

Dettagli

Dal marketing al societing: 10 tesi

Dal marketing al societing: 10 tesi Dal marketing al societing: 10 tesi Il marketing opera in una società che sta vivendo un momento di cambiamento di grande portata. Siamo di fronte a una transizione d epoca accelerata dalla pervasiva diffusione

Dettagli

Primi Passi Guadagno

Primi Passi Guadagno Primi Passi Guadagno Online Questo è un report gratuito. E possibile la sua distribuzione, senza alterare i contenuti, gratuitamente. E vietata la vendita INTRODUZIONE Mai come in questo periodo è scoppiato

Dettagli

Audiovisivo 2.0: scenari e strumenti della rete

Audiovisivo 2.0: scenari e strumenti della rete Audiovisivo 2.0: scenari e strumenti della rete Associazione Documentaristi Emilia Romagna 12 aprile 2012 obiettivi come i nuovi strumenti digitali possono diventare veri e propri alleati per la formazione

Dettagli

Teoria della Long Tail

Teoria della Long Tail Il web Definizioni 2/8 Web = un mezzo/strumento per comunicare, informare, raccontare, socializzare, condividere, promuovere, insegnare, apprendere, acquistare, vendere, lavorare, fare business, marketing,

Dettagli

Social Media Marketing

Social Media Marketing Social Media Marketing #01. introduzione Barcis, 05 marzo 2014 angela.biancat@gmail.com @angycat cenni di marketing brand piano di comunicazione media e new media content marketing (lett.) introdurre sul

Dettagli

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network Prof. Giuseppe Riva Università Cattolica del Sacro Cuore www.isocialnetwork.info 1-1 Indice I social network sono una moda? SN come

Dettagli

INTRODUZIONE SOCIAL MEDIA MARKETING

INTRODUZIONE SOCIAL MEDIA MARKETING INTRODUZIONE SOCIAL MEDIA MARKETING FIRENZE, 13 APRILE 2013 Nicola Carmignani @nicocarmigna www.nicolacarmignani.it PRESENTAZIONI Nicola Carmignani @nicocarmigna Blog: Uno Spreco di Bit! www.nicolacarmignani.it

Dettagli

Marketing non convenzionale. Corso di Marketing Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Marketing non convenzionale. Corso di Marketing Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Marketing non convenzionale Corso di Marketing Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Definizione Wikipedia Insieme di strategie promozionali che sfruttano metodi di comunicazione

Dettagli

Siamo tutti cultural prosumers! La partecipazione del visitatore dal laboratorio all User-Generated Content

Siamo tutti cultural prosumers! La partecipazione del visitatore dal laboratorio all User-Generated Content Siamo tutti cultural prosumers! La partecipazione del visitatore dal laboratorio all User-Generated Content di Irene Popoli La tecnologia, nei vari settori in cui si è sviluppata, ed i prodotti di consumo

Dettagli

Le nostre piattaforme sono realizzate con lo stesso criterio dei mattoncini LEGO. E possibile assemblare numerosi moduli, ognuno con differenti

Le nostre piattaforme sono realizzate con lo stesso criterio dei mattoncini LEGO. E possibile assemblare numerosi moduli, ognuno con differenti Speakage è una Plat-Agency (Platforms Agency) che sviluppa piattaforme web modulari a supporto della Comunicazione e del Marketing digitale avanzato. Realizza prodotti su misura e fornisce consulenza strategica

Dettagli

LA BASILICATA TURISTICA SBARCA SUL WEB

LA BASILICATA TURISTICA SBARCA SUL WEB 119-120] Basilicata Regione Notizie SPECIALE TURISMO LA BASILICATA TURISTICA SBARCA SUL WEB f r a b l o g, s o c i a l n e t w o r k e siti i n t er n e t d e d i cat i a i p u b b l i c i più diversi,

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

Il Cliente al centro del Business: Social network e CRM

Il Cliente al centro del Business: Social network e CRM Il Cliente al centro del Business: Social network e CRM Chiara Albanese Michele Dell Edera In collaborazione con: Asernet tecnologia, comunicazione e nuovi media Zeroventiquattro.it Il quotidiano on line

Dettagli

Bloggiornalismo. Dal web publishing alle comunità di blog per la classe in rete

Bloggiornalismo. Dal web publishing alle comunità di blog per la classe in rete Bloggiornalismo. Dal web publishing alle comunità di blog per la classe in rete Giulia Caminada Professoressa di Materie Letterarie Scuola Media G. Segantini di Asso giulia.caminada@tiscali.it - www.bloggiornalismo.it

Dettagli

Comunicare la scuola sul web

Comunicare la scuola sul web AIART UCIIM 18 marzo 2009 comunicare rendere partecipi, entrare in relazione con gli altri scuola come istituzione, luogo di lavoro, attività di insegnamento, educazione e trasmissione dell insegnamento

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 11 -

Informatica per la comunicazione - lezione 11 - Informatica per la comunicazione" - lezione 11 - Wiki" Wiki deriva dall espressione hawaiana wiki wiki, che significa rapido : il termine è stato introdotto da B. Leuf and W. Cunningham (in The Wiki Way:

Dettagli

Il consulente per l accesso al web e ai social network A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it www.facebook.com/zarabaraclaudia Giugno

Il consulente per l accesso al web e ai social network A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it www.facebook.com/zarabaraclaudia Giugno Il consulente per l accesso al web e ai social network A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it www.facebook.com/zarabaraclaudia Giugno 2014 Connessione Internet in Italia I dati (Censis) gli

Dettagli

Digital marketing: scenari

Digital marketing: scenari Università Degli Studi Di Napoli Federico II Dipartimento di Scienze Sociali - Corso di Laurea in Culture Digitali e Della Comunicazione Digital marketing: scenari Dall Internet Marketing a Digital Marketing.

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

GESTIRE I SOCIAL MEDIA

GESTIRE I SOCIAL MEDIA - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA MARKETING, SALES & COMMUNICATION GESTIRE

Dettagli

Catalogo formativo 2013. INGENIA Group. Manuale commerciale. Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013. Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup.

Catalogo formativo 2013. INGENIA Group. Manuale commerciale. Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013. Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup. Catalogo formativo 2013 INGENIA Group Manuale commerciale Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013 Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup.it MARKETING & INNOVAZIONE Percorso formativo e-mail MARKETING

Dettagli

La rete di tecnologie La circolazione dei contenuti attraverso diversi mezzi di comunicazione anche a partire dalle attività degli utenti

La rete di tecnologie La circolazione dei contenuti attraverso diversi mezzi di comunicazione anche a partire dalle attività degli utenti Nicoletta Vittadini La rete di contenuti Il sito web tradizionale La rete di tecnologie La circolazione dei contenuti attraverso diversi mezzi di comunicazione anche a partire dalle attività degli utenti

Dettagli

il nuovo modo di concepire il business B.Core Business www.bcorebusiness.com info@bcorebusiness.com

il nuovo modo di concepire il business B.Core Business www.bcorebusiness.com info@bcorebusiness.com il nuovo modo di concepire il business Una Struttura Globale per la crescita della tua Azienda B.Core sei tu! Il tuo Business in pochi passi B.Core è un associazione in continua evoluzione, completamente

Dettagli

Come sviluppare una strategia social per la promozione della propria struttura. www.claudiazarabara.it Dicembre 2015

Come sviluppare una strategia social per la promozione della propria struttura. www.claudiazarabara.it Dicembre 2015 Come sviluppare una strategia social per la promozione della propria struttura www.claudiazarabara.it Dicembre 2015 Utenti Internet nel mondo Utenti Internet in Europa Utenti Internet in Italia Utenti

Dettagli

Costruisci la tua presenza con le Pagine Facebook

Costruisci la tua presenza con le Pagine Facebook Pagine 1 Costruisci la tua presenza con le Pagine Guida per le organizzazioni no profit La Ogni giorno, milioni di persone in tutto il mondo visitano per connettersi con gli amici e condividere i propri

Dettagli

Costruendo valore per il turismo in Lombardia

Costruendo valore per il turismo in Lombardia Costruendo valore per il turismo in Lombardia Chi siamo Explora S.C.p.A. ha il compito di promuovere la Lombardia e Milano sul mercato turistico nazionale ed internazionale. La società opera esattamente

Dettagli

Catalogo formativo Anno 2012-2013

Catalogo formativo Anno 2012-2013 Catalogo formativo Anno 2012-2013 www.kaleidoscomunicazione.it marketing & innovazione >> Email Marketing >> L email è ad oggi lo strumento di comunicazione più diffuso tra azienda e cliente e dunque anche

Dettagli

MMCM- Esercitazione Piano Social Media Marketing a cura di Leonardo Bellini Pagina 1

MMCM- Esercitazione Piano Social Media Marketing a cura di Leonardo Bellini Pagina 1 1 - MMCM -Piano di Social Media Marketing Roma 23 Marzo 2010 A cura di Leonardo Bellini Fate le cose nel modo più semplice possibile, ma senza semplificare.. [Albert Einstein] MMCM- Esercitazione Piano

Dettagli

RadioTv Forum 2012 di Aeranti-Corallo

RadioTv Forum 2012 di Aeranti-Corallo Analisi delle linee di sviluppo della radiofonia in Internet RadioTv Forum 2012 di Aeranti-Corallo 1 Sommario 1) Recall intervento RadioTv Forum 2011 2) Elementi di contesto 3) Social radio: come? 4) Proposta

Dettagli

Nuovi Media, strumenti di condivisione. Prof. Roberto Maldacea

Nuovi Media, strumenti di condivisione. Prof. Roberto Maldacea Coordinamento CARITAS Operatori comunicazione NUOVI MEDIA Megafono di solidarietà Nuovi Media, strumenti di condivisione Prof. Roberto Maldacea Premessa Per raggiungere 1 Miliardo di utenti il telefono

Dettagli

gestione della delega, all assunzione delle responsabilità, al processo di apprendimento, al miglioramento continuo.

gestione della delega, all assunzione delle responsabilità, al processo di apprendimento, al miglioramento continuo. La formazione del personale aziendale oggi ha un forte valore e riconoscimento nel lavoro. A volte si rende utile fare formazione anche al di fuori dell'azienda. Proprio per questo motivo si utilizza il

Dettagli

Reputazione online. Andrea Barchiesi, CEO Reputation Manager andrea.barchiesi@reputation-manager.it NEL CORSO DEL WEBINAR SCOPRIRAI:

Reputazione online. Andrea Barchiesi, CEO Reputation Manager andrea.barchiesi@reputation-manager.it NEL CORSO DEL WEBINAR SCOPRIRAI: Reputazione online NEL CORSO DEL WEBINAR SCOPRIRAI: FONDAMENTI DI COMUNICAZIONE DIGITALE: LE REGOLE DEL WEB NUOVI OBIETTIVI DI COMUNICAZIONE: DAL BRAND ALL IDENTITÀ DIGITALE DEFINIZIONE DI WEB REPUTATION

Dettagli

CYBER PR: TROVA I TUOI POTENZIALI FANS E LI RENDE PARTE ATTIVA DELLA TUA MUSICA.

CYBER PR: TROVA I TUOI POTENZIALI FANS E LI RENDE PARTE ATTIVA DELLA TUA MUSICA. CYBER PR: TROVA I TUOI POTENZIALI FANS E LI RENDE PARTE ATTIVA DELLA TUA MUSICA. CHE COS'E' IL CYBER PR? Il CYBER PR è una campagna di promozione discografica digitale il cui scopo è quello di sfruttare

Dettagli

La relazione con il cliente, evoluzione, tra nuove esigenze e opportunità

La relazione con il cliente, evoluzione, tra nuove esigenze e opportunità La relazione con il cliente, evoluzione, tra nuove esigenze e opportunità Mario Massone fondatore Club CMMC 1) Il Marketing, nuova centralità: meno invasivo, più efficace 2) La customer experience, come

Dettagli

Dal marketing non convenzionale alle digital PR

Dal marketing non convenzionale alle digital PR Dal marketing non convenzionale alle digital PR Rossella Sobrero - 27 ottobre 2014 Introduzione al marketing non convenzionale Ciò che oggi non è convenzionale, domani semplicemente, lo diventerà. La comunicazione

Dettagli

Comunicazione Istituzionale e Social Media. Fare rete, ottenere visibilità e conoscere nuovi interlocutori grazie ai Social Media.

Comunicazione Istituzionale e Social Media. Fare rete, ottenere visibilità e conoscere nuovi interlocutori grazie ai Social Media. Comunicazione Istituzionale e Social Media Fare rete, ottenere visibilità e conoscere nuovi interlocutori grazie ai Social Media. Fare Rete I Social Media sono uno strumento di comunicazione interessante

Dettagli

vip VIRAL IDEA PROJECT Idee e strategie di comunicazione Identifichiamo il giusto canale per diffondere le tue idee. CHI SIAMO

vip VIRAL IDEA PROJECT Idee e strategie di comunicazione Identifichiamo il giusto canale per diffondere le tue idee. CHI SIAMO vip vip VIRAL IDEA PROJECT Idee e strategie di comunicazione Identifichiamo il giusto canale per diffondere le tue idee. CHI SIAMO Viral Idea Project (VIP) è un progetto nato da un team di professionisti

Dettagli

I Social media sono solo una moda. o l evento più importante dopo la Rivoluzione industriale?

I Social media sono solo una moda. o l evento più importante dopo la Rivoluzione industriale? I Social media sono solo una moda Anni per raggiungere 50 milioni di utenti 38 anni 13 anni 3 anni o l evento più importante dopo la Rivoluzione industriale? Le reti sociali Una delle ultime possibilità

Dettagli

Il marketing territoriale dal basso: il cittadino protagonista della promozione del territorio

Il marketing territoriale dal basso: il cittadino protagonista della promozione del territorio Il marketing territoriale dal basso: il cittadino protagonista della promozione del territorio Paolo Grigolli Chiara Bille Caprino Veronese 16 ottobre 2014 PROGETTO DI PROMOZIONE DEL TURISMO RURALE: I

Dettagli

Come gestire i Social Network

Come gestire i Social Network marketing highlights Come gestire i Social Network A cura di: Dario Valentino I Social Network sono ritenuti strumenti di Marketing imprescindibili per tutte le aziende che svolgono attività sul Web. Questo

Dettagli

Digital Marketing: quando l innovazione diventa semplice. Come un clic.

Digital Marketing: quando l innovazione diventa semplice. Come un clic. Digital Marketing: quando l innovazione diventa semplice. Come un clic. Giada Cipolletta Digital & Content Marketing Strategist SIMMAT Voi, che tipo digital siete? L e-voluzione del marketing Interazione

Dettagli

SOCIAL MEDIA E TURISMO

SOCIAL MEDIA E TURISMO SOCIAL MEDIA E TURISMO L EVOLUZIONE DEL MERCATO: LA RIVOLUZIONE DIGITALE Lo scenario attuale è in costante cambiamento, i social media stanno modificando il nostro modo di guardare il mondo invadendo quasi

Dettagli

riportare quindi il centro del nostro mondo tra le mura della nostra città.

riportare quindi il centro del nostro mondo tra le mura della nostra città. magazine free press Firenze Urban Lifestyle è un magazine freepress che nasce dalla volontà di dare energia alla forza intrinseca della città di Firenze. La nostra redazione vuole dar voce a realtà e situazioni

Dettagli

Comunicazione e Nuovi Media. Selene Biffi

Comunicazione e Nuovi Media. Selene Biffi Comunicazione e Nuovi Media Selene Biffi Youth Action for Change 2005 Utilizzo ICTs nello svolgimento giornaliero delle attività Corsi e altre attività formative Programmi usufruiti in 120 Paesi Le basi

Dettagli