INDICE. Presentazione... Premessa...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE. Presentazione... Premessa..."

Transcript

1 INDICE Presentazione... Premessa... pag. VII XV CAPITOLO I INTRODUZIONE 1. Contratti «derivati»: termine nuovo o nuovo significato di un termine noto? I rischi presenti nell attività finanziaria (segue): Il rischio di credito (segue): Il rischio paese (segue): Il rischio di mercato (segue): Il rischio di liquidità (segue): Il rischio operativo (segue): Il rischio legale (segue): Il rischio di reputazione CAPITOLO II INTEREST RATE SWAPS E INTEREST RATE AND CURRENCY SWAPS 1. Introduzione Premessa terminologica Origini dell interest rate and currency swap Origini dell interest rate swap (segue): Benefici Analisi degli elementi costitutivi della fattispecie Definizione del contratto (segue): Sulla necessità dell equivalenza economica delle prestazioni (segue): Sulla natura aleatoria o commutativa del contratto (segue): Natura commutativa del contratto (segue): Swap e contratto differenziale (segue): L eccezione di gioco (segue): Sinallagma ed atipicità Aspetti di disciplina fallimentare Il contratto modello dell International Swaps and Derivatives Association, Inc

2 X INDICE 16. Il contratto modello dell Associazione Bancaria Italiana Il contratto modello della Federazione Bancaria Europea I contratti modello: accordi normativi o contratti autonomi? Dei meccanismi di compensazione nei contratti modello (segue): Definizione di netting (segue): Effetti del netting sul rischio (segue): Close-out netting e fallimento Gli swaps come strumenti finanziari Giurisprudenza italiana Aspetti regolamentari CAPITOLO III SWAPS DOMESTICI 1. Origini dello swap domestico Definizione del contratto Caratteristiche del contratto Aspetti di disciplina fallimentare Il contratto modello dell Associazione Bancaria Italiana Gli swaps domestici come strumenti finanziari Giurisprudenza italiana CAPITOLO IV FORWARD RATE AGREEMENTS 1. Origini e funzione Definizione del forward rate agreement Caratteristiche del contratto Aspetti di disciplina fallimentare Documentazione contrattuale Il contratto modello dell Associazione Bancaria Italiana I forward rate agreements come strumenti finanziari Aspetti regolamentari CAPITOLO V FINANCIAL FUTURES 1. Origini e funzione Impossibilità di definizione unitaria del financial future Il financial future su Buoni del Tesoro italiano Il financial future su titoli obbligazionari Il financial future su tassi di interesse Il financial future su indici Il financial future su azioni Il financial future su merci Il financial future sulle divise

3 INDICE XI 10. Il mercato italiano sugli strumenti derivati (Idem) Caratteristiche comuni dei contratti futures I financial futures come strumenti finanziari Aspetti regolamentari CAPITOLO VI OPZIONI SUL TASSO DI INTERESSE 1. Descrizione delle fattispecie Definizione del contratto: la causa (segue): Atipicità e aleatorietà Aspetti di disciplina fallimentare Documentazione contrattuale Le opzioni sul tasso di interesse come strumenti finanziari Giurisprudenza italiana Aspetti regolamentari CAPITOLO VII OPERAZIONI IN CAMBI 1. Tipologia delle operazioni Natura giuridica delle operazioni di cambio spot e forward Natura giuridica delle operazioni di foreign exchange swap Il contratto modello International foreign exchange master agreement («Ifema») Le operazioni in cambi come strumenti finanziari? CAPITOLO VIII OPZIONI SU SWAPS, FINANCIAL FUTURES, TITOLI, DIVISE E INDICI 1. Descrizione ed inquadramento delle fattispecie Definizione del contratto Aspetti di disciplina fallimentare Documentazione contrattuale Il contratto modello dell Associazione Bancaria Italiana Il contratto modello International currency options master agreement («ICOM») Il contratto modello per le opzioni su futures su Buoni del Tesoro italiano Le opzioni come strumenti finanziari Giurisprudenza italiana Aspetti regolamentari CAPITOLO IX CONTRATTI DERIVATI DI CREDITO 1. Introduzione

4 XII INDICE 2. Credit default swap semplice. Descrizione della fattispecie (segue): Atipicità della fattispecie (segue): Definizione del contratto Credit default swap complesso. Descrizione della fattispecie (segue): Tecniche di trasferimento del credito: la sub-participation (segue): Atipicità della fattispecie (segue): Credit default swap con surrogazione o con sub-participation Credit default option. Descrizione della fattispecie (segue): Tipicità della fattispecie in esame (segue): Definizione del contratto Credit spread swap. Descrizione della fattispecie (segue): Riconducibilità della fattispecie in esame al contratto differenziale semplice ed eccezione di gioco (segue): Definizione del contratto Credit spread option. Descrizione della fattispecie Opzione su asset swap. Descrizione della fattispecie Total rate of return swap. Descrizione della fattispecie e definizione del contratto (segue): Atipicità del contratto in esame (segue): Caratteristiche del contratto Credit linked note. Descrizione della fattispecie I contratti derivati di credito come strumenti finanziari: un problema di qualificazione (segue): La riserva di attività Aspetti di disciplina fallimentare Documentazione contrattuale. Le integrazioni al contratto modello Isda e le Long Confirmations (segue): Le Definition per i credit derivatives e le Short Confirmations Aspetti regolamentari (segue): L assunzione e la copertura del rischio paese attraverso i contratti derivati di credito CAPITOLO X CONTRATTI DERIVATI SU TITOLI AZIONARI (EQUITY DERIVATIVES) 1. Descrizione delle fattispecie Caratteristiche dei contratti Aspetti di disciplina fallimentare Documentazione contrattuale I contratti derivati su titoli azionari come strumenti finanziari Aspetti regolamentari Contratto di swap su azioni quotate e controllo CAPITOLO XI CONTRATTI DERIVATI SU FONDI (FUND DERIVATIVES) 1. Descrizione delle fattispecie

5 INDICE XIII 2. Caratteristiche dei contratti Aspetti di disciplina fallimentare Documentazione contrattuale I contratti derivati su fondi come strumenti finanziari Aspetti regolamentari CAPITOLO XII CONTRATTI DERIVATI SU MERCI (COMMODITY DERIVATIVES) 1. Descrizione delle fattispecie Caratteristiche dei contratti Aspetti di disciplina fallimentare Documentazione contrattuale I contratti derivati su merci come strumenti finanziari Giurisprudenza italiana Aspetti regolamentari CAPITOLO XIII CONTRATTI DERIVATI METEOROLOGICI (WEATHER DERIVATIVES) 1. Introduzione Descrizione del mercato e delle principali fattispecie Determinazione delle prestazioni Natura giuridica dei contratti di weather index call option/call e weather index put option/floor: la causa (segue): Aleatorietà e atipicità Natura giuridica del contratto di weather index swap Caratteristiche comuni ai contratti derivati meteorologici Aspetti di disciplina fallimentare Documentazione contrattuale I derivati meteorologici come strumenti finanziari? CAPITOLO XIV CONTRATTI DERIVATI SU TARIFFE DI TRASPORTO (FREIGHT DERIVATIVES) 1. Descrizione della fattispecie Caratteristiche dei contratti I derivati su tariffe di trasporto come strumenti finanziari? Documentazione contrattuale Aspetti di disciplina fallimentare CAPITOLO XV CONTRATTI DERIVATI SU INDICATORI ECONOMICI (ECONOMIC DERIVATIVES) 1. Descrizione della fattispecie

6 XIV INDICE 2. Caratteristiche dei contratti I derivati su indicatori economici come strumenti finanziari? Documentazione contrattuale Aspetti di disciplina fallimentare CAPITOLO XVI CONTRATTI DERIVATI IMMOBILIARI (REAL ESTATE DERIVATIVES) 1. Descrizione della fattispecie Caratteristiche dei contratti I derivati immobiliari come strumenti finanziari? Documentazione contrattuale Aspetti di disciplina fallimentare CAPITOLO XVII CONTRATTI SU QUOTE DI EMISSIONI (EU EMISSIONS ALLOWANCES TRANSACTIONS) 1. Descrizione della fattispecie CAPITOLO XVIII CONCLUSIONI

INDICE. Presentazione... Premessa alla seconda edizione aggiornata... Premessa...

INDICE. Presentazione... Premessa alla seconda edizione aggiornata... Premessa... Presentazione.... Premessa alla seconda edizione aggiornata... Premessa... VII XVII XIX CAPITOLO I INTRODUZIONE 1. Contratti derivati: termine nuovo o nuovo significato di un termine noto?... 1 2. I rischi

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO IL CONTRATTO DERIVATO LA NOZIONE, LA FUNZIONE, LA STORIA

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO IL CONTRATTO DERIVATO LA NOZIONE, LA FUNZIONE, LA STORIA XIII Prefazione alla prima edizione... Prefazione alla seconda edizione... Elenco delle principali abbreviazioni... IX XI XXI CAPITOLO PRIMO IL CONTRATTO DERIVATO LA NOZIONE, LA FUNZIONE, LA STORIA Guida

Dettagli

Indice Introduzione all economia del mercato mobiliare Il lessico dei mercati mobiliari

Indice Introduzione all economia del mercato mobiliare Il lessico dei mercati mobiliari Indice Pag. 1. Introduzione all economia del mercato mobiliare 1 Antonio Fasano 1.1 Il sistema finanziario e il mercato mobiliare 1 1.1.1 Gli strumenti finanziari 2 1.1.2 Gli intermediari finanziari 4

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

I NUOVI CONTRATTI NELLA PRASSI CIVILE E COMMERCIALE

I NUOVI CONTRATTI NELLA PRASSI CIVILE E COMMERCIALE IL DIRITTO PRIVATO NELLA GIURISPRUDENZA a cura di Paolo Cendon I NUOVI CONTRATTI NELLA PRASSI CIVILE E COMMERCIALE XX Banca, borsa e titoli di credito UTET INDICE SOMMARIO Capitolo I Disciplina generale

Dettagli

Mercati, strumenti finanziari e investimenti alternativi

Mercati, strumenti finanziari e investimenti alternativi Mercati, strumenti finanziari e investimenti alternativi Claudio Boido, Antonio Fasano Mercati, strumenti finanziari e investimenti alternativi McGraw-Hill Milano New York San Francisco Washington D.C.

Dettagli

DERIVATI FINANZIARI IL PROBLEMA DELLA CAUSA ASTRATTA DEGLI SWAP: UNA NUOVA SOLUZIONE PER LE IMPRESE 1

DERIVATI FINANZIARI IL PROBLEMA DELLA CAUSA ASTRATTA DEGLI SWAP: UNA NUOVA SOLUZIONE PER LE IMPRESE 1 DERIVATI FINANZIARI IL PROBLEMA DELLA CAUSA ASTRATTA DEGLI SWAP: UNA NUOVA SOLUZIONE PER LE IMPRESE 1 MARCO ROSSI* ABSTRACT Dopo aver analizzato sommariamente il concetto di causa astratta e causa concreta

Dettagli

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa Indice 3 PREFAZIONE 5 INTRODUZIONE - Tendenze evolutive del rapporto banca-impresa 5 I.1 Premessa 6 I.2 Le recenti riforme dell ordinamento bancario 9 I.2.1 Le direttive del Comitato di Basilea 12 I.2.2

Dettagli

SOMMARIO. Capitolo I CENNI GENERALI SUI MERCATI A TERMINE (di Davide Mare e Alessandro Fiorini) I. MERCATI A TERMINE II. STRUMENTI DERIVATI

SOMMARIO. Capitolo I CENNI GENERALI SUI MERCATI A TERMINE (di Davide Mare e Alessandro Fiorini) I. MERCATI A TERMINE II. STRUMENTI DERIVATI SOMMARIO Capitolo I CENNI GENERALI SUI MERCATI A TERMINE (di Davide Mare e Alessandro Fiorini) I. MERCATI A TERMINE 1. Introduzione... 3 2. Caratteristiche istituzionali e funzionamento dei mercati...

Dettagli

Le novità della MiFID per il trading finanziario di energia e aspetti contrattualistici dei derivati sull energia

Le novità della MiFID per il trading finanziario di energia e aspetti contrattualistici dei derivati sull energia Avv. Lorenzo Parola Avv. Silvia Morlino Milano, 30 giugno 2008 Le novità della MiFID per il trading finanziario di energia e aspetti contrattualistici dei derivati sull energia Sommario La riserva di attività

Dettagli

Prefazione. Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1

Prefazione. Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1 Prefazione XV Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1 Capitolo 2 Il mercato delle opzioni azionarie 11 2.1 Le opzioni sui singoli titoli azionari 11 2.2 Il mercato telematico delle

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

La valutazione dei derivati illiquidi

La valutazione dei derivati illiquidi La valutazione degli attivi illiquidi detenuti dagli intermediari finanziari La valutazione dei derivati illiquidi ROBERTO CONTINI Banca Intermobiliare S.p.A. Milano 12 luglio 2012 S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

Parte prima I prodotti del mercato monetario e obbligazionario 1

Parte prima I prodotti del mercato monetario e obbligazionario 1 00_caparrelli 20-01-2004 13:10 Pagina VII Prefazione XIII Parte prima I prodotti del mercato monetario e obbligazionario 1 Capitolo 1 I prodotti del mercato monetario 3 1.1 Introduzione al mercato monetario

Dettagli

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Milano 12 marzo Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore 3 Un Azienda ha la necessità di finanziare la sua attività caratteristica per un importo

Dettagli

PARTE I - I CONTRATTI DI FINANZIAMENTO a cura di Matteo Bragantini ed Emanuele Grippo

PARTE I - I CONTRATTI DI FINANZIAMENTO a cura di Matteo Bragantini ed Emanuele Grippo PARTE I - I CONTRATTI DI FINANZIAMENTO a cura di Matteo Bragantini ed Emanuele Grippo CAPITOLO 1 - I contratti di finanziamento nella prassi bancaria 1. Natura giuridica... 4 2. Gli attori del finanziamento

Dettagli

Gli Autori. Simbologia. Presentazione. Introduzione I N D I C E XVII XIX XXIII

Gli Autori. Simbologia. Presentazione. Introduzione I N D I C E XVII XIX XXIII I N D I C E XV XVII XIX XXIII Gli Autori Simbologia Presentazione Introduzione 3 Capitolo 1 Il ruolo della finanza aziendale nell economia dell impresa 3 1.1 La nascita e lo sviluppo della finanza aziendale

Dettagli

Contratti derivati finanziari e di credito

Contratti derivati finanziari e di credito Luiss Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli CERADI Centro di ricerca per il diritto d impresa Contratti derivati finanziari e di credito Lezioni tenute presso la Luiss Management

Dettagli

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (Testo Unico della Finanza) Il valore dello strumento deriva (dipende)

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Gli Strumenti Finanziari secondo i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Relatore: Dott. Stefano Grumolato Verona, aprile 2008 Overview dell intervento Strumenti finanziari e tecniche di valutazione

Dettagli

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE Roma, 3 giugno 2015 Rilevazione sui prodotti derivati over-the-counter a fine dicembre La Banca d Italia

Dettagli

BANCA D ITALIA AMMINISTRAZIONE CENTRALE. Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE

BANCA D ITALIA AMMINISTRAZIONE CENTRALE. Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE BANCA D ITALIA AMMINISTRAZIONE CENTRALE Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE Rilevazione sui prodotti derivati over-the-counter a fine giugno 2005 La Banca d Italia comunica

Dettagli

Ordinanza della CFB sui fondi d investimento

Ordinanza della CFB sui fondi d investimento Ordinanza della CFB sui fondi d investimento (OFI-CFB) Modifica del 24 novembre 2004 La Commissione federale delle banche (CFB) ordina: I L ordinanza della CFB del 24 gennaio 2001 1 sui fondi d investimento

Dettagli

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement 1 Argomenti trattati 1) 1) Principali contenuti 2) 2) IAS 32 Financial Instruments: Disclosure

Dettagli

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29 00.romaneNadotti:Layout 1 25-09-2009 15:15 Pagina vi Gli Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore In questo volume... Il sito xiii xiv xvi xvii xxiii PARTE I Concetti fondamentali Capitolo 1 Il sistema

Dettagli

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista.

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. STEFANIA TANSINI INTESA SANPAOLO DIVISIONE CORPORATE E INVESTMENT BANKING UFFICIO SPECIAL

Dettagli

Gestione del rischio credito

Gestione del rischio credito CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Gestione del rischio credito Dott. Corso Pecori Giraldi 25 ottobre 2011 - Sala Convegni S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Rischio credito nei clienti dei

Dettagli

Nozioni di matematica finanziaria, analisi di scenario, strumenti finanziari, operatività bancaria e costruzione del portafoglio

Nozioni di matematica finanziaria, analisi di scenario, strumenti finanziari, operatività bancaria e costruzione del portafoglio Nozioni di matematica finanziaria, analisi di scenario Nozioni di Matematica Finanziaria 51 Analisi si scenario 103 Piani di ammortamento Rendite Regimi di capitalizzazione semplice e composta Tassi equivalenti

Dettagli

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004 Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale c Carmine Trecroci 2004 1 Tassi di cambio a pronti e a termine transazioni con consegna o regolamento immediati tasso di cambio a pronti (SR, spot exchange

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

I PRODOTTI DERIVATI. Lucidi a cura di Marco Di Antonio

I PRODOTTI DERIVATI. Lucidi a cura di Marco Di Antonio I PRODOTTI DERIVATI Lucidi a cura di Marco Di Antonio CARATTERISTICHE GENERALI Rappresentano obblighi contrattuali che possono o meno tradursi in prestazioni effettive, in relazione al verificarsi di determinati

Dettagli

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE Roma, 10 dicembre 2012 Rilevazione sui prodotti derivati over-the-counter a fine giugno 2012 La Banca d Italia comunica le informazioni

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Strumenti OTC per la gestione del rischio di tasso e di cambio Copyright SDA Bocconi 2007 Prof. Michele Rutigliano 1 Strumenti

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Alcuni strumenti finanziari particolari Alcuni strumenti proposti nel panorama internazionale Gli strumenti ai quali faremo riferimento sono: i financial

Dettagli

I PRODOTTI STRUTTURATI: PROFILI TECNICI, LEGALI E DI VIGILANZA

I PRODOTTI STRUTTURATI: PROFILI TECNICI, LEGALI E DI VIGILANZA I PRODOTTI STRUTTURATI: PROFILI TECNICI, LEGALI E DI VIGILANZA The Adam Smith Society Milano - 19 maggio 2005 Palazzo delle Stelline Corso Magenta, 61 Marco Bartolomei - Responsabile Consulenza Legale

Dettagli

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 GLI STRUMENTI DERIVATI Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Gli strumenti derivati Sono strumenti finanziari la cui esistenza e valutazione dipendono dal valore di un'altra attività chiamata sottostante che può

Dettagli

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Francesca Querci Università di Genova Strumenti derivati e copertura dei rischi finanziari d impresa nel nuovo contesto di

Dettagli

Corso di Laurea in Infermieristica "S" A.A. 2015/2016 Orario Lezioni III Anno - I Semestre Nuovo Ordinamento (D.M. 270/04)

Corso di Laurea in Infermieristica S A.A. 2015/2016 Orario Lezioni III Anno - I Semestre Nuovo Ordinamento (D.M. 270/04) I^ Settimana 12 ottobre 16 ottobre II^ Settimana 19 ottobre 23 ottobre III^ Settimana 26 ottobre 30 ottobre IV^ Settimana 2 novembre 6 novembre V^ Settimana 9 novembre 13 novembre VI^ Settimana 16 novembre

Dettagli

Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V. Indice. Introduzione

Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V. Indice. Introduzione Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V Indice XI Introduzione 3 CAPITOLO 1 Il valore come sintesi degli obiettivi aziendali 3 1.1 Evoluzione e contenuti della funzione finanziaria d

Dettagli

MODELLI IN EXCEL PER LA VALUTAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI COMPLESSI. Calcolo del fair value e misurazione dei rischi

MODELLI IN EXCEL PER LA VALUTAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI COMPLESSI. Calcolo del fair value e misurazione dei rischi Corso tecnico - pratico MODELLI IN EXCEL PER LA VALUTAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI COMPLESSI Calcolo del fair value e misurazione dei rischi Modulo 1 (base): 22-23 aprile 2015 Modulo 2 (avanzato):

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani Introduzione al Corporate Financial Risk Management Lorenzo Faccincani 1 Il Corporate Financial Risk Management Il Corporate Financial Risk Management può essere definito come il complesso delle attività

Dettagli

Gestione dei rischi PROGRAMMA. 1) Nozioni di base di finanza aziendale. 2) Opzioni. 3) Valutazione delle aziende. 4) Rischio di credito

Gestione dei rischi PROGRAMMA. 1) Nozioni di base di finanza aziendale. 2) Opzioni. 3) Valutazione delle aziende. 4) Rischio di credito PROGRAMMA 1) Nozioni di base di finanza aziendale 2) Opzioni 3) Valutazione delle aziende 4) Rischio di credito Gestione dei rischi 5) Risk management 6) Temi speciali di finanza aziendale Argomenti trattati

Dettagli

del 24 gennaio 2001 (Stato 22 marzo 2005)

del 24 gennaio 2001 (Stato 22 marzo 2005) Ordinanza della CFB sui fondi d investimento (OFI-CFB) 951.311.1 del 24 gennaio 2001 (Stato 22 marzo 2005) La Commissione federale delle banche (CFB), visti gli articoli 43 capoverso 2 e 53 capoverso 4

Dettagli

CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato

CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato Pubblicato mediante deposito presso l Archivio Prospetti della CONSOB in data 31 gennaio 2012 Società di gestione Collocatore Unico 2/44 Il presente Prospetto Semplificato

Dettagli

Gli strumenti finanziari derivati nei principi contabili internazionali: contabilizzazione e disclosure. Un indagine empirica.

Gli strumenti finanziari derivati nei principi contabili internazionali: contabilizzazione e disclosure. Un indagine empirica. Corso di Laurea magistrale (ordinamento ex D.M. 270/2004) in Amministrazione, Finanza e Controllo Tesi di Laurea Gli strumenti finanziari derivati nei principi contabili internazionali: contabilizzazione

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

Problematiche della finanza

Problematiche della finanza Problematiche della finanza Il mercato mondiale è un sistema integrato globale delle informazioni Quali determinanti della sconnessione tra economia reale ed economia figurativa? Fragilità della finanza

Dettagli

Sommario. Presentazione dell edizione italiana... xi. efazione... xiii

Sommario. Presentazione dell edizione italiana... xi. efazione... xiii Sommario Presentazione dell edizione italiana... xi Prefazione efazione... xiii Capitolo 1 Il lato oscuro o della valutazione... 1 Definizione di un impresa tecnologica... 2 La crescita del settore tecnologico...

Dettagli

Comunicazione ai Sottoscrittori

Comunicazione ai Sottoscrittori Comunicazione ai Sottoscrittori 6 Novembre 2008 Pioneer S.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese (Fonds Commun de Placement) I.P. Indice 1. Cambio di denominazione e delle politiche

Dettagli

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi.

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi I contratti derivati nelle gestioni assicurative 1 I derivati e le assicurazioni L assunzione di posizioni

Dettagli

Performance e volatilità delle principali asset class nel 2012

Performance e volatilità delle principali asset class nel 2012 Performance e volatilità delle principali asset class nel 2012 Sono stati utilizzati i seguenti indici per le varie asset class: Euro Cash Indices Libor Total return 3 Months (Cash), EuroStoxx in Euro

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 2011 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 2011 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 211 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato è uno strumento finanziario il cui rendimento

Dettagli

Gli strumenti finanziari derivati e le cartolarizzazioni nelle pubbliche amministrazioni

Gli strumenti finanziari derivati e le cartolarizzazioni nelle pubbliche amministrazioni XVI legislatura Gli strumenti finanziari derivati e le cartolarizzazioni nelle pubbliche amministrazioni novembre 2008 n. 63 ufficio ricerche nei settori economico e finanziario Servizio Studi Direttore

Dettagli

ALLEGATO TECNICO GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

ALLEGATO TECNICO GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI ALLEGATO TECNICO GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI 12 gennaio 2005 I. PREMESSA Sono prodotti finanziari derivati (o, più semplicemente, derivati) quei prodotti il cui valore varia in relazione all andamento

Dettagli

RISOLUZIONE N. 58/E. OGGETTO: Operazioni di asset swap su Obbligazioni Generali 6,5% 2010. Interpello art. 11 legge 27-7-2000, n. 212 XY S.p.A.

RISOLUZIONE N. 58/E. OGGETTO: Operazioni di asset swap su Obbligazioni Generali 6,5% 2010. Interpello art. 11 legge 27-7-2000, n. 212 XY S.p.A. RISOLUZIONE N. 58/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 marzo 2003 OGGETTO: Operazioni di asset swap su Obbligazioni Generali 6,5% 2010. Interpello art. 11 legge 27-7-2000, n. 212 XY S.p.A.

Dettagli

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A.

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A. I Settiman 2-6 Ore Lunedi 2 Martedi 3 Mercoledi 4 Giovedì 5 Venerdì 6 II 09-13 Ore Lunedì 9 Martedì 10 Mercoledì 11 Giovedì 12 Venerdì 13 III 16-20 Ore Lunedì 16 Martedì 17 Mercoledì 18 Giovedì 19 Venerdì

Dettagli

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari. Futures Swaps Opzioni

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari. Futures Swaps Opzioni Il bisogno di gestione dei rischi finanziari Futures Swaps Opzioni 1 Famiglie (retail) Imprese (corporate) BISOGNI Gestione liquidità Investimento del risparmio PRODOTTI c/c di corrispondenza (bancario

Dettagli

I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI

I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI ELEMENTI INFORMATIVI DI BASE CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA I principali prodotti derivati

Dettagli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Operatività in derivati Marialaura Napoli 2 Agenda I contratti derivati nell attuale quadro normativo Novità introdotte dalla Dir. 2004/39 Le sedi

Dettagli

NOTA DI SINTESI DEL PROGRAMMA

NOTA DI SINTESI DEL PROGRAMMA NOTA DI SINTESI DEL PROGRAMMA La presente nota di sintesi deve essere letta come introduzione a questo Prospetto di Base e qualsiasi decisione di investire in Obbligazioni si dovrebbe basare sull esame

Dettagli

TIMEO NEUTRAL SICAV. Société d'investissement à capital variable Sede legale: 5, Allée Scheffer L-2520 Lussemburgo R.C.S. Luxembourg B 94351

TIMEO NEUTRAL SICAV. Société d'investissement à capital variable Sede legale: 5, Allée Scheffer L-2520 Lussemburgo R.C.S. Luxembourg B 94351 TIMEO NEUTRAL SICAV Société d'investissement à capital variable Sede legale: 5, Allée Scheffer L-2520 Lussemburgo R.C.S. Luxembourg B 94351 Avviso agli azionisti dei Comparti sotto riportati: 1. Modifica

Dettagli

I credit derivatives, strumenti di gestione del rischio di credito.

I credit derivatives, strumenti di gestione del rischio di credito. I credit derivatives, strumenti di gestione del rischio di credito. a cura di Alessandro Matta 1. I credit derivatives...1 1.1 La documentazione....4 1.2 Il credit event....4 1.3 Modalità di regolamento...5

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni (43 punti) Lei è il responsabile del dipartimento emissioni obbligazionarie di una banca europea. Questa 10 anni fa ha emesso un obbligazione perpetua subordinata

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli IL BILANCIO D ESERCIZIO 2006 LE INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI (art. 2427-bis e art. 2428, co. 2, n. 6-bis) Documento n. 5 del 21 marzo 2007 CIRCOLARE Via G. Paisiello,

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. Espletamento dei servizi finanziari relativi alla concessione di mutui fino al 31/12/2011

CAPITOLATO SPECIALE. Espletamento dei servizi finanziari relativi alla concessione di mutui fino al 31/12/2011 Allegato A CAPITOLATO SPECIALE Espletamento dei servizi finanziari relativi alla concessione di mutui fino al 31/12/2011 Art. 1 - Oggetto Oggetto del presente capitolato è la regolamentazione delle condizioni

Dettagli

PRIMO ANNO 2014 2015

PRIMO ANNO 2014 2015 ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI BERGAMO V CORSO BIENNALE DI FORMAZIONE PER LA PREPARAZIONE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA DI

Dettagli

Corso di Laurea in Infermieristica "S" A.A. 2015/2016 Orario Lezioni II Anno - I Semestre Nuovo Ordinamento (D.M. 270/04)

Corso di Laurea in Infermieristica S A.A. 2015/2016 Orario Lezioni II Anno - I Semestre Nuovo Ordinamento (D.M. 270/04) Corso di Laurea in "S" I^ Settimana 12 ottobre 16 ottobre II^ Settimana 19 ottobre 23 ottobre III^ Settimana 26 ottobre 30 ottobre Corso di Laurea in "S" IV^ Settimana 2 novembre 6 novembre V^ Settimana

Dettagli

INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE FINANZA, DIRITTO E NUOVE REGOLE

INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE FINANZA, DIRITTO E NUOVE REGOLE INTRODUZIONE FINANZA, DIRITTO E NUOVE REGOLE I. La (ri)regolamentazione dei mercati finanziari... pag. 1 II. Cos è la soft law...» 3 III. Soft law e mercati finanziari...» 5 IV. Le funzioni svolte dalla

Dettagli

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DEGLI IMPEGNI ASSUNTI NELLA GESTIONE DEL FONDO IN RELAZIONE A OPERAZIONI IN STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DEGLI IMPEGNI ASSUNTI NELLA GESTIONE DEL FONDO IN RELAZIONE A OPERAZIONI IN STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DEGLI IMPEGNI ASSUNTI NELLA GESTIONE DEL FONDO IN RELAZIONE A OPERAZIONI IN STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI SEZIONE I PREMESSA ( 1 ) Per il calcolo dell esposizione complessiva

Dettagli

Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi

Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi Prof. Manuela Geranio, Università Bocconi Prof. Giovanna Zanotti, Università Bocconi Assolombarda, 1 Aprile 2008, Milano Agenda I. Obiettivi

Dettagli

SOMMARIO Parte I IL SISTEMA DELLE IMPOSTE SUI REDDITI

SOMMARIO Parte I IL SISTEMA DELLE IMPOSTE SUI REDDITI SOMMARIO Parte I IL SISTEMA DELLE IMPOSTE SUI REDDITI Capitolo I L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TASSAZIONE DEI REDDITI DI NATURA FINANZIARIA NELL ORDINAMENTO GIURIDICO ITALIANO 1. Premessa... 3 2. I redditi

Dettagli

Paragrafo 7 Rischio di controparte Informativa qualitativa

Paragrafo 7 Rischio di controparte Informativa qualitativa Paragrafo 7 Rischio di controparte Informativa qualitativa Il rischio di controparte viene misurato in termini di esposizione potenziale futura del valore di mercato, con un metodo simulativo basato sulle

Dettagli

Parte III PRIMARIE DERIVATE SINTETICHE. Classificazione delle attività finanziarie. Gli strumenti finanziari derivati

Parte III PRIMARIE DERIVATE SINTETICHE. Classificazione delle attività finanziarie. Gli strumenti finanziari derivati Parte III Gli strumenti finanziari derivati Classificazione delle attività finanziarie PRIMARIE DERIVATE SINTETICHE Definizioni di derivato CONTRATTO CHE PREVEDE PRESTAZIONI LEGATE ALL ANDAMENTO DI UN

Dettagli

Indice. Presentazione

Indice. Presentazione Indice Presentazione di Pier Luigi Fabrizi pag. XIII 1 L economia del mercato mobiliare di Pier Luigi Fabrizi» 1 1.1 Premessa» 1 1.2 L esercizio semantico» 1 1.3 La collocazione della disciplina» 4 Bibliogra

Dettagli

Fronteggiamento dei rischi della gestione

Fronteggiamento dei rischi della gestione Fronteggiamento dei rischi della gestione Prevenzione (rischi specifici) Impedire che un determinato evento si manifesti o limitare le conseguenze negative Assicurazione (rischi specifici) Trasferimento

Dettagli

RILEVAZIONE SULLE ESPOSIZIONI RILEVANTI Risposte a quesiti di interesse generale

RILEVAZIONE SULLE ESPOSIZIONI RILEVANTI Risposte a quesiti di interesse generale RILEVAZIONE SULLE ESPOSIZIONI RILEVANTI Risposte a quesiti di interesse generale 1. Modalità di rilevazione delle quote di OICR Q. In merito al trattamento delle quote di OICR sono fornite indicazioni

Dettagli

Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014. Francesca Mattassoglio

Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014. Francesca Mattassoglio Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014 Francesca Mattassoglio La crisi economico finanziaria La crisi bancaria del 2007 - il contesto socio economico in cui matura; - la scintilla mutui americani

Dettagli

INDICE Presentazione di Giuseppe Zadra

INDICE Presentazione di Giuseppe Zadra INDICE Presentazione di Giuseppe Zadra XV Prefazione XVII Parte I CONSIDERAZIONI GENERALI Introduzione 3 Capitolo I IL PEGNO NELLA DISCIPLINA CIVILISTICA 1. Premesse 9 2. Il pegno utilizzato a titolo di

Dettagli

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura 1.2. GRUPPO BANCARIO - RISCHI DI MERCATO Nel Gruppo Intesa Sanpaolo le politiche relative all assunzione dei rischi finanziari sono definite dagli Organi Statutari della Capogruppo, i quali si avvalgono

Dettagli

!" #! "" "$" "! ,*$ " -!!./ 0., /1. 1.2! 32440..2! 0 205! /1.2&. 205! 0.5!,0266,46.! 20 0! 47&,,.&0! 4&,8. /4!

! #!  $ ! ,*$  -!!./ 0., /1. 1.2! 32440..2! 0 205! /1.2&. 205! 0.5!,0266,46.! 20 0! 47&,,.&0! 4&,8. /4! ! ""!" #! "" "$" "!! " # " $! "!$ % # &%!% '%'% %($ )! ) *!!$ +!!! %! ) * "!! *%,*$ " -!!./ 0., /1. 1.2! 32440..2! 0 205! /1.2&. 205! 0.5!,0266,46.! 20 0! 47&,,.&0! 4&,8. /4! /40! 105. 70.0&44!,.,,.&0!

Dettagli

Renato Martire CREDIT DERIVATIVES FONDAMENTI TEORICI E MODALITÀ DI PRICING

Renato Martire CREDIT DERIVATIVES FONDAMENTI TEORICI E MODALITÀ DI PRICING Renato Martire CREDIT DERIVATIVES FONDAMENTI TEORICI E MODALITÀ DI PRICING Renato Martire, Credit Derivatives Copyright 2014 Tangram Edizioni Scientifiche Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122

Dettagli

NOTA DI SINTESI DEL PROGRAMMA

NOTA DI SINTESI DEL PROGRAMMA NOTA DI SINTESI DEL PROGRAMMA La presente nota di sintesi deve essere letta come introduzione al presente Prospetto di Base ed ogni eventuale decisione di investire nei Titoli dovrebbe basarsi su un analisi

Dettagli

Economia dei mercati mobiliari

Economia dei mercati mobiliari pag. 1 1 Cos'è un currency future? A) È un contratto che rappresenta l'impegno alla cessione o all'acquisto a termine di una quantità di valuta B) È un contratto in cui una parte acquisisce la facoltà

Dettagli

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore. Parte 1 Gli strumenti di pagamento 1

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore. Parte 1 Gli strumenti di pagamento 1 Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XV XVII XXI Parte 1 Gli strumenti di pagamento 1 Capitolo 1 La moneta e i bisogni di pagamento 3 Eugenio Pavarani 1.1 Il sistema dei pagamenti 3 1.2 La moneta

Dettagli

Alcune tipologie di strumenti derivati. 1. Il future su Ftse Mib 1/6

Alcune tipologie di strumenti derivati. 1. Il future su Ftse Mib 1/6 focus modulo 3 lezione 45 Il mercato dei capitali e la Borsa valori Gli strumenti derivati: caratteristiche generali Alcune tipologie di strumenti derivati 1. Il future su Ftse Mib A seconda dello strumento

Dettagli

INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE

INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE INDICE SOMMARIO XIII PREMESSA INTRODUZIONE 1 1. Gli strumenti di finanziamento dell impresa: le ragioni della riforma CAPITOLO 1 QUESTIONI LEGATE ALLA IDENTIFICAZIONE DELLA FATTISPECIE OBBLIGAZIONARIA

Dettagli

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI Prefazione I contratti derivati di credito (Credit Derivatives) hanno rivoluzionato con la loro introduzione il sistema finanziario, mutando sensibilmente e sostanzialmente il modo in cui le banche assumono,

Dettagli

L'affidabilità delle banche europee: analisi basate su spread creditizi e indicatori azionari

L'affidabilità delle banche europee: analisi basate su spread creditizi e indicatori azionari L'affidabilità delle banche europee: analisi basate su spread creditizi e indicatori azionari Giuseppe Vulpes UniCredit Research & Strategy VI Rapporto FinMonitor su Fusioni e Aggregazioni tra gli Intermediari

Dettagli

INSERTO SPECIALE IN QUESTO NUMERO

INSERTO SPECIALE IN QUESTO NUMERO INSERTO SPECIALE IN QUESTO NUMERO Proponiamo all attenzione dei nostri lettori la sintesi del manuale Cannabis e danni alla salute, pubblicazione scientifica prodotta dal Dipartimento per le Politiche

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

Portfolio Analyzer - Pascal 1.0

Portfolio Analyzer - Pascal 1.0 Portfolio Analyzer - Pascal 1.0 Pascal 1.0 è la prima versione di un semplice Excel-based software, dotato di un Visual Basic Engine, creato per la valutazione di portafogli di strumenti derivati plain

Dettagli

INDICE SOMMARIO. pag. Prefazione... Elenco delle principali abbreviazioni...

INDICE SOMMARIO. pag. Prefazione... Elenco delle principali abbreviazioni... XI Prefazione... Elenco delle principali abbreviazioni... XVII XXI CAPITOLO PRIMO LE ATTIVITÀ BANCARIE Guida bibliografica... 3 1.1. Labancaeleoperazioniconnesse... 5 1.2. Fonti e precedenti normativi..........................

Dettagli

Authorized and regulated by the Financial Services Authority

Authorized and regulated by the Financial Services Authority Authorized and regulated by the Financial Services Authority Mercati sempre più volatili, portafogli più rischiosi, sostenibilità più difficile. E forse il caso di tornare a parlare di risk budgeting e

Dettagli

COMUNICATO AI SENSI DELL ART. 114, COMMA 5, D. LGS. 58/1998 INFORMAZIONI SU RICHIESTA DELLA CONSOB

COMUNICATO AI SENSI DELL ART. 114, COMMA 5, D. LGS. 58/1998 INFORMAZIONI SU RICHIESTA DELLA CONSOB COMUNICATO AI SENSI DELL ART. 114, COMMA 5, D. LGS. 58/1998 INFORMAZIONI SU RICHIESTA DELLA CONSOB Siena, 24 aprile 2013 Su richiesta della Consob, in vista dell assemblea dei soci convocata per il giorno

Dettagli

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati LS FIME a.a. 2008-2009 2009 Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati Giorgio Consigli giorgio.consigli@unibg.it Uff 258 ricevimento merc: 11.00-13.00 1 Programma 1. Mercato delle opzioni e contratti

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI GIANNI NICOLINI GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI Definizioni, caratteristiche e utilizzi UNIVERSITA DI ROMA TOR VERGATA EIF-e.Book (http://www.eifebook.com ISBN 978 88 96639 4 6 Venezia - Treviso, Ottobre

Dettagli

Stampa catalogo. 24-11-2010 16:04:22 Pag. 1 di 129. SebinaOpenLibrary2.2 DataManagement Spa CR CONSIGLIO REGIONALE PUGLIA Gestore2 Domenica VIII 6

Stampa catalogo. 24-11-2010 16:04:22 Pag. 1 di 129. SebinaOpenLibrary2.2 DataManagement Spa CR CONSIGLIO REGIONALE PUGLIA Gestore2 Domenica VIII 6 Pag. 1 di 129 N. inv. 49078 APU CUT N. inv. 49695 APU CUT VIII 6 VIII 68 N. inv. 49427 APU CUT II 81 N. inv. 50264 APU CUT VI 10 N. inv. 49413 APU CUT VI 9 N. inv. 49338 APU CUT VI 1 Pag. 2 di 129 N. inv.

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. Espletamento dei servizi finanziari connessi alla emissione di prestiti obbligazionari

CAPITOLATO SPECIALE. Espletamento dei servizi finanziari connessi alla emissione di prestiti obbligazionari Allegato B CAPITOLATO SPECIALE Espletamento dei servizi finanziari connessi alla emissione di prestiti obbligazionari Art. 1 - Oggetto Oggetto del presente capitolato è la regolamentazione delle condizioni

Dettagli