giusti partner giusti innovazione Ipartner per scommettere sull'innovazione Siamo i per puntare sull

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "giusti partner giusti innovazione Ipartner per scommettere sull'innovazione Siamo i per puntare sull"

Transcript

1 L intervista Il medico alla guida dell'università Il rettore Aldo Tomasi scommette sulle grandi potenzialità della ricerca applicata partner giusti Ipartner Siamo i giusti per puntare per scommettere sull sull'innovazione innovazione «Vogliamo puntare di più sui dottorandi di ricerca: non sono semplicemente giovani neolaureati prestati all'azienda per seguire un progetto. Sono figure importanti che portano l'approccio universitario alla ricerca dentro l impresa, coinvolgendola in una crescita in cui ognuno dà qualcosa e aiuta l altro a migliorare» Il ruolo della ricerca universitaria nella battaglia delle imprese per affrontare la crisi, i tecnopoli, le prospettive di crescita degli spin-off: ecco un quadro d insieme dell Università di Modena e Reggio Emilia di Felicia Buonomo L'«economia della conoscenza» è un tema emergente negli scenari economici attuali. Un'economia quest'oggi dilaniata da una congiuntura sfavorevole, che rischia di disperdere quel patrimonio di risorse umane che costituiscono il fattore distintivo di ogni contesto economico. Oggi più che mai puntare sull'innovazione e lo sviluppo significa interazione tra università e impresa. Abbiamo approfondito questo tema con il rettore dell'università di Modena e Reggio Emilia Aldo Tomasi. In che modo il connubio università-impresa, sul fronte dell'innovazione, dello sviluppo industriale, del rinnovamento, può essere utile per 58 OUTLOOK OUTLOOK 59

2 L intervista uscire dalla crisi? «Penso che nell'attuale contesto di crisi mondiale, una crisi che sta in qualche modo cambiando profondamente anche i comportamenti dei consumatori, le abitudini di vita, le priorità, gli stessi assetti industriali e il protagonismo dei mercati, si richieda uno sforzo congiunto di comprensione che veda prioritario un ripensamento della relazione tra mondo universitario e sistema delle imprese. Dalla crisi, è mia convinzione, non si esce con le solite ricette, immaginando che passata le difficoltà finanziarie tutto possa tornare come prima. Occorre soffermarsi ad analizzare quanto accade, occorre definire un nuovo sistema di valori entro il quale indirizzare un rinnovato modello di consumi e questo comporterà necessariamente l'introduzione di forti elementi di innovazione per quanto riguarda i prodotti, ma anche per quanto riguarda l'organizzazione della produzione. Su questa direzione la nostra Università è già incamminata da tempo, ma abbiamo bisogno di far conoscere e trasferire all'esterno la nostra competenza, la capacità di divulgare le esperienze acquisite e le prassi consolidate per coniugare i nostri sforzi nell'ambito della ricerca con le esigenze della realtà delle imprese». Come si può raggiungere questo obiettivo? «Da parte del governo si sta elaborando il nuovo Piano nazionale per la ricerca. Uno dei suoi aspetti più rilevanti, benché non sia ancora conclusa la sua definizione, riguarda l'obiettivo strategico di "come" la ricerca universitaria possa concorrere e sollecitare le esigenze innovative delle imprese. Come rettori pensiamo sia indispensabile individuare una sede, una struttura comune, che agisca da interfaccia tra il nostro mondo e quello delle imprese, affidata a un governo congiunto, condiviso, riconosciuto per la sua autorevolezza da entrambi i partner. Anche a Modena da molto tempo tentiamo di portare avanti un progetto simile». Ce ne vuole parlare? «A livello di Ateneo questo sforzo è stato accompagnato dalla istituzione di Ilo (acronimo di Industrial Liaison Office), inteso Il profilo Il rettore con la laurea in medicina A ldo Tomasi è nato a Trento nel Da novembre 2008 è il nuovo rettore dell'università di Modena e Reggio Emilia. Si è laureato a Modena nel È specializzato in Igiene e in Oncologia. Nel 1979 si è trasferito a Londra, dove ha svolto attività di ricerca scientifica per un decennio. Rientrato a Modena, dal 2005 al 2008 è stato preside della facoltà di Medicina e Chirurgia di Modena e dal 2007 al 2009 presidente dell'osservatorio regionale per le professioni sanitarie. È autore di oltre un centinaio di pubblicazioni su riviste internazionali. come incubatore di idee capace di promuovere il trasferimento tecnologico e delle conoscenze maturate in ambito universitario. Ma penso anche a Democenter a Modena e a Reggio Emilia Innovazione nell'omonima città. Se vogliamo, anche Crit Research è un'altro di questi enti che si propone come raccordo tra università e industria. Le ho fatto l'esempio di alcune società miste dove si persegue come finalità il trasferimento tecnologico, ma nelle quali si cerca anche di collaborare nell attività di ricerca. Sul rafforzamento e sviluppo di questi strumenti ho investito molte energie del mio rettorato. Vorremmo, ragionando insieme agli enti locali interessati e alle Camere di Commercio, verificare se sia possibile affidare nuovi compiti a queste strutture e magari anche cambiarne la gestione e l'organizzazione, rendendole più efficienti e più agili. Riteniamo, infatti, che le strutture attuali così come sono ora risentano di una rigidità e manchino di una mission precisa, anche perché fino ad ora sono state circoscritte a un utilizzo che privilegia la piccola e media impresa, quando invece secondo noi la condivisione e la gestione dovrebbero essere allargati anche al sistema della grande impresa, magari consegnando a questi centri, come ad altri che potrebbero nascere, compiti di promozione all'estero, facendoli diventare ponti tra Modena, Reggio Emilia, l'europa e il mondo». Continua a nominare Reggio Emilia. OUTLOOK 61

3 L intervista Il medico alla guida dell Università Finprogex il passaporto per la competizione globale Finprogex, il finanziamento per l internazionalizzazione flessibile, conveniente, garantito da SACE Messaggio pubblicitario con finalità promozionali. Per tutte le condizioni contrattuali si rinvia ai fogli informativi a disposizione della clientela presso ogni filiale della Banca o sul sito web - febbraio 2009 I numeri Flash d ateneo Idati dell anno accademico 2008/2009 offrono una fotografia dell'università di Modena e Reggio Emilia. Rispetto all'anno precedente, l'ateneo vede un incremento degli iscritti, in controtendenza col dato nazionale: da sono passati a (+1,7 per cento), cui corrisponde una leggera crescita dei fuori sede (sul totale degli iscritti, gli studenti provenienti da un'altra regione sono 4.315, il 22,6 per cento), e degli stranieri (957, il 5 per cento). In aumento anche le lauree di secondo livello, mentre si riduce l'incidenza dei fuori corso. Sale il peso relativo della sede di Reggio Emilia, con studenti (26,9 per cento del corpo studentesco generale dell Ateneo), ma cresce anche la popolazione della sede di Modena, che tocca quota studenti. Tra le dodici facoltà spiccano, in termini assoluti, quella di Economia, con un incremento di 180 unità (+5,6 per cento), quella di Ingegneria (Modena) con 99 iscritti in più (+4,2 per cento) e quella di Medicina e Chirurgia con una crescita di 99 unità (+4,1 per cento). Il segno meno caratterizza, invece, la facoltà di Giurisprudenza, con un calo di 211 iscritti (-9,6 per cento), di Scienze della comunicazione e dell economia che arretra di 91 iscritti (-4,5 per cento). Dall alto, due delle sedi universitarie di Reggio Emilia: l ex caserma Zucchi, recentemente restaurata, e la facoltà di Agraria «Sì, continuo a nominarla perché siamo mossi dalla determinazione di unificare queste strutture, quantomeno Democenter e Reggio Emilia Innovazione, facendo convergere questi soggetti in un'unica struttura, affinché diventino volano per allargare e unificare altre iniziative di questo tipo tra le due città». Perché? «Innanzitutto perché ho potuto constatare che Modena e Reggio Emilia hanno una struttura socioeconomica fondamentalmente uguale: molta capacità di fare impresa e grande voglia di innovazione all'interno di due territori che, se presi complessivamente, diventano il polo produttivo e manifatturiero più importante in Emilia-Romagna, e non solo per dimensione. In questi primi mesi di mandato ho cercato di seminare l'idea di lavorare su progetti condivisi per giungere a una visibilità e capacità competitiva internazionale molto più efficace di quella attuale». In un sistema economico globalizzato dove l'intervallo di tempo tra la fase di ricerca e sviluppo e l'ingresso del nuovo prodotto sul mercato tende ad essere sempre più breve, è necessario avvicinare gli attori coinvolti. Oltre alle strutture di cui ha parlato ora, c'è altro che si potrà fare? «C'è un'iniziativa della Regione che troviamo di forte interesse ed è quella del cosiddetto tecnopolo. Tradotto, si tratta di un investimento (l'accordo è cosa fatta) con cui la Regione affida all'università, e questa è una novità, il compito di capo fila nella promozione della ricerca traslazionale. Questo significa che il tec- UNIVERSITÀ DI MODENA E REGGIO EMILIA Anno accademico sedi 12 facoltà iscritti (+1,7% studenti fuori corso (-1,1% sull'anno precedente) sull'anno precedente) «Gli spin-off nascono da ricercatori universitari edauna o più aziende, che insieme decidono di investire su un progetto. La cultura d'impresa è fondamentale per portare innovazione nel nostro tessuto» OUTLOOK 63

4 L intervista Il medico alla guida dell Università «Per il tecnopolo di Modena la Regione Emilia-Romagna investirà circa 20 milioni di euro nel prossimo triennio» L ateneo a Modena: sopra, la biblioteca della facoltà di Economia; a sinistra, la sede della facoltà di Lettere; a destra, la Fondazione universitaria Marco Biagi nopolo favorirà investimenti in ricerca. Avremo, quindi, una parte di risorse destinate alla costruzione, o ristrutturazione di edifici esistenti, finalizzati alla ricerca, così come per spin-off, ovvero imprese che sfruttano brevetti prodotti dalla ricerca. Un'altra parte delle risorse sarà, invece, investita sul capitale umano impegnato nei progetti. E, infine, una terza parte andrà per l'acquisto di materiali necessari alla ricerca (macchinari, strumentazioni e altro)». Il polo di Modena e Reggio Emilia quali tecnologie ospiterà? «Per quanto riguarda la parte economica la Regione investirà su questo obiettivo circa 20 milioni di euro nei prossimi tre anni che, se ben spesi, concorreranno in favore di iniziative di trasferimento tecnologico, oltre che di ricerca e di innovazione. Gli investimenti riguarderanno principalmente tre settori. La parte più importante del progetto interessa ingegneria meccatronica, ma anche comunicazione e ingegneria elettronica. Esiste poi un secondo fronte che per la prima volta ha assunto valore strategico, cioè la medicina rigenerativa, il quale può avere un forte impatto in termini industriali sul segmento del biomedicale. Si tratta di una novità importante, che contiamo sviluppi opportunità di ricerca, perché l'ateneo in questo campo può recitare un ruolo da protagonista. In questo ambito, l'università e la Regione, ma anche gli enti locali, non hanno ancora saputoi cogliere le potenzialità che il territorio presenta anche in campo universitario. È di circa un anno fa l'inaugurazione del Centro di medicina rigenerativa "Stefano Ferrari", che ospita laboratori certificati e molto innovativi, con cui si aprono possibilità di ricerca molto interessanti. Parliamo in questo caso di cellule staminali, che nella medicina e non solo rappresentano la nuova frontiera dello sviluppo industriale, tanto è vero che i nostri laboratori sono riconosciuti come struttura industriale produttiva e ciò che viene realizzato e offerto segue i medesimi criteri internazionali applicati all industria del farmaco. Il terzo settore riguarda il segmento agroalimentare, della sicurezza e qualità, delle produzioni geneticamente modificate». OUTLOOK 65

5 L intervista Il medico alla guida dell Università Come saranno distribuite le iniziative a livello territoriale? «I progetti saranno equamente distribuiti su Modena e Reggio Emilia: l'agroalimentare troverà una maggiore concentrazione su Modena, la meccatronica invece sarà distribuita tra i due poli universitari, mentre la medicina rigenerativa farà capo quasi esclusivamente, se non esclusivamente su Modena». Come si potrebbe configurare la struttura dei nuovi tecnopoli? «La progettualità è già definita. Se parliamo di sedi, a Modena si prevede il completamento del Centro per spin-off, già aperto un anno fa presso il campus di Ingegneria. Esiste poi un'idea di utilizzo del comparto ex-sipe di Spilamberto, del quale stiamo definendo le dimensioni, mentre è ancora in fase di progetto un intervento presso le ex Fonderie di Modena, per laboratori di design industriale. A Reggio Emilia, invece, è già stata acquisita dal Comune una struttura delle Officine Meccaniche Reggiane che verrà, grazie ai fondi dei tecnopoli, messa a disposizione di strutture di spin-off. Già da quest'anno cominceremo ad aprire spazi per la selezione del personale, di addetti, di giovani che andranno a lavorare in queste strutture e su questi progetti». Quanta strada bisogna ancora fare prima che si completi il progetto? «Non appena firmato il protocollo, avremo le prime erogazioni di fondi (già disponibili presso la Regione e provenienti da finanziamenti europei specifici per queste finalità). Concretamente è possibile far partire le prime iniziative entro quest'anno». Nei progetti non è citato il settore ceramico. «Lo sviluppo di un'iniziativa regionale sul campo della ceramica segue regole diverse da quelle del tecnopolo e deve essere ancora definito. La Regione, comunque, intende portare avanti un investimento destinato al settore e anche in questo caso sarà definito tra industria e università, superando le differenziazionieicompartimentistagnidelpassato, in cui ognuno agiva per sé. Devo dire che oggi la situazione è cambiata, perché Sassuolo ha un nuovo sindaco e i passi avanti che si erano fatti con il primo cittadino precedente, in questo momento, sono fermi. Non ci sono ancora stati incontri con la nuova amministrazione comunale e dovremo confrontarci sulle nuove prospettive di collaborazione. Attendo di incontrare il sindaco per conoscere i suoi propositi e se confermerà supporto per l'edificazione del nuovo Centro ceramico. Il Centro attuale fu costituito quarant'anni fa e allora la scelta logistica cadde su Bologna. Ma si tratta di una realtà 66 OUTLOOK distante dal contesto produttivo del comprensorio delle piastrelle. Ritengo che portare il Centro da Bologna a Sassuolo sia fondamentale. Con Confindustria Ceramica avevamo avuto numerosi contatti e sviluppato una proposta già molto avanzata: è da verificare se questa è solo una pausa momentanea o un cambio di direzione. Occorre che le varie istituzioni pubbliche, Comune e Provincia, ma anche private, la Camera di Commercio e l'università riprendano le fila del progetto». Come si può generare nuova conoscenza per trasformarla in un valore economico? Lei prima ha parlato di spin-off industriali. «Gli investimenti del tecnopolo riguarderanno principalmente tre settori: l ingegneria meccatronica, la medicina rigenerativa e l agroalimentare, equamente distribuiti tra Modena e Reggio Emilia» LE FACOLTÀ PIÙ GETTONATE Economia +5,6% +4% sull anno precedente Ingegneria sull anno precedente L esterno della sede e un aula della facoltà di Ingegneria di Modena Medicina e Chirurgia +4,1% sull anno precedente la Posta testimone della nostra Storia OGGETTI PER CHI AMA COLLEZIONARE EMOZIONI

6 L intervista Il medico alla guida dell Università «Gli spin-off nascono da progettualità condivise tra uno, due o tre ricercatori universitari e una o più industrie, che insieme decidono di investire su un progetto, su un'idea, destinandovi soprattutto capitale umano. Mentre per le strutture di supporto ci dovrà pensare il tecnopolo, ciò che a noi interessa è stimolare la voglia di investire, di ricercare e di alimentare lo spirito imprenditoriale. Perché gli spin-off inizialmente si appoggiano su risorse miste, cui concorrono tanto l'università, col suo capitale umano, quanto l'industria, con il suo sostegno economico, e questo per il primo triennio; dopo questo periodo, gli spin-off devono essere in grado di proseguire in modo autonomo, cioè devono diventare una vera e propria impresa. La cultura d'impresa è fondamentale per portare innovazione nel nostro tessuto. Questo farà sì che la ricerca non continui a essere slegata dall'industria, ma si fonderà sulla condivisione di progetti utili al mondo produttivo. La cultura degli spin-off si è sviluppata negli Usa, ma è ormai presente in tutto il mondo da molti anni. Le grosse industrie americane, ad esempio, molto spesso sono nate da spin-off universitari. Gli spin-off sono sostanzialmente degli incubatori di impresa, che poggiano inizialmente su quella risorsa insostituibile che è il capitale umano, strumenti che sanno valorizzare e ottimizzare l'apporto di intuizioni, conoscenze e competenze che maturano nel mondo della ricerca. Noi vorremmo che tanti nostri studenti, o ex studenti, indirizzati a lavorare su un progetto fossero in grado di dar vita a nuove imprese». Altri progetti in questa ottica di rapporto più stretto con l'impresa? «Tra i tanti, un progetto già attivo ma che vorrei vedere incrementato in termini di opportunità: mi riferisco agli stage offerti ai nostri studenti. In particolare, vorrei vedere estese queste opportunità più che ai laureandi, soprattutto ai dottorandi. E le spiego perché: il dottorando di ricerca non è semplicemente un giovane neolaureato che per un certo periodo si trova a lavorare su un progetto all'interno di un'azienda, ma una figura di grande rilievo che porta l'approccio universitario alla ricerca dentro l'impresa, coinvolgendola in una crescita in cui ognuno dà qualcosa e aiuta l'altro a migliorare. I dottorandi tra l'altro possono entrare anche in spin-off. Una risorsa importante per il mondo produttivo, che va sfruttata di più e meglio». ph: Ivano Di Maria investiamo in cose vere e tra questec è la tua impresa Banca CRV, insieme dal 1874, semprecon te, specialmente per te, sempre più forti 68 OUTLOOK Tu ci affidi i tuoi risparmi noi li investiamo qui nella tua impresa nella nostra terra V.le Ciro Menotti, 72/ Modena Tel Fax Cell

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI OTTO AZIONI MISURABILI PER L UNIVERSITA, LA RICERCA E L INNOVAZIONE Premessa Nella comune convinzione che Università, Ricerca e Innovazione costituiscano una priorità per il

Dettagli

Fondazione per l Università a Brindisi

Fondazione per l Università a Brindisi Fondazione per l Università a Brindisi Una Fondazione gestita dagli Enti pubblici e privati del territorio brindisino per il coordinamento e la promozione dell offerta formativa universitaria che altre

Dettagli

Per una nuova Bicocca della condivisione, della responsabilità e della valorizzazione

Per una nuova Bicocca della condivisione, della responsabilità e della valorizzazione Per una nuova Bicocca della condivisione, della responsabilità e della valorizzazione Proposte di Cristina Messa La nostra università, nata 15 anni fa, ha bisogno di proseguire nel percorso di crescita,

Dettagli

ASSEMBLEA SEZIONE METALMECCANICA, METALLURGICA E COSTRUZIONE MACCHINARI

ASSEMBLEA SEZIONE METALMECCANICA, METALLURGICA E COSTRUZIONE MACCHINARI ASSEMBLEA SEZIONE METALMECCANICA, METALLURGICA E COSTRUZIONE MACCHINARI Nel predisporre le linee guida del prossimo mandato della sezione Metalmeccanica ho ritenuto utile, più che trascrivere un programma

Dettagli

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza Promuovere Il problema In società sempre più basate sulla conoscenza, una delle condizioni necessarie ad affrontare con successo il processo di riqualificazione del sistema economico è la disponibilità

Dettagli

Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico

Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico Tavola rotonda del convegno del giorno 11 ottobre 2013 presso l Università di Bergamo via dei Caniana - ore 14,30 17 Domande traccia per

Dettagli

Relazione di accompagnamento al bilancio di previsione 2009

Relazione di accompagnamento al bilancio di previsione 2009 Relazione di accompagnamento al bilancio di previsione 2009 Premessa L Università di Trento ha come obiettivo il raggiungimento di una elevata reputazione internazionale, basata sulla qualità della ricerca,

Dettagli

MISSION E STORIA. La nostra Mission: La Scienza per l Uomo. L istituzione e la sua organizzazione. Quattro tappe della nostra storia

MISSION E STORIA. La nostra Mission: La Scienza per l Uomo. L istituzione e la sua organizzazione. Quattro tappe della nostra storia MISSION E STORIA La nostra Mission: La Scienza per l Uomo L Università Campus Bio-Medico di Roma promuove strutture integrate d insegnamento, ricerca e assistenza sanitaria, perseguendo come fine ultimo

Dettagli

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Il POR FESR Emilia Romagna ASSE 1 Ricerca industriale e trasferimento tecnologico 115 milioni

Dettagli

Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi.

Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi. "Successo senza paura nel lavoro e nella vita" di Geshe Michael Roach Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi. Note

Dettagli

Un patto per attraversare la crisi. Accordi e interventi a favore di imprese, lavoratori e famiglie.

Un patto per attraversare la crisi. Accordi e interventi a favore di imprese, lavoratori e famiglie. Un patto per attraversare la crisi. Accordi e interventi a favore di imprese, lavoratori e famiglie. nell anno della crisi la Regione ha: promosso un patto da 520 milioni per tutelare i lavoratori e la

Dettagli

LA NUOVA ORGANIZZAZIONE: 10 DOMANDE A INTERVISTA A FRANCESCO BURESTI, DIRETTORE GLOBAL PROCUREMENT ENEL

LA NUOVA ORGANIZZAZIONE: 10 DOMANDE A INTERVISTA A FRANCESCO BURESTI, DIRETTORE GLOBAL PROCUREMENT ENEL LA NUOVA ORGANIZZAZIONE: 10 DOMANDE A INTERVISTA A, DIRETTORE GLOBAL PROCUREMENT ENEL SPEAKER Francesco Buresti, classe 1964 è direttore della Global Service Function Global Procurement in Enel. Si è laureato

Dettagli

PIANO DELLA PERFORMANCE 2014 2016

PIANO DELLA PERFORMANCE 2014 2016 PIANO DELLA PERFORMANCE 2014 2016 Parere del Senato Accademico del 17 settembre 2014 Approvato nel Consiglio di Amministrazione del 24 settembre 2014 INDICE 1. PRESENTAZIONE DEL PIANO... 3 2. SINTESI DELLE

Dettagli

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO 5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO RAT - Linea d indirizzo Rapporti con il territorio Missione, visione e valori dell Ateneo: La Linea d indirizzo Rapporti con il territorio

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO delle SCIENZE APPLICATE

LICEO SCIENTIFICO delle SCIENZE APPLICATE LICEO SCIENTIFICO delle SCIENZE APPLICATE (Ex Liceo Scientifico Tecnologico) Liceo delle Scienze Applicate ovvero l evoluzione della più importante sperimentazione degli ultimi venti anni, quella del Liceo

Dettagli

Il successo degli studenti del liceo Cornaro all Università di Padova nell anno accademico 2010-11

Il successo degli studenti del liceo Cornaro all Università di Padova nell anno accademico 2010-11 Il successo degli studenti del liceo Cornaro all Università di Padova nell anno accademico 2010-11 Materiali per l autovalutazione e la rendicontazione sociale Settembre 2011 Il successo degli studenti

Dettagli

Politica per la Qualità della Formazione

Politica per la Qualità della Formazione Politica per la Qualità della Formazione Valutazione e accreditamento lasciano un segno se intercettano la didattica nel suo farsi, se inducono il docente a rendere il suo rapporto con i discenti aperto,

Dettagli

Oggetto: risposta al comunicato stampa della campagna UDU denominata #CHIUSIFUORI.

Oggetto: risposta al comunicato stampa della campagna UDU denominata #CHIUSIFUORI. Agli Studenti Unione degli Universitari UDU Oggetto: risposta al comunicato stampa della campagna UDU denominata #CHIUSIFUORI. Gentili Studenti di UDU, come sapete, abbiamo iniziato già da qualche tempo

Dettagli

Imparare è crescere. Rete Politecnica. Alta formazione, ricerca, mobilità internazionale. Lavoro e competenze

Imparare è crescere. Rete Politecnica. Alta formazione, ricerca, mobilità internazionale. Lavoro e competenze Rete Politecnica Alta formazione, ricerca, mobilità internazionale Lavoro e competenze Istruzione e Formazione Professionale Piano straordinario per l occupazione dei giovani Imparare è crescere Per informarsi

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

Assicurazione Qualità della Didattica

Assicurazione Qualità della Didattica Assicurazione Qualità della Didattica Indice 1) Premessa 2) Sistema di Gestione Assicurazione Qualità 3)La struttura organizzativa per l Assicurazione Qualità 4) Sistema di Gestione Assicurazione Qualità

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Le linee di indirizzo dell Università di Ferrara sono state definite già a partire dal piano strategico triennale 2010-2012: garantire la qualità

Dettagli

Schema relazione su rapporto Formedil 2013

Schema relazione su rapporto Formedil 2013 Schema relazione su rapporto Formedil 2013 Questa seconda giornata nazionale della formazione edile inizia con la presentazione del rapporto Formedil 2013, un lavoro impegnativo realizzato come impegno

Dettagli

Calendario dello studente

Calendario dello studente Unità Orientamento e Tutorato Via Savonarola 11 44121 Ferrara Tel. 0532 293395-96 Fax 0532 293333 Web: www.unife.it/orientamento Email: orientamento@unife.it Università degli Studi di Ferrara Anno Accademico

Dettagli

Risultati dei questionari di soddisfazione degli studenti al termine del Master

Risultati dei questionari di soddisfazione degli studenti al termine del Master Risultati dei questionari di soddisfazione degli studenti al termine del Master Informazioni sul Master (Fonte: pagine informative del Portale di Ateneo e comunicazioni tutor Master) TITOLO MIEX INTERNATIONAL

Dettagli

Partecipazione di Unife alla procedura di Italia Lavoro di Sperimentazione di Standard di qualità dei Servizi di placement universitari

Partecipazione di Unife alla procedura di Italia Lavoro di Sperimentazione di Standard di qualità dei Servizi di placement universitari 1 Job Progetto FIxO Scuola e Università 2012 2013 Partecipazione di Unife alla procedura di Italia Lavoro di Sperimentazione di Standard di qualità dei Servizi di placement universitari Nota informativa

Dettagli

Seminario Il controllo di gestione e la misurazione delle performance

Seminario Il controllo di gestione e la misurazione delle performance Seminario Il controllo di gestione e la misurazione delle performance Intervento del Direttore Generale della Banca d Italia Fabrizio Saccomanni 13 giugno 2012 Do il benvenuto a tutti i partecipanti a

Dettagli

La Facoltà di Medicina dell Università di Torino e la Città della Salute e della Scienza

La Facoltà di Medicina dell Università di Torino e la Città della Salute e della Scienza La Facoltà di Medicina dell Università di Torino e la Città della Salute e della Scienza Ezio Ghigo Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Torino Ruolo dell Università in Medicina Missione

Dettagli

Scegliere L ATENEO PALERMITANO

Scegliere L ATENEO PALERMITANO Scegliere L ATENEO PALERMITANO Questa breve presentazione d Ateneo vuole essere una mappa aggiornata per chi si avvicina all Università degli Studi di Palermo, una guida essenziale per conoscere una realtà

Dettagli

IEP - ISTUD Entrepreneurship Programme

IEP - ISTUD Entrepreneurship Programme Fondazione ISTUD IEP - ISTUD Entrepreneurship Programme SVILUPPARE E GESTIRE IN MANIERA VINCENTE LA TUA IDEA DI BUSINESS In collaborazione con: I soci della Fondazione ISTUD sono: AMIAT - AZIENDA MULTISERVIZI

Dettagli

LAUREATI, CRESCE IL TASSO DI DISOCCUPAZIONE: DAL 7% AL

LAUREATI, CRESCE IL TASSO DI DISOCCUPAZIONE: DAL 7% AL Relazioni con i Media Tel. 02/8515.5288/5224 cell. 335/6413321. Comunicati www.mi.camcom.it La ricerca: Il lavoro dei laureati in tempo di crisi LAUREATI, CRESCE IL TASSO DI DISOCCUPAZIONE: DAL 7% AL 12%

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

Università pubblica, forte, libera, aperta.

Università pubblica, forte, libera, aperta. Dal 1990, testimone della libertà di ricerca, prorettrice alla ricerca dell degli Studi di Firenze (2009-2015), presidente del nucleo di valutazione de La Sapienza, ho scelto di candidarmi a Rettore dell

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per la fase 2 del Progetto ILO2

Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per la fase 2 del Progetto ILO2 FESR - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO IL LAVORO E L INNOVAZIONE Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per

Dettagli

BCC Business Community Confindustria SVILUPPARE IL BUSINESS RISPARMIARE NEGLI ACQUISTI

BCC Business Community Confindustria SVILUPPARE IL BUSINESS RISPARMIARE NEGLI ACQUISTI BCC Business Community Confindustria SVILUPPARE IL BUSINESS RISPARMIARE NEGLI ACQUISTI RELAZIONE DEL PRESIDENTE ALBERTO SCANU (12 giugno 2008) Ancora una volta Confindustria ci da l'opportunità di presentare

Dettagli

Polo Innovazione Automotive e Istituto Tecnico Superiore Sistema Meccanica. Raffaele Trivilino Direttore Polo Innovazione Automotive

Polo Innovazione Automotive e Istituto Tecnico Superiore Sistema Meccanica. Raffaele Trivilino Direttore Polo Innovazione Automotive Polo Innovazione Automotive e Istituto Tecnico Superiore Sistema Meccanica Raffaele Trivilino Direttore Polo Innovazione Automotive CONTENUTI a) La filiera Automotive in Italia e in Abruzzo b) La sfida,

Dettagli

Comunicare il Turismo Sostenibile

Comunicare il Turismo Sostenibile UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA DIPARTIMENTO DI SOCIOLOGIA E RICERCA SOCIALE Comunicare il Turismo Sostenibile Master di primo livello Università degli Studi di Milano-Bicocca a.a. 2012-2013 /

Dettagli

Laurea Triennale in Scienze Turistiche (L-15)DURATA DEL

Laurea Triennale in Scienze Turistiche (L-15)DURATA DEL Laurea Triennale in Scienze Turistiche (L-15)DURATA DEL CORSO DURATA DEL CORSO DURATA DEL CORSO La durata del Corso di Laurea è di tre anni per un totale di 180 crediti.obiettivi FORMATIVI Il Corso di

Dettagli

https://www2.almalaurea.it/cgi-php/universita/statistiche/trasparenza.php?annoprofilo...

https://www2.almalaurea.it/cgi-php/universita/statistiche/trasparenza.php?annoprofilo... Pagina 1 di 5 Trasparenza - versione S.U.A. Questa versione della scheda per la trasparenza è stata predisposta per il supporto alla compilazione della Scheda Unica Annuale Opzioni: I dati includono i

Dettagli

PREMESSA. (1) È la stessa Commissione delle Comunità Europee a sottolineare che la preparazione

PREMESSA. (1) È la stessa Commissione delle Comunità Europee a sottolineare che la preparazione PREMESSA I risultati della ricerca compiuta presentano due caratteristiche di particolare rilevanza nel panorama degli studi e delle analisi dedicati ad approfondire le peculiarità della mobilità internazionale

Dettagli

II EDIZIONE DEL MASTER INTERUNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN Sviluppo Competitivo Sostenibile E Responsabilita Di Impresa

II EDIZIONE DEL MASTER INTERUNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN Sviluppo Competitivo Sostenibile E Responsabilita Di Impresa II EDIZIONE DEL MASTER INTERUNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN Sviluppo Competitivo Sostenibile E Responsabilita Di Impresa Atenei che collaborano in regime di convenzione: Università degli Studi di Napoli

Dettagli

Popolazione residente a Cesano nel 2010 Popolazione Popolazione Incrementi % incrementi 2009 CESANO Maderno 36.579 36.889 310 0,8

Popolazione residente a Cesano nel 2010 Popolazione Popolazione Incrementi % incrementi 2009 CESANO Maderno 36.579 36.889 310 0,8 PERFORMANCE PLAN Definizione dell identità dell organizzazione Missione dell IS PER COSTRUIRE OGGI IL TUO FUTURO E DIVENTARE PARTE ATTIVA NELLA COSTRUZIONE DELLA SOCIETA DEL DOMANI Una scuola da sempre

Dettagli

Il Ruolo della Università nella

Il Ruolo della Università nella R&S in ITALIAIA Il Ruolo della Università nella Ricerca e nella Innovazione 1 Trasferimento Tecnologico: il modello del vu cumprà Innovazioni 1. Università e Centri di ricerca sono produttori di conoscenza;

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II RELAZIONE SULLE ATTIVITÀ DI RICERCA, DI FORMAZIONE E DI TRASFERIMENTO TECNOLOGICO (L. 1/2009 * ) - ANNO 2014 - * Ex art.3 quater D.L. n. 180/2008 convertito con legge 1/2009. Disposizioni urgenti per il

Dettagli

Protocollo d 'Intesa

Protocollo d 'Intesa . l l ' P~. tjrtj. ~'f /.Ao RQ{>. e+j R.~\~ N..286~ ja,o Protocollo d 'Intesa Tra Regione Puglia e Consiglio nazionale delle Ricerche La Regione Puglia (C.F. 80017210727), di seguito Regione, nella persona

Dettagli

DARE VALORE ALLE IMPRESE

DARE VALORE ALLE IMPRESE DARE VALORE ALLE IMPRESE Estero, crescita, nuova imprenditoria Accordo Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria indice 2 UN IMPEGNO COMUNE PER LA CRESCITA 3 I PUNTI CHIAVE DEL NUOVO ACCORDO 4

Dettagli

Manifesto delle Città Metropolitane italiane

Manifesto delle Città Metropolitane italiane Manifesto delle Città Metropolitane italiane Le aree metropolitane sono il motore delle economie nazionali e hanno un ruolo sempre più rilevante negli scenari economici, sociali e istituzionali globali.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

Le azioni dell ARTI per il TT in Puglia

Le azioni dell ARTI per il TT in Puglia Le azioni dell ARTI per il TT in Puglia Dott.ssa Adriana Agrimi Coordinatore Tecnico ARTI Bari, 18 Febbraio 2009 - Expolavoro ARTI È l Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione l della Puglia

Dettagli

PROGETTAZIONE STATISTICA DELL'INNOVAZIONE 'CONTINUA' DI PRODOTTO

PROGETTAZIONE STATISTICA DELL'INNOVAZIONE 'CONTINUA' DI PRODOTTO PROGETTAZIONE STATISTICA DELL'INNOVAZIONE 'CONTINUA' DI PRODOTTO La collaborazione tra il sistema della ricerca pubblica e le imprese per l innovazione: efficacia, modalità e finanziamenti Maria Gabriella

Dettagli

LINK UTILI PER L ORIENTAMENTO POST DIPLOMA E MONDO DEL LAVORO

LINK UTILI PER L ORIENTAMENTO POST DIPLOMA E MONDO DEL LAVORO LINK UTILI PER L ORIENTAMENTO POST DIPLOMA E MONDO DEL LAVORO Link utili per l orientamento in uscita e riferimenti a istituzioni ed enti che offrono consulenza nel passaggio scuola-istruzione universitaria

Dettagli

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE E stata fondata da Padre Agostino Gemelli nel 1921 E presente in 4 città: Milano,

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Linee generali dell'attività di Coopfond

Linee generali dell'attività di Coopfond INCONTRO CON I PARTECIPANTI AL MASTER DI 2 LIVELLO SULL'IMPRESA COOPERATIVA Linee generali dell'attività di Coopfond Aldo Soldi Direttore Generale Roma, 30 ottobre 2013 0 AGENDA 1 Cos è Coopfond 2 La rendicontazione

Dettagli

LA CONDIZIONE DEL DOTTORATO DI RICERCA A BOLOGNA NEL 2000

LA CONDIZIONE DEL DOTTORATO DI RICERCA A BOLOGNA NEL 2000 ASSOCIAZIONE DOTTORANDI E DOTTORI DI RICERCA ITALIANI LA CONDIZIONE DEL DOTTORATO DI RICERCA A BOLOGNA NEL Nel dicembre del la sezione di Bologna dell ADI ha condotto un questionario tra gli iscritti ai

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL SANNIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO E SECONDO LIVELLO

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL SANNIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO E SECONDO LIVELLO UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL SANNIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO E SECONDO LIVELLO Articolo 1 Definizione 1. In attuazione di quanto previsto dalla normativa

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

Ruolo della formazione nella sicurezza degli alimenti Alessandro Mangia

Ruolo della formazione nella sicurezza degli alimenti Alessandro Mangia Università degli Studi di Parma Ruolo della formazione nella sicurezza degli alimenti Alessandro Mangia La Sicurezza degli alimenti tema prioritario per l opinione pubblica e nell agenda dei governi mondiali

Dettagli

Sintesi dell'intervento della Dott.ssa Eva Buiatti Agenzia Regionale di Sanità della Regione Toscana - Firenze

Sintesi dell'intervento della Dott.ssa Eva Buiatti Agenzia Regionale di Sanità della Regione Toscana - Firenze Sintesi dell'intervento della Dott.ssa Eva Buiatti Agenzia Regionale di Sanità della Regione Toscana - Firenze Sono un'epidemiologa e lavoro all'agenzia Regionale Sanitaria della Regione Toscana. Il complicato

Dettagli

INDAGINE ALMADIPLOMA SULLE SCELTE FORMATIVE E OCCUPAZIONALI DEI DIPLOMATI 2014

INDAGINE ALMADIPLOMA SULLE SCELTE FORMATIVE E OCCUPAZIONALI DEI DIPLOMATI 2014 INDAGINE ALMADIPLOMA SULLE SCELTE FORMATIVE E OCCUPAZIONALI DEI DIPLOMATI 2014 Cosa avviene dopo il diploma? Il nuovo Rapporto sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria

Dettagli

Università Politecnica delle Marche. Nucleo di Valutazione. Nuclei 2009

Università Politecnica delle Marche. Nucleo di Valutazione. Nuclei 2009 Università Politecnica delle Marche Nucleo di Valutazione Nuclei 2009 Ancona Settembre 2009 Indice PREMESSA... 5 L OFFERTA FORMATIVA RELATIVA ALL A.A 2008/09... 7 Prospetto sintetico delle informazioni

Dettagli

Polo funzionale 11 Università

Polo funzionale 11 Università Polo funzionale 11 Università Comune: Ravenna Fig.1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE Polo n. 11-1 Fig.2 INQUADRAMENTO URBANO Scala 1:10.000 ELENCO UNITÀ DEL POLO FUNZIONALE: Famiglia attività (l.r. 20/2000):

Dettagli

Il Programma nazionale per la Ricerca 2005-2007. Una premessa e una sintesi.

Il Programma nazionale per la Ricerca 2005-2007. Una premessa e una sintesi. Il Programma nazionale per la Ricerca 2005-2007. Una premessa e una sintesi. Sono lieta di presentare, a seguito di una consistente, attenta opera di consultazione, documentazione ed analisi il Programma

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

Università e impresa TALENTI, TECNOLOGIA E TERRITORIO. Manuale informativo sulle opportunità di collaborazione fra l università e le imprese

Università e impresa TALENTI, TECNOLOGIA E TERRITORIO. Manuale informativo sulle opportunità di collaborazione fra l università e le imprese Università e impresa TALENTI, TECNOLOGIA E TERRITORIO Manuale informativo sulle opportunità di collaborazione fra l università e le imprese INDICE Introduzione 3 ASSEGNI DI RICERCA 5 BANCA DATI DELLA RICERCA

Dettagli

44541 - GESTIONE DELLA RISTORAZIONE CDL: Scienze dei consumi alimentari e della ristorazione- A.A. 2009/2010 Prof. D. Viaggi

44541 - GESTIONE DELLA RISTORAZIONE CDL: Scienze dei consumi alimentari e della ristorazione- A.A. 2009/2010 Prof. D. Viaggi 44541 - GESTIONE DELLA RISTORAZIONE CDL: Scienze dei consumi alimentari e della ristorazione- A.A. 2009/2010 Prof. D. Viaggi N.B. Da compilare su file e restituire al docente via e-mail entro venerdì 23

Dettagli

ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE

ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE NATURA E FINALITÀ DELL ATENEO Come riportato dall art. 1 dello Statuto, l Università di Firenze è un istituzione pubblica, espressione della

Dettagli

Documento unitario dei gruppi di lavoro della Facoltà di Medicina e Chirurgia

Documento unitario dei gruppi di lavoro della Facoltà di Medicina e Chirurgia Il documento unitario della Facoltà di Medicina e Chirurgia (28 febbraio 2009) Pubblichiamo il documento della Facoltà di Medicina e Chirurgia che è stato approvato nel Consiglio di Facoltà del 24 febbraio

Dettagli

Introduzione ai Lavori Prof. Andrea Onetti Muda Rettore Università Campus Bio-Medico di Roma

Introduzione ai Lavori Prof. Andrea Onetti Muda Rettore Università Campus Bio-Medico di Roma Introduzione ai Lavori Prof. Andrea Onetti Muda Rettore Università Campus Bio-Medico di Roma Università Campus Bio-Medico di Roma Facoltà Dipartimentale di Medicina e Chirurgia Policlinico Universitario

Dettagli

1. L organizzazione dell Ateneo per la formazione: breve quadro di sintesi

1. L organizzazione dell Ateneo per la formazione: breve quadro di sintesi IL SISTEMA DI ATENEO PER L ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ 1. L organizzazione dell Ateneo per la formazione: breve quadro di sintesi Lo Statuto dell Ateneo individua nei Dipartimenti le strutture didattiche

Dettagli

The Business Game Srl: dall'idea allo start up. Nicola Baldissin

The Business Game Srl: dall'idea allo start up. Nicola Baldissin The Business Game Srl: dall'idea allo start up Nicola Baldissin Business Idea Offrire Business Game personalizzati e flessibili che soddisfino le esigenze dei clienti, sia di tipo formativo che di sviluppo

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

Segreterie Nazionali

Segreterie Nazionali Segreterie Nazionali Roma, 26 giugno 2014 AGENS c.a. Presidente Prof. Gian Maria Gros-Pietro ANCP c.a Presidente Dr. Arnaldo De Santis FISE-Uniferr c.a. Presidente Ing. Pietro Auletta Prot. n. 198/SU/AF_af/ar

Dettagli

STATUTO DELL'ISTITUTO UNIVERSITARIO DI STUDI SUPERIORI IUSS-FERRARA 1391. D.R. Rep. n. 588/2008 Prot. n. 8465 del 4 aprile 2008

STATUTO DELL'ISTITUTO UNIVERSITARIO DI STUDI SUPERIORI IUSS-FERRARA 1391. D.R. Rep. n. 588/2008 Prot. n. 8465 del 4 aprile 2008 STATUTO DELL'ISTITUTO UNIVERSITARIO DI STUDI SUPERIORI IUSS-FERRARA 1391 SENATO ACCADEMICO 18 marzo 2008 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 28 marzo 2008 DECRETO RETTORALE Entrata in vigore Statuto: 1 maggio

Dettagli

Newsletter Progetto Challenge

Newsletter Progetto Challenge Newsletter Progetto Challenge Maggio 2009 IN QUESTO NUMERO: Progetto Challenge: modello veneto, governance distrettuale La mission: intervista all Assessore Elena Donazzan Orientamenti strategici I distretti

Dettagli

RISPOSTE QUESTIONARIO VALUTAZIONE SEMINARIO DI FORMAZIONE STILI DI VITA E SALUTE Montecatini Terme, 20-22 marzo 2015

RISPOSTE QUESTIONARIO VALUTAZIONE SEMINARIO DI FORMAZIONE STILI DI VITA E SALUTE Montecatini Terme, 20-22 marzo 2015 RISPOSTE QUESTIONARIO VALUTAZIONE SEMINARIO DI FORMAZIONE STILI DI VITA E SALUTE Montecatini Terme, 20-22 marzo 2015 Leggi attentamente le seguenti affermazioni e indica il grado di accordo con ciascuna

Dettagli

Start up innovative e incubatori

Start up innovative e incubatori Start up innovative e incubatori Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema L importanza delle competenze digitali nel settore delle imprese a favore dei giovani Marco Bellandi Fare

Dettagli

PROGRAMMA PLURIENNALE DI ATTIVITA 2014-2016

PROGRAMMA PLURIENNALE DI ATTIVITA 2014-2016 MISSIONE E RUOLO PROGRAMMA PLURIENNALE DI ATTIVITA 2014-2016 L attività della Fondazione Cassa di Risparmio di Fermo è concentrata sul proprio territorio di riferimento ossia il comprensorio fermano su

Dettagli

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Progetto Master Comunicare il Turismo Sostenibile

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Progetto Master Comunicare il Turismo Sostenibile Perché comunicare il Turismo Sostenibile La Facoltà di Sociologia dell Università degli Studi di Milano-Bicocca attiverà nel biennio 2013-2014 la seconda edizione del master di primo livello Comunicare

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA. PIU' COMPETENTI PIU' COMPETITIVE La formazione continua per le aziende venete

SCHEDA INFORMATIVA. PIU' COMPETENTI PIU' COMPETITIVE La formazione continua per le aziende venete SCHEDA INFORMATIVA PIU' COMPETENTI PIU' COMPETITIVE La formazione continua per le aziende venete Titolo Oggetto Codice bando Rif. legislativo Rif. pubblicazione Ente emittente Ente gestore Tematica 1:

Dettagli

Le risposte alle domande più frequenti Analisi e Gestione dei Fenomeni Sociali, Organizzativi e Territoriali 1. Si trova facilmente lavoro?

Le risposte alle domande più frequenti Analisi e Gestione dei Fenomeni Sociali, Organizzativi e Territoriali 1. Si trova facilmente lavoro? Le risposte alle domande più frequenti sul Corso di Laurea triennale in Analisi e Gestione dei Fenomeni Sociali, Organizzativi e Territoriali Facoltà di Scienze Politiche Università del Piemonte Orientale,

Dettagli

Allegato I Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS)

Allegato I Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Allegato I Allegato II Allegato III Allegato IV Allegato V Allegato VI ALLEGATI Scheda Unica Annuale del Corso di Studio Requisiti per i Presidî della Qualità Scheda Unica Annuale della Ricerca dei Dipartimenti

Dettagli

Milano, 24 gennaio 2008 Convegno Le imprese cercano, gli ingegneri ci sono? Domanda e offerta a confronto nel panorama europeo. Dr. Alberto Meomartini

Milano, 24 gennaio 2008 Convegno Le imprese cercano, gli ingegneri ci sono? Domanda e offerta a confronto nel panorama europeo. Dr. Alberto Meomartini Assolombarda - Politecnico di Milano - Fondazione Politecnico Milano, 24 gennaio 2008 Convegno Le imprese cercano, gli ingegneri ci sono? Domanda e offerta a confronto nel panorama europeo Dr. Alberto

Dettagli

Newsletter del Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca

Newsletter del Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Newsletter del Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Anno IX N 124-27 ottobre 2005 Approvato dalla Camera il ddl sui docenti universitari e sui ricercatori Un'Università più moderna

Dettagli

Discorso per Piano strategico Atri, 30 maggio 2009. Il polo universitario quale opportunità di recupero della centralità territoriale

Discorso per Piano strategico Atri, 30 maggio 2009. Il polo universitario quale opportunità di recupero della centralità territoriale Discorso per Piano strategico Atri, 30 maggio 2009 Il polo universitario quale opportunità di recupero della centralità territoriale 1) Breve storia di Atri e dei corsi L Università degli studi di Teramo

Dettagli

GIURISPRUDENZA. Programma PROGRAMMA ELEZIONI STUDENTESCHE 2014

GIURISPRUDENZA. Programma PROGRAMMA ELEZIONI STUDENTESCHE 2014 TILISTA APERTA OBIETTIVO STUDENTILISTA APERTA OBIETTIVO STUDEN Programma GIURISPRUDENZA PROGRAMMA ELEZIONI STUDENTESCHE 2014 1. ESAMI E APPELLI a. Organizzazione degli esami e momento della prova b. Appelli

Dettagli

Cosa vuoi fare dopo la scuola superiore?

Cosa vuoi fare dopo la scuola superiore? Cosa vuoi fare dopo la scuola superiore? Agenda L Università oggi Cosa fare, come muoversi? Cosa si studia in Cattolica I perché di una scelta L orientamento in Cattolica L università oggi E dopo la scuola

Dettagli

06.12.2012 Repubblica (p.58) Lo studio a pezzi 1 06.12.2012 Il Tempo (p.17) Cinquant'anni di energia italiana 4

06.12.2012 Repubblica (p.58) Lo studio a pezzi 1 06.12.2012 Il Tempo (p.17) Cinquant'anni di energia italiana 4 CRUI 06.12.2012 Repubblica (p.58) Lo studio a pezzi 1 06.12.2012 Il Tempo (p.17) Cinquant'anni di energia italiana 4 Fondazione CRUI 06.12.2012 Metropolis (p.31) Ministero Economie e Finanze: tirocini

Dettagli

SERVIZIO DI JOB PLACEMENT PROPOSTA DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO

SERVIZIO DI JOB PLACEMENT PROPOSTA DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO 1. MISSION SERVIZIO DI JOB PLACEMENT PROPOSTA DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO Facilitare e supportare l'accesso dei laureandi e dei laureati dell'università di Bologna al mondo del lavoro, minimizzando i tempi

Dettagli

THE AUTOMOBILE SECTOR

THE AUTOMOBILE SECTOR Crisis in a Global Economy. Re-planning the Journey Pontifical Academy of Social Sciences, Acta 16, 2011 www.pass.va/content/dam/scienzesociali/pdf/acta16/acta16-montezemolo.pdf THE AUTOMOBILE SECTOR LUCA

Dettagli

CABINA DI REGIA PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE. Roma, 18 luglio 2012 Ore 17:00 CONCLUSIONI

CABINA DI REGIA PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE. Roma, 18 luglio 2012 Ore 17:00 CONCLUSIONI CABINA DI REGIA PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE Roma, 18 luglio 2012 Ore 17:00 CONCLUSIONI La Cabina di Regia per l internazionalizzazione, nella sua prima riunione svoltasi il 18 luglio 2012 al Ministero

Dettagli

Introduzione. Le Consulte provinciali degli studenti si sono attivate per svolgere al meglio il loro ruolo caratterizzante di

Introduzione. Le Consulte provinciali degli studenti si sono attivate per svolgere al meglio il loro ruolo caratterizzante di BASILICATA 1 2 Introduzione Il presente documento è il risultato del lavoro del gruppo di ricerca promosso dall USR della Basilicata e composto dai Dirigenti dell Ufficio I e dell Ufficio II, dai due Dirigenti

Dettagli

Indice dei servizi Agenzia di Lavoro AlmaLaurea Employer Branding&Campus Recruiting Eventi Virtual Interactive Event Partnership

Indice dei servizi Agenzia di Lavoro AlmaLaurea Employer Branding&Campus Recruiting Eventi Virtual Interactive Event Partnership Indice dei servizi Agenzia di Lavoro AlmaLaurea A.1 Banca dati dei laureati e diplomati A.2 AlmaSkill: la Valutazione del Potenziale A.3 AlmaLaurea Selection Employer Branding&Campus Recruiting B.1 The

Dettagli

Costruendo valore per il turismo in Lombardia

Costruendo valore per il turismo in Lombardia Costruendo valore per il turismo in Lombardia Chi siamo Explora S.C.p.A. ha il compito di promuovere la Lombardia e Milano sul mercato turistico nazionale ed internazionale. La società opera esattamente

Dettagli

D.L. 112/2008 CONVERTITO con L. 133/2008

D.L. 112/2008 CONVERTITO con L. 133/2008 D.L. 112/2008 CONVERTITO con L. 133/2008 "Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria" del

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 15 ottobre 2013 Definizione delle linee generali di indirizzo della programmazione delle Universita', per il triennio 2013/2015. (Decreto

Dettagli

Già in programma tre Opportunity Meeting a Napoli, Roma e Milano tra novembre e dicembre

Già in programma tre Opportunity Meeting a Napoli, Roma e Milano tra novembre e dicembre Responsabile Marco Mariani Roberto Barbato: FRIMMONEY sarà un azienda a sé stante dal 2008 Incontro col Presidente del Gruppo ICUK sul grande successo del franchising creditizio È ufficiale. A partire

Dettagli