Misura del guasto: I parametri affidabilistici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Misura del guasto: I parametri affidabilistici"

Transcript

1 1 Università degli Studi di Cagliari D.I.M.C.M. Misura del guasto: I parametri affidabilistici Prof. Ing. Maria Teresa Pilloni 1 2 Metodi per la misura di un guasto: 1.Tasso di guasto (ed MTBF) 2. Affidabilità 3. Disponibilità Tasso di guasto affidabilità: Misurano la propensione di un processo o di una sua parte, a guastarsi. Disponibilità: Fornisce una misura delle conseguenze del guasto. 3 Il tasso di guasto Numero di guasti riferito all intervallo di tempo di funzionamento. Numero di guasti riferito al numero complessivo di componenti sottoposti al test di verifica. 4

2 2 Il tasso di guasto Tasso di guasto: esempio di calcolo λ Numero = Tempo di di guasti funzionamento 50 componenti elettronici vengono sottoposti ad un test di 2000 ore. Durante il test si guastano 4 componenti, secondo il seguente schema temporale: λ = Numero Numero totale di di guasti prodotti testati Guasto 1: dopo 1200 ore Guasto 2: dopo 1450 ore Guasto 3: dopo 1720 ore Guasto 4: dopo 1905 ore 5 6 Tasso di guasto: esempio di calcolo Il tasso di guasto, come % del numero di componenti testati: = λ 4 * = N. = 8% Numero totale di di guasti *100 = prodotti testati 7 Tasso di guasto: esempio di calcolo Il tasso di guasto, come % rispetto al tempo di funzionamento: λ Numero = Tempo di di guasti funzionamento 8

3 Tasso di guasto: esempio di calcolo Tempo di funzionamento: Tasso di guasto: esempio di calcolo 1. Tempo non operativo: somma tempi non operativi dei componenti che si sono guastati: 1. differenza fra il tempo totale e il tempo non operativo 2. somma dei tempi operativi per i 50 componenti sottoposti a prova. 9 Comp. 1: non operativo per =800 ore Comp. 2: non operativo per =550 ore Comp. 3: non operativo per =280 ore Comp. 4: non operativo per =95 ore T di funzionamento = T totale T. non operativo = = (50 * 2000) ( ) = Tasso di guasto: esempio di calcolo Tasso di guasto: esempio di calcolo 2. Tempo di funzionamento = somma dei tempi operativi dei 50 componenti: T di funzionamento = (46 * 2000) + ( ) = In entrambi i casi: Tasso = di Numero guasto= Tempo di 4 = [ guasti/ ora] di guasti funzionamento = 12 3

4 4 λ = Tasso di guasto Il Tasso di guasto è un parametro che descrive sia componenti riparabili sia componenti non riparabili Numero totale di avarie riscontrate Numero totale di ore di funzionamento Tasso di guasto: esempio per componente singolo riparabile h 1h 3h 1 h Totale Valida per componenti Non riparabili Riparabili 13 λ = = Tot - ( ) 14 Tasso di guasto: la curva a vasca da bagno In generale il guasto è una funzione del tempo: la probabilità che un componente si guasti varia durante la vita del componente secondo una curva discendente. Esempio della lampada. Comportamento analogo per la > parte dei componenti. 15 Tasso di guasto: la curva a vasca da bagno 1. Stadio della mortalità infantile (o stadio iniziale) in cui avvengono i primi guasti, dovuti a parti difettose o a un uso improprio. 2. Stadio della vita normale del componente, in cui il tasso di guasto è ragionevolmente basso e costante e causato da fattori random. 3. Stadio dell usura: il tasso di guasto aumenta come il componente si avvicina al termine della vita utile; il guasto è dovuto a deterioramento fisico. 16

5 Diagramma del tasso di guasto Tasso di guasto: la curva a vasca da bagno [λ] λ( Comportamento poco prevedibile Comportamento prevedibile. Cioè + pianificabile Rodaggio: λ elevato per: guasti, difetti di progettazione, errati montaggi; oggi tale fase è praticamente assente. Usura: si cerca di non arrivarci. Rodaggio A B Vita Utile Usura t Vita utile: λ costante; non esiste una vera e propria causa di guasto, e i guasti sono di natura casuale Tasso di guasto: la curva a vasca da bagno Nel campo dell usura la probabilità di guasto assume una forma gaussiana Curva B: le tre fasi sono ben rappresentate; è possibile fare degli interventi di manutenzione programmata. Curva A: guasto molto meno prevedibile; difficile pianificare gli interventi. f( λ = costante Questo perché esiste una causa ben precisa: i componenti si guastano dopo un determinato tempo. Es.: usura dei cuscinetti: dopo ore, usura delle pompe: dopo 6000 ore di funzionamento, ecc.. 19 T * t 20 5

6 6 Affidabilità L affidabilità misura la capacità di un sistema, prodotto o servizio a comportarsi come atteso nel tempo. L affidabilità di un componente è definita come la probabilità che esso funzioni correttamente, dopo un certo intervallo di tempo, in predeterminate condizioni ambientali. 21 Affidabilità MTBF (Mean Time Between Failure) Un modo alternativo di misurare il guasto è quello di esprimerlo non attraverso l affidabilità, ma attraverso il parametro MTBF: tempo medio fra un guasto e l altro. L MTBF si misura in [ore/guasto] L MTBF è il reciproco del tasso di guastoλ 22 Per componenti riparabili MTBF = (Tempo medio fra i guasti) Mean Time Between Failure Per componenti non riparabili MTTF = (Tempo medio al guasto) Mean Time To Failure Questi due parametri definiscono la durata media fra due guasti successivi per componenti riparabili e la vita media per componenti non riparabili 23 Nel campo della vita utile: MTBF = 1/λ MTTF = 1/λ λ=0.001 guasti/ora, MTBF=(1/ λ)=1000ore/guasto È un parametro più immediato rispetto a λ, che ci dice quante ore un componente, in media, può funzionare, senza che si verifichino dei guasti. 24

7 7 Affidabilità MTBF (Mean Time Between Failure) Esempio: Per il componente avente un λ= [g/h] Si ha: 1 MTBF = = [ h / g] in media, ci si deve aspettare un guasto ogni ore 25 Disponibilità Disponibilità: percentuale di tempo durante il quale un componente è disponibile per il suo funzionamento, rispetto al tempo totale previsto. Esempio: componente non disponibile perché guasto o in fase di riparazione. Esistono vari modi di calcolare la disponibilità in funzione delle varie cause di non disponibilità messe in conto; per es. si può includere la non disponibilità dovuta a M. programmata o al cambio di set-up. 26 Disponibilità In genere viene calcolata e utilizzata per evidenziare il tempo operativo che resta dalla conseguenze di un guasto in cui il componente è disponibile; in tal caso: MTBF AVAILABILITY(A) = MTBF + MTTR MTBF= Tempo medio fra i guasti MTTR= Mean Time To Repair, tempo mediamente necessario per riparare il componente, dal momento in cui si guasta a quello in cui è di nuovo funzionante 27 Disponibilità Esempio: una compagnia progetta e produce grandi poster per fiere, conferenze, convegni, etc.., e compete in base alla velocità con cui distribuisce i propri prodotti. Uno dei componenti, una grossa piattaforma costituita da una stampante laser a colori sta dando dei problemi. Attualmente l MTBF della stampante è di 70 ore, e l MTTR è di 6 ore. Pertanto la disponibilità è di 70 AVAILABILITY( A) = =

8 8 Disponibilità Il fornitore della stampante propone due servizi alternativi. Il primo riguarda un piano di manutenzione preventiva che verrebbe eseguita una volta alla settimana. Ciò porterebbe l MTBF della stampante a 90 ore/guasto. Il secondo riguarda invece l iscrizione a un servizio di riparazione veloce che ridurrebbe l MTTR a 4 ore. Entrambe le opzioni avrebbero lo stesso costo. 29 Disponibilità Quale, fra le due opzioni porterebbe ad avere la disponibilità più elevata? Con l MTBF a 90 ore si ha: 90 AVAILABILI TY( A) = = Con l MTTR ridotto a 4 ore si ha: 70 AVAILABILITY( A) = = Densità di probabilità di guasto f( N avarie f( Affidabilità e Tasso di guasto nel continuo t[h] n componenti (pompa, lampadina, ecc.) vengono accesi al tempo t=0; poi si registra il numero di avarie e si fa un istogramma. Interpolando fra i rettangoli si ottiene una curva continua t

9 9 f( Densità di probabilità di guasto f( Probabilità di guasto nell intervallo t-(t+d Densità di (probabilità di) guasto f( t t+dt t Area totale sottesa = 1 La Densità di Guasto di un componente è una funzione f( che descrive la probabilità che il componente si guasti al tempo t. In generale questa curva è un esponenziale negativa Probabilità cumulativa di guasto F( Affidabilità R( F( t = 0 f ( s) ds Probabilità che il componente si sia guastato fra 0 e t Probabilità di trovare il componente fermo al tempo t R( = 1 F( R( = probabilità di trovare il componente ancora in funzione all istante t (componente che è stato acceso al tempo t=0)

10 Tasso di guasto λ( Densità di guasto f( - Tasso di guasto λ( f(dt Probabilità che il componente si guasti nell intervallo t-(t+d M(0): componenti accesi all istante t=0 M(: componenti rimasti accesi all istante t m: componenti che si sono spenti λ(dt Probabilità che il componente, ancora in funzione all istante t, si guasti nel tempo t-(t+d 37 m M (0) m M ( = f ( dt (1) = λ( dt (2) Probabilità di guasto fra t e t+dt Probabilità misurata rispetto ai componenti ancora in funzione all istante t 38 Densità di guasto f( - Tasso di guasto λ( f(: Fornisce una misura assoluta a partire da t=0 λ(: Fornisce una misura relativa a un tempo t e quindi considera quanti componenti si rompono rispetto a quanti ne sono arrivati 39 m = M (0) M ( = Relazioni fra i parametri f ( dt m = λ( dt M ( M (0) R( (1) (2) (3) 40 10

11 11 Relazioni fra i parametri Relazioni fra i parametri f ( dtm (0) = λ( dtm ( M ( = M (0) R( f ( dtm (0) = λ( dtm (0) R( 41 λ f ( ( t ) = R( E quindi se il componente va sempre R=1, cioè λ(=f(. Poiché R<1, si ha sempre che λ(>f( 42 Formula dell affidabilità e del tasso di guasto F( t = 0 df( = dr( T ) = f ( dt f ( dt = λ( dtr( dr( R( f ( dt = 1 R( = λ( dt 43 Formula dell affidabilità e del tasso di guasto t 0 dr( = R( R( ln = R(0) t 0 t 0 λ( dt λ( dt ma R(0) = 1 44

12 12 Formula dell affidabilità e del tasso di guasto Ipotesi di λ = costante 0 R( = e t λ ( dt R( t = λ e f ( λ( = R( Ipotesi di λ = costante Esempio 20 componenti (ad esempio, pompe) f ( F( = λe λt = 1 R( Nel campo della vita utile f( è una funzione esponenziale negativa = 1 e λt 47 componente ore Durata test: 2000 h n compon. bruciati: 5 I 20 componenti vengono accesi tutti insieme Quindi: una pompa si brucia dopo 700 ore, la seconda si brucia dopo 750 ore, la terza dopo 1000 ore, ecc.. 48

13 13 Esempio Esempio Primo passo: determinazione di λ Numero totale di avarie riscontrate λ = Numero totale di ore di funzionamento λ = (2000) 5 λ = * (10) -4 guasti/h Numero di ore per il quale ciascuna pompa ha funzionato, cioè la somma delle ore complessive Questo mi dice anche quanto tempo il componente può andare avanti senza guastarsi Esempio Secondo passo: determinazione della affidabilità R( R(t=2000h)= e [-1.41*(10)-4*2000] =0.7543=75.43% Sistemi in serie R(t=10h)= e [-1.41*(10)-4*10] =99.8% Noto λ, R( mi serve per fare delle previsioni: dopo un certo tempo t, nota R(, so qual è la probabilità di trovare quel componente ancora in funzione. Quindi 75.43% è la probabilità di trovare la pompa ancora in funzione dopo un tempo pari a 2000 h

14 14 Affidabilità di sistemi complessi Per valutare l affidabilità di sistemi complessi si procede alla modellazione del sistema in blocchi (modellazione RBD, Reliability Block Diagram); in pratica si costruiscono diagrammi a blocchi che esprimono le modalità di composizione, da un pdv logico affidabilistico, dei componenti di un sistema. 53 SISTEMA TIPO SERIE (SISTEMI S) E sufficiente che un solo componente non funzioni perché si blocchi tutto il sistema Quindi la condizione affinché tutto il sistema funzioni, è che i suoi singoli componenti devono essere tutti funzionanti contemporaneamente. Schema RBD serie λ 1 λ 2 λ 3 54 SISTEMA TIPO SERIE (SISTEMI S) Leggi base della probabilità composta 1) Se un evento P si verifica solo se si verificano sia l evento E1 sia l evento E2, che quindi devono avvenire entrambi perché P abbia luogo, allora: Pr(P)=Pr(E1)*Pr(E2/E1) Se E1 ed E2 sono indipendenti allora Pr(E2/E1)=Pr(E2) E quindi in tal caso: Pr(P)=Pr(E1)*Pr(E2) 55 SISTEMA TIPO SERIE (SISTEMI S) Nell ipotesi che il comportamento dei singoli sotto sistemi componenti sia indipendente, la probabilità che il sistema funzioni è quindi data dal prodotto delle probabilità di funzionamento (cioè le affidabilità) dei singoli sotto sistemi che lo compongono: R S ( = R1 ( R2 ( R3 ( 56

15 15 SISTEMA TIPO SERIE (SISTEMI S) SISTEMA TIPO SERIE (SISTEMI S) R R e S 2 ( = e ( = e λ t S = e λ 1 λ 2 λ 3 λ t λ t λ t 1 S 2 e λ t 2 R ( = e R ( = e e 1 3 λ t 3 λ t 1 λ t 3 57 R S λ = S ( = i n i= 1 λ i e λ t i e λ t R( = e S λ t = e S i λ t i i 58 SISTEMA TIPO SERIE (SISTEMI S) SISTEMA TIPO SERIE: Esempio 1 2 λ 1 λ 2 λ 1 = guasti/ora λ 2 =0.001 guasti/ora λ S = λ 1 +λ 2 = guasti/ora 59 Un sistema di alimentazione idraulico è costituito da 4 pompe poste in parallelo, ciascuna di portata pari a Q. Si supponga che la portata necessaria per il servizio sia pari a 4Q, e che quindi il sistema di controllo mandi in blocco il gruppo di pompaggio quando una qualsiasi delle pompe si arresta (nel qual caso la portata scenderebbe al valore di 3Q). 60

16 16 SISTEMA TIPO SERIE: Esempio SISTEMA TIPO SERIE: Esempio Modello RBD: quindi ad un layout di total parallelo, in questo caso, corrisponde uno schema RBD di tipo serie; ciò deriva dalla particolare condizione affidabilistica del sistema, di tipo serie, per cui l avaria di un qualsiasi componente comporta lo stato di avaria dell intero sistema! SISTEMA TIPO SERIE: Esempio SISTEMA TIPO SERIE: Esempio Quindi attenzione!!! La schematizzazione RBD dipende dalla configurazione affidabilistica del sistema complessivo, non dalla sua configurazione fisica! Se la Q globale richiesta fosse stata < di 4Q, lo schema RBD non sarebbe stato di tipo serie! 63 Se, al tempo T fissato: R A (T)=0.7, R B (T)=0.8, R C (T)=0.8, R D (T)=0.9, nell ipotesi di funzionamento indipendente dei suoi componenti, risulta: R S ( T ) = 0.7*0.8*0.8*0.9 =

17 17 SISTEMA TIPO SERIE SISTEMA TIPO SERIE Quindi, per un sistema di tipo serie: 1. L affidabilità di un sistema di tipo serie risulta sempre inferiore all affidabilità del componente meno affidabile 2. L affidabilità di un sistema di tipo serie è una funzione decrescente con il numero di componenti installati 65 Pertanto: Più componenti metto in serie, peggiore è l affidabilità del sistema Se metto fra quelli in serie anche componenti con bassa affidabilità, questi mi fanno abbassare drammaticamente l affidabilità globale del mio sistema 66 SISTEMA TIPO PARALLELO CON RIDONDANZA TOTALE (SISTEMA PRT) Sistemi in parallelo Il funzionamento del sistema è garantito dal funzionamento di un solo componente. Quindi il sistema funziona sempre. Il sistema non funziona se e solo se tutti i suoi componenti si fermano

18 18 SISTEMA PRT Schema RBD parallelo R(: probabilità di trovare il componente in funzione F(=1-R(: probabilità di non trovare il componente in funzione Questa è una tipica situazione impiantistica in cui ognuno dei due elementi è in grado da solo di far fronte alla richiesta. I due elementi si alternano nel funzionamento, oppure vanno ai carichi parziali SISTEMA PRT Perché il sistema non funzioni, devono non funzionare contemporaneamente tutti i suoi componenti. In tal caso la legge base dell affidabilità composta viene applicata al complemento a uno della affidabilità. 70 SISTEMA PRT [1-R S (]= [1-R 1 (]*[1-R 2 (] R S ( = 1 Quand è che non trovo in funzione il sistema in parallelo? MAI!!! Il sistema in parallelo non funziona solo quando entrambi i componenti non funzionano. Quindi: n i= 1 F ( = 1 i n i= 1 In generale: [1 R ( ] i 71 Campi di impiego: SISTEMA PRT - Singola entità caratterizzata da ridotta manutenibilità (ad es. per scarse possibilità di accesso all unità). - Guasto dell unità associato a rischi di mancata sicurezza - Guasto dell unità associato a costi indotti elevati. Esempio 1: sistema di trasmissione di un satellite di comunicazione: ne basterebbe uno per effettuare il servizio richiesto, ma se ne mettono tre per l impossibilità di accesso. 72

19 19 SISTEMA PRT SISTEMA PRT Esempio 2: gruppo di pompaggio a servizio di un sistema di produzione: spesso si ricorre a PRT se la > garanzia di servizio è fondamentale, per ragioni di sicurezza o di costo. La ridondanza è tanto più giustificata quanto più il fermo marcia dell impianto porterebbe a costi indotti rilevanti (costo di mancata produzione). 73 Esempio. Sistema: gruppo alimentazione idraulico Elementi: 3 pompe disposte in parallelo Portata di ciascuna pompa: P Portata necessaria per il servizio: P schema RBD di tipo PRT 74 SISTEMA PRT SISTEMA PRT Esempio. Affidabilità al tempo T (fissato) delle tre pompe: R A (T)=0.7, R B (T)=0.8, R C (T)=0.9 Affidabilità totale del sistema (nell ipotesi che le pompe funzionino e si guastino in maniera indipendente): R PRT ( T ) = 1 (1 0.7)*(1 0.8)*(1 0.9) = Quindi, per un sistema PRT: 1. L affidabilità di un sistema parallelo in ridondanza totale é sempre superiore all affidabilità del componente più affidabile. Nel caso dell esempio si ha: R { R ( T), R ( T), R ( )} ( T) = > 0.9 max T PRT = A B C 76

20 20 2. L affidabilità di un sistema parallelo in ridondanza totale è funzione crescente al crescere del numero dei componenti installati; se nell esempio svolto aggiungiamo una pompa D con R D (T)=0.8 otteniamo: R PRT SISTEMA PRT ( T ) = 1 (1 0.7)*(1 0.8)* *(1 0.8)*(1 0.9) = > Quindi: SISTEMA PRT Più componenti si dispongono in parallelo, migliore è l affidabilità del sistema. Se fra quelli in parallelo si inseriscono componenti con alta affidabilità, questi fanno aumentare l affidabilità globale del sistema. Ovviamente all aumentare del numero di componenti inseriti, aumenta il costo di impianto. (Si tratta di valutare economicamente fino a che punto conviene spingere la ridondanza). 78 SISTEMA PRT SISTEMA PRT Modello RBD: è basato sulla funzionalità, non sul layout fisico dell impianto. Quindi lo schema RBD cambia al variare della funzionalità. 79 Modello RBD coincidente con il layout fisico dell impianto. P1 P2 P

21 21 P1 P2 P SISTEMA PRT Modello RBD non coincidente con il layout fisico dell impianto. 81 SISTEMA TIPO PARALLELO CON RIDONDANZA PARZIALE (SISTEMA PRP, O SISTEMA k su n ) Il funzionamento è assicurato da k componenti degli n totali installati. Ridondanza parziale : si possono guastare al più (n-k) componenti (con k 1), prima di considerare il sistema non funzionante. Esempio: parallelo 2 su SISTEMA PRP SISTEMA PRP P1 P2 P3 P1 P2 P La presenza della ridondanza parziale è di natura funzionale. 83 Ipotesi: componenti identici e indipendenti Probabilità complessiva del sistema: si impiega la formula binomiale, che consente di calcolare qual è la probabilità che su n componenti, k funzionino. Essa fornisce la probabilità che su n prove, il successo si verifichi k volte. 84

22 22 SISTEMA PRP n α Pn ( α) = p q α n n! = α α!( n α)! n α DISTRIBUZIONE BINOMIALE probabilità che su n prove il successo si verifichi α volte SISTEMA PRP DISTRIBUZIONE BINOMIALE: UN ESEMPIO Esempio: probabilità che su 6 lanci di una moneta, testa esca 2 volte. n=6, α=2, p=0.5, q=0.5 n 6! 6*5 = = = 15 α 2!(4)! 2 P: probabilità del successo q: probabilità dell insuccesso 85 P n (2)=15(0.5) 2 (0.5) 4 =23.44% 86 SISTEMA PRP SISTEMA PRP Affidabilità complessiva di un sistema PRP: si considerano i vari stati di funzionamento parzializzato del sistema, e si sommano le rispettive probabilità di accadimento. Perché?? Seconda legge base della probabilità: 87 2) Se un evento P si verifica quando si verificano o l evento E1 oppure l evento E2, allora: Pr(P)=Pr(E1)+Pr(E2)-Pr(E1/E2) Pr(E1/E2): probabilità che E1 ed E2 si verifichino contemporaneamente. Se E1 ed E2 si escludono a vicenda, Pr(E1/E2)=0 e si ha: Pr(P)=Pr(E1)+Pr(E2) 88

23 23 SISTEMA PRP SISTEMA PRP Nei sistemi PRP tale formula è applicata per sommare le probabilità che avvengano i singoli stati di funzionamento parzializzato. All interno della somma, i singoli addendi vengono calcolati mediante la formula della distribuzione binomiale. 89 pq R S ( = p p: probabilità di accadimento di uno stato X q: potenzialità fornita dall impianto nello stato X 90 SISTEMA PRP SISTEMA PRP R 33.3m 3 /h Probabilità che siano in funzione 4/4 pompe: R R 33.3m 3 /h 33.3m 3 /h 100m 3 /h La quarta pompa è sempre in funzione. P ( 4) = R (1 R) R 33.3m 3 /h Esistono due stati possibili che danno il 100% del servizio. 91 R rappresenta l affidabilità di ogni singolo componente, e, fissato un tempo t, è un numero: noto MTBF [ore/guasto], si ottiene λ [guasti/ora], da cui R=e- λt 92

24 24 SISTEMA PRP SISTEMA PRP Se MTBF=5000 ore/guasto λ=(1/5000) guasti/ora R=e -λt =e -(2000/5000) =0.67= Affidabilità dopo 2000h 4! 4 0 P4 (4) = (0.67) (1 0.67) = !*0! Probabilità di trovare tre pompe su quattro in funzione dopo t=2000h 4! 3 1 P4 (3) = (0.67) (1 0.67) = !*1! Dopo t=2000h, la probabilità di trovare tutte e quattro le pompe funzionanti è del 20% circa SISTEMA PRP SISTEMA PRP Probabilità di trovare due pompe su quattro in funzione dopo t=2000h 4! 2 2 P4 (2) = (0.67) (1 0.67) = !*2! Probabilità di trovare una pompa su quattro in funzione dopo t=2000h 4! 1 3 P4 (1) = (0.67) (1 0.67) = !*3! 95 E così sono stati individuati i valori di pi 96

25 25 SISTEMA PRP SISTEMA PRP Affidabilità complessiva del sistema: ON OFF P i q i p i q i P4 ( 4) q1 + P4 (3) q1 + P4 (2) q2 + P4 (1) q3 = 82.39% = Affidabilità Globale: 82.39% Σ SISTEMA PRP SISTEMA PRP Il modello PRP si riconduce ai due precedenti modelli di serie e di PRT nei seguenti due casi: 1) k=n: sistema di tipo serie: l affidabilità del sistema si ottiene dal prodotto delle singole affidabilità 2) K=1: sistema di tipo parallelo con ridondanza totale e l affidabilità complessiva del sistema è data dal complemento a uno delle inaffidabilità dei singoli componenti 99 L affidabilità di un sistema PRP è sempre compresa fra l affidabilità minima del sistema serie e l affidabilità massima del sistema parallelo in ridondanza totale: R SERIE <P PRP <R PRT 100

26 26 Sistemi a ponte sistemi complessi SISTEMA PARALLELO CON STAND- BY (SISTEMA PARALLELO CON INTERRUTTORE, O SISTEMA PCI) Sistema parallelo; le unità in stand-by entrano in funzione solo quando l unità operativa entra in avaria. Differenza con i sistemi PRT: il parallelismo si attua solo nel momento in cui l unità operativa cessa di funzionare SISTEMA PCI SISTEMA PCI Stand-by caldo: l unità è attiva al pari dell unità operativa, ma non offre alcun servizio. Il suo ingresso è assicurato da un commutatore automatico, che la fa subentrare senza soluzione di continuità appena il guasto si verifica. Esempio: computer di controllo di processo: computer di riserva che non opera direttamente sul processo, ma è connesso al processo al pari del PC operativo, in modo che, in caso di guasto, può subentrare immediatamente senza soluzione di continuità. 103 Stand-by freddo: l unità è connessa, al pari di quella operativa, all impianto da servire, ma non è attiva; in caso di guasto, la riserva deve essere attivata e resa operativa attraverso l intervento di un operatore. Esempio: il treno gomme di un automobile, dotata di ruota di scorta. 104

27 27 SISTEMA PCI SISTEMA PCI Differenza di base fra i due sistemi: Stand-by caldo: consente il subentro dell unità di riserva senza interrompere l erogazione del servizio Sistema PCI: esiste un interruttore che fa si che quando un componente funziona, l altro non venga consumato. Quando A ha terminato la propria vita, B è nuovo! A Stand-by freddo: comporta una interruzione, seppur breve, della erogazione del servizio, che viene temporaneamente fermato in attesa che l unità di riserva divenga operativa. 105 B 106 SISTEMA PCI SISTEMA PCI Affidabilità di un sistema PCI: ipotesi: L affidabilità complessiva di un sistema PCI è calcolata come combinazione di due casi: 1. Mutua indipendenza di funzionamento dei componenti 2. Il componente in stand-by entri in funzione as good as new 3. L interruttore abbia un funzionamento perfetto. 107 a) Il componente A in stato operativo rimane affidabile fino al tempo T in cui si vuole valutare l affidabilità del sistema b) Il componente A in stato operativo si guasta in un istante t compreso fra 0 e T, e il componente B in stato di stand-by gli subentra in funzionamento operativo. 108

28 28 SISTEMA PCI SISTEMA PCI Allora: RSTAND BY ( T ) = RA( T ) + f A( * RB ( T * dt T 0 I due casi a) e b) si escludono a vicenda. Il funzionamento del sistema è vincolato al verificarsi della situazione a) o della b): o avviene un caso, o avviene l altro; Pr(stand-by)=Pr(caso a)+pr(caso b) Per il caso a): Infatti: 109 Pr(caso a)=r A (T) 110 SISTEMA PCI Probabilità di accadimento di b): probabilità di accadimento contemporaneo di due eventi: il guasto del componente operativo A ed il buon funzionamento del componente in stand-by dal momento in cui diventa operativo subentrando ad A. Pr(b)=Pr[A(0- e B(t-T)] quindi: = Pr[A(0-] * Pr[B(t-T)/A(0-]= = Pr[A(0-] * Pr[B(t-T)] per l ipotesi di indipendenza di funzionamento 111 SISTEMA PCI Per la definizione di inaffidabilità di A al tempo t e per la definizione di affidabilità di B fra t e T si ha quindi: Pr T = [ b] f ( * R ( T dt Da cui la formula precedente. 0 A B * 112

29 29 SISTEMA CON STRUTTURA A BRIDGE (PONTE) SISTEMA CON STRUTTURA A PONTE E uno schema logico in cui è presente un componente che connette fra loro due rami in parallelo. Condizioni minime necessarie al funzionamento del sistema globale (minimum path): C1 C2 C3 C4 C5 113 funzionano i componenti C1 e C4; oppure: funzionano i componenti C2 e C5; oppure: funzionano i componenti C1, C3 e C5; oppure: funzionano i componenti C2, C3 e C4 114 SISTEMA CON STRUTTURA A PONTE SISTEMA CON STRUTTURA A PONTE Modello equivalente: C1 C4 Calcolo dell affidabilità complessiva: metodo di decomposizione basato sul key item C2 C1 C3 C5 C5 Elemento chiave (Key item): C3, consente diverse configurazioni di funzionamento del sistema. C2 C5 C4 115 Decomposizione: si identificano due casi di funzionamento possibile del sistema a ponte: 116

30 30 SISTEMA CON STRUTTURA A PONTE C1 C4 C3 a) Key-item sempre affidabile (non si guasti mai): la struttura a ponte diventa un sistema equivalente serie-parallelo C2 C3 sempre funzionante C5 b) Key-item sempre inaffidabile (sempre guasto): il key-item viene rimosso dal sistema, non consentendo più il funzionamento del ponte; il ponte diventa un sistema equivalente paralleloserie 117 C1 C2 C4 C5 118 C1 C4 SISTEMA CON STRUTTURA A PONTE C2 C3 C5 a) e b) si escludono a vicenda, e il funzionamento del sistema è vincolato al verificarsi di a) o di b): o avviene un caso, o avviene l altro; quindi C3 sempre guasto Pr(ponte)=Pr(caso a)+pr(caso b) C1 C4 a) si verifica se funzionano contemporaneamente il sistema serie-parallelo e il key-item; essendo indipendenti C2 C5 119 Pr(caso a)=pr(serie-parallelo)*pr(key-item) 120

31 31 SISTEMA CON STRUTTURA A PONTE SISTEMA CON STRUTTURA A PONTE b) si verifica se non funzionano contemporaneamente il sistema parallelo-serie e il key-item; essendo indipendenti : C1 C3 C4 Pr(caso b)=pr(parallelo-serie)*(1-pr(key-item)) C2 C5 Quindi globalmente si ha: R BRIDGE =R SP *R KI +R PS *(1-R KI ) 121 R BRIDGE = R SP * RC 3 + RPS *(1 RC 3) 122 SISTEMA COMPLESSO Deriva dalla combinazione di modelli RBD elementari. C1 C2 C4 C5 SISTEMA COMPLESSO: ESEMPIO 1 R C6 =R Par1 =R C1 +R C2 -R C1 *R C2 I modelli RBD si basano su una metodologia di scomposizione gerarchica sino al livello minimo desiderato, utilizzando ad ogni livello i costrutti RBD di base. 123 R C7 =R Par2 =R C4 +R C5 -R C4 *R C5 C6 C7 R C8 =R Serie-Paral =R Par1 *R Par2 Parallelo 1 Parallelo 2 C8 Serie - Parallelo 124

32 32 C1 C4 SISTEMA COMPLESSO: ESEMPIO 2 C2 C5 R C6 =R Serie1 =R C1 *R C4 Ottimizzazione delle unità di riserva C6 Serie 1 R C7 =R Serie2 =R C2 *R C5 C7 Serie 2 R C8 =R Paral-Serie = C8 Parallelo - Serie = R Serie 1+ R Serie 2 - R Serie 1* R Serie OTTIMIZZAZIONE DELLE UNITA DI RISERVA OTTIMIZZAZIONE DELLE UNITA DI RISERVA Impianto Industriale E opportuno inserire delle unità di riserva? Quanto si deve essere disposti a spendere per incrementare l affidabilità del sistema?

33 33 OTTIMIZZAZIONE DELLE UNITA DI RISERVA FUNZIONE COSTO Costi ANALISI TECNICO - ECONOMICA Costo totale Costo di investimento relativo alla riserva C T N 1 = nc0 + PNF HCm k= 1 (1 + i) k Costo di mancata produzione Entità della riserva Somma totale dei costi minima 129 n: numero di macchine installate C 0 : costo unitario di ciascuna macchina P NF : probabilità di non funzionamento H: ore annue di funzionamento dell impianto C m : costo orario di mancanza: (mancata produzione oraria * utile unitario) + danni immagine, perdita cliente, etc. 130 INDIVIDUAZIONE E ANALISI DEL GUASTO Individuazione e analisi del guasto Meccanismi per l individuazione del guasto: identificare che è presente un guasto Meccanismi per l analisi del guasto: analizzare il guasto e la sua causa

34 34 Meccanismi per l individuazione del guasto Meccanismi per l individuazione del guasto ж In-process checks ж Checks diagnostici sulle macchine ж Point of departures interviews ж Phone surveys ж Focus groups ж Questionari e schede 133 Importanza: 1. Non perdere l opportunità di rimettere le cose a posto 2. Non perdere l opportunità di imparare dall esperienza di quel guasto. Nel caso di un servizio l assenza di metodi di individuazione del guasto può portare a non rendersi conto della scarsa qualità del servizio 134 Scheda di segnalazione spontanea degli eventi [Romina Perossa, Vincenzo Scarpato Incident Reporting ed Eventi Sentinella: modalità di segnalazione Azienda per i Servizi Sanitari n.5

35 35 Meccanismi per l individuazione del guasto Meccanismi per l individuazione del guasto 1. In-process checks: gli operai controllano durante la fase operativa che il funzionamento dell impianto e il servizio fornito siano corretti. 2. Checks diagnostici sulle macchine: le macchine vengono sottoposte a dei test secondo ben precise procedure che consentono di rilevare guasti effettivi o potenziali. 3. Point of departures interviews: alla fine di un servizio lo staff può, formalmente o informalmente, controllare che il servizio sia stato soddisfacente Phone surveys: può essere usato per raccogliere opinioni su prodotti o servizi 5. Focus groups: Gruppi di clienti vengono portati a focalizzare l attenzione su specifici aspetti di un prodotto o servizio 6. Questionari e schede 138 Analisi del guasto Analisi del guasto 1. Diagrammi a dispersione 2. Diagrammi di Pareto 6. Analisi delle lamentele 3. Diagrammi di Ishikawa 7. Analisi degli incidenti critici 4. Analisi dell incidente (Accident investigation) 5. Tracciabilità del prodotto 8. FMEA (Failure Mode and Effect Analysis) 9. Analisi dell albero degli errori

36 36 Analisi del guasto (Failure analysis) Diagrammi a dispersione (scatter diagrams): metodo semplice e veloce per verificare se esiste una relazione fra due variabili Analisi del guasto (Failure analysis) 1. Diagrammi a dispersione: possono essere trattati in modo molto sofisticato per valutare quanto forte è il legame fra i due set di dati. Attenzione: il metodo evidenzia la presenza di legami fra le variabili, ma non dice nulla su un eventuale relazione di causa ed effetto!! Il metodo ci dice soltanto se le due variabili esaminate sono, in un modo o nell altro, correlate Analisi del guasto (Failure analysis) Analisi del guasto 2. Diagrammi causa effetto (o diagrammi di Ishikawa): metodo particolarmente efficace di individuare la causa principale di un problema. Pongono le domande: cosa, quando, dove, come e perché. Possono anche essere impiegati per individuare delle aree nelle quali è necessario avere ulteriori informazioni

37 37 Analisi del guasto Analisi del guasto 2. Diagrammi di Ishikawa: procedura Porre il problema nel riquadro effetto Identificare le principali categorie in cui ricadono le possibili cause del problema. Le 5 più comuni sono: macchine, manodopera, materiali, metodi, denaro. Riportare tutte le possibili cause di guasto scomponendole per categorie e sottocategorie Diagrammi di Pareto: Consentono di distinguere fra fattori più e meno importanti. Permettono di ordinare possibili cause di guasto in ordine di importanza per poter distinguere subito fra quelle vitali e quelle banali. Es.: la maggior parte delle entrate di una compagnia proviene, probabilmente, da un numero piccolo di clienti; analogamente per i pazienti di un medico. 146 Analisi del guasto

38 38 Analisi del guasto Analisi del guasto 4. Accident Investigation: impiegata nei casi di incidenti rilevanti, su larga scala: del personale specializzato analizza a fondo le cause dell incidente. 5. Rintracciabilità: spesso adottata, per scelta o per legge; significa che tutti i componenti sono tracciati; dal guasto del componente si può risalire al processo che l ha prodotto, ai componenti, ai fornitori, etc. etc.. 6. Complaint analysis (analisi delle lamentele): le lamentele costituiscono una sorgente economica e facilmente disponibile di informazione sugli errori. 149 Complaint analysis (analisi delle lamentele): a. Come i complimenti, vanno prese sul serio (possono rappresentare la punta dell iceberg. (Si ritiene che per ogni persona che si lamenta, altre 20 non lo facciano). b. Vantaggi chiave nell analisi delle lamentele: giungono spontaneamente ( economiche), costituiscono spesso info puntuali che consentono di identificare subito i problemi all interno dell azienda. 150 Analisi del guasto Analisi del guasto 7. Critical incident analysis (analisi critica): viene chiesto al cliente di identificare elementi di un prodotto o servizio particolarmente soddisfacenti o non soddisfacenti. Tali elementi vengono poi divisi per categorie, analizzati e legati a possibili cause di guasto FMEA: Failure Mode and Effect Analysis: analisi delle modalità e degli effetti del guasto. La FMEA ha come obiettivo quello di identificare le caratteristiche di un prodotto o di un servizio che risultano critiche per varie tipologie di guasto. E una procedura complessa, che, in pratica, ha l obiettivo di identificare i guasti prima che essi si verifichino, ordinandoli e catalogandoli secondo una lista di priorità. 152

39 39 Analisi del guasto Analisi del guasto 8. FMEA (Failure Mode and Effect Analysis): Step 1. Scomporre il sistema complesso nei suoi componenti fondamentali e identificare tutte le parti componenti 2. Elencare tutti i possibili modi in cui i componenti possono rompersi (i modi di guasto) 3. Identificare i possibili effetti dei guasti (effetti sul down time, effetti sulla sicurezza, sul cliente, sui requisiti per la riparazione, etc..) FMEA (Failure Mode and Effect Analysis): Step 4. Per ogni modo di guasto, identificare tutte le possibili cause di guasto 5. Valutare: a. La probabilità che il guasto avvenga b. La severità degli effetti del guasto c. La probabilità di rilevare il guasto 6. Calcolare l RPN (Risk Priority Number) moltiplicando fra loro le tre stime precedenti 7. Adottare azioni correttive per quei modi di guasto che hanno un RPN più elevato. 154 Analisi del guasto Analisi del guasto 8. FMEA: Failure Mode and Effect Analysis Fotocopie esempio del testo Slack, pagine ; distribuire e discutere. 155

Appunti di IMPIANTI INDUSTRIALI 1

Appunti di IMPIANTI INDUSTRIALI 1 Appunti di IMPIANTI INDUSTRIALI 1 GENERALITÀ SUL SERVIZIO MANUTENZIONE Introduzione Per MANUTENZIONE si intende il controllo costante degli impianti e l insieme dei lavori (di riparazione e revisione)

Dettagli

Manutenzione industriale

Manutenzione industriale industriale Evoluzione della cultura della manutenzione PRIMA Non fermare gli impianti (fino a che riescono a marciare). Intervenire solo per riparazione. Accettare carenze qualitative, amplificazione

Dettagli

Progettare la manutenzione (a cura di Paolo Stefanini)

Progettare la manutenzione (a cura di Paolo Stefanini) Progettare la manutenzione (a cura di Paolo Stefanini) Progettare la manutenzione significa determinare il miglior sistema di gestione delle fasi che compongono tale processo, vale a dire trovare il giusto

Dettagli

MONITORAGGIO REMOTO DELLE NAVI E STRATEGIE DI MANUTENZIONE

MONITORAGGIO REMOTO DELLE NAVI E STRATEGIE DI MANUTENZIONE ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI NAPOLI COMMISSIONE NAVALE 24 Giugno2008 Conversazione all Ordine MONITORAGGIO REMOTO DELLE NAVI E STRATEGIE DI MANUTENZIONE Ing. Fabio Spetrini 1 STRATEGIE DI

Dettagli

MANUTENZIONE DELLA MACCHINA UTENSILE TRAMITE UN NUOVO APPROCCIO DI MONITORAGGIO VIBRAZIONALE

MANUTENZIONE DELLA MACCHINA UTENSILE TRAMITE UN NUOVO APPROCCIO DI MONITORAGGIO VIBRAZIONALE Expert Vibration Monitoring Solutions MANUTENZIONE DELLA MACCHINA UTENSILE TRAMITE UN NUOVO APPROCCIO DI MONITORAGGIO VIBRAZIONALE INTRODUZIONE La manutenzione della macchina utensile è solitamente pianificata

Dettagli

Albero dei guasti DOTT. ING. KONSTANTINOS MILONOPOULOS 1

Albero dei guasti DOTT. ING. KONSTANTINOS MILONOPOULOS 1 Albero dei guasti E uno strumento di analisi dei guasti che si affianca all FMECA. L FMECA e un analisi di tipo bottom-up, perche si parte da un componente e si risale agli effetti di un suo guasto L Albero

Dettagli

La sicurezza nella manutenzione delle macchine

La sicurezza nella manutenzione delle macchine La sicurezza nella manutenzione delle macchine 1 Problemi di sicurezza connessi con la manutenzione Come noto l attività di manutenzione in quanto tale svolge una funzione essenziale per la sicurezza dei

Dettagli

Histogram of C1 Normal

Histogram of C1 Normal Soluzioni domande ed esercizi Fondamenti di Affidabilità Capitolo 2. La vita di un cambio ad ingranaggi può essere fortemente influenzata nelle fasi iniziali della sua vita da problemi derivanti principalmente

Dettagli

Energy Trasmission & Distribution Services - Italy

Energy Trasmission & Distribution Services - Italy Energy Trasmission & Distribution Services - Italy Monitoring, diagnostics and cable services Analyze the past, monitor the present, predict the future. Answers for energy. l evoluzione della manutenzione

Dettagli

FMEA (Failure Mode & Effects Analysis) Manuale per l uso

FMEA (Failure Mode & Effects Analysis) Manuale per l uso FMEA (Failure Mode & Effects Analysis) Manuale per l uso Introduzione Lo scopo di questo manuale e introdurre all uso della FMEA e fornire strumenti di guida all applicazione di questa tecnica. Una FMEA

Dettagli

CIM Commissioning Inspection e Maintenance

CIM Commissioning Inspection e Maintenance La soluzione per Servizi > Terziario > Industria > Telecomunicazioni > Settore medicale > ecc. appli 143 a Per la disponibilità delle vostre esigenze di energia Considerata l importanza di un alimentazione

Dettagli

Severità' e Frequenze dei Guasti d'impianto. Fig. 4 Rappresentazione grafica della Procedura FMECA

Severità' e Frequenze dei Guasti d'impianto. Fig. 4 Rappresentazione grafica della Procedura FMECA FMECA La metodologia FMECA (Failure Mode, Effects and Criticality Analysis) è quella della Analisi dei Modi di Guasto come codificata dalle Norme CEI 56.1 (IEC 812,1985), MIL-STD 1629-A. Tale metodologia

Dettagli

Misure di Prestazione di Sistemi Produttivi

Misure di Prestazione di Sistemi Produttivi Misure di Prestazione di Sistemi Produttivi 1) Modello di riferimento Per prestazioni di un sistema produttivo si intendono i risultati direttamente percepibili e misurabili dal cliente oppure dal sistema

Dettagli

PARTE PRIMA 1 1 Complessità dei sistemi 2. 2 Elementi di statistica e di teoria della probabilità 13

PARTE PRIMA 1 1 Complessità dei sistemi 2. 2 Elementi di statistica e di teoria della probabilità 13 Indice Prefazione Presentazione XI XII PARTE PRIMA 1 1 Complessità dei sistemi 2 2 Elementi di statistica e di teoria della probabilità 13 3 Elementi di teoria della affidabilità, manutenibilità e disponibilità

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

LA MANUTENZIONE degli AEREI

LA MANUTENZIONE degli AEREI 05/05/2008 1 LA MANUTENZIONE degli AEREI AFFIDABILITA e SICUREZZA sono LA BASE DELL ATTIVITA DI MANUTENZIONE 05/05/2008 2 05/05/2008 3 LA MANUTENZIONE degli AEREI L efficienza del velivolo ed ogni sua

Dettagli

CAPITOLO 10. Controllo di qualità. Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione

CAPITOLO 10. Controllo di qualità. Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione CAPITOLO 10 Controllo di qualità Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione STRUMENTI PER IL CONTROLLO E LA GESTIONE DELLA QUALITÀ - DIAGRAMMI CAUSA/EFFETTO - DIAGRAMMI A BARRE - ISTOGRAMMI

Dettagli

BOLOGNA, 02-03 OTTOBRE 2007

BOLOGNA, 02-03 OTTOBRE 2007 BOLOGNA, 02-03 OTTOBRE 2007 VINCOLI DI PROGETTAZIONE PER LA PARTE DI COMANDO E CONTROLLO ESPRESSI NELLA ATTUALE DIRETTIVA MACCHINE 1998/37/CE E NELLA NUOVA 2006/42/CE 1.2.1. Sicurezza e affidabilità dei

Dettagli

I pilastri della TPM

I pilastri della TPM I pilastri della TPM Miglioramento specifico Manutenzione preventiva Set-up impianti Manutenzione autonoma Formazione Sicurezza e ambiente LE POLITICHE DI MANUTENZIONE - Norma UNI 9910 E 10147 - MANUTENZIONE

Dettagli

Norma UNI EN ISO 13849-1

Norma UNI EN ISO 13849-1 Sistemi di comando per la sicurezza delle macchine Norma UNI EN ISO 13849-1 Parti dei sistemi di comando legate alla sicurezza. Parte 1: principi generali per la progettazione. Per.Ind. Antonio Rigutto

Dettagli

AFFIDABILITA. Tutto ciò va messo in relazione all importanza dell apparato dal punto di vista operativo e della sicurezza.

AFFIDABILITA. Tutto ciò va messo in relazione all importanza dell apparato dal punto di vista operativo e della sicurezza. AFFIDABILITA L affidabilità è insieme una disciplina ed una proprietà. Come disciplina è una teoria di validità generale che ha per scopo quello di descrivere, prevedere, dominare il comportamento delle

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 6. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 6. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 6 Angelo Bonomi ECONOMIA E AMBIENTE Il documento Draft Reference Document on Economics and Cross- Media Effects

Dettagli

Metodologie statistiche in manutenzione

Metodologie statistiche in manutenzione M in in > Statistica di base per la > FMECA per la alla generali Sviluppare una sensibilità al valore aggiunto derivante da un applicazione di metodi e tecniche statistiche in Fornire conoscenze specifiche

Dettagli

Panoramica sui Sistemi di

Panoramica sui Sistemi di Laboratorio per l innovazione Panoramica sui Sistemi di Monitoraggio i Avanzato Ing. Marco Grasso www.musp.it Introduzione Monitoraggio: Caratterizzazione di un sistema o di un processo attraverso l analisi

Dettagli

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Maintenance Stories Fatti di Manutenzione Kilometro Rosso - Bergamo 13 novembre 2013 La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Guido Belforte Politecnico

Dettagli

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte)

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte) Paolo Mazzoni 2011. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2011". Non sono ammesse

Dettagli

Just-In-Time (JIT) eliminate tutte le motivazioni che costringono un sistema produttivo alla costituzione di scorte di materiali

Just-In-Time (JIT) eliminate tutte le motivazioni che costringono un sistema produttivo alla costituzione di scorte di materiali Just-In-Time (JIT) Filosofia produttiva nata presso l azienda giapponese Toyota negli anni 70. Ha l obiettivo di soddisfare la domanda del cliente in termini di cosa e quanto produrre, configurando l intero

Dettagli

CONSIDERAZIONI SULLA MANUTENZIONE NELLA GESTIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

CONSIDERAZIONI SULLA MANUTENZIONE NELLA GESTIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO CONSIDERAZIONI SULLA MANUTENZIONE NELLA GESTIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO La parola manutenzione deriva dalla locuzione latina manu tenere ovvero tenere con mano ed esprime l atto di mantenere qualcosa

Dettagli

C) DIAGRAMMA A SETTORI

C) DIAGRAMMA A SETTORI C) DIAGRAMMA A SETTORI Procedura: Determinare la percentuale per ciascuna categoria Convertire i valori percentuali in gradi d angolo Disegnare un cerchio e tracciare i settori Contrassegnare i settori

Dettagli

IL PROGRAMMA DI MANUTENZIONE

IL PROGRAMMA DI MANUTENZIONE IL PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI La normativa vigente riconosce l importanza della conservazione della qualità edilizia nel tempo attraverso l introduzione del piano di manutenzione

Dettagli

Affidabilità nel tempo tasso di guasto. h( t) =! dt N dt N ( ) ( ) = =! N N

Affidabilità nel tempo tasso di guasto. h( t) =! dt N dt N ( ) ( ) = =! N N Affidabilità nel tempo tasso di guasto 1 N=numero componenti N s (t)=numero componenti sopravvissuti al tempo t N f (t)=numero componenti rotti al tempo t N ( ) ( ) s t N f t R( t) = = 1! N N dr( t) 1

Dettagli

Strumenti per un analisi predittiva ai fini di una manutenzione efficace. SPS IPC Drives Italia 2014 Ing. Alessio Forafò Panasonic Electric Works

Strumenti per un analisi predittiva ai fini di una manutenzione efficace. SPS IPC Drives Italia 2014 Ing. Alessio Forafò Panasonic Electric Works Strumenti per un analisi predittiva ai fini di una manutenzione efficace. SPS IPC Drives Italia 2014 Ing. Alessio Forafò Panasonic Electric Works Italia Ciclo di vita della macchina Il ciclo di vita di

Dettagli

L importanza del fattore umano nella prevenzione degli infortuni e degli incidenti rilevanti Ing. Domenico Barone

L importanza del fattore umano nella prevenzione degli infortuni e degli incidenti rilevanti Ing. Domenico Barone L importanza del fattore umano nella prevenzione degli infortuni e degli incidenti rilevanti Ing. Domenico Barone Workshop "Sicurezza sul lavoro e sicurezza di processo : I fattori di gestione e le buone

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production)

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production) Sistemi produttivi Just In Time Just-In-Time Systems (Lean Production) 1 Origini del JIT e della Produzione Snella Introdotto da Toyota Adottato da altre aziende giapponesi Introdotto successivamente nelle

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO. Docente: Selena Aureli LEZIONE 6 BUDGET COMMERCIALE

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO. Docente: Selena Aureli LEZIONE 6 BUDGET COMMERCIALE Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 6 1 BUDGET COMMERCIALE 2 1 BUDGET COMMERCIALE Esprime gli obiettivi e i programmi dell area commerciale (in termini di volumi

Dettagli

Il miglioramento delle performance produttive tramite l analisi di KPI: stabilimento food & beverage. Case history Parmalat

Il miglioramento delle performance produttive tramite l analisi di KPI: stabilimento food & beverage. Case history Parmalat Il miglioramento delle performance produttive tramite l analisi di KPI: stabilimento food & beverage. Case history Parmalat - Food-Beverage&Packaging Industry - Analisi del contesto esterno La competitività

Dettagli

Strumenti per la progettazione, il controllo ed il miglioramento della Qualità

Strumenti per la progettazione, il controllo ed il miglioramento della Qualità Strumenti per la progettazione, il controllo ed il miglioramento della Qualità - Tecniche e Strumenti avanzati per la progettazione ed il miglioramento QFD, FMEA Prof. Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria

Dettagli

LA PREVISIONE DELLA DOMANDA. Corso di Gestione della Produzione prof. De Toni, ing. Fornasier 1

LA PREVISIONE DELLA DOMANDA. Corso di Gestione della Produzione prof. De Toni, ing. Fornasier 1 LA PREVISIONE DELLA DOMANDA Corso di Gestione della Produzione prof. De Toni, ing. Fornasier 1 MANUFACTURING PLANNING & CONTROL SYSTEM Resource planning Production planning Demand management Master production

Dettagli

Simulazione di una catena logistica

Simulazione di una catena logistica Simulazione di una catena logistica La logistica aziendale richiede l organizzazione di approvvigionamento e trasporto dei prodotti e dei servizi. La catena di distribuzione, supply chain, comprende il

Dettagli

COMUNE DI SANTO STEFANO DI CAMASTRA (PROVINCIA DI MESSINA)

COMUNE DI SANTO STEFANO DI CAMASTRA (PROVINCIA DI MESSINA) COMUNE DI SANTO STEFANO DI CAMASTRA (PROVINCIA DI MESSINA) PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE SICILIA 2007-2013 PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI PUNTI DI ACCESSO INFO-TELEMATICI PUBBLICI A SANTO STEFANO

Dettagli

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità IL RISCHIO Il rischio è la distribuzione dei possibili scostamenti dai risultati attesi per effetto di eventi di incerta manifestazione, interni

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

Galileo Assistenza & Post Vendita

Galileo Assistenza & Post Vendita Galileo Assistenza & Post Vendita SOMMARIO PRESENTAZIONE... 2 AREE DI INTERESSE... 2 PUNTI DI FORZA... 2 Caratteristiche... 3 Funzioni Svolte... 4 ESEMPI.7-1 - PRESENTAZIONE Sempre più spesso ci si riferisce

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA BS OHSAS 18001 (ed. 2007) Rev. 0 del 13/01/09 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 Premessa La norma OHSAS 18001 rappresenta uno

Dettagli

Rischio puro: insieme delle possibili minacce che possono det un impatto aziend negativo in seguito a danneggiamento di beni o persone

Rischio puro: insieme delle possibili minacce che possono det un impatto aziend negativo in seguito a danneggiamento di beni o persone Balesatra risk management Definizione joint commission: insieme di attività cliniche e organizzative volte a identificare, valutare, e ridurre il rischio di danno ai pz, staff e visitatori e sull intera

Dettagli

PIANO ILLUMINAZIONE CONTENIMENTO INQUINAMENTO LUMINOSO

PIANO ILLUMINAZIONE CONTENIMENTO INQUINAMENTO LUMINOSO INDICE F - LINEE GUIDA MANUTENZIONE IMPIANTI... 2 F.1 - PIANO DI MANUTENZIONE E ATTIVITÀ MANUTENTIVE... 2 F.1.1 - MANUALE D USO E CONDUZIONE... 3 F.1.2 - MANUALE DI MANUTENZIONE... 3 F.1.3 - PROGRAMMA

Dettagli

Si illustrano di seguito i risultati ottenuti introducendo

Si illustrano di seguito i risultati ottenuti introducendo MANUTENZIONE & DIAGNOSTICA La diagnostica di impianti industriali Un approccio per l introduzione di Prove non Distruttive nei piani di manutenzione. Il caso applicativo della termografia Ing. Sergio Cerciello

Dettagli

Efficienza Produttiva. Il Piano d azione dell efficienza

Efficienza Produttiva. Il Piano d azione dell efficienza Efficienza Produttiva Il Piano d azione dell efficienza Nino Guidetti Direttore Commerciale Grandi Clienti Schneider Electric per eliminare le inefficienze La Lean Manufacturing è una strategia operativa,

Dettagli

2.5 I diversi tipi di grafici ed il loro ordine di studio

2.5 I diversi tipi di grafici ed il loro ordine di studio 69 2.5 I diversi tipi di grafici ed il loro ordine di studio In questo paragrafo sono presentati i principali tipi di grafici che si possono utilizzare per descrivere l andamento dei prezzi e per compiere

Dettagli

TERMOGRAFIA. FLIR Systems

TERMOGRAFIA. FLIR Systems TERMOGRAFIA Un controllo ad infrarossi dedicato all impianto elettrico consente di identificare le anomalie causate dall azione tra corrente e resistenza. La presenza di un punto caldo all interno di un

Dettagli

La gestione dei progetti informatici

La gestione dei progetti informatici Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software La gestione dei progetti informatici Giulio Destri Ing. del Sw: Gestione - 1 Scopo

Dettagli

Gli indicatori per la Qualità. a cura di Gianfilippo Macchi

Gli indicatori per la Qualità. a cura di Gianfilippo Macchi Gli indicatori per la Qualità 1 La UNI ISO 9001: 2008 recita 8.2.3. Monitoraggio e misurazione dei processi L organizzazione deve adottare adeguati metodi per misurare e monitorare i processi del SGQ.

Dettagli

STATISTICA E PROBABILITá

STATISTICA E PROBABILITá STATISTICA E PROBABILITá Statistica La statistica è una branca della matematica, che descrive un qualsiasi fenomeno basandosi sulla raccolta di informazioni, sottoforma di dati. Questi ultimi risultano

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

SOMMARIO 1. INTRODUZIONE...2 2. DESCRIZIONE SINTETICA DELLE ATTREZZATURE E DEI SISTEMI PREVISTI PER LA GESTIONE E MANUTENZIONE DELLE OPERE..

SOMMARIO 1. INTRODUZIONE...2 2. DESCRIZIONE SINTETICA DELLE ATTREZZATURE E DEI SISTEMI PREVISTI PER LA GESTIONE E MANUTENZIONE DELLE OPERE.. SOMMARIO 1. INTRODUZIONE...2 2. DESCRIZIONE SINTETICA DELLE ATTREZZATURE E DEI SISTEMI PREVISTI PER LA GESTIONE E MANUTENZIONE DELLE OPERE..2 3. MODALITÀ DI USO CORRETTO DELLE OPERE...4 4. LIVELLO MINIMO

Dettagli

Ing. Simone Mosconi. Applicazione della F.M.E.A. alla Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Ing. Simone Mosconi. Applicazione della F.M.E.A. alla Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Ing. Simone Mosconi Applicazione della F.M.E.A. alla Sicurezza nei Luoghi di Lavoro 1 Obblighi del Datore di Lavoro D.Lgs. n 81 del 9 aprile 2008 e s.m.i.: Articolo 17 Obblighi del Datore di Lavoro non

Dettagli

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com roj X Soluzione SCM www.solgenia.com Experience the Innovation OBIET T IVO: catena del valore www.solgenia.com Experience the Innovation 2 Proj è la soluzione Solgenia in ambito ERP e SCM per l ottimizzazione

Dettagli

14.6 Effettuare scelte in presenza di vincoli 15

14.6 Effettuare scelte in presenza di vincoli 15 14 18-12-2007 19:04 Pagina 403 Le decisioni di breve termine fra alternative diverse 403 Fig. 14.5 Il trattamento analitico dei costi a gradino Costo Comportamento reale del costo Trattamento analitico

Dettagli

Considerazioni sulla organizzazione del servizio di manutenzione Giuseppe IOTTI, ANACAM

Considerazioni sulla organizzazione del servizio di manutenzione Giuseppe IOTTI, ANACAM Technical Convention QUALITY IN MAINTENANCE: FULL SAFETY, FULL ACCESSIBILTY Augsburg, 18 October 2007 Considerazioni sulla organizzazione del servizio di manutenzione Giuseppe IOTTI, ANACAM Ascensori esistenti

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Elementi di Statistica descrittiva Parte I

Elementi di Statistica descrittiva Parte I Elementi di Statistica descrittiva Parte I Che cos è la statistica Metodo di studio di caratteri variabili, rilevabili su collettività. La statistica si occupa di caratteri (ossia aspetti osservabili)

Dettagli

Root Cause Analysis come strumento di audit clinico: metodo e strumenti. Donatella Rizzini Ausl 1 Massa e Carrara

Root Cause Analysis come strumento di audit clinico: metodo e strumenti. Donatella Rizzini Ausl 1 Massa e Carrara Root Cause Analysis come strumento di audit clinico: metodo e strumenti Dott.ssa Donatella Rizzini Ausl 1 Massa e Carrara Root Cause Analysis Root Cause Analysis è un indagine strutturata che ha lo scopo

Dettagli

Lezioni di Economia Aziendale classe quarta Prof. Monica Masoch LA FINANZA AZIENDALE E LE DECISIONI DI INVESTIMENTO

Lezioni di Economia Aziendale classe quarta Prof. Monica Masoch LA FINANZA AZIENDALE E LE DECISIONI DI INVESTIMENTO Lezioni di Economia Aziendale classe quarta Prof. Monica Masoch LA FINANZA AZIENDALE E LE DECISIONI DI INVESTIMENTO LE DECISIONI DI INVESTIMENTO Cosa significa «Investimento»? L investimento è la seconda

Dettagli

Dipartimento di Economia dell Università degli Studi di Parma Le scorte

Dipartimento di Economia dell Università degli Studi di Parma Le scorte dell Università degli Studi di Parma Le scorte La funzione delle scorte Le scorte sono un insieme di merci accumulate in attesa di un utilizzo futuro. Specializzazione geografica di una unità operativa

Dettagli

EUROPEAN COMMISSION DIRECTORATE-GENERAL ENERGY AND TRANSPORT ILPROGRAMMA EUROPEO MOTOR CHALLENGE. Modulo: Azionamenti Elettrici

EUROPEAN COMMISSION DIRECTORATE-GENERAL ENERGY AND TRANSPORT ILPROGRAMMA EUROPEO MOTOR CHALLENGE. Modulo: Azionamenti Elettrici EUROPEAN COMMISSION DIRECTORATE-GENERAL ENERGY AND TRANSPORT New Energies & Demand Management Promotion of Renewable Energy Sources & Demand Management Brussels, 1 Gennaio 2003 ILPROGRAMMA EUROPEO MOTOR

Dettagli

12/04/2011. I costi aziendali possono essere classificati in modi differenti a seconda della finalità per la quale sono determinati.

12/04/2011. I costi aziendali possono essere classificati in modi differenti a seconda della finalità per la quale sono determinati. PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Prof. Luca Fornaciari Definizione e classificazione dei costi aziendali Riferimenti bibliografici: libro di testo capitolo 2 di BREWER P.C., GARRISON R.H., NOREEN E.W., Programmazione

Dettagli

IL SERVIZIO DI INDAGINE TERMOGRAFICA E LE SUE APPLICAZIONI SUGLI IMPIANTI CIVILI E INDUSTRIALI

IL SERVIZIO DI INDAGINE TERMOGRAFICA E LE SUE APPLICAZIONI SUGLI IMPIANTI CIVILI E INDUSTRIALI IL SERVIZIO DI INDAGINE TERMOGRAFICA E LE SUE APPLICAZIONI SUGLI IMPIANTI CIVILI E INDUSTRIALI Rev. 00 del 12.10.2011 PREMESSA ATT Studio Tecnico Associato, opera progettando, sviluppando, monitorando

Dettagli

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI NORME CEI 0-10 GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI La guida contiene le indicazioni relative alla manutenzione degli impianti elettrici di bassa tensione allo scopo di favorire il mantenimento

Dettagli

NOTA: i pezzi di uno stesso lotto sono fra di loro intercambiabili, ma non è detto che siano intercambiabili con i pezzi di un altro lotto.

NOTA: i pezzi di uno stesso lotto sono fra di loro intercambiabili, ma non è detto che siano intercambiabili con i pezzi di un altro lotto. 1 T I P I D I P R O D U Z I O N E Per PRODUZIONE s intende l insieme delle lavorazioni, dei controlli, dei montaggi necessari alla realizzazione di un particolare o di un complessivo. La produzione può

Dettagli

Implementazione e certificazione del sistema di gestione per la qualità in conformità alle norme ISO 9001 -ISO 3834

Implementazione e certificazione del sistema di gestione per la qualità in conformità alle norme ISO 9001 -ISO 3834 I.S.I.S. A. Malignani - Udine Implementazione e certificazione del sistema di gestione per la qualità in conformità alle norme ISO 9001 -ISO 3834 09/06/2011 Franco Diracca - Quasar srl Cosa chiede la legge?

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BOLOGNA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BOLOGNA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BOLOGNA FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Tesi in Logistica Industriale APPLICAZIONI DI TECNICHE DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA PRESSO UN'INDUSTRIA DI

Dettagli

IL COLLAUDO DI ACCETTAZIONE

IL COLLAUDO DI ACCETTAZIONE IL COLLAUDO DI ACCETTAZIONE Il collaudo di accettazione 1 Popolazione Campione Dati MISURA Processo Lotto Campione DATI CAMPIONAMENTO INTERVENTO MISURA Lotto Campione DATI CAMPIONAMENTO INTERVENTO Il collaudo

Dettagli

Dalla «Fabbricazione All accettazione» IDGM - SDEGA

Dalla «Fabbricazione All accettazione» IDGM - SDEGA LO STATO DELL ARTE NELLA GESTIONE DEI GAS MEDICALI IN REGIONE EMILIA-ROMAGNA Dalla «Fabbricazione All accettazione» IDGM - SDEGA Durabilità e funzionalità Miglioramento normativo introduzione di nuovi

Dettagli

Procedure d emergenza e Business Continuity Plan. Dott. Ing. Alfiero Ortali Dirigente Servizio Sistema Informativo E-Governmant Provincia di Perugia

Procedure d emergenza e Business Continuity Plan. Dott. Ing. Alfiero Ortali Dirigente Servizio Sistema Informativo E-Governmant Provincia di Perugia Procedure d emergenza e Business Continuity Plan Dirigente Servizio Sistema Informativo E-Governmant Provincia di Perugia Loreto Ottobre 2011 La business continuity è in sostanza l insieme di attività

Dettagli

E ASSISTENZA TECNICA ESEMPIO DI SECONDA PROVA

E ASSISTENZA TECNICA ESEMPIO DI SECONDA PROVA ISTITUTO PROFESSIONALE Settore INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo: MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA ESEMPIO DI SECONDA PROVA di TECNOLOGIE E TECNICHE DI INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE INDIRIZZO: IPE9 - MANUTENZIONE

Dettagli

Medium voltage service ABB MySiteCondition Valutazione delle condizioni ed analisi del rischio di gestione delle apparecchiature

Medium voltage service ABB MySiteCondition Valutazione delle condizioni ed analisi del rischio di gestione delle apparecchiature Medium voltage service ABB MySiteCondition Valutazione delle condizioni ed analisi del rischio di gestione delle apparecchiature Che cosa si intende per MySiteCondition? MySiteCondition è un supporto per

Dettagli

MOTIS MOTIS. Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione

MOTIS MOTIS. Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione MOTIS MOTIS Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione MOTIS COMMERCIALE AMMINISTRAZIONE PERSONALE - ACQUISTI PROGETTAZIONE DIREZIONE MAGAZZINO MATERIA PRIMA INGRESSO

Dettagli

INSPIRING SOFTWARE. Applicazioni nell industria alimentare, di confezionamento e imbottigliamento

INSPIRING SOFTWARE. Applicazioni nell industria alimentare, di confezionamento e imbottigliamento INSPIRING SOFTWARE Applicazioni nell industria alimentare, di confezionamento e imbottigliamento Giulia Raffaello, Marketing & Export, Inspiring Software Ottobre 2011 Sommario Caso studio 1: Con la apps

Dettagli

Qualità e Sicurezza A cura di Aicq e Anfia. Torino, Lingotto Fiere 18 aprile 2013

Qualità e Sicurezza A cura di Aicq e Anfia. Torino, Lingotto Fiere 18 aprile 2013 18 aprile 2013 L'Affidabilità e la sicurezza nell'automotive: presente e futuro Dr.ssa Silvia Durando - Dr. Franco Guazzotti - IVECO Prof. Mario Vianello - Politecnico di Torino - Ingegneria dell'autoveicolo

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento: stabilità, errore a regime e luogo delle radici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail:

Dettagli

Nuovi approcci alla manutenzione

Nuovi approcci alla manutenzione Pubblicato il: 14/03/2005 Aggiornato al: 14/03/2005 di Gianfranco Ceresini La termografia ad infrarossi offre grandi opportunità nella manutenzione degli impianti elettrici. Il CEI è intervenuto in merito

Dettagli

10 CONTROLLO STATISTICO DELLA QUALITÀ

10 CONTROLLO STATISTICO DELLA QUALITÀ 10 CONTROLLO STATISTICO DELLA QUALITÀ 10.2.2 Il controllo di un processo Considerazioni sulle carte di controllo A fianco del numero di elementi non conformi delle carte di controllo p e pn e del numero

Dettagli

API UN UNICO INTERLOCUTORE PER TUTTE LE VOSTRE RICHIESTE DI ASSISTENZA

API UN UNICO INTERLOCUTORE PER TUTTE LE VOSTRE RICHIESTE DI ASSISTENZA Da oggi ci prendiamo cura di tutto il vostro parco macchine API UN UNICO INTERLOCUTORE PER TUTTE LE VOSTRE RICHIESTE DI ASSISTENZA Il valore dell esperienza CGT, da oltre 70 anni dealer Caterpillar. Sono

Dettagli

RAM ABB - IL PROCESSO RAM. I processi di analisi RAM, già istituzionalizzati

RAM ABB - IL PROCESSO RAM. I processi di analisi RAM, già istituzionalizzati ABB - IL PROCESSO RAM un modello di valore Le analisi di affidabilità, disponibilità e manutenibilità (RAM: Reliability, Availability, Maintainability) si apprestano a diventare lo standard in tutti i

Dettagli

Verona, 29-30 ottobre 2013!

Verona, 29-30 ottobre 2013! Verona, 29-30 ottobre 2013! VERONA ottobre 2013 IL METODO WORLD CLASS MANUFACTURING (WCM) RIDUZIONE DEI COSTI CON INCREMENTO DELL EFFICIENZA AZIENDALE. ASPETTI RELATIVI ALLA SICUREZZA ED ALLA MANUTENZIONE

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Metodologie di supporto decisionale per l'ottimizzazione delle attività di controllo

Metodologie di supporto decisionale per l'ottimizzazione delle attività di controllo Convegno La scienza e la tecnica rendono sicuro il lavoro Genova 29-30 Ottobre 2009 Metodologie di supporto decisionale per l'ottimizzazione delle attività di controllo Ing. Maria Grazia Gnoni Dipartimento

Dettagli

Analisi dei Sistemi di Misurazione - MSA

Analisi dei Sistemi di Misurazione - MSA Data: 16 Marzo 2011 Indice Il processo zione impiego specifico Cenni di SPC e di MSA 2 CARATTERISTICA DA CONTROLLARE, TOLLERANZA E RELATIVA CLASSE DI IMPORTANZA METODO DI CONTROLLO STRUMENTO DI MISURA

Dettagli

In caso di catastrofe AiTecc è con voi!

In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In questo documento teniamo a mettere in evidenza i fattori di maggior importanza per una prevenzione ottimale. 1. Prevenzione Prevenire una situazione catastrofica

Dettagli

Il service di ISC Group si distingue nel panorama della distribuzione delle macchine per la pulizia

Il service di ISC Group si distingue nel panorama della distribuzione delle macchine per la pulizia ISC SERVICE efficace, veloce, misurabile! Il service di ISC Group si distingue nel panorama della distribuzione delle macchine per la pulizia per l elevato livello di servizio, in termini di velocità ed

Dettagli

Le tecniche di gestione delle scorte con Access 2007

Le tecniche di gestione delle scorte con Access 2007 Le tecniche di gestione delle scorte con Access 2007 Premessa La gestione delle scorte di magazzino comporta, per molte aziende, scelte di fondamentale importanza, che possono avere riflessi positivi sia

Dettagli

L ERRORE A REGIME NELLE CATENE DI REGOLAZIONE E CONTROLLO

L ERRORE A REGIME NELLE CATENE DI REGOLAZIONE E CONTROLLO L ERRORE A REGIME NELLE CATENE DI REGOLAZIONE E CONTROLLO Per errore a regime si intende quello rilevato dopo un intervallo sufficientemente lungo dal verificarsi di variazioni del riferimento o da eventuali

Dettagli

Metodologie statistiche in manutenzione

Metodologie statistiche in manutenzione M in in > Statistica di base per la > FMECA per la alla generali Sviluppare una sensibilità al valore aggiunto derivante da un applicazione di metodi e tecniche statistiche in Fornire conoscenze specifiche

Dettagli

Machines 2010. :Nuova legge in Europa. :Nuove norme. Quasi-macchine. MTTFd. Documenti DC SIL PL. B10d CCF

Machines 2010. :Nuova legge in Europa. :Nuove norme. Quasi-macchine. MTTFd. Documenti DC SIL PL. B10d CCF Machines 2010 :Nuova legge in Europa :Nuove norme Quasi-macchine MTTFd B10d CCF Documenti DC SIL PL : Nuovi obblighi per progettisti, utilizzatori, costruttori, importatori di macchine: - Nuova Direttiva

Dettagli

INTRODUZIONE. Articolo qe001: versione 4

INTRODUZIONE. Articolo qe001: versione 4 INTRODUZIONE L obiettivo principale del progetto è dimostrare come ridefinire le strategie di gestione dei quadri elettrici disponendo di un network telematico in grado di monitorare e storicizzare tutti

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) Rev. 01 del 30/09/06 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004 La Norma Internazionale UNI EN ISO 14001 specifica

Dettagli