Misura del guasto: I parametri affidabilistici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Misura del guasto: I parametri affidabilistici"

Transcript

1 1 Università degli Studi di Cagliari D.I.M.C.M. Misura del guasto: I parametri affidabilistici Prof. Ing. Maria Teresa Pilloni 1 2 Metodi per la misura di un guasto: 1.Tasso di guasto (ed MTBF) 2. Affidabilità 3. Disponibilità Tasso di guasto affidabilità: Misurano la propensione di un processo o di una sua parte, a guastarsi. Disponibilità: Fornisce una misura delle conseguenze del guasto. 3 Il tasso di guasto Numero di guasti riferito all intervallo di tempo di funzionamento. Numero di guasti riferito al numero complessivo di componenti sottoposti al test di verifica. 4

2 2 Il tasso di guasto Tasso di guasto: esempio di calcolo λ Numero = Tempo di di guasti funzionamento 50 componenti elettronici vengono sottoposti ad un test di 2000 ore. Durante il test si guastano 4 componenti, secondo il seguente schema temporale: λ = Numero Numero totale di di guasti prodotti testati Guasto 1: dopo 1200 ore Guasto 2: dopo 1450 ore Guasto 3: dopo 1720 ore Guasto 4: dopo 1905 ore 5 6 Tasso di guasto: esempio di calcolo Il tasso di guasto, come % del numero di componenti testati: = λ 4 * = N. = 8% Numero totale di di guasti *100 = prodotti testati 7 Tasso di guasto: esempio di calcolo Il tasso di guasto, come % rispetto al tempo di funzionamento: λ Numero = Tempo di di guasti funzionamento 8

3 Tasso di guasto: esempio di calcolo Tempo di funzionamento: Tasso di guasto: esempio di calcolo 1. Tempo non operativo: somma tempi non operativi dei componenti che si sono guastati: 1. differenza fra il tempo totale e il tempo non operativo 2. somma dei tempi operativi per i 50 componenti sottoposti a prova. 9 Comp. 1: non operativo per =800 ore Comp. 2: non operativo per =550 ore Comp. 3: non operativo per =280 ore Comp. 4: non operativo per =95 ore T di funzionamento = T totale T. non operativo = = (50 * 2000) ( ) = Tasso di guasto: esempio di calcolo Tasso di guasto: esempio di calcolo 2. Tempo di funzionamento = somma dei tempi operativi dei 50 componenti: T di funzionamento = (46 * 2000) + ( ) = In entrambi i casi: Tasso = di Numero guasto= Tempo di 4 = [ guasti/ ora] di guasti funzionamento = 12 3

4 4 λ = Tasso di guasto Il Tasso di guasto è un parametro che descrive sia componenti riparabili sia componenti non riparabili Numero totale di avarie riscontrate Numero totale di ore di funzionamento Tasso di guasto: esempio per componente singolo riparabile h 1h 3h 1 h Totale Valida per componenti Non riparabili Riparabili 13 λ = = Tot - ( ) 14 Tasso di guasto: la curva a vasca da bagno In generale il guasto è una funzione del tempo: la probabilità che un componente si guasti varia durante la vita del componente secondo una curva discendente. Esempio della lampada. Comportamento analogo per la > parte dei componenti. 15 Tasso di guasto: la curva a vasca da bagno 1. Stadio della mortalità infantile (o stadio iniziale) in cui avvengono i primi guasti, dovuti a parti difettose o a un uso improprio. 2. Stadio della vita normale del componente, in cui il tasso di guasto è ragionevolmente basso e costante e causato da fattori random. 3. Stadio dell usura: il tasso di guasto aumenta come il componente si avvicina al termine della vita utile; il guasto è dovuto a deterioramento fisico. 16

5 Diagramma del tasso di guasto Tasso di guasto: la curva a vasca da bagno [λ] λ( Comportamento poco prevedibile Comportamento prevedibile. Cioè + pianificabile Rodaggio: λ elevato per: guasti, difetti di progettazione, errati montaggi; oggi tale fase è praticamente assente. Usura: si cerca di non arrivarci. Rodaggio A B Vita Utile Usura t Vita utile: λ costante; non esiste una vera e propria causa di guasto, e i guasti sono di natura casuale Tasso di guasto: la curva a vasca da bagno Nel campo dell usura la probabilità di guasto assume una forma gaussiana Curva B: le tre fasi sono ben rappresentate; è possibile fare degli interventi di manutenzione programmata. Curva A: guasto molto meno prevedibile; difficile pianificare gli interventi. f( λ = costante Questo perché esiste una causa ben precisa: i componenti si guastano dopo un determinato tempo. Es.: usura dei cuscinetti: dopo ore, usura delle pompe: dopo 6000 ore di funzionamento, ecc.. 19 T * t 20 5

6 6 Affidabilità L affidabilità misura la capacità di un sistema, prodotto o servizio a comportarsi come atteso nel tempo. L affidabilità di un componente è definita come la probabilità che esso funzioni correttamente, dopo un certo intervallo di tempo, in predeterminate condizioni ambientali. 21 Affidabilità MTBF (Mean Time Between Failure) Un modo alternativo di misurare il guasto è quello di esprimerlo non attraverso l affidabilità, ma attraverso il parametro MTBF: tempo medio fra un guasto e l altro. L MTBF si misura in [ore/guasto] L MTBF è il reciproco del tasso di guastoλ 22 Per componenti riparabili MTBF = (Tempo medio fra i guasti) Mean Time Between Failure Per componenti non riparabili MTTF = (Tempo medio al guasto) Mean Time To Failure Questi due parametri definiscono la durata media fra due guasti successivi per componenti riparabili e la vita media per componenti non riparabili 23 Nel campo della vita utile: MTBF = 1/λ MTTF = 1/λ λ=0.001 guasti/ora, MTBF=(1/ λ)=1000ore/guasto È un parametro più immediato rispetto a λ, che ci dice quante ore un componente, in media, può funzionare, senza che si verifichino dei guasti. 24

7 7 Affidabilità MTBF (Mean Time Between Failure) Esempio: Per il componente avente un λ= [g/h] Si ha: 1 MTBF = = [ h / g] in media, ci si deve aspettare un guasto ogni ore 25 Disponibilità Disponibilità: percentuale di tempo durante il quale un componente è disponibile per il suo funzionamento, rispetto al tempo totale previsto. Esempio: componente non disponibile perché guasto o in fase di riparazione. Esistono vari modi di calcolare la disponibilità in funzione delle varie cause di non disponibilità messe in conto; per es. si può includere la non disponibilità dovuta a M. programmata o al cambio di set-up. 26 Disponibilità In genere viene calcolata e utilizzata per evidenziare il tempo operativo che resta dalla conseguenze di un guasto in cui il componente è disponibile; in tal caso: MTBF AVAILABILITY(A) = MTBF + MTTR MTBF= Tempo medio fra i guasti MTTR= Mean Time To Repair, tempo mediamente necessario per riparare il componente, dal momento in cui si guasta a quello in cui è di nuovo funzionante 27 Disponibilità Esempio: una compagnia progetta e produce grandi poster per fiere, conferenze, convegni, etc.., e compete in base alla velocità con cui distribuisce i propri prodotti. Uno dei componenti, una grossa piattaforma costituita da una stampante laser a colori sta dando dei problemi. Attualmente l MTBF della stampante è di 70 ore, e l MTTR è di 6 ore. Pertanto la disponibilità è di 70 AVAILABILITY( A) = =

8 8 Disponibilità Il fornitore della stampante propone due servizi alternativi. Il primo riguarda un piano di manutenzione preventiva che verrebbe eseguita una volta alla settimana. Ciò porterebbe l MTBF della stampante a 90 ore/guasto. Il secondo riguarda invece l iscrizione a un servizio di riparazione veloce che ridurrebbe l MTTR a 4 ore. Entrambe le opzioni avrebbero lo stesso costo. 29 Disponibilità Quale, fra le due opzioni porterebbe ad avere la disponibilità più elevata? Con l MTBF a 90 ore si ha: 90 AVAILABILI TY( A) = = Con l MTTR ridotto a 4 ore si ha: 70 AVAILABILITY( A) = = Densità di probabilità di guasto f( N avarie f( Affidabilità e Tasso di guasto nel continuo t[h] n componenti (pompa, lampadina, ecc.) vengono accesi al tempo t=0; poi si registra il numero di avarie e si fa un istogramma. Interpolando fra i rettangoli si ottiene una curva continua t

9 9 f( Densità di probabilità di guasto f( Probabilità di guasto nell intervallo t-(t+d Densità di (probabilità di) guasto f( t t+dt t Area totale sottesa = 1 La Densità di Guasto di un componente è una funzione f( che descrive la probabilità che il componente si guasti al tempo t. In generale questa curva è un esponenziale negativa Probabilità cumulativa di guasto F( Affidabilità R( F( t = 0 f ( s) ds Probabilità che il componente si sia guastato fra 0 e t Probabilità di trovare il componente fermo al tempo t R( = 1 F( R( = probabilità di trovare il componente ancora in funzione all istante t (componente che è stato acceso al tempo t=0)

10 Tasso di guasto λ( Densità di guasto f( - Tasso di guasto λ( f(dt Probabilità che il componente si guasti nell intervallo t-(t+d M(0): componenti accesi all istante t=0 M(: componenti rimasti accesi all istante t m: componenti che si sono spenti λ(dt Probabilità che il componente, ancora in funzione all istante t, si guasti nel tempo t-(t+d 37 m M (0) m M ( = f ( dt (1) = λ( dt (2) Probabilità di guasto fra t e t+dt Probabilità misurata rispetto ai componenti ancora in funzione all istante t 38 Densità di guasto f( - Tasso di guasto λ( f(: Fornisce una misura assoluta a partire da t=0 λ(: Fornisce una misura relativa a un tempo t e quindi considera quanti componenti si rompono rispetto a quanti ne sono arrivati 39 m = M (0) M ( = Relazioni fra i parametri f ( dt m = λ( dt M ( M (0) R( (1) (2) (3) 40 10

11 11 Relazioni fra i parametri Relazioni fra i parametri f ( dtm (0) = λ( dtm ( M ( = M (0) R( f ( dtm (0) = λ( dtm (0) R( 41 λ f ( ( t ) = R( E quindi se il componente va sempre R=1, cioè λ(=f(. Poiché R<1, si ha sempre che λ(>f( 42 Formula dell affidabilità e del tasso di guasto F( t = 0 df( = dr( T ) = f ( dt f ( dt = λ( dtr( dr( R( f ( dt = 1 R( = λ( dt 43 Formula dell affidabilità e del tasso di guasto t 0 dr( = R( R( ln = R(0) t 0 t 0 λ( dt λ( dt ma R(0) = 1 44

12 12 Formula dell affidabilità e del tasso di guasto Ipotesi di λ = costante 0 R( = e t λ ( dt R( t = λ e f ( λ( = R( Ipotesi di λ = costante Esempio 20 componenti (ad esempio, pompe) f ( F( = λe λt = 1 R( Nel campo della vita utile f( è una funzione esponenziale negativa = 1 e λt 47 componente ore Durata test: 2000 h n compon. bruciati: 5 I 20 componenti vengono accesi tutti insieme Quindi: una pompa si brucia dopo 700 ore, la seconda si brucia dopo 750 ore, la terza dopo 1000 ore, ecc.. 48

13 13 Esempio Esempio Primo passo: determinazione di λ Numero totale di avarie riscontrate λ = Numero totale di ore di funzionamento λ = (2000) 5 λ = * (10) -4 guasti/h Numero di ore per il quale ciascuna pompa ha funzionato, cioè la somma delle ore complessive Questo mi dice anche quanto tempo il componente può andare avanti senza guastarsi Esempio Secondo passo: determinazione della affidabilità R( R(t=2000h)= e [-1.41*(10)-4*2000] =0.7543=75.43% Sistemi in serie R(t=10h)= e [-1.41*(10)-4*10] =99.8% Noto λ, R( mi serve per fare delle previsioni: dopo un certo tempo t, nota R(, so qual è la probabilità di trovare quel componente ancora in funzione. Quindi 75.43% è la probabilità di trovare la pompa ancora in funzione dopo un tempo pari a 2000 h

14 14 Affidabilità di sistemi complessi Per valutare l affidabilità di sistemi complessi si procede alla modellazione del sistema in blocchi (modellazione RBD, Reliability Block Diagram); in pratica si costruiscono diagrammi a blocchi che esprimono le modalità di composizione, da un pdv logico affidabilistico, dei componenti di un sistema. 53 SISTEMA TIPO SERIE (SISTEMI S) E sufficiente che un solo componente non funzioni perché si blocchi tutto il sistema Quindi la condizione affinché tutto il sistema funzioni, è che i suoi singoli componenti devono essere tutti funzionanti contemporaneamente. Schema RBD serie λ 1 λ 2 λ 3 54 SISTEMA TIPO SERIE (SISTEMI S) Leggi base della probabilità composta 1) Se un evento P si verifica solo se si verificano sia l evento E1 sia l evento E2, che quindi devono avvenire entrambi perché P abbia luogo, allora: Pr(P)=Pr(E1)*Pr(E2/E1) Se E1 ed E2 sono indipendenti allora Pr(E2/E1)=Pr(E2) E quindi in tal caso: Pr(P)=Pr(E1)*Pr(E2) 55 SISTEMA TIPO SERIE (SISTEMI S) Nell ipotesi che il comportamento dei singoli sotto sistemi componenti sia indipendente, la probabilità che il sistema funzioni è quindi data dal prodotto delle probabilità di funzionamento (cioè le affidabilità) dei singoli sotto sistemi che lo compongono: R S ( = R1 ( R2 ( R3 ( 56

15 15 SISTEMA TIPO SERIE (SISTEMI S) SISTEMA TIPO SERIE (SISTEMI S) R R e S 2 ( = e ( = e λ t S = e λ 1 λ 2 λ 3 λ t λ t λ t 1 S 2 e λ t 2 R ( = e R ( = e e 1 3 λ t 3 λ t 1 λ t 3 57 R S λ = S ( = i n i= 1 λ i e λ t i e λ t R( = e S λ t = e S i λ t i i 58 SISTEMA TIPO SERIE (SISTEMI S) SISTEMA TIPO SERIE: Esempio 1 2 λ 1 λ 2 λ 1 = guasti/ora λ 2 =0.001 guasti/ora λ S = λ 1 +λ 2 = guasti/ora 59 Un sistema di alimentazione idraulico è costituito da 4 pompe poste in parallelo, ciascuna di portata pari a Q. Si supponga che la portata necessaria per il servizio sia pari a 4Q, e che quindi il sistema di controllo mandi in blocco il gruppo di pompaggio quando una qualsiasi delle pompe si arresta (nel qual caso la portata scenderebbe al valore di 3Q). 60

16 16 SISTEMA TIPO SERIE: Esempio SISTEMA TIPO SERIE: Esempio Modello RBD: quindi ad un layout di total parallelo, in questo caso, corrisponde uno schema RBD di tipo serie; ciò deriva dalla particolare condizione affidabilistica del sistema, di tipo serie, per cui l avaria di un qualsiasi componente comporta lo stato di avaria dell intero sistema! SISTEMA TIPO SERIE: Esempio SISTEMA TIPO SERIE: Esempio Quindi attenzione!!! La schematizzazione RBD dipende dalla configurazione affidabilistica del sistema complessivo, non dalla sua configurazione fisica! Se la Q globale richiesta fosse stata < di 4Q, lo schema RBD non sarebbe stato di tipo serie! 63 Se, al tempo T fissato: R A (T)=0.7, R B (T)=0.8, R C (T)=0.8, R D (T)=0.9, nell ipotesi di funzionamento indipendente dei suoi componenti, risulta: R S ( T ) = 0.7*0.8*0.8*0.9 =

17 17 SISTEMA TIPO SERIE SISTEMA TIPO SERIE Quindi, per un sistema di tipo serie: 1. L affidabilità di un sistema di tipo serie risulta sempre inferiore all affidabilità del componente meno affidabile 2. L affidabilità di un sistema di tipo serie è una funzione decrescente con il numero di componenti installati 65 Pertanto: Più componenti metto in serie, peggiore è l affidabilità del sistema Se metto fra quelli in serie anche componenti con bassa affidabilità, questi mi fanno abbassare drammaticamente l affidabilità globale del mio sistema 66 SISTEMA TIPO PARALLELO CON RIDONDANZA TOTALE (SISTEMA PRT) Sistemi in parallelo Il funzionamento del sistema è garantito dal funzionamento di un solo componente. Quindi il sistema funziona sempre. Il sistema non funziona se e solo se tutti i suoi componenti si fermano

18 18 SISTEMA PRT Schema RBD parallelo R(: probabilità di trovare il componente in funzione F(=1-R(: probabilità di non trovare il componente in funzione Questa è una tipica situazione impiantistica in cui ognuno dei due elementi è in grado da solo di far fronte alla richiesta. I due elementi si alternano nel funzionamento, oppure vanno ai carichi parziali SISTEMA PRT Perché il sistema non funzioni, devono non funzionare contemporaneamente tutti i suoi componenti. In tal caso la legge base dell affidabilità composta viene applicata al complemento a uno della affidabilità. 70 SISTEMA PRT [1-R S (]= [1-R 1 (]*[1-R 2 (] R S ( = 1 Quand è che non trovo in funzione il sistema in parallelo? MAI!!! Il sistema in parallelo non funziona solo quando entrambi i componenti non funzionano. Quindi: n i= 1 F ( = 1 i n i= 1 In generale: [1 R ( ] i 71 Campi di impiego: SISTEMA PRT - Singola entità caratterizzata da ridotta manutenibilità (ad es. per scarse possibilità di accesso all unità). - Guasto dell unità associato a rischi di mancata sicurezza - Guasto dell unità associato a costi indotti elevati. Esempio 1: sistema di trasmissione di un satellite di comunicazione: ne basterebbe uno per effettuare il servizio richiesto, ma se ne mettono tre per l impossibilità di accesso. 72

19 19 SISTEMA PRT SISTEMA PRT Esempio 2: gruppo di pompaggio a servizio di un sistema di produzione: spesso si ricorre a PRT se la > garanzia di servizio è fondamentale, per ragioni di sicurezza o di costo. La ridondanza è tanto più giustificata quanto più il fermo marcia dell impianto porterebbe a costi indotti rilevanti (costo di mancata produzione). 73 Esempio. Sistema: gruppo alimentazione idraulico Elementi: 3 pompe disposte in parallelo Portata di ciascuna pompa: P Portata necessaria per il servizio: P schema RBD di tipo PRT 74 SISTEMA PRT SISTEMA PRT Esempio. Affidabilità al tempo T (fissato) delle tre pompe: R A (T)=0.7, R B (T)=0.8, R C (T)=0.9 Affidabilità totale del sistema (nell ipotesi che le pompe funzionino e si guastino in maniera indipendente): R PRT ( T ) = 1 (1 0.7)*(1 0.8)*(1 0.9) = Quindi, per un sistema PRT: 1. L affidabilità di un sistema parallelo in ridondanza totale é sempre superiore all affidabilità del componente più affidabile. Nel caso dell esempio si ha: R { R ( T), R ( T), R ( )} ( T) = > 0.9 max T PRT = A B C 76

20 20 2. L affidabilità di un sistema parallelo in ridondanza totale è funzione crescente al crescere del numero dei componenti installati; se nell esempio svolto aggiungiamo una pompa D con R D (T)=0.8 otteniamo: R PRT SISTEMA PRT ( T ) = 1 (1 0.7)*(1 0.8)* *(1 0.8)*(1 0.9) = > Quindi: SISTEMA PRT Più componenti si dispongono in parallelo, migliore è l affidabilità del sistema. Se fra quelli in parallelo si inseriscono componenti con alta affidabilità, questi fanno aumentare l affidabilità globale del sistema. Ovviamente all aumentare del numero di componenti inseriti, aumenta il costo di impianto. (Si tratta di valutare economicamente fino a che punto conviene spingere la ridondanza). 78 SISTEMA PRT SISTEMA PRT Modello RBD: è basato sulla funzionalità, non sul layout fisico dell impianto. Quindi lo schema RBD cambia al variare della funzionalità. 79 Modello RBD coincidente con il layout fisico dell impianto. P1 P2 P

21 21 P1 P2 P SISTEMA PRT Modello RBD non coincidente con il layout fisico dell impianto. 81 SISTEMA TIPO PARALLELO CON RIDONDANZA PARZIALE (SISTEMA PRP, O SISTEMA k su n ) Il funzionamento è assicurato da k componenti degli n totali installati. Ridondanza parziale : si possono guastare al più (n-k) componenti (con k 1), prima di considerare il sistema non funzionante. Esempio: parallelo 2 su SISTEMA PRP SISTEMA PRP P1 P2 P3 P1 P2 P La presenza della ridondanza parziale è di natura funzionale. 83 Ipotesi: componenti identici e indipendenti Probabilità complessiva del sistema: si impiega la formula binomiale, che consente di calcolare qual è la probabilità che su n componenti, k funzionino. Essa fornisce la probabilità che su n prove, il successo si verifichi k volte. 84

22 22 SISTEMA PRP n α Pn ( α) = p q α n n! = α α!( n α)! n α DISTRIBUZIONE BINOMIALE probabilità che su n prove il successo si verifichi α volte SISTEMA PRP DISTRIBUZIONE BINOMIALE: UN ESEMPIO Esempio: probabilità che su 6 lanci di una moneta, testa esca 2 volte. n=6, α=2, p=0.5, q=0.5 n 6! 6*5 = = = 15 α 2!(4)! 2 P: probabilità del successo q: probabilità dell insuccesso 85 P n (2)=15(0.5) 2 (0.5) 4 =23.44% 86 SISTEMA PRP SISTEMA PRP Affidabilità complessiva di un sistema PRP: si considerano i vari stati di funzionamento parzializzato del sistema, e si sommano le rispettive probabilità di accadimento. Perché?? Seconda legge base della probabilità: 87 2) Se un evento P si verifica quando si verificano o l evento E1 oppure l evento E2, allora: Pr(P)=Pr(E1)+Pr(E2)-Pr(E1/E2) Pr(E1/E2): probabilità che E1 ed E2 si verifichino contemporaneamente. Se E1 ed E2 si escludono a vicenda, Pr(E1/E2)=0 e si ha: Pr(P)=Pr(E1)+Pr(E2) 88

23 23 SISTEMA PRP SISTEMA PRP Nei sistemi PRP tale formula è applicata per sommare le probabilità che avvengano i singoli stati di funzionamento parzializzato. All interno della somma, i singoli addendi vengono calcolati mediante la formula della distribuzione binomiale. 89 pq R S ( = p p: probabilità di accadimento di uno stato X q: potenzialità fornita dall impianto nello stato X 90 SISTEMA PRP SISTEMA PRP R 33.3m 3 /h Probabilità che siano in funzione 4/4 pompe: R R 33.3m 3 /h 33.3m 3 /h 100m 3 /h La quarta pompa è sempre in funzione. P ( 4) = R (1 R) R 33.3m 3 /h Esistono due stati possibili che danno il 100% del servizio. 91 R rappresenta l affidabilità di ogni singolo componente, e, fissato un tempo t, è un numero: noto MTBF [ore/guasto], si ottiene λ [guasti/ora], da cui R=e- λt 92

24 24 SISTEMA PRP SISTEMA PRP Se MTBF=5000 ore/guasto λ=(1/5000) guasti/ora R=e -λt =e -(2000/5000) =0.67= Affidabilità dopo 2000h 4! 4 0 P4 (4) = (0.67) (1 0.67) = !*0! Probabilità di trovare tre pompe su quattro in funzione dopo t=2000h 4! 3 1 P4 (3) = (0.67) (1 0.67) = !*1! Dopo t=2000h, la probabilità di trovare tutte e quattro le pompe funzionanti è del 20% circa SISTEMA PRP SISTEMA PRP Probabilità di trovare due pompe su quattro in funzione dopo t=2000h 4! 2 2 P4 (2) = (0.67) (1 0.67) = !*2! Probabilità di trovare una pompa su quattro in funzione dopo t=2000h 4! 1 3 P4 (1) = (0.67) (1 0.67) = !*3! 95 E così sono stati individuati i valori di pi 96

25 25 SISTEMA PRP SISTEMA PRP Affidabilità complessiva del sistema: ON OFF P i q i p i q i P4 ( 4) q1 + P4 (3) q1 + P4 (2) q2 + P4 (1) q3 = 82.39% = Affidabilità Globale: 82.39% Σ SISTEMA PRP SISTEMA PRP Il modello PRP si riconduce ai due precedenti modelli di serie e di PRT nei seguenti due casi: 1) k=n: sistema di tipo serie: l affidabilità del sistema si ottiene dal prodotto delle singole affidabilità 2) K=1: sistema di tipo parallelo con ridondanza totale e l affidabilità complessiva del sistema è data dal complemento a uno delle inaffidabilità dei singoli componenti 99 L affidabilità di un sistema PRP è sempre compresa fra l affidabilità minima del sistema serie e l affidabilità massima del sistema parallelo in ridondanza totale: R SERIE <P PRP <R PRT 100

26 26 Sistemi a ponte sistemi complessi SISTEMA PARALLELO CON STAND- BY (SISTEMA PARALLELO CON INTERRUTTORE, O SISTEMA PCI) Sistema parallelo; le unità in stand-by entrano in funzione solo quando l unità operativa entra in avaria. Differenza con i sistemi PRT: il parallelismo si attua solo nel momento in cui l unità operativa cessa di funzionare SISTEMA PCI SISTEMA PCI Stand-by caldo: l unità è attiva al pari dell unità operativa, ma non offre alcun servizio. Il suo ingresso è assicurato da un commutatore automatico, che la fa subentrare senza soluzione di continuità appena il guasto si verifica. Esempio: computer di controllo di processo: computer di riserva che non opera direttamente sul processo, ma è connesso al processo al pari del PC operativo, in modo che, in caso di guasto, può subentrare immediatamente senza soluzione di continuità. 103 Stand-by freddo: l unità è connessa, al pari di quella operativa, all impianto da servire, ma non è attiva; in caso di guasto, la riserva deve essere attivata e resa operativa attraverso l intervento di un operatore. Esempio: il treno gomme di un automobile, dotata di ruota di scorta. 104

27 27 SISTEMA PCI SISTEMA PCI Differenza di base fra i due sistemi: Stand-by caldo: consente il subentro dell unità di riserva senza interrompere l erogazione del servizio Sistema PCI: esiste un interruttore che fa si che quando un componente funziona, l altro non venga consumato. Quando A ha terminato la propria vita, B è nuovo! A Stand-by freddo: comporta una interruzione, seppur breve, della erogazione del servizio, che viene temporaneamente fermato in attesa che l unità di riserva divenga operativa. 105 B 106 SISTEMA PCI SISTEMA PCI Affidabilità di un sistema PCI: ipotesi: L affidabilità complessiva di un sistema PCI è calcolata come combinazione di due casi: 1. Mutua indipendenza di funzionamento dei componenti 2. Il componente in stand-by entri in funzione as good as new 3. L interruttore abbia un funzionamento perfetto. 107 a) Il componente A in stato operativo rimane affidabile fino al tempo T in cui si vuole valutare l affidabilità del sistema b) Il componente A in stato operativo si guasta in un istante t compreso fra 0 e T, e il componente B in stato di stand-by gli subentra in funzionamento operativo. 108

28 28 SISTEMA PCI SISTEMA PCI Allora: RSTAND BY ( T ) = RA( T ) + f A( * RB ( T * dt T 0 I due casi a) e b) si escludono a vicenda. Il funzionamento del sistema è vincolato al verificarsi della situazione a) o della b): o avviene un caso, o avviene l altro; Pr(stand-by)=Pr(caso a)+pr(caso b) Per il caso a): Infatti: 109 Pr(caso a)=r A (T) 110 SISTEMA PCI Probabilità di accadimento di b): probabilità di accadimento contemporaneo di due eventi: il guasto del componente operativo A ed il buon funzionamento del componente in stand-by dal momento in cui diventa operativo subentrando ad A. Pr(b)=Pr[A(0- e B(t-T)] quindi: = Pr[A(0-] * Pr[B(t-T)/A(0-]= = Pr[A(0-] * Pr[B(t-T)] per l ipotesi di indipendenza di funzionamento 111 SISTEMA PCI Per la definizione di inaffidabilità di A al tempo t e per la definizione di affidabilità di B fra t e T si ha quindi: Pr T = [ b] f ( * R ( T dt Da cui la formula precedente. 0 A B * 112

29 29 SISTEMA CON STRUTTURA A BRIDGE (PONTE) SISTEMA CON STRUTTURA A PONTE E uno schema logico in cui è presente un componente che connette fra loro due rami in parallelo. Condizioni minime necessarie al funzionamento del sistema globale (minimum path): C1 C2 C3 C4 C5 113 funzionano i componenti C1 e C4; oppure: funzionano i componenti C2 e C5; oppure: funzionano i componenti C1, C3 e C5; oppure: funzionano i componenti C2, C3 e C4 114 SISTEMA CON STRUTTURA A PONTE SISTEMA CON STRUTTURA A PONTE Modello equivalente: C1 C4 Calcolo dell affidabilità complessiva: metodo di decomposizione basato sul key item C2 C1 C3 C5 C5 Elemento chiave (Key item): C3, consente diverse configurazioni di funzionamento del sistema. C2 C5 C4 115 Decomposizione: si identificano due casi di funzionamento possibile del sistema a ponte: 116

30 30 SISTEMA CON STRUTTURA A PONTE C1 C4 C3 a) Key-item sempre affidabile (non si guasti mai): la struttura a ponte diventa un sistema equivalente serie-parallelo C2 C3 sempre funzionante C5 b) Key-item sempre inaffidabile (sempre guasto): il key-item viene rimosso dal sistema, non consentendo più il funzionamento del ponte; il ponte diventa un sistema equivalente paralleloserie 117 C1 C2 C4 C5 118 C1 C4 SISTEMA CON STRUTTURA A PONTE C2 C3 C5 a) e b) si escludono a vicenda, e il funzionamento del sistema è vincolato al verificarsi di a) o di b): o avviene un caso, o avviene l altro; quindi C3 sempre guasto Pr(ponte)=Pr(caso a)+pr(caso b) C1 C4 a) si verifica se funzionano contemporaneamente il sistema serie-parallelo e il key-item; essendo indipendenti C2 C5 119 Pr(caso a)=pr(serie-parallelo)*pr(key-item) 120

31 31 SISTEMA CON STRUTTURA A PONTE SISTEMA CON STRUTTURA A PONTE b) si verifica se non funzionano contemporaneamente il sistema parallelo-serie e il key-item; essendo indipendenti : C1 C3 C4 Pr(caso b)=pr(parallelo-serie)*(1-pr(key-item)) C2 C5 Quindi globalmente si ha: R BRIDGE =R SP *R KI +R PS *(1-R KI ) 121 R BRIDGE = R SP * RC 3 + RPS *(1 RC 3) 122 SISTEMA COMPLESSO Deriva dalla combinazione di modelli RBD elementari. C1 C2 C4 C5 SISTEMA COMPLESSO: ESEMPIO 1 R C6 =R Par1 =R C1 +R C2 -R C1 *R C2 I modelli RBD si basano su una metodologia di scomposizione gerarchica sino al livello minimo desiderato, utilizzando ad ogni livello i costrutti RBD di base. 123 R C7 =R Par2 =R C4 +R C5 -R C4 *R C5 C6 C7 R C8 =R Serie-Paral =R Par1 *R Par2 Parallelo 1 Parallelo 2 C8 Serie - Parallelo 124

32 32 C1 C4 SISTEMA COMPLESSO: ESEMPIO 2 C2 C5 R C6 =R Serie1 =R C1 *R C4 Ottimizzazione delle unità di riserva C6 Serie 1 R C7 =R Serie2 =R C2 *R C5 C7 Serie 2 R C8 =R Paral-Serie = C8 Parallelo - Serie = R Serie 1+ R Serie 2 - R Serie 1* R Serie OTTIMIZZAZIONE DELLE UNITA DI RISERVA OTTIMIZZAZIONE DELLE UNITA DI RISERVA Impianto Industriale E opportuno inserire delle unità di riserva? Quanto si deve essere disposti a spendere per incrementare l affidabilità del sistema?

33 33 OTTIMIZZAZIONE DELLE UNITA DI RISERVA FUNZIONE COSTO Costi ANALISI TECNICO - ECONOMICA Costo totale Costo di investimento relativo alla riserva C T N 1 = nc0 + PNF HCm k= 1 (1 + i) k Costo di mancata produzione Entità della riserva Somma totale dei costi minima 129 n: numero di macchine installate C 0 : costo unitario di ciascuna macchina P NF : probabilità di non funzionamento H: ore annue di funzionamento dell impianto C m : costo orario di mancanza: (mancata produzione oraria * utile unitario) + danni immagine, perdita cliente, etc. 130 INDIVIDUAZIONE E ANALISI DEL GUASTO Individuazione e analisi del guasto Meccanismi per l individuazione del guasto: identificare che è presente un guasto Meccanismi per l analisi del guasto: analizzare il guasto e la sua causa

34 34 Meccanismi per l individuazione del guasto Meccanismi per l individuazione del guasto ж In-process checks ж Checks diagnostici sulle macchine ж Point of departures interviews ж Phone surveys ж Focus groups ж Questionari e schede 133 Importanza: 1. Non perdere l opportunità di rimettere le cose a posto 2. Non perdere l opportunità di imparare dall esperienza di quel guasto. Nel caso di un servizio l assenza di metodi di individuazione del guasto può portare a non rendersi conto della scarsa qualità del servizio 134 Scheda di segnalazione spontanea degli eventi [Romina Perossa, Vincenzo Scarpato Incident Reporting ed Eventi Sentinella: modalità di segnalazione Azienda per i Servizi Sanitari n.5

35 35 Meccanismi per l individuazione del guasto Meccanismi per l individuazione del guasto 1. In-process checks: gli operai controllano durante la fase operativa che il funzionamento dell impianto e il servizio fornito siano corretti. 2. Checks diagnostici sulle macchine: le macchine vengono sottoposte a dei test secondo ben precise procedure che consentono di rilevare guasti effettivi o potenziali. 3. Point of departures interviews: alla fine di un servizio lo staff può, formalmente o informalmente, controllare che il servizio sia stato soddisfacente Phone surveys: può essere usato per raccogliere opinioni su prodotti o servizi 5. Focus groups: Gruppi di clienti vengono portati a focalizzare l attenzione su specifici aspetti di un prodotto o servizio 6. Questionari e schede 138 Analisi del guasto Analisi del guasto 1. Diagrammi a dispersione 2. Diagrammi di Pareto 6. Analisi delle lamentele 3. Diagrammi di Ishikawa 7. Analisi degli incidenti critici 4. Analisi dell incidente (Accident investigation) 5. Tracciabilità del prodotto 8. FMEA (Failure Mode and Effect Analysis) 9. Analisi dell albero degli errori

36 36 Analisi del guasto (Failure analysis) Diagrammi a dispersione (scatter diagrams): metodo semplice e veloce per verificare se esiste una relazione fra due variabili Analisi del guasto (Failure analysis) 1. Diagrammi a dispersione: possono essere trattati in modo molto sofisticato per valutare quanto forte è il legame fra i due set di dati. Attenzione: il metodo evidenzia la presenza di legami fra le variabili, ma non dice nulla su un eventuale relazione di causa ed effetto!! Il metodo ci dice soltanto se le due variabili esaminate sono, in un modo o nell altro, correlate Analisi del guasto (Failure analysis) Analisi del guasto 2. Diagrammi causa effetto (o diagrammi di Ishikawa): metodo particolarmente efficace di individuare la causa principale di un problema. Pongono le domande: cosa, quando, dove, come e perché. Possono anche essere impiegati per individuare delle aree nelle quali è necessario avere ulteriori informazioni

37 37 Analisi del guasto Analisi del guasto 2. Diagrammi di Ishikawa: procedura Porre il problema nel riquadro effetto Identificare le principali categorie in cui ricadono le possibili cause del problema. Le 5 più comuni sono: macchine, manodopera, materiali, metodi, denaro. Riportare tutte le possibili cause di guasto scomponendole per categorie e sottocategorie Diagrammi di Pareto: Consentono di distinguere fra fattori più e meno importanti. Permettono di ordinare possibili cause di guasto in ordine di importanza per poter distinguere subito fra quelle vitali e quelle banali. Es.: la maggior parte delle entrate di una compagnia proviene, probabilmente, da un numero piccolo di clienti; analogamente per i pazienti di un medico. 146 Analisi del guasto

38 38 Analisi del guasto Analisi del guasto 4. Accident Investigation: impiegata nei casi di incidenti rilevanti, su larga scala: del personale specializzato analizza a fondo le cause dell incidente. 5. Rintracciabilità: spesso adottata, per scelta o per legge; significa che tutti i componenti sono tracciati; dal guasto del componente si può risalire al processo che l ha prodotto, ai componenti, ai fornitori, etc. etc.. 6. Complaint analysis (analisi delle lamentele): le lamentele costituiscono una sorgente economica e facilmente disponibile di informazione sugli errori. 149 Complaint analysis (analisi delle lamentele): a. Come i complimenti, vanno prese sul serio (possono rappresentare la punta dell iceberg. (Si ritiene che per ogni persona che si lamenta, altre 20 non lo facciano). b. Vantaggi chiave nell analisi delle lamentele: giungono spontaneamente ( economiche), costituiscono spesso info puntuali che consentono di identificare subito i problemi all interno dell azienda. 150 Analisi del guasto Analisi del guasto 7. Critical incident analysis (analisi critica): viene chiesto al cliente di identificare elementi di un prodotto o servizio particolarmente soddisfacenti o non soddisfacenti. Tali elementi vengono poi divisi per categorie, analizzati e legati a possibili cause di guasto FMEA: Failure Mode and Effect Analysis: analisi delle modalità e degli effetti del guasto. La FMEA ha come obiettivo quello di identificare le caratteristiche di un prodotto o di un servizio che risultano critiche per varie tipologie di guasto. E una procedura complessa, che, in pratica, ha l obiettivo di identificare i guasti prima che essi si verifichino, ordinandoli e catalogandoli secondo una lista di priorità. 152

39 39 Analisi del guasto Analisi del guasto 8. FMEA (Failure Mode and Effect Analysis): Step 1. Scomporre il sistema complesso nei suoi componenti fondamentali e identificare tutte le parti componenti 2. Elencare tutti i possibili modi in cui i componenti possono rompersi (i modi di guasto) 3. Identificare i possibili effetti dei guasti (effetti sul down time, effetti sulla sicurezza, sul cliente, sui requisiti per la riparazione, etc..) FMEA (Failure Mode and Effect Analysis): Step 4. Per ogni modo di guasto, identificare tutte le possibili cause di guasto 5. Valutare: a. La probabilità che il guasto avvenga b. La severità degli effetti del guasto c. La probabilità di rilevare il guasto 6. Calcolare l RPN (Risk Priority Number) moltiplicando fra loro le tre stime precedenti 7. Adottare azioni correttive per quei modi di guasto che hanno un RPN più elevato. 154 Analisi del guasto Analisi del guasto 8. FMEA: Failure Mode and Effect Analysis Fotocopie esempio del testo Slack, pagine ; distribuire e discutere. 155

INDICE INDICE 2 SINTESI DEL LAVORO 6 1.5 LA MANUTENZIONE SU CONDIZIONE 41

INDICE INDICE 2 SINTESI DEL LAVORO 6 1.5 LA MANUTENZIONE SU CONDIZIONE 41 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e della Produzione Dottorato in Tecnologie e Sistemi di Produzione - XXI Ciclo Tesi di Dottorato

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

TECNICHE DI SIMULAZIONE

TECNICHE DI SIMULAZIONE TECNICHE DI SIMULAZIONE MODELLI STATISTICI NELLA SIMULAZIONE Francesca Mazzia Dipartimento di Matematica Università di Bari a.a. 2004/2005 TECNICHE DI SIMULAZIONE p. 1 Modelli statistici nella simulazione

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE.

TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE. TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE. Nello Mastrobuoni, SWL 368/00 (ver. 1, 06/12/2011) Questo strumento è utile per verificare se gli

Dettagli

Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE

Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30 c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia La soluzione Rete Picchi Cali di tensione Armoniche?

Dettagli

Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto

Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto Il presente capitolo continua nell esposizione di alcune basi teoriche della manutenzione. In particolare si tratteranno

Dettagli

Una soluzione sempre pronta a magazzino: Service e parti di ricambio KSB

Una soluzione sempre pronta a magazzino: Service e parti di ricambio KSB La nostra tecnologia. Il vostro successo. Pompe n Valvole n Service Una soluzione sempre pronta a magazzino: Service e parti di ricambio KSB 02 Introduzione Rapidi, affidabili e competenti da oltre 140

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower

Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower Mediante il derating termico l inverter riduce la propria potenza per proteggere i propri componenti dal surriscaldamento. Il presente

Dettagli

GESTIONE DELLA CAPACITA

GESTIONE DELLA CAPACITA Capitolo 8 GESTIONE DELLA CAPACITA Quale dovrebbe essere la capacità di base delle operations? (p. 298 e segg.) 1 Nel gestire la capacità l approccio solitamente seguito dalle imprese consiste nel fissare

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Sicurezza funzionale dei sistemi di controllo delle macchine: requisiti ed evoluzione della normativa

Sicurezza funzionale dei sistemi di controllo delle macchine: requisiti ed evoluzione della normativa Sicurezza funzionale dei sistemi di controllo delle macchine: requisiti ed evoluzione della normativa Edizione 2013 Pubblicazione realizzata da INAIL Settore Ricerca, Certificazione e Verifica Dipartimento

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

: acciaio (flangia in lega d alluminio)

: acciaio (flangia in lega d alluminio) FILTRI OLEODINAMICI Filtri in linea per media pressione, con cartuccia avvitabile Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio (secondo NFPA T 3.1.17): FA-4-1x: 34,5 bar (5 psi) FA-4-21: 24 bar (348

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Prova di verifica ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO di Rossana MANELLI MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE (Classe 5 a IT IGEA, 5 a IP Economico - gestionale) La prova, indirizzata

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Alessio Porretta Universita di Roma Tor Vergata Gli elementi tipici di un gioco: -un numero di agenti (o giocatori): 1,..., N -Un insieme di strategie

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze.

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze. MONITOR DEFIBRILLATORE LIFEPAK 12 Il Monitor Defibrillatore LIFEPAK 12 è un dispositivo medicale che nasce per l emergenza e resiste ad urti, vibrazioni, cadute, polvere, pioggia e a tutte quelle naturali

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Risposte canoniche e sistemi elementari Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

ORDINALI E NOMINALI LA PROBABILITÀ. Nell ambito della manifestazione di un fenomeno niente è certo, tutto è probabile.

ORDINALI E NOMINALI LA PROBABILITÀ. Nell ambito della manifestazione di un fenomeno niente è certo, tutto è probabile. ORDINALI E NOMINALI LA PROBABILITÀ Statistica5 23/10/13 Nell ambito della manifestazione di un fenomeno niente è certo, tutto è probabile. Se si afferma che un vitello di razza chianina pesa 780 kg a 18

Dettagli

LIVELLO STRATEGICO E TATTICO

LIVELLO STRATEGICO E TATTICO Corso di Laurea Triennale in INGEGNERIA GESTIONALE Anno Accademico 2012/13 Prof. Davide GIGLIO 1 ESEMPI DI PROBLEMI DECISIONALI LIVELLO STRATEGICO Capacity growth planning LIVELLO TATTICO Aggregate planning

Dettagli

FACOLTA DI INGEGNERIA SCHEDA DIDATTICA N 1

FACOLTA DI INGEGNERIA SCHEDA DIDATTICA N 1 FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO CORSO DI STATISTICA E CALCOLO DELLE PROBABILITA PROF. PASQUALE VERSACE SCHEDA DIDATTICA N ARGOMENTO: CALCOLO DELLE PROBABILITA

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

Misure di temperatura nei processi biotecnologici

Misure di temperatura nei processi biotecnologici Misure di temperatura nei processi biotecnologici L industria chimica sta mostrando una tendenza verso la fabbricazione di elementi chimici di base tramite processi biotecnologici. Questi elementi sono

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive.

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. Un testo della redazione di Electro Online, il tuo esperto online. Data: 19/03/2013 Nuove regole per i condizionatori

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10)

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN Costruire il futuro Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) 1 indice Obiettivi dell Unione Europea 04 La direttiva nel contesto della certificazione CE 05

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (acc. to NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (acc. to NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (acc. to NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (acc. to NFPA T 3.10.17) FILTI OLEODINMICI Serie F-1 Filtri con cartuccia avvitabile (spin-on) Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (acc. to NFP T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (acc. to NFP

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli

Alberta Riccio (Responsabile Qualità, Ambiente, Sicurezza e Risorse Umane)

Alberta Riccio (Responsabile Qualità, Ambiente, Sicurezza e Risorse Umane) ESEMPI DI BUONA PRASSI TEMA Sistema di Gestione per la Sicurezza TITOLO DELLA SOLUZIONE Pianificazione della Manutenzione, Utilizzo di Software dedicato e Formazione per Addetti Manutenzione AZIENDA/ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Cenni di Elettronica non Lineare

Cenni di Elettronica non Lineare 1 Cenni di Elettronica non Lineare RUOLO DELL ELETTRONICA NON LINEARE La differenza principale tra l elettronica lineare e quella non-lineare risiede nel tipo di informazione che viene elaborata. L elettronica

Dettagli

ITER AUTORIZZATIVO per un GRANDE IMPIANTO FOTOVOLTAICO ISCRIVERSI AL REGISTRO GRANDI IMPIANTI (E RISULTARE ISCRITTI NELLA GRADUATORIA GSE)

ITER AUTORIZZATIVO per un GRANDE IMPIANTO FOTOVOLTAICO ISCRIVERSI AL REGISTRO GRANDI IMPIANTI (E RISULTARE ISCRITTI NELLA GRADUATORIA GSE) Per accedere al IV Conto Energia è necessario superare 4 step per i grandi impianti. Questo documento ha lo scopo di analizzare in dettaglio ognuna delle fasi, presentandovi il quadro generale e offrendovi

Dettagli

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de Centralina Compatta 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che info@psg-online.de www.psg-online.de Manuale d istruzioni Messa in funzione Il regolatore viene fornito con le impostazioni standard pronto

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Dott.ssa Caterina Gurrieri

Dott.ssa Caterina Gurrieri Dott.ssa Caterina Gurrieri Le relazioni tra caratteri Data una tabella a doppia entrata, grande importanza riveste il misurare se e in che misura le variabili in essa riportata sono in qualche modo

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw. Serie BRIO

Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw. Serie BRIO Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw Serie BRIO Approfittate dei vantaggi BALMA Fin dal 1950, BALMA offre il giusto mix di flessibilità ed esperienza per il mercato industriale, professionale e hobbistico

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi Con Vplus, BONFIGLIOLI VECTRON offre uno strumento per la messa in esercizio, la parametrizzazione, il comando e la manutenzione. VPlus consente di generare, documentare e salvare le impostazioni dei parametri.

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza?

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Con ALLIANCE Uvitec di Eppendorf Italia risparmi tempo e materiale di consumo, ottieni immagini quantificabili e ci guadagni anche in salute.

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

Tech in One Macchine e installazioni tecniche. L assicurazione degli oggetti tecnici può essere così semplice

Tech in One Macchine e installazioni tecniche. L assicurazione degli oggetti tecnici può essere così semplice Tech in One Macchine e installazioni tecniche L assicurazione degli oggetti tecnici può essere così semplice Assicurare le macchine e le installazioni tecniche Tech in One, l assicurazione semplice Perché

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli