Unità Didattica IL MOTO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Unità Didattica IL MOTO"

Transcript

1 SSIS 2005/2006. VII Ciclo. Classe A059 Laboratorio di Didattica della Fisica Unità Didattica IL MOTO a cura di Maddalena Galli Università degli Studi di Ferrara

2 Osservazione problematica Quando camminiamo, andiamo in bicicletta o in auto diciamo di essere in moto. Quando vediamo passare un treno,siamo sicuri che si stia muovendo. Ma cosa significa muoversi? Quando possiamo dire che qualcosa si muove? Innanzitutto tutto per renderci conto del movimento dobbiamo fare riferimento a qualcosa che resta fermo. Pensa infatti a quando sei in treno: le persone accanto a te ti sembrano ferme, ma in realtà sia tu che loro vi state muovendo con il treno! Quel qualcosa che sta fermo è il sistema di riferimento. Esso è formato da un origine e da un asse, cioè una retta nella cui direzione si svolge il moto. DEFINIZIONE Un corpo è in moto quando la sua posizione cambia nel tempo rispetto a un sistema di riferimento.

3 Osservazione: chiariamo il concetto di tempo Nella precedente definizione abbiamo parlato di tempo. Sappiamo bene che il tempo è quella grandezza che misuriamo con l orologio. Nel moto è importante. Pensa per esempio a due auto che devono andare da A a B: una impiega 20 minuti, l altra ne impiega 40. Poiché la distanza percorsa è la stessa, quali grandezze cambiano nei due casi considerati? Una grandezza che sicuramente cambia è il tempo, infatti la prima auto ne impiega di meno. Cosa puoi concludere? La prima auto è più veloce! Quindi dal tempo dipende la velocità.

4 Esempio Pensa al tachimetro dell automobile del tuo papà o della tua mamma. Esso indica la velocità a cui sta andando l automobile. Ti sarai reso conto che quando l automobile va più veloce, il tachimetro indica un valore più alto e che per percorrere una certa distanza, per esempio da casa a scuola, quando l auto va più veloce ci si impiega meno tempo.

5 Gli elementi del moto I moti dei corpi che ci circondano non sono tutti uguali. Pensa a te che corri o che lanci un pallone, a un treno che viaggia o a una mela che cade a terra. Problema Quando un corpo si muove, quali sono le grandezze che cambiano?

6 1. La Traiettoria Un corpo, per esempio un auto, può viaggiare su una strada dritta o curvare. Definizione: Il percorso che un corpo svolge durante il moto si chiama traiettoria. La traiettoria può essere: - rettilinea, se il corpo si muove su una linea retta; - parabolica, se il corpo descrive una parabola; - circolare, se il corpo percorre una circonferenza; - varia, se il corpo non descrive alcuna delle precedenti traiettorie.

7 2. La distanza Un corpo, per esempio un auto, può fare un viaggio di 200km o percorrere una strada di soli 2km. Cambia dunque la distanza percorsa (spazio). 3. Il tempo Un corpo può impiegare più o meno tempo a percorrere una certa distanza, cambia quindi anche il tempo impiegato. 4. La velocità Infine un corpo può andare più o meno velocemente. Pensa al tachimetro dell auto. Quindi cambia anche la velocità.

8 Le grandezze che misurano il moto Avrai sentito parlare, in tv durante le gare di Formula 1 o in auto con i tuoi genitori, di chilometri orari. Infatti l unità di misura per lo spazio è il metro (m), con tutti i suoi multipli e sottomultipli. Invece l unità di misura per il tempo è il secondo (s), anch esso con i suoi multipli e sottomultipli (in questo caso, riferendoci ai multipli, parleremo di minuti, ore e giorni). La velocità è il rapporto tra spazio percorso e tempo impiegato a percorrerlo: velocità = spazio percorso tempo impiegato v = s 1 s 0 t 1 t 0 = Δs Δt Di conseguenza si misura in chilometri all ora o chilometri orari (km/h) oppure in metri al secondo (m/s). Esempi Se un treno viaggia a 120 km/h, significa che in 1 ora percorre 120 km. Il suono viaggia alla velocità di 340 m/s: in 1 secondo percorre 340 m. Per calcolare la velocità di una macchina che per percorrere 250 km impiega 4 ore possiamo usare la formula: v = 250 km : 4 h = 62,5 km/h.

9 Il moto rettilineo uniforme Pensiamo a un atleta che cammina velocemente lungo un viale rettilineo. 1. Fissiamo il sistema di riferimento, ponendo l origine (O) nel punto di partenza dell atleta e l asse diretto dal punto nel verso in cui l atleta corre. 2. Misuriamo lo spazio in metri (m) e il tempo in secondi (s). 3. Indichiamo con P1, P2, P3, le posizioni successive dell atleta e in cui misuriamo il tempo che indichiamo con t1, t2, t3, 4. All origine O indichiamo il tempo con t0 e la posizione con P0.

10 Osservando il disegno puoi vedere che in 2 secondi l atleta ha percorso 4 metri, in 4 secondi 8 metri, in 6 secondi 12 metri, Quindi, applicando la formula, possiamo ricavare la velocità dell atleta dal punto di partenza: da P0 a P1 v = 4/2 = 2 m/s da P0 a P2 v = 8/4 = 2 m/s da P0 a P3 v = 12/6 = 2 m/s Quindi su un percorso rettilineo l atleta ha mantenuto velocità costante nel tempo. Questo tipo di moto si chiama moto rettilineo uniforme e vengono percorsi spazi uguali in tempi uguali. Riprendiamo in esame la formula della velocità: v = Δs Δt Δs = v Δt Δt = Δs v In questo tipo di moto spazio e tempo sono grandezze direttamente proporzionali, infatti se lo spazio raddoppia, anche il tempo raddoppia, se lo spazio triplica anche il tempo triplica, Invece velocità e tempo sono inversamente proporzionali: raddoppiando la velocità il tempo dimezza, triplicandola il tempo si riduce a un terzo,

11 Rappresentare la legge del moto: la tabella Spazio (m) Tempo (s) La legge del moto può essere rappresentata con una tabella in cui due colonne indicano rispettivamente la posizione (spazio) e il tempo (come per esempio nell orario ferroviario). Rappresentare la legge del moto: il grafico spazio-tempo Il moto di un corpo può essere rappresentato attraverso un grafico spazio-tempo. Vediamo il grafico dell atleta dell esempio precedente, che corre alla velocità costante di 2 m/s, che come abbiamo visto percorre 2 metri ogni secondo. La rappresentazione in un grafico spazio-tempo del moto rettilineo uniforme è una retta. Spazio (m) Tempo (s)

12 spazio (m) Il significato della pendenza Nel grafico è rappresentata la posizione in funzione del tempo per una lepre e una lumaca. Entrambi gli animali sono transitati dalla posizione x=0 m all istante t=0 s. La lepre evidentemente viaggia più veloce della lumaca. Quando t = 10 s, la lepre è in posizione x = 25 m, mentre la lumaca ha percorso meno di 10 m. L intensità della velocità è rappresentata dalla pendenza di ciascuna retta. Più grande è la pendenza, maggiore è la velocità tempo (s)

13 Esercizi 1. Disegna il grafico spazio-tempo del moto di un auto che viaggia alla velocità costante di 80km/h per 5 ore. 2. Disegna il grafico spazio-tempo di un atleta che corre alla velocità di 2,8 m/s per 1 ora. 3. Qual è la velocità del treno il cui moto è rappresentato nel seguente grafico? Spazio (km) Tempo (ore)

14 Esercizi 4. Quale auto va più veloce, la A, il cui moto è rappresentato dalla linea rossa, o la B, il cui moto è rappresentato dalla linea verde? Perché? Spazio A Tempo B 5. Sapresti disegnare il grafico spazio-tempo del moto di un corpo che resta fermo in un punto? 6. Quanta strada ha percorso un atleta che ha corso per 3 ore alla velocità di 2,5 m/s? (Suggerimento: pensa a quanti secondi corrispondono 3 ore.) 7. Quanto tempo impiegheresti a fare 10 giri della pista di atletica (lunga 400m) se corressi a una velocità di 2,8 m/s?

15 Il moto rettilineo uniformemente accelerato Osservazione: Durante un moto la velocità può cambiare, come per esempio quando sei in auto. Avrai osservato come la lancetta del tachimetro, che misura la velocità, si muova di continuo. Un corpo in moto può aumentare la sua velocità, cioè accelerare o diminuirla, cioè decelerare. Quindi accelerazione e decelerazione corrispondono a un cambiamento della velocità nel tempo. Riconsideriamo l atleta di cui abbiamo parlato prima, supponendo che stavolta si muova come in figura.

16 Osserva come ora l atleta percorra nei primi 2 secondi un certo spazio, nei 2 secondi successivi uno spazio maggiore, in quelli successivi uno spazio ancora maggiore. Ovvero sta aumentando la sua velocità, sta accelerando. DEFINIZIONE: la variazione della velocità nel tempo di un corpo si chiama accelerazione (se è negativa si chiama decelerazione). accelerazione = var iazione di velocità int ervallo di tempo = v 2 v 1 Δt a = Δv Δt DEFINIZIONE: un corpo che si muove con accelerazione costante si muove di un moto uniformemente accelerato. Analogamente se si muove con decelerazione costante si muove di un moto uniformemente ritardato. OSSERVAZIONE: l accelerazione, essendo il rapporto tra la variazione di velocità nel tempo e il tempo impiegato a modificarla, si misura in m/s 2.

17 Rappresentare le leggi del moto: la tabella e i grafici Pensiamo a un treno che parte da una stazione. Fisseremo come origine del nostro sistema di riferimento (spazio = 0 km) la stazione. Inoltre il treno parte da fermo, cioè con v = 0 km/h. Quando il treno parte accelera, cioè aumenta la sua velocità, fino a che avrà raggiunto la velocità di viaggio, che supponiamo di 120 km/h e che il treno mantiene costante. v = 0 km/h v = 120 km/h Cronometrando quanto tempo impiega per raggiungere la velocità di 120 km/h, vediamo che ci impiega 3 minuti. Qual è l accelerazione del treno da quando parte a quando raggiunge la velocità di viaggio? E dopo che ha raggiunto la velocità di viaggio? Come si può rappresentare questa situazione con dei grafici?

18 Innanzitutto facciamo un osservazione: la velocità è misurata in km/h, mentre il tempo che abbiamo cronometrato è in minuti. Come con la lunghezza o il peso, non si possono confrontare due misure se hanno unità di misura differenti. Quindi occorre trasformare i minuti in ore. 3min = 3 60 h = 0,05h Ora proviamo a indicare in una tabella i valori della velocità in corrispondenza del tempo, anche se ne conosciamo solo 2. E disegniamo il grafico corrispondente. Tempo (h) Velocità (km/h) 0 h 0 km/h 0,05 h 120 km/h 120 km/h 1 h 120 km/h ATTENZIONE! Il grafico che stiamo disegnando ora è un grafico velocità-tempo (e NON spazio-tempo). Velocità (km/h) Tempo (h)

19 Vediamo ora la rappresentazione grafica dello spazio percorso all aumentare del tempo, cioè vediamo ora il grafico spazio-tempo del moto rettilineo uniformemente accelerato. Come ormai avrai capito, nel moto rettilineo uniformemente accelerato, man mano che passa il tempo, il corpo in moto, nello stesso intervallo di tempo, percorre distanze sempre maggiori. Graficamente questo si rappresenta con un ramo di parabola. Osserva il grafico: noterai che da t = 0s a t = 1s, lo spazio percorso è di 2m da t = 1s a t = 2s, lo spazio percorso è di 5m da t = 2s a t = 3s, lo spazio percorso è di 11m da t = 3s a t = 4s, lo spazio percorso è di 32m.

20 Un esempio di moto rettilineo uniformemente accelerato: la caduta dei gravi Ogni volta che un corpo cade dall alto acquista una velocità sempre maggiore. Esso si muove di un moto rettilineo uniformemente accelerato. L accelerazione con cui si muove è detta accelerazione di gravità e vale 9,8 m/ s 2. Tutti i corpi sono soggetti alla stessa accelerazione di gravità. Perché allora se lasciamo cadere una piuma e una mela nello stesso istante e dalla stessa altezza, la mela tocca terra prima della piuma? In realtà piuma e mela sono soggette alla stessa accelerazione di gravità, ma la piuma subisce maggiormente l attrito dell aria, che ostacola la caduta. Quindi nel vuoto, cioè in assenza di aria, la piuma e la mela toccherebbero terra contemporaneamente!

21 Osservazione Nella realtà i moti uniformi (v = costante) o uniformemente accelerati (a = costante) sono rari. Infatti pensiamo per esempio a un auto: accelera quando parte e decelera quando si avvicina a un semaforo rosso, o si ferma. DEFINIZIONE: Quando un corpo percorre spazi uguali impiegando tempi diversi, il corpo si muove di un moto vario. In questo caso la velocità cambia di continuo. Possiamo calcolare la velocità media durante il moto, cosa che facciamo dividendo tutto lo spazio percorso per il tempo impiegato. DEFINZIONE: in un moto vario chiamiamo velocità media il rapporto tra lo spazio percorso e l intervallo di tempo impiegato a percorrerlo. velocità media = spazio percorso tempo impiegato v media = Δs Δt

22 Esempio Un auto compie un viaggio. Durante il viaggio fa delle soste, accelera quando c è poco traffico e decelera quando ci sono molte macchine sulla strada che rallentano l andatura. In totale impiega 5 ore per percorrere 400 km. Qual è stata la sua velocità media? Poiché in totale ha percorso 400 km e ha impiegato un tempo pari a 5 ore, significa che: Δs = 400km Δt = 5h Quindi, utilizzando la formula precedente: v media = Δs Δt = 400km 5h = 80km /h L auto si muove L auto è ferma Velocità media Spazio (km) Tempo (h)

23 Esercizi 1. Un auto è ferma a un semaforo. Quando il semaforo diventa verde l auto parte e accelera per 5 secondi, fino a raggiungere la velocità di 15 m/s. Qual è stata la sua accelerazione? 2. Se lascio cadere insieme un foglio di carta e una pallina da tennis, quale tocca prima terra? Perché? 3. Che cosa rappresenta la formula v media = s/ t? 4. Come definiresti l accelerazione? 5. Un treno viaggia da Bologna a Milano alla velocità media di 120 km/h. Sapendo che la distanza che percorre è di 300 km, se parte alle ore 8,30 da Bologna, a che ora arriva a Milano? 6. Qual è la rappresentazione grafica del moto rettilineo uniformemente accelerato in un grafico velocità-tempo? E in uno spazio-tempo?

24 Esercizi 7. Secondo te, come risulterebbe la rappresentazione grafica di un moto rettilineo uniforme in un grafico velocità-tempo? 8. Cosa puoi dire del moto del corpo rappresentato nel seguente grafico?

25 Verifica Sommativa Esercizio n.1 Vero o falso? Se l affermazione è falsa, correggila così che risulti vera. a. Un auto su una strada di montagna percorre una traiettoria rettilinea. b. Nel moto rettilineo uniforme la velocità aumenta con regolarità nel tempo. c. I moti si possono rappresentare graficamente. d. In un moto uniformemente accelerato la velocità è costante. e. Nel moto rettilineo uniforme spazio e tempo sono direttamente proporzionali. f. Il grafico del moto rettilineo uniforme è una linea spezzata. g. Un sistema di riferimento è formato da un asse e da un origine. h. L accelerazione di gravità è maggiore per i corpi più pesanti. i. In cui grafico spazio-tempo, tra due rette quella con pendenza maggiore rappresenta il moto con velocità più alta. l. Un corpo che viene lasciato cadere si muove di moto rettilineo uniformemente accelerato. V F

26 Esercizio n.2 Spiega perché. a. Per studiare un moto occorre fissare un sistema di riferimento. b. Nel moto rettilineo uniforme lo spazio e il tempo sono direttamente proporzionali. c. La rappresentazione grafica del moto vario è costituita da segmenti spezzati. d. Nel moto uniformemente accelerato, il grafico dello spazio in funzione del tempo è un ramo di parabola.

27 Esercizio n.3 Osserva il grafico che rappresenta il viaggio di un auto e rispondi alle domande. a. Durante la prima ora di viaggio, di che tipo di moto si muove l auto? b. Che cosa succede durante la seconda ora di viaggio? c. Quanti km percorre l auto? d. Per quanto tempo viaggia l auto? e. Qual è la velocità media dell auto durante il viaggio?

28 Esercizio n.4 Scegli il termine tra parentesi che ritieni più appropriato a completare la frase. a) La traiettoria del cavallo di una giostra è (rotonda - circolare - sferica). b) Le grandezze che misurano il moto sono velocità, spazio e (secondo - durata - tempo). c) Quando la velocità diminuisce, l accelerazione negativa si chiama (decelerazione - rallentamento - diminuzione). d) Nel moto vario la velocità è (incostante - mutevole - variabile). e) Un moto in cui l accelerazione è costante si dice (uniformemente - costantemente - sempre) accelerato. f) Un corpo si dice in moto quando modifica la sua (postazione - distanza - posizione) nel tempo. g) Un corpo in moto percorre una (strada - traiettoria - linea). h) L accelerazione è la variazione (dell andatura - della velocità - del moto) nel tempo. i) Ogni corpo che viene lasciato cadere è soggetto all accelerazione (di gravità - terrestre - del peso).

29 Esercizio n.5 Che cosa puoi dire del corpo il cui moto è rappresentato nel seguente grafico?

30 Esercizio n.6 Che cosa indicano le seguenti formule? v = Δs Δt a = Δv Δt v media = Δs Δt

31 Esercizio n.7 Problema: un atleta ha percorso 10 km in 45 minuti, muovendosi con velocità costante. Qual è stata la sua velocità durante il percorso? A quale velocità avrebbe dovuto correre per percorrere la stessa distanza in 35 minuti? Disegna il grafico del moto nel primo caso. (Suggerimento: ricorda che i minuti vanno trasformati in ore)

32 Esercizio n.8 Osserva i grafici e indica a quale moto si riferiscono

33 Esercizio n.9 Problema: un atleta comincia a correre partendo da fermo e raggiungendo la velocità di 12 m/s. Per farlo ci impiega 20 secondi. Qual è stata la sua accelerazione? Esercizio n.10 Problema: lasciando cadere una pallina da tennis da un balcone, questa ovviamente cade a terra. Quando tocca il suolo ha una velocità pari a 14 m/s. Quanto tempo passa tra quando si lascia cadere la pallina e quando questa arriva a terra?

1. LA VELOCITA. Si chiama traiettoria la linea che unisce le posizioni successive occupate da un punto materiale in movimento.

1. LA VELOCITA. Si chiama traiettoria la linea che unisce le posizioni successive occupate da un punto materiale in movimento. 1. LA VELOCITA La traiettoria. Si chiama traiettoria la linea che unisce le posizioni successive occupate da un punto materiale in movimento Il moto rettilineo: si definisce moto rettilineo quello di un

Dettagli

Le caratteristiche del moto. Un corpo è in moto se, rispetto ad un sistema di riferimento, cambia la posizione con il passare del tempo.

Le caratteristiche del moto. Un corpo è in moto se, rispetto ad un sistema di riferimento, cambia la posizione con il passare del tempo. Il Mot Le caratteristiche del moto Un corpo è in moto se, rispetto ad un sistema di riferimento, cambia la posizione con il passare del tempo. Le caratteristiche del moto Immagina di stare seduto in treno

Dettagli

Le caratteristiche del moto. Un corpo è in moto se, rispetto ad un sistema di riferimento, cambia la posizione con il passare del tempo.

Le caratteristiche del moto. Un corpo è in moto se, rispetto ad un sistema di riferimento, cambia la posizione con il passare del tempo. Il moto dei corpi Le caratteristiche del moto Un corpo è in moto se, rispetto ad un sistema di riferimento, cambia la posizione con il passare del tempo. Le caratteristiche del moto Immagina di stare seduto

Dettagli

STATICA = studia le condizioni di equilibrio dei corpi

STATICA = studia le condizioni di equilibrio dei corpi IL MOTO MECCANICA = parte della fisica che studia il movimento dei corpi CINEMATICA = descrive il moto dei corpi senza indagare le cause che lo hanno prodotto DINAMICA = studia il moto dei corpi in relazione

Dettagli

Moto del Punto - Cinematica del Punto

Moto del Punto - Cinematica del Punto Moto del Punto - Cinematica del Punto Quiz 1 Posizione, spostamento e traiettoria 1. Un ciclista si sposta di 10km in una direzione formante un angolo di 30 rispetto all asse x di un fissato riferimento.

Dettagli

Il movimento dei corpi

Il movimento dei corpi 1 Per stabilire se un corpo si muove oppure no è necessario riferirsi a qualcosa che sicuramente è fermo. È necessario scegliere un sistema di riferimento. 1. Un passeggero di un treno in moto appare fermo

Dettagli

GRAFICO 1. Sapendo che S 0 = - 5 m, dove si trova il corpo dopo 2 secondi dalla partenza? Cosa succede a 7 s dalla partenza?

GRAFICO 1. Sapendo che S 0 = - 5 m, dove si trova il corpo dopo 2 secondi dalla partenza? Cosa succede a 7 s dalla partenza? ESERCIZI SUL MOTO Un'automobile compie un viaggio di 100 km in tre tappe: 20 km a 60 km/h, 40 km a 80 km/h e 40 km a 30 km/h. Calcolare il tempo impiegato nel viaggio e la velocità media dell'automobile.

Dettagli

Il moto uniformemente accelerato. Prof. E. Modica

Il moto uniformemente accelerato. Prof. E. Modica Il moto uniformemente accelerato! Prof. E. Modica www.galois.it La velocità cambia... Quando andiamo in automobile, la nostra velocità non si mantiene costante. Basta pensare all obbligo di fermarsi in

Dettagli

6. IL MOTO Come descrivere un moto.

6. IL MOTO Come descrivere un moto. 6. IL MOTO Per definire il movimento di un corpo o il suo stato di quiete deve sempre essere individuato un sistema di riferimento e ogni movimento è relativo al sistema di riferimento in cui esso avviene.

Dettagli

Nome.Classe Data.. V=0. g= 9,81 m/s 2. H max. V0= 23,0 m/s

Nome.Classe Data.. V=0. g= 9,81 m/s 2. H max. V0= 23,0 m/s SOLUZIONI VERIFICA di Fisica-A 1- Un moto segue la seguente legge: v=1,5 + 0,80*t (v è espressa in m/s e t in s) Di che tipo di moto si tratta? Quanto vale la velocità del corpo al tempo 0s? Quanto vale

Dettagli

Questo simbolo significa che è disponibile una scheda preparata per presentare l esperimento

Questo simbolo significa che è disponibile una scheda preparata per presentare l esperimento L accelerazione Questo simbolo significa che l esperimento si può realizzare con materiali o strumenti presenti nel nostro laboratorio Questo simbolo significa che l esperimento si può realizzare anche

Dettagli

VELOCITÀ MOTO RETTILINEO UNIFORME MOTO UNIFORMEMENTE ACCELERATO

VELOCITÀ MOTO RETTILINEO UNIFORME MOTO UNIFORMEMENTE ACCELERATO 1 VELOCITÀ 1. (Da Veterinaria 2010) In auto percorriamo un primo tratto in leggera discesa di 100 km alla velocità costante di 100 km/h, e un secondo tratto in salita di 100 km alla velocità costante di

Dettagli

Obiettivi del percorso

Obiettivi del percorso Obiettivi del percorso Il percorso didattico qui esposto ha come obiettivo quello di far acquisire allo studente il concetto di velocità, attraverso la proposta di esperienze significative, già ampiamente

Dettagli

MOTO CIRCOLARE VARIO

MOTO CIRCOLARE VARIO MOTO ARMONICO E MOTO VARIO PROF. DANIELE COPPOLA Indice 1 IL MOTO ARMONICO ------------------------------------------------------------------------------------------------------ 3 1.1 LA LEGGE DEL MOTO

Dettagli

Lezione 3 Cinematica Velocità Moto uniforme Accelerazione Moto uniformemente accelerato Concetto di Forza Leggi di Newton

Lezione 3 Cinematica Velocità Moto uniforme Accelerazione Moto uniformemente accelerato Concetto di Forza Leggi di Newton Corsi di Laurea in Scienze motorie - Classe L-22 (D.M. 270/04) Dr. Andrea Malizia 1 Cinematica Velocità Moto uniforme Accelerazione Moto uniformemente accelerato Concetto di Forza Leggi di Newton Sistemi

Dettagli

L accelerazione. Quando la velocità cambia.

L accelerazione. Quando la velocità cambia. L accelerazione Quando la velocità cambia. Questo simbolo significa che l esperimento si può realizzare con materiali o strumenti presenti nel nostro laboratorio Questo simbolo significa che l esperimento

Dettagli

Domande ed esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Domande ed esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato 1. Come si definisce la grandezza fisica accelerazione e qual è l unità di misura nel SI? 2. Come si definisce l accelerazione istantanea? 3. Come si definisce il moto rettilineo uniformemente accelerato?

Dettagli

Unità didattica 1. Prima unità didattica (Fisica) 1. Corso integrato di Matematica e Fisica per il Corso di Farmacia

Unità didattica 1. Prima unità didattica (Fisica) 1. Corso integrato di Matematica e Fisica per il Corso di Farmacia Unità didattica 1 Unità di misura Cinematica Posizione e sistema di riferimento....... 3 La velocità e il moto rettilineo uniforme..... 4 La velocità istantanea... 5 L accelerazione 6 Grafici temporali.

Dettagli

I concetti fondamentali

I concetti fondamentali I concetti fondamentali La luce 1 Un raggio luminoso è un di luce molto, che rappresentiamo con una I raggi luminosi si propagano in 2 Leggi della riflessione. Prima legge: il raggio incidente, il raggio

Dettagli

FISICA. Fai un esempio di...: a)...un corpo in moto per il quale siano negative sia la velocità sia l accelerazione;

FISICA. Fai un esempio di...: a)...un corpo in moto per il quale siano negative sia la velocità sia l accelerazione; FISICA Serie 6: Cinematica del punto materiale V I liceo Esercizio 1 Alcuni esempi Fai un esempio di...: a)...un corpo in moto per il quale siano negative sia la velocità sia l accelerazione; b)...un corpo

Dettagli

Quando un corpo è in movimento??? Ulteriori attività formative a.a. 2011/12 2

Quando un corpo è in movimento??? Ulteriori attività formative a.a. 2011/12 2 1 Quando un corpo è in movimento??? Ulteriori attività formative a.a. 2011/12 2 Infatti un passeggero seduto su un treno in corsa è in moto rispetto alla stazione, ma è fermo rispetto al treno stesso!

Dettagli

=50 1. Lo spazio percorso in 15 è = =50 15 = =45000 =45.

=50 1. Lo spazio percorso in 15 è = =50 15 = =45000 =45. MOTO RETTILINEO UNIFORME Esercizi Problema 1 Un auto viaggia alla velocità di 50. Determinare la velocità in h e lo spazio percorso in 15 minuti. La trasformazione della velocità in h è : 50 1 50 1000

Dettagli

1 di 5 12/02/ :23

1 di 5 12/02/ :23 Verifica: tibo5794_me08_test1 nome: classe: data: Esercizio 1. La traiettoria di un proiettile lanciato con velocità orizzontale da una certa altezza è: un segmento di retta obliqua percorso con accelerazione

Dettagli

La descrizione del moto

La descrizione del moto Professoressa Corona Paola Classe 1 B anno scolastico 2016-2017 La descrizione del moto Il moto di un punto materiale La traiettoria Sistemi di riferimento Distanza percorsa Lo spostamento La legge oraria

Dettagli

GRANDEZZA SCALARE e GRANDEZZA VETTORIALE

GRANDEZZA SCALARE e GRANDEZZA VETTORIALE GRANDEZZA SCALARE e GRANDEZZA VETTORIALE In fisica, una grandezza scalare è una grandezza fisica che viene descritta, dal punto di vista matematico, da uno scalare, cioè da un numero reale associato ad

Dettagli

parametri della cinematica

parametri della cinematica Cinematica del punto Consideriamo il moto di una particella: per particella si intende sia un corpo puntiforme (ad es. un elettrone), sia un qualunque corpo esteso che si muove come una particella, ovvero

Dettagli

Verifica di Fisica 3 a B Scientifico - 11 aprile 2011

Verifica di Fisica 3 a B Scientifico - 11 aprile 2011 Liceo Carducci Volterra - Prof. Francesco Daddi Verifica di Fisica 3 a B Scientifico - 11 aprile 2011 Reolamento: punteio di partenza 2/10. Per oni quesito si indichi una sola risposta. Oni risposta esatta

Dettagli

Meccanica: branca della fisica, studio del movimento. Biomeccanica: studio del movimento animale. Padre storico: G. A. Borelli, autore del De Motu

Meccanica: branca della fisica, studio del movimento. Biomeccanica: studio del movimento animale. Padre storico: G. A. Borelli, autore del De Motu Meccanica: branca della fisica, studio del movimento. Biomeccanica: studio del movimento animale. Padre storico: G. A. Borelli, autore del De Motu Animalium, forse il primo trattato di Biomeccanica. Questo

Dettagli

Cinematica nello Spazio

Cinematica nello Spazio Cinematica nello Spazio Abbiamo introdotto, nelle precedenti lezioni, le grandezze fisiche: 1) Spostamento; 2) Velocità; 3) Accelerazione; 4) Tempo. Abbiamo ricavato le equazioni per i moti: a) uniforme;

Dettagli

FISICA. Serie 3: Cinematica del punto materiale II. Esercizio 1 Velocità media. I liceo

FISICA. Serie 3: Cinematica del punto materiale II. Esercizio 1 Velocità media. I liceo FISICA Serie 3: Cinematica del punto materiale II I liceo Le funzioni affini Una funzione f è detta una funzione del tempo se ad ogni istante t associa il valore di una grandezza fisica f a quell istante,

Dettagli

Lezione 5 MOTO CIRCOLARE UNIFORME

Lezione 5 MOTO CIRCOLARE UNIFORME Corsi di Laurea in Scienze motorie - Classe L-22 (D.M. 270/04) Dr. Andrea Malizia 1 MOTO CIRCOLARE UNIFORME 2 Per descrivere un moto curvilineo occorrono due assi cartesiani ortogonali ed un orologio.

Dettagli

Cinematica. Descrizione dei moti

Cinematica. Descrizione dei moti Cinematica Descrizione dei moti Moto di un punto materiale Nella descrizione del moto di un corpo (cinematica) partiamo dal caso più semplice: il punto materiale, che non ha dimensioni proprie. y. P 2

Dettagli

Cinematica del punto materiale moti rettilinei

Cinematica del punto materiale moti rettilinei Cinematica del punto materiale moti rettilinei DEF La cinematica è lo studio dei moti senza occuparsi dei fenomeni che li provocano. Cominciamo cioè con il descrivere i moti. Penseremo dopo a come mai

Dettagli

Il moto. Studiamo il moto del punto materiale, definito come un oggetto estremamente piccolo rispetto al contesto

Il moto. Studiamo il moto del punto materiale, definito come un oggetto estremamente piccolo rispetto al contesto Il moto Studiamo il moto del punto materiale, definito come un oggetto estremamente piccolo rispetto al contesto Traiettoria: è il luogo dei punti occupati dall oggetto nel suo movimento Spazio percorso:

Dettagli

Cinematica. Descrizione dei moti

Cinematica. Descrizione dei moti Cinematica Descrizione dei moti Moto di un punto materiale Nella descrizione del moto di un corpo (cinematica) partiamo dal caso più semplice: il punto materiale, che non ha dimensioni proprie. y. P 2

Dettagli

Nozioni di meccanica classica

Nozioni di meccanica classica Nozioni di meccanica classica CORSO DI LAUREA IN TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA - Prof. Marco Maggiora Jacopo Pellegrino - jacopo.pellegrino@infn.it Introduzione Introduzione

Dettagli

MOTO NEL PIANO Esercizi numerici 1 Da un aereo che vola a 450 m/s in direzione orizzontale viene lasciato cadere un pacco di aiuti alimentari.

MOTO NEL PIANO Esercizi numerici 1 Da un aereo che vola a 450 m/s in direzione orizzontale viene lasciato cadere un pacco di aiuti alimentari. MOTO NEL PIANO Esercizi numerici 1 Da un aereo che vola a 450 m/s in direzione orizzontale viene lasciato cadere un pacco di aiuti alimentari. La quota dell aereo è 250 m. Qual è il tempo di volo del pacco?

Dettagli

LAVORO ESTIVO DI FISICA 3 BS

LAVORO ESTIVO DI FISICA 3 BS LAVORO ESTIVO DI FISICA 3 BS Per gli studenti con recupero a settembre e consigliato per gli studenti che hanno raggiunto la sufficienza con difficoltà: Studiare gli argomenti affrontati durante l anno

Dettagli

Esercizio Soluzione: Esercizio Soluzione: Esercizio Soluzione: Esercizio

Esercizio Soluzione: Esercizio Soluzione: Esercizio Soluzione: Esercizio Un ragazzo di massa 50 kg si lascia scendere da una pertica alta 12 m e arriva a terra con una velocità di 6 m/s. Supponendo che la velocità iniziale sia nulla: 1. si calcoli di quanto variano l energia

Dettagli

Prodotto Multimediale

Prodotto Multimediale Prodotto Multimediale Relativo al Laboratorio 2: "Multimedialità e Didattica" Autore: Zumbo Francesco Breve presentazione del Moto Rettilineo Uniforme e Uniformemente Accelerato I moti, a seconda della

Dettagli

I MOTI NEL PIANO. Vettore posizione e vettore spostamento

I MOTI NEL PIANO. Vettore posizione e vettore spostamento I MOTI NEL IANO Vettore posizione e vettore spostamento Si parla di moto in un piano quando lo spostamento non avviene lungo una retta, ma in un piano, e può essere descritto usando un sistema di riferimento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO CORSO DI LAUREA IN TUTELA E BENESSERE ANIMALE Corso di : FISICA MEDICA A.A. 015 /016 Docente: Dott. Chiucchi Riccardo mail:rchiucchi@unite.it Medicina Veterinaria: CFU

Dettagli

Fisica 1 Anno Accademico 2011/2011

Fisica 1 Anno Accademico 2011/2011 Matteo Luca Ruggiero DISAT@Politecnico di Torino Anno Accademico 011/011 (1 Marzo - 17 Marzo 01) Sintesi Abbiamo introdotto lo studio del moto di un punto materiale partendo da un approccio cinematico.

Dettagli

ESAMI DEL PRECORSO DI FISICA CORSO A 13 OTTOBRE 2006

ESAMI DEL PRECORSO DI FISICA CORSO A 13 OTTOBRE 2006 CORSO A 13 OTTOBRE 2006 Esercizio 1 - Ad una valigia di massa 6 Kg appoggiata su un piano xy privo di attrito vengono applicate contemporaneamente due forze costanti parallele al piano. La prima ha modulo

Dettagli

La Cinematica. Problemi di Fisica. Moti unidimensionali

La Cinematica. Problemi di Fisica. Moti unidimensionali Problemi di Fisica Moti unidimensionali Sei in un automobile che sta andando in autostrada. Quale sarà la tua traiettoria rispetto al sistema di riferimento automobile che sta sorpassando? Il moto è un

Dettagli

IIS Moro Dipartimento di matematica e fisica

IIS Moro Dipartimento di matematica e fisica IIS Moro Dipartimento di matematica e fisica Obiettivi minimi per le classi seconde - Fisica CONTENUTI SECONDO ANNO MODULO LE FORZE E IL MOTO Conoscenze Significato e unità di misura della velocità Legge

Dettagli

CINEMATICA. M-Lezione 13c Cinematica Moto rettilineo uniforme (MRU) (Cinematica Moto rettilineo uniforme M.R.U.)

CINEMATICA. M-Lezione 13c Cinematica Moto rettilineo uniforme (MRU) (Cinematica Moto rettilineo uniforme M.R.U.) M-Lezione 13c Cinematica Moto rettilineo uniforme (MRU) Un moto si dice rettilineo uniforme quando il corpo percorre spazi uguali in uguali intervalli di tempo, muovendosi in linea retta. In questo caso

Dettagli

Didattica delle scienze (FIS/01) 8CFU

Didattica delle scienze (FIS/01) 8CFU Facoltà di Studi Classici, Linguistici e della Formazione SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA (LM-85 bis) Lucia Quattrocchi Didattica delle scienze (FIS/01) 8CFU Meccanica La meccanica è il settore della

Dettagli

Esercizi in preparazione all esonero

Esercizi in preparazione all esonero Esercizi in preparazione all esonero Andrea Susa Esercizio Un sasso viene lanciato verso l'alto a partire dall'altezza h = 50 rispetto al suolo con una velocità iniziale di modulo = 8,5/. Supponendo il

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE V.E.MARZOTTO

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE V.E.MARZOTTO Revisione del 16/03/16 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE V.E.MARZOTTO Valdagno (VI) Corso di Fisica prof. Nardon MOTI ACCELERATI Richiami di teoria Moto uniformemente vario (accelerato) a = equazioni del moto:

Dettagli

Tema 1: Il Movimento e le forze Cap. 1 Descrivere il movimento TEST

Tema 1: Il Movimento e le forze Cap. 1 Descrivere il movimento TEST Tema 1: Il Movimento e le forze Cap. 1 Descrivere il movimento TEST Descrivere tutte le caratteristiche di un moto che si possono ottenere da un grafico (t, s). Come si rileva la velocità di un moto rettilineo

Dettagli

SCHEDA DI LAVORO: Il moto accelerato

SCHEDA DI LAVORO: Il moto accelerato Scheda di lavoro moto accelerato Da Wikipedia, l enciclopedia libera. Table of contents SCHEDA DI LAVORO: Il moto accelerato NOME COGNOME SCUOLA CLASSE DATA Analisi dei grafici Rispondi ai quesiti prima

Dettagli

La velocità. Isabella Soletta - Liceo Fermi Documento riadattato da MyZanichelli.it

La velocità. Isabella Soletta - Liceo Fermi Documento riadattato da MyZanichelli.it La velocità Isabella Soletta - Liceo Fermi Documento riadattato da MyZanichelli.it Questo simbolo significa che l esperimento si può realizzare con materiali o strumenti presenti nel nostro laboratorio

Dettagli

4. I principi della meccanica

4. I principi della meccanica 1 Leggi del moto 4. I principi della meccanica Come si è visto la cinematica studia il moto dal punto di vista descrittivo, ma non si sofferma sulle cause di esso. Ciò è compito della dinamica. Alla base

Dettagli

prof. Antonio Marino a.s Liceo Zucchi Monza Il moto circolare uniforme

prof. Antonio Marino a.s Liceo Zucchi Monza Il moto circolare uniforme Il moto circolare uniforme 1. Definizione di moto circolare uniforme Un punto P si muove di moto circolare uniforme 1 se percorre una circonferenza con velocità scalare costante. Pertanto, il modulo della

Dettagli

Lezione 3: come si descrive il moto dei corpi

Lezione 3: come si descrive il moto dei corpi Lezione 3 - pag.1 Lezione 3: come si descrive il moto dei corpi 3.1. Correlare posizione e tempo Quando diciamo che un corpo si muove intendiamo dire che la sua posizione, misurata rispetto al sistema

Dettagli

Introduzione alla Meccanica: Cinematica

Introduzione alla Meccanica: Cinematica Introduzione alla Meccanica: Cinematica La Cinematica si occupa della descrizione geometrica del moto, senza riferimento alle sue cause. E invece compito della Dinamica mettere in relazione il moto con

Dettagli

DUE MOTI UNIFORMEMENTE ACCELERATI PARTICOLARI

DUE MOTI UNIFORMEMENTE ACCELERATI PARTICOLARI DUE MOTI UNIFORMEMENTE ACCELERATI PARTICOLARI a cura di Vitali Marina realizzato con la supervisione del Prof. Fabio Breda I.S.I.S.S. M. Casagrande, Pieve di Soligo, a.s. 015-016 Abstract. Dati due corpi

Dettagli

Il treno merci moto rettilineo uniforme

Il treno merci moto rettilineo uniforme Il treno merci moto rettilineo uniforme Un treno merci attraversa un lungo ponte ad una velocità costante di 35 chilometri all'ora, impiegando un minuto e 24 secondi. Quanto è lungo il ponte? Dato che

Dettagli

Meccanica: Introduzione. Lo Studio del moto degli oggetti

Meccanica: Introduzione. Lo Studio del moto degli oggetti Meccanica: Introduzione Lo Studio del moto degli oggetti 1 Grandezze fisiche n Scalari : esprimibili mediante singoli numeri (es. massa,temperatura, energia, carica elettrica ecc.) n Vettoriali : per essere

Dettagli

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Ø Prof. Attilio Santocchia Ø Ufficio presso il Dipartimento di Fisica (Quinto Piano) Tel. 075-585 2708 Ø E-mail: attilio.santocchia@pg.infn.it Ø Web: http://cms.pg.infn.it/santocchia/

Dettagli

Soluzione. Per x da 0 a l 1 = 16 m accelerazione a 1 = costante Per x > l 1 fino a x = 100m accelerazione a 2 = 0. Leggi orarie

Soluzione. Per x da 0 a l 1 = 16 m accelerazione a 1 = costante Per x > l 1 fino a x = 100m accelerazione a 2 = 0. Leggi orarie Problema n. 1: Un velocista corre i 100 m piani in 10 s. Si approssimi il suo moto ipotizzando che egli abbia un accelerazione costante nei primi 16 m e poi un velocità costante nei rimanenti 84 m. Si

Dettagli

Un sistema di riferimento

Un sistema di riferimento Quiete e moto I corpi fermi, ad es. un oggetto appoggiato, si dicono in stato di quiete. I corpi in movimento, come un'automobile che percorre una strada, si dicono in stato di moto. 1 Un sistema di riferimento

Dettagli

CINEMATICA. Ipotesi di base: si trascurano le cause del moto ogge0 in movimento pun3formi

CINEMATICA. Ipotesi di base: si trascurano le cause del moto ogge0 in movimento pun3formi CINEMATICA Ipotesi di base: si trascurano le cause del moto ogge0 in movimento pun3formi Definiamo: spostamento la velocità media la velocità istantanea MOTO RETTILINEO UNIFORME Nel moto re4lineo uniforme:

Dettagli

1 Nozioni utili sul piano cartesiano

1 Nozioni utili sul piano cartesiano Nozioni utili sul piano cartesiano Nozioni utili sul piano cartesiano Il piano cartesiano è un sistema di riferimento costituito da due rette perpendicolari (una orizzontale detta asse delle ascisse x

Dettagli

Metodi e strumenti per i processi di modellizzazione Laboratorio interdisciplinare

Metodi e strumenti per i processi di modellizzazione Laboratorio interdisciplinare UNVERSTA DEGL STUD D PALERM MASTER LVELL N DDATTCA DELLE SCENZE PER NSEGNANT D SCULE MEDE ED ELEMENTAR Metodi e strumenti per i processi di modellizzazione Laboratorio interdisciplinare MT RETTLNE UNFRME

Dettagli

CONTENUTI DISCIPLINARI PER IL SUPERAMENTO DELLA CARENZA

CONTENUTI DISCIPLINARI PER IL SUPERAMENTO DELLA CARENZA CLASSE 3B DOCENTE Serena Cicalò MATERIA Fisica CONTENUTI DISCIPLINARI PER IL SUPERAMENTO DELLA CARENZA Le grandezze: Di cosa si occupa la fisica. La misura delle grandezze. Il Sistema Internazionale di

Dettagli

Piano cartesiano. O asse delle ascisse

Piano cartesiano. O asse delle ascisse Piano cartesiano E costituito da due rette orientate e perpendicolari tra di loro chiamate assi di riferimento. Il loro punto di intersezione O si chiama origine del riferimento. L asse orizzontale è detto

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/ Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/ Docente: Prof. Carlo Isetti CENNI DI CINEMATICA.1 GENERALITÀ La cinematica studia il moto dei corpi in relazione allo spazio ed al tempo indipendentemente dalle cause che lo producono. Un corpo si muove quando la sua posizione relativa

Dettagli

Lavoro ed energia. Lavoro di una forza Teorema dell energia cinetica Forze conservative Conservazione dell energia

Lavoro ed energia. Lavoro di una forza Teorema dell energia cinetica Forze conservative Conservazione dell energia Lavoro ed energia Lavoro di una forza Teorema dell energia cinetica Forze conservative Conservazione dell energia Lavoro di una forza Consideriamo una forza F applicata ad un punto materiale P che si sposti

Dettagli

Serway, Jewett Principi di Fisica IV Ed. Capitolo 3. Serway, Jewett Principi di Fisica, IV Ed. Capitolo 3

Serway, Jewett Principi di Fisica IV Ed. Capitolo 3. Serway, Jewett Principi di Fisica, IV Ed. Capitolo 3 Serway, Jewett Principi di Fisica IV Ed. Capitolo 3 Moti in due dimensioni Caso bidimensionale: tutte le grandezze viste fino ad ora (posizione, velocità, accelerazione devono essere trattate come vettori).

Dettagli

MOTO E LEGGI ORARIE. Due oggetti si muovono secondo le seguenti leggi orarie:

MOTO E LEGGI ORARIE. Due oggetti si muovono secondo le seguenti leggi orarie: ESERCIZIO N 1 MOTO E LEGGI ORARIE Due oggetti si muovono secondo le seguenti leggi orarie: y 5t x 6t 4t 1 Di ognuno di essi si dica: a) tipo di moto e di traiettoria b) posizione iniziale c) velocità iniziale

Dettagli

Oggi tratteremo tre capitoli di fisica appartenenti alla meccanica. Essa studia l equilibrio e il movimento dei corpi. Questi tre capitoli si

Oggi tratteremo tre capitoli di fisica appartenenti alla meccanica. Essa studia l equilibrio e il movimento dei corpi. Questi tre capitoli si Oggi tratteremo tre capitoli di fisica appartenenti alla meccanica. Essa studia l equilibrio e il movimento dei corpi. Questi tre capitoli si intitolano: Possiamo definire intervallo di tempo la durata

Dettagli

ESERCIZI di FISICA. 1) Se 100 persone hanno giocato un sistema alla lotteria, vincendo in totale 10 M, quanti ha vinto ciascuno?

ESERCIZI di FISICA. 1) Se 100 persone hanno giocato un sistema alla lotteria, vincendo in totale 10 M, quanti ha vinto ciascuno? ESERCIZI di FISICA 1) Se 100 persone hanno giocato un sistema alla lotteria, vincendo in totale 10 M, quanti ha vinto ciascuno? a. 10 4 b. 10 5 c. 10 6 d. 10 7 2) A quanti km corrispondono 0.1 Gm? a. 10

Dettagli

Esercitazioni di fisica

Esercitazioni di fisica Esercitazioni di fisica Alessandro Berra 4 marzo 2014 1 Cinematica 1 Un corpo puntiforme, partendo da fermo, si muove per un tempo t 1 = 10 s con accelerazione costante a 1 = g/3, prosegue per t 2 = 15

Dettagli

Esercizi sulla conversione tra unità di misura

Esercizi sulla conversione tra unità di misura Esercizi sulla conversione tra unità di misura Autore: Enrico Campanelli Prima stesura: Settembre 2013 Ultima revisione: Settembre 2013 Per segnalare errori o per osservazioni e suggerimenti di qualsiasi

Dettagli

4. Su di una piattaforma rotante a 75 giri/minuto è posta una pallina a una distanza dal centro di 40 cm.

4. Su di una piattaforma rotante a 75 giri/minuto è posta una pallina a una distanza dal centro di 40 cm. 1. Una slitta, che parte da ferma e si muove con accelerazione costante, percorre una discesa di 60,0 m in 4,97 s. Con che velocità arriva alla fine della discesa? 2. Un punto materiale si sta muovendo

Dettagli

<> TEST N 2 Quale delle seguenti grandezze non è una grandezza vettoriale? ( più di una risposta) A) velocità B) forza C) tempo D) accelerazione

<> TEST N 2 Quale delle seguenti grandezze non è una grandezza vettoriale? ( più di una risposta) A) velocità B) forza C) tempo D) accelerazione ESERCIZI E TEST SUI VETTORI (10) TEST N 1 Due vettori della stessa intensità devono essere sommati: un vettore è diretto ad est, un altro ad ovest. L intensità del vettore risultante è: A) 0 B) 1 C) -4

Dettagli

LAVORO ENERGIA POTENZA Domande Esercizi. 1. Cosa significa dire che un sistema fisico possiede energia utile?

LAVORO ENERGIA POTENZA Domande Esercizi. 1. Cosa significa dire che un sistema fisico possiede energia utile? 1. Cosa significa dire che un sistema fisico possiede energia utile?. Come si definisce la grandezza fisica Lavoro? 3. Qual è l unità di misura del lavoro nel SI e come si definisce? 4. Cosa significa

Dettagli

Studio fenomenologico del pendolo

Studio fenomenologico del pendolo Scheda di lavoro: Il pendolo semplice Da Wikipedia, l enciclopedia libera. Scheda di lavoro: Il pendolo semplice== SCHEDA DI LAVORO: Il pendolo semplice == NOME COGNOME SCUOLA CLASSE DATA Table of contents

Dettagli

circostanze che lo determinano e lo modificano. Secondo alcuni studi portati avanti da Galileo GALILEI e Isac

circostanze che lo determinano e lo modificano. Secondo alcuni studi portati avanti da Galileo GALILEI e Isac La DINAMICA è il ramo della meccanica che si occupa dello studio del moto dei corpi e delle sue cause o delle circostanze che lo determinano e lo modificano. Secondo alcuni studi portati avanti da Galileo

Dettagli

S.Barbarino - Appunti di Fisica - Scienze e Tecnologie Agrarie. Cap. 2. Cinematica del punto

S.Barbarino - Appunti di Fisica - Scienze e Tecnologie Agrarie. Cap. 2. Cinematica del punto SBarbarino - Appunti di Fisica - Scienze e Tecnologie Agrarie Cap 2 Cinematica del punto 21 - Posizione, velocitá e accelerazione di una particella La posizione di una particella puó essere definita, ad

Dettagli

Lettura Moto uniformemente accelerato

Lettura Moto uniformemente accelerato Moto uniformemente accelerato Le cose che devi già conoscere per svolgere l attività Le definizioni di velocità media e di accelerazione media e la legge oraria del moto uniformemente accelerato. Come

Dettagli

LE CAUSE DEL MOTO 1. I PRINCIPI DELLA DINAMICA. La dinamica. Il primo principio della dinamica (o principio di inerzia)

LE CAUSE DEL MOTO 1. I PRINCIPI DELLA DINAMICA. La dinamica. Il primo principio della dinamica (o principio di inerzia) LE CAUSE DEL MOTO 1. I PRINCIPI DELLA DINAMICA La dinamica La dinamica è la parte della fisica che studia come si muovono i corpi per effetto delle forze che agiscono su di essi. I principi della dinamica.

Dettagli

Esercizi di Cinematica Unidimensionale. Fisica con Elementi di Matematica 1

Esercizi di Cinematica Unidimensionale. Fisica con Elementi di Matematica 1 Esercizi di Cinematica Unidimensionale 1 MOTO UNIFORME a = 0, v = cost,, x = x1 x +vt 2 Moto Uniformemente Moto Uniformemente Accelerato Accelerato a = cost. v = v 0 +at x = x 0 +v 0 t+at 2 /2 v 2 - v0

Dettagli

Lezione 2 - Lo studio del moto

Lezione 2 - Lo studio del moto Lezione 2 - Lo studio del moto Tradizionalmente lo studio del moto viene diviso in cinematica e dinamica Cinematica pura descrizione del moto Dinamica investigazione sulle cause del moto con l applicazione

Dettagli

c) il tempo che la palla impiega per raggiungere il suolo; d) la velocità con cui giunge a terra.

c) il tempo che la palla impiega per raggiungere il suolo; d) la velocità con cui giunge a terra. Alle Olimpiadi di Torino 2006, la pista di slittino era lunga 1435 m. Nella prima discesa, il tedesco M. Hackl ha realizzato un tempo di 44,55 s. Calcola la sua velocità media in m/s e in km/h. Durante

Dettagli

Prova scritta di elementi di fisica

Prova scritta di elementi di fisica Nome e cognome: Prova scritta di elementi di fisica 1) Cinque orologi sono sottoposti ad una settimana di prove nello stesso laboratorio. Le letture giornaliere dei cinque orologi, effettuate a mezzogiorno

Dettagli

2. SIGNIFICATO FISICO DELLA DERIVATA

2. SIGNIFICATO FISICO DELLA DERIVATA . SIGNIFICATO FISICO DELLA DERIVATA Esempi 1. Un auto viaggia lungo un percorso rettilineo, con velocità costante uguale a 70 km/h. Scrivere la legge oraria s= s(t) e rappresentarla graficamente. 1. Scriviamo

Dettagli

IL MOTO DEI PROIETTILI

IL MOTO DEI PROIETTILI IL MOTO PARABOLICO PROF. DANIELE COPPOLA Indice 1 IL MOTO DEI PROIETTILI ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3 2 MOTO DI UN PROIETTILE SPARATO

Dettagli

Dinamica. Relazione tra forze e movimento dei corpi Principi della dinamica Conce4 di forza, inerzia, massa

Dinamica. Relazione tra forze e movimento dei corpi Principi della dinamica Conce4 di forza, inerzia, massa Dinamica Relazione tra forze e movimento dei corpi Principi della dinamica Conce4 di forza, inerzia, massa Cinematica Moto rettilineo uniforme s=s 0 +v(t-t 0 ) Moto uniformemente accelerato v=v 0 +a(t-t

Dettagli

3)QUAL È LA LEGGE ORARIA DEL MOTO RETTILINEO UNIFORME? (PUNTI=1) 6)DESCRIVERE GLI STRUMENTI CON LE CARATTERISTICHE USATE NELL ESPERIENZA.

3)QUAL È LA LEGGE ORARIA DEL MOTO RETTILINEO UNIFORME? (PUNTI=1) 6)DESCRIVERE GLI STRUMENTI CON LE CARATTERISTICHE USATE NELL ESPERIENZA. Alunno Classe. UNA LEGGE CHE LEGA VARIE GRANDEZZE FISICHE AL TEMPO NEI MOTI. E UNA LEGGE SUL TEMPO E LO SPAZIO. E UNA LEGGE CHE VALE SOLO NEL CASO DEL TEMPO POSITIVO. E UNA LEGGE CHE VALE QUANDO IL MOTO

Dettagli

FISICA. Elaborazione dei dati sperimentali. Autore: prof. Pappalardo Vincenzo docente di Matematica e Fisica

FISICA. Elaborazione dei dati sperimentali. Autore: prof. Pappalardo Vincenzo docente di Matematica e Fisica FISICA Elaborazione dei dati sperimentali Autore: prof. Pappalardo Vincenzo docente di Matematica e Fisica LE GRANDEZZE FISICHE Una grandezza fisica è una quantità che può essere misurata con uno strumento

Dettagli

Lezione 9: Le equazioni del moto di caduta dei corpi

Lezione 9: Le equazioni del moto di caduta dei corpi Lezione 9 - pag.1 Lezione 9: Le equazioni del moto di caduta dei corpi 9.1. Il moto di caduta libera Nella lezione 8 abbiamo visto che in un moto con accelerazione costante c è una relazione di proporzionalità

Dettagli

PROBLEMI RISOLTI. Risoluzione

PROBLEMI RISOLTI. Risoluzione PROBLEMI RISOLTI Problema 5.1 Un cavallo da corsa percorre al galoppo 1.350 m in 1 min 15 s. Calcolate la sua velocità media e quanto tempo impiega a percorrere 1 Km con la stessa velocità. s 1 = 1.350

Dettagli

Rigraziamenti: Le immagini (e non solo) sono state prese dal lavoro di: Francesco e Lucia

Rigraziamenti: Le immagini (e non solo) sono state prese dal lavoro di: Francesco e Lucia Cap 1 Il moto Rigraziamenti: Le immagini (e non solo) sono state prese dal lavoro di: Francesco e Lucia alunni della Classe 3 E 3 E T. P. Scuola Media Statale Paolo Volponi URBINO http://www.icvolponi.it/moto.htm

Dettagli

IL MOTO ARMONICO QUALCHE RIMANDO ALLA FORZA CENTRIPETA E AL MOTO CIRCOLARE

IL MOTO ARMONICO QUALCHE RIMANDO ALLA FORZA CENTRIPETA E AL MOTO CIRCOLARE www.aliceappunti.altervista.org IL MOTO ARMONICO QUALCHE RIMANDO ALLA FORZA CENTRIPETA E AL MOTO CIRCOLARE Nel moto circolare uniforme, il moto è generato da una accelerazione centripeta, diretta verso

Dettagli

Premessa: Si continua a studiare il moto degli oggetti in approssimazione di PUNTO MATERIALE

Premessa: Si continua a studiare il moto degli oggetti in approssimazione di PUNTO MATERIALE Leggi della Dinamica Premessa: Si continua a studiare il moto degli oggetti in approssimazione di PUNTO MATERIALE Fisica con Elementi di Matematica 1 Leggi della Dinamica Perché i corpi cambiano il loro

Dettagli

Misure di velocità con la guidovia a cuscino d aria (1)

Misure di velocità con la guidovia a cuscino d aria (1) Misure di velocità con la guidovia a cuscino d aria (1) Obiettivo: Riprodurre un moto con velocità costante utilizzando la guidovia a cuscino d aria. Ricavare la tabella oraria e il grafico orario (grafico

Dettagli

Problema 1. Una persona si muove rispetto ad un osservatore che ne determina le distanze in funzione del tempo ottenendo la seguente tabella:

Problema 1. Una persona si muove rispetto ad un osservatore che ne determina le distanze in funzione del tempo ottenendo la seguente tabella: Problema 1 Una persona si muove rispetto ad un osservatore che ne determina le distanze in funzione del tempo ottenendo la seguente tabella: t(s) d (m) 0 7,5 1 6,5 2 5,5 3 4,5 4 3,5 5 2,5 6 1 7 1 8 1 9

Dettagli