MOODLE NELLE UNIVERSITÀ: QUALE DIDATTICA?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MOODLE NELLE UNIVERSITÀ: QUALE DIDATTICA?"

Transcript

1 MOODLE NELLE UNIVERSITÀ: QUALE DIDATTICA? Lopez Ximena, Maragliano Roberto, Margapoti Ilaria, Pireddu Mario, Sapuppo Filippo Laboratorio di Tecnologie Audiovisive Università Roma Tre Roma / Italia LONG PAPER Abstract Questa ricerca indaga le modalità di utilizzo e gli approcci didattici privilegiati nella comunità internazionale di Moodle al fine di individuare possibili linee di sviluppo della piattaforma. Ne emergono alcune necessità: quella di rinnovare la piattaforma con attenzione particolare ai nuovi strumenti multimediali di collaborazione, e quella di stimolare il dibattito sugli aspetti didattici e lo sviluppo di moduli di rilievo pedagogico all interno della comunità di Moodle. Keywords - università, moodle, comunità, didattica, collaborazione, innovazione. 1 INTRODUZIONE Il Laboratorio di Tecnologie Audiovisive (http://ltaonline.uniroma3.it), che nasce nel 1990 ed è una struttura di ricerca, produzione, formazione del Dipartimento di Progettazione Educativa e Didattica, si è confrontato nel tempo con le diverse generazioni dell istruzione a distanza, sia sul piano scientifico sia su quello operativo, approdando infine all e-learning. Proprie della sua filosofia sono state la ricerca continua e l adozione delle più avanzate e funzionali tra le soluzioni possibili nei diversi ambiti tecnologici, sempre commisurandole alla natura degli impegni educativi da assumere o assunti. E questo lo spirito che ha animato gli autori di questa ricerca, finanziata dal Dipartimento di Progettazione Educativa e Didattica nell'anno : la convinzione che le università svolgano un ruolo sostanziale nello sviluppo di Moodle e che più di qualunque altro soggetto esse possono individuare le metodologie didattiche appropriate, pensare strumenti innovativi, lavorare sulla loro sperimentazione e validazione. Dall'analisi della letteratura [1] e [2], tuttavia, se si escludono analisi in cui l ambiente Moodle è una delle variabili in gioco, emerge una mancanza di attenzione per il dibattito pedagogico specifico su Moodle e di fatto l'orientamento preponderante riguarda gli aspetti tecnico-informatici. A dispetto di quanto dichiarato nella presentazione ufficiale di Moodle riguardo l importanza della teoria socio-costruttivista per lo sviluppo di pratiche educative innovative, la comunità di moodle.org nelle discussioni sui forum internazionali e nazionali non sembra occuparsi più di tanto di questioni riguardanti la pedagogia, l educazione e la rete [3], con un evidente sbilanciamento verso i dibattiti a carattere tecnico piuttosto che per i dibattiti sulle proposte pedagogiche o sulle strategie educative più in generale. Insomma, piuttosto che elaborare proposte e cercare nuove vie e soluzioni mossi da un confronto teorico di tipo pedagogico, i membri della comunità internazionale di Moodle tendono a risolvere con piccoli interventi tecnici le necessità immediate della comunità, cercando di adeguare il più possibile il software alle esigenze contingenti e arrestandosi di fronte ai limiti che esso pone, senza ricercare realmente nuove strade per il suo miglioramento sotto un profilo didattico. Anche i forum dedicati allo sviluppo di Moodle, infatti, sono ricchi di interventi di tipo tecnico, di presentazioni e richieste di aggiunta di moduli o piccole modifiche alle risorse esistenti, ma senza mai porre come centrale la questione dell approccio didattico e l eventuale elaborazione di nuovi strumenti calibrati su una pedagogia effettivamente di rete. 2 IPOTESI Qual è dunque la realtà pedagogica di Moodle nelle università? L'obiettivo della ricerca è stato indagare in che modo viene attualmente utilizzato e secondo quali approcci didattici, nonché valutare quali siano gli apporti concreti che le università danno alla comunità internazionale in termini di

2 innovazione e sostegno teorico-concettuale. Gli interrogativi alla base della presente ricerca sono allora i seguenti: in che modo viene utilizzato l ambiente Moodle [4]? La didattica all interno di tale ambiente ricalca la tradizionale didattica offline o viene riconfigurata adattandola alle logiche proprie del mezzo utilizzato (in questo caso la rete)? Fino a che punto le premesse teoriche alla base dello sviluppo di Moodle sono condivise dagli utilizzatori? Esistono diversi impianti teorici di riferimento, espliciti o implicitamente riconoscibili attraverso l effettivo utilizzo della piattaforma? Quanto sono utilizzate le componenti della piattaforma più vicine alle logiche del cosiddetto web 2.0? Secondo l ipotesi di partenza della ricerca le istituzioni formative hanno difficoltà per ragioni storiche e culturali di organizzazione, funzionamento interno, burocrazia degli apparati, predilezione per impianti didattici fondati sul medium tipografico ad assumere pienamente il punto di vista degli approcci costruttivisti e costruzionisti che pure dovrebbero essere condivisi dalla comunità di utilizzatori di Moodle - comunità che è per la gran parte appunto costituita da educatori inquadrati all interno di istituzioni formative, cosa che crea un evidente cortocircuito programmatico [5]. Come sfondo dell ipotesi di partenza c è la convinzione che gli stessi riferimenti al costruttivismo e al costruzionismo proposti dagli sviluppatori di Moodle non siano molto più che dichiarazioni programmatiche, una sorta di cornice teorica senza riscontro pratico nell architettura del software (e nel suo utilizzo). Per verificare tale ipotesi si è pensato di indagare le diverse realtà di adozione della piattaforma, gli strumenti utilizzati e quelli che si vorrebbero utilizzare ma non sono ancora presenti in Moodle, o che potrebbero essere migliorati. Tramite la disponibilità di questi dati e queste informazioni, infatti, è possibile anche ricostruire i diversi impianti teorico-didattici di riferimento, nell ipotesi di partenza visti come discordanti di fatto dalle pratiche educative effettive. 3 METODOLOGIA Per condurre la ricerca a livello internazionale è stato scelto come strumento un questionario in Inglese da compilare online, reso disponibile attraverso il servizio specializzato LimeSurvey (http://www.limesurvey.org). Il questionario è stato pubblicizzato su moodle.org sia negli spazi della comunità internazionale che in quelli specifici delle singole comunità linguistiche, inoltre ne è stata diffusa notizia attraverso tutti i MoodleMoot che si sono svolti nel periodo in cui il questionario è rimasto accessibile, quindi da giugno a settembre E stato anche effettuato un test pilota con 12 utenti che ha consentito di correggere e modificare alcune domande da includere nella versione finale del questionario. 4 RISULTATI Sono state registrate 280 risposte, tra cui alcune non complete. Per questo sono stati selezionati 107 questionari affidabili da includere nell analisi dei dati, da 36 paesi diversi. L interesse a prendere parte alla ricerca proviene principalmente dall Italia, dagli Stati Uniti e dal Cile. Tuttavia anche altri paesi situati in diverse altre aree del mondo hanno partecipato. L analisi per continente evidenza una partecipazione importante dell Europa (50%) e una bassa partecipazione dei paesi dell Africa e dell Oceania (Figura 1). Figura 1. Percentuale di partecipazione al questionario rispetto al continente di provenienza

3 Le piattaforme sulle quali è stata effettuata l analisi presentano una grande diversità in relazione al numero di utenti iscritti. La piattaforma con meno iscritti ha 34 utenti, e quella con il numero di utenti più alto ne ha La media è di (Dev. St ) ma la mediana si trova sui utenti totali. Per farsi un idea della distribuzione degli utenti, il 21,5% delle piattaforme partecipanti all indagine ha 500 utenti o meno e il 38,5% delle piattaforme ha più di iscritti (Figura 2). Le piattaforme con più di studenti registrati vengono utilizzate da tutto un Ateneo (nella maggioranza dei casi) o una facoltà. Figura 2. Percentuale delle piattaforme rispetto al numero di utenti registrati Anche il numero di corsi presenti sulle piattaforme è molto diverso da un caso all altro, variando da 1 corso a corsi. La media dei corsi è di 665 (Dev. St ), con una mediana di 150, e questi numeri sono ovviamente legati al tipo di struttura in cui la piattaforma viene utilizzata: in generale le piattaforme d ateneo hanno più di 100 corsi, quelle di dipartimento tra gli 11 e i 20. Ciò che potrebbe risultare strano è che il numero di corsi non è correlato in maniera forte con il numero di utenti iscritti sulla piattaforma (r=0,35), infatti esistono casi in cui il numero di utenti è superiore a 500 (arrivando anche a 5000) ma con meno di 10 corsi. Il 69% dei partecipanti lavora su una piattaforma Moodle piuttosto aggiornata, dalla 1.9 in su (ricordiamo che il questionario è stato compilato nell arco di tempo che va da giugno a settembre 2009). Il 19% non risponde alla domanda, probabilmente non ne è a conoscenza. Il maggior numero di risorse didattiche presenti sulle piattaforme corrisponde al materiale caricato sulla piattaforma e messo a disposizione per gli studenti del corso. La media è di risorse e la mediana è di 788. Per quanto riguarda le attività, in ordine le più utilizzate sono i Forum (tenendo conto però che includono i Forum news presenti di default in ogni corso), i Compiti in tutte e tre le forme disponibili, i Quiz, le Scelte e i Wiki. È importante notare che alcune attività sono utilizzate in pochissime piattaforme (per esempio Sondaggi, SCORM e Workshop). Anche interrogando i docenti, oltre ai dati numerici, si nota che la finalità più comune per cui utilizzano Moodle è quella di semplice repository per i materiali didattici (per ben il 72% dei rispondenti), ma a seguire si trovano le attività legate all utilizzo del forum, cioè la moderazione di discussioni tra docente e studente e tra studenti (rispettivamente per il 57% e 41% dei rispondenti). Sono invece poche le attività legate alla valutazione formale dello studente: solo il 13% dei rispondenti, infatti, ha utilizzato Moodle per gli esami intermedi e finali. Il giudizio generale dei risultati ottenuti utilizzando tale piattaforma nella didattica, risulta molto soddisfacente per il 54% dei rispondenti e non soddisfacente per l 8%. Quest ultimo dato, se considerato insieme al 38% di chi si dichiara abbastanza soddisfatto, segnala comunque in modo propositivo la necessità di un miglioramento della piattaforma e delle sue funzionalità. Dall incrocio dei risultati delle due domande (Figura 3), poi, emerge che i giudizi molto soddisfacenti sono stati ottenuti nell utilizzo di Moodle proprio come archivio di materiali didattici al fine di un successivo riutilizzo; per la moderazione di discussioni tra docente e studente, fra l altro, non si è riscontrato alcun giudizio negativo, ed è dunque l elemento che offre maggiore soddisfazione nell utilizzo. L attività che invece sembra nel complesso aver riscontrato meno soddisfazione è

4 l utilizzo di Moodle per la gestione delle informazioni sugli aspetti organizzativi delle attività: è infatti la modalità con meno giudizi positivi e più giudizi di totale insoddisfazione. Figura 3. Incrocio delle risposte sulla soddisfazione e sulle modalità di utilizzo di Moodle Per quanto riguarda le indagini sulle teorie didattiche, il 47% fa riferimento al costruttivismo, ma ben il 27% risponde che non ha nessuna teoria didattica di riferimento. Il costruttivismo è anche al secondo posto nell indicare parole chiave che si associano a Moodle, mentre al primo si trovano le parole collaborativo/cooperativo. A seguire ci sono le parole flessibile, interattivo, aperto. Moduli aggiuntivi rispetto alla versione standard di Moodle sono utilizzati dal 51% degli amministratori di piattaforma e dal 55% dei docenti. Quindi in entrambi i casi almeno la metà degli utilizzatori di Moodle necessita di implementazioni rispetto alla versione base dell LMS. È interessante notare che, mentre i moduli aggiuntivi dichiarati dagli amministratori di piattaforma sono stati sviluppati al 77% dall università o comunque dal gruppo universitario di appartenenza, nel caso dei docenti questo accade solo per il 15% dei casi. La maggior parte dei docenti, infatti, fa riferimento a moduli sviluppati da terze parti (46%) oppure dai Moodle partner (27%): si tratta comunque di enti esterni all università, spesso di moduli trovati su moodle.org. Soltanto il 20% di entrambi dichiara di aver condiviso questi moduli con la comunità. Inoltre, entrando nello specifico delle funzioni dei moduli aggiuntivi utilizzati e/o sviluppati, gli amministratori dichiarano: al primo posto moduli riguardanti operazioni sugli utenti (registrazione, upload automatico, autenticazione, ecc.) e la modifica o l aggiunta di blocchi laterali per funzioni specifiche; al secondo posto si trovano tanto le integrazioni con Database esterni quanto le modifiche al layout e alla formattazione dell interfaccia del corso. Per i docenti invece i moduli più importanti riguardano la gestione del corso e, in seconda battuta, i contenuti e le risorse multimediali. Ancora, al terzo posto troviamo sia moduli di video conferenza e per le classi virtuali (quindi per modalità di interazione sincrona), sia altri moduli generici legati alla didattica. Oltre a comprendere le esigenze di implementazione in Moodle attraverso l utilizzo di moduli specifici, è stato chiesto direttamente ai partecipanti cosa secondo loro manca in Moodle e cosa dovrebbe essere migliorato. Per l ambito tecnico emerge in maniera schiacciante il bisogno di un rinnovamento grafico di Moodle: è richiesta una maggiore usabilità e intuitività del layout e la possibilità di personalizzare la grafica direttamente, attraverso degli strumenti di gestione dei CSS. Dal punto di vista della gestione didattica, invece, le richieste più numerose riguardano la comunicazione sincrona: si auspica sia un miglioramento degli strumenti già presenti, come instant messaging e chat, sia l implementazione di strumenti ancora del tutto mancanti nella versione standard di Moodle, quelli di web conference e web seminar e della classe virtuale. La mancanza di strumenti orientati al web 2.0 ottiene la seconda posizione e di quelli learner centered la terza. Fra le necessità che emergono al momento ci sono anche quelle riguardanti una gestione più completa e veloce dei corsi e della piattaforma e la ricerca di strade valutative, anche attraverso il tracciamento, più flessibili e consone allo strumento utilizzato.

5 5 CONCLUSIONI La ricerca qui condotta ci ha permesso di indagare, seppur con i limiti e la parzialità della presente indagine, il reale utilizzo di Moodle nelle università. Anche se alcune domande sulla teoria dell elearning che sono state poste restituivano un idea apparentemente consapevole di costruttivismo e collaborazione, non c è stato poi un riscontro di queste idee nella pratica, visto che l uso delle risorse è improntato soprattutto a modelli di didattica tradizionale come erogazione di contenuti o scambio verticale di opinioni e quesiti fra docenti e studenti. Questi elementi discordanti rendono conto quindi di teorie e concetti pur conosciuti che non corrispondono poi ad una fedele applicazione. In linea con questi aspetti, ma scavando ancora più nel profondo, abbiamo rilevato inoltre che la parte meno utilizzata di Moodle è proprio quella inerente agli strumenti collaborativi: nonostante Moodle si fondi sui principi del costruttivismo, e nonostante questi siano condivisi da buona parte dei partecipanti, in realtà le parti più usate sulla piattaforma sono quelle riguardanti l erogazione di contenuti, un po l interazione, ma molto poco le attività di condivisione, collaborazione, cocostruzione. Se partiamo dal presupposto che un e-learning di qualità, secondo i principi del costruttivismo, ha come base irrinunciabile proprio questo confronto fra pari, risulta chiaro che o Moodle stesso o le politiche di utilizzo di Moodle non riescono ad essere soddisfacenti. Focalizziamo ora l attenzione sul primo problema: le attività di tipo collaborativo in Moodle sono sicuramente le meno testate, quindi di conseguenza quelle che possono presentare più problemi di bug. Inoltre sono di per sé complicate da configurare, in quanto devono tenere in considerazione le molte variabili relative agli utenti e alle loro modalità di interazione con la piattaforma. Probabilmente molti docenti non solo non sono in grado di configurarle, ma non ne conoscono neanche le funzioni (pensiamo per esempio al DataBase e al Workshop). Per finire, oltre alla difficoltà tecnica, si aggiunge una difficoltà in termini di gestione, in quanto supervisionare attività di collaborazione fra gli studenti è cosa senz altro più impegnativa che erogare materiali. L uso generale di Moodle, insomma, non è nel complesso fedele a una filosofia learner centered, e infatti non è un caso che fra gli oggetti da migliorare e quelli assenti in Moodle ma richiesti a gran voce dai partecipanti al questionario ci siano soprattutto strumenti di comunicazione sincrona come chat, classi virtuali e strumenti di web conference/seminar, tipi di valutazione più personalizzabile e flessibile e in generale strumenti learner centered (per esempio per la produzione di contenuti da parte degli studenti, condivisione delle risorse, ecc.). Moodle, quindi, ha delle forze enormi dispiegate per assicurare un alta qualità tecnica del software e una buona sicurezza della piattaforma (a maggior ragione perché utilizzata da istituzioni anche pubbliche di una certa importanza), ma necessita ancora di miglioramenti a livello grafico e di flessibilità dal momento che il suo impianto sembra risultare a molti alquanto datato. Il fatto che la maggior parte degli utilizzatori usi un software aggiornato all ultima versione mette in evidenza proprio il fatto che la comunità intorno a Moodle è attenta all evoluzione della piattaforma e pronta a recepirne i miglioramenti. Tuttavia abbiamo rilevato che circa la metà degli utilizzatori, tanto amministratori che docenti, ha bisogno di arricchire Moodle con moduli aggiuntivi creati ad hoc, e fra questi si riscontra che le implementazioni corrispondono proprio a quegli ambiti in cui Moodle appare più carente (gestione migliore degli utenti e dei contenuti, flessibilità di layout, comunicazione sincrona, ecc.). Ciò in cui Moodle risulta non del tutto soddisfacente, quindi, sono proprio quegli strumenti di diffusione più recente che accompagnano anche nuovi approcci collaborativi e di condivisione, secondo le modalità costruttiviste emerse dalla diffusione del web 2.0. Mettere in pratica il costruttivismo oggi richiede allora, oltre all adozione di un approccio teorico così orientato, una serie di implementazioni tecnologiche che in questo caso sono richieste per Moodle da molti utenti. Probabilmente oggi, a distanza di vari anni dalla nascita, questa piattaforma necessita una messa in discussione, anche e soprattutto rispetto agli approcci didattici: in un settore in continuo movimento e che sta crescendo rapidamente come quello dell e-learning è necessario che la comunità di Moodle ponga più attenzione ai contenuti e alle strategie specifiche della formazione online e riveda i suoi punti di forza con sguardo attento alle novità, ai cambiamenti e alle richieste che provengono dal mondo dell e-learning. Sarà fondamentale allora sensibilizzare la comunità a questo problema con appositi incontri, discussioni, spunti di riflessione, invitando a partecipare attivamente alla crescita di Moodle non soltanto coloro che si occupano della parte tecnica dello sviluppo, ma anche i formatori e i pedagogisti che sono protagonisti di questa didattica. Accordando la dovuta importanza ad ulteriori indagini sulla didattica online in Moodle e pubblicizzandone a dovere i risultati, si può riuscire a rendere la comunità di Moodle più consapevole del problema e attenta, ricettiva e disposta a cercare le soluzioni più adeguate: pari all orientamento comune o, anche, decisamente innovative.

6 Ci auguriamo quindi che il lavoro qui iniziato possa essere accolto e continuato con interesse da altre università (e facciamo appello specialmente alle Facoltà di Scienze della Formazione e dell Educazione), riprendendo, migliorando e ampliando questa ricerca. Riferimenti bibliografici [1] Jameson J., Ferrell G., Kelly J., Walker S., Ryan M. (2006), Building trust and shared knowledge in communities of e-learning practice: collaborative leadership in the JISC elisa and CAMEL lifelong learning projects, British Journal of Educational Technology, Volume 37, Issue 6, pp , 30 Oct [2] Benson A., Lawler C., Whitworth A. (2008), Rules, roles and tools. Activity theory and the comparative study of e-learning, British Journal of Educational Technology, Volume 39, Issue 3, pp , 21 Apr [3] Maragliano R., Margapoti I., Pireddu M. (2009), Didactics in Moodle and for Moodle, in Leo T., Maragliano R., Falcinelli F., Ghislandi P., Digital Collaboration: some issues about teachers functions, ScriptaWeb, Napoli. [4] Bain J. D., & McNaught C. (2006), How academics use technology in teaching and learning: Understanding the relationship between beliefs and practice, Journal of Computer Assisted Learning, 22(2), pp [5] Conole, G., White, S. & Oliver, M. (2007), The impact of e-learning on organisational roles and structures, in G. Conole & M. Oliver (Eds), Contemporary perspectives in e-learning research: themes, methods and impact on practice, pp , London, Routledge.

Minerva. Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione. dr. Augusto Pifferi. dr. Guido Righini. http://minerva.mlib.cnr.

Minerva. Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione. dr. Augusto Pifferi. dr. Guido Righini. http://minerva.mlib.cnr. Minerva Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione dr. Augusto Pifferi Istituto di Cristallografia C.N.R. dr. Guido Righini Istituto di Struttura della Materia C.N.R. http://minerva.mlib.cnr.it

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

MODULO I TRODUTTIVO. Premessa

MODULO I TRODUTTIVO. Premessa MODULO I TRODUTTIVO Indice Premessa Obiettivo del modulo Didattica blended Ragioni dell adozione del blended e-learning - Ragioni didattiche - Ragioni del lifelong learning Finalità e obiettivi Risultati

Dettagli

IL LABORATORIO DI LINGUA ONLINE: AUTOVALUTAZIONE E APPRENDIMENTO

IL LABORATORIO DI LINGUA ONLINE: AUTOVALUTAZIONE E APPRENDIMENTO IL LABORATORIO DI LINGUA ONLINE: AUTOVALUTAZIONE E APPRENDIMENTO Stella Peyronel, Monica Cini, Tina Lasala Università degli Studi Torino/Italia stella.peyronel@unito.it LONG PAPER Abstract In questo intervento

Dettagli

E-learning: esperienza nel Progetto STEEL

E-learning: esperienza nel Progetto STEEL Innovazione nella formazione universitaria Firenze, 21 marzo 2012 E-learning: esperienza nel Progetto STEEL Prof. Enrico Del Re Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Il progetto STEEL Progetto

Dettagli

MOODLE RETE-OUT UNA RISORSA PER L ORIENTAMENTO IN USCITA

MOODLE RETE-OUT UNA RISORSA PER L ORIENTAMENTO IN USCITA MOODLE RETE-OUT UNA RISORSA PER L ORIENTAMENTO IN USCITA Ughetta Caccialupi, M. Elena Frongillo, Marinora Roffi, Roberto Toschi Rete per l orientamento in uscita degli istituti superiori di Livorno e provincia

Dettagli

Mariella Proietta. Introduzione

Mariella Proietta. Introduzione Mariella Proietta maripro@yahoo.it Joomla per una scuola secondaria superiore: una piattaforma per integrare l insegnamento della lingua straniera e migliorare la professionalità docente Introduzione L

Dettagli

Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374. ABSTRACT del documento. e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte

Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374. ABSTRACT del documento. e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374 ABSTRACT del documento e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte 1 Gruppo di lavoro Supervisione scientifica: Maria Pia Cavalieri Coordinamento Marco Guspini

Dettagli

La piattaforma Moodle dell' ISFOL

La piattaforma Moodle dell' ISFOL La piattaforma Moodle dell' ISFOL Un CMS per la condivisione della conoscenza nei Gruppi di Lavoro e di Ricerca dell'istituto Franco Cesari - ISFOL Gruppi di Lavoro e di Ricerca come Comunità di Pratica

Dettagli

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C.

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti http://moodlevarrone.netsons.org/moodle/

Dettagli

Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie

Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie Prot. MIUR AOODRLO R.U. 1817 del 31/01/2013 Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie Dentro il cambiamento L introduzione delle tecnologie e la transizione al

Dettagli

MANUALE MOODLE. Gestione Materiale Didattico

MANUALE MOODLE. Gestione Materiale Didattico MANUALE MOODLE Gestione Materiale Didattico 1 INDICE 1. INTRODUZIONE E DEFINIZIONE DI UN CORSO MOODLE... 4 2. FORMATO DI UN CORSO MOODLE... 6 2.1. Impostazione del formato di un corso Moodle... 6 2.2.

Dettagli

CPS1 Linee guida per l uso dei sistemi di e- learning nella didattica

CPS1 Linee guida per l uso dei sistemi di e- learning nella didattica learning nella didattica Il presente documento propone la struttura e i contenuti di un possibile documento relativo alle linee guida sull uso dell elearning nell ambito delle attività didattiche con riferimento

Dettagli

Educazione e new media Convegno di studio IUSVE 20 aprile 2013

Educazione e new media Convegno di studio IUSVE 20 aprile 2013 Dagli strumenti alle prassi e dalle prassi ai modelli di mediazione didattica. Esperienze d uso didattico del tablet pc. Introduzione L attuale evoluzione del contesto socio-culturale che caratterizza

Dettagli

Linee guida per le attività didattiche in modalità e- learning

Linee guida per le attività didattiche in modalità e- learning Linee guida per le attività didattiche in modalità e- learning Approvate dal Senato Accademico nella seduta del 23/01/2013 1. Introduzione: modelli ISA e blended learning... 2 2. Linee guida... 3 2.1.

Dettagli

E-LEARNING. Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento.

E-LEARNING. Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento. E-LEARNING Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento. E-LEARNING Electronic Learning E- LEARNING EXPERIENCE: possibilità di interazione,

Dettagli

TELESKILL PROGETTO E-LEARNING 2.0 PER LA FORMAZIONE E L'AGGIORNAMENTO CONTINUO

TELESKILL PROGETTO E-LEARNING 2.0 PER LA FORMAZIONE E L'AGGIORNAMENTO CONTINUO TELESKILL PROGETTO E-LEARNING 2.0 PER LA FORMAZIONE E L'AGGIORNAMENTO CONTINUO CARATTERISTICHE FUNZIONALI DELLA SOLUZIONE TECNOLOGICA DEDICATA ALLA FORMAZIONE E ALL'AGGIORNAMENTO A DISTANZA

Dettagli

COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE

COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE Per capire come disegnare e organizzare un ambiente di interazione orientato alla collaborazione on line occorre prima di

Dettagli

IAMP ISTITUTO AVANZATO MULTIPROGETTO IL FUTURO E QUI

IAMP ISTITUTO AVANZATO MULTIPROGETTO IL FUTURO E QUI ISTITUTO AVANZATO MULTIPROGETTO IL FUTURO E QUI E-LEARNING + ON LINE - costi + RISULTATI PROGETTO PRESENTAZIONE GENERALE è un marchio commerciale di Studio Mandelli S.r.l., società specializzata in servizi

Dettagli

Manuale Operativo per l utilizzo della piattaforma E-Learning@AQ. Versione 1.1

Manuale Operativo per l utilizzo della piattaforma E-Learning@AQ. Versione 1.1 Manuale Operativo per l utilizzo della piattaforma E-Learning@AQ Versione 1.1 Autore Antonio Barbieri, antonio.barbieri@gmail.com Data inizio compilazione 11 maggio 2009 Data revisione 14 maggio 2009 Sommario

Dettagli

Gli strumenti attivati: il portale web ReteVIA

Gli strumenti attivati: il portale web ReteVIA Formazione ed accompagnamento a supporto del processo di conferimento di funzioni in materia di VIA alle Province avviato con la l.r. 5/2010 Milano, 5 dicembre 2012 SEMINARIO LA VIA A PIU' VOCI. A CHE

Dettagli

Il Servizio DIR - Didattica in Rete. Facoltà di Lettere e Filosofia

Il Servizio DIR - Didattica in Rete. Facoltà di Lettere e Filosofia Il Servizio DIR - Didattica in Rete Facoltà di Lettere e Filosofia Simonetta Todi Laboratorio Informatico della Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi del Piemonte Orientale A. Avogadro

Dettagli

Indice. 01. Presentazione generale. 02. Team. 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community

Indice. 01. Presentazione generale. 02. Team. 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community Indice 01. Presentazione generale 02. Team 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community 04. E-learning 1. Learning Object 2. Piattaforme LMS 3. Business

Dettagli

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI Paolo Rigo LA SCUOLA DIGITALE Il progetto di alfabetizzazione digitale della popolazione è ambizioso e la sua realizzazione non può che partire dalla scuola. Occorre potenziare

Dettagli

1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI

1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI 1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI Per implementare una piattaforma di e-learning occorre considerare diversi aspetti organizzativi, gestionali e tecnici legati essenzialmente

Dettagli

Vademecum per la realizzazione di progetti formativi in modalità e-learning nelle P.A.

Vademecum per la realizzazione di progetti formativi in modalità e-learning nelle P.A. Vademecum per la realizzazione di progetti formativi in modalità e-learning nelle P.A. Seconda edizione Prof.ssa Mirella Schaerf - Dott.ssa Veronica Mobilio Gli argomenti Lo scenario L impatto organizzativo

Dettagli

Oggetto: generazione web 2015/2016 Formazione insegnanti. Calendarizzazione attività

Oggetto: generazione web 2015/2016 Formazione insegnanti. Calendarizzazione attività MEDA, 10/09/2015 PROT. N. 9280 Alla c.a. Dirigenti scolastici Loro Sede Oggetto: generazione web 2015/2016 Formazione insegnanti. Calendarizzazione attività A seguire, si elencano i moduli formativi programmati

Dettagli

elearnit propone una modalità di e-learning efficace, integrabile nei processi aziendali e semplice da usare.

elearnit propone una modalità di e-learning efficace, integrabile nei processi aziendali e semplice da usare. Gestire la conoscenza nell'era del web elearnit: un network di consulenti per la crescita della tua azienda Piattaforma di formazione via web senza costi di licenza Oggi molte aziende utilizzano la formazione

Dettagli

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Indice: 1 Social Learning 2 Social Learning per E.T.I.CA. 3 RiusaLO 4 Percorsi integrati 5 Community 6 Best, la Banca dati delle Esperienze Trasferibili 7 Social

Dettagli

Associazione per la Professionalità Docente. formazione. Educommunity Educational Community

Associazione per la Professionalità Docente. formazione. Educommunity Educational Community Associazione per la Professionalità Docente formazione Educommunity Educational Community 2 OFFERTA SCUOLE 3 la nostra offerta Educational Community, grazie all esperienza maturata nel contesto scolastico

Dettagli

Indice. 1 Ambienti virtuali di apprendimento e piattaforme per l e-learning... 3. 1.1. Che cosa è un ambiente virtuale di apprendimento...

Indice. 1 Ambienti virtuali di apprendimento e piattaforme per l e-learning... 3. 1.1. Che cosa è un ambiente virtuale di apprendimento... AMBIENTI VIRTUALI DI APPRENDIMENTO PROF.SSA ELVIRA VENTRE Indice 1 e piattaforme per l e-learning... 3 1.1. Che cosa è un ambiente virtuale di apprendimento... 4 2 Il contesto di apprendimento e insegnamento

Dettagli

porte aperte sull e-learning di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com

porte aperte sull e-learning di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com porte aperte sull e-learning di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com Cos è Moodle Moodle è un software per la gestione di corsi a distanza utilizzato a livello mondiale nelle Università, nelle

Dettagli

Piattaforma e-learning Moodle. Manuale ad uso dello studente. Vers. 1 Luglio 09

Piattaforma e-learning Moodle. Manuale ad uso dello studente. Vers. 1 Luglio 09 Piattaforma e-learning Moodle Manuale ad uso dello studente Vers. 1 Luglio 09 Sommario 1. Introduzione...2 1.1 L ambiente...2 1.2 Requisiti di sistema...4 2. Come accedere alla piattaforma...4 2.1 Cosa

Dettagli

Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor

Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor Indire Didattica e formazione Seminario formatori di Lingue 2006 L e-tutor una figura centrale nell intero percorso formativo Per la gestione dei gruppi

Dettagli

Relazione finale. Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle

Relazione finale. Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle Relazione finale Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto consiste nella creazione e somministrazione

Dettagli

Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università.

Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università. Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università. Luciano Cecconi Professore associato di Pedagogia sperimentale Facoltà di Scienze della Formazione

Dettagli

Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale

Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale Pagina 1 di 8 Indice 1. Gli obiettivi del corso...3 2. I contenuti del corso...3 3. Il percorso didattico...4 3.1 Studio individuale...4

Dettagli

Capitolo 11 Un esempio concreto

Capitolo 11 Un esempio concreto Capitolo 11 Un esempio concreto Questa è una storia vera e narra di come da un corso in presenza con un supporto su Web si è arrivati ad un corso completamente online, i problemi affrontati nel passaggio

Dettagli

CISO Certified Information Security Officer in Small and Medium Enterprises

CISO Certified Information Security Officer in Small and Medium Enterprises CISO Certified Information Security Officer in Small and Medium Enterprises Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione Europea. L autore è il solo responsabile di questa pubblicazione

Dettagli

La piattaforma MOODLE. Le risorse e le attività di un corso

La piattaforma MOODLE. Le risorse e le attività di un corso La piattaforma MOODLE Le risorse e le attività di un corso Università di Brescia 9/10 aprile 2013 Per iniziare Le sezioni Formato Settimanale vs. per Argomenti Numero di sezioni di un corso, visibilità

Dettagli

Il Tirocinio on line nell Università di Padova. Ettore Felisatti, Pietro Tonegato Università di Padova

Il Tirocinio on line nell Università di Padova. Ettore Felisatti, Pietro Tonegato Università di Padova + Il Tirocinio on line nell Università di Padova Ettore Felisatti, Pietro Tonegato Università di Padova + Il tirocinio 2 Ricomposizione teoria-pratica Apprendimento sul campo Ricerca sulla pratica Orientamento

Dettagli

Risultati dei questionari elearning e Ariel. A. Esposito, D. Scaccia

Risultati dei questionari elearning e Ariel. A. Esposito, D. Scaccia Risultati dei questionari elearning e Ariel A. Esposito, D. Scaccia Indagine elearning Obiettivi della rilevazione Raccogliere dati, informazioni e opinioni utili agli Organi di governo per elaborare strategie

Dettagli

www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da

www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da Il nuovo servizio multimediale per la formazione e la didattica DESY è un applicazione web, dedicata a docenti e formatori, che consente, in

Dettagli

Allegato A. 1. Dati della scuola che presenta il progetto (scuola capofila) Istituto. Ic Nino Rota. Codice meccanografico. Rmic842002.

Allegato A. 1. Dati della scuola che presenta il progetto (scuola capofila) Istituto. Ic Nino Rota. Codice meccanografico. Rmic842002. SCHEDA PROGETTO Progetti per l integrazione scolastica degli alunni con disabilità. Legge 440/97 Fondo per l arricchimento e l ampliamento dell offerta formativa e per gli interventi perequativi. 1. Dati

Dettagli

Il ruolo di etwinning in Erasmus +

Il ruolo di etwinning in Erasmus + Il ruolo di etwinning in Erasmus + Lorenzo Mentuccia Unità nazionale etwinning Agenzia LLP/INDIRE Livorno, 11/11/2013 www.etwinning.net www.etwinning.it La comunità delle scuole europee Erasmus+: 3 Azioni

Dettagli

U f f i c i o O f f e r t a F o r m a t i v a. S e t t o r e D i d a t t i c a O n l i n e. [ A p r i l e 2 0 1 4 ]

U f f i c i o O f f e r t a F o r m a t i v a. S e t t o r e D i d a t t i c a O n l i n e. [ A p r i l e 2 0 1 4 ] U f f i c i o O f f e r t a F o r m a t i v a S e t t o r e D i d a t t i c a O n l i n e [ A p r i l e 2 0 1 4 ] Moodle a Ca Foscari Autori: Matteo Ferrini Nicola Sanavio Roberta Scuttari Sommario 1.

Dettagli

Web 2.0, Web-Enhanced Learnign, apprendimento formale e informale

Web 2.0, Web-Enhanced Learnign, apprendimento formale e informale Workshop SVEA Torino, 20 Ottobre 2011 Web 2.0, Web-Enhanced Learnign, apprendimento formale e informale Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto Tecnologie Didattiche Genova Workshop SVEA Torino, 20

Dettagli

Validazione da parte dell Università Cattolica di Milano del format denominato Scuola Genitori Digitale

Validazione da parte dell Università Cattolica di Milano del format denominato Scuola Genitori Digitale Validazione da parte dell Università Cattolica di Milano del format denominato Scuola Genitori Digitale ClasseWeb, al fine di validare il format proprietario denominato Scuola Genitori Digitale ha realizzato

Dettagli

Piano di formazione linguistica comunicativa e metodologico didattica in lingua inglese per i docenti di scuola primaria a.s.

Piano di formazione linguistica comunicativa e metodologico didattica in lingua inglese per i docenti di scuola primaria a.s. Piano di formazione linguistica comunicativa e metodologico didattica in lingua inglese per i docenti di scuola primaria a.s. 2005/2006 Sintesi della riunione con i referenti regionali 13/14 settembre

Dettagli

METHODY: l unica one stop shop solution per i vostri progetti di e- learning

METHODY: l unica one stop shop solution per i vostri progetti di e- learning METHODY: l unica one stop shop solution per i vostri progetti di e- learning 1 METHODY: the one stop shop solution for your e-learning projects La FAD (Formazione a Distanza) dopo anni di sperimentazione

Dettagli

LEADERSHIP EDUCATIVA

LEADERSHIP EDUCATIVA LEADERSHIP EDUCATIVA Corso per Dirigenti Scolastici Programma realizzato in convenzione con Ufficio scolastico regionale per la Lombardia da dirigenti scolastici in collaborazione con la Fondazione IBM

Dettagli

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 Indice 1. Premessa... 2 2. Caratteristiche della rilevazione... 3 2.1. Lo strumento di rilevazione:

Dettagli

A Le piattaforme e-learning

A Le piattaforme e-learning A Le piattaforme e-learning Paolo Fusero obiettivo didattico della lezione: introdurre lo studente all utilizzo delle piattaforme e-learning e delle nuove metodologie didattiche che utilizzano la rete

Dettagli

Moodle al Formez, Imma Citarelli

Moodle al Formez, Imma Citarelli Moodle al Formez Dott.ssa Imma Citarelli Formez - Centro di Formazione e Studi Centro di competenza e-learning e Knowledge management Apprendimento autonomo Libri, riviste, convegni Risorse on line Il

Dettagli

SIMULWARE. SimulwareProfessional

SIMULWARE. SimulwareProfessional SIMULWARE SimulwareProfessional Che cosʼè SimulwareProfessional SimulwareProfessional è una piattaforma elearning SCORM-AICC compliant con un elevato livello di scalabilità e personalizzazione. Si presenta

Dettagli

E-learning project: metodo di programmazione della compliance aziendale. Una nuova proposta da NOVASTUDIA Professional alliance

E-learning project: metodo di programmazione della compliance aziendale. Una nuova proposta da NOVASTUDIA Professional alliance E-learning project: metodo di programmazione della compliance aziendale Una nuova proposta da NOVASTUDIA Professional alliance «L e-learning è l istruzione di domani, il nuovo modo di studiare reso possibile

Dettagli

Il Learning Management System o LMS è appunto la una piattaforma applicativa che permette l'erogazione dei corsi in modalità e-learning.

Il Learning Management System o LMS è appunto la una piattaforma applicativa che permette l'erogazione dei corsi in modalità e-learning. La sezione del modulo dedicata ai Learning Management System elenca diverse funzioni di gestione, comunicazione e valutazione che possono essere utilizzate per l erogazione di formazione online. Sulla

Dettagli

Progetto STRATEG IS - Strategie per l italiano scritto

Progetto STRATEG IS - Strategie per l italiano scritto PROGETTO POLO DI MILANO PER UNA NUOVA DIDATTICA NELLA SCUOLA PROGRAMMA DI ITALIANO PER L ANNO SCOLASTICO 2014-15 Progetto STRATEG IS - Strategie per l italiano scritto Responsabile del progetto: Prof.ssa

Dettagli

E-learning: tra passato, presente e futuro (una sfida ancora attuale?)

E-learning: tra passato, presente e futuro (una sfida ancora attuale?) Tavola Rotonda E-learning: tra passato, presente e futuro (una sfida ancora attuale?) L'idea è quella di confrontare, nelle nostre diverse esperienze, come e quanto l'uso di Moodle è cambiato ed ha cambiato

Dettagli

Il modello formativo dei progetti PON docenti

Il modello formativo dei progetti PON docenti Il modello formativo dei progetti PON docenti Scuola- Presidio Comunità Tutor Blended Collaborazione Laboratorio Peer- Educa5on Competenze Sperimentazione Personalizzazione Ricerca- azione Innovazione

Dettagli

Un #SocialHR per la #socialorg

Un #SocialHR per la #socialorg Un #SocialHR per la #socialorg 2 3 4 5 6 7 8 CHE COS E LA SOCIAL ORGANIZATION? GUARDIAMOLA CON GLI OCCHI DEL (social)hr CHE COS E LA SOCIAL Un nuovo modo di fare impresa che consente a un vasto numero

Dettagli

Virtual campus in modalità blended: dal primo corso di laurea blended in Sociologia a E-urbs

Virtual campus in modalità blended: dal primo corso di laurea blended in Sociologia a E-urbs Virtual campus in modalità blended: dal primo corso di laurea blended in Sociologia a E-urbs Giovanni Torrisi (Università di Urbino Carlo Bo ) Facoltà di Sociologia Università degli studi di Urbino Carlo

Dettagli

GUIDA ALL USO DELLA PIATTAFORMA E-Learning DOCEBO

GUIDA ALL USO DELLA PIATTAFORMA E-Learning DOCEBO GUIDA ALL USO DELLA PIATTAFORMA E-Learning DOCEBO GUIDA A DOCEBO ACCESSO A DOCEBO L indirizzo di DOCEBO dell IPSSAR è il seguente: www.ipssarvieste.info/docebo. C è un apposito link nella parte bassa della

Dettagli

E-tutor: competenze per la formazione online

E-tutor: competenze per la formazione online Progetto Speciale Multiasse La Società della Conoscenza in Abruzzo PO FSE Abruzzo 2007-2013 Piano degli interventi 2011-2012-2013 INTERVENTO B) Formazione online per le aziende SYLLABUS E-tutor: competenze

Dettagli

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo 1. Elementi generali Le attività didattiche del Master

Dettagli

IL LO IN VENTICINQUE MOSSE

IL LO IN VENTICINQUE MOSSE ESEMPIO DI EDU LAB IL LO IN VENTICINQUE MOSSE Nel laboratorio "Progettazione didattica per l uso di risorse digitali" si valuta un LO e si costruiscono le istruzioni per il suo utilizzo I sono di tipo:

Dettagli

Relazione finale del progetto Sito Alunni Segrè

Relazione finale del progetto Sito Alunni Segrè Relazione finale del progetto Sito Alunni Segrè 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto ha previsto la realizzazione da parte degli alunni dell

Dettagli

Dalla condivisione nuovi approcci per la didattica fra scuola superiore e università. Franco Eugeni Raffaele Mascella Giammaria De Paulis

Dalla condivisione nuovi approcci per la didattica fra scuola superiore e università. Franco Eugeni Raffaele Mascella Giammaria De Paulis Dalla condivisione nuovi approcci per la didattica fra scuola superiore e università Franco Eugeni Raffaele Mascella Giammaria De Paulis Didattica in e-learning? Scuola Aziende Università Rivoluzione Copernicana

Dettagli

Guida all uso di Innovatori PA

Guida all uso di Innovatori PA Guida all uso di Innovatori PA Innovatori PA La rete per l innovazione nella Pubblica Amministrazione Italiana Sommario Sommario... 2 Cos è una comunità di pratica... 3 Creazione della comunità... 3 Gestione

Dettagli

INCONTRIAMOCI IN RETE Piattaforma digitale accessibile, flessibile e collaborativa, per la comunicazione tra scuola e famiglia, la comunity

INCONTRIAMOCI IN RETE Piattaforma digitale accessibile, flessibile e collaborativa, per la comunicazione tra scuola e famiglia, la comunity INCONTRIAMOCI IN RETE Piattaforma digitale accessibile, flessibile e collaborativa, per la comunicazione tra scuola e famiglia, la comunity scolastica virtuale e molto di più. INinFO di Sabina Nuovo INFORMATICAinFORMAZIONE

Dettagli

Success story. FIRST CLASS Formazione Medica Continua (http://fad.fclass.it)

Success story. FIRST CLASS Formazione Medica Continua (http://fad.fclass.it) FORMAZIONE A DISTANZA ebrain, è una soluzione scalabile, personalizzabile, modulare che permette di coprire una vasta gamma di applicazioni diverse: Best Practice Network, knowledge management e business

Dettagli

Presentazione della collana... vii. INTRODUZIONE (F. Falcinelli)... 1. Massimo Capponi 1. IL COOPERATIVE LEARNING IN RETE... 11

Presentazione della collana... vii. INTRODUZIONE (F. Falcinelli)... 1. Massimo Capponi 1. IL COOPERATIVE LEARNING IN RETE... 11 INDICE Presentazione della collana... vii INTRODUZIONE (F. Falcinelli)... 1 Massimo Capponi 1. IL COOPERATIVE LEARNING IN RETE... 11 Elena Cozzari 2. L e-learning COME AMBIENTE DI FORMAZIONE... 37 Gioconda

Dettagli

Formazione linguistica

Formazione linguistica Formazione linguistica Prosecuzione del Piano di formazione per lo sviluppo delle competenze linguistico - comunicative e metodologico - didattiche in lingua inglese degli insegnanti di scuola primaria

Dettagli

Un esperienza di e-learning con le piattaforme in uso alla Scuola IaD

Un esperienza di e-learning con le piattaforme in uso alla Scuola IaD Un esperienza di e-learning con le piattaforme in uso alla Scuola IaD di Marco Orazi e Mauro Ranchicchio La Scuola IaD inizia nel 1997 la sua attività di erogazione di corsi in modalità teledidattica mettendo

Dettagli

Manuale Piattaforma Didattica

Manuale Piattaforma Didattica Manuale Piattaforma Didattica Ver. 1.2 Sommario Introduzione... 1 Accesso alla piattaforma... 1 Il profilo personale... 3 Struttura dei singoli insegnamenti... 4 I Forum... 5 I Messaggi... 7 I contenuti

Dettagli

SOMMARIO. Introduzione. SEZIONE I Aspetti Teorici. 1. Per una definizione di modello formativo. 2. Modelli e pratiche di e-learning

SOMMARIO. Introduzione. SEZIONE I Aspetti Teorici. 1. Per una definizione di modello formativo. 2. Modelli e pratiche di e-learning SOMMARIO Introduzione SEZIONE I Aspetti Teorici 1. Per una definizione di modello formativo 2. Modelli e pratiche di e-learning 2.1 Modelli teorici 2.2 Pratiche Modellizzate 3 Quale teoria per il Complex

Dettagli

Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio )

Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio ) Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio ) Fino ad ora, l istituzione scolastica ha basato la sua azione,

Dettagli

LA PIATTAFORMA COMOL L E-LEARNING CENTER PER LE AZIENDE

LA PIATTAFORMA COMOL L E-LEARNING CENTER PER LE AZIENDE LA PIATTAFORMA COMOL L E-LEARNING CENTER PER LE AZIENDE Edutech Vi Offre Un Ambiente Dedicato Per La Formazione A Distanza Cosa vi offre EduTech EduTech, grazie alla collaborazione con il Dipartimento

Dettagli

Formare all e-learning: contenuto, metodologia e valutazione nelle relazioni didattiche

Formare all e-learning: contenuto, metodologia e valutazione nelle relazioni didattiche Formare all e-learning: contenuto, metodologia e valutazione nelle relazioni didattiche Milena Casagranda 1, Andrea Molinari 2, Sara Tomasini 3 1 Università degli Studi di Trento Laboratorio di Maieutiche

Dettagli

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate.

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Cl@sse2.0 Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Progetto di due anni disegnato per la 1Ac. (2010-2012) Cl@sse2.0 Perché questo progetto nazionale? 1. Per rispondere a

Dettagli

E-learning. Introduzione

E-learning. Introduzione E-learning Introduzione Definizione L'e-learning sfrutta le potenzialità rese disponibili da Internet per fornire formazione sincrona e/o asincrona agli utenti, che possono accedere ai contenuti dei corsi

Dettagli

Desidero ringraziare tutti quelli che hanno consentito, con il loro contributo concreto, la realizzazione di questo lavoro.

Desidero ringraziare tutti quelli che hanno consentito, con il loro contributo concreto, la realizzazione di questo lavoro. 3 ABSTRACT Sono passati dieci anni da quando, nella prefazione ad una mia pubblicazione, un amico pedagogista ebbe modo di definire quel lavoro come tipico di una scuola militante. Oggi penso che tali

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Didattica e Servizi agli Studenti Percorso Abilitante Speciale P.A.S. a.a. 2014-2015 Laboratorio di Tecnologie Didattiche (3 cfu, 18 ore d aula + 18 ore online) Prof. Giancarlo Gola ggola@units.it Syllabus a.a. 2014-15, versione 01 BREVE

Dettagli

Preciso che le seguenti considerazioni sono basate esclusivamente sulla mia breve esperienza di utente della piattaforma Blackboard del DOL.

Preciso che le seguenti considerazioni sono basate esclusivamente sulla mia breve esperienza di utente della piattaforma Blackboard del DOL. Didattica assistita da Tecnologie I settimana La sezione del modulo dedicata ai Learning Management System elenca diverse funzioni di gestione, comunicazione e valutazione che possono essere utilizzate

Dettagli

Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA. Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma

Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA. Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma 2 Scuola, tecnologie e innovazione didattica La tecnologia sembra trasformare

Dettagli

condotta sia della pubblica amministrazione sia delle imprese pubbliche e private, con particolare riferimento alle realtà

condotta sia della pubblica amministrazione sia delle imprese pubbliche e private, con particolare riferimento alle realtà SCHEDA DEL CORSO IN SCIENZE DELL'AMMINISTRAZIONE E DELL'ORGANIZZAZIONE" CLASSE: "L-16 INTRODUZIONE: Il corso di laurea di primo livello in Scienze dell'amministrazione e dell'organizzazione privilegia

Dettagli

Albano Squizzato ingsquizzato@libero.it. Moodle-manuale. manuale per il docente. Generazione Web 2013-14 - G9

Albano Squizzato ingsquizzato@libero.it. Moodle-manuale. manuale per il docente. Generazione Web 2013-14 - G9 Albano Squizzato ingsquizzato@libero.it Moodle-manuale manuale per il docente Generazione Web 2013-14 - G9 Come utilizzare Moodle La versatilità di Moodle consente la totale personalizzazione dell interfaccia,

Dettagli

ANALISI DELLE PRESENZE E REPORT QUESTIONARIO SODDISFAZIONE DEI CORSISTI

ANALISI DELLE PRESENZE E REPORT QUESTIONARIO SODDISFAZIONE DEI CORSISTI Centro Territoriale per l Integrazione (AREA INTERCULTURA) DIREZIONE DIDATTICA STATALE Pierina Boranga - 1 CIRCOLO di Belluno Via Mezzaterra,45 Tel. 0437 913406 Fax913408 CORSO DI FORMAZIONE L APPROCCIO

Dettagli

Piattaforme Open Source e Web 2.0 a integrazione della didatt

Piattaforme Open Source e Web 2.0 a integrazione della didatt Piattaforme Open Source e Web 2.0 a integrazione della didattica in aula Ufficio Interventi Educativi USP Vicenza 27 Marzo 2010 L Idea Liceo Scientifico Quadri, Vicenza aula computer POF integrazione

Dettagli

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola?

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola? PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Quando si compila il modulo di registrazione, selezionare l opzione scuola.una volta effettuata la registrazione, si può accedere a un ambiente molto

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale. Indicazioni operative

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale. Indicazioni operative 1 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale Indicazioni operative Priorità strategiche della valutazione - Riduzione della

Dettagli

Guida rapida per i corsisti

Guida rapida per i corsisti Guida rapida per i corsisti Premessa La piattaforma utilizzata per le attività a distanza è Moodle, un software per la gestione di corsi online. Dal punto di vista dello studente, si presenta come un sito

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

MANUALE MOODLE STUDENTI. Accesso al Materiale Didattico

MANUALE MOODLE STUDENTI. Accesso al Materiale Didattico MANUALE MOODLE STUDENTI Accesso al Materiale Didattico 1 INDICE 1. INTRODUZIONE ALLA PIATTAFORMA MOODLE... 3 1.1. Corso Moodle... 4 2. ACCESSO ALLA PIATTAFORMA... 7 2.1. Accesso diretto alla piattaforma...

Dettagli

DIDAMATICA 2006 Cagliari, 11-13 maggio 2006

DIDAMATICA 2006 Cagliari, 11-13 maggio 2006 DIDAMATICA 2006 Cagliari, 11-13 maggio 2006 dr. Antonio Cartelli cartan@unicas.it Laboratorio di Tecnologie dell istruzione e dell apprendimento FORMAZIONE IN SERVIZIO DEI DOCENTI E TRASPARENZA DEI PROCESSI

Dettagli

GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE

GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE Università degli Studi di Bergamo Centro per le Tecnologie Didattiche e la Comunicazione GUIDA ANALITICA PER ARGOMENTI ACCESSO...2 RISORSE e ATTIVITA - Introduzione...5

Dettagli

Politecnico Innovazione 1

Politecnico Innovazione 1 LOGOTEL S.P.A. 1. PROFILO SOCIETÀ Logotel S.p.A. nasce nell ottobre del 1993 come società di consulenza, formazione e supporto operativo per lo sviluppo delle Reti di Vendita e per la gestione del loro

Dettagli

MOODLE E DINTORNI...L'ESPERIENZA DELLA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA DI BARI

MOODLE E DINTORNI...L'ESPERIENZA DELLA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA DI BARI MOODLE E DINTORNI...L'ESPERIENZA DELLA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA DI BARI Vito Lavolpe, Domenica De Laura, Paolo Livrea Dipartimento di Neuroscienze, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli

Dettagli

applicazione strategica per le università

applicazione strategica per le università E-learning applicazione strategica per le università Enrico Cavalli Università degli Studi di Bergamo Strategie dell e-business Università degli Studi di Bergamo 5-6 giugno 2002 e-learning E-learning Distance

Dettagli

PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015

PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015 PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015 Laboratorio di Tecnologie Didattiche (3 cfu - 3 lezioni d aula, 18 ore + 18 ore online) Prof.ssa Maria Grazia Ottaviani pas.ottaviani.univr@gmail.com Syllabus

Dettagli