MOODLE NELLE UNIVERSITÀ: QUALE DIDATTICA?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MOODLE NELLE UNIVERSITÀ: QUALE DIDATTICA?"

Transcript

1 MOODLE NELLE UNIVERSITÀ: QUALE DIDATTICA? Lopez Ximena, Maragliano Roberto, Margapoti Ilaria, Pireddu Mario, Sapuppo Filippo Laboratorio di Tecnologie Audiovisive Università Roma Tre Roma / Italia LONG PAPER Abstract Questa ricerca indaga le modalità di utilizzo e gli approcci didattici privilegiati nella comunità internazionale di Moodle al fine di individuare possibili linee di sviluppo della piattaforma. Ne emergono alcune necessità: quella di rinnovare la piattaforma con attenzione particolare ai nuovi strumenti multimediali di collaborazione, e quella di stimolare il dibattito sugli aspetti didattici e lo sviluppo di moduli di rilievo pedagogico all interno della comunità di Moodle. Keywords - università, moodle, comunità, didattica, collaborazione, innovazione. 1 INTRODUZIONE Il Laboratorio di Tecnologie Audiovisive (http://ltaonline.uniroma3.it), che nasce nel 1990 ed è una struttura di ricerca, produzione, formazione del Dipartimento di Progettazione Educativa e Didattica, si è confrontato nel tempo con le diverse generazioni dell istruzione a distanza, sia sul piano scientifico sia su quello operativo, approdando infine all e-learning. Proprie della sua filosofia sono state la ricerca continua e l adozione delle più avanzate e funzionali tra le soluzioni possibili nei diversi ambiti tecnologici, sempre commisurandole alla natura degli impegni educativi da assumere o assunti. E questo lo spirito che ha animato gli autori di questa ricerca, finanziata dal Dipartimento di Progettazione Educativa e Didattica nell'anno : la convinzione che le università svolgano un ruolo sostanziale nello sviluppo di Moodle e che più di qualunque altro soggetto esse possono individuare le metodologie didattiche appropriate, pensare strumenti innovativi, lavorare sulla loro sperimentazione e validazione. Dall'analisi della letteratura [1] e [2], tuttavia, se si escludono analisi in cui l ambiente Moodle è una delle variabili in gioco, emerge una mancanza di attenzione per il dibattito pedagogico specifico su Moodle e di fatto l'orientamento preponderante riguarda gli aspetti tecnico-informatici. A dispetto di quanto dichiarato nella presentazione ufficiale di Moodle riguardo l importanza della teoria socio-costruttivista per lo sviluppo di pratiche educative innovative, la comunità di moodle.org nelle discussioni sui forum internazionali e nazionali non sembra occuparsi più di tanto di questioni riguardanti la pedagogia, l educazione e la rete [3], con un evidente sbilanciamento verso i dibattiti a carattere tecnico piuttosto che per i dibattiti sulle proposte pedagogiche o sulle strategie educative più in generale. Insomma, piuttosto che elaborare proposte e cercare nuove vie e soluzioni mossi da un confronto teorico di tipo pedagogico, i membri della comunità internazionale di Moodle tendono a risolvere con piccoli interventi tecnici le necessità immediate della comunità, cercando di adeguare il più possibile il software alle esigenze contingenti e arrestandosi di fronte ai limiti che esso pone, senza ricercare realmente nuove strade per il suo miglioramento sotto un profilo didattico. Anche i forum dedicati allo sviluppo di Moodle, infatti, sono ricchi di interventi di tipo tecnico, di presentazioni e richieste di aggiunta di moduli o piccole modifiche alle risorse esistenti, ma senza mai porre come centrale la questione dell approccio didattico e l eventuale elaborazione di nuovi strumenti calibrati su una pedagogia effettivamente di rete. 2 IPOTESI Qual è dunque la realtà pedagogica di Moodle nelle università? L'obiettivo della ricerca è stato indagare in che modo viene attualmente utilizzato e secondo quali approcci didattici, nonché valutare quali siano gli apporti concreti che le università danno alla comunità internazionale in termini di

2 innovazione e sostegno teorico-concettuale. Gli interrogativi alla base della presente ricerca sono allora i seguenti: in che modo viene utilizzato l ambiente Moodle [4]? La didattica all interno di tale ambiente ricalca la tradizionale didattica offline o viene riconfigurata adattandola alle logiche proprie del mezzo utilizzato (in questo caso la rete)? Fino a che punto le premesse teoriche alla base dello sviluppo di Moodle sono condivise dagli utilizzatori? Esistono diversi impianti teorici di riferimento, espliciti o implicitamente riconoscibili attraverso l effettivo utilizzo della piattaforma? Quanto sono utilizzate le componenti della piattaforma più vicine alle logiche del cosiddetto web 2.0? Secondo l ipotesi di partenza della ricerca le istituzioni formative hanno difficoltà per ragioni storiche e culturali di organizzazione, funzionamento interno, burocrazia degli apparati, predilezione per impianti didattici fondati sul medium tipografico ad assumere pienamente il punto di vista degli approcci costruttivisti e costruzionisti che pure dovrebbero essere condivisi dalla comunità di utilizzatori di Moodle - comunità che è per la gran parte appunto costituita da educatori inquadrati all interno di istituzioni formative, cosa che crea un evidente cortocircuito programmatico [5]. Come sfondo dell ipotesi di partenza c è la convinzione che gli stessi riferimenti al costruttivismo e al costruzionismo proposti dagli sviluppatori di Moodle non siano molto più che dichiarazioni programmatiche, una sorta di cornice teorica senza riscontro pratico nell architettura del software (e nel suo utilizzo). Per verificare tale ipotesi si è pensato di indagare le diverse realtà di adozione della piattaforma, gli strumenti utilizzati e quelli che si vorrebbero utilizzare ma non sono ancora presenti in Moodle, o che potrebbero essere migliorati. Tramite la disponibilità di questi dati e queste informazioni, infatti, è possibile anche ricostruire i diversi impianti teorico-didattici di riferimento, nell ipotesi di partenza visti come discordanti di fatto dalle pratiche educative effettive. 3 METODOLOGIA Per condurre la ricerca a livello internazionale è stato scelto come strumento un questionario in Inglese da compilare online, reso disponibile attraverso il servizio specializzato LimeSurvey (http://www.limesurvey.org). Il questionario è stato pubblicizzato su moodle.org sia negli spazi della comunità internazionale che in quelli specifici delle singole comunità linguistiche, inoltre ne è stata diffusa notizia attraverso tutti i MoodleMoot che si sono svolti nel periodo in cui il questionario è rimasto accessibile, quindi da giugno a settembre E stato anche effettuato un test pilota con 12 utenti che ha consentito di correggere e modificare alcune domande da includere nella versione finale del questionario. 4 RISULTATI Sono state registrate 280 risposte, tra cui alcune non complete. Per questo sono stati selezionati 107 questionari affidabili da includere nell analisi dei dati, da 36 paesi diversi. L interesse a prendere parte alla ricerca proviene principalmente dall Italia, dagli Stati Uniti e dal Cile. Tuttavia anche altri paesi situati in diverse altre aree del mondo hanno partecipato. L analisi per continente evidenza una partecipazione importante dell Europa (50%) e una bassa partecipazione dei paesi dell Africa e dell Oceania (Figura 1). Figura 1. Percentuale di partecipazione al questionario rispetto al continente di provenienza

3 Le piattaforme sulle quali è stata effettuata l analisi presentano una grande diversità in relazione al numero di utenti iscritti. La piattaforma con meno iscritti ha 34 utenti, e quella con il numero di utenti più alto ne ha La media è di (Dev. St ) ma la mediana si trova sui utenti totali. Per farsi un idea della distribuzione degli utenti, il 21,5% delle piattaforme partecipanti all indagine ha 500 utenti o meno e il 38,5% delle piattaforme ha più di iscritti (Figura 2). Le piattaforme con più di studenti registrati vengono utilizzate da tutto un Ateneo (nella maggioranza dei casi) o una facoltà. Figura 2. Percentuale delle piattaforme rispetto al numero di utenti registrati Anche il numero di corsi presenti sulle piattaforme è molto diverso da un caso all altro, variando da 1 corso a corsi. La media dei corsi è di 665 (Dev. St ), con una mediana di 150, e questi numeri sono ovviamente legati al tipo di struttura in cui la piattaforma viene utilizzata: in generale le piattaforme d ateneo hanno più di 100 corsi, quelle di dipartimento tra gli 11 e i 20. Ciò che potrebbe risultare strano è che il numero di corsi non è correlato in maniera forte con il numero di utenti iscritti sulla piattaforma (r=0,35), infatti esistono casi in cui il numero di utenti è superiore a 500 (arrivando anche a 5000) ma con meno di 10 corsi. Il 69% dei partecipanti lavora su una piattaforma Moodle piuttosto aggiornata, dalla 1.9 in su (ricordiamo che il questionario è stato compilato nell arco di tempo che va da giugno a settembre 2009). Il 19% non risponde alla domanda, probabilmente non ne è a conoscenza. Il maggior numero di risorse didattiche presenti sulle piattaforme corrisponde al materiale caricato sulla piattaforma e messo a disposizione per gli studenti del corso. La media è di risorse e la mediana è di 788. Per quanto riguarda le attività, in ordine le più utilizzate sono i Forum (tenendo conto però che includono i Forum news presenti di default in ogni corso), i Compiti in tutte e tre le forme disponibili, i Quiz, le Scelte e i Wiki. È importante notare che alcune attività sono utilizzate in pochissime piattaforme (per esempio Sondaggi, SCORM e Workshop). Anche interrogando i docenti, oltre ai dati numerici, si nota che la finalità più comune per cui utilizzano Moodle è quella di semplice repository per i materiali didattici (per ben il 72% dei rispondenti), ma a seguire si trovano le attività legate all utilizzo del forum, cioè la moderazione di discussioni tra docente e studente e tra studenti (rispettivamente per il 57% e 41% dei rispondenti). Sono invece poche le attività legate alla valutazione formale dello studente: solo il 13% dei rispondenti, infatti, ha utilizzato Moodle per gli esami intermedi e finali. Il giudizio generale dei risultati ottenuti utilizzando tale piattaforma nella didattica, risulta molto soddisfacente per il 54% dei rispondenti e non soddisfacente per l 8%. Quest ultimo dato, se considerato insieme al 38% di chi si dichiara abbastanza soddisfatto, segnala comunque in modo propositivo la necessità di un miglioramento della piattaforma e delle sue funzionalità. Dall incrocio dei risultati delle due domande (Figura 3), poi, emerge che i giudizi molto soddisfacenti sono stati ottenuti nell utilizzo di Moodle proprio come archivio di materiali didattici al fine di un successivo riutilizzo; per la moderazione di discussioni tra docente e studente, fra l altro, non si è riscontrato alcun giudizio negativo, ed è dunque l elemento che offre maggiore soddisfazione nell utilizzo. L attività che invece sembra nel complesso aver riscontrato meno soddisfazione è

4 l utilizzo di Moodle per la gestione delle informazioni sugli aspetti organizzativi delle attività: è infatti la modalità con meno giudizi positivi e più giudizi di totale insoddisfazione. Figura 3. Incrocio delle risposte sulla soddisfazione e sulle modalità di utilizzo di Moodle Per quanto riguarda le indagini sulle teorie didattiche, il 47% fa riferimento al costruttivismo, ma ben il 27% risponde che non ha nessuna teoria didattica di riferimento. Il costruttivismo è anche al secondo posto nell indicare parole chiave che si associano a Moodle, mentre al primo si trovano le parole collaborativo/cooperativo. A seguire ci sono le parole flessibile, interattivo, aperto. Moduli aggiuntivi rispetto alla versione standard di Moodle sono utilizzati dal 51% degli amministratori di piattaforma e dal 55% dei docenti. Quindi in entrambi i casi almeno la metà degli utilizzatori di Moodle necessita di implementazioni rispetto alla versione base dell LMS. È interessante notare che, mentre i moduli aggiuntivi dichiarati dagli amministratori di piattaforma sono stati sviluppati al 77% dall università o comunque dal gruppo universitario di appartenenza, nel caso dei docenti questo accade solo per il 15% dei casi. La maggior parte dei docenti, infatti, fa riferimento a moduli sviluppati da terze parti (46%) oppure dai Moodle partner (27%): si tratta comunque di enti esterni all università, spesso di moduli trovati su moodle.org. Soltanto il 20% di entrambi dichiara di aver condiviso questi moduli con la comunità. Inoltre, entrando nello specifico delle funzioni dei moduli aggiuntivi utilizzati e/o sviluppati, gli amministratori dichiarano: al primo posto moduli riguardanti operazioni sugli utenti (registrazione, upload automatico, autenticazione, ecc.) e la modifica o l aggiunta di blocchi laterali per funzioni specifiche; al secondo posto si trovano tanto le integrazioni con Database esterni quanto le modifiche al layout e alla formattazione dell interfaccia del corso. Per i docenti invece i moduli più importanti riguardano la gestione del corso e, in seconda battuta, i contenuti e le risorse multimediali. Ancora, al terzo posto troviamo sia moduli di video conferenza e per le classi virtuali (quindi per modalità di interazione sincrona), sia altri moduli generici legati alla didattica. Oltre a comprendere le esigenze di implementazione in Moodle attraverso l utilizzo di moduli specifici, è stato chiesto direttamente ai partecipanti cosa secondo loro manca in Moodle e cosa dovrebbe essere migliorato. Per l ambito tecnico emerge in maniera schiacciante il bisogno di un rinnovamento grafico di Moodle: è richiesta una maggiore usabilità e intuitività del layout e la possibilità di personalizzare la grafica direttamente, attraverso degli strumenti di gestione dei CSS. Dal punto di vista della gestione didattica, invece, le richieste più numerose riguardano la comunicazione sincrona: si auspica sia un miglioramento degli strumenti già presenti, come instant messaging e chat, sia l implementazione di strumenti ancora del tutto mancanti nella versione standard di Moodle, quelli di web conference e web seminar e della classe virtuale. La mancanza di strumenti orientati al web 2.0 ottiene la seconda posizione e di quelli learner centered la terza. Fra le necessità che emergono al momento ci sono anche quelle riguardanti una gestione più completa e veloce dei corsi e della piattaforma e la ricerca di strade valutative, anche attraverso il tracciamento, più flessibili e consone allo strumento utilizzato.

5 5 CONCLUSIONI La ricerca qui condotta ci ha permesso di indagare, seppur con i limiti e la parzialità della presente indagine, il reale utilizzo di Moodle nelle università. Anche se alcune domande sulla teoria dell elearning che sono state poste restituivano un idea apparentemente consapevole di costruttivismo e collaborazione, non c è stato poi un riscontro di queste idee nella pratica, visto che l uso delle risorse è improntato soprattutto a modelli di didattica tradizionale come erogazione di contenuti o scambio verticale di opinioni e quesiti fra docenti e studenti. Questi elementi discordanti rendono conto quindi di teorie e concetti pur conosciuti che non corrispondono poi ad una fedele applicazione. In linea con questi aspetti, ma scavando ancora più nel profondo, abbiamo rilevato inoltre che la parte meno utilizzata di Moodle è proprio quella inerente agli strumenti collaborativi: nonostante Moodle si fondi sui principi del costruttivismo, e nonostante questi siano condivisi da buona parte dei partecipanti, in realtà le parti più usate sulla piattaforma sono quelle riguardanti l erogazione di contenuti, un po l interazione, ma molto poco le attività di condivisione, collaborazione, cocostruzione. Se partiamo dal presupposto che un e-learning di qualità, secondo i principi del costruttivismo, ha come base irrinunciabile proprio questo confronto fra pari, risulta chiaro che o Moodle stesso o le politiche di utilizzo di Moodle non riescono ad essere soddisfacenti. Focalizziamo ora l attenzione sul primo problema: le attività di tipo collaborativo in Moodle sono sicuramente le meno testate, quindi di conseguenza quelle che possono presentare più problemi di bug. Inoltre sono di per sé complicate da configurare, in quanto devono tenere in considerazione le molte variabili relative agli utenti e alle loro modalità di interazione con la piattaforma. Probabilmente molti docenti non solo non sono in grado di configurarle, ma non ne conoscono neanche le funzioni (pensiamo per esempio al DataBase e al Workshop). Per finire, oltre alla difficoltà tecnica, si aggiunge una difficoltà in termini di gestione, in quanto supervisionare attività di collaborazione fra gli studenti è cosa senz altro più impegnativa che erogare materiali. L uso generale di Moodle, insomma, non è nel complesso fedele a una filosofia learner centered, e infatti non è un caso che fra gli oggetti da migliorare e quelli assenti in Moodle ma richiesti a gran voce dai partecipanti al questionario ci siano soprattutto strumenti di comunicazione sincrona come chat, classi virtuali e strumenti di web conference/seminar, tipi di valutazione più personalizzabile e flessibile e in generale strumenti learner centered (per esempio per la produzione di contenuti da parte degli studenti, condivisione delle risorse, ecc.). Moodle, quindi, ha delle forze enormi dispiegate per assicurare un alta qualità tecnica del software e una buona sicurezza della piattaforma (a maggior ragione perché utilizzata da istituzioni anche pubbliche di una certa importanza), ma necessita ancora di miglioramenti a livello grafico e di flessibilità dal momento che il suo impianto sembra risultare a molti alquanto datato. Il fatto che la maggior parte degli utilizzatori usi un software aggiornato all ultima versione mette in evidenza proprio il fatto che la comunità intorno a Moodle è attenta all evoluzione della piattaforma e pronta a recepirne i miglioramenti. Tuttavia abbiamo rilevato che circa la metà degli utilizzatori, tanto amministratori che docenti, ha bisogno di arricchire Moodle con moduli aggiuntivi creati ad hoc, e fra questi si riscontra che le implementazioni corrispondono proprio a quegli ambiti in cui Moodle appare più carente (gestione migliore degli utenti e dei contenuti, flessibilità di layout, comunicazione sincrona, ecc.). Ciò in cui Moodle risulta non del tutto soddisfacente, quindi, sono proprio quegli strumenti di diffusione più recente che accompagnano anche nuovi approcci collaborativi e di condivisione, secondo le modalità costruttiviste emerse dalla diffusione del web 2.0. Mettere in pratica il costruttivismo oggi richiede allora, oltre all adozione di un approccio teorico così orientato, una serie di implementazioni tecnologiche che in questo caso sono richieste per Moodle da molti utenti. Probabilmente oggi, a distanza di vari anni dalla nascita, questa piattaforma necessita una messa in discussione, anche e soprattutto rispetto agli approcci didattici: in un settore in continuo movimento e che sta crescendo rapidamente come quello dell e-learning è necessario che la comunità di Moodle ponga più attenzione ai contenuti e alle strategie specifiche della formazione online e riveda i suoi punti di forza con sguardo attento alle novità, ai cambiamenti e alle richieste che provengono dal mondo dell e-learning. Sarà fondamentale allora sensibilizzare la comunità a questo problema con appositi incontri, discussioni, spunti di riflessione, invitando a partecipare attivamente alla crescita di Moodle non soltanto coloro che si occupano della parte tecnica dello sviluppo, ma anche i formatori e i pedagogisti che sono protagonisti di questa didattica. Accordando la dovuta importanza ad ulteriori indagini sulla didattica online in Moodle e pubblicizzandone a dovere i risultati, si può riuscire a rendere la comunità di Moodle più consapevole del problema e attenta, ricettiva e disposta a cercare le soluzioni più adeguate: pari all orientamento comune o, anche, decisamente innovative.

6 Ci auguriamo quindi che il lavoro qui iniziato possa essere accolto e continuato con interesse da altre università (e facciamo appello specialmente alle Facoltà di Scienze della Formazione e dell Educazione), riprendendo, migliorando e ampliando questa ricerca. Riferimenti bibliografici [1] Jameson J., Ferrell G., Kelly J., Walker S., Ryan M. (2006), Building trust and shared knowledge in communities of e-learning practice: collaborative leadership in the JISC elisa and CAMEL lifelong learning projects, British Journal of Educational Technology, Volume 37, Issue 6, pp , 30 Oct [2] Benson A., Lawler C., Whitworth A. (2008), Rules, roles and tools. Activity theory and the comparative study of e-learning, British Journal of Educational Technology, Volume 39, Issue 3, pp , 21 Apr [3] Maragliano R., Margapoti I., Pireddu M. (2009), Didactics in Moodle and for Moodle, in Leo T., Maragliano R., Falcinelli F., Ghislandi P., Digital Collaboration: some issues about teachers functions, ScriptaWeb, Napoli. [4] Bain J. D., & McNaught C. (2006), How academics use technology in teaching and learning: Understanding the relationship between beliefs and practice, Journal of Computer Assisted Learning, 22(2), pp [5] Conole, G., White, S. & Oliver, M. (2007), The impact of e-learning on organisational roles and structures, in G. Conole & M. Oliver (Eds), Contemporary perspectives in e-learning research: themes, methods and impact on practice, pp , London, Routledge.

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life

Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life Form@re, ISSN 1825-7321 Edizioni Erickson, www.erickson.it Questo articolo è ripubblicato per gentile concessione della casa editrice Edizioni Erickson. Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE Arianna Danelon 1 1 Università degli Studi di Torino, Scuola di Dottorato in Scienze del Linguaggio

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

DIDATTICA ATTIVA SU MOODLE: PROSPETTIVE PER IL FREQUENTANTE ONLINE

DIDATTICA ATTIVA SU MOODLE: PROSPETTIVE PER IL FREQUENTANTE ONLINE DIDATTICA ATTIVA SU MOODLE: PROSPETTIVE PER IL FREQUENTANTE ONLINE Alessio Ceccherelli 1, Andrea Volterrani 2 1 Scuola Istruzione a Distanza, Università di Roma Tor Vergata ceccherelli@scuolaiad.it 2 Dipartimento

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Il Progetto Orient@mente

Il Progetto Orient@mente Il Progetto Orient@mente Presentazione, 25 marzo 2015 Marina Marchisio Dipartimento di Matematica G. Peano Orient@mente Progetto di UNITO che ha come scopo la realizzazione di un orientamento in ingresso

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

Corso ECM di formazione per gli operatori addetti alla gestione del Sistema Informativo sulle Malattie Professionali (Malprof )

Corso ECM di formazione per gli operatori addetti alla gestione del Sistema Informativo sulle Malattie Professionali (Malprof ) Centro nazionale per r la Prevenzione e il Controllo delle Malattie Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province Autonome Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro Dipartimento

Dettagli

WEBCONFERENCE. La lezione a casa

WEBCONFERENCE. La lezione a casa WEBCONFERENCE La lezione a casa Fabio Biscaro @ www.oggiimparoio.it capovolgereibes.net 2 Valutazione dei video (1) 1. Video corti 2. Focus su un unico argomento 3. Essere chiari e non dare nulla per scontato

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive 1 MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive Cos è un servizio di e-learning SaaS, multimediale, interattivo

Dettagli

SOMMARIO. 2003 Gruppo 4 - All right reserved 1

SOMMARIO. 2003 Gruppo 4 - All right reserved 1 SOMMARIO STUDIO DEL DOMINIO DI APPLICAZIONE...2 Introduzione...2 Overview del sistema...2 Specificità del progetto 2...2 Utente generico...3 Studente...3 Docente...3 Amministratore di sistema...3 GLOSSARIO...4

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS CONFERENCE Institutional archives for research: experiences and projects in open access Istituto Superiore di Sanità Rome, 30/11-1/12 2006 Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS Paola

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

Regolamento per la consegna e l archiviazione delle tesi

Regolamento per la consegna e l archiviazione delle tesi Regolamento per la consegna e l archiviazione delle tesi Approvato con delibera della Giunta esecutiva n. 21 del 04.06.2002 Modificato con delibera della Giunta esecutiva n. 28 del 25.10.2002 Modificato

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

Competenze di orientamento a scuola: conoscere ed esplorare le professioni. Sperimentazione del software S.Or.Prendo

Competenze di orientamento a scuola: conoscere ed esplorare le professioni. Sperimentazione del software S.Or.Prendo Sperimentazione promossa dal Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Sperimentazione promossa dal MIUR DG Studente Piano Nazionale Orientamento Direzione Generale per lo Studente, l'integrazione,

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Attiva la APP di GoToMeeting. Clicca su ATTIVA APP

Attiva la APP di GoToMeeting. Clicca su ATTIVA APP Questo breve manuale ha lo scopo di mostrare la procedura con la quale interfacciare la piattaforma di web conferencing GoToMeeting e la tua piattaforma E-Learning Docebo. Questo interfacciamento consente

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Anno di corso: 2004/2005. Istruzioni. Istruzioni per lo svolgimento dei progetti didattici. versione 1.1

Anno di corso: 2004/2005. Istruzioni. Istruzioni per lo svolgimento dei progetti didattici. versione 1.1 versione 1.1 per lo svolgimento dei progetti didattici Corso di Laboratorio di Programmazione II Prof. Luca Forlizzi Anno Accademico 2004-2005 GENERALITÀ...3 Scopo del documento...3 Struttura del documento...3

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Autodesk Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Domande frequenti Europa

Autodesk Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Domande frequenti Europa Autodesk Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Domande frequenti Europa Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Europa Nell'ottobre 2014, Autodesk

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

UN AMBIENTE OPEN SOURCE PER LA GESTIONE DEL PODCASTING E UNA SUA APPLICAZIONE ALLA DIDATTICA

UN AMBIENTE OPEN SOURCE PER LA GESTIONE DEL PODCASTING E UNA SUA APPLICAZIONE ALLA DIDATTICA Alberto Betella, Marco Lazzari, "Un ambiente open source per la gestione del podcasting e una sua applicazione alla didattica", Didamatica 2007, Cesena, 10-12/5/2007 Abstract UN AMBIENTE OPEN SOURCE PER

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

PIATTAFORMA E-LEARNING SCORM 2004

PIATTAFORMA E-LEARNING SCORM 2004 Piattaforma e-learning certificata SCORM 2004 A te la scelta... DynDevice LCMS fa parte della Suite di Applicazioni Web DynDevice ECM, un prodotto Mega Italia Media. PIATTAFORMA E-LEARNING SCORM 2004 Basata

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Servizi e soluzioni per Elearning e Knowledge Management. http://www.elearnit.net http://elearnit.wordpress.com

Servizi e soluzioni per Elearning e Knowledge Management. http://www.elearnit.net http://elearnit.wordpress.com Servizi e soluzioni per Elearning e Knowledge Management http://www.elearnit.net http://elearnit.wordpress.com E-learning Ridurre i costi Più efficienza Tracciare i risultati La formazione web-based può

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

Learning 4 All. Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici

Learning 4 All. Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici Learning 4 All Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici Autore/i Data Versione Reviewer Ferrari L., Lovece S. 12/10/2010 1.1 Luigi Guerra, Elena Pacetti, Manuela Fabbri, Enrico

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Come progettare e implementare un corso di formazione sulla Mobilità Sostenibile

Come progettare e implementare un corso di formazione sulla Mobilità Sostenibile Come progettare e implementare un corso di formazione sulla Mobilità Sostenibile Note legali: La responsabilità per il contenuto di questa pubblicazione è degli autori. Esso non necessariamente riflette

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

Alb@conference GO e Web Tools

Alb@conference GO e Web Tools Alb@conference GO e Web Tools Crea riunioni virtuali sempre più efficaci Strumenti Web di Alb@conference GO Guida Utente Avanzata Alb@conference GO Per partecipare ad un audioconferenza online con Alb@conference

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli