IL PAZIENTE CON EMORRAGIA ACUTA IN TERAPIA ANTIAGGREGANTE O ANTICOAGULANTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PAZIENTE CON EMORRAGIA ACUTA IN TERAPIA ANTIAGGREGANTE O ANTICOAGULANTE"

Transcript

1 IL PAZIENTE CON EMORRAGIA ACUTA IN TERAPIA ANTIAGGREGANTE O ANTICOAGULANTE Rimini 15 Marzo 2011 Tiraferri Eros Centro Emostasi e Trombosi Dipartimento Cardiovascolare Rimini

2 Antitrombotici oggi Eparina standard ed Eparina a basso peso molecolare riducono del 60% l incidenza del tromboembolismo venoso nella chirurgia ad alto rischio. Eparina Standard ed Eparina a basso peso molecolare riducono di più del 90% la morbidità dei pazienti con tromboembolismo venoso in fase acuta. La terapia anticoagulante orale riduce di oltre il 90 % la recidiva di Tromboembolismo Venoso e di oltre il 60% il rischio di stroke nella Fibrillazione Atriale Meta-analyses of the efficacy of Antithrombotic therapies in AF from pooled data of randomized trials (Seventh ACCP Conference -Chest 2004)

3 Potentially Preventable Strokes in High-Risk Patients with Atrial Fibrillation Who Are Not Adequately Anticoagulated (Gladstone D.J. at al. Stroke 2009) 597 pts with atrial fibrillation and stroke. (Disabling : 60%. Fatal: 20%) A physician's experience with bleeding events associated with warfarin can influence prescribing warfarin. Adverse events that are possibly associated with underuse of warfarin may not affect subsequent prescribing.. Choudhry N. et al: Impact of adverse events on prescribing warfarin in patients with atrial fibrillation: matched pair analysis. (British Medical Journal 2006)

4 Classificazione delle Emorragie durante TAO Emorragie Maggiori (criteri ISTH ) (Necessario un rapido ripristino di una normale attività emostatica) Intracraniche (confermate alla TAC RMN) Spinali (confermata alla TAC-RMN) Retroperitoneali (confermate alla TAC-RMN) Gastrointestinali Tutte le emorragie con perdita acuta di almeno 2 gr/dl di Hb Tutte le emorragie per le quali è richiesto il ricorso a chirurgia e/o manovre invasive. Emorragie Minori (Tutte quelle che non soddisfano i criteri di Emorragia Maggiore) Thrombolysis in Myocardial Infarction (TIMI) Global Use of Strategies to Open Occluded (GUSTO) Mayor bleeding in patients exposed to intravenous antithrombotic therapy: Intracranial haemorrhage Dicrease in hematocrit of 15% or a 5 g/dl decrease in the haemoglobin concentration

5 Reported major bleeding rates during OAT in observational studies (anticoagulation clinics) Studies n. Pts Major Fatal bleed.(%) bleed. (%) Seattle (Fhin, 1993) Leiden (Cannegieter, 1995) ISCOAT (Palareti, 1996) Firenze (Poli, 2003) ISCOAT : 433 pts with NVAF : 11events (1.8% per year) 2 fatal (0.3% per year) (Pengo V et al. Thromb.Haemost 2001)

6

7 Emorragia maggiore non endocranica Fang M C. et al : Am J.Med 2007)

8 Emorragie Endocraniche 1. Spontanee Emorragia sub aracnoidea (ESA) (12.4/ anno Koffjberg H. et al JNNP 2008) (85%Aneurismatica: Mortalità 55 %). Emorragia intracerebrale : Primitiva Secondaria a : vasculite, Antitrombotici, medicina alternativa MAV, Aneurisma, Neoplasia,evoluzione di Stroke ischemico 2. Traumatiche. Ematoma subdurale /epidurale. Acuto (trauma violento, arterioso). Cronico (microtraumatismo, venoso) Emorragia subaracnoidea (ESA) Focolai contusivi singoli-multipli e/o lacerazioni parenchimali e/o emorragia intracerebrale

9 Nicolini A. et al. Haematologica 2002 Mortalità a 30 gg : 65.5% Aguilar M.I et al. Mayo Clinic Proceedings 2007

10 Emorragia cerebrale spontanea /Warfarin- correlata ANGIOPATIA A MILODE Deposizione di amiloide nella tunica muscolare delle arterie di piccolo e medio calibro delle leptomeningi, vasi venosi e formazione di placche amiloidotiche nella corteccia cerebrale e sostanza bianca sottocorticale. Correlata alle APO-E (alleli e2-e4) E un prodotto neuronale Correlata all età: (60-69 anni=5-10%, anni=25%; anni=40%.; > 90 anni= % ARTERIOLOSCLEROSI leucoaraiosi Lipoialiosi e necrosi fibrinoide del subendotelio con lipoialinosi associta a microaneurismi delle arterie perforanti localizzate in aree profonde (nuclei della base,tronco cerebrale, cervelletto). Possibili punti di rottura multipli Correlate ad ipertensione e diabete. Attems J. al J.Neurol 2008) 109 :Autopsy Study L emorragia intracerebrale warfarin-correlata rappresenta l estrinsecazione clinica di una malattia subclinica. L aumentata incidenza di emorragia TAO-correlate dipende dall aumento del numero dei pazienti trattati (Flaherty ML et al. Neurology 2007).

11 Advanced age, Anticoagulation Intensity and Risk for Intracranial Hemorhage among patients taking Warfarin for Atrial Fibrillation (Fang M.C et al Ann Intern Med 2004) An analysis of the Lowest Effective Intensity of Prophylactic Anticoagulation for Patients with Nonrheumatic Atrial Fibrillation (Hylek E.M. et al NEJM 1996)

12 Prediction of functional outcome in patients with Primary Intracerebral Hemorrhage. The FUNC Score (Rost N.L. et al. Stroke 2008) Comparison of 15 and 40 ml Intracerebral hematomas (Flaherty M.L. et al Neurology 2008)

13 Hematoma Growth in oral anticoagulant related intracerebral hemorrhage (Cucchiara B. et al. Stroke 2008)

14 Prior antiplatelet use does not affect hemorrhage grouth or outcome after ICH (Sansing L.H et al. Neurology 2009) Effect of Aspirin and Warfarin on early survival after intracerebral Haemorrhage. (Hanger H.C et al J.Neurol. 2008) Broderick J. Neurology 2009 ; 72: )

15 Emorragia endocranica Emorragia maggiore non endocranica- Chirurgia di emergenza in TAO : che fare? Sospendere anticoagulanti orali CONDIZIONI DI PARTENZA RANGE TERAPEUTICO INR 5 8 INR > 8 OBIETTIVO INR (Pengo V. et al, Blood Coagulation & Fibrinolysis TEMPO NECESSARIO 3 4 GIORNI 3 GIORNI 4 5 GIORNI White RH et al. Ann.Inter. Med Makris M. et al. British Journal Haemat. 2001). Somministrare Vitamina K ev Normalizzazione INR : 8-12 ore (insufficiente come unica terapia in emergenza).

16 Plasma fresco congelato 15 ml/kg Tempo medio di infusione : 6.5 ore (Rubinstein A. et al. Arch. Neur.2007) Tempo necessario per la normalizzazione dell INR : ore (Appelboam R. et al Blood Review 2009) Trasmissione di agenti infettivi. Effetto diluizione, variabile apporto dei fattori della coagulazione. Severo sovraccarico volumetrico. Non contiene Fattore IX (Makris M et al. Thromb Haemost. 1997))

17 Fattore VII Ricombinante (rfviia ) Indicazione attuale: Trattamento della Emofilia con inibitori anti VIII/IX Tromboastenia di Glanzman con alloanticorpi vs glicoproteina IIb/IIIa. Tentativo di trattamento delle emorragie nel post partum prima di effettuare una isterectomia d urgenza (?) Recente interesse per il trattamento della emergenza emorragica warfarin-correlata ma attualmente è un uso OFF-LABEL non supportato da alcun dato di letteratura. In una review recente (13 studi, tutti retrospettivi, senza controlli o con piccole serie di casi) gli autori concludono che non c è evidenza e sconsigliano l uso del farmaco nel reverse di emergenza della TAO (Rosovsky RP et al Am Soc Hematol Educ Program 2008). La stabilità del coagulo di fibrina è maggiore nel trattamento con Concentrato Protrombinico rispetto al rfviia (Taketomi et al. Blood Coagul Fibrinolysis 2008) Dosaggio non standardizzato, Costo elevato ( Euro per singolo trattamento) 1.8-5% di complicanze trombotiche (Meyer S. Stroke 2006). Elevati livelli di troponina si rilevano nel 20% di un gruppo di pazienti trattati (vs 3% dei non trattati p<0.02). Infarto miocardico si manifesta nel 10% dei trattati (vs 1% dei non trattati) Myocardial injury in patients with intracerebral hemorrhage treated with recombinant Factor VII (Sugg RM et al. Neurology 2006)

18 Safety of Recombinant Activated Factor VII in randomized clinical trials (Levi M. et al. N.E.J.Med 2010) Off-Label use of recombinant activated Factor VII: Safe or not safe? (Aledort LM. 2010)

19 A restrospective case control study of recombinant factor VIIa in patients with intracranial hemorrhage caused by trauma (Deloughery EP et al Br. J. Haemat 2011) The results of our study conclude that administration of rfvii in patients with intracranial haemorrhage caused by trauma appears to be harmful

20 Concentrati del Complesso Protrombinico (CCP) Emoderivati prodotti industrialmente in cui in un piccolo volume (20ml) sono concentrati i Fattori II- (VII) -IX-X ottenuti da un pool di plasma di donatori. Storicamente usati nel soggetti con deficit congenito dei fattori del complesso protrombinico. Nel 1968 descritto l uso di PCC nella malattia di Christmas e Stuart-Prower. Ann Intern Med 1973

21 CONCENTRATI DEL COMPLESSO PROTROMBINICO NELLE EMORRAGIE MAGGIORI CORRELATE ALLA TAO L effetto è immediato. Volume di infusione modesto (media 120 ml). L infusione può essere rapida ( 8 ml/ min) Una dose individualizzata su INR e peso corporeo è piu efficace di una dose fissa Effetti avversi sono assai rari Costo sostenibile Buona pratica clinica CCP sono scarsamente usati : Timori di complicanze trombotiche, mancanza di disponibilità immediata, non conoscenza (Dentali F. et al. J.Thromb.Haemost 2006)

22 although FFP can be given in this situation, immediate and full correction can be only achieved by the use of PCC becouse the amount of FFP required to fully correct the INR is considerable and may take hours to infuse ACCP Chest 2008 Reversal of anticoagulation in patients with major bleeding requires administration of a Factor Concentrate in preference to FFP when this is available and administration of intravenous rather oral vitamin K (Grade B Level III) Baglin T.P et al: Guidelines on oral anticoagulation (warfarin): third edition 2005 update Br. Journal Haemat 2005

23 The headache over warfarin in British neurosurgical intensive care units: a national survey of current practice. (Appelboam R. et al. Intensive Care Med There is considerable variation in practice among clinicians who regularly manage these patients and in most cases (81.2%) practice is not in keeping with national or international guidelines

24 Concentrati del Complesso Protrombinico nel reverse di emergenza Reale rischio trombotico.. o leggenda metropolitana? Non è standardizzatala correlazione temporale per attribuire un evento trombotico alla infusione di CCP Serie di casi con patologie diverse, trattamenti diversi e con diverse associazioni di farmaci: 1 caso di infarto venoso del testicolo dopo 48 ore dalla somministrazione di Fattore IX (Mc Neil S. et al. 1998). 5 casi descritti da Kohler M. 1998) : 2 trattati anche con aprotinina, due correlabili a sepsi, 1 con severa epatopatia. Nessun caso in altre serie (Yasaka M et al Riess H.B et al Lavenne Pardonge E. et al Nitu I et al. 1998, Imberti D. et al 2011) 4 casi dubbi in un gruppo di 58 pazienti ( 1 TVP arto superiore dopo 17gg, 1 IMA dopo severa anemizzazione,1 IMA dubbio,1 recidiva di TVP ) Lankiewicz Il tipo di CCP, la diversa concentrazione dei singoli fattori e/o la presenza o meno di proteina S, C, l associazione con Plasma rappresentano i determinanti del rischio trombotico. Il reverse ripristina le condizioni trombotiche precedenti ed è biologicamente plausibile un aumento di rischio trombotico che deve essere comunque trattato.

25 Prothrombin Complex Concentrates for Oral Anticoagulant Therapy-Related Intracranial Hemorrhage: a Review of the literature ( Bershad E.M et al Neurocritical Care 2009) The most effective products are the four Factor PCCs that replace all the deficient clotting factors in the patient Three-factor PCCs have been available for the treatment o haemophilia B for several decades and have been used for warfarin reversal in countries where 4 Factors PCCs are not available. Three factor PCCs contain little factor VII and are less effective in correcting the INR and the coagulopathy of patients on warfarin treatment. Three or four factor Prothrombin Complex Concentrate for Emergency Anticoagulation reversal? (Makris M. et al 2011) There is a well-known inverse relationship between INR and Factor VII but this relationship is not linear and with INRs over 4-5 the level of FVII in patients is under 5-10%. Only 10-15% FVII is required for adequate haemostasis. If follows that whilst for the patients with relatively low INRs e.g. <4.5, there is sufficient FVII in the patient to allow 3factor PCCs to be effective, for patients with significantly raised INRs the FVII is too low and adequate INR correction and anticoagulation reversal can only be achieved by a 4factor PCCs.

26 Rapido ripristino di una normale attività emostatica nel paziente in TAO Reverse Indicazioni Chirurgia di Emergenza Emorragie Maggiori non Endocraniche. Emorragie Endocraniche confermate alla TAC/RMN ed indipendentemente dalla sede, entità, tipo e causa. Garantire un accesso venoso adeguato come da protocolli ACLS in uso Effettuare prelievo per : Emocromo,Creatinina, PT (INR in precedenza ) Altri provvedimenti diagnostici e terapeutici : come da procedure locali. Consenso informato al trattamento con emoderivati o emazie concentrate. Livelli di anticoagulazione e modalità Il reverse deve essere effettuato in tutti i pazienti con INR > 1.5 con obbiettivo INR <1.5 Sospendere TAO (lento ritorno dell INR< 1.5 : 3-5 giorni ). Farmaci da utilizzare ( indicazione elettiva) Vitamina K: Normalizzazione INR : 8-12 ore (complementare al ripristino dei fattori del complesso protrombinico ma non terapia altenativa) Concentrato del Complesso Protrombinico (CCP) in infusione rapida (one shot)

27 Un protocollo condiviso in tutte le indicazioni di emergenza PROCEDURA DI REVERSE RAPIDO CON CONCENTRATO DEL COMPLESSO PROTROMBINICO A QUATTRO FATTORI (CONFIDEX) O TRE FATTORI (UMAN COMPLEX,PROTROMPLEX TIM3)* Infusione di Concentrati del Complesso Protrombinico (CCP) ( Minuti) INR : 20 UI/Kg INR : 30 UI/Kg INR : 40 UI/Kg INR > 6 : 50 UI/Kg Controllo INR dopo 5 minuti dalla fine della infusione (invio in laboratorio) Infondere Vitamina K (Konakion) 10 mg in Sol.Fis. 100 ml in 30 min. Valutazione del risultato dell INR INR< 1.5 STOP INR > 1.5 Infusione di CCP (dose correlata INR residuo ) Dose totale: max 100 UI/kg Non associare Plasma *Pronativ ( ) : riferirsi alla scheda tecnica per il dosaggio FCSA-SIMEU

28 C.C.P AUSL Rimini (abitanti ) Pazienti trattati (anno 2010) Emorragie endocraniche n=49 (Follow up 3-13 mesi) deceduti 14 (28%) n=28 deceduti 1 (3.5%) Emorragie T.Digerente Chirurgia emergenza n=25 deceduti 9(36%) Fratture (2), ematoma Psoas(3)ematuria massiva da trauma renale(1) aneurisma aortico( 2) Totale casi reverse = 110

29 Concentrati del Complesso Protrombinico nel reverse di emergenza Reale rischio trombotico.. o leggenda metropolitana? Non è standardizzatala correlazione temporale per attribuire un evento trombotico alla infusione di CCP Serie di casi con patologie diverse, trattamenti diversi e con diverse associazioni di farmaci: 1 caso di infarto venoso del testicolo dopo 48 ore dalla somministrazione di Fattore IX (Mc Neil S. et al. 1998). 5 casi descritti da Kohler M. 1998) : 2 trattati anche con aprotinina, due correlabili a sepsi, 1 con severa epatopatia. Nessun caso in altre serie (Yasaka M et al Riess H.B et al Lavenne Pardonge E. et al Nitu I et al. 1998, Imberti D. et al 2011) 4 casi dubbi in un gruppo di 58 pazienti ( 1 TVP arto superiore dopo 17gg, 1 IMA dopo severa anemizzazione,1 IMA dubbio,1 recidiva di TVP ) Lankiewicz Il tipo di CCP, la diversa concentrazione dei singoli fattori e/o la presenza o meno di proteina S, C, l associazione con Plasma rappresentano i determinanti del rischio trombotico. Il reverse ripristina le condizioni trombotiche precedenti ed è biologicamente plausibile un aumento di rischio trombotico che deve essere comunque trattato.

30 TAO E TRAUMATOLOGIA (TRAUMA MULTIPLO / TRAUMA CRANICO) La TAO non è di per sé predittiva di maggiore mortalità in caso di politraumatismo e/o trauma cranico. ( Mina A. et al :J. Trauma 2003) Pazienti anziani in TAO con trauma cranico minore hanno un rischio di rapido deterioramento neurologico nonostante un iniziale normale esame neurologico. In pazienti asintomatici classificati come trauma cranico minore ma in trattamento anticoagulante orale è indicata TAC Cerebrale ed una osservazione ospedaliera per almeno 24 ore. (Time to Deterioration of the Elderly, Anticoagulated, Minor Head Injury Patient Who Presents without Evidence of Neurologic Abnormality. Reynolds F.D et al. J. Trauma 2002). Victorino G.P. et al: Arch. Surgery 2003) Nel trauma cranico minore in completa assenza di eventi emorragici alla TAC Cerebrale non è indicata la sospensione della TAO ma osservazione ospedaliera per almeno 24ore Se il trauma è grave e ad alto rischio emorragico valutare sospensione della TAO e Reverse. Sospendere la TAO da sola non ha un impatto significativo sul rischio emorragico. Non associare TAO-Eparina fino a che INR< 2

31 POST REVERSE Emorragia endocranica : Ripetere TAC a ore o a seconda indicazione clinica Indossare calze elastiche e compressione pneumatica intermittente se disponibile. Se emorragia stabile iniziare dosi profilattiche di eparina a basso peso molecolare Valutazione individuale per ripresa della TAO. Emorragia non endocranica: Trattamento dello shock e dell ipovolemia come da protocollo in uso. Effettuare manovre cruente (endoscopiche/chirurgiche) dopo il reverse Iniziare eparina a basso peso molecolare dopo la stabilità dell emorragia Valutazione individuale per la ripresa della TAO Chirurgia di emergenza : Come nei pazienti non in TAO se non è associata emorragia. Se è associata emorragia maggiore trattamento come emorragia non endocranica.

32 Early Administration of Low Molecular Weight Heparin after Spontaneous Intracerebral Hemorrhage. A Safety Analysis Kiphuth I.C et al. Cerebrovascular Diseases pts with sich Enoxaparin or Dalteparin initiated within 36 hours after admission in all patients without clinical evidence of hemorrhage enlargement or an absence of evidence of hematoma grouth on CT. Between days 2 and 10 only 2 patients experienced a moderat hematoma enlargement of 22.4 and 20.9 %. None of the included patients developed a fatal lung embolism Early application of subcutaneous LMWH for prevention of venous thromboembolism sems to be safe and probably doesn t increase hematoma grouth

33 Treatment of Warfarin-associated Intracerebral Hemorrhage : Literature Review and Expert Opinion (Aguilar M.A et al.mayo Clinic Proceedings 2007) Nelle emorragie cerebrali la ripresa della TAO avviene a completa risoluzione dell emorragia e/o ematoma ma non c è accordo in letteratura. (Kelly J. Et al Stroke Holloway R. et al. Neurology Aguilar M et al. Mayo Clinic Proceedings 2007) Riprendono la TAO Protesi Valvolari Meccaniche Fibrillazione Atriale con CHADS 2 score > 3 (valutare caso per caso) Alternativa: antipiastrinici (Aspirina, Indobufene ) Pazienti con eventi emorragici post traumatici Tiraferri E. Centro Emostasi - Rimini

34

35 How can i treat this patient? Female 77 years old, 76 kg Hypertension, diabetes April 1st: haemorrhagic stroke April 11th: dyspnea + atrial fibrillation: acute PE Treatment:?

36 EMOSTASI (Schultze 1865) Test :Conta Piastrinica Aggregazione piastrinica (no in terapia antipiastrinica)

37 Alterazione dei tests di coagulazione di base PTT allungato: Fattore VIII Fattore IX Fattore XI Fattore XII Von Willebrand Ipofibrinogenemia LAC PT allungato Fattore VII Fattore II Fattore IX Fattore X Fattore V Ipofibrinogenemia

38 (Editorial) Chest 2006 Ballard J. Jama % Eparina non frazionata <1 % EBPM Centro Emostasi- Rimini

39 Napolitano L.M et al ( 2006)

40 H.I.T/H.I.T.TT Trattamento: se forte sospetto (o conferma) cosa fare SI anticoagulante non-eparina (lepirudina, fondaparinux, bivalirudina) -ricerca TVP -iniziare warfarin solo dopo piastrine > neutralizzare (vit. K) warfarin se già in corso -se richiesta chir cardiaca cercare anticorpi NO (Cosa NON fare) -proseguire ENF o EBPM -non anticoagulare -dare warfarin -posizionare filtro cavale -trasfondere piastrine Chest 2008

41 TAO E MANOVRE INVASIVE Sospensione della TAO: Elevato rischio embolico Il rischio dipende dalle indicazioni alla TAO e dalle comorbidità. Possono manifestarsi: Stroke embolico (disabilità severa o morte nel 70% dei casi). Embolie arteriose periferiche (arti, intestino). Trombosi di Valvola Meccanica (fatalità 15%) Tromboembolismo venoso. Tiraferri E. Centro Emostasi Rimini Prosegue inalterata la TAO in range. Il rischio emorragico è spesso sovrastimato (Chest 2008 ). Correlato al tipo di chirurgia/ procedura invasiva. Manovre invasive a basso rischio emorragico non necessitano di sospensione della TAO. Bridging con E.B.P.M Sospensione della TAO e inizio di antitrombotico a breve emivita. Aumenta il rischio emorragico nel periodo postoperatorio Rischio embolico crescente (5 gg per INR<1,5; 5-8 gg per INR>2) Costo del Bridging

42

43

44 INTERVENTI IN CUI NON E INDICATO SOSPENDERE LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE (il rischio emorragico da procedura non è aumentato se la TAO è presente ) Chirurgia Dermatologica Tessuti superficiali facilmente esplorabili Facile emostasi meccanica (sutura) Eccessivo rischio trromboembolico da sospensione.. if continuation of anticoagulants carriers no major risk for complications there is no compelling reason to destrupt medically necessary therapy.. Oatley C.C: Mayo Clinic Proceedings 2003 Tiraferri E. Centro Emostasi e Trombosi Rimini

45 INTERVENTI IN CUI NON E INDICATO SOSPENDERE LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE (il rischio emorragico da procedura non è aumentato se la TAO è presente) PROCEDURE Biopsia ossea Endoscopia digestiva senza biopsia Pancreo-colecistografia endoscopica retrograda ERCP. Sostituzione generatore P.M. Angiografia coronarica Consigliato Agoaspirato tiroideo INR < 3 Biopsia del cavo orale Aspirato Tiroideo con ago sottile Terapia iniettiva endoarticolare/ Artrocentesi Chirurgia palpebrale e delle vie lacrimali,cataratta con anestesia topica, (Chirurgia vitreoretinica ) Stables G.et al. Clin Exp. Dermatol Otley c. et al, Mayo Clinic Proceedings 2003; Ansell J.et al Arch.Int.Med Dunn A.S. et al Arch. Int.Med. 2003; The Italian Federation of Anticoagulation Clinics Tiraferri E. Centro Emostasi e Trombosi Rimini

46 Recommendation Anticoagulation does not need to be stopped for dental extraction for patients in therapeutic range, i.e. INR <3

47 Interventi e procedure in cui deve essere sospesa la terapia anticoagulante orale (il rischio emorragico è aumentato dalla presenza della TAO) Procedure invasive Chirurgia maggiore (definita dalla invasività e dal rischio di perdita ematica intrinseco che diventa più elevato con la TAO ) La sede dell intervento non è esplorabile visivamente e/o manualmente INR endoscopica, dilatazione pneumatica, trattamento di varici esofagee) Un intervento è possibile con INR<1.5 (Kearon K et al NEJM 1997: Guidelines of The American Geriatrics Society. Guidelines on oral anticoagulation : Third Edition B.J.Haemat update.. WhiteR:Arch.Int.Med 1996). (Ansell J. et al Chest supp. 2001; Kearon K et al NEJM 1997) Esami endoscopici del tubo digerente.*(biopsie, polipectomie, sfinterectomia Biopsie a cielo coperto (epatica renale o di altri parenchimi). Toracentesi (?) Rachicentesi, Paracentesi. Cistoscopia (se è prevista biopsia) Biopsia prostatica eco-guidata, Cistostomia, Isteroscopia. Litotrissia (ematomi renali) Broncoscopia, Biopsia polmonare Transtoracica, Mediastinoscopia. Terapia infiltrativa epidurale. Anestesia Spinale. * l American Society for Gastrointestinal Endoscopy indica di non sospendere la TAO durante procedure endoscopiche (Eisen GM et al Gastrointest Endosc 2002)

48 Problemi aperti Standardizzare la durata della sospensione della TAO nel periodo pre-operatorio (7 gg? 5 gg? 15 gg?) Uso della Vitamina k Definire il rischio trombotico nel singolo caso Definire il dosaggio della Eparina a basso peso e la sequenza temporale della somministrazione. Considerare il rischio emorragico da eparina. Sospendere prodotti di erboristeria Usare dosaggi congrui di Eparina a basso peso molecolare. Considerare il rischio emorragico nella Insufficienza renale con accumulo di eparina (calcolare la creatinina clearance) Ridurre il periodo della non assunzione della TAO (ridurre il rischio trombotico)

49 Tiraferri E. Centro Emostasi e Trombosi - Rimini

50 Thromboembolic risk stratification High thromboembolic risk mechanical mitral valve prostheses monoleaflet mechanical aortic prostheses or bileaflet aortic prostheses associated with AF or previous arterial embolism AF associated to previous arterial thromboembolism or mitral valve disease previous cardiogenic or unexplained systemic embolism venous thromboembolism in the previous 3 months Low-Intermediate thromboembolic risk The remaining scenarios

51 The Bridging Regimen Protocol A Sub-therapeutic (70 anti Xa U/kg b.i.d) doses of LMWH in high TE risk patients (weight-adjusted for nadroparin and enoxaparin) Baudo et al. J Thromb Haemost. 2005;3:537 Protocol B Prophylactic doses of LMWH in lowintermediate TE risk patients (weightadjusted for nadroparin) Geerts et al. Chest. 2001; 119: 132S 175S

52

53 Results INR trend day Mean INR 2.4 (±0.6) day 0: Mean INR 1.2 (±0.2) day -5: +6: Mean INR 1.8 (±0.5)

54 Results Efficacy outcomes 5 out of 1262 patients (0.4%; 95%CI 0.1% 0.9%) suffered thromboembolic events; 3 venous and 2 arterial All events occurred in high TE risk patients treated improperly with the prophylactic protocol One event was fatal

55 Three events (events 1, 3, and 5 in Table 4) occurred in patients in whom LMWH was not administered according to the assigned protocol. The remaining 2 events occurred in patients not bridged at all: 1 (patient 2) because the INR on day -4 was higher than that on day -5 (INR, 2.7 and 3.1, respectively) and the other (patient 4) because the surgeon preferred preoperative low-dose warfarin to the prescribed bridging therapy. Moreover, in patient 4, postoperative LMWH was not administered because of the presence of a considerable hematoma at the surgical site.

56 Conclusions The incidence of thromboembolic (0.4%) and major bleeding (1.2%) events was low The use of sub-therapeutic doses of LMWH seems feasible and safe in high TE risk patients Tailoring bridging therapy to the patients TE risk (high and low-intermediate) appears to be reasonable This protocol although general needs to be applied to the patient s clinical context. TEAM-work between TEAM anticoagulation physicians, cardiologists and surgeons/interventionists is greatly encouraged in complex cases

57 New oral agents to replace warfarin J.Th. Haemost 2009

58 Trombosi Alterazione del meccanismo emostatico che porta alla formazione di un coagulo eccessivo ed inappropriato per sede, dimensione e tempo di formazione. Trombo venoso Condizioni di flusso ematico rallentato (incluso auricola intracardiaca). Composto da rilevante reticolo di fibrina nella quale sono intrappoolati eritrociti. Scarsa componente piastrinica. Elevata risposta alla terapia anticoagulante Trombo arterioso Condizioni di flusso ematico ad elevata velocità e/o flusso turbolento In sede di rimodellamento di placche ateromasiche. Frequente nelle zone di biforcazione e ad alto sheare rate Ricco di piastrine con scarsa fibrina. Elevata risposta alla terapia antipiastrinica Thrombosis Unstable angina MI Ischemic stroke/tia Critical leg ischemia Cardiovasculardeath

59 WARFARIN (COUMADIN) FEGATO Polimorfismo genico del Citocromo P450 (IDROCHINONE)

60 IL PAZIENTE CON EMORRAGIA ACUTA IN TERAPIA ANTIAGGREGANTE O ANTICOAGULANTE Rimini 15 Marzo 2011 Tiraferri Eros Centro Emostasi e Trombosi Dipartimento Cardiovascolare Rimini 1

61 Antitrombotici oggi Eparina standard ed Eparina a basso peso molecolare riducono del 60% l incidenza del tromboembolismo venoso nella chirurgia ad alto rischio. Eparina Standard ed Eparina a basso peso molecolare riducono di più del 90% la morbidità dei pazienti con tromboembolismo venoso in fase acuta. La terapia anticoagulante orale riduce di oltre il 90 % la recidiva di Tromboembolismo Venoso e di oltre il 60% il rischio di stroke nella Fibrillazione Atriale Meta-analyses of the efficacy of Antithrombotic therapies in AF from pooled data of randomized trials (Seventh ACCP Conference -Chest 2004)

62 Potentially Preventable Strokes in High-Risk Patients with Atrial Fibrillation Who Are Not Adequately Anticoagulated (Gladstone D.J. at al. Stroke 2009) 597 pts with atrial fibrillation and stroke. (Disabling : 60%. Fatal: 20%) A physician's experience with bleeding events associated with warfarin can influence prescribing warfarin. Adverse events that are possibly associated with underuse of warfarin may not affect subsequent prescribing.. Choudhry N. et al: Impact of adverse events on prescribing warfarin in patients with atrial fibrillation: matched pair analysis. (British Medical Journal 2006)

63 Classificazione delle Emorragie durante TAO Emorragie Maggiori (criteri ISTH ) (Necessario un rapido ripristino di una normale attività emostatica) Intracraniche (confermate alla TAC RMN) Spinali (confermata alla TAC-RMN) Retroperitoneali (confermate alla TAC-RMN) Gastrointestinali Tutte le emorragie con perdita acuta di almeno 2 gr/dl di Hb Tutte le emorragie per le quali è richiesto il ricorso a chirurgia e/o manovre invasive. Emorragie Minori (Tutte quelle che non soddisfano i criteri di Emorragia Maggiore) Thrombolysis in Myocardial Infarction (TIMI) Global Use of Strategies to Open Occluded (GUSTO) Mayor bleeding in patients exposed to intravenous antithrombotic therapy: Intracranial haemorrhage Dicrease in hematocrit of 15% or a 5 g/dl decrease in the haemoglobin concentration

64

65

66 Emorragia maggiore non endocranica Fang M C. et al : Am J.Med 2007)

67 Emorragie Endocraniche 1. Spontanee Emorragia sub aracnoidea (ESA) (12.4/ anno Koffjberg H. et al JNNP 2008) (85%Aneurismatica: Mortalità 55 %). Emorragia intracerebrale : Primitiva Secondaria a : vasculite, Antitrombotici, medicina alternativa MAV, Aneurisma, Neoplasia,evoluzione di Stroke ischemico 2. Traumatiche. Ematoma subdurale /epidurale. Acuto (trauma violento, arterioso). Cronico (microtraumatismo, venoso) Emorragia subaracnoidea (ESA) Focolai contusivi singoli-multipli e/o lacerazioni parenchimali e/o emorragia intracerebrale

68 Nicolini A. et al. Haematologica 2002 Mortalità a 30 gg : 65.5% Aguilar M.I et al. Mayo Clinic Proceedings 2007

69 Emorragia cerebrale spontanea /Warfarin- correlata ANGIOPATIA A MILODE Deposizione di amiloide nella tunica muscolare delle arterie di piccolo e medio calibro delle leptomeningi, vasi venosi e formazione di placche amiloidotiche nella corteccia cerebrale e sostanza bianca sottocorticale. Correlata alle APO-E (alleli e2-e4) E un prodotto neuronale Correlata all età: (60-69 anni=5-10%, anni=25%; anni=40%.; > 90 anni= % ARTERIOLOSCLEROSI leucoaraiosi Lipoialiosi e necrosi fibrinoide del subendotelio con lipoialinosi associta a microaneurismi delle arterie perforanti localizzate in aree profonde (nuclei della base,tronco cerebrale, cervelletto). Possibili punti di rottura multipli Correlate ad ipertensione e diabete. Attems J. al J.Neurol 2008) 109 :Autopsy Study L emorragia intracerebrale warfarin-correlata rappresenta l estrinsecazione clinica di una malattia subclinica. L aumentata incidenza di emorragia TAO-correlate dipende dall aumento del numero dei pazienti trattati (Flaherty ML et al. Neurology 2007).

70 Advanced age, Anticoagulation Intensity and Risk for Intracranial Hemorhage among patients taking Warfarin for Atrial Fibrillation (Fang M.C et al Ann Intern Med 2004) An analysis of the Lowest Effective Intensity of Prophylactic Anticoagulation for Patients with Nonrheumatic Atrial Fibrillation (Hylek E.M. et al NEJM 1996)

71 Prediction of functional outcome in patients with Primary Intracerebral Hemorrhage. The FUNC Score (Rost N.L. et al. Stroke 2008) Comparison of 15 and 40 ml Intracerebral hematomas (Flaherty M.L. et al Neurology 2008)

72 Hematoma Growth in oral anticoagulant related intracerebral hemorrhage (Cucchiara B. et al. Stroke 2008)

73 Prior antiplatelet use does not affect hemorrhage grouth or outcome after ICH (Sansing L.H et al. Neurology 2009) Effect of Aspirin and Warfarin on early survival after intracerebral Haemorrhage. (Hanger H.C et al J.Neurol. 2008) Broderick J. Neurology 2009 ; 72: )

74 Emorragia endocranica Emorragia maggiore non endocranica- Chirurgia di emergenza in TAO : che fare? Sospendere anticoagulanti orali CONDIZIONI DI PARTENZA RANGE TERAPEUTICO INR 5 8 INR > 8 OBIETTIVO INR (Pengo V. et al, Blood Coagulation & Fibrinolysis TEMPO NECESSARIO 3 4 GIORNI 3 GIORNI 4 5 GIORNI White RH et al. Ann.Inter. Med Makris M. et al. British Journal Haemat. 2001). Somministrare Vitamina K ev Normalizzazione INR : 8-12 ore (insufficiente come unica terapia in emergenza).

75 Plasma fresco congelato 15 ml/kg Tempo medio di infusione : 6.5 ore (Rubinstein A. et al. Arch. Neur.2007) Tempo necessario per la normalizzazione dell INR : ore (Appelboam R. et al Blood Review 2009) Trasmissione di agenti infettivi. Effetto diluizione, variabile apporto dei fattori della coagulazione. Severo sovraccarico volumetrico. Non contiene Fattore IX (Makris M et al. Thromb Haemost. 1997))

76 Fattore VII Ricombinante (rfviia ) Indicazione attuale: Trattamento della Emofilia con inibitori anti VIII/IX Tromboastenia di Glanzman con alloanticorpi vs glicoproteina IIb/IIIa. Tentativo di trattamento delle emorragie nel post partum prima di effettuare una isterectomia d urgenza (?) Recente interesse per il trattamento della emergenza emorragica warfarin-correlata ma attualmente è un uso OFF-LABEL non supportato da alcun dato di letteratura. In una review recente (13 studi, tutti retrospettivi, senza controlli o con piccole serie di casi) gli autori concludono che non c è evidenza e sconsigliano l uso del farmaco nel reverse di emergenza della TAO (Rosovsky RP et al Am Soc Hematol Educ Program 2008). La stabilità del coagulo di fibrina è maggiore nel trattamento con Concentrato Protrombinico rispetto al rfviia (Taketomi et al. Blood Coagul Fibrinolysis 2008) Dosaggio non standardizzato, Costo elevato ( Euro per singolo trattamento) 1.8-5% di complicanze trombotiche (Meyer S. Stroke 2006). Elevati livelli di troponina si rilevano nel 20% di un gruppo di pazienti trattati (vs 3% dei non trattati p<0.02). Infarto miocardico si manifesta nel 10% dei trattati (vs 1% dei non trattati) Myocardial injury in patients with intracerebral hemorrhage treated with recombinant Factor VII (Sugg RM et al. Neurology 2006)

77 Safety of Recombinant Activated Factor VII in randomized clinical trials (Levi M. et al. N.E.J.Med 2010) Off-Label use of recombinant activated Factor VII: Safe or not safe? (Aledort LM. 2010)

78 A restrospective case control study of recombinant factor VIIa in patients with intracranial hemorrhage caused by trauma (Deloughery EP et al Br. J. Haemat 2011) The results of our study conclude that administration of rfvii in patients with intracranial haemorrhage caused by trauma appears to be harmful

79 Concentrati del Complesso Protrombinico (CCP) Emoderivati prodotti industrialmente in cui in un piccolo volume (20ml) sono concentrati i Fattori II- (VII) -IX-X ottenuti da un pool di plasma di donatori. Storicamente usati nel soggetti con deficit congenito dei fattori del complesso protrombinico. Nel 1968 descritto l uso di PCC nella malattia di Christmas e Stuart-Prower. Ann Intern Med 1973

80 CONCENTRATI DEL COMPLESSO PROTROMBINICO NELLE EMORRAGIE MAGGIORI CORRELATE ALLA TAO L effetto è immediato. Volume di infusione modesto (media 120 ml). L infusione può essere rapida ( 8 ml/ min) Una dose individualizzata su INR e peso corporeo è piu efficace di una dose fissa Effetti avversi sono assai rari Costo sostenibile Buona pratica clinica CCP sono scarsamente usati : Timori di complicanze trombotiche, mancanza di disponibilità immediata, non conoscenza (Dentali F. et al. J.Thromb.Haemost 2006) 21

81 although FFP can be given in this situation, immediate and full correction can be only achieved by the use of PCC becouse the amount of FFP required to fully correct the INR is considerable and may take hours to infuse ACCP Chest 2008 Reversal of anticoagulation in patients with major bleeding requires administration of a Factor Concentrate in preference to FFP when this is available and administration of intravenous rather oral vitamin K (Grade B Level III) Baglin T.P et al: Guidelines on oral anticoagulation (warfarin): third edition 2005 update Br. Journal Haemat 2005

82 The headache over warfarin in British neurosurgical intensive care units: a national survey of current practice. (Appelboam R. et al. Intensive Care Med There is considerable variation in practice among clinicians who regularly manage these patients and in most cases (81.2%) practice is not in keeping with national or international guidelines

83 Concentrati del Complesso Protrombinico nel reverse di emergenza Reale rischio trombotico.. o leggenda metropolitana? Non è standardizzatala correlazione temporale per attribuire un evento trombotico alla infusione di CCP Serie di casi con patologie diverse, trattamenti diversi e con diverse associazioni di farmaci: 1 caso di infarto venoso del testicolo dopo 48 ore dalla somministrazione di Fattore IX (Mc Neil S. et al. 1998). 5 casi descritti da Kohler M. 1998) : 2 trattati anche con aprotinina, due correlabili a sepsi, 1 con severa epatopatia. Nessun caso in altre serie (Yasaka M et al Riess H.B et al Lavenne Pardonge E. et al Nitu I et al. 1998, Imberti D. et al 2011) 4 casi dubbi in un gruppo di 58 pazienti ( 1 TVP arto superiore dopo 17gg, 1 IMA dopo severa anemizzazione,1 IMA dubbio,1 recidiva di TVP ) Lankiewicz Il tipo di CCP, la diversa concentrazione dei singoli fattori e/o la presenza o meno di proteina S, C, l associazione con Plasma rappresentano i determinanti del rischio trombotico. Il reverse ripristina le condizioni trombotiche precedenti ed è biologicamente plausibile un aumento di rischio trombotico che deve essere comunque trattato.

84 Prothrombin Complex Concentrates for Oral Anticoagulant Therapy-Related Intracranial Hemorrhage: a Review of the literature ( Bershad E.M et al Neurocritical Care 2009) The most effective products are the four Factor PCCs that replace all the deficient clotting factors in the patient Three-factor PCCs have been available for the treatment o haemophilia B for several decades and have been used for warfarin reversal in countries where 4 Factors PCCs are not available. Three factor PCCs contain little factor VII and are less effective in correcting the INR and the coagulopathy of patients on warfarin treatment. Three or four factor Prothrombin Complex Concentrate for Emergency Anticoagulation reversal? (Makris M. et al 2011) There is a well-known inverse relationship between INR and Factor VII but this relationship is not linear and with INRs over 4-5 the level of FVII in patients is under 5-10%. Only 10-15% FVII is required for adequate haemostasis. If follows that whilst for the patients with relatively low INRs e.g. <4.5, there is sufficient FVII in the patient to allow 3factor PCCs to be effective, for patients with significantly raised INRs the FVII is too low and adequate INR correction and anticoagulation reversal can only be achieved by a 4factor PCCs.

85 Rapido ripristino di una normale attività emostatica nel paziente in TAO Reverse Indicazioni Chirurgia di Emergenza Emorragie Maggiori non Endocraniche. Emorragie Endocraniche confermate alla TAC/RMN ed indipendentemente dalla sede, entità, tipo e causa. Garantire un accesso venoso adeguato come da protocolli ACLS in uso Effettuare prelievo per : Emocromo,Creatinina, PT (INR in precedenza ) Altri provvedimenti diagnostici e terapeutici : come da procedure locali. Consenso informato al trattamento con emoderivati o emazie concentrate. Livelli di anticoagulazione e modalità Il reverse deve essere effettuato in tutti i pazienti con INR > 1.5 con obbiettivo INR <1.5 Sospendere TAO (lento ritorno dell INR< 1.5 : 3-5 giorni ). Farmaci da utilizzare ( indicazione elettiva) Vitamina K: Normalizzazione INR : 8-12 ore (complementare al ripristino dei fattori del complesso protrombinico ma non terapia altenativa) Concentrato del Complesso Protrombinico (CCP) in infusione rapida (one shot)

86 10/05/11 Un protocollo condiviso in tutte le indicazioni di emergenza PROCEDURA DI REVERSE RAPIDO CON CONCENTRATO DEL COMPLESSO PROTROMBINICO A QUATTRO FATTORI (CONFIDEX) O TRE FATTORI (UMAN COMPLEX,PROTROMPLEX TIM3)* Infusione di Concentrati del Complesso Protrombinico (CCP) ( Minuti) INR : 20 UI/Kg INR : 30 UI/Kg INR : 40 UI/Kg INR > 6 : 50 UI/Kg Controllo INR dopo 5 minuti dalla fine della infusione (invio in laboratorio) Infondere Vitamina K (Konakion) 10 mg in Sol.Fis. 100 ml in 30 min. Valutazione del risultato dell INR INR< 1.5 STOP INR > 1.5 Infusione di CCP (dose correlata INR residuo ) Dose totale: max 100 UI/kg Non associare Plasma *Pronativ ( ) : riferirsi alla scheda tecnica per il dosaggio FCSA-SIMEU 27

87 C.C.P AUSL Rimini (abitanti ) Pazienti trattati (anno 2010) Emorragie endocraniche n=49 (Follow up 3-13 mesi) deceduti 14 (28%) n=28 deceduti 1 (3.5%) Emorragie T.Digerente Chirurgia emergenza n=25 deceduti 9(36%) Fratture (2), ematoma Psoas(3)ematuria massiva da trauma renale(1) aneurisma aortico( 2) Totale casi reverse = 110

88 Concentrati del Complesso Protrombinico nel reverse di emergenza Reale rischio trombotico.. o leggenda metropolitana? Non è standardizzatala correlazione temporale per attribuire un evento trombotico alla infusione di CCP Serie di casi con patologie diverse, trattamenti diversi e con diverse associazioni di farmaci: 1 caso di infarto venoso del testicolo dopo 48 ore dalla somministrazione di Fattore IX (Mc Neil S. et al. 1998). 5 casi descritti da Kohler M. 1998) : 2 trattati anche con aprotinina, due correlabili a sepsi, 1 con severa epatopatia. Nessun caso in altre serie (Yasaka M et al Riess H.B et al Lavenne Pardonge E. et al Nitu I et al. 1998, Imberti D. et al 2011) 4 casi dubbi in un gruppo di 58 pazienti ( 1 TVP arto superiore dopo 17gg, 1 IMA dopo severa anemizzazione,1 IMA dubbio,1 recidiva di TVP ) Lankiewicz Il tipo di CCP, la diversa concentrazione dei singoli fattori e/o la presenza o meno di proteina S, C, l associazione con Plasma rappresentano i determinanti del rischio trombotico. Il reverse ripristina le condizioni trombotiche precedenti ed è biologicamente plausibile un aumento di rischio trombotico che deve essere comunque trattato.

89 TAO E TRAUMATOLOGIA (TRAUMA MULTIPLO / TRAUMA CRANICO) La TAO non è di per sé predittiva di maggiore mortalità in caso di politraumatismo e/o trauma cranico. ( Mina A. et al :J. Trauma 2003) Pazienti anziani in TAO con trauma cranico minore hanno un rischio di rapido deterioramento neurologico nonostante un iniziale normale esame neurologico. In pazienti asintomatici classificati come trauma cranico minore ma in trattamento anticoagulante orale è indicata TAC Cerebrale ed una osservazione ospedaliera per almeno 24 ore. (Time to Deterioration of the Elderly, Anticoagulated, Minor Head Injury Patient Who Presents without Evidence of Neurologic Abnormality. Reynolds F.D et al. J. Trauma 2002). Victorino G.P. et al: Arch. Surgery 2003) Nel trauma cranico minore in completa assenza di eventi emorragici alla TAC Cerebrale non è indicata la sospensione della TAO ma osservazione ospedaliera per almeno 24ore Se il trauma è grave e ad alto rischio emorragico valutare sospensione della TAO e Reverse. Sospendere la TAO da sola non ha un impatto significativo sul rischio emorragico. Non associare TAO-Eparina fino a che INR< 2 30

90 POST REVERSE Emorragia endocranica : Ripetere TAC a ore o a seconda indicazione clinica Indossare calze elastiche e compressione pneumatica intermittente se disponibile. Se emorragia stabile iniziare dosi profilattiche di eparina a basso peso molecolare Valutazione individuale per ripresa della TAO. Emorragia non endocranica: Trattamento dello shock e dell ipovolemia come da protocollo in uso. Effettuare manovre cruente (endoscopiche/chirurgiche) dopo il reverse Iniziare eparina a basso peso molecolare dopo la stabilità dell emorragia Valutazione individuale per la ripresa della TAO Chirurgia di emergenza : Come nei pazienti non in TAO se non è associata emorragia. Se è associata emorragia maggiore trattamento come emorragia non endocranica.

91 Early Administration of Low Molecular Weight Heparin after Spontaneous Intracerebral Hemorrhage. A Safety Analysis Kiphuth I.C et al. Cerebrovascular Diseases pts with sich Enoxaparin or Dalteparin initiated within 36 hours after admission in all patients without clinical evidence of hemorrhage enlargement or an absence of evidence of hematoma grouth on CT. Between days 2 and 10 only 2 patients experienced a moderat hematoma enlargement of 22.4 and 20.9 %. None of the included patients developed a fatal lung embolism Early application of subcutaneous LMWH for prevention of venous thromboembolism sems to be safe and probably doesn t increase hematoma grouth

92 Treatment of Warfarin-associated Intracerebral Hemorrhage : Literature Review and Expert Opinion (Aguilar M.A et al.mayo Clinic Proceedings 2007) Nelle emorragie cerebrali la ripresa della TAO avviene a completa risoluzione dell emorragia e/o ematoma ma non c è accordo in letteratura. (Kelly J. Et al Stroke Holloway R. et al. Neurology Aguilar M et al. Mayo Clinic Proceedings 2007) Riprendono la TAO Protesi Valvolari Meccaniche Fibrillazione Atriale con CHADS 2 score > 3 (valutare caso per caso) Alternativa: antipiastrinici (Aspirina, Indobufene ) Pazienti con eventi emorragici post traumatici Tiraferri E. Centro Emostasi - Rimini

93

94 How can i treat this patient? Female 77 years old, 76 kg Hypertension, diabetes April 1st: haemorrhagic stroke April 11th: dyspnea + atrial fibrillation: acute PE Treatment:?

95 EMOSTASI (Schultze 1865) Test :Conta Piastrinica Aggregazione piastrinica (no in terapia antipiastrinica) 36

96 Alterazione dei tests di coagulazione di base PTT allungato: Fattore VIII Fattore IX Fattore XI Fattore XII Von Willebrand Ipofibrinogenemia LAC PT allungato Fattore VII Fattore II Fattore IX Fattore X Fattore V Ipofibrinogenemia

97 (Editorial) Chest 2006 Ballard J. Jama % Eparina non frazionata <1 % EBPM Centro Emostasi- Rimini

98 Napolitano L.M et al ( 2006)

99 H.I.T/H.I.T.TT Trattamento: se forte sospetto (o conferma) cosa fare SI anticoagulante non-eparina (lepirudina, fondaparinux, bivalirudina) -ricerca TVP -iniziare warfarin solo dopo piastrine > neutralizzare (vit. K) warfarin se già in corso -se richiesta chir cardiaca cercare anticorpi NO (Cosa NON fare) -proseguire ENF o EBPM -non anticoagulare -dare warfarin -posizionare filtro cavale -trasfondere piastrine Chest 2008

100 TAO E MANOVRE INVASIVE Sospensione della TAO: Elevato rischio embolico Il rischio dipende dalle indicazioni alla TAO e dalle comorbidità. Possono manifestarsi: Stroke embolico (disabilità severa o morte nel 70% dei casi). Embolie arteriose periferiche (arti, intestino). Trombosi di Valvola Meccanica (fatalità 15%) Tromboembolismo venoso. Tiraferri E. Centro Emostasi Rimini Prosegue inalterata la TAO in range. Il rischio emorragico è spesso sovrastimato (Chest 2008 ). Correlato al tipo di chirurgia/ procedura invasiva. Manovre invasive a basso rischio emorragico non necessitano di sospensione della TAO. Bridging con E.B.P.M Sospensione della TAO e inizio di antitrombotico a breve emivita. Aumenta il rischio emorragico nel periodo postoperatorio Rischio embolico crescente (5 gg per INR<1,5; 5-8 gg per INR>2) Costo del Bridging

101

102

103 INTERVENTI IN CUI NON E INDICATO SOSPENDERE LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE (il rischio emorragico da procedura non è aumentato se la TAO è presente ) Chirurgia Dermatologica Tessuti superficiali facilmente esplorabili Facile emostasi meccanica (sutura) Eccessivo rischio trromboembolico da sospensione.. if continuation of anticoagulants carriers no major risk for complications there is no compelling reason to destrupt medically necessary therapy.. Oatley C.C: Mayo Clinic Proceedings 2003 Tiraferri E. Centro Emostasi e Trombosi Rimini

104 INTERVENTI IN CUI NON E INDICATO SOSPENDERE LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE (il rischio emorragico da procedura non è aumentato se la TAO è presente) PROCEDURE Biopsia ossea Endoscopia digestiva senza biopsia Pancreo-colecistografia endoscopica retrograda ERCP. Sostituzione generatore P.M. Angiografia coronarica Consigliato Agoaspirato tiroideo INR < 3 Biopsia del cavo orale Aspirato Tiroideo con ago sottile Terapia iniettiva endoarticolare/ Artrocentesi Chirurgia palpebrale e delle vie lacrimali,cataratta con anestesia topica, (Chirurgia vitreoretinica ) Stables G.et al. Clin Exp. Dermatol Otley c. et al, Mayo Clinic Proceedings 2003; Ansell J.et al Arch.Int.Med Dunn A.S. et al Arch. Int.Med. 2003; The Italian Federation of Anticoagulation Clinics Tiraferri E. Centro Emostasi e Trombosi Rimini

105 Recommendation Anticoagulation does not need to be stopped for dental extraction for patients in therapeutic range, i.e. INR <3

106 Interventi e procedure in cui deve essere sospesa la terapia anticoagulante orale (il rischio emorragico è aumentato dalla presenza della TAO) Procedure invasive Chirurgia maggiore (definita dalla invasività e dal rischio di perdita ematica intrinseco che diventa più elevato con la TAO ) La sede dell intervento non è esplorabile visivamente e/o manualmente INR endoscopica, dilatazione pneumatica, trattamento di varici esofagee) Un intervento è possibile con INR<1.5 (Kearon K et al NEJM 1997: Guidelines of The American Geriatrics Society. Guidelines on oral anticoagulation : Third Edition B.J.Haemat update.. WhiteR:Arch.Int.Med 1996). (Ansell J. et al Chest supp. 2001; Kearon K et al NEJM 1997) Esami endoscopici del tubo digerente.*(biopsie, polipectomie, sfinterectomia Biopsie a cielo coperto (epatica renale o di altri parenchimi). Toracentesi (?) Rachicentesi, Paracentesi. Cistoscopia (se è prevista biopsia) Biopsia prostatica eco-guidata, Cistostomia, Isteroscopia. Litotrissia (ematomi renali) Broncoscopia, Biopsia polmonare Transtoracica, Mediastinoscopia. Terapia infiltrativa epidurale. Anestesia Spinale. * l American Society for Gastrointestinal Endoscopy indica di non sospendere la TAO durante procedure endoscopiche (Eisen GM et al Gastrointest Endosc 2002)

107 Problemi aperti Standardizzare la durata della sospensione della TAO nel periodo pre-operatorio (7 gg? 5 gg? 15 gg?) Uso della Vitamina k Definire il rischio trombotico nel singolo caso Definire il dosaggio della Eparina a basso peso e la sequenza temporale della somministrazione. Considerare il rischio emorragico da eparina. Sospendere prodotti di erboristeria Usare dosaggi congrui di Eparina a basso peso molecolare. Considerare il rischio emorragico nella Insufficienza renale con accumulo di eparina (calcolare la creatinina clearance) Ridurre il periodo della non assunzione della TAO (ridurre il rischio trombotico)

108 Tiraferri E. Centro Emostasi e Trombosi - Rimini

109 Thromboembolic risk stratification High thromboembolic risk mechanical mitral valve prostheses monoleaflet mechanical aortic prostheses or bileaflet aortic prostheses associated with AF or previous arterial embolism AF associated to previous arterial thromboembolism or mitral valve disease previous cardiogenic or unexplained systemic embolism venous thromboembolism in the previous 3 months Low-Intermediate thromboembolic risk The remaining scenarios

110 The Bridging Regimen Protocol A Sub-therapeutic (70 anti Xa U/kg b.i.d) doses of LMWH in high TE risk patients (weight-adjusted for nadroparin and enoxaparin) Baudo et al. J Thromb Haemost. 2005;3:537 Protocol B Prophylactic doses of LMWH in lowintermediate TE risk patients (weightadjusted for nadroparin) Geerts et al. Chest. 2001; 119: 132S 175S The prophylactic LMWH dosage in protocol B was that recommended in the prevention of venous thromboembolism in orthopedic surgery, weightadjusted for nadroparin

111

112 Results INR trend day Mean INR 2.4 (±0.6) day 0: Mean INR 1.2 (±0.2) day -5: +6: Mean INR 1.8 (±0.5) Day 0 INR 1.2; no interventions were postponed. Worthy of note is that preprocedure vitamin K was used in 17 episodes (3 were prosthetic heart valves), and no one suffered thromboembolic events. Thus, this aspect as shows the INR decay and restoration seems to need no modification.

113 Results Efficacy outcomes 5 out of 1262 patients (0.4%; 95%CI 0.1% 0.9%) suffered thromboembolic events; 3 venous and 2 arterial All events occurred in high TE risk patients treated improperly with the prophylactic protocol One event was fatal

114 Three events (events 1, 3, and 5 in Table 4) occurred in patients in whom LMWH was not administered according to the assigned protocol. The remaining 2 events occurred in patients not bridged at all: 1 (patient 2) because the INR on day -4 was higher than that on day -5 (INR, 2.7 and 3.1, respectively) and the other (patient 4) because the surgeon preferred preoperative low-dose warfarin to the prescribed bridging therapy. Moreover, in patient 4, postoperative LMWH was not administered because of the presence of a considerable hematoma at the surgical site.

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

Che fare se il paziente scoagulato ha una complicanza emorragica?

Che fare se il paziente scoagulato ha una complicanza emorragica? Che fare se il paziente scoagulato ha una complicanza emorragica? La gestione dei pazienti in terapia anticoagulante orale (TAO) con complicanza emorragica gastrointestinale presenta aspetti problematici

Dettagli

Linee guida per la gestione dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali che devono sottoporsi ad intervento chirurgico

Linee guida per la gestione dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali che devono sottoporsi ad intervento chirurgico Linee guida per la gestione dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali che devono sottoporsi ad intervento chirurgico PREMESSA La chirurgia dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali è un problema

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO Dipartimento Clinico Assistenziale Oncologico Unità Operativa di Ematologia Centro Trapianto di Cellule Staminali Direttore Prof. Attilio Olivieri Versione del 18-2-2008 LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL

Dettagli

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Gig_7-419-477 CN 11-01-2002 17:01 Pagina 419 GIORN GERONTOL 2000; 48: 419-433 LINEE GUIDA Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Antithrombotic strategies in the elderly A.M. CERBONE,

Dettagli

Emesso da: Data 24/11/2010 Firma:

Emesso da: Data 24/11/2010 Firma: !"# Approvato da: DDCG Data 24/11/2010 Firma: Emesso da: Data 24/11/2010 Firma: $ % &'( ')*! " # $% & % '!!!"# $$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$ Gruppo di lavoro: "!"# Firma Dr. Carmelo Guccione Dr. Diego

Dettagli

Nelle pagine successive... Raccomandazioni regionali per l utilizzo 2-3

Nelle pagine successive... Raccomandazioni regionali per l utilizzo 2-3 Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale - Area Valutazione del farmaco I NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI nella fibrillazione atriale non valvolare L impiego delle terapie anticoagulanti è molto diffuso: dai dati

Dettagli

LA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA

LA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA LA TERAPIA EL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2 Sinossi delle raccomandazioni 3 3. Pazienti con neoplasie solide e TEV (TVP, EP) 6 3.1 Eparine e

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale

Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale FCSA - SIMG componenti della task-force FCSA Guido Finazzi Responsabile del Centro Emostasi e Trombosi Divisione di Ematologia Ospedali

Dettagli

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA SREENING I TROMBOFILIA E INIAZIONI ALLA PROFILASSI FARMAOLOGIA IN GRAVIANZA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2. Sinossi delle raccomandazioni 4 3. Screening di trombofilia in gravidanza 9 3.1 Test da includere

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI Rel. 01/2009 13-02-2009 13:30 Pagina 1 LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI F. Orso, B. Del Taglia *, A.P. Maggioni* Dipartimento di Area Critica Medico

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

ATTUALITÀ IN TERAPIA Nalmefene Le Nuove Entità Terapeutiche del 2013

ATTUALITÀ IN TERAPIA Nalmefene Le Nuove Entità Terapeutiche del 2013 N Nuum meerroo 11 22001144 IIN NFFO OR RM MA AZ ZIIO ON NEE IIN ND DIIP PEEN ND DEEN NTTEE EE A AG GG GIIO OR RN NA AM MEEN NTTO O SSA AN NIITTA AR RIIO O EDITORIALE. Missing, proprio missing FORUM CLINICO

Dettagli

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare?

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? Marica Carughi Servizio Farmaceutico Nutrizionale A.O Sant Anna Como Milano, 21 maggio 2014 WHAT EVIDENCE SAYS? LINEE GUIDA: SI Making the best

Dettagli

343 TROMBOEMBOLISMO VENOSO

343 TROMBOEMBOLISMO VENOSO TROMBOEMBOLISMO VENOSO 343 TROMBOEMBOLISMO VENOSO tromboembolismo venoso Il Tromboembolismo Venoso (TEV) rappresenta una delle principali cause di morbilità e mortalità ospedaliera, anche se la sua incidenza

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

LE PROTEINE VITAMINA K DIPENDENTI: UN LINK ULTERIORE TRA OSSO E PARETE VASALE

LE PROTEINE VITAMINA K DIPENDENTI: UN LINK ULTERIORE TRA OSSO E PARETE VASALE LE PROTEINE VITAMINA K DIPENDENTI: UN LINK ULTERIORE TRA OSSO E PARETE VASALE Dott.ssa M.Pasquali VITAMINA K K1 fillochinone K2 menachinone (Carl Peter) Henrik Dam (1895-1976) Glutammato Proteina noncarbossilata

Dettagli

TROMBOSI: SI PREVIENE E SI CURA

TROMBOSI: SI PREVIENE E SI CURA Periodico quadrimestrale - N. 59 - agosto 2005 - Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/2/04 n.46) art. 1 comma 2 DCB Milano TROMBOSI: SI PREVIENE E SI CURA I nfarto, Ictus, Embolia,

Dettagli

MALATTIE RARE DELLA COAGULAZIONE: CIO CHE NON SI SA. Aspetti sociali e progetti europei

MALATTIE RARE DELLA COAGULAZIONE: CIO CHE NON SI SA. Aspetti sociali e progetti europei MALATTIE RARE DELLA COAGULAZIONE: CIO CHE NON SI SA. Aspetti sociali e progetti europei Flora Peyvandi Centro Emofilia e Trombosi Angelo Bianchi Bonomi, Fondazione IRCCS Ospedale Maggiore Policlinico,

Dettagli

FATTORI DELLA COAGULAZIONE

FATTORI DELLA COAGULAZIONE FATTORI DELLA COAGULAZIONE I Fattori della Coagulazione sono un insieme eterogeneo di molecole che prende parte alla cascata coagulativa, in quella che viene chiamata FASE COAGULATIVA del processo emostatico.

Dettagli

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini 13 marzo 2010 Cefalea e donna Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari Maria Clara Tonini Responsabile Centro Diagnosi e Cura delle Cefalee UO Neurologia Ospedale di Garbagnate M. Classificazione secondo

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica Congresso Nazionale Palermo 28/30 Ottobre 2010 Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Chirurgia generale e specialistica U.O.C. di Chirurgia

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Fase Preanalitica. Errori di laboratori: scambio di provetta!!!!

Fase Preanalitica. Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! Fase Preanalitica Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! Fase Preanalitica Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! PROVETTE CON ANTICOAGULANTE SODIO CITRATO DA 0,4 E 0,5 ML. Emostasi Serie

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C T H O R A F L Y Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C SOMMARIO GRUPPO C (SUMMARY C GROUP) 1/C II SISTEMI DI DRENAGGIO TORACICO COMPLETI

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE Deliberazione n. 529 del 13/05/2004. DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE PREMESSE La legge regionale 28 marzo 1995, n. 28, istituiva il servizio

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Camminiamo insieme. Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia

Camminiamo insieme. Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia Camminiamo insieme Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia 1 A cura di: Prof. Valerio De Stefano Professore Ordinario Istituto di Ematologia Università Cattolica di Roma - Policlinico Agostino Gemelli

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Storia di Rischio emorragico Chirurgia o procedura a rischio

Storia di Rischio emorragico Chirurgia o procedura a rischio Rischio tromboembolico alto basso Storia di Rischio emorragico alto basso Chirurgia o procedura a rischio alto basso URGENZA ELEZIONE Problemi di coagulazione in pazienti ricoverati SCELTA SCELTA TRA TRA

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli.

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. Università degli Studi di Verona Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. M.Ventola, M.Magnani, L.Pecoraro, B.Ficial, E. Bonafiglia,

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

Trattamento e prevenzione delle recidive nei pazienti con trombosi venosa profonda: i nuovi anticoagulanti orali

Trattamento e prevenzione delle recidive nei pazienti con trombosi venosa profonda: i nuovi anticoagulanti orali Trattamento e prevenzione delle recidive nei pazienti con trombosi venosa profonda: i nuovi anticoagulanti orali Dott. Angelo Ghirarduzzi Responsabile SSD Angiologia Reggio Emilia Cona,, Ferrara 29.09.12

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza Fiammengo P., Coscia A., De Donno V., Tulisso S., Maula S., Bianco M., Dall Aglio M., Farinasso D., Alessi D., Foco L., Costa L. Mentre la

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove?

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? Anna Prenestini SDA Bocconi Area Public Policy and Management 09 ottobre 2012 1 Un futuro da scrivere

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

L emorragia del post partum

L emorragia del post partum L emorragia del post partum Sommario Introduzione...2 Definizione di emorragia del post partum...2 Incidenza...3 Cause dell emorragia del post partum...4 Fattori di rischio...4 Terzo e quarto stadio del

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli