Gestione del paziente post-trombosi venosa profonda. Anna Maria Cerbone, Antonella Tufano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gestione del paziente post-trombosi venosa profonda. Anna Maria Cerbone, Antonella Tufano"

Transcript

1 NPT NUOVE PROSPETTIVE IN TERAPIA Comitato Scientifico: Aulisa L, Bizzi B, Caione P, Calisti A, Chiozza ML, Cittadini A, Ferrara P, Formica MM, Ottaviano S, Pignataro L, Pitzus F, Pretolani E, Riccardi R, Salvatore S, Savi L, Sternieri E, Tortorolo G, Viceconte G Registro del Tribunale di Roma n. 337 dell 1/6/1991 Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1 comma 1 DCB - Roma Periodicità quadrimestrale 2009 Mediprint S.r.l. ISSN Supplemento alla rivista NPT - Anno XIX - n. 2(Suppl. 5)/2009 Gestione del paziente post-trombosi venosa profonda Anna Maria Cerbone, Antonella Tufano Dipartimento Medicina Clinica e Sperimentale - Centro Riferimento Regionale Emocoagulopatie, Università Federico II Napoli

2 NPT Anno XIX - n. 2(Suppl. 5)/2009 Reg. del Trib. di Roma n. 337 del 1/6/1991 Poste Italiane S.p.A - Spedizione in Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1 comma 1 DCB - Roma Pubblicazione quadrimestrale 2009 S.r.l. - Cod. 26/09 Direttore Editoriale: Antonio Guastella Via Val Maggia, Roma tel fax Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte può essere riprodotta in alcun modo (comprese fotocopie), senza il permesso scritto dell editore. Condizioni di abbonamento anno 2009: 22,00 Gli abbonamenti non disdetti entro il 31 dicembre di ogni anno si intendono tacitamente rinnovati per l anno successivo. Stampa: CSC Grafica Srl Via A. Meucci, Guidonia (Roma) Finito di stampare nel mese di gennaio 2009

3 Gestione del paziente post-trombosi venosa profonda Anna Maria Cerbone, Antonella Tufano Dipartimento Medicina Clinica e Sperimentale - Centro Riferimento Regionale Emocoagulopatie, Università Federico II Napoli Gli obiettivi della terapia anticoagulante orale (TAO) a lungo termine nella gestione della trombosi venosa profonda (TVP) sono: a) completare il trattamento dell episodio acuto (dopo la terapia eparinica iniziale) e b) prevenire le recidive della TVP, anche allo scopo di ridurre l incidenza della sindrome posttrombotica (SPT), frequente e invalidante complicanza della TVP (Fig. 1). La TAO e la terapia con eparina a basso peso molecolare (EBPM) sono efficaci nella prevenzione delle recidive della TVP. Nella terapia a lungo termine esistono tuttavia dei limiti sia per la TAO (rappresentati dalla necessità di monitoraggio laboratoristico e di aggiustamento posologico continuo) sia per l EBPM (a causa della somministrazione parenterale quotidiana); inoltre la terapia anticoagulante sembra associata a un significativo incremento degli episodi emorragici. Pertanto si preferisce interrompere la terapia anticoagulante quando il rischio (incrementato bleeding) supera il beneficio (riduzione delle recidive di TVP) (1). Figura 1. Terapia della TVP. 1. Completare il trattamento dell episodio acuto di TVP 2. Prevenire nuovi episodi (recidive TVP) e la sindrome post-trombotica Rischio di recidive di TVP e durata della TAO Allo scopo di stabilire la durata ottimale della TAO nei pazienti con TVP, è opportuno stratificare il rischio di recidiva (Fig. 2), sia rispetto alla tipologia dell evento acuto sia come rischio valutato al momento della sospensione della TAO (rischio intrinseco del paziente) (1). Il rischio di recidive alla sospensione della TAO è differente nei pazienti affetti da TVP associata a fattori di rischio transitori rispetto ai pazienti affetti da TVP idiopatica o associato a fattori di rischio permanenti (2). Tale rischio, inoltre, sembra particolarmente elevato nell immediato periodo dopo la sospensione della terapia (3). Negli anni 90 è stato enfatizzato il ruolo dei polimorfismi predisponenti alla trombosi (fattore V Leiden e protrombina G A) come fattori di rischio per le recidive di tromboembolismo venoso (TEV) (4), anche se studi più recenti non sembrano confermare tale associazione (5). In ogni caso una terapia prolungata con warfarin potrebbe essere considerata per i pazienti che presentano mutazioni genetiche tipo fattore V Leiden o protrombina G 20210A (6), specie se in associazione. In uno studio prospettico in pazienti con TEV, l incremento dei livelli di D-dimero (a 1 mese dalla sospensione della terapia) risultavano associati a un maggiore rischio di recidive (7). In uno studio prospettico basato su tali evidenze, i pazienti con incremento del D-dimero e che riprendevano la TAO, presentavano una minore incidenza di recidive rispetto ai pazienti che sospendevano definitivamente la terapia (2,9% vs 15%) (8).

4 Anna Maria Cerbone, Antonella Tufano Figura 2. Stratificazione del rischio di recidive di TVP (da: Agnelli G. 2008; mod). Paziente - sesso M e F - trombofilia genetica Patologie associate - neoplasie - fattori di rischio temporanei - eventi idiopatici Tipologia evento - prossimale/distale - TVP/EP Rischio di recidiva legato all evento Rischio di recidiva alla sospensione della TAO Livelli di D - dimero Trombosi venosa residua all ecografia Paziente e medico Anche un residuo trombotico venoso rappresenta un fattore di rischio per le recidive di TEV (9). Un altro fattore di rischio significativamente correlato alle recidive di TVP sembra essere il sesso maschile (20% vs 6% nel sesso femminile) (10). Il differente rischio di recidive di TVP è inoltre condizionato dalla tipologia della sede dell evento acuto. Una TVP del polpaccio, infatti, si associa ad un rischio inferiore di recidive rispetto ad un evento prossimale o a una embolia polmonare (2). Nei pazienti con TVP associata alla presenza di anticorpi antifosfolipidi è opportuno programmare una terapia anticoagulante prolungata, allo scopo di ridurre l incidenza delle recidive e la mortalità per eventi trombotici (11). I trial randomizzati attualmente disponibili in letteratura indicano che la terapia anticoagulante dovrebbe proseguire per almeno 3 mesi dopo una TVP (Tab. I) (2,12-14). Una TAO prolungata (da 6 mesi a 2 anni) oltre il periodo raccomandato ritarda l insorgenza di recidive, senza però ridurne il rischio alla sospensione del trattamento; in altre parole i pazienti sarebbero protetti dall insorgenza di recidive solo in corso di TAO (15). L opportunità di una terapia a lungo termine dovrebbe quindi essere valutata sulla base dello stato clinico del paziente e dei suoi fattori di rischio di recidiva di TVP ma anche delle sue preferenze, considerando che talora il beneficio di una terapia prolungata può essere superato da un significativo rischio di emorragie maggiori oltre alle difficoltà del paziente legate al monitoraggio della terapia per il continuo aggiustamento della posologia (16,17). Tabella I. Durata della terapia anticoagulante orale (raccomandazioni ACCP) (da: Kearon C. 2008; mod.). - Fattori di rischio reversibili : 3 mesi (1A) - TVP idiopatica : TAO per almeno 3 mesi (1A) - TVP prossimale, senza fattori di rischio bleeding: longterm (1A) - Recidiva TEV idiopatico : terapia long-term (1A) - TVP + neoplasia: EBPM per i primi 3-6 mesi Dopo:TAO/EBPM long-term o se Ca è attivo 4 NPT 2(Suppl. 5/2009

5 Gestione del paziente post-trombosi venosa profonda Figura 3. Strategia in prevenzione secondaria a lungo termine. Proseguire la TAO? Antiaggreganti? Se: - Diminuzione del rischio bleeding - <65 anni - Evento idiopatico - Sesso maschile - TVP prossimale con EP Se: - Controindicata TAO - Aumento rischio eventi arteriosi Altri farmaci Se: - Controindicati 1 e 2 Strategie alternative nella prevenzione secondaria La SPT, complicanza frequente della TVP per la sua alta incidenza, prevalenza e cronicità, riduce la qualità di vita dei pazienti. Un importante e indipendente fattore di rischio della SPT è rappresentato dalle recidive di TVP omolaterali, per cui è stata enfatizzata l importanza della prevenzione delle recidive di TVP allo scopo di ridurre l incidenza della SPT, ottimizzando l intensità e la durata della terapia anticoagulante dopo un iniziale TVP e stabilendo la più idonea profilassi delle recidive di TVP (18). Al momento, dopo il periodo convenzionale di terapia anticoagulante, come già discusso, non esistono strategie chiaramente identificate, se non nei pazienti a più alto rischio di recidive, ad eccezione dell elastocompressione per almeno 2 anni dopo l episodio acuto (13). Allo scopo di ridurre il rischio emorragico e le difficoltà per il monitoraggio di una TAO in pazienti per i quali non esista una chiara indicazione al prosieguo della TAO a lungo termine, sono in corso vari studi per valutare l efficacia di strategie farmacologiche alternative dopo un trattamento convenzionale di 3-6 mesi con farmaci anticoagulanti (Fig. 3). Due trial sembrano non individuare un migliore rapporto rischio emorragico/beneficio di una TAO a ridotta intensità (6,19). Al momento, sono in corso studi per verificare l utilizzo degli antiaggreganti nella prevenzione secondaria a lungo termine, alla luce dell alta incidenza di eventi cardiovascolari, anche arteriosi, in pazienti con TEV idiopatico, specie dopo la sospensione della TAO (20,21). Tra i farmaci alternativi sono da considerare molto promettenti i glicosaminoglicani, che hanno dimostrato attività sulla coagulazione in vitro ed effetto antitrombotico su modelli di trombosi arteriosa e venosa (22). Alcuni studi (13, 23-26) ne hanno dimostrato l efficacia nella riduzione delle recidive di TVP in pazienti che avevano assunto TAO dopo un evento acuto di TVP. Conclusioni Dopo un primo episodio di TVP, il rischio di recidive in corso di terapia con warfarin è dell 1%. Alla sospensione della TAO il rischio di recidive dipende dalla tipologia dell evento acuto, se associato con 1 o più fattori di rischio e varia dall 8% al 19% a 2 anni, con un rischio più elevato nel primo periodo dopo la sospensione. La durata ottimale della terapia anticoagulante non è chiaramente stabilita, poiché il rischio di recidive trombotiche alla sospensione della terapia e il rischio di bleeding associato alla terapia stessa non possono essere predetti individualmente per ciascun paziente. Pertanto i pazienti sono usualmente trattati per un periodo di 6 mesi. Al termine dei 6 mesi dovrebbero essere stratificati per stabilire il rischio di recidive (legato sia NPT 2(Suppl. 5/2009 5

6 Anna Maria Cerbone, Antonella Tufano al paziente che alla tipologia dell evento) e il rischio emorragico individuale; ciò allo scopo di stabilire se il paziente prosegua la TAO o debba utilizzare strategie farmacologiche alternative (glicosaminoglicani, ecc.) in caso di rischio emorragico elevato o in mancanza di una chiara indicazione al prosieguo della TAO. Bibliografia 1. Agnelli G, Becattini C. Treatment of DVT: how long is enough and how do you predict recurrence. J Thromb Thrombolysis 2008; 25: Schulman S, Rhedin AS, Lindmarker P et al. A comparison of 6 weeks with six months of oral anticoagulant therapy after a first episode of venous thromboembolism. N Engl J Med 332: Prandoni P, Lensing AWA, Cago A et al. The long-term clinical course of acute deep venous thrombosis. Ann Int Med 1996;125: Simioni P, Prandoni P, Lensing AW et al. The risk of recurrent venous thromboembolism in patients with an Arg 506->Gen mutation in the gene for factor V (factor V Leiden). N Engl J Med 1997; 336: Christiansen S, Cannegieter S, Koster T, Vanderbroncke J, Rosendaal F. Thrombophilia, clinical factors, and recurrent venous thrombotic events. JAMA 2005;293: Ridker PM, Goldhaber SZ, Danielson E et al. Long term, low-intensity warfarin therapy for the prevention of recurrent venous thromboembolism. N engl J Med 2003;348: Palareti G, Legnani C, Cosmi B et al. Risk of venous thromboembolism recurrence: high negative predictive value of D-dimer performed after oral anticoagulation is stopped. Thromb Haemost 2002;87: Palareti G, Cosmi C, Legnani C et al. For the PROLONG investigators: D-dimer testing to determine the duration of anticoagulation therapy. N Engl J Med 2006;355: Prandoni P, Lensing AW, Prinsing MH et al. Residual venous thrombosis as a predictive factor of recurrent venous thromboembolism. Ann Int Med 2002;137: Kyrle PA, Minar E, Bialonczyk C et al. The risk of recurrent venous thromboembolism in men and women. N Engl J Med 2004;350: Schulman S, Svenungsson E, Granqvist S. Anticardiolipin antibodies predict early recurrence of thromboembolism and death among patients with venous thromboembolism following anticoagulant therapy. Duration of anticoagulation study group. Am J Med 1998;104: Levine MN, Hirsh J, Gent M et al. Optimal duration of oral anticoagulant therapy: a randomized trial comparing four weeks with three month of warfarin in patients with proximal deep vein thrombosis. Thromb Haemost 1995;74: Kearon C, Kahn SR, Agnelli G et al. Antithrombotic therapy for venous thromboembolic disease. Chest 2008;133:454S-545 S. 14. Levine MN, Hirsh J, Gent M et al. Optimal duration of oral anticoagulant therapy: a randomized trial comparing four weeks with three month of warfarin in patients with proximal deep venous thrombosis. Thromb Haemost 1995;74: Agnelli G, Prandoni P, Becattini C et al. Extended oral anticoagulant therapy after a first episode of pulmonary embolism. Ann Int Med 2003;139: Ost G, Tepper J, Mihara H et al. Duration of anticoagulation after venous thromboembolism. A meta-analysis. JAMA 2005;294: Linkins L, Choi PT, Douketis JD. Clinical impact of bleeding in patients taking oral anticoagulant therapy for with venous thromboembolism: a meta-analysis. Ann Int Med 2003;139: Kahn SR. Frequency and determinants of the post-thrombotic syndrome after venous thromboembolism. Curr Opin Pulm Med 2006;12(5): NPT 2(Suppl. 5/2009

7 Gestione del paziente post-trombosi venosa profonda 19. Kearon C, Ginsberg JS, Kovacs MJ et al. Comparison of low-intensity warfarin therapy for long term prevention of recurrent venous thromboembolism. N Engl J Med 2003;349: Becattini C, Agnelli G, Prandoni P et al. A prospective study on cardiovascular events after acute pulmonary embolism. Eur Heart J 2005;26: Prandoni P, Ghirarduzzi A, Prins MH et al. Venous thromboembolism and the risk of subsequent syntomatic atherosclerosis. J Thromb Haemost 2006;4: Harenberg J. Review of pharmacodynamics, pharmacokinetics and therapeutic properties of sulodexide. Med Res Rev 1998;18: Arosio E, Ferrari G, Santoro L et al. A placebo-controlled, double-bind study of mesoglycan in the treatment of chronic venous ulcers. Eur J Vasc Endovasc Surg 2001;22: Coccheri S, Scondotto G, Agnelli G et al (SUAVIS Group). Thromb Haemost 2002;87: Errichi BM, Cesarone MR, Belcano G et al. Prevention of recurrent deep venous thrombosis with sulodexide: the SanVal Registry. Angiology 2004;55: Andreozzi GM. Effectiveness of mesoglycan in patients with previous deep venous insufficiency. Minerva Cardioangiologica 2007;(6): NPT 2(Suppl. 5/2009 7

8 L.R.U. capsule molli B01AB11 Glucuronil Glucosaminoglicano Solfato omikron

Prevenzione delle recidive di tromboembolismo venoso dopo un primo episodio di embolia polmonare

Prevenzione delle recidive di tromboembolismo venoso dopo un primo episodio di embolia polmonare ARTICOLO ORIGINALE Prevenzione delle recidive di tromboembolismo venoso dopo un primo episodio di embolia polmonare M. Campanini Medicina Interna II e d Urgenza, Azienda Ospedaliera Maggiore della Carità,

Dettagli

RIVAROXABAN NEL TRATTAMENTO DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO E NELLA PREVENZIONE DELLE RECIDIVE

RIVAROXABAN NEL TRATTAMENTO DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO E NELLA PREVENZIONE DELLE RECIDIVE Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n.189 relativo a RIVAROXABAN NEL TRATTAMENTO DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO

Dettagli

Oltre alla fibrillazione atriale: SCA, embolia polmonare e HIT (argatroban) Federico Nardi SOC Cardiologia Ospedale Castelli

Oltre alla fibrillazione atriale: SCA, embolia polmonare e HIT (argatroban) Federico Nardi SOC Cardiologia Ospedale Castelli I NUOVI FARMACI ANTICOAGULANTI Oltre alla fibrillazione atriale: SCA, embolia polmonare e HIT (argatroban) Federico Nardi SOC Cardiologia Ospedale Castelli Verbania NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI FIBRILLAZIONE

Dettagli

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come?

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? R. Albisinni UOC Medicina Infettivologica e dei Trapianti Ospedale Monaldi Seconda Università di Napoli Introduzione La terapia anticoagulante

Dettagli

CONVEGNO: "TROMBOSI E CANCRO: UN UP-DATE DELLE CONOSCENZE" PIACENZA, 13 MAGGIO 2006

CONVEGNO: TROMBOSI E CANCRO: UN UP-DATE DELLE CONOSCENZE PIACENZA, 13 MAGGIO 2006 CONVEGNO: "TROMBOSI E CANCRO: UN UP-DATE DELLE CONOSCENZE" PIACENZA, 13 MAGGIO 2006 RAZIONALE: Nel paziente affetto da cancro le manifestazioni trombotiche sono molto diverse, coinvolgendo sia il distretto

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL D-DIMERO Indicazioni per la richiesta

DETERMINAZIONE DEL D-DIMERO Indicazioni per la richiesta SINOPSI DELLE RACCOMANDAZIONI DETERMINAZIONE DEL D-DIMERO Indicazioni per la richiesta Contesti clinici in cui i è comproata eidenza dell utilità del dosaggio del D-dimero: 1) sospetto di trombosi enosa

Dettagli

La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante

La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante Con particolare riferimento all impianto di CIEDs Guido Rossetti S.C. Cardiologia A.S.O. S.Croce e Carle - Cuneo CHEST 2012 Raccomandazioni

Dettagli

Statement. Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato

Statement. Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato Il British Medical Journal pubblica un articolo non equilibrato riguardante dabigatran Ingelheim, Germany, 23 luglio

Dettagli

MINI SCHEDA HTA RIVAROXABAN (XARELTO ) INDICAZIONE TROMBOSI VENOSA PROFONDA

MINI SCHEDA HTA RIVAROXABAN (XARELTO ) INDICAZIONE TROMBOSI VENOSA PROFONDA 1/9 MINI SCHEDA HTA RIVAROXABAN (XARELTO ) INDICAZIONE TROMBOSI VENOSA PROFONDA Nome Commerciale XARELTO Principio Attivo Rivaroxaban Ditta Produttrice Bayer S.p.a. ATC B01AF01 Formulazione Compresse rivestite

Dettagli

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE. indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE. indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico Piera Maria Ferrini Medicina Interna ad indirizzo Angiologico e Coagulativo Centro Emostasi Parma 18/3/2014 AGENDA

Dettagli

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA Il tromboembolismo venoso colpisce tra le 5 e le 12 donne ogni 10,000 gravidanze Durante la gravidanza il rischio di sviluppare eventi trombotici è6 volte maggiore rispetto alla popolazione femminile in

Dettagli

Nuovi anticoagulanti a confronto: i risultati dei trials clinici

Nuovi anticoagulanti a confronto: i risultati dei trials clinici Nuovi anticoagulanti a confronto: i risultati dei trials clinici Walter Ageno Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Università dell Insubria Varese ACCP 2012 Treatment of VTE 2012 Real-life treatment

Dettagli

La trombosi venosa profonda

La trombosi venosa profonda La trombosi venosa profonda Gerardo Mancuso*, Francesco Violi** * Uoc di Medicina interna, Presidio ospedaliero Giovanni Paolo II, Lamezia Terme (Cz) **I Clinica medica, Università La Sapienza, Roma La

Dettagli

IV FORUM SULLA MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA

IV FORUM SULLA MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA Registro Informatizado de Enfermedad Trombo Embólica (RIETE) IV FORUM SULLA MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA RIETE ITALIAN INVESTIGATORS MEETING MILAN, NOVEMBER 30th 2013 Registro Informatizado de Enfermedad

Dettagli

Rivista di Attualità Diagnostiche. Terapia Anticoagulante Orale

Rivista di Attualità Diagnostiche. Terapia Anticoagulante Orale Rivista di Attualità Diagnostiche Terapia Anticoagulante Orale S ommario MONOGRAFIA Indicazioni della terapia anticoagulante orale La Terapia Anticoagulante Orale TAO in pratica FCSA e la Terapia Anticoagulante

Dettagli

Test genetici e trombofilia nel setting della Medicina Generale

Test genetici e trombofilia nel setting della Medicina Generale Test genetici e trombofilia nel setting della Medicina Generale Prof. Valerio De Stefano Dott. Antonio Oliverio Roma 12 aprile 2014 Dott. Antonio Oliverio MMG Roma 12 aprile 2014 screening indagine sanitaria

Dettagli

Associazione per la terapia delle malattie Metaboliche e Cardiovascolari

Associazione per la terapia delle malattie Metaboliche e Cardiovascolari Associazione per la terapia delle malattie Metaboliche e Cardiovascolari Protocollo di studio TEVere Fattori di rischio e diagnosi di tromboembolismo venoso (TEV). Studio osservazionale nei Reparti di

Dettagli

L esclusione della trombosi venosa profonda in Pronto Soccorso: l esperienza di Udine

L esclusione della trombosi venosa profonda in Pronto Soccorso: l esperienza di Udine emergency care journal organizzazione e formazione L esclusione della trombosi venosa profonda in Pronto Soccorso: l esperienza di Udine Barbara Mariotti, Enrico Barboni, Sebastiano Lizzio, Ciro Paolillo,

Dettagli

Risk Management del paziente a rischio tromboembolico

Risk Management del paziente a rischio tromboembolico Risk Management del paziente a rischio tromboembolico Dr. Luciano DI Mauro ANGIOLOGIA A.S.P. 3 Catania Corso di formazione ECM Prevenzione del tromboembolismo venoso e utilizzo della relativa scheda di

Dettagli

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROCEDURE CHIRURGICHE

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROCEDURE CHIRURGICHE Pag 1 di 11 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. PERSONALE INTERESSATO... 3 3. PAROLE CHIAVE... 3 4. PROCEDURA OPERATIVA... 3 4.1 PREMESSA... 3 4.2 PROFILASSI MECCANICA... 4 4.2.1 Controindicazioni

Dettagli

D-Dimero: revisione basata sulle evidenze e nuove applicazioni

D-Dimero: revisione basata sulle evidenze e nuove applicazioni 108 D-Dimero: revisione basata sulle evidenze e nuove applicazioni G. Palareti, C. Legnani U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione Marino Golinelli, Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna

Dettagli

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix Dirigente Medicina Interna Specialista in Reumatologia Viale Luigi Einaudi 6 93016 Riesi (Cl) Tel. 0934/922009 Cell. 331/2515580. - www.reumatologiadebilio.de LA SINDROME DA ANTICORPI ANTIFOSFOLIPIDI La

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO INTERSOCIETARIO SULLE TROMBOSI VENOSE DISTALI ISOLATE

GRUPPO DI LAVORO INTERSOCIETARIO SULLE TROMBOSI VENOSE DISTALI ISOLATE GRUPPO DI LAVORO INTERSOCIETARIO SULLE TROMBOSI VENOSE DISTALI ISOLATE (SOCIETA SCIENTIFICHE SIAPAV, SIDV-GIUV, CIF) STUDIO COLLABORATIVO SU: EFFICACIA E SICUREZZA DI UN PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DELLA

Dettagli

Cardiopatia ischemica e fibrillazione atriale: Antiaggreganti e anticoagulanti orali

Cardiopatia ischemica e fibrillazione atriale: Antiaggreganti e anticoagulanti orali Cardiopatia ischemica e fibrillazione atriale: Antiaggreganti e anticoagulanti orali Francesco Di Pede Dipartimento Cardiologico ULSS 10 Portogruaro-San Donà di Piave CIRCA IL 20% DEI PAZIENTI IN FIBRILLAZIONE

Dettagli

La pratica clinica extraospedaliera

La pratica clinica extraospedaliera La pratica clinica extraospedaliera Focus sui problemi aperti nella gestione territoriale del rischio TEV 1. Pazienti medici 2. Pazienti oncologici medici 3. Quale durata della profilassi nei pazienti

Dettagli

Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico

Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico Dr.ssa Elena Barban Dipartimento Medicina Interna VICENZA Farmaco anticoagulante ideale Somministrazione orale e buona biodisponibilità Azione rapida

Dettagli

Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti

Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti Nicoletta Riva Centro di Ricerca Malattie Tromboemboliche e Terapie Antitrombotiche Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale,

Dettagli

Tromboembolismo venoso (TEV) Le dimensioni del problema

Tromboembolismo venoso (TEV) Le dimensioni del problema La terapia anticoagulante Tromboembolismo venoso (TEV) Le dimensioni del problema Importante causa di morbidità e mortalità in pazienti medici e chirurgici Meno del 50% dei pz con embolia polmonare (EP)

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE

RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE INTRODUZIONE Questo documento nasce dall esigenza di dotare i Colleghi Medici Ospedalieri, e in una fase successiva anche quelli del Territorio,

Dettagli

Appunti di appropriatezza prescrittiva

Appunti di appropriatezza prescrittiva S.C. Farmaceutica Territoriale Appunti di appropriatezza prescrittiva Focus su: Nuovi Anticoagulanti Orali La fibrillazione atriale è la più comune causa di aritmia cardiaca cronica e predispone, i pazienti

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

Carmelita Scalisi - Maurizio Catania

Carmelita Scalisi - Maurizio Catania ASP-CT Corso di Formazione Aziendale Prevenzione del tromboembolismo venoso e utilizzo della scheda di valutazione: integrazione Ospedale-Territorio INDAGINI DI LABORATORIO NEL RISCHIO TROMBOEMBOLICO Carmelita

Dettagli

{ TEV: ASPETTI CLINICI RE ROBERTA MEDICINA INTERNA II NOVARA

{ TEV: ASPETTI CLINICI RE ROBERTA MEDICINA INTERNA II NOVARA { TEV: ASPETTI CLINICI RE ROBERTA MEDICINA INTERNA II NOVARA La sottoscritta Re Roberta ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi, pag. 17 del Reg. Applicativo dell Accordo Stato Regione del 5

Dettagli

ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL

ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL Meroni Unità di Allergologia, Immunologia Clinica & Reumatologia IRCCS Istituto Auxologico Italiano Dipartimento

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI RIVAROXABAN ATC B01AX06 (Xarelto ) Presentata da Componente Commissione PTR In data Dicembre 2009 Per le seguenti motivazioni: Per la prevenzione del tromboembolismo

Dettagli

CURRICULUM del dr. prof. GLAUCO MILIO

CURRICULUM del dr. prof. GLAUCO MILIO CURRICULUM del dr. prof. GLAUCO MILIO laurea in Medicina e Chirurgia nel novembre 1976 presso l Università di Palermo con il massimo dei voti e la lode; abilitazione all esercizio professionale nel dicembre

Dettagli

Interruzione della vena cava inferiore nella prevenzione dell embolia polmonare

Interruzione della vena cava inferiore nella prevenzione dell embolia polmonare CHIRURGIA ITALIANA 2005 - VOL. 57 N. PP 79-8 79 Interruzione della vena cava inferiore nella prevenzione dell embolia polmonare FRANCESCO MILONE, VITTORIO IACCARINO a, MARIO MUSELLA, GIUSEPPE SALVATORE,

Dettagli

Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale

Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale Maggio 25 Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale L impiego degli anticoagulanti orali nei pazienti con cardiopatia ischemica Dott. Paolo Bellotti Savona Razionale alla base

Dettagli

Nuovi Anticoagulanti orali (NACO) 12.12.2013 Hans Stricker

Nuovi Anticoagulanti orali (NACO) 12.12.2013 Hans Stricker Nuovi Anticoagulanti orali (NACO) 12.12.2013 Hans Stricker Problemi con ACO tipo AVK Vantaggi dei nuovi ACO Nuovi anticoagulanti orali Dabigatran (Pradaxa ) Rivaroxaban (Xarelto ) Apixaban (Eliquis ) Nuovi

Dettagli

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Daniela Poli La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Atrial fibrillation occurred in 1 2% of the general population. Over 6 million Europeans suffer from this arrhythmia, and its

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

Incidenza e patogenesi delle complicanze tromboemboliche

Incidenza e patogenesi delle complicanze tromboemboliche Incidenza e patogenesi delle complicanze tromboemboliche Alessandro Inno Ospedale Sacro Cuore don Calabria Negrar - Verona Trombosi e cancro Armand Trousseau (1801-1867) Patogenesi Donnellan et al, Curr

Dettagli

Farmaci anticoagulanti

Farmaci anticoagulanti Farmaci anticoagulanti vecchi e nuovi Direct oral anticoagulant drugs Direct selective inhibitors of Factor Xa Rivaroxaban Apixaban Edoxaban Betrixaban Direct selective inhibitors of Factor IIa Dabigatran

Dettagli

Il D-dimero nella pratica di laboratorio

Il D-dimero nella pratica di laboratorio Il D-dimero nella pratica di laboratorio Armando Tripodi Centro Angelo Bianchi Bonomi per l Emofilia e la Trombosi, Dipartimento di Medicina Interna, IRCCS Ca' Granda Ospedale Maggiore Policlinico e Università

Dettagli

IDA MARIANNA MARTINELLI VIA CARLO RAVIZZA, 1 20149 MILANO. martin@policlinico.mi.it

IDA MARIANNA MARTINELLI VIA CARLO RAVIZZA, 1 20149 MILANO. martin@policlinico.mi.it F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome Indirizzo IDA MARIANNA MARTINELLI VIA CARLO RAVIZZA, 1 20149 MILANO Telefono +39 02 48195432 Fax

Dettagli

INNOVAZIONI IN TEMA DI TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO. Davide Imberti. Medicina Interna Ospedale G. DA SALICETO PIACENZA

INNOVAZIONI IN TEMA DI TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO. Davide Imberti. Medicina Interna Ospedale G. DA SALICETO PIACENZA INNOVAZIONI IN TEMA DI TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO Davide Imberti Medicina Interna Ospedale G. DA SALICETO PIACENZA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO Davide Imberti Medicina Interna MAR Azienda

Dettagli

DI SPONTINA DANIELA DOTT. IN INFERMIERISTICA. PAROLE CHIAVE Azienda, utente-paziente, percorso assistenziale

DI SPONTINA DANIELA DOTT. IN INFERMIERISTICA. PAROLE CHIAVE Azienda, utente-paziente, percorso assistenziale 23 DI SPONTINA DANIELA DOTT. IN INFERMIERISTICA IL PERCORSO ASSISTENZIALE DEL PAZIENTE IN TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE (TAO) ESTRATTO DA TESI DI LAUREA ABSTRACT Nella ricerca è stata esplorata la fattibilità

Dettagli

PROGRAMMA PRELIMINARE. IIIˆ Edizione. Livorno Trombosi. Gray Zones MEETING & CONFERENCE CENTRE. Livorno PANCALDI

PROGRAMMA PRELIMINARE. IIIˆ Edizione. Livorno Trombosi. Gray Zones MEETING & CONFERENCE CENTRE. Livorno PANCALDI PROGRAMMA PRELIMINARE IIIˆ Edizione Livorno Trombosi Gray Zones MEETING & CONFERENCE CENTRE Livorno PANCALDI 9-10 OTTOBRE 2015 PATROCINI RICHIESTI I GIORNATA VENERDÌ 9 OTTOBRE 2015 08,15 Registrazione

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CARLO POMA Dipartimento di Medicina di Laboratorio Struttura complessa di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale Primario: Dott. Massimo Franchini Il Centro TAO di Mantova

Dettagli

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA SREENING I TROMBOFILIA E INIAZIONI ALLA PROFILASSI FARMAOLOGIA IN GRAVIANZA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2. Sinossi delle raccomandazioni 4 3. Screening di trombofilia in gravidanza 9 3.1 Test da includere

Dettagli

COME GESTIRE L INTERRUZIONE DEL TRATTAMENTO ANTICOAGULANTE IN VISTA DI MANOVRE INVASIVE E INTERVENTI DI CHIRURGIA MAGGIORE

COME GESTIRE L INTERRUZIONE DEL TRATTAMENTO ANTICOAGULANTE IN VISTA DI MANOVRE INVASIVE E INTERVENTI DI CHIRURGIA MAGGIORE COME GESTIRE L INTERRUZIONE DEL TRATTAMENTO ANTICOAGULANTE IN VISTA DI MANOVRE INVASIVE E INTERVENTI DI CHIRURGIA MAGGIORE SOPHIE TESTA Centro Emostasi E Trombosi Laboratorio Analisi Chimico-Cliniche E

Dettagli

Pavia, Giugno 2012. Gualtiero Palareti U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione Policlinico S. Orsola-Malpighi Bologna

Pavia, Giugno 2012. Gualtiero Palareti U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione Policlinico S. Orsola-Malpighi Bologna Pavia, Giugno 2012 Gualtiero Palareti U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione Policlinico S. Orsola-Malpighi Bologna I principali problemi che vedo e il contributo delle ultime LG ACCP Diagnosi

Dettagli

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Meeting scientifico Giovanni Introcaso Servizio di Medicina di laboratorio Centro

Dettagli

PROTOCOLLO REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA

PROTOCOLLO REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA PROTOCOLLO REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA 1 PROTOCOLLO REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA A cura

Dettagli

Andrea Rubboli, Giuseppe Di Pasquale. Unità Operativa Complessa di Cardiologia, Ospedale Maggiore, Bologna

Andrea Rubboli, Giuseppe Di Pasquale. Unità Operativa Complessa di Cardiologia, Ospedale Maggiore, Bologna IL TRATTAMENTO ANTITROMBOTICO DOPO STENTING CORONARICO NEI PAZIENTI CON INDICAZIONE AD ANTICOAGULAZIONE CRONICA: EVIDENZE SCIENTIFICHE E PRATICA CLINICA CORRENTE Andrea Rubboli, Giuseppe Di Pasquale Unità

Dettagli

POLMONARE IN GRAVIDANZA CON INSTABILITÀ EMODINAMICA. dott. Enrico Bernardi

POLMONARE IN GRAVIDANZA CON INSTABILITÀ EMODINAMICA. dott. Enrico Bernardi APPROCCIO ALL EMBOLIA POLMONARE IN GRAVIDANZA CON INSTABILITÀ EMODINAMICA dott. Enrico Bernardi Sommario Ipotesi Diagnosi Terapia Epidemiologia Il TEV (TVP+EP) rappresenta la prima causa di morte materna

Dettagli

La gestione dei pazienti in terapia anticoagulante orale in Medicina Generale e lo score CHADS 2 : una revisione fra pari

La gestione dei pazienti in terapia anticoagulante orale in Medicina Generale e lo score CHADS 2 : una revisione fra pari Osservatorio professionale La gestione dei pazienti in terapia anticoagulante orale in Medicina Generale e lo score CHADS 2 : una revisione fra pari Franco B. Morelli, Paola M. Mandelli, Massimo Venturini,

Dettagli

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Gig_7-419-477 CN 11-01-2002 17:01 Pagina 419 GIORN GERONTOL 2000; 48: 419-433 LINEE GUIDA Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Antithrombotic strategies in the elderly A.M. CERBONE,

Dettagli

POSSIBILE RELAZIONE TRA TROMBOSI VENOSA ED ARTERIOSA Venous and arterial thrombosis: is there a link?

POSSIBILE RELAZIONE TRA TROMBOSI VENOSA ED ARTERIOSA Venous and arterial thrombosis: is there a link? 6 Giornale Italiano dell Arteriosclerosi 2014; 5 (2): 6-14 NUOVI SCENARI POSSIBILE RELAZIONE TRA TROMBOSI VENOSA ED ARTERIOSA Venous and arterial thrombosis: is there a link? PAOLO PRANDONI Dipartimento

Dettagli

S.I.M.G. Società Italiana di Medicina Generale Area Cardiovascolare. Referente dr. Alessandro Filippi

S.I.M.G. Società Italiana di Medicina Generale Area Cardiovascolare. Referente dr. Alessandro Filippi S.I.M.G. Società Italiana di Medicina Generale Area Cardiovascolare Referente dr. Alessandro Filippi Nuovi Anticoagulanti orali per la prevenzione di ictus ed embolia sistemica nella fibrillazione atriale

Dettagli

Tromboembolismo venoso in chirurgia ortopedica. Aspetti clinici e medico-legali

Tromboembolismo venoso in chirurgia ortopedica. Aspetti clinici e medico-legali Tromboembolismo venoso in chirurgia ortopedica. Aspetti clinici e medico-legali Giancarlo Gemelli 1, Ennio Grassini 2, Rodolfo Pacifico 2 1 Primario presso l Istituto Ortopedico del Mezzogiorno d Italia

Dettagli

Terapia antitrombotica: i nuovi farmaci anticoagulanti orali

Terapia antitrombotica: i nuovi farmaci anticoagulanti orali 20 Terapia antitrombotica: i nuovi farmaci anticoagulanti orali gabriele cioni, rossella marcucci, rosanna abbate Dipartimento di Area Critica Medico-Chirurgica, Università degli Studi di Firenze, Firenze

Dettagli

TROMBOFILIA definizione

TROMBOFILIA definizione 17 novembre 2012 1 TROMBOFILIA definizione 2 i difetti trombofilici non sono malattie 3 TROMBOFILIA 4 TROMBOFILIA EREDITARIA 5 TROMBOFILIA ACQUISITA 6 Negli ultimi anni si è osservata una maggior sensibilità

Dettagli

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE Italian Council of Cardiology Practice Varese, 20-21-22 giugno 2014 «CUORE E OLTRE NUOVE PROPOSTE DI DIAGNOSI E TERAPIA» Congresso Regionale e Nazionale Collegio Federativo di Cardiologia USO CONCOMITANTE

Dettagli

Documento ANMCO su prevenzione del. anticoagulanti orali

Documento ANMCO su prevenzione del. anticoagulanti orali Documento ANMCO su prevenzione del tromboembolismo nella FA e ruolo dei nuovi anticoagulanti orali Paolo Colonna, MD FESC FANMCO Cardiology Hospital, Policlinico of Bari 1. Fisiopatologia del tromboembolismo

Dettagli

Ruolo diagnostico degli autoanticorpi anti- domini I e IV/V della β 2 GPI

Ruolo diagnostico degli autoanticorpi anti- domini I e IV/V della β 2 GPI Spoleto, 8 maggio 2009 Ruolo diagnostico degli autoanticorpi anti- domini I e IV/V della β 2 GPI Nicola Bizzaro Laboratorio di Patologia Clinica Ospedale Civile Tolmezzo Tridimensional structure of human

Dettagli

Caso clinico. Consigli per i viaggiatori. Maurizio D Urso Presidente Provinciale SNAMID

Caso clinico. Consigli per i viaggiatori. Maurizio D Urso Presidente Provinciale SNAMID Caso clinico Consigli per i viaggiatori Maurizio D Urso Presidente Provinciale SNAMID Una delle cose belle della professione medica è la relazione che, si stabilisce con i pazienti: si diventa un po parte

Dettagli

La profilassi del TEV nel paziente oncologico nelle nuove Linee Guida ACCP

La profilassi del TEV nel paziente oncologico nelle nuove Linee Guida ACCP La profilassi del TEV nel paziente oncologico nelle nuove Linee Guida ACCP ANDREA FONTANELLA Presidente FADOI Campania Direttore Dipartimento per la Formazione Clinica e l Aggiornamento Fondazione FADOI

Dettagli

MEDICI- Dirigente Medico a rapporto esclusivo

MEDICI- Dirigente Medico a rapporto esclusivo MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome [COGNOME, Nome] ARENA ADRIANO Data di nascita 04/04/1973 Qualifica MEDICI- Dirigente Medico a rapporto esclusivo Amministrazione Azienda Ulss

Dettagli

Incidenza di TVP nei pazienti con neoplasia maligna e in trattamento antineoplastico.

Incidenza di TVP nei pazienti con neoplasia maligna e in trattamento antineoplastico. Tromboembolismo venoso e cancro: rischi e conseguenze. Studio sperimentale per la ricerca di nuovi biomarkers predittivi di TVP oncologico-correlata in età geriatrica. Il Tromboembolismo venoso è una complicanza

Dettagli

Livorno Trombosi and other

Livorno Trombosi and other II Edizione Livorno Trombosi and other PROGRAMMA SCIENTIFICO Accademia Navale di Livorno 6-7 GIUGNO 2014 PATROCINI RICHIESTI Non chi comincia ma quel che persevera... I GIORNATA VENERDÌ 6 GIUGNO 2014 08,20

Dettagli

Documento PTR n. 170 relativo a:

Documento PTR n. 170 relativo a: Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n. 170 relativo a: COMPLESSO PROTROMBINICO UMANO A 4 FATTORI E SCHEDA

Dettagli

Cristina Legnani, Nicola Ciavarella

Cristina Legnani, Nicola Ciavarella La trombofilia e i suoi percorsi diagnostici Cristina Legnani, Nicola Ciavarella Milano, 9 Giugno 2011 Quali alterazioni trombofiliche ricercare Quali test eseguire Quando eseguire i testt Quali soggetti

Dettagli

Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri

Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri Metodi immunologici ELISA classici ELISA modificati Agglutinazione su vetrino Turbidimetrici/nefelometri Su sangue in toto Fonti di variabilità tra metodi per il dosaggio

Dettagli

La gestione della trombosi venosa profonda in Medicina generale. Alessandro Filippi, Nicola Renzo Laurora. PACINIeditore

La gestione della trombosi venosa profonda in Medicina generale. Alessandro Filippi, Nicola Renzo Laurora. PACINIeditore IT.ENO.2008.05.06 cod. 60515743 SERIE EDITORIALE S OCIETÀ ITALIANA DI M EDICINA G ENERALE La gestione della trombosi venosa profonda in Medicina generale Alessandro Filippi, Nicola Renzo Laurora SOCIETÀ

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Inserire una fotografia (facoltativo, v. istruzioni) Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) BARBAR SOFIA Indirizzo(i) Via Goethe 26/B, 35124 Padova, Italia Telefono(i) +39

Dettagli

LE TROMBOSI VENOSE SUPERFICIALI: DIAGNOSI E TERAPIA. Dott. Cristian Benatti UO Chirurgia Vascolare, Ospedale San Gerardo, Monza

LE TROMBOSI VENOSE SUPERFICIALI: DIAGNOSI E TERAPIA. Dott. Cristian Benatti UO Chirurgia Vascolare, Ospedale San Gerardo, Monza LE TROMBOSI VENOSE SUPERFICIALI: DIAGNOSI E TERAPIA Dott. Cristian Benatti UO Chirurgia Vascolare, Ospedale San Gerardo, Monza CENNI DI ANATOMIA Il sistema venoso Superficiale Profondo Perforanti DEFINIZIONE

Dettagli

Pradaxa è un medicinale contenente il principio attivo dabigatran etexilato. È disponibile in capsule (75, 110 e 150 mg).

Pradaxa è un medicinale contenente il principio attivo dabigatran etexilato. È disponibile in capsule (75, 110 e 150 mg). EMA/47517/2015 EMEA/H/C/000829 Riassunto destinato al pubblico dabigatran etexilato Questo è il riassunto della relazione pubblica europea di valutazione (EPAR) per. Illustra il modo in cui il comitato

Dettagli

LA TERAPIA MEDICA NELL ENDOMETRIOSI: QUANDO E PERCHE

LA TERAPIA MEDICA NELL ENDOMETRIOSI: QUANDO E PERCHE LA TERAPIA MEDICA NELL ENDOMETRIOSI: QUANDO E PERCHE CARLO BERTULESSI SS Ginecologia Oncologica Clinica Ostetrica e Ginecologica M. Melloni Università di Milano Bergamo, 7 marzo 2014 TERAPIA MEDICA NELL

Dettagli

343 TROMBOEMBOLISMO VENOSO

343 TROMBOEMBOLISMO VENOSO TROMBOEMBOLISMO VENOSO 343 TROMBOEMBOLISMO VENOSO tromboembolismo venoso Il Tromboembolismo Venoso (TEV) rappresenta una delle principali cause di morbilità e mortalità ospedaliera, anche se la sua incidenza

Dettagli

Dr. Simone Burocchi. Proge8o Formazione Avanzata in Cardiologia nel Web 2014 Scuola di Specializzazione in Mala/e dell Apparato Cardiovascolare

Dr. Simone Burocchi. Proge8o Formazione Avanzata in Cardiologia nel Web 2014 Scuola di Specializzazione in Mala/e dell Apparato Cardiovascolare Scuola di Specializzazione in Mala/e dell Apparato Cardiovascolare Dire8ore Prof. Massimo Volpe Facoltà di Medicina e Psicologia, Università di Roma Sapienza Anno Accademico 2013-2014 Dr. Simone Burocchi

Dettagli

PROGRAMMA PRELIMINARE (versione 29/09/15)

PROGRAMMA PRELIMINARE (versione 29/09/15) PROGRAMMA PRELIMINARE (versione 29/09/15) Giovedì 21 gennaio Ora inizio Ora fine 10:15 13:00 SESSIONE DEDICATA ALLO START REGISTER (Aula Plenaria) (SESSIONE NON ACCREDITATA ECM ) Ingresso libero Moderano:

Dettagli

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio Dott. Tommaso Gristina UOS di Ematologia UOC di Patologia Clinica Direttore Dott.ssa S.

Dettagli

CONDIZIONI TROMBOFILICHE: COSA E E CAMBIATO

CONDIZIONI TROMBOFILICHE: COSA E E CAMBIATO CONDIZIONI TROMBOFILICHE: COSA E E CAMBIATO MARIO BAZZAN Referente SISET Piemonte e Valle d Aostad Unità di Ematologia e Malattie Trombotiche, Cellini Humanitas, Consulente CMID Osp. Giovanni Bosco, Consulente

Dettagli

Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo

Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo Dipartimento di Medicina Interna e Specialistica (DI.BI.MI.S.) Università degli Studi di Palermo Popolazione Italiana 1950-2020: Giovani ed Anziani

Dettagli

APPROFONDIMENTI SISET

APPROFONDIMENTI SISET Cod. 574827 Depositato presso AIFA in data 21/7/2009 La profilassi del tromboembolismo venoso in chirurgia ortopedica maggiore elettiva: il ruolo di dabigatran Walter Ageno*, Domenico Prisco** *Dipartimento

Dettagli

La sindrome da anticorpi antifosfolipidi e la gravidanza

La sindrome da anticorpi antifosfolipidi e la gravidanza Giorn. It. Ost. Gin. Vol. XXIX - n. 4 Aprile 2007 La sindrome da anticorpi antifosfolipidi e la gravidanza A. MILITELLO, M. ROMANO, R. GIORDANO, E. LO MAGNO, N.C. PLACENTI, C. NAPOLI RIASSUNTO: La sindrome

Dettagli

Metanalisi a rete o network metaanalysis, un nuovo strumento di analisi delle evidenze. Esempi di applicazione

Metanalisi a rete o network metaanalysis, un nuovo strumento di analisi delle evidenze. Esempi di applicazione 8 Valeria Fadda, Dario Maratea, Doriana Passaro, Sabrina Trippoli Laboratorio SIFO di Farmacoeconomia valeria.fadda@hotmail.it Metanalisi a rete o network metaanalysis, un nuovo strumento di analisi delle

Dettagli

Curriculum Formativo e Professionale Dr. Edward Vezza

Curriculum Formativo e Professionale Dr. Edward Vezza Curriculum Formativo e Professionale Dr. Edward Vezza DATI ANAGRAFICI Cognome: VEZZA Nome: EDWARD Localita e data di nascita: R.I. (U.S.A.), il 07/10/1962 Residenza e domicilio: Via Pigna Stufa Castello,

Dettagli

La malattia tromboembolica venosa Approccio multidisciplinare

La malattia tromboembolica venosa Approccio multidisciplinare 1 La malattia tromboembolica venosa Approccio multidisciplinare A cura di Pietro F. Tropeano Presentazione Prof. Antonio Girolami PUBBLICAZIONI MEDICO SCIENTIFICHE 2 La malattia tromboembolica venosa Approccio

Dettagli

Stratificazione del rischio delle sindromi coronariche acute

Stratificazione del rischio delle sindromi coronariche acute Stratificazione del rischio delle sindromi coronariche acute Filippo Ottani Unità di Ricerca Cardiovascolare, Fondazione Cardiologica Sacco, Forlì (G Ital Cardiol 2006; 7 (Suppl 2-12): 17S-21S) 2006 CEPI

Dettagli

Letteratura in pillole

Letteratura in pillole LETTERATURA IN PILLOLE/03 - DI AGOSTINO NOCERINO -" 21 GENNAIO 2010 Letteratura in pillole Embolia polmonare in età pediatrica Kuriakose J, Patel S. Acute pulmonary embolism. Radiol Clin North Am. 2010;

Dettagli

VI RISK MANAGEMENT SU TROMBOSI E COMPLICANZE EMORRAGICHE. BARI 11-12 aprile 2014 Villa Romanazzi Carducci. Convegno Nazionale

VI RISK MANAGEMENT SU TROMBOSI E COMPLICANZE EMORRAGICHE. BARI 11-12 aprile 2014 Villa Romanazzi Carducci. Convegno Nazionale T.T.T. Tavolo Tecnico sulla Trombosi HTA-ARES-PUGLIA Università degli Studi di Convegno Nazionale VI RISK MANAGEMENT SU TROMBOSI E COMPLICANZE EMORRAGICHE BARI 11-12 aprile 2014 Villa Romanazzi Carducci

Dettagli

LA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA

LA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA LA TERAPIA EL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2 Sinossi delle raccomandazioni 3 3. Pazienti con neoplasie solide e TEV (TVP, EP) 6 3.1 Eparine e

Dettagli

PRAVASTATINA: APPROVATA L INDICAZIONE ALL USO NELLA PREVENZIONE PRIMARIA SENZA MODIFICAZIONE DEL REGIME DI RIMBORSABILITÀ

PRAVASTATINA: APPROVATA L INDICAZIONE ALL USO NELLA PREVENZIONE PRIMARIA SENZA MODIFICAZIONE DEL REGIME DI RIMBORSABILITÀ PRAVASTATINA: APPROVATA L INDICAZIONE ALL USO NELLA PREVENZIONE PRIMARIA SENZA MODIFICAZIONE DEL REGIME DI RIMBORSABILITÀ La CUF ha approvato per la pravastatina (Aplactin, Prasterol, Pravaselect, Sanaprav,

Dettagli

ETG Renale è una Tecnica Diagnostica Accreditata presso la SIN

ETG Renale è una Tecnica Diagnostica Accreditata presso la SIN DIAGNOSI ECOGRAFICA NELLE NEFROPATIE VASCOLARI ETG Renale è una Tecnica Diagnostica Accreditata presso la SIN il GSER si occupa di mettere a punto dei criteri condivisi sulla metodologia di indagine, sulla

Dettagli

Linee guida per la gestione dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali che devono sottoporsi ad intervento chirurgico

Linee guida per la gestione dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali che devono sottoporsi ad intervento chirurgico Linee guida per la gestione dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali che devono sottoporsi ad intervento chirurgico PREMESSA La chirurgia dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali è un problema

Dettagli

SNLG. Regioni LINEA GUIDA. Linee guida per la profilassi del tromboembolismo venoso nei pazienti ospedalizzati. Consiglio Sanitario Regionale

SNLG. Regioni LINEA GUIDA. Linee guida per la profilassi del tromboembolismo venoso nei pazienti ospedalizzati. Consiglio Sanitario Regionale SNLG Regioni 20 Linee guida per la profilassi del tromboembolismo venoso nei pazienti ospedalizzati LINEA GUIDA Consiglio Sanitario Regionale Anno di pubblicazione: 2011 Anno di aggiornamento: 2015 La

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli