MINI SCHEDA HTA RIVAROXABAN (XARELTO ) INDICAZIONE TROMBOSI VENOSA PROFONDA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MINI SCHEDA HTA RIVAROXABAN (XARELTO ) INDICAZIONE TROMBOSI VENOSA PROFONDA"

Transcript

1 1/9 MINI SCHEDA HTA RIVAROXABAN (XARELTO ) INDICAZIONE TROMBOSI VENOSA PROFONDA Nome Commerciale XARELTO Principio Attivo Rivaroxaban Ditta Produttrice Bayer S.p.a. ATC B01AF01 Formulazione Compresse rivestite Dosaggio mg Categoria Terapeutica Indicazione oggetto di valutazione Classificazione ai fini della rimborsabilità Antitrombotici Inibitori diretti del fattore Xa Trattamento della trombosi venosa profonda (TVP) e prevenzione della TVP recidivante e dell embolia polmonare (EP) dopo TVP acuta nell adulto Classe di rimborsabilità A-PHT Ai fini delle prescrizioni a carico del SSN, i centri utilizzatori specificatamente individuati dalle regioni, dovranno compilare la scheda raccolta dati informatizzata di arruolamento che indica i pazienti eleggibili e la scheda di follow-up e applicare le condizioni negoziali secondo le indicazioni pubblicate sul sito dell'aifa. Medicinale soggetto a prescrizione medica (RR). Classificazione ai fini della fornitura Prezzo SSR* 1 cpr da mg: 1,87 Registro AIFA SI L eleggibilità del paziente prevede una diagnosi di prevenzione della TVP recidivante dopo TVP prossimale acuta nell'adulto o prevenzione dell'ep dopo TVP prossimale acuta nell'adulto. Inoltre il paziente deve aver ricevuto diagnosi confermata mediante esame ecodoppler arti inferiori nelle 48 ore precedenti o terapia con Eparina a basso peso molecolare o eparina non frazionata o fondaparinux. *Prezzo massimo di cessione ospedaliera incluse riduzioni temporanee, al lordo degli accordi negoziali (payment by result per i primi tre mesi di trattamento) e del pay-back. Prezzo al netto dell IVA 10%

2 2/9 Parere CTRF Rivaroxaban risulta avere un profilo di efficacia e sicurezza paragonabile alla terapia standard (EPBM + AVK). Nello studio EINSTEIN -DVT, condotto su pazienti con TVP acuta e sintomatica è stata dimostrata la non inferiorità di rivaroxaban verso terapia standard per l end-point primario (percentuale di eventi di tromboembolismo venoso sintomatico recidivante misurata al sesto mese) e secondario (beneficio clinico netto). L endpoint primario si è verificato nel 2,1% dei casi per rivaroxaban vs. 3,0% per enoxaparina + AVK. Inoltre lo studio EINSTEIN - Extension ha dimostrato che quando il trattamento viene continuato fino a 6 mesi, rivaroxaban è efficace nel prevenire recidive, rispetto al placebo con un rischio di sanguinamento accettabile. Studi e linee guida evidenziano che i pazienti in terapia standard con EPBM ed AVK sono fuori dal range terapeutico INR per circa il 40% della durata del trattamento ed esiste una forte associazione tra il tempo fuori range ed il rischio di sanguinamenti (anche maggiori) e di eventi tromboembolici. Il trattamento con rivaroxaban, anche alla luce di questo, rappresenta quindi una valida alternativa terapeutica. Tuttavia si evidenzia che rimane la problematica della mancanza di un antidoto e di un test standardizzato per il monitoraggio dell attività del farmaco. La terapia con rivaroxaban è più costosa se confrontata con la terapia standard EBPM + warfarin, con un costo per 7 mesi di terapia di circa 475, rispetto ai circa 162 per la terapia standard. La terapia con rivaroxaban diventa economicamente conveniente se viene, invece, confrontata con gli schemi con sola EBPM: se si considerano 4 mesi di terapia con sole EPBM il costo di terapia è di circa In conclusione Efficacia: sovrapponibile rispetto alla terapia standard (EPBM + AVK). Sicurezza: profilo sovrapponibile rispetto alla terapia standard (EPBM + AVK). Costo: molto superiore se confrontato alla terapia standard EBPM + warfarin, inferiore se confrontato con gli schemi con sola EBPM.

3 3/9 Meccanismo d azione e posologia Rivaroxaban è un inibitore diretto e altamente selettivo del fattore Xa, con biodisponibilità orale [1]. L inibizione del fattore Xa interrompe le vie intrinseca ed estrinseca della cascata della coagulazione e inibisce sia la formazione di trombina, sia lo sviluppo di trombi. Rivaroxaban non inibisce la trombina (fattore II attivato) e non è stato dimostrato alcun effetto sulle piastrine. La dose raccomandata per il trattamento iniziale della TVP acuta o dell EP è 15 mg due volte al giorno nelle prime tre settimane, seguita da una dose di 20 mg una volta al giorno per la prosecuzione del trattamento e la prevenzione delle recidive di TVP ed EP. La durata della terapia deve essere personalizzata dopo un attenta valutazione del beneficio del trattamento in rapporto al rischio emorragico. La durata breve della terapia (almeno 3 mesi) dev essere basata su fattori di rischio transitori (ad es. un intervento chirurgico recente, come pure un trauma od un immobilizzazione), mentre una durata più lunga dev essere basata su fattori di rischio permanenti o TVP idiopatica o EP. Efficacia Lo studio EINSTEIN-DVT [2] di non inferiorità è uno studio di fase III, multicentrico e randomizzato, in aperto, che ha comparato l efficacia e la sicurezza di rivaroxaban con la terapia standard, consistente in enoxaparina somministrata in associazione con antagonisti della vitamina K (AVK), in pazienti con TVP acuta e sintomatica. I pazienti hanno ricevuto 15 mg di rivaroxaban due volte al giorno nelle prime 3 settimane di trattamento. Successivamente sono stati somministrati 20 mg di rivaroxaban una volta al giorno, per la restante durata del trattamento. Lo studio EINSTEIN - Extension [2] è uno studio di superiorità di fase III, in doppio cieco, in cui i pazienti con confermata TVP sintomatica o embolia polmonare e che avevano ricevuto il trattamento con rivaroxaban o warfarin per almeno 6 mesi, sono stati randomizzati a ricevere rivaroxaban (20 mg al giorno) o placebo. Nello studio EINSTEIN-DVT [2], i pazienti sono stati trattati complessivamente per 3, 6 o 12 mesi, mentre nello studio EINSTEIN - Extension [2] i pazienti sono stati trattati per 6 o 12 mesi. La decisione circa la durata del trattamento è stata fatta dal ricercatore e si è basata sul profilo di rischio del paziente. In entrambi gli studi sono stati utilizzati gli stessi endpoint di efficacia primario e secondario. L endpoint di efficacia primario era la percentuale di eventi di tromboembolismo venoso sintomatico recidivante misurata al sesto mese, definito come l insieme di TVP recidivante e EP fatale o non fatale. L endpoint di efficacia secondario era la mortalità per qualsiasi causa, gli eventi vascolari e il beneficio clinico netto, definito come endpoint di efficacia primario più eventi emorragici maggiori. Lo studio evidenzia inoltre che, per i pazienti trattati con la terapia standard (AVK + EPBM), la percentuale media di tempo trascorso all interno del range terapeutico ( INR da 2.0 a 3.0) è stata del 57.7%.

4 4/9 Tabella 1. Dati di efficacia. Studio EINSTEIN- DVT [2] EINSTEIN- Extension [2] Trattamento sperimentale (numero pazienti) Rivaroxaban: 15 mg/bid per tre settimane 20 mg/die per: 3, 6 o 12 mesi. (1731) Rivaroxaban: 20 mg/die per: 6 o 12 mesi. (602) Comparator (numero pazienti) Enoxaparina (1 mg x kg/bid ) per almeno 5 giorni seguita da un antagonista della vitamina K per 3,6 o 12 mesi (1718) Placebo per 6 o 12 mesi (594) End-point End-point primario: % eventi di tromboembolismo venoso recidivante al 6 mese. End-point secondario : beneficio clinico netto al 6 mese (%) End-point primario: % eventi di tromboembolismo venoso recidivante al 6 mese. End-point secondario : beneficio clinico netto al 6 mese (%) Risultato Dimostrata la non inferiorità di rivaroxaban per l end-point primario e secondario (beneficio clinico netto). 2,1% per rivaroxaban vs. 3,0% per enoxaparina + AVK. HR: 0,68; IC 95%: 0,44 1,04; (p< 0,001). 2.9% per rivaroxaban vs 4.2 per enoxaparina + AVK. HR: 0,67; IC 95%: 0,47 0,95, (p = 0,03). Dimostrata la superiorità di rivaroxaban per l end-point primario e secondario (beneficio clinico netto). 1,3% per rivaroxaban vs. 7,1% per placebo; HR: 0,18; IC 95%: 0,09-0,39 (p<0,001). 2,0% per rivaroxaban vs. 7,1% per placebo; HR: 0,28; IC 95% 0,15-0,53 (p<0.001). Sicurezza Nello studio EINSTENT-DVT [2], l incidenza degli eventi avversi emergenti nel trattamento (escludendo sanguinamento e tromboembolismo venoso ricorrente) era comparabile tra i gruppi di trattamento ed era valutato da lieve a moderato. I più comuni eventi sono stati: nasofaringiti, mal di testa, epistassi e dolore alle estremità. Non sono state riportate differenze rilevanti tra i due trattamenti in termini di eventi avversi severi. Eventi vascolari si sono verificati nel 0,7% con rivaroxaban e nel 0,8% con il comparatore (p = 0.55). Nello studio EINSTENT-Extension [2], l incidenza degli eventi avversi emergenti nel trattamento (escludendo sanguinamento e tromboembolismo venoso ricorrente) era comparabile tra i gruppi di trattamento (complessivamente inferiore rispetto allo studio EINSTEIN-DVT). Nello studio EINSTEIN-Extension, l incidenza delle emorragie maggiori sopravvenute durante il trattamento è stata molto bassa: 0,7% nel gruppo con rivaroxaban verso 0% con placebo (p=0,1121).

5 5/9 L incidenza delle emorragie maggiori e di quelle non maggiori ma clinicamente significative è stata più elevata nel gruppo con rivaroxaban (6,0%) che nel gruppo con placebo (6,0% vs 1,2%; HR: 5,185, IC 95% 2,307-11,652). Analogamente, l'incidenza di emorragie non maggiori ma clinicamente rilevanti era maggiore nel gruppo rivaroxaban (5,4%) rispetto al gruppo con placebo (1,2%). Linee guida Le Linee Guida dell ACCP aggiornate al 2012 citano rivaroxaban tra le opzioni terapeutiche sia per il trattamento della fase acuta della TVP che per la prevenzione a lungo termine degli eventi trombotici recidivanti [3]. I criteri indicati per la scelta del trattamento sono l accettazione da parte del paziente delle iniezioni quotidiane con le eparine a basso peso molecolare, la possibilità per il paziente di sottoporsi al monitoraggio dei parametri della coagulazione per il trattamento con il warfarin e i costi del trattamento. In particolare, in pazienti con TVP senza cancro, viene raccomandata la terapia con AVK rispetto a quella con EBPM per la terapia a lungo termine (livello di raccomandazione 2C ). Per i pazienti che non sono trattabili con AVK viene raccomandata la terapia a lungo termine con EBPM rispetto a quella con dabigatran o rivaroxaban (livello di raccomandazione 2C). In pazienti con TVP e cancro, vengono raccomandate le EBPM rispetto alla terapia TAO (livello di raccomandazione 2B). Le linee guida evidenziano che il trattamento della TVP con dabigatran o rivaroxaban potrebbe rivelarsi essere associato a migliori risultati clinici della terapia con TAO e/o EBPM ma che tuttavia al momento della stesura di queste linee guida (ottobre 2011) non erano disponibili studi post-marketing di sicurezza. Pertanto, data la scarsità di dati attualmente disponibili ed il fatto che stanno rapidamente emergendo nuovi dati, viene data una raccomandazione debole a favore di AVK e EPMB rispetto a dabigatran e rivaroxaban, e non viene fatta alcuna raccomandazione a favore di uno dei nuovi agenti rispetto all'altro. Per quanto riguarda la durata della terapia della TVP le linee guida raccomandano: - per i pazienti con TVP associata ad un fattore di rischio reversibile una TAO breve (3-6 mesi), dato il minor rischio di recidiva cui sono sottoposti; - per i pazienti con TVP associata ad un fattore di rischio persistente (trombofilia ereditaria, malattia neoplastica) o idiopatica (compresa la sindrome APA/LAC primaria) possono giovarsi di TAO più prolungata (1 anno) o anche protratta a tempo indeterminato; tuttavia una tale decisione deve essere improntata dalla prudenza, considerando che non tutte le condizioni trombofiliche hanno la stessa penetranza clinica e che il rischio di emorragie maggiori è pari al 3% per anno e di emorragie cerebrali pari allo 0.5% per anno. Le linee guida sottolineano infine che negli studi si è osservata una forte relazione tra il tempo trascorso nel range terapeutico (TTR) e il rischio di sanguinamento o di eventi tromboembolici. Questo rischio aumenta durante il tempo in cui i pazienti hanno dei valori INR fuori range. Report di HTA Sia il NICE che l agenzia scozzese (SMC) raccomandano l utilizzo di rivaroxaban come opzione per il trattamento della TVP e della prevenzione della TVP recidivante e dell embolia polmonare dopo diagnosi di TVP acuta nell adulto [4,5].

6 6/9 HAS France [6] non ha attribuito a rivaroxaban, utilizzato per l indicazione in esame, alcun miglioramento del servizio medico (ASMR V)1. Nel report dell agenzia francese infatti viene evidenziato che il vantaggio teorico di rivaroxaban è che il trattamento anticoagulante può essere ottenuto utilizzando un singolo farmaco, senza la necessità di misurare INR o eseguire test per la conta piastrinica. Tuttavia, l utilizzo di un farmaco orale fin dall esordio potrebbe non essere un fattore positivo nella fase acuta della TVP. Inoltre, la mancanza di possibilità di un monitoraggio costante dell efficacia potrebbe complicare la gestione di alcuni pazienti, soprattutto quelli scarsamente complianti. Sarebbe quindi particolarmente utile una valutazione di rivaroxaban nella pratica corrente, al fine di ottenere una migliore stima dell'incidenza di sanguinamento e della sua gestione, tanto più per il fatto che ad oggi non è disponibile alcun antidoto. Costo dei trattamenti Il paragrafo analizza i costi sanitari diretti sostenuti e rimborsati dal Servizio Sanitario Regionale (SSR). Si sono stimati 3 diversi scenari. Nel primo scenario (Tabella 2) si è confrontato il rivaroxaban vs il trattamento eparina a basso peso molecolare (EBPM) + warfarin, ipotizzando una durata di trattamento pari a 7 mesi, come da studio clinico EINSTEIN-DVT [2], anche se le linee guida raccomandano durate diverse di trattamento (3-6 mesi per i pazienti con TVP associata ad un fattore di rischio reversibile, più prolungata per i pazienti con TVP associata ad un fattore di rischio persistente trombofilia ereditaria, malattia neoplastica o idiomatica). Per il costo di rivaroxaban si è ipotizzato che questo venga erogato attraverso la distribuzione diretta (DD) con un costo per compressa pari a 2,06 (IVA 10% inclusa), mentre per le EBPM il costo in DD di enoxaparina sodica (prezzo da Gara Regionale, incluso di IVA 10%), pari a 3,26 per una siringa da UI. Per determinare il costo medio/paziente del trattamento con warfarin sono stati utilizzati i dati dell Osservatorio ARNO Veneto (Ottobre 2011 Settembre 2012) relativi alla spesa farmaceutica convenzionata, stimando un costo medio/die di 0,04 per paziente. Al costo dello schema di terapia con warfarin si deve aggiungere anche il costo del monitoraggio INR stimato paria alla tariffa ambulatoriale attualmente vigente in Veneto (Codice Prestazione V) di 8,9 per singola seduta, includendo la visita, il prelievo venoso e l esame del PT-INR. Per i pazienti con questo schema di terapia si ipotizza una visita ogni 3 settimane per un totale di 10 esami, ed una spesa pari a 89 a paziente. 1 Il report HTA francese classifica il beneficio terapeutico apportato dal trattamento su una scala da I a V, dove I è considerato un beneficio significativo mentre V rappresenta l'assenza di miglioramento.

7 7/9 Tabella 2. Costo terapie a 7 mesi. Farmaco Rivaroxaban Schedula 1 cpr 15 mg BID per 3 sett. 1 cpr da 20 mg/die per le restanti sett. Costo die* Per le prime 3 sett = 4,11 Restanti = 2,06 Durata terapia Costo Farmaco* Costo Monitor Costo Totale* 7 mesi 475, ,73 EBPM + Warfarin EBPM: 1 iniezione da U.I. axa/0,8 ml BID per 10 giorni ** + Warfarin: 2,5 10 mg/die EBPM = 6,51 Warfarin = 0,04 # 7 mesi 73, ,23 (Rivaroxaban EBPM/Warfarin) + 402, ,50 * Costo incluso di IVA 10%;** Si ipotizza un peso medio di 70 kg paziente; Prezzo da Gara Regionale 2011 IVA 10% inclusa; # Costo medio convenzionata da dati Osservatorio ARNO Veneto. La Prestazione V (Controllo periodico per terapia anticoagulante orale) include: Cod visita a completamento della prima, Cod prelievo di sangue venoso, cod tempo di Protrombina (pt). Nel secondo e terzo scenario si è stimato il costo per quei pazienti che non sono trattati con warfarin, confrontando il rivaroxaban vs le sole EBPM. La strategia terapeutica che prevede il trattamento prolungato con EPBM (4 mesi) non trova riscontro dalle linee guida e si tratta di fatto di un regime off-label, che tuttavia risulterebbe essere praticato in quei pazienti che non possono assumere warfarin e che risultano ad alto rischio di ricaduta di TVP. Per lo schema con EBPM si è ipotizzata un erogazione: 1) Del primo mese in DD e dei restanti 3 in convenzionata nel secondo scenario (Tabella 3). 2) Dei primi 3 mesi in DD e in convenzionata dell ultimo mese nel terzo scenario (Tabella 4). Per entrambi gli scenari si è ipotizzato per rivaroxaban una durata di terapia di 7 mesi ed erogato mediante DD. Tabella 3. Costo Terapia: EBPM erogato in DD per un mese e in Convenzionata per tre mesi, rivaroxaban 7 mesi in DD. Farmaco Schedula Costo die* Durata terapia Costo Farmaco* 1 cpr 15 mg BID Prime 3 sett = Rivaroxaban per 3 sett. 4,11 1 cpr da 20 mg/die 7 mesi 475,73 per le restanti sett. Restanti = 2,06 1 iniezione da DD = 6,51 DD = 1 mese EBPM U.I. axa/0,8 ml BID 1.453,42 per 10 giorni ** Conv = 13,98# Conv = 3 mesi (Rivaroxaban EBPM) - 977,69 * Costo incluso di IVA 10%; ** Si ipotizza un peso medio di 70 kg paziente; Prezzo da Gara Regionale 2011 IVA 10% inclusa; # Per la convenzionata si è considerato uno sconto del 9% sul prezzo al pubblico al netto dell IVA. L n 289, art 52 c.6.

8 8/9 Tabella 4. Costo Terapia: EBPM erogato in DD per tre mesi e in Convenzionata per un mese, rivaroxaban 7 mesi in DD Farmaco Schedula Costo die* Durata terapia Costo Farmaco* 1 cpr 15 mg BID 3 sett = 4,11 per 3 sett. Rivaroxaban 7 mesi 475,73 1 cpr da 20 mg/die Restanti = 2,06 per le restanti sett. 1 iniezione da DD = 6,51 DD = 3 mese EBPM U.I. axa/0,8 ml BID 1.005,43 per 10 giorni ** Conv = 13,98# Conv = 1 mesi (Rivaroxaban EBPM) - 529,70 * Costo incluso di IVA 10%; ** Si ipotizza un peso medio di 70 kg paziente; Prezzo da Gara Regionale 2011 IVA 10% inclusa; # Per la convenzionata si è considerato uno sconto del 9% sul prezzo al pubblico al netto dell IVA. L n 289, art 52 c.6. La terapia con rivaroxaban è più costosa se confrontata con la terapia standard EBPM + warfarin, mentre diventa economicamente conveniente se confrontata con gli schemi con sola EBPM. Popolazione target Per l Italia è possibile stimare dei tassi di incidenza annuale per la TVP pari a casi su abitanti [7]. Applicandoli alla popolazione residente in Veneto nel 2012 pari a [8] è possibile quindi stimare un numero di pazienti compreso tra e Questo intervallo comprende la stima del numero dei pazienti che si avrebbe in Regione Veneto secondo i dati riportati nel documento di HAS [6], pari a circa pazienti. Impatto di budget I dati del Registro RIETE [9] riportano che su 896 pazienti italiani con TVP il 15% di essi sono inizialmente indirizzati al solo trattamento con sole EBPM e che questa quota aumenta fino al 33%. Come mostrato nello stesso studio si deve inoltre evidenziare che ad oggi in Europa queste percentuali di terapia sono tra loro molto diverse. Si ipotizza pertanto: 1) Una popolazione di eleggibili pari a ) Che lo schema con sole EBPM abbia una durata di 4 mesi. 3) Che le EBPM vengano erogate per un mese in DD e 3 mesi in convenzionata (rappresentando la convenzionata, in Veneto, più dell 80% dell erogazione di EBPM). 4) Che lo schema con EBPM + warfarin abbia una durata di 7 mesi. 5) Che rivaroxaban abbia una quota di penetrazione sul mercato del 20%. 6) Che rivaroxaban si sostituisca in maniera proporzionale alle due alternative terapeutiche. 7) Che il rivaroxaban abbia una durata di trattamento sempre di 7 mesi e che venga erogato in DD. A partire da queste ipotesi si è sviluppata un analisi che ha valutato l impatto del rivaroxaban considerando non solo i costi farmaceutici, ma anche quelli sanitari, dovendosi aggiungere per lo schema terapeutico con warfarin il costo del monitoraggio INR. Nell analisi si ipotizza che nello scenario base (Scenario 1), senza cioè rivaroxaban, i pazienti in trattamento con sole EBPM siano il 15% [9] ed i restanti con EBPM + warfarin (Tabella 5).

9 9/9 Tabella 5. Impatto di Spesa con Rivaroxaban con terapia EBPM 15% nello scenario base. Scenario 1: Rivaroxaban 0% Scenario 2: Rivaroxaban 20% Terapia Tot. Costo Tot Costo Tot. Costo Tot Costo Pz Pz Farmaco Sanitario Farmaco Sanitario EBPM + warf EBPM Riva Totale In questa analisi l introduzione di rivaroxaban, fronte di una spesa di 693 mila euro, comporta un incremento sulla spesa farmaceutica di 285 mila euro e di 174 mila euro sulla spesa sanitaria (Tabella 6). Tabella 6. Variazione di Spesa con rivaroxaban e con terapia EBPM 15% nello scenario base. Confronti Spesa Farmaceutica Spesa Sanitaria Scenario 2 vs Scenario Da evidenziare che rivaroxaban ha un diverso impatto sulla spesa in funzione delle terapie cui eventualmente si sostituisce: qualora rivaroxaban venga utilizzato prevalentemente nei pazienti che ad oggi sono in trattamento con solo EBPM, si potrebbero avere dei risparmi. Ipotizzando quindi di considerare esclusivamente i pazienti che ad oggi si presume vengono trattati con sole EBPM, pazienti per una spesa di quasi 1,6 milioni di euro (tabella 4), ed ipotizzando che rivaroxaban abbia in questo sottogruppo una percentuale di sostituzione del 50% (546 pazienti trattati con rivaroxaban e 546 con sole EBPM), si avrebbe una spesa nel nuovo scenario di 1,05 milioni di euro (di cui solo 260 mila euro per rivaroxaban) ed un risparmio di circa 534 mila euro. Bibliografia [1] Scheda tecnica [2] Bauersachs R, Berkowitz SD, Brenner B, Buller HR, Decousus H et al. Oral rivaroxaban for symptomatic venous thromboembolism. N England Journal of Medicine 2010; 363(26): [3] Ageno W. Et al; Chest 2012; 141(2)(Suppl):e44S e88s [4] Guidance TA261 [5] SMC (755/12) [6] Avis 14 marzo 2012 [7] Spadonaro F, Mancassi RL, Terranova L et al. Prevention of VTE in orthopedic surgery patients. Farmeconomia. Health Economics and Therapeutic Pathways 2013; 14(2s): [8] [9] Di Micco P, Bura-Riviere A, Poggio R et al. Clinical characteristics of italian patients with venous thromboembolism enrolled in the RIETE Registry. Italian Journal of Medicine 2011; 5:

RIVAROXABAN NEL TRATTAMENTO DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO E NELLA PREVENZIONE DELLE RECIDIVE

RIVAROXABAN NEL TRATTAMENTO DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO E NELLA PREVENZIONE DELLE RECIDIVE Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n.189 relativo a RIVAROXABAN NEL TRATTAMENTO DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO

Dettagli

Oltre alla fibrillazione atriale: SCA, embolia polmonare e HIT (argatroban) Federico Nardi SOC Cardiologia Ospedale Castelli

Oltre alla fibrillazione atriale: SCA, embolia polmonare e HIT (argatroban) Federico Nardi SOC Cardiologia Ospedale Castelli I NUOVI FARMACI ANTICOAGULANTI Oltre alla fibrillazione atriale: SCA, embolia polmonare e HIT (argatroban) Federico Nardi SOC Cardiologia Ospedale Castelli Verbania NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI FIBRILLAZIONE

Dettagli

Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti

Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti Nicoletta Riva Centro di Ricerca Malattie Tromboemboliche e Terapie Antitrombotiche Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale,

Dettagli

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio Dott. Tommaso Gristina UOS di Ematologia UOC di Patologia Clinica Direttore Dott.ssa S.

Dettagli

AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO DETERMINA 2 agosto 2013 Regime di rimborsabilita' e prezzo di vendita del medicinale per uso umano «Xarelto (rivaroxaban)», autorizzata con procedura centralizzata europea

Dettagli

Pradaxa è un medicinale contenente il principio attivo dabigatran etexilato. È disponibile in capsule (75, 110 e 150 mg).

Pradaxa è un medicinale contenente il principio attivo dabigatran etexilato. È disponibile in capsule (75, 110 e 150 mg). EMA/47517/2015 EMEA/H/C/000829 Riassunto destinato al pubblico dabigatran etexilato Questo è il riassunto della relazione pubblica europea di valutazione (EPAR) per. Illustra il modo in cui il comitato

Dettagli

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA Il tromboembolismo venoso colpisce tra le 5 e le 12 donne ogni 10,000 gravidanze Durante la gravidanza il rischio di sviluppare eventi trombotici è6 volte maggiore rispetto alla popolazione femminile in

Dettagli

Appunti di appropriatezza prescrittiva

Appunti di appropriatezza prescrittiva S.C. Farmaceutica Territoriale Appunti di appropriatezza prescrittiva Focus su: Nuovi Anticoagulanti Orali La fibrillazione atriale è la più comune causa di aritmia cardiaca cronica e predispone, i pazienti

Dettagli

I nuovi anticoagulanti orali nella fibrillazione atriale non valvolare: le linee guida per la prescrizione

I nuovi anticoagulanti orali nella fibrillazione atriale non valvolare: le linee guida per la prescrizione I nuovi anticoagulanti orali nella fibrillazione atriale non valvolare: le linee guida per la prescrizione Anna Maria Marata Area Valutazione del Farmaco ASSR Regione Emilia Romagna 9 Dicembre 2013 October

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI RIVAROXABAN ATC B01AX06 (Xarelto ) Presentata da Componente Commissione PTR In data Dicembre 2009 Per le seguenti motivazioni: Per la prevenzione del tromboembolismo

Dettagli

Pre e post intervento fino 3 gg 1.900 UI = 0.2 ml 2.850 UI = 0,3 ml 3.800 UI = 0,4 ml < 50 50-69

Pre e post intervento fino 3 gg 1.900 UI = 0.2 ml 2.850 UI = 0,3 ml 3.800 UI = 0,4 ml < 50 50-69 -ALLEGATO 1 Eparine a Basso Peso Molecolare: prodotti in distribuzione e prodotti sostituiti. PROFILASSI TVP IN CHIRURGIA: dosi equipotenti da scheda tecnica Dalteparina PRODOTTO FORNITO SOLO QUANDO NON

Dettagli

La prevenzione dell ictus nel paziente con fibrillazione atriale

La prevenzione dell ictus nel paziente con fibrillazione atriale http://www.aslromaa.it/auslrma/ farmaanotizie Periodico mensile di informazione della ASL ROMA A su argomenti di farmacoepidemiologia/farmacoeconomia/farmacovigilanza Marzo 2012 anno 3 n 3 La prevenzione

Dettagli

Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs. Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone

Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs. Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone LINEE DI INDIRIZZO SUL RUOLO DEI NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI (NAO)

Dettagli

T.E.V. E CHEMIOTERAPIA. Dott. Pietro Masullo

T.E.V. E CHEMIOTERAPIA. Dott. Pietro Masullo T.E.V. E CHEMIOTERAPIA Dott. Pietro Masullo I MECCANISMI SONO MOLTEPLICI, SPESSO PRESENTI CONTEMPORANEAMENTE E NON ANCORA DEL TUTTO CHIARI LA CHEMIOTERAPIA PU0 AUMENTARE IL RISCHIO TEV ATTRAVERSO

Dettagli

O GG E TTO : Individuazione Centri idonei alla prescrizione del medicinale Xarelto. LA GIUNTA REGIONALE

O GG E TTO : Individuazione Centri idonei alla prescrizione del medicinale Xarelto. LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : Individuazione Centri idonei alla prescrizione del medicinale Xarelto. N. 1210 IN 04/10/2013 VISTI: LA GIUNTA REGIONALE del REGISTRO ATTI DELLA GIUNTA la legge 24 dicembre 1993 n. 537 concernente

Dettagli

Nuovi Anticoagulanti orali (NACO) 12.12.2013 Hans Stricker

Nuovi Anticoagulanti orali (NACO) 12.12.2013 Hans Stricker Nuovi Anticoagulanti orali (NACO) 12.12.2013 Hans Stricker Problemi con ACO tipo AVK Vantaggi dei nuovi ACO Nuovi anticoagulanti orali Dabigatran (Pradaxa ) Rivaroxaban (Xarelto ) Apixaban (Eliquis ) Nuovi

Dettagli

La gestione della terapia anticoagulante orale.

La gestione della terapia anticoagulante orale. La gestione della terapia anticoagulante orale. Competenze Infermieristiche Coagulazione del sangue meccanismo fisiologico di protezione che ha il compito di limitare e arrestare l emorragia EMOSTASI Coagulazione

Dettagli

L educazione al paziente anticoagulato tra presente e futuro Patrizia Paladin

L educazione al paziente anticoagulato tra presente e futuro Patrizia Paladin L educazione al paziente anticoagulato tra presente e futuro Patrizia Paladin Attività Diurna Area Medica ULSS 9 - Treviso Mestre, 25 Ottobre 2013 Informare vs Educare INFORMARE processo passivo incentrato

Dettagli

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE. indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE. indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico Piera Maria Ferrini Medicina Interna ad indirizzo Angiologico e Coagulativo Centro Emostasi Parma 18/3/2014 AGENDA

Dettagli

MINI SCHEDA HTA AXITINIB (INLYTA )

MINI SCHEDA HTA AXITINIB (INLYTA ) 1/6 MINI SCHEDA HTA AXITINIB (INLYTA ) FARMACO IN ESAME Nome commerciale Inlyta Principio Attivo Axitinib Ditta Produttrice Pfizer Italia srl ATC L01XE17 Formulazione Compresse rivestite Dosaggio 1 mg

Dettagli

TVP: DIAGNOSI E TERAPIA. Dott. Valter Camesasca

TVP: DIAGNOSI E TERAPIA. Dott. Valter Camesasca TVP: DIAGNOSI E TERAPIA Dott. Valter Camesasca SOSPETTO di TVP EDEMA A RAPIDA INSORGENZA DOLORE IMPOTENZA FUNZIONALE Incidenza annua: 1-2 ogni 1000 abitanti DIAGNOSI TVP Score di Wells EcoColordoppler

Dettagli

Direttore Prof. Gian Luigi Scapoli

Direttore Prof. Gian Luigi Scapoli AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI FERRARA ARCISPEDALE S.ANNA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA SEZIONE DI EMATOLOGIA Centro per lo Studio dell Emostasi e della Trombosi Direttore Prof. Gian Luigi Scapoli

Dettagli

Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico

Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico Dr.ssa Elena Barban Dipartimento Medicina Interna VICENZA Farmaco anticoagulante ideale Somministrazione orale e buona biodisponibilità Azione rapida

Dettagli

Davide Imberti - Piacenza

Davide Imberti - Piacenza RIVAROXABAN E TERAPIA DEL TEV Davide Imberti - Piacenza ABSTRACT Gli anticoagulanti tradizionali, come l eparina a basso peso molecolare e gli antagonisti della vitamina K, sono stati il caposaldo del

Dettagli

MINI SCHEDA HTA FIDAXOMICINA (DIFICLIR )

MINI SCHEDA HTA FIDAXOMICINA (DIFICLIR ) 1/10 MINI SCHEDA HTA FIDAXOMICINA (DIFICLIR ) Nome Commerciale DIFICLIR Principio Attivo Fidaxomicina Ditta Produttrice Astellas Pharma SpA ATC A07AA12 Formulazione Compresse rivestite Dosaggio 200 mg

Dettagli

Risk Management del paziente a rischio tromboembolico

Risk Management del paziente a rischio tromboembolico Risk Management del paziente a rischio tromboembolico Dr. Luciano DI Mauro ANGIOLOGIA A.S.P. 3 Catania Corso di formazione ECM Prevenzione del tromboembolismo venoso e utilizzo della relativa scheda di

Dettagli

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Indicazione terapeutica Classificazione: Spesa per paziente trattato (euro, posologia/durata)

Dettagli

LE TROMBOSI VENOSE SUPERFICIALI: DIAGNOSI E TERAPIA. Dott. Cristian Benatti UO Chirurgia Vascolare, Ospedale San Gerardo, Monza

LE TROMBOSI VENOSE SUPERFICIALI: DIAGNOSI E TERAPIA. Dott. Cristian Benatti UO Chirurgia Vascolare, Ospedale San Gerardo, Monza LE TROMBOSI VENOSE SUPERFICIALI: DIAGNOSI E TERAPIA Dott. Cristian Benatti UO Chirurgia Vascolare, Ospedale San Gerardo, Monza CENNI DI ANATOMIA Il sistema venoso Superficiale Profondo Perforanti DEFINIZIONE

Dettagli

MINI SCHEDA HTA EVEROLIMUS (AFINITOR ) INDICAZIONE CARCINOMA MAMMARIO

MINI SCHEDA HTA EVEROLIMUS (AFINITOR ) INDICAZIONE CARCINOMA MAMMARIO 1/7 MINI SCHEDA HTA EVEROLIMUS (AFINITOR ) INDICAZIONE CARCINOMA MAMMARIO Nome Commerciale AFINITOR Principio Attivo everolimus Ditta Produttrice Novartis Farma spa ATC L01XE10 Formulazione Compresse Dosaggio

Dettagli

L USO DEGLI ANTIPSICOTICI

L USO DEGLI ANTIPSICOTICI L USO DEGLI ANTIPSICOTICI NELLA REGIONE VENETO Valentina Fantelli Settore Farmaceutico Regionale Mestre - Venezia, 22 ottobre 2014 Area Sanità e Sociale Sezione Attuazione Programmazione Sanitaria Governance

Dettagli

MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI )

MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI ) 1/7 MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI ) Nome Commerciale XALKORI Principio Attivo Crizotinib Ditta Produttrice Pfizer Italia Srl ATC L01XE16 Formulazione Capsule rigide Dosaggio 200 mg 250 mg Altri antineoplastici

Dettagli

LE 5 CATEGORIE DI FARMACI PIÙ PRESCRITTE NEL 2012

LE 5 CATEGORIE DI FARMACI PIÙ PRESCRITTE NEL 2012 LE 5 CATEGORIE DI FARMACI PIÙ PRESCRITTE NEL 2012 I farmaci per il sistema cardiovascolare al primo posto per consumo e spesa pubblica, le statine rimangono la categoria a maggior spesa, mentre gli ACE-inibitori

Dettagli

La gestione del paziente in Terapia con NOAC: la realtà organizzativa dell ASL4 Chiavarese.

La gestione del paziente in Terapia con NOAC: la realtà organizzativa dell ASL4 Chiavarese. La gestione del paziente in Terapia con NOAC: la realtà organizzativa dell ASL4 Chiavarese. Dr. Gianluigi Devoto Direttore Laboratorio Analisi ASL 4 Chiavarese Introduzione Con l introduzione nella pratica

Dettagli

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROCEDURE CHIRURGICHE

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROCEDURE CHIRURGICHE Pag 1 di 11 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. PERSONALE INTERESSATO... 3 3. PAROLE CHIAVE... 3 4. PROCEDURA OPERATIVA... 3 4.1 PREMESSA... 3 4.2 PROFILASSI MECCANICA... 4 4.2.1 Controindicazioni

Dettagli

Dr. Simone Burocchi. Proge8o Formazione Avanzata in Cardiologia nel Web 2014 Scuola di Specializzazione in Mala/e dell Apparato Cardiovascolare

Dr. Simone Burocchi. Proge8o Formazione Avanzata in Cardiologia nel Web 2014 Scuola di Specializzazione in Mala/e dell Apparato Cardiovascolare Scuola di Specializzazione in Mala/e dell Apparato Cardiovascolare Dire8ore Prof. Massimo Volpe Facoltà di Medicina e Psicologia, Università di Roma Sapienza Anno Accademico 2013-2014 Dr. Simone Burocchi

Dettagli

SCHEDA FARMACO ELIQUIS 2,5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM CONFEZIONE DA 10, 20 E 60 CPR

SCHEDA FARMACO ELIQUIS 2,5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM CONFEZIONE DA 10, 20 E 60 CPR Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Apixaban (Eliquis) SCHEDA FARMACO ELIQUIS 2,5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM CONFEZIONE

Dettagli

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Meeting scientifico Giovanni Introcaso Servizio di Medicina di laboratorio Centro

Dettagli

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio Anno 2005 Regione Lazio Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera

Dettagli

Documento ANMCO su prevenzione del. anticoagulanti orali

Documento ANMCO su prevenzione del. anticoagulanti orali Documento ANMCO su prevenzione del tromboembolismo nella FA e ruolo dei nuovi anticoagulanti orali Paolo Colonna, MD FESC FANMCO Cardiology Hospital, Policlinico of Bari 1. Fisiopatologia del tromboembolismo

Dettagli

Trombofilia, trombosi venose superficiali e trombosi venose profonde

Trombofilia, trombosi venose superficiali e trombosi venose profonde Fiumicino, 19 dicembre 2015 Parte terza Trombofilia, trombosi venose superficiali e trombosi venose profonde www.cos.it/mediter Trombosi venosa profonda Ricerca Dynamed: Deep vein Thrombosis (DVT) Tipi

Dettagli

L ESPERIENZA DELLA DISTRIBUZIONE DIRETTA NELL ASL2 SAVONESE

L ESPERIENZA DELLA DISTRIBUZIONE DIRETTA NELL ASL2 SAVONESE Genova, 24 maggio 2013 L ESPERIENZA DELLA DISTRIBUZIONE DIRETTA NELL ASL2 SAVONESE Dott.ssa Simona Genta FATTORI CHE INFLUISCONO SULLA SPESA FARMACEUTICA ANALISI DEI CONSUMI FATTORI CHE RIDUCONO LA SPESA

Dettagli

PREVENZIONE POLMONITE

PREVENZIONE POLMONITE fiammaz o l m o n a r e struzione br avità pleuri Streptococcus p n e u m o n i a Infezione Mal Respiratorio PREVENZIONE POLMONITE Vaccino Pneumococcico Polisaccaridico Coniugato, (13Valente Adsorbito)

Dettagli

Protocollo regionale per la prevenzione del tromboembolismo venoso in ortopedia e traumatologia

Protocollo regionale per la prevenzione del tromboembolismo venoso in ortopedia e traumatologia Protocollo regionale per la prevenzione del tromboembolismo venoso in ortopedia e traumatologia Protocollo regionale per la prevenzione del tromboembolismo venoso in ortopedia e traumatologia Il testo

Dettagli

Una nuova strategia terapeutica per il trattamento del tromboembolismo venoso: lo studio EINSTEIN. Picchi C., Barone M., Beltrametti C., Piovella F.

Una nuova strategia terapeutica per il trattamento del tromboembolismo venoso: lo studio EINSTEIN. Picchi C., Barone M., Beltrametti C., Piovella F. Boll Soc Med Chir Pavia 2009; 122: 85-98 Comunicazione all adunanza del 19 febbraio 2009 Una nuova strategia terapeutica per il trattamento del tromboembolismo venoso: lo studio EINSTEIN Picchi C., Barone

Dettagli

Arriva edoxaban il nuovo anticoagulante Daiichi Sankyo

Arriva edoxaban il nuovo anticoagulante Daiichi Sankyo Arriva edoxaban il nuovo anticoagulante Daiichi Sankyo Contro fibrillazione atriale, ictus e Tromboembolismo venoso (TEV), in Italia arriva edoxaban, il nuovo anticoagulante orale Il 52 % dei pazienti

Dettagli

La pratica clinica extraospedaliera

La pratica clinica extraospedaliera La pratica clinica extraospedaliera Focus sui problemi aperti nella gestione territoriale del rischio TEV 1. Pazienti medici 2. Pazienti oncologici medici 3. Quale durata della profilassi nei pazienti

Dettagli

MINI SCHEDA HTA BEVACIZUMAB (AVASTIN ) INDICAZIONE CARCINOMA OVARICO

MINI SCHEDA HTA BEVACIZUMAB (AVASTIN ) INDICAZIONE CARCINOMA OVARICO 1/7 MINI SCHEDA HTA BEVACIZUMAB (AVASTIN ) INDICAZIONE CARCINOMA OVARICO Nome Commerciale Avastin Principio Attivo Bevacizumab Ditta Produttrice Roche ATC L01XC07 Formulazione Concentrato per soluzione

Dettagli

Regione Campania ASL Caserta. Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta. Direzione Generale

Regione Campania ASL Caserta. Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta. Direzione Generale Regione Campania ASL Caserta Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta Direzione Generale Servizio Controllo di Gestione e Sistema Informativo ASL Caserta Dir Prevenzione Corruzione e Trasparenza (Dir.Dr. Michele

Dettagli

Nuovi anticoagulanti a confronto: i risultati dei trials clinici

Nuovi anticoagulanti a confronto: i risultati dei trials clinici Nuovi anticoagulanti a confronto: i risultati dei trials clinici Walter Ageno Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Università dell Insubria Varese ACCP 2012 Treatment of VTE 2012 Real-life treatment

Dettagli

LA GESTIONE DELLA TERAPIA ANTITROMBOTICA

LA GESTIONE DELLA TERAPIA ANTITROMBOTICA LA GESTIONE DELLA TERAPIA ANTITROMBOTICA Il software per la gestione della terapia antitrombotica L utilizzo di nuove terapie farmacologiche come i DOA (Direct Oral Anticoagulant) e i farmaci antiaggreganti

Dettagli

CURRICULUM VITAE di. Davide IMBERTI. Indirizzo di casa Via Beverora 18/b 29121 Piacenza, Italy

CURRICULUM VITAE di. Davide IMBERTI. Indirizzo di casa Via Beverora 18/b 29121 Piacenza, Italy CURRICULUM VITAE di Davide IMBERTI Indirizzo di casa Via Beverora 18/b 29121 Piacenza, Italy Indirizzo lavorativo Posizione attuale Dipartimento di Medicina Interna Azienda Ospedaliera Piacenza Via Taverna

Dettagli

Assumo la TAO: cosa devo sapere?

Assumo la TAO: cosa devo sapere? Assumo la TAO: cosa devo sapere? Milano, 15 novembre 2014 Maddalena Loredana Zighetti Servizio Trasfusionale Azienda Ospedaliera San Paolo Polo Universitario Trombosi Problema importante, complesso e diffusissimo

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CARLO POMA Dipartimento di Medicina di Laboratorio Struttura complessa di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale Primario: Dott. Massimo Franchini Il Centro TAO di Mantova

Dettagli

Quali strategie per un utilizzo razionale dei farmaci oncologici innovativi? L esperienza della Regione Veneto

Quali strategie per un utilizzo razionale dei farmaci oncologici innovativi? L esperienza della Regione Veneto FARMACI ONCOLOGICI INNOVATIVI: SCENARIO ATTUALE E LORO VALUTAZIONE Quali strategie per un utilizzo razionale dei farmaci oncologici innovativi? L esperienza della Regione Veneto Roberto Leone Dipartimento

Dettagli

Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale

Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale pag. 1 Confronto tra CEA e BIA La CEA stima i costi e l efficacia incrementali

Dettagli

Focus su epatite C e terapie di nuova generazione Place in Therapy: documento ARS

Focus su epatite C e terapie di nuova generazione Place in Therapy: documento ARS Focus su epatite C e terapie di nuova generazione Place in Therapy: documento ARS Genova, 9 aprile 2014 Dott.ssa M.S. Rivetti Normativa Determinazioni AIFA 26.11.2012 (G.U. n. 287 del 10.12.2012) Regime

Dettagli

Statement. Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato

Statement. Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato Il British Medical Journal pubblica un articolo non equilibrato riguardante dabigatran Ingelheim, Germany, 23 luglio

Dettagli

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE OSPEDALE A. AJELLO DI MAZARA DEL VALLO SERVIZIO DI PATOLOGIA CLINICA F.C.S.A. N 72 LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE MANUALE PER IL PAZIENTE A cura di Dr. Rosa Rubino Dr. Carla Lombardo P.O. Mazara del Vallo

Dettagli

Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali

Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali 2/5 La Conferenza Stato Regioni il 25 marzo scorso ha approvato la proposta per la realizzazione degli

Dettagli

Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) Claudio Jommi @ Università del Piemonte Orientale, Economia e Regolazione del Farmaco pag.

Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) Claudio Jommi @ Università del Piemonte Orientale, Economia e Regolazione del Farmaco pag. Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) pag. 1 Confronto tra CEA e BIA La CEA stima i costi e l efficacia incrementali lifetime di una nuova terapia, rispetto ai trattamenti attualmente

Dettagli

Sofosbuvir: Up to date in regione Veneto

Sofosbuvir: Up to date in regione Veneto Sofosbuvir: Up to date in regione Veneto Il caso Sofosbuvir è considerato il paradigma attuale e futuro di riferimento su cui basare la politica nazionale del farmaco per i farmaci ad alto costo. AIFA

Dettagli

Documento PTR n. 170 relativo a:

Documento PTR n. 170 relativo a: Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n. 170 relativo a: COMPLESSO PROTROMBINICO UMANO A 4 FATTORI E SCHEDA

Dettagli

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix Dirigente Medicina Interna Specialista in Reumatologia Viale Luigi Einaudi 6 93016 Riesi (Cl) Tel. 0934/922009 Cell. 331/2515580. - www.reumatologiadebilio.de LA SINDROME DA ANTICORPI ANTIFOSFOLIPIDI La

Dettagli

Commissione per il Buon Uso del Farmaco INDICAZIONI ALL USO APPROPRIATO DELLE EPARINE A BASSO PESO MOLECOLARE (EBPM)

Commissione per il Buon Uso del Farmaco INDICAZIONI ALL USO APPROPRIATO DELLE EPARINE A BASSO PESO MOLECOLARE (EBPM) Commissione per il Buon Uso del Farmaco INDICAZIONI ALL USO APPROPRIATO DELLE EPARINE A BASSO PESO MOLECOLARE (EBPM) Le EBPM e il Fondaparinux sono stati approvati inizialmente per la prevenzione del

Dettagli

Nuovi Anticoagulanti Orali

Nuovi Anticoagulanti Orali Nuovi Anticoagulanti Orali DABIGATRAN RIVAROXABAN APIXABAN (PRADAXA) (XARELTO) (EQUILIS) Meccanismo d azione Inibitore diretto Inibitore diretto Inibitore diretto F II (trombina) F Xa F Xa Via di somministrazione

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Farmacia

Corso di Laurea Magistrale in Farmacia Universita degli Studi di Milano Corso di Laurea Magistrale in Farmacia Aspetti di economia e marketing dei medicinali e medicinali generici - Modulo: Medicinali generici Prof. Andrea Gazzaniga Il Mercato

Dettagli

Attuale Gestione della Terapia Anticoagulante

Attuale Gestione della Terapia Anticoagulante Attuale Gestione della Terapia Anticoagulante Furio Colivicchi Dipartimento Cardiovascolare ACO S.Filippo Neri Roma Dicumarolici e Prevenzione dello Stroke nella FA non valvolare Per oltre 60 anni gli

Dettagli

La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante

La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante Con particolare riferimento all impianto di CIEDs Guido Rossetti S.C. Cardiologia A.S.O. S.Croce e Carle - Cuneo CHEST 2012 Raccomandazioni

Dettagli

Governo del Farmaco. Azienda Ospedaliera di Verona

Governo del Farmaco. Azienda Ospedaliera di Verona Governo del Farmaco Elementi organizzativi e tecnologie: Esperienze a confronto Venezia 23 Febbraio 2009 Giovanna Scroccaro Azienda Ospedaliera di Verona Governo del Farmaco Elementi organizzativi e tecnologie:

Dettagli

ANALISI DI ALCUNI INDICATORI DI FOLLOW-UP NEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE ANNO 2009

ANALISI DI ALCUNI INDICATORI DI FOLLOW-UP NEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE ANNO 2009 ANALISI DI ALCUNI INDICATORI DI FOLLOW-UP NEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE ANNO 2009 A cura di: Dr.ssa M. Gambino, Dr.ssa Ass. San. L. Balconi, Dr. S. Pisani U. O. S. Sorveglianza

Dettagli

I FORUM PARLAMENTARE HCV EPATITE C: CURARE TUTTI I PAZIENTI IN MODO SOSTENIBILE È POSSIBILE SUMMARY*

I FORUM PARLAMENTARE HCV EPATITE C: CURARE TUTTI I PAZIENTI IN MODO SOSTENIBILE È POSSIBILE SUMMARY* I FORUM PARLAMENTARE HCV EPATITE C: CURARE TUTTI I PAZIENTI IN MODO SOSTENIBILE È POSSIBILE SUMMARY* QUANTIFICAZIONE DEI PAZIENTI CON EPATITE C ELEGGIBILI A UN TRATTAMENTO ANTIVIRALE CON I FARMACI INNOVATIVI

Dettagli

COME GESTIRE L INTERRUZIONE DEL TRATTAMENTO ANTICOAGULANTE IN VISTA DI MANOVRE INVASIVE E INTERVENTI DI CHIRURGIA MAGGIORE

COME GESTIRE L INTERRUZIONE DEL TRATTAMENTO ANTICOAGULANTE IN VISTA DI MANOVRE INVASIVE E INTERVENTI DI CHIRURGIA MAGGIORE COME GESTIRE L INTERRUZIONE DEL TRATTAMENTO ANTICOAGULANTE IN VISTA DI MANOVRE INVASIVE E INTERVENTI DI CHIRURGIA MAGGIORE SOPHIE TESTA Centro Emostasi E Trombosi Laboratorio Analisi Chimico-Cliniche E

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA SINTETICA OBIETTIVI ECONOMICI DGRV N. 2525/2014

RELAZIONE ILLUSTRATIVA SINTETICA OBIETTIVI ECONOMICI DGRV N. 2525/2014 ALLEGATO N. 2 RELAZIONE ILLUSTRATIVA SINTETICA OBIETTIVI ECONOMICI DGRV N. 2525/2014 PREVENTIVO 2015 Azienda sanitaria: AULSS 21 - Legnago AZIENDA ULSS 21 49 10/04/2015 OBIETTIVI D.1 DGR 2525 DEL 23/12/2014

Dettagli

Trasmessa via e-mai! Direzioni Generali Aziende Sanitarie e Ospedaliere del SSR. Ep.c.

Trasmessa via e-mai! Direzioni Generali Aziende Sanitarie e Ospedaliere del SSR. Ep.c. REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Settore n. 3 '51reaLEA" Servizio n. 8 ((Politica del Farmaco" Catanzaro Prot. n. 21 /'.1.0 / ~c>-1h 3> ~..-10 ~S _ Trasmessa via

Dettagli

IL REGISTRO ONCOLOGICO COME STRUMENTO DI IMPLEMENTAZIONE DELLE DECISIONI: QUALE RUOLO NELL HTA

IL REGISTRO ONCOLOGICO COME STRUMENTO DI IMPLEMENTAZIONE DELLE DECISIONI: QUALE RUOLO NELL HTA IL REGISTRO ONCOLOGICO COME STRUMENTO DI IMPLEMENTAZIONE DELLE DECISIONI: QUALE RUOLO NELL HTA Francesca Caprari Direttore Affari Istituzionali e Relazioni Esterne Celgene srl L inizio Il Registro AIFA

Dettagli

FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM. Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza

FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM. Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza FARMACOVIGILANZA FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza Le modifiche agli stampati sono conseguenti alla Determinazione

Dettagli

MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER

MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER LA SITUAZIONE ATTUALE IN ITALIA La formazione specialistica nell ambito delle malattie emorragiche e tromboemboliche

Dettagli

Gestione infermieristica dei pazienti trattati con i nuovi antiaggreganti e anticoagulanti

Gestione infermieristica dei pazienti trattati con i nuovi antiaggreganti e anticoagulanti Gestione infermieristica dei pazienti trattati con i nuovi antiaggreganti e anticoagulanti Cinzia Delpiano S.C. Cardiologia Savigliano - ASL CN 1 L INFERMIERE: CHI E E DI COSA SI OCCUPA ALL INFERMIERE

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Roberto Ravasio. Health Publishing & Services - Milano. Aspetti farmaco economici e clinici dei tumori benigni femminili: il caso del Fibroma Uterino

Roberto Ravasio. Health Publishing & Services - Milano. Aspetti farmaco economici e clinici dei tumori benigni femminili: il caso del Fibroma Uterino 2 Roberto Ravasio Health Publishing & Services - Milano Aspetti farmaco economici e clinici dei tumori benigni femminili: il caso del Fibroma Uterino 1 Il Fibroma Uterino 3 Il Fibroma Uterino (FU) può

Dettagli

Gestione della terapia orale, diario delle terapie e coinvolgimento del paziente. (Racc. RER n.3: sez.4.7 4.9)

Gestione della terapia orale, diario delle terapie e coinvolgimento del paziente. (Racc. RER n.3: sez.4.7 4.9) Giunta Regionale Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Servizio Politica del Farmaco Agenzia sanitaria e sociale regionale Raccomandazione Regionale per la sicurezza nella terapia farmacologica

Dettagli

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come?

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? R. Albisinni UOC Medicina Infettivologica e dei Trapianti Ospedale Monaldi Seconda Università di Napoli Introduzione La terapia anticoagulante

Dettagli

CUORE, RENI E TROMBOSI: UN RAPPORTO A TRE La svolta dei nuovi anticoagulanti orali

CUORE, RENI E TROMBOSI: UN RAPPORTO A TRE La svolta dei nuovi anticoagulanti orali CUORE, RENI E TROMBOSI: UN RAPPORTO A TRE La svolta dei nuovi anticoagulanti orali H. Matisse - La danza BARI, 6 MARZO 2015 Sala Convegni Ospedale San Paolo Razionale Scientifico Numerosi farmaci utilizzati

Dettagli

Riflessioni sulle Statine Verso la personalizzazione della terapia?

Riflessioni sulle Statine Verso la personalizzazione della terapia? Dialoghi in Farmacologia Medica Brescia, 13 Novembre 2007 Riflessioni sulle Statine Verso la personalizzazione della terapia? Dr.ssa Annamaria Indelicato Direttore Sanitario ASL di BRESCIA Euro Andamento

Dettagli

Studio SVATCH: L'autocontrollo della pressione arteriosa migliora la terapia antipertensiva?

Studio SVATCH: L'autocontrollo della pressione arteriosa migliora la terapia antipertensiva? Prof. Dr. med. Claudio Marone eoc Ospedale San Giovanni, Schweiz Studio SVATCH: L'autocontrollo della pressione arteriosa migliora la terapia antipertensiva? Keywords: ipertensione, automisurazione della

Dettagli

Uso dei nuovi farmaci anticoagulanti orali nel trattamento domiciliare della Fibrillazione Atriale

Uso dei nuovi farmaci anticoagulanti orali nel trattamento domiciliare della Fibrillazione Atriale 2º Conferenza nazionale sulle cure domiciliari Uso dei nuovi farmaci anticoagulanti orali nel trattamento domiciliare della Fibrillazione Atriale Relatore: Dott.ssa Luana Azara Scuola di Specializzazione

Dettagli

APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA

APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA L 80% degli eventi cardiovascolari che insorgono prima dei 75 anni è prevenibile Nel 2011 diminuisce del -3,1% l aderenza alle terapie per l ipertensione: i liguri i meno assidui;

Dettagli

Premessa. Tratto da American Heart Journal 2004; 147: 705-712

Premessa. Tratto da American Heart Journal 2004; 147: 705-712 Effetti del cambiamento di terapia con statine sul raggiungimento delle concentrazioni lipidiche ottimali: lo studio Measuring Effective Reductions in Cholesterol Using Rosuvastatin Therapy (MERCURY I)

Dettagli

DETERMINAZIONE. recepimento del protocollo "Linee di indirizzo per la prescrizione degli Inibitori di Pompa Protonica (IPP)". Estensore DENARO RITA

DETERMINAZIONE. recepimento del protocollo Linee di indirizzo per la prescrizione degli Inibitori di Pompa Protonica (IPP). Estensore DENARO RITA REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA POLITICA DEL FARMACO DETERMINAZIONE N. G07095 del 10/06/2015 Proposta n. 8974 del 08/06/2015 Oggetto: recepimento del protocollo

Dettagli

Il Direttore della Direzione Regionale Programmazione Sanitaria -Risorse Umane e Sanitarie

Il Direttore della Direzione Regionale Programmazione Sanitaria -Risorse Umane e Sanitarie Oggetto: Aggiornamento della determinazione 1875 del Modalità di erogazione dei farmaci classificati in regime di rimborsabilità in fascia H e in regime di fornitura OSP2, così come modificata dalla determinazione

Dettagli

Caso clinico. Consigli per i viaggiatori. Maurizio D Urso Presidente Provinciale SNAMID

Caso clinico. Consigli per i viaggiatori. Maurizio D Urso Presidente Provinciale SNAMID Caso clinico Consigli per i viaggiatori Maurizio D Urso Presidente Provinciale SNAMID Una delle cose belle della professione medica è la relazione che, si stabilisce con i pazienti: si diventa un po parte

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE

RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE INTRODUZIONE Questo documento nasce dall esigenza di dotare i Colleghi Medici Ospedalieri, e in una fase successiva anche quelli del Territorio,

Dettagli

PROTOCOLLO REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA

PROTOCOLLO REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA PROTOCOLLO REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA 1 PROTOCOLLO REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA A cura

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 221 del 17-4-2015 O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 221 del 17-4-2015 O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 221 del 17-4-2015 O G G E T T O Fornitura per il 2015 dei farmaci esclusivi "Sovaldi" e "Olysio" per il trattamento

Dettagli

Manovre Invasive e Complicanze Emorragiche con i NAO

Manovre Invasive e Complicanze Emorragiche con i NAO Varese 19 Dicembre Manovre Invasive e Complicanze Emorragiche con i NAO Francesco Dentali, Dipartimento di Medicina Clinica Università dell Insubria Varese Manovre Invasive/Interventi Chirurgici Manovre

Dettagli

Rischio Emorragico. farma memo. scritto è meglio! International Normalized Ratio. Rischio Trombotico

Rischio Emorragico. farma memo. scritto è meglio! International Normalized Ratio. Rischio Trombotico Rischio Emorragico 6 5 4 3 2 1 International Normalized Ratio farma memo scritto è meglio! Rischio Trombotico Campagne regionali per la sicurezza del paziente: La prevenzione degli errori di terapia Un

Dettagli

L uomo che soffre di EP spesso prova scarsa autostima, disagio, frustrazione, addirittura puo' soffrire anche di ansia e 2, 4, 6

L uomo che soffre di EP spesso prova scarsa autostima, disagio, frustrazione, addirittura puo' soffrire anche di ansia e 2, 4, 6 2f5hy Per problemi di visualizzazione clicchi qui 2f5hx L eiaculazione precoce (EP) e' una condizione medica frequente, in particolare e' la disfunzione sessuale piu' comune e in Italia ne soffre un uomo

Dettagli

Trials clinici. Disegni di studio

Trials clinici. Disegni di studio Trials Clinici Dott.ssa Pamela Di Giovanni Studi descrittivi Disegni di studio Popolazioni Individui Studi analitici Osservazionali Sperimentali Studi di correlazione o ecologici Case report - Case series

Dettagli

La NeurostimolazioneMidollare nel trattamento del dolore cronico post-intervento vertebrale

La NeurostimolazioneMidollare nel trattamento del dolore cronico post-intervento vertebrale "Da HTA a Hospital-based HTA: un evoluzione sostenibile?" Con il patrocinio di: Con il contributo incondizionato di: La NeurostimolazioneMidollare nel trattamento del dolore cronico post-intervento vertebrale

Dettagli