The Continuum of Stroke Care

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "The Continuum of Stroke Care"

Transcript

1 The Continuum of Stroke Care 1

2 NINDS TPA Stroke Study: Time to Treatment e Odds Ratio per Outcome Favorevole 8 Odds Ratio Outcome Favorevole Benefit for rt-pa No Benefit for rt-pa TIME IS BRAIN!!! m Minuti Inizio dei sintomi - Inizio del trattamento

3 Ictus acuto: Fase di ricovero Grado A L ictus è una urgenza medica che merita un ricovero immediato in ospedale come suggerito dal documento di Helsingborg e da molte linee guida. Il paziente con ictus va sempre ricoverato perché è solo con gli accertamenti eseguibili in regime di ricovero che si può rapidamente diagnosticare sede, natura ed origine del danno cerebrale, oltre che evidenziare e curare eventuali complicanze cardiache, respiratorie e metaboliche.

4 Emergency start at community level: Prehospital care Acute stroke is emergency condition regardless of severity of neurological deficit The priority is the same level as MI, serious trauma Transfer the patients to hospital in the shortest time possible ASA Guidelines. Stroke

5 Prehospital management of potential stroke patients Recommended Assess & manage ABC Initiate cardiac monitoring Supplement O 2 to maintain O 2 saturation > 94% Establish IV access Determine blood glucose and treat accordingly ASA Guidelines. Stroke

6 Prehospital management of potential stroke patients Recommended Determine time of symptom onset or last known normal Rapidly transport patient to nearest most appropriate hospital Notify hospital of pending stroke patient arrival ASA Guidelines. Stroke

7 Action Emergency Department Based Care Time Door to physician 10 minutes Door to stroke team 15 minutes Door to CT initiation 25 minutes Door to CT interpretation 45 minutes Door to drug (rtpa) 60 minutes Door to stroke unit admission 3 hours ASA Guidelines. Stroke

8 Management of acute ischemic stroke ABCs Diagnosis & differential diagnosis General management Acute specific treatment Treatment of neurological complication 8

9 Management of acute ischemic stroke ABCs Diagnosis & differential diagnosis General management Acute specific treatment Treatment of neurological complication 9

10 Acute ischemic stroke Diagnosis Sudden onset, focal deficit, risk factors Investigation Brain imaging (CT/ MRI) Blood glucose Oxygen saturation BUN/ Creatinine/ Electrolytes CBC Prothrombin time, INR aptt Cardiac test Others 10

11 Differential diagnosis: Condition mimicking stroke Psychogenic Seizure Hypoglycemia Migraine with aura Hypertensive encephalopathy Wernicke s encephalopathy CNS abscess CNS tumor Drug toxicity 11

12 Management of acute ischemic stroke ABCs Diagnosis & differential diagnosis General management Acute specific treatment Treatment of neurological complication 12

13 Acute ischemic stroke General management Airway, Breathing, Circulation Fever Blood glucose Hypertension IV fluid Treatment of underlying diseases 13

14 Hypertension DBP > 140 mmhg X 2 5 min apart Sodium nitroprusside µg/ kg/ min IV Nitroglycerine 5 mg IVand 1-4 mg/ h SBP > 220 mmhg, DBP mmhg X 2 20 min apart Captopril mg oral Nicardipine 5-15 mg/ hr IV drip Labetalol 10 mg IV in 1-2 min q min if need OR 2-8mg/ min IV drip Nitroglycerine patch Do not use Nifedipine sublingual 14

15 Management ischemic stroke ABCs Diagnosis & differential diagnosis General management Acute specific treatment Treatment of neurological complication 15

16 Acute ischemic stroke 16

17 Intravenous thrombolysis FDA approved 1996 based on NINDS rt- PA Stroke Study Treatment within 3 hours of symptom onset Complete neurological improvement or improvement >= 4 points on NIHSS at 24 hours Complete or nearly complete recovery at 3 months Symptomatic brain hemorrhage is major risk (6.4% VS 0.6%) 17

18 Intravenous thrombolysis Presence of brain edema, mass effect associated with hemorrhage NIHSS < 20, age < 75 years had greatest possibility for good outcome NIHSS >22 had very poor prognosis whether or not rt-pa Low attenuation > 1/ 3 of MCA territory less likely to had good outcome Good response were highest among patients with NIHSS <10 normal baseline CT 18

19 Exclusion criteria Patients with ischemic stroke within 3 hours who could be treated with rt-pa 1. Significant head trauma or prior stroke in previous 3 months 2. Symptoms suggest SAH 3. Arterial puncture at non compressible site in previous 7 days 4. History of previous intracranial hemorrhage 5. Intracranial neoplasm, AVM, or aneurysm 6. Recent intracranial or intraspinal surgery ASA Guidelines. Stroke

20 Exclusion criteria Patients with ischemic stroke within 3 hours who could be treated with rt-pa 7. Elevated BP (systolic > 185 or diastolic >110 mmhg) 8. Active internal bleeding 9. Acute bleeding diathesis, including but not limited to platelet < 100,000 /mm Heparin received within 48 hours, resulting in elevated aptt 11. Current use of anticoagulant with INR > 1.7 0r PT >15 seconds ASA Guidelines. Stroke

21 Patients with ischemic stroke within 3 hours who could be treated with rt-pa Exclusion criteria 12. Current use of direct thrombin inhibitors or direct factor Xa inhibitors with elevated sensitive laboratory tests (ie. aptt, INR, platelet count, ECT, TT or appropriate factor Xa activity assay) 13. Blood glucose concentration < 50 mg% 14. CT shows multilobar infarction (hypodensity > 1/3 cerebral hemisphere) ASA Guidelines. Stroke

22 Patients with ischemic stroke within 3 hours who could be treated with rt-pa Relative exclusion criteria* 1. Only minor or rapid improving stroke symptoms 2. Pregnancy 3. Seizure at onset 4. Major surgery or serious trauma within previous 14 days 5. Recent GI or Urinary tract hemorrhage within previous 21 days 6. Recent acute MI within previous 3 months *Patients may received rtpa despite 1 or more relative contraindication, consider risk to benefit carefully ASA Guidelines. Stroke

23 Additional criteria for patients with ischemic stroke within hours Inclusion criteria 1. Measurable neurological deficit 2. Onset of symptoms within hours ASA Guidelines. Stroke

24 Additional criteria for patients with ischemic stroke within hours Relative exclusion criteria 1. Age > 80 years 2. Severe stroke (NIHSS > 25) 3. Taking an oral anticoagulant regardless of INR 4. History of both DM and prior ischemic stroke 5. Ischemic injury > 1/3 of MCA territory ASA Guidelines. Stroke

25 Regimens for IV rt-pa treatment Infusion 0.9 mg/ kg (max 90 mg) over 1 hour, 10 % of the dose given as bolus dose over 1 minute Admit to stroke unit If severe headache, acute hypertension, nausea, vomiting, or worsening neurological signs, discontinue infusion, and emergency CT brain BP measurement & Neurological assessments every 15 minutes during & after infusion for 2 hours every 30 minutes next 6 hours every hour until 24 hours 25

26 Regimens for iv rt-pa treatment If BP S > 180 mmhg or BP D > 105 mmhg, increase frequency of BP measurement, administer antihypertensive drugs to maintain BP at or below this level Delayed placement of NG tube, bladder catheters, intra- arterial catheters Anticoagulants and antiplatelet agents should be delayed for 24 hours after treatment 26

27 Regimens for iv rt-pa treatment Obtain a follow-up CT or MRI at 24 hours after IV rtpa before starting anticoagulants or antiplatelet agents Staffs, CT, Neurosurgeon, Laboratory test available 24 hours Cryoprecipitate or fresh frozen plasma, platelet concentration 27

28 Acute Care in Ischemic Stroke Intravenous fibrinolytic therapy is recommended in the setting of early ischemic changes (other than frank hypodensity) on CT, regardless of their extent (IA) revised from previous recommendation in 2009 Frank hypodensity on non-contrasted CT may increase the risk of hemorrhage with fibrinolysis & should be considered, If frank hypodensity involves > 1/3 of MCA territory, IV rtpa should withheld (IIIA) revised from previous recommendation in 2009 ASA guidelines, Stroke 2013; 44: xxx- xxx (published online Jan 31, 2013) 28

29 Acute Care in Ischemic Stroke IV-rtPA (0.9mg/kg, max dose 90 mg) is recommended for selected patients who may be treated within 3 hours of onset (IA) In patients eligible for IV-rtPA, treatment with rtpa should be initiated as quickly as possible, door-to-needle time should be with in 60 minutes (IA) revised from previous recommendation in 2009 ASA guidelines, Stroke 2013; 44: xxx- xxx (published online Jan 31, 2013) 29

30 Acute Care in Ischemic Stroke IV-rtPA (0.9mg/kg, max dose 90 mg) is recommended for administration to eligible patients with hours after stroke onset (IB) Additional exclusion criteria: Age > 80 years Taking oral anticoagulants Baseline NIHSS score > 25 Imaging evidence of ischemic injury > 1/3 of MCA territory History of both stroke and DM revised from previous recommendation in 2009 ASA guidelines, Stroke 2013; 44: xxx- xxx (published online Jan 31, 2013) 30

31 Treatment of neurological complication Cerebral edema and increased intracranial pressure Seizures Hemorrhagic transformation 31

32 Conclusions Acute stroke is an emergency condition, is the same level as MI, serious trauma Emergency management is need rt-pa & Stroke unit, are the major advances Appropriate general care are also need To improve the quality of care : Multidisciplinary/ network approach CQI activities are very importance 32

33 Stroke Team Ictus acuto Sommario dei compiti diagnostica clinica diagnostica neuroradiologica diagnostica per ultrasuoni valutazione cardiovascolare assessment delle funzioni vitali interventi terapeutici primari

34 K values and item reliability for NIHSS Stroke 2002 NIHSS Item Name Comparison per item, n Weighted Value 95% CIs 1a LOC * b LOC questions * c LOC commands * Gaze * Visual fields * Facial palsy * a Left arm motor * b Right arm motor * a Left leg motor * b Right leg motor * Limb ataxia * Sensory * Language * Dysarthria Neglect * Total *

35 Ulteriori aspetti rilevanti sul piano diagnostico e prognostico Definizione del sottotipo patologico di ictus: aterotrombotico, cardioembolico, lacunare, altre cause Quadri neurologici selettivi

36 STROKE TEAM AOU Careggi Definizione (Delibera Aziendale Dic 2003) Gruppo multiprofessionale (neurologo, cardiologo, internista, neuroradiologo, chirurgo vascolare, infermiere professionale) motivato e addestrato per la gestione del paziente con ictus cerebrale acuto [ ] lo stroke team viene attivato dai medici del DEA in pazienti affetti da ictus che arrivano entro 3 ore dall esordio dei sintomi, salvo estensione della finestra terapeutica in casi selezionati.

37 codice rosso Percorso del paziente con ictus acuto Medico DEA Lettura TAC Doppler/angioTC Prelievo? Attiva NR Attiva TAC Criteri incl/escl internistici Inizio TAC Fine TAC Prende visione risultato TAC NIHSS TEA CV 118 Preallarme DEA infermiere paziente prelievo Attiva team < 3 ore esordio sintomi Risultato prelievo team Prende visione risultato prelievo Controllo criteri incl/escl Richiede consenso Doppler/angioTC TS TLR SU SU/ TINC terapia Tempo dall arrivo in DEA (minuti) Legenda: NR: neuroradiologo; TEA: tromboendarterectomia; TS: trombolisi sistemica; TLR: Trombolisi locoregionale; CV: chirurgia vascolare; SU: Stroke Unit; TINC: Terapia intensiva neurochirurgica 90

38 Selezione dei vari trattamenti nei pazienti con ictus acuto entro 4 ore (tra 3 e 4 ore studio ECASS III) tra 4 e 6 ore oltre le 6 ore NIHSS < 6 Ecodoppler carotidi + TCD o angiotc NIHSS tra 6 e 25 NIHSS > 25 Valutare per trombolisi sistemica (TS) (protocollo SITS-MOST) Valutare per trombolisi locoregionale (TLR) NIHSS > 6 con prognosi funzionale grave valutazione per TLR solo nel sospetto di occlusione dell arteria basilare/vertebrale Stenosi carotidea significativa no STOP si Controindicazione alla TS secondo i criteri SITS-MOST no Controindicazioni assolute alla TLR no Angio-TC si STOP si Controindicazioni alla TEA no TS Occlusione vascolare utilmente trattabile con TLR (carotide interna, cerebrale media, vertebrale e basilare) no si TEA STOP Valutazione controindicazioni relative TLR

39 Flessibilità dell approccio endovascolare Differenziare la terapia a seconda del tempo di ischemia, sede e tipo di occlusione, fattori di rischio emorragico Terapia farmacologica Terapia meccanica Terapia combinata Flessibilità dell intervento endovascolare

40 American Accademy of Emergency Medicine Position Statement on the Use of Intravenous Thrombolytic Therapy in the Treatment of Stroke having an expert in neuroradiology read the CT scan first, having a neurologist directly involved

41 30 days risk adjusted fatality by organized care index in patients with moderate/severe stroke (CNS score <7). The organized care index (OCI) was classified as having received 0, 1, 2, or 3 of the following services: occupational therapy or physiotherapy, stroke team assessment, or admission to a stroke unit. Saposnik G et al. Stroke 2009;40:

42 General ward care with team support versus dedicated SU Care. 164 pts with moderately severe large vessel occlusion stroke randomly allocated to. Major 3 month outcomes. OR (C.I.) Death 5.0 ( ) Death or institutionalization 3.5 ( ) Rankin s score ( ) Barthel Index < ( ) Andrew E el al, Stroke 2002

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

TRATTAMENTO DELL ICTUS ISCHEMICO IN FASE ACUTA

TRATTAMENTO DELL ICTUS ISCHEMICO IN FASE ACUTA ICTUS CEREBRI: MANAGEMENT OSPEDALIERO P.O. S. CIMINO TERMINI IMERESE U.O.C. Medicina U.O.S. Medicina d'urgenza e Pronto Soccorso TRATTAMENTO DELL ICTUS ISCHEMICO IN FASE ACUTA Dott. S. Monaco Responsabile

Dettagli

Fase intraospedaliera, reti e percorsi

Fase intraospedaliera, reti e percorsi Fase intraospedaliera, reti e percorsi Parte endovascolare Il neuroradiologo interventista Trattamento endovascolare dello stroke ischemico Trattamento endovascolare dello stroke emorragico Salvatore Mangiafico

Dettagli

Il paziente giusto all ospedale giusto nel tempo giusto

Il paziente giusto all ospedale giusto nel tempo giusto Il paziente giusto all ospedale giusto nel tempo giusto Tavola Rotonda: Interrelazione e ottimizzazione delle reti dei percorsi in Emergenza-Urgenza e sviluppi futuri PERCORSO ICTUS Torino 14 giugno 2012

Dettagli

Michele Bombelli Clinica Medica. Università degli Studi Milano Bicocca Ospedale S.Gerardo, Monza

Michele Bombelli Clinica Medica. Università degli Studi Milano Bicocca Ospedale S.Gerardo, Monza 21 marzo IV Sessione: Rischio Cardiovascolare e infezione da HIV Michele Bombelli Clinica Medica Università degli Studi Milano Bicocca Ospedale S.Gerardo, Monza Le nuove linee guida ACC/AHA sul trattamento

Dettagli

ICTUS CEREBRALE E RISCHIO EMORRAGICO

ICTUS CEREBRALE E RISCHIO EMORRAGICO GESTIONE DEI FARMACI ANTIAGGREGANTI E ANTICOAGULANTI IN SPECIFICI CONTESTI CLINICI Rimini 15 marzo 2011 Dipartimento Malattie Cardiovascolari U.O. Medicina Interna - Angiologia ICTUS CEREBRALE E RISCHIO

Dettagli

Gestione dell insufficienza respiratoria acuta in autoambulanza: la CPAP pre-ospedaliera

Gestione dell insufficienza respiratoria acuta in autoambulanza: la CPAP pre-ospedaliera L INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA DAL TERRITORIO ALLA MEDICINA D URGENZA Nola 28 SETTEMBRE 2010 Gestione dell insufficienza respiratoria acuta in autoambulanza: la CPAP pre-ospedaliera Pietro Di Cicco

Dettagli

Gestione intra-ospedaliera dell ictus acuto. Giancarlo Agnelli Università di Perugia

Gestione intra-ospedaliera dell ictus acuto. Giancarlo Agnelli Università di Perugia Gestione intra-ospedaliera dell ictus acuto Giancarlo Agnelli Università di Perugia Nel comune di Perugia (~150.000 abitanti) g ( ) ~450 stroke/anno (60 emorragie) Nel bacino di utenza ospedale di Perugia

Dettagli

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda Key points: 1 Funzioni e organizzazione del PS 2 Position paper ANMCO SIMEU 3 Real world It is one thing to

Dettagli

Utilità e vantaggi delle

Utilità e vantaggi delle Utilità e vantaggi delle Unità Stroke R. Sciolla, AOU San Luigi SPREAD 2007 Cap. 8 : Ictus acuto: Fase preospedaliera e ricovero Stroke Unit : Grado A È indicato che i pazienti con ictus acuto siano ricoverati

Dettagli

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ]

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Relatore: M.T. PETRUCCI 27-28 ottobre 2008 Borgo S. Luigi Monteriggioni (Siena) Mieloma multiplo - Copyright FSE 1 Gruppo di lavoro 2 [ Mieloma multiplo]

Dettagli

EAC ED ICTUS EPIDEMIOLOGIA CLINICA

EAC ED ICTUS EPIDEMIOLOGIA CLINICA Terza causa di morte (10-12%) e prima di disabilità Prevalenza 6,5% (tra i 65-84 aa.) 194.000 Ictus/anno 907.000 Disabili SPREAD 2003 EAC ED ICTUS EPIDEMIOLOGIA CLINICA Stenosi carotidea Sintomatologia

Dettagli

Management delle sindromi coronariche acute: i nuovi standard terapeutici nelle Linee Guida

Management delle sindromi coronariche acute: i nuovi standard terapeutici nelle Linee Guida Management delle sindromi coronariche acute: i nuovi standard terapeutici nelle Linee Guida Ciro Indolfi, MD, FACC, FESC Division of Cardiology Magna Graecia University Catanzaro Centro di Riferimento

Dettagli

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come?

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? R. Albisinni UOC Medicina Infettivologica e dei Trapianti Ospedale Monaldi Seconda Università di Napoli Introduzione La terapia anticoagulante

Dettagli

A.M. Maresca. Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università degli Studi dell Insubria, Varese.

A.M. Maresca. Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università degli Studi dell Insubria, Varese. L urgenza medica tra pronto soccorso e reparto Varese 25 ottobre 2014 Quando e come trattare l ipertensione arteriosa nell urgenza? Ictus Sindrome coronarica acuta/edema polmonare acuto A.M. Maresca Dipartimento

Dettagli

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Daniela Poli La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Atrial fibrillation occurred in 1 2% of the general population. Over 6 million Europeans suffer from this arrhythmia, and its

Dettagli

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Disease Oriented-Therapy (if available) Primarily life-prolongation

Dettagli

Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie

Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie Agenzia Sanitaria Regionale Area Rischio infettivo Unità Gestione Rischio e Sicurezza Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie Pietro Ragni Reggio Emilia,

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

Attuale Gestione della Terapia Anticoagulante

Attuale Gestione della Terapia Anticoagulante Attuale Gestione della Terapia Anticoagulante Furio Colivicchi Dipartimento Cardiovascolare ACO S.Filippo Neri Roma Dicumarolici e Prevenzione dello Stroke nella FA non valvolare Per oltre 60 anni gli

Dettagli

LA TROMBOLISI SISTEMICA NELLA TERAPIA DEL PAZIENTE CON ICTUS ISCHEMICO

LA TROMBOLISI SISTEMICA NELLA TERAPIA DEL PAZIENTE CON ICTUS ISCHEMICO Progetto Formativo Aziendale / Evento Formativo Regionale LA TROMBOLISI SISTEMICA NELLA TERAPIA DEL PAZIENTE CON ICTUS ISCHEMICO diagnostica radiologica ( dott. G. Gatti ) 28 MARZO 2014 SALA CROCE ROSSA

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

Reportistica per la medicina generale. Rel. 2.0

Reportistica per la medicina generale. Rel. 2.0 Reportistica per la medicina generale Rel. 2.0 NEWS integrazione del report di spesa e consumi con indicatori di cura: A) politerapie concomitanti; B) terapia del dolore C) interazioni tra coppie di farmaci

Dettagli

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Associazione Trastuzumab e chemioterapia nel carcinoma mammario metastatico e localmente avanzato. Nostra casistica. Carlo Floris

Dettagli

Il loro ruolo terapeutico nella FA Indicazioni per la prescrizione Cosa è necessario sapere e ricordare. dr. Moreno Marri

Il loro ruolo terapeutico nella FA Indicazioni per la prescrizione Cosa è necessario sapere e ricordare. dr. Moreno Marri Il loro ruolo terapeutico nella FA Indicazioni per la prescrizione Cosa è necessario sapere e ricordare Dr. Moreno Marri 05/07/13 Fibrillazione atriale e ictus La FA è associata a un aumento di 5 volte

Dettagli

CONGRESSO NAZIONALE. PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici

CONGRESSO NAZIONALE. PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici CONGRESSO NAZIONALE 6-8 maggio Como- Hotel Palace PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici TRAUMA CRANICO LIEVE E NUOVI E VECCHI ANTICOAGULANTI QUALI STRATEGIE? Dott. Lerza Roberto

Dettagli

LA TEA CAROTIDEA NEL PAZIENTE CON ICTUS ISCHEMICO ACUTO: PERCHE E QUANDO DOTT. FULVIO D ANGELO

LA TEA CAROTIDEA NEL PAZIENTE CON ICTUS ISCHEMICO ACUTO: PERCHE E QUANDO DOTT. FULVIO D ANGELO LA TEA CAROTIDEA NEL PAZIENTE CON ICTUS ISCHEMICO ACUTO: PERCHE E QUANDO AZIENDA OSPEDALIERA G. SALVINI DOTT. FULVIO D ANGELO Garbagnate Milanese DEFINIZIONE ICTUS ISCHEMICO ACUTO E UN A TERMINOLOGIA GENERICA

Dettagli

REGISTRO ITALIANO BIOPSIE RENALI / Tracciato Record

REGISTRO ITALIANO BIOPSIE RENALI / Tracciato Record REGISTRO ITALIANO BIOPSIE RENALI / Tracciato Record ALL. CENTER ID Code City Hospital Address Zip code Phone Fax Reader name Reader email Referring name Referring email Referring phone Alternative Referring

Dettagli

Martedì dell Ordine 15 Aprile 2014. Laboratorio di Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione, U.O. Cardiologia, A.O.U. di Parma

Martedì dell Ordine 15 Aprile 2014. Laboratorio di Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione, U.O. Cardiologia, A.O.U. di Parma Diagnosi e Terapia delle Aritmie Cardiache: Ablazione transcatetere endoepicardica di Tachicardia Ventricolare in paziente con Malattia di Anderson-Fabry Martedì dell Ordine 15 Aprile 2014 Laboratorio

Dettagli

e le gravi cerebrolesioni in Provincia di Ferrara ed in Emilia Romagna

e le gravi cerebrolesioni in Provincia di Ferrara ed in Emilia Romagna LA RETE PER L ICTUS L COME PARADIGMA DELLA CONTINUITA DELL ASSISTENZA La rete per l ictus l e le gravi cerebrolesioni in Provincia di Ferrara ed in Emilia Romagna TORINO 3 GIUGNO 2013 Relatore Dott. Paolo

Dettagli

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano I lipidi nella alimentazione del bambino Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano ! I lipidi del latte materno: composizione e significato - acidi grassi -

Dettagli

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Documenti per lo studio Giuseppe Caracciolo, Cardiologist e Clinical Research Physician, Menarini Ricerche Alessandra Milani, Coordinatore

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

Psicogeriatria e Medicina

Psicogeriatria e Medicina 53 Congresso Nazionale Società Italiana di Gerontologia e Geriatria L Italia? Non è un paese per vecchi Firenze, 29 novembre 2008 Lettura AIP/SIGG Psicogeriatria e Medicina Marco Trabucchi Presidente Associazione

Dettagli

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma Domanda L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze Perché è necessario un approccio interprofessionale in sanità? Giorgio Bedogni Unità di Epidemiologia Clinica Centro Studi Fegato

Dettagli

Farmaci anticoagulanti

Farmaci anticoagulanti Farmaci anticoagulanti vecchi e nuovi Direct oral anticoagulant drugs Direct selective inhibitors of Factor Xa Rivaroxaban Apixaban Edoxaban Betrixaban Direct selective inhibitors of Factor IIa Dabigatran

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

Che cosa èl infarto? Riconoscerne subito i sintomi. Prof. Anna Sonia Petronio Head Cardiac Catheterization Laboratory, Ospedale Cisanello, Pisa

Che cosa èl infarto? Riconoscerne subito i sintomi. Prof. Anna Sonia Petronio Head Cardiac Catheterization Laboratory, Ospedale Cisanello, Pisa Che cosa èl infarto? Riconoscerne subito i sintomi Prof. Anna Sonia Petronio Head Cardiac Catheterization Laboratory, Ospedale Cisanello, Pisa Definizione Una sindrome coronarica acuta èun quadro clinico

Dettagli

SULLE SPONDE DEL TICINO

SULLE SPONDE DEL TICINO SULLE SPONDE DEL TICINO PTA CAROTIDEA Presentazione clinico- assistenziale di un caso e tecnologia G.Sasso, P.Fecchio Divisione di Cardiologia Ospedale degli Infermi Rivoli Direttore Ferdinando dr. Varbella

Dettagli

LA GESTIONE DELLO STROKE IN PS & MEDICINA D URGENZA

LA GESTIONE DELLO STROKE IN PS & MEDICINA D URGENZA LA GESTIONE DELLO STROKE IN PS & MEDICINA D URGENZA DR. AUGUSTO TRICERRI Dirigente Medico UOC Medicina d'urgenza e Pronto Soccorso A.C.O. S. Filippo Neri - Roma. Nel sospetto clinico di ictus è indicato

Dettagli

Confondimento da indicazione ed immeasurable time-bias: alcuni esempi pratici

Confondimento da indicazione ed immeasurable time-bias: alcuni esempi pratici Triple Whammy - Fisiopatologia Confondimento da indicazione ed immeasurable time-bias: alcuni esempi pratici Francesco Lapi, PharmD, PhD Health Search, Società Italiana di Medicina Generale Confondimento

Dettagli

Intravenous thrombolysis: the Modena experience

Intravenous thrombolysis: the Modena experience Intravenous thrombolysis: the Modena experience Dr. Andrea Zini, MD Stroke Unit Neurology Clinic Dept. of Neuroscience Nuovo Ospedale Civile S.Agostino-Estense AUSL Modena History Modena Neurology Clinic

Dettagli

Alfredo Berruti Università degli Studi di Brescia Azienda Ospedaliera Spedali Civili Brescia

Alfredo Berruti Università degli Studi di Brescia Azienda Ospedaliera Spedali Civili Brescia HOT TOPICS MALATTIA METASTATICA Malattia Ormonosensibile Alfredo Berruti Università degli Studi di Brescia Azienda Ospedaliera Spedali Civili Brescia MALATTIA METASTATICA ORMONOSENSIBILE Nel paziente in

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CARLO POMA Dipartimento di Medicina di Laboratorio Struttura complessa di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale Primario: Dott. Massimo Franchini Il Centro TAO di Mantova

Dettagli

Ictus acuto: fase preospedaliera

Ictus acuto: fase preospedaliera Corso di Aggiornamento Obbligatorio per Medici di Medicina Generale Ictus Ruolo del Medico di Medicina Generale nell ambito del programma regionale ed aziendale sulla STROKE CARE Arezzo, Ordine dei Medici,

Dettagli

ICTUS: LA CURA E POSSIBILE!

ICTUS: LA CURA E POSSIBILE! ICTUS: LA CURA E POSSIBILE! Dott. Simone Comelli Dott. Giacomo P. Vaudano Dott. Roberto Cavallo Dott. Daniele Savio Dott. Carlo A. Cametti Ospedale S.G. Bosco Ictus: Definizione Deficit neurologico ad

Dettagli

Percorso Neurovascolare del paziente con TIA/Ictus e Percorso Ictus Emorragico EMERGENZA URGENZA

Percorso Neurovascolare del paziente con TIA/Ictus e Percorso Ictus Emorragico EMERGENZA URGENZA COMMISSIONE REGIONALE STROKE 3 NOVEMBRE 2010 Percorso Neurovascolare del paziente con TIA/Ictus e Percorso Ictus Emorragico EMERGENZA URGENZA ANNA MARIA FERRARI DIRETTORE DIPARTIMENTO EMERGENZA URGENZA

Dettagli

Terapia endovascolare dello stroke ischemico

Terapia endovascolare dello stroke ischemico Terapia endovascolare dello stroke ischemico Mauro Bergui Neuroradiologia, Università di Torino Ischemia da occlusione basilare L arteria basilare vascolarizza il tronco encefalico ed alcune regioni alla

Dettagli

Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti

Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti Nicoletta Riva Centro di Ricerca Malattie Tromboemboliche e Terapie Antitrombotiche Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale,

Dettagli

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica?

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? Lucia Del Mastro SS Sviluppo Terapie Innovative Bergamo 6 luglio 2014 IRCCS Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino IST

Dettagli

www.gimsi.it Registro GIMSI

www.gimsi.it Registro GIMSI www.gimsi.it Registro GIMSI Registro GIMSI Board: Ammirati if Badami A Brignole M (responsabile progetto) Casagranda I De Seta F Furlan R Registro multicentrico prospettico costituito dai pazienti valutati

Dettagli

La terapiadel dolore acuto nell anziano. Daniele Coen AO Ospedale Niguarda Ca Granda- Milano

La terapiadel dolore acuto nell anziano. Daniele Coen AO Ospedale Niguarda Ca Granda- Milano La terapiadel dolore acuto nell anziano Daniele Coen AO Ospedale Niguarda Ca Granda- Milano Emergency Orthogeriatrics I problemi aperti 1. Riconoscere la presenza di dolore 2. Scegliere il farmaco adeguato

Dettagli

Il supporto del chirurgo generale. Giovanni Sgroi Direttore Dipartimento Scienze Chirurgiche U.O. Chirurgia Generale 2ª ed Oncologica A.O.

Il supporto del chirurgo generale. Giovanni Sgroi Direttore Dipartimento Scienze Chirurgiche U.O. Chirurgia Generale 2ª ed Oncologica A.O. Il supporto del chirurgo generale Giovanni Sgroi Direttore Dipartimento Scienze Chirurgiche U.O. Chirurgia Generale 2ª ed Oncologica A.O. Treviglio Rispettando il principio del trattamento guidato dai

Dettagli

Metodologia per la rilevazione delle complicanze in colonscopia e loro valutazione. Luisa Paterlini Cinzia Campari

Metodologia per la rilevazione delle complicanze in colonscopia e loro valutazione. Luisa Paterlini Cinzia Campari Metodologia per la rilevazione delle complicanze in colonscopia e loro valutazione Luisa Paterlini Cinzia Campari Perché parlare di complicanze Perché le complicanze esistono Perché monitoriamo la qualità

Dettagli

Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly?

Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly? Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly? Rodolfo Ferrari, Fabrizio Giostra, Giorgio Monti, Mario Cavazza Unità Operativa di Medicina d'urgenza

Dettagli

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement ITALIAN Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement Female 1: Ormai manca poco al parto e devo pensare alla mia situazione economica. Ho sentito dire che il governo non sovvenziona più il Baby Bonus.

Dettagli

Quali farmaci antidolorifici utilizzare nell anziano con malattie cardiovascolari?

Quali farmaci antidolorifici utilizzare nell anziano con malattie cardiovascolari? Quali farmaci antidolorifici utilizzare nell anziano con malattie cardiovascolari? Stefano Maria Zuccaro 12 GIUGNO 2015 18 marzo 2014 Cascata dell acido arachidonico CASCATA DELL ACIDO ARACHDONICO Il mismatch

Dettagli

Equivalenza degli antiaggreganti. STEMI: cosa scegliere dal domicilio al Cath Lab? Maddalena Lettino IRCCS Istituto Clinico Humanitas, Rozzano (MI)

Equivalenza degli antiaggreganti. STEMI: cosa scegliere dal domicilio al Cath Lab? Maddalena Lettino IRCCS Istituto Clinico Humanitas, Rozzano (MI) Equivalenza degli antiaggreganti nelle SCA? STEMI: cosa scegliere dal domicilio al Cath Lab? Maddalena Lettino IRCCS Istituto Clinico Humanitas, Rozzano (MI) Lo studio PCI-CURE Lancet 2001; 358: 427

Dettagli

Oppioidi e Cefalea. Dr Antonio Forgione U.O. di Neurologia Casa di Cura Dr Pederzoli Peschiera del Garda

Oppioidi e Cefalea. Dr Antonio Forgione U.O. di Neurologia Casa di Cura Dr Pederzoli Peschiera del Garda Oppioidi e Cefalea Dr Antonio Forgione U.O. di Neurologia Casa di Cura Dr Pederzoli Peschiera del Garda Premesse (1) La cefalea è uno dei principali motivi di visite mediche sia specialistiche che presso

Dettagli

ICTUS CEREBRI. Come per le patologie cardiache acute, il fattore tempo diventa decisivo, per poter ottenere risultati soddisfacenti.

ICTUS CEREBRI. Come per le patologie cardiache acute, il fattore tempo diventa decisivo, per poter ottenere risultati soddisfacenti. ICTUS CEREBRI L ictus cerebri è un improvvisa comparsa di segni e/o sintomi riferibili a deficit focale e/o globale (coma) delle funzioni cerebrali di durata superiore alle 24 ore o ad esito infausto,

Dettagli

IL TRAUMA CRANICO LIEVE NEL PAZIENTE IN TAO - NAO

IL TRAUMA CRANICO LIEVE NEL PAZIENTE IN TAO - NAO IL TRAUMA CRANICO LIEVE NEL PAZIENTE IN TAO - NAO Dott.ssa G. Racca - Medicina d Urgenza e DEA Ospedale Santa Croce e Carle di Cuneo - Direttore Dott. B. Tartaglino Como,6-7-8 maggio 2015 1. Indicazione

Dettagli

Capitolo 10 Ictus acuto: fase di ospedalizzazione (terapia) 205

Capitolo 10 Ictus acuto: fase di ospedalizzazione (terapia) 205 Capitolo 10 Ictus acuto: fase di ospedalizzazione (terapia) 205 10 ICTUS ACUTO: FASE DI OSPEDALIZZAZIONE (TERAPIA) 10.1 TERAPIA ACUTA DELL ICTUS ISCHEMICO 10.1.1 Terapia medica specifica 10.1.1.1 Trombolisi

Dettagli

Cardiopatia ischemica e fibrillazione atriale: Antiaggreganti e anticoagulanti orali

Cardiopatia ischemica e fibrillazione atriale: Antiaggreganti e anticoagulanti orali Cardiopatia ischemica e fibrillazione atriale: Antiaggreganti e anticoagulanti orali Francesco Di Pede Dipartimento Cardiologico ULSS 10 Portogruaro-San Donà di Piave CIRCA IL 20% DEI PAZIENTI IN FIBRILLAZIONE

Dettagli

Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale

Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale Maggio 25 Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale L impiego degli anticoagulanti orali nei pazienti con cardiopatia ischemica Dott. Paolo Bellotti Savona Razionale alla base

Dettagli

Auscultazione intermittente Vs CTG continuo

Auscultazione intermittente Vs CTG continuo Corso pre congressuale Valutazione del benessere fetale in travaglio Auscultazione intermittente Vs CTG continuo Nicoletta Telleri Da: La sorveglianza del benessere fetale in travaglio di parto. Linea

Dettagli

Il punto di vista del Medico di famiglia

Il punto di vista del Medico di famiglia Comprendere e tutelare i diritti dei pazienti con BPCO Il punto di vista del Medico di famiglia G. Bettoncelli Il malato è padrone e colui che lo assiste è suo servitore Antica Regola dell Ospedale Santo

Dettagli

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità 1 Giornata Nazionale del Gruppo Donna IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità Olbia, 16 e 17 marzo 2012 Mercure Olbia Hermaea Il Gruppo Donna di AMD:

Dettagli

Innovazione e sostenibilità economica nel settore dei dispositivi medici. Sabrina Trippoli Unità di HTA Estav Centro regione Toscana

Innovazione e sostenibilità economica nel settore dei dispositivi medici. Sabrina Trippoli Unità di HTA Estav Centro regione Toscana Innovazione e sostenibilità economica nel settore dei dispositivi medici Sabrina Trippoli Unità di HTA Estav Centro regione Toscana Guanti in vinile Stent coronarici Valvola aortica percutanea Mammografo

Dettagli

La fibrillazione atriale in rosa

La fibrillazione atriale in rosa La fibrillazione atriale in rosa E proprio vero che le donne rischiano l ictus più degli uomini? Paolo Verdecchia, F.A.C.C., F.E.S.C., F.A.H.A. Hospital of Assisi Department of Medicine Via Valentin Müller,

Dettagli

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari VI Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA DI VALUTAZIONE ALZHEIMER (UVA)NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA Roma 16 novembre 2012 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ADI PER PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER

Dettagli

Nuovi Anticoagulanti per la Fibrillazione Atriale Dalla Prescrizione al Follow-up

Nuovi Anticoagulanti per la Fibrillazione Atriale Dalla Prescrizione al Follow-up Nuovi Anticoagulanti per la Fibrillazione Atriale Dalla Prescrizione al Follow-up Paolo Verdecchia, F.A.C.C., F.E.S.C., F.A.H.A. Hospital of Assisi Department of Medicine Via Valentin Müller, 1 06081 -

Dettagli

CURE SIMULTANEE IN ONCOLOGIA

CURE SIMULTANEE IN ONCOLOGIA Regione del Veneto CURE SIMULTANEE IN ONCOLOGIA Vittorina Zagonel Dipartimento di Oncologia Clinica e Sperimentale Oncologia Medica 1, IOV-IRCCS, Padova CURE SIMULTANEE Integrazione tra le terapie oncologiche

Dettagli

Sessione 3.2 La terapia chirurgica

Sessione 3.2 La terapia chirurgica Modulo 3 La prevenzione secondaria Sessione 3.2 La terapia chirurgica durata: 30 min. 0 di 17 Obiettivi di apprendimento della sessione delineare le tecniche chirurgiche necessarie al controllo delle recidive

Dettagli

Risonanza magnetica cardiaca confronto con le metodiche tradizionali: Ruolo attuale nella clinica,indicazioni,limiti

Risonanza magnetica cardiaca confronto con le metodiche tradizionali: Ruolo attuale nella clinica,indicazioni,limiti Risonanza magnetica cardiaca confronto con le metodiche tradizionali: Ruolo attuale nella clinica,indicazioni,limiti CAD VALVULOPATIA MIOCARDIOPATIA ecocardiografia + +++ ++ SPECT +++ - - MRI ++ + +++

Dettagli

Policlinico Umberto I

Policlinico Umberto I La Stroke Unit integrata nel DEA presso il Policlinico Umberto I di Roma Università La Sapienza Policlinico Umberto I DEA - UTN Stroke Unit Gruppo Romano per la Prevenzione e Cura delle Malattie Cerebro-

Dettagli

Pavia, Giugno 2012. Gualtiero Palareti U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione Policlinico S. Orsola-Malpighi Bologna

Pavia, Giugno 2012. Gualtiero Palareti U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione Policlinico S. Orsola-Malpighi Bologna Pavia, Giugno 2012 Gualtiero Palareti U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione Policlinico S. Orsola-Malpighi Bologna I principali problemi che vedo e il contributo delle ultime LG ACCP Diagnosi

Dettagli

La chirurgia del Carcinoma Differenziato della Tiroide

La chirurgia del Carcinoma Differenziato della Tiroide La chirurgia del Carcinoma Differenziato della Tiroide Sottotitolo: Il Buono, il Brutto e il Cattivo Dott. Michele Minuto U.O.S. Chirurgia Endocrina (Chirurgia 1) IRCCS A.O.U. San Martino-IST L epidemiologia

Dettagli

Angioplastica dopo lisi nel paziente con STEMI

Angioplastica dopo lisi nel paziente con STEMI Angioplastica dopo lisi nel paziente con STEMI Paolo Rubartelli - Genova Key points: Chi usa la fibrinolisi nello STEMI, deve essere pronto a integrare, in maniera individualizzata, la strategia farmacologica

Dettagli

STROKE: TERAPEUTIC JOURNEY FROM HOSPITAL TO TERRITORY 13 DECEMBER 2007

STROKE: TERAPEUTIC JOURNEY FROM HOSPITAL TO TERRITORY 13 DECEMBER 2007 STROKE: TERAPEUTIC JOURNEY FROM HOSPITAL TO TERRITORY 13 DECEMBER 2007 Department of Rehabilitation Department of Internal medicine Department of Territorial Service STROKE: TERAPEUTIC JOURNEY FROM HOSPITAL

Dettagli

Dagli studi clinici al real life

Dagli studi clinici al real life UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE A. AVOGADRO OSPEDALE MAGGIORE DELLA CARITA NOVARA Dagli studi clinici al real life Dott.G.Francalacci Divisione Clinicizzata di Cardiologia Novara, 15/01/2015

Dettagli

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA e&p GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA Linfomi: linfomi di Hodgkin e linfomi non Hodgkin Lymphomas: Hodgkin and non-hodgkin Lymphomas Massimo Federico, 1 Ettore M. S. Conti (

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE DI POTENZA

AZIENDA SANITARIA LOCALE DI POTENZA Regione Basilicata AZIENDA SANITARIA LOCALE DI POTENZA Ambito Territoriale Ex A.S.L. 3 LAGONEGRO. 85100 POTENZA Ospedale San Giovanni Lagonegro (PZ) U.O.C. di Medicina Interna, d Urgenza e PSA Direttore

Dettagli

Nuovi anticoagulanti a confronto: i risultati dei trials clinici

Nuovi anticoagulanti a confronto: i risultati dei trials clinici Nuovi anticoagulanti a confronto: i risultati dei trials clinici Walter Ageno Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Università dell Insubria Varese ACCP 2012 Treatment of VTE 2012 Real-life treatment

Dettagli

CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc

CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc PATRIZIA NOUSSAN Servizio di Cardiologia e UTIC GIACOMO PAOLO VAUDANO Servizio di Neuroradiologia-Radiologia d Urgenza OSP. SAN GIOVANNI BOSCO ASL TORINO

Dettagli

Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano. C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova

Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano. C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova THE ILSA: STUDY SAMPLE 5,632 free-dwelling and institutionalized individuals, aged 65-84, resident

Dettagli

La trombolisi con rt - PA i.v. Il protocollo SITS MOST

La trombolisi con rt - PA i.v. Il protocollo SITS MOST La trombolisi con rt - PA i.v. Il protocollo SITS MOST Giovanni Linoli Unità Operativa di Neurologia/Neurofisiopatologia Dipartimento di Neuroscienze Ospedale San Donato Azienda USL 8 di Arezzo Arezzo,

Dettagli

User Guide Guglielmo SmartClient

User Guide Guglielmo SmartClient User Guide Guglielmo SmartClient User Guide - Guglielmo SmartClient Version: 1.0 Guglielmo All rights reserved. All trademarks and logos referenced herein belong to their respective companies. -2- 1. Introduction

Dettagli

CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI

CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI Nato a Roma il 12-04-1961 e ivi residente in Via Antonino Giuffrè 129 Laureato in Medicina e Chirurgia presso l Università degli Studi di Roma La Sapienza il 07-04-1988

Dettagli

Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore )

Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore ) Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore ) 1. L imminenza della morte 2. Le preferenze e le aspettative del paziente 3. La gravità

Dettagli

CODI/21 PIANOFORTE II // CODI/21 PIANO II

CODI/21 PIANOFORTE II // CODI/21 PIANO II MASTER di II livello - PIANOFORTE // 2nd level Master - PIANO ACCESSO: possesso del diploma accademico di II livello o titolo corrispondente DURATA: 2 ANNI NUMERO ESAMI: 8 (escluso l esame di ammissione)

Dettagli

The follow up in prostate cancer. Dott.ssa Florinda Scognamiglio Oncologia Medica AORN cardarelli

The follow up in prostate cancer. Dott.ssa Florinda Scognamiglio Oncologia Medica AORN cardarelli The follow up in prostate cancer Dott.ssa Florinda Scognamiglio Oncologia Medica AORN cardarelli Benjamin Disraeli (1804 1881), uomo politico britannico In statistics Lies, more lies and then there are

Dettagli

12 Congresso Nazionale AME

12 Congresso Nazionale AME 12 Congresso Nazionale AME Bari, 7-10 novembre 2013 Iperplasia surrenalica congenita: Diagnosi e gestione Epoca prenatale G. Russo Centro di Endocrinologia dell Infanzia e dell Adolescenza Università Vita-Salute

Dettagli

Trattamento Endovascolare dello Stroke

Trattamento Endovascolare dello Stroke 26 Congresso Nazionale della SOCIETA ITALIANA DI TERAPIA INTENSIVA Firenze 14-16 Novembre 2013 Trattamento Endovascolare dello Stroke S. Mangiafico Neuroradiologia Interventistica A.O U. Careggi Firenze

Dettagli

Lab. Analisi-Settore Emergenze Dipartimento Emergenza PS (Dr. Soragna A Dr. Alberto GF) AO Ordine Mauriziano Torino

Lab. Analisi-Settore Emergenze Dipartimento Emergenza PS (Dr. Soragna A Dr. Alberto GF) AO Ordine Mauriziano Torino Troponin turn around time (TAT) in emergency: a one year experience Lab. Analisi-Settore Emergenze Dipartimento Emergenza PS (Dr. Soragna A Dr. Alberto GF) AO Ordine Mauriziano Torino SIBioC 28 - Rimini

Dettagli

R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA

R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA R E G I O N E P U G L I A Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA SERVIZIO PROGRAMMAZIONE ASSISTENZA OSPEDALIERA

Dettagli

EPILESSIA ED IDONEITA ALLA GUIDA. Ettore Beghi Istituto Mario Negri, Milano Lega Italiana contro l Epilessial

EPILESSIA ED IDONEITA ALLA GUIDA. Ettore Beghi Istituto Mario Negri, Milano Lega Italiana contro l Epilessial EPILESSIA ED IDONEITA ALLA GUIDA Ettore Beghi Istituto Mario Negri, Milano Lega Italiana contro l Epilessial SINTESI DELLA PRESENTAZIONE La vecchia normativa italiana Il contesto europeo Perché una nuova

Dettagli

Quale prospettiva adottare? Sviluppo della presentazione. Il nostro SS è Sostenibile?

Quale prospettiva adottare? Sviluppo della presentazione. Il nostro SS è Sostenibile? La sostenibilità del Servizio Sanitario Nazionale e le diseguaglianze Bologna, 20 novembre 2015 Mario Braga AGENAS Sviluppo della presentazione Sostenibilità Disuguaglianze Conclusioni Il nostro SS è Sostenibile?

Dettagli

La chirurgia: come, quando e quale

La chirurgia: come, quando e quale La chirurgia: come, quando e quale V. Ziparo Facoltà di Medicina e Psicologia Dipartimento Medico-Chirurgico e Medicina Translazionale Azienda Ospedaliera Sant Andrea Epidemiologia dell Adenocarcinoma

Dettagli

La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante

La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante Con particolare riferimento all impianto di CIEDs Guido Rossetti S.C. Cardiologia A.S.O. S.Croce e Carle - Cuneo CHEST 2012 Raccomandazioni

Dettagli