Greco O. (1999). La Doppia Luna. Test dei confini e delle appartenenze familiari. Milano: Vita e Pensiero

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Greco O. (1999). La Doppia Luna. Test dei confini e delle appartenenze familiari. Milano: Vita e Pensiero"

Transcript

1 LA DOPPIA LUNA (Ondina Greco, 1999)* Greco O. (1999). La Doppia Luna. Test dei confini e delle appartenenze familiari. Milano: Vita e Pensiero

2 COME CLASSIFICARLO? Test Proiettivo grafico-costruttivo costruttivo Ai soggetti è richiesto di agire graficamente all interno di uno spazio simbolico Non si chiede ai soggetti di fare un disegno in particolare (es. Test dell albero, della casa, Test della figura umana ) né di attribuire significati a tavole proposte dal ricercatore (Rorschach), né di produrre narrazioni a partire da stimoli visivi (C.A.T.). Quello che viene prodotto dai soggetti non è qualcosa che possa essere pre-pensato, ma accade ed emerge dal fare, ed è nell azione che gli intervistati proiettano se stessi.

3 FINALITÀ Indagare l ambiguità dei confini e delle appartenenze familiari in situazioni di vita complesse (adozioni, affidamenti, separazioni/divorzi, ricomposizioni familiari, lutti, ecc..) Nelle situazioni familiari complesse il nucleo originario ha subito una trasformazione, pertanto i soggetti devono affrontare il problema dei nuovi confini, ridefinirli da un punto di vista affettivo e cognitivo, ripensare alla propria collocazione rispetto ad essi e stabilire chi sta dentro e che sta fuori. La perdita attiene sia il piano reale (un genitore che va via di casa, famiglia naturale, ecc-) che quello simbolico (il mito della famiglia unita, della sicurezza, della stabilità, l appartenenza univoca ad un solo nucleo familiare, ad una sola casa intesa come luogo simbolico degli affetti e delle relazioni con altri significativi, ) IL DOPPIO e IL CONFLITTO DI LEALTA - APPARTENENZA

4 COSTRUTTI DI BASE 1) COSTRUTTO DI CONFINE Contiene in sé sia il concetto di unione, di cose in comune, che di separazione, riferendosi sia a ciò che è dentro che a ciò che è fuori. Esprime quindi l aspetto strutturale (dentro-fuori), ma anche l aspetto dinamico della regolazione della distanza con chi sta al di là del confine (quindi implica l essere lontano, separato, diverso). Il processo di regolazione delle distanze determina la qualità dei confini, che possono essere labili, stabili o rigidi.

5 COSTRUTTI DI BASE Quello di confine è un concetto polisemantico: Confine Intrapsichico: tra le diversa istanze psichiche e fra le diverse rappresentazioni del Se e degli oggetti significativi. Confine individuale: distanza interpersonale diadica o triadica; distanza sé-altro, processo di separazione/individuazione che porta il soggetto dalla dipendenza, alla dipendenza relativa e infine all indipendenza adulta Confine generazionale: intergenerazionale, che separa le diverse generazioni (genitore figlio/ coppia genitoriale-fratria); intragenerazionale, che separa gli appartenenti alla stessa generazione

6 COSTRUTTI DI BASE Confine familiare: riguarda la distanza fra il soggetto e una o più famiglie, in termini di inclusione-esclusione, ed evoca il tema dell appartenenza, intesa come riconoscimento di ciò di cui facciamo parte, che è un aspetto fondante dell identità individuale. - COGNITIVO: la messa in discussione dei confini determina una situazione di ambiguità VS chiarezza, e la situazione di ambiguità è connessa a uno stato di stress e di impasse evolutiva. - AFFETTIVO: l ambiguità porta a sentirsi confusi, insicuri sulla posizione da prendere nelle relazioni familiari; - ETICO: (terapia contestuale e approccio simbolico-relazionale): La famiglia è costituita da coloro a cui si deve qualcosa, da coloro con i quali si è legati da vincoli di lealtà, in base al principio del dono. Tali vincoli possono divenire oggetto di drammatici conflitti in situazioni complesse, poiché la lealtà può essere data sia ad oggetti presenti, che ad oggetti assenti

7 COSTRUTTI DI BASE Confine intrasistemico: segna la distanza fra famiglie nucleari, all interno della famiglia estesa (Corpo familiare Cigoli, 1992) Confine intersistemico: regola la distanza fra famiglia nucleare o allargata- e il sistema sociale

8 COSTRUTTI DI BASE 2) Ruolo del Negativo: L assenza ha un ruolo primario dello sviluppo del bambino (es. oggetto transizionale) Nel 1917 Freud scrive a proposito del lavoro svolto dal lutto: l esame di realtà ha dimostrato che l oggetto amato non c è più e comincia ad esigere che tutta la libido sia ritirata da ciò che è connesso a tale oggetto. [ ] La normalità è che il rispetto della realtà prende il sopravvento. Tuttavia questo compito non può essere realizzato immediatamente. Esso può essere portato avanti solo un poco per volta. Nel frattempo l esistenza dell oggetto perduto viene psichicamente prolungata. Tutti i ricordi e le aspettative con riferimento ai quali la libido era legata all oggetto vengono evocati e sovrainvestiti uno ad uno, e il distacco della libido si effettua in relazione a ciascuno di essi. Lo scopo ultimo del processo di lutto: è, dunque, quello di sciogliere il legame libidico con un oggetto d amore

9 COSTRUTTI DI BASE Se c è una perdita è possibile conservare qualcosa dell immagine dell oggetto perduto (una rappresentazione interna) ed elaborarne il lutto. Diversamente, nell assenza, la possibilità che il soggetto conservi una rappresentazione della presenza dell oggetto non disponibile è funzione del tempo: se l assenza si prolunga oltre un dato limite, misurato in minuti, ore o giorni, allora il ricordo o la rappresentazione interna svanisce (Winnicott 1971, pag. 44), RAPPRESENTAZIONE DEL NEGATIVO. Il vuoto diventa l unica cosa reale: il negativo è il solo positivo. Kaes R, Faimberg H, Enriquez M., Baranes J. (1995). La trasmissione della vita psichica fra le generazioni. Roma: Borla

10 COSTRUTTI DI BASE Tema del negativo Fulcro della trasmissione psichica, intesa come trasmissione dell assenza, dell oggetto morto, di ciò che si è incistato nell inconscio e che non ha avuto accesso all elaborazione e alla simbolizzazione. La trasmissione si organizza a partire da ciò che manca, da ciò che non è avvenuto, da ciò che non è rappresentabile come ci si rapporta all oggetto assente? ricordo, rimpianto, simbolizzazione, negazione, evitamento ed oscillano fra la libertàflessibilità e l irrigidimento. COMPRENDERE LE MODALITÀ DI APPROCCIO ALL OGGETTO ASSENTE O DISTANTE SONO CRUCIALI NELLE SITUAZIONI DI DOPPIA APPARTENENZA.

11 COSTRUTTI DI BASE PAULINE BOSS E GREENBERG (1984); BOSS (1988, 1990, 1992, 1999), Ispirandosi all interazionismo simbolico e al modello ABC-X sullo stress familiare (Hill, 1949) hanno studiato gli effetti della perdita di un membro della famiglia. Perdita Ambigua (Ambiguous Loss) Una perdita si può definire ambigua quando le informazioni provenienti dall esterno o dall interno del sistema familiare sono parziali, poco chiare, contraddittorie, con modalità protratte nel tempo; oppure quando, pur in presenza di informazioni chiare, i soggetti le ignorano mediante processi di negazione Ambiguità Dei Confini Familiari (Family Boundary Ambiguity) Percepire ambiguamente i confini familiari vuol dire non sapere più con certezza chi faccia parte o meno della propria famiglia, con quali ruoli e con quali compiti.

12 COSTRUTTI DI BASE HIGH BA LOW BA Assenza fisica Presenza fisica Presenza psicologica Assenza psicologica Assenza fisica Presenza fisica Assenza psicologica Presenza psicologica Ex coniugi e i figli continuano a vivere come se l altro genitore fosse ancora presente, mantenendo inalterati i ruoli e le dinamiche comunicative e relazionali precedenti; Nei casi più problematici, in cui la coppia non arriva ad un divorzio psichico, questo può determinare nei figli la percezione di una assenza psicologica dei genitori, pur in presenza di una convivenza, o di contatti frequenti.

13 INTERROGATIVI Il dilemma della doppia appartenenza è presente nei soggetti che affrontano tali transizioni, oppure è denegato? Con quali procedure mentali è affrontato? Viceversa, quali procedure rendono possibile il diniego? Soluzione auspicabile: Mantenere in vita la complessità; intrecciare le appartenenze, sapendo distinguere e differenziare.

14 DESCRIZIONE DELLO STRUMENTO Materiale Consegne Tempi di somministrazione (variano in funzione del coinvolgimento, delle modalità di somministrazione, delle resistenze del soggetto, ) Modalità di somministrazione: individuale congiunta confronto temporale individuale con punto di vista di un familiare

15 DESCRIZIONE DELLO STRUMENTO ISTRUZIONE: questo rettangolo rappresenta il tuo mondo, cioè quello che ti interessa, le persone per te importanti. Lo spazio esterno al rettangolo è tutto ciò che c è al di fuori di questo mondo. Sono previste cinque consegne: 1) Disegna con un simbolo (per esempio, un cerchietto) te stesso e collocati dove vuoi 2) Ora disegna, sempre mediante un simbolo, le persone per te importanti e collocale dove vuoi. Le persone importanti possono essere in questo momento vicine o lontane, ma sono comunque importanti per te 3) Ora racchiudi con uno stesso cerchio le persone che, secondo te, fanno parte della stessa famiglia. Puoi disegnare uno o più cerchi, come ritieni più vero per te Se uno dei due elementi cruciali del conflitto di appartenenza non è stato collocato spontaneamente dal soggetto, il test prevede una richiesta esplicita in proposito: 4) Secondo te, dove potrebbe essere collocato (l elemento mancante)? 5) Se avessi una bacchetta magica, cosa cambieresti di questo disegno? C è qualche persona che non hai segnato e vorresti aggiungere? C è qualche persona che ti piacerebbe fosse in un altra posizione? Chi? Dove vorresti collocarla?

16 PROCEDURA DI ANALISI VALUTAZIONE GLOBALE VALUTAZIONE ELEMENTARISTICA: a) Disposizione degli elementi nel foglio: - Disegno ricco/equilibrato - Prevalenza del vuoto - Caotico/pieno - Utilizzo degli angoli b) Tipologia/dimensione dei simboli

17 PROCEDURA DI ANALISI VALUTAZIONE DEL SENTIMENTO DI APPARTENENZA - Impossibilità ad esprimere alcuna appartenenza - Appartenenza ad un nucleo che include almeno una figura primaria di riferimento - Appartenenza ad un nucleo composto solo dalla parentela allargata - Appartenenza ad un nucleo composto da estranei ANALISI DEI POLI CONFLITTUALI: - Nella fase spontanea del disegno sono presenti tutti gli elementi che scatenano il conflitto intrapsichico di lealtà-appartenenza? (che dipendono dalla problematica familiare e dal soggetto intervistato) - I poli conflittuali assenti, sono inseriti su richiesta del somministratore, e dove?

18 PROCEDURA DI ANALISI MODALITÀ DI RAPRESENTAZIONE DEI POLI CONFLITTUALI Quali famiglie? Quali elementi in ciascuna famiglia? Modalità integrative 1) Integrazione delle molteplici appartenenze 2) Sdoppiamento (il soggetto si rappresenta più volte, includendosi in più famiglie) 3) Unico insieme allargato (padre-madre-figli-altre persone significative) 4) Unico insieme nucleare (padre-madre-figli) Modalità non integrative 5) Una famiglia per ogni persona 6) Isolamento (autoesclusione dai confini familiari) 7) Dispersione dei confini 8) Insieme dei fratelli 9) Schieramento

19 PROCEDURA DI ANALISI MODALITÀ DI MASSICCIO EVITAMENTO DEL CONFLITTO - Soppressione di uno o più poli conflittuali - Elevate resistenze e difficoltà nella successiva rappresentazione - Collocazione verbale, non grafica, del polo conflittuale - Incapacità di verbalizzare, rifiuto ad eseguire le consegne, errata comprensione - Allontanamento fisico del foglio, reazioni di ansia, disagio, disturbo, angoscia; aggressività verso il somministratore

Tratteremo: Il disegno congiunto della famiglia. Lo Sceno Test

Tratteremo: Il disegno congiunto della famiglia. Lo Sceno Test Tratteremo: Il disegno congiunto della famiglia La doppia luna Lo Sceno Test Il disegno congiunto della famiglia Tra gli strumenti più diffusi nelle pratiche conoscitive e valutative ps con: Bambini Persone

Dettagli

Il now-for-next in psicoterapia La psicoterapia della Gestalt raccontata nella società post-moderna

Il now-for-next in psicoterapia La psicoterapia della Gestalt raccontata nella società post-moderna Il now-for-next in psicoterapia La psicoterapia della Gestalt raccontata nella società post-moderna Autore: Margherita Spagnuolo Lobb QUARTA DI COPERTINA La psicoterapia della Gestalt vede la relazione

Dettagli

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO M. Pincherle IMPORTANZA DELL AMBIENTE DI VITA E DELLE ESPERIENZE 1 Importanza di una buona relazione di attaccamento con la figura materna Concetto

Dettagli

Adozione terminabile o interminabile? Un contributo di ricerca. Ondina Greco

Adozione terminabile o interminabile? Un contributo di ricerca. Ondina Greco Adozione terminabile o interminabile? Un contributo di ricerca Ondina Greco Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla famiglia Università Cattolica, Milano ondina.greco@unicatt.it Provincia di Lecce Corso

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Focus La trattazione delle conseguenze psicologiche della separazione su: CHI DECIDE

Dettagli

LA MEDIAZIONE FAMILIARE

LA MEDIAZIONE FAMILIARE LA MEDIAZIONE FAMILIARE Nel corso dell ultimo decennio, in Italia, si è organizzato un movimento di opinione con lo scopo di promuovere con un approccio conciliativo e sull esempio di esperienze internazionali

Dettagli

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Nell ambito del progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti si è proceduto alla realizzazione di quattro focus

Dettagli

Sostegno psicologico alla donna con tumore al seno

Sostegno psicologico alla donna con tumore al seno Sostegno psicologico alla donna con tumore al seno Dott.ssa Simona Di Giovanni Psicologa Psicoterapeuta familiare Convegno 9 giugno 2012 Tivoli Indice argomenti Reazioni e vissuti alla diagnosi di tumore

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Il bambino con ADHD a scuola

Il bambino con ADHD a scuola Teramo 20-04-2010 Dott.ssa Adriana Sigismondi ADHD Caratteristiche DISATTENZIONE IMPULSIVITA IPERATTIVITA 1 1 ATTENZIONE I bambini con un disturbo di attenzione manifestano problemi in compiti che richiedono

Dettagli

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Dott.ssa Manuela Bina Ph.D.* ** in collaborazione con Elena Cattelino**, Silvia Bonino*, Emanuela Calandri* *Università degli Studi

Dettagli

La Coppia e La Famiglia. www.centrostudiperizie.com s.lamarca@centrostudiperizie.com

La Coppia e La Famiglia. www.centrostudiperizie.com s.lamarca@centrostudiperizie.com La Coppia e La Famiglia www.centrostudiperizie.com s.lamarca@centrostudiperizie.com Nel definire la terapia della famiglia o terapia di coppia dobbiamo puntualizzare le sue differenze rispetto alla terapia

Dettagli

Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità

Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Facoltà di Psicologia Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità VOCI DI COPPIE MIGRANTI DAL

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IL CONFLITTO

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IL CONFLITTO LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IL CONFLITTO IL GIOCO DELL INTERRELAZIONE annalisa amadi Latina Scalo 22-23 giugno 2013 1 il conflitto si esprime attraverso i comportamenti 2 il comportamento è la manifestazione

Dettagli

La Valutazione dell Attaccamento

La Valutazione dell Attaccamento La Valutazione dell Attaccamento La Strange Situation L Adult Attachment Interview La I.A.L. (Intervista sull Attaccamento in età di Latenza) La Strange Situation La S.S. è una modalità osservativa che

Dettagli

Adolescenza: la coppia scoppia?

Adolescenza: la coppia scoppia? Adolescenza: la coppia scoppia? Cambiamento e conflittualità in adolescenza dei genitori e dei figli Valeria D Anchise Psicologa, Psicoterapeuta, Diagnosi DSA Sonja Riva Professional Counselor, Mediatrice

Dettagli

AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI

AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI ASSISTENZA PSICOLOGICA AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI dott.ssa Carmela Tanese (Taranto) psiconcologa con il supporto incondizionato di Persone famiglie Spesso le persone le famiglie

Dettagli

Parent training per l ADHD

Parent training per l ADHD Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi Parent training per l ADHD Programma CERG: sostegno cognitivo, emotivo e relazionale dei

Dettagli

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI L esperienza del bambino, gli aspetti giuridici, il padre adottivo: costruire i nuovi legami familiari a cura di Fiamma Buranelli, Patrizia Gatti e Emanuela Quagliata Presentazione

Dettagli

Servizi di psicologia per la famiglia, per i genitori e i figli

Servizi di psicologia per la famiglia, per i genitori e i figli www.centroap.it Servizi di psicologia per la famiglia, per i genitori e i figli TEST DI RIUSCITA SCOLASTICA PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO svolto sul sito del Centro AP www.orientastudenti.it

Dettagli

CAMMINANDO SI APPRENDE LA VITA

CAMMINANDO SI APPRENDE LA VITA 1 PROGETTO RIVOLTO AI MINORI CAMMINANTI AFFERENTI ALLA UONPI CAMMINANDO SI APPRENDE LA VITA Anno Scolastico 2011-2012 INTRODUZIONE Alunni in difficoltà a scuola per apprendimenti insufficienti costituiscono

Dettagli

PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE. Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna

PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE. Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna Milano, 10 giugno, 2011 Genitorialità adottiva Bambini e bambine

Dettagli

Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia

Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia PREMESSA L OSA (operatore/operatrice socioassistenziale) - Ha uno statuto di professionista qualificato con Attestato

Dettagli

Nelle politiche dell'ue il tema famiglia non trova particolare rilievo poiché la competenza in questa materia è rinviata ai singoli Stati.

Nelle politiche dell'ue il tema famiglia non trova particolare rilievo poiché la competenza in questa materia è rinviata ai singoli Stati. Rubbettino Università, Soveria Mannelli 2009 Nelle politiche dell'ue il tema famiglia non trova particolare rilievo poiché la competenza in questa materia è rinviata ai singoli Stati. Diversi sono tuttavia

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

DALLA PARTE DEI GENITORI Orciano (PU) 29.10.2010

DALLA PARTE DEI GENITORI Orciano (PU) 29.10.2010 DALLA PARTE DEI GENITORI Orciano (PU) 29.10.2010 La famiglia etica EDUCAZIONE AUTORITARIA 1. Comando 2. Responsabilità del padre 3. Severità 4. Esemplarità 5. Paura e senso di colpa del bambino La famiglia

Dettagli

La Sindrome Post Aborto Volontario: aspetti clinici, psicopatologici. Dr. Enza Sansone

La Sindrome Post Aborto Volontario: aspetti clinici, psicopatologici. Dr. Enza Sansone La Sindrome Post Aborto Volontario: aspetti clinici, psicopatologici Dr. Enza Sansone L IVG, oltre a costituire un trauma legato alla perdita stessa, rappresenta un momento di particolare sofferenza psichica

Dettagli

Come leggere le trasformazioni della famiglia oggi? Le transizioni familiari La conciliazione famiglia lavoro Quali sono le caratteristiche delle

Come leggere le trasformazioni della famiglia oggi? Le transizioni familiari La conciliazione famiglia lavoro Quali sono le caratteristiche delle Come leggere le trasformazioni della famiglia oggi? Le transizioni familiari La conciliazione famiglia lavoro Quali sono le caratteristiche delle reti di famiglie? Come promuovere le reti di famiglie oggi?

Dettagli

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità COMUNE DI BOLOGNA ALLEGATO al: PROTOCOLLO D INTESA tra IL COMUNE DI BOLOGNA E IMPRESE, COOPERATIVE E ASSOCIAZIONI PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE TATA BOLOGNA PER UN SERVIZIO DI BABY SITTER.

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

LO SVILUPPO, IL BAMBINO, L AMBIENTE

LO SVILUPPO, IL BAMBINO, L AMBIENTE URIE BRONFENBRENNER E L APPROCCIO ECOLOGICO - PRIMA PARTE PROF. BARBARA DE CANALE Indice 1 LO SVILUPPO, IL BAMBINO, L AMBIENTE -------------------------------------------------------------------------

Dettagli

ricerca di relazioni sociali e affettive fuori dalla famiglia, con i coetanei; è

ricerca di relazioni sociali e affettive fuori dalla famiglia, con i coetanei; è L adolescenza è una fase di sviluppo che copre approssimativamente il periodo che va dagli 11 ai 22 anni. La parola pubertà è spesso utilizzata per denotare manifestazioni fisiche dello sviluppo sessuale.

Dettagli

Welfare ATM Un sistema di servizi alla persona

Welfare ATM Un sistema di servizi alla persona Welfare ATM Un sistema di servizi alla persona Emanuela Salati Direttore Selezione, Formazione e Comunicazione Interna ATM Direzione Risorse Umane e Organizzazione Obiettivi del sistema di Welfare ATM

Dettagli

Presentazione di Giorgio Nardone Presentazione di Giovanni Poles Presentazione di Ines Testoni

Presentazione di Giorgio Nardone Presentazione di Giovanni Poles Presentazione di Ines Testoni Indice Presentazione di Giorgio Nardone XIX Presentazione di Giovanni Poles XXI Presentazione di Ines Testoni Emozioni senza via d uscita XXIII XXVII Parte teorica Capitolo 1 Lutto e perdita: dalle definizioni

Dettagli

Quali sono? Da dove iniziamo? La diagnosi. Transizioni evolutive. shock rifiuto senso di colpa e d inadeguatezza. La comunicazione della diagnosi

Quali sono? Da dove iniziamo? La diagnosi. Transizioni evolutive. shock rifiuto senso di colpa e d inadeguatezza. La comunicazione della diagnosi Dipartimento di Scienze Pediatriche Mediche e Chirurgiche U.O.C Clinica Pediatrica Università di Messina SUPPORTO PSICOLOGICO Psicologa Dott.ssa Maria Pecoraro Da dove iniziamo? La diagnosi La diagnosi

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE

SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE CORSO SULLA PSICOMOTRICITA' LA PSICOMOTRICITA E IL LUOGO DEL SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE CONOSCENZA DI SE' ORGANIZZAZIONE DEL MOVIMENTO COORDINAZIONE DINAMICA GENERALE PERCEZIONE E REGOLAZIONE DEL MOVIMENTO

Dettagli

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD)

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) In una classe di circa 20 alunni, si può ipotizzare che ci sia un bambino con DDAI ma aver più di due casi per classe è davvero

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELLA COMUNICAZIONE

LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELLA COMUNICAZIONE LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELLA COMUNICAZIONE Lauree Magistrali - Facoltà di Psicologia LM in Psicologia dello Sviluppo e della Comunicazione (Classe LM 051) CHE COSA SI INSEGNA

Dettagli

Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015

Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015 Maria-Grazia Bacchini Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015 I diritti dei bambini e la Convenzione di New York 20 novembre 1989 ratificata in Italia il 27 maggio 1991 definisce

Dettagli

Dott.ssa Graziana Campanato

Dott.ssa Graziana Campanato ,UHTXLVLWLGHOODIDPLJOLDDGRWWLYDQHOO DGR]LRQHLQWHUQD]LRQDOH Dott.ssa Graziana Campanato / LGRQHLWjGHOODIDPLJOLDVRVWLWXWLYDQHOO $, I requisiti richiesti dalla legge per l adozione internazionale sono gli

Dettagli

Che cos è la teoria della mente

Che cos è la teoria della mente Che cos è la teoria della mente La teoria della mente è la capacità di intuire o comprendere gli stati mentali propri e altrui, i pensieri, le credenze, i ragionamenti, le inferenze, le emozioni, le intenzioni

Dettagli

Descrizione della metodologia durante il percorso adottivo

Descrizione della metodologia durante il percorso adottivo Descrizione della metodologia durante il percorso adottivo 1. Informazione preliminare all eventuale conferimento incarico. Il primo approccio al GVS avviene di solito per telefono: la coppia è invitata

Dettagli

Benessere del personale e stress lavoro correlato Sondaggio PREVIMIL 2013

Benessere del personale e stress lavoro correlato Sondaggio PREVIMIL 2013 Questionario sul benessere del personale Resoconto PREVIMIL 2013 Benessere del personale e stress lavoro correlato Sondaggio PREVIMIL 2013 Questionario sul benessere del personale Resoconto PREVIMIL 2013

Dettagli

Filosofia e psicologia. Gnoseologia, casualità, genere umano. Il genere umano Il metodo. L'identità umana. - Milano : Cortina Editore, 2002 291 p.

Filosofia e psicologia. Gnoseologia, casualità, genere umano. Il genere umano Il metodo. L'identità umana. - Milano : Cortina Editore, 2002 291 p. CATALOGO FILOSOFIA E PSICOLOGIA Filosofia e psicologia. Gnoseologia, casualità, genere umano. Il genere umano Il metodo. L'identità umana. - Milano : Cortina Editore, 2002 291 p. Il metodo. La natura della

Dettagli

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice INSEGNAMENTO DI PSICOLOGIA DELL ORIENTAMENTO SCOLASTICO E PROFESSIONALE LEZIONE I ORIENTAMENTO E PSICOLOGIA PROF.SSA ANNAMARIA SCHIANO Indice 1 L orientamento: significato e tipologie ---------------------------------------------------------------

Dettagli

Kurt Lewin (1890-1947)

Kurt Lewin (1890-1947) Kurt Lewin (1890-1947) Famiglia ebraica. Nasce in Prussia nella odierna Polonia. Partecipa alla I guerra mondiale. Si laurea e inizia a insegnare all università di Berlino. 1933 emigra negli USA. Sviluppa

Dettagli

CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI

CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI CLASSI PRIME La famiglia nella società Le nuove famiglie e le varie tipologie Una famiglia per crescere e dialogare La teoria

Dettagli

Genitori con la patente

Genitori con la patente Genitori con la patente Associazione di Promozione Sociale Via Don Tonino Bello, 20 00132 ROMA Iniziativa di SOSTEGNO ALLA GENITORIALITA E PRESIDIO PSICOLOGICO RELAZIONE DESCRITTIVA A cura di Dott.ssa

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment.

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. A. Genovese, M. Bassetti, S. Scaramuzza Centro per i Disturbi del Comportamento

Dettagli

Gli obiettivi di piano per le demenze. «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza»

Gli obiettivi di piano per le demenze. «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza» Gli obiettivi di piano per le demenze Centro Regionale di Neurogenetica «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza» Maria Mirabelli psicologa-psicoterapeuta Centro Regionale

Dettagli

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI Il concepimento, la gravidanza, il primo anno: la formazione di un legame profondo e le difficoltà del percorso a cura di Emanuela Quagliata e Marguerite Reid Presentazione

Dettagli

Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi

Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi Elisa Ceccarelli, già Presidente del Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Destano particolare allarme e doloroso

Dettagli

OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)

OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*) CeSDES s.a.s Meina 28046 -Via Sempione 187 Milano 20126 Via P.Caldirola 6 sc.q OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

I test psicologici per l'affidamento dei figli nelle separazioni e nei divorzi. Le separazioni e i divorzi in presenza di figli sono quasi sempre

I test psicologici per l'affidamento dei figli nelle separazioni e nei divorzi. Le separazioni e i divorzi in presenza di figli sono quasi sempre I test psicologici per l'affidamento dei figli nelle separazioni e nei divorzi Le separazioni e i divorzi in presenza di figli sono quasi sempre emotivamente invasive, poiché provocano un distacco dei

Dettagli

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia ABSTRACT PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia La riforma del sistema scolastico ha delineato nuovi possibili scenari all interno dei quali devono

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

RIFLESSIONI SULL INTERVENTO DEL PROF. MAURO POLACCO,

RIFLESSIONI SULL INTERVENTO DEL PROF. MAURO POLACCO, Corso annuale in pratica psicomotoria 25 novembre 2006 Cracco Martina 1 gruppo di formazione personale RIFLESSIONI SULL INTERVENTO DEL PROF. MAURO POLACCO, LA FATICA DI CRESCERE. INTRODUZIONE Partendo

Dettagli

Giovedì 15 Marzo 2012

Giovedì 15 Marzo 2012 Giovedì 15 Marzo 2012 L ESPERIENZA DEL MORIRE COME AIUTARE I BAMBINI AD AFFRONTARE LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA SILVIA VARANI Psicoterapeuta Fondazione ANT Italia Onlus Fratelli, a un tempo stesso, Amore

Dettagli

GLI EFFETTI DELL ADOZIONE SUL SISTEMA dei SERVI SOCIO-SANITARI Una ricerca sugli esiti adottivi nel territorio dell Ulss 5 ovest-vicentino

GLI EFFETTI DELL ADOZIONE SUL SISTEMA dei SERVI SOCIO-SANITARI Una ricerca sugli esiti adottivi nel territorio dell Ulss 5 ovest-vicentino GLI EFFETTI DELL ADOZIONE SUL SISTEMA dei SERVI SOCIO-SANITARI Una ricerca sugli esiti adottivi nel territorio dell Ulss 5 ovest-vicentino Pianezzola Giulia In questi ultimi anni le adozioni nazionali

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli Il disagio in età evolutiva Il disagio in età evolutiva ha origine dall interazione tra diverse variabili

Dettagli

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA DONATA BIANCHI, SILVIA MAMMINI, ROSA DI GIOIA ...FINALITÀ verificare

Dettagli

ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee?

ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee? Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella ADOLESCENZA - ADOLESCENZE 1 ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee? 2 1 3 ADOLESCENZA Qual è il periodo

Dettagli

SERVIZIO DI PSICOLOGIA CLINICA E COUNSELING

SERVIZIO DI PSICOLOGIA CLINICA E COUNSELING SERVIZIO DI PSICOLOGIA CLINICA E COUNSELING PER STUDENTI E PERSONALE LUMSA Il Servizio di Psicologia clinica nasce dalla collaborazione scientifica tra il Corso di laurea in Psicologia della LUMSA e il

Dettagli

Progetto Co.r.re.l.a.re. I servizi per l infanzia come luogo di integrazione. L italiano L2 dei più piccoli: come si apprende, come si insegna

Progetto Co.r.re.l.a.re. I servizi per l infanzia come luogo di integrazione. L italiano L2 dei più piccoli: come si apprende, come si insegna Progetto Co.r.re.l.a.re I servizi per l infanzia come luogo di integrazione L italiano L2 dei più piccoli: come si apprende, come si insegna Lodi 8 aprile 2013 Gabriella Lessana Cosa fare all inizio? Per

Dettagli

PROGETTO CAREGIVER ''Sostenere chi sostiene''

PROGETTO CAREGIVER ''Sostenere chi sostiene'' PROGETTO CAREGIVER ''Sostenere chi sostiene'' Studio Associato di Psicologia Dott.ssa Boschetti Manuela Dott.ssa Bronzetti Romina Dott.ssa Croatti Roberta Dott.ssa Zanotti Ilenia Cell. 334 8458393 Cell.

Dettagli

Messina, 18 marzo 2010. Gioacchino Lavanco. Professore ordinario di Psicologia di comunità Università di Palermo

Messina, 18 marzo 2010. Gioacchino Lavanco. Professore ordinario di Psicologia di comunità Università di Palermo Messina, 18 marzo 2010 Linguaggio criminale e sentire mafioso PROBLEMI SOCIALI E PROBLEMI PSICOLOGICI Gioacchino Lavanco Professore ordinario di Psicologia di comunità Università di Palermo SOMMARIO: INTRODUZIONE

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia diocesi di Termoli Larino Centro per la Famiglia nella Cittadella della Carità Di cosa si occupa un centro per la famiglia? Informazione sui servizi, le risorse e le opportunità, istituzionali e informali,

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

IL RISCHIO PSICOSOCIALE E LO STRESS LAVORO CORRELATO. Di Vincenza Bruno e Franco Simonini

IL RISCHIO PSICOSOCIALE E LO STRESS LAVORO CORRELATO. Di Vincenza Bruno e Franco Simonini IL RISCHIO PSICOSOCIALE E LO STRESS LAVORO CORRELATO Di Vincenza Bruno e Franco Simonini Parole chiave Rischio psicosociale, stress, sistemi sociali, organizzazione del lavoro IL RISCHIO PSICOSOCIALE E

Dettagli

Comprendere come sfruttare le differenze individuali per attirare, motivare e trattenere collaboratori di talento Topics

Comprendere come sfruttare le differenze individuali per attirare, motivare e trattenere collaboratori di talento Topics Comportamento manageriale A.A. 2012/2013 Dott.ssa Monia La Verghetta Obiettivo Comprendere come sfruttare le differenze individuali per attirare, motivare e trattenere collaboratori di talento Topics Valori

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA

SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA 1 Il suddetto progetto consiste in una serie di proposte atte a promuovere un graduale inserimento alla Scuola dell Infanzia

Dettagli

Il Consultorio Giovani OPEN G G

Il Consultorio Giovani OPEN G G La richiesta d aiuto d del genitore per il figlio adolescente Il Consultorio Giovani OPEN G G Dr. Fiorello Ghiretti,, psicologo OPEN G G IL CONSULTORIO GIOVANI istituito nel 1990 è un servizio di prevenzione

Dettagli

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it Indicatori fisici Lividi, ustioni, lacerazioni, fratture Ritardo o arresto della crescita Lesioni traumatiche dell apparato genitale ed anale Denutrizione Aspetto gravemente sofferente Abbigliamento inadeguato

Dettagli

Parte speciale corso di Statistica per la ricerca psicologica e sociale (9 CFU) Corso di STATISTICA PER LA RICERCA PSICOLOGICA E SOCIALE 9 CFU

Parte speciale corso di Statistica per la ricerca psicologica e sociale (9 CFU) Corso di STATISTICA PER LA RICERCA PSICOLOGICA E SOCIALE 9 CFU Corso di STATISTICA PER LA RICERCA PSICOLOGICA E SOCIALE 9 CFU Prof. Ernesto Toma Parte speciale versione provvisoria aggiornata al 21-1-2014 1 Premessa Le pagine che seguono questa mia breve premessa

Dettagli

La valutazione del percorso formativo

La valutazione del percorso formativo La valutazione del percorso formativo L esperienza del biennio di Padova 1999-2000 Maria Carla Acler Premessa Il presente lavoro nasce dal desiderio di diffondere tra i colleghi l esperienza maturata all

Dettagli

LA VIOLENZA FAMILIARE

LA VIOLENZA FAMILIARE LA VIOLENZA FAMILIARE Stefania Brignone Psicologa, psicoterapeuta, Milano E-mail: brignone.stefania@libero.it Pubblicato su www.psicotraumatologia.com La violenza familiare rappresenta uno degli argomenti

Dettagli

COLLABORAZIONI TRA GIUDICI, AVVOCATI E CTU NEL CONFLITTO FAMILIARE Claudia SPETTU

COLLABORAZIONI TRA GIUDICI, AVVOCATI E CTU NEL CONFLITTO FAMILIARE Claudia SPETTU COLLABORAZIONI TRA GIUDICI, AVVOCATI E CTU NEL CONFLITTO FAMILIARE Claudia SPETTU PD&.IT psicologa, psicoterapeuta, Cagliari Affrontare la questione della regolamentazione dei rapporti genitori figli nei

Dettagli

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI SECONDO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B SECONDO INCONTRO Istituto:

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Il sottoscritto (solo padre o madre) COGNOME NOME presenta domanda di ammissione per il minore: Cognome Nome nato/a il Residente a via n cap Tel. casa Tel. Cell. madre Tel. Cell.

Dettagli

Indice 1 IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE ------------------------------------------------------------------- 3

Indice 1 IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE ------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE: IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE ------------------------------------------------------------------- 3 2 di

Dettagli

Lo sviluppo sociale nell adolescenza

Lo sviluppo sociale nell adolescenza Lo sviluppo sociale nell adolescenza che avvengono durante l adolescenza sul piano fisico e intellettuale si accompagnano a rilevanti modificazioni dell assetto sociale e personale

Dettagli

FAMIGLIA E DIVORZIO. di Roberto Cirone

FAMIGLIA E DIVORZIO. di Roberto Cirone FAMIGLIA E DIVORZIO di Roberto Cirone Difesa della famiglia e possibilità di divorzio sembrano i termini di una contrasto irrisolvibile. In realtà il divorzio può costituire una necessità, se è vero che

Dettagli

Giovanna Rossi, Forum delle Associazioni Familiari Roma, 17 maggio 2014

Giovanna Rossi, Forum delle Associazioni Familiari Roma, 17 maggio 2014 Come leggere le trasformazioni della famiglia oggi? Quali sono le caratteristiche delle reti di famiglie? Come promuovere le reti di famiglie oggi? Quale è il compito dell associazionismo multilivello

Dettagli

TINA LETTIERI Facilitatore di gruppo

TINA LETTIERI Facilitatore di gruppo TINA LETTIERI Facilitatore di gruppo Sono costituiti da persone e/o famiglie che condividono un problema e che si incontrano per assicurarsi reciproca assistenza e sostegno, per superare una situazione

Dettagli

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training Premessa Le famiglie con un figlio disabile si differenziano dalle altre famiglie a partire dalla nascita del figlio: problemi di accettazione,

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

1) Il mio avatar: uguali o diversi? L esercizio permette di apprendere il concetto di avatar e comprenderne la tipologia.

1) Il mio avatar: uguali o diversi? L esercizio permette di apprendere il concetto di avatar e comprenderne la tipologia. DISCUSSION STARTERS - Definisci a parole tue cosa è un avatar. - Quali sono le funzioni psicologiche dell avatar? - L avatar può essere sempre come tu lo vorresti? - Quanti tipi di avatar conosci? - In

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato PREMESSA Anche quest anno la programmazione risulterà aderente ai

Dettagli

Meglio i farmaci o i prodotti naturali?

Meglio i farmaci o i prodotti naturali? Meglio i farmaci o i prodotti naturali? Sondaggio Ecoseven / 4 RS 03.11 Giugno 2011 NOTA INFORMATIVA Universo di riferimento Popolazione italiana, maschi e femmine, 18-60 anni, utenti domestici di internet

Dettagli

Associazione Nardone-Watzlawick PROBLEM VERSUS SOLUTION ONLUS

Associazione Nardone-Watzlawick PROBLEM VERSUS SOLUTION ONLUS Associazione Nardone-Watzlawick PROBLEM VERSUS SOLUTION ONLUS PROPOSTA DI ATTIVAZIONE SPORTELLO DI ASCOLTO/SOSTEGNO GENITORI Soggetto proponente: Associazione Nardone - Watzlawick Problem versus Solution

Dettagli

Gli aspetti psicoeducativi nell adolescente autistico e il sostegno alle famiglie

Gli aspetti psicoeducativi nell adolescente autistico e il sostegno alle famiglie UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN TECNICO DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA Tesi di Laurea: nell adolescente autistico e il sostegno alle famiglie RELATORE:

Dettagli