SCHEMA DI RELAZIONE FINALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEMA DI RELAZIONE FINALE"

Transcript

1 SCHEMA DI RELAZIONE FINALE La relazione finale deve rendere evidente il livello di risultati raggiunti rispetto al progetto proposto e approvato. 1. Dati generali del progetto Titolo del progetto: Doppio Binario con molti scambi acronimo: Scambi Organismo proponente: Associazione Ligure Sindrome X-fragile - onlus Partner: Divertime Linea di attività: artistica Luogo di realizzazione del progetto: Genova Periodo di realizzazione dal 5 marzo 2011 al 5 maggio Descrizione sintetica del progetto L'idea del progetto è nata dalla necessità di creare dei contesti artistici adeguati ai quali possano accedere le persone con disabilità e, nei quali possano avere l'opportunità di sviluppare competenze artistiche e capacità relazionali, soddisfare la propria necessità di instaurare relazioni sociali. Il progetto prevede due interventi specifici e paralleli, nell'ambito della Danza e del Teatro con frequenti occasioni di condivisione, in un'ottica di scambio culturale e come strumenti per proporre percorsi operativi e di integrazione sociale. La Danza ability: è una tecnica che permette a persone abili e disabili di danzare insieme attraverso un percorso di ricerca che parte dalle specificità individuali. Lo scopo è rendere accessibile a tutti il linguaggio corporeo in tutte le sue forme,senza preclusioni di età, di esperienza o di condizione fisica e mentale. Non è una terapia ma un espressione artistica vera e propria. Le prerogative sono due: evitare che i partecipanti siano unicamente disabili e che i non disabili partecipino nel ruolo di assistenti. Ciascuno partecipa per sé e per gli altri e tutti fanno tutto, ognuno come può. Il teatro: Il percorso teatrale prevede il coinvolgimento del gruppo a un laboratorio nel quale è prevista la sperimentazione di tecniche di rappresentazione teatrale, cenni sulla scrittura di scena e di una sceneggiatura minima; modalità di organizzazione scenica e definizione dei ruoli, situazioni in funzione del pubblico. Parallelamente a completamento di queste attività si sono svolti due laboratori: uno di espressività pittorica per la realizzazione delle scenografie e uno di sartoria per i costumi, in collaborazione con l Istituto tecnico Duchessa di Galliera. In un'ottica di scambio e d integrazione con il territorio, i partecipanti hanno collaborato con alcuni alunni di due classi dell'istituto e con due docenti, una di tecniche sartoriali e l altra di allestimenti scenografici, con i quali hanno realizzato le scenografie e i costumi. Oltre alla realizzazione dei laboratori, i partecipanti hanno potuto condividere con i loro amici e i volontari esperienze indimenticabili: hanno potuto assistere a spettacoli teatrali a concerti, gite e visite guidate. Queste occasioni sono state utilizzate anche come pretesto per creare e favorire la condivisione delle esperienze con i volontari, organizzando prima o dopo l evento la consumazione di una pizza, una merenda, una festa di compleanno, una gita fuori città. Occasioni che si sono rivelate preziose poiché hanno rappresentato situazioni 1

2 di normalità in un contesto particolare, permettendo la creazione e il consolidamento di amicizie, favorendo la socializzazione. L'esperienza si è terminata con una visita a Cinecittà a Roma, dove i ragazzi hanno potuto vedere i grandi set cinematografici e scoprire come si realizza un film: i costumi, la scenografia, l allestimento di un set e la post produzione. Alcuni di loro hanno viaggiato in aereo per la prima volta nella vita, ed hanno dormito fuori casa senza i genitori, ma con gli amici, come accade normalmente e semplicemente ai loro coetanei "normotipi Questo è accaduto anche in occasione della visione dello spettacolo d illusionismo Misteri X al teatro Creberg di Bergamo, dove i partecipanti hanno potuto anche visitare la città vecchia e il castello di Malpaga. Il 28 aprile al Teatro della Gioventù e il 5 maggio al teatro Von Pauer si sono tenute le performance dei partecipanti, naturale conclusione dei percorsi di Teatro e di Danza. Questi momenti clou del progetto resteranno positivamente indimenticabili sia per loro sia per chi ha assistito. 3. Articolazione degli interventi realizzati (selezione dei partecipanti, fasi di accompagnamento, percorsi formativi e percorsi di pratica artistica/sportiva adottati, seminari, laboratori, manifestazione ed eventi) - Incontri per la presentazione del progetto alle famiglie e ai destinatari disabili, svolti presso le sedi delle organizzazioni partner del progetto. - Coinvolgimento dei volontari attraverso una serie di attività rivolte a pubblicizzare l iniziativa Distribuzione di depliant nelle scuole, invio di a tutte le organizzazioni di volontariato sul territorio, affissione di locandine presso le sedi delle associazioni di volontariato, Usl territoriali e i distretti sociali. Pubblicazione sul sito dell Associazione e istituzione di una pagina su facebook. Hanno aderito all iniziativa con modalità e tempi diversi ma rivestendo ruoli in ogni ambito del progetto, circa 30 persone. - Individuazione dei partecipanti Persone affette da Sindrome X-fragile e altre forme di disabilità mentale di grado variabile. Fascia d età anni in prevalenza maschi. Iscritti in totale Individuazione dello staff e dei volontari Lo staff ha assunto il compito fondamentale di creare il giusto spirito di gruppo svolgendo un ruolo di trait d union tra i disabili e i volontari, spesso non preparati alle relazioni con persone con disabilità mentale. La loro famigliarità con il problema e la professionalità che abitualmente mettono in campo, sono elementi preziosi per la riuscita dei nostri progetti. Durante tutto l iter progettuale a tutti i volontari partecipanti sono state offerte occasioni formative o di confronto con lo staff tecnico tra cui: - Seminario di formazione per i volontari (sabato 12 novembre, presso Villa Lanza incontro specifico sul progetto Scambi realizzato nell'ambito del progetto formativo per volontari In-formAzione percorso di formazione per volontari e aspiranti volontari per l'associazione Ligure Sindrome X Fragile, realizzato con la collaborazione di CELIVO (Centro Servizi per il Volontariato di Genova) Complessivamente il seminario è durato 2 mesi (dall 8 ottobre al 2 dicembre per un totale di 29 ore di formazione, circa 30 volontari partecipanti). - Realizzazione dei percorsi: Laboratorio di danza (n. 14 incontri di 2 ore a cadenza quindicinale) (vedere relazione allegata) Laboratorio di teatro (n. 14 incontri di 2 ore a cadenza quindicinale) (vedere relazione allegata) Laboratorio di costumi e scenografie (n. 10 incontri di 2 ore). _ Visione di spettacoli: - Musical: Notre Dame de Paris 9 luglio 2011 al Teatro Carlo Felice di Genova Happy Days 28 gennaio 2012 e Peter Pan 13 novembre 2011 Politeama Genovese; - Concerti: Lorenzo Jovanotti 1 dicembre 2011 e Laura Pausini 24 marzo 2012 al 105 Stadium Genova 2

3 - Spettacoli teatrali: Rumori Fuori Scena 6 febbraio 2012 al Teatro della Gioventù; Slava s Snowshow 31 marzo Politeama Genovese; Misteri X 14 aprile 2012 Teatro Creberg Bergamo ). - Visita degli Studio's di Cinecittà 22 aprile 2012, Roma - Divulgazione del progetto nelle seguenti occasioni: - Giornata Mondiale delle Malattie Rare, Genova, Palazzo Rosso (27 febbraio 2012); - Assemblea di tutti i Presidenti delle sezioni regionali dell'associazione Italiana Sindrome X Fragile Roma 3 febbraio Assemblea annuale Associazione Italiana Sindrome X Fragile sarà a Roma il 27 maggio Trasmissione su Primocanale - rubrica dedicata alle Associazioni di Volontariato - Genova 5 aprile 2012 (5 repliche) - Intervista rilasciata a Radionostalgia in onda il 23 aprile 2012 (4 repliche) - Articoli su diversi giornali locali: il Gazzettino Sampierdarenese; Sanremo News; Mentelocale, millemani) - Diffusione tramite Mailing list, sito web Associazione Ligure e Associazione Italiana, pagina face book - Pubblicazione sul sito del Celivo (Centro servizi volontariato Genova) - Distribuzione di depliant del progetto fra i partner, enti di formazione, scuole del territorio e in occasione di manifestazioni pubbliche nelle quali l'associazione è stata partecipe. - Il progetto sarà presentato, proiettando il video-documentario, nel corso della manifestazione: 15 Festa del Volontariato che si Terrà a Genova Sestri Ponente il giugno Realizzazione di 2 video dedicati al progetto: video-spot di 3 minuti presentato in occasione delle performance teatrali, convegni e altro, video-documentario di circa 25 minuti, per la narrazione del progetto complessivo, attraverso un collage di filmati che hanno catturato gli aspetti salienti, le emozioni, i retroscena di questa esperienza indimenticabile. Questo strumento sarà il miglior veicolo di diffusione dell esperienza progettuale. Sarà inviato a tutte le sezioni regionali dell Associazione Italiana Sindrome X-fragile, con la stesura integrale del progetto e le prassi di esecuzione, per proporlo in altre realtà territoriali come mezzo educativo, artistico, evolutivo e come valido strumento per inclusione sociale, dedicato a questo tipo di disabilità Il video-documentario e il progetto integrale, sarà pubblicizzato sul sito dell Associazione, il CD sarà inviato a tutti coloro che ne faranno richiesta - Eventi finali: Performance di teatro-danza dei partecipanti al progetto Doppio binario con molti scambi, percorsi artistici e d integrazione sociale sabato 28 aprile 2012, Teatro della Gioventù Genova Sabato 5 maggio Teatro Von Pauer Genova). 4. Tipologia dei destinatari effettivamente raggiunti Persone affette da Sindrome X-fragile, Autismo e altre forme non diagnosticate di ritardo mentale di grado variabile. Età media 24 anni, in prevalenza maschi per un totale inizialmente di 20 persone. Proprio per le caratteristiche dei partecipanti, non tutti hanno portato a termine il percorso progettuale. Alcuni si sono ritirati dopo il primo incontro, altri hanno frequentato con saltuarietà. Inoltre abbiamo consentito successivamente l ingresso ad altri partecipanti, tutto ciò nell ottica di Scambi e per offrire l opportunità di provare a frequentare i laboratori. Lo stesso è accaduto con i volontari, su circa 30 persone, tra chi collabora abitualmente e coloro che si sono aggregati proprio in occasione del progetto, non tutti hanno frequentato con costanza e disponibilità, alcuni occasionalmente, anche in funzione della loro disponibilità di tempo. E fisiologico che un progetto così 3

4 complesso per la tipologia dei partecipanti e per la durata, che ha coinvolto complessivamente più di 50 persone (beneficiari diretti, volontari, educatori, tutor, supervisori, coordinatori) alla fine identifichi un gruppo assiduo di partecipanti attivi e costanti ridotto rispetto al numero iniziale. 5. Personale coinvolto nella realizzazione del progetto e modalità di partecipazione La Presidente dell Associazione Ligure Sindrome X-fragile responsabile del progetto, ha svolto un attività di volontariato, volta principalmente all ideazione, al coordinamento, alle decisioni in merito allo svolgimento, e al controllo dell iter progettuale, oltre che alla gestione economica e alla rendicontazione. Ha assunto la responsabilità di condurre il gruppo di partecipanti agli spettacoli e nelle trasferte. In collaborazione con altri volontari dell Associazione. Il Sig. Vincenzo Lagalla, ha svolto un attività di volontariato, volta principalmente all ideazione del progetto, e alla consulenza in merito allo svolgimento dell iter progettuale e al coordinamento delle attività. I volontari che hanno aderito all iniziativa, hanno affiancato i tutor e gli educatori con sensibilità e attenzione, consentendo l esecuzione di tutto il percorso progettuale con serenità e sicurezza, soprattutto in occasione degli spettacoli e delle trasferte. La tutor Rossana Molinaro ha svolto la sua attività nell ambito del laboratorio di danza. Il tutor Riccardo Croci ha svolto la sua attività nell ambito del laboratorio di teatro L educatore Mauro Asirelli, ha svolto il compito di assistenza e accompagnamento nei laboratori di scenografie e costumi presso l Istituto Duchessa di Galliera, e di supporto nelle trasferte. L educatrice Fiorella Senni ha svolto il compito di assistenza nel corso dei laboratori di teatro-danza e nelle trasferte, degli spettacoli e delle occasioni conviviali. L educatrice Maria Ida Rapallo ha svolto il compito di assistenza nel corso dei laboratori di teatro-danza Tutti gli educatori e i supervisori si sono alternati in occasione delle attività in esterno per gli spettacoli e gli eventi, al fine di affiancare i volontari (in ogni occasione un numero di educatori e volontari minimo in rapporto uno a uno) e consentire lo svolgimento in tranquillità e sicurezza. Dott.ssa Paola Pallotti, ha svolto il ruolo di supervisore artistico, valutazioni in itinere e finali. 6. Impatto del progetto sul contesto socio-territoriale di riferimento e descrizione delle modalità di raggiungimento dell integrazione tra soggetti disabili e soggetti normalmente abili Le attività artistiche previste dal progetto: teatro (coordinazione spaziale, drammatizzazione, espressività, comunicazione non verbale), musica (ascolto attivo, guidato), ballo (danceability) creazione di costumi di scena, sono state proposte in chiave ludica e sono state particolarmente apprezzate dai partecipanti. Organizzando le attività in spazi idonei, affiancandoli a professionisti sensibili e competenti, coinvolgendo volontari coetanei, e terminando le attività laboratoriali con situazioni di convivialità e di divertimento, abbiamo acceso l interesse dei partecipanti. Il coinvolgimento dei volontari e la condivisione di attività piacevoli per tutti hanno creato una rete di amicizia e di abitudinaria frequentazione delle strutture e dei ragazzi ospiti, in un ruolo di condivisione e scambio, creando, di fatto, un gruppo che fa riferimento a un organizzazione a garanzia e tutela che mette a disposizione spazi e risorse per assecondare il consolidamento dell esperienza affinché i benefici si possano protrarre nel tempo. Il gruppo costituitosi in occasione del progetto Scambi, anche dopo la conclusione del progetto sta continuando a frequentarsi e a progettare altre situazioni per condividere sempre maggiori percorsi di vita comuni. 4

5 7. Corrispondenza tra gli obiettivi conseguiti e quelli previsti Riteniamo che gli obiettivi primari del progetto siano stati raggiunti pienamente. Il progetto prevedeva diversi obiettivi, in ambito artistico, formativo, di reclutamento di volontari e di socializzazione. Essendo un progetto sperimentale e non avendo altri modelli di riferimento si è proceduto, avvalendosi dell esperienza di collaboratori esperti, con molta attenzione ai risultati a breve termine e alle modifiche eventuali rispetto alle metodiche ed alle proposte. Quest attenzione ha fatto si che si assecondassero le necessità dei partecipanti e che si costruissero delle modalità di relazione efficaci. Questo lavoro di approfondimento teorico e conoscenza pratica delle migliori buone prassi d intervento e relazione sociale tra tutti i soggetti coinvolti, ha prodotto dei risultati che perdureranno nel tempo, metodi d intervento appropriato che potranno essere esportati in altre realtà e contesti territoriali. 8. Risultati e/o problemi non previsti ex ante Un problema non previsto ex ante è stato che, nonostante l'adesione iniziale al progetto, alcune famiglie, Non comprendendo appieno l'opportunità unica d integrazione sociale che offriva, non hanno posto la frequenza dei loro figli tra le loro priorità. Si è cercato di ovviare, eseguendo più incontri e colloqui informativi con i genitori e chiedendo di avere fiducia nel progetto e avere la costanza di frequentarlo. Chi ha assecondato questa richiesta ha avuto la sorpresa di costatare come fossero i figli stessi a chiedere di partecipare a quegli appuntamenti che poi sono diventati una consuetudine irrinunciabile; per questo ora che il progetto è terminato con grande dispiacere di tutti, continueremo a lavorare affinché il gruppo che si è costituito possa continuare ad incontrarsi periodicamente cercando di creare sempre occasioni di frequentazione e di Scambio. 9. Particolari problematiche (eventualmente) sorte e non previste inizialmente Sono sorte alcune problematiche che illustreremo sinteticamente. La più evidente è stata quella di riuscire a svolgere il progetto nei tempi previsti. La caratteristica dei partecipanti, le organizzazioni che frequentano e i programmi educativi già in essere, ha provocato delle ripercussioni sullo svolgimento temporale del progetto. La difficoltà principale era nel conciliare le esigenze personali di ognuno con lo svolgimento dei laboratori, tanto da essere costretti a chiedere un posticipo di due mesi per poterlo condurre a termine eseguendo tutte le prassi previste. Questo ha comportato anche un cambiamento rispetto alla presentazione dei progetti alla popolazione poiché i teatri che inizialmente avevano aderito al progetto (Kronoteatro e Il sipario strappato) dando la loro disponibilità non hanno avuto la possibilità di inserire nel programma il nostro spettacolo due mesi dopo il periodo previsto per la presentazione. Siamo riusciti ad ottenere Il teatro della Gioventù grazie alla disponibilità della Regione Liguria che, apprezzando la valenza del nostro progetto, l ha concesso gratuitamente e il Teatro Von Pauer per il quale abbiamo corrisposto un compenso minimo per i costi e i tecnici in regia. Dobbiamo anche prendere atto che i progetti che richiedono il coinvolgimento di un numero così elevato di disabili mentali, debbano prevedere dei tempi lunghi per produrre obiettivi visibili e utili. Il progetto originale approvato prevedeva nella macrovoce B circa ,00 per l acquisto di attrezzature audio-video per lo svolgimento dei laboratori. In seguito all accettazione del progetto siamo stati informati che non erano ammissibili gli acquisti di attrezzature ma era concesso di prenderle in leasing, questo ha comportato uno spostamento di questo capitolo di spesa sugli altri della stessa macrovoce (il leasing è nella macrovoce C ), che ci ha consentito di destinare maggiori risorse alla visione di spettacoli, concerti. con grande approvazione di tutti i partecipanti, ma ha comportato un maggior onere nelle spese del personale in quanto, per consentire lo svolgimento di questo tipo di attività con i disabili mentali non potevamo lasciare nulla all improvvisazione, ma fare in modo che potessero esserci sia volontari sia educatori in numero sufficiente per garantire la sicurezza e 5

6 nel frattempo meglio indirizzare gli obiettivi d integrazione sociale. Siamo molto grati ai volontari che nel corso del progetto si sono formati sufficientemente da saper affiancare adeguatamente gli educatori e quindi siamo riusciti a contenere i costi rimanendo nei limiti di spesa previsti dalla macrovoce A dedicata al personale. Inoltre sono state organizzate maggiori occasioni conviviali e situazioni che hanno favorivano la condivisione e l integrazione con i volontari. Un altra problematica emersa ha riguardato la collaborazione con l Istituto professionale Duchessa di Galliera rispetto alla conciliazione del progetto con l organizzazione scolastica e alla sospensione delle attività per i più svariati motivi (sciopero, riunioni, malattie dei docenti, problemi famigliari.). Inoltre avevamo auspicato di vedere coinvolti maggiormente gli alunni dell Istituto tecnico, anche al di fuori dei laboratori scolastici di costumi e scenografie, nella speranza che intervenissero maggiormente ai laboratori di teatro e danza. Questo è avvenuto in modo contenuto rispetto alle previsioni. 10. Giudizio complessivo sul progetto (Aspetti critici, buone pratiche sperimentate, spazi di miglioramento possibili) Ci sentiamo di esprimere un giudizio pienamente positivo sul progetto considerando sia i risultati in termini di competenze acquisite da parte dei partecipanti, livello di partecipazione e soddisfazione delle famiglie. Il percorso è stato monitorato indagando i punti di vista di tutte le persone coinvolte. Tutti i partecipanti al progetto (tranne quei pochi che si sono ritirati nel giro di poco tempo) hanno manifestato interesse per le attività proposte. Alcuni di loro si sono fatti coinvolgere maggiormente, altri di meno, ma c è stato comunque complessivamente un crescendo esponenziale dell interesse rispetto alle prime fasi progettuali. Anche chi ha partecipato meno, chi inizialmente non voleva nemmeno entrare nella stanza dove si svolgeva il laboratorio, a poco a poco ha accettato di farsi coinvolgere. I tutor hanno trovato il modo di catturare la loro attenzione, di includerli, di farli esprimere, di aiutarli a riconoscere e a manifestare le proprie emozioni, a identificare quelle degli altri, ad esprimere e gestire sentimenti, sogni, fantasie, paure, rabbie, ad entrare in relazione con gli altri, con il linguaggio, con lo sguardo, con il corpo, a sentirsi parte di un gruppo, accolti e coinvolti, ascoltati e compresi. Pensiamo che con ragazzi con questo tipo di disabilità, per i quali tutto ciò che è astratto è difficile da comprendere, da comunicare, riconoscere, i tutor abbiano trovato la chiave per tradurre in un linguaggio a loro comprensibile ciò che è intangibile. Tutto ciò per noi genitori non è poco. Possiamo concludere che l attività artistica come occasione d integrazione sociale si è rivelata una buona pratica che l Associazione cercherà di rendere una prassi consolidata anche attraverso il gruppo stabile di volontari che si è rinsaldato con il progetto. Tutti i documenti progettuali (progetto, relazioni finali, video, dossier fotografici,...) rappresentano gli strumenti per diffondere questa buona prassi e trasferirla anche in altre realtà locali, anche attraverso l associazione Italiana Sindrome x fragile. Punteremo a continuare ad applicare queste buone prassi e a diffonderle perché pensiamo che siano aspetti fondamentali della vita che non vanno tralasciati né sottovalutati. Come aspetto critico, come già evidenziato, segnaliamo la partecipazione degli studenti dell'istituto Duchessa di Galliera che avremmo auspicato maggiore sia in termini di numero di partecipanti sia di livello di partecipazione (che si è limitata ai laboratori di costumi e scenografie). Siamo però consapevoli di quanto l'integrazione sociale sia un cammino che richiede tempi lunghi e debba essere preceduto da un profondo percorso di sensibilizzazione. Questo è, senza dubbio, un aspetto che con il tempo può divenire un'area di miglioramento del progetto stesso. 6

7 11. Comunicazioni (eventuali) al Dipartimento o elementi da sottolineare Pensiamo che siano necessarie maggiori risorse per il personale. E giusto prevedere il coinvolgimento di volontari ma per la sicurezza e la buona riuscita dei progetti di questo tipo, il supporto di professionisti esperti è fondamentale. Per altri tipi di disabilità probabilmente sono sufficienti degli accompagnatori preparati, ma per disabilità con ritardo mentale, turbe psichiche, stereotipie, autolesionismo, ipercinesia e altre problematiche complesse e che possono spaventare i volontari impreparati, è necessario reclutare dei professionisti a supporto delle attività e come supervisori per insegnare le tecniche più adeguate di approccio alle problematiche ricorrenti ed anche agli imprevisti. (Il Legale Rappresentante) 7

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Premessa Aiutare i figli a orientarsi alla fine del quinquennio della scuola superiore, o sostenerli nella scelta di

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Liceo Mazzini - La Spezia a. s. 2010/11. classe 3 A Docente: Amadei Simonetta Laboratorio della comunicazione

Liceo Mazzini - La Spezia a. s. 2010/11. classe 3 A Docente: Amadei Simonetta Laboratorio della comunicazione Liceo Mazzini - La Spezia a. s. /11 classe 3 A Docente: Amadei Simonetta Laboratorio della comunicazione Nell ambito della programmazione di Laboratorio della Comunicazione, la nostra classe ha svolto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

RELAZIONE a.s. 2009-10

RELAZIONE a.s. 2009-10 per l'innovazione scolastica e l'handicap "Mario Tortello RELAZIONE a.s. 2009-10 a.s. 2009-10 Ampliamento patrimonio librario Aggiornamento sito Seminario Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio

PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio GENER-AZIONI PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio Con il sostegno di Circuito Regionale Danza in Sardegna, Associazione Enti Locali

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. 1 E costituita, nello spirito della Costituzione della Repubblica

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

SCHEDA PROGETTO ALLEGATO ALL ACCORDO TERRITORIALE DI GENERE

SCHEDA PROGETTO ALLEGATO ALL ACCORDO TERRITORIALE DI GENERE Pag 1 di 10 Provincia Progetto n. 1 Siena DATI DI SINTESI Titolo progetto : Relazioni di genere: dall infanzia all adolescenza 3 Acronimo: ReGen 3 Durata progetto: Anno scolastico 2013/2014 Costo complessivo

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

www.maestramary.altervista.org

www.maestramary.altervista.org Premessa ed obiettivi Il progetto "dietro le quinte" La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine drammatizzazione si intendono

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Sono Rosalba, socio-volontaria

Sono Rosalba, socio-volontaria PRIMAVERA 86 E PROGETTO CSERDI Rosalba Mancinelli Socia fondatrice e consigliere di amministrazione dell Organizzazione di volontariato Primavera 86. Pedagogista e insegnante Sono Rosalba, socio-volontaria

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

p e r i l c u r r i c u l u m

p e r i l c u r r i c u l u m F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Indirizzo Ferraina Caterina Rosaria Località Feudotto compl. AZUR Vibo Valentia Telefono 0963.94428 328/2888930

Dettagli