SCHEMA DI RELAZIONE FINALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEMA DI RELAZIONE FINALE"

Transcript

1 SCHEMA DI RELAZIONE FINALE La relazione finale deve rendere evidente il livello di risultati raggiunti rispetto al progetto proposto e approvato. 1. Dati generali del progetto Titolo del progetto: Doppio Binario con molti scambi acronimo: Scambi Organismo proponente: Associazione Ligure Sindrome X-fragile - onlus Partner: Divertime Linea di attività: artistica Luogo di realizzazione del progetto: Genova Periodo di realizzazione dal 5 marzo 2011 al 5 maggio Descrizione sintetica del progetto L'idea del progetto è nata dalla necessità di creare dei contesti artistici adeguati ai quali possano accedere le persone con disabilità e, nei quali possano avere l'opportunità di sviluppare competenze artistiche e capacità relazionali, soddisfare la propria necessità di instaurare relazioni sociali. Il progetto prevede due interventi specifici e paralleli, nell'ambito della Danza e del Teatro con frequenti occasioni di condivisione, in un'ottica di scambio culturale e come strumenti per proporre percorsi operativi e di integrazione sociale. La Danza ability: è una tecnica che permette a persone abili e disabili di danzare insieme attraverso un percorso di ricerca che parte dalle specificità individuali. Lo scopo è rendere accessibile a tutti il linguaggio corporeo in tutte le sue forme,senza preclusioni di età, di esperienza o di condizione fisica e mentale. Non è una terapia ma un espressione artistica vera e propria. Le prerogative sono due: evitare che i partecipanti siano unicamente disabili e che i non disabili partecipino nel ruolo di assistenti. Ciascuno partecipa per sé e per gli altri e tutti fanno tutto, ognuno come può. Il teatro: Il percorso teatrale prevede il coinvolgimento del gruppo a un laboratorio nel quale è prevista la sperimentazione di tecniche di rappresentazione teatrale, cenni sulla scrittura di scena e di una sceneggiatura minima; modalità di organizzazione scenica e definizione dei ruoli, situazioni in funzione del pubblico. Parallelamente a completamento di queste attività si sono svolti due laboratori: uno di espressività pittorica per la realizzazione delle scenografie e uno di sartoria per i costumi, in collaborazione con l Istituto tecnico Duchessa di Galliera. In un'ottica di scambio e d integrazione con il territorio, i partecipanti hanno collaborato con alcuni alunni di due classi dell'istituto e con due docenti, una di tecniche sartoriali e l altra di allestimenti scenografici, con i quali hanno realizzato le scenografie e i costumi. Oltre alla realizzazione dei laboratori, i partecipanti hanno potuto condividere con i loro amici e i volontari esperienze indimenticabili: hanno potuto assistere a spettacoli teatrali a concerti, gite e visite guidate. Queste occasioni sono state utilizzate anche come pretesto per creare e favorire la condivisione delle esperienze con i volontari, organizzando prima o dopo l evento la consumazione di una pizza, una merenda, una festa di compleanno, una gita fuori città. Occasioni che si sono rivelate preziose poiché hanno rappresentato situazioni 1

2 di normalità in un contesto particolare, permettendo la creazione e il consolidamento di amicizie, favorendo la socializzazione. L'esperienza si è terminata con una visita a Cinecittà a Roma, dove i ragazzi hanno potuto vedere i grandi set cinematografici e scoprire come si realizza un film: i costumi, la scenografia, l allestimento di un set e la post produzione. Alcuni di loro hanno viaggiato in aereo per la prima volta nella vita, ed hanno dormito fuori casa senza i genitori, ma con gli amici, come accade normalmente e semplicemente ai loro coetanei "normotipi Questo è accaduto anche in occasione della visione dello spettacolo d illusionismo Misteri X al teatro Creberg di Bergamo, dove i partecipanti hanno potuto anche visitare la città vecchia e il castello di Malpaga. Il 28 aprile al Teatro della Gioventù e il 5 maggio al teatro Von Pauer si sono tenute le performance dei partecipanti, naturale conclusione dei percorsi di Teatro e di Danza. Questi momenti clou del progetto resteranno positivamente indimenticabili sia per loro sia per chi ha assistito. 3. Articolazione degli interventi realizzati (selezione dei partecipanti, fasi di accompagnamento, percorsi formativi e percorsi di pratica artistica/sportiva adottati, seminari, laboratori, manifestazione ed eventi) - Incontri per la presentazione del progetto alle famiglie e ai destinatari disabili, svolti presso le sedi delle organizzazioni partner del progetto. - Coinvolgimento dei volontari attraverso una serie di attività rivolte a pubblicizzare l iniziativa Distribuzione di depliant nelle scuole, invio di a tutte le organizzazioni di volontariato sul territorio, affissione di locandine presso le sedi delle associazioni di volontariato, Usl territoriali e i distretti sociali. Pubblicazione sul sito dell Associazione e istituzione di una pagina su facebook. Hanno aderito all iniziativa con modalità e tempi diversi ma rivestendo ruoli in ogni ambito del progetto, circa 30 persone. - Individuazione dei partecipanti Persone affette da Sindrome X-fragile e altre forme di disabilità mentale di grado variabile. Fascia d età anni in prevalenza maschi. Iscritti in totale Individuazione dello staff e dei volontari Lo staff ha assunto il compito fondamentale di creare il giusto spirito di gruppo svolgendo un ruolo di trait d union tra i disabili e i volontari, spesso non preparati alle relazioni con persone con disabilità mentale. La loro famigliarità con il problema e la professionalità che abitualmente mettono in campo, sono elementi preziosi per la riuscita dei nostri progetti. Durante tutto l iter progettuale a tutti i volontari partecipanti sono state offerte occasioni formative o di confronto con lo staff tecnico tra cui: - Seminario di formazione per i volontari (sabato 12 novembre, presso Villa Lanza incontro specifico sul progetto Scambi realizzato nell'ambito del progetto formativo per volontari In-formAzione percorso di formazione per volontari e aspiranti volontari per l'associazione Ligure Sindrome X Fragile, realizzato con la collaborazione di CELIVO (Centro Servizi per il Volontariato di Genova) Complessivamente il seminario è durato 2 mesi (dall 8 ottobre al 2 dicembre per un totale di 29 ore di formazione, circa 30 volontari partecipanti). - Realizzazione dei percorsi: Laboratorio di danza (n. 14 incontri di 2 ore a cadenza quindicinale) (vedere relazione allegata) Laboratorio di teatro (n. 14 incontri di 2 ore a cadenza quindicinale) (vedere relazione allegata) Laboratorio di costumi e scenografie (n. 10 incontri di 2 ore). _ Visione di spettacoli: - Musical: Notre Dame de Paris 9 luglio 2011 al Teatro Carlo Felice di Genova Happy Days 28 gennaio 2012 e Peter Pan 13 novembre 2011 Politeama Genovese; - Concerti: Lorenzo Jovanotti 1 dicembre 2011 e Laura Pausini 24 marzo 2012 al 105 Stadium Genova 2

3 - Spettacoli teatrali: Rumori Fuori Scena 6 febbraio 2012 al Teatro della Gioventù; Slava s Snowshow 31 marzo Politeama Genovese; Misteri X 14 aprile 2012 Teatro Creberg Bergamo ). - Visita degli Studio's di Cinecittà 22 aprile 2012, Roma - Divulgazione del progetto nelle seguenti occasioni: - Giornata Mondiale delle Malattie Rare, Genova, Palazzo Rosso (27 febbraio 2012); - Assemblea di tutti i Presidenti delle sezioni regionali dell'associazione Italiana Sindrome X Fragile Roma 3 febbraio Assemblea annuale Associazione Italiana Sindrome X Fragile sarà a Roma il 27 maggio Trasmissione su Primocanale - rubrica dedicata alle Associazioni di Volontariato - Genova 5 aprile 2012 (5 repliche) - Intervista rilasciata a Radionostalgia in onda il 23 aprile 2012 (4 repliche) - Articoli su diversi giornali locali: il Gazzettino Sampierdarenese; Sanremo News; Mentelocale, millemani) - Diffusione tramite Mailing list, sito web Associazione Ligure e Associazione Italiana, pagina face book - Pubblicazione sul sito del Celivo (Centro servizi volontariato Genova) - Distribuzione di depliant del progetto fra i partner, enti di formazione, scuole del territorio e in occasione di manifestazioni pubbliche nelle quali l'associazione è stata partecipe. - Il progetto sarà presentato, proiettando il video-documentario, nel corso della manifestazione: 15 Festa del Volontariato che si Terrà a Genova Sestri Ponente il giugno Realizzazione di 2 video dedicati al progetto: video-spot di 3 minuti presentato in occasione delle performance teatrali, convegni e altro, video-documentario di circa 25 minuti, per la narrazione del progetto complessivo, attraverso un collage di filmati che hanno catturato gli aspetti salienti, le emozioni, i retroscena di questa esperienza indimenticabile. Questo strumento sarà il miglior veicolo di diffusione dell esperienza progettuale. Sarà inviato a tutte le sezioni regionali dell Associazione Italiana Sindrome X-fragile, con la stesura integrale del progetto e le prassi di esecuzione, per proporlo in altre realtà territoriali come mezzo educativo, artistico, evolutivo e come valido strumento per inclusione sociale, dedicato a questo tipo di disabilità Il video-documentario e il progetto integrale, sarà pubblicizzato sul sito dell Associazione, il CD sarà inviato a tutti coloro che ne faranno richiesta - Eventi finali: Performance di teatro-danza dei partecipanti al progetto Doppio binario con molti scambi, percorsi artistici e d integrazione sociale sabato 28 aprile 2012, Teatro della Gioventù Genova Sabato 5 maggio Teatro Von Pauer Genova). 4. Tipologia dei destinatari effettivamente raggiunti Persone affette da Sindrome X-fragile, Autismo e altre forme non diagnosticate di ritardo mentale di grado variabile. Età media 24 anni, in prevalenza maschi per un totale inizialmente di 20 persone. Proprio per le caratteristiche dei partecipanti, non tutti hanno portato a termine il percorso progettuale. Alcuni si sono ritirati dopo il primo incontro, altri hanno frequentato con saltuarietà. Inoltre abbiamo consentito successivamente l ingresso ad altri partecipanti, tutto ciò nell ottica di Scambi e per offrire l opportunità di provare a frequentare i laboratori. Lo stesso è accaduto con i volontari, su circa 30 persone, tra chi collabora abitualmente e coloro che si sono aggregati proprio in occasione del progetto, non tutti hanno frequentato con costanza e disponibilità, alcuni occasionalmente, anche in funzione della loro disponibilità di tempo. E fisiologico che un progetto così 3

4 complesso per la tipologia dei partecipanti e per la durata, che ha coinvolto complessivamente più di 50 persone (beneficiari diretti, volontari, educatori, tutor, supervisori, coordinatori) alla fine identifichi un gruppo assiduo di partecipanti attivi e costanti ridotto rispetto al numero iniziale. 5. Personale coinvolto nella realizzazione del progetto e modalità di partecipazione La Presidente dell Associazione Ligure Sindrome X-fragile responsabile del progetto, ha svolto un attività di volontariato, volta principalmente all ideazione, al coordinamento, alle decisioni in merito allo svolgimento, e al controllo dell iter progettuale, oltre che alla gestione economica e alla rendicontazione. Ha assunto la responsabilità di condurre il gruppo di partecipanti agli spettacoli e nelle trasferte. In collaborazione con altri volontari dell Associazione. Il Sig. Vincenzo Lagalla, ha svolto un attività di volontariato, volta principalmente all ideazione del progetto, e alla consulenza in merito allo svolgimento dell iter progettuale e al coordinamento delle attività. I volontari che hanno aderito all iniziativa, hanno affiancato i tutor e gli educatori con sensibilità e attenzione, consentendo l esecuzione di tutto il percorso progettuale con serenità e sicurezza, soprattutto in occasione degli spettacoli e delle trasferte. La tutor Rossana Molinaro ha svolto la sua attività nell ambito del laboratorio di danza. Il tutor Riccardo Croci ha svolto la sua attività nell ambito del laboratorio di teatro L educatore Mauro Asirelli, ha svolto il compito di assistenza e accompagnamento nei laboratori di scenografie e costumi presso l Istituto Duchessa di Galliera, e di supporto nelle trasferte. L educatrice Fiorella Senni ha svolto il compito di assistenza nel corso dei laboratori di teatro-danza e nelle trasferte, degli spettacoli e delle occasioni conviviali. L educatrice Maria Ida Rapallo ha svolto il compito di assistenza nel corso dei laboratori di teatro-danza Tutti gli educatori e i supervisori si sono alternati in occasione delle attività in esterno per gli spettacoli e gli eventi, al fine di affiancare i volontari (in ogni occasione un numero di educatori e volontari minimo in rapporto uno a uno) e consentire lo svolgimento in tranquillità e sicurezza. Dott.ssa Paola Pallotti, ha svolto il ruolo di supervisore artistico, valutazioni in itinere e finali. 6. Impatto del progetto sul contesto socio-territoriale di riferimento e descrizione delle modalità di raggiungimento dell integrazione tra soggetti disabili e soggetti normalmente abili Le attività artistiche previste dal progetto: teatro (coordinazione spaziale, drammatizzazione, espressività, comunicazione non verbale), musica (ascolto attivo, guidato), ballo (danceability) creazione di costumi di scena, sono state proposte in chiave ludica e sono state particolarmente apprezzate dai partecipanti. Organizzando le attività in spazi idonei, affiancandoli a professionisti sensibili e competenti, coinvolgendo volontari coetanei, e terminando le attività laboratoriali con situazioni di convivialità e di divertimento, abbiamo acceso l interesse dei partecipanti. Il coinvolgimento dei volontari e la condivisione di attività piacevoli per tutti hanno creato una rete di amicizia e di abitudinaria frequentazione delle strutture e dei ragazzi ospiti, in un ruolo di condivisione e scambio, creando, di fatto, un gruppo che fa riferimento a un organizzazione a garanzia e tutela che mette a disposizione spazi e risorse per assecondare il consolidamento dell esperienza affinché i benefici si possano protrarre nel tempo. Il gruppo costituitosi in occasione del progetto Scambi, anche dopo la conclusione del progetto sta continuando a frequentarsi e a progettare altre situazioni per condividere sempre maggiori percorsi di vita comuni. 4

5 7. Corrispondenza tra gli obiettivi conseguiti e quelli previsti Riteniamo che gli obiettivi primari del progetto siano stati raggiunti pienamente. Il progetto prevedeva diversi obiettivi, in ambito artistico, formativo, di reclutamento di volontari e di socializzazione. Essendo un progetto sperimentale e non avendo altri modelli di riferimento si è proceduto, avvalendosi dell esperienza di collaboratori esperti, con molta attenzione ai risultati a breve termine e alle modifiche eventuali rispetto alle metodiche ed alle proposte. Quest attenzione ha fatto si che si assecondassero le necessità dei partecipanti e che si costruissero delle modalità di relazione efficaci. Questo lavoro di approfondimento teorico e conoscenza pratica delle migliori buone prassi d intervento e relazione sociale tra tutti i soggetti coinvolti, ha prodotto dei risultati che perdureranno nel tempo, metodi d intervento appropriato che potranno essere esportati in altre realtà e contesti territoriali. 8. Risultati e/o problemi non previsti ex ante Un problema non previsto ex ante è stato che, nonostante l'adesione iniziale al progetto, alcune famiglie, Non comprendendo appieno l'opportunità unica d integrazione sociale che offriva, non hanno posto la frequenza dei loro figli tra le loro priorità. Si è cercato di ovviare, eseguendo più incontri e colloqui informativi con i genitori e chiedendo di avere fiducia nel progetto e avere la costanza di frequentarlo. Chi ha assecondato questa richiesta ha avuto la sorpresa di costatare come fossero i figli stessi a chiedere di partecipare a quegli appuntamenti che poi sono diventati una consuetudine irrinunciabile; per questo ora che il progetto è terminato con grande dispiacere di tutti, continueremo a lavorare affinché il gruppo che si è costituito possa continuare ad incontrarsi periodicamente cercando di creare sempre occasioni di frequentazione e di Scambio. 9. Particolari problematiche (eventualmente) sorte e non previste inizialmente Sono sorte alcune problematiche che illustreremo sinteticamente. La più evidente è stata quella di riuscire a svolgere il progetto nei tempi previsti. La caratteristica dei partecipanti, le organizzazioni che frequentano e i programmi educativi già in essere, ha provocato delle ripercussioni sullo svolgimento temporale del progetto. La difficoltà principale era nel conciliare le esigenze personali di ognuno con lo svolgimento dei laboratori, tanto da essere costretti a chiedere un posticipo di due mesi per poterlo condurre a termine eseguendo tutte le prassi previste. Questo ha comportato anche un cambiamento rispetto alla presentazione dei progetti alla popolazione poiché i teatri che inizialmente avevano aderito al progetto (Kronoteatro e Il sipario strappato) dando la loro disponibilità non hanno avuto la possibilità di inserire nel programma il nostro spettacolo due mesi dopo il periodo previsto per la presentazione. Siamo riusciti ad ottenere Il teatro della Gioventù grazie alla disponibilità della Regione Liguria che, apprezzando la valenza del nostro progetto, l ha concesso gratuitamente e il Teatro Von Pauer per il quale abbiamo corrisposto un compenso minimo per i costi e i tecnici in regia. Dobbiamo anche prendere atto che i progetti che richiedono il coinvolgimento di un numero così elevato di disabili mentali, debbano prevedere dei tempi lunghi per produrre obiettivi visibili e utili. Il progetto originale approvato prevedeva nella macrovoce B circa ,00 per l acquisto di attrezzature audio-video per lo svolgimento dei laboratori. In seguito all accettazione del progetto siamo stati informati che non erano ammissibili gli acquisti di attrezzature ma era concesso di prenderle in leasing, questo ha comportato uno spostamento di questo capitolo di spesa sugli altri della stessa macrovoce (il leasing è nella macrovoce C ), che ci ha consentito di destinare maggiori risorse alla visione di spettacoli, concerti. con grande approvazione di tutti i partecipanti, ma ha comportato un maggior onere nelle spese del personale in quanto, per consentire lo svolgimento di questo tipo di attività con i disabili mentali non potevamo lasciare nulla all improvvisazione, ma fare in modo che potessero esserci sia volontari sia educatori in numero sufficiente per garantire la sicurezza e 5

6 nel frattempo meglio indirizzare gli obiettivi d integrazione sociale. Siamo molto grati ai volontari che nel corso del progetto si sono formati sufficientemente da saper affiancare adeguatamente gli educatori e quindi siamo riusciti a contenere i costi rimanendo nei limiti di spesa previsti dalla macrovoce A dedicata al personale. Inoltre sono state organizzate maggiori occasioni conviviali e situazioni che hanno favorivano la condivisione e l integrazione con i volontari. Un altra problematica emersa ha riguardato la collaborazione con l Istituto professionale Duchessa di Galliera rispetto alla conciliazione del progetto con l organizzazione scolastica e alla sospensione delle attività per i più svariati motivi (sciopero, riunioni, malattie dei docenti, problemi famigliari.). Inoltre avevamo auspicato di vedere coinvolti maggiormente gli alunni dell Istituto tecnico, anche al di fuori dei laboratori scolastici di costumi e scenografie, nella speranza che intervenissero maggiormente ai laboratori di teatro e danza. Questo è avvenuto in modo contenuto rispetto alle previsioni. 10. Giudizio complessivo sul progetto (Aspetti critici, buone pratiche sperimentate, spazi di miglioramento possibili) Ci sentiamo di esprimere un giudizio pienamente positivo sul progetto considerando sia i risultati in termini di competenze acquisite da parte dei partecipanti, livello di partecipazione e soddisfazione delle famiglie. Il percorso è stato monitorato indagando i punti di vista di tutte le persone coinvolte. Tutti i partecipanti al progetto (tranne quei pochi che si sono ritirati nel giro di poco tempo) hanno manifestato interesse per le attività proposte. Alcuni di loro si sono fatti coinvolgere maggiormente, altri di meno, ma c è stato comunque complessivamente un crescendo esponenziale dell interesse rispetto alle prime fasi progettuali. Anche chi ha partecipato meno, chi inizialmente non voleva nemmeno entrare nella stanza dove si svolgeva il laboratorio, a poco a poco ha accettato di farsi coinvolgere. I tutor hanno trovato il modo di catturare la loro attenzione, di includerli, di farli esprimere, di aiutarli a riconoscere e a manifestare le proprie emozioni, a identificare quelle degli altri, ad esprimere e gestire sentimenti, sogni, fantasie, paure, rabbie, ad entrare in relazione con gli altri, con il linguaggio, con lo sguardo, con il corpo, a sentirsi parte di un gruppo, accolti e coinvolti, ascoltati e compresi. Pensiamo che con ragazzi con questo tipo di disabilità, per i quali tutto ciò che è astratto è difficile da comprendere, da comunicare, riconoscere, i tutor abbiano trovato la chiave per tradurre in un linguaggio a loro comprensibile ciò che è intangibile. Tutto ciò per noi genitori non è poco. Possiamo concludere che l attività artistica come occasione d integrazione sociale si è rivelata una buona pratica che l Associazione cercherà di rendere una prassi consolidata anche attraverso il gruppo stabile di volontari che si è rinsaldato con il progetto. Tutti i documenti progettuali (progetto, relazioni finali, video, dossier fotografici,...) rappresentano gli strumenti per diffondere questa buona prassi e trasferirla anche in altre realtà locali, anche attraverso l associazione Italiana Sindrome x fragile. Punteremo a continuare ad applicare queste buone prassi e a diffonderle perché pensiamo che siano aspetti fondamentali della vita che non vanno tralasciati né sottovalutati. Come aspetto critico, come già evidenziato, segnaliamo la partecipazione degli studenti dell'istituto Duchessa di Galliera che avremmo auspicato maggiore sia in termini di numero di partecipanti sia di livello di partecipazione (che si è limitata ai laboratori di costumi e scenografie). Siamo però consapevoli di quanto l'integrazione sociale sia un cammino che richiede tempi lunghi e debba essere preceduto da un profondo percorso di sensibilizzazione. Questo è, senza dubbio, un aspetto che con il tempo può divenire un'area di miglioramento del progetto stesso. 6

7 11. Comunicazioni (eventuali) al Dipartimento o elementi da sottolineare Pensiamo che siano necessarie maggiori risorse per il personale. E giusto prevedere il coinvolgimento di volontari ma per la sicurezza e la buona riuscita dei progetti di questo tipo, il supporto di professionisti esperti è fondamentale. Per altri tipi di disabilità probabilmente sono sufficienti degli accompagnatori preparati, ma per disabilità con ritardo mentale, turbe psichiche, stereotipie, autolesionismo, ipercinesia e altre problematiche complesse e che possono spaventare i volontari impreparati, è necessario reclutare dei professionisti a supporto delle attività e come supervisori per insegnare le tecniche più adeguate di approccio alle problematiche ricorrenti ed anche agli imprevisti. (Il Legale Rappresentante) 7

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

Relazione finale del progetto

Relazione finale del progetto Relazione finale del progetto Un percorso nella Cappella Palatina DOL 2009 classe E_13 tutor Domenico Franzetti Corsista: Vincenza Saia Il progetto Un percorso nella cappella Palatina nasce dall esperienza

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

OGGETTO: Progetto OVER THE RAINBOW doposcuola educativo didattico per attività/servizio di Dopo Scuola 13.35 16.20, per l anno scolastico 2015/2016.

OGGETTO: Progetto OVER THE RAINBOW doposcuola educativo didattico per attività/servizio di Dopo Scuola 13.35 16.20, per l anno scolastico 2015/2016. Allegati n 3 SPETTABILE COMITATO GENITORI E.DANDINI e ISTITUTO COMPRENSIVO FRASCATI OGGETTO: Progetto OVER THE RAINBOW doposcuola educativo didattico per attività/servizio di Dopo Scuola 13.35 16.20, per

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

Alla cortese attenzione dei Presidente di zona 5 Dottor Aldo Ugliano Presidente Politiche sociali Dott.ssa Angela Lanzi

Alla cortese attenzione dei Presidente di zona 5 Dottor Aldo Ugliano Presidente Politiche sociali Dott.ssa Angela Lanzi Alla cortese attenzione dei Presidente di zona 5 Dottor Aldo Ugliano Presidente Politiche sociali Dott.ssa Angela Lanzi Oggetto: richiesta patrocinio oneroso Milano, 29 luglio 2015 Premessa La sottoscritta

Dettagli

PERCHÉ UN LABORATORIO DI PEDAGOGIA TEATRALE NELLE SCUOLE

PERCHÉ UN LABORATORIO DI PEDAGOGIA TEATRALE NELLE SCUOLE PERCHÉ UN LABORATORIO DI PEDAGOGIA TEATRALE NELLE SCUOLE - PREMESSE E OBIETTIVI DEL PROGETTO - Dopo il nucleo familiare, senza dubbio, è la scuola a rappresentare per il bambino il principale punto di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO SCHEDA PROGETTO POF ARTICOLAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO DI ISTITUTO DELLA SEZ. /PLESSO DI DELLA/E CLASSE/I Anno Scolastico

Dettagli

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 A cura di Associazione A.L.Y. e Associazione Teatro Riflesso Referenti Progetto : Ylenia Mazzoni

Dettagli

Istituto Comprensivo Sestri Est

Istituto Comprensivo Sestri Est Istituto Comprensivo Sestri Est via Ursone da Sestri, 5-16154 GENOVA (GE) Tel. (010) 6531858 * Fax (010) 6515147 e-mail: geic837008@istruzione.it pec: geic837008@pec.istruzione.it C.F. 95131650103 SCHEDA

Dettagli

Il progetto YOUTH4CHANGE nasce dalla collaborazione tra: e Associazioni ferraresi

Il progetto YOUTH4CHANGE nasce dalla collaborazione tra: e Associazioni ferraresi Prima fiera interattiva del volontariato ferrarese per le classi della scuola secondaria di secondo grado e brevi precorsi di cittadinanza attiva dei giovani Il progetto YOUTH4CHANGE nasce dalla collaborazione

Dettagli

PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA

PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA Comune di Casalecchio di Reno ASILO NIDO R. VIGHI PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA Per un progetto di territorio: uno spazio e un tempo per l incontro Anno educativo 2007/2008 A cura del Collettivo

Dettagli

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Workshop n. 10 L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Introducono il tema e coordinano i lavori - Simona Cherubini, Lega delle Cooperative - Giancarlo Pasinetti,

Dettagli

BANDO DI PARTECIPAZIONE AL PICCOLO FESTIVAL DEI

BANDO DI PARTECIPAZIONE AL PICCOLO FESTIVAL DEI BANDO DI PARTECIPAZIONE AL PICCOLO FESTIVAL DEI Rassegna Concorso di Teatro Scolastico rivolto a gruppi teatrali sorti in ambito scolastico ed extra-scolastico 1^ edizione 2016 28 e 29 aprile 2016 TEATRO

Dettagli

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO D I R E Z I O N E G E N E R L E P E R L O S T A T U S D E L L O S T U D E N T E, L E P O L I T I C H E G I O V A N I L I E L E A T T I V I T A M O T O R I E

Dettagli

PROGETTO RACCORDO SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO RACCORDO SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO RACCORDO SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA FINALITÀ Creare le condizioni ed i presupposti per un sereno passaggio dei bambini dalla Scuola dell Infanzia alla scuola primaria, con particolare

Dettagli

Progetto di laboratorio teatrale nelle scuole

Progetto di laboratorio teatrale nelle scuole Progetto di laboratorio teatrale nelle scuole Anno scolastico 2010 / 2011 A cura delle operatori teatrali della compagnia Il Volo di Jonathan LABORATORIO TEATRALE PER BAMBINI...fare teatro significa esprimersi

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

Festival d Arte e Teatro PortaTTori d arte IV^ edizione

Festival d Arte e Teatro PortaTTori d arte IV^ edizione Festival d Arte e Teatro PortaTTori d arte IV^ edizione Sabato 24 Domenica 25 Ottobre 2015 Gattinara (VC) Roasio (VC) BANDO DI PARTECIPAZIONE L Associazione Culturale Artistica DIMIDIMITRI si è costituita

Dettagli

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI PROGETTO LETTURA UNA CASCATA DI LIBRI Il progetto si prefigge di stimolare negli alunni la motivazione alla lettura e all ascolto, guidandoli a saper cogliere, insieme

Dettagli

Nome del Progetto: Volontario Volentieri: interventi a favore del volontariato giovanile. Comune Capofila: Albino (Bg)

Nome del Progetto: Volontario Volentieri: interventi a favore del volontariato giovanile. Comune Capofila: Albino (Bg) ALLEGATO B PROGETTO ESECUTIVO Nome del Progetto: Volontario Volentieri: interventi a favore del volontariato giovanile Comune Capofila: Albino (Bg) 1 1. DATI PROGETTO Nome del Progetto: Volontario Volentieri:

Dettagli

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Interventi di prevenzione delle situazioni di disagio a scuola Percorsi educativi Classi Prime Educazione psico-affettiva L educazione psico-affettiva,

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

progetto di educazione al teatro e allo spettacolo

progetto di educazione al teatro e allo spettacolo A TEATRO CONSAPEVOLI progetto di educazione al teatro e allo spettacolo Il progetto di educazione al teatro e allo spettacolo rivolto al mondo della scuola mira a far conoscere l arte teatrale in tutti

Dettagli

Progetto Teatro. (laboratorio teatrale)

Progetto Teatro. (laboratorio teatrale) Progetto Teatro (laboratorio teatrale) A.G.I.A.D. fa teatro Finalità ed obiettivi A chi è rivolto L opera teatrale : Il mago delle formiche giganti La scelta Le finalità A chi si rivolge Aspetto educativo

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA TEATRALITA Un progetto di Ricerca-Azione

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA TEATRALITA Un progetto di Ricerca-Azione CRT Teatro-educazione Centro Ricerche Teatrali Scuola Civica di Teatro, Musica, Arti visive e Animazione Comune di Fagnano Olona (Va) www.crteducazione.it info@crteducazione.it tel. 0331-616550 PROGETTO

Dettagli

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie Premessa Il trauma non cessa con il cessare della violenza esterna ma continua imperterrito nel mondo

Dettagli

Riti di passaggio. Descrizione sintetica del bisogno territoriale a cui il progetto intende rispondere.

Riti di passaggio. Descrizione sintetica del bisogno territoriale a cui il progetto intende rispondere. Riti di passaggio Descrizione sintetica del bisogno territoriale a cui il progetto intende rispondere. L'associazione CIGD e gli enti partner del presente progetto individuano nei preadolescenti la fascia

Dettagli

Progetto Scuole & CSR - 1

Progetto Scuole & CSR - 1 Progetto Scuole & CSR Con il rinnovo del Protocollo d Intesa sulla CSR, tra Regione del Veneto e Unioncamere del Veneto, siglato il 16 giugno 2009, è stata approvata, per il 2009/2010, una particolare

Dettagli

PROGETTO CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Istituto Comprensivo De Amicis Gallarate Anno scolastico 2014/2015 PROGETTO CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Premessa Le indicazioni nazionali per il curricolo del 2012 prevedono un itinerario

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

Al cuore della Sicurezza

Al cuore della Sicurezza Concorso di Idee #LAMIASCUOLASICURA PROGETTO Al cuore della Sicurezza Introduzione Una delle principali problematiche della gestione della sicurezza di un sistema, in questo caso di una scuola, è considerare

Dettagli

PROGETTI MIUR PON F 3 REGIONE CAMPANIA

PROGETTI MIUR PON F 3 REGIONE CAMPANIA PROGETTI MIUR PON F 3 REGIONE CAMPANIA Preside Prof PAOLA CARRETTA Coordinatrice dei progetti di rete di EIP CAMPANIA Membro del Gruppo di Direzione e Coordinamento PON F3 PROGETTO INSIEME E POSSIBILE

Dettagli

La scuola dell infanzia è la risposta al diritto all educazione dei bambini dai 3 ai 6 anni METODOLOGIA

La scuola dell infanzia è la risposta al diritto all educazione dei bambini dai 3 ai 6 anni METODOLOGIA La scuola dell infanzia è la risposta al diritto all educazione dei bambini dai 3 ai 6 anni PRINCIPI EDUCATIVI E LINEE GUIDA Rispetto dell unità psico-fisica del bambino; centralità educativa del fare

Dettagli

VI Giornata Mondiale per la consapevolezza dell autismo. Le iniziative a Parma

VI Giornata Mondiale per la consapevolezza dell autismo. Le iniziative a Parma Conferenza stampa VI Giornata Mondiale per la consapevolezza dell autismo. Le iniziative a Parma Parma, 2 aprile 2013 Via La Spezia n. 147, ore 11,30 Intervengono Laura Rossi, Assessore al Welfare Comune

Dettagli

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO Piccoli PA.S.S.I.- Parrocchia di San Prospero Sostegno Scolastico Integrato di bambini e ragazzi con Disturbi Specifici dell Apprendimento e Bisogni Educativi Speciali PREMESSA In ambito scolastico e,

Dettagli

LIBROGIOCANDO FORMAZIONE

LIBROGIOCANDO FORMAZIONE LIBROGIOCANDO FORMAZIONE LibroGiocando è un luogo speciale, nato dall'incontro di professionisti con consolidata esperienza in ambito educativo e formativo, uniti dalla passione per il mondo dell'infanzia

Dettagli

P.T.O.F. 2 0 1 6 / 2 0 1 9 PROGETTI SCUOLA INFANZIA. plesso Polo

P.T.O.F. 2 0 1 6 / 2 0 1 9 PROGETTI SCUOLA INFANZIA. plesso Polo P.T.O.F. 2 0 1 6 / 2 0 1 9 PROGETTI SCUOLA INFANZIA plesso Polo 1 ACCOGLIENZA Docente referente: Colomba Maristella Docenti coinvolti: Le docenti di sezione della scuola dell'infanzia. Alunni coinvolti:

Dettagli

Progetto Verso il Centro Famiglie: incontri e laboratori a sostegno delle competenze genitoriali

Progetto Verso il Centro Famiglie: incontri e laboratori a sostegno delle competenze genitoriali Progetto Verso il Centro Famiglie: incontri e laboratori a sostegno delle competenze genitoriali Pagina 1 di 16 Gentili Famiglie La Compagnia di San Paolo ha individuato l azione Altrotempo Zerosei, che

Dettagli

PROGETTO MEDICINA PER STARE

PROGETTO MEDICINA PER STARE ASSOCIAZIONE GERMOGLIO PROGETTO MEDICINA PER STARE UNA MEDICINA MEGLIO INSIEME Le diversità di cultura, di abilità, di genere: limite o ricchezza? promosso dalle Associazioni PerLeDonne - Germoglio - La

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

IN COLLABORAZIONE CON

IN COLLABORAZIONE CON COMUNE DI BORETTO Piazza Roma, 18 int. 3 42012 Campagnola Emilia (RE) Tel/fax 0522 653560 e-mail: a.prodigio@libero.it Sede legale: Via Gonzaga, 9 42017 Novellara (RE) www.associazioneprodigio.it IN COLLABORAZIONE

Dettagli

R. Rovaris Istituto Comprensivo di Verzellino Scuola Primaria "Fratelli Cervi", Zingonia. rita.rovaris@scuoleverdellino.it

R. Rovaris Istituto Comprensivo di Verzellino Scuola Primaria Fratelli Cervi, Zingonia. rita.rovaris@scuoleverdellino.it L'esperienza del Centro per l'intervento Didattico sugli Alunni Dislessici (C.I.D.A.D.) come esempio di buona prassi di intervento coordinato sul territorio R. Rovaris Istituto Comprensivo di Verzellino

Dettagli

Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE. Obiettivi del progetto

Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE. Obiettivi del progetto Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE Obiettivi del Produrre un miglioramento nella condizione di vita delle famiglie in situazione di difficoltà che abitano il

Dettagli

LA CITTA AMICA DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

LA CITTA AMICA DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI LA CITTA AMICA DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Azioni positive per lo sviluppo dei diritti di cittadinanza delle bambine e dei bambini e loro partecipazione attiva alla vita della comunità. OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

*+, +* %-+./0. 10. 2%34 + + * ** 55 * + 55 + 6, * + 5 55 + *4 6 + 4 * * + 55*+ * +%&#%#"+%7784*9 :;55. 5 76*,, $47*?...@ /

*+, +* %-+./0. 10. 2%34 + + * ** 55 * + 55 + 6, * + 5 55 + *4 6 + 4 * * + 55*+ * +%&#%#+%7784*9 :;55. 5 76*,, $47*?...@ / ! "! $%&'$(%) *+, +* %-+./0. 10... 2%34 + + * ** 55 * + 55 + 6, $+56 * 2%34 + 5 55 + *4 6 + 4 * * + 55*+ * +%&#%#"+%7784*9 :;55. 5 5**9,* 76*,, 64*/"*5 $47*?...@ / A6A= 5$'#'7#$ 5 SOGGETTO QUALIFICATO

Dettagli

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico 100 Como (CO) Milano 15/04/014 Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico Oggetto: relazione finale progetto Pochi pesci nella rete A.S.

Dettagli

CRESCERE NELLA LEGALITA

CRESCERE NELLA LEGALITA Relazione finale sui risultati dell Azione Concorso Fotografico Scatti di Legalità nell ambito del Progetto CRESCERE NELLA LEGALITA Programma Attuativo Regionale del Fondo per le Aree Sottoutilizzate 2007

Dettagli

PROGETTO PER L INSERIMENTO DELLA COOPERATIVA NEL REGISTRO DI ENTI GESTORI ATTI ALLA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO IN AMBITO DOMICILIARE

PROGETTO PER L INSERIMENTO DELLA COOPERATIVA NEL REGISTRO DI ENTI GESTORI ATTI ALLA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO IN AMBITO DOMICILIARE PROGETTO PER L INSERIMENTO DELLA COOPERATIVA NEL REGISTRO DI ENTI GESTORI ATTI ALLA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO IN AMBITO DOMICILIARE ALLA PERSONA CON DISABILITÀ INDICE A FINALITÀ 1 B OBIETTIVI

Dettagli

GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE

GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE Corso di Studio in Servizio sociale e Sociologia Laurea in Servizio Sociale L39 GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE Profilo professionale di riferimento L assistente sociale è un professionista chiamato ad

Dettagli

SCHEDE PROGETTUALI SCUOLA DELL INFANZIA

SCHEDE PROGETTUALI SCUOLA DELL INFANZIA ALLEGATO 2 PTOF 2016/2019 SCHEDE PROGETTUALI SCUOLA DELL INFANZIA INDICE ACCOGLIENZA CONTINUITÀ SI/SP LINGUA INGLESE ATTIVITA MOTORIA EDUCAZIONE MUSICALE LABORATORIO TEATRALE 1 ACCOGLIENZA Integrazione

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 grado Via Porta Buia - Arezzo Tel. 0575/20626 Fax 0575/28056 e mail: media.cesalpino@tin.it sito internet: www.iccesalpino.it

Dettagli

Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE

Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE DENOMINAZIONE INTERVENTO Cittadini sempre Modena Formare cittadinanza accogliente. Formazione congiunta per coprogettare percorsi di accoglienza

Dettagli

Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013

Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013 Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013 ANALISI DELLA SITUAZIONE/DELLE SITUAZIONI SPECIFICHE CUI SI RIVOLGE IL PROGETTO Per quanto concerne le

Dettagli

SCHEDA PROGETTO. a.s.15/16

SCHEDA PROGETTO. a.s.15/16 SCHEDA PROGETTO a.s.15/16 Denominazione Istituto: I.C.S. Capaccio Paestum Titolo del progetto: Favole e magia: percorso di fantasia, lettura, biblioteca Tipologia delle attività: potenziamento recupero

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Comune e Ausl realizzano il Centro per l Autismo per dare una risposta integrata alle famiglie

COMUNICATO STAMPA. Comune e Ausl realizzano il Centro per l Autismo per dare una risposta integrata alle famiglie COMUNICATO STAMPA Comune e Ausl realizzano il Centro per l Autismo per dare una risposta integrata alle famiglie Parma, 2 aprile 2010. Sorgerà in via La Spezia, nei locali della ex scuola elementare San

Dettagli

RELAZIONE FINALE DOL 2008/2009 LA MAGIA DEL NATALE

RELAZIONE FINALE DOL 2008/2009 LA MAGIA DEL NATALE RELAZIONE FINALE DOL 2008/2009 LA MAGIA DEL NATALE L arrivo del Natale porta nella Scuola dell Infanzia inevitabili suggestioni di festa, di regali e di sorprese, esercita un fascino particolare nella

Dettagli

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa Realizzazione di un full adder a due bit 08/11/2010 Premessa A causa di un mancato

Dettagli

Autismo a Bergamo. intervento di PATRIZIA GRAZIANI Dirigente Ufficio Scolastico Territoriale Bergamo

Autismo a Bergamo. intervento di PATRIZIA GRAZIANI Dirigente Ufficio Scolastico Territoriale Bergamo Autismo a Bergamo 2001 2013 "Il punto di vista del mondo scolastico: come si è attrezzata la scuola negli ultimi dieci anni per dare risposte adeguate ai bisogni speciali degli alunni con autismo" intervento

Dettagli

SCUOLA FELL INFANZIA ANDERSEN PROGETTO INTEGRATIVO DI PLESSO

SCUOLA FELL INFANZIA ANDERSEN PROGETTO INTEGRATIVO DI PLESSO SCUOLA FELL INFANZIA ANDERSEN PROGETTO INTEGRATIVO DI PLESSO ANNO SCOLASTICO 2011 / 2012 SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SEZ 1 E SEZ 2 INSEGNANTI:MARTINELLI TENACE, PANARO REGGIANI MAPPA USCITA AL CIRCO

Dettagli

Scuola Primaria LABORATORIO DI EDUCAZIONE ALL IMMAGINE

Scuola Primaria LABORATORIO DI EDUCAZIONE ALL IMMAGINE Scuola dell Infanzia MOSTRA DEI LAVORI Scuola Primaria LABORATORIO DI EDUCAZIONE ALL IMMAGINE Scuola Primaria LABORATORIO DI EDUCAZIONE TEATRALE Scuola Secondaria di 1 grado LABORATORI DI ITALIANO E MUSICA

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Allegato DGC 110/2015 PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Premessa Negli ultimi anni si sta registrando una presenza di alunni che manifestano, all ingresso della scuola primaria

Dettagli

L ANIMATORE SOCIO - CULTURALE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo)

L ANIMATORE SOCIO - CULTURALE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo) C E F O L ANIMATORE SOCIO - CULTURALE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo) L animatore socio culturale è un professionista che, attraverso attività ludico-espressive, stimola la partecipazione attiva degli

Dettagli

www.animagiovane.org In estate divertimento, educazione e creatività vanno alla grande!

www.animagiovane.org In estate divertimento, educazione e creatività vanno alla grande! www.animagiovane.org In estate divertimento, educazione e creatività vanno alla grande! anima l estate con ANIMAGIOVANE e ALTRESÌ NON SOLO CENTRI... Dopo vari anni di sperimentazioni, nel 2004 nasce ANIMAGIOVANE,

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

SCHEDA TECNICA INT. 22 All. A/2

SCHEDA TECNICA INT. 22 All. A/2 COMUNE DI PALERMO Settore Servizi Socio-Assistenziali U.O. Attuazione e Gestione Piano Infanzia e Adolescenza SCHEDA TECNICA INT. 22 All. A/2 Titolo intervento Centro Aggregativo sovra circoscrizionale

Dettagli

L AQUILONE vola alto

L AQUILONE vola alto onlus PROGETTO CULTURA L AQUILONE vola alto intrecciamo le nostre vite per poterle vivere al meglio. Scuole primarie PREMESSA Far cultura è uno dei fini statutari dell Associazione. Nel rispetto di tale

Dettagli

Referente gruppo di lavoro PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NELLA LINGUA INGLESE

Referente gruppo di lavoro PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NELLA LINGUA INGLESE SCHEDA RELAZIONE ATTIVITÁ SVOLTE DALLE COMMISSIONI GRUPPI DI LAVORO (art. 37 CCNI 31/8/99) DOCENTE: BECCARI SARA Referente gruppo di lavoro PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NELLA LINGUA INGLESE Finalità

Dettagli

Insieme per crescere, pensare, formarsi al domani

Insieme per crescere, pensare, formarsi al domani Insieme per crescere, pensare, formarsi al domani Tutto questo si traduce in : È lo sfondo in cui la scuola accompagna l alunno alla scoperta di se stesso, degli altri, nello spazio e nel tempo attività

Dettagli

2. INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Definizione Alla base dei principi dell integrazione c è il riconoscimento del diritto di ciascun soggetto

2. INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Definizione Alla base dei principi dell integrazione c è il riconoscimento del diritto di ciascun soggetto 2. INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Alla base dei principi dell integrazione c è il riconoscimento del diritto di ciascun soggetto a ricevere, nella comunità, tutte le opportunità educative per lo

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Insieme per fare, insieme per ESSERE SETTORE e Area di Intervento: Settore: Assistenza Ambito: A06 - Disabili OBIETTIVI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Il

Dettagli

PROGETTI IN RETE PROGETTO LA SCUOLA IN PIAZZA

PROGETTI IN RETE PROGETTO LA SCUOLA IN PIAZZA PROGETTI IN RETE PROGETTO LA SCUOLA IN PIAZZA Premessa: Il progetto La Scuola in Piazza, nasce dall esigenza di ricercare forme e momenti di incontro della scuola con il proprio territorio di appartenenza.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO A. BATTELLI NOVAFELTRIA

ISTITUTO COMPRENSIVO A. BATTELLI NOVAFELTRIA ISTITUTO COMPRENSIVO A. BATTELLI NOVAFELTRIA Scheda progetto prevista dall art. 2 c. 6 D. 44del 01/02/01 Da allegare al Programma Annuale SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

IL TEATRO PER PARLARE CON LA CITTA DI SALUTE MENTALE ATTRAVERSO L ARTE

IL TEATRO PER PARLARE CON LA CITTA DI SALUTE MENTALE ATTRAVERSO L ARTE IL TEATRO PER PARLARE CON LA CITTA DI SALUTE MENTALE ATTRAVERSO L ARTE L ASSOCIAZIONE PICCOLI PASSI PER opera dal 1996 con familiari e volontari nel campo della salute mentale nel territorio di Bergamo

Dettagli

PROGETTO DI PRATICA PSICOMOTORIA

PROGETTO DI PRATICA PSICOMOTORIA PROGETTO DI PRATICA PSICOMOTORIA EDUCATIVO-PREVENTIVA anno scolastico 2012/2013 Scuola dell Infanzia Don Antonio Dalla Croce Monteforte d Alpone a cura di: Sara Franchi PREMESSA La proposta di questo progetto

Dettagli

INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE

INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE Servizio Progetti alla Persona Aias di Milano Onlus Vigevano, 25 settembre 2009 Settembre 2001 In convenzione con il Comune di San Donato avvio del Progetto di coordinamento,

Dettagli

SPAZIO GIOCO DI VIA CURIEL INDIRIZZO: VIA CURIEL, 2 TELEFONO: 040 814346

SPAZIO GIOCO DI VIA CURIEL INDIRIZZO: VIA CURIEL, 2 TELEFONO: 040 814346 SPAZIO GIOCO DI VIA CURIEL INDIRIZZO: VIA CURIEL, 2 TELEFONO: 040 814346 A) PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO 1.TIPOLOGIA DEL SERVIZIO (artt. 3, 4, 5 L.R. n. 20/2005) Servizio integrativo spazio gioco Lo spazio

Dettagli

Scuola dell Infanzia Walt Disney anno scolastico 2005/2006

Scuola dell Infanzia Walt Disney anno scolastico 2005/2006 anno scolastico 2005/2006 Progetto recupero. Considerando non sufficienti le ore che il Provveditorato ha destinato ai bambini diversamente abili inseriti nella nostra scuola, le insegnanti di sezione

Dettagli

Accoglienza. laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime

Accoglienza. laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime Accoglienza laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime Obiettivi generali affiatare il gruppo-classe recentemente formatosi stimolare e facilitare le relazioni superare le resistenze

Dettagli

Artability. Tlab - 2 interim report

Artability. Tlab - 2 interim report Artability Tlab - 2 interim report Introduzione Il progetto Artability è un progetto biennale che promuove lo scambio di buone pratiche per motivare le persone con disabilità a partecipare al processo

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istiituto Comprensiivo Don Lorenzo Miillanii Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria di I grado anche

Dettagli

Giosue Carducci: audioguida on line per smartphone

Giosue Carducci: audioguida on line per smartphone Giosue Carducci: audioguida on line per smartphone Istituzione scolastica capofila: Istituto comprensivo 12 di Bologna Scuola secondaria di primo grado Luigi Carlo Farini Museo: Biblioteca-archivio Casa

Dettagli

Racconti fiabeschi, mostre, laboratori creativi, burattini, performance teatrali e narrative, eventi e libri che svelano magie

Racconti fiabeschi, mostre, laboratori creativi, burattini, performance teatrali e narrative, eventi e libri che svelano magie Associazione Agenzia Arcipelago Onlus Comune di Campodimele Festival internazionale della fiaba UN PAESE INCANTATO VIII edizione 2016 (diretto da Giuseppe ERRICO) Racconti fiabeschi, mostre, laboratori

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015 ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015 RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE INTEGRAZIONE ED INCLUSIONE SCOLASTICA Prof.ssa Mariagrazia Mastrangelo Durante

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTI PON

RELAZIONE FINALE PROGETTI PON Unione Europea Fondo Sociale Europeo P.O.N Competenze per lo Sviluppo Con l Europa, investiamo nel vostro futuro Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per la Programmazione Direzione Generale

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 5 TITOLO DEL PROGETTO: SCUOLA MAESTRA DI VITA ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale Area di intervento: Centri di Aggregazione

Dettagli

Progetto La casa di Pollicino

Progetto La casa di Pollicino Progetto La casa di Pollicino Un servizio completo per rispondere alle necessità di bambini autistici e delle loro famiglie Mai più soli insieme si può! www.solidarietaeservizi.it 1 L ORIGINE Il progetto

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI GUARDIAGRELE Modesto Della Porta a.s. 2010-20112011 IN VIAGGIO VERSO L ALTRO Laboratorio di educazione emotivo-affettiva e relazionale. MOTIVAZIONE Il bullismo è un azione di prepotenza,

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

DALLA RAPPRESENTAZIONE DELLO SPETTACOLO ALLA SUA

DALLA RAPPRESENTAZIONE DELLO SPETTACOLO ALLA SUA DALLA RAPPRESENTAZIONE DELLO SPETTACOLO ALLA SUA VALORIZZAZIONE NEL TEMPO Realizzazione di un sistema digitale di catalogazione e fruizione on line dell Archivio storico e audiovisuale del Teatro dell

Dettagli

Prof. Paolo Seclì EDUCAZIONE MOTORIA: SCUOLA E TERRITORIO

Prof. Paolo Seclì EDUCAZIONE MOTORIA: SCUOLA E TERRITORIO Prof. Paolo Seclì EDUCAZIONE MOTORIA: SCUOLA E TERRITORIO NUOVI ORIZZONTI NON SEMPRE TUTTI I DOCENTI SVOLGONO CON REGOLARITÀ DURANTE L A. S. L EDUCAZIONE MOTORIA. NON SEMPRE LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

Dettagli

Autismo e scuola: modelli e percorsi di inclusione scolastica a favore di alunni con disturbo dello spettro autistico

Autismo e scuola: modelli e percorsi di inclusione scolastica a favore di alunni con disturbo dello spettro autistico COD. 3008 Autismo e scuola: modelli e percorsi di inclusione scolastica a favore di alunni con disturbo dello spettro autistico Dal 2007 la Provincia di Milano, in collaborazione con il Coordinamento Autismo,

Dettagli

TEMATICA: fotografia

TEMATICA: fotografia TEMATICA: fotografia utilizzare la fotografia e il disegno per permettere ai bambini di reinventare una città a loro misura, esaltando gli aspetti del vivere civile; Obiettivi: - sperimentare il linguaggio

Dettagli

Per le famiglie: oltre il servizio educativo

Per le famiglie: oltre il servizio educativo Scheda progetto Per le famiglie: oltre il servizio educativo OBIETTIVI DEL PROGETTO: Obiettivo generale comune a tutte le sedi del progetto è supportare i genitori nella conciliazione dei tempi famigliari

Dettagli