LA PROFESSIONE DELL AIR TRAFFIC CONTROLLER:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA PROFESSIONE DELL AIR TRAFFIC CONTROLLER:"

Transcript

1 MILANO, 2 GENNAIO 2014 Università degli Studi di Milano Bicocca Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale PROGETTO DI RICERCA: LA PROFESSIONE DELL AIR TRAFFIC CONTROLLER: OPERARE IN CONTESTI AD ALTA AFFIDABILITÀ TRA EFFICIENZA E SICUREZZA 1. PERCHÉ STUDIARE LA DIMENSIONE PRATICA DEL CONTROLLO DEL TRAFFICO AEREO Il progetto di ricerca si propone di descrivere ed analizzare la dimensione pratica e quotidiana del lavoro dell air traffic controller (di seguito riportato con l acronimo ATCO). La professione dell ATCO presenta forti similitudini con altre professioni che operano in contesti di emergenza-urgenza, come, ad esempio, la professione medica. L ATCO, infatti, deve operare assicurando sia l affidabilità e la sicurezza delle operazioni, sia l efficienza dei processi, gestendo situazioni inattese all interno di un complesso sistema operativo e normativo. In tal senso, le principali caratteristiche della professione dell ATCO sembrano sovrapporsi ai principi di funzionamento che la letteratura internazionale individua come elementi caratterizzanti e distintivi dell operato di organizzazioni che perseguono alti livelli di affidabilità (Weick e Sutcliffe, 2007). Nello specifico, in un contesto di safety, l attività dell ATCO sembra essere caratterizzata dal costante riferimento a tre principi: la situational awareness, l anticipazione, il contenimento. Per situational awareness s intende la capacità di percepire gli elementi dell ambiente all interno di un certo lasso di tempo e all interno di un determinato luogo, di comprendere i loro significati e proiettare la manifestazione dei loro stati nell immediato futuro (Endsley, 1995). È il monitoraggio continuo dell ambiente, l osservazione di ciò che sta accadendo e la capacità di rilevare il cambiamento dell ambiente stesso. Per anticipazione s intende il prevedere un possibile risultato finale, non conforme e non atteso, a partire da segnali deboli e piccole incongruenze rispetto al regolare funzionamento delle operazioni. L anticipazione consiste non solo nella prefigurazione di uno scenario potenzialmente negativo per l efficienza o l affidabilità delle operazioni, ma anche nell intervento volto a correggere il corso di eventi perché tale situazione anomala non si verifichi. Il contenimento, invece, consiste nel prevenire il verificarsi di una situazione potenzialmente negativa, non prevedendo il possibile verificarsi di eventi inattesi, ma agendo prontamente per ripristinare una situazione efficiente ed affidabile dopo che l evento inaspettato si è manifestato. Inoltre, come altre professioni che operano in contesti di emergenza-urgenza, l ATCO è costantemente impegnato a garantire un alto grado di resilienza nell ambito di unità di tempo limitate: garantire l ordinario funzionamento del sistema nonostante numerose possibili fonti di disturbo sia interne che esterne al sistema stesso. Nello specifico, l attività dell ATCO si svolge, di norma, in un lasso di tempo molto ridotto - turni di otto ore con un riposo di un terzo del tempo. Un unico controllore è impegnato, per il tratto di volo sotto la sua responsabilità, nella supervisione di un numero considerevole e variabile - 30/40 nell arco orario - di aerei che hanno proprie specificità tecniche e sono guidati da piloti con diversi gradi di competenza e preparazione (Vaughan, 2005). 1

2 Tali limitazioni di tempo e fonti di variabilità rendono particolarmente importante percepire con attenzione, descrivere e analizzare in maniera dettagliata in che modo il controllore di volo intercetta e corregge eventuali anomalie e fonti di disturbo, assicurando il regolare funzionamento del sistema Air Traffic Manager. Sono oggi presenti in ambito ENAV (Settore Human Factor) studi e dettagliate analisi del lavoro del controllore, in particolare sugli aspetti delle non-technical skills. Si ritiene rilevante, da un lato, integrare tali conoscenze con quelle relative a una descrizione realistica della professione e delle pratiche di lavoro concrete dell ATCO, dei processi decisionali e operativi che avvengono in contesti altamente sfidanti. Dall altro, consolidare e sistematizzare tali ricerche e diffondere maggiormente tali conoscenze, sia dentro il sistema ENAV, sia all esterno. Si ritiene che la diffusione di tali conoscenze possa contribuire a migliorare le rappresentazioni della professione del controllore; rappresentazioni oggi non sempre del tutto soddisfacenti, e spesso riduttive della complessità cognitiva, organizzativa, comunicativa e decisionale della professione dell ATCO. Nell ambito delle professioni che operano in contesti sfidanti, la professione dell ATCO presenta, tuttavia, alcune caratteristiche specifiche che rendono importante un analisi peculiare e dettagliata delle tecniche di controllo. I Committenti dello studio etnografico denominato "Il dominio dell'air traffic controller: operare in contesti ad alta affidabilità tra efficienza e sicurezza" stabiliscono che, preso atto della natura sperimentale e scientifica della ricerca e viste le modalità e gli obiettivi specificatamente indicati all'interno del documento stesso, le risultanze saranno utilizzate esclusivamente per finalità scientifiche e per supportare future proposte legislative. 2. PRINCIPALI OBIETTIVI E FINALITÀ Lo studio ha finalità sia descrittive, sia analitiche. Inoltre, si propone, da un lato, di individuare possibili best practices, meccanismi e spazi di intervento per migliorare l efficacia e l affidabilità del controllo del traffico aereo e dall altro, di promuovere una migliore conoscenza dell attività del controllo del traffico aereo anche in settori diversi rispetto a quelli accademico-professionali. Si fornisce di seguito un elenco dettagliato delle principali finalità e obiettivi. OBIETTIVI DESCRITTIVO-ANALITICI descrivere le caratteristiche della professione dell ATCO, evidenziando gli aspetti di affidabilità, sicurezza e gestione del rischio; descrivere e analizzare la complessità cognitiva e organizzativa del lavoro dell ATCO. OBIETTIVI PRATICO-MIGLIORATIVI migliorare la consapevolezza degli operatori in riferimento a: 1. gestione e controllo del rischio; 2. complessità cognitiva e organizzativa dell attività del controllo; 3. specificità operative legate al mantenimento ed all incremento di efficacia, efficienza e sicurezza nella gestione del traffico aereo; specificare e individuare criteri migliorativi di selezione iniziale e di formazione (iniziale e continua) del personale dedicato al controllo del traffico aereo. 2

3 OBIETTIVI DI NETWORKING migliorare la conoscenza della complessità del lavoro dell ATCO e promuovere lo scambio di expertise anche al di fuori del mondo degli operatori di settore. OBIETTIVI COMPARATIVI effettuare una comparazione con l'attività della professione sanitaria che porti in evidenze le caratteristica comuni alle professioni sia in ambito di esecuzione - anticipazione e contenimento - sia di accettazione del rischio. La descrizione e l analisi della complessità cognitiva e organizzativa del lavoro dell ATCO può costituire, inoltre, un punto di riferimento maggiormente realistico anche nelle occasioni di incontro e confronto con sistemi di decisione ed azione diversi da quello aeronautico, come, ad esempio, il sistema giudiziario. 3. MODALITÀ DI REALIZZAZIONE Un primo passo dell attività sarà la costituzione dei Comitati, Guida e Operativo, del Progetto che saranno composti dal team di ricercatori dell Università di Milano-Bicocca e da membri degli enti committenti- promotori dello studio. Due comitati che avranno ruoli distinti ma collegati. Compito del Comitato Guida sarà anche determinare un protocollo delle osservazioni, nel quale definire ad esempio: volontarietà della partecipazione al progetto, rispetto della privacy, gestione dati sensibili, etc. Il Comitato si riunirà periodicamente (ogni tre-quattro mesi) per discutere lo stato di avanzamento dei lavori, per valutare i risultati ottenuti e per individuare le possibili aree d intervento. Si provvederà, inoltre, alla stesura di report periodici in modo da poter rendere immediatamente disponibili i principali risultati della ricerca sul campo. Parallelamente, sarà costituto un comitato Operativo con il compito di fornire il necessario sostegno, sia di competenze e conoscenze di merito, sia per l organizzazione operativa della ricerca. La ricerca empirica sarà preceduta da un analisi della letteratura disponibile. In particolare verranno considerati contributi relativi a: la professione del controllore del traffico aereo; i sistemi organizzativi ad alta affidabilità, errore umano, safety e controllo del rischio. La ricerca empirica sarà caratterizzata da tre principali attività: osservazione etnografica; interviste in profondità; focus group. 3

4 OSSERVAZIONE ETNOGRAFICA La ricerca etnografica consiste nell osservazione diretta da parte del ricercatore delle pratiche di lavoro degli ATCOs nell ambito dell ambiente naturale di svolgimento di tali attività. Il ricercatore avrà così la possibilità di produrre una descrizione dettagliata dell attività e di intercettare le specificità e i meccanismi della conoscenza tacita che consente al controllore di individuare e controllare possibili eventi ambigui. La tipologia di siti che saranno oggetto di osservazione sono i centri di controllo d area di Milano e Roma e le torri di controllo degli aeroporti di Roma-Fiumicino e Milano- (Linate o Malpensa). I ricercatori saranno assegnati ai diversi siti oggetto di studio e seguiranno diversi turni di lavoro in modo da poter osservare il controllore in condizioni di lavoro differenti per entità di traffico, visibilità e numero di ore di attività. Il ricercatore stenderà periodicamente dei rapporti dettagliati dell attività di osservazione svolta. INTERVISTE IN PROFONDITÀ Gli ATCOs saranno sottoposti a interviste in profondità. La traccia dell intervista sarà definita in relazione ai risultati della ricerca etnografica, al confronto con alcuni testimoni privilegiati ed al parere dei membri del Comitato Strategico. FOCUS GROUPS Il focus group è una tecnica di ricerca che consiste, sotto la guida di uno o più ricercatori, nel sollecitare una conversazione e un confronto in un gruppo composto da circa 5-10 persone. Nel nostro caso i gruppi saranno composti da ATCOs e saranno finalizzati all analisi delle pratiche di lavoro e di gestione e controllo dell inatteso. I focus groups costituiscono, inoltre, un momento importante per l individuazione e la condivisione di best practices e spazi d intervento. 4. TIMING DELLA RICERCA La ricerca avrà una durata complessiva di dieci mesi a partire dall avvio dell attività empirica. Un maggiore dettaglio della pianificazione delle attività mensili è fornito nella tabella che segue. MESI COSTITUZIONE COMITATO GUIDA A T T I V I T A RIUNIONE COMITATO GUIDA ANALISI LETTERATURA OSSERVAZIONE ETNOGRAFICA INTERVISTE IN PROFONDITA FOCUS GROUPS REPORT INTERMEDIO 4

5 REPORT FINALE (STESURA E CONSEGNA) 5. BIBLIOGRAFIA Catino, M., Patriotta, G., (2013), Learning from errors: Cognition, emotions and just culture at the Italian Air Force, Organizational Studies. Catino, M. (2010) A multilevel model of accident analysis: The Linate disaster, in Patrick Alvintzi and Hannes Eder(Eds.), Crisis Management, Nova Science Publishers, Inc. Catino, M., Garzone, G., et al. (2010) Communication failures in aviation accidents. Towards an integrated model, in Arcibald, J., Garzone, G. (Eds.), Discourse and Identities in Specialized Communication, Berna, Peter Lang. Vaughan, D. (forthcoming), Dead Reckoning: Air Traffic Control in the early 21 st century, Chicago, University of Chicago Press. Vaughan, D. (2005), Organizational Rituals of Risk and Error, in Hutter, B., Power, M., Organizational Encounters with Risk, Cambridge, Cambridge University Press, pp Weick, K. (2001), Making sense of the organization, Oxford, UK: Blackwell. Weick, K., Sutcliffe, K., M. (2001), Managing the Unexpected: Assuring High Performance in an Age of Complexity, San Francisco, CA: Jossey Bass. Weick, K., Sutcliffe, K., M. (2007), Managing the Unexpected: Resilient Performance in an Age of Uncertainty, San Francisco, CA: Jossey Bass. 6. IL PROFILO DEL DIRETTORE DEL GRUPPO DI RICERCA Maurizio Catino Professore associato di Sociologia dell organizzazione presso la Facoltà di Sociologia dell Università degli Studi di Milano Bicocca. Presidente del corso di Laurea in Scienze dell organizzazione. Membro del comitato di direzione della Rassegna Italiana di Sociologia, e del comitato di redazione di Stato e Mercato. I suoi principali interessi scientifici e professionali riguardano: il contributo umano ed organizzativo agli incidenti e ai breakdown dei sistemi complessi; la miopia organizzativa e la gestione dell inaspettato; la cultura della sicurezza. E autore di numerose pubblicazioni sia in Italia che all estero ed ha condotto numerose esperienze formative e di intervento su: l error management; l errore umano in medicina ed i fattori organizzativi; la gestione dell inaspettato; la miopia nelle organizzazioni; le organizzazioni ad alta affidabilità; le culture della sicurezza per la prevenzione degli errori; la progettazione di sistemi di incident reporting. E stato Visiting professor presso: il Department of Sociology, Oxford (UK), 2007 e 2011; il Department of Sociology di Princeton (Usa), 2010 e E stato consulente scientifico della Commissione d inchiesta parlamentare sugli errori in campo sanitario e i disavanzi regionali. Attualmente è Visiting Research Scholar presso il Department of Sociology della New York University Responsabile scientifico del Programma di ricerca sull errore umano e i fattori organizzativi, tra l Università degli Studi di Milano Bicocca e l Aeronautica Militare Italiana. Competenze ed esperienze: 5

6 Sviluppo di strategie e programmi per lo sviluppo della cultura della sicurezza, dell affidabilità e la gestione dell errore umano. Progetti di cambiamento e apprendimento organizzativo; miopia organizzativa e gestione dell inaspettato. Formazione su: le organizzazioni ad alta affidabilità, l errore umano e gli incidenti organizzativi, la cultura della sicurezza, le Non-Technical Skills, la gestione del rischio, l apprendimento e il cambiamento organizzativo. Da oltre venti anni svolge attività di seminari, progetti di ricerca-intervento, consulenza e formazione per imprese e pubbliche amministrazioni. Sui temi dell error management, analisi di incidenti, gestione dell inaspettato e dell affidabilità, cultura della sicurezza ha realizzato interventi formativi e organizzativi per: Ferrovie dello Stato, Italian Flight Safety Committee, aeroporti di Linate, Firenze, Palermo, Lamezia Terme, Aeronautica Militare Italiana; Anacna, Pfizer, Telecom, Enel, Telecom, Agip, Campari, Siemens, Johnson & Johnson, numerosi ospedali ed Asl PRINCIPALI PUBBLICAZIONI RECENTI (selezione) (2013) Organizational Myopia. Problems of Rationality and Foresight in Organizations, Cambridge, Cambridge University Press ) (with Gerardo Patriotta), Learning from errors: Cognition, emotions and just culture at the Italian Air Force, Organizational Studies, 34(4), pp (2013) (con Alessia Bianco Dolino), Teoria sull eziologia degli incidenti nelle organizzazioni, Sociologia del Lavoro, n (2012) Capire le organizzazioni, Bologna, il Mulino. (2012) (con M. Pesenti, C. Locatelli), I ragionamenti inferenziali nella gestione delle emergenze, Rivista Italiana di Medicina Legale, Anno XXXIV, Fasc. 2, pp (2012) (con Antonio Mutti), Crisi Finanziaria e Scienze Sociali. Mercati, Politica, Organizzazioni, numero monografico, Rassegna Italiana di Sociologia, N. 1. (2011), Why doctors practice defensive medicine? The side-effects of medical litigation, Safety Science Monitor, Vol. 15, n. 1, pp (2010), A multilevel model of accident analysis: The Linate disaster, in Patrick Alvintzi and Hannes Eder (Eds.), Crisis Management, Nova Science Publishers, Inc. (2010) (with G. Garzone et al.), Communication failures in aviation accidents. Towards an integrated model, in Arcibald, J. and Garzone, G. (Eds.), Discourse and Identities in Institutional Professional and Academic Communication, Berna, Peter Lang. (2010), Gatekeepers miopi? Aspetti organizzativi nel fallimento dei controlli, Stato e Mercato, n. 89, agosto, pp (2010), Why doctors practice defensive medicine?, paper presented at 5 th International Conference 6

7 workingonsafety.net, Røros (Norway), 7-10 September. (2010) (con G. Forti et. al.), Il problema della medicina difensiva, Pisa, Edizioni ETS. (2010), Forme di miopia nelle organizzazioni, in AA.VV. L analisi organizzativa dei sindacati, Quaderni di Rassegna Sindacale, Anno XI, N. 3, pp (2009) (con G. Patriotta), Managing errors and blame in extreme organizations: The case of Italian Air Force, paper presented at 25th Colloquium EGOS, Barcelona (Spain), July, 2 4. (2009) (con S. Celotti), The problem of human error and defensive medicine: Two Italian survey, paper presented at Patient Safety Through Intelligent Procedures in Medication, Belgirate, Italy, September, (2009), Miopia organizzativa. Problemi di razionalità e previsione nelle organizzazioni, Bologna, il Mulino. (2009), Blame culture and defensive medicine, Cognition, Technology, and Work, Volume 11, No. 4, pp (2009), Apprendere dagli errori per migliorare sicurezza e affidabilità organizzativa: il contributo della sociologia dell organizzazione, Sociologia del lavoro, No. 114, pp (2009), Oltre l errore umano. Per una teoria organizzativa degli incidenti nelle organizzazioni, Giornale Italiano di Nefrologia, anno 26, n. 1, pp (2009), Colpa e capro espiatorio: una questione organizzativa, in Il pensiero organizzativo in Italia. Studi in onore di Giuseppe Bonazzi, Milano, Franco Angeli. (2008), L errore in medicina e la cultura della colpa, Emergency Care Journal, Anno IV, numero V. (2008), Disastri, voce del Dizionario di Sociologia, Roma, Gremese, (2008) (con S. Albolino), Colpa ed errore. Logiche d analisi in aeronautica e in medicina, Studi Organizzativi, n. 1, pp (2008), A Review of Literature: Individual Blame vs. Organizational Function Logics in Accident Analysis, Journal of Contingencies and Crisis Management, Volume 16, n 1, pp (2008), The Linate Air Disaster. A Multilevel Model of Accident Analysis, paper presentato al 24th Colloquium EGOS, Upsetting Organizations, Amsterdam, July. (2007), Comunità di pratiche e sicurezza in contesti non-ergodici, Ambiente e Lavoro, n. 12, pp.: (2007), Oltre l errore umano. Per una teoria organizzativa degli incidenti, Ambiente e Lavoro, n. 7, Luglio, pp (2007), Cultura della colpa e apprendimento organizzativo, RischioSanità, n. 24, pp (2007) (con S. Albolino), Learning from Failures. The role of no Blame Culture, paper presentato al 23th Colloquium EGOS, Vienna, 5-7 July. (2006) Da Chernobyl a Linate. Incidenti tecnologici o errori organizzativi? Milano, Bruno Mondadori (2 edizione riveduta e aggiornata). (2006), Logiche dell indagine: oltre la cultura della colpa, Rassegna Italiana di Sociologia, n. 1, pp (2006), Combattere la hubris e la miopia organizzativa, commento all articolo di M.A. Roberto, R.M.J. Bohmer e A.C. Edmondon Come affrontare le minacce vaghe e indefinite, Harvard Business Review, n. 6, dicembre. 7

8 MEDIA COVERAGE TV-Radio: National Geographic Channel (video sull incidente aereo di Linate), RAI, SKY24, La7, Radio24. Newspapers and Magazines: Corriere della Sera, La Repubblica, Il Sole 24Ore, La Stampa, Europa, Panorama, Il Tempo, Il Mondo, Mondoperario, L Impresa, Newton, Doctor, Il Quotidiano, Safety & Security, Il Denaro. 8

SCHEDA BIOGRAFICA STUDI UNIVERSITARI E POST-UNIVERSITARI

SCHEDA BIOGRAFICA STUDI UNIVERSITARI E POST-UNIVERSITARI SCHEDA BIOGRAFICA Corso di Laurea: Psicologia Insegnamento/i: Sociologia generale e Sociologia del lavoro Nome: Maurizio Cognome: Catino e-mail: maurizio.catino@unimib.it Curriculum (in italiano) STUDI

Dettagli

LA PROFESSIONE DELL AIR TRAFFIC CONTROLLER:

LA PROFESSIONE DELL AIR TRAFFIC CONTROLLER: Università degli Studi di Milano-Bicocca Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale LA PROFESSIONE DELL AIR TRAFFIC CONTROLLER: OPERARE IN CONTESTI AD ALTA AFFIDABILITÀ TRA EFFICIENZA E SICUREZZA RAPPORTO

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO: METODO E STRUMENTI. Obiettivo: Descrivere la metodologia per la gestione del rischio clinico. Con quale metodo?

GESTIONE DEL RISCHIO: METODO E STRUMENTI. Obiettivo: Descrivere la metodologia per la gestione del rischio clinico. Con quale metodo? GESTIONE DEL RISCHIO: METODO E STRUMENTI Obiettivo: Descrivere la metodologia per la gestione del rischio clinico. Con quale metodo? Premessa indispensabile alla tematica di gestione del rischio è il COINVOLGIMENTO

Dettagli

32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità

32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità Risk Management in ambito ostetrico Manuela Ghilardi A.O. Ospedali Riuniti di Bergamo 32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità Contenuti

Dettagli

Salute e sicurezza: una priorità per tutte le organizzazioni. Lo standard OHSAS 18001 può aiutarvi a gestire al meglio i rischi.

Salute e sicurezza: una priorità per tutte le organizzazioni. Lo standard OHSAS 18001 può aiutarvi a gestire al meglio i rischi. Salute e sicurezza: una priorità per tutte le organizzazioni. Lo standard OHSAS 18001 può aiutarvi a gestire al meglio i rischi. BSI vi aiuta a gestire i rischi e ad accrescere il benessere aziendale.

Dettagli

Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa.

Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa. Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa. Perché BSI? Grazie allo standard ISO 22301 l azienda può restare sempre operativa. La competenza di BSI in quest ambito può trasformare

Dettagli

ALESSANDRO ARRIGHETTI

ALESSANDRO ARRIGHETTI ALESSANDRO ARRIGHETTI Department of Economics, University of Parma, Via Kennedy 6 43100 Parma Phone: +39.0521.032404 Fax: +39.0521.032402 e-mail: alessandro.arrighetti@unipr.it Professore ordinario in

Dettagli

(39) 0552759214 ufficio Dipartimento. (39) 0552759903 ufficio Dipartimento delpunta@unifi.it

(39) 0552759214 ufficio Dipartimento. (39) 0552759903 ufficio Dipartimento delpunta@unifi.it Curriculum vitae Riccardo Del Punta CURRICULUM VITAE Dichiarazione sostitutiva di certificazione e dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà ai sensi del D.P.R. 28/12/2000, n. 445 Il sottoscritto

Dettagli

L errore in medicina

L errore in medicina Argomenti L errore in medicina Maurizio Catino Molte persone muoiono in tutto il mondo, e subiscono danni gravi, a causa di errori sanitari. L Italia è allineata con gli altri paesi. Il problema non può

Dettagli

SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE

SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE A cura di MARIO PEZZILLO IACONO PROCEDURA DI SVOLGIMENTO DELL ELABORATO Scrivere la tesi rappresenta una delle prime occasioni nelle quali

Dettagli

Il ruolo del controller @ POLIMI

Il ruolo del controller @ POLIMI Il ruolo del controller @ POLIMI 22 Novembre 2012 MARIKA ARENA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA GESTIONALE - POLITECNICO DI MILANO Agenda 2 L evoluzione del contesto competitivo L evoluzione del controllo di

Dettagli

Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011

Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011 Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011 Giuseppe Murolo Servizio 5 Qualità Governo Clinico e sicurezza dei pazienti

Dettagli

Risk Management Sanitario LO STATO DELL ARTE. AO Legnano - 14 aprile 2005. Dott. Lodovico Marazzi - Risk Manager

Risk Management Sanitario LO STATO DELL ARTE. AO Legnano - 14 aprile 2005. Dott. Lodovico Marazzi - Risk Manager Risk Management Sanitario LO STATO DELL ARTE AO Legnano - 14 aprile 2005 Introduzione: Willis Uno dei primi tre gruppi di Brokeraggio Assicurativo e Risk Management a livello mondiale. La migliore performance

Dettagli

Giornata di presentazione del Progetto: La Rete dei Referenti della Salute Organizzativa 10 luglio 2014 - Sala della Protomoteca

Giornata di presentazione del Progetto: La Rete dei Referenti della Salute Organizzativa 10 luglio 2014 - Sala della Protomoteca Giornata di presentazione del Progetto: La Rete dei Referenti della Salute Organizzativa 10 luglio 2014 - Sala della Protomoteca A cura dell Ufficio Studi e Ricerca per l Innovazione e la Promozione della

Dettagli

Progetto Q4ECEC. 'Awareness-raising on Quality and Institutional Commitment in Early Childhood Education and Teaching

Progetto Q4ECEC. 'Awareness-raising on Quality and Institutional Commitment in Early Childhood Education and Teaching Progetto Q4ECEC 'Awareness-raising on Quality and Institutional Commitment in Early Childhood Education and Teaching Reference: 550472-LLP-1-2013-1-IT-KA1-KA1ECETA Progetto Q4ECEC 'Awareness-raising on

Dettagli

Destinazioni turistiche come network

Destinazioni turistiche come network 5 e 6 settembre 2013 La Salle, Aosta 26 novembre 2013 Aosta Destinazioni turistiche come network Tripodi C., Università della Valle d Aosta e SDA Bocconi Turci L., Università della Valle d Aosta e Oxford

Dettagli

La gestione della crisi: CRM. G. Scagliarini

La gestione della crisi: CRM. G. Scagliarini La gestione della crisi: CRM G. Scagliarini Obiettivi Introdurre concetto di CRM Razionale della Simulazione Cosa hanno in comune aeronautica, anestesia e emergency medicine? Elementi comuni Alta complessità

Dettagli

Gli ospedali sono Organizzazioni ad Alta Affidabilità?

Gli ospedali sono Organizzazioni ad Alta Affidabilità? Gli ospedali sono Organizzazioni ad Alta Affidabilità? Riccardo Tartaglia, MD, Eur-Erg rischio.clinico@regione.toscana.it www.regione.toscana.it/rischioclinico High Reliability Organizations (HROs) HROs

Dettagli

BUSINESS CONTINUITY. Newsletter n. 8 2014. Know how in pillole: Dicembre 2014. Che cosa si intende per Business Continuity?

BUSINESS CONTINUITY. Newsletter n. 8 2014. Know how in pillole: Dicembre 2014. Che cosa si intende per Business Continuity? Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la serie delle Newsletter legate agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV esistenti o in fase di costituzione. Questa volta la pillola formativa si riferisce alla

Dettagli

nelle aziende (XX ciclo) Università degli Studi di Parma POSIZIONE ACCADEMICA ATTUALE POSIZIONE UNIVERSITARIA

nelle aziende (XX ciclo) Università degli Studi di Parma POSIZIONE ACCADEMICA ATTUALE POSIZIONE UNIVERSITARIA (Aggiornato a MARZO 2013) NOME E COGNOME E-MAIL Paola Ramassa ramassa@economia.unige.it CURRICULUM STUDI LAUREA Laurea in Economia e Commercio (indirizzo aziendale) Università degli Studi di Genova DOTTORATO

Dettagli

Curriculum e pubblicazioni di. Anna Casaglia

Curriculum e pubblicazioni di. Anna Casaglia Curriculum e pubblicazioni di Anna Casaglia Posizione attuale: Assegnista di ricerca dal 1 gennaio 2011. Anno di nascita: 1976 Data laurea quadriennale: Aprile 2006 Laurea in Sociologia, presso la Facoltà

Dettagli

G I A N L U C A C A S S E S E

G I A N L U C A C A S S E S E G I A N L U C A C A S S E S E DIPARTIMENTO DI STATISTICA Università Milano Bicocca U7-2081, via Bicocca degli Arcimboldi, 8, 20126 Milano - Italy DATI ANAGRAFICI E INFORMAZIONI GENERALI: Luogo e data di

Dettagli

Skills 4 security: antani? «Le dico solo tre parole... Chief Security Officer»

Skills 4 security: antani? «Le dico solo tre parole... Chief Security Officer» Skills 4 security: antani? «Le dico solo tre parole... Chief Security Officer» La security: esperienza vs conoscenza didattica Cosa può capitare avendone solo una delle due? Esperienza pregressa Conoscenza

Dettagli

Esistono differenti tipologie di report aziendali, a seconda della funzione per cui sono redatti e dei soggetti a cui si rivolgono

Esistono differenti tipologie di report aziendali, a seconda della funzione per cui sono redatti e dei soggetti a cui si rivolgono REPORTING INTERNO: PREMESSE Esistono differenti tipologie di report aziendali, a seconda della funzione per cui sono redatti e dei soggetti a cui si rivolgono REPORT ISTITUZIONALI REPORT OPERATIVI REPORT

Dettagli

lo staff di Aviationcoaching.com Copyright 2012 Aviationcoaching.com www.aviationcoaching.com - email: info@aviationcoaching.com

lo staff di Aviationcoaching.com Copyright 2012 Aviationcoaching.com www.aviationcoaching.com - email: info@aviationcoaching.com CRM PER IL PILOTA SINGOLO Il CRM per un solo pilota sembra un paradosso, ma non lo è. Anche se il CRM si è sempre focalizzato sugli equipaggi, molti dei suoi elementi sono applicabili al pilota singolo

Dettagli

Insight. Gestire e comunicare la crisi: un caso di successo. N. 24 Maggio 2009

Insight. Gestire e comunicare la crisi: un caso di successo. N. 24 Maggio 2009 Insight N. 24 Maggio 2009 Gestire e comunicare la crisi: un caso di successo Il termine crisi suggerisce istintivamente un momento, nella vita di una persona o di un azienda, dalle conseguenze non prevedibili

Dettagli

Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374. ABSTRACT del documento. e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte

Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374. ABSTRACT del documento. e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374 ABSTRACT del documento e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte 1 Gruppo di lavoro Supervisione scientifica: Maria Pia Cavalieri Coordinamento Marco Guspini

Dettagli

LE COMPETENZE NON TECNICHE ovvero NON TECHNICAL SKILLS

LE COMPETENZE NON TECNICHE ovvero NON TECHNICAL SKILLS LE COMPETENZE NON TECNICHE ovvero NON TECHNICAL SKILLS Le competenze non tecniche sono competenze che usiamo ogni giorno nella vita quotidiana. Comprendono la chiarezza nella comunicazione, il senso pratico

Dettagli

Risk management Sistema Fattore umano Differenze L aereo è integro Aviazione = innovazione Check professionali Compliance deontologica Sapere consolidato Ambiente internazionale Procedure Cockpit sterile

Dettagli

errori in aeronautica ( e in medicina) la storia e le soluzioni

errori in aeronautica ( e in medicina) la storia e le soluzioni errori in aeronautica ( e in medicina) la storia e le soluzioni 1 Airbus A320 Air France, 1998 2 USA, 1999 Errori in Medicina: USA Ogni anno 43.458 morti per incidenti automobilistici 42.297 morti per

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO-PROFESSIONALE

CURRICULUM FORMATIVO-PROFESSIONALE CURRICULUM FORMATIVO-PROFESSIONALE La sottoscritta Paola Rocchi, DICHIARA di avere il seguente curriculum formativo-professionale: -luglio 1984 conseguimento del diploma di maturità; -autunno 1984 iscrizione

Dettagli

Business continuity management per le strutture che erogano servizi socio sanitari. Con il patrocinio di

Business continuity management per le strutture che erogano servizi socio sanitari. Con il patrocinio di Business continuity management per le strutture che erogano servizi socio sanitari Con il patrocinio di La Business Continuity o Continuità Operativa, è la capacità di un organizzazione di mantenere operative

Dettagli

I SISTEMI DI SEGNALAZIONE IN SANITA (REPORTING)

I SISTEMI DI SEGNALAZIONE IN SANITA (REPORTING) Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale-Emilia-Romagna I SISTEMI DI SEGNALAZIONE IN SANITA (REPORTING) Ottavio Nicastro Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale-Emilia-Romagna Premessa I sistemi di reporting

Dettagli

c. Responsabile scientifico Corso Data Mangement, presso Azienda Ospedaliero Universitaria S. Maria della Misericordia, Udine, dal 06/03/2008 al

c. Responsabile scientifico Corso Data Mangement, presso Azienda Ospedaliero Universitaria S. Maria della Misericordia, Udine, dal 06/03/2008 al DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA (D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, art. 47 e successive modifiche ed integrazioni) NON SOGGETTA AD AUTENTICAZIONE-ESENTE DA BOLLO (D.P.R. 28 dicembre 2000,

Dettagli

Dott.ssa A.S.Guzzo Resp. UOS Gestione del rischio clinico in area critica DEA Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma

Dott.ssa A.S.Guzzo Resp. UOS Gestione del rischio clinico in area critica DEA Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma Dott.ssa A.S.Guzzo Resp. UOS Gestione del rischio clinico in area critica DEA Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma DEA sistema ad alto rischio 1 Elevatissimo numero di transazioni (relazionali,

Dettagli

Sapere organizzativo e fattori istituzionali. Quali opportunità e quali vincoli all istituzionalizzazione della valutazione

Sapere organizzativo e fattori istituzionali. Quali opportunità e quali vincoli all istituzionalizzazione della valutazione Sapere organizzativo e fattori istituzionali. Quali opportunità e quali vincoli all istituzionalizzazione della valutazione Mita Marra Università di Salerno Visiting Scholar Trachternberg Schol of Public

Dettagli

HUMAN MANAGEMENT SYSTEM PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (HMS-SSL)

HUMAN MANAGEMENT SYSTEM PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (HMS-SSL) HUMAN MANAGEMENT SYSTEM PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (HMS-SSL) P. CLERICI*, A. GUERCIO**, L. QUARANTA** RIASSUNTO L organizzazione è costituita dalle persone e dalle loro relazioni reciproche e

Dettagli

Breve Curriculum Vitae et Studiorum

Breve Curriculum Vitae et Studiorum Breve Curriculum Vitae et Studiorum Giuseppe Coco, PhD Professore associato in Economia Politica, Università di Bari nato a Metz (Francia) il 29/ 07/ 1965 Recapito: Dipartimento Affari Economici, Presidenza

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Audit SEA per l analisi delle criticità su eventi significativi

Audit SEA per l analisi delle criticità su eventi significativi Audit SEA per l analisi delle criticità su eventi significativi Giulio Toccafondi, Ph.D, CRM Centro Gestione Rischio Clinico e Sicurezza del Paziente Regione Toscana http://www.regione.toscana.it/centro-gestione-rischio-clinico

Dettagli

I Convegno OSN Centro Alti Studi per la Difesa, Roma 25 Ottobre 2005. I Confini, le Città, le Infrastrutture Critiche

I Convegno OSN Centro Alti Studi per la Difesa, Roma 25 Ottobre 2005. I Confini, le Città, le Infrastrutture Critiche I Convegno OSN Centro Alti Studi per la Difesa, Roma 25 Ottobre 2005 I Confini, le Città, le Infrastrutture Critiche Infrastrutture Aeroportuali Critiche: criteri di classificazione e metodologie di analisi

Dettagli

Università degli Studi di Siena SCUOLA POST LAUREA DI SANITA PUBBLICA

Università degli Studi di Siena SCUOLA POST LAUREA DI SANITA PUBBLICA Università degli Studi di Siena SCUOLA POST LAUREA DI SANITA PUBBLICA SHORT COURSE Risorse Umane in Sanità: Tecniche Direzionali (Anno Accademico 2010/2011) Programma Preventivo Certosa di Pontignano,

Dettagli

Una joint venture fra CNR e piccola impresa per la sentiment analysis a uso dell industria dei sondaggi

Una joint venture fra CNR e piccola impresa per la sentiment analysis a uso dell industria dei sondaggi Una joint venture fra CNR e piccola impresa per la sentiment analysis a uso dell industria dei sondaggi Ivano Luberti 1 e Fabrizio Sebastiani 2 1 Archimede Informatica SCaRL 56126 Pisa, Italy luberti@archicoop.it

Dettagli

Modina Silvio. Indirizzo VIA MOSCHINI, 17 37129 VERONA Telefono 045 8352075 348 3017886 silvio.modina@unimib.it

Modina Silvio. Indirizzo VIA MOSCHINI, 17 37129 VERONA Telefono 045 8352075 348 3017886 silvio.modina@unimib.it C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome E-mail Nazionalità Luogo e Data di nascita Codice Fiscale Modina Silvio Indirizzo VIA MOSCHINI, 17 37129 VERONA Telefono 045 8352075

Dettagli

ICT & Airport Business Integration

ICT & Airport Business Integration ICT & Airport Business Integration 31 Gennaio 2005 Fabio Pacelli Contenuti Lo scenario di riferimento nell Industry Aeroportuale Un modello per valutare la capacità di maturità di un azienda nello scenario

Dettagli

SICUREZZA FISICA E ICT SECURITY: UN NUOVO MODELLO DI BUSINESS SECURITY

SICUREZZA FISICA E ICT SECURITY: UN NUOVO MODELLO DI BUSINESS SECURITY SICUREZZA FISICA E ICT SECURITY: UN NUOVO MODELLO DI BUSINESS SECURITY DOTT. ALESSANDRO LEGA, CPP Managing Director di Traicon S.r.l. (Gruppo DAB) Nel percorrere il vasto territorio professionale che caratterizza

Dettagli

FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN RELAZIONI INTERNAZIONALI (Classe LM 52)

FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN RELAZIONI INTERNAZIONALI (Classe LM 52) FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN RELAZIONI INTERNAZIONALI (Classe LM 52) Insegnamento di GESTIONE DELLA CONOSCENZA PER L IMPRESA SSD SECS P10 6 CFU A.A. 2014-2015 Docente: Prof.

Dettagli

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE PER IL PROFESSIONISTA DELLA SECURITY AZIENDALE

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE PER IL PROFESSIONISTA DELLA SECURITY AZIENDALE Corso di formazione anno accademico 2014 2015 CORSO DI FORMAZIONE PER IL PROFESSIONISTA DELLA SECURITY AZIENDALE Corso in fase di qualificazione per la Certificazione Professionista della security aziendale

Dettagli

f r A g Curriculum Vitae Concetta Carnevale www.fargroup.eu Curriculum vitae con indicazione delle principali attività accademiche e professionali

f r A g Curriculum Vitae Concetta Carnevale www.fargroup.eu Curriculum vitae con indicazione delle principali attività accademiche e professionali Francesco Dainelli Curriculum Vitae 2011 www.fargroup.eu f r A g Curriculum Vitae Concetta Carnevale Curriculum vitae con indicazione delle principali attività accademiche e professionali 25/02/2014 0

Dettagli

Sistema Rilevamento del Wind - Shear. per l Aeroporto Punta Raisi di Palermo. Dr. Fabio Milioni

Sistema Rilevamento del Wind - Shear. per l Aeroporto Punta Raisi di Palermo. Dr. Fabio Milioni Sistema Rilevamento del Wind - Shear per l Aeroporto Punta Raisi di Palermo 1 Sommario Obiettivi e punti chiave del Programma; Stato Attuale dei Sistemi Installati a Palermo; Sistema in realizzazione Palermo

Dettagli

Resoconto degli interventi. Sessione Plenaria IV

Resoconto degli interventi. Sessione Plenaria IV Resoconto degli interventi Sessione Plenaria IV 1 Sessione plenaria IV La centralità delle risorse umane nella gestione del rischio di compliance 11 nov. 2011 ore 9.30 11.00 Chairman: Giancarlo Durante,

Dettagli

Nicola Mitolo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, Università degli Studi di Firenze

Nicola Mitolo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, Università degli Studi di Firenze Nicola Mitolo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, Università degli Studi di Firenze Francesco Venneri Clinical Risk Manager Asl 10 Firenze IL BUSINESS CONTINUITY MANAGEMENT IN

Dettagli

PROCEDURA SELETTIVA PER LA CHIAMATA DI UN PROFESSORE DI SECONDA FASCIA PER IL SETTORE CONCORSUALE 13/B2 SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE SECS-P/08

PROCEDURA SELETTIVA PER LA CHIAMATA DI UN PROFESSORE DI SECONDA FASCIA PER IL SETTORE CONCORSUALE 13/B2 SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE SECS-P/08 PROCEDURA SELETTIVA PER LA CHIAMATA DI UN PROFESSORE DI SECONDA FASCIA PER IL SETTORE CONCORSUALE 13/B2 SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE SECS-P/08 (Decreto del Rettore n. 413 del 12 maggio 2014, modificato

Dettagli

Excellence Programs Executive - 2013 Building the future: positivity and innovation at work!

Excellence Programs Executive - 2013 Building the future: positivity and innovation at work! Excellence Programs Executive - 2013 Building the future: positivity and innovation at work! I 4 step che compongono il programma permettono ai partecipanti di: 1. Costruire il futuro con l innovazione

Dettagli

"INFORMATION LITERACY": L'ESPERIENZA DIDATTICA NEI CORSI DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE. Relatore: Maurizio Grilli

INFORMATION LITERACY: L'ESPERIENZA DIDATTICA NEI CORSI DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE. Relatore: Maurizio Grilli "INFORMATION LITERACY": L'ESPERIENZA DIDATTICA NEI CORSI DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE Relatore: Maurizio Grilli Ambito infermieristico: Infermieristica, Ostetricia. Ambito della prevenzione: Assistenza

Dettagli

Echi dal PMI Global Congress Europe 2004. Area of focus SWT. Software and Technical Skills

Echi dal PMI Global Congress Europe 2004. Area of focus SWT. Software and Technical Skills Echi dal PMI Global Congress Europe 2004 Area of focus SWT Software and Technical Skills Maria Antonietta Cervini Senior Clinical Planner Nerviano Medical Science Nerviano (Milano) Italy 21 May 2004 1

Dettagli

Biblioteca Issirfa-Cnr - Fascicoli doppi (22/07/2015)

Biblioteca Issirfa-Cnr - Fascicoli doppi (22/07/2015) Biblioteca Issirfa-Cnr - Fascicoli doppi (22/07/2015) Gli interessati possono ottenere i fascicoli a titolo gratuito provvedendo alla spedizione a proprie spese. Per maggiori informazioni: Dott.ssa Patrizia

Dettagli

REGOLE DEL GRUPPO RELATIVE ALLE RISORSE UMANE

REGOLE DEL GRUPPO RELATIVE ALLE RISORSE UMANE REGOLE DEL GRUPPO RELATIVE ALLE RISORSE UMANE Sono fermamente convinto che nel nostro nuovo Gruppo Monier la performance del nostro staff sarà più importante che mai. I nostri ambiziosi obiettivi aziendali

Dettagli

ICT Security Governance. 16 Marzo 2010. Bruno Sicchieri ICT Security Technical Governance

ICT Security Governance. 16 Marzo 2010. Bruno Sicchieri ICT Security Technical Governance ICT Security 16 Marzo 2010 Bruno Sicchieri ICT Security Technical Principali aree di business 16 Marzo 2010 ICT Security in FIAT Group - I Principi Ispiratori Politica per la Protezione delle Informazioni

Dettagli

La Business Continuity per la resilienza delle organizzazioni

La Business Continuity per la resilienza delle organizzazioni sicurezza preventiva La Business Continuity per la resilienza delle organizzazioni ANGELA PIETRANTONI BUSINESS CONTINUITY MANAGER (CBCI) 32 LA SALVAGUARDIA DEL BUSINESS DAGLI EVENTI DISASTROSI È UNA NECESSITÀ

Dettagli

Curriculum accademico di Carmela Gulluscio Posizione attuale:

Curriculum accademico di Carmela Gulluscio Posizione attuale: Curriculum accademico di Carmela Gulluscio Posizione attuale: Ricercatrice confermata in Economia Aziendale presso la Facoltà di Economia dell Università degli Studi Unitelma Sapienza di Roma. Abilitata

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 5

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 5 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 5 Francesco Clabot 1 Responsabile erogazione servizi tecnici francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Visione d insieme e definizione

Visione d insieme e definizione Visione d insieme e definizione Corso di Organizzazione Aziendale Alcune capacita /competenze organizzative STRUTTURA STRATEGIA TECNOLOGIA RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE 1 Raggruppamento Funzionale Raggruppamento

Dettagli

Modina Silvio. silvio.modina@unimib.it FIRENZE, 11 FEBBRAIO 1959 MDN SLV 59B11 D612B

Modina Silvio. silvio.modina@unimib.it FIRENZE, 11 FEBBRAIO 1959 MDN SLV 59B11 D612B CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Indirizzo Modina Silvio VIA MOSCHINI, 17 37129 VERONA E-mail Nazionalità Luogo e Data di nascita Codice Fiscale silvio.modina@unimib.it ITALIANA FIRENZE,

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo E-mail BIOCCA MARCO Nazionalità I Data di nascita ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) 2001-2011 Nome

Dettagli

Comunità di Pratica per i Knowledge Workers: indagine sulle best practices. I risultati in progress della ricerca del LAOC

Comunità di Pratica per i Knowledge Workers: indagine sulle best practices. I risultati in progress della ricerca del LAOC Comunità di Pratica per i Knowledge Workers: indagine sulle best practices. I risultati in progress della ricerca del LAOC Giovanni Rosso LAOC Università Roma Tre 1 Comunità di Pratica nel Web Italiano

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MITCHELL WEISBERG. Strategic Management dell IT

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MITCHELL WEISBERG. Strategic Management dell IT LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MITCHELL WEISBERG Strategic Management dell IT SVILUPPARE UNA BALANCED SCORECARD PER MISURARE LA PERFORMANCE DELL IT E ALLINEARE IT E BUSINESS ROMA 11-13 NOVEMBRE 2015 RESIDENZA

Dettagli

Le attese del mondo del lavoro

Le attese del mondo del lavoro Campagna di Informazione 2011-2013 sul Processo di Bologna Seminario Nazionale, presso Università di Genova Un offerta formativa flessibile, orientata alle competenze, atta a migliorare l occupabilità

Dettagli

L Incident Reporting

L Incident Reporting ESPERIENZE IN TEMA DI RISK MANAGEMENT METODOLOGIA, STRUMENTI,, APPLICAZIONI L Incident Reporting Dott. Antonio Maria Pinna Clinical Risk Manager ASL 3 Nuoro Il sistema di incident reporting: cos è L incident

Dettagli

Ingegneria del Software Interattivo. - Oltre l esperimento - Parte quarta: L usabilità. L osservazione nell ingegneria dell usabilità

Ingegneria del Software Interattivo. - Oltre l esperimento - Parte quarta: L usabilità. L osservazione nell ingegneria dell usabilità Ingegneria del Software Interattivo - Oltre l esperimento - Docente: Daniela Fogli Parte quarta: L usabilità 1. L ingegneria dell usabilità 2. I metodi di valutazione di usabilità dei sistemi interattivi

Dettagli

Comer Academy. La sede

Comer Academy. La sede Comer Academy Nata nel 2008 per sostenere il processo di cambiamento dell azienda, Comer Academy è il centro per la diffusione della cultura dell eccellenza alla base del modello di business di Comer Industries.

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI BOLOGNA FACOLTÁ DI LETTERE E FILOSOFIA

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI BOLOGNA FACOLTÁ DI LETTERE E FILOSOFIA ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI BOLOGNA FACOLTÁ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea in Scienze della Comunicazione Pubblica, Sociale e Politica. FORZE DELL ORDINE E PARTECIPAZIONE ONLINE.

Dettagli

Le ICT nella scuola italiana. Sintesi dei dati in un quadro comparativo europeo

Le ICT nella scuola italiana. Sintesi dei dati in un quadro comparativo europeo esperienze / riflessioni Le ICT nella scuola italiana. Sintesi dei dati in un quadro comparativo europeo Giuliano Vivanet a a Università di Cagliari, giuliano.vivanet@unica.it Abstract Con l obiettivo

Dettagli

CAPITOLO 3. Sabina Nuti*

CAPITOLO 3. Sabina Nuti* CAPITOLO 3 FIDUCIA E TRASPARENZA NEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO Sabina Nuti* Il tema della fiducia dei cittadini nei confronti della pubblica amministrazione ed in particolare del sistema sanitario pubblico,

Dettagli

BIBLIOGRAFIA. 1. http://www.piemonteimmigrazione.it/ Ultima consultazione 07/2008

BIBLIOGRAFIA. 1. http://www.piemonteimmigrazione.it/ Ultima consultazione 07/2008 BIBLIOGRAFIA 1. http://www.piemonteimmigrazione.it/ Ultima consultazione 07/2008 2. Flor L, Bonetti A M, Le cure specialistiche agli immigrati in ambiente ospedaliero, Tendenze Nuove, 2007/1: 65-76 3.

Dettagli

La Sicurezza dell Informazione nel Web Information System La metodologia WISS

La Sicurezza dell Informazione nel Web Information System La metodologia WISS 1 Introduzione La Sicurezza dell Informazione nel Web Information System La metodologia WISS Ioanis Tsiouras 1 (Rivista ZeroUno, in pubblicazione) I sistemi informativi con le applicazioni basate su Web

Dettagli

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS MILANO, 16 GENNAIO 2014 Expected Revenue from Business Line XXX Expected Revenue from Business Line XXX Result at 1% Target Expected Result ENTERPRISE

Dettagli

Università del Sannio (Benevento) (Italia)

Università del Sannio (Benevento) (Italia) INFORMAZIONI PERSONALI DE PALMA FIORELLO OCCUPAZIONE DESIDERATA ESPERIENZA PROFESSIONALE 01/09/2009 31/07/2010 Docente a contratto per gli insegnamenti di Lingua Inglese I-II-III. Corso di Laurea in Scienze

Dettagli

Una modalità operativa per la Quality Assurance

Una modalità operativa per la Quality Assurance p w c Una modalità operativa per la Quality Assurance Milano, 28 Novembre 2006 *connectedthinking Massimiliano Pizzardi CIA - CCSA Indice Definizione del concetto di Quality Assurance dell attività di

Dettagli

Il dottorato industriale

Il dottorato industriale GRUPPO TELECOM ITALIA Roma, 17 luglio 2012 Il dottorato industriale Antonio Migliardi Responsabile Human Resouces & Organization Telecom Italia Il modello di relazione con le Università Le iniziative sul

Dettagli

Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento

Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento Innovazione per la Pubblica Amministrazione Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento Fabio Monteduro CISPA-Università di Roma Tor Vergata fabio.monteduro@uniroma2.it

Dettagli

SELEZIONE PER LA COPERTURA DI N.1 POSTO DI RICERCATORE A TEMPO DETERMINATO PER IL SETTORE CONCORSUALE 13/B2

SELEZIONE PER LA COPERTURA DI N.1 POSTO DI RICERCATORE A TEMPO DETERMINATO PER IL SETTORE CONCORSUALE 13/B2 SELEZIONE PER LA COPERTURA DI N.1 POSTO DI RICERCATORE A TEMPO DETERMINATO PER IL SETTORE CONCORSUALE 13/B2 SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE SECS-P/08 ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE PRESSO IL DIPARTIMENTO

Dettagli

High Impact Programs. Performance Technology Solutions 2014 Tutti i diritti riservati

High Impact Programs. Performance Technology Solutions 2014 Tutti i diritti riservati High Impact Programs 1 Chi siamo Performance Technology Solutions (PTS) è una società di consulenza organizzativa e formazione manageriale Il nostro nome deriva dalla metodologia di origine statunitense

Dettagli

Team coaching e sviluppo

Team coaching e sviluppo new program Team coaching e sviluppo TERRENUOVE CENTRO DI RICERCA INTERPERSONALE E INTERCULTURALE Cooperativa sociale Onlus Intact presenta il nuovo programma: Team coaching e sviluppo t e a m c o a c

Dettagli

Convegno Il Sociologo e le Sirene: nuovi paradigmi per la ricerca sociale venerdì 21 gennaio 2011 Università degli Studi di Milano-Bicocca

Convegno Il Sociologo e le Sirene: nuovi paradigmi per la ricerca sociale venerdì 21 gennaio 2011 Università degli Studi di Milano-Bicocca Convegno Il Sociologo e le Sirene: nuovi paradigmi per la ricerca sociale venerdì 21 gennaio 2011 Università degli Studi di Milano-Bicocca Terza sessione Il sociologo, le sirene e gli avatar. Ricerca qualitativa

Dettagli

Marco Cannata. Formato europeo per il curriculum vitae. Informazioni personali. Nome ESPERIENZA LAVORATIVA. Date (da a) Dal 27.01.1999 al 27.03.

Marco Cannata. Formato europeo per il curriculum vitae. Informazioni personali. Nome ESPERIENZA LAVORATIVA. Date (da a) Dal 27.01.1999 al 27.03. CV Formato europeo per il curriculum vitae Informazioni personali Nome Marco Cannata ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) Dal 27.01.1999 al 27.03.1999 Amministrazione Comunale di Camaiore (LU) Piazza San

Dettagli

Informare, comunicare, partecipare. La cittadinanza nel tempo del web 2.0: uno studio sull informazione locale Primo rapporto di ricerca

Informare, comunicare, partecipare. La cittadinanza nel tempo del web 2.0: uno studio sull informazione locale Primo rapporto di ricerca Informare, comunicare, partecipare. La cittadinanza nel tempo del web 2.0: uno studio sull informazione locale Primo rapporto di ricerca 1. PRESENTAZIONE Uno degli scopi del progetto di ricerca Informare,

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

Top Management Forum Il punto annuale su scenari, strategie e strumenti per competere

Top Management Forum Il punto annuale su scenari, strategie e strumenti per competere EDIZIONE 2011 From Strategy to Execution Top Management Forum Il punto annuale su scenari, strategie e strumenti per competere 30 novembre e 1 dicembre, Milano Prima giornata Sessioni tematiche e oltre

Dettagli

Il Sistema di Governo della Sicurezza delle Informazioni di SIA

Il Sistema di Governo della Sicurezza delle Informazioni di SIA Company Management System Il Sistema di Governo della Sicurezza delle Informazioni di SIA Scopo del documento: Redatto da: Verificato da: Approvato da: Codice documento: Classificazione: Dominio di applicazione:

Dettagli

SUZANNE ROBERTSON MANAGING THE DEADLINE: A PROJECT MANAGEMENT MASTER CLASS ROMA 25-27 OTTOBRE 2006 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

SUZANNE ROBERTSON MANAGING THE DEADLINE: A PROJECT MANAGEMENT MASTER CLASS ROMA 25-27 OTTOBRE 2006 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MANAGING THE DEADLINE: A PROJECT MANAGEMENT MASTER CLASS ROMA 25-27 OTTOBRE 2006 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it

Dettagli

La storia. Fattore umano o Ergonomia. Che cosa è l ergonomia. Problemi di comunicazione. Ergonomia tra qualità e sicurezza

La storia. Fattore umano o Ergonomia. Che cosa è l ergonomia. Problemi di comunicazione. Ergonomia tra qualità e sicurezza Master risk management and patient safety La storia L ERGONOMIA in ospedale: storia e sviluppi recenti Riccardo Tartaglia rischio.clinico@regione.toscana.it Verona, 5 Ottobre 2009 Che cosa è l ergonomia

Dettagli

Il Manuale della Security di Federchimica.

Il Manuale della Security di Federchimica. FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA Il Manuale della Security di Federchimica. Giuseppe Astarita Ravenna, 28 maggio 2009 Security: importanza crescente negli ultimi anni, a partire dagli USA. Come noto, negli anni

Dettagli

PMBOK Guide 5th Edition (2012) vs PMBOK Guide 4th Edition (2008)

PMBOK Guide 5th Edition (2012) vs PMBOK Guide 4th Edition (2008) Paolo Mazzoni 2013. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2013". Non sono ammesse

Dettagli

Classificazione delle riviste di interesse dell A.M.A.S.E.S.

Classificazione delle riviste di interesse dell A.M.A.S.E.S. Classificazione delle riviste di interesse dell A.M.A.S.E.S. Il Presidente ricorda che allo scopo di dare utili indicazioni ai soci Amases, e in particolare ai giovani, sulle riviste maggiormente interessate

Dettagli

PMO: così fanno le grandi aziende

PMO: così fanno le grandi aziende PMO: così fanno le grandi aziende Tutte le grandi aziende hanno al loro interno un PMO - Project Management Office che si occupa di coordinare tutti i progetti e i programmi aziendali. In Italia il project

Dettagli

G R A Z I A D I C U O N Z O

G R A Z I A D I C U O N Z O G R A Z I A D I C U O N Z O ISTRUZIONE E FORMAZIONE 2 Dicembre 2013 ad oggi Titolare di assegno di ricerca (s.s.d. SECS-P/07) dal titolo I marchi di impresa: un analisi empirica dei divari tra valori e

Dettagli

CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT LE 10 PROFESSIONAL PRACTICES

CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT LE 10 PROFESSIONAL PRACTICES 1 CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT Il corso è finalizzato a illustrare in dettaglio le competenze richieste al Business Continuity Manager per guidare un progetto BCM e/o gestire

Dettagli

SC D2 Information Technology and Telecommunication. General session e SC meeting 2012

SC D2 Information Technology and Telecommunication. General session e SC meeting 2012 Information Technology and CIGRE Comitato Nazionale Italiano Riunione del 29 Ottobre 2012 General session e SC meeting 2012 Chairman Carlos Samitier(ES) Segretario Maurizio Monti(FR) Membership 24 membri

Dettagli