SISTEMA ATTENTIVO ESECUTIVO E APPRENDIMENTI: modelli e interventi integrati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SISTEMA ATTENTIVO ESECUTIVO E APPRENDIMENTI: modelli e interventi integrati"

Transcript

1 Francesco Benso

2 SISTEMA ATTENTIVO ESECUTIVO E APPRENDIMENTI: modelli e interventi integrati Francesco Benso Docente di Psicologia Fisiologica - Polo M.T. Bozzo - Università di Genova Polo Universitario di ricerca e intervento sui disturbi del linguaggio e dell apprendimento M.T. Bozzo San Marino 2014 XII CONVEGNO SULLA DISLESSIA IMPARARE QUESTO E' IL PROBLEMA 2

3 Premessa Volendo agire per potenziare, abilitare riabilitare un modulo bisogna valutarne dei modelli che lo rappresentino. Una teoria modulare innatista con sistemi specifici che sono incapsulati, refrattari al controllo top down, totalmente automatizzati, lascerebbe poche speranze ad ogni sorta di intervento. Tuttavia già da diversi anni molti autori sottolineano l intervento dell ambiente nei processi di modularizzazione (Karmiloff Smith, 1992); la penetrabilità e la parziale interazione o non addittività dei sistemi modulari (Sternberg 2006); la non completa automatizzazione dei sistemi più complessi. Nell era dei mirror dove una ristretta famiglia di neuroni è adibita a più funzioni la teoria modulare ristretta è sempre meno convincente

4 Riflessioni Importanti critiche da diversi anni stanno emergendo anche verso gli studi svolti con neuroimmagini funzionali. 1) perché i risultati dei diversi studi in metaanalisi fanno precipitare la potenza statistica all 8 % ( Button et al., 2013) 2) per l annoso problema del puro inserimento (metodo sottrattivo : misuro uno stato di base senza compito da sottrarre alle aree che si attivano con il compito aggiunto). Non è possibile aggiungere un compito anche molto modulare senza riconfigurare ed interagire su altri circuiti neuronali Biyu J. He (2013)

5 Biyu J. He (2013) A widely held assumption is that spontaneous and task-evoked brain activity sum linearly, such that the recorded brain response in each single trial is the algebraic sum of the constantly changing ongoing activity and the stereotypical evoked activity. Using functional magnetic resonance imaging (fmri) signals acquired from normal humans, we show that this assumption is invalid.

6 Si tende ora a valutare la connettività formata nella situazione di riposo con tecniche chiamate Resting-state functional connectivity magnetic resonance imaging (rs-fcmri) Ad esempio Vogel et al. (2012) trovano che The Putative Visual Word Form Area Is Functionally Connected to the Dorsal Attention Network.Attenzione spaziale e non con le aree definite linguistiche!

7 La modularità ristretta è messa in discussione, tuttavia si apre una altra pericolosa e simile tendenza in un contesto insospettabile perché teoricamente distribuito (quasi come assunto): quello dei sistemi centrali con le funzioni esecutive che vengono trattate come moduli specifici. Questo per noi è un argomento molto importante perché ogni apprendimento compresa la complessità motoria è sostenuto nel suo sviluppo e monitorato in seguito dall Attenzione Esecutiva e dalle sue funzioni.

8 La suddivisione delle FE e i vani tentativi di rappresentarle con dei test in modo univoco stanno portando le NEUROSCIENZE ad una nuova FRENOLOGIA. Sta avvenendo un impropria Modularizzazione dei Sistemi Centrali Updating Inhibition?????? Shifting

9 The Relationship Between Working Memory Capacity and Executive Functioning: Evidence for a Common Executive Attention Construct David P. McCabe Colorado State University Henry L. Roediger, III, Mark A. McDaniel, and David A. Balota Washington University in St. Louis David Z. Hambrick Michigan State University Neuropsychology 2010, Vol. 24, No. 2, Nessun test può rappresentare appieno una funzione esecutiva tanto che è impossibile regolarsi anche in base alla letteratura. The WCST is often used to measure set shifting or mental flexibility (Ashendorf & McCaffrey, 2008; Rhodes, 2004), but is also believed to measure inhibition of previous task sets (Salthouse et al., 2003), problem solving (Greve et al., 2002), strategic updating of goals based on feedback (Bishara et al., in press), abstract thinking (Shad, Muddasani, &Keshavan, 2006), and concept formation (Cinan, 2006).

10 SISTEMA ATTENTIVO ESECUTIVO Controllo Esecutivo Updating Shifting Avvio FUNZIONI ESECUTIVE ATTENTIVE NON SEPARATE, MA IN INTERAZIONE CONTINUA. IN BASE AL COMPITO NE PREVALE UNA SEMPRE SOSTENUTA DALLE ALTRE.

11 Il Sistema Attentivo Esecutivo nelle sue multicomponenti è parte integrante per la formazione e lo sviluppo dei sistemi modulari (apprendimenti) Ashcraft& Kirk, 2001; Bayliss, Jarrold, Gunn, & Baddeley, 2003; Case et al., 1982; Daneman& Hannon, 2001; Gathercole & Pickering, 2000; Hitch, Towse, & Hutton, 2001; Kail & Hall, 2001; Swanson, 1996; Towse, Hitch, & Hutton, 1998). I moduli si automatizzano a livelli diversi in base alla complessità

12 Apprendere a camminare è diverso che apprendere a danzare Il linguaggio sviluppa prestissimo (nelle fasi implicite), mentre la lettura a causa di diversi limiti (anche della motilità oculare stessa) non può iniziare che nelle fasi esplicite e si sviluppa molto lentamente (in terza elementare si leggono circa 3 sillabe al secondo, ma tale abilità continua a sviluppare nelle scuole superiori...circa 7 sillabe al secondo). Sia la lettura, sia il suonare uno strumento possono raggiungere un elevatissimo grado di automazione, tuttavia non saranno mai completamente automatizzati. Andranno costantemente allenati essendo moduli più complessi. Basta sospendere e si regredisce (non sono moduli del livello di imparare ad andare in bicicletta ). Inoltre anche i moduli più automatizzabili sono penetrabili (come vedremo) dai sistemi centrali.

13 La teoria dei mirror rinforza e amplifica queste osservazioni rendendo anacronistici quei punti di vista indifferenziati modularmente tra processi automatici e controllati. La dicotomia automatico controllato per i moduli complessi è impropria. Si deve considerare un continuum dove il modulo sviluppato si colloca verso l automaticità o verso il controllo senza dimenticare le spinte emotive che possono spingere adattivamente (autoregolazione) o disadattivamente da uno stato all altro (vedi dopo) Gli sviluppi modulari rigidi e indifferenziati sono rivisti nella teoria gerarchica di Moscovitch e Umiltà che vedremo dopo Basket (vince l emotività creata dall ambiente concentrandosi cognitivamente sul canestro) Autoregolazione cognitivo emotivo Calcio di rigore passerella Autoregolazione emotivo cognitivo (il sistema emotivo induce a valutare con attenzione dove si mettono i piedi blocco e freezing...

14

15 I moduli di terzo tipo diventano sistemi complessi che contengono servomeccanismi più specifici quasi specifici aspecifici (calcolo: numerosità concetto di somma anche connettivo logico or nell algebra di Boole sistemi di memoria e attentivi esecutivi)

16 Francesco Benso AIRIPA Ivrea

17 T = termostato / accumulatore di evidenza / intensità emotiva. Sopra soglia chiude collegando (implicito) I. Il relè T1 scatta chiudendo il circuito principale e le risorse del Processore Centrale (PC) vanno ad alimentare il Refrigeratore Modulo. Controllo esecutivo attentivo T1 T I SAS Cingolo anteriore CPFDL G Cingolo insula/opercolar sistem. Accumulatore di evidenza emotiva e motivazionale Refrigeratore ambiente Modulo Camminare Francesco Benso AIRIPA Ivrea

18

19 I moduli sono relativamente penetrabili in età dello sviluppo si forma una certa differenziazione (non dominio specifica, ma dominio rilevante Karmiloff Smith). Nell età adulta si formano circuiti disposizionali che collegano diverse aree adibite anche ad altre funzioni Tratto da Power et al. 2011

20 Esempi Camminare processo modulare non controllato (T1 alzato) Passeggiata per shopping per divertimento

21 Esempi Camminare processo controllato (T1 abassato) Autoregolazione emotiva: Stare attenti a dove si mettono i piedi Attenzione volontariamente spostata verso destra Passerella della barca Strada stretta/pericolosa

22 Penetrabilità ed interazione modulare periferica (pur conservando la specificità di dominio) predice l interazione delle diverse funzioni esecutive (più centrali) che esistono in funzione l una dell altra Esempio di modulo penetrato da altro sistema specifico effetto Mc Gurk Effetto di modulo penetrato dai sistemi centrali IL «DRITTO «DI NADAL!!! Camminare su di una passerella

23 Diverse condizioni di intervento: sistema emotivo che inserisce e disinserisce il controllo emotivo Fasi Adattive Apprendimento di moduli complessi intervento del Sistema Attentivo Esecutivo; Espressione dell automatismo appreso di un modulo complesso fuoriuscita del Sistema AttentivoEsecutivo, Rimarrebbe un contatto con cingoloinsula e sistema opercolare per shifting di stato (controllato/automatico). I sistemi emotivo motivazionale probabilmente tramite questo circuito inseriscono /disinseriscono il Sistema attentivo esecutivo. Autoregolazione emotiva Fasi Disadattive Difficoltà di concentrazione e impossibilità a sviluppare sistemi modulari complessi; Disturbi di apprendimento Intervento del sistema emotivo che induce il sistema di controllo ad inserirsi pesantemente su di un modulo sufficientemente automatizzato (il braccino a tennis; balbuzie ); il modulo perde fluidità Eccessiva mancanza di autoregolazione. Il sistema emotivo non viene regolato dal sistema di controllo esecutivo (Posner et al.2004) Blocco emotivo, scena muta nell interrogazione ben preparata.

24 La possibilità di penetrare i moduli e inserire e disinserire il sistema di controllo diventa utile per applicare tecniche riabilitative o abilitative. I sistemi Attentivi esecutivi sviluppano con i lobi frontali oltre i 25 anni di età (Anderson et al. 2010, Sowell et al. 1999). Sugli apprendimenti di terzo tipo si può lavorare anche nell adolescenza ovviamente più si avanza nell età si ha meno flessibilità e meno tempo prima che termini lo sviluppo dei lobi frontali. Inoltre si possono formare meccanismi di compensazione e particolari stili cognitivi che ostacolano i nuovi processi da acquisire ad esempio Rosen, Engle (1997) sostengono che i doppi compiti disturbano le performance dei soggetti con una buona WM, ma hanno un minimo effetto sui soggetti con debole WM. A riprova che questi soggetti si abituano ad evitare l impegno cognitivo rendendo pochissimo ma in modo analogo sia in fase di semplice compito di span che nel doppio compito

25 Per intervenire sugli apprendimenti oltre che a livello modulare bisogna stimolare tutti i tipi di attenzione e le componenti del sistema esecutivo attentivo essendo parte integrante di qualsiasi apprendimento (Bull e Sherif, 2001; Cirino, Morris e Morris, 2002; Gathercole e Pickering 2000; Mac Lean e Hitch, 1999 Cowan et al. 2005)

26 I diversi tipi di attenzione E necessario per abilitare conoscere i diversi tipi di attenzione (misurarli e poi trattarli)

27 !!!!! Mc Cabe et al. (2010)

28 Per la misura dell attenzione E necessaria una batteria complessa perché qualche aspetto problematico del sistema attentivo esecutivo lo troviamo sempre nei disturbi di apprendimento (vedi Cowan et al.2005). E metodologicamente sbagliato asserire che non vi sono problemi attentivi quando questi vengono valutati con un solo test, spesso nemmeno valido per misurare sostanziali aspetti dell attenzione. Si commettono in questi casi diversi errori non accettabili dalla metodologia statistica i due principali sono: 1) quello di trarre conclusioni sull ipotesi nulla Ho (niente si può concludere se non vi è la significatività statistica), il test può essere poco potente o non adeguato come nel caso 2) errore sistematico nell utilizzare strumenti di misura inadeguati e poco potenti. NOTA : Si può escludere o includere a livello di linee guida nelle diagnosi di superficie (è nei limiti o non è nei limiti della dislessia della disgrafia ecc..) non si possono escludere appieno (quando non vi è significatività) i processi sottostanti come attenzione, memorie, aspetti visuospaziali, fini indagini linguistiche.

29 L L L L L Orientamento Automatico e Volontario (Posner, 1980) Allerta Fasico e Tonico (Posner Petersen 1990; 2010) Focalizzazione Automatica e Volontaria (Turatto Benso et al. 2000) Attenzione focalizzata Attenzione distribuita L L L L T L L L L L L L L L L L L L T L

30 Due sistemi di controllo cognitivo Fronto parietale (classico : con le multicomponenti attentive esecutive : controllo,flessibilità updating) Cingolo insulare /opercolare Controllo del set, mantenimento dello scopo, collegamento con spinte emotive motivazionali Tratto da Dosenbach et al. 2007

31 Effects of visual spatial attention on ERP responses to visual stimuli Attenzione guidata dall interno Top down, strategica, legata ad uno scopo, deve spesso vincere la frustrazione, ed ha bisogno di risorse Attenzione guidata dagli stimoli esterni Può essere molto intensa ma anche indice di debolezza di risorse (distraibilità del paziente con lesioni frontali, videogiochi incapacità a staccare..)

32

33 Anche la memoria di lavoro viene interpretata come sistema attentivo esecutivo (Mc Cabe et al., 2010; Cowan et al., 2005)

34 La WM è attenzione! (COWAN 2002) Nella WM di Cowen (2005) sono coinvolti tutti i tipi di attenzione comprese le funzioni attentive-esecutive di base La capacità limitata della WM dipende dall estensione del fuoco dell attenzione ed è calcolabile in media nell adulto in 4/5 chunk che possono poi sostenere anche 7+o- 2 informazioni semplici

35

36 Training improves the ability to achieve and maintain the meditation state even if it is not practiced regularly The reduced difficulty in maintenance of the meditative state may be due to involvement of the autonomic nervous system in avoiding switching out of the state. The involvement of autonomic control in maintaining the meditation state may be compared to the task-based cognitive control exerted by the executive attention network. In expert task performance, moment-to-moment control via a frontal-parietal system is suppressed, because the expert relies on fast automatic responses that are ballistic and need no control; however, the higher-level strategic control via the cingulo-opercular system may remain.

37 Risultati del trattamento integrato Tutti i tipi di attenzione e le funzioni del sistema attentivo esecutivo di base Rielaborazioni in memoria di lavoro Gli aspetti metafonologici Lo span visivo (tachistoscopio utilizzato ad hoc) Span spaziale (turbo lettori)

38 Legge (2007) ci tiene a sottolineare che lo span visivo si differenzia da quello percettivo così come individuato e definito da McConkie e Rayner (1975) attraverso l utilizzo della tecnica moving window nell analisi dei movimenti oculari. In questo caso, lo span percettivo è definito in termini di richieste funzionali di lettura, includendo le richieste oculomotorie e gli effetti di contesto. Lo span visivo, invece, si riferisce al riconoscimento di lettere in assenza di fattori oculomotori e contestuali. * sge *bsc * dhi

39 L autore continua proponendo due tra le maggiori differenze, rilevate in letteratura, tra lo span visivo e quello percettivo: la prima è che lo span visivo manifesta solo una leggera asimmetria sinistradestra nella sua misura (Legge, Mansfield, & Chung, 2001) comparata con l evidente asimmetria dello span percettivo (esso si estende per circa 4 caratteri a sinistra e 15 a destra del punto di fissazione); Inoltre, lo span visivo è definito e misurato indipendentemente dal contesto, mentre quello percettivo dipende dalla difficoltà del testo (Rayner, 1986).

40

41

42 The Putative Visual Word Form Area Is Functionally Connected to the Dorsal Attention Network Alecia C. Vogel1, Fran M. Miezin1,2, Steven E. Petersen1,2,3,4 and Bradley L. Schlaggar1 The putative visual word form area (pvwfa) is the most consistently activated region in single word reading studies (i.e., Vigneau et al. 2006), yet its function remains a matter of debate. The pvwfa may be predominantly used in reading or it could be a more general visual processor used in reading but also in other visual tasks. Here, resting-state functional connectivity magnetic resonance imaging (rs-fcmri) is used to characterize the functional relationships of the pvwfa to help adjudicate between these possibilities. The rs-fcmri correlations between the pvwfa and regions of the dorsal attention network increase with age and reading skill, while the correlations between the pvwfa and reading-related regions do not. These results argue the pvwfa is not used predominantly in reading but is a more general visual processor used in other visual tasks, as well as reading.

43 PROGETTO LE TRACCE Comune di LOANO GENN MAGGIO Raven lettura (sill/sec) lettura (sill/sec) NOMI classe parole punz non parolepunz parole punt z non parolepunt z % 1,65-1,45 1-1,51 2,96 0,507 1,76 0, % 0,93-2,52 0,84-1,92 1,44-1,761 0,9-1, % 0,99-2,51 0,88-1,81 1,36-2,071 1,19-1, % 1,46-1,95 0,7-2,12 2,58-0,619 1,41-0, % 1,94-1,38 0,97-1,66 2,15-1,131 1,32-1, % 1,1-2,38 0,94-1,71 1,5-1,905 1,51-0, % 1,32-1,94 0,77-2,1 1,73-1,328 1,32-0, % 1,17-2,3 0,7-2,12 2,1-1,19 1,38-0, % 0,97-2,54 0,9-1,78 1,86-1,476 1,47-0, ,95-1,37 0,91-1,76 3,97 1,036 2,03 0, % 1,27-2,18 0,61-2,28 3,03-0,083 2,18 0,43 Medie 1,3409-2,05 0, ,89 2, ,911 1, ,6 Diff Parole in 4 mesi -0,9 sillabe al secondo differenza aspettata ottimistica 0,3 Notare anche il rientro dei punti z in alcuni soggetti

44 Effetto dei trattamenti nei Centri di Neuropsichiatria Infantile del VCO Rilevamento dopo un anno. Guadagno di circa 1 sillaba al secondo contro le 0,3 previste S RAVEN perc BRANO PAROLE NONPAROLEBRANO PAROLE NONPAROLE sill/sec punto z sill/sec punto z sill/sec punto z sill/sec punto z sill/sec punto z sill/sec punto z ,20-1,72 1,38-1,85 1,22-0,94 2,56-1,56 2,43-1,49 1,57-0, ,67-2,39 1,32-2,60 1,28-1,55 2,31-2,33 1,82-2,98 1,53-1, ,49-2,16 2,06-2,70 1,48-1,72 3,45-2,63 2,64-2,48 2,02-1, ,47-1,13 1,18-0,80 1,41 0,59 3,01 0,01 1,87-0,48 2,44 2, ,35-2,16 1,35-1,27 1,16-0,08 1,87-1,49 1,52-1,02 1,30-0, ,79-2,07 1,98-1,33 1,12-1,40 3,11-1,03 3,10-0,83 1,67-0, ,86-2,81 0,61-2,41 0,70-1,89 1,87-2,21 1,57-1,58 1,20-1, ,20-1,72 2,27-0,99 1,61-0,55 2,72-1,13 3,10 0,00 2,12 0, ,06-1,86 0,99-1,13 0,72-1,27 2,01-1,30 1,76-0,65 1,30-0, ,70-1,71 1,51-1,03 1,01-1,03 2,83-0,78 2,06-0,84 1,61 0, ,55-2,32 1,44-1,98 1,19-1,28 2,28-1,81 2,12-1,80 1,59-1, ,51-1,25 1,75-1,30 1-1,51 2,64-1,19 3,06-0,05 1,42-0,88 M 47,5 1,74-1,94 1,49-1,60 1,16-1,05 2,76-1,45 2,25-1,18 1,65-0,39 D 20,5 0,53 0,48 0,47 0,67 0,28 0,72 0,50 0,73 0,60 0,92 0,37 1,20

45 Risultati Recuperi medi s/s BRANO PAROLE NON PAROLE Gruppo 1,375 1, , Dislessici 1,445 1, ,03 In difficoltà 1,3225 1,07 0,49

46

47

48 casi_trattamenti

49

50 Ricerca sull efficacia e sulla tenuta del trattamento integrato (Moretti, Bellazzini,Vatteroni, Iachia, Clavarezza,Benso) Sono stati selezionati 30 bambini dislessici di età compresa tra la 3 primaria e la 3 secondaria di primo grado, tramite prove di lettura di parole, non parole e brano. I bambini sono stati assegnati casualmente a: 1. gruppo di controllo 2. gruppo sperimentale Bilanciati per età e velocità di lettura.

51 Disegno della ricerca T1 T2 T3 Gruppo di controllo (n=12) Test di lettura a aprile 2013 Re test a giugno Gruppo sperimentale (n=18) Test di lettura a aprile 2013 Re test a giugno 2013 (dopo 3 mesi di trattamento) Re test a settembre 2013 (dopo 3 mesi di pausa estiva) Il trattamento previsto 2 incontri settimanali di 40 minuti ciascuno, per un totale di 18 incontri per ogni bambino.

52 Gruppo di controllo: tempo di lettura Nessuna differenza significativa emersa Prova T1 T2 p tempo_parole 138,33 131,75.17 tempo_non parole 78,66 74,66.29 tempo_brano 182,91 173,50.20

53 Gruppo sperimentale: sillabe al secondo Differenze significative: T1 T2 parole,(p<.01), T1- T3 parole (p<.01). T1 T2 non parole (p<.01), T1 T3 non parole (p<.01). T1 T2 brano (p=.01), T1 T3 brano (p<.01). Prova T1 T2 T3 sill_sec_parole 1,99 2,41 2,44 sill_sec_non parole 1,38 1,63 1,62 sill_sec_brano 2,43 2,77 2,75

54 Commento ai risultati Sembra che la stimolazione di attenzione, memoria di lavoro e lettura sia importante nel recupero di lentezza e della scarsa accuratezza nella decodifica. Inoltre, i miglioramenti ottenuti tramite il trattamento integrato sembrano avere una «tenuta nel tempo» anche dopo un periodo di sospensione.

55 GENNAIO 2008 Raven 50 percentile Velocità di lettura: Brano 2.78 sillabe al secondo (3 err ) m= 4.92 d.s.= 1.12 Z= Parole 2.6 sillabe al secondo (6 err ) m= 4.44 d.s.= 0.88 Z= Non parole 1.49 sillabe al secondo (1 err ) m= 2.6 d.s.= 0.65 Z= OTTOBRE 2009 Raven 60 percentile Velocità di lettura: Brano 3.35 sillabe al secondo (0 Errori) m= 4.90 d.s.= 0.95 Z= Parole 3.39 sillabe al secondo ( 2 Errori ) m= 4.7 d.s.=0.9 Z= Non parole 2.08 sillabe al secondo (2 errori) m= 2.8 d.s.=0.6 Z=-1.2 OTTOBRE 2011 Raven 80 percentile Brano 4.6 sillabe al secondo (1 err) m=6.55 ds=1.15 Z= Parole 4.62 sillabe al secondo (0 err) m=5.28 ds=0.97 Z= Non parole 2.22 sillabe al secondo (1 err) m=3.23 ds=0.79 Z= Fine Training Giugno 2012 APRILE 2013 Raven 95 percentile Lettura di Brano: velocità 4.98 sill\sec. (errori 0) Lettura di Parole: velocità 5.52 sill.\s. (errori 2) m=5.69 ds=0.79 Z= Lettura di Non Parole: velocità 2,82 sill./s. (errori 0) m=3.66 ds=0.81 Z= -1.03

56 Conclusioni I Moduli complessi sono sorretti dal sistema attentivo esecutivo, che contribuisce allo sviluppo e li tiene monitorizzati Sono penetrabili e perciò trattabili ad età anche avanzate. Per stimolarli bisogna valutare anche i diversi tipi di attenzione e le funzioni attentive esecutive di base Attraverso approcci integrati (sistemi centrali e moduli) si ottengono miglioramenti Motivazioni ed emozioni, appaiono sempre più importanti per la buona riuscita del training che non può rinunciare ad allenare la gestione della frustrazione sui compiti (elemento indispensabile per progredire) con impostazioni attentive top down. Ovviamente si utilizzano come cattura nel set anche aspetti dell attenzione esogena guidata dagli stimoli, della quale però non è bene abusare. Conoscere i diversi stati attentivi è importante per promuoverli e gestirli anche durante il set abilitativo (ad esempio questa conoscenza porta a sapere che con giochi di percezione veloce si possono creare stati di allerta molto utili per risvegliare tutti i tipi di attenzione)

57 Conclusioni I risultati ottenuti con training integrati (moduli e sistemi centrali) che grazie ai nuovi modelli teorici si stanno ulteriormente riaggiornando ci confermano la bontà del tipo di approccio, ci dicono inoltre che si può migliorare anche ad età avanzate e che il training (che ha bisogno di un minimo di 2 interventi la settimana) anche se somministrato per pochi mesi incrementa in qualche misura le abilità che si mantengono anche dopo interruzioni di 4 mesi.

FUNZIONI ESECUTIVE E DISPRASSIA

FUNZIONI ESECUTIVE E DISPRASSIA IX Congresso nazionale AIDAI-AIRIPA AIRIPA Perugia, 30-31 maggio 2013 FUNZIONI ESECUTIVE E DISPRASSIA M.Margheriti, M.Baciarelli, M.T.Barberini, M.S. Ghilardi, G.Tinarelli, L.Michelazzo Associazione Italiana

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dislessia disgrafia disortografia - discalculia

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dislessia disgrafia disortografia - discalculia DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO Dislessia disgrafia disortografia - discalculia Come si sviluppa un abilità Predisposizione innata: le funzioni superiori si insediano nell uomo per sola esposizione

Dettagli

Dislessia nell adulto e costruzione di protocolli di valutazione

Dislessia nell adulto e costruzione di protocolli di valutazione Dislessia nell adulto e costruzione di protocolli di valutazione A. M. Re Università degli studi di Padova Servizio per i Disturbi dell Apprendimento Evoluzione della velocità di lettura in normo-lettori

Dettagli

Modelli di riabilitazione lessicali e sublessicali San Marino 2012 Convegno: «Imparare, questo è il problema»

Modelli di riabilitazione lessicali e sublessicali San Marino 2012 Convegno: «Imparare, questo è il problema» Modelli di riabilitazione lessicali e sublessicali San Marino 2012 Convegno: «Imparare, questo è il problema» Francesca Scortichini psicologa Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Riabilitazione

Dettagli

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Cosimo Urgesi Università di Udine e IRCCS E. Medea L attenzione Sottende un ampia classe di processi

Dettagli

DISLESSIA e. DISTURBI SPECIFICI Dell APPRENDIMENTO

DISLESSIA e. DISTURBI SPECIFICI Dell APPRENDIMENTO DISLESSIA e DISTURBI SPECIFICI Dell APPRENDIMENTO Quadro clinico del disturbo Il modello standard della lettura Modelli teorici interpretativi Definizione dei DSA Quadri clinici principali A cura di :

Dettagli

Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA

Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA www.labda-spinoff.it 0498209059/3284366766

Dettagli

dr.ssa Fernanda Bernabei

dr.ssa Fernanda Bernabei I disturbi specifici dell apprendimento dr.ssa Fernanda Bernabei 1 IL DISTURBO SPECIFICO DELL APPRENDIMENTO Il disturbo specifico si presenta in genere come una difficoltà specifica isolata, in contrasto

Dettagli

Neuroscienze e Psicologia della musica Tomaso Vecchi

Neuroscienze e Psicologia della musica Tomaso Vecchi Neuroscienze e Psicologia della musica Tomaso Vecchi Department of Brain and Behavioral Sciences, Università di Pavia Brain Connectivity Center, IRCCS Mondino I fondamenti psicologici dell esperienza musicale

Dettagli

Dott.ssa Gabrielli Lorenza Psicologa Esperta in Psicopatologia dell apprendimento lorenzagabrielli@gmail.com

Dott.ssa Gabrielli Lorenza Psicologa Esperta in Psicopatologia dell apprendimento lorenzagabrielli@gmail.com DSA: Diversi Strumenti per l Apprendimento La Relazione clinica Dott.ssa Gabrielli Lorenza Psicologa Esperta in Psicopatologia dell apprendimento lorenzagabrielli@gmail.com Il PEP dello studente, in linea

Dettagli

Premessa 31/10/2011. Un due tre stella. ecco MAGA BEA! Esistono vari tipi di attenzione.

Premessa 31/10/2011. Un due tre stella. ecco MAGA BEA! Esistono vari tipi di attenzione. Premessa Un due tre stella ecco MAGA BEA! Laboratorio per il potenziamento delle abilità di ascolto e di attenzione L attenzione comprende la disponibilità a recepire la capacità di selezione dello stimolo

Dettagli

Valutazione e intervento didattico nell apprendimento della lettura e della scrittura. Belluno, ottobre dicembre 2011.

Valutazione e intervento didattico nell apprendimento della lettura e della scrittura. Belluno, ottobre dicembre 2011. Valutazione e intervento didattico nell apprendimento della lettura e della scrittura Belluno, ottobre dicembre 2011 Michela Cendron Centro Regionale Specializzato per i Disturbi dell Apprendimento ULSS20

Dettagli

Uno studio pilota per la rilevazione della velocità di lettura in modalità silente

Uno studio pilota per la rilevazione della velocità di lettura in modalità silente Uno studio pilota per la rilevazione della velocità di lettura in modalità silente Massimo Ciuffo, Enrico Ghidoni, Antonella Gagliano, Massimo Ingrassia, Damiano Angelini, Eva Germanò, Loredana Benedetto,

Dettagli

Neuroscienze, Dislessia, Scuola

Neuroscienze, Dislessia, Scuola Neuroscienze, Dislessia, Scuola Giacomo Stella I.RI.D.E. (Università di Modena-Reggio Emilia, Università di Urbino) Neuroscienze, Dislessia, scuola Aurora, 4^ elementare La dislessia dal punto di vista

Dettagli

DSA: CAMPANELLI D ALLARME

DSA: CAMPANELLI D ALLARME TANGRAM Centro Studi Processi e disturbi dell Apprendimento DSA: CAMPANELLI D ALLARME Dott.ssa Alessandra Petrolati, psicologa e psicoterapeuta, perfezionata in Psicopatologia dell Apprendimento Dott.ssa

Dettagli

IL RUOLO DELLA NEUROPSICHIATRIA INFANTILE AUSL DI RAVENNA NEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO

IL RUOLO DELLA NEUROPSICHIATRIA INFANTILE AUSL DI RAVENNA NEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO IL RUOLO DELLA NEUROPSICHIATRIA INFANTILE AUSL DI RAVENNA NEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO v VALUTAZIONE del linguaggio e degli apprendimenti v TRATTAMENTO (vedi indicazioni) VALUTAZIONE DEL LINGUAGGIO

Dettagli

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento?

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Considerati parte della famiglia dei Disturbi Evolutivi Specifici, i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) affliggono alcune specifiche abilità che

Dettagli

Lo studio riguarda tre fasi:

Lo studio riguarda tre fasi: 1 Premessa Lo studio è una particolare forma di apprendimento che ha come scopo l apprendere da un testo o da una lezione in modo intenzionale e autodiretto (Anderson, 1978), scegliendo obiettivi, tempi

Dettagli

Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento

Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento Mira, 27 marzo 2015 Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento Dott.ssa Barbara Longhi Psicologa Psicoterapeuta Ulss13 Servizio Età Evolutiva Cosa sono i DSA? Disturbi dello sviluppo che riguardano

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO Dislessia o Dislessie? DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO aspetti clinici di psicopatologia dell apprendimento A cura di Carlo MUZIO Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta docente di Neurolinguistica

Dettagli

1. Psicolinguistica: caratteri generali. 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio

1. Psicolinguistica: caratteri generali. 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio Sommario LEZIONE 8 1. Psicolinguistica: caratteri generali 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio 3. Neurolinguistica Che cosêè la psicolinguistica...compito della psicolinguistica (o psicologia

Dettagli

DSA. I disturbi specifici di apprendimento. Metodologie e didattica inclusiva. Dott.ssa Sabrina Di Tullio

DSA. I disturbi specifici di apprendimento. Metodologie e didattica inclusiva. Dott.ssa Sabrina Di Tullio DSA I disturbi specifici di apprendimento Metodologie e didattica inclusiva Dott.ssa Sabrina Di Tullio DSA Non vanno confusi con le difficoltà di apprendimento; Interessano abilità specifiche in soggetti

Dettagli

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Cesare Cornoldi Università di Padova Funzioni esecutive Le cosiddette funzioni esecutive si riferiscono a processi in cui la mente controlla se stessa Non

Dettagli

ADHD e NEUROIMAGING: aspetti epistemologici e implicazioni psico-pedagogiche. Marta Sporchia Corso di Laurea in Scienze Pedagogiche A.A.

ADHD e NEUROIMAGING: aspetti epistemologici e implicazioni psico-pedagogiche. Marta Sporchia Corso di Laurea in Scienze Pedagogiche A.A. ADHD e NEUROIMAGING: aspetti epistemologici e implicazioni psico-pedagogiche Marta Sporchia Corso di Laurea in Scienze Pedagogiche A.A. 2012-2013 OBIETTIVO Discussione di alcuni PROBLEMI EPISTEMOLOGICI

Dettagli

Cesare Cornoldi Università degli Studi di Padova, Presidente. 9.30-10.15 Caratteristiche del problema e storia dei bambini con i DSA

Cesare Cornoldi Università degli Studi di Padova, Presidente. 9.30-10.15 Caratteristiche del problema e storia dei bambini con i DSA Cesare Cornoldi Università degli Studi di Padova, Presidente Nazionale AIRIPA 9.30-10.15 Caratteristiche del problema e storia dei bambini con i DSA Difficoltà a scuola In tutto il mondo, moltissime famiglie

Dettagli

I disturbi specifici di apprendimento

I disturbi specifici di apprendimento I disturbi specifici di apprendimento Cremona, 28 aprile 2011 Daniele Arisi, U.O. Neuropsichiatria Infantile di Cremona la diagnosi: ICD10 F81 Disturbo specifico di sviluppo delle abilità scolastiche 5-17%

Dettagli

PROGETTO LETTO SCRITTURA E MATEMATICA

PROGETTO LETTO SCRITTURA E MATEMATICA PROGETTO LETTO SCRITTURA E MATEMATICA Premessa Dati presenti in letteratura evidenziano che circa il 10% dei bambini che iniziano ad imparare a leggere e a scrivere presenta delle difficoltà che richiedono

Dettagli

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE L incontro si è tenuto Martedì 22 Aprile alle ore 14:00 presso il Liceo Galvani I relatori erano i seguenti: Andrea Biancardi,

Dettagli

RIMINI 14 NOVEMBRE 2009. Daniela Lucangeli IL POTENZIAMENTO DELLE FUNZIONI COGNITIVE. 2009 Daniela Lucangeli - Atti Convegno Erickson

RIMINI 14 NOVEMBRE 2009. Daniela Lucangeli IL POTENZIAMENTO DELLE FUNZIONI COGNITIVE. 2009 Daniela Lucangeli - Atti Convegno Erickson RIMINI 14 NOVEMBRE 2009 Daniela Lucangeli IL POTENZIAMENTO DELLE FUNZIONI COGNITIVE Lev Semenovic Vygotskij Lo sviluppo cognitivo ed il concetto di potenziamento prossimale Zona di sviluppo prossimale

Dettagli

La Legge 170/2010, le Linee guida sui D.S.A. e i piani didattici personalizzati

La Legge 170/2010, le Linee guida sui D.S.A. e i piani didattici personalizzati Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze della Formazione Piano di formazione per docenti delle scuole di ogni ordine e grado (a.s. 2011/2012) La Legge 170/2010, le Linee guida sui D.S.A. e

Dettagli

PROGETTO UNA SCUOLA PER TUTTI Lo screening dei Disturbi Specifici dell Apprendimento nelle prime classi della scuola primaria

PROGETTO UNA SCUOLA PER TUTTI Lo screening dei Disturbi Specifici dell Apprendimento nelle prime classi della scuola primaria PROGETTO UNA SCUOLA PER TUTTI Lo screening dei Disturbi Specifici dell Apprendimento nelle prime classi della scuola primaria SCUOLA PRIMARIA annessa al convitto MARIA LUIGIA Definizione di screening Il

Dettagli

Centro per l Età Evolutiva

Centro per l Età Evolutiva Centro per l Età Evolutiva Studio Associato di Psicologia Clinica Formazione Ricerca CHI SIAMO Il Centro per l Età Evolutiva è uno Studio Associato di Psicologia che ha sede a Bergamo e svolge la propria

Dettagli

LO STRUMENTO NEUROPSICOLOGICO LUISA BOSIA U.O. NEUROLOGIA IRCCS AZIENDA OSPEDALIERA SAN MARTINO-IST

LO STRUMENTO NEUROPSICOLOGICO LUISA BOSIA U.O. NEUROLOGIA IRCCS AZIENDA OSPEDALIERA SAN MARTINO-IST LO STRUMENTO NEUROPSICOLOGICO LUISA BOSIA U.O. NEUROLOGIA IRCCS AZIENDA OSPEDALIERA SAN MARTINO-IST Le Malattie dell encefalo comunemente causano modificazioni del comportamento capacitàdi mantenere una

Dettagli

Indice 1 IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE ------------------------------------------------------------------- 3

Indice 1 IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE ------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE: IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE ------------------------------------------------------------------- 3 2 di

Dettagli

speciale genitori per la scuola primaria

speciale genitori per la scuola primaria speciale genitori per la scuola primaria in collaborazione con Speciale Genitori Il patto di RCS EDUCATION con le famiglie Il successo formativo e scolastico delle giovani generazioni è, oggi più che mai,

Dettagli

via SP Taurisano-Casarano, km 11, 73056 Taurisano (Italia) 3298819859 ileniacarangelo@gmail.com

via SP Taurisano-Casarano, km 11, 73056 Taurisano (Italia) 3298819859 ileniacarangelo@gmail.com Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Carangelo Ilenia via SP Taurisano-Casarano, km 11, 73056 Taurisano (Italia) 3298819859 ileniacarangelo@gmail.com Sesso Femminile Data di nascita 12 maggio 1986 Nazionalità

Dettagli

Dott.ssa PAOLA GUGLIELMINO ABILITAZIONE/RIABILITAZIONE DEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dott.ssa Paola Guglielmino Università di Torino

Dott.ssa PAOLA GUGLIELMINO ABILITAZIONE/RIABILITAZIONE DEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dott.ssa Paola Guglielmino Università di Torino Dott.ssa PAOLA GUGLIELMINO ABILITAZIONE/RIABILITAZIONE DEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO PERCHE ABILITAZIONE/ RIABILITAZIONE? DISLESSIA ACQUISITA Rieducazione e riabilitazione DISLESSIA EVOLUTIVA

Dettagli

NEPSY Second Edition

NEPSY Second Edition NEPSY Second Edition 3 Autori Marit Korkman, Ursula Kirk e Sally Kemp Data di pubblicazione 2011 Range di età Da 3 a 16 anni Tempo di somministrazione 90 minuti ca. per i soggetti in età prescolare 2-3

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Fax E-mail MARIA PONTILLO maria.pontillo@opbg.net maria.pontillo@uniroma1.it Nazionalità Data di nascita

Dettagli

METAFONOLOGICO: correlato con

METAFONOLOGICO: correlato con Proposte didattiche per i bambini della scuola dell infanzia Laives, 30 settembre 2010 Graziella Tarter Centro Studi Erickson - Trento Progetto Il mondo delle parole Ago-set 2010 Set 10 formazione teorica

Dettagli

VERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA

VERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA VERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA I.C. Gonzaga dr.ssa Di Palma Monia, psicologa dr.ssa Dicembrini Valentina, psicologa QUALI STRATEGIE PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA? - Spazio - Strategie metacognitive - Metodo

Dettagli

Psicologa libera professionista Iscritta all Albo degli Psicologi del Veneto, N 6698

Psicologa libera professionista Iscritta all Albo degli Psicologi del Veneto, N 6698 CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome e cognome Incarico attuale Telefono 347 4903320 E mail daniela.boccardi@yahoo.it Daniela Boccardi Psicologa libera professionista Iscritta all Albo degli Psicologi

Dettagli

Dislessia fai da te : un intervento su caso singolo

Dislessia fai da te : un intervento su caso singolo Dislessia fai da te : un intervento su caso singolo Concetta Pirrone, Alessia Papa (Università degli studi di Catania) La dislessia è oggi uno dei Disturbi Specifici dell Apprendimento maggiormente indagati.

Dettagli

UNA DIDATTICA PER I DSA, UNA DIDATTICA PER TUTTI GLI ALUNNI: SUGGERIMENTI PER L AMBITO MATEMATICO/SCIENTIFICO

UNA DIDATTICA PER I DSA, UNA DIDATTICA PER TUTTI GLI ALUNNI: SUGGERIMENTI PER L AMBITO MATEMATICO/SCIENTIFICO www.aiditalia.org UNA DIDATTICA PER I DSA, UNA DIDATTICA PER TUTTI GLI ALUNNI: SUGGERIMENTI PER L AMBITO MATEMATICO/SCIENTIFICO RELATORE: Chiara Barausse insegnante, psicopedagogista, formatore AID L APPRENDIMENTO

Dettagli

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo Corso Dsa - I disturbi specifici dell apprendimento: dall

Dettagli

STRUMENTI PER LA DIAGNOSI DI DSA. Bruna Codogno UST Belluno CTI di Belluno 20 febbraio 2013

STRUMENTI PER LA DIAGNOSI DI DSA. Bruna Codogno UST Belluno CTI di Belluno 20 febbraio 2013 STRUMENTI PER LA DIAGNOSI DI DSA Bruna Codogno UST Belluno CTI di Belluno 20 febbraio 2013 PRINCIPALI DIFFICOLTA NEL PORRE LA DIAGNOSI (ICD-10) 1. Distinguere il disturbo dalle normali variazioni del rendimento

Dettagli

Autismo: metodologie di osservazione e strategie di intervento nella scuola dell infanzia

Autismo: metodologie di osservazione e strategie di intervento nella scuola dell infanzia Autismo: metodologie di osservazione e strategie di intervento nella scuola dell infanzia Novembre 2007 Gennaio 2008 M. Gibertoni, R. Padovani Centro per l Autismo, ASL di Modena Comportamento problema:

Dettagli

Descrizione e definizione dell alunno con ADHD in classe. Gian Marco Marzocchi

Descrizione e definizione dell alunno con ADHD in classe. Gian Marco Marzocchi Descrizione e definizione dell alunno con ADHD in classe Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca Centro per l Età Evolutiva - Bergamo Alla scuola materna Alcuni bambini iperattivi non riescono

Dettagli

La scuola secondaria di fronte ai DSA e ai BES

La scuola secondaria di fronte ai DSA e ai BES Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi La scuola secondaria di fronte ai DSA e ai BES La gestione delle verifiche e degli strumenti

Dettagli

Apprendere al volo con il metodo analogico!

Apprendere al volo con il metodo analogico! Chiavari, 16 novembre 2013 Apprendere al volo con il metodo analogico! dott.ssa Zara Mehrnoosh pedagogista e vicepresidente O.S.Dislessia ONLUS Il 20% circa degli studenti incontrano difficoltà nella matematica

Dettagli

Organizzare e gestire l intervento a scuola: dalla rilevazione dei casi all intervento didattico

Organizzare e gestire l intervento a scuola: dalla rilevazione dei casi all intervento didattico 1 CORTINA D AMPEZZO 20.03.2010 Dislessia? No problem! Organizzare e gestire l intervento a scuola: dalla rilevazione dei casi all intervento didattico Docente specializzata per il sostegno Responsabile

Dettagli

MAPPA DEI SINTOMI PRECOCI DI DISPRASSIA (A 5 ANNI) Condizioni di rischio di Sindrome Dislessica. Lentezza motoria (a volte alternata a precipitazione)

MAPPA DEI SINTOMI PRECOCI DI DISPRASSIA (A 5 ANNI) Condizioni di rischio di Sindrome Dislessica. Lentezza motoria (a volte alternata a precipitazione) MAPPA DEI SINTOMI PRECOCI DI DISPRASSIA (A 5 ANNI) Condizioni di rischio di Sindrome Dislessica Lentezza motoria (a volte alternata a precipitazione) Maldestrezza, scoordinamenti Disordini nelle prassie

Dettagli

La comprensione del testo per la scuola secondaria di I grado

La comprensione del testo per la scuola secondaria di I grado La comprensione del testo per la scuola Analisi delle risposte date dagli studenti ad alcuni quesiti della PN Invalsi 2014: ipotesi sulle cause della mancata comprensione e possibili ricadute didattiche

Dettagli

La validità. La validità

La validità. La validità 1. Validità interna 2. Validità di costrutto 3. Validità esterna 4. Validità statistica La validità La validità La validità di una ricerca ci permette di valutare se quello che è stato trovato nella ricerca

Dettagli

PROTOCOLLO D INTERVENTO PER FAVORIRE UNA DIDATTICA INCLUSIVA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI D APPRENDIMENTO

PROTOCOLLO D INTERVENTO PER FAVORIRE UNA DIDATTICA INCLUSIVA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI D APPRENDIMENTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Via Famiglia Riccardi 2 24027 Nembro (Bg) Tel: 035 520709-035 4127675 / Fax: 035 520709 C.F. 95118440163 C.M.

Dettagli

ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento

ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento Chiara Trubini Psicologa, Psicoterapeuta, PhD in psicologia dell educazione e delle disabilità trubini.chiara@libero.it Con la pubblicazione

Dettagli

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI La progettazione formativa e didattica GLI STILI E LE MODALITA DI DI APPRENDIMENTO: dalle dalle conoscenze alla alla interiorizzazione dei dei comportamenti organizzativi 1 IL IL PERCORSO DELL APPRENDIMENTO

Dettagli

I disturbi specifici di apprendimento

I disturbi specifici di apprendimento I disturbi specifici di apprendimento a cura della Dott.ssa Luigia Milani I più noti sono la dislessia e i disturbi della scrittura e dell aritmetica. Vediamo nel dettaglio in cosa consistono e quali sono

Dettagli

DSA Classificazione ICD-10 (clas.internazionali OMS,1992)

DSA Classificazione ICD-10 (clas.internazionali OMS,1992) DSA Classificazione ICD-10 (clas.internazionali OMS,1992) F80 - Disturbi evolutivi specifici dell eloquio e del linguaggio F81 - Disturbi evolutivi specifici delle abilità scolastiche F82 - Disturbo evolutivo

Dettagli

Metodo SaM (Sense and Mind)

Metodo SaM (Sense and Mind) Corso Base Metodo SaM (Sense and Mind) Intervento riabilitativo dei disturbi delle abilità spaziali Direzione scientifica: prof. Alessandro Antonietti, ordinario di Psicologia cognitiva applicata presso

Dettagli

Il Trattamento dei Disturbi di Comprensione

Il Trattamento dei Disturbi di Comprensione Il Trattamento dei Disturbi di Comprensione Barbara Carretti e-mail barbara.carretti@unipd.it Milano, 19 Marzo 2007 Come promuovere la comprensione INTERVENTI COGNITIVI - promozione di particolari abilità

Dettagli

Nuove frontiere: la riabilitazione a distanza Luca Grandi

Nuove frontiere: la riabilitazione a distanza Luca Grandi Nuove frontiere: la riabilitazione a distanza Luca Grandi 5 Novembre 2011 Sede: Aula Paolo VI Università Pontificia Salesiana P.zza dell'ateneo Salesiano 1, 00139 Roma www.anastasis.it Una settimana di

Dettagli

I DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO E I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: SCREENING, DIAGNOSI E INTERVENTO

I DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO E I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: SCREENING, DIAGNOSI E INTERVENTO IRCCS OASI MARIA SS CONVEGNO I DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO E I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: SCREENING, DIAGNOSI E INTERVENTO D.ssa Giuseppa Cifalà, Pedagogista clinico Direttore ANPEC Prov. Enna

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI. Nome Indirizzo Telefono Cod. fiscale P. Iva E-mail Nazionalità LEONARDI, Marco Maria 33, Via Leone XIII, 93100,

Dettagli

GIORNATE DI FORMAZIONE DSA. Disturbi specifici di apprendimento casi clinici profilo funzionale e proposte di intervento

GIORNATE DI FORMAZIONE DSA. Disturbi specifici di apprendimento casi clinici profilo funzionale e proposte di intervento GIORNATE DI FORMAZIONE DSA Disturbi specifici di apprendimento casi clinici profilo funzionale e proposte di intervento LOGOPEDISTE M.Piscitelli, I.Razzano,G.Monica CMR CENTRO MEDICO ERRE in collaborazione

Dettagli

AC-MT 6-11 Test di valutazione delle abilità di calcolo

AC-MT 6-11 Test di valutazione delle abilità di calcolo AC-MT 6-11 Test di valutazione delle abilità di calcolo C. Cornoldi, D. Lucangeli, M. Bellina Irene C. Mammarella Università degli Studi di Padova irene.mammarella@unipd.it AC-MT Prova di primo livello:

Dettagli

La valutazione del percorso formativo

La valutazione del percorso formativo La valutazione del percorso formativo L esperienza del biennio di Padova 1999-2000 Maria Carla Acler Premessa Il presente lavoro nasce dal desiderio di diffondere tra i colleghi l esperienza maturata all

Dettagli

ALUNNI CON BES. 9 settembre 2014 Alessandra Scabia

ALUNNI CON BES. 9 settembre 2014 Alessandra Scabia ALUNNI CON BES (classificazione, strategie di intervento, indicazioni operative, stesura del PDP, strumenti compensativi e misure dispensative, valutazione) 9 settembre 2014 Alessandra Scabia Il Bisogno

Dettagli

DSA e/o BES. La comprensione del testo. Proposte didattiche Barbara Carretti barbara.carretti@unipd.it

DSA e/o BES. La comprensione del testo. Proposte didattiche Barbara Carretti barbara.carretti@unipd.it Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi DSA e/o BES. La comprensione del testo. Proposte didattiche Barbara Carretti barbara.carretti@unipd.it

Dettagli

Approfondimenti didattici sulla dislessia

Approfondimenti didattici sulla dislessia Ministero Dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale della Lombardia Associazione Italiana Dislessia Approfondimenti didattici sulla dislessia Presentazione illustrata

Dettagli

Da diverse fonti viene suggerito anche per indagare i DSA (Disturbi Specifici Dell Apprendimento) un approccio NEUROPSICOLOGICO

Da diverse fonti viene suggerito anche per indagare i DSA (Disturbi Specifici Dell Apprendimento) un approccio NEUROPSICOLOGICO Francesco Benso Docente di Psicologia Fisiologica Università di Genova Disturbi di Apprendimento: Approfondimenti e Riflessioni Le memorie e l attenzione come aspetti sottostanti ai disturbi dell apprendimento

Dettagli

DSM IV. B) L anomalia di scorrevolezza interferisce con i risultati scolastici o lavorativi, oppure con la comunicazione sociale.

DSM IV. B) L anomalia di scorrevolezza interferisce con i risultati scolastici o lavorativi, oppure con la comunicazione sociale. DSM - IV DSM IV B) L anomalia di scorrevolezza interferisce con i risultati scolastici o lavorativi, oppure con la comunicazione sociale. C) Se è presente un deficit motorio della parola o un deficit sensoriale,

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

IN CORPORE SANO. CARLO DOLZAN Soggetto uomo 25enne con carenza nelle gambe: come proporre una scheda di specializzazione.

IN CORPORE SANO. CARLO DOLZAN Soggetto uomo 25enne con carenza nelle gambe: come proporre una scheda di specializzazione. IN CORPORE SANO FACE TO FACE: BATTLE REVIEWS Bologna 21 febbraio 2015 CARLO DOLZAN Soggetto uomo 25enne con carenza nelle gambe: come proporre una scheda di specializzazione. Premesse La carenza di sviluppo

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

PROGETTO: SCREENING PER L INDIVIDUAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO PREMESSA

PROGETTO: SCREENING PER L INDIVIDUAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO PREMESSA PROGETTO: SCREENING PER L INDIVIDUAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO PREMESSA La Dislessia Evolutiva (DE o DSA) è un disturbo neurobiologico che riguarda, secondo le più recenti statistiche,

Dettagli

BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY SPORT PEAK PERFORMANCE

BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY SPORT PEAK PERFORMANCE BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY SPORT PEAK PERFORMANCE Gestire le risorse cognitive per ottimizzare i risultati Il meccanismo neuroscientifico di base che supporta l allenamento mentale è la plasticità

Dettagli

PROGETTO VELA PER DISABILI

PROGETTO VELA PER DISABILI 2006 VELA PER DISABILI Entrarono tutti nell onda..gli altri surfisti lo seguirono zigzagando L onda più perfetta che avesse mai visto, prese ad avvolgerli lentamente arrotolandosi intorno a loro fino ad

Dettagli

La Dislessia Evolutiva

La Dislessia Evolutiva La Dislessia Evolutiva Dislessia Evolutiva (DE) Disabilità specifica dell apprendimento di origine neurobiologica. Si manifesta quando un bambino non sviluppa, o sviluppa con molta difficoltà, la capacità

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder

ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder 1 1. COS E ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder E Un disturbo evolutivo dell autoregolazione del comportamento che si manifesta soprattutto con difficoltà di mantenimento dell attenzione, gestione

Dettagli

L ALUNNO IPERATTIVO IN CLASSE:COME SOPRAVVIVERE

L ALUNNO IPERATTIVO IN CLASSE:COME SOPRAVVIVERE L ALUNNO IPERATTIVO IN CLASSE:COME SOPRAVVIVERE IN CLASSE SONO COSI Interessato dalle cose nuove ma ho difficoltà a stare tranquillo ed attento. Mi alza di continuo; Mi distraggo sempre! E pare che io

Dettagli

Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE (Parte 1 a )

Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE (Parte 1 a ) Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO Via Andrea del Sarto, 6/A 50135 FIRENZE É 055/661628 Ê 055/67.841 www.peano.gov.it FITD06000T@PEC.ISTRUZIONE.IT posta@peano.gov.it LICEO TECNICO ECONOMICO

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE / IPERATTIVITA. 1. Che cos è l ADHD Il Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività (DDAI), conosciuto anche con

Dettagli

REQUISITI DI ACCESSO FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI

REQUISITI DI ACCESSO FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI Corso di laurea Magistrale in PSICOLOGIA (D.M. 70/0 LM51) scheda informativa - piano di studi regolamento e norme didattiche - attività formative: obiettivi specifici. Scheda informativa Sede didattica:

Dettagli

La clinica dei DSA negli studenti di Scuola secondaria di II grado e nei giovani adulti

La clinica dei DSA negli studenti di Scuola secondaria di II grado e nei giovani adulti Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi La clinica dei DSA negli studenti di Scuola secondaria di II grado e nei giovani adulti

Dettagli

Apprendimento Automatico

Apprendimento Automatico Metodologie per Sistemi Intelligenti Apprendimento Automatico Prof. Pier Luca Lanzi Laurea in Ingegneria Informatica Politecnico di Milano Polo regionale di Como Intelligenza Artificiale "making a machine

Dettagli

La PNL nel settore assicurativo

La PNL nel settore assicurativo La PNL nel settore assicurativo I Principi della Programmazione Neuro Linguistica pagina 1 Cosa è la Programmazione Neuro Linguistica (PNL) La programmazione neuro linguistica è una metodologia formativa

Dettagli

PERCORSI MATEMATICI AMBIENTE DIDATTICO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. di Caterina Scapin

PERCORSI MATEMATICI AMBIENTE DIDATTICO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. di Caterina Scapin PERCORSI MATEMATICI AMBIENTE DIDATTICO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA di Caterina Scapin Ci sono delle attività che producono COMPETENZE Alcune COMPETENZE sono predittive di DIFFICOLTA - DISTURBO DISLESSIA

Dettagli

Prof.ssa Ilaria Castelli

Prof.ssa Ilaria Castelli Dipartimento di Scienze Umane e Sociali Università degli Studi di Bergamo Laurea Triennale in Scienze dell educazione Psicologia delle età della vita A.A. 2015/2016 - Primo semestre Prof.ssa Ilaria Castelli

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

LA PREVENZIONE DELLA DISLESSIA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROPOSTE DIDATTICHE

LA PREVENZIONE DELLA DISLESSIA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROPOSTE DIDATTICHE LA PREVENZIONE DELLA DISLESSIA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROPOSTE DIDATTICHE 1 Scuola dell infanzia e primi anni scuola primaria Segnali di rischio e difficoltà IDENTIFICAZIONE PRECOCE Intervenire: risolvere

Dettagli

LA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO

LA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO LA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO Alessandra Cenerini Presidente ADi 1 ORIGINE DELLA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO Il termine è stato ufficialmente coniato dal pamphlet Valutazione per l apprendimento:

Dettagli

a cura dell'ospedale San Raffaele Confermata l'origine genetica della dislessia: nel cromosoma 15 le cause della patologia

a cura dell'ospedale San Raffaele Confermata l'origine genetica della dislessia: nel cromosoma 15 le cause della patologia Genetica della dislessia a cura dell'ospedale San Raffaele Confermata l'origine genetica della dislessia: nel cromosoma 15 le cause della patologia Un gruppo di ricercatori dell'istituto Scientifico Eugenio

Dettagli

FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it

FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it MEMORIA PER AUDIZIONE ALLA XII COMMISSIONE PERMANENTE (IGIENE E SANITÀ ) DEL SENATO L autismo è una sindrome di carattere

Dettagli

Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) TRA. ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI Via Matteotti 51, Camponogara VE

Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) TRA. ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI Via Matteotti 51, Camponogara VE Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) TRA ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI Via Matteotti 51, Camponogara VE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CONSIGLIO di CLASSE E GENITORI dell

Dettagli

INIZIATIVE RELATIVE ALLA DISLESSIA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

INIZIATIVE RELATIVE ALLA DISLESSIA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA INIZIATIVE RELATIVE ALLA DISLESSIA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Premessa Compiti della scuola A livello di classe scuola dell infanzia scuola primaria scuola secondaria di primo grado Accogliere gli alunni

Dettagli

Training neuropsicologici

Training neuropsicologici ATTENZIONE BAMBINI A SCUOLA! IV CONVEGNO REGIONALE A.I.D.A.I. TOSCANA Training neuropsicologici Prato 31 gennaio 2015 Palazzo Vescovile Giovanni Squitieri Psicologo, psicoterapeuta, specialista in Neuropsicologia

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI E DEGLI STUDENTI CON DSA

LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI E DEGLI STUDENTI CON DSA LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI E DEGLI STUDENTI CON DSA Allegate al DM 12 luglio 2011 SINTESI Legge 8 ottobre 2010, n.170, : riconoscimento DSA e assegnazione alla scuola del compito

Dettagli