I livelli di servizio. Come definirli e controllarli nei contratti della P.A. Gianluigi Raiss - AIPA 22 marzo 2002

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I livelli di servizio. Come definirli e controllarli nei contratti della P.A. Gianluigi Raiss - AIPA 22 marzo 2002"

Transcript

1 I livelli di servizio. Come definirli e controllarli nei contratti della P.A. Gianluigi Raiss - AIPA 22 marzo 2002 G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 1 Il contesto I servizi erogati dalla P.A. si basano sempre più sui servizi informatici. I servizi informatici sono complessi, soggetti alla dinamica del mercato ed alla continua innovazione tecnologica. La P.A. deve spesso ricorrere a fornitori terzi mediante contratti di outsourcing totale o parziale. Mancano riferimenti consolidati per definire gli accordi di servizio. G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 2

2 Una cultura da migliorare Il governo dei contratti di servizio è reso difficoltoso da alcuni fatti: cultura della P.A. orientata alla acquisizione di beni, scarsa esperienza nel governo dei contratti di servizio, mancanza di riferimenti consolidati, novità dei problemi, scarsità di risorse. G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 3 Qualche definizione di servizio UNI EN (Elementi di gestione per la qualità e del sistema qualità. Guida per i servizi, 1994): risultato di attività svolte sia alla interfaccia tra cliente e fornitore che all interno della organizzazione del fornitore, per soddisfare le esigenze di un cliente. EUROMETHOD: un processo che viene svolto da una persona od organizzazione per conto di un altra. G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 4

3 . definizione...euromethod: un servizio consiste nello svolgimento di attività, finalizzate al soddisfacimento di requisiti dati da un cliente, per un determinato periodo di tempo, mediante l'impiego di risorse umane e/o strumentali, aventi un valore economico non necessariamente correlato alla produzione di beni materiali. G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 5 Definizione di servizio ICT Un servizio ICT è un insieme di processi, basati su tecnologie informatiche, non correlati alla produzione di beni materiali od immateriali, che vengono attuati per un certo periodo di tempo da un fornitore per risolvere le esigenze di un committente. Tempo Input Processi Output Commit tente Risorse Fornitore G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 6

4 Le componenti di un servizio Processo Tecnologia Risorse Servizio G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 7 Schema del processo di servizio UN SERVIZIO INFORMATICO E UN INSIEME DI : 1. TECNOLOGIA Obiettivi 2. SPECIFICHE & ORGANIZZAZIONE Modalità di erogazione 3. RISORSE e RELAZIONI Cortesia e competenza del personale di Front-line Tecnologie risorse umane INPUT Processi complessità dell'ambiente livelli di servizio servizio Volume (fattore dimensionale) OUTPUT G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 8

5 Il modello del processo dei servizi Il modello del processo specifica: gli eventi che attivano il processo gli input (caratteristiche, numero) che il processo deve trasformare i prodotti di ciascun processo (semilavorati) che possono essere contrattualmente richiesti (deliverables) le relazioni tra i diversi processi (temporale e funzionale) le attività di controllo che devono essere attuate G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 9 Cosa interessa l utente. Processo Qualità percepita Risorse Tecnologia Qualità in uso nel modello ISOIEC G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 10

6 Le caratteristiche dei servizi. La finalità di un servizio non è la produzione di beni: alla fine delle attività svolte dal fornitore, all'acquirente, salvo che non ci siano beni contrattualmente rinvenienti, non rimane nulla di tangibile, ha soltanto usufruito del servizio per un determinato periodo di tempo, sono intangibili; si qualificano per le loro prestazioni piuttosto che per un qualche attributo fisico posseduto, G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 11.le caratteristiche dei servizi la produzione e la fruizione del servizio sono inseparabili; il funzionamento di un servizio si misura al momento della sua erogazione all utente e non in fase di pianificazione o di test di laboratorio, implicano, a differenza dello sviluppo dei prodotti, il contatto diretto tra chi eroga il servizio e chi ne è l utente, sono composti di attività continuative. G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 12

7 Appalto di servizio Per meglio chiarire il concetto di appalto di servizio, ci si può riferire alla differenza tra appalto di opere e di servizi, come previsto nel codice civile (art. 1655): l'appalto di opere comporta per l'appaltatore una rielaborazione e trasformazione della materia, diretta a produrre un nuovo bene materiale ovvero ad apportare sostanziali modifiche ad un bene già esistente; l'appalto di servizi invece mira a produrre un'utilità o a soddisfare un determinato interesse del committente, senza elaborazione della materia. G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 13 Relazione tra beni e servizi La consegna o l utilizzazione di prodotti tangibili possono far parte della realizzazione del servizio. Un servizio può essere connesso alla fabbricazione e fornitura di prodotti tangibili. Il servizio può comprendere anche quanto viene fatto per rendere disponibile al cliente l'uso stesso della tecnologia informatica. G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 14

8 Classificare i servizi Esistono in letteratura diverse classificazioni dei servizi ICT, in genere tra loro non omogenee, sia per quanto riguarda i livelli di aggregazione che prevedono, sia per quanto riguarda la terminologia. Le principali Società che svolgono attività di benchmarking hanno propri criteri di classificazione, in genere abbastanza eterogenei tra loro. A livello Europeo, non specificatamente per il settore ICT, è stata pubblicata la classificazione CEE "Common Procurement Vocabulary", CPV, nella versione in lingua italiana del 1998, in vigore dal 1 gennaio Nella delibera 49/2000 della Autorità è riportato un estratto di questi servizi, per il settore ICT. G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 15 Classificare i servizi ICT CPV/98 SERVIZI DI CONSULENZA SUI SISTEMI INFORMATIVI Servizi di consulenza, CPV Servizi di formazione, CPV 8042 SERVIZI DI PROGETTAZIONE E SVILUPPO DI SISTEMI INFORMATIVI Servizi di analisi e programmazione di sistemi, CPV 7224 Servizi di sviluppo di prodotti software, CPV SERVIZI DI CONDUZIONE FUNZIONALE DI SISTEMI INFORMATIVI Servizi di manutenzione e assistenza sistemi, CPV Servizi connessi al software, CPV 7226 Servizi di banche di dati, CPV 7232 Servizi di consulenza e assistenza informatica, CPV 7252 SERVIZI DI CONDUZIONE TECNICA DI SISTEMI INFORMATIVI Servizi di elaborazione dati, CPV 7230 Servizi di trattamento dati, CPV 7231 Servizi informatici, CPV Servizi di gestione connessi all'informatica, CPV 7251 Servizi per rete informatica, CPV 7253 Servizi di riparazione, manutenzione, CPV SERVIZI DI FORNITURA DI BENI HW E SW Servizi di installazione, CPV SERVIZI DI MONITORAGGIO E VERIFICA DI SISTEMI INFORMATIVI Servizi di audit informatico, CPV 7255 SERVIZI DI COLLAUDO DI SISTEMI INFORMATIVI Servizi di collaudo informatico, CPV simap.eu.int G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 16

9 Classificare i servizi - WBS servizi ICT Outsourcing Globale Formazione Consulenza Benchmarking Project management Quality management Progettazione e Sviluppo Conduzione Sistemi Fornitura di Beni Hw/Sw Analisi e programmazione Sviluppo Sw Conduzione Funzionale Conduzione Tecnica Installazione Manutenzione e assistenza Servizi connessi al Sw Servizi di banche dati Consulenza ed assistenza Elaborazione dati Trattamento dati Servizi informatici Servizi di gestione Servizi per reti Riparazione e manutenzione G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 17 Evoluzione Euromethod - ISPL ISPL Una libreria di Best Practices per la gestione dei processi di acquisizione di ICT. Obiettivi migliore controllo dei costi, dei tempi, gestione dei rischi, trasparenza ed equità del rapporto clientefornitore. G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 18

10 ISPL - Utilizzo Destinata sia al settore pubblico che privato. Destinata ai servizi di rilievo, ma applicabile anche su scala ridotta. Utilizzabile dove siano presenti: un cliente (customer) un fornitore (supplier - esterno od interno) un contratto (formale od informale) tra cliente e fornitore) G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 19 ISPL - Librerie Sono disponibili: Managing Acquisition Processes Specifying Deliverables Managing Risks Planning Deliveries. Disponibile inoltre un Dictionary ed uno specifico libro sul Public Procurement. Plug-ins per specifici ambienti: web services, IT service management services, large scale migration services G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 20

11 Le best practices dello OGC (ex CCTA) Office of Government Commerce (OGC, che dal ha assorbito la CCTA (Central Computer and Telecommunication Agency, UK) pubblica nella libreria ITIL (Information Technology Infrastructure Library) raccolte di best practices relative ad alcune tipologie di servizi ICT: Change Management, Configuration Management, Help Desk Management, Managing Supplier relationships, Problem Management, IT Infrastructure Support, Service Level Management G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 21 ITIL - Indice Computer operation service G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 22

12 ITIL - Planning services organization Servizi descritti nel documento: Planning services organization G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 23 Altri riferimenti Software Acquisition CMM arm/sa-cmm.html G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 24

13 Altri riferimenti: ISO/IEC ISO/IEC (1995) Tra i processi primari definisce: 5.1) Acquisizione 5.1.1) Avvio dell iniziativa di adeguamento 5.1.2) Stesura lettera di invito 5.1.3) Preparazione degli atti di gara 5.1.4) Monitoraggio del fornitore 5.1.5) Accettazione della fornitura G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 25 ISO/IEC Architettura La norma ISO/IEC definisce un modello dei processi, attività e task che costituiscono, nel loro insieme, il ciclo di vita di un prodotto software (CVS). Descrive anche i processi che devono essere messi in atto per gestire, controllare e migliorare il ciclo di vita. G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 26

14 ISO/IEC Acquisizione - avvio iniziativa Avvio dell iniziativa di adeguamento: descrivere le necessità che devono essere soddisfatte dal sistema da acquisire, definire i requisiti del sistema, inclusi quelli economici, organizzativi e gli impatti sull utenza in termini di sicurezza, salute; vanno anche descritti i requisiti di coerenza e compatibilità con le procedure e gli standard aziendali; queste analisi possono anche essere svolte da una terza parte, in questo caso il Committente dovrà approvarle formalmente, analizzare le alternative, in termini di rischi, costi e benefici presentati da ciascuna opzione, G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 27 Acquisizione - avvio iniziativa (2).avvio dell iniziativa di adeguamento: verificare che siano soddisfatte le condizioni di accettabilità dei prodotti off the shelf, predisporre e formalizzare un piano di acquisizione, requisiti da soddisfare pianificazione dello sviluppo del sistema responsabilità e l organizzazione coinvolta norme, procedure, regole, standard di riferimento analisi dei rischi e delle modalità di gestione dei rischi predisporre e formalizzare la strategia di accettazione e le relative condizioni (i criteri). G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 28

15 Architettura ISO/IEC Processi primari del ciclo di vita 5.1 Acquisizione 6. Processi di supporto 6.1 Documentazione 6.2 Gestione della Configurazione 5.2 Fornitura 6.3 Assicurazione di qualità 5.3 Sviluppo 5.4 Esercizio 5.5 Manutenzione 6.4 Verifiche 6.5 Validazioni 6.6 Riesami congiunti 6.7 Ispezioni 6.8 Risoluzione dei problemi Processi organizzativi del ciclo di vita 7.1 Management 7.2 Infrastrutture 7.3 Miglioramenti 7.4 Addestramento G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 29 Altri riferimenti: ISO/IEC ISO/IEC (1998) Tra i processi primari definisce quello di Customer-Supplier (CUS) che include: scelta del fornitore, monitoraggio in corso d opera, accettazione dei prodotti, definizione dei requisiti, supporto, assistenza, rilascio e quanto altro viene svolto per garantire il corretto uso del prodotto sw consegnato. G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 30

16 Architettura ISO/IEC G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 31 Modello d impresa di un servizio Un modello che identifica i flussi delle attività correlate allo svolgimento di un servizio. Pianificazione Rapporti Miglioramento Strategie Valutazioni Accettazione Verifica Rapporti Rapporti Acquisizione Contratto Riesame Rapporti Supporto Richieste Servizi Management Attività Rapporti Erogazione Servizi Rapporti Misure Volumi Monitoraggio Misure Qualità Intrinseca Attuazione Utente Verifica Misure Qualità Percepita G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 32

17 Classificazione per modalità di erogazione Alcuni servizi si effettuano ad intervalli prefissati (es. pulizie, consegna posta ordinaria,...); altri sono attivati da una richiesta, implicita (es. accensione interruttore, apertura rubinetto, login ad una rete...) od esplicita (es. telefonata ad un Call Center, iscrizione ad un corso,...), effettuata in un certo orario e secondo determinate modalità. G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 33 Tipologie di servizi La maggior parte dei servizi sono svolti dai fornitori in modo continuativo, senza bisogno che il committente li richieda volta per volta. Questa tipologia è quella afferente alla gestione vera e propria dei sistemi informativi automatizzati. Altri servizi sono finalizzati al cambiamento ed al miglioramento del funzionamento dei sistemi ed alla ottimizzazione del loro uso. G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 34

18 Tipologie di servizi Un ulteriore gruppo di servizi è quello che assicura agli utenti l'assistenza all'uso delle componenti del sistema e risolve i problemi connessi con il loro utilizzo. Infine, vi sono servizi svolti in maniera estemporanea o solo su richiesta esplicita, per risolvere determinate esigenze non prevedibili. G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 35 Accordi di servizio Service Level Agreement (SLA) - documento (allegato al contratto) in cui il committente definisce in dettaglio l'oggetto della prestazione che richiede al fornitore e le condizioni della fornitura. Dalla completezza e precisione dello SLA dipende in buona parte la soddisfazione delle parti contrattuali. Un Service Level Agreement approssimativo e generico sarà sicura fonte di controversie e dannosi ricorsi alla giustizia ordinaria. G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 36

19 Accordi di servizio - finalità Gli SLAs servono a codicare in termini contrattuali le risposte che verranno date alle condizioni di erogazione del servizio, a fronte di determinati requisiti. Nello SLA vanno fissati anche gli obblighi per il committente. Lo SLA è anche uno strumento per rendere flessibile il contratto, in quanto può essere aggiornato periodicamente in relazione ad eventuali mutamenti tecnologici e/o organizzativi del contesto. G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 37 Accordi di servizio - contenuti. Nel settore ICT non esistono SLAs standard o norme cogenti riguardo gli accordi di servizio, ma di norma gli SLAs hanno questi contenuti: quale servizio è richiesto (per servizi ormai comuni e consolidati può essere sufficiente l'indicazione del servizio richiesto, per altri più innovativi a volte è necessario dare una descrizione più dettagliata), la durata dell'accordo, l'orario di svolgimento del servizio, le condizioni nelle quali ha validità l'accordo (ambientali, organizzative, tecniche etc ), il livello delle prestazioni attese, G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 38

20 .accordi di servizio - contenuti. la rendicontazione che il fornitore dovrà produrre riguardo l'andamento dei servizi resi, sia in termini di misure da fornire, che di modalità di rilevazione delle misure e di periodicità del reporting, le responsabilità delle parti, il prezzo che il committente riconosce al fornitore per l'erogazione del servizio, le penali che sono previste in caso di erogazione del servizio in maniera non conforme alle aspettative, le procedure di escalation, eventuali servizi aggiuntivi che il committente può ottenere pagando un prezzo determinato. G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 39.accordi di servizio - contenuti In uno SLA il committente può anche chiedere che il fornitore, al fine di dare maggiore garanzia di raggiungere gli obiettivi fissati, rispetti ulteriori requisiti riguardanti: le risorse utilizzate, il controllo dei processi con i quali attua i servizi, le modalità di controllo della qualità dei servizi. G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 40

21 Accordi di servizio e AUP L'Acceptable Use Policy (AUP) definisce le condizioni causate dal cliente che possono invalidare il Service Level Agreement (es. installazione di un software proibito, utilizzo di un protocollo vietato, uso illegale del server, etc.). Lo SLA (incluso quanto riguarda lo AUP), è descritto, di norma, in un documento, il Capitolato Tecnico, che fa parte di una negoziazione formale, sancita da un Contratto. G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 41 SLA - definizione delle responsabilità Responsabilità del cliente: A) Chi è il cliente? Esistono più tipologie di clienti ed hanno esigenze, obiettivi, capacità, competenze, attitudini diverse (segmentazione dell'utenza)? B) Quale ruolo può essere accordato al cliente nella definizione delle specifiche del servizio e nella valutazione di quanto erogato? C) Esistono dei doveri, oltre che dei diritti, dell'utente? Responsabilità del fornitore: D) Nel caso di più fornitori che concorrono a determinare un livello di servizio vanno individuati i limiti di competenza. G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 42

22 SLA - definizione delle responsabilità Esempio del tempo di risposta. Il tempo di risposta di un servizio dipende da un insieme di risorse umane, processi ed infrastrutture (network, server, client, device di commutazione, firewall etc ). Ognuno di questi componenti può incidere sul tempo di risposta. Ogni componente può appartenere od essere gestita da un fornitore diverso. Se il fornitore non è unico, attribuire la responsabilità del tempo di risposta è molto complesso. G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 43 Anatomia del tempo di risposta (1) UTENTE t0 WEB WAN LAN MONITOR Tempo di risposta del servizio t0 - t13 t1 t12 t3 t10 t2 t11 t5 t8 t4 t9 Tempo dell Applicazione SLA 6 t6 t7 SLA 1 SLA 2 SLA 3 SLA 4 SLA 5 SLA 7 SLA 6 SLA 5 SLA 4 SLA 3 SLA 2 SLA 1 Risorse HW client Consumo di Banda Latenza di rete Risorse HW server Traffico IN/OUT Tempo IN/OUT Consumo di Banda Latenza di rete Risorse HW server Traffico IN/OUT Tempo IN/OUTc Consumo di Banda Latenza di rete Risorse HW CPU, I/O, Tempo accesso DB Tempo esecuzione singola transazione Utilizzo del network a livello applicativo t13 Browser Web Server Transaction Server Application/DB Server G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 44

23 Anatomia del tempo di risposta (2) Nella fig. precedente, l utente percepisce il tempo tra T 0 e T 13 ma i momenti di possibile misurazione sono 14 G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 45 Anatomia del tempo di risposta (3) G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 46

24 SLA per più fornitori Automazione utenti virtuali - misura tempo end-to-end UTENTE t0 - t13 Tempo di risposta del servizio 3a Parte SLM t1 t0 Browser SLA per il fornitore ISP WEB Hosting, WEB housing Tempi di risposta di transazioni a condizioni di carico prestabilite su piani di verifica concordati Tempi di risposta di singole transazioni in periodi temporali prestabiliti o casuali. WEB WAN LAN t3 SLA per il fornitore dell applicazione Tempi di risposta di transazioni a condizioni di carico prestabilite su piani di verifica concordati Tempi di risposta di singole transazioni in periodi temporali prestabiliti o casuali. t2 Web Server t5 t4 Transaction Server Tempo dell Applicazione t6 IS SLA 1 ISP SLA (3+4) ASP SLA (5+6+7) t7 SLA altri parametri Risorse HW client INTERNET nessuno SLA Consumo di Banda (CIR) Tempo di risposta medio dell applicazione sul network Utilizzo del network a livello applicativo Tempo di risposta della transazione sul sistema centrale Application/DB Server Fonte: Compuware 2002 G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 47 Caratteristiche di qualità dei servizi Non esiste un modello di caratteristiche di qualità dei servizi ICT, a differenza dei prodotti software per i quali è pubblicato il modello ISO/IEC external and internal quality functionality reliability usability efficiency maintainability portability suitability accuracy interoperability security functionality compliance maturity fault tolerance recoverability reliability compliance understandability learnability operability attractiveness usability compliance time behaviour resource utilisation efficiency compliance analysability changeability stability testability maintainability compliance adaptability installability co-existence replaceability portability compliance G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 48

25 Caratteristiche di qualità dei servizi. Le caratteristiche di qualità dei servizi cui è in genere sensibile l utente sono: 1) la puntualità e tempestività, che consiste nel rispetto dei tempi di erogazione definiti, 2) la disponibilità e continuità (c è il servizio e può essere fruito?), 3) l informazione sull utilizzo del servizio (chiarezza, completezza e trasparenza, facilità di acquisizione delle informazioni), G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 49.caratteristiche di qualità. 4) la accessibilità, che riguarda la facilità con la quale si può accedere al servizio (distribuzione dei punti di erogazione, possibilità di accesso telematico o telefonico, unificazione in un solo punto di accesso [sportello] di più servizi), 5) la precisione (od affidabilità), che è correlata agli errori commessi nell erogare il servizio, 6) la regolarità, connessa ad una erogazione standard del servizio, G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 50

26 .caratteristiche di qualità 7) le prestazioni (in particolare quelle legate al tempo), 8) la efficacia, 9) la sicurezza, sia in termini logici che riguardo la salute, 10) la gentilezza, competenza, capacità di comunicare dell addetto al servizio, G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 51 Proposte di definizione: Efficacia La efficacia è la capacità di un servizio di realizzare esattamente lo scopo per il quale l'utente ne fa uso. La efficacia può essere precisata ulteriormente attraverso alcune sottocaratteristiche come: grado di "raggiungimento degli obiettivi" che l'utente persegue attraverso il ricorso al servizio, livello di "accuratezza" nel raggiungimento degli obiettivi da parte dell'utente, "produttività dell'utilizzatore" nello svolgere il proprio compito (o sua efficienza), facendo ricorso al servizio, "soddisfazione" dell'utente nei riguardi del servizio erogato. G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 52

27 Proposte di definizione: Copertura La copertura del volume di servizio è da intendersi come la capacità di coprire la domanda di servizio dell utenza. Ad esempio, il numero di utenti da assistere, sul quale deve dimensionarsi un servizio di help desk, le dimensioni delle procedure applicative da sottoporre a manutenzione, il numero di pacchetti che possono transitare in un dato intevallo temporale su una rete di telecomunicazioni, il numero di connessioni ad un ISP possibili contemporaneamente etc G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 53 Valutare su basi quantitative ed oggettive Il livello di possesso delle caratteristiche da parte dei servizi può essere valutato a patto di definire degli aspetti misurabili (degli indicatori) che possono essere messi in relazione quantitativa con le caratteristiche. Misurando questi indicatori, e ponendo dei valori di riferimento alle misure, su una scala opportuna, è possibile esprimere un giudizio quantitativo ed oggettivo sul livello con il quale i vari servizi posseggono determinate caratteristiche. G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 54

28 Definire i criteri di misurazione Ogni misurazione, perché sia efficace, deve essere basata sulla definizione preliminare degli elementi della misurazione: quali e quante misure vanno rilevate, quando (in che momento dell'erogazione del servizio), con quali strumenti, come aggregare ed elaborare le misure elementari per ricondurle ad un dato sintetico più utile a formulare un giudizio, chi deve avere la responsabilità della rilevazione, elaborazione, conservazione delle misure. G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 55 I criteri di valutazione dei servizi. Le modalità di valutazione dei servizi non sono estrapolabili da quelle usate per i beni. In particolare, valutare un servizio non corrisponde ad un "collaudo", nel senso che di norma il valutatore di un servizio non verifica, in un momento predefinito, la conformità di quanto viene fornito rispetto a dei requisiti dati, scartando o "rilavorando" la componente di servizio non conforme. La valutazione di un servizio si basa sulla elaborazione di misure rilevate per un certo periodo di tempo durante l'effettiva erogazione del servizio. G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 56

29 .criteri di valutazione dei servizi Comunemente, i servizi sono valutati nei livelli medi di prestazione che assicurano nel tempo. Non necessariamente questo periodo di tempo deve essere continuativo. In ogni caso, il periodo di rilevazione deve essere tale da permettere di raccogliere un numero sufficiente di misure significative. La fase di valutazione è inscindibile da quella di fruizione del servizio da parte dell'utente, che talvolta diventa uno degli attori della stessa valutazione. G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 57 Influenza del contesto Le misure necessarie a esprimere il giudizio dovranno essere rilevate all'interfaccia tra utente e fornitore (tra richiesta di servizio e servizio che la soddisfa). Il contesto di erogazione ha delle dinamiche e instaura delle relazioni tra i soggetti coinvolti che non potranno mai essere precisamente riprodotte in prototipi sviluppati in fase di progettazione o con test di laboratorio, metodi viceversa molto utili per la verifica delle caratteristiche dei beni G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 58

30 I livelli di servizio Per livello di servizio si intende una misura (o elaborazione di misure) di un aspetto misurabile di un servizio, che rappresenta il grado di soddisfacimento dei requisiti del committente. Per grado di soddisfacimento si intende un valore di riferimento posto alle misure, su una scala di misura. Proprio questo è l'elemento che caratterizza i livelli di servizio: l'essere delle misure che hanno una scala di misura nella quale sono individuati dei valori che soddisfano un committente. G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 59 I livelli di servizio come misura I LdS permettono di esprimere un giudizio sul livello di soddisfacimento delle esigenze, su basi quantitative ed oggettive. Il giudizio avviene confrontando le misure rilevate durante l'erogazione del servizio con i valori posti come obiettivo sulla scala di riferimento. Il concetto di livello di servizio è correlato a quello di misura. Il livello è infatti un posizionamento su una scala di misura. La scala e la unità di misura dipendono dal tipo di fenomeno che si vuole misurare. G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 60

31 Valutare il livello di servizio Poiché la finalità di un servizio è il soddisfacimento delle esigenze di un committente, la valutazione di un servizio va correlata principalmente al livello di soddisfazione di queste esigenze che il servizio riesce a garantire. Q= Livello erogato Livello atteso 1 G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 61 I livelli di servizio - definire le esigenze Il livello di servizio richiesto va correlato alle effettive esigenze (business goals), ed al costo che si è disposti a sostenere. Non è immediato collegare il livello di servizio richiesto al valore che si riconosce al servizio. Quale grafico descrive meglio la relazione costo- livello di servizio? G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 62

32 Livelli di servizio e costo del servizio La relazione tra costo e livello di servizio non è lineare, nel senso che, superato una certo livello, ogni ulteriore incremento viene spesso a costare in maniera sempre maggiore. Per scegliere il giusto rapporto costo-livello di servizio, il committente si può rivolgere a benchmarking, esperienze pregresse nel proprio ambiente, modelli euristici o matematici disponibili in letteratura. Ad es. per il servizio di Call Center, si può consultare il modello di Erlang al sito G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 63 Rapporto livello di servizio - costo Nel definire un accordo di servizio, potrebbero essere esplicitate le correlazioni tra i valori di soglia ed il valore del servizio. Ad esempio, per un servizio che deve assicurare la disponibilità di una apparecchiatura, potrebbe essere utile definire la tabella che segue, che si basa sull'ipotesi che la disponibilità debba essere assicurata per 250 giorni all'anno, per 8 ore al giorno. %disponibilità richiesta Giorni/anno di down time (limite) Ore/anno di down time (limite) Minuti/giorno down time (media) Minuti/settimana down time (media) Valore del servizio 98% , % 2,5 20 4, ,5% 1, , ,7% 0,75 6 1,4 7 99,9% 0,25 2 0,5 2 G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 64

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. All.1 al Disciplinare di Gara

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. All.1 al Disciplinare di Gara ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI All.1 al Disciplinare di Gara CAPITOLATO TECNICO Procedura aperta di carattere comunitario, ai sensi dell

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

rischi del cloud computing

rischi del cloud computing rischi del cloud computing maurizio pizzonia dipartimento di informatica e automazione università degli studi roma tre 1 due tipologie di rischi rischi legati alla sicurezza informatica vulnerabilità affidabilità

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti Alessandro Bruni CIO at Baglioni Hotels Workshop AICA: "Il Service Manager: il ruolo e il suo valore per il business" 8/ 2/2011 Il gruppo Baglioni Hotels

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT Via Turati 4/3, 16128 Genova Tel. 348/4103643 Fax 010/8932429 ITIL (Information Technology Infrastructure Library) 1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT In un mercato in cui il successo delle aziende è

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito di valutare /

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Tematiche tecniche relative ai contratti di Housing/Hosting e Servizi Web-Based

Tematiche tecniche relative ai contratti di Housing/Hosting e Servizi Web-Based Tematiche tecniche relative ai contratti di Housing/Hosting e Servizi Web-Based Prof. Franco Sirovich Dipartimento di Informatica Università di Torino www.di.unito.it franco.sirovich@di.unito.it 1 Definizioni

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO CONSIP S.p.A. APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO Manuale d uso del programma Base Informativa di Gestione (BIG), utilizzato per la raccolta delle segnalazioni ed il monitoraggio delle attività di gestione

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Ricognizione di alcune Best Practice

Ricognizione di alcune Best Practice Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale di riferimento Ricognizione di alcune Best Practice applicabili

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

L utilizzo delle emoticon con altri strumenti di customer satisfaction. Relatore Susi Ribon Capo Settore Servizi all Utenza

L utilizzo delle emoticon con altri strumenti di customer satisfaction. Relatore Susi Ribon Capo Settore Servizi all Utenza L utilizzo delle emoticon con altri strumenti di customer satisfaction Relatore Susi Ribon Capo Settore Servizi all Utenza L Agenzia delle Entrate La sua funzione strategica, a servizio dei cittadini e

Dettagli

Agenzia Sanitaria Regione Emilia-Romagna Sussidi per l autovalutazione e l accreditamento 4 (revisione settembre 2001) LO STANDARD DI PRODOTTO

Agenzia Sanitaria Regione Emilia-Romagna Sussidi per l autovalutazione e l accreditamento 4 (revisione settembre 2001) LO STANDARD DI PRODOTTO LO DI PRODOTTO Le ragioni e lo scopo Il percorso dell accreditamento intende fornire garanzia della qualità dei prodotti che le aziende sanitarie, attraverso elementi di tipo strutturale ed organizzativo,

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli